LA PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE Aprile 2011 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV13 IST/BIL/1

2 LA PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Soggetti obbligati Soggetti obbligati alla redazione e alla pubblicazione del bilancio d'esercizio o della situazione patrimoniale sono: le società per azioni (art C.C.); le società in accomandita per azioni (art C.C.); le società responsabilità limitata (art bis C.C.); le società cooperative (art C.C.) e loro consorzi; le mutue assicuratrici (art C.C.); le società estere aventi sede secondaria in Italia (2508 C.C.); i Gruppi Europei di Interesse Economico (GEIE) (D. Lgs. n. 240/1991); i consorzi con attività esterna (art bis C.C.); le società consortili per azioni o a responsabilità limitata (art ter C.C.); le società europee (Regolamento (CE) n. 2157/2001); le società cooperative europee (Regolamento (CE) 1435/2003); le associazioni iscritte nel R.I.; gli enti autonomi lirici, le istituzioni concertistiche e tutti gli altri enti operanti nel settore della musica, del teatro e della danza, che si sono trasformati in fondazioni di diritto privato (art. 16, comma 5, D. Lgs. n. 367/1996, così come modificato dall'art. 6 del D. Lgs. n. 134/1998). 1.1 Consorzi Per quanto riguarda i consorzi, è bene ricordare che l'art bis C.C. dispone che "Entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio annuale le persone che hanno la direzione del consorzio devono redigere la situazione patrimoniale osservando le norme relative al bilancio di esercizio delle società per azioni e la depositano presso l'ufficio del Registro delle Imprese". Ai sensi dell art. 3, comma 3, del D.P.C.M l obbligo di deposito della situazione patrimoniale del consorzio si ritiene assolto con il deposito nel Registro delle Imprese: 1. Dello stato patrimoniale e del conto economico nel formato elaborabile XBRL N.B..Lo stato patrimoniale e il conto economico in formato PDF/A deve essere depositato, insieme alla versione in XBRL, solo nel caso in cui la vigente tassonomia non sia sufficiente a rappresentare la situazione patrimoniale. 2. Della nota integrativa nel formato pdf/a o in altro formato non contenente macroistruzioni o codici eseguibili, tali da attivare funzionalità che possono modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati Non occorre, invece, che la situazione patrimoniale sia approvata dall assemblea dei consorziati.

3 1.2. Consorzi di garanzia fidi Per quanto riguarda i Consorzi di garanzia fidi, quelli che hanno come scopo sociale l attività di prestazione di garanzie collettive per favorire la concessione di finanziamenti da parte di aziende e istituti di credito o finanziarie alle imprese associare, è necessario far riferimento alle disposizioni dettate recentemente dall articolo 13, del D.L. n. 269/2003, convertito con la L. n. 326/2003, e in particolare i commi 34 e 35. Questa nuova normativa prevede che: 1. le modificazioni dei consorziati devono essere comunicate soltanto una volta l anno, entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale attraverso il deposito dell elenco dei consorziati riferito alla data di approvazione del bilancio; 2. il bilancio d esercizio deve essere redatto con l osservanza delle disposizioni previste per le Spa, approvato dall assemblea entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio, e depositato al Registro Imprese entro 30 giorni dall approvazione, corredato dal verbale di approvazione, dalla relazione sulla gestione e dalla eventuale relazione del collegio sindacale, utilizzando la consueta modulistica (mod. B + Int. S) Enti lirici ed istituzioni concertistiche Entro 30 giorni dall'approvazione da parte del Consiglio di amministrazione, una copia del bilancio (che dovrà essere redatto dal Sovrintendente secondo le disposizioni degli articoli 2423 e seguenti del Codice civile, in quanto compatibili) deve essere, a cura degli amministratori, trasmessa al Ministero del Tesoro e all'autorità di Governo competente in materia di spettacolo, e "depositata presso l'ufficio del Registro delle Imprese". Questo obbligo presuppone, naturalmente, che la fondazione sia quanto meno iscritta al Repertorio Economico Amministrativo. 2. Modalità e luogo di presentazione Il bilancio deve essere presentato per via telematica o su supporto informatico con l utilizzo della firma digitale presso il competente Ufficio del Registro delle Imprese, ossia quello dove è ubicata la sede legale della società o del consorzio o, nel caso di società estera, quello dove è ubicata la sede secondaria. 3. Termini per il deposito Bilancio (ordinario/abbreviato) d'esercizio: entro 30 gg. dalla data del verbale di approvazione del bilancio o della decisione dei soci (art.2435 cc); Bilancio Consolidato: nello stesso termine previsto per il deposito del bilancio d esercizio dell impresa controllante (art 42 Dlgs.n.127/91); Bilancio d'esercizio per sede secondaria di società estera : entro 30 gg. dalla data del verbale di approvazione del bilancio. (art c.c.; art. 101 quarter disp. att.c.c.).; Bilancio G.E.I.E. (formato da stato patrimoniale e conto economico) Entro 4 mesi dalla chiusura dell'esercizio (art. 7 D.Lgs. 240/91); Situazione Patrimoniale dei Consorzi. Entro due mesi dalla chiusura dell esercizio (art bis cc); Consorzi di garanzia fidi: : entro 30 gg. dalla data del verbale di approvazione del bilancio;

4 Enti lirici ed istituzioni concertistiche: entro 30 giorni dall'approvazione da parte del Consiglio di amministrazione. 4. Modelli, diritti e imposte Il bilancio e l'elenco soci (limitatamente alle S.p.a ed alle S.a.p.a.) vanno depositati, rispettivamente, con i modelli B e Modelli S, compilati attraverso il programma Fedra o equivalenti. Per il deposito del bilancio d'esercizio è previsto il pagamento di un diritto di segreteria di 62,60 Euro se presentato con modalità telematica, e di 92,60 Euro se presentato su supporto informatico digitale. Per le Cooperative sociali tale importo è ridotto rispettivamente a 32,60 Euro e 47,60 Euro. Il diritto di segreteria è unico indipendentemente dal fatto che venga depositato, insieme al bilancio della S.p.a. o della S.a.p.a., anche l'elenco soci. Nel caso l'elenco soci della S.p.a. o della S.a.p.a venga presentato in una data diversa da quella del deposito del bilancio d'esercizio, sarà richiesto un ulteriore versamento di 60,00 Euro, se presentato con modalità telematica, e di 90,00 Euro se presentato su supporto informatico digitale. Per l invio telematico e per la presentazione su supporto informatico del bilancio d esercizio all Ufficio del Registro delle imprese, l imposta di bollo viene assolta in modo virtuale e per un importo forfettario di 65,00 Euro in caso di società di capitali, cooperative e consorzi, indipendentemente dal numero dei documenti e delle pagine che compongono la pratica. E' prevista l'esenzione dal bollo, sia sul bilancio e i suoi allegati che sulla distinta di accompagnamento, esclusivamente per le ONLUS. Tale stato potrà essere autocertificato dalla società tramite apposita dichiarazione da inserire nel Modello Note di Fedra Nel caso fosse deliberata una ripartizione di utili o una assegnazione di beni ai soci, il relativo verbale di assemblea, prima di essere depositato presso il Registro delle imprese in allegato al bilancio, deve essere sottoposto a registrazione presso la competente Agenzia delle Entrate, entro il termine fisso di 20 giorni dalla data dell'atto. Al bilancio potrà essere: 1) allegata la copia scannerizzata del verbale di approvazione riportante gli estremi della registrazione oppure; 2) allegata la copia scannerizzata della ricevuta (Mod. 8) comprovante la richiesta di registrazione (art. 4, lett. d), Tariffa Parte Ia, allegata al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131; Circolare del Min. Fin. n. 174/E 22 novembre 2000) oppure; 3) inserita nel documento informatico la dichiarazione dell amministratore o del professionista di cui ai punti 5.3 o Le dichiarazioni inerenti l imposta di bollo Come già ricordato, gli obblighi fiscali relativi alla presentazione telematica dei documenti da depositare sono assolti in misura fissa e in modo virtuale, sulla base dell autorizzazione del Ministero dell Economia e delle Finanze rilasciata alla Camera di Commercio o al soggetto interessato, oppure previa dichiarazione del soggetto interessato alla locale Agenzia delle Entrate, resa ai sensi dell art. 2 del D.M. n. 127 del Pertanto, sulla distinta di presentazione del bilancio, dovranno essere indicati gli estremi relativi all autorizzazione/dichiarazione inerenti l imposta di bollo.

5 A tal proposito occorre fare molta attenzione, in fase di chiusura della pratica, nella compilazione della maschera MODALITA DI PRESENTAZIONE e della successiva DISTINTA. Bollo virtuale assolto in entrata (l imposta di bollo viene versata tramite la Camera di Commercio): nell apposito riquadro della maschera modalità di presentazione si dovranno selezionare gli estremi dell autorizzazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate alla Camera di Commercio di Livorno (Aut. n /2000 del ); nell apposito quadratino corrispondente a Modo bollo distinta previsto nella maschera Distinta occorre indicare il codice E ; Bollo virtuale assolto in origine 1. l imposta di bollo viene assolta tramite dichiarazione presentata dal professionista all Agenzia delle Entrate ai sensi dell art. 2 del D.M. 127/2002; in questo caso nell apposito riquadro della maschera modalità di presentazione si dovrà scrivere la seguente dicitura dichiarazione di cui all art 2 D.M. 127/ l imposta di bollo viene assolta tramite una apposita autorizzazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate al professionista: nell apposito riquadro della maschera modalità di presentazione dovranno essere indicati gli estremi dell autorizzazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate al professionista. In entrambi i casi, nell apposito quadratino corrispondente a Modo bollo distinta previsto nella maschera Distinta occorre indicare il codice O. Se il deposito é esente dal bollo, occorre indicare il codice N nell apposito quadratino corrispondente a Modo bollo distinta previsto nella maschera Distinta ; i motivi dell esenzione devono essere altresì indicati nel Modello NOTE. Nota: l indicazione circa la modalità di versamento dell imposta di bollo in modo virtuale sulla base dell autorizzazione rilasciata alla Camera di Commercio di Livorno (Aut.n.11333/2000 del ) può essere apposta unicamente nella distinta di presentazione della domanda, nell apposito campo predisposto. 5. La presentazione del bilancio 5.1. Norme di carattere generale I lineamenti normativi essenziali che regolano la formazione del bilancio d esercizio sono quelli dettati negli articoli 2423 e ss. del Codice Civile. Alla luce di questi articoli si ricava che i documenti da depositare sono i seguenti: a) il Bilancio, a sua volta costituito da: a1 - il Prospetto Contabile (Stato Patrimoniale + Conto Economico) a2 - la Nota Integrativa; b) la Relazione degli Amministratori sulla gestione (se il bilancio viene redatto nella forma ordinaria); c) la Relazione del Collegio Sindacale (ove previsto); d) la relazione del soggetto incaricato del controllo contabile (ove previsto);

6 e) il Verbale dell Assemblea (o la decisione dei soci) che approva il bilancio; f) la Relazione della Società di Certificazione (se richiesta; è obbligatoria per le società quotate); g) eventuale Rendiconto (art septies c.c.) nel caso di società che costituiscono uno o più patrimoni destinati ad uno specifico affare. N.B. Le società soggette all altrui attività di direzione e coordinamento (di cui all art c.c.) devono esporre, in apposita sezione della nota integrativa, un prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell ultimo bilancio della società o dell ente che esercitano su di esse attività di direzione e coordinamento, indicando come data quella di chiusura dell esercizio N.B. Le società in liquidazione sono tenute alla presentazione del bilancio annuale per il periodo corrispondente al normale esercizio della società. Qualora si tratti di società per azioni, società in accomandita per azioni o società consortili per azioni, le stesse sono inoltre tenute alla comunicazione dell'elenco soci, secondo le modalità di seguito specificate. Le società che redigono il primo bilancio di liquidazione devono allegare, secondo quanto previsto dall art. 2490, quarto comma c.c., la documentazione consegnata dagli amministratori ai liquidatori, ai sensi del terzo comma dell art bis c.c. ed in particolare: la situazione dei conti alla data di effetto dello scioglimento; il rendiconto sulla gestione degli amministratori nel periodo successivo alla chiusura dell ultimo bilancio approvato Formato per la redazione del bilancio di esercizio/consolidato e dei suoi allegati BILANCI DI ESERCIZIO CON CHIUSURA SUCCESSIVA AL 16 FEBBRAIO 2009 Ai sensi dell art. 3, comma 3, del D.P.C.M , l obbligo di deposito del bilancio nel formato elettronico elaborabile XBRL si ritiene assolto con il deposito nel Registro delle Imprese, con le seguenti modalità: a) il prospetto contabile, costituito da stato patrimoniale e conto economico, codificato esclusivamente in formato XBRL sulla base della vigente tassonomia ( tale file dovrà essere indicizzato con il codice tipo documento B06 bilancio XBRL); b) la nota integrativa, che non potendo essere ancora resa nel nuovo formato elettronico elaborabile, sarà invece prodotta in formato PDF/A; c) tutti gli altri documenti che accompagnano il bilancio, ad esempio la relazione sulla gestione, la relazione del collegio sindacale, il giudizio del revisore contabile ed il verbale di approvazione dell assemblea, saranno allegati alla pratica in formato PDF/A. N.B. Il prospetto contabile in formato PDF/A deve essere depositato, insieme alla versione in XBRL, solo nel caso in cui la vigente tassonomia non sia sufficiente a rappresentare la particolare situazione aziendale, nel rispetto dei principi di chiarezza, correttezza e verità di cui all art c.c., per la formazione del progetto di bilancio da sottoporre all approvazione assembleare.

7 TASSONOMIE DA UTILIZZARE A seguito della pubblicazione sulla G.U. n. 69 del 25 marzo 2011 dell avviso relativo alla pubblicazione delle nuove tassonomie, secondo quanto previsto dall art. 5 comma 4 del DPCM , la tassonomia da utilizzare per il deposito dei bilanci 2011 è la versione disponibile al pubblico sul sito XBRL Italia, pubblicata il 4 febbraio 2011 sul sito DigitPA SOGGETTI ESONERATI DALLA PRESENTAZIONE DEL FORMATO XBRL Il file XBRL non può mai essere omesso, tranne nei casi di esonero espressamente previsti dalla normativa. In fase di prima applicazione, ai sensi dell art. 3, comma 2, del D.P.C.M , l obbligo non scatta per: 1) le società di capitali quotate in mercati regolamentati, 2)per le società anche non quotate che redigono i bilanci di esercizio o consolidato in conformità ai principi contabili internazionali, per le società esercenti attività di assicurazione e riassicurazione di cui all art. 1 del D.Lgs. 209/2005 e per le altre tenute a redigere i bilanci secondo il D.Lgs. 87/1992, 3) per le società controllate e le società incluse nel bilancio consolidato redatto dalle precedenti società. Si consiglia, prima di inviare la pratica di bilancio, di effettuare un controllo del file XBRL, avvalendosi del servizio on line di validazione ( Tebe) accessibile dal sito https://webtelemaco.infocamere.it/ all interno della sezione Bilanci-Xbrl- Sezione Strumenti BILANCI DI ESERCIZIO CON CHIUSURA SINO AL 16 FEBBRAIO 2009 I bilanci di esercizio con chiusura antecedente al ( es società con chiusura esercizio al ) devono essere depositati nel Registro delle Imprese solo nel formato Pdf/A o in altro formato che, comunque, non contenga macroistruzioni o codici eseguibili, tali da attivare funzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati. Pertanto: Tutti i file che compongono la pratica devono rispettare il formato Pdf/A o altro formato che, comunque, non contenga macroistruzioni o codici eseguibili, tali da attivare funzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati ; (stato patrimoniale e conto economico, nota integrativa, eventuali relazioni, verbale di approvazione).

8 5.3 Presentazione per via telematica o su supporto informatico da parte dei soggetti obbligati/legittimati (amministratori-liquidatori/professionisti incaricati) Tutti i documenti che compongono il bilancio devono essere sottoscritti con firma digitale da parte di un amministratore/liquidatore. La distinta di deposito deve essere firmata digitalmente dal soggetto obbligato ed eventualmente anche dal soggetto intermediario. Tutti i documenti che compongono il bilancio devono essere sottoscritti con firma digitale da parte di un amministratore/liquidatore. La distinta di deposito deve essere firmata digitalmente dal soggetto obbligato ed eventualmente anche dal soggetto intermediario. Ad ogni documento deve essere apposta la seguente dicitura: Il sottoscritto amministratore, tramite apposizione della propria firma digitale, dichiara che il presente documento informatico è conforme a quello trascritto e sottoscritto sui libri sociali della società. Nel caso in cui il verbale di assemblea di approvazione del bilancio preveda una distribuzione di utili e sia stato pertanto sottoposto alla prescritta registrazione, la precedente dichiarazione dovrà essere integrata nel seguente modo: e che ne è stata effettuata la registrazione presso l Agenzia delle Entrate di, in data / /, al n. In caso di presentazione telematica del bilancio e dell elenco soci da parte di un professionista incaricato ai sensi dell art. 2, comma 54, della legge 350/2003, occorre inserire nel quadro NOTE la seguente dichiarazione: Il sottoscritto, tramite apposizione della propria firma digitale dichiara di essere stato incaricato dal/i legale/i rappresentante/i della società a richiedere il presente deposito, ai sensi dell art. 2, comma 54, della legge 350/2003. Dichiara, inoltre, di essere iscritto nell Albo dei Dottori Commercialisti/ Periti Commerciali della Provincia di, al n e che non sussiste nei suoi confronti alcun provvedimento disciplinare in corso che ne impedisca l esercizio della professione. Qualora il professionista sia in possesso del Certificato di Ruolo potrà limitarsi ad attestare nel Modello Note l incarico ricevuto. Ad ogni documento, sottoscritto digitalmente dal professionista incaricato, deve essere apposta la seguente dicitura, eventualmente integrata da quella relativa all avvenuta registrazione in caso di distribuzione degli utili: Il sottoscritto, tramite apposizione della propria firma digitale, dichiara che il presente documento informatico è conforme all originale depositato presso la società

9 6. Termini per il deposito del bilancio 6.1 Termini di redazione e approvazione per le S.p.a. Secondo il nuovo articolo 2364 C.C. la convocazione assembleare per l approvazione del bilancio dovrà avvenire entro il termine stabilito dallo statuto e comunque non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale. Pertanto il bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 deve essere approvato entro il 30 aprile Le deroghe ai termini ordinari per le S.p.a. Secondo quanto disposto dall ultimo periodo del 2 comma dell articolo 2364 C.C., lo statuto può prevedere un maggior termine, comunque non superiore a 180 giorni, nel caso di società tenute alla redazione del bilancio consolidato ovvero quando lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura ed all'oggetto della società ; in questi casi gli amministratori segnalano nella relazione prevista dall'articolo 2428 le ragioni della dilazione. Le nuove disposizioni prevedono pertanto che il maggior termine di 180 giorni sia usufruibile qualora sia previsto dallo statuto e: la società sia tenuta alla redazione del bilancio consolidato, ovvero quando lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura e all oggetto della società Termini di redazione e approvazione per le S.r.l. L approvazione del bilancio nelle Srl è riservata in ogni caso alla competenza dei soci (art. 2479, 2 comma C.C.). Le decisioni dei soci possono essere prese con metodo collegiale, ovvero in assemblea, o mediante consultazione scritta o consenso espresso per iscritto (art. 2479, comma 3, C.C.). Le regole dettate dall art sono dettate con riguardo alla Spa, ma trova applicazione anche con riguardo alla Srl in quanto l art bis dispone parimenti che il bilancio è presentato ai soci entro il termine stabilito dall atto costitutivo e comunque non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, salva la possibilità di un maggior termine nei limiti e alle condizioni previsti dal 2 comma dell art C.C. Pertanto il bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 dovrebbe essere approvato entro il 30 aprile Approvazione del bilancio nelle S.p.a. dotate di Consiglio di Sorveglianza Nelle società dotate di Consiglio di Sorveglianza il bilancio d esercizio sarà normalmente approvato da tale organo, mentre l assemblea si limiterà a deliberare in merito alla distribuzione degli utili.

10 7. Elenco soci SOCIETA PER AZIONI, SOCIETA IN ACCOMANDITA PER AZIONI E SOCIETA CONSORTILI PER AZIONI E soggetto all obbligo di trasmissione telematica mediante utilizzo della firma digitale anche il deposito per l iscrizione dell elenco soci di cui al comma 2 dell articolo 2435 C.C. Come norma generale, in concomitanza con il deposito del bilancio d esercizio, le società per azioni, in accomandita per azioni e le società consortili per azioni, sono tenute al deposito dell elenco dei soci riferito al periodo che intercorre tra la data di approvazione dell ultimo bilancio e la data di approvazione del bilancio attuale. L'elenco soci deve anche essere corredato dall'indicazione analitica delle annotazioni effettuate nel libro soci a partire dalla data di approvazione del bilancio dell'anno precedente. La comunicazione dell elenco soci va fatta esclusivamente con il modello S, allegato al Modello B, compilato con il programma Fedra o equivalenti. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Ai sensi dell art. 16, comma 12-octies, del D.L n. 185, come modificato dalla legge di conversione 28 gennaio 2009, n. 2, che ha modificato l articolo 2478bis c.c., a far data dal 30 marzo 2009 è stato abolito l obbligo di deposito dell elenco soci sino a tale data previsto per le società a responsabilità limitata con riferimento alla situazione degli assetti proprietari alla data di approvazione del bilancio di esercizio. Pertanto a partire da tale data le società a responsabilità limitata sono tenute al solo deposito del bilancio di esercizio Casi particolari L elenco soci delle S.p.a. e delle S.a.p.a. va sempre presentato tramite il modello S anche se non è variato rispetto a quello depositato l anno precedente. In questo caso si ricorda di compilare il riquadro GENERALITA e di apporre il flag CONFERMA dell ELENCO SOCI. Le società S.p.a. e S.a.p.a. che depositano per la prima volta il bilancio di esercizio devono depositare anche il modello S unitamente al bilancio, anche nel caso in cui nulla sia variato rispetto alla data di costituzione della società stessa Le società quotate in mercati regolamentati, le Società Cooperative, i G.E.I.E., i Consorzi con attività esterna, le società straniere aventi sedi secondarie in Italia, le società di persone, e dal 30 marzo 2009 le società a responsabilità limitata, non devono allegare l'elenco dei soci. Si ricorda, infine, che i Consorzi di garanzia fidi devono provvedere ad iscrivere le modificazioni dei consorziati una volta l anno attraverso il deposito dell elenco dei consorziati riferito alla data di approvazione del bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale.

11 In tale caso, non dovrà essere indicato il valore della quota di ciascun consorziato, in quanto non prevista ai fini dell iscrizione al Registro delle Imprese. 8. Sanzioni Il D. Lgs. 11 aprile 2002, n. 61 in vigore dal 16 aprile 2002 ha dettato una nuova disciplina in materia di illeciti penali e amministrativi riguardanti le società commerciali, riformulando tutti gli articoli del Codice civile dal 2621a Il nuovo articolo 2630 riguarda l omessa esecuzione di denunce, comunicazioni e depositi e stabilisce testualmente: Chiunque, essendovi tenuto per legge a causa delle funzioni rivestite in una società o in un consorzio, omette di eseguire, nei termini prescritti, denunce, comunicazioni o depositi presso il registro delle imprese è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 206 Euro a Euro. Se si tratta di omesso deposito dei bilanci, la sanzione amministrativa pecuniaria è aumentata di un terzo. Pertanto, agli amministratori ed ai liquidatori di società che omettono di eseguire, nei termini prescritti, il deposito del bilancio verrà applicata la sanzione amministrativa prevista dall'art C.C. da 274,67 Euro a 2.753,33 Euro, oltre alle spese di procedimento. Tenendo presente il principio dettato all'art. 16 della L. n. 689/81, secondo il quale, se il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notifica dell accertamento, è consentito al trasgressore di scegliere, per il pagamento della sanzione, l'importo più conveniente tra il doppio del minimo e un terzo del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa, oltre alle spese del procedimento, l'importo ridotto sarà fissato a 549,34 Euro, oltre alle spese di procedimento. Per quanto riguarda l omesso deposito per l iscrizione dell elenco soci delle società per azioni e delle società in accomandita per azioni, verrà invece applicata la sanzione amministrativa prevista dall art C.C., da 206 Euro a Euro. In questo caso l importo ridotto sarà pari a 412,00 Euro, oltre alle spese di procedimento. 9. Deposito del bilancio consolidato Obbligati al deposito del bilancio consolidato sono i soggetti di cui all art. 25 del D.Lgs. 127/91, ovvero: le s.p.a., s.a.p.a. ed s.r.l. che controllano un impresa ai sensi dell art c.c., gli enti pubblici di cui all art c.c., le società cooperative e le mutue assicuratrici che controllano una s.p.a., s.a.p.a. o una s.r.l. Il deposito del bilancio consolidato deve avvenire separatamente dal deposito del bilancio di esercizio. Sono esonerate dalla redazione del bilancio consolidato le società che si trovano nelle condizioni previste dall art. 27, comma 1, D.Lgs. 127/91. Le imprese controllanti, a loro volta controllate, sono esonerate dall obbligo di redazione del bilancio consolidato, ai sensi dell art. 27, commi 3 e 5 D.Lgs.127/91, qualora ricorrano le condizioni di cui al comma 4. Le ragioni dell esonero e l indicazione della denominazione e della sede della società controllante devono essere indicate nella nota integrativa al bilancio di esercizio della società controllata. Tali società devono depositare, separatamente dal bilancio di esercizio, il bilancio consolidato e le relative relazioni sulla gestione e dell organo di controllo della società controllante.

12 Per quanto riguarda il formato per la redazione del bilancio e dei suoi allegati vale quanto già detto al paragrafo Deposito del bilancio consolidato di SNC e di SAS L articolo 2361, comma 2 prevede ora espressamente la possibilità che una società di capitali possa essere socia di una società di persone, purchè ciò venga deliberato dall assemblea e risulti poi nella nota integrativa del bilancio. L articolo 111-duodecies disp. att. C.C. dispone, inoltre, che qualora tutti i soci illimitatamente responsabili di una società di persone (SNC o SAS) siano società di capitali, la stessa dovrà redigere il bilancio secondo le norme previste per le società per azioni. Da notare che in questo caso non viene espressamente previsto alcun obbligo di deposito nel Registro delle imprese. Le stesse dovranno, inoltre, redigere e pubblicare (nel Registro delle Imprese) il bilancio consolidato, come disciplinato dall art. 26 del D. Lgs. n. 127/ Deposito del bilancio sociale di Imprese Sociali BILANCIO SOCIALE DI ESERCIZIO Ai sensi dell art. 10, comma 2, del D.Lgs. 155/2006 e del D.M (Linee guida per la redazione del bilancio sociale da parte delle organizzazioni che esercitano l impresa sociale), i competenti organi sociali delle imprese sociali approvano il bilancio sociale congiuntamente al bilancio di esercizio. Il bilancio sociale ed i relativi allegati, compresivi del verbale di approvazione, devono essere trasmessi per via telematica al Registro delle Imprese entro 30 giorni dall approvazione. BILANCIO SOCIALE CONSOLIDATO Ai sensi dell art. 4, comma 2, del D.Lgs. 155/2006 e del D.M (Definizione degli atti che devono essere depositati al Registro delle Imprese da parte delle organizzazioni che esercitano l impresa sociale), i gruppi di imprese sociali sono tenuti a redigere e depositare il bilancio sociale in forma consolidata secondo le linee guida stabilite con provvedimento dell Agenzia per le ONLUS. Per quanto riguarda il formato per la redazione del bilancio e dei suoi allegati vale quanto già detto al paragrafo Casi particolari Le società di capitali che iscrivono l'atto di trasformazione in società di persone prima dell'approvazione del bilancio non sono tenute al deposito dello stesso, in quanto manca l'organo assembleare necessario per l'approvazione del bilancio. Le società di persone che iscrivono l'atto di trasformazione in società di capitali sono tenute al deposito del bilancio a decorrere dall'anno successivo a quello di trasformazione. Le società di capitali che cessano per fusione prima dell'approvazione del bilancio non sono tenute al deposito dello stesso, in quanto manca l'organo assembleare necessario per l'approvazione del bilancio. Le società che hanno trasferito la sede legale in altra provincia depositano il bilancio di esercizio presso l ufficio del R.I. dove sono iscritte al momento del deposito. Non va depositato il bilancio d'esercizio non approvato dall'assemblea dei soci.

13 Ogni rettifica al bilancio (o ai suoi allegati), già depositato, comporterà un nuovo integrale deposito con le stesse modalità del precedente. Dovrà, inoltre, essere indicato nel quadro NOTE che trattasi di deposito a rettifica nonché il numero di protocollo assegnato al primo deposito. Qualora con la medesima delibera che approva il bilancio si provveda anche al rinnovo o alla riconferma delle cariche sociali, sarà necessario effettuare un duplice deposito con due distinte modalità: uno che riguarda il bilancio e uno che riguarda il rinnovo delle cariche. Le società costituite all'estero, le quali hanno nel territorio dello Stato una o più sedi secondarie con rappresentanza stabile, sono soggette, per ciascuna sede, alle disposizioni della legge italiana sulla pubblicità degli atti sociali (art. 2508, 1^ comma C.C.). Così pure le società costituite all'estero che sono di tipo diverso da quelli regolati dal Codice civile, sono soggette, per ciò che riguarda gli obblighi relativi all'iscrizione degli atti nel Registro delle imprese, alle norme della società per azioni (art C.C.). Le stesse sono pertanto tenute al deposito del bilancio riferito alla società estera (casa madre), unitamente alla relazione sulla gestione (se prevista), alla relazione del collegio sindacale (se previsto), alla relazione del revisore o della società di revisione (se esistente). Se redatti in lingua straniera, occorre allegare alla domanda di deposito copia della traduzione asseverata di tutti i documenti, eseguita da un perito iscritto presso il Tribunale. Occorre altresì allegare copia della dichiarazione resa dal rappresentante in Italia o da un amministratore, attestante l avvenuta pubblicità del bilancio (se prevista) nello Stato in cui ha sede la società estera, o ricevuta dell avvenuto deposito, ovvero dichiarare l insussistenza dell obbligo nelle note del Fedra. Per quanto riguarda il formato per la redazione del bilancio e dei suoi allegati vale quanto già detto al paragrafo 5. Le società soggette alla legislazione di un altro Stato appartenente alla CEE, le quali stabiliscano nel territorio dello Stato una o più sedi secondarie con rappresentanza stabile, possono attuare il deposito del bilancio nell'ufficio del Registro delle imprese di una soltanto delle sedi secondarie (art. 101-quater, disp. att. C.C.). Le società estere che hanno aperto in Italia un semplice ufficio di rappresentanza, non devono presentare alcun bilancio. ALBO COOPERATIVE: ADEMPIMENTI A CARICO DELLE COOPERATIVE A MUTUALITA PREVALENTE A seguito dell istituzione dell Albo Nazionale delle Società Cooperative DM Attività Produttive del 23 giugno 2004 e circolare attuativa del 6 dicembre 2004 le Cooperative a mutualità prevalente, unitamente ai documenti previsti (bilancio, verbale di approvazione, ecc.) dovranno allegare anche il Modulo C17 ossia il modulo digitale da utilizzare per comunicare all Albo in questione la permanenza o meno delle condizioni di mutualità prevalente. (scaricabile dal sito Telemaco all indirizzo alla voce Software/Download/Modello Albo Cooperative), Avvia il Software "Modulistica Albo Cooperative" Nel caso di una domanda di iscrizione presentata e di temporanea assenza di numero di iscrizione assegnato, è possibile compilare il modulo utilizzando il numero convenzionale A Per il modulo C17 allegato alla pratica di bilancio non sono dovuti diritti di segreteria. Livorno, 15 aprile 2011

14 Il Conservatore R.I. (Dott. Pierluigi Giuntoli)

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese di Claudio Venturi Sommario: - 1. Soggetti obbligati. 1.1. Consorzi. 1.2. Consorzi di garanzia

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese. Campagna bilanci 2014. Sommario Sommario. Premessa... 4

Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese. Campagna bilanci 2014. Sommario Sommario. Premessa... 4 Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese Campagna bilanci 2014 Versione 1.0 del 10/04/2014 Sommario Sommario Premessa... 4 Unioncamere Pagina 1 di 60 1 Bilancio in formato XBRL...

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE Ufficio Registro Imprese Versione aggiornata a Giugno 2014 INDICE ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE PER UNA NUOVA SOCIETA CON

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli