Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina"

Transcript

1 Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla vrifica dll modalità di controllo sulla ingannvolzza dlla comunicazion commrcial a opra, rispttivamnt, dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl dl Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria. Sono anch considrat l radicali diffrnz fra i du organi, nonché l impatto di rcnti voluzioni lgislativ sui comportamnti dll imprs. Introduzion 90 Il tma dlla comunicazion pubblicitaria ingannvol è di grand attualità importanza pr il consumator dstinatario di mssaggi promozionali, ma soprattutto pr l imprsa ch pubblicizza i propri prodotti/srvizi, crcando di ralizzar campagn di fort impatto: è fondamntal, quindi, pr il consumator avr a disposizion gli strumnti ch gli prmttano di distingur un mssaggio pubblicitario vritiro da uno ingannvol, pr l imprsa commrcial il fatto di avr bn chiar l rgol da rispttar capir, dunqu, fino a dov è lcito spingrsi nlla ralizzazion di una campagna pubblicitaria. Oggi è intrss di tutt l azind non oprar in contrasto con l norm ch disciplinano la corrttzza dlla comunicazion commrcial, soprattutto pr l inasprimnto dll sanzioni a carico di chi pubblicizza ingannvolmnt pr la prdita di immagin ch driva dall ssr coinvolti in un procdimnto di pubblicità ingannvol, in trmini sia di fiducia da part di consumatori, sia di rputazion prsso gli organi di stampa i mass mdia, quindi, di crdibilità. La normativa giuridica ch disciplina la comunicazion pubblicitaria, in particolar la pubblicità ingannvol, è piuttosto trogna, in quanto risnt dll intrvnto di lgislatori divrsi in poch diffrnti sotto la spinta di vari signz. Frqunti sono stati anch gli intrvnti normativi a livllo sttorial. Il Codic dl Consumo, ntrato in vigor con il D.Lgs. 6 sttmbr 2005 (succssivamnt modificato dai D.Lgs. n. 145/2007 n. 146/2007 proprio sull pratich commrciali scorrtt la pubblicità ingannvol comparativa), si è proposto di coordinar anch la disciplina dlla pubblicità ingannvol; in qusta sd, tuttavia, non ci si soffrmrà tanto sulla disciplina giuridica dlla matria, comunqu alla bas di ogni succssiva analisi, bnsì sugli asptti applicativi. Marco Di Toro Univrsità dgli Studi di Milano - Bicocca numro 2/2009

2 La pubblicità ingannvol è dfinita dall articolo 20 dl Codic dl Consumo dl 2005 com «qualsiasi pubblicità ch in qualunqu modo, comprsa la sua prsntazion, sia idona a indurr in rror l prson fisich o giuridich all quali è rivolta, o ch ssa raggiung, ch, a causa dl suo carattr ingannvol, possa prgiudicar il loro comportamnto conomico, ovvro ch, pr qusto motivo, sia idona a ldr un concorrnt» (Dona, 2005). Schmatizzando possiamo affrmar ch l ingannvolzza può drivar sia da affrmazioni ambigu o fals, sia dall omission di informazioni ncssari pr valutar in modo complto una dtrminata offrta, l quali possono riguardar carattristich com przzo, modalità di pagamnto, livllo qualitativo, dati tcnici molt altr ancora. Tutti qusti lmnti comportano, infatti, una potnzial altrazion nll prfrnz dl consumator nlla dcision di acquisto. L inganno pubblicitario non coinvolg solo i consumatori, potnzialmnt tratti in rror spinti vrso sclt ch non avrbbro altrimnti compiuto, ma anch l imprs ch producono bni concorrnti di qullo ch vin pubblicizzato in manira ingannvol ch soffrono invitabilmnt di una prdita di clintla. È important, quindi, ch vi sia una tutla vrso tutti i soggtti dannggiati dalla pubblicità ingannvol, ch tnga conto di loro intrssi dll loro carattristich. Antitrust Autodisciplina a difsa dgli intrssi di consumatori dll imprs Coloro ch subiscono l inganno pubblicitario hanno a disposizion du organi cui rivolgrsi: l Autorità Garant dlla Concorrnza dl, autorità pubblica mglio conosciuta com Antitrust, l Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, organismo su bas privata. Qust ultimo è il principal organo di autodisciplina vignt, si compon di du organismi: il Giurì, ch ha il compito di dtrminar s vi sia stata o mno una violazion dl Codic, il Comitato di Controllo, con la funzion di dnunciar al Giurì i mssaggi pubblicitari ch ritin in contrasto con il Codic di Autodisciplina, ond intrvnir dirttamnt pr richidr la cssazion di una campagna fornir parri prvntivi circa la rispondnza o mno di un mssaggio pubblicitario all rgol autodisciplinari; ntrambi gli organismi sono collgiali. Totali sono l diffrnz sostanziali ch intrcorrono tra i du organismi, sia a livllo strttamnt procdural sia a livllo di approccio critico. La prima più significativa diffrnza riguarda la disciplina giuridica ch sta alla bas di du organismi l fficacia dll loro dcisioni. Infatti, mntr l Autorità Garant dlla Concorrnza dl basa l propri dcisioni sulla Lgg numro 2/

3 92 istitutiva, n. 287 dl 1990, nonché sull norm stabilit dal Codic dl Consumo ch sono fficaci rga omns (bn potndo subir l consgunz dll ingannvolzza anch soggtti divrsi dai consumatori), l Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) utilizza com paramtro di rifrimnto pr l propri pronunc l norm dl Codic di Autodisciplina Pubblicitaria (CAP), vincolanti solamnt pr coloro i quali vi abbiano adrito spontanamnt, richiamando l norm stss nl contratto di pubblicità adrndo così al sistma autodisciplinar. Sbbn qusto fatto possa ssr visto com una lacuna, va dtto ch attualmnt l intrvnto dllo IAP copr bn il 90% dll invstimnto pubblicitario basato sui mzzi di comunicazion tradizionali, mntr è tuttora latnt vrso gli altri mzzi di comunicazion (volantini, wb) pr i quali è possibil intrvnir solo s l azinda ch pubblicizza è riconducibil all UPA (Utnti Pubblicità Associati). Il principal punto di forza dll Autodisciplina Pubblicitaria è sicuramnt l intrvnto in tmpi molto rapidi. A diffrnza di quanto normalmnt avvin pr l Antitrust ch, fino a poca rcnt, dovva attndr una sgnalazion sulla prsunta ingannvolzza di un mssaggio pubblicitario da part di soggtti portatori di intrss (consumatori, associazioni di consumatori, concorrnti, Ministro dll Attività Produttiv cc.), l intrvnto dllo IAP ha luogo normalmnt nl momnto in cui un mssaggio pubblicitario è ancora in fas di trasmission. Quindi il blocco in tmpo dlla comunicazion, qualora non conform al CAP, può avr fftti assai gravi pr l azind ch contravvngono. Mntr l Autorità Garant dlla Concorrnza dl, qual amministrazion pubblica, ha il potr di irrogar sanzioni pcuniari ai soggtti ch contravvngono (di qusto si parlrà approfonditamnt più avanti), l unico provvdimnto a disposizion dllo IAP è, invc, il blocco dlla campagna pubblicitaria, in alcuni casi, la pubblicazion di un stratto dlla pronuncia attravrso gli organi di informazion indicati dal Giurì stsso. Tuttavia, è important sottolinar com il fatto di intrrompr una campagna pubblicitaria in fas di svolgimnto, quindi nl momnto in cui ssa dv ancora produrr compltamnt i suoi fftti sul pubblico, sia spsso più gravoso pr l azinda ch pubblicizza risptto all ntità di qualsiasi sanzion pcuniaria comminata dall Antitrust. Qusto poiché, in molti casi, alla bas di una campagna pubblicitaria vi è un invstimnto piuttosto massiccio, ch vrrbb dunqu rso vano da un vntual sospnsion dlla campagna stssa durant la sua attuazion. Un altro asptto ch dpon a favor dll Autodisciplina Pubblicitaria è sicuramnt qullo lgato all tmpistich procdurali, notvolmnt infriori a qull dll Antitrust, poiché i procdimnti sono più snlli mno formali. Facndo un immdiato raffronto, si nota ch, mntr pr l Antitrust un procdimnto ha una durata mdia di circa novanta giorni, pr lo IAP si parla di vnti, massimo trnta giorni. Il fatto di non avr il potr di irrogar alcuna sanzion di tipo pcuniario è, quindi, più ch compnsato dalla tmpstività di intrvnto dalla rapidità dl procdimnto, ch consntono l intrruzion di un mssaggio pubblicitario non conform al CAP quando ancora non ha compiuto dl tutto i suoi fftti, numro 2/2009

4 comportando, com si è dtto, un grav danno pr l imprsa ch pubblicizza, in trmini di invstimnto pubblicitario non rintrato. Tuttavia, com apprsso si dirà, la nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt sulla pubblicità ingannvol comparativa, nonché l rcnti normativ di sttor hanno, di fatto, aumntato l importanza dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl, confrndol maggiori potri smplificandon l procdur. Con ciò, com si accnnrà nl paragrafo conclusivo, si scontrano prò rcnti indirizzi circa la ripartizion pr matria tra organi diffrnti di controllo dll comptnz in fatto di rprssion dll pratich commrciali scorrtt. Chi sono i soggtti ricorrnti a qual autorità si rivolgono? Tra i soggtti ch prsntano il ricorso rlativo alla diffusion di un mssaggio pubblicitario ingannvol, si nota una significativa distinzion. Si può affrmar, infatti, ch l Antitrust sia prfrita dai consumatori dall loro associazioni, ch si rivolgono principalmnt a ssa, piuttosto ch al Giurì di Autodisciplina, avndo com intrss obittivo principal qullo di far infliggr una sanzion pcuniaria a chi non risptta l rgol. L Autorità Garant dlla Concorrnza dl, infatti, basando l propri dcisioni sull norm stabilit dal Codic dl Consumo, si pon com organismo princip a tutla di consumatori; in particolar, il paramtro di rifrimnto pr la valutazion di ingannvolzza di un mssaggio pubblicitario è il consumator mdio all intrno dl gruppo di rifrimnto. L azind, ni casi di comparazion illcita o quando sono pnalizzat dall altrazion dlla concorrnza dtrminata da mssaggi pubblicitari ingannvoli, sono solit rivolgrsi agli organi di Autodisciplina Pubblicitaria, poiché ssa nasc oltr quarant anni fa com ntità vicina alla raltà azindal; l norm dl Codic nascono, infatti, dal sttor sguono di pari passo l su modifich. Vi è, infin, la possibilità, a dir la vrità utilizzata solo in rari casi, di far ricorso a ntrambi gli organi; qusta vninza è riportata dal Codic dl Consumo all articolo 27, ch tin conto dgli organi di Autodisciplina stabilisc un coordinamnto tra i du procdimnti, davanti all autorità al Giurì: «Iniziata la procdura davanti a un organismo di autodisciplina, l parti possono convnir di astnrsi dall adir l autorità fino alla pronuncia dfinitiva. [...] L autorità, valutat tutt l circostanz, può disporr la sospnsion dl procdimnto pr un priodo non suprior a trnta giorni» (Dona, 2005). Tuttavia, è important sottolinar com i du procdimnti siano autonomi l rlativ dcisioni possano, prtanto, diffrir. numro 2/

5 Analisi di procdimnti ni sttori individuati pr la ricrca: biglittria ara low cost, viaggi turismo, crdito al consumo Il punto di partnza pr avr un ida chiara su quali siano l motivazioni ch spingono l Autorità Garant dlla Concorrnza dl il Giurì ad affrmar l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria è sicuramnt l analisi di procdimnti dll rispttiv pronunc. I sttori controllati sono moltplici, com numrosissim sono l pronunc di ingannvolzza l consgunti sanzioni. È stata oprata, quindi, una slzion di tr sttori, volta a vidnziarn l pculiarità gli lmnti comuni, affinché siano il più possibil rapprsntativi dll immnsa mol di attività da part dgli organi giudicanti in tma di pubblicità ingannvol. La sclta è caduta sul trasporto aro low cost (Brgantino, Ponti, 2006), sul turismo sul crdito al consumo: la slzion è motivata dall intrss vrso un sttor di rcnt disciplina, qual il trasporto aro low cost, uno classico carattrizzato da una crta complssità dll offrt commrciali, com il turismo, un sttor dlicato, in cui l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria fa lva sulla dbolzza di dstinatari di mssaggi, val a dir il crdito al consumo (Vizzari, 2006). Pr ogni sttor in sam vin individuata una griglia di paramtri di ingannvolzza tipici rapprsntativi. Il trasporto aro 94 Il trasporto aro low cost è un sttor di intrvnto ch si carattrizza pr un intnsa concorrnza di przzo tra i vari vttori, aumntata dal succsso commrcial dll compagni conomich, da una marcata infdltà dl consumator al marchio. Gli opratori dl sttor, prtanto, fanno frquntmnt ricorso a offrt promozionali, consistnti spsso nlla proposta di un crto numro di biglitti a przzi molto convninti su alcun tratt. Sia l Autorità Garant dlla Concorrnza dl sia il Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria hanno, più di una volta, ritnuto ingannvoli qui mssaggi in cui vin nfatizzato il costo di un dtrminato volo a pochi uro (o addirittura cntsimi di uro), salvo poi prcisar, con modalità grafich carattri non smpr facilmnt lggibili, ch nl przzo pubblicizzato sono sclusi i costi pr l tass aroportuali o pr altri onri, quali pr smpio il supplmnto carburant o il costo di prnotazion, ch in raltà rndono il costo final dl volo bn suprior all importo pubblicizzato. Nll su pronunc, l autorità ha più volt sottolinato com la pubblicizzazion dl solo przzo di bas al ntto dgli importi aggiuntivi, con la gnrica dicitura tass onri aroportuali sclusi non può ritnrsi idona al fin dlla dtrminazion dl przzo final da corrispondr, alla luc dll incidnza di qust ultim sul przzo total dl biglitto. Allo stsso numro 2/2009

6 modo, sono stati dichiarati ingannvoli anch mssaggi ch attiravano l attnzion dl consumator su di una tariffa promozional di particolar convninza (in molti casi pari a un cntsimo di uro), a cui vanno, prò, sommat l tass aroportuali altri onri, l ammontar di qust ra sì riportato all intrno dl mssaggio, ma con carattri tipografici dcisamnt ridotti, in un formato scarsamnt lggibil di vidnza grafica non comparabil minimamnt all nfatizzazion dl przzo bas. Un altro diffuso paramtro di ingannvolzza driva dalla disponibilità di posti, in quanto, in alcuni casi, il consumator può difficilmnt sfruttar la convninza di un offrta promozional poiché ssa risulta limitata a un dtrminato numro di posti disponibili, praltro non adguatamnt indicato. Il turismo Il turismo ha smpr rapprsntato un sttor dov l intrvnto dgli organi giudicanti l rlativ pronunc di ingannvolzza sono stati frqunti. L propost commrciali dgli opratori sono carattrizzat da un crto grado di complssità, poiché non consistono soltanto in una sri di srvizi forniti nll ambito di un mdsimo contsto contrattual (trasporto, alloggio cc.), ma ciascuna di ss prsnta una sri di carattristich distintiv (com pr smpio la qualità dlla struttura albrghira, il livllo di srvizi inclusi in un pacchtto turistico), ch vngono apprzzat congiuntamnt dal consumator sull quali si basa la sua dcision di acquisto. Qusto comporta la prsnza di un ampia sfra di lmnti ai quali può ssr ricondotta l ingannvolzza di una comunicazion pubblicitaria; pr qusto motivo assum particolar rilvanza, ai fini dl procsso dcisional dl consumator, la vridicità o mno di tutt l informazioni fornit sui srvizi pubblicizzati ch, qualora fals o incomplt, sono tali da indurlo in rror. Il Codic dl Consumo sancisc il principio dll obbligo di non ingannvolzza dll informazioni rivolt al consumator; il principio non riguarda soltanto il przzo gli altri lmnti principali dl contratto, ma anch tutt l altr carattristich rilvanti dl srvizio offrto. Anch il CAP prvd una tutla dl consumator di srvizi turistici in ambito pubblicitario, stabilndo ch «la comunicazion commrcial rlativa ai viaggi organizzati, sotto qualsiasi forma, dv fornir informazioni complt accurat, con particolar riguardo al trattamnto all prstazioni inclus nl przzo minimo di partcipazion. Essa dv mttr in vidnza un invito a considrar con attnzion l condizioni di partcipazion, di pagamnto di rcsso, contnut nlla documntazion informativa o nl modulo di adsion». 1 L ingannvolzza di mssaggi pubblicitari rlativi all offrt turistich consist prvalntmnt nlla falsità o incompltzza dll informazioni pub- 1 IAP, Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (sito www. iap.it/it/codic), Codic di Autodisciplina dlla Comunicazion Commrcial, 45ª dizion, in vigor dal 21 april numro 2/

7 blicizzat dagli opratori pubblicitari, dunqu ni contnuti dll offrta, quali pr smpio la catgoria di un dtrminato hotl, la prsnza di srvizi in loco, la vicinanza a dtrminati luoghi quali spiagg o impianti di risalita, la possibilità di accoglir soggtti portatori di handicap cc. Un altra dtrminant di ingannvolzza può ssr individuata nl przzo di un dtrminato srvizio turistico, in particolar quando si garantiscono di soggiorni gratuiti o a przzo scontato a dtrminat catgori di utnti (quali pr smpio bambini o anziani), ch poi si rivlano attivi solo in priodi di bassa stagion o, comunqu, a discrzion dlla struttura albrghira. Il crdito al consumo Il crdito al consumo è un tipico sttor di intrvnto carattrizzato da asimmtria informativa (Di Nlla, 2007) tra l parti ch, dunqu, comporta una situazion più favorvol pr qulla ch dispon di un maggior numro di informazioni a riguardo, in quanto opra in modo profssional nl mrcato (profssionista, socità finanziaria), risptto all altra (consumator), ch ha a disposizion una quantità di informazioni di gran lunga infrior. Pr qusta ragion, vi è l signza di trovar mzzi idoni a consntir la tutla dlla part più dbol dl rapporto. La matria è disciplinata dagli articoli D.Lgs. 1 sttmbr 1993, n. 385 (Tsto Unico dll lggi in matria bancaria crditizia), nonché dagli articoli dl Codic dl Consumo. L articolo 123, in particolar, si occupa dlla pubblicità, disponndo ch all oprazioni di crdito al consumo si applichi il prcdnt articolo 116, scondo il qual «in ciascun local aprto al pubblico sono pubblicizzati i tassi di intrss, i przzi, l sps pr l comunicazioni alla clintla ogni altra condizion conomica rlativa all oprazioni ai srvizi offrti, ivi comprsi gli intrssi di mora l valut applicat pr l imputazion dgli intrssi. [...] Gli annunci pubblicitari l offrt, con qualsiasi mzzo ffttuati, con cui un soggtto dichiara il tasso di intrss o altr cifr concrnnti il costo dl crdito, indicano il TAEG il rlativo priodo di validità». 2 Numrosi sono stati i provvdimnti di ingannvolzza, nl corso dgli ultimi anni, mssi dall Autorità Garant dlla Concorrnza dl dal Giurì, a carico di qull socità finanziari, di consulnza o di intrmdiazion finanziaria, ch promuovono la possibilità di ottnr, quasi smpr in un brvissimo lasso di tmpo, prstiti anch di importi considrvoli, oppur mutui finalizzati all acquisto dll abitazion o, infin, la cancllazion dall banch dati di c.d. cattivi pagatori. In tali comunicazioni, si nfatizza la possibilità di accsso anch ai protstati, agli scutati, a soggtti con scarso rddito, a intstatari di altri mutui; sono, quindi, rivolt a prson ch, trovandosi in una 96 2 Banca d Italia (sito Tsto unico bancario normativa complmntar, Sconda Edizion. numro 2/2009

8 situazion di particolar dbolzza difficoltà conomica, sono particolarmnt vulnrabili facilmnt attratt da opportunità all apparnza vantaggios ch potrbbro, quindi, soggiacr a condizioni contrattuali divrs più onros di qull pubblicizzat. Si tratta, in molti casi, di soggtti ch hanno difficoltà nll accsso al crdito tramit gli ordinari canali bancari si trovano, dunqu, in una situazion di soggzion, in ragion dll propri condizioni conomich. La più diffusa dtrminant di ingannvolzza di mssaggi dl sttor in sam riguarda l ammontar dl costo total dl crdito a carico dl consumator, pr tutti qui mssaggi ch non riportano l indicazion dl TAEG (ossia dl costo total dl crdito a carico dl consumator, comprnsivo dgli intrssi di tutti gli onri da sostnr pr utilizzar il crdito, sprsso in prcntual annua dl crdito concsso dl rlativo priodo di validità), (Fusi, Tsta, 2006) o ch la riportano in manira troppo gnrica, spsso con sprssioni quali ( TAEG da...% a max consntito dalla lgg ), ch non consntono al consumator di avr una chiara prczion sulla convninza o mno di una dtrminata offrta di finanziamnto. Un ultrior motivo di ingannvolzza è dovuto alla mancata indicazion dlla qualifica dll oprator pubblicitario, omission ch dtrmina l ingannvolzza dlla comunicazion pubblicitaria, in quanto non prmtt al consumator di sapr s si tratti di un intrmdiario o di un soggtto ch roga dirttamnt il finanziamnto; qusta diffrnza ha fftto immdiato sul costo di srvizi sull tmpistich di concssion dl prstito: il fatto ch una socità roghi dirttamnt il finanziamnto comporta costi minori (non includndo alcuna provvigion agli intrmdiari) una maggior clrità nlla concssion di prstiti, non dipndndo dalla dcision di altr socità crditizi pr quanto riguarda l rogazion dl crdito. Infin, sono frqunti i mssaggi pubblicitari in cui si promuovono, tra i srvizi offrti, anch la cancllazion in tmpi brvissimi dl proprio nominativo, qual cattivo pagator dall banch dati privat, o la cancllazion di protsti, mntr pr tmpi rapidissimi si intndva, contrariamnt a quanto il consumator ra indotto a crdr, l tmpistich di avvio dlla procdura non la cancllazion vra propria di dati. L influnza dlla nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt sulla condotta dll azind sui potri dll Antitrust La nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt pubblicità ingannvol comparativa, ntrata in vigor il 21 sttmbr 2007 con i D.Lgs. 145/ /2007, ha crtamnt posto l basi pr una maggior tutla vrso il consumator, nonché vrso l imprs. L innovazion lgislativa ha dtrminato in primis un aumnto di potri dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl in ambito pubblicitario, numro 2/

9 ch ora ha la possibilità, sia pr l pratich commrciali scorrtt sia pr la pubblicità ingannvol comparativa, di avviar i procdimnti anch d ufficio, ossia snza dovr attndr sgnalazioni strn comportando, dunqu, la possibilità di ridurr notvolmnt i tmpi di intrvnto. Nondimno important è stata la notvol smplificazion dlla matria apportata dalla nuova disciplina, ch ha individuato spcificamnt una sri di pratich ingannvoli aggrssiv ch sono da considrarsi tali di pr sé, snza il bisogno di dimostrar la loro idonità a falsar l sclt dl consumator. In qust ottica divnta più difficil riuscir a non incorrr nll sanzioni tipich di qusta disciplina pr tutt qull azind ch oprano in pubblicità con mssaggi i cui contnuti non siano vritiri; dtto in parol povr, è più difficil farla franca. E proprio qullo dll sanzioni è l asptto più significativo dlla nuova disciplina, ch mrita alcun considrazioni. Inizialmnt l Autorità Garant dlla Concorrnza dl ra totalmnt priva di un adguato potr sanzionatorio ni confronti dgli opratori pubblicitari; l unica sanzion prvista ra la mra sospnsion dlla campagna pubblicitaria oggtto di vrifica, sospnsion ch in molti casi arrivava quando ssa avva già oprato i suoi fftti prsuasivi sui consumatori. L azind ch pubblicizzavano, quindi, non avvano sufficinti incntivi a non dviar, trovando talvolta convnint non rispttar l rgol. Qusto scnario è parzialmnt cambiato con la Lgg dl 6 april 2005 n. 49, rcant modifich all articolo 7 dl Dcrto Lgislativo 25 gnnaio 1992, n. 74, in matria di mssaggi pubblicitari ingannvoli diffusi attravrso mzzi di comunicazion, 3 ch introduc finalmnt l prim sanzioni pcuniari a carico dll imprs ch pubblicizzavano ingannvolmnt. Infatti, quando valuta l ingannvolzza di comunicati commrciali, «con la dcision ch accogli il ricorso l autorità dispon inoltr l applicazion di una sanzion amministrativa pcuniaria da a uro, tnuto conto dlla gravità dlla durata dlla violazion [...]». L introduzion dll sanzioni amministrativ di tipo pcuniario, sbbn di ntità non significativa, ha costituito un primo dtrrnt ni confronti dll mission di mssaggi pubblicitari di tipo ingannvol, quindi, un primo incntivo pr l azind a non dviar in pubblicità. Tuttavia, è opportuno considrar com qusto strumnto non sia paragonabil agli altri mzzi a disposizion dll autorità in rlazion ai comportamnti lsivi dlla concorrnza, la cui sanzion amministrativa può arrivar fino all ammontar dl 10% dl fatturato ralizzato dagli opratori nll ultimo srcizio chiuso antriormnt alla notificazion dlla diffida. Inoltr, s si considra l ammontar mdio di una sanzion pcuniaria, pari a circa uro, si può facilmnt capir com tali sanzioni fossro di ntità troppo contnuta pr potr scoraggiar compltamnt l azind dal dviar in pubblicità. Si trattava, quindi, di sanzioni il cui importo ra nlla maggior 98 3 Lgg 6 april 2005 n. 49, lttra b, it/parlam/lggi/05049l. numro 2/2009

10 part di casi irrisorio, s paragonato con i bnfici in trmini di aumnto dll vndit/contatti ottnuto mntndo in pubblicità. Può, quindi, concludrsi ch, in molti casi, l azind trovassro convnint non rispttar l rgol, mttndo in prvntivo il rischio sanzion, anch in virtù dl fatto ch spsso ssa giungva quando oramai la trasmission dlla campagna pubblicitaria si ra saurita qusta avva già compiuto i suoi fftti sul consumator. È, quindi, possibil ch tutt l azind con una prsnza dl markting molto fort ci provassro ; magari con di mssaggi non palsmnt ingannvoli, ma bordrlin, ossia al limit dl risptto dlla normativa. Qusta fondamntal carnza è stata colmata dalla nuova disciplina, ch ha notvolmnt aumntato l ammontar dll sanzioni pcuniari irrogat dall autorità agli opratori pubblicitari, stabilndo all articolo 1 dl Dcrto Lgislativo 2 agosto 2007, n. 146, ch «con il provvdimnto ch vita la pratica commrcial scorrtta, l autorità dispon inoltr l applicazion di una sanzion amministrativa pcuniaria da 5.000,00 uro a ,00 uro, tnuto conto dlla gravità dlla durata dlla violazion». 4 Mttndo a confronto la nuova disciplina con qulla prcdnt a livllo di sanzioni, può facilmnt vincrsi com l aumnto dll sanzioni stss a carico dgli opratori pubblicitari sia stato notvol, tal finalmnt da scoraggiar la diffusion di mssaggi ingannvoli, soprattutto pr l piccol/mdi imprs, s si considra ch con la prcdnt disciplina l ammontar mdio di una sanzion pcuniaria è stato di rgola intorno ai uro, mntr ora è di circa / uro. In virtù di qusti lmnti, si può concludr com la nuova disciplina, ch vin applicata a tutt l condott post in ssr a partir dal 21 sttmbr 2007, dia vita a un impianto normativo più svro sanzionatorio pr l imprsa ch pubblicizza ingannvolmnt, aumntando di fatto la soglia di attnzion, quindi, l importanza dl ruolo dl consulnt lgal dll azind, ch fa da filtro alla comunicazion pubblicitaria. A livllo di sttori saminati nllo spcifico (trasporto aro low cost, turismo crdito al consumo), sono stati apportati notvoli cambiamnti non solo dalla nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt pubblicità ingannvol, ma anch, in du casi su tr, dall rcnti normativ sttoriali. Nl caso dl trasporto aro, ai fini dlla valutazion di ingannvolzza di mssaggi diffusi dai vari vttori, ha avuto fondamntal importanza l introduzion dl Dcrto sull Libralizzazioni, cosiddtto Brsani bis, convrtito in Lgg 2 april 2007, n. 7. Rlativamnt al trasporto aro, l articolo 3 ( Trasparnza dll tariff ar ) stabilisc ch «al fin di favorir la concorrnza la trasparnza dll tariff ar, di garantir ai consumatori un adguato livllo di conoscnza sugli ffttivi costi dl srvizio, nonché di facilitar il confronto tra l offrt prsnti sul mrcato, sono vitati l offrt i mssaggi pubblicitari di voli ari rcanti l indicazion dl przzo al ntto di sps, tass altri onri 4 Dcrto Lgislativo 2 agosto 2007 n. 146, articolo 1 ( Dll pratich commrciali scorrtt ), numro 2/

11 aggiuntivi, ovvro rifriti a una singola tratta di andata ritorno, a un numro limitato di titoli di viaggio o a priodi di tmpo dlimitati o a modalità di prnotazion, s non chiaramnt indicati nll offrta». 5 Com si può notar, la norma apporta una notvol smplificazion dlla matria, in quanto individua nl mdsimo contsto l du principali dtrminanti di ingannvolzza tipich dl sttor: prsntazion dl przzo al ntto dgli altri onri aggiuntivi mancati/incomplti rifrimnti alla disponibilità limitata dl srvizio, ottnndo così l obittivo di una massima trasparnza nlla comunicazion di imprsa dl sttor. L ntrata in vigor di qusta lgg, unita all inasprimnto dll sanzioni amministrativ, ha comportato un maggior risptto dll rgol da part dgli opratori pubblicitari dl sttor, in particolar modo nlla pubblicizzazion di przzi, ora comprnsivi di tass supplmnti aggiuntivi, in quanto i mssaggi riportano gnralmnt la dicitura tass aroportuali inclus, mntr vi sono ancora alcun imprcisioni nll indicazion dlla disponibilità dlla fruibilità dll offrt, in trmini di priodo di prnotazion posti disponibili. Quanto alla disciplina dl crdito al consumo in pubblicità, un ultrior passo avanti risptto all attual normativa è arrivato con la Dirttiva 2008/48/CE dl Parlamnto uropo dl Consiglio, dl 23 april 2008, rlativa ai contratti di crdito ai consumatori, nata dall signza di offrir un maggior livllo di tutla di consumatori di rndr possibil la libra circolazion dll offrt di crdito nll migliori condizioni, sia pr gli opratori dll offrta sia pr chi rapprsnta la domanda. La dirttiva contin, quindi, disposizioni spcifich sulla pubblicità rlativa ai contratti di crdito su alcun disposizioni di bas da fornir ai consumatori pr rndrli in grado di paragonar l vari offrt. A tal fin, è opportuno ch ssi ricvano informazioni adguat, da potr saminar, prima dlla conclusion dl contratto di crdito, circa l condizioni il costo dl crdito l loro obbligazioni. Il costo total dl crdito al consumator dv comprndr tutti i costi, comprsi gli intrssi, l commissioni, l impost, l sps pr gli intrmdiari dl crdito tutt l altr sps lgat al contratto ch sono a carico dl consumator; pr consntir il confronto tra l vari offrt, il consumator dovrbb ssr informato sul tasso annuo ffttivo global (TAEG) rlativo al crdito, dtrminato allo stsso modo in tutti i pasi mmbri. Alla luc di qusta nuova normativa, si può concludr ch il sttor dl crdito al consumator è stato ultriormnt disciplinato in manira chiara prcisa, rlativamnt all ambito pubblicitario. L autorità ha, quindi, a disposizion strumnti ch dfiniscono piuttosto bn quando un mssaggio pubblicitario dbba ssr dichiarato ingannvol; qusto asptto, unito all inasprimnto dll sanzioni amministrativ introdotto dalla nuova disciplina dll pratich commrciali scorrtt ingannvoli, assicura una maggior tutla vrso i consumatori dll offrt di crdito una maggior svrità ni confronti dgli opratori ch non rispttano l rgol Lgg 2 april 2007, n. 7. numro 2/2009

12 Nl sttor dl turismo, invc, la normativa vignt appar ancora, almno in part, lacunosa, poiché il Codic dl Consumo, nlla sua vrsion più rcnt, ddica sì parcchio spazio ai srvizi turistici, ma qusto si rifrisc in particolar ad asptti tipici dl contratto da ricondurr alla fas prcontrattual durant la sottoscrizion dl contratto. Poco spazio vin, invc, ddicato alla pubblicità di srvizi turistici; solo l articolo 87 ( Informazion dl consumator ), ch si concntra prvalntmnt sull obbligo a carico dl vnditor di fornir informazioni scritt, nl corso dll trattativ, affrma ch «è fatto comunqu divito di fornir informazioni ingannvoli sull modalità dl srvizio offrto, sul przzo sugli altri lmnti dl contratto qualunqu sia il mzzo mdiant il qual dtt informazioni vngono comunicat al consumator», 6 affrmazion a mio avviso un po troppo gnrica. Dando uno sguardo ai primi procdimnti all sam dll autorità nll anno 2008, ni quali è stata utilizzata com normativa di rifrimnto la nuova disciplina sull pratich commrciali scorrtt ingannvoli, si può notar com non vi siano praticamnt più provvdimnti a danno di vttori ari o socità di crdito, ma ricorrano ancora divrsi casi di ingannvolzza da part di opratori ch svolgono la propria attività nll ambito dl turismo. Conclusioni: mutamnto dl quadro di rifrimnto condotta futura dll imprs È ancora prsto pr tracciar un bilancio dgli fftti apportati dall nuov norm rlativ all ntità dll sanzioni amministrativ alla rprssion dll pratich commrciali scorrtt, oltr ch dall divrs disposizioni sttoriali di rcnt adozion con attinnza alla condotta da part dll imprs in ambito pubblicitario. Né può ignorarsi l impatto ch sono dstinati a produrr il parr dl Consiglio di Stato n. 3999/2008 la sntnza a s.u. dlla Cort di Cassazion n. 4630/2007 sulla ripartizion dll comptnz fra l divrs autorità indipndnti in mrito all stss pratich commrciali scorrtt. Pur prscindndo, quindi, dal più complsso sistma - quantomno procdural - nlla prospttiva dlla tutla dl consumator fra Codic dl Consumo norm sttoriali ngli ambiti bancario, finanziario, assicurativo, dll nrgia, dll tlcomunicazioni, è tuttavia vidnt ch siamo di front a un impianto normativo più svro ni confronti dlla comunicazion commrcial, carattrizzato ora da un maggior controllo di mssaggi pubblicizzati, sia durant la fas di mssa in onda, sia al trmin di qusta; da non tralasciar, poi, l implicazioni dlla indubbia maggior incisività dll sanzioni comminat sui provnti ch drivano dall attività pubblicitaria. 6 Codic dl Consumo, art. 87, comma 4, sito numro 2/

13 Ciò aumnta invitabilmnt la soglia di attnzion da part dll imprs opranti in pubblicità, ch dovrbbro avr minor intrss a corrr dlibratamnt il rischio di andar incontro alla sanzion, oltr a qullo di vdr la propria immagin associata a un procdimnto di pubblicità ingannvol, indipndntmnt dall avr contravvnuto o mno. Sarà intrssant vrificar s qusto nuovo impianto normativo annullrà compltamnt ogni tntativo di contravvnir in pubblicità, o s, al contrario, vi saranno ancora azind ch continuranno a provarci, individuando form modalità di mssaggio - fors - non palsmnt ingannvoli, ma situat ai limiti dlla norma. Rifrimnti bibliografici Brgantino, A. S., Ponti, M., L compagni low cost la tutla di consumatori,, n Di Nlla, L., La tutla dl consumator di srvizi finanziari, Edizioni Scintifich Italian, Dona, M., Il Codic dl Consumo, rgol significati, Giappichlli Editor-Torino, Fusi, M., Tsta, P., Diritto pubblicità, collana Diritto Comunicazion, Luptti Editor, Vizzari, A., Il crdito al consumo,, n. 2/ numro 2/2009

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano? Argomnti Abolizion dl contributo di ricarica nlla tlfonia mobil: i consumatori ci guadagnano? Maria Rosa Battaggion, Nicoltta Corrochr, Lornzo Zirulia L liminazion dl contributo di ricarica sull cart prpagat

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis La ricchzza dll famigli: confronto intrnazional 1 Riccardo D Bonis L articolo confronta la ricchzza dll famigli italian con qulla di altri si Pasi industrializzati. L famigli italian occupano una posizion

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani Argomnti Pratich commrciali scorrtt: dagli utonti ai consumatori 1 Marco Pirani L analisi dll dcisioni in matria di pratich commrciali scorrtt dimostra com qusto strumnto di drivazion comunitaria abbia

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti?

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti? L famigli italian: mno risparmio più dbiti? Giorgio Gobbi Silvia Magri 1 Tra il 2000 il 2007 il crdito concsso da banch socità finanziari alla famigli italian è quasi raddoppiato, in prsnza dlla modsta

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori Argomnti La rvision dll acquis comunitario sui consumatori Liliana Rossi Carlo Con il rcnt Libro Vrd sulla Rvision dll acquis rlativo ai consumatori, la Commission uropa compi un primo, piccolo passo pr

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Multiproprietà: recepite le nuove regole

Multiproprietà: recepite le nuove regole Argomnti Multiproprità: rcpit l nuov rgol Valntina Apruzzi L introduzion di principi comunitari nl nostro ordinamnto mdiant il D.Lgs. n. 79/2011 mira a colmar l lacun dlla prcdnt normativa in matria di

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi Politica nrgtica costi in bolltta Giorgio Ragazzi Il przzo dll nrgia lttrica in Italia è uno di più alti d Europa. Tra i vari motivi, in qusto articolo ci si soffrma in particolar sugli Onri gnrali di

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Decreto salva-italia e misure antievasione

Decreto salva-italia e misure antievasione Dcrto salva-italia misur antivasion Francsco Tundo Il Dcrto Monti cambia profondamnt il rapporto fisco-contribunt, favorndo un flusso costant talora indiscriminato di informazioni. In qusto snso, saranno

Dettagli

emercato Pendolari in ferrovia e danni esistenziali Argomenti La prima sentenza piacentina Umberto Fantigrossi

emercato Pendolari in ferrovia e danni esistenziali Argomenti La prima sentenza piacentina Umberto Fantigrossi Pndolari in frrovia danni sistnziali Umbrto Fantigrossi Il pndolar è un utnt particolar di srvizi frroviari subisc più dl viaggiator occasional l consgunz ngativ di dissrvizi cronici. Paradossalmnt, prò,

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia La pubblicità comparativa in Italia: molti numri poca ironia Antonio Aillo In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi noiosi confronti tabllari, fondati su numri dati

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

Class action e danno antitrust: il caso traghetti

Class action e danno antitrust: il caso traghetti Argomnti Class action danno antitrust: il caso traghtti Giorgio Affrni L azion di class promossa da Altroconsumo contro l compagni di traghtti pr il sosptto cartllo sull rott pr la Sardgna offr l occasion

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti

Dettagli

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni Sgnalazioni In brv a cura di Luisa Crisigiovanni Dall Italia Luisa Crisigiovanni Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori Canon Rai - Garant pr la Protzion di Dati Prsonali Il Garant pr la Protzion

Dettagli

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March La concorrnza nl sttor Rc auto Annalisa Rocchitti March Vngono saminati du asptti dl sttor Rc auto: l andamnto di prmi l introduzion dl sistma d indnnizzo dirtto. I dati sui prmi indicano ch in Italia

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente Rsponsabilità dl postggiator diritti dll utnt Danil Monsi Qusto articolo tratta dlla qualificazion giuridica dl contratto atipico di postggio dlla sua assimilabilità al contratto di dposito. La rsponsabilità

Dettagli

Architettura delle scelte e tutela del consumatore

Architettura delle scelte e tutela del consumatore Argomnti Architttura dll sclt tutla dl consumator Raffal Catrina Il diritto uropo di consumatori costituisc un smpio di patrnalismo librtario: snza sottrarr l sclt finali ai consumatori, sso è volto a

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

Impegni Telecom: una questione scottante sul tavolo di AGCOM 1

Impegni Telecom: una questione scottante sul tavolo di AGCOM 1 Argomnti Impgni Tlcom: una qustion scottant sul tavolo di AGCOM 1 Stfano Quintarlli Gli impgni procomptitivi prsntati da Tlcom Italia all AGCOM sono, snza alcun dubbio, da rspingr o prché già dovuti in

Dettagli

Detrazione fiscale e risparmio energetico

Detrazione fiscale e risparmio energetico Consumatori in cifr Dtrazion fiscal risparmio nrgtico Giampaolo Valntini I risultati L dtrazioni fiscali dl 55%, 1 in vigor dal gnnaio 2007, hanno costituito il più gnroso sistma di incntivi mai msso in

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli