Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose"

Transcript

1 Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose Ricerca curata dal Gruppo di lavoro sulla Qualità dell informazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti e dal LaRiCA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

2 La pubblicità condiziona la linea editoriale delle testate secondo un giornalista su due Introduzione di Pino Rea - Coordinatore del gruppo di Lavoro del Consiglio nazionale dell Ordine dei Giornalisti Qualità dell informazione e pubblicità 1. Metà dei giornalisti italiani ritiene che la pubblicità condizioni la linea editoriale delle testate, mentre il 54% è convinto che debbano essere riviste le norme deontologiche che regolano il rapporto fra informazione giornalistica e pubblicità. Sono i risultati più rilevanti della Ricerca compiuta dal Gruppo di lavoro su Qualità dell informazione e pubblicità* del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti insieme al LaRiCA 1 dell Università di Urbino Carlo Bo, dall équipe di ricerca costituita da Giovanni Boccia Artieri, Luca Rossi e Stefania Antonioni. L analisi mette in rilievo il progressivo accentuarsi della complessità del rapporto informazione/pubblicità, determinato dai mutamenti profondi che hanno investito in questi decenni tutta la macchina della produzione giornalistica, e segnala alcune rilevanti criticità. Indicando la necessità di un grosso lavoro di formazione delle giovani generazioni di giornalisti (che ormai i capi delle redazioni non riescono più a svolgere) e di una campagna di rilancio dei principi etici accompagnata dall adozione di sanzioni più severe e più efficaci. 1 Il LaRiCA è il Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata all interno del Dipartimento di Scienze della Comunicazione diretto da Lella Mazzoli nell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. 2

3 2. Il sondaggio conferma prima di tutto il sospetto di una sorta di doppiezza fra livello teorico e realtà dei fatti e fa emergere l urgenza del problema della possibile influenza degli inserzionisti (o dei soggetti di riferimento ) sulla linea delle testate. La grande maggioranza dei giornalisti italiani hanno ben chiare le linee teoriche di comportamento etico nei confronti della pubblicità - affermando di ritenere importante evitare di fornire informazioni, consigli o giudizi in favore degli inserzionisti (73%), dell editore (63%) o di un gruppo politico o sociale (66%) -, ma, quando si passa ad esaminare la realtà concreta, solo il 50% sono convinti che la pubblicità non influisca sulla linea dei giornali. Una doppiezza che è accentuata nelle redazioni online (sia quelle native che quelle che fanno capo a testate tradizionali) dove, come mostra l analisi dei questionari, c è una differenza di 7-8 punti percentuali in più nella coscienza del fenomeno. Nelle redazioni cartacee infatti l influenza della pubblicità sulla linea editoriale delle testate viene avvertita con minore urgenza. Per quanto riguarda l età, la percezione di una criticità nel rapporto fra informazione e pubblicità sembra emergere con maggiore rilevanza soprattutto per le generazioni intermedie, quelle fra i 30 e i 54 anni. La complessità del rapporto pubblicità/informazione giornalistica è sottolineato anche dall analisi delle questioni relative ai linguaggi, la cui evoluzione ha messo in crisi la nettezza della separazione formale dei relativi spazi. Mentre infatti alla domanda sulla visibilità di questa separazione il 79% del campione ha detto di essere d accordo col fatto che tale separazione sia sempre meno facilmente definibile (sottolineando quindi come esista una effettiva difficoltà nel distinguere i due ambiti comunicativi), per quanto riguarda l uso specifico del linguaggio solo il 53% del campione è 3

4 d accordo con l affermazione secondo cui l informazione utilizza lo stesso linguaggio della pubblicità (con una forte accentuazione delle redazioni cartacee rispetto alle altre). Ma se pubblicità e informazione finiscono a volte per convergere sul piano dei linguaggi questo da solo non basta a mettere in discussione l autonomia della linea di una testata giornalistica. Restano comunque alcune rilevanti criticità, come dimostra anche il fatto che un ampia maggioranza del campione (il 54%) ritiene che sia necessaria una revisione delle carte deontologiche. Alla domanda sulla eventuale necessità di una revisione delle norme (il 33% era in disaccordo con tale ipotesi) il 13% degli interpellati, una percentuale significativamente alta, hanno detto di essere incerti. Con una presenza molto accentuata di incerti nella fascia d età anni. L incapacità di esprimere un parere in questo campo indica probabilmente una scarsa conoscenza di quelle norme oppure una scarsa percezione del loro valore nell attività quotidiana. Questo dato fa presumere che ci sia un problema di comunicazione delle norme e del loro valore alle fasce di giornalisti più giovani e/o che esse diano meno importanza al sistema di autoregolazione che regge la professione. 3. Quanto al merito delle norme, le critiche avanzate dal 63% del campione riguardano non tanto i principi contenuti nelle Carte, quanto la loro effettiva applicazione e le relative sanzioni, che qualcuno ritiene fin troppo blande e a cui, secondo qualcun altro, si dovrebbero accoppiare anche misure pecuniarie. Un ulteriore problema segnalato è la difficoltà di controllare quello che accade nel giornalismo online, ritenuto un ambito maggiormente ambiguo e sfuggente per quanto riguarda la possibilità di distinguere fra informazione e pubblicità e quindi maggiormente 4

5 esposto ai pericoli derivanti dalla confusione degli ambiti promozionale e informativo. Ma non è escluso che si possa trattare di forme di pregiudizio (o di mancanza di conoscenza) del giornalismo tradizionale nei confronti del mondo digitale. Per quanto riguarda le possibili soluzioni per rendere più evidente la distinzione fra pubblicità e informazione vengono citati possibili espedienti grafici o soluzioni semplici (font e grafiche diverse, inserti separati, scritte in grande evidenza, ecc.) ma anche semplicistiche, mentre non manca in alcuni un totale disincanto nei confronti della soluzione del problema, ritenuto per molti aspetti irrisolvibile. Comunque, tra chi cita il Codice etico del Sole24Ore, chi la rivista femminile statunitense Ophra, chi il manifesto sull informazione locale partecipata, chi i dossier del magazine inglese Monocle, e chi porta l esempio del Fatto quotidiano, emerge anche la posizione di coloro che segnalano come la rete restituisca gli esempi dell unica informazione libera, quella partecipata e dal basso, che comprende anche le forme di citizen journalism e di crowdfounding. Anche se il sogno rimane quello di riuscire a sostenersi esclusivamente attraverso le proprie lorze e quindi facendo a meno della pubblicità. 4. In conclusione, le soluzioni praticabili citate dagli intervistati sono diverse, rispecchiano la molteplicità delle forme di giornalismo con le quali ci confrontiamo oggi, così come con le diverse idee di giornalismo e di eticità della professione che si stanno facendo strada. Segno questo della necessità di riflessione ed auto osservazione che in questo momento la professione può e deve fare su se stessa. 5

6 Il 54% ritiene che le attuali norme deontologiche debbano essere riviste 1. Giornalismo e pubblicità Ragionare oggi sul rapporto tra giornalismo e pubblicità significa interrogarsi sul rapporto tra due ambiti del sistema dei media che spesso sono visti come assolutamente antitetici ma che si ritrovano sempre più spesso ad una convivenza che è forzata dall evoluzione dello scenario mediale. Fare questo, e farlo attraverso una ricerca che vede coinvolti i giornalisti in prima persona, significa attivare un processo di auto-osservazione da parte della categoria giornalistica altamente complesso e non privo di incognite. La complessità, della quale la ricerca cercherà come possibile di dar conto, nasce anche dal fatto che il giornalismo, oggi, è una realtà quanto mai varia e complessa che ha al proprio interno una pluralità di esperienze di cose significhi fare il giornalista nella quotidianità che difficilmente trovano una facile sintesi. Queste differenze sono ovviamente riconducibili alla varietà di giornalismi con i quali abbiamo spesso a che fare, con la loro molteplicità di temi ma anche e soprattutto sono riconducibili alla molteplicità di piattaforme nelle quali il giornalismo contemporaneo si articola: piattaforme che coprono ogni possibile ambito dal cartaceo all online fino alle frontiere del mobile. Se l aspetto della piattaforma tecnica di riferimento è sicuramente significativo riflettendo sugli aspetti generali della professione giornalistica, diventa assolutamente cruciale quando ragioniamo del rapporto tra giornalismo e pubblicità. Dietro alle varie piattaforme tecnologiche, infatti, non vi sono solo stili giornalistici diversi ma anche modelli di business completamente differenti che devono essere compresi e spesso reinventati. In quest ottica oggi il rapporto tra giornalismo e pubblicità non è più il semplice rapporto tra il singolo giornalista, la sua etica individuale, e la pubblicità in quanto tale ma inserisce questa 6

7 dialettica comunque inevitabile all interno di una serie di mutamenti che investono tutta la macchina dell informazione dai giornalisti fino agli editori. 2. Per un giornalista su due la pubblicità influenza la linea editoriale 4% 50% 46% D'accordo Disaccordo Incerto Grafico 1: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali. Dai dati raccolti emerge infatti uno scenario dalle molte facce. Se da un lato i giornalisti sembrano avere ben chiare le linee di comportamento etiche nei confronti della pubblicità definendosi molto d accordo con una affermazione che sottolinea l importanza di evitare di fornire informazioni, consigli o giudizi nell interesse degli investitori pubblicitari (73%), dell editore (63%) o di un qualsivoglia gruppo politico o sociale (66%), dall altro, quando devono esprimersi sull effettiva realtà del rapporto tra informazione e pubblicità le risposte cambiano. Infatti quando si interrogano i giornalisti circa l influenza che la pubblicità ha sulla linea editoriale dei giornali, chiedendo loro di esprimere un parere di accordo o disaccordo sull indipendenza della linea editoriale nei confronti della pubblicità, solo il 50% degli intervistati se la sente di definirsi molto o abbastanza d accordo con questa affermazione mentre ben il 46% degli intervistati ritiene di non condividere questa indipendenza. Questa doppiezza del dato fa pensare inevitabilmente ad una differenza tra la teoria del comportamento giornalistico e la realtà quotidiana che viene esperita almeno in alcuni ambiti. Per cercare di approfondire questo aspetto è forse importante esplodere il dato che abbiamo appena fornito per cercare di capire quali sono quelle realtà che vivono maggiormente questa differenza. 7

8 ,8 34,8 32,4 30,8 28,2 23,5 20,5 17,6 17,9 17, ,9 4,4 2,6 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Solo Online Red. ODTC Cartaceo Grafico 2: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Grado di accordo/disaccordo per tipologia di redazione. Il grafico 2 mostra i livelli di accordo e disaccordo rispetto a questa domanda incrociati con Grafico 3: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Accordo e disaccordo aggregato diviso per tipologia di redazione. la tipologia di redazione. Le tipologie prese in considerazione qui sono redazioni solo online, redazioni online di testata anche cartacea, redazione cartacea. I dati mostrano come gli appartenenti alle varie tipologie abbiano risposto a questa specifica domanda. È interessante perché fatti salvo alcuni picchi particolari si registra un sostanziale equilibrio la le posizioni. Anche le forme di polarizzazione maggiore, come il 34,8% dei rispondenti che lavorano 8

9 presso redazioni online di testate anche cartacee che non condividono Per Niente l affermazione viene compensato da un uguale percentuale che, all interno della stessa tipologia redazionale, la condivide Abbastanza. Di fronte ad una tale scarsa polarizzazione delle opinioni una visione più aggregata può ancora una volta aiutarci. Il Grafico 3 mostra l aggregazione dei valori Molto-Abbastanza e Poco-Per Niente per le tre tipologie di testata. Mentre tra le redazioni unicaente online e quelle online di testate anche cartacee si riscontra un certo allineamento emerge la significativa differenza costituita dalle redazioni cartacee: il 56% dei rispondenti in questa categoria ritiene che la pubblicità non influenzi la linea editoriale dei giornali. Questa percentuale è di 7-8 punti maggiore rispetto a quanto viene registrato tra i rispondenti delle altre tipologie di redazione. Se sommiamo a questo una significativa percentuale di incerti (il 9%) sembra emergere che l influenza delle esigenze pubblicitarie all interno delle linee editoriali dei giornali sia un problema avvertito con minor urgenze nelle redazioni tradizionali piuttosto che in quelle digitali (di qualunque natura esse siano). Un ulteriore linea interpretativa delle risposte sull influenza della pubblicità sulla linea editoriale potrebbe essere di chiave generazionale. Se osserviamo i dati di accordo/disaccordo incrociati con le età dei rispondenti, infatti, troviamo un fenomeno interessante (Grafico 4) ,4 35,7 24,1 31,7 27,3 29,3 27,3 24,1 24,1 24,1 21,4 21,4 19,5 12,2 14,3 7,27,3 3,6 0 0 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Grafico 4: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Grado di accordo/disaccordo per fascia di età. Il valore di accordo Molto risulta essere stato scelto in maniera marcata dagli estremi anagrafici del nostro campione: il 45% degli over 55 e il 35% degli under 29. Questo 9

10 genera la sensazione che la percezione di una criticità nel rapporto tra informazione e pubblicità esista soprattutto per le generazioni intermedie dai 30 ai 54 anni. 3. È sempre più difficile per i lettori distinguere tra informazione e pubblicità 21% 0% 79% Accordo Disaccordo Incerto Grafico 5: La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile Il rapporto tra pubblicità ed informazione non ha a che fare solo con la possibilità della prima di influenza più o meno pesantemente la linea editoriali di un giornale o di un organo di informazione ma chiama in causa anche l evoluzione dei linguaggi della comunicazione e dell informazione alla quale abbiamo assistito negli ultimi anni. In particolare un punto potenzialmente molto critico è quella della capacità del lettore di distinguere tra i momenti informativi e quelli pubblicitari. La separazione degli spazi si è ridefinita molte volte nel corso degli anni anche in funzione di nuove strategie pubblicitarie che spesso spingono per rendere il messaggio pubblicitario sempre meno esplicitamente pubblicitario. Per indagare questa dimensione abbiamo chiesto al nostro campione il loro grado di accordo o disaccordo rispetto all affermazione secondo la quale La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile. Le risposte aggregate anche in questo caso per creare una più semplice opposizione tra accordo e disaccordo sono state molto chiare (Grafico 5). Ben il 79% percento dei rispondenti si dice d accordo con questa affermazione sottolineando come un effettiva difficoltà a distinguere tra i due ambiti comunicativi esiste. 10

11 Tale percezione sembra effettivamente essere condivisa e non sembra (Grafico 6) di poter individuare una differenza sulla base della tipologia di testata o generazionale ,6 52,8 43,9 29, ,4 14,6 16, ,2 5, Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Solo Online Red. ODTC Cartaceo Grafico 6: La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile. Grado di accordo/disaccordo per tipologia di redazione. Se la difficoltà nel distinguere e separare tra ambiti pubblicitari e informativi all interno della comunicazione contemporanea sembra essere un problema ampiamente sentito dal nostro campione quando andiamo ad indagare se dietro questa difficoltà a distinguere vi sia anche un problema di linguaggi specifici dei due ambiti comunicativi troviamo uno scenario molto diverso. La ricerca ha infatti sondato anche l accordo e il disaccordo rispetto alla affermazione secondo la quale L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità. Una visualizzazione aggregata delle risposte (Grafico 7) mostra chiaramente una situazione molto meno definita dove solo il 53% dei rispondenti di dichiara Molto o Abbastanza d accordo con l affermazione. La convergenza dei linguaggi informativi e pubblicitari sembra quindi un aspetto non condiviso da un ampia maggioranza ma piuttosto un ambito ancora in forse. In quest ottica, per capire come viene a costruirsi questo dato, è interessante incrociare queste risposte con le tipologie di redazione come già fatto in precedenza. 46% 1% 53% Accordo Disaccordo Incerto Grafico 7: L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità 11

12 Grafico 8: : L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità Accordo e disaccordo aggregato diviso per tipologia di redazione. Il grafico 8 mostra ancora una volta una differenza rispetto al livello di accordo tra le redazioni online (di entrambi i tipi) e quelle cartacee. Sembrano proprio quest ultime quelle più d accordo con l identificare una omologia dei linguaggi dell informazione con quelli pubblicitari. Appare importante sottolineare qui come la convergenza dei linguaggi non sia, in quanto tale, un elemento problematico. Tant è che le stesse redazioni che segnalano questa maggiore convergenza sono anche quelle che lamentano meno un problema di influenza da parte della pubblicità per quanto riguarda la linea di un giornale. In quest ottica quindi se pubblicità e informazione possono talvolta miscelarsi anche in funzione di una convergenza di linguaggi non sembra che questo basti, da solo, a mettere in discussione l autonomia di linea di un giornale o di un altro organo di informazione. Quest ultimo aspetto mette chiaramente in evidenza la complessità dell oggetto di indagine. Il rapporto tra pubblicità e informazione, infatti, si esplicita in molti ambiti diversi che hanno, inevitabilmente, diversi livelli di importanza e rilevanza anche per gli stessi giornalisti. Anche come conseguenza di questo ampio spettro di implicazioni le norme della carta deontologica dei giornalisti che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità 12

13 sono di grande importanza. Non solo perché regolano un ambito nel quale, come abbiamo visto, i giornalisti stessi rilevano più di una criticità ma anche perché, come abbiamo sottolineato all inizio, si trovano a cercare di regolare un ambito la cui velocità di cambiamento è estremamente elevata ed all interno del quale vengono a coesistere interessi diversi: da quelli del lettore a quelli dell editore passando per gli inserzionisti ed, ovviamente, i giornalisti. 4. La carta deontologica? Va ripensato il rapporto tra informazione e pubblicità Ecco quindi che una delle ultime aree di indagine della ricerca ha 13% riguardato la necessità di cambiare o 33% D'accordo Disaccordo 54% Incerto meno le norme della carta deontologica che direttamente si occupano di questi temi. Si è quindi chiesto al nostro campione di indicare il proprio grado di accordo o disaccordo rispetto alla seguente frase: Le norme delle Carte deontologiche Grafico 9: Le norme delle Carte deontologiche che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste. Come mostra il grafico 9 la maggioranza dei rispondenti ritiene che sia necessaria una revisione delle norme della carta mentre solo un terzo (33%) è in disaccordo con la necessità di questa revisione. È interessante sottolineare come una percentuale significativamente alta del campione (il 13%) non abbia saputo prendere una posizione rispetto a questa affermazione. 13

14 ,3 26,725 26,7 26, ,4 13,3 13,3 16,820 9,5 13,3 8,3 8,4 8,3 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Grafico 10: Le norme delle Carte deontologiche che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste Grado di accordo/disaccordo per fascia di età. Questa elevata percentuale assume un significato particolare se incrociamo queste risposte con le informazioni sull età dei rispondenti (Grafico 10). In questo modo risulta subito evidente come a fronte di un andamento più o meno regolare delle risposte con uno spostamento di tutte le età verso le risposte Molto o Abbastanza vi sia però il 26,7% dei rispondenti nella fascia anni che non ha espresso un parere. L incapacità di esprimere un parere sulla necessità di rivedere le norme della carta indica, con buona probabilità, una scarsa conoscenza delle stesse o una scarsa percezione del loro valore nell attività quotidiana. Che questa mancata conoscenza sia concentrata soprattutto sulla fascia più giovane del nostro campione può indicare diversi aspetti: da un lato può essere un problema di comunicazione ai più giovani delle norme della carta e del loro valore, ma al tempo stesso può indicare come le giovani generazioni diano meno importanza ad un sistema di autoregolamentazione come quello della carta deontologica. A questo punto, quindi, particolarmente interessante si rivela l analisi delle uniche due domande aperte del questionario, che chiedevano agli intervistati di esprimersi direttamente sull opportunità di rivedere alcuni aspetti delle carte deontologiche riguardo al rapporto tra informazione e pubblicità (domanda 24) e di citare possibili esempi di soluzioni creative adottate da alcune testate per risolvere opportunamente il rapporto tra informazione e pubblicità (domanda 25). È innanzitutto necessario rilevare che il tasso di risposta a queste due domande è stato piuttosto basso (54% per la domanda 24 e 42% per la domanda 25), segno probabilmente della indecisione o della difficoltà di esporre la propria idea in maniera più circostanziata. 14

15 Per quanto riguarda l opportunità o meno di rivedere alcuni aspetti delle Carte deontologiche specificamente relativi al rapporto tra informazione e pubblicità, circa il 37% esprime il proprio dissenso nei confronti di una eventuale revisione del testo, evidentemente ritenuto efficace nel distinguere il dominio dell informazione da quello della pubblicità e reputando sufficienti anche i termini con i quali si richiede ai giornalisti di palesare per i propri lettori la distinzione tra contenuto promozionale e informazione, oltre al richiamo di attenersi al proprio codice deontologico. Il restante 63%, invece, avanza critiche non tanto ai principi esposti nella Carte, quanto piuttosto alla loro effettiva applicazione, e propone ipotesi di parziale revisione del testo. In particolare, diversi intervistati rilevano che il reale problema sia costituito dal mancato rispetto di questo principio di carattere generale, in sé condivisibile ma non sempre applicato, anche a causa della mancanza di controlli efficaci. «Ritengo che i codici e le carte siano strumenti teoricamente sufficienti a distinguere l informazione dal messaggio pubblicitario. Il problema è che spesso le norme deontologiche non sono rispettate. Con l eccezione della Carta di Treviso sui minori che sembra essere entrata nella cultura e nella prassi quotidiana dei giornalisti italiani» 2. Il controllo più stringente (o reale) dell applicazione di questo codice interno dovrebbe, secondo alcuni, essere affiancato e rinforzato nella propria cogenza anche da pene pecuniarie, evidentemente ritenute più educative di qualsiasi altro strumento etico. «L unico aspetto da rivedere è il sistema di sanzioni, fin troppo blando». «Aggiungere regole e aspetti pecuniari per chi non rispetta le regole». Un ulteriore problema è per molti costituito dalla difficoltà di controllare ciò che accade nel giornalismo online, da alcuni ritenuto un ambito maggiormente ambiguo e sfuggente per 2 Le frasi virgolettate che seguiranno sono verbatim estratti dalle risposte di alcuni intervistati, perché ci pareva particolarmente efficace esprimerci con le parole dei rispondenti stessi. 15

16 quanto riguarda la possibilità di distinguere tra informazione e pubblicità e quindi maggiormente esposto ai pericoli derivanti dalla confusione degli ambiti promozionale e informativo, e di conseguenza terreno reputato di più facile aggiramento delle imposizioni e impostazioni etiche. «Secondo me, il testo così come è formulato è perfetto. Deve solo essere messo in pratica. Soprattutto per quanto riguarda l informazione su Internet». «Le regole ci sono, basterebbe farle rispettare. Magari andrebbe applicata al meglio anche alle testate on-line». Questa visione del giornalismo online corrisponde, per certi versi, con alcune delle opinioni più guardinghe emerse anche dalle risposte alle altre domande, che paiono inquadrare un leggero pregiudizio (o mancanza di conoscenza) del giornalismo tradizionale nei confronti delle sue forme diffuse sui media digitali. Alcuni altri ricordano che l attività di promozione può essere intesa anche in termini di carattere più generale e pertanto può riguardare non solo i prodotti commerciali, ma anche la classe politica o i gruppi di potere, altrettanti soggetti nei confronti dei quali dovrebbero essere fatte rispettare le norme delle carte deontologiche relative alla separazione tra informazione e pubblicità. «sì, partendo dal rispetto reale della separazione tra informazione e pubblicità. Anche politica, ovviamente». Tra le possibili soluzioni per rendere più evidente la distinzione tra informazione e pubblicità, viene citato il possibile utilizzo di espedienti grafici che permettano di evidenziare immediatamente la differenza dei contenuti, agli occhi di qualsiasi lettore. «Utilizzare un colore diverso e univoco per i messaggi pubblicitari, anche indiretti (negli articoli di informazione)». «La marchetta deve essere sempre palesata. Basta che nel testo venga indicato che si tratta di un servizio fatto da un inserzionista. Ad esempio, una emittente televisiva che parla diffusamente solo dei film che va ad acquistare, dovrebbe dirlo». 16

17 In conclusione, possiamo citare una risposta da parte di un intervistato che pone al centro della questione anche la necessità di formazione dei colleghi professionalmente più giovani, aspetto questo che rimanda alle differenze generazionali già emerse nella lettura dei dati precedentemente presentati ed in particolare con quelli analizzati nel grafico 10. «una rinfrescata che tenga conto delle continue innovazioni tecnologiche che si possono utilizzare per aggirarla sarebbe utile. Così come utile, ritengo, sarebbero un paio di ore almeno, all inizio del lavoro redazionale, in cui qualche collega anziano e scafato ponesse all erta il neofita su trucchi e malizie di proprietà ed editore circa i mezzi pratici utilizzati per aggirare le misure in questione. Poi ognuno avrà modo di imparare sulla propria pelle professionale». Come dicevamo in precedenza, la seconda domanda aperta (la 25) ha avuto un tasso di risposta ancor più basso della precedente, così come evidentemente inferiori sono risultate le proposte di eventuali soluzioni creative a conoscenza degli intervistati ed adottate da altre testate giornalistiche in materia di risoluzione dei problemi inerenti il rapporto tra informazione e pubblicità. Questo probabilmente perché: a) non si è a conoscenza di esempi di tale genere, ma anche perché b) forse non si ha una idea chiara di come questa spinosa quanto ineludibile relazione possa essere proficuamente risolta dal punto di vista etico. Da una parte, quindi, si propongono soluzioni piuttosto semplici perché ottenibili attraverso l utilizzo di font diversi, impaginazioni differenti o ancora la costituzione di plichi o inserti separati o evidentemente distinguibili dai restanti contenuti del giornale. «Esplicitare per iscritto la committenza della pagina da parte dell agenzia pubblicitaria; non numerare la pagina pubblicitaria; rendere più marcata la differenza grafica tra le sezioni pubblicitarie e quelle giornalistiche, a partire dai font utilizzati; avere un garante del lettore all interno del giornale». «Creare speciali pubblicitari o pagine con servizi pubblicitari dove però è chiaramente indicato, in forte evidenza, che si tratta di informazioni pubblicitarie e non di informazione redatta dal corpo giornalistico redazionale». 17

18 D altra parte alcuni intervistati mostrano anche un totale disincanto nei confronti di una possibile soluzione della questione, giudicata per molti aspetti irrisolvibile. «Spazi pubbliredazionali, inserti speciali a pagamento: tutte soluzioni già praticate». «Bene o male l informazione è schiava della pubblicità. Per questo il mestiere del giornalista è quello di sostegno al pubblicitario, che finanzia il suo lavoro. Il giornalista non deve più creare l informazione, ma solo supervisionarla, adattarla». «Certamente ci sono, come segnalare con Redazionale gli articoli pubblicati, ma anche qui è ben difficile per il lettore comune capire bene. Forse si potrebbe scrivere come sulle sigarette ben chiaro la pericolosità del Redazionali ma si cadrebbe nel ridicolo e non si risolverebbe certo il problema che ripeto è esclusivamente di chi fa il giornale». Tra chi cita il Codice etico del Sole24Ore, chi la rivista femminile statunitense Ophra, chi il manifesto sull informazione locale partecipata, chi i dossier del magazine inglese Monocle, e chi porta l esempio del Fatto quotidiano, emerge anche la posizione di coloro che segnalano come la rete restituisca gli esempi dell unica informazione libera, quella partecipata e dal basso, che comprende anche le forme di citizen journalism e di crowdfounding. «L informazione davvero libera è quella creata dai cittadini sui blog e sui sociale network». «Le testate online che prendono finanziamenti dai lettori, sono soprattutto siti di inchieste». Anche se il sogno rimane quello di riuscire a sostenersi esclusivamente attraverso le proprie forze e quindi facendo a meno della pubblicità: «La capacità di ricavare finanziamenti attraverso le vendite delle proprie copie, possibile attraverso un giornalismo di qualità e che dimostra di essere indipendente, o mediante gli abbonamenti, praticando la via dell abbonamento online, senza dover ricorrere necessariamente a forme di finanziamento provenienti da grandi o medi enti pubblicitari che, alla fine, condizionano la linea del giornale». Insomma, le soluzioni praticabili citate dagli intervistati sono diverse, rispecchiano la molteplicità delle forme di giornalismo con le quali ci confrontiamo oggi, così come con le diverse idee di giornalismo e di eticità della professione che si stanno facendo strada. Segno 18

19 questo della necessità di riflessione ed autoosservazione che in questo momento la professione può fare su se stessa. Note sulla Metodologia I dati presentati in questo il risultato in una ricerca svoltasi durante l estate I dati sono stati raccolti attraverso un questionario online autosomministrato su un campione di giornalisti italiani (N=101). Le testate giornalistiche partecipanti alla ricerca sono state individuate dal Gruppo di Lavoro sulla Qualità dell Informazione del Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti. Le testate, selezionate per rappresentare il più ampio panorama possibile di tipologia di testata informativa 3, sono state contattate via nel mese di Luglio 2011 ed una seconda volta nel mese di Settembre Il questionario era composto da 32 domande a risposta multipla che sono analizzate con il software PSPP e 2 domande a risposta aperta che sono state analizzate qualitativamente. 3 La tipologia di testate contattate comprende: Quotidiano Nazionale, Quotidiano Free Press, Quotidiano Inter-regionale, Quotidiano Locale, Settimanale, Quindicinale, Mensile. 19

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Risultati del questionario di valutazione del servizio di scarico online del referto nelle aziende riusanti Arsenàl.IT Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Informazioni preliminari

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Che cosa sono gli ebook

Che cosa sono gli ebook Che cosa sono gli ebook Per capire meglio che cosa sono gli ebook proviamo ad attivare una discussione preliminare sulle caratteristiche e i significati di questa nuova tecnologia del libro. Questo stesso

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

www.anesdigital.it ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea ANES Milano, 23 Marzo 2015

www.anesdigital.it ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea ANES Milano, 23 Marzo 2015 www.anesdigital.it 2015 ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea Digital Outlook 2015 Metodologia Metodologia La ricerca è stata effettuata attraverso la somministrazione

Dettagli

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 ASPETTI METODOLOGICI L INDAGINE IN SINTESI Indagine a cura di: - Area Organizzazione e gestione servizi

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio 8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio In conclusione, qualunque sia il giudizio che si può esprimere in merito ai sondaggi d opinione, resta il fatto che essi sono difficilmente

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale per la Lombardia LABORATORI DEONTOLOGICI Titolo VI del Codice Deontologico RESPONSABILITA DELL ASSISTENTE

Dettagli

Editoriale. di Marina Fabiano. Il coaching per la carriera

Editoriale. di Marina Fabiano. Il coaching per la carriera Editoriale Il coaching per la carriera Sembra una questione filosofica: Chi sono? Da dove parto? Dove voglio arrivare? E troppo tardi per cambiare carriera? E invece queste domande profonde racchiudono

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere Rapporto di ricerca quali-quantitativo Padova, 27 Novembre 2009 Obiettivi e metodologia della ricerca 2 La ricerca qui presentata, realizzata da ISPO in

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori www.tecnostress.it Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori realizzata in collaborazione con: www.puntosicuro.it Il senso di questa ricerca Il tecnostress è una sindrome causata

Dettagli

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB Questo manuale fornisce una guida tecnica per scrivere testi da copiare all interno di siti web minimizzando il lavoro necessario per adattare tali testi affinché

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

PattiChiari I giovani e il denaro. 1 ottobre 2008

PattiChiari I giovani e il denaro. 1 ottobre 2008 PattiChiari I giovani e il denaro 1 ottobre 2008 Il 46% degli adulti italiani discute poco di denaro in famiglia, e i giovani sembrano essere generalmente meno coinvolti (55%) Nella mia famiglia raramente

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe:

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2008 Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: Differenze nell utilizzo dei media fra generazioni

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

Processo di elaborazione

Processo di elaborazione Processo di elaborazione Questionario Esterno QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DELL UTENTE/VISITATORE Gruppo operativo 2.1.2. Performance 1. Nunzia Pandolfi 2. Simona Saltarelli 3. Annalina Notarantonio 4.

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

Conoscenza, orientamento e aspettative sulle fonti di energia rinnovabile da parte dei cittadini liguri

Conoscenza, orientamento e aspettative sulle fonti di energia rinnovabile da parte dei cittadini liguri CONOSCENZA DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Conoscenza, orientamento e aspettative sulle fonti di energia rinnovabile da parte dei cittadini liguri LA METODOLOGIA Il sondaggio di opinione sulla conoscenza

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

La rivista aziendale. Tavola rotonda Comunicare la salute: gli strumenti Modena, 30 ottobre 2003

La rivista aziendale. Tavola rotonda Comunicare la salute: gli strumenti Modena, 30 ottobre 2003 La rivista aziendale Tavola rotonda Comunicare la salute: gli strumenti Modena, 30 ottobre 2003 Conflitti d interesse del relatore Il relatore è amministratore dell Agenzia Zadig di giornalismo scientifico,

Dettagli

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI - 1 - INTRODUZIONE Il «Portfolio degli apprendimenti» è uno degli strumenti di valutazione che saranno adoperati durante la formazione CINCO. È stato ideato per essere sostanzialmente

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione IV trimestre 213 Rapporto in sintesi I consumatori continuano a pensare che l inflazione salirà oltre i livelli attuali, sia nel breve (un anno) che

Dettagli

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase LA NOTIZIA DIDASCALIE 2013: inizia una nuova fase I lettori di didascalie/informa, e innanzitutto i circa settemila insegnanti della scuola in Trentino, assieme ai presidi e al resto del personale, si

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA Cosa sono le Linee Guida e a cosa servono? Nel 1992, il Comitato per la Letteratura in Conferenza suggerì che i Fiduciari sviluppassero delle Linee Guida con

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

Corso di formazione Scrittura Giornalistica e Comunicazione Esterna

Corso di formazione Scrittura Giornalistica e Comunicazione Esterna Corso di formazione Scrittura Giornalistica e Comunicazione Esterna PROGRAMMA DELLE LEZIONI I Modulo: Introduzione alla Scrittura Giornalistica (come scrivere un articolo e leggere i giornali) I Lezione

Dettagli