Capriccio. Modelli e Istruzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capriccio. Modelli e Istruzioni"

Transcript

1 Capriccio Modelli e Istruzioni

2

3 INDICE SCIARPA MODELLI SCIARPA borsa pag. 2 pag. 3 Scheda Maglia legaccio a righe fiore 100 gr filato New Jersey col gr filato Capriccio col.8058 Ferri n.5 Maglia a legaccio e maglia rasata gilet borsa pag. 5 pag. 5 serpentina Con il filato New Jersey, avviate sui ferri 30 maglie: lavorate a coste 1/1 fino a consumare 100 gr di prodotto. Su ciascun margine della sciarpa inserite un asolina grigia del filato Capriccio, ogni 3 maglie di base (per un totale di 10 asoline per 30 maglie di base). Lavorate a maglia legaccio (vedi schema sottostante) per 8 ferri, per ciascun lato. cappelino pag. 7 lavorazione a tondo Realizzate 2 fiorellini (vedi schema Fiore) e appuntateli a piacere sul corpo della sciarpa. borsa pag. 7 MAGLIA A LEGACCIO E MAGLIA RASATA Finitura del margine di taglio 1. Caricate sul ferro le grigie necessarie per la realizzazione del vostro progetto. 2. Inserite il ferro destro attraverso la prima asola posta sul ferro sinistro. 3. Gettate sul ferro la prima asola grigia del filato. 1. Individuate i fili di cucitura neri del filo: avrete da una parte 2 fili neri. 2. Dall altra parte, individuate una piccolissima asola. 3. Inserite la punta dell ago nell asola. 4. Allargate l asola e fatevi passare i fili neri di cucitura. 5. Tirate i fili neri dopo averli fatti passare nell asola: tirando uno dei due, in particolare, chiuderete l asola, fissando così la cucitura del filo. 6. Annodate tutti i capi del filato, stringendo il nodo a ridosso della prima asola che si presenta. 4. Allargate l asola e fatevi passare i fili neri di cucitura. 5. Lavorate tutte le del ferro sinistro. Per la lavorazione a LEGACCIO lavorate tutti i ferri a diritto. 6. Per la lavorazione della MAGLIA RASATA lavorate il ferro successivo tutti i ferri pari a rovescio. Questi semplici passaggi sono da eseguire SEMPRE ogni volta che tagliate il filo, su entrambi i margini di taglio. CONSIGLIO: Tagliate il filo calcolando sempre un asola in più rispetto alle indicazioni: l asola a ridosso della linea di taglio si scioglie sempre. 7. Gettate sul ferro la prima asola grigia del filato. Estraete l asola dal punto lavorato e lasciatela scivolare dal ferro sinistro. 8. Nella lavorazione a LEGACCIO le si presentano da entrambe le facce del lavoro. Esempio di maglia a legaccio. 9. Nella lavorazione a MAGLIA RASATA le si presentano solo sul rovescio del lavoro. Esempio di maglia rasata. 1 2

4 BORSA FIORE 100 gr filato Capriccio col.8058 Ferri n.5 Lavorate un telo a maglia legaccio a righe (vedi schema Legaccio a Righe). Gettate sui ferri 15 asoline colorate (dopo averle accavallate come da indicazione). Lavorate fino ad esaurire la matassa. Piegate a metà il telo ottenuto e intrecciate le maglie sul ferro con le maglie del giro di avvio (vedi schema sottostante). Cucite il margine inferiore e fissate una tracolla a piacere. Contate 22 asoline colorate, tagliate il filo e fermatelo come indicato a pag.xx. Inserite su un uncinetto le 11 asoline piccole corrispondenti. Aiutandovi e con l uncinetto passate un filo attraverso le asoline. Annodate il filo e nascondete i lembi passandoli all interno delle. MAGLIA LEGACCIO A RIGHE SCHEMA 1. Preparate il filo lavorando solo le colorate. 2. Accavallate le colorate due a due: inserite l asola colorata attraverso quella successiva, ricavando un unica asola. 3. Per realizzare la borsa, preparate un intera matassa accavallando tutte le. piegate Telo piegato a metà. 1 giro: avvio maglie. Chiudete il telo aiutandovi con un uncinetto: intrecciate le maglie sul ferro con le maglie dell avvio, alternandone una dal ferro, una dal giro di avvio, fino a rimanere con un sola maglia che fisserete all interno con uno spezzone di filo. Cucite uno dei due lati per il fondo Per gettare le maglie del lavoro: dal retro del filo, inserite sul ferro le necessarie. 6. Procedete la lavorazione a maglia legaccio, lavorando solo le colorarate, preparate in precedenza. Inserite il ferro destro attraverso l asola del ferro sinistro. 7. Per ciascun punto da lavorare utilizzerete un asola del filo preparato. IDEA MODA - I guanti Con il filato Capriccio avanzato dalla matassa, create una bordura su un paio di guanti abbinati: in questo caso, lavorate il bordo a maglia rasata (vedi schema Maglia Rasata). 8. Gettate sul ferro un asola. 9. Estraete l asola dal punto lavorato. 10. Il telo ottenuto è uguale sia dal diritto, sia dal rovescio: rimarranno in evidenza le asoline grigie, contornate dalle colorate accavallate. 3 4

5 gilet SERPENTINA 200 gr filato New Jersey col gr filato Capriccio col.367 Ferri e Uncinetto n.7 Realizzate per il gilet 8 serpentine complete da 35 asoline nere (vedi schema Serpentina). Iniziate la lavorazione intrecciando tra loro 35 asoline nere per ciascun lato (corrispondenti a 70 colorate). Per lo scalfo: lasciate semplicemente 22 maglie libere per la serpentina. Come da schema, per la serpentina dello scalfo, lavorerete a maglia legaccio solo 48. Cucite le spalle come indicato nello schema. Per rifinire il bordo dello scalfo, intrecciate le colorate libere, due a due. avvio 8 (lavorate solo 48 ) SCHEMA (lavorate solo 48 ) cucitura spalle 70 colorate 22 libere 22 libere 22 libere 22 libere 4 Nascondete i fili di chiusura facendoli passare attraverso la trama realizzata 4. Inserite un filo nero nell ultima asolina intrecciata per fermare il lavoro. Fissate il filo e nascondetelo nella trama del lavoro. 5. Inserite un ferro nelle colorate. 6. Lavorate a diritto utilizzando ora il filato NEW JERSEY a due capi. IDEA MODA - scalda collo Materiale Occorente: 100 gr di filato Capriccio col.367 Realizzate lo scalda-collo semplicemente indossando la matassa come fosse una collana. BORSA 7. Lavorate le maglie necessarie a punto legaggio. 8. Per creare la curvatura del motivo, alla fine del 2,4, 6 e 8 giro, passate l ultima maglia NON lavorata del ferro sinistro sul ferro destro. 9. Inserite sul ferro destro anche un asolina nera del filato Capriccio. 100 gr filato New Jersey col gr filato Capriccio col.367 Ferri e Uncinetto n.7 avvio 8 SCHEMA 40 colorate Lavorate l asolina e accavallate la maglia non lavorata. 11. In corrispondenza delle 4 nere inserite nei giri di lavorazione a maglia legaccio, avrete sull esterno, 8 asoline colorate. 12. Alla fine del 10 giro, chiudete la maglia sul ferro. Contate e verificate che il numero delle esterne sia 8 e inserite sul ferro sinistro la 9 asola che si presenta. Realizzate anche per la borsa, come per il gilet, 8 serpentine complete da 20 asoline nere (vedi schema Serpentina). Iniziate la lavorazione intrecciando tra loro 20 asoline nere per ciascun lato (corrispondenti a 40 colorate). Piegate il telo a metà e cucite i lati. Prima di cucire i lati, intrecciate per ciascun lato, tutte le tra loro, per facilitare e rendere più omogenea la linea di cucitura. Per la tracolla, con il filato nero a due capi, lavorate a uncinetto a maglia bassa 12 maglie, fino alla lunghezza desiderata. Fissate la tracolla alla borsa. SERPENTINA PIEGATE A META 13. Chiudete a rovescio lavorando insieme l asola colorata e due maglie del ferro. 14. mettete sul fero sinistro la maglia ottenuta e ripetete i passaggi di chiusura inserendo sempre sul ferro sinistro, prima di chiudere lr due maglie nere, la prima asola colorata che si presenta. Intrecciate così tutte le maglie del ferro. 8 Lavorazione a maglia legaccio 15. Il lavoro si presenta pronto per eseguire un altra serpentina. In corrispondenza della lavorazione a legaccio con il filo nero di connessione, le esterne saranno 8. 4 Intreccio asoline nere 1. Contate gli anellini neri indicati nelle schema di lavorazione di pag.6 e ripiegate il filo Aiutandovi con un uncinetto, intrecciate le asoline l una con l altra. Prendete alternativamente un asolina dalla parte superiore e una dalla parte inferiore. 16. Ripetere i passaggi dal punto Nell altra curva della serpentina, in corrispondenza dell intreccio delle nere, lasciate libere in esterno solo 4 colorate prima di riprendere le maglie sul ferro. 5 6

6 CAPPELINO lavorazione in tondo 100 gr di filato capriccio col.3443 Uncinetto n.7 Contate 22 asoline colorate, tagliate il filo e fermatelo come indicato a pag. 1 Inserite su un uncinetto le 11 asoline piccole corrispondenti. Aiutandovi e con l uncinetto passate un filo attraverso le asoline. Annodate il filo e nascondete i lembi passandoli all interno delle. Proseguire la realizzazione seguendo la scheda Lavorazione in Tondo. BORSA 1.Seguire le istruzioni per la realizzazione del fiore e realizzarne uno. Nascondete i fili di legatura nelle Aiutandovi con un uncinetto, iniziate la lavorazione del cappellino, partendo dal fiore come base, unite un giro di filato: intrecciate le l una con l altra prendendo alternativamente un asolina grigia dal filato e una colorata dal fiore. 4. Proseguite per tutto il giro verificando l alternanza delle per ottenere l effetto impuntura. Contate le colorate del giro di filo appena unito e verificate che siano 22. Tagliate il filo e rifinitelo accuratamente come spiegato nella schema Finitura del margine di taglio (pag. 1). Fate passare lo spezzone di filo nell ultima asola rimasta sull uncinetto e annodatelo con il margine di inizio filo (vedi fig. 8-9). 200 gr filato Capriccio col.3443 Ferri n.5 Per la realizzazione della borsa utilizzate la tecnica a maglia rasata: Avviate 20 maglie (20 asoline grigie) e proseguite la lavorazione a maglia rasata fino a lavorare interamente 2 matasse. Per rendere morbida la linea di chiusura, nelle maglie dell ultimo giro passate un filo grigio in tinta e fissatelo sulla prima e sull ultima maglia lavorata, piegate il telo così ottenuto e cucitelo sui lati. SUGGERIMENTO per le mani più esperte: utilizzate i ferri circolari al posto di quelli lineari, lavorando 40 maglie totali (40 asoline grigie); lavorando in circolare non dovrete mai fare il giro a rovescio, ottenendo automaticamente un tubolare a maglia rasata. Fissate una tracolla a piacere create altri 4 giri di filo intrecciando alternativamente le in questo modo: 2 colorate della base con un asolina grigia del filo nuovo Rifinite ogni giro facendo passare lo spezzone di filo nell ultima asola rimasta sull uncinetto; annodatelo con il margine di inizio giro. 7. Fate passare nell asolina grigia due colorate della base. 10. Create l arricciatura del cappellino lavorando tra loro le colorate dell ultimo giro aggiunto. IDEA MODA - POMPON Realizzate un pompon seguendo le istruzioni del cappellino (step 13) e utilizzatelo per la borsa come charms. 11. Prendete 3 sull uncinetto e lavoratele a maglia bassissima intrecciandole con le 3 successive Proseguite fino alla fine arricciando tutto il bordo interno del cappellino. Tagliate uno spezzone di filato contando 30 asoline grigie, aggiungendone 2 per lo scarto di taglio. Aiutandovi con un uncinetto, fate passare un pezzo di filo attraverso le asoline grigie, annodate stretto per creare un pompon. Fissate il pompon al centro del cappellino. 7 8

7 Tutti i nostri filati sono MADE IN ITALY Manifatura Sesia Srl Via Tosalli 67/ Fara Novarese (NO) - Italia Tel (4 linee) - Fax ISO 9001 Azienda con Sistema Qualità UNI EN ISO 9001 Certificato n IT240755

Guida per Guantoni da Baseball barnett

Guida per Guantoni da Baseball barnett Guida per Guantoni da Baseball barnett Rete Bridge Area triangolare Tasca Rinforzo mignolo Rinforzo polso Allacciatura Lanciatore destro = il lanciatore porta il guantone nella mano sinistra Lanciatore

Dettagli

089 44 56 326 info@okpubblicita.com

089 44 56 326 info@okpubblicita.com 089 44 56 326 info@okpubblicita.com T-Shirt Bianca Cotone TG. 6/8-XXL 1,55 (135 gr) 1,95 (155 gr) T-Shirt Colorata Cotone TG. 6/8-XXL 1,95 (150 gr) 2,65 (180 gr) T-shirt avvitata girocollo donna cotone

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

GUIDA UTENTE PIATTAFORMA B2B - RIVENDITORE AUTORIZZATO

GUIDA UTENTE PIATTAFORMA B2B - RIVENDITORE AUTORIZZATO GUIDA UTENTE PIATTAFORMA B2B - RIVENDITORE AUTORIZZATO SOMMARIO GUIDA UTENTE PIATTAFORMA B2B RIVENDITORE AUTORIZZATO... 1 SOMMARIO... 1 1. REQUISITI DI SISTEMA DELLA PIATTAFORMA B2B... 2 1.1 REQUISITI

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

N 2/2011 Giugno. ICQ ITALY www.icqglobal.com www.giocattolisicuri.com

N 2/2011 Giugno. ICQ ITALY www.icqglobal.com www.giocattolisicuri.com ICQ NEWS N 2/2011 Giugno TESSILE Versione Italiana Divisione TESSILE www.icqglobal-usa.com www.safetoys-usa.com www.icqglobal.com www.giocattolisicuri.com www.icqglobal.net www.safetoys.net IISG/ICQ dichiarano

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA DELL OPERATORE SU STRADA INDICE POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI PER L ESECUZIONE DELLE MANOVRE

Dettagli

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22 TUBI CARPENTERIA ELETTROSALDATI TUBI TONDI SALDATI DA NASTRO Diametro in pollici Diametro esterno Spessore Peso Kg/m DIMENSIONI SPESS. PESO DIMENSIONI SPESS. PESO Kg/m Kg/m /8 1,7 0,7 1 1 0, 8 1, 1, 1/

Dettagli

Omologazione Homologation Bestaetigt. PN 40 k 0,72 Diametro orifizio Opening diameter Innen durckmesser

Omologazione Homologation Bestaetigt. PN 40 k 0,72 Diametro orifizio Opening diameter Innen durckmesser B12 Omologazione Homologation Bestaetigt VERSIONE VERSION AUSFUHRUNG Ottone Brass Messing CE IV^ (ISPESL - TUV) PN 40 k 0,72 Diametro orifizio Opening diameter nen durckmesser 12 Sovrapressione Overpressure

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Tolleranze dimensionali

Tolleranze dimensionali ITIS OMAR Dipartimento di Meccanica Tolleranze T1 Generalità Tolleranze dimensionali Si definisce tolleranza (t) il massimo scarto dimensionale ammissibile di un pezzo e il suo valore è stabilito dalla

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

> Guanti. adatti ad ogni sfida. Guanti per l'edilizia PERSONAL PROTECTIVE GEAR

> Guanti. adatti ad ogni sfida. Guanti per l'edilizia PERSONAL PROTECTIVE GEAR > Guanti adatti ad ogni sfida PERSONAL PROTECTIVE GEAR Guanti per l'edilizia potrei indossare questi Guanti tutto il Giorno. sono Gli unici, fra quelli che ho provato, che si adattano alle mie mani e che

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREAA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILEC Tesi di laurea in COSTRUZIONE DI PONTI ANALISI PARAMETRICHE DI PONTI A STRUTTURA MISTA ACCIAIO

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo.

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. 2013/14 Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. Acode da diversi anni produce abbigliamento sportivo nel tipico design scandinavo. Il clima scandinavo puó

Dettagli

DIS-PACK: IDEE SU MISURA! Dis-pack. Catalogo Prodotti 2013. I Rotoli

DIS-PACK: IDEE SU MISURA! Dis-pack. Catalogo Prodotti 2013. I Rotoli DIS-PACK: IDEE SU MISURA! Dis-pack Catalogo Prodotti 2013 I Rotoli Pagina 2 I Rotoli I nostri rotoli, come tutti i nostri prodotti, sono studiati e creati appositamente per andare incontro alle numerose

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

Soluzioni per trasporto aereo di bottiglie in PET

Soluzioni per trasporto aereo di bottiglie in PET Soluzioni per trasporto aereo di bottiglie in PET Nuovo materiale ULF per un minor coefficiente di attrito e maggiore resistenza all usura Polietilene UHMWPE con peso molecolare 6 milioni e lubrificanti

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Malta cementizia autolivellante ad indurimento ultrarapido per realizzare

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

NUOVA LATODUE CHIUSURA LATERALE A SCATTO PER SCORREVOLI. Nuova versione con design arrotondato. Gamma completa. Fissaggio invisibile

NUOVA LATODUE CHIUSURA LATERALE A SCATTO PER SCORREVOLI. Nuova versione con design arrotondato. Gamma completa. Fissaggio invisibile NUOVA LATODUE CHIUSURA LATERALE A SCATTO PER SCORREVOLI Nuova versione con design arrotondato Gamma completa Fissaggio invisibile Ingombri ridotti e lavorazione standard I 04/04 DIN EN ISO 9001:00 Zertifikat:

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA AT SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA 1 SISTEMA AT. L ULTIMO ORIZZONTE DELLA SICUREZZA. La sicurezza di sentirsi a casa. La sicurezza di ritrovare i propri spazi lasciandosi

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

Davvero basta solo un po di COLLA?

Davvero basta solo un po di COLLA? Davvero basta solo un po di COLLA? Come montare un tubolare di Richard Cunningham Forse uno degli aspetti tecnici meno evidenziati in merito alle soluzioni adottate dai più forti bikers di Coppa del Mondo

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

SEZIONE 22 PAGINA 01

SEZIONE 22 PAGINA 01 TUBO ARIA COMPRESSA GOMMA 20 BAR 22 100 102 Tubo per aria compressa 8x17 22 100 104 Tubo per aria compressa 10x19 22 100 106 Tubo per aria compressa 13x23 22 100 110 Tubo per aria compressa 19x30 Tubo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO

MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO TROVA LA MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO ANELLI misure PANDORA Diametro Ø Controlla le tue impostazioni di stampa per essere sicuro che la misura in scala corrisponda esattamente a 50 millimetri. 48 50

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LAR-001 4 Interventi di manutenzione all armamento ferroviario

Dettagli

Cavi piatti di qualità per ascensori

Cavi piatti di qualità per ascensori Cavi piatti di qualità per ascensori Resistenti, affidabili e in linea con la normativa EUZ HAR EN 50214 Soluzioni di cavi ad alte prestazioni Testati per rispettare gli standard qualitativi Draka offre

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Sicurezza nei tessili per bambini

Sicurezza nei tessili per bambini NEGOZI SPECIALIZZATI PARTE 1 Know-How per gli specialisti addetti alla vendita Sicurezza nei tessili per bambini Protezione dai raggi UVA Chiusure sicure Controllo sulle sostanze tossiche Manutenzione

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva Sommario 1. Come faccio ad accedere alla formazione?... 2 2. Come è organizzata e quando viene considerata conclusa la formazione?... 3 3. C'è un punteggio finale?... 5 4. Sono a metà della formazione

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE

ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE IL SISTEMA ESIGENZIALE UNI 8289 ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE Il sistema esigenze-requisiti-prestazioniosservato all'interno del sistema edilizio può essere visto come particolare condizione di realizzabilità

Dettagli

MUNICAZIONI PREMESSA. disposizioni. Continuità. per tutta la. dettagli. Partecipazione. Cortesia. 1 di 2. .it

MUNICAZIONI PREMESSA. disposizioni. Continuità. per tutta la. dettagli. Partecipazione. Cortesia. 1 di 2. .it CARTA DEI SERVIZI NUVALIA PER I SERVIZI DI TELECOMT MUNICAZIONI PREMESSA La Carta dei Servizi di Nuvalia soc. coop. a r.l. (di seguito Nuvalia ) è conforme ai principi e alle disposizioni emanate dall

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli