LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE"

Transcript

1 CAPITOLO I LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE Sezione I LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE A) LA NATURA DELLE NORME SULLA TRASCRIZIONE 1. La natura delle norme sulla trascrizione. Le norme sulla trascrizione, essendo dirette a favorire un ordinato svolgersi del traffico giuridico, rientrano nella categoria delle norme di ordine pubblico, in quanto tali inderogabili dai privati [NATOLI, 5; L. FERRI-ZANELLI, 11; in senso dubitativo nei confronti di questa affermazione, v. MESSINEO, 734, il quale ha sottolineato come questo preteso carattere di ordine pubblico delle norme in questione non si concili con il fatto che l eventuale difetto di trascrizione non è rilevabile d ufficio dal giudice]. 2. La natura della trascrizione. Il prevalente orientamento nega che la trascrizione costituisca un negozio giuridico [Cass. 16 marzo 1981, n. 1448; MESSINEO, 730]. Secondo alcuni, essa rappresenterebbe, invece, un fatto giuridico [L. FER- RI-ZANELLI, 9-11; GAZZONI 2, I, 65], e, più precisamente, un atto materiale, e cioè un comportamento umano preso in considerazione dall ordinamento semplicemente perché materialmente accaduto, a prescindere dalla circostanza che costituisca oppure non conseguenza di un comportamento cosciente. Secondo altri, si tratterebbe di una dichiarazione di scienza [CORRADO, 266]; ma sembra possibile obiettare, nei confronti di questo punto di vista, [1.1] [2.1] [2.2] [2.3]

2 [ 2-3] La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale 10 [2.4] che il pubblico ufficiale il quale procede alla trascrizione si limita a raccogliere e riprodurre quanto altri dichiara. Altri ancora ha affermato che la trascrizione potrebbe presentarsi ora come fatto giuridico (atto materiale) ora come atto giuridico (e cioè come comportamento volontario rilevante a prescindere dalla volontarietà degli effetti ad esso collegati) [NATOLI, 21, secondo il quale la trascrizione si presenterebbe come fatto quando la si consideri a posteriori, nella sua veste di evento costitutivo della situazione di legale apparenza nella quale si risolve la sua funzione pubblicitaria, come atto, invece, e, più prcisamente, come atto-procedimento, qualora si abbia riguardo al processo attraverso il quale viene ad esistenza, che è la risultante di più comportamenti imputabili a soggetti diversi: la richiesta di trascrizione e l operazione del conservatore dei registri immobiliari diretta a riprodurre nei registri il contenuto della richiesta]; mentre, secondo un ulteriore punto di vista, essa costituirebbe (sempre e soltanto) un elemento che concorre ad integrare la forma del negozio o dell atto giuridico da pubblicizzare [N. COVIELLO, I, 201 ss.]. Contro quest ultima impostazione, si è peraltro rilevato [L. FERRI-ZANEL- LI, 13-14; in senso analogo, v. anche GAZZONI 2, I, 67 ss.] che l affermazione dell esistenza di un ulteriore requisito formale (quello in cui si risolverebbe la trascrizione), che si aggiungerebbe alla forma scritta o verbale, propria di qualsiasi atto giuridico, non pare conciliabile con il carattere per sua natura (in un sistema di pubblicità fondamentalmente dichiarativa qual è il nostro) compiuto dell atto o negozio da pubblicizzare: invero, qualora si attribuisse alla trascrizione il ruolo di un requisito di forma, dovrebbe allora riconoscersi, a rigore, che il negozio è imperfetto sino a che non sia stato trascritto, conclusione non condivisa (neppure) dalla dottrina sopra citata. 3. L oggetto della trascrizione. [3.1] [3.2] [3.3] [3.4] Di solito, si afferma che la trascrizione è preordinata a pubblicizzare fatti giuridici, e cioè eventi, in generale, rilevanti per l ordinamento giuridico [COR- RADO, 108 ss.; BARBERO, 314]. Sono state manifestate, peraltro, anche altre opinioni. A volte, si è detto che essa riguarderebbe il documento che rappresenta il titolo (atto o negozio) del mutamento giuridico [CARNELUTTI, 68 ss.]; altre volte, che essa avrebbe ad oggetto le dichiarazioni delle parti, ossia soltanto l aspetto formale della più ampia fattispecie negoziale, e non anche l aspetto sostanziale di tale fattispecie, ossia il rapporto, o l effetto giuridico al quale le dichiarazioni di volontà danno vita, quale, ad esempio, e in particolare, il trasferimento di un diritto [RAVÀ, 23 ss.]. Diametralmente opposto a quest ultimo orientamento appare il punto di vista di chi ha sostenuto che la trascrizione avrebbe invece ad oggetto proprio il mutamento giuridico conseguente al negozio [L. FERRI-ZANELLI, 29 ss., 41

3 11 La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale [ 3-4] ss.; GAZZONI 2, I, 74; in giurisprudenza, v. Cass. 12 novembre 1997, n , Notariato, 1999, 133, secondo la quale l oggetto della trascrizione non sarebbe rappresentato dall atto, ma dall effetto circolatorio, essendo l opponibilità appunto di quest ultimo in linea di principio subordinata alla trascrizione medesima], mentre in una posizione intermedia sembra essersi collocato chi ha sostenuto che la trascrizione avrebbe come oggetto immediato un fatto o un atto e come oggetto mediato la situazione giuridica che ne consegue [PUGLIATTI 1, I, 395 ss.; MARICONDA 1, 74]. Si è posto in dubbio che la questione in parola, nonostante che appaia tanto dibattuta, possa avere riflessi di ordine pratico [NATOLI, 20-21]; ma, per contrastare questa sensazione, si potrebbe fare leva su quanto previsto nell art c.c., ai sensi del quale l omissione o l inesattezza di alcune delle indicazioni richieste nella nota di trascrizione non nuoce alla validità della trascrizione medesima, salvo che importi, tra l altro, incertezza sul rapporto giuridico a cui si riferisce l atto : infatti, (soltanto) qualora si ritenga che oggetto della trascrizione sia il mutamento giuridico conseguente all atto da pubblicizzare, e non l atto medesimo, potrebbe ritenersi valida, ad esempio, la trascrizione di un acquisto ereditario avvenuto in forza di una chiamata diversa da quella indicata nella nota, o la trascrizione di un trasferimento di proprietà, quando nella nota la causa del trasferimento sia stata erroneamente indicata in una permuta o in una donazione, anziché in una vendita [così NICOLÒ, I, 67-68; nello stesso senso, v. anche GAZZONI 2, I, 71]. Un altro problema la soluzione del quale potrebbe essere fatta dipendere dalla tesi che si voglia accogliere con riguardo all oggetto della trascrizione, potrebbe poi essere quello riguardante la trascrivibilità delle vendite con effetti obbligatori (sul punto, v. infra, sub 49 ss.). 4. I possibili effetti della trascrizione. Generalità. Sotto il profilo degli effetti, possono distinguersi diverse forme di pubblicità: pubblicità-notizia, pubblicità dichiarativa, pubblicità costitutiva. Fra i possibili effetti della pubblicità non rientra invece anche quello di sanare gli eventuali vizi del titolo [MARICONDA 1, 121; TRIOLA, 2; Cass. 5 luglio 1996, n. 6152; Cass. 1 agosto 1995, n. 8441, in Rep. Giur. it., 1995, voce Trascrizione, 13; Cass. 2 giugno 1993, n. 6159; Cass. 16 gennaio 1987, n. 294; Cass. 21 agosto 1985, n. 4450; Cass. 16 marzo 1981, n. 1448; cfr. anche Cass. 20 aprile 2001, n. 5894, in Giur. it., 2002, 265, con nota di DE RENTIIS]. Questo vale anche per le ipotesi di c.d. pubblicità sanante di cui all art. 2652, nn. 6 e 7, c.c., nelle quali non si ha la sanatoria di un negozio nullo o annullabile, bensì il completamento, tramite la trascrizione, di una fattispecie complessa della quale il negozio viziato costituisce un elemento [NATOLI, 16-17; sul punto, v. amplius infra, sub 308 ss.]. [3.5] [3.6] [4.1] [4.2]

4 [ 5] La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale 12 [5.1] [5.2] [5.3] [5.4] [5.5] [5.6] 5. Segue. Pubblicità-notizia. Si parla di «pubblicità-notizia» per indicare i casi in cui, all attuazione della pubblicità, non sono direttamente collegati effetti specifici. Per questo motivo, viene impiegata anche l espressione «pubblicità non necessaria». Sono da inquadrare in termini di pubblicità-notizia, ad esempio, le fattispecie di cui all art c.c. (è pubblicità-notizia, cioè, la pubblicità delle sentenze da cui risulta estinto per prescrizione o acquistato per usucapione ovvero in altro modo non soggetto a trascrizione uno dei diritti indicati nei numeri 1, 2 e 4 dell art. 2643), nonché (almeno secondo l opinione prevalente: sul punto, v. infra, sub 198) le fattispecie contemplate nell art c.c., dedicato alla pubblicità del fondo patrimoniale, nonché alla pubblicità delle situazioni in cui l operare del regime legale di comunione risulta escluso. Che la pubblicità della quale ci stiamo occupando sia «non necessaria» non significa, peraltro, che dalla sua mancata attuazione non possano conseguire effetti giuridicamente rilevanti: ad esempio, essa potrebbe giocare sotto il profilo della valutazione dell esistenza di uno stato di buona o mala fede del terzo, in tutte le ipotesi in cui tale stato sia rilevante (così come accade, sempre per fare un esempio, lì dove sia in questione una usucapione abbreviata) [NI- COLÒ, I, 105]. Sempre al fine di chiarire quali effetti possa comportare la mancata attuazione di una pubblicità «non necessaria», può essere inoltre richiamata l attenzione sulla norma, in particolare, dell art c.c., la cui formulazione letterale come, del resto, quella pure di altre norme che contemplano forme di pubblicità-notizia: si veda, ad esempio, l art c.c. rende palese l esistenza, anche nei casi da essa considerati, di un «dovere» di trascrivere; dovere di trascrivere che, qualora, ancora una volta per fare un esempio, si tratti della costituzione di un fondo patrimoniale, per la quale è necessaria la redazione di una convenzione matrimoniale, e cioè di un atto pubblico, graverà, evidentemente, sul pubblico ufficiale rogante, il quale, secondo quanto disposto nell art c.c., dovrà anche curare che la trascrizione venga eseguita nel più breve tempo possibile, rimanendo tenuto, in caso di ritardo, al risarcimento dei danni, nei confronti, innanzi tutto, delle parti comparenti, a titolo di responsabilità contrattuale, essendo, il pubblico ufficiale rogante, alle parti medesime legato da un contratto d opera professionale, il cui contenuto risulta integrato dalla previsione appena ricordata. Ma il dovere di eseguire la pubblicità può rilevare anche nei confronti dei terzi. Questo aspetto, di solito, rimane nell ombra, in quanto, nella maggior parte dei casi, il difetto di trascrizione rende l atto inopponibile, e perciò pregiudica solo le parti; quando, però, ciò non si verifichi, come accade appunto nel

5 13 La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale [ 5] caso di mancata trascrizione di una convenzione costitutiva di un fondo patrimoniale, pregiudicati dall omissione della pubblicità possono essere anche i terzi, indotti a confidare nella inesistenza di un atto rimasto occulto. Non si potrebbe obiettare che l omissione dell atto dovuto da parte del pubblico ufficiale già è sanzionata sul piano fiscale e disciplinare: la circostanza che il dovere di cui si tratta sia inserito nel contesto della disciplina codicistica dei rapporti privati ne rende infatti manifesta la rilevanza anche sul piano della responsabilità extracontrattuale. È vero che il dovere dei pubblici ufficiali roganti presidia direttamente solo l interesse, diffuso in tutto il pubblico, alla conoscibilità di determinate fattispecie; ma è vero anche che taluni singoli soggetti, preventivamente individuabili in astratto, hanno un interesse differenziato e qualificato a tale conoscibilità: un interesse la cui lesione, dati i suoi caratteri, è, perciò, senz altro rilevante sul piano, come si diceva, della responsabilità extracontrattuale [GABRIELLI e ZACCARIA, ]. È, del resto, generalmente riconosciuto che, a carico del conservatore dei registri immobiliari, nel caso di inattuazione delle formalità pubblicitarie, può essere riconosciuta una responsabilità extracontrattuale; e sarebbe allora incongruo attribuire minore portata al dovere del pubblico ufficiale rogante di promuovere la trascrizione, che di quello del conservatore costituisce il presupposto. E quanto appena affermato risulta tanto più evidente se si considera come il dovere di promuovere la trascrizione, nel caso di costituzione di fondo patrimoniale mediante testamento, sia stato posto, dall art. 2647, co. 3, c.c., a carico del conservatore, che dovrà a ciò procedere d ufficio, a prescindere, cioè, da un impulso di parte: ciò che si spiega considerando che, in questi casi, manca un pubblico ufficiale rogante tenuto a chiedere la trascrizione del titolo, così che, lì dove l attuazione della pubblicità fosse lasciata agli interessati, il legislatore ha supposto che questi per lo più finirebbero per richiederla limitatamente agli effetti a loro favorevoli. Ma allora, se, in linea con quanto si sostiene in generale a proposito della sua responsabilità, si può affermare che anche in questo caso particolare, in cui il dovere di promuovere la trascrizione incombe su di lui, il conservatore deve rispondere dei danni da chiunque risentiti a causa di una sua colpevole omissione, non si vede per quale motivo la medesima responsabilità non dovrebbe gravare in capo ai pubblici ufficiali roganti, nei casi in cui il dovere di promuovere la trascrizione incomba su di loro [GABRIELLI e ZACCARIA, 374]. Un ultimo profilo rimane da affrontare per completezza. Il danno risentito da un terzo in dipendenza del vincolo di destinazione non trascritto presuppone, evidentemente, che tale vincolo sia a lui opponibile, e che, quindi, la costituzione del fondo patrimoniale risulti almeno dai registri dello stato civile, essendo l opponibilità della convenzione costitutiva dello [5.7] [5.8] [5.9] [5.10] [5.11]

6 [ 5-6] La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale 14 [5.12] [5.13] [5.14] [6.1] [6.2] [6.3] stesso subordinata all annotazione della medesima a margine dell atto di matrimonio, secondo quanto previsto nell art. 162, co. 3, c.c. Questa circostanza induce a domandarsi, allora, se, nella fattispecie, non sussista una colpa concorrente del danneggiato, rilevante ex art c.c., norma, quest ultima, come noto applicabile anche in sede extracontrattuale, in forza del rinvio di cui all art c.c. La risposta dovrebbe essere negativa. In primo luogo, è quanto meno dubbio che possa considerarsi negligente il comportamento di chi abbia fondato un affidamento sul presupposto dell adempimento dei propri obblighi da parte di pubblici ufficiali. Inoltre, ammettere la configurabilità di un concorso di colpa del danneggiato vorebbe dire, nella sostanza, negare la doverosità della trascrizione, ciò che non sembra accettabile, in quanto equivarrebbe a concludere che la norma dell art c.c. è superflua, lì dove, nell alternativa fra due possibili interpretazioni di una norma, occorre piuttosto scegliere quella che conduce ad attribuirle un significato [GABRIELLI e ZACCARIA, ]. 6. Segue. Pubblicità dichiarativa e pubblicità costitutiva. Ben più ampia, rispetto a quella della pubblicità-notizia, è la categoria della pubblicità «necessaria»: della pubblicità, cioè, la cui effettuazione è condizione imprescindibile per il verificarsi di determinati effetti giuridici [CORRADO, ]; categoria che comprende la pubblicità dichiarativa e la pubblicità costitutiva. Costituisce pubblicità dichiarativa, innanzi tutto, quella riguardante le fattispecie di cui agli artt e 2645 c.c., nelle quali la trascrizione è necessaria perché possano verificarsi i particolari effetti di cui all art c.c. E sempre pubblicità dichiarativa è quella riguardante le fattispecie della divisione (art c.c.) e degli acquisti mortis causa (art c.c.), nelle quali la trascrizione è necessaria per il rispetto del principio di continuità (art c.c.). Similmente a quanto previsto nell art c.c., la pubblicità è necessaria per l efficacia delle successive trascrizioni o iscrizioni anche quando si tratta delle annotazioni contemplate nell art c.c., che pure costituiscono dunque fattispecie di pubblicità dichiarativa; così come fattispecie di pubblicità dichiarativa, in considerazione degli effetti di volta in volta ad esse collegati nelle singole norme che le contemplano, sono quelle elencate negli artt e 2653 c.c. Di pubblicità costitutiva si parla, poi, quando l effetto collegato all esecuzione della pubblicità consiste nella nascita del diritto pubblicizzato. In questa categoria, rientrerebbero, secondo un orientamento, oltre alla pubblicità dell ipoteca, alla quale l effetto costitutivo del diritto è espressamente collegato da una previsione di legge (v. art. 2808, co. 2, c.c.), anche la pubblicità dei vincoli d indisponibilità, e, in particolare, dei vincoli derivanti da pignoramen-

7 15 La natura, l oggetto e i possibili effetti della trascrizione, in generale [ 6] to immobiliare, sequestro conservativo, cessione dei beni ai creditori [L. FER- RI-ZANELLI, 28, i quali, a tale conclusione, sono peraltro giunti sulla base e- sclusivamente del rilievo secondo cui la trascrizione, anche in questi ultimi casi, così come nel caso dell ipoteca, ha per oggetto proprio e soltanto il vincolo; secondo GAZZONI 2, I, 83, invece, se è vero che la lettera dei dati normativi, formalisticamente interpretati, potrebbe anche fare propendere per il carattere costitutivo della trascrizione pure del pignoramento e del sequestro conservativo, la ratio del sistema processuale dovrebbe però condurre a scartare questa soluzione, mentre, con riguardo alla pubblicità della cessione dei beni ai creditori, si potrebbe parlare di costitutività solo in senso riduttivo, per il motivo che, inter partes, la cessione produce effetti a prescindere dall adempimento dell onere pubblicitario (sul punto, v. anche infra, sub 247)].

CASO* 1. Il 23 febbraio 2007, interviene in giudizio la Banca Beta. L atto d intervento viene quindi trascritto il 6 giugno.

CASO* 1. Il 23 febbraio 2007, interviene in giudizio la Banca Beta. L atto d intervento viene quindi trascritto il 6 giugno. CASO* 1 Tizio, coniugato in regime di separazione dei beni, imprenditore individuale che sta attraversando un momento non felicissimo, debitore di diverse banche che abitualmente gli concedono credito,

Dettagli

107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario.

107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario. 105 I mutamenti giuridici da pubblicizzare ai fini dell art. 2644 c.c. [ 107-108] HH) LE IPOTESI DI CUI AL N. 8 107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario.

Dettagli

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon 2 DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon Le sentenze che cambiano il diritto, l Europa e le sue regole, il legislatore speciale che

Dettagli

Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative

Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative Il d.lgs. 2 luglio 2010 n. 110 (in GU n. 166 del 19 luglio 2010), all art. 1 comma 1, dopo l art. 59 della legge

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell?accettazione ta... Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell accettazione tacita di eredità

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli ATTO COSTITUTIVO O MODIFICATIVO DI SOCIETÀ SEMPLICE. ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE Documento n. 25 del 20 settembre 2005 STUDIO Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA - EFFETTI SUL TERZO ACQUIRENTE E SUL TERZO SUB-ACQUIRENTE - Va innanzitutto evidenziato che l effetto dell azione revocatoria, quale mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/2007

CIRCOLARE N. 13/2007 PROT. n. 90575 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 13/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Cancellazione di ipoteche ex art. 13, commi da 8-sexies a 8- quaterdecies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito,

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

L erede apparente JURIDICA. Alessio Zaccaria

L erede apparente JURIDICA. Alessio Zaccaria L erede apparente Por Alessio Zaccaria SUMARIO: I. L azione di petizione di eredità 1. La necessità, prima di occuparsi della disciplina dedicata all erede apparente, di delineare, innanzi tutto, i caratteri

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Elenco delle principali abbreviazioni... XXV CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Guida Bibliografica... 3 1.1. Introduzione... 5 1.1.1. La disciplina previgente.... 6 1.1.1.1. La riforma del 1975....

Dettagli

LA TRASCRIZIONE IN GENERALE

LA TRASCRIZIONE IN GENERALE CAPITOLO I LA TRASCRIZIONE IN GENERALE SOMMARIO: 1. Nozione e funzione. 2. Trascrizione e legislazione regionale. 3. La natura eccezionale delle norme in tema di trascrizione. 4. La trascrizione con efficacia

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO. Presidente

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO. Presidente IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Enrico Quadri Presidente del Collegio ABF di Napoli Presidente Membro effettivo

Dettagli

Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere

Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere 1. Il Notaio richiesto di stipulare un atto, avente per

Dettagli

Parte I I patrimoni di destinazione...» 1

Parte I I patrimoni di destinazione...» 1 INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. XXIX Parte I I patrimoni di destinazione...» 1 Capitolo I La categoria dei patrimoni destinati allo scopo...» 3 1.1. Introduzione...» 4 1.2. Patrimonio separato ed autonomia

Dettagli

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio IL FONDO P ATRIMONIALE di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio 1 - Inquadramento giuridico del fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è disciplinato dagli artt. 167-171 del codice civile,

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

MANTENIMENTO DEI FIGLI E ATTI DI DESTINAZIONE EX ART. 2645 TER C.C.

MANTENIMENTO DEI FIGLI E ATTI DI DESTINAZIONE EX ART. 2645 TER C.C. MANTENIMENTO DEI FIGLI E ATTI DI DESTINAZIONE EX ART. 2645 TER C.C. Corinna Marzi Avvocato del Foro di Roma La riforma dell articolo 155 c.c., operata con legge n. 54 dell 8 febbraio 2006 ( Disposizioni

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio: non sono sinonimi. La Massima Si ha mutatio libelli quando si propone una domanda obiettivamente diversa da quella originaria, introducendo

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I Gli argomenti addotti a sostegno del declamato principio di tassatività

SOMMARIO. Capitolo I Gli argomenti addotti a sostegno del declamato principio di tassatività SOMMARIO Presentazione, a cura di Giovanni Gabrielli p. 7 Introduzione» 13 Capitolo I Gli argomenti addotti a sostegno del declamato principio di tassatività 1. L interpretazione corrente dell art. 2645

Dettagli

CAPITOLO PRIMO STRUTTURA DELL APPARATO PUBBLICITARIO E PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE DELLE FORMALITÀ

CAPITOLO PRIMO STRUTTURA DELL APPARATO PUBBLICITARIO E PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE DELLE FORMALITÀ CAPITOLO PRIMO STRUTTURA DELL APPARATO PUBBLICITARIO E PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE DELLE FORMALITÀ SOMMARIO: 1. Nozione di pubblicità legale. 2. Organizzazione della pubblicità immobiliare nell ordinamento

Dettagli

Gli obblighi informativi del franchisor

Gli obblighi informativi del franchisor Gli obblighi informativi del franchisor La fase precedente la conclusione del contratto di franchising è particolarmente delicata, e per tale motivo ha costituito oggetto di attenta regolamentazione, sia

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali Art. 1470. Nozione...

Dettagli

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali I contratti d impresa di Daniele Fezzardi e Luigi Dellapasqua Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali Il contratto preliminare

Dettagli

LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti

LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti a trascrizione) Si devono rendere pubblici col mezzo

Dettagli

CAPITOLO I IL FONDO PATRIMONIALE - ASPETTI CIVILISTICI

CAPITOLO I IL FONDO PATRIMONIALE - ASPETTI CIVILISTICI Gli strumenti di tutela del patrimonio CAPITOLO I IL FONDO PATRIMONIALE - ASPETTI CIVILISTICI LUCIANO DE ANGELIS 1 Costituzione del fondo 1.1 Premessa Introdotto dalla L. 19.5.75 n. 151, in sostituzione

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

!!"#$%%$&'!!"#%$%! . *,*""///+, &*0#&%1%2* $! 3%!

!!#$%%$&'!!#%$%! . *,*///+, &*0#&%1%2* $! 3%! !!"#$%%$&'!!"#%$%! ()*+,-. *,*""///+, &*0#&%1%2* $! 3%! Sul conflitto tra l aggiudicatario e l attore che ha trascritto una domanda giudiziale anteriormente al pignoramento ma successivamente all iscrizione

Dettagli

Cass. civ. 15 giugno 1999, n. 5946.

Cass. civ. 15 giugno 1999, n. 5946. 32 «Giurisprudenza unanime della Suprema Corte ravvisa la produzione di danni e la conseguente responsabilità del Notaio che abbia violato i propri obblighi professionali o abbia tenuto una condotta negligente

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA XXIV CICLO TESI DI DOTTORATO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA XXIV CICLO TESI DI DOTTORATO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO COMUNE PATRIMONIALE COORDINATORE PROF. ENRICO QUADRI XXIV CICLO ALBERTO CHIOSI TESI DI DOTTORATO VINCOLI

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Firenze, martedì 26 maggio 2015 Università degli Studi di Firenze - Scuola di Economia e Management

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIRITTO CIVILE CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: INTRODUZIONE AL DIRITTO CIVILE Conoscere il diverso ambito di applicazione del diritto pubblico e nel diritto privato. Distinguere il diritto soggettivo

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011)

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011) LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Giugno 2011) Prof. Giandomenico FALCON Fulvio CORTESE Nell ordinamento italiano il sistema complessivo

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

ANNO LXI PARTI I, II, E III N. 2 MAGGIO AGOSTO 2009 VITA NOTARILE. esperienze giuridiche. Vincenzo Vacirca

ANNO LXI PARTI I, II, E III N. 2 MAGGIO AGOSTO 2009 VITA NOTARILE. esperienze giuridiche. Vincenzo Vacirca ANNO LXI PARTI I, II, E III N. 2 MAGGIO AGOSTO 2009 VITA NOTARILE esperienze giuridiche Vincenzo Vacirca APPUNTI SULLA TRASCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AGLI ACQUISTI MORTIS CAUSA Estratto e GB

Dettagli

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA FOCUS E APPROFONDIMENTI Fallimento Rapporti pendenti GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA di Luciano M. Quattrocchio e Gabriele Varrasi Sommario: 1.1. Vendita a rate con riserva

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO Agenda Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

ROMANA PACIA. Professore Associato di Diritto Privato Università degli Studi di Trieste ALIENANTE E CREDITORI O AVENTI CAUSA DAL TITOLARE APPARENTE*

ROMANA PACIA. Professore Associato di Diritto Privato Università degli Studi di Trieste ALIENANTE E CREDITORI O AVENTI CAUSA DAL TITOLARE APPARENTE* ROMANA PACIA Professore Associato di Diritto Privato Università degli Studi di Trieste LA PUBBLICITÀ DEGLI ATTI SIMULATI NEI RAPPORTI FRA SIMULATO ALIENANTE E CREDITORI O AVENTI CAUSA DAL TITOLARE APPARENTE*

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia - Avv. Maria Elisabetta Contino

Dettagli

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014)

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Il ruolo del Notaio D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Art. 2 : CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA È l accordo mediante il quale

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

del vincolo di destinazione.

del vincolo di destinazione. FONDO PATRIMONIALE: L ATTO COSTITUTIVO E LA PUBBLICITA DEL FONDO Vicenza, 12 novembre 2013 Notaio Massimo Stefani Le norme Art. 167: : "ciascuno o ambedue i coniugi, per atto pubblico, o un terzo, anche

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI LA C.D. PUBBLICITÀ SANANTE. RIFLESSIONI SULLA SUA OPERATIVITÀ NELL'ATTIVITÀ DEL NOTAIO.

COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI LA C.D. PUBBLICITÀ SANANTE. RIFLESSIONI SULLA SUA OPERATIVITÀ NELL'ATTIVITÀ DEL NOTAIO. COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI Studio n. 4227 LA C.D. PUBBLICITÀ SANANTE. RIFLESSIONI SULLA SUA OPERATIVITÀ NELL'ATTIVITÀ DEL NOTAIO. Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 10 aprile 2003 1.

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent L utilizzo della clausola simul stabunt simul cadent in un contesto che tende a realizzare la revoca anticipata di un dato amministratore

Dettagli

Caso n. 1 inter vivos

Caso n. 1 inter vivos Traccia non estratta al Concorso notarile indetto con D.D.G. del 10 luglio 2006 Svolgimento a cura di Federica Di Benedetto Revisione dell atto e della motivazione a cura di Raul Apicella Revisione della

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa edilizia 104 Assegnazione a socio per scioglimento di

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

USUFRUTTO SUI BENI INTESTATI AI MINORI E AFFIDAMENTO CONDIVISO

USUFRUTTO SUI BENI INTESTATI AI MINORI E AFFIDAMENTO CONDIVISO FOCUS USUFRUTTO SUI BENI INTESTATI AI MINORI E AFFIDAMENTO CONDIVISO Marina Marino Avvocato del Foro di Roma Il tema dell usufrutto sui beni intestati ai figli minori porta con sé notevoli problemi interpretativi

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

82. ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE EX ART. 555 COD. PROC. CIV.

82. ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE EX ART. 555 COD. PROC. CIV. Parte Terza. Espropriazione forzata (Sez. IV) 82. ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE EX ART. 555 COD. PROC. CIV. TRIBUNALE DI... (1) SEZIONE CIVILE ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE (2) Il sottoscritto,...

Dettagli

3 articolo CAFARO. Anche le c.d. linked life policies sono prodotti di investimento

3 articolo CAFARO. Anche le c.d. linked life policies sono prodotti di investimento 3 articolo CAFARO Anche le c.d. linked life policies sono prodotti di investimento Le polizze c.d. indicizzate, siano esse index linked (ossia con una redditività legata all andamento di un determinato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta.. Membro designato dalla Banca

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione Svolgimento del processo 1.1 medici (...) proposto ricorso per cassazione contro la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell Istruzione, il Ministero della Salute e l Università degli Studi

Dettagli

DELLA TUTELA DEI DIRITTI

DELLA TUTELA DEI DIRITTI LIBRO SESTO DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO PRIMO Della trascrizione [att. 224-232] CAPO PRIMO Della trascrizione degli atti relativi ai beni immobili (1) (1) Alla registrazione, di atti relativi a diritti

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

di Simone Ghinassi Individuazione della fattispecie di cui all art. 10 tariffa

di Simone Ghinassi Individuazione della fattispecie di cui all art. 10 tariffa Contrattazione preliminare di Simone Ghinassi Notaio in Firenze Individuazione della fattispecie di cui all art. 10 tariffa L obbligatorietà di registrazione dei contratti preliminari trova la propria

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Registri delle Imprese della LIGURIA

Registri delle Imprese della LIGURIA Registri delle Imprese della LIGURIA ISTRUZIONI per l iscrizione nel Registro delle Imprese degli atti di: trasferimento di partecipazioni di S.R.L. recesso di socio di S.R.L. trasferimento sede sociale

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli