COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO"

Transcript

1 COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA

2 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di cartelli, insegne ed altri mezzi pubblicitari Art. 3 - Limitazioni dimensionali di cartelli, insegne ed altri mezzi pubblicitari Art. 4 - Caratteristiche dei cartelli e dei mezzi pubblicitari luminosi Art. 5 - Ubicazione lungo le strade e le fasce di pertinenza Art. 6 - Ubicazione nelle stazioni servizio e nelle aree di parcheggio Art. 7 - Impianti pubblicitari di servizio Art. 8 - Impianti pubblicitari a messaggio variabile Art. 9 - Pubblicità fonica Art Domanda di autorizzazione Art Periodo di validità e rinnovo dell Autorizzazione Art Sanzioni Art Norme transitorie e finali Art Entrata in vigore. pag. 1

3 Art. 1 Oggetto del Regolamento e ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina le varie forme di pubblicità nell'ambito dei centri abitati e nelle zone di esclusiva competenza comunale, là dove il Codice della Strada (D.Lgs , n. 285) ed il relativo Regolamento di Esecuzione (D.P.R , n. 495), demandano ai regolamenti comunale la specifica normativa. Resta esclusa dalle norme del presente Regolamento, l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, nonché quant'altro già disciplinato dall'apposito Regolamento Comunale approvato con Delibera C.C. n. 84 del , in conformità al disposto di cui all'art. 3 del D. Lgs. 15 Novembre 1993, n Sono fatte salve altresì le disposizioni di cui al comma 13 ter dell'art. 23 del D.Lvo 285/92, dal D.M. 16 settembre 1994, n. 657 relativamente alla pubblicità sanitaria e dalla Legge 24/04/1975 n. 130 in materia di pubblicità elettorale. Art. 2 Collocazione di cartelli, insegne ed altri mezzi pubblicitari Nei centri abitati e nelle zone di esclusiva competenza comunale, la collocazione di cartelli, insegne ed altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse, è soggetta ad autorizzazione del competente Ufficio Tecnico Comunale. Nell'ambito del centro abitato, il rilascio dell'autorizzazione è subordinato al nulla osta tecnico dell'ente proprietario se la strada è statale, regionale o provinciale. Alla richiesta del nulla osta provvede il competente Ufficio Comunale. Nell'ambito e in prossimità di luoghi sottoposti a vincoli di tutela di bellezze naturali e paesaggistiche o di edifici di interesse storico o artistico, è vietato collocare cartelli ed altri mezzi pubblicitari "diversi dalle insegne di esercizio". In quest ultima ipotesi dovrà essere comunque preventivamente rilasciata dal Comune l autorizzazione paesistica per la posa di cartelli ed altri mezzi pubblicitari, secondo quanto previsto dall art. 16 della L.R. 18/97. pag. 2

4 Art. 3 Limitazioni dimensionali di cartelli insegne ed altri mezzi pubblicitari. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari, nell'ambito del centro abitato non devono superare la superficie di 6 mq.. In deroga al limite di cui sopra, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari, possono raggiungere la superficie di 20 mq. se posti parallelamente all'asse della strada. Dimensioni maggiori, fino al raggiungimento massimo di 30 mq., possono essere ammesse esclusivamente per le insegne di esercizio collocate in aderenza alla parete dell'edificio dove ha sede l'attività d'impresa, a condizione che la superficie della facciata interessata alla collocazione dell'insegna sia superiore a 100 mq.. Fermi restando i limiti dimensionali previsti dal comma precedente, nell'ambito dei centri commerciali spontanei o propriamente detti, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari, non devono superare complessivamente una superficie pari all'8 % dell'area di parcheggio di pertinenza del centro commerciale stesso. pag. 3

5 Art. 4 Caratteristiche dei cartelli e dei mezzi pubblicitari luminosi. Le sorgenti luminose, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari luminosi, per luce propria o per luce indiretta, lungo le strade o in vista di esse, nell'ambito del centro abitato ed altre zone di esclusiva competenza comunale, non possono avere luce intermittente, né intensità luminosa superiore a 150 candele per mq.. In ogni caso non devono provocare abbagliamento all'utente della strada. Le sorgenti luminose, i cartelli, le insegne e gli altri mezzi pubblicitari luminosi, non devono avere sagoma o colori, che possano ingenerare confusione con la segnaletica stradale. Particolare cautela è adottata nell'inserimento del colore rosso e del verde e del loro abbinamento, al fine di non ingenerare confusione con i segnali luminosi dei semafori. Nei centri abitati è vietata la collocazione di cartelli, insegne e mezzi pubblicitari luminosi con colore rosso o verde, a distanza inferiore a 300 m. dalle intersezioni semaforizzate. La collocazione a distanza inferiore può essere ammessa quando l'impianto pubblicitario è ubicato ad una distanza di almeno 15 m. dal bordo della carreggiata. In deroga a quanto stabilito dal precedente primo comma e sotto la stretta osservanza delle disposizioni previste dall'art. 57 del T.U.L.P.S. (R.D , n. 773), può essere autorizzata la temporanea collocazione di addobbi luminose a luce intermittente, in occasione delle Festività Natalizie ed altre ricorrenze di interesse locale, sempre che non ingenerino confusione con la segnaletica stradale o provochino abbagliamento all'utente della strada. pag. 4

6 Art. 5 Ubicazione dei cartelli, delle insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari lungo le strade e le fasce di pertinenza. Il posizionamento di cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari all'interno del centro abitato e nelle altre zone di esclusiva competenza comunale, è consentito nel rispetto delle seguenti distanze: a) m. 3 dal limite della carreggiata b) m. 100 dagli altri impianti pubblicitari; c) m. 250 prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione; d) m. 150 dopo i cartelli stradali di pericolo e di prescrizione; e) m. 150 prima dei segnali stradali di indicazione; f) m. 100 dopo i segnali stradali di indicazione; g) m. 150 prima delle curve; h) m. 250 prima delle intersezioni; i) m. 100 dopo le intersezioni; Le distanze di cui alla lettera a), b), c) d) e f), si applicano nel senso delle singole direttrici di marcia. Nei centri abitati, limitatamente alle strade di tipo E ed F (strada urbana di quartiere e strada locale), per ragioni di interesse generale o di ordine tecnico, possono essere concesse deroghe alle distanze di cui al precedente comma, per il posizionamento delle insegne di esercizio sugli edifici e sue pertinenze, dove ha sede l'attività d'impresa, sempre che siano garantiti le esigenze di sicurezza della circolazione stradale. Tali deroghe possono essere concesse solo previo parere favorevole vincolante espresso dal Comando di Polizia Locale. Il posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari, nei centri abitati ed altre zone del territorio di competenza comunale è comunque sempre vietato: a) sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri manufatti di protezione e segnalamento di pertinenza stradale; b) in prossimità e corrispondenza delle canalizzazioni, lungo le corsie specializzate, lungo le corsie di accelerazione e decelerazione; c) sulle scarpate, nelle cunette e nei fossi laterali alla strada, sulle relative ripe e, in ogni caso, in posizione tale da impedire o rendere disagevole l'esecuzione delle periodiche operazioni di pulizia con le apposite macchine ed attrezzature; d) sulle isole di traffico e isole salvagente, in prossimità e corrispondenza dei raccordi stradali concavi (cunette) e convessi (dossi) pag. 5

7 Art. 6 Ubicazione di cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio. Nell'ambito dei centri abitati, gli impianti stradali di distribuzione carburanti, possono essere autorizzati alla collocazione di una sola insegna di esercizio, o al massimo di due insegne se l'area dell'impianto dispone di due accessi distanti tra loro almeno 50 m., o ubicati su strade diverse. Ciascuna insegna non potrà superare la superficie di 4 mq. (per ciascuna facciata se trattasi di insegna contrapposta). Le insegne di esercizio degli impianti stradali di carburanti ed i relativi supporti devono essere rispettivamente collocati: a distanza non inferiore a m. 3 dal ciglio della carreggiata; ad altezza non inferiore a m. 5,50, misurata dal piano strada al bordo inferiore dell'insegna. In ogni caso l'insegna non dovrà sporgere sulla carreggiata. All'interno delle aree degli impianti di distribuzione di carburanti e all'interno dei parcheggi pubblici, o privati ad uso pubblico, è possibile autorizzare la collocazione di cartelli ed altri mezzi pubblicitari, nella misura massima del 5 % della superficie dell'impianto o dell'area di parcheggio. In aggiunta alla superficie pubblicitaria computata in misura percentuale è ammessa la collocazione di altri cartelli e mezzi pubblicitari, reclamizzanti i servizi prestati all'utente della strada (riparazioni meccaniche, autolavaggio, ecc.), in misura massima di mq. 2 per ciascun servizio prestato. Art. 7 Impianti pubblicitari di servizio Oltre all'autorizzazione di cui al precedente Art. 2, la collocazione di impianti pubblicitari di servizio, costituiti da paline di fermata dei mezzi pubblici di trasporto, da pensiline di attesa autobus, da transenne parapedonali, orologi ed altri manufatti recanti apposito spazio pubblicitario, è subordinata alla stipula di specifica convenzione con l'amministrazione Comunale, nella quale, tra le altre cose, si fisseranno di volta in volta le dimensioni, i colori e le caratteristiche strutturali degli impianti, in relazione al contesto architettonico, storico, paesaggistico ed ambientale in cui gli impianti stessi andranno ad essere inseriti. Fatte salve le disposizioni previste dall'art. 23/1 c. del Codice della Strada, per gli impianti pubblicitari di servizio, non si applicano le distanze previste dall'art. 5/1 comma del presente Regolamento. pag. 6

8 Art. 8 Impianti pubblicitari a messaggio variabile Nei limiti dimensionali, nel rispetto delle distanze e delle caratteristiche stabilite dal presente Regolamento, gli impianti pubblicitari a messaggio variabile, all'interno del centro abitato e nelle altre zone di competenza comunale, se posti trasversalmente all'asse della strada, sono ammessi esclusivamente se funzionanti con un periodo di variabilità non inferiore a cinque minuti. Periodi di variabilità inferiori a quello stabilito nel precedente primo comma, sono ammessi per gli impianti collocati parallelamente all'asse stradale, ovvero nelle aree pedonali e nelle zone a traffico limitato. Art. 9 Pubblicità fonica Nell'ambito dei centri abitati la pubblicità fonica è consentita dalle ore 9 alle ore e dalle ore 16 alle ore I giorni domenicali e festivi non è consentita prima delle ore 10. La pubblicità fonica, se anche regolarmente autorizzata, deve essere momentaneamente sospesa quando nelle vicinanze è in corso lo svolgimento di cortei funebri, funzioni religiose (processioni) ed altre iniziative di carattere politico (comizi), o comunque commemorative di pubblico interesse. Art. 10 Domanda di autorizzazione La domanda di Autorizzazione per la collocazione degli impianti pubblicitari di cui al presente Regolamento, dovrà essere presentata nella forma e con le modalità previste dall'art. 53 del Regolamento di Attuazione del Codice della Strada. Qualora la collocazione del mezzo pubblicitario interessi terreni, pertinenze o edifici appartenenti a soggetti diversi dagli enti pubblici proprietari delle strade, la domanda di cui sopra dovrà essere corredata altresì da idonea documentazione comprovante l'assenso dei soggetti proprietari. pag. 7

9 Art. 11 Periodo di validità e rinnovo dell'autorizzazione. L'Autorizzazione per la collocazione di cartelli, insegne ed altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse, ha validità triennale e può essere in ogni caso revocata prima della scadenza se ricorrono esigenze di interesse generale. L'Autorizzazione può essere rinnovata di triennio in triennio, previa presentazione da parte del titolare di apposita comunicazione di mantenimento in essere dell'impianto, redatta in carta semplice, corredata da apposita dichiarazione attestante: - che l'impianto e tutti i suoi elementi strutturali, conservano adeguati condizioni che garantiscono la sua stabilità; - che l'impianto e il relativo messaggio pubblicitario non abbia subito mutamenti, rispetto a quanto precedentemente autorizzato; - che l'impianto pubblicitario, per ubicazione, dimensione, colori ed altre caratteristiche, sia conforme alle prescrizioni stabilite nel presente Regolamento. La predetta dichiarazione dovrà essere resa nelle forme previste dall'art. 47 del D.P.R , n. 445 (Testo Unico delle Disposizioni Legislative e Regolamentari in Materia di Documentazione Amministrativa). Art. 12 Sanzioni Fatte salve le sanzioni previste dalle Leggi di cui al precedente terzo comma dell'art. 1, chiunque viola le disposizioni previste dal presente Regolamento è soggetto alle sanzioni amministrative stabilite dall'art. 23 del D. Lgs , n. 285 e dagli Artt. 23 e 24 del D.Lgs , n Art. 13 Norme Transitorie e Finali Le Autorizzazioni rilasciate prima dell'entrata in vigore del presente Regolamento, conservano la propria validità fino alla scadenza triennale. Qualora il mezzo pubblicitario precedentemente autorizzato non sia conforme per collocazione, dimensioni, colori ed altre caratteristiche a quanto stabilito dal presente Regolamento, gli interessati dovranno presentare apposita domanda in conformità al disposto di cui al precedente Art. 10, tesa al rilascio di una nuova autorizzazione; tale istanza dovrà essere inoltrata al competente Ufficio Tecnico Comunale almeno 90 giorni prima della scadenza della precedente autorizzazione. pag. 8

10 Art. 14 Entrata in vigore Il presente Regolamento entra in vigore il giorno successivo alla conclusione delle formalità previste dall'art. 134 del D. Lgs , n. 267.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 Nuovo codice della strada. Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 maggio 1992, n. 114, S.O. 23. Pubblicità sulle strade e sui veicoli. D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 (giurisprudenza di legittimità) 1. Lungo le strade

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi D.P.R. n. 495/92 Pubblicità sulle strade e sui veicoli 48. (Art. 23 Cod. Str.) Dimensioni. 1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari previsti dall'articolo 23 del codice e definiti

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari)

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata

Dettagli

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S.

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S. AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE Art. 47. - Definizione dei mezzi pubblicitari (art. 23 C.s.). 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da

Dettagli

Chiede l autorizzazione ad installare

Chiede l autorizzazione ad installare marca da bollo euro 14,62: Al sig. Sindaco Comune di Barlassina Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende Io sottoscritto/a_ nato/a a _ il C.F. residente

Dettagli

Comune di Susegana. Provincia di Treviso. Regolamento comunale. dei mezzi e degli impianti pubblicitari

Comune di Susegana. Provincia di Treviso. Regolamento comunale. dei mezzi e degli impianti pubblicitari Comune di Susegana Provincia di Treviso Regolamento comunale dei mezzi e degli impianti pubblicitari Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 57 del 30.12.2014. Esecutivo in data 9.2.2015 1 ART.

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO REGOLAMENTO COMUNALE DELLA PUBBLICITA' SULLE STRADE (art. 23 Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo codice della strada, e art.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO PER L INSTALLAZIONE Approvato

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE Comune di Trieste Area Pianificazione Territoriale REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE INDICE TITOLO I AMBITO APPLICATIVO, DEFINIZIONI

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare PROTOCOLLO COMUNALE AL COMUNE DI CESANO MADERNO SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Arese, n. 12 20031 Cesano Maderno (Mi) marca da bollo 14,62 Pratica

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Montecatini Terme Provincia di Pistoia Piano Generale degli Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attuazione Approvate dal C.C. con Deliberazione n. 48 del 13/06/2002, coordinate: - con le

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

Nato/a a Codice fiscale Residente nel Comune di indirizzo n. civico c.a.p. Tel Fax E.mail. La sottoscritta Società

Nato/a a Codice fiscale Residente nel Comune di indirizzo n. civico c.a.p. Tel Fax E.mail. La sottoscritta Società 1 COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it - tecnico@comune.ternodisola.bg.it domanda

Dettagli

Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Marzo 2014 comunale 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Ambito e scopo

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E DELL APPLICAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL RILASCIO DELLE

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Gestione e Sicurezza del Territorio e della Mobilità Servizio Viabilità AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Mobilità e Protezione Civile Servizio Viabilità

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI Pagina 1 di 16 Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E DELL APPLICAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL RILASCIO DELLE

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento è diretto a disciplinare il rilascio di autorizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

Sede Legale di Trieste via Mazzini 22 34121 Tel. +39 040 5604200 Fax +39 040 5604281

Sede Legale di Trieste via Mazzini 22 34121 Tel. +39 040 5604200 Fax +39 040 5604281 Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A. via Mazzini, 22 34121 Trieste Tel. +39 040 5604200 - Fax +39 040 5604281 inizialenome.cognome@fvgs.it - www.fvgstrade.it Società soggetta alla attività di direzione

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98)

DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98) DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98) MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE 17 MARZO 1998 Alla Direzione Generale dell'anas - Ente Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO I N D I C

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO INSEGNE PUBBLICITARIE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 28.11.2006 bandiera blu d'europa certificazione ambientale ISO 14001 www.comune.tortoreto.te.it

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI SUL TERRITORIO COMUNALE DI MALEO (Ai sensi Titolo II del Regolamento Comunale sulla Pubblicità) Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO «A» REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE Aggiornate a seguito delle modifiche disposte con:

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) Il sottoscritto nato a il residente a in via c.a.p. Telefono fax Codice Fiscale in

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 86 DEL 27/11/2012 INDICE CAPO I NORME DI

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE

Dettagli

Regolamento per la collocazione delle insegne per gli impianti pubblicitari e per le pubbliche affissioni

Regolamento per la collocazione delle insegne per gli impianti pubblicitari e per le pubbliche affissioni Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 69 del 14/10/2004 Cità di CANICATTI DIREZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO Regolamento per la collocazione delle insegne

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati l installazione della pubblicità stradale (Delibera di C.C. n. 21/64830/07 del 03/12/2007 modificata con Delibera di C.C. n. 23/25406/08 del 12/05/2008 Delibera di C.C. n. 19/97413/2010 del 13/12/2010

Dettagli

ART. 31) - Trasferimento di titolarità...22 ART. 32) - Revoca delle autorizzazioni...22 ART. 33) - Obblighi del titolare dell'autorizzazione...

ART. 31) - Trasferimento di titolarità...22 ART. 32) - Revoca delle autorizzazioni...22 ART. 33) - Obblighi del titolare dell'autorizzazione... Indice generale TITOLO I...5 DISPOSIZIONI GENERALI...5 CAPO I...5 PROCEDURE PER IL RILASCIO DEI PROVVEDIMENTI...5 ART.1) - Norme regolanti le concessioni, autorizzazioni e nulla-osta...5 ART.2) - Oggetto

Dettagli

Comune di Montepulciano Provincia di Siena

Comune di Montepulciano Provincia di Siena Comune di Montepulciano Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Approvato con

Dettagli

COMUNE DI RECALE Provincia di Caserta

COMUNE DI RECALE Provincia di Caserta COMUNE DI RECALE Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI

COMUNE DI MONTERIGGIONI COMUNE DI MONTERIGGIONI (Provincia di SIENA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INSTALLAZIONE MEZZI DI PUBBLICITA TEMPORANEA. OGGETTO: Domanda di autorizzazione all'installazione di mezzi di pubblicità temporanea.

INSTALLAZIONE MEZZI DI PUBBLICITA TEMPORANEA. OGGETTO: Domanda di autorizzazione all'installazione di mezzi di pubblicità temporanea. INSTALLAZIONE MEZZI DI PUBBLICITA TEMPORANEA Bollo 16 Al Sindaco del Comune di Perugia Area Governo e Sviluppo del Territorio U.O. Servizi alle Imprese Ufficio Pubblicità Temporanea Palazzo Grossi, P.zza

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Allegato 3 Regolamento insegne e cartelli indicatori Versione C.C. 16/06/06 ALLEGATO 3 INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE

COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE Delibera del Consiglio Comunale del 01/07/2013 n 29 REV. num. 00.00 - Pagina 1 INDICE Capo I Norme generali Art. 1:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Genga Provincia di Ancona Piano Generale degli impianti pubblicitari e per le Pubbliche Affissioni Norme Tecniche di Attuazione gennaio 2010 PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R. n 955/82) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. Approvato con atto C.C. n. 11

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 85 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA Marca da Bollo Al Sindaco di Povegliano Comando Polizia Locale Povegliano RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA da presentarsi almeno 10 giorni prima del periodo di esposizione (barrare la voce

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari

Comune di Villasor Provincia di Cagliari Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 9 aprile 2015 PIANO GENERALE DI ATTUAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO Prov. Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONDAVIO Prov. Pesaro e Urbino COMUNE DI MONDAVIO Prov. Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE DELLA PUBBLICITA' SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 26.07.2005 INDICE - 1 - Art. 1: Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

COMUNE DI BITONTO REGOLAMENTO DEL PIANO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PRIVATI. Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada,

COMUNE DI BITONTO REGOLAMENTO DEL PIANO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PRIVATI. Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, COMUNE DI BITONTO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PRIVATI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI I REGOLAMENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI Allegato A alla deliberazione di C.P. n. 47/2005 PROVINCIA DI RIMINI SERVIZIO LAVORI PUBBLICI UFFICIO VIABILITA REGOLAMENTO

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli