COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E"

Transcript

1 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22/27134 del 21 aprile 2010

2 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - Ambito e scopo del regolamento 5 ART. 2 - Forma di gestione del servizio.. 5 ART. 3 - Presentazione degli atti e decorrenza del termine di procedimento.. 5 ART. 4 - Classificazione del Comune.. 5 ART. 5 - Categoria delle localita del territorio comunale, tariffe e maggiorazione. 6 ART. 6 - Piano Generale degli impianti 6 ART. 7 -Tipologia e quantità dei mezzi pubblicitari.. 6 ART. 8 - Suddivisione del territorio in zone omogenee.. 7 ART. 9 - Ripartizione delle superfici per le pubbliche affissioni 9 ART Impianti per Affissioni Dirette. 10 ART Autorizzazione.. 10 ART Anticipata rimozione. 11 ART Pubblicita effettuata su spazi ed aree comunali 11 ART Pubblicita effettuata su spazi privati non vincolati e vincolati 12 ART Pubblicita Abusiva 12 ART Controllo e verifiche del materiale esposto. 12 ART. 17 Sanzioni ART Responsabilità del Comune CAPO II IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ART Disposizioni generali.. 14 ART Domanda di autorizzazione.. 14 ART Durata dell autorizzazione 16 ART. 22 -Termine dell installazione. 16 ART Obblighi del titolare dell autorizzazione.. 16 ART Targhette di identificazione

3 ART Pagamento e rimborso dell imposta, denuncia di cessazione ART Riduzioni dell imposta. 17 ART Esenzioni dall imposta. 17 ART Decadenza dell autorizzazione 18 ART Convenzioni speciali. 18 ART Vincoli storici, artistici ed ambientali 18 CAPO III DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO ART Classificazione dei mezzi pubblicitari 19 ART Criteri generali per le installazioni. 23 ART Norme generali di installazione 24 ART Delimitazione del centro abitato. 25 ART Disciplina dell'installazione dei mezzi pubblicitari nell'ambito del centro abitato 27 ART Collocamento di insegne.. 29 ART Farmacie 30 ART Centri commerciali e direzionali. 30 ART Zone artigianali commerciali ed industriali 31 ART Targhe. 31 ART Tende solari installate nelle sedi di attività economiche. 31 ART Vetrofanie ART Impianti pubblicitari di servizio 32 ART. 44 -Striscioni e stendardi.. 32 ART Pubblicità temporanea lungo o in vista delle strade 32 ART Locandine (Manifesti). 33 ART Distributori di carburante. 33 ART Volantinaggio.. 33 ART Pubblicità fonica.. 34 ART Pubblicità permanente sui veicoli.. 34 ART Pubblicità temporanea sui veicoli

4 ART Pubblicità tramite distributori di prodotti ART. 52 BIS Cartelli stradali pubblicitari. 35 ART Disciplina dell'installazione dei mezzi pubblicitari al di fuori del centro abitato.. 35 ART Istanze particolari. 36 CAPO IV SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ART Le pubbliche affissioni 37 ART Tipologie e caratteristiche generali degli impianti per affissione ART Modalita per lo svolgimento del servizio delle pubbliche affissioni. 38 ART Affissioni d urgenza, notturne e festive 38 ART Affissioni fuori degli appositi spazi 38 ART Tariffe ART Reclami CAPO V DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE ART Rinvio.. 40 ART Norme transitorie 40 ART Entrata in vigore. 40 Elenco allegati 41 Allegato A. - Elenco strade di categoria speciale Allegato B. - Abaco per l applicazione della normativa. 4

5 ART. 1 Ambito e scopo del regolamento CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi e per gli effetti delle vigenti disposizioni legislative in materia, integra la disciplina dell applicazione dell imposta sulla pubblicità e della gestione del servizio di pubbliche affissioni contenuta nel decreto legislativo 15 novembre 1993 n. 507 e successive modifiche ed integrazioni e, anche mediante rinvio ad altri regolamenti comunali, stabilisce le modalità di effettuazione della pubblicità e quant altro richiesto dall art. 3, comma 3, del decreto legislativo n. 507/1993 richiamato. 2. Agli effetti del presente Regolamento per imposta si intende l'imposta comunale sulla pubblicità e per diritto si intende il diritto sulle pubbliche affissioni. 3. Sotto la denominazione di pubblicità è compresa la diffusione o esposizione di messaggi visivi o acustici eseguita mediante insegne, iscrizioni, cartelli, targhe, volantini, automezzi, striscioni e di altri mezzi similari, effettuata in luoghi pubblici o aperti al pubblico o comunque da tali luoghi percepibile. 4. Sotto la denominazione di pubbliche affissioni è compresa l esposizione nell ambito del territorio comunale di manifesti di qualunque materiale costituiti, esposti a cura del Comune negli appositi spazi ad essi riservati. 5. Il presente Regolamento, oltre a disciplinare l applicazione e la riscossione dell imposta e del diritto precitati nel territorio del Comune di Vicenza, detta norme tecniche per il collocamento dei mezzi pubblicitari e stabilisce la procedura da seguire per ottenere le relative autorizzazioni. ART. 2 Forma di gestione del servizio 1. La gestione del servizio di accertamento e riscossione dell imposta di pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni è effettuata in forma diretta dal Comune di Vicenza. ART. 3 Presentazione degli atti e decorrenza del termine di procedimento 1. La data di presentazione di qualsiasi atto riguardante la materia di cui al presente Regolamento è quella di assunzione dell atto medesimo al Protocollo; tale norme vale anche nel caso in cui gli atti vengano trasmessi a mezzo posta. 2. Il termine per il procedimento, stabilito in 60 giorni dall art. 53, comma 5, del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495, decorre dalla data di presentazione della domanda. ART. 4 Classificazione del Comune 1. In applicazione dell art. 2 del decreto legislativo 15 novembre 1993 n. 507, il Comune di Vicenza appartiene alla classe II in base alla popolazione residente risultante dai dati pubblicati dall Istituto Centrale di Statistica 5

6 ART. 5 Categoria delle localita del territorio comunale, tariffe e maggiorazione 1. Ai fini dell applicazione dell imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, limitatamente alle affissioni di carattere commerciale, il territorio comunale è suddiviso in due categorie: SPECIALE, che comprende l elenco di vie e piazze indicate nell allegato A del presente Regolamento; NORMALE, che comprende tutte le altre località del territorio comunale non indicate nel predetto allegato. 2. La superficie complessiva delle località comprese nella categoria speciale non può superare il 35% di quella del centro abitato, come delimitato ai sensi dell art. 4 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285; in ogni caso la superficie degli impianti per pubbliche affissioni installati in categoria speciale non può superare il 50% della superficie espositiva complessiva. Il Comune di Vicenza applicherà il rapporto del 35% solo sul centro abitato Vicenza con esclusione degli altri tre denominati S. Pietro Intrigogna, Maddalene e Rettorgole. 3. La maggiorazione per categoria speciale delle tariffe di base dell imposta di pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni di natura commerciale è fissata nella misura del 150% ai sensi dell art. 4, comma 1, del decreto legislativo 15 novembre 1993 n Le tariffe in vigore, se non modificate entro i termini di legge, si intendono prorogate di anno in anno. ART. 6 Piano Generale degli impianti 1. Il Piano Generale degli impianti disciplina le aree del territorio comunale ove consentire l installazione su spazi pubblici di cartelli, impianti e altri mezzi pubblicitari nel rispetto del codice della strada, del relativo regolamento di esecuzione, del Codice dei beni culturali e del paesaggio e dei vigenti strumenti urbanistici. 2. Oggetto del Piano Generale degli impianti sono tutti i manufatti finalizzati alla pubblicità e alla propaganda esclusi i mezzi pubblicitari collocati sulle sedi di esercizio o nelle pertinenze delle attività a cui si riferiscono. Sono altresì esclusi i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari da esporre a tempo determinato e per brevi periodi nelle aree e con le modalità previste nel presente Regolamento. 3. Il Piano è costituito dall Abaco per l applicazione della normativa, allegato al presente Regolamento. ART. 7 Tipologia e quantità dei mezzi pubblicitari 1. Agli effetti del presente capo, sono definiti impianti pubblicitari quelli indicati nell art. 47 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada e tutti i restanti mezzi comunque utilizzati per l effettuazione di pubblicità e delle affissioni visive, ad eccezione delle insegne. 2. La tipologia e la quantità degli impianti di pubblicità o propaganda e degli altri mezzi pubblicitari sulle strade e sulle aree pubbliche o di uso pubblico sono disciplinate dal presente Regolamento. 6

7 ART. 8 Suddivisione del territorio in zone omogenee 1. La disciplina dei mezzi pubblicitari prevista dal presente Regolamento è diversamente graduata a seconda della zona in cui avviene l esposizione pubblicitaria. A tal fine il territorio comunale è stato suddiviso in zone omogenee. 2. Il centro abitato di Vicenza comprende gran parte dell edificato. La delimitazione del centro abitato, come da deliberazioni di Giunta Comunale n del 28 luglio 1993 e n. 366 del 22 ottobre 2003, individua i centri abitati denominati Vicenza, S. Pietro Intrigogna, Maddalene e Rettorgole. All'interno di questa delimitazione è possibile distinguere un'ulteriore suddivisione nelle seguenti aree: Zona A - Zone sottoposte a vincolo La zona A è rappresentata dalle zone vincolate. In essa sono considerati i seguenti tipi di vincoli: 1 Vincoli Legge 1089/39 (Edifici monumentali) 2 Vincoli Legge 1497/39 (Aree di pertinenza degli edifici monumentali) 3 Vincoli Decreti Legislativi 431/85, 490/1999 e 42/2004 (Aree a rischio archeologico, vincoli paesaggistici ed ambientali) Zona B - Zona di attenzione Rientrano in questa zona le seguenti aree come definite da PRG: 1 RSA1 Centro storico 2 RSA2 Zone di edificazione recente di valore architettonico ed ambientale 3 RSA3 Borghi storici 4 RSA4 Zone di valore architettonico e beni storico-architettonici 5 F 17 Zone a parchi e a riserve naturali Le strade collocate sul perimetro della zona di attenzione rientrano in tale zona per quanto attiene tutti i manufatti pubblicitari da collocarsi su entrambi i lati delle stesse, fino ad una distanza di 5 metri dai fili esterni dei fabbricati, verso il limite esterno della zona. Zona C - Zona di attenzione attenuata Sono le zone con destinazione prevalente ad attrezzature di pubblico interesse (istruzione, civile, culto, ospedali, cimiteri, impianti sportivi, ), zone verdi e di rispetto ambientale. Rientrano in questa zona le seguenti aree come definite da PRG: Zone per attrezzature pubbliche a servizio della residenza 1 - SP1 Istruzione 2 - SP2 Interesse collettivo 7

8 3 - SP3 Attrezzature religiose 4 - SP4 Verde naturale ed attrezzato 5 - SP5 Verde sportivo 7 - SP5 bis Spazi aperti Zone per attrezzature pubbliche a livello urbano e sovracomunale 8 - F1 Attrezzature di interesse collettivo 9 - F2 Attrezzature religiose 10 - F5 Edilizia scolastica e universitaria 11 - F6/F6 bis Attrezzature socio-sanitarie e ospedaliere 12 - F8 Attrezzature sportive 13 - F9 Attrezzature sociali per l industria 14 - F10 Zone cimiteriali 15 - F13 Campeggi Zona D - Zona a regolamentazione selettiva Sono le zone contraddistinte da insediamenti residenziali consolidati e le zone destinate a complessi insediativi residenziali, misti, per il terziario (commercio, servizi, alberghi), nonché le zone degli insediamenti consolidati con destinazione prevalentemente produttiva, anche con caratteristiche commerciali e terziarie. Rientrano in questa zona: 1 - Zone artigianali; 2 - Zone industriali; 3 - Zone commerciali e annonarie; 4 - SP6 Parcheggi pubblici. Zona E - Restante zona di centro abitato Sono le zone di edilizia prevalentemente residenziale consolidata, rappresentate sul territorio per differenza delle zone su citate e comunque comprese all interno del centro abitato, che non presentano particolari esigenze di regolamentazione. 3. Il territorio comunale esterno alla delimitazione dei centri abitati, di cui all art. 34 del presente regolamento, rappresenta un'area nella quale sono recepite integralmente le norme di cui all'art. 23 del D. Lgs. 285/92 (Nuovo Codice della Strada), relativo Regolamento di esecuzione ed attuazione D.P.R. n. 495/92 e successive modifiche ed integrazioni. Oltre a quanto sopra saranno da considerare, qualora esistenti, tutti i vincoli imposti dalla normativa vigente quali ad esempio quelli 8

9 paesaggistico-ambientali della L. 1497/39, monumentali ai sensi della L. 1089/39. Nell ambito di questa parte del territorio eventuali nuclei antichi costituiti dalle borgate isolate, gli antichi casali e fattorie di particolare pregio storico vengono assimilati, ai fini del presente Regolamento, alle zone B e pertanto assoggettabili a doppia normativa, cioè a quella del codice della strada e a specifica di zona tipo B. ART. 9 - Ripartizione delle superfici per le pubbliche affissioni 1. Nel territorio del Comune di Vicenza, la superficie degli impianti, in conformità alle disposizioni di cui all art. 18, comma 3, del D. Lgs. n. 507/93 e viste le necessità e le richieste, è fissata da Regolamento comunale in metri quadrati 97 ogni abitanti. Poiché alla data del 31/12/2005 la popolazione residente nel Comune di Vicenza risulta di abitanti, ne consegue che la superficie degli impianti ammonta a complessivi metri quadrati così ripartiti, in base alla deliberazione di Giunta Comunale 24 febbraio 2003 P.G.N. 3615, n. 73: Affissioni istituzionali mq pari al 15,48% Affissioni commerciali mq pari al 44,84% Affissioni dirette mq pari al 39,68% 2. Nelle affissioni istituzionali sono compresi gli spazi adibiti per necrologi, impianti elettorali (da usarsi in via temporanea in caso di consultazioni istituzionali), plance per papiri di laurea, plance per graffiti (pubblicita ideologica), plance e bacheche per le comunicazioni delle circoscrizioni e gli impianti del circuito culturale. Le epigrafi, gli avvisi mortuari, i papiri di laurea e i graffiti possono essere esposti unicamente negli appositi spazi collocati dal Comune nelle varie zone del territorio in prossimità delle chiese parrocchiali ed in ogni altro luogo ritenuto idoneo a tale forma pubblicitaria. L affissione diretta su tali impianti epigrafi, papiri di laurea e graffiti, è esente dall imposta di pubblicità in quanto non ricadente nel presupposto previsto dall art. 5 del D.Lgs. n. 507/ Non sono considerati nelle superfici sopra indicate: gli impianti denominati fermate bus e pensiline in quanto impianti strumentali che, seppur adibiti ad affissioni di manifesti, non ricadono sotto la gestione del Settore Servizio delle Entrate ; gli impianti siti all interno del demanio FF.SS.; gli impianti situati all interno del demanio A.N.A.S. e quelli in concessione alla Società Autostrade. 4. Ferma restando la superficie adibita a affissioni istituzionali, la Giunta Comunale può variare le percentuali riservate ad affissioni commerciali e dirette. ART Impianti per Affissioni Dirette 1. Nel rispetto della ripartizione di cui al precedente art. 9, è consentita l attribuzione di spazi a privati solo su suolo pubblico, per l effettuazione di affissioni dirette di manifesti e simili, mediante svolgimento di specifica gara. 9

10 2. La concessione sarà disciplinata da apposita convenzione nella quale andranno precisate il numero, le dimensioni e l ubicazione degli impianti, la durata della concessione, il canone annuo dovuto al Comune nonché tutte le altre condizioni necessarie per un corretto rapporto. 3. La concessione comporta il pagamento di un canone nella misura risultante dal verbale di aggiudicazione della gara, nonché il pagamento dell imposta di pubblicità. Il canone di occupazione suolo pubblico è assorbito dal citato canone risultante dalla gara anche in relazione all occupazione dello spazio antistante i manufatti con mezzi ed altre strutture per consentire alle ditte concessionarie ed ai loro incaricati lo svolgimento delle operazioni di affissione, deaffissione e manutenzione ordinaria, mettendo in atto tutte le misure previste in materia di sicurezza stradale per garantire la fluidità della circolazione e la tutela dei cittadini, senza obbligo di comunicazione al Comando di Polizia Locale. La sosta inoperosa sarà sanzionata ai sensi di legge. 4. Nell ambito dei rapporti convenzionali relativi ad impiantistica affissionale su suolo pubblico, ai concessionari è riconosciuta la facoltà di sostituire gli impianti convenzionati con impianti a messaggio variabile (prismavision, rotorvision, ecc.) nei quali viene assentita la libera variazione dei messaggi pubblicitari a parità di superficie espositiva previa richiesta scritta all ufficio preposto. Detti impianti saranno assoggettati alle condizioni economiche e temporali previste nell atto convenzionale per le strutture sostituite nonchè all imposta comunale sulla pubblicità nella misura prevista dalla legge e dal presente Regolamento. 5. I concessionari di affissioni dirette, fermi restando il numero di impianti complessivamente di pertinenza nonchè i limiti fissati nell abaco, ed in particolare il limite dimensionale di m 6x3 (formato poster), possono richiedere di utilizzare plance o impianti, anche a messaggio variabile, di qualsiasi formato purchè di superficie non superiore a quelli originariamente convenzionati o aggiudicati mediante gara d appalto. 6. Nell ambito delle affissioni dirette, la durata di esposizione non potrà superare i 15 giorni. 7. E vietata l installazione di impianti per affissioni dirette, siano essi permanenti che temporanei, su spazi ed aree privati. ART Autorizzazione 1. La pubblicità, eseguita con qualsiasi materiale e/o che necessita di installazione o di collocazione di appositi mezzi, è sempre subordinata alla preventiva autorizzazione comunale, anche nel caso in cui la pubblicità medesima sia esente da imposta, salvo quanto disposto dal secondo comma. 2. Per le forme pubblicitarie rientranti nelle fattispecie di seguito elencate non è necessaria l autorizzazione di cui all art. 20 del presente Regolamento, ad eccezione di quelle effettuate sugli edifici tutelati come beni culturali e purchè non contengano il logo e/o la denominazione sociale: a) Pubblicità realizzata all interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi nonchè ai mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle porte di ingresso dei locali medesimi purchè siano attinenti all attività in essi esercitata e non superino, per ciascuna vetrina o ingresso, la superficie di mezzo metro quadrato. Detta superficie deve essere riferita alla minima figura piana geometrica in cui sono ricompresi i mezzi pubblicitari; b) Avvisi al pubblico, esposti nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei locali, relativi all attività svolta che non superino, per ciascuna vetrina o ingresso, la superficie di mezzo metro quadrato. Detta superficie deve essere riferita alla minima figura piana geometrica in cui sono ricompresi i suddetti avvisi; c) Avvisi al pubblico riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili su cui sono affissi di superficie non superiore ad un quarto di metro quadrato; 10

11 d) La pubblicità comunque effettuata all interno, sulle facciate esterne o sulle recinzioni dei locali di pubblico spettacolo qualora si riferisca alle rappresentazioni in programmazione; e) La pubblicità, escluse le insegne, relativa ai giornali ed alle pubblicazioni periodiche, se esposta sulle sole facciate esterne delle edicole o nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei negozi dove si effettua la vendita dei giornali e delle pubblicazioni suddette. 3. Nel caso di cambio di gestione per contratto di affitto o di cessione di azienda, il subentrante deve fare preventiva richiesta di autorizzazione prima di usufruire del materiale pubblicitario. 4. Non sono soggetti a preventiva autorizzazione i cartelli indicanti i prezzi dei prodotti venduti, l indicazione degli orari di apertura, degli strumenti di pagamento e tutte le altre informazioni al pubblico imposte dalle normative vigenti purchè non contengano alcun messaggio pubblicitario. 5. Non sono soggetti a preventiva autorizzazione i cartelli, menù, listini previsti dagli artt. 25 e 30 della Legge regionale n. 29/ esposti in vetrina o a parete all esterno dei locali, purchè nelle pertinenze dei locali stessi, di superficie complessiva inferiore al mezzo metro quadro e a condizione che non riportino il logo e/o la denominazione sociale e non contengano alcun messaggio pubblicitario. 6. La pubblicità all interno di impianti sportivi non è soggetta ad autorizzazione qualora i manufatti non siano visibili dall esterno. ART. 12 Anticipata rimozione 1. L Amministrazione Comunale può ordinare, con appositi provvedimenti amministrativi, sentiti i competenti uffici comunali, lo spostamento, la rimozione o il ridimensionamento del materiale pubblicitario, dei mezzi pubblicitari, delle tabelle per le affissioni, già installati, per sopravvenute esigenze estetiche, panoramiche, ambientali, di viabilità, per motivi connessi allo svolgimento di un pubblico servizio e/o per ragioni di pubblico interesse. 2. L interessato deve provvedere a rimuovere la pubblicità entro il termine che sarà fissato nel relativo atto amministrativo. La rimozione dovrà riguardare anche gli eventuali sostegni e supporti e comprendere il ripristino della sede del manufatto. 3. Qualora l interessato non ottemperi all ordine di rimozione della pubblicità nei termini stabiliti, l impianto pubblicitario sara considerato abusivo ad ogni effetto e saranno adottati provvedimenti di cui ai commi 13-bis, 13-tris e 13-quater del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo codice della strada. 4. Il titolare del mezzo rimosso avrà diritto al rimborso della quota di imposta corrispondente al periodo di mancato godimento, escluso ogni altro rimborso, compenso o indennità. ART Pubblicita effettuata su spazi ed aree comunali 1. Per la pubblicità effettuata su beni di proprietà Comunale o dati in godimento al Comune, ovvero sui beni appartenenti a demanio comunale, oltre all imposta di pubblicità è dovuto il canone di concessione e/o il canone per l occupazione spazi ed aree pubbliche, ove applicabili. ART Pubblicita effettuata su spazi privati non vincolati e vincolati 11

12 1. Sulle pareti delle armature prospicienti il suolo pubblico, nonché sulle pareti dei ponteggi, steccati, recinti per qualunque uso costruiti è riservata gratuitamente ed esclusivamente al Comune la facoltà di collocare appositi pannelli per l affissione di manifesti. Tali spazi sono considerati iscritti alla categoria in cui è classificata la località di esposizione ai fini dell applicazione dell imposta e del pagamento del diritto. 2. Gli spazi sulle pareti dei ponteggi, steccati, recinti di cui al comma precedente e che il Comune si riserva di utilizzare per le affissioni, non sono computabili nel novero della superficie affissativa obbligatoria determinata nell art. 7, comma 1, del presente Regolamento. 3. In tutto il territorio comunale è consentito l utilizzo, a fini pubblicitari, di parte o dell intera superficie di ponteggio degli spazi privati provvisori mediante l installazione di messaggi pubblicitari riprodotti su teli o su supporti rigidi posti a protezione dell attività di cantiere con le modalità previste nel presente Regolamento. 4. Ai sensi dell art. 49, comma 3, del D. Lgs. n. 42/04 e successive modifiche ed integrazioni, il soprintendente rilascia o nega il nulla osta per l utilizzo ai fini pubblicitari delle coperture dei ponteggi predisposti mediante l installazione di messaggi pubblicitari riprodotti su teli o su supporti rigidi posti a protezione dell attività di cantiere per l esecuzione degli interventi di conservazione di edifici vincolati, per un periodo non superiore alla durata dei lavori. A tal fine, alla richiesta di nulla osta, deve essere allegato il contratto di appalto dei lavori medesimi. ART Pubblicita Abusiva 1. E considerata abusiva la pubblicità esposta senza la prescritta autorizzazione preventiva, ovvero non conforme alle condizioni stabilite dall autorizzazione sia per forma, dimensioni, messaggio, sistemazione e ubicazione o affissa al di fuori dei luoghi a ciò riservati ed approvati dal Comune. 2. E altresì considerata abusiva la pubblicità per la quale siano stati omessi i dovuti pagamenti e le dovute dichiarazioni previsti per legge. 3. Similmente si considera abusiva ogni variazione apportata alla pubblicità già in opera e non dichiarata al Comune nonché la pubblicità dichiarata cessata e non rimossa. 4. Le pubblicità e le affissioni abusive sono eliminate o rimosse a cura dei soggetti passivi d imposta o dei responsabili dell abuso che dovranno provvedervi entro il termine massimo di 10 giorni dalla comunicazione di avvio di procedimento di rimozione; in caso di inadempienza, il Comune effettua, anche indipendentemente dalla procedura di rimozione e dall applicazione delle sanzioni previste dall art. 24, comma 2, del D. Lgs. n. 507/93, la immediata copertura della pubblicità abusiva, con addebito agli stessi soggetti passivi o ai responsabili dell abuso delle spese sostenute oltre alla contestazione delle relative infrazioni amministrative e tributarie. 5. Sono equiparate alle affissioni abusive anche le scritte murali. ART Controllo e verifiche del materiale esposto 1. Il Comune può procedere, in ogni momento, al controllo del materiale pubblicitario e delle pubbliche affissioni, allo scopo di verificare l'avvenuto rispetto delle disposizioni di legge e del presente Regolamento. ART. 17 Sanzioni 1. Tutte le violazioni alle disposizioni contenute nel presente Regolamento sono sanzionate ai sensi dell art. 24 del D. Lgs. n. 507/93. 12

13 2. Si applica in materia il Regolamento generale delle Entrate Tributarie. ART. 18 Responsabilità del Comune 1. Il Comune non assume alcuna responsabilità, sia in sede civile che penale, per eventuali infrazioni, danni od altro che, in conseguenza dei mezzi pubblicitari esposti, possano derivare a persone o cose. 2. Il Comune resta sollevato da ogni responsabilità derivante dall'eventuale infrazione alle disposizioni di legge e regolamentari. Il Comune, altresì, non ha il potere di censurare il contenuto della pubblicità o dell'affissione. 13

14 ART. 19 Disposizioni generali 14 CAPO II IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA 1. Nell ambito del territorio comunale la pubblicità può essere attuata con l esposizione di cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari, così come definiti dall art. 47 del D.P.R. n. 495/92, e con tutti gli altri mezzi pubblicitari non ricompresi nell art. 47 nei limiti consentiti dal presente Regolamento ed in osservanza alle disposizioni contenute nel Codice della strada, di cui al D. Lgs. n. 285/92, e nel relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione, di cui al D.P.R. n. 495/92, e successive modificazioni ed integrazioni. 2. L autorizzazione amministrativa rilasciata dal Settore Servizio delle entrate è necessaria per qualsiasi forma pubblicitaria, anche per quei cartelli, quelle insegne di esercizio e quei mezzi pubblicitari che ricadono nell obbligatorietà dell esposizione, in forza di leggi e regolamenti, fatta eccezione per quelli indicati all art. 11, comma Qualora il manufatto pubblicitario ricada su suolo pubblico, contestualmente all autorizzazione verrà rilasciata anche la concessione che comporta il pagamento del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. ART. 20 Domanda di autorizzazione 1. Chiunque intenda effettuare una forma pubblicitaria di qualsiasi genere, realizzata e supportata con qualsiasi materiale, permanente o temporanea, nell ambito del territorio comunale, dovrà essere in possesso dell autorizzazione del Comune rilasciata, previa presentazione di apposita domanda su moduli forniti dal Comune, disponibili anche sul sito internet secondo le modalità indicate nel presente Regolamento, salvo quanto disposto dall art. 11, comma La modulistica indica la documentazione tecnica ed amministrativa di supporto e l importo dei versamenti a copertura delle spese di istruttoria. 3. La domanda di autorizzazione in carta legale, indirizzata al Comune, indicante i dati di identificazione del richiedente, il recapito telefonico, il codice fiscale, la partita IVA, l'ubicazione, le dimensioni e il periodo di esposizione del manufatto o del materiale pubblicitario e sottoscritta con firma leggibile o conforme a documento allegato, deve contenere la seguente specifica documentazione: a) Bozzetto del manufatto, completo di misure, colori, caratteristiche tecnico-costruttive e materiale usato con la firma del richiedente; b) Planimetria della zona (estratto di mappa se su suolo demaniale o patrimoniale) con l indicazione del punto di installazione e l esistenza di segnali stradali, di impianti semaforici, di intersezioni, di altri cartelli e mezzi pubblicitari, indicandone le relative distanze; c) N 2 fotografie del posto dove si intende installare il manufatto pubblicitario (una del particolare e una panoramica del contesto) con simulazione dell installazione; d) Nulla osta dell'ente proprietario della strada, qualora il manufatto ricada in strade non di competenza del Comune e al di fuori del centro abitato (es.: Amministrazione Provinciale, A.N.A.S., Società Autostrade, Comando Territoriale per le strade militari); e) Nulla osta rilasciato dalla Soprintendenza se il manufatto viene installato su edifici tutelati come beni culturali; f) Relazione paesaggistica semplificata se il manufatto viene installato in area soggetta a vincolo di tutela ambientale;

COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E

COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER L' APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

Comune di Selargius. Provincia di Cagliari. Capo I. Disposizioni generali.

Comune di Selargius. Provincia di Cagliari. Capo I. Disposizioni generali. Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. Capo I. Disposizioni generali. Articolo 1. Oggetto

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI

Dettagli

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005)

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) Art. 1 Efficacia. 1. Il presente piano costituisce, assieme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con delibera di consiglio comunale n. 31 del 29.12.1995 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del 1 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI CASERTA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI D.Lgs. 30/04/92

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Alla domanda deve essere obbligatoriamente allegata:

Alla domanda deve essere obbligatoriamente allegata: TITOLO V_ DOMANDA ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE E AUTORIZZAZIONE ART. 30 DOMANDA E DOCUMENTAZIONE L installazione dei mezzi pubblicitari (insegne, targhe e bacheche, tende e ogni altro elemento evidenziato

Dettagli

Il sottoscritto. a ( ), il residente a. via n, codice fiscale. per conto (2) CHIEDE

Il sottoscritto. a ( ), il residente a. via n, codice fiscale. per conto (2) CHIEDE Marca da bollo Al Sig. Sindaco di Cossato Oggetto: Domanda per l installazione di (1) Il sottoscritto nat a ( ), il residente a via n, codice fiscale per conto (2) ai sensi delle vigenti leggi e norme

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Ponte San Nicolò Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con atto di C.C. n. 87 del 22.12.1995

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Allegato alla Delibera C.C. n. 125 del 15.12.1994 NOTE: Il presente Regolamento

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTÀ DEL VASTO Provincia di Chieti SERVIZIO PATRIMONIO

MUNICIPIO DELLA CITTÀ DEL VASTO Provincia di Chieti SERVIZIO PATRIMONIO SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO Pratica n. Ai sensi dell art. 5 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e s.m.i. la Responsabilità del Procedimento viene assegnata: al Responsabile del Servizio Patrimonio

Dettagli

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari.

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari. P R O V I N C I A d i B A R I SERVIZIO TRIBUTI E IMPIANTI TERMICI Regolamento per l installazione di cartelli, insegne di esercizio e altri mezzi pubblicitari. Approvato con Deliberazione Consiliare n.11

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 30 marzo 1999 Modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Comune di Pisa Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Approvato con Deliberazione del C.C. n. 19 del 29.04.2010 1 Indice Capo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE COMUNE DI FIDENZA PROVINCIA DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE Elaborato: Oggetto: 2.2 NORME TECNICHE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 29 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con deliberazione

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi Allegato A alla deliberazione C.C. n. 88 dell 08/09/1994 Il Segretario

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO 1^ DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento, adottato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. COMUNE DI GALLIERA 1 Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. (testo in vigore dal 1 luglio

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

Regolamento per la pubblicità e le affissioni

Regolamento per la pubblicità e le affissioni Regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 1 del 13.01.2011 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 81 del 24.11.2011 INDICE I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 14 DEL 27.2.2008 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 93 DEL 29.12.2009

APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 14 DEL 27.2.2008 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 93 DEL 29.12.2009 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Nato/a a Codice fiscale Residente nel Comune di indirizzo n. civico c.a.p. Tel Fax E.mail. La sottoscritta Società

Nato/a a Codice fiscale Residente nel Comune di indirizzo n. civico c.a.p. Tel Fax E.mail. La sottoscritta Società 1 COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it - tecnico@comune.ternodisola.bg.it domanda

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera di C.C. n. 105

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ Comune di Modena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ gruppo di lavoro Servizio Tributi Settore Pianificazione Territoriale Settore Polizia Municipale consulenza e collaborazione

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA CITTA DI SAMARATE Provincia di Varese INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità Comune di Castenaso Le guide dell URP Informazioni utili sull imposta di pubblicità 1 COS È È una imposta che si applica sulle esposizioni pubblicitarie, visive o acustiche, nell ambito del territorio

Dettagli

**************************

************************** COMUNE DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ************************** S

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare PROTOCOLLO COMUNALE AL COMUNE DI CESANO MADERNO SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Arese, n. 12 20031 Cesano Maderno (Mi) marca da bollo 14,62 Pratica

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA Marca da Bollo Al Sindaco di Povegliano Comando Polizia Locale Povegliano RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA da presentarsi almeno 10 giorni prima del periodo di esposizione (barrare la voce

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi D.P.R. n. 495/92 Pubblicità sulle strade e sui veicoli 48. (Art. 23 Cod. Str.) Dimensioni. 1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari previsti dall'articolo 23 del codice e definiti

Dettagli

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO'

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' Bollo 16,00 DOMANDA INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI (in bollo) DOMANDA RINNOVO AUTORIZZAZIONE (in bollo) COMUNICAZIONE INSTALLAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 38 del 29.04.2010 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Oggetto del regolamento

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia)

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (delibera C.C. n. 17 del 5 maggio 2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti Comune di Medicina AREA GETIONE DEL TERRITORIO tel. 051 6979208; fax. 051 6979222 Medicina, 15/12/2010 Approvato dalla QUAP in data 15/12/2010 Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Ufficio Pubblicità e Affissioni PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.153

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI NONANTOLA Ufficio Tributi NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del Regolamento Art. 2 Classificazione del Comune Art. 3 Gestione del servizio Art. 4 Tariffe e maggiorazioni

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina della pubblicità esterna

Regolamento Comunale per la disciplina della pubblicità esterna Regolamento Comunale per la disciplina della pubblicità esterna Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 80 del 29.6.2011 Modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 77 del 22.9.2015

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

CITTA DI VIGEVANO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CITTA DI VIGEVANO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 82 del 20/10/2003 Modificato con deliberazione

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Testo coordinato) Approvato con DC n. 94 del 31.7.1995

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie -

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - Ufficio Cartellonistica ed Impianti Pubblicitari, Piazza Matteotti n.20 Tel0774-301670 DENUNCIA

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE)

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE) COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE) Regolamento per la installazione delle insegne di esercizio, dei cartelli pubblicitari, delle tende solari. Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Chiede l autorizzazione ad installare

Chiede l autorizzazione ad installare marca da bollo euro 14,62: Al sig. Sindaco Comune di Barlassina Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende Io sottoscritto/a_ nato/a a _ il C.F. residente

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con delibera C.C. n. 208 del 13.10.1994 Modificato con delibera C.C. n. 172 del 27.11.2008 Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO IMPOSTA

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - APPROVATO DELIBERAZ. C.C. N. 62 DEL 28.09.1995 - MODIFICATO DELIBERAZ. C.C. N.

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione

Dettagli