Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina"

Transcript

1 Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla vrifica dll modalità di controllo sulla ingannvolzza dlla comunicazion commrcial a opra, rispttivamnt, dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl dl Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria. Sono anch considrat l radicali diffrnz fra i du organi, nonché l impatto di rcnti voluzioni lgislativ sui comportamnti dll imprs. Introduzion 90 Il tma dlla comunicazion pubblicitaria ingannvol è di grand attualità importanza pr il consumator dstinatario di mssaggi promozionali, ma soprattutto pr l imprsa ch pubblicizza i propri prodotti/srvizi, crcando di ralizzar campagn di fort impatto: è fondamntal, quindi, pr il consumator avr a disposizion gli strumnti ch gli prmttano di distingur un mssaggio pubblicitario vritiro da uno ingannvol, pr l imprsa commrcial il fatto di avr bn chiar l rgol da rispttar capir, dunqu, fino a dov è lcito spingrsi nlla ralizzazion di una campagna pubblicitaria. Oggi è intrss di tutt l azind non oprar in contrasto con l norm ch disciplinano la corrttzza dlla comunicazion commrcial, soprattutto pr l inasprimnto dll sanzioni a carico di chi pubblicizza ingannvolmnt pr la prdita di immagin ch driva dall ssr coinvolti in un procdimnto di pubblicità ingannvol, in trmini sia di fiducia da part di consumatori, sia di rputazion prsso gli organi di stampa i mass mdia, quindi, di crdibilità. La normativa giuridica ch disciplina la comunicazion pubblicitaria, in particolar la pubblicità ingannvol, è piuttosto trogna, in quanto risnt dll intrvnto di lgislatori divrsi in poch diffrnti sotto la spinta di vari signz. Frqunti sono stati anch gli intrvnti normativi a livllo sttorial. Il Codic dl Consumo, ntrato in vigor con il D.Lgs. 6 sttmbr 2005 (succssivamnt modificato dai D.Lgs. n. 145/2007 n. 146/2007 proprio sull pratich commrciali scorrtt la pubblicità ingannvol comparativa), si è proposto di coordinar anch la disciplina dlla pubblicità ingannvol; in qusta sd, tuttavia, non ci si soffrmrà tanto sulla disciplina giuridica dlla matria, comunqu alla bas di ogni succssiva analisi, bnsì sugli asptti applicativi. Marco Di Toro Univrsità dgli Studi di Milano - Bicocca numro 2/2009

2 La pubblicità ingannvol è dfinita dall articolo 20 dl Codic dl Consumo dl 2005 com «qualsiasi pubblicità ch in qualunqu modo, comprsa la sua prsntazion, sia idona a indurr in rror l prson fisich o giuridich all quali è rivolta, o ch ssa raggiung, ch, a causa dl suo carattr ingannvol, possa prgiudicar il loro comportamnto conomico, ovvro ch, pr qusto motivo, sia idona a ldr un concorrnt» (Dona, 2005). Schmatizzando possiamo affrmar ch l ingannvolzza può drivar sia da affrmazioni ambigu o fals, sia dall omission di informazioni ncssari pr valutar in modo complto una dtrminata offrta, l quali possono riguardar carattristich com przzo, modalità di pagamnto, livllo qualitativo, dati tcnici molt altr ancora. Tutti qusti lmnti comportano, infatti, una potnzial altrazion nll prfrnz dl consumator nlla dcision di acquisto. L inganno pubblicitario non coinvolg solo i consumatori, potnzialmnt tratti in rror spinti vrso sclt ch non avrbbro altrimnti compiuto, ma anch l imprs ch producono bni concorrnti di qullo ch vin pubblicizzato in manira ingannvol ch soffrono invitabilmnt di una prdita di clintla. È important, quindi, ch vi sia una tutla vrso tutti i soggtti dannggiati dalla pubblicità ingannvol, ch tnga conto di loro intrssi dll loro carattristich. Antitrust Autodisciplina a difsa dgli intrssi di consumatori dll imprs Coloro ch subiscono l inganno pubblicitario hanno a disposizion du organi cui rivolgrsi: l Autorità Garant dlla Concorrnza dl, autorità pubblica mglio conosciuta com Antitrust, l Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, organismo su bas privata. Qust ultimo è il principal organo di autodisciplina vignt, si compon di du organismi: il Giurì, ch ha il compito di dtrminar s vi sia stata o mno una violazion dl Codic, il Comitato di Controllo, con la funzion di dnunciar al Giurì i mssaggi pubblicitari ch ritin in contrasto con il Codic di Autodisciplina, ond intrvnir dirttamnt pr richidr la cssazion di una campagna fornir parri prvntivi circa la rispondnza o mno di un mssaggio pubblicitario all rgol autodisciplinari; ntrambi gli organismi sono collgiali. Totali sono l diffrnz sostanziali ch intrcorrono tra i du organismi, sia a livllo strttamnt procdural sia a livllo di approccio critico. La prima più significativa diffrnza riguarda la disciplina giuridica ch sta alla bas di du organismi l fficacia dll loro dcisioni. Infatti, mntr l Autorità Garant dlla Concorrnza dl basa l propri dcisioni sulla Lgg numro 2/

3 92 istitutiva, n. 287 dl 1990, nonché sull norm stabilit dal Codic dl Consumo ch sono fficaci rga omns (bn potndo subir l consgunz dll ingannvolzza anch soggtti divrsi dai consumatori), l Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) utilizza com paramtro di rifrimnto pr l propri pronunc l norm dl Codic di Autodisciplina Pubblicitaria (CAP), vincolanti solamnt pr coloro i quali vi abbiano adrito spontanamnt, richiamando l norm stss nl contratto di pubblicità adrndo così al sistma autodisciplinar. Sbbn qusto fatto possa ssr visto com una lacuna, va dtto ch attualmnt l intrvnto dllo IAP copr bn il 90% dll invstimnto pubblicitario basato sui mzzi di comunicazion tradizionali, mntr è tuttora latnt vrso gli altri mzzi di comunicazion (volantini, wb) pr i quali è possibil intrvnir solo s l azinda ch pubblicizza è riconducibil all UPA (Utnti Pubblicità Associati). Il principal punto di forza dll Autodisciplina Pubblicitaria è sicuramnt l intrvnto in tmpi molto rapidi. A diffrnza di quanto normalmnt avvin pr l Antitrust ch, fino a poca rcnt, dovva attndr una sgnalazion sulla prsunta ingannvolzza di un mssaggio pubblicitario da part di soggtti portatori di intrss (consumatori, associazioni di consumatori, concorrnti, Ministro dll Attività Produttiv cc.), l intrvnto dllo IAP ha luogo normalmnt nl momnto in cui un mssaggio pubblicitario è ancora in fas di trasmission. Quindi il blocco in tmpo dlla comunicazion, qualora non conform al CAP, può avr fftti assai gravi pr l azind ch contravvngono. Mntr l Autorità Garant dlla Concorrnza dl, qual amministrazion pubblica, ha il potr di irrogar sanzioni pcuniari ai soggtti ch contravvngono (di qusto si parlrà approfonditamnt più avanti), l unico provvdimnto a disposizion dllo IAP è, invc, il blocco dlla campagna pubblicitaria, in alcuni casi, la pubblicazion di un stratto dlla pronuncia attravrso gli organi di informazion indicati dal Giurì stsso. Tuttavia, è important sottolinar com il fatto di intrrompr una campagna pubblicitaria in fas di svolgimnto, quindi nl momnto in cui ssa dv ancora produrr compltamnt i suoi fftti sul pubblico, sia spsso più gravoso pr l azinda ch pubblicizza risptto all ntità di qualsiasi sanzion pcuniaria comminata dall Antitrust. Qusto poiché, in molti casi, alla bas di una campagna pubblicitaria vi è un invstimnto piuttosto massiccio, ch vrrbb dunqu rso vano da un vntual sospnsion dlla campagna stssa durant la sua attuazion. Un altro asptto ch dpon a favor dll Autodisciplina Pubblicitaria è sicuramnt qullo lgato all tmpistich procdurali, notvolmnt infriori a qull dll Antitrust, poiché i procdimnti sono più snlli mno formali. Facndo un immdiato raffronto, si nota ch, mntr pr l Antitrust un procdimnto ha una durata mdia di circa novanta giorni, pr lo IAP si parla di vnti, massimo trnta giorni. Il fatto di non avr il potr di irrogar alcuna sanzion di tipo pcuniario è, quindi, più ch compnsato dalla tmpstività di intrvnto dalla rapidità dl procdimnto, ch consntono l intrruzion di un mssaggio pubblicitario non conform al CAP quando ancora non ha compiuto dl tutto i suoi fftti, numro 2/2009

4 comportando, com si è dtto, un grav danno pr l imprsa ch pubblicizza, in trmini di invstimnto pubblicitario non rintrato. Tuttavia, com apprsso si dirà, la nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt sulla pubblicità ingannvol comparativa, nonché l rcnti normativ di sttor hanno, di fatto, aumntato l importanza dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl, confrndol maggiori potri smplificandon l procdur. Con ciò, com si accnnrà nl paragrafo conclusivo, si scontrano prò rcnti indirizzi circa la ripartizion pr matria tra organi diffrnti di controllo dll comptnz in fatto di rprssion dll pratich commrciali scorrtt. Chi sono i soggtti ricorrnti a qual autorità si rivolgono? Tra i soggtti ch prsntano il ricorso rlativo alla diffusion di un mssaggio pubblicitario ingannvol, si nota una significativa distinzion. Si può affrmar, infatti, ch l Antitrust sia prfrita dai consumatori dall loro associazioni, ch si rivolgono principalmnt a ssa, piuttosto ch al Giurì di Autodisciplina, avndo com intrss obittivo principal qullo di far infliggr una sanzion pcuniaria a chi non risptta l rgol. L Autorità Garant dlla Concorrnza dl, infatti, basando l propri dcisioni sull norm stabilit dal Codic dl Consumo, si pon com organismo princip a tutla di consumatori; in particolar, il paramtro di rifrimnto pr la valutazion di ingannvolzza di un mssaggio pubblicitario è il consumator mdio all intrno dl gruppo di rifrimnto. L azind, ni casi di comparazion illcita o quando sono pnalizzat dall altrazion dlla concorrnza dtrminata da mssaggi pubblicitari ingannvoli, sono solit rivolgrsi agli organi di Autodisciplina Pubblicitaria, poiché ssa nasc oltr quarant anni fa com ntità vicina alla raltà azindal; l norm dl Codic nascono, infatti, dal sttor sguono di pari passo l su modifich. Vi è, infin, la possibilità, a dir la vrità utilizzata solo in rari casi, di far ricorso a ntrambi gli organi; qusta vninza è riportata dal Codic dl Consumo all articolo 27, ch tin conto dgli organi di Autodisciplina stabilisc un coordinamnto tra i du procdimnti, davanti all autorità al Giurì: «Iniziata la procdura davanti a un organismo di autodisciplina, l parti possono convnir di astnrsi dall adir l autorità fino alla pronuncia dfinitiva. [...] L autorità, valutat tutt l circostanz, può disporr la sospnsion dl procdimnto pr un priodo non suprior a trnta giorni» (Dona, 2005). Tuttavia, è important sottolinar com i du procdimnti siano autonomi l rlativ dcisioni possano, prtanto, diffrir. numro 2/

5 Analisi di procdimnti ni sttori individuati pr la ricrca: biglittria ara low cost, viaggi turismo, crdito al consumo Il punto di partnza pr avr un ida chiara su quali siano l motivazioni ch spingono l Autorità Garant dlla Concorrnza dl il Giurì ad affrmar l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria è sicuramnt l analisi di procdimnti dll rispttiv pronunc. I sttori controllati sono moltplici, com numrosissim sono l pronunc di ingannvolzza l consgunti sanzioni. È stata oprata, quindi, una slzion di tr sttori, volta a vidnziarn l pculiarità gli lmnti comuni, affinché siano il più possibil rapprsntativi dll immnsa mol di attività da part dgli organi giudicanti in tma di pubblicità ingannvol. La sclta è caduta sul trasporto aro low cost (Brgantino, Ponti, 2006), sul turismo sul crdito al consumo: la slzion è motivata dall intrss vrso un sttor di rcnt disciplina, qual il trasporto aro low cost, uno classico carattrizzato da una crta complssità dll offrt commrciali, com il turismo, un sttor dlicato, in cui l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria fa lva sulla dbolzza di dstinatari di mssaggi, val a dir il crdito al consumo (Vizzari, 2006). Pr ogni sttor in sam vin individuata una griglia di paramtri di ingannvolzza tipici rapprsntativi. Il trasporto aro 94 Il trasporto aro low cost è un sttor di intrvnto ch si carattrizza pr un intnsa concorrnza di przzo tra i vari vttori, aumntata dal succsso commrcial dll compagni conomich, da una marcata infdltà dl consumator al marchio. Gli opratori dl sttor, prtanto, fanno frquntmnt ricorso a offrt promozionali, consistnti spsso nlla proposta di un crto numro di biglitti a przzi molto convninti su alcun tratt. Sia l Autorità Garant dlla Concorrnza dl sia il Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria hanno, più di una volta, ritnuto ingannvoli qui mssaggi in cui vin nfatizzato il costo di un dtrminato volo a pochi uro (o addirittura cntsimi di uro), salvo poi prcisar, con modalità grafich carattri non smpr facilmnt lggibili, ch nl przzo pubblicizzato sono sclusi i costi pr l tass aroportuali o pr altri onri, quali pr smpio il supplmnto carburant o il costo di prnotazion, ch in raltà rndono il costo final dl volo bn suprior all importo pubblicizzato. Nll su pronunc, l autorità ha più volt sottolinato com la pubblicizzazion dl solo przzo di bas al ntto dgli importi aggiuntivi, con la gnrica dicitura tass onri aroportuali sclusi non può ritnrsi idona al fin dlla dtrminazion dl przzo final da corrispondr, alla luc dll incidnza di qust ultim sul przzo total dl biglitto. Allo stsso numro 2/2009

6 modo, sono stati dichiarati ingannvoli anch mssaggi ch attiravano l attnzion dl consumator su di una tariffa promozional di particolar convninza (in molti casi pari a un cntsimo di uro), a cui vanno, prò, sommat l tass aroportuali altri onri, l ammontar di qust ra sì riportato all intrno dl mssaggio, ma con carattri tipografici dcisamnt ridotti, in un formato scarsamnt lggibil di vidnza grafica non comparabil minimamnt all nfatizzazion dl przzo bas. Un altro diffuso paramtro di ingannvolzza driva dalla disponibilità di posti, in quanto, in alcuni casi, il consumator può difficilmnt sfruttar la convninza di un offrta promozional poiché ssa risulta limitata a un dtrminato numro di posti disponibili, praltro non adguatamnt indicato. Il turismo Il turismo ha smpr rapprsntato un sttor dov l intrvnto dgli organi giudicanti l rlativ pronunc di ingannvolzza sono stati frqunti. L propost commrciali dgli opratori sono carattrizzat da un crto grado di complssità, poiché non consistono soltanto in una sri di srvizi forniti nll ambito di un mdsimo contsto contrattual (trasporto, alloggio cc.), ma ciascuna di ss prsnta una sri di carattristich distintiv (com pr smpio la qualità dlla struttura albrghira, il livllo di srvizi inclusi in un pacchtto turistico), ch vngono apprzzat congiuntamnt dal consumator sull quali si basa la sua dcision di acquisto. Qusto comporta la prsnza di un ampia sfra di lmnti ai quali può ssr ricondotta l ingannvolzza di una comunicazion pubblicitaria; pr qusto motivo assum particolar rilvanza, ai fini dl procsso dcisional dl consumator, la vridicità o mno di tutt l informazioni fornit sui srvizi pubblicizzati ch, qualora fals o incomplt, sono tali da indurlo in rror. Il Codic dl Consumo sancisc il principio dll obbligo di non ingannvolzza dll informazioni rivolt al consumator; il principio non riguarda soltanto il przzo gli altri lmnti principali dl contratto, ma anch tutt l altr carattristich rilvanti dl srvizio offrto. Anch il CAP prvd una tutla dl consumator di srvizi turistici in ambito pubblicitario, stabilndo ch «la comunicazion commrcial rlativa ai viaggi organizzati, sotto qualsiasi forma, dv fornir informazioni complt accurat, con particolar riguardo al trattamnto all prstazioni inclus nl przzo minimo di partcipazion. Essa dv mttr in vidnza un invito a considrar con attnzion l condizioni di partcipazion, di pagamnto di rcsso, contnut nlla documntazion informativa o nl modulo di adsion». 1 L ingannvolzza di mssaggi pubblicitari rlativi all offrt turistich consist prvalntmnt nlla falsità o incompltzza dll informazioni pub- 1 IAP, Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (sito www. iap.it/it/codic), Codic di Autodisciplina dlla Comunicazion Commrcial, 45ª dizion, in vigor dal 21 april numro 2/

7 blicizzat dagli opratori pubblicitari, dunqu ni contnuti dll offrta, quali pr smpio la catgoria di un dtrminato hotl, la prsnza di srvizi in loco, la vicinanza a dtrminati luoghi quali spiagg o impianti di risalita, la possibilità di accoglir soggtti portatori di handicap cc. Un altra dtrminant di ingannvolzza può ssr individuata nl przzo di un dtrminato srvizio turistico, in particolar quando si garantiscono di soggiorni gratuiti o a przzo scontato a dtrminat catgori di utnti (quali pr smpio bambini o anziani), ch poi si rivlano attivi solo in priodi di bassa stagion o, comunqu, a discrzion dlla struttura albrghira. Il crdito al consumo Il crdito al consumo è un tipico sttor di intrvnto carattrizzato da asimmtria informativa (Di Nlla, 2007) tra l parti ch, dunqu, comporta una situazion più favorvol pr qulla ch dispon di un maggior numro di informazioni a riguardo, in quanto opra in modo profssional nl mrcato (profssionista, socità finanziaria), risptto all altra (consumator), ch ha a disposizion una quantità di informazioni di gran lunga infrior. Pr qusta ragion, vi è l signza di trovar mzzi idoni a consntir la tutla dlla part più dbol dl rapporto. La matria è disciplinata dagli articoli D.Lgs. 1 sttmbr 1993, n. 385 (Tsto Unico dll lggi in matria bancaria crditizia), nonché dagli articoli dl Codic dl Consumo. L articolo 123, in particolar, si occupa dlla pubblicità, disponndo ch all oprazioni di crdito al consumo si applichi il prcdnt articolo 116, scondo il qual «in ciascun local aprto al pubblico sono pubblicizzati i tassi di intrss, i przzi, l sps pr l comunicazioni alla clintla ogni altra condizion conomica rlativa all oprazioni ai srvizi offrti, ivi comprsi gli intrssi di mora l valut applicat pr l imputazion dgli intrssi. [...] Gli annunci pubblicitari l offrt, con qualsiasi mzzo ffttuati, con cui un soggtto dichiara il tasso di intrss o altr cifr concrnnti il costo dl crdito, indicano il TAEG il rlativo priodo di validità». 2 Numrosi sono stati i provvdimnti di ingannvolzza, nl corso dgli ultimi anni, mssi dall Autorità Garant dlla Concorrnza dl dal Giurì, a carico di qull socità finanziari, di consulnza o di intrmdiazion finanziaria, ch promuovono la possibilità di ottnr, quasi smpr in un brvissimo lasso di tmpo, prstiti anch di importi considrvoli, oppur mutui finalizzati all acquisto dll abitazion o, infin, la cancllazion dall banch dati di c.d. cattivi pagatori. In tali comunicazioni, si nfatizza la possibilità di accsso anch ai protstati, agli scutati, a soggtti con scarso rddito, a intstatari di altri mutui; sono, quindi, rivolt a prson ch, trovandosi in una 96 2 Banca d Italia (sito Tsto unico bancario normativa complmntar, Sconda Edizion. numro 2/2009

8 situazion di particolar dbolzza difficoltà conomica, sono particolarmnt vulnrabili facilmnt attratt da opportunità all apparnza vantaggios ch potrbbro, quindi, soggiacr a condizioni contrattuali divrs più onros di qull pubblicizzat. Si tratta, in molti casi, di soggtti ch hanno difficoltà nll accsso al crdito tramit gli ordinari canali bancari si trovano, dunqu, in una situazion di soggzion, in ragion dll propri condizioni conomich. La più diffusa dtrminant di ingannvolzza di mssaggi dl sttor in sam riguarda l ammontar dl costo total dl crdito a carico dl consumator, pr tutti qui mssaggi ch non riportano l indicazion dl TAEG (ossia dl costo total dl crdito a carico dl consumator, comprnsivo dgli intrssi di tutti gli onri da sostnr pr utilizzar il crdito, sprsso in prcntual annua dl crdito concsso dl rlativo priodo di validità), (Fusi, Tsta, 2006) o ch la riportano in manira troppo gnrica, spsso con sprssioni quali ( TAEG da...% a max consntito dalla lgg ), ch non consntono al consumator di avr una chiara prczion sulla convninza o mno di una dtrminata offrta di finanziamnto. Un ultrior motivo di ingannvolzza è dovuto alla mancata indicazion dlla qualifica dll oprator pubblicitario, omission ch dtrmina l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria, in quanto non prmtt al consumator di sapr s si tratti di un intrmdiario o di un soggtto ch roga dirttamnt il finanziamnto; qusta diffrnza ha fftto immdiato sul costo di srvizi sull tmpistich di concssion dl prstito: il fatto ch una socità roghi dirttamnt il finanziamnto comporta costi minori (non includndo alcuna provvigion agli intrmdiari) una maggior clrità nlla concssion di prstiti, non dipndndo dalla dcision di altr socità crditizi pr quanto riguarda l rogazion dl crdito. Infin, sono frqunti i mssaggi pubblicitari in cui si promuovono, tra i srvizi offrti, anch la cancllazion in tmpi brvissimi dl proprio nominativo, qual cattivo pagator dall banch dati privat, o la cancllazion di protsti, mntr pr tmpi rapidissimi si intndva, contrariamnt a quanto il consumator ra indotto a crdr, l tmpistich di avvio dlla procdura non la cancllazion vra propria di dati. L influnza dlla nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt sulla condotta dll azind sui potri dll Antitrust La nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt pubblicità ingannvol comparativa, ntrata in vigor il 21 sttmbr 2007 con i D.Lgs. 145/ /2007, ha crtamnt posto l basi pr una maggior tutla vrso il consumator, nonché vrso l imprs. L innovazion lgislativa ha dtrminato in primis un aumnto di potri dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl in ambito pubblicitario, numro 2/

9 ch ora ha la possibilità, sia pr l pratich commrciali scorrtt sia pr la pubblicità ingannvol comparativa, di avviar i procdimnti anch d ufficio, ossia snza dovr attndr sgnalazioni strn comportando, dunqu, la possibilità di ridurr notvolmnt i tmpi di intrvnto. Nondimno important è stata la notvol smplificazion dlla matria apportata dalla nuova disciplina, ch ha individuato spcificamnt una sri di pratich ingannvoli aggrssiv ch sono da considrarsi tali di pr sé, snza il bisogno di dimostrar la loro idonità a falsar l sclt dl consumator. In qust ottica divnta più difficil riuscir a non incorrr nll sanzioni tipich di qusta disciplina pr tutt qull azind ch oprano in pubblicità con mssaggi i cui contnuti non siano vritiri; dtto in parol povr, è più difficil farla franca. E proprio qullo dll sanzioni è l asptto più significativo dlla nuova disciplina, ch mrita alcun considrazioni. Inizialmnt l Autorità Garant dlla Concorrnza dl ra totalmnt priva di un adguato potr sanzionatorio ni confronti dgli opratori pubblicitari; l unica sanzion prvista ra la mra sospnsion dlla campagna pubblicitaria oggtto di vrifica, sospnsion ch in molti casi arrivava quando ssa avva già oprato i suoi fftti prsuasivi sui consumatori. L azind ch pubblicizzavano, quindi, non avvano sufficinti incntivi a non dviar, trovando talvolta convnint non rispttar l rgol. Qusto scnario è parzialmnt cambiato con la Lgg dl 6 april 2005 n. 49, rcant modifich all articolo 7 dl Dcrto Lgislativo 25 gnnaio 1992, n. 74, in matria di mssaggi pubblicitari ingannvoli diffusi attravrso mzzi di comunicazion, 3 ch introduc finalmnt l prim sanzioni pcuniari a carico dll imprs ch pubblicizzavano ingannvolmnt. Infatti, quando valuta l ingannvolzza di comunicati commrciali, «con la dcision ch accogli il ricorso l autorità dispon inoltr l applicazion di una sanzion amministrativa pcuniaria da a uro, tnuto conto dlla gravità dlla durata dlla violazion [...]». L introduzion dll sanzioni amministrativ di tipo pcuniario, sbbn di ntità non significativa, ha costituito un primo dtrrnt ni confronti dll mission di mssaggi pubblicitari di tipo ingannvol, quindi, un primo incntivo pr l azind a non dviar in pubblicità. Tuttavia, è opportuno considrar com qusto strumnto non sia paragonabil agli altri mzzi a disposizion dll autorità in rlazion ai comportamnti lsivi dlla concorrnza, la cui sanzion amministrativa può arrivar fino all ammontar dl 10% dl fatturato ralizzato dagli opratori nll ultimo srcizio chiuso antriormnt alla notificazion dlla diffida. Inoltr, s si considra l ammontar mdio di una sanzion pcuniaria, pari a circa uro, si può facilmnt capir com tali sanzioni fossro di ntità troppo contnuta pr potr scoraggiar compltamnt l azind dal dviar in pubblicità. Si trattava, quindi, di sanzioni il cui importo ra nlla maggior 98 3 Lgg 6 april 2005 n. 49, lttra b, it/parlam/lggi/05049l. numro 2/2009

10 part di casi irrisorio, s paragonato con i bnfici in trmini di aumnto dll vndit/contatti ottnuto mntndo in pubblicità. Può, quindi, concludrsi ch, in molti casi, l azind trovassro convnint non rispttar l rgol, mttndo in prvntivo il rischio sanzion, anch in virtù dl fatto ch spsso ssa giungva quando oramai la trasmission dlla campagna pubblicitaria si ra saurita qusta avva già compiuto i suoi fftti sul consumator. È, quindi, possibil ch tutt l azind con una prsnza dl markting molto fort ci provassro ; magari con di mssaggi non palsmnt ingannvoli, ma bordrlin, ossia al limit dl risptto dlla normativa. Qusta fondamntal carnza è stata colmata dalla nuova disciplina, ch ha notvolmnt aumntato l ammontar dll sanzioni pcuniari irrogat dall autorità agli opratori pubblicitari, stabilndo all articolo 1 dl Dcrto Lgislativo 2 agosto 2007, n. 146, ch «con il provvdimnto ch vita la pratica commrcial scorrtta, l autorità dispon inoltr l applicazion di una sanzion amministrativa pcuniaria da 5.000,00 uro a ,00 uro, tnuto conto dlla gravità dlla durata dlla violazion». 4 Mttndo a confronto la nuova disciplina con qulla prcdnt a livllo di sanzioni, può facilmnt vincrsi com l aumnto dll sanzioni stss a carico dgli opratori pubblicitari sia stato notvol, tal finalmnt da scoraggiar la diffusion di mssaggi ingannvoli, soprattutto pr l piccol/mdi imprs, s si considra ch con la prcdnt disciplina l ammontar mdio di una sanzion pcuniaria è stato di rgola intorno ai uro, mntr ora è di circa / uro. In virtù di qusti lmnti, si può concludr com la nuova disciplina, ch vin applicata a tutt l condott post in ssr a partir dal 21 sttmbr 2007, dia vita a un impianto normativo più svro sanzionatorio pr l imprsa ch pubblicizza ingannvolmnt, aumntando di fatto la soglia di attnzion, quindi, l importanza dl ruolo dl consulnt lgal dll azind, ch fa da filtro alla comunicazion pubblicitaria. A livllo di sttori saminati nllo spcifico (trasporto aro low cost, turismo crdito al consumo), sono stati apportati notvoli cambiamnti non solo dalla nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt pubblicità ingannvol, ma anch, in du casi su tr, dall rcnti normativ sttoriali. Nl caso dl trasporto aro, ai fini dlla valutazion di ingannvolzza di mssaggi diffusi dai vari vttori, ha avuto fondamntal importanza l introduzion dl Dcrto sull Libralizzazioni, cosiddtto Brsani bis, convrtito in Lgg 2 april 2007, n. 7. Rlativamnt al trasporto aro, l articolo 3 ( Trasparnza dll tariff ar ) stabilisc ch «al fin di favorir la concorrnza la trasparnza dll tariff ar, di garantir ai consumatori un adguato livllo di conoscnza sugli ffttivi costi dl srvizio, nonché di facilitar il confronto tra l offrt prsnti sul mrcato, sono vitati l offrt i mssaggi pubblicitari di voli ari rcanti l indicazion dl przzo al ntto di sps, tass altri onri 4 Dcrto Lgislativo 2 agosto 2007 n. 146, articolo 1 ( Dll pratich commrciali scorrtt ), numro 2/

11 aggiuntivi, ovvro rifriti a una singola tratta di andata ritorno, a un numro limitato di titoli di viaggio o a priodi di tmpo dlimitati o a modalità di prnotazion, s non chiaramnt indicati nll offrta». 5 Com si può notar, la norma apporta una notvol smplificazion dlla matria, in quanto individua nl mdsimo contsto l du principali dtrminanti di ingannvolzza tipich dl sttor: prsntazion dl przzo al ntto dgli altri onri aggiuntivi mancati/incomplti rifrimnti alla disponibilità limitata dl srvizio, ottnndo così l obittivo di una massima trasparnza nlla comunicazion di imprsa dl sttor. L ntrata in vigor di qusta lgg, unita all inasprimnto dll sanzioni amministrativ, ha comportato un maggior risptto dll rgol da part dgli opratori pubblicitari dl sttor, in particolar modo nlla pubblicizzazion di przzi, ora comprnsivi di tass supplmnti aggiuntivi, in quanto i mssaggi riportano gnralmnt la dicitura tass aroportuali inclus, mntr vi sono ancora alcun imprcisioni nll indicazion dlla disponibilità dlla fruibilità dll offrt, in trmini di priodo di prnotazion posti disponibili. Quanto alla disciplina dl crdito al consumo in pubblicità, un ultrior passo avanti risptto all attual normativa è arrivato con la Dirttiva 2008/48/CE dl Parlamnto uropo dl Consiglio, dl 23 april 2008, rlativa ai contratti di crdito ai consumatori, nata dall signza di offrir un maggior livllo di tutla di consumatori di rndr possibil la libra circolazion dll offrt di crdito nll migliori condizioni, sia pr gli opratori dll offrta sia pr chi rapprsnta la domanda. La dirttiva contin, quindi, disposizioni spcifich sulla pubblicità rlativa ai contratti di crdito su alcun disposizioni di bas da fornir ai consumatori pr rndrli in grado di paragonar l vari offrt. A tal fin, è opportuno ch ssi ricvano informazioni adguat, da potr saminar, prima dlla conclusion dl contratto di crdito, circa l condizioni il costo dl crdito l loro obbligazioni. Il costo total dl crdito al consumator dv comprndr tutti i costi, comprsi gli intrssi, l commissioni, l impost, l sps pr gli intrmdiari dl crdito tutt l altr sps lgat al contratto ch sono a carico dl consumator; pr consntir il confronto tra l vari offrt, il consumator dovrbb ssr informato sul tasso annuo ffttivo global (TAEG) rlativo al crdito, dtrminato allo stsso modo in tutti i pasi mmbri. Alla luc di qusta nuova normativa, si può concludr ch il sttor dl crdito al consumator è stato ultriormnt disciplinato in manira chiara prcisa, rlativamnt all ambito pubblicitario. L autorità ha, quindi, a disposizion strumnti ch dfiniscono piuttosto bn quando un mssaggio pubblicitario dbba ssr dichiarato ingannvol; qusto asptto, unito all inasprimnto dll sanzioni amministrativ introdotto dalla nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt ingannvoli, assicura una maggior tutla vrso i consumatori dll offrt di crdito una maggior svrità ni confronti dgli opratori ch non rispttano l rgol Lgg 2 april 2007, n. 7. numro 2/2009

12 Nl sttor dl turismo, invc, la normativa vignt appar ancora, almno in part, lacunosa, poiché il Codic dl Consumo, nlla sua vrsion più rcnt, ddica sì parcchio spazio ai srvizi turistici, ma qusto si rifrisc in particolar ad asptti tipici dl contratto da ricondurr alla fas prcontrattual durant la sottoscrizion dl contratto. Poco spazio vin, invc, ddicato alla pubblicità di srvizi turistici; solo l articolo 87 ( Informazion dl consumator ), ch si concntra prvalntmnt sull obbligo a carico dl vnditor di fornir informazioni scritt, nl corso dll trattativ, affrma ch «è fatto comunqu divito di fornir informazioni ingannvoli sull modalità dl srvizio offrto, sul przzo sugli altri lmnti dl contratto qualunqu sia il mzzo mdiant il qual dtt informazioni vngono comunicat al consumator», 6 affrmazion a mio avviso un po troppo gnrica. Dando uno sguardo ai primi procdimnti all sam dll autorità nll anno 2008, ni quali è stata utilizzata com normativa di rifrimnto la nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt ingannvoli, si può notar com non vi siano praticamnt più provvdimnti a danno di vttori ari o socità di crdito, ma ricorrano ancora divrsi casi di ingannvolzza da part di opratori ch svolgono la propria attività nll ambito dl turismo. Conclusioni: mutamnto dl quadro di rifrimnto condotta futura dll imprs È ancora prsto pr tracciar un bilancio dgli fftti apportati dall nuov norm rlativ all ntità dll sanzioni amministrativ alla rprssion dll pratich commrciali scorrtt, oltr ch dall divrs disposizioni sttoriali di rcnt adozion con attinnza alla condotta da part dll imprs in ambito pubblicitario. Né può ignorarsi l impatto ch sono dstinati a produrr il parr dl Consiglio di Stato n. 3999/2008 la sntnza a s.u. dlla Cort di Cassazion n. 4630/2007 sulla ripartizion dll comptnz fra l divrs autorità indipndnti in mrito all stss pratich commrciali scorrtt. Pur prscindndo, quindi, dal più complsso sistma - quantomno procdural - nlla prospttiva dlla tutla dl consumator fra Codic dl Consumo norm sttoriali ngli ambiti bancario, finanziario, assicurativo, dll nrgia, dll tlcomunicazioni, è tuttavia vidnt ch siamo di front a un impianto normativo più svro ni confronti dlla comunicazion commrcial, carattrizzato ora da un maggior controllo di mssaggi pubblicizzati, sia durant la fas di mssa in onda, sia al trmin di qusta; da non tralasciar, poi, l implicazioni dlla indubbia maggior incisività dll sanzioni comminat sui provnti ch drivano dall attività pubblicitaria. 6 Codic dl Consumo, art. 87, comma 4, sito numro 2/

13 Ciò aumnta invitabilmnt la soglia di attnzion da part dll imprs opranti in pubblicità, ch dovrbbro avr minor intrss a corrr dlibratamnt il rischio di andar incontro alla sanzion, oltr a qullo di vdr la propria immagin associata a un procdimnto di pubblicità ingannvol, indipndntmnt dall avr contravvnuto o mno. Sarà intrssant vrificar s qusto nuovo impianto normativo annullrà compltamnt ogni tntativo di contravvnir in pubblicità, o s, al contrario, vi saranno ancora azind ch continuranno a provarci, individuando form modalità di mssaggio - fors - non palsmnt ingannvoli, ma situat ai limiti dlla norma. Rifrimnti bibliografici Brgantino, A. S., Ponti, M., L compagni low cost la tutla di consumatori,, n Di Nlla, L., La tutla dl consumator di srvizi finanziari, Edizioni Scintifich Italian, Dona, M., Il Codic dl Consumo, rgol significati, Giappichlli Editor-Torino, Fusi, M., Tsta, P., Diritto pubblicità, collana Diritto Comunicazion, Luptti Editor, Vizzari, A., Il crdito al consumo,, n. 2/ numro 2/2009

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Srvizio Tnio i Bino Romgn S i Rimini Lvori: 11162_INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO E MESSA IN SICUREZZA DELLA STRADA PROVINCIALE SP. 84 VALPIANO MIRATOIO, IN LOCALITA CA GUIDI LA PETRA, IN COMUNE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO DELIBERA 1 aprile 2015. Approvazione del regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli