UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS"

Transcript

1 UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS Le assurde pubblicità dei superalcolici con gente vincente e che cucca Ce n è una su un amaro, che ci presenta "eroi" inesistenti che recuperano anfore, soccorrono e salvano con aerei e natanti, ma hanno poi confidenza con l'alcol Martedì, 06 Dicembre 2011 Certo, noi veniamo da una generazione cresciuta con pubblicità celebrative degli alcolici quindi non dovremmo stupirci. Eravamo abituati all'amarissimo che fa benissimo o Petrus quello che della mano guantata d'acciaio che sbatteva sul tavolo e che era per l'uomo forte. Io non lo sono mai diventato perché non mi piaceva. E cosa dire di Giorge. Sì Giorge Cloney che per anni ha bussato alle porte dove si tenevano feste con figliole stupende e lui si presentava con la sua bella bottiglia di Martini (questo lo ammetto qualche volta...) e gli dicevano No Martini non party!. Che inganno!! A Giorge quelle gnocche gli avrebbero aperto anche con una bottiglia di acqua minerale naturale. Se mi presento io con un TIR di bottiglie di Martini bianco, rosso, dry, nessuno mi apre e mi cacciano a pedate. E oggi? Le pubblicità continuano ad esser suadenti con atmosfere calde, nelle quali il superalcolico si coniuga con emozionanti lati B di belle signore e con slogan del tipo E la notte prende vita... (come no! a volte la prende proprio ) oppure con voci che richiamano Intense emozioni. Gli spot si sono fatti però più sottili, ma sempre celebrativi della positività dei soggetti che bevono alcolici. Insomma se non cuccano, quanto meno agiscono nel sociale con gesti e azioni molto, molto positivi. Ricordate quel piccolo aereo sul tramonto rosso con quei tre tipi vestiti da stilisti senza risparmio, che scendono a terra e recuperano un'anfora antica? Cosa fanno subito dopo? Ricordano l'impresa mimando il difficile volo con le mani e bevono insieme un noto amaro. Per chi da anni si batte contro la confidenza agli alcolici, quell'aereo andrebbe abbattuto mentre vola sul Mediterraneo da una portaerei classe Nimitz per quanto è pericoloso per la comunicazione sui rischi degli alcolici. Ora lo hanno fermato, avete visto. Gli stesso ganzissimi tipi sono passati infatti dall'aeronautica alla Marina e adesso intervengono in mare per rimorchiare col loro attrezzato natante una barca alla deriva. Ma non pensate che sopra ci sia una moltitudine di poveri africani con donne e bambini assetati e sconvolti. No, su quella braca c'è una band di musicisti che, disperati, non sanno come fare per arrivare a terra dove dovranno tenere un concerto. Per fortuna (loro) arrivano i nostri che li rimorchiano e il concerto in un amena località di mare è salvo. Anche lì dopo si beve il solito amaro. Insomma i protagonisti sono disinvoltamente passati dal nucleo recupero opere d'arte al nucleo di protezione civile e Guardia Costiera. Ottimo. Insomma il messaggio è chiaro: quelli che fanno cose belle e positive, quelli che recuperano anfore e rimorchiano barche (e donne) poi bevono superalcolici. Mai che si veda uno schianto con una macchina per colpa di qualcuno che ha esagerato, o di un marito che picchia una moglie e i suoi bambini perché sbronzo. Sì c'è ancora molto da fare ragazzi anche per abbassare la cifra dei morti sulle strade, dove ancora tanti danno confidenza all'alcol e poi guidano. E la notte prende (la) vita... purtroppo. Giordano Biserni Presidente Asaps PRENDIAMO LO SPUNTO DA QUESTA LETTERA PER SEGNALARE LA MANCANZA DI UNA LEGGE CHE REGOLI LA MATERIA: PERCHE LE MACCHINETTE POSSONO DISTRIBUIRE BEVANDE ALCOLICHE AI MINORI DI ANNI 16, AGLI UBRIACHI ED A QUALSIASI ORA? Blocchiamo la vendita di alcol nei bar automatici Una lettrice espone alcune anomalie commerciali nell'italia dei 100 campanili. Buon giorno presidente del consiglio,

2 mi chiamo Federica Borghi, ho 35 anni e sono mamma di 2 bimbe. Ho letto e riletto la manovra fatta in questi giorni e sebbene alcune cose non le condivida, probabilmente dovevano comunque essere fatte. E visto che nella manovra si parla di liberalizzazione mi piacerebbe in questa seede precisare alcune cose. Premetto che sono una lavoratrice a tempo determinato part-time, di conseguenza Lei capisce che il mio stipendio non basta per mantenere una casa e due bimbe di 6 e 4 anni. Per questo ho colto al volo l'opportunità che mi è stata offerta all'inizio del 2011 quando ho avuto la fortuna di rincontrare una persona che mi ha dato la possibilità di fare un mutuo, in modo da poter aprire un'attività che mi consente comunque di mantenere il mio lavoro part time. Un modo pratico, ho pensato, per avere un'entrata maggiore e quindi offrire alle mie bimbe un futuro migliore. L'attività di cui sto parlando è un punto vendita completamente automatizzato che in teoria dovrebbe essere aperto24h su 24. Quando ho comprato l'attrezzatura, mi hanno garantito che potevo tenere le macchine aperte 24h al giorno 7 giorni su 7, ma la cosa non è andata proprio così. Nel Comune dove ho aperto il negozio mi hanno chiaramente detto, infatti, che al massimo potevo tenere aperto 13 ore per giorno: dalle 7 del mattino fino alle 22 di sera; ma al tempo stesso però l'amministrazione comunale concede ai bar tradizionali di restare aperti 24h. Da qui la mie perplessità. Se questi negozi sono chiamati self service 24h perchè non abbiamo la possibilità di poter tenere aperto giorno e notte? E ancora: nei bar in teoria non si potrebbe vendere alcolici dopo una determinata ora e soprattutto non si potrebbe servire alcol a persone che già sono in stato di ebrezza, allora perchè questo viene fatto? E ancora peggio, è stata data anche a me la possibilità di inserire gli alcolici all'interno delle mie macchine, cosa che io comunque non farò perchè sono contraria a certe cose, ma non mi viene data la possibilità di poter rimanere aperta 24h! Ora Le chiedo: Non è possibile varare una legge che imponga che questi negozi automatici di restare aperti 24h al giorno 7 giorni su 7 indifferentemente da dove vengano aperti? E contemporanemente vietare la distribuizione automatica di alcolici, che a mio avviso creano solo danno a noi e ai ragazzi sempre pronti a farsi alcune birre di troppo? La ringrazio per l'attenzione prestatami e Le porgo i miei più cordiali saluti Federica Borghi Martedì, 06 Dicembre 2011 ANCORA SULL OMICIDIO STRADALE OMNIAUTO Oltre i morti sulle strade nel 2010 Siete d'accordo sull'introduzione del nuovo reato di "omicidio stradale"? Nel 2010 in Italia hanno perso la vita persone e di queste 1099 (27%) avevano dai 18 ai 32 anni. I giovani continuano quindi ad essere le principali vittime di questa strage e sono anche quelli che ricevono più contravvenzioni per guida in stato psicofisico alterato da alcol o droga. Hanno meno di 33 anni il 53% dei trasgressori che hanno ricevuto contravvenzioni per guida in stato d ebbrezza, mentre i giovani che hanno preso una multa per guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti rappresentano il 60% delle contravvenzioni comminate per questo tipo di irregolarità. Secondo Umberto Guidoni, Segretario Generale della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, "è necessario intervenire in maniera decisa con misure che contrastano efficacemente questa strage. Inoltre, nei casi in cui gli incidenti stradali sono causati da gravi violazioni delle regole della strada, si deve prevedere una fattispecie normativa che regoli il reato di omicidio stradale". CHE COS'E' "L'OMICIDIO STRADALE" La nuova norma in esame in Parlamento infatti per chi provoca un incidente con lesioni gravi o morte dopo essersi messo alla guida in condizioni di ebrezza (tasso alcol superiore a 0,8 g/l) e/o sotto l'effetto della droga una pena da 8 a 18 anni di carcere, l'arresto in flagranza di reato e la revoca definitiva della patente ("ergastolo della patente"). Aprendo il convegno "Reato di

3 omicidio stradale: consapevolezza sociale, gravità e pene", all interno del Terzo Salone della Giustizia che si tiene a Roma in questi giorni, Guidoni ha anche ricordato che "la violazione delle regole è la prima causa degli incidenti ed otto italiani su dieci chiedono pene più severe per chi uccide al volante. Dobbiamo tenere presente che certe condotte di guida causano alcuni tra i più gravi delitti che avvengono oggi nel nostro Paese - ha aggiunto -. Penso, ad esempio, a chi causa incidenti stradali dopo essersi messo al volante sotto l effetto di droghe o con un tasso alcolemico nel sangue ben oltre la soglia consentita dalla legge". LA LEGGE IN ALTRI PAESI EUROPEI Anche in Italia secondo la Fondazione ANIA si dovrebbe seguire l esempio di altri Paesi, come il Regno Unito e la Francia, dove sono previste aggravanti con pene come la reclusione fino a 14 anni per chi uccide a seguito di condotte di guida pericolose, imprudenti e sconsiderate. "Peraltro, nel nostro Paese - ha spiegato Guidono -, sempre più persone, soprattutto i giovani, sono favorevoli all inasprimento delle pene legate all omicidio stradale. Come risulta da una nostra recente indagine realizzata in collaborazione con Ispo, l 84% degli italiani si è dichiarato favorevole all introduzione del reato stradale. Il legislatore dovrebbe tenere presente questa e altre indicazioni che arrivano dalla collettività e agire di conseguenza". L APPELLO DI UN SINDACO CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE LA TRIBUNA DI TREVISO «Le violenze in casa vanno denunciate» 06 dicembre 2011 pagina 31 sezione: Nazionale di Alberto Della Giustina wmiane Un appello perché tutte le donne denuncino le violenze e le angherie tra le mura di casa. A lanciarlo è il sindaco di Miane, Angela Colmellere, dopo che venerdì scorso i carabinieri della Compagnia di Vittorio, rimanendo feriti, hanno interrotto un violentissimo scatto d ira di un marito alterato dall alcol con tanto di coltello alla mano prima che tutto finisse in tragedia come successe un anno e mezzo fa in via IV novembre sempre a Miane, quando un uomo si tolse la vita dopo aver ucciso la moglie. «Tutte le donne dovrebbero segnalare le situazioni di disagio e violenze familiari, almeno ai nostri servizi sociali, è bene farlo prima che le cose precipitino, per mettere chi può aiutare nelle condizioni di farlo ha voluto appellarsi alle donne il sindaco Colmellere Siamo a conoscenza di situazioni difficili, spesso in famiglie di immigrati, in cui molte volte le mogli sono in difficoltà: inizialmente si confidano con i nostri operatori, poi però la paura le fa rientrare nei canoni di vita imposti dal marito, e questo può preludere a situazioni estreme. Voglio ringraziare i carabinieri per il loro ecce- zionale intervento, sono riusciti a stroncare sul nascere, rimanendo feriti, una situazione che poteva diventare molto peggio». Situazioni difficili quelle che si sono trovati ad affrontare qualche giorno fa gli uomini dell Arma: un carabiniere contuso e un altro ferito dai fendenti del coltello di Vasile Doru, 41enne disoccupato rumeno, che ritornato dopo un assenza di due mesi dalla casa di via Grandola, si stava accanendo ubriaco contro la moglie 37enne. L intervento dell Arma ha stroncato la violenza sul nascere ma è costato serie ferite e rischi ben maggiori ai due militari, dal momento che l uomo, in escandescenze, menava fendenti con un coltellaccio. I due militari, medicati dai sanitari, hanno riportato ferite e contusioni dichiarate guaribili in 15 giorni, Doru, contuso nella colluttazione, è in prognosi riservata. Una conclusione comunque ben diversa da quanto accadde nell aprile del 2010 in via IV novembre quando Laura Leduc, 50enne di origine francese, fu uccisa dal marito che voleva lasciare, Francesco Rizzi. Il 61enne poi si tolse la vita. CHI HA IDEATO GLI HEPPY HOUR E LE SERATE UNIVERSITARIE CON SCONTI ED ALTRE ATTRAZIONI ORA NE PAGANO LE CONSEGUENZE. REPUBBLICA Risse, bicchieri rotti, minacce è la movida degli universitari Ogni sera appuntamento in una discoteca diversa: una settimana alcolica che spesso finisce

4 al pronto soccorso. I gestori dei locali protestano uniti: "Contrastare le serate fuori controllo" di FRANCO VANNI (06 dicembre 2011) Qualche parola di troppo, spintoni, un bicchiere rotto in faccia. Poi calci e pugni, camicie macchiate di sangue e giacche di sartoria strappate nella mischia. È successo sabato sera alla discoteca Le Banque, a trecento metri da piazza Duomo. Protagonisti della rissa, finita in pronto soccorso, sono «laureandi di alcune delle università più prestigiose d Europa, se non del mondo», come scrive il titolare, Claudio Rizzelli, in una lettera aperta sul sito web della discoteca di via Bassano Porrone. «Clienti distintissimi e di buona famiglia si legge di cui è impossibile tenere a bada gli istinti animaleschi e violenti, che finiscono per rovinare serate tranquille». Rizzelli, proprio nelle serate universitarie, ha aumentato il numero dei buttafuori alla porta per controllare che non vengano introdotti alcolici e che qualcuno sia troppo su di giri. Perché, spiega, «il problema della notte a Milano sono gli universitari iscritti nei costosi atenei privati, che prima picchiano e spaccano, poi minacciano il personale della sicurezza sbandierando le conoscenze altolocate dei genitori». Le serate fuori controllo degli universitari non sono un problema solo al Le Banque. La settimana alcolica della matricola in giacca e cravatta è scandita da appuntamenti fissi, alcuni storici, altri nati di recente e cresciuti a valanga grazie al web, su Facebook e nei forum dedicati. Serate colorate e divertenti, meno ingessate di quelle che attraggono la bella gente della moda e dintorni. Ma che sempre più spesso finiscono male, nonostante i tentativi dei gestori di tenere alla porta chi esagera. L agenda: Giovedì al The Club in Largo la Foppa, venerdì al Limelight in via Castelbarco, sabato al Le Banque, martedì all Hollywood, mercoledì all Old Fashion. Roberto Cominardi, titolare del club a Parco Sempione e presidente dell associazione dei gestori Silb, racconta: «Alcuni futuri dottori hanno atteggiamenti assurdi, che vanno a discapito di chi vuole divertirsi. Si arrampicano sui tralicci che reggono le luci, entrano scavalcando dalla siepe, si prendono a ceffoni. Se osi allontanarli scrivono letteracce da avvocati in erba. I peggiori sono i laureandi in giurisprudenza. Le offese a chi cerca di farli ragionare sono insopportabili». Tanto più che i buttafuori dell Old Fashion sono noti per preferire le buone maniere alla violenza. L esuberanza degli universitari all uscita ha spinto la gestione della Triennale che confina con il parco del locale a chiedere ogni mercoledì notte la presenza di una pattuglia della polizia. Sulla scalinata del palazzo dell arte le compagnie di studenti italiani e stranieri, a Milano con il Erasmus, aspettano taxi e bus che li riportino a casa, facendo gli ultimi giri di rhum al baracchino notturno dei panini. A rendere le serate universitarie «difficili da controllare» con l eufemismo di un buttafuori veterano è la miscela di una serie di abitudini d importazione, che a Milano hanno attecchito. Fuori dal Le Banque, già alle nove di sera, decine di studenti si trovano per bere vodka tonic da bottiglie di plastica portate da casa, secondo la tradizione spagnola del botellon, introdotta dagli studenti di Barcellona e Madrid. Dagli inglesi la comunità degli universitari milanesi ha imparato a fare il pieno di cocktail saltando la cena, garanzia di uno sballo veloce. «Capita di dovere chiamare ambulanze per ragazzi sconvolti dall alcol dice Roberto Santoro, patron della discoteca Limelight gli italiani poi non sono abituati a bere quanto gli inglesi e i tedeschi». Nella rissa di sabato scorso al Le Banque erano coinvolti un americano, un inglese e alcuni eleganti ragazzi italiani, matricole in un università privata. Ad avere la peggio nella zuffa sono stati «tre ragazzi di Buccinasco, gente semplice, a differenza dei loro aggressori dice Rizzelli magari un po ingenui, un po fuori dal giro». A scandire i ritmi del giro sono il passaparola e le comunità virtuali come universityequipe.com, international week, che pubblicano in rete le immagini scattate durante le serate, in cui potersi poi riconoscere connettendosi al sito web. Immagini da scambiare poi su Facebook, in cui taggarsi per potere dire «io c ero». Colori saturi, luci da pubblicità di alcolici. Future avvocatesse con scolli e spacchi, accompagnate da aspiranti ingegneri gestionali olandesi o da quasiesperti di marketing francesi. Volti entusiasti, incorniciati da cravatte e fili di perle. «La maggior parte sono bravi ragazzi dice Rizzelli ma quando li vedo menarsi penso: se questa è la classe dirigente del futuro, stiamo freschi».

5 IL DOPO SBRONZA IN INGHILTERRA SALUTE24 Salute: britannici trascorrono 4 anni con postumi sbornia (06/12/2011) Un day after lungo 4 anni, per la precisione 24 giorni all anno che moltiplicati per la durata della vita media vuol dire giorni con i postumi della sbornia. A tanto ammonta il tempo trascorso da un cittadino britannico adulto con gli strascichi lasciati dall ubriacatura della notte prima: nausea, mal di testa e stanchezza. A rivelarlo un sondaggio condotto tra sudditi di Sua Maestà dalla società YorkTest che per la maggior parte hanno confessato di alzarsi con la testa dolorante per più di tre settimane in un anno: i giorni da bollino nero sono sabato e domenica, ma uno su dieci afferma di alzarsi con gli stessi sintomi anche il lunedì. Questo significa che milioni di inglesi vanno in ufficio e lavorano poco, oppure non si presentano affatto al lavoro o trascorrono la loro giornata a letto, commenta Gill Hart di YorkTest. Otto su dieci intervistati dicono di avvertire tremori nel dopo-ubriacatura, sette su dieci soffrono di stanchezza e quattro su dieci hanno nausea. Uno su cinque rivela di non riuscire a smettere di sudare e lo stesso numero di persone ammette di provare vertigini. Circa la metà si è sentito male e ha evitato il lavoro dopo una notte folle, mentre un terzo del campione dichiara di aver dovuto dare spiegazioni al capoufficio per il proprio comportamento e uno su dieci è stato addirittura licenziato dopo l accaduto. L ANGOLO DELLA RICERCA ASCA GIOVANI: GENITORI SOTTOSTIMANO ABITUDINE FIGLI A USO ALCOL E DROGHE Roma, 7 dic - I genitori tendono a sottostimare l'abitudine dei propri figli a ubriacarsi: l'85,3% ritiene che non lo facciano mai, a fronte di un 72,7% di ragazzi che afferma che non succede mai. Per gli adulti, i figli si ubriacano spesso e qualche volta rispettivamente nello 0,4% e nel 3,5% dei casi, mentre i figli indicano percentuali diverse (3,4% e 12%). Anche rispetto al consumo di hashish e marijuana le valutazioni dei genitori circa il consumo da parte dei figli risultano sottostimate: i figli indicano di farne uso qualche volta o spesso nel 4,7% dei casi, a fronte di uno 0,9% dei genitori. E' quanto emerge dall'indagine Nazionale sulla Condizione dell'infanzia e dell'adolescenza di Telefono Azzurro ed Eurispes che fornisce una fotografia degli atteggiamenti, delle idee e dei comportamenti dei bambini e degli adolescenti presentata oggi a Roma. Oltre la meta' dei genitori (50,7%) ritiene che il proprio figlio non si senta mai depresso, a fronte di un piu' contenuto 40,8% di ragazzi che dice di non sperimentare mai questa condizione psicologica; quasi il 26% dei ragazzi afferma di sentirsi depresso qualche volta o spesso. Il 16,2% degli adolescenti afferma di sentirsi spesso annoiato, mentre solo l'8,6% dei genitori crede che il proprio figlio si senta spesso cosi'. Il 6,1% dei ragazzi, infine, si sente spesso angosciato, a fronte del 2,4% dei genitori con la medesima percezione; il 38,4% dei ragazzi dice di non provare mai angoscia, ma fra i genitori e' piu' elevata la quota di chi non attribuisce mai questo stato d'animo al proprio figlio (43,9%). Da queste percentuali emerge come i genitori colgano in maniera attenuata non solo i comportamenti a rischio, ma anche le difficolta' emotive dei figli, che hanno a che vedere con ansie e depressione. dab/lus/alf ASCA GIOVANI: ALCOL E SESSO NON PROTETTO PRINCIPALI COMPORTAMENTI A RISCHIO Roma, 7 dic - Alcol e sesso non protetto sono i principali comportamenti a rischio tra gli adolescenti. E' quanto emerge dall'indagine Nazionale sulla Condizione dell'infanzia e dell'adolescenza di Telefono Azzurro ed Eurispes che fornisce una fotografia degli

6 atteggiamenti, delle idee e dei comportamenti dei bambini e degli adolescenti presentata oggi a Roma. Il 2,1% dei ragazzi ha fatto uso di ecstasi e altre droghe sintetiche e l'1,9% di cocaina. Piu' significativa e allarmante e' invece la percentuale di coloro che almeno una volta sono entrati in contatto con marijuana e hashish: il 9,4% (di cui spesso il 2,2%, qualche volta il 3,6%, raramente il 3,6%). Decisamente meno prudente e' l'atteggiamento dei ragazzi nei confronti del consumo di alcol: il 28,4% dichiara di ubriacarsi (spesso il 3,3%, qualche volta il 12,7%, raramente il 12,4). Rispetto ad altri comportamenti considerati ''a rischio'', l'8,5% dei ragazzi dichiara di essere venuto alle mani con qualcuno (spesso il 2,1%, qualche volta il 6,4%) e il 5,1% afferma di essere andato in giro con un coltello. Infine, un significativo 12,8% ammette di consumare rapporti sessuali senza alcuna protezione (il 4,2% spesso, il 3,1% qualche volta, il 5,5% raramente). La pratica di ubriacarsi aumenta vertiginosamente con il crescere dell'eta' dei ragazzi: se i 12-15enni che affermano di non ubriacarsi mai sono pari all'83,7%, questa percentuale scende drasticamente (al 46%) tra i piu' grandi: fra questi, il 53,8% dice di ubriacarsi (il 5,8% spesso, il 25,6% qualche volta, il 22,4% raramente) contro il 15,2% dei piu' giovani (l'1,6% spesso, il 6,3% qualche volta, il 7,3% raramente). Per quanto concerne i rapporti sessuali non protetti, sono ancora i 16-18enni a mostrarsi meno responsabili: infatti, al 24,3% capita di avere rapporti non protetti (di cui spesso e qualche volta il 7%, raramente il 10,3%), contro il 6,3% dei 12-15enni (di cui il 2,4% spesso, l'1% qualche volta, il 2,9% raramente). Il 13,1% dei ragazzi, infine, dichiara di aver rubato in un negozio e una percentuale di poco inferiore (12,1%) di essere stata tentata di farlo. dab/lus/alf ORDINANZE COMUNALI VIAEMILIANET Spaccio e alcol in prima serata Martedì, 6 Dicembre :24 Via Secchi, via Roma, via Nobili: nel fine settimana si beve, si staziona per ore sul marciapiede, si vende droga. A giorni un'ordinanza anti alcol del sindaco. I residenti: 'Serve una riqualificazione commerciale'. Siamo in via Secchi. Non è tardi. Sono le 21 di un normale venerdì sera. Le persone acquistano alcol dai negozi che si susseguono uno dopo l altro. Per il momento non è vietato nè vendere nè comprare alcolici. Non si potrebbe però stazionare ore davanti a un alimentari, o a un kebab. Non si potrebbe abbandonare le bottiglie di birra in terra. Men che meno si potrebbe urinare sui muri: delle abitazioni, dei civici musei. Però succede. Via Roma, lì accanto: in strada tre ubriachi danno spettacolo e intimoriscono un po le coppie che passano. Piazza Martiri del 7 luglio e via Nobili, salvo per la splendida fontana, non sono molto illuminate. Su facebook una giovane manager di 43 anni, Federica Fontanesi, sfoga le sue paure e le sue lamentele dopo essere stata costretta a correre velocemente verso l auto perchè un uomo la seguiva e la importunava verbalmente. I problemi sono maleducazione e poco rispetto, ma ultimamente pare si sia andati oltre. Si sono verificati episodi di violenza e di spaccio. Da qualche settimana i residenti di via Secchi stanno dando vita a una protesta pressante. In 20, riuniti in comitato, chiedono aiuto all amministrazione, vogliono che i controlli aumentino. Ora si dicono fiduciosi, perchè il sindaco Graziano Delrio ha risposto: emaneremo un ordinanza per vietare la vendita di alcolici dalle 17 in poi. Verrà drasticamente ridotto l orario di apertura dell Open Shop 24 di via Roma, che presto dovrà chiudere alle 18. In questi giorni i controlli della municipale sono fatti quotidiani. Anche il questore ha ricevuto il comitato e ha assicurato collaborazione. Ammesso che l ordinanza porti risultati, i Comuni non hanno comunque il potere di renderla permanente. Il provvedimento fra 4 mesi scadrà. E dopo? Secondo i residenti serve una riqualificazione commerciale.(*) (*)Nota: e secondo voi cosa servirebbe?

7 IL LAVORO DELLE FORZE DELL ORDINE LA NUOVA VENEZIA Un altra strage di patenti: cento ritirate in un mese 06 dicembre 2011 pagina 32 sezione: Nazionale di Alessandro Abbadir w CAMPAGNA LUPIA Area sud della Riviera del Brenta: quasi un centinaio di patenti ritirate in poco più di un mese. Questo il bilancio dei controlli fatto dai carabinieri della Compagnia di Chioggia e della stazioni di Campagna Lupia e nei comuni di Campolongo, Camponogara. Campagna Lupia e Fossò. L ultima strage di documenti di circolazione è avvenuta nello scorso fine settimana quando diciassette patenti di guida sono state ritirate e dieci persone sono state denunciate a piede libero per guida in stato d ebbrezza. Partiamo dall azione dei carabinieri della stazione di Campagna Lupia e Chioggia che hanno controllato via Villa a Bojon, via Alto Adige a Liettoli e via Roma a Campolongo, via Nuova a Calcroci, via Repubblica a Campagna Lupia e via Provinciale sud a Fossò. Hanno controllato oltre 100 auto soprattutto nelle ore notturne cioè dalle 23 alle 4 del mattino. Hanno sorpreso 16 automobilisti che avevano alzato il gomito, con una presenza di alcol nel sangue a volte ben oltre i limiti di legge. Per nove di loro è scattata la denuncia, mentre per gli altri sette è stata elevata una pesante sanzione amministrativa, non avendo superato il limite di 0,8 grammi di alcol per litro di sangue, ma avendo superato la soglia di 0,5 grammi alcol per litro. Le persone denunciate sono: L.C., 46 anni di Fossò; F.T., 35 anni di Campolongo Maggiore; S.T., 46 anni di Chioggia; M.L., 41 anni di Fiesso D Artico ; S.V., 26 anni di Vigonovo; N.S., 23 anni di Fiesso; M.Z., 32 anni di Padova; e S.R., 20 anni di Cadoneghe. Ma a queste patenti se ne aggiunge un altra ritirata dalla polizia locale di Dolo (Unione dei Comuni) che lo scorso sabato pomeriggio alle 16,30 ha fermato in via Cazzaghetto fra Arino di Dolo e Cazzago un giovane di Pianiga, con un tasso di alcol nel sangue che sfiorava l 1, quasi il doppio rispetto al limite consentito dalla legge. Anche per lui è scattato il ritiro del documento di guida e la denuncia a piede libero. Il bilancio solo dei carabinieri di Chioggia e della stazione di Campagna Lupia, è rilevante: oltre una novantina di patenti sono state ritirate in poco più di un mese. E anche i vigili urbani di Mira non scherzano una decina di patenti in poco più di quindici giorni sono state ritirate stavolta a giovani che erano per lo più sotto l effetto di sostanze stupefacenti. RAVENNA24 Alcol al volante, una denuncia 6 Dicembre 2011 Lugo Cronaca A Lugo, i militari del Radiomobile hanno controllato un cittadino italiano di 40 anni, sorpreso alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza, con un valore di 0,90 g/l. Per il soggetto, oltre alla denuncia a piede libero è scattato il ritiro immediato della patente di guida per la successiva sospensione. Sempre in Lugo i carabinieri della stazione hanno proceduto nei confronti di un cittadino di nazionalità romena di 30 anni, trovato in possesso di una dose di hashish, destinata a uso personale. L uomo è stato segnalato quale consumatore di stupefacenti e la sostanza sequestrata. GAZZETTA D ASTI Controlli anti-alcol sulle strade dell'astigiano Anche nello scorso fine settimana non sono mancati, da parte dei carabinieri del comando provinciale, controlli stradali per prevenire il fenomeno della guida in stato d ebbrezza. In questo contesto i militari di Montechiaro hanno denunciato un 27enne che in località San Giulio, alle porte di San Damiano al volante della propria auto e sotto l'effetto di sostanze alcoliche, ha invaso la corsia opposta causando un lieve un incidente.

8 Poche ore dopo, a Calosso, i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Canelli hanno denunciato per lo stesso motivo un secondo automobilista, R.P., classe 1954, anch esso risultato positivo al test dell etilometro. I colleghi di San Damiano, inine, nel corso di un controllo stradale, hanno denunciato per guida senza patente una nomade del paese, 35 anni, sorpresa alla guida di una vettura benché sprovvista di patente di guida, già revocatagli in passato dalla Prefettura di Asti. IL PICCOLO Tasso alcolico oltre i limiti. I carabinieri tolgono tre patenti 06 dicembre 2011 pagina 29 sezione: Nazionale Tre triestini di cui non sono state rese note le generalità nel passato week-end si sono visti levare la patente per guida in stato di ebbrezza o per essersi rifiutati di sottoporsi ai controlli di rito. Questo il risultato dei controlli preventivi di sicurezza stradale fatti appunto nell ultimo fine settimana lungo le strade della città, il sabato sera in particolare, dal nucleo radiomobile dei carabinieri del comando provinciale di via dell Istria. Due di loro sono risultati positivi all etilometro, mentre un terzo non ha accettato di farsi controllare. Ha rifiutato sia il test dell alcol che quello per rintracciare eventuali sostanze stupefacenti. Per quest ultimo, oltre al ritiro della patente, è così scattata anche una doppia denuncia. IL TIRRENO Alcol, via 4 patenti 06 dicembre 2011 pagina 01 sezione: Montecatini MONTECATINI. Quattro patenti ritirate e un giovane denunciato per ingiuria nei confronti di un carabinieri. Nel weekend sono state intensificate le verifiche dei militari lungo le principali vie di comunicazione anche per prevenire le cosiddette stragi del sabato sera. A Montecatini, nel corso dei vari posti di controllo sulle più importante vie di scorrimento, sono state fermate numerose auto. Nella stragrande maggioranza alla guida c erano giovani. Quattro automobilisti sono stati denunciati per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica, (nella foto un test dell etilometro) con il conseguente ritiro della patente e il taglio di 10 punti. Uno dei quattro, fra l altro, è stato denunciato anche per ingiuria aggravata nei confronti di un militare del nucleo radiomobile. Secondo l accusa avrebbe offeso con frasi oltraggiose il carabiniere dopo aver ricevuto la contestazione della guida in stato di ebbrezza certificata dal test dell etilometro. MESSAGGERO VENETO In bici ubriaca, denunciata dai Cc 06 dicembre 2011 pagina 32 sezione: Gorizia CIVIDALE Fermata e denunciata perché pedalava ubriaca: è accaduto nel cuore di Cividale, la notte fra domenica e lunedì. Protagonista del singolare episodio una ragazza di vent anni, residente in città. Era l una e mezza quando una pattuglia del nucleo radiomobile dei Carabinieri della Compagnia cividalese, che stava effettuando un normale servizio di controllo in centro storico, ha scorto in Largo Boiani fra il Caffè San Marco e il palazzo delle Poste una bicicletta che avanzava a zig zag. In sella una giovane. I militari le hanno chiesto di fermarsi, per accertarne l identità, ma la ventenne ha proseguito imperterrita, incurante dell intimazione ricevuta e suonando il campanello. Pochi metri più avanti, all altezza di Foro Giulio Cesare, ha perso l equilibrio e i Carabinieri l hanno allora bloccata. La ragazza, questa volta, non ha potuto che ubbidire. Faceva fatica a reggersi in piedi e si presentava in stato decisamente confusionale: ai Carabinieri ha detto che doveva tornare subito a casa, dove la aspettava il figlioletto. Le condizioni (e le reazioni) della 20enne e le sue dichiarazioni sconnesse hanno indotto i militari ad eseguire l alcol test. Poco dopo, mentre la giovane veniva sottoposta all accertamento (risultato positivo), è arrivato sul posto il suo convivente, allertato dalle forze dell ordine grazie alle informazioni raccolte dalla stessa ciclista. La donna è stata

9 denunciata, appunto: ora sarà la Prefettura di Udine a valutare come procedere nei suoi confronti. «A un conducente che risulti in stato d ebbrezza motivano, infatti, dalla Compagnia cittadina la patente viene, di norma, ritirata immediatamente (la ragazza non è però in possesso di patente). Nel caso episodi di ubriachezza riguardino ciclisti si procede alla segnalazione alla Prefettura, che valuta poi come procedere». La giovane subirà in ogni caso un procedimento penale e rischia una multa fino a 6 mila euro. (l.a.) CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI TMNEWS Bolivia/ Ragazzo 18enne attaccato e ucciso da gruppo piranha Era ubriaco, è caduto da una canoa Roma, 7 dic. (TMNews) - Un ragazzo è stato attaccato e ucciso da un gruppo di piranha nel nordest della Bolivia. La polizia del Paese sudamericano ha riferito che la vittima, che aveva 18 anni, era ubriaca quando è caduto da una canoa a Rosario del Yata, a nord della capitale La Paz. Un portavoce ha riferito che il ragazzo è morto dissanguato dopo l'attacco. Ha perso la vita giovedì, ma la notizia sull'accaduto è trapelata solo oggi. A quanto emerso, la vittima era un pescatore che conosceva molto bene il fiume. Malgrado la reputazione che i piranha si sono costruiti grazie ai film di Hollywood, gli attacchi contro gli esseri umani rappresentano una rarità. INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE LA CITTA DI SALERNO Riflessione pubblica 06 dicembre 2011 pagina 19 sezione: Nazionale Sabato 2 dicembre presso il Salone del Gonfalone del Comune di Salerno, si è svolto il seminario "Genitori, figli e alcool: come parlarne?". Il Gruppo Logos, in collaborazione con la Cooperativa Labos Team, l Arcat Campania e Mentoring Usa- Italia, ha proposto una riflessione pubblica su come i genitori devono affrontare il tema alcol con i propri figli visto che in Italia il primo consumo di alcool è a 11 anni in Europa a 14 anni. Firenze, sicurezza stradale: torna il Progetto Discoteche allo "YAB" Data: 07/12/2011 Prosegue il tour del "Progetto Discoteche", la campagna di prevenzione sui rischi alla guida sotto l'effetto di alcool e stupefacenti, a cura dei Giovani della Croce Rossa Italiana Firenze. Il nuovo appuntamento tra i locali della città sarà per giovedì 8 dicembre alla discoteca Yab, nel centro storico della città. Ancora una volta l'attività dei volontari consiste nel divulgare materiale informativo sulla sicurezza stradale per aumentare la consapevolezza nei più giovani sui rischi della strada, dando informazioni e supporto ai frequentatori delle discoteche. L'obiettivo è quello di cercare di distogliere i ragazzi da atteggiamenti pericolosi quali la guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti, il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e del casco. Verranno inoltre effettuati alcoltest gratuiti con in palio, per coloro che risulteranno negativi, 10 ingressi omaggio al locale per il giovedì successivo e 10 bevute analcoliche gratuite, messi a disposizione della discoteca. Lo strumento vincente di questa iniziativa è la proposta di una attività di sensibilizzazione rivolta ai giovani e condotta da giovani stessi. Questo migliora notevolmente la facilità dell'approccio, la credibilità della fonte d'informazione e di conseguenza l'incisività del messaggio.(*)

10 L'iniziativa, promossa dai Giovani della Croce Rossa Italiana, vedrà impegnati i volontari anche nel corso del 2012 per gli appuntamenti successivi in altri locali della provincia di Firenze. Fonte: Croce Rossa Italina (*)Nota: non dimentichiamo la validità del messaggio che dovrebbe sottolineare anche che qualsiasi quantità di bevanda alcolica, anche la più piccola, è sempre un rischio! CONSEGUENZE DELLA MOVIDA IL GIORNALE «Le notti della movida mi stanno ammazzando» di Redazione Una signora malata di cuore ha visto peggiorare le sue condizioni per il caos provocato dai clienti dei locali. «Dormiamo solo tre ore» La movida? Mi sta uccidendo. Da quando sono venuta ad abitare qui al Ticinese la mia salute è peggiorata di giorno in giorno. E ora è definitivamente compromessa e mi resta poco da vivere. Che esista una correlazione diretta tra i miei malanni e il luogo dove abito è talmente evidente che i medici non hanno dubbi. Tant è che d estate, quando me ne vado in vacanza due mesi, miglioro sensibilmente e posso condurre un esistenza normale. Che dire? Questa zona sarebbe un paradiso umano e naturale, ma noi viviamo un inferno. E io sto pagando un prezzo troppo alto». Odette ha 66 anni e preferisce l anonimato perché teme le ritorsioni del popolo della notte. Questa signora dolce, educata, squisita e colta - è stata una professionista molto apprezzata ma anche su questo dettaglio preferisce essere vaga - entro marzo lascerà la sua casa in via Vetere dove abita dal 2006 e andrà ad abitare altrove. «Voglio vivere in pace i pochi anni che mi restano. Credo di aver pagato a sufficienza, e a livello personale, un problema di portata sociale che spetterebbe agli amministratori di questa città risolvere» sussurra. Il rumore senza regole dei locali, gli schiamazzi notturni, le intemperanze degli ubriachi e quelle degli spacciatori e dei loro clienti che all inizio di ottobre le hanno sfondato il portone di casa (e la polizia, che aveva promesso al telefono d intervenire, non si è fatta viva, ndr) hanno avuto la meglio su di lei. Odette ha il cuore in gola quando parla, le parole le escono dalla bocca al termine di un grosso sforzo che si percepisce anche solo conversando con lei al telefono. E questa sua vita, piegatasi alla legge del più forte, fa tanta rabbia. Di Odette si sono occupati per primi il sito e il comitato residenti «La Cittadella» che denuncia di continuo il degrado al Ticinese e ha fatto emergere il suo caso; noi l abbiamo intervistata. «Il peggio lo abbiamo raggiunto quest anno a settembre, quando ha fatto tanto caldo per tutto il mese», spiega Odette. «Di notte mi svegliavo almeno quattro volte, è stato terribile. Ma anche adesso, che è inverno e le finestre, con i doppi vetri, sono chiuse, urla e schiamazzi non mi permettono di dormire. I miei problemi di cuore, infatti, mi rendono emotivamente fragile, le liti e le urla mi agitano molto. Quando sono venuta ad abitare qui, nel 2006, avevo già avuto una polmonite con delle aggravanti. A quei tempi vivevo tra Sant Ambrogio e corso Magenta mentre mia figlia stava qui. Facemmo un cambio di abitazione perché lei e la sua famiglia potessero avere più spazio. Inoltre qui, con la vista sul Parco delle Basiliche, mi sembrava un paradiso: vedo cambiare le stagioni e, se voglio, posso scendere e andare a sedermi sulle panchine. Questo era quello che pensavo...e di giorno la casa è un vero paradiso. Ma la sera... Beh, per me è stato un choc!». Odette è delicata anche quando parla dello spaccio e della droga (l eroina è tornata di gran moda, ndr) che infestano il quartiere. «Dopo una certa ora - sostiene - voci e situazioni si ampliano e si alterano in modo tale che l ubriacatura da birra da sola non può bastare a spiegarle». «Di noi residenti non importa nulla a nessuno e il vento nuovo che avrebbe dovuto portare il sindaco Pisapia qui ancora non spira. Del resto anche in zona Sarpi, dove abitano alcuni miei conoscenti e hanno enormi problemi con i cinesi, nessuno fa niente per migliorare lo stato delle cose: è la volontà che manca», prosegue la pensionata.

11 Che poi sospira. Si ferma. Riprende fiato. E, con amarezza, conclude. «Sa che cosa è cambiato in meglio? La pulizia delle strade, fondamentale in questa zona, prima veniva eseguita tra le 8 e le 9, ora la fanno tra le 2.30 e le 4 del mattino, obbligando la gente che vorrebbe restarsene per strada tutta la notte, ad andarsene via prima. A chi abita qui restano così 2-3 ore di quiete. Poi, alle 6, però, arriva la nettezza urbana. Quindi, a questo punto, mi devono spiegare quando si può dormire...gliel ho già detto: ho pagato e sto pagando un prezzo troppo alto. Me ne vado a morire lontano da qui». IL GIORNALE «MOVIDA» INDECENTE di Redazione articolo di mercoledì 07 dicembre 2011 Troppo forte lo stimolo. Troppo debole la forza di volontà per riuscire a trattenere l urina accumulata con qualche drink di troppo nonostante la sera fosse appena iniziata. Così un uomo che aveva già alzato il gomito alle nove di sera, ha ceduto e ha abbassato la cerniera dei pantaloni per liberarsi dal «fastidio». Il problema è che lo ha fatto in via delle Grazie nel bel mezzo dello «struscio» della movida. Una volante della polizia che passava in quel momento lo ha multato per l ubriachezza e denunciato per gli atti contrari alla pubblica decenza.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli