UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS"

Transcript

1 UN BELLISSIMO ARTICOLO SULLA PUBBLICITA INGANNEVOLE DEGLI ALCOLICI ASAPS Le assurde pubblicità dei superalcolici con gente vincente e che cucca Ce n è una su un amaro, che ci presenta "eroi" inesistenti che recuperano anfore, soccorrono e salvano con aerei e natanti, ma hanno poi confidenza con l'alcol Martedì, 06 Dicembre 2011 Certo, noi veniamo da una generazione cresciuta con pubblicità celebrative degli alcolici quindi non dovremmo stupirci. Eravamo abituati all'amarissimo che fa benissimo o Petrus quello che della mano guantata d'acciaio che sbatteva sul tavolo e che era per l'uomo forte. Io non lo sono mai diventato perché non mi piaceva. E cosa dire di Giorge. Sì Giorge Cloney che per anni ha bussato alle porte dove si tenevano feste con figliole stupende e lui si presentava con la sua bella bottiglia di Martini (questo lo ammetto qualche volta...) e gli dicevano No Martini non party!. Che inganno!! A Giorge quelle gnocche gli avrebbero aperto anche con una bottiglia di acqua minerale naturale. Se mi presento io con un TIR di bottiglie di Martini bianco, rosso, dry, nessuno mi apre e mi cacciano a pedate. E oggi? Le pubblicità continuano ad esser suadenti con atmosfere calde, nelle quali il superalcolico si coniuga con emozionanti lati B di belle signore e con slogan del tipo E la notte prende vita... (come no! a volte la prende proprio ) oppure con voci che richiamano Intense emozioni. Gli spot si sono fatti però più sottili, ma sempre celebrativi della positività dei soggetti che bevono alcolici. Insomma se non cuccano, quanto meno agiscono nel sociale con gesti e azioni molto, molto positivi. Ricordate quel piccolo aereo sul tramonto rosso con quei tre tipi vestiti da stilisti senza risparmio, che scendono a terra e recuperano un'anfora antica? Cosa fanno subito dopo? Ricordano l'impresa mimando il difficile volo con le mani e bevono insieme un noto amaro. Per chi da anni si batte contro la confidenza agli alcolici, quell'aereo andrebbe abbattuto mentre vola sul Mediterraneo da una portaerei classe Nimitz per quanto è pericoloso per la comunicazione sui rischi degli alcolici. Ora lo hanno fermato, avete visto. Gli stesso ganzissimi tipi sono passati infatti dall'aeronautica alla Marina e adesso intervengono in mare per rimorchiare col loro attrezzato natante una barca alla deriva. Ma non pensate che sopra ci sia una moltitudine di poveri africani con donne e bambini assetati e sconvolti. No, su quella braca c'è una band di musicisti che, disperati, non sanno come fare per arrivare a terra dove dovranno tenere un concerto. Per fortuna (loro) arrivano i nostri che li rimorchiano e il concerto in un amena località di mare è salvo. Anche lì dopo si beve il solito amaro. Insomma i protagonisti sono disinvoltamente passati dal nucleo recupero opere d'arte al nucleo di protezione civile e Guardia Costiera. Ottimo. Insomma il messaggio è chiaro: quelli che fanno cose belle e positive, quelli che recuperano anfore e rimorchiano barche (e donne) poi bevono superalcolici. Mai che si veda uno schianto con una macchina per colpa di qualcuno che ha esagerato, o di un marito che picchia una moglie e i suoi bambini perché sbronzo. Sì c'è ancora molto da fare ragazzi anche per abbassare la cifra dei morti sulle strade, dove ancora tanti danno confidenza all'alcol e poi guidano. E la notte prende (la) vita... purtroppo. Giordano Biserni Presidente Asaps PRENDIAMO LO SPUNTO DA QUESTA LETTERA PER SEGNALARE LA MANCANZA DI UNA LEGGE CHE REGOLI LA MATERIA: PERCHE LE MACCHINETTE POSSONO DISTRIBUIRE BEVANDE ALCOLICHE AI MINORI DI ANNI 16, AGLI UBRIACHI ED A QUALSIASI ORA? Blocchiamo la vendita di alcol nei bar automatici Una lettrice espone alcune anomalie commerciali nell'italia dei 100 campanili. Buon giorno presidente del consiglio,

2 mi chiamo Federica Borghi, ho 35 anni e sono mamma di 2 bimbe. Ho letto e riletto la manovra fatta in questi giorni e sebbene alcune cose non le condivida, probabilmente dovevano comunque essere fatte. E visto che nella manovra si parla di liberalizzazione mi piacerebbe in questa seede precisare alcune cose. Premetto che sono una lavoratrice a tempo determinato part-time, di conseguenza Lei capisce che il mio stipendio non basta per mantenere una casa e due bimbe di 6 e 4 anni. Per questo ho colto al volo l'opportunità che mi è stata offerta all'inizio del 2011 quando ho avuto la fortuna di rincontrare una persona che mi ha dato la possibilità di fare un mutuo, in modo da poter aprire un'attività che mi consente comunque di mantenere il mio lavoro part time. Un modo pratico, ho pensato, per avere un'entrata maggiore e quindi offrire alle mie bimbe un futuro migliore. L'attività di cui sto parlando è un punto vendita completamente automatizzato che in teoria dovrebbe essere aperto24h su 24. Quando ho comprato l'attrezzatura, mi hanno garantito che potevo tenere le macchine aperte 24h al giorno 7 giorni su 7, ma la cosa non è andata proprio così. Nel Comune dove ho aperto il negozio mi hanno chiaramente detto, infatti, che al massimo potevo tenere aperto 13 ore per giorno: dalle 7 del mattino fino alle 22 di sera; ma al tempo stesso però l'amministrazione comunale concede ai bar tradizionali di restare aperti 24h. Da qui la mie perplessità. Se questi negozi sono chiamati self service 24h perchè non abbiamo la possibilità di poter tenere aperto giorno e notte? E ancora: nei bar in teoria non si potrebbe vendere alcolici dopo una determinata ora e soprattutto non si potrebbe servire alcol a persone che già sono in stato di ebrezza, allora perchè questo viene fatto? E ancora peggio, è stata data anche a me la possibilità di inserire gli alcolici all'interno delle mie macchine, cosa che io comunque non farò perchè sono contraria a certe cose, ma non mi viene data la possibilità di poter rimanere aperta 24h! Ora Le chiedo: Non è possibile varare una legge che imponga che questi negozi automatici di restare aperti 24h al giorno 7 giorni su 7 indifferentemente da dove vengano aperti? E contemporanemente vietare la distribuizione automatica di alcolici, che a mio avviso creano solo danno a noi e ai ragazzi sempre pronti a farsi alcune birre di troppo? La ringrazio per l'attenzione prestatami e Le porgo i miei più cordiali saluti Federica Borghi Martedì, 06 Dicembre 2011 ANCORA SULL OMICIDIO STRADALE OMNIAUTO Oltre i morti sulle strade nel 2010 Siete d'accordo sull'introduzione del nuovo reato di "omicidio stradale"? Nel 2010 in Italia hanno perso la vita persone e di queste 1099 (27%) avevano dai 18 ai 32 anni. I giovani continuano quindi ad essere le principali vittime di questa strage e sono anche quelli che ricevono più contravvenzioni per guida in stato psicofisico alterato da alcol o droga. Hanno meno di 33 anni il 53% dei trasgressori che hanno ricevuto contravvenzioni per guida in stato d ebbrezza, mentre i giovani che hanno preso una multa per guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti rappresentano il 60% delle contravvenzioni comminate per questo tipo di irregolarità. Secondo Umberto Guidoni, Segretario Generale della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, "è necessario intervenire in maniera decisa con misure che contrastano efficacemente questa strage. Inoltre, nei casi in cui gli incidenti stradali sono causati da gravi violazioni delle regole della strada, si deve prevedere una fattispecie normativa che regoli il reato di omicidio stradale". CHE COS'E' "L'OMICIDIO STRADALE" La nuova norma in esame in Parlamento infatti per chi provoca un incidente con lesioni gravi o morte dopo essersi messo alla guida in condizioni di ebrezza (tasso alcol superiore a 0,8 g/l) e/o sotto l'effetto della droga una pena da 8 a 18 anni di carcere, l'arresto in flagranza di reato e la revoca definitiva della patente ("ergastolo della patente"). Aprendo il convegno "Reato di

3 omicidio stradale: consapevolezza sociale, gravità e pene", all interno del Terzo Salone della Giustizia che si tiene a Roma in questi giorni, Guidoni ha anche ricordato che "la violazione delle regole è la prima causa degli incidenti ed otto italiani su dieci chiedono pene più severe per chi uccide al volante. Dobbiamo tenere presente che certe condotte di guida causano alcuni tra i più gravi delitti che avvengono oggi nel nostro Paese - ha aggiunto -. Penso, ad esempio, a chi causa incidenti stradali dopo essersi messo al volante sotto l effetto di droghe o con un tasso alcolemico nel sangue ben oltre la soglia consentita dalla legge". LA LEGGE IN ALTRI PAESI EUROPEI Anche in Italia secondo la Fondazione ANIA si dovrebbe seguire l esempio di altri Paesi, come il Regno Unito e la Francia, dove sono previste aggravanti con pene come la reclusione fino a 14 anni per chi uccide a seguito di condotte di guida pericolose, imprudenti e sconsiderate. "Peraltro, nel nostro Paese - ha spiegato Guidono -, sempre più persone, soprattutto i giovani, sono favorevoli all inasprimento delle pene legate all omicidio stradale. Come risulta da una nostra recente indagine realizzata in collaborazione con Ispo, l 84% degli italiani si è dichiarato favorevole all introduzione del reato stradale. Il legislatore dovrebbe tenere presente questa e altre indicazioni che arrivano dalla collettività e agire di conseguenza". L APPELLO DI UN SINDACO CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE LA TRIBUNA DI TREVISO «Le violenze in casa vanno denunciate» 06 dicembre 2011 pagina 31 sezione: Nazionale di Alberto Della Giustina wmiane Un appello perché tutte le donne denuncino le violenze e le angherie tra le mura di casa. A lanciarlo è il sindaco di Miane, Angela Colmellere, dopo che venerdì scorso i carabinieri della Compagnia di Vittorio, rimanendo feriti, hanno interrotto un violentissimo scatto d ira di un marito alterato dall alcol con tanto di coltello alla mano prima che tutto finisse in tragedia come successe un anno e mezzo fa in via IV novembre sempre a Miane, quando un uomo si tolse la vita dopo aver ucciso la moglie. «Tutte le donne dovrebbero segnalare le situazioni di disagio e violenze familiari, almeno ai nostri servizi sociali, è bene farlo prima che le cose precipitino, per mettere chi può aiutare nelle condizioni di farlo ha voluto appellarsi alle donne il sindaco Colmellere Siamo a conoscenza di situazioni difficili, spesso in famiglie di immigrati, in cui molte volte le mogli sono in difficoltà: inizialmente si confidano con i nostri operatori, poi però la paura le fa rientrare nei canoni di vita imposti dal marito, e questo può preludere a situazioni estreme. Voglio ringraziare i carabinieri per il loro ecce- zionale intervento, sono riusciti a stroncare sul nascere, rimanendo feriti, una situazione che poteva diventare molto peggio». Situazioni difficili quelle che si sono trovati ad affrontare qualche giorno fa gli uomini dell Arma: un carabiniere contuso e un altro ferito dai fendenti del coltello di Vasile Doru, 41enne disoccupato rumeno, che ritornato dopo un assenza di due mesi dalla casa di via Grandola, si stava accanendo ubriaco contro la moglie 37enne. L intervento dell Arma ha stroncato la violenza sul nascere ma è costato serie ferite e rischi ben maggiori ai due militari, dal momento che l uomo, in escandescenze, menava fendenti con un coltellaccio. I due militari, medicati dai sanitari, hanno riportato ferite e contusioni dichiarate guaribili in 15 giorni, Doru, contuso nella colluttazione, è in prognosi riservata. Una conclusione comunque ben diversa da quanto accadde nell aprile del 2010 in via IV novembre quando Laura Leduc, 50enne di origine francese, fu uccisa dal marito che voleva lasciare, Francesco Rizzi. Il 61enne poi si tolse la vita. CHI HA IDEATO GLI HEPPY HOUR E LE SERATE UNIVERSITARIE CON SCONTI ED ALTRE ATTRAZIONI ORA NE PAGANO LE CONSEGUENZE. REPUBBLICA Risse, bicchieri rotti, minacce è la movida degli universitari Ogni sera appuntamento in una discoteca diversa: una settimana alcolica che spesso finisce

4 al pronto soccorso. I gestori dei locali protestano uniti: "Contrastare le serate fuori controllo" di FRANCO VANNI (06 dicembre 2011) Qualche parola di troppo, spintoni, un bicchiere rotto in faccia. Poi calci e pugni, camicie macchiate di sangue e giacche di sartoria strappate nella mischia. È successo sabato sera alla discoteca Le Banque, a trecento metri da piazza Duomo. Protagonisti della rissa, finita in pronto soccorso, sono «laureandi di alcune delle università più prestigiose d Europa, se non del mondo», come scrive il titolare, Claudio Rizzelli, in una lettera aperta sul sito web della discoteca di via Bassano Porrone. «Clienti distintissimi e di buona famiglia si legge di cui è impossibile tenere a bada gli istinti animaleschi e violenti, che finiscono per rovinare serate tranquille». Rizzelli, proprio nelle serate universitarie, ha aumentato il numero dei buttafuori alla porta per controllare che non vengano introdotti alcolici e che qualcuno sia troppo su di giri. Perché, spiega, «il problema della notte a Milano sono gli universitari iscritti nei costosi atenei privati, che prima picchiano e spaccano, poi minacciano il personale della sicurezza sbandierando le conoscenze altolocate dei genitori». Le serate fuori controllo degli universitari non sono un problema solo al Le Banque. La settimana alcolica della matricola in giacca e cravatta è scandita da appuntamenti fissi, alcuni storici, altri nati di recente e cresciuti a valanga grazie al web, su Facebook e nei forum dedicati. Serate colorate e divertenti, meno ingessate di quelle che attraggono la bella gente della moda e dintorni. Ma che sempre più spesso finiscono male, nonostante i tentativi dei gestori di tenere alla porta chi esagera. L agenda: Giovedì al The Club in Largo la Foppa, venerdì al Limelight in via Castelbarco, sabato al Le Banque, martedì all Hollywood, mercoledì all Old Fashion. Roberto Cominardi, titolare del club a Parco Sempione e presidente dell associazione dei gestori Silb, racconta: «Alcuni futuri dottori hanno atteggiamenti assurdi, che vanno a discapito di chi vuole divertirsi. Si arrampicano sui tralicci che reggono le luci, entrano scavalcando dalla siepe, si prendono a ceffoni. Se osi allontanarli scrivono letteracce da avvocati in erba. I peggiori sono i laureandi in giurisprudenza. Le offese a chi cerca di farli ragionare sono insopportabili». Tanto più che i buttafuori dell Old Fashion sono noti per preferire le buone maniere alla violenza. L esuberanza degli universitari all uscita ha spinto la gestione della Triennale che confina con il parco del locale a chiedere ogni mercoledì notte la presenza di una pattuglia della polizia. Sulla scalinata del palazzo dell arte le compagnie di studenti italiani e stranieri, a Milano con il Erasmus, aspettano taxi e bus che li riportino a casa, facendo gli ultimi giri di rhum al baracchino notturno dei panini. A rendere le serate universitarie «difficili da controllare» con l eufemismo di un buttafuori veterano è la miscela di una serie di abitudini d importazione, che a Milano hanno attecchito. Fuori dal Le Banque, già alle nove di sera, decine di studenti si trovano per bere vodka tonic da bottiglie di plastica portate da casa, secondo la tradizione spagnola del botellon, introdotta dagli studenti di Barcellona e Madrid. Dagli inglesi la comunità degli universitari milanesi ha imparato a fare il pieno di cocktail saltando la cena, garanzia di uno sballo veloce. «Capita di dovere chiamare ambulanze per ragazzi sconvolti dall alcol dice Roberto Santoro, patron della discoteca Limelight gli italiani poi non sono abituati a bere quanto gli inglesi e i tedeschi». Nella rissa di sabato scorso al Le Banque erano coinvolti un americano, un inglese e alcuni eleganti ragazzi italiani, matricole in un università privata. Ad avere la peggio nella zuffa sono stati «tre ragazzi di Buccinasco, gente semplice, a differenza dei loro aggressori dice Rizzelli magari un po ingenui, un po fuori dal giro». A scandire i ritmi del giro sono il passaparola e le comunità virtuali come universityequipe.com, international week, che pubblicano in rete le immagini scattate durante le serate, in cui potersi poi riconoscere connettendosi al sito web. Immagini da scambiare poi su Facebook, in cui taggarsi per potere dire «io c ero». Colori saturi, luci da pubblicità di alcolici. Future avvocatesse con scolli e spacchi, accompagnate da aspiranti ingegneri gestionali olandesi o da quasiesperti di marketing francesi. Volti entusiasti, incorniciati da cravatte e fili di perle. «La maggior parte sono bravi ragazzi dice Rizzelli ma quando li vedo menarsi penso: se questa è la classe dirigente del futuro, stiamo freschi».

5 IL DOPO SBRONZA IN INGHILTERRA SALUTE24 Salute: britannici trascorrono 4 anni con postumi sbornia (06/12/2011) Un day after lungo 4 anni, per la precisione 24 giorni all anno che moltiplicati per la durata della vita media vuol dire giorni con i postumi della sbornia. A tanto ammonta il tempo trascorso da un cittadino britannico adulto con gli strascichi lasciati dall ubriacatura della notte prima: nausea, mal di testa e stanchezza. A rivelarlo un sondaggio condotto tra sudditi di Sua Maestà dalla società YorkTest che per la maggior parte hanno confessato di alzarsi con la testa dolorante per più di tre settimane in un anno: i giorni da bollino nero sono sabato e domenica, ma uno su dieci afferma di alzarsi con gli stessi sintomi anche il lunedì. Questo significa che milioni di inglesi vanno in ufficio e lavorano poco, oppure non si presentano affatto al lavoro o trascorrono la loro giornata a letto, commenta Gill Hart di YorkTest. Otto su dieci intervistati dicono di avvertire tremori nel dopo-ubriacatura, sette su dieci soffrono di stanchezza e quattro su dieci hanno nausea. Uno su cinque rivela di non riuscire a smettere di sudare e lo stesso numero di persone ammette di provare vertigini. Circa la metà si è sentito male e ha evitato il lavoro dopo una notte folle, mentre un terzo del campione dichiara di aver dovuto dare spiegazioni al capoufficio per il proprio comportamento e uno su dieci è stato addirittura licenziato dopo l accaduto. L ANGOLO DELLA RICERCA ASCA GIOVANI: GENITORI SOTTOSTIMANO ABITUDINE FIGLI A USO ALCOL E DROGHE Roma, 7 dic - I genitori tendono a sottostimare l'abitudine dei propri figli a ubriacarsi: l'85,3% ritiene che non lo facciano mai, a fronte di un 72,7% di ragazzi che afferma che non succede mai. Per gli adulti, i figli si ubriacano spesso e qualche volta rispettivamente nello 0,4% e nel 3,5% dei casi, mentre i figli indicano percentuali diverse (3,4% e 12%). Anche rispetto al consumo di hashish e marijuana le valutazioni dei genitori circa il consumo da parte dei figli risultano sottostimate: i figli indicano di farne uso qualche volta o spesso nel 4,7% dei casi, a fronte di uno 0,9% dei genitori. E' quanto emerge dall'indagine Nazionale sulla Condizione dell'infanzia e dell'adolescenza di Telefono Azzurro ed Eurispes che fornisce una fotografia degli atteggiamenti, delle idee e dei comportamenti dei bambini e degli adolescenti presentata oggi a Roma. Oltre la meta' dei genitori (50,7%) ritiene che il proprio figlio non si senta mai depresso, a fronte di un piu' contenuto 40,8% di ragazzi che dice di non sperimentare mai questa condizione psicologica; quasi il 26% dei ragazzi afferma di sentirsi depresso qualche volta o spesso. Il 16,2% degli adolescenti afferma di sentirsi spesso annoiato, mentre solo l'8,6% dei genitori crede che il proprio figlio si senta spesso cosi'. Il 6,1% dei ragazzi, infine, si sente spesso angosciato, a fronte del 2,4% dei genitori con la medesima percezione; il 38,4% dei ragazzi dice di non provare mai angoscia, ma fra i genitori e' piu' elevata la quota di chi non attribuisce mai questo stato d'animo al proprio figlio (43,9%). Da queste percentuali emerge come i genitori colgano in maniera attenuata non solo i comportamenti a rischio, ma anche le difficolta' emotive dei figli, che hanno a che vedere con ansie e depressione. dab/lus/alf ASCA GIOVANI: ALCOL E SESSO NON PROTETTO PRINCIPALI COMPORTAMENTI A RISCHIO Roma, 7 dic - Alcol e sesso non protetto sono i principali comportamenti a rischio tra gli adolescenti. E' quanto emerge dall'indagine Nazionale sulla Condizione dell'infanzia e dell'adolescenza di Telefono Azzurro ed Eurispes che fornisce una fotografia degli

6 atteggiamenti, delle idee e dei comportamenti dei bambini e degli adolescenti presentata oggi a Roma. Il 2,1% dei ragazzi ha fatto uso di ecstasi e altre droghe sintetiche e l'1,9% di cocaina. Piu' significativa e allarmante e' invece la percentuale di coloro che almeno una volta sono entrati in contatto con marijuana e hashish: il 9,4% (di cui spesso il 2,2%, qualche volta il 3,6%, raramente il 3,6%). Decisamente meno prudente e' l'atteggiamento dei ragazzi nei confronti del consumo di alcol: il 28,4% dichiara di ubriacarsi (spesso il 3,3%, qualche volta il 12,7%, raramente il 12,4). Rispetto ad altri comportamenti considerati ''a rischio'', l'8,5% dei ragazzi dichiara di essere venuto alle mani con qualcuno (spesso il 2,1%, qualche volta il 6,4%) e il 5,1% afferma di essere andato in giro con un coltello. Infine, un significativo 12,8% ammette di consumare rapporti sessuali senza alcuna protezione (il 4,2% spesso, il 3,1% qualche volta, il 5,5% raramente). La pratica di ubriacarsi aumenta vertiginosamente con il crescere dell'eta' dei ragazzi: se i 12-15enni che affermano di non ubriacarsi mai sono pari all'83,7%, questa percentuale scende drasticamente (al 46%) tra i piu' grandi: fra questi, il 53,8% dice di ubriacarsi (il 5,8% spesso, il 25,6% qualche volta, il 22,4% raramente) contro il 15,2% dei piu' giovani (l'1,6% spesso, il 6,3% qualche volta, il 7,3% raramente). Per quanto concerne i rapporti sessuali non protetti, sono ancora i 16-18enni a mostrarsi meno responsabili: infatti, al 24,3% capita di avere rapporti non protetti (di cui spesso e qualche volta il 7%, raramente il 10,3%), contro il 6,3% dei 12-15enni (di cui il 2,4% spesso, l'1% qualche volta, il 2,9% raramente). Il 13,1% dei ragazzi, infine, dichiara di aver rubato in un negozio e una percentuale di poco inferiore (12,1%) di essere stata tentata di farlo. dab/lus/alf ORDINANZE COMUNALI VIAEMILIANET Spaccio e alcol in prima serata Martedì, 6 Dicembre :24 Via Secchi, via Roma, via Nobili: nel fine settimana si beve, si staziona per ore sul marciapiede, si vende droga. A giorni un'ordinanza anti alcol del sindaco. I residenti: 'Serve una riqualificazione commerciale'. Siamo in via Secchi. Non è tardi. Sono le 21 di un normale venerdì sera. Le persone acquistano alcol dai negozi che si susseguono uno dopo l altro. Per il momento non è vietato nè vendere nè comprare alcolici. Non si potrebbe però stazionare ore davanti a un alimentari, o a un kebab. Non si potrebbe abbandonare le bottiglie di birra in terra. Men che meno si potrebbe urinare sui muri: delle abitazioni, dei civici musei. Però succede. Via Roma, lì accanto: in strada tre ubriachi danno spettacolo e intimoriscono un po le coppie che passano. Piazza Martiri del 7 luglio e via Nobili, salvo per la splendida fontana, non sono molto illuminate. Su facebook una giovane manager di 43 anni, Federica Fontanesi, sfoga le sue paure e le sue lamentele dopo essere stata costretta a correre velocemente verso l auto perchè un uomo la seguiva e la importunava verbalmente. I problemi sono maleducazione e poco rispetto, ma ultimamente pare si sia andati oltre. Si sono verificati episodi di violenza e di spaccio. Da qualche settimana i residenti di via Secchi stanno dando vita a una protesta pressante. In 20, riuniti in comitato, chiedono aiuto all amministrazione, vogliono che i controlli aumentino. Ora si dicono fiduciosi, perchè il sindaco Graziano Delrio ha risposto: emaneremo un ordinanza per vietare la vendita di alcolici dalle 17 in poi. Verrà drasticamente ridotto l orario di apertura dell Open Shop 24 di via Roma, che presto dovrà chiudere alle 18. In questi giorni i controlli della municipale sono fatti quotidiani. Anche il questore ha ricevuto il comitato e ha assicurato collaborazione. Ammesso che l ordinanza porti risultati, i Comuni non hanno comunque il potere di renderla permanente. Il provvedimento fra 4 mesi scadrà. E dopo? Secondo i residenti serve una riqualificazione commerciale.(*) (*)Nota: e secondo voi cosa servirebbe?

7 IL LAVORO DELLE FORZE DELL ORDINE LA NUOVA VENEZIA Un altra strage di patenti: cento ritirate in un mese 06 dicembre 2011 pagina 32 sezione: Nazionale di Alessandro Abbadir w CAMPAGNA LUPIA Area sud della Riviera del Brenta: quasi un centinaio di patenti ritirate in poco più di un mese. Questo il bilancio dei controlli fatto dai carabinieri della Compagnia di Chioggia e della stazioni di Campagna Lupia e nei comuni di Campolongo, Camponogara. Campagna Lupia e Fossò. L ultima strage di documenti di circolazione è avvenuta nello scorso fine settimana quando diciassette patenti di guida sono state ritirate e dieci persone sono state denunciate a piede libero per guida in stato d ebbrezza. Partiamo dall azione dei carabinieri della stazione di Campagna Lupia e Chioggia che hanno controllato via Villa a Bojon, via Alto Adige a Liettoli e via Roma a Campolongo, via Nuova a Calcroci, via Repubblica a Campagna Lupia e via Provinciale sud a Fossò. Hanno controllato oltre 100 auto soprattutto nelle ore notturne cioè dalle 23 alle 4 del mattino. Hanno sorpreso 16 automobilisti che avevano alzato il gomito, con una presenza di alcol nel sangue a volte ben oltre i limiti di legge. Per nove di loro è scattata la denuncia, mentre per gli altri sette è stata elevata una pesante sanzione amministrativa, non avendo superato il limite di 0,8 grammi di alcol per litro di sangue, ma avendo superato la soglia di 0,5 grammi alcol per litro. Le persone denunciate sono: L.C., 46 anni di Fossò; F.T., 35 anni di Campolongo Maggiore; S.T., 46 anni di Chioggia; M.L., 41 anni di Fiesso D Artico ; S.V., 26 anni di Vigonovo; N.S., 23 anni di Fiesso; M.Z., 32 anni di Padova; e S.R., 20 anni di Cadoneghe. Ma a queste patenti se ne aggiunge un altra ritirata dalla polizia locale di Dolo (Unione dei Comuni) che lo scorso sabato pomeriggio alle 16,30 ha fermato in via Cazzaghetto fra Arino di Dolo e Cazzago un giovane di Pianiga, con un tasso di alcol nel sangue che sfiorava l 1, quasi il doppio rispetto al limite consentito dalla legge. Anche per lui è scattato il ritiro del documento di guida e la denuncia a piede libero. Il bilancio solo dei carabinieri di Chioggia e della stazione di Campagna Lupia, è rilevante: oltre una novantina di patenti sono state ritirate in poco più di un mese. E anche i vigili urbani di Mira non scherzano una decina di patenti in poco più di quindici giorni sono state ritirate stavolta a giovani che erano per lo più sotto l effetto di sostanze stupefacenti. RAVENNA24 Alcol al volante, una denuncia 6 Dicembre 2011 Lugo Cronaca A Lugo, i militari del Radiomobile hanno controllato un cittadino italiano di 40 anni, sorpreso alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza, con un valore di 0,90 g/l. Per il soggetto, oltre alla denuncia a piede libero è scattato il ritiro immediato della patente di guida per la successiva sospensione. Sempre in Lugo i carabinieri della stazione hanno proceduto nei confronti di un cittadino di nazionalità romena di 30 anni, trovato in possesso di una dose di hashish, destinata a uso personale. L uomo è stato segnalato quale consumatore di stupefacenti e la sostanza sequestrata. GAZZETTA D ASTI Controlli anti-alcol sulle strade dell'astigiano Anche nello scorso fine settimana non sono mancati, da parte dei carabinieri del comando provinciale, controlli stradali per prevenire il fenomeno della guida in stato d ebbrezza. In questo contesto i militari di Montechiaro hanno denunciato un 27enne che in località San Giulio, alle porte di San Damiano al volante della propria auto e sotto l'effetto di sostanze alcoliche, ha invaso la corsia opposta causando un lieve un incidente.

8 Poche ore dopo, a Calosso, i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Canelli hanno denunciato per lo stesso motivo un secondo automobilista, R.P., classe 1954, anch esso risultato positivo al test dell etilometro. I colleghi di San Damiano, inine, nel corso di un controllo stradale, hanno denunciato per guida senza patente una nomade del paese, 35 anni, sorpresa alla guida di una vettura benché sprovvista di patente di guida, già revocatagli in passato dalla Prefettura di Asti. IL PICCOLO Tasso alcolico oltre i limiti. I carabinieri tolgono tre patenti 06 dicembre 2011 pagina 29 sezione: Nazionale Tre triestini di cui non sono state rese note le generalità nel passato week-end si sono visti levare la patente per guida in stato di ebbrezza o per essersi rifiutati di sottoporsi ai controlli di rito. Questo il risultato dei controlli preventivi di sicurezza stradale fatti appunto nell ultimo fine settimana lungo le strade della città, il sabato sera in particolare, dal nucleo radiomobile dei carabinieri del comando provinciale di via dell Istria. Due di loro sono risultati positivi all etilometro, mentre un terzo non ha accettato di farsi controllare. Ha rifiutato sia il test dell alcol che quello per rintracciare eventuali sostanze stupefacenti. Per quest ultimo, oltre al ritiro della patente, è così scattata anche una doppia denuncia. IL TIRRENO Alcol, via 4 patenti 06 dicembre 2011 pagina 01 sezione: Montecatini MONTECATINI. Quattro patenti ritirate e un giovane denunciato per ingiuria nei confronti di un carabinieri. Nel weekend sono state intensificate le verifiche dei militari lungo le principali vie di comunicazione anche per prevenire le cosiddette stragi del sabato sera. A Montecatini, nel corso dei vari posti di controllo sulle più importante vie di scorrimento, sono state fermate numerose auto. Nella stragrande maggioranza alla guida c erano giovani. Quattro automobilisti sono stati denunciati per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica, (nella foto un test dell etilometro) con il conseguente ritiro della patente e il taglio di 10 punti. Uno dei quattro, fra l altro, è stato denunciato anche per ingiuria aggravata nei confronti di un militare del nucleo radiomobile. Secondo l accusa avrebbe offeso con frasi oltraggiose il carabiniere dopo aver ricevuto la contestazione della guida in stato di ebbrezza certificata dal test dell etilometro. MESSAGGERO VENETO In bici ubriaca, denunciata dai Cc 06 dicembre 2011 pagina 32 sezione: Gorizia CIVIDALE Fermata e denunciata perché pedalava ubriaca: è accaduto nel cuore di Cividale, la notte fra domenica e lunedì. Protagonista del singolare episodio una ragazza di vent anni, residente in città. Era l una e mezza quando una pattuglia del nucleo radiomobile dei Carabinieri della Compagnia cividalese, che stava effettuando un normale servizio di controllo in centro storico, ha scorto in Largo Boiani fra il Caffè San Marco e il palazzo delle Poste una bicicletta che avanzava a zig zag. In sella una giovane. I militari le hanno chiesto di fermarsi, per accertarne l identità, ma la ventenne ha proseguito imperterrita, incurante dell intimazione ricevuta e suonando il campanello. Pochi metri più avanti, all altezza di Foro Giulio Cesare, ha perso l equilibrio e i Carabinieri l hanno allora bloccata. La ragazza, questa volta, non ha potuto che ubbidire. Faceva fatica a reggersi in piedi e si presentava in stato decisamente confusionale: ai Carabinieri ha detto che doveva tornare subito a casa, dove la aspettava il figlioletto. Le condizioni (e le reazioni) della 20enne e le sue dichiarazioni sconnesse hanno indotto i militari ad eseguire l alcol test. Poco dopo, mentre la giovane veniva sottoposta all accertamento (risultato positivo), è arrivato sul posto il suo convivente, allertato dalle forze dell ordine grazie alle informazioni raccolte dalla stessa ciclista. La donna è stata

9 denunciata, appunto: ora sarà la Prefettura di Udine a valutare come procedere nei suoi confronti. «A un conducente che risulti in stato d ebbrezza motivano, infatti, dalla Compagnia cittadina la patente viene, di norma, ritirata immediatamente (la ragazza non è però in possesso di patente). Nel caso episodi di ubriachezza riguardino ciclisti si procede alla segnalazione alla Prefettura, che valuta poi come procedere». La giovane subirà in ogni caso un procedimento penale e rischia una multa fino a 6 mila euro. (l.a.) CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI TMNEWS Bolivia/ Ragazzo 18enne attaccato e ucciso da gruppo piranha Era ubriaco, è caduto da una canoa Roma, 7 dic. (TMNews) - Un ragazzo è stato attaccato e ucciso da un gruppo di piranha nel nordest della Bolivia. La polizia del Paese sudamericano ha riferito che la vittima, che aveva 18 anni, era ubriaca quando è caduto da una canoa a Rosario del Yata, a nord della capitale La Paz. Un portavoce ha riferito che il ragazzo è morto dissanguato dopo l'attacco. Ha perso la vita giovedì, ma la notizia sull'accaduto è trapelata solo oggi. A quanto emerso, la vittima era un pescatore che conosceva molto bene il fiume. Malgrado la reputazione che i piranha si sono costruiti grazie ai film di Hollywood, gli attacchi contro gli esseri umani rappresentano una rarità. INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE LA CITTA DI SALERNO Riflessione pubblica 06 dicembre 2011 pagina 19 sezione: Nazionale Sabato 2 dicembre presso il Salone del Gonfalone del Comune di Salerno, si è svolto il seminario "Genitori, figli e alcool: come parlarne?". Il Gruppo Logos, in collaborazione con la Cooperativa Labos Team, l Arcat Campania e Mentoring Usa- Italia, ha proposto una riflessione pubblica su come i genitori devono affrontare il tema alcol con i propri figli visto che in Italia il primo consumo di alcool è a 11 anni in Europa a 14 anni. Firenze, sicurezza stradale: torna il Progetto Discoteche allo "YAB" Data: 07/12/2011 Prosegue il tour del "Progetto Discoteche", la campagna di prevenzione sui rischi alla guida sotto l'effetto di alcool e stupefacenti, a cura dei Giovani della Croce Rossa Italiana Firenze. Il nuovo appuntamento tra i locali della città sarà per giovedì 8 dicembre alla discoteca Yab, nel centro storico della città. Ancora una volta l'attività dei volontari consiste nel divulgare materiale informativo sulla sicurezza stradale per aumentare la consapevolezza nei più giovani sui rischi della strada, dando informazioni e supporto ai frequentatori delle discoteche. L'obiettivo è quello di cercare di distogliere i ragazzi da atteggiamenti pericolosi quali la guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti, il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e del casco. Verranno inoltre effettuati alcoltest gratuiti con in palio, per coloro che risulteranno negativi, 10 ingressi omaggio al locale per il giovedì successivo e 10 bevute analcoliche gratuite, messi a disposizione della discoteca. Lo strumento vincente di questa iniziativa è la proposta di una attività di sensibilizzazione rivolta ai giovani e condotta da giovani stessi. Questo migliora notevolmente la facilità dell'approccio, la credibilità della fonte d'informazione e di conseguenza l'incisività del messaggio.(*)

10 L'iniziativa, promossa dai Giovani della Croce Rossa Italiana, vedrà impegnati i volontari anche nel corso del 2012 per gli appuntamenti successivi in altri locali della provincia di Firenze. Fonte: Croce Rossa Italina (*)Nota: non dimentichiamo la validità del messaggio che dovrebbe sottolineare anche che qualsiasi quantità di bevanda alcolica, anche la più piccola, è sempre un rischio! CONSEGUENZE DELLA MOVIDA IL GIORNALE «Le notti della movida mi stanno ammazzando» di Redazione Una signora malata di cuore ha visto peggiorare le sue condizioni per il caos provocato dai clienti dei locali. «Dormiamo solo tre ore» La movida? Mi sta uccidendo. Da quando sono venuta ad abitare qui al Ticinese la mia salute è peggiorata di giorno in giorno. E ora è definitivamente compromessa e mi resta poco da vivere. Che esista una correlazione diretta tra i miei malanni e il luogo dove abito è talmente evidente che i medici non hanno dubbi. Tant è che d estate, quando me ne vado in vacanza due mesi, miglioro sensibilmente e posso condurre un esistenza normale. Che dire? Questa zona sarebbe un paradiso umano e naturale, ma noi viviamo un inferno. E io sto pagando un prezzo troppo alto». Odette ha 66 anni e preferisce l anonimato perché teme le ritorsioni del popolo della notte. Questa signora dolce, educata, squisita e colta - è stata una professionista molto apprezzata ma anche su questo dettaglio preferisce essere vaga - entro marzo lascerà la sua casa in via Vetere dove abita dal 2006 e andrà ad abitare altrove. «Voglio vivere in pace i pochi anni che mi restano. Credo di aver pagato a sufficienza, e a livello personale, un problema di portata sociale che spetterebbe agli amministratori di questa città risolvere» sussurra. Il rumore senza regole dei locali, gli schiamazzi notturni, le intemperanze degli ubriachi e quelle degli spacciatori e dei loro clienti che all inizio di ottobre le hanno sfondato il portone di casa (e la polizia, che aveva promesso al telefono d intervenire, non si è fatta viva, ndr) hanno avuto la meglio su di lei. Odette ha il cuore in gola quando parla, le parole le escono dalla bocca al termine di un grosso sforzo che si percepisce anche solo conversando con lei al telefono. E questa sua vita, piegatasi alla legge del più forte, fa tanta rabbia. Di Odette si sono occupati per primi il sito e il comitato residenti «La Cittadella» che denuncia di continuo il degrado al Ticinese e ha fatto emergere il suo caso; noi l abbiamo intervistata. «Il peggio lo abbiamo raggiunto quest anno a settembre, quando ha fatto tanto caldo per tutto il mese», spiega Odette. «Di notte mi svegliavo almeno quattro volte, è stato terribile. Ma anche adesso, che è inverno e le finestre, con i doppi vetri, sono chiuse, urla e schiamazzi non mi permettono di dormire. I miei problemi di cuore, infatti, mi rendono emotivamente fragile, le liti e le urla mi agitano molto. Quando sono venuta ad abitare qui, nel 2006, avevo già avuto una polmonite con delle aggravanti. A quei tempi vivevo tra Sant Ambrogio e corso Magenta mentre mia figlia stava qui. Facemmo un cambio di abitazione perché lei e la sua famiglia potessero avere più spazio. Inoltre qui, con la vista sul Parco delle Basiliche, mi sembrava un paradiso: vedo cambiare le stagioni e, se voglio, posso scendere e andare a sedermi sulle panchine. Questo era quello che pensavo...e di giorno la casa è un vero paradiso. Ma la sera... Beh, per me è stato un choc!». Odette è delicata anche quando parla dello spaccio e della droga (l eroina è tornata di gran moda, ndr) che infestano il quartiere. «Dopo una certa ora - sostiene - voci e situazioni si ampliano e si alterano in modo tale che l ubriacatura da birra da sola non può bastare a spiegarle». «Di noi residenti non importa nulla a nessuno e il vento nuovo che avrebbe dovuto portare il sindaco Pisapia qui ancora non spira. Del resto anche in zona Sarpi, dove abitano alcuni miei conoscenti e hanno enormi problemi con i cinesi, nessuno fa niente per migliorare lo stato delle cose: è la volontà che manca», prosegue la pensionata.

11 Che poi sospira. Si ferma. Riprende fiato. E, con amarezza, conclude. «Sa che cosa è cambiato in meglio? La pulizia delle strade, fondamentale in questa zona, prima veniva eseguita tra le 8 e le 9, ora la fanno tra le 2.30 e le 4 del mattino, obbligando la gente che vorrebbe restarsene per strada tutta la notte, ad andarsene via prima. A chi abita qui restano così 2-3 ore di quiete. Poi, alle 6, però, arriva la nettezza urbana. Quindi, a questo punto, mi devono spiegare quando si può dormire...gliel ho già detto: ho pagato e sto pagando un prezzo troppo alto. Me ne vado a morire lontano da qui». IL GIORNALE «MOVIDA» INDECENTE di Redazione articolo di mercoledì 07 dicembre 2011 Troppo forte lo stimolo. Troppo debole la forza di volontà per riuscire a trattenere l urina accumulata con qualche drink di troppo nonostante la sera fosse appena iniziata. Così un uomo che aveva già alzato il gomito alle nove di sera, ha ceduto e ha abbassato la cerniera dei pantaloni per liberarsi dal «fastidio». Il problema è che lo ha fatto in via delle Grazie nel bel mezzo dello «struscio» della movida. Una volante della polizia che passava in quel momento lo ha multato per l ubriachezza e denunciato per gli atti contrari alla pubblica decenza.

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno.

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Alcuni dati In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Secondo fonti statistiche,sono 6500 i soli bambini che muoiono annualmente per incidenti

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica Progetto Grafi co federico grazzini BERE... tira su? Volevi passare una serata da latin lover e credevi

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 Un uomo di 70kg può raggiungere il limite legale già con: oppure oppure Una donna di 55kg può raggiungere

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Report di viaggio- Anastasia Malavolti. Le mie tre settimane in Belgio

Report di viaggio- Anastasia Malavolti. Le mie tre settimane in Belgio Report di viaggio- Anastasia Malavolti Le mie tre settimane in Belgio L esperienza di scambio culturale che ho provato quest anno è stata una cosa unica, che mai avevo provato fino ad ora e che mi ha lasciata

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013

INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013 INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013 40 anni, lavoratrice la ricettazione è la rivendita di cose rubate (cellulari, bici, qualsiasi cosa). È illegale anche acquistare

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 Giovedì, 06 marzo 2014 06/03/2014 Pagina 14 Salute, sport e divertimento in pillole per passare dal divano allo stile... 1 06/03/2014 Pagina 18

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici Report Che Piazza! Associazione Fuori Target La presente relazione riguarda i dati raccolti durante quattro uscite (06.04, 13.04, 04.05 e 18.05) realizzate dall associazione Fuori Target all interno dell

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Alcool, prima causa di morte per i giovani maschi europei CNN

Alcool, prima causa di morte per i giovani maschi europei CNN L'alcool è uno dei principali fattori di rischio per la salute e il benessere degli individui! E' una sostanza tossica, potenzialmente cancerogena e, come le sostanze illegali, può indurre dipendenza.

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA indagine ISTAT Reati, vittime, percezione della sicurezza. Anni 2008-2009 L unico reato in aumento nel nuovo millennio 2,5% 2002 3,8% 2008-09 è il solo reato che cresce

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE Comune di Novafeltria Comune di Talamello Comune di Maiolo QUESTIONARIO SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA a cura

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE 20 marzo 2008 AVIGLIANA 22 aprile 2008 BEINASCO VIVI LA NOTTE E un progetto attivo dal settembre 2006. Gestito dalla Cooperativa Sociale ESSERCI e finanziato

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli