Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose"

Transcript

1 Informazione e Pubblicità: le relazioni pericolose Ricerca curata dal Gruppo di lavoro sulla Qualità dell informazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti e dal LaRiCA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

2 La pubblicità condiziona la linea editoriale delle testate secondo un giornalista su due Introduzione di Pino Rea - Coordinatore del gruppo di Lavoro del Consiglio nazionale dell Ordine dei Giornalisti Qualità dell informazione e pubblicità 1. Metà dei giornalisti italiani ritiene che la pubblicità condizioni la linea editoriale delle testate, mentre il 54% è convinto che debbano essere riviste le norme deontologiche che regolano il rapporto fra informazione giornalistica e pubblicità. Sono i risultati più rilevanti della Ricerca compiuta dal Gruppo di lavoro su Qualità dell informazione e pubblicità* del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti insieme al LaRiCA 1 dell Università di Urbino Carlo Bo, dall équipe di ricerca costituita da Giovanni Boccia Artieri, Luca Rossi e Stefania Antonioni. L analisi mette in rilievo il progressivo accentuarsi della complessità del rapporto informazione/pubblicità, determinato dai mutamenti profondi che hanno investito in questi decenni tutta la macchina della produzione giornalistica, e segnala alcune rilevanti criticità. Indicando la necessità di un grosso lavoro di formazione delle giovani generazioni di giornalisti (che ormai i capi delle redazioni non riescono più a svolgere) e di una campagna di rilancio dei principi etici accompagnata dall adozione di sanzioni più severe e più efficaci. 1 Il LaRiCA è il Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata all interno del Dipartimento di Scienze della Comunicazione diretto da Lella Mazzoli nell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. 2

3 2. Il sondaggio conferma prima di tutto il sospetto di una sorta di doppiezza fra livello teorico e realtà dei fatti e fa emergere l urgenza del problema della possibile influenza degli inserzionisti (o dei soggetti di riferimento ) sulla linea delle testate. La grande maggioranza dei giornalisti italiani hanno ben chiare le linee teoriche di comportamento etico nei confronti della pubblicità - affermando di ritenere importante evitare di fornire informazioni, consigli o giudizi in favore degli inserzionisti (73%), dell editore (63%) o di un gruppo politico o sociale (66%) -, ma, quando si passa ad esaminare la realtà concreta, solo il 50% sono convinti che la pubblicità non influisca sulla linea dei giornali. Una doppiezza che è accentuata nelle redazioni online (sia quelle native che quelle che fanno capo a testate tradizionali) dove, come mostra l analisi dei questionari, c è una differenza di 7-8 punti percentuali in più nella coscienza del fenomeno. Nelle redazioni cartacee infatti l influenza della pubblicità sulla linea editoriale delle testate viene avvertita con minore urgenza. Per quanto riguarda l età, la percezione di una criticità nel rapporto fra informazione e pubblicità sembra emergere con maggiore rilevanza soprattutto per le generazioni intermedie, quelle fra i 30 e i 54 anni. La complessità del rapporto pubblicità/informazione giornalistica è sottolineato anche dall analisi delle questioni relative ai linguaggi, la cui evoluzione ha messo in crisi la nettezza della separazione formale dei relativi spazi. Mentre infatti alla domanda sulla visibilità di questa separazione il 79% del campione ha detto di essere d accordo col fatto che tale separazione sia sempre meno facilmente definibile (sottolineando quindi come esista una effettiva difficoltà nel distinguere i due ambiti comunicativi), per quanto riguarda l uso specifico del linguaggio solo il 53% del campione è 3

4 d accordo con l affermazione secondo cui l informazione utilizza lo stesso linguaggio della pubblicità (con una forte accentuazione delle redazioni cartacee rispetto alle altre). Ma se pubblicità e informazione finiscono a volte per convergere sul piano dei linguaggi questo da solo non basta a mettere in discussione l autonomia della linea di una testata giornalistica. Restano comunque alcune rilevanti criticità, come dimostra anche il fatto che un ampia maggioranza del campione (il 54%) ritiene che sia necessaria una revisione delle carte deontologiche. Alla domanda sulla eventuale necessità di una revisione delle norme (il 33% era in disaccordo con tale ipotesi) il 13% degli interpellati, una percentuale significativamente alta, hanno detto di essere incerti. Con una presenza molto accentuata di incerti nella fascia d età anni. L incapacità di esprimere un parere in questo campo indica probabilmente una scarsa conoscenza di quelle norme oppure una scarsa percezione del loro valore nell attività quotidiana. Questo dato fa presumere che ci sia un problema di comunicazione delle norme e del loro valore alle fasce di giornalisti più giovani e/o che esse diano meno importanza al sistema di autoregolazione che regge la professione. 3. Quanto al merito delle norme, le critiche avanzate dal 63% del campione riguardano non tanto i principi contenuti nelle Carte, quanto la loro effettiva applicazione e le relative sanzioni, che qualcuno ritiene fin troppo blande e a cui, secondo qualcun altro, si dovrebbero accoppiare anche misure pecuniarie. Un ulteriore problema segnalato è la difficoltà di controllare quello che accade nel giornalismo online, ritenuto un ambito maggiormente ambiguo e sfuggente per quanto riguarda la possibilità di distinguere fra informazione e pubblicità e quindi maggiormente 4

5 esposto ai pericoli derivanti dalla confusione degli ambiti promozionale e informativo. Ma non è escluso che si possa trattare di forme di pregiudizio (o di mancanza di conoscenza) del giornalismo tradizionale nei confronti del mondo digitale. Per quanto riguarda le possibili soluzioni per rendere più evidente la distinzione fra pubblicità e informazione vengono citati possibili espedienti grafici o soluzioni semplici (font e grafiche diverse, inserti separati, scritte in grande evidenza, ecc.) ma anche semplicistiche, mentre non manca in alcuni un totale disincanto nei confronti della soluzione del problema, ritenuto per molti aspetti irrisolvibile. Comunque, tra chi cita il Codice etico del Sole24Ore, chi la rivista femminile statunitense Ophra, chi il manifesto sull informazione locale partecipata, chi i dossier del magazine inglese Monocle, e chi porta l esempio del Fatto quotidiano, emerge anche la posizione di coloro che segnalano come la rete restituisca gli esempi dell unica informazione libera, quella partecipata e dal basso, che comprende anche le forme di citizen journalism e di crowdfounding. Anche se il sogno rimane quello di riuscire a sostenersi esclusivamente attraverso le proprie lorze e quindi facendo a meno della pubblicità. 4. In conclusione, le soluzioni praticabili citate dagli intervistati sono diverse, rispecchiano la molteplicità delle forme di giornalismo con le quali ci confrontiamo oggi, così come con le diverse idee di giornalismo e di eticità della professione che si stanno facendo strada. Segno questo della necessità di riflessione ed auto osservazione che in questo momento la professione può e deve fare su se stessa. 5

6 Il 54% ritiene che le attuali norme deontologiche debbano essere riviste 1. Giornalismo e pubblicità Ragionare oggi sul rapporto tra giornalismo e pubblicità significa interrogarsi sul rapporto tra due ambiti del sistema dei media che spesso sono visti come assolutamente antitetici ma che si ritrovano sempre più spesso ad una convivenza che è forzata dall evoluzione dello scenario mediale. Fare questo, e farlo attraverso una ricerca che vede coinvolti i giornalisti in prima persona, significa attivare un processo di auto-osservazione da parte della categoria giornalistica altamente complesso e non privo di incognite. La complessità, della quale la ricerca cercherà come possibile di dar conto, nasce anche dal fatto che il giornalismo, oggi, è una realtà quanto mai varia e complessa che ha al proprio interno una pluralità di esperienze di cose significhi fare il giornalista nella quotidianità che difficilmente trovano una facile sintesi. Queste differenze sono ovviamente riconducibili alla varietà di giornalismi con i quali abbiamo spesso a che fare, con la loro molteplicità di temi ma anche e soprattutto sono riconducibili alla molteplicità di piattaforme nelle quali il giornalismo contemporaneo si articola: piattaforme che coprono ogni possibile ambito dal cartaceo all online fino alle frontiere del mobile. Se l aspetto della piattaforma tecnica di riferimento è sicuramente significativo riflettendo sugli aspetti generali della professione giornalistica, diventa assolutamente cruciale quando ragioniamo del rapporto tra giornalismo e pubblicità. Dietro alle varie piattaforme tecnologiche, infatti, non vi sono solo stili giornalistici diversi ma anche modelli di business completamente differenti che devono essere compresi e spesso reinventati. In quest ottica oggi il rapporto tra giornalismo e pubblicità non è più il semplice rapporto tra il singolo giornalista, la sua etica individuale, e la pubblicità in quanto tale ma inserisce questa 6

7 dialettica comunque inevitabile all interno di una serie di mutamenti che investono tutta la macchina dell informazione dai giornalisti fino agli editori. 2. Per un giornalista su due la pubblicità influenza la linea editoriale 4% 50% 46% D'accordo Disaccordo Incerto Grafico 1: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali. Dai dati raccolti emerge infatti uno scenario dalle molte facce. Se da un lato i giornalisti sembrano avere ben chiare le linee di comportamento etiche nei confronti della pubblicità definendosi molto d accordo con una affermazione che sottolinea l importanza di evitare di fornire informazioni, consigli o giudizi nell interesse degli investitori pubblicitari (73%), dell editore (63%) o di un qualsivoglia gruppo politico o sociale (66%), dall altro, quando devono esprimersi sull effettiva realtà del rapporto tra informazione e pubblicità le risposte cambiano. Infatti quando si interrogano i giornalisti circa l influenza che la pubblicità ha sulla linea editoriale dei giornali, chiedendo loro di esprimere un parere di accordo o disaccordo sull indipendenza della linea editoriale nei confronti della pubblicità, solo il 50% degli intervistati se la sente di definirsi molto o abbastanza d accordo con questa affermazione mentre ben il 46% degli intervistati ritiene di non condividere questa indipendenza. Questa doppiezza del dato fa pensare inevitabilmente ad una differenza tra la teoria del comportamento giornalistico e la realtà quotidiana che viene esperita almeno in alcuni ambiti. Per cercare di approfondire questo aspetto è forse importante esplodere il dato che abbiamo appena fornito per cercare di capire quali sono quelle realtà che vivono maggiormente questa differenza. 7

8 ,8 34,8 32,4 30,8 28,2 23,5 20,5 17,6 17,9 17, ,9 4,4 2,6 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Solo Online Red. ODTC Cartaceo Grafico 2: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Grado di accordo/disaccordo per tipologia di redazione. Il grafico 2 mostra i livelli di accordo e disaccordo rispetto a questa domanda incrociati con Grafico 3: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Accordo e disaccordo aggregato diviso per tipologia di redazione. la tipologia di redazione. Le tipologie prese in considerazione qui sono redazioni solo online, redazioni online di testata anche cartacea, redazione cartacea. I dati mostrano come gli appartenenti alle varie tipologie abbiano risposto a questa specifica domanda. È interessante perché fatti salvo alcuni picchi particolari si registra un sostanziale equilibrio la le posizioni. Anche le forme di polarizzazione maggiore, come il 34,8% dei rispondenti che lavorano 8

9 presso redazioni online di testate anche cartacee che non condividono Per Niente l affermazione viene compensato da un uguale percentuale che, all interno della stessa tipologia redazionale, la condivide Abbastanza. Di fronte ad una tale scarsa polarizzazione delle opinioni una visione più aggregata può ancora una volta aiutarci. Il Grafico 3 mostra l aggregazione dei valori Molto-Abbastanza e Poco-Per Niente per le tre tipologie di testata. Mentre tra le redazioni unicaente online e quelle online di testate anche cartacee si riscontra un certo allineamento emerge la significativa differenza costituita dalle redazioni cartacee: il 56% dei rispondenti in questa categoria ritiene che la pubblicità non influenzi la linea editoriale dei giornali. Questa percentuale è di 7-8 punti maggiore rispetto a quanto viene registrato tra i rispondenti delle altre tipologie di redazione. Se sommiamo a questo una significativa percentuale di incerti (il 9%) sembra emergere che l influenza delle esigenze pubblicitarie all interno delle linee editoriali dei giornali sia un problema avvertito con minor urgenze nelle redazioni tradizionali piuttosto che in quelle digitali (di qualunque natura esse siano). Un ulteriore linea interpretativa delle risposte sull influenza della pubblicità sulla linea editoriale potrebbe essere di chiave generazionale. Se osserviamo i dati di accordo/disaccordo incrociati con le età dei rispondenti, infatti, troviamo un fenomeno interessante (Grafico 4) ,4 35,7 24,1 31,7 27,3 29,3 27,3 24,1 24,1 24,1 21,4 21,4 19,5 12,2 14,3 7,27,3 3,6 0 0 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Grafico 4: La pubblicità non influisce in alcun modo sulla linea editoriale dei giornali Grado di accordo/disaccordo per fascia di età. Il valore di accordo Molto risulta essere stato scelto in maniera marcata dagli estremi anagrafici del nostro campione: il 45% degli over 55 e il 35% degli under 29. Questo 9

10 genera la sensazione che la percezione di una criticità nel rapporto tra informazione e pubblicità esista soprattutto per le generazioni intermedie dai 30 ai 54 anni. 3. È sempre più difficile per i lettori distinguere tra informazione e pubblicità 21% 0% 79% Accordo Disaccordo Incerto Grafico 5: La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile Il rapporto tra pubblicità ed informazione non ha a che fare solo con la possibilità della prima di influenza più o meno pesantemente la linea editoriali di un giornale o di un organo di informazione ma chiama in causa anche l evoluzione dei linguaggi della comunicazione e dell informazione alla quale abbiamo assistito negli ultimi anni. In particolare un punto potenzialmente molto critico è quella della capacità del lettore di distinguere tra i momenti informativi e quelli pubblicitari. La separazione degli spazi si è ridefinita molte volte nel corso degli anni anche in funzione di nuove strategie pubblicitarie che spesso spingono per rendere il messaggio pubblicitario sempre meno esplicitamente pubblicitario. Per indagare questa dimensione abbiamo chiesto al nostro campione il loro grado di accordo o disaccordo rispetto all affermazione secondo la quale La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile. Le risposte aggregate anche in questo caso per creare una più semplice opposizione tra accordo e disaccordo sono state molto chiare (Grafico 5). Ben il 79% percento dei rispondenti si dice d accordo con questa affermazione sottolineando come un effettiva difficoltà a distinguere tra i due ambiti comunicativi esiste. 10

11 Tale percezione sembra effettivamente essere condivisa e non sembra (Grafico 6) di poter individuare una differenza sulla base della tipologia di testata o generazionale ,6 52,8 43,9 29, ,4 14,6 16, ,2 5, Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Solo Online Red. ODTC Cartaceo Grafico 6: La separazione tra informazione e pubblicità è sempre meno facilmente definibile. Grado di accordo/disaccordo per tipologia di redazione. Se la difficoltà nel distinguere e separare tra ambiti pubblicitari e informativi all interno della comunicazione contemporanea sembra essere un problema ampiamente sentito dal nostro campione quando andiamo ad indagare se dietro questa difficoltà a distinguere vi sia anche un problema di linguaggi specifici dei due ambiti comunicativi troviamo uno scenario molto diverso. La ricerca ha infatti sondato anche l accordo e il disaccordo rispetto alla affermazione secondo la quale L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità. Una visualizzazione aggregata delle risposte (Grafico 7) mostra chiaramente una situazione molto meno definita dove solo il 53% dei rispondenti di dichiara Molto o Abbastanza d accordo con l affermazione. La convergenza dei linguaggi informativi e pubblicitari sembra quindi un aspetto non condiviso da un ampia maggioranza ma piuttosto un ambito ancora in forse. In quest ottica, per capire come viene a costruirsi questo dato, è interessante incrociare queste risposte con le tipologie di redazione come già fatto in precedenza. 46% 1% 53% Accordo Disaccordo Incerto Grafico 7: L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità 11

12 Grafico 8: : L informazione utilizza lo stesso linguaggio utilizzato dalla pubblicità Accordo e disaccordo aggregato diviso per tipologia di redazione. Il grafico 8 mostra ancora una volta una differenza rispetto al livello di accordo tra le redazioni online (di entrambi i tipi) e quelle cartacee. Sembrano proprio quest ultime quelle più d accordo con l identificare una omologia dei linguaggi dell informazione con quelli pubblicitari. Appare importante sottolineare qui come la convergenza dei linguaggi non sia, in quanto tale, un elemento problematico. Tant è che le stesse redazioni che segnalano questa maggiore convergenza sono anche quelle che lamentano meno un problema di influenza da parte della pubblicità per quanto riguarda la linea di un giornale. In quest ottica quindi se pubblicità e informazione possono talvolta miscelarsi anche in funzione di una convergenza di linguaggi non sembra che questo basti, da solo, a mettere in discussione l autonomia di linea di un giornale o di un altro organo di informazione. Quest ultimo aspetto mette chiaramente in evidenza la complessità dell oggetto di indagine. Il rapporto tra pubblicità e informazione, infatti, si esplicita in molti ambiti diversi che hanno, inevitabilmente, diversi livelli di importanza e rilevanza anche per gli stessi giornalisti. Anche come conseguenza di questo ampio spettro di implicazioni le norme della carta deontologica dei giornalisti che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità 12

13 sono di grande importanza. Non solo perché regolano un ambito nel quale, come abbiamo visto, i giornalisti stessi rilevano più di una criticità ma anche perché, come abbiamo sottolineato all inizio, si trovano a cercare di regolare un ambito la cui velocità di cambiamento è estremamente elevata ed all interno del quale vengono a coesistere interessi diversi: da quelli del lettore a quelli dell editore passando per gli inserzionisti ed, ovviamente, i giornalisti. 4. La carta deontologica? Va ripensato il rapporto tra informazione e pubblicità Ecco quindi che una delle ultime aree di indagine della ricerca ha 13% riguardato la necessità di cambiare o 33% D'accordo Disaccordo 54% Incerto meno le norme della carta deontologica che direttamente si occupano di questi temi. Si è quindi chiesto al nostro campione di indicare il proprio grado di accordo o disaccordo rispetto alla seguente frase: Le norme delle Carte deontologiche Grafico 9: Le norme delle Carte deontologiche che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste. Come mostra il grafico 9 la maggioranza dei rispondenti ritiene che sia necessaria una revisione delle norme della carta mentre solo un terzo (33%) è in disaccordo con la necessità di questa revisione. È interessante sottolineare come una percentuale significativamente alta del campione (il 13%) non abbia saputo prendere una posizione rispetto a questa affermazione. 13

14 ,3 26,725 26,7 26, ,4 13,3 13,3 16,820 9,5 13,3 8,3 8,4 8,3 Molto Abbastanza Poco Per Niente Non So Grafico 10: Le norme delle Carte deontologiche che riguardano il rapporto tra informazione e pubblicità dovrebbero essere riviste Grado di accordo/disaccordo per fascia di età. Questa elevata percentuale assume un significato particolare se incrociamo queste risposte con le informazioni sull età dei rispondenti (Grafico 10). In questo modo risulta subito evidente come a fronte di un andamento più o meno regolare delle risposte con uno spostamento di tutte le età verso le risposte Molto o Abbastanza vi sia però il 26,7% dei rispondenti nella fascia anni che non ha espresso un parere. L incapacità di esprimere un parere sulla necessità di rivedere le norme della carta indica, con buona probabilità, una scarsa conoscenza delle stesse o una scarsa percezione del loro valore nell attività quotidiana. Che questa mancata conoscenza sia concentrata soprattutto sulla fascia più giovane del nostro campione può indicare diversi aspetti: da un lato può essere un problema di comunicazione ai più giovani delle norme della carta e del loro valore, ma al tempo stesso può indicare come le giovani generazioni diano meno importanza ad un sistema di autoregolamentazione come quello della carta deontologica. A questo punto, quindi, particolarmente interessante si rivela l analisi delle uniche due domande aperte del questionario, che chiedevano agli intervistati di esprimersi direttamente sull opportunità di rivedere alcuni aspetti delle carte deontologiche riguardo al rapporto tra informazione e pubblicità (domanda 24) e di citare possibili esempi di soluzioni creative adottate da alcune testate per risolvere opportunamente il rapporto tra informazione e pubblicità (domanda 25). È innanzitutto necessario rilevare che il tasso di risposta a queste due domande è stato piuttosto basso (54% per la domanda 24 e 42% per la domanda 25), segno probabilmente della indecisione o della difficoltà di esporre la propria idea in maniera più circostanziata. 14

15 Per quanto riguarda l opportunità o meno di rivedere alcuni aspetti delle Carte deontologiche specificamente relativi al rapporto tra informazione e pubblicità, circa il 37% esprime il proprio dissenso nei confronti di una eventuale revisione del testo, evidentemente ritenuto efficace nel distinguere il dominio dell informazione da quello della pubblicità e reputando sufficienti anche i termini con i quali si richiede ai giornalisti di palesare per i propri lettori la distinzione tra contenuto promozionale e informazione, oltre al richiamo di attenersi al proprio codice deontologico. Il restante 63%, invece, avanza critiche non tanto ai principi esposti nella Carte, quanto piuttosto alla loro effettiva applicazione, e propone ipotesi di parziale revisione del testo. In particolare, diversi intervistati rilevano che il reale problema sia costituito dal mancato rispetto di questo principio di carattere generale, in sé condivisibile ma non sempre applicato, anche a causa della mancanza di controlli efficaci. «Ritengo che i codici e le carte siano strumenti teoricamente sufficienti a distinguere l informazione dal messaggio pubblicitario. Il problema è che spesso le norme deontologiche non sono rispettate. Con l eccezione della Carta di Treviso sui minori che sembra essere entrata nella cultura e nella prassi quotidiana dei giornalisti italiani» 2. Il controllo più stringente (o reale) dell applicazione di questo codice interno dovrebbe, secondo alcuni, essere affiancato e rinforzato nella propria cogenza anche da pene pecuniarie, evidentemente ritenute più educative di qualsiasi altro strumento etico. «L unico aspetto da rivedere è il sistema di sanzioni, fin troppo blando». «Aggiungere regole e aspetti pecuniari per chi non rispetta le regole». Un ulteriore problema è per molti costituito dalla difficoltà di controllare ciò che accade nel giornalismo online, da alcuni ritenuto un ambito maggiormente ambiguo e sfuggente per 2 Le frasi virgolettate che seguiranno sono verbatim estratti dalle risposte di alcuni intervistati, perché ci pareva particolarmente efficace esprimerci con le parole dei rispondenti stessi. 15

16 quanto riguarda la possibilità di distinguere tra informazione e pubblicità e quindi maggiormente esposto ai pericoli derivanti dalla confusione degli ambiti promozionale e informativo, e di conseguenza terreno reputato di più facile aggiramento delle imposizioni e impostazioni etiche. «Secondo me, il testo così come è formulato è perfetto. Deve solo essere messo in pratica. Soprattutto per quanto riguarda l informazione su Internet». «Le regole ci sono, basterebbe farle rispettare. Magari andrebbe applicata al meglio anche alle testate on-line». Questa visione del giornalismo online corrisponde, per certi versi, con alcune delle opinioni più guardinghe emerse anche dalle risposte alle altre domande, che paiono inquadrare un leggero pregiudizio (o mancanza di conoscenza) del giornalismo tradizionale nei confronti delle sue forme diffuse sui media digitali. Alcuni altri ricordano che l attività di promozione può essere intesa anche in termini di carattere più generale e pertanto può riguardare non solo i prodotti commerciali, ma anche la classe politica o i gruppi di potere, altrettanti soggetti nei confronti dei quali dovrebbero essere fatte rispettare le norme delle carte deontologiche relative alla separazione tra informazione e pubblicità. «sì, partendo dal rispetto reale della separazione tra informazione e pubblicità. Anche politica, ovviamente». Tra le possibili soluzioni per rendere più evidente la distinzione tra informazione e pubblicità, viene citato il possibile utilizzo di espedienti grafici che permettano di evidenziare immediatamente la differenza dei contenuti, agli occhi di qualsiasi lettore. «Utilizzare un colore diverso e univoco per i messaggi pubblicitari, anche indiretti (negli articoli di informazione)». «La marchetta deve essere sempre palesata. Basta che nel testo venga indicato che si tratta di un servizio fatto da un inserzionista. Ad esempio, una emittente televisiva che parla diffusamente solo dei film che va ad acquistare, dovrebbe dirlo». 16

17 In conclusione, possiamo citare una risposta da parte di un intervistato che pone al centro della questione anche la necessità di formazione dei colleghi professionalmente più giovani, aspetto questo che rimanda alle differenze generazionali già emerse nella lettura dei dati precedentemente presentati ed in particolare con quelli analizzati nel grafico 10. «una rinfrescata che tenga conto delle continue innovazioni tecnologiche che si possono utilizzare per aggirarla sarebbe utile. Così come utile, ritengo, sarebbero un paio di ore almeno, all inizio del lavoro redazionale, in cui qualche collega anziano e scafato ponesse all erta il neofita su trucchi e malizie di proprietà ed editore circa i mezzi pratici utilizzati per aggirare le misure in questione. Poi ognuno avrà modo di imparare sulla propria pelle professionale». Come dicevamo in precedenza, la seconda domanda aperta (la 25) ha avuto un tasso di risposta ancor più basso della precedente, così come evidentemente inferiori sono risultate le proposte di eventuali soluzioni creative a conoscenza degli intervistati ed adottate da altre testate giornalistiche in materia di risoluzione dei problemi inerenti il rapporto tra informazione e pubblicità. Questo probabilmente perché: a) non si è a conoscenza di esempi di tale genere, ma anche perché b) forse non si ha una idea chiara di come questa spinosa quanto ineludibile relazione possa essere proficuamente risolta dal punto di vista etico. Da una parte, quindi, si propongono soluzioni piuttosto semplici perché ottenibili attraverso l utilizzo di font diversi, impaginazioni differenti o ancora la costituzione di plichi o inserti separati o evidentemente distinguibili dai restanti contenuti del giornale. «Esplicitare per iscritto la committenza della pagina da parte dell agenzia pubblicitaria; non numerare la pagina pubblicitaria; rendere più marcata la differenza grafica tra le sezioni pubblicitarie e quelle giornalistiche, a partire dai font utilizzati; avere un garante del lettore all interno del giornale». «Creare speciali pubblicitari o pagine con servizi pubblicitari dove però è chiaramente indicato, in forte evidenza, che si tratta di informazioni pubblicitarie e non di informazione redatta dal corpo giornalistico redazionale». 17

18 D altra parte alcuni intervistati mostrano anche un totale disincanto nei confronti di una possibile soluzione della questione, giudicata per molti aspetti irrisolvibile. «Spazi pubbliredazionali, inserti speciali a pagamento: tutte soluzioni già praticate». «Bene o male l informazione è schiava della pubblicità. Per questo il mestiere del giornalista è quello di sostegno al pubblicitario, che finanzia il suo lavoro. Il giornalista non deve più creare l informazione, ma solo supervisionarla, adattarla». «Certamente ci sono, come segnalare con Redazionale gli articoli pubblicati, ma anche qui è ben difficile per il lettore comune capire bene. Forse si potrebbe scrivere come sulle sigarette ben chiaro la pericolosità del Redazionali ma si cadrebbe nel ridicolo e non si risolverebbe certo il problema che ripeto è esclusivamente di chi fa il giornale». Tra chi cita il Codice etico del Sole24Ore, chi la rivista femminile statunitense Ophra, chi il manifesto sull informazione locale partecipata, chi i dossier del magazine inglese Monocle, e chi porta l esempio del Fatto quotidiano, emerge anche la posizione di coloro che segnalano come la rete restituisca gli esempi dell unica informazione libera, quella partecipata e dal basso, che comprende anche le forme di citizen journalism e di crowdfounding. «L informazione davvero libera è quella creata dai cittadini sui blog e sui sociale network». «Le testate online che prendono finanziamenti dai lettori, sono soprattutto siti di inchieste». Anche se il sogno rimane quello di riuscire a sostenersi esclusivamente attraverso le proprie forze e quindi facendo a meno della pubblicità: «La capacità di ricavare finanziamenti attraverso le vendite delle proprie copie, possibile attraverso un giornalismo di qualità e che dimostra di essere indipendente, o mediante gli abbonamenti, praticando la via dell abbonamento online, senza dover ricorrere necessariamente a forme di finanziamento provenienti da grandi o medi enti pubblicitari che, alla fine, condizionano la linea del giornale». Insomma, le soluzioni praticabili citate dagli intervistati sono diverse, rispecchiano la molteplicità delle forme di giornalismo con le quali ci confrontiamo oggi, così come con le diverse idee di giornalismo e di eticità della professione che si stanno facendo strada. Segno 18

19 questo della necessità di riflessione ed autoosservazione che in questo momento la professione può fare su se stessa. Note sulla Metodologia I dati presentati in questo il risultato in una ricerca svoltasi durante l estate I dati sono stati raccolti attraverso un questionario online autosomministrato su un campione di giornalisti italiani (N=101). Le testate giornalistiche partecipanti alla ricerca sono state individuate dal Gruppo di Lavoro sulla Qualità dell Informazione del Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti. Le testate, selezionate per rappresentare il più ampio panorama possibile di tipologia di testata informativa 3, sono state contattate via nel mese di Luglio 2011 ed una seconda volta nel mese di Settembre Il questionario era composto da 32 domande a risposta multipla che sono analizzate con il software PSPP e 2 domande a risposta aperta che sono state analizzate qualitativamente. 3 La tipologia di testate contattate comprende: Quotidiano Nazionale, Quotidiano Free Press, Quotidiano Inter-regionale, Quotidiano Locale, Settimanale, Quindicinale, Mensile. 19

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente.

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente. Applicazione di metodi statistici per la verifica di Sistemi Qualità in società di servizi. S. Gorla (*), R. Bergami (**), R. Grassi (***), E. Belluco (****) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli