DOCUMENTO 15 MAGGIO Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 5B SIA/RIM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO 15 MAGGIO Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 5B SIA/RIM"

Transcript

1 DOCUMENTO 15 MAGGIO Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 5B SIA/RIM 1

2 PRESENTAZIONE L'istituto nasce nel 1953 come sede staccata del Lorgna di Verona e nel 1961 diviene autonomo. All'originario corso tecnico per ragionieri si è nel frattempo affiancato il corso per i geometri. Negli anni ottanta il corso per geometri viene trasferito ad altra istituzione scolastica e il Minghetti diventa esclusivamente Tecnico Commerciale per Ragionieri. Si potenzia questo corso affiancando al corso amministrativo il corso Ragionieri Programmatori e così nell'istituto entra l'informatica. Alla fine degli anni ottanta si attiva il corso I.G.E.A., seguito poi dal Mercurio, che negli anni sostituiscono i vecchi corsi amministrativo e programmatori. Nel 1999, in seguito all'aggregazione della sezione staccata dell' Istituto Professionale Commerciale e Turistico Sanmicheli di Verona all' Istituto Tecnico Commerciale M. Minghetti, nasce l' Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore Marco Minghetti. Dal 2001/2002 l' istituto affianca ai corsi tradizionali un nuovo percorso formativo per il conseguimento della qualifica professionale di I livello, di Operatore Grafico Pubblicitario e, frequentando il biennio superiore post-qualifica, gli alunni possono conseguire la maturità professionale e la qualifica di II livello di Tecnico Grafico Pubblicitario. Dal 2007 i corsi professionali Aziendale e Turistico passano ad altro istituto, mentre viene aggregato all'istituto l'indirizzo Tecnico di Periti Aziendali Corrispondenti in Lingue Estere sperimentazione E.R.I.C.A.. È integrato nel territorio, anche perché le due realtà scolastiche che si sono aggregate erano da anni presenti a Legnago e da tempo soddisfacevano le esigenze di un bacino di utenza molto ampio. Il 60% circa degli studenti è pendolare. I docenti di ruolo ordinario sono circa l 80% del totale e gli alunni dei corsi diurni sono circa 750. Ai corsi diurni si affianca il corso serale per studenti-lavoratori, attivato da più di trenta anni. Da più anni si organizzano stage sia nel periodo estivo che durante l'anno scolastico. E' sede di corsi di aggiornamento per gli operatori scolastici e per associazioni di liberi professionisti, molti dei quali ex alunni dell Istituto. Da alcuni anni è accreditato presso la regione Veneto come Organismo di formazione per corsi post-diploma IFTS e per la formazione superiore. Inoltre è test center sia per quanto riguarda l ECDL (patente europea per l informatica) che per l EBCL (patente economica europea). Si evidenzia che, con l anno scolastico , a seguito della riforma della scuola secondaria, l offerta formativa dell istituto prevede: - settore economico: 1. Amministrazione Finanza e Marketing (che nel triennio si articola in Sistemi Informativi Aziendali e Relazioni Internazionali per il Marketing) 2. Turismo - liceo artistico 1. indirizzo grafico, che prende il posto del professionale per la grafica pubblicitaria; 2. dall a.s. 2013/14 indirizzo audiovisivo-multimediale 2

3 In seguito alla recente riforma del riordino degli indirizzi scolastici l istituto offre i seguenti indirizzi: a. Amministrazione finanza e marketing b. Relazioni internazionali marcheting c. Sistemi informativi aziendali d. Turismo e. Liceo artistico grafico f. Liceo artistico multimediale g. A.F.M serale h. si prevede l attivazione di un nuovo indirizzo professionale Servizi Commerciale, Promozione Commerciale pubblicitaria LA MISSION L'ISISS Marco Minghetti è in grado di: - garantire una gamma completa di professionalità intermedie, da inserire in contesto lavorativo dopo tre e/o cinque anni, sia nel settore manifatturiero come pure dei servizi, assicurando nel contempo una preparazione sul piano culturale idonea alla prosecuzione degli studi per il conseguimento di alte professionalità (accesso a tutte le facoltà universitarie); - migliorare la conoscenza reciproca fra la Scuola e mondo del lavoro al fine di creare uno stretto rapporto fra la qualità dell'offerta e la qualità della domanda; - mantenere un rapporto "formativo" con gli ex alunni e tutto il mondo del lavoro, offrendo la struttura dell'istituto per corsi di aggiornamento promossi dalla Scuola su sollecitazione esterna; - offrire una struttura organizzativa idonea ad essere utilizzata per riunioni, meeting e convegni organizzati dagli Ordini e dalle organizzazioni professionali al fine di far diventare l'istituto "faro" della formazione professionale permanente. 3

4 PROFILI PROFESSIONALI Profilo professionale del Perito in Amministrazione Finanza e Marketing - L indirizzo Amministrazione, finanza e marketing persegue lo sviluppo di competenze relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con specifico riferimento alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione, pianificazione, controllo, finanza, marketing, sistema informativo, gestioni speciali). - Per tutti gli indirizzi dell area tecnico-professionale sono possibili, al termine dell ultimo anno, tanto l inserimento nel mondo del lavoro quanto il conseguimento di una specializzazione tecnica superiore o la prosecuzione degli studi a livello universitario o in altri percorsi formativi specialistici. Profilo professionale del Perito in Relazioni Internazionali L articolazione Relazioni internazionali per il Marketing approfondisce gli aspetti relativi alla gestione delle relazioni commerciali internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche o settoriali e assicura le competenze necessarie a livello culturale, linguistico, tecnico. Per tutti gli indirizzi dell area tecnico-professionale sono possibili, al termine dell ultimo anno, tanto l inserimento nel mondo del lavoro quanto il conseguimento di una specializzazione tecnica superiore o la prosecuzione degli studi a livello universitario o in altri percorsi formativi specialistici. Profilo professionale del Perito in Sistemi Informativi Aziendali L articolazione Sistemi informativi aziendali approfondisce competenze relative alla gestione informatica delle informazioni, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo ai settori: - sistema di archiviazione delle informazioni: progettazione, amministrazione, manipolazione e interrogazione di database aziendali - della comunicazione in rete: attraverso l'acquisizione e l'uso dei linguaggi per il web e strumenti per la costruzione dei siti dinamici aziendali - della sicurezza informatica attraverso l'acquisizione delle normative che proteggono informazioni e l'uso di tecniche e strumenti di protezione. Per tutti gli indirizzi dell area tecnico-professionale sono possibili, al termine dell ultimo anno, tanto l inserimento nel mondo del lavoro quanto il conseguimento di una specializzazione tecnica superiore o la prosecuzione degli studi a livello universitario o in altri percorsi formativi specialistici. 4

5 Profilo professionale del Perito in Turismo L indirizzo Turismo è finalizzato all acquisizione di un ampia gamma di competenze legate alla dimensione relazionale intesa sia negli aspetti tecnici (dalla pratica delle lingue straniere all utilizzo delle nuove tecnologie) sia negli aspetti attitudinali quali attitudine alla relazione, all informazione, al servizio, nonché capacità di relazionarsi efficacemente a soggetti provenienti da culture diverse e di comunicare ad essi gli elementi più rilevanti della cultura di appartenenza Profilo professionale del diplomato in Grafica L indirizzo grafico persegue lo sviluppo di competenze tecniche grafico-pittoriche e informatiche adeguate alla progettazione e produzione grafica nei diversi contesti relativi alla comunicazione visiva ed editoriale. Profilo professionale del diplomato in Grafica L indirizzo audiovisivo e multimediale approfondisce competenze tecniche e informatiche adeguate alla progettazione e realizzazione di prodotti audiovisivi e multimediali attraverso l integrazione dei diversi linguaggi artistici. Profilo professionale AFM Serale Agli studenti vengono riconosciute le competenze acquisite in seguito a studi precedentemente compiuti anche in altri indirizzi o di conoscenze derivanti da esperienze di lavoro coerenti con l indirizzo di studi. Questo può permettere l esonero dalla frequenza per alcune discipline o l ammissione a classi successiva alla prima. 5

6 5. STORIA E PROFILO DELLA CLASSE Composizione del gruppo alunni all'inizio del triennio e sua evoluzione negli anni. Classe Terza A.S. 2012/13 Classe Quarta A.S. 2013/14 Classe Quinta A.S. 2014/15 1 Basile Valeria X X X 2 Beccaletto Sara X X X 3 Bellini Andrea X X X 4 Benati Emanuele X X X 5 Bersani Enrico X X X 6 Blahodatua Anna X X X 7 Bonon Giulia X X X 8 Borsati Chiara X X X 9 Carrozzo Alessandro X RIT - 10 Cipolla Cristiano X X X 11 Condina Veronica X X X 12 Coltro Lorenzo X RIT - 13 Corso Francesca NP Dall Oca Davide X X X 15 Evolo Francesco X RIT - 16 Frizzi Mathias X X X 17 Gasparini Leonardo X X X 18 Lovato Beatrice X X X 19 Lupo Federica X X X 20 Malvezzi Benedetta X X X 21 Mantovani Simone X X X 22 Marchiotto Claudia X X X 23 Meneghello Nico X X X 24 Montagnini Matteo X X X 25 Moschetta Maria Vittoria NP Pauletto Camilla X X X 27 Pertile Andrea X X X 28 Rossin Luca X X X 29 Stegagno Giulia NP Talin Marco - - X 31 Tarocco Alessia X X X 32 Turrini Nicola X X X Legenda: X = Alunno/a presente e promosso/a N.P.= Non Promosso/a RIT. = Ritirato/a - = Non presente N.S. = non scrutinato perché cessante d ufficio. 6

7 Classe 3^ iscritti: 31 ritirati: 0 promossi = 28 non promossi = 3 Non scrutinati = 0 Classe 4^ iscritti: 28 ritirati: 3 promossi = 24 non promossi = 0 Classe 5^ iscritti: 26 ritirati: 0 Luogo di provenienza degli studenti Il luogo di residenza degli studenti si estende su un ampio territorio, infatti essi provengono: da Legnago: 9 studenti, da comuni distanti fino a 10 km: 2 studenti, da comuni distanti da 10 a 20 km: 11 studenti, da comuni distanti più di 20 km: 4 studenti. Questo ha implicato la necessità di concentrare il più possibile l attività didattica al mattino riducendo al minimo le occasioni di rientro pomeridiano. 7

8 Continuità dei docenti nel triennio conclusivo Disciplina Classe Terza A.S. 2005/06 Classe Quarta A.S. 2006/07 Classe Quinta A.S. 2007/08 Relazioni Internazionali Benati Silvia Nadali Lorenza Manente Irene Diritto Benati Silvia Nadali Lorenza Manente Irene Storia - Cittadinanza E Costituzione Cavazzoni Luisa Cavazzoni Luisa Cavazzoni Luisa Lingua E Letteratura Italiana Cavazzoni Luisa Cavazzoni Luisa Cavazzoni Luisa Tecnologie Della Comunicazione Coraggia Francesco Coraggia Francesco Coraggia Francesco Informatica Coraggia Francesco Coraggia Francesco Coraggia Francesco Informatica Comparin Michele Comparin Michele Comparin Michele Seconda Lingua Comunitaria (Francese) Corradetti Maria Silvia / / Lingua Inglese Gatti Susanna Gatti Susanna Gatti Susanna Giacomello Economia Politica Giacomello Donatella Donatella Facchinetti Vittorio Giacomello Diritto Giacomello Donatella Donatella Facchinetti Vittorio Economia Aziendale Grigoli Carla Grigoli Carla Berchioni Lucio Seconda Lingua Comunitaria (Tedesco) Mariotti Silvia Mariotti Silvia Mariotti Silvia Matematica Nose' Silvia Nose' Silvia Nose' Silvia Scienze Motorie E Pignata Monica Sportive Pignata Monica Pignata Monica Economia Aziendale e Geopolitica Rossi Lucio Rossi Lucio Rossi Lucio Spagnolo Ricciardo Palmira Ricciardo Palmira Ricciardo Palmira Religione Quaiotti Stefania Quaiotti Stefania Quaiotti Stefania 8

9 Quadro orario SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO SIA INSEGNAMENTI MATERIE III IV V Religione Lingua e letteratura italiana GENERALI Storia cittadinanza e costituzione COMUNI Prima lingua straniera inglese Matematica Scienze motorie e sportive Informatica DELL INDIRIZZO Seconda lingua straniera 3 Economia aziendale Diritto Economia politica TOTALE ORE SETTIMANALI Quadro orario SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO RIM INSEGNAMENTI MATERIE III IV V Religione Lingua e letteratura italiana GENERALI Storia cittadinanza e costituzione COMUNI Prima lingua straniera inglese Matematica Scienze motorie e sportive Seconda lingua straniera DELL INDIRIZZO Terza lingua straniera Economia aziendale e geo-politica Diritto Relazioni internazionali Tecnologia della comunicazione 2 2 TOTALE ORE SETTIMANALI

10 La classe risulta articolata nel seguente modo: V B SIA V B RIM 1) Basile Valeria 2) Beccaletto Sara 3) Benati Emanuele 4) Blahodatna Anna 5) Condina Valeria 6) Dall Oca Davide 7) Gasparini Leonardo 8) Lovato Beatrice 9) Mantovani Simone 10) Meneghello Nico 11) Montagnini Matteo 12) Rossin Luca 13) Talin Marco 14) Turrini Nicola 1) Bellini Andrea 2) Bersani Enrico 3) Bonon Giulia 4) Borsati Sara 5) Cipolla Cristiano 6) Frizzi Mathias 7) Lupo Federica 8) Malvezzi Benedetta 9) Marchiotto Claudia 10) Pauletto Camilla 11) Pertile Andrea 12) Tarocco Alessia I docenti della materie comuni Cavazzoni Luisa - Storia, cittadinanza e costituzione Cavazzoni Luisa - Lingua e letteratura italiana Gatti Susanna - Lingua inglese Nosè Silvia - Matematica Pignata Monica - Scienze motorie Quaiotti Stefania - Religione Docenti V B SIA Berchioni Lucio - Economia Aziendale Coraggia Francesco - Informatica Comparin Michele - Informatica Facchinetti Vittorio - Economia politica e scienza delle finanze Facchinetti Vittorio - Diritto Docenti V B RIM Manente Irene - Relazioni Internazionali Manente Irene - Diritto Mariotti Silvia - Seconda lingua comunitaria Tedesco Ricciardo Palmira - terza lingua straniera Spagnolo Rossi Lucio - Economia Aziendale e Geopolitica 10

11 Commissari interni alla Commissione d esame sono : Luisa Cavazzoni, Silvia Nosè, Manente Irene per il gruppo RIM, Facchinetti Vittorio, per il gruppo SIA. Si precisa che sono state svolte simulazioni di prima, seconda e terza prova nelle varie materie interessate, ma che il gruppo RIM non ha simulato la Seconda prova scritta. L attività CLIL è stata svolta rispettivamente : per il gruppo SIA dal Prof. Facchinetti per il gruppo RIM dalla Prof.ssa Manenete entrambi in collaborazione con la docente di Inglese Prof.ssa Gatti. 11

12 a) Storia del triennio della classe Livelli di partenza e percorso compiuto nel triennio All inizio del triennio la classe è composta da 31 studenti. Alla fine della terza classe 28 allievi risultano ammessi alla classe quarta (di cui 5 con debito formativo in una o più discipline da colmare nel corso dell anno successivo), 3 studentesse vengono respinte. Nel quarto anno la classe risulta composta da 28 allievi. Durante l anno scolastico si ritirano 3 alunni. Al termine della classe quarta vengono scrutinati 25 alunni, nessuno non ammesso, 5 con debito formativo. La classe quinta è composta da 26 allievi. Alla fine del primo trimestre 8 alunni presentano insufficienze in una o più discipline. Per 4 di questi le insufficienze permangono anche dopo le attività di recupero (individuali o programmate) effettuate nel pentamestre. b) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso e percorso compiuto La classe ha mutato la sua fisionomia nel corso del triennio: il gruppo di 26 alunni dell ultimo anno di corso non si è sempre mostrato coeso e solidale, anche per l articolazione della classe in due differenti corsi con relativi sdoppiamenti, nelle ore di lezione degli insegnamenti comuni a volte si sono verificate tensioni e incomprensioni, alla base vi è, a detta del c. cl., un comportamento infantile da parte di alcuni che hanno mantenuto atteggiamenti discriminatori nei confronti di altri compagni. La classe si presenta abbastanza tranquilla e attenta alle lezioni, la partecipazione è ricettiva, ma passiva, cosa che rende difficile il coinvolgimento degli alunni nel dialogo educativo. In particolare hanno condizionato i livelli generali di profitto la discontinuità nell impegno e la mancanza di approfondimento personale, solo pochi alunni si sono distinti per la costanza nell applicazione, l autonomia nello studio e le capacità critiche e di rielaborazione personale. Per la maggior parte lo studio è stato discontinuo e mirato alle verifiche senza il dovuto impegno, per esempio nelle parti di esercitazione e applicazione, in genere si è fatto il minimo richiesto evitando approfondimenti, ricerche e rielaborazioni, senza cogliere i suggerimenti dati dai docenti, fondamentalmente per una mancanza di interesse e impegno. La preparazione così raggiunta è inevitabilmente molto scolastica anche se mediamente più che sufficiente / discreta con eccezioni in positivo e in negativo. Dal punto di vista metodologico, la modalità didattica prevalente è stata l insegnamento frontale. In alcune discipline sono stati svolti lavori di gruppo o sviluppate tematiche attraverso studio individuale. La frequenza scolastica non è stata assidua per tutti gli allievi e i rapporti con le famiglie sono stati corretti. Si segnala la situazione di un alunno che per problemi di salute è stato costretto ad assentarsi per un lungo periodo durante il precedente anno scolastico e per i primi due mesi del secondo periodo dell anno in corso. 12

13 Nelle singole discipline la partecipazione e l'attenzione alle lezioni si sono collocate mediamente ai seguenti livelli: Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Ottima Buona Discreta x x x x x x x x Sufficiente x x x x x x x Insufficiente Scarsa Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Metodo di studio e di lavoro Nelle singole discipline il metodo di studio acquisito dagli studenti si è collocato mediamente ai seguenti livelli: Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Ottimo Buono Discreto x x x x Sufficiente x x x x x x x x x x x x Insufficiente Scarso Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione 13

14 Debiti formativi e loro superamento Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Spagnolo Diritto RIM Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione N alunni con debito N alunni che hanno colmato il debito Interventi di recupero dei debiti formativi a disposizione degli studenti Italiano Storia Inglese Tedesco Corso di recupero x Intervento personalizzato x x x x x Recupero in itinere x x x x x x x x x x x x Sportello pomeridiano Informatica Spagnolo Diritto RIM Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione 14

15 6. OBIETTIVI RAGGIUNTI CONOSCENZE Per il livello medio di conoscenze acquisito dagli allievi si indica sinteticamente: Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Ottimo Buono Discreto x x x x x x x x x x x x x Sufficiente x x x x x x Insufficiente Scarso Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione CAPACITA Per le capacità possedute dagli allievi si indica sinteticamente, per livelli medi: Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Capacità logicointerpretative C D D D C D D C D C D D D D C Capacità linguistiche C C D D D D D D D D D D D C C Autonomia di giudizio D D D D D C D C D D D D D D C Disponibilità al confronto D D C C C C D C D D C C C C C Capacità motorie C Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Legenda: A=Ottimo B=buono C=discreto D=sufficiente E=insufficiente 15

16 COMPETENZE Per le competenze emerse dalle attività svolte si indica sinteticamente, per livelli medi: Italiano Storia Inglese Tedesco Organizzazione del proprio lavoro C C D C C C C C C C D D D D D Utilizzo delle conoscenze C C D D D D D D D D D D D C C professionali Operare deduzioni e inferenze D D D D C D D D D D D D D D D Effettuare scelte D D C C D C C C C C D D D D D Prendere decisioni D D C C D C D D D D D D D D D Partecipazione propositiva al D D C C C B C D D D C C C D D lavoro di gruppo Comunicazione efficace C C C C C C C D C D C C C C C Operare per obiettivi D D C C D C D C D C D D D D D Informatica Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Ec. aziend Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Legenda: A=Ottimo B=buono C=discreto D=sufficiente E=insuffCiciente 16

17 7. ATTIVITA DIDATTICHE Curriculari Contenuti disciplinari delle singole discipline (vedi programmi allegati, con l indicazione della parte da svolgere nell ultimo periodo dell anno scolastico) Tematiche pluridisciplinari ARGOMENTO MATERIE COINVOLTE CORSO 1 L Europa fra 800 e 900: la crisi di fine Storia, italiano, spagnolo SIA RIM secolo 2 Le avanguardie del primo 900 Storia, italiano, spagnolo SIA RIM 3 Il Decadentismo Storia, italiano, spagnolo SIA RIM 4 Racconti della Grande Guerra Storia, italiano, inglese, spagnolo SIA RIM 5 L Europa tra le due Guerre Storia, italiano, inglese, spagnolo, SIA RIM tedesco 6 Il totalitarismo nel XX secolo Storia, italiano, spagnolo, tedesco SIA RIM 7 La Seconda Guerra Mondiale Storia, italiano, inglese, spagnolo, SIA RIM tedesco, informatica, matematica 8 L Europa nel secondo dopoguerra: dalla Storia, italiano, spagnolo, tedesco, SIA RIM guerra fredda alla fine dell impero sovietico economia 9 La società di massa e l avvento della società Storia, italiano, inglese, spagnolo, SIA RIM dei consumi tedesco, economia e informatica 10 La pubblicità fra marketing e psicologia Storia, italiano, economia, tedesco RIM 11 Il mondo globalizzato: problemi e Storia,inglese, spagnolo, diritto SIA RIM prospettive, la sfida dello sviluppo sostenibile RIM, Relazioni Internazionali 12 Il mondo della finanza: banche ed istituti di Economia SIA, spagnolo, inglese, SIA RIM credito tedesco 13 L attività di controllo Economia SIA RIM 14 Il problema dei costi Economi e matematica SIA RIM 15 Democrazia e rappresentatività Storia, diritto, inglese, spagnolo SIA RIM 16 Il razzismo Storia, italiano, spagnolo, tedesco, SIA RIM diritto RIM, religione 17 L Europa della Belle Epoque Storia, italiano. SIA RIM 17

18 Stage Gli stage si sono svolti in base con tempistiche diverse a seconda degli indirizzi di studi sia durante l anno che nel periodo estivo. La durata è stata variabile, con un minimo di 2 settimane presso aziende, uffici professionali, banche e enti pubblici. L elenco degli alunni che hanno partecipato a tali attività è il seguente: ALUNNO STAGE Anno scolastico 2012/2013 Anno scolastico 2013/2014 Basile Valeria USLL - LEGNAGO / Beccaletto Sara SICAM SRL SAN PIETRO DI LEGNAGO SICAM SRL SAN PIETRO DI LEGNAGO Bellini Andrea COMUNE DI PRESSANA COMUNE DI BRESSANA BenatiEmanuele COMUNE DI OPEANO / Bersani Enrico VIAGGI PIU CEREA SEVEN SEDIE SRL CEREA BlahodatuaAnna / / Bonon Giulia RAG.DEGAN VILLABARTOLOMEA AGENZIA DELLE ENTRATE LEGNAGO BorsatiChiara STUDIO TECNICO D ARCHITETTURA FONTANA&CHIAMPAN ALBAREDO D ADIGE MARCHETTO O. e VISENTINI M. ALBAREDO D ADIGE Cipolla Cristiano TROLL CEREA COMUNE DI CASALEONE Condina Veronica STUDIO SLAVIERO MATTEO / COLOGNA VENETA Dall Oca Davide PASTICCERIA DI C.SA MARCONI RONCO ALL ADIGE FREETECH GROUP SRL SANGUINETTO Frizzi Mathias STUDIO AVANZINI OPEANO AGENZIA DELLE ENTRATE LEGNAGO GaspariniLeonardo AGENZIA FONDIARIA SAI LEGNAGO L ALTRA INFORMATICA VIGO DI LEGNAGO LovatoBeatrice NORTAN 7 VERONELLA Lupo Federica STUDIO CAVALIERE RAG.TARCISIO LEGNAGO CENTRO CONTABILE AZIENDALE SRL LEGNAGO Malvezzi Benedetta COMUNE DI CASALEONE COMUNE DI CASALEONE Mantovani Simone / / 18

19 MarchiottoClaudia MUNICIPIO DI / SAN PIETRO DI MORUBIO Meneghello Nico RPS SPA RIELLO / POWER SOLUTION LEGNAGO Montagnini Matteo COMUNE DI BERGANTINO / PaulettoCamilla SICA / SAN PIETRO DI LEGNAGO Pertile Andrea INPS DI LEGNAGO INPS LEGNAGO RossinLuca SISTEMI EDP / CEREA Talin Marco NON ERA ALUNNO DI QUESTO ISTISTUTO NON ERA ALUNNO DI QUESTO ISTISTUTO Tarocco Alessia AUTOTEAM SPA / LEGNAGO Turrini Nicola HDI ASSICURAZIONI VILLABARTOLOMEA HDI ASSICURAZIONI VILLABARTOLOMEA Coerentemente con l indirizzo di studi seguito, la classe ha partecipato a stage linguistici all estero della durata di una settimana con frequenza di corsi di lingua presso centri specializzati: nel quarto anno Siviglia. Nel corso del quarto anno, nell ambito del progetto Jou garanty gli alunni Basile, Bersani, Mantovani e Meneghello sono stati coinvolti in attività di rimotivazione all apprendimento durante interventi in orario curricolare a cura dell ULSS di Legnago terminando poi l iter formativo con uno stage estivo di tipo lavorativo non in ambito aziendale. Almeno in un caso l intervento è stato positivo avendo l alunno/a interessato/a cambiato radicalmente atteggiamento nei confronti degli impegni scolastici. 19

20 Classe terza PROGETTI: 1. incontro con l impresa prevista una visita ad un azienda del territorio 2. Progetti Sportivi a. CITTÀ DI LEGNAGO per tutta la classe b. Gruppo sportivo di pallavolo pomeridiano su base volontaria c. Procetto curricolare di arrampicata 3. Geografia in lingua spagnola (8 ore extracurricolari e altre ore curricolari) 4. Progetto geografia regionale e generale spagnola Classe Quarta a. Progetto di educazione alla legalità: i. uso corretto del denaro, prestito di somme di denaro proveniente dal mercato illegale (usura); cosa bisogna sapere dei giochi d azzardo, video e cartacei(gratta e vinci) ii. Eco Mafie: proiezione di un film e a seguire incontro con un testimone b. Progetti sportivi: partecipazione su base volontaria al Trofeo Città di Legnago e CPS, partecipazione curricolare ad un corso di difesa personale) c. Alternanza Scuola lavoro d. Attività di orientamento per le classi quarte: attività di collaborazione con il COSP di Verona (progetto ITINERA Master di orientamento); partecipazione ai Giochi d autunno. e. Progetto incontro con l autore f. Progetto agenzia delle entrate Classe Quinta incontro CMS creazione siti internet LEGALMENTE; in occasione dell assemblea di istituto di marzo - Gestione assemblea di classe con la partecipazione degli operatori del SERT Carcere Scuola Gruppi sportivi Orientamento in uscita: partecipazione al Job & Orienta (tutta la classe); Master di orientamento all interno del Progetto ITINERA (partecipazione su base volontaria); Open Day delle Università di PD, VR, TR ecc. (partecipazione su base volontaria); visita guidata allo Studio Commercialista Bercelli&Ferrarese di Legnago (tutta la classe); incontri in Aula Magna con: Centro per l Impiego - incrocio tra domanda e offerta nel mondo del lavoro; Agenzia per il lavoro Adecco; l ESU di Verona (su base volontaria); l ITS Logistica LAST (solo per la RIM); partecipazione al progetto Plan your Future (docente tutor: Pignata Monica). AVIS Sicurezza stradale e prevenzione degli incidenti (26 e 27 febbraio, durante l intera giornata) Attività di orientamento 20

21 8. METODOLOGIE la metodologia seguita è qui sinteticamente riassunta Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Spagnolo Lezione frontale Lavori di gruppo Prove semistrutturate Attività di laboratorio Problem solving Gruppi di lavoro omogenei Gruppi di lavoro non omogenei Attività di tutoring Team teaching Didattica breve Insegnamento individualizzato Attività di recupero/sostegno Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Economia Az. Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Legenda: 0 = mai; 1 = talvolta; 2 = spesso; 3 = sistematicamente. 21

22 9. STRUMENTI DIDATTICI Italiano Storia Inglese Tedesco Libro di testo Dispense o appunti Fotocopie DVD CD audio CD-rom Documenti Proiettori LIM Testi non scolastici Riviste, giornali Atlanti/dizionari Codice Civile Laboratorio informatico Laboratorio linguistico Internet Informatica Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Economia Az. Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Scienze Motorie Il suolo Piccoli attrezzi Grandi attrezzi Campo da gioco Libro di testo Utilizzo Legenda: 0 = mai; 1 = talvolta; 2 = spesso; 3 = sistematicamente. 22

23 10. INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Si è fatto uso della schede di valutazione deliberate in sede di riunione di coordinamento disciplinare e fatte proprie dal consiglio di classe (vedi schede allegate) Strumenti di valutazione Sia per la valutazione formativa sia per quella sommativa si sono usati i seguenti strumenti : Italiano Storia Inglese Tedesco Informatica Spagnolo Diritto SIA Diritto RIM Scienze finanze Relaz. Internazionali Economia Az. Ec. Az. e Geopol Matematica Scienze Motorie Religione Interrogazioni orali X X X X X X X X X X X X X X Prove scritte e/o produzione di testi X X X X X X X X X X X X X X Questionari X X X X X X X Prove semistrutturate X X Prove strutturate Prove di laboratorio X Compiti a casa X X X X X X X X X X X Test attitudinali X Esecuzioni individuali e di gruppo X X X X X X X X X X 11. CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO individuati dal Collegio Docenti Vedi allegato. 23

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli