Presentation title here. I m Fuse Subtitle here

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentation title here. I m Fuse Subtitle here"

Transcript

1 Presentation title here I m Fuse Subtitle here <Nome Pasquale relatore> Ida <Carica Responsabile aziendale> Tecnico Roma, Pontedera, 5 Novembre 27 Giugno

2 Cosa è Jboss Fuse E' una piattaforma leggera per l'integrazione E' un Service Container che permette la gestione del routing, la trasformazione e la validazione di messaggi Supporta differenti protocolli e formati di messaggi E' basato sugli EIP In breve è un Enterprise Service Bus 2

3 Perché integrare Perché gli utenti non devono preoccuparsi di dove risiedono le funzioni o le informazioni Perché possiamo non avere il controllo di tutti i sottosistemi (sia interni, sia con partner esterni) Perché è meno costoso che costruire nuove soluzioni da zero Perché gli utenti ormai vogliono accedere alle informazioni da diversi device (browsers, mobile phone,...) Perché consente di centralizzare i servizi generali Perché aiuta ad orchestrare e gestire il caos 3

4 Perché usiamo l ESB e Jboss Fuse Integrazione batch messaggi sincroni trasferimento file messaggi asincroni database condivisi Alcuni vantaggi unisce i sistemi legacy semplice da testare e manutenere modularità facilmente scalabile semplice da usare e flessibile utilizzo di connettori standard 4

5 RIDUCI La complessità e la quantità del codice Le 3 R RIORGANIZZA Distribuendo il codice per responsabilità: Trasformazioni, routing, servizi per componenti Separando la logica di business dalla messaggistica RIUSA Pianificando lo sviluppo per il riuso dei componenti Utilizzando componenti e soluzioni pre-build 5

6 Componenti di Red Hat Jboss Fuse 6

7 Componenti di Red Hat Jboss Fuse 7

8 Componenti di Red Hat Jboss Fuse 8

9 Componenti di Red Hat Jboss Fuse 9

10 Componenti di Red Hat Jboss Fuse 10

11 Enterprise Integration Pattern Storia degli EIP Enterprise Integration Patterns: Designing, Building, and Deploying Messaging Solutions - Gregor Hohpe, Bobby Woolf I pattern descritti si basano sull'esperienza diretta degli autori Fornisce un modello basato su sistemi di messaggistica Definisce un linguaggio grafico per i componenti di integrazione 11

12 Enterprise Integration Pattern Esempi di componenti EIP Message Endpoint: punto di ricezione o invio messaggi Message Translator: trasforma un messaggio da un formato all'altro Message Channel: canale su cui transita il messaggio Message Enricher: arricchisce il messaggio originale Content Based Router: instrada il messaggio a seconda del contenuto Recipient List: inoltra il messaggio in parallelo ad una lista di destinatari 12

13 Enterprise Integration Pattern Esempio di diagramma di integrazione Modulo che processa un CSV e, a seconda del valore di un determinato campo, inoltra le informazioni in un determinato file di log. 13

14 Apache Camel Apache Camel è un framework che consente di tradurre gli EIP in una forma eseguibile 14

15 Possibili modi di utilizzo di Camel Apache Camel Utilizzo di XML (Spring Context) Utilizzo di metodi Java 15

16 Apache Camel Struttura minimale di un modulo Apache Camel Progetto Maven Configurazione basata su Spring Codice java custom 16

17 Modulo Apache Camel Tool per la gestione dei progetti Java Consente la risoluzione automatica delle dipendenze ed il versionamento delle stesse Standardizza la struttura dei progetti Gestione del ciclo di vita degli oggetti (attraverso la inversion of control ) Utilizza file xml chiari e comprensibili per la configurazione, evitando la scrittura di codice 17

18 170+ Componenti Apache Camel 18

19 Apache Camel Struttura di un modulo Camel Spring Il modulo è definito all'interno di un file di Spring All'interno di un modulo Camel è presente un contesto che contiene differenti percorsi ( route ) per i messaggi All'interno del contesto sono visibili i Bean definiti nel file Spring 19

20 Architettura OSGi La OSGi Alliance è un'organizzazione formatasi nel 1999 e della quale fanno parte aziende Leader nell'it quali Red Hat, IBM, Oracle, NTT, Siemens, Adobe e molti altri. Lo scopo di questa organizzazione è di definire e mantenere uno standard per un sistema dinamico, orientato ai servizi e modulare per il linguaggio Java. 20

21 Architettura OSGi Cosa contraddistingue un modulo OSGi Un modulo OSGi (o bundle, come viene chiamato), è in tutto e per tutto identico ad un normale jar, tranne che per il file MANIFEST.MF, all'interno del quale vengono registrati i metadati necessari ad un runtime OSGi per gestire le dipendenze e le interfacce esposte. 21

22 Fuse Fabric Fuse Fabric rende possibile la gestione di deploy distribuiti da una postazione centrale. Fornisce: Provisioning e deploy semplice e centralizzato Profilazione facile, efficiente e sicura tramite il salvataggio e il versionamento dei profili Supporto per il deploy di Camel, CXF, ActiveMQ e qualsiasi applicazione java OSGI in ottica Cloud 22

23 Hawtio E' una console di management per Java Supporta ogni tipo di JVM Supporta ogni tipo di container (Tomcat, Jetty, Karaf, JBoss, Fuse Fabric, ecc.) Supporta ogni tipo di middleware 23

24 Fornisce una vista sul broker A-MQ Hawtio Consente di eseguire delle operazioni sul broker e sulle code Consente di esaminare i messaggi presenti all interno delle code La sezione Chart presenta l'andamento di varie metriche nel tempo E' possibile vedere il valore esatto in un determinato momento 24

25 Offre una vista sulle rotte Camel Hawtio Presenta la definizione della rotta camel, che può essere anche modificata Visualizza in forma grafica la rotta camel 25

26 Hawtio Presenta una serie di metriche sulla rotta, suddivise per ogni step della rotta Numero totale di messaggi processati Tempo in ms. Che ha impiegato a processare l'ultimo messaggio Differenza in +/- ms. Tra il penultimo e l'ultimo messaggio. Tempo medio impiegato per messaggio in ms. Tempo impiegato dal messaggio più veloce in ms. Tempo impiegato dal messaggio più lento in ms. 26

27 Hawtio La sezione Logs Visualizza il log in una forma molto leggibile Mostra la lista dei bundle presenti 27

28 28

29 29

30 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: Realizzazione di una POC Integrazione dei servizi per il Track and Trace tra Posteitaliane ed SDA Attività: Realizzazione di 4 UC: Attivazione di nuove code in modo dinamico Gestione di 14 milioni di messaggi in caso di down (testato con successo fino a 30 milioni) Fail-over Transazionalità Team di Progetto: 5 persone 30

31 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: ESTAV CENTRO Sistema di collaborazione applicativa all interno della Santità Toscana In Produzione da Febbraio 2012 Attività: Installazione in alta affidabilità Integrazione degli applicativi sanitari all'interno dell'area Vasta Toscana di centro Monitoraggio e assistenza H24 Team di Progetto: 4-7 persone di Extra 31

32 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: Data Transfer Service Il sistema raccoglie e trasferisce file tra i differenti fornitori di energia elettrica, con requisiti di alta affidabilità e vincoli stringenti sui tempi di delivery e sulla percentuale di fault Attività: Porting del core del sistema da una versione stand alone su JBoss Fuse Reingegnerizzazione e test di non regressione, di unità, di integrazione, ecc. Definizione architettura distribuita con Fabric Team di progetto: 6 persone 32

33 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: Word Line Sistema di pagamento biglietti treno Attività: Creazione di un ESB come interfaccia di accesso ai servizi core dell'applicazione Analisi dei requisiti, avviamento del progetto e sviluppo dei bundle Team di Progetto: 5 persone 33

34 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: Tru1 Integrato con diversi sistemi quali Salesforce, Cerillion, Provisiong System, Billing services, B2B, etc Attualmente in Produzione Attività: Migrazione "Tru1" verso il nuovo JBoss Fuse Progettazione e implementazione di nuovi servizi in base alle esigenze del cliente Team di Progetto: 6 persone 34

35 Principali esperienze su Jboss Fuse Progetto: Corsi di formazione del personale Team di Progetto: Tre figure: Trainer parte applicativa Trainer parte infrastruttura Trainer on the job 35

36 36

37 Caso d uso 37

38 Caso d uso Tour Operator 38

39 Obiettivi Un sistema innovativo di prenotazione vacanze per le agenzie di viaggio e per il web Consente di configurare il proprio pacchetto vacanza personalizzando le diverse tipologie di prodotto (autonoleggio, hotel, crociera, voli, etc..) Progettato per essere modulare e scalabile Ha lo scopo di aggregare e filtrare una mole significativa di dati provenienti da diversi fornitori Offre la possibilità di esporre servizi ad applicazioni terze Adatta i diversi processi di business dei fornitori di servizi sul proprio modello Consente di definire le politiche di pricing per singolo fornitore integrandosi con il sistema ERP 39

40 Perché FUSE La struttura modulare del sistema consente di aggiungere in modo semplice nuovi fornitori di servizio con un rischio di regressioni minimo Mediante i costrutti di Apache Camel per la gestione in parallelo delle richieste è possibile effettuare ricerche su fornitori multipli in maniera efficiente Supporto al debug semplice da utilizzare ed estremamente flessibile, anche grazie: L introduzione di Hawtio Alla gestione a caldo dei livelli di log Alla gestione del tracing delle route includendo nel log il contenuto degli headers, dei messaggi e i riferimenti ai nodi L EIP WIRETAP che consente in modo semplice il salvataggio dei messaggi che transitano in determinati punti di una route 40

41 Perché FUSE (2) Possibilità di gestire le route in modo transazionale Offre la possibilità di creare servizi centralizzati per le funzionalità comuni riducendo i tempi di sviluppo e favorendo la manutenibilità I bundle che utilizzano un determinato servizio all interno dell ESB attendono la sua disponibilità senza causare errori (ad esempio in caso di manutenzione) Il supporto nativo a XSLT e Xpath consente di gestire in modo rapido i messaggi XML 41

42 Caso d uso Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse 42

43 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 43

44 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 44

45 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 45

46 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 46

47 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 47

48 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 48

49 Un esempio: il sistema di ricerca tramite Jboss Fuse Dietro le quinte Caso d uso 49

50 Caso d uso Risultato finale 50

51 Un po di codice Storicizzazione Ricerca su DB BI 51

52 Un po di codice Storicizzazione Ricerca su DB BI Ricerca in parallelo 52

53 Un po di codice Split dei risultati di ricerca 53

54 Un po di codice Aggregazione risultati ricerca 54

55 Vantaggi Semplicità nelle integrazioni Supporto nativo XSLT Gestione messaggi SOAP estremamente semplificata Gestione della transazionalità Scalabilità Assenza di regressioni Pubblicazione di servizi Tempi rapidi di apprendimento della piattaforma per l inserimento di nuovi sviluppatori Impatto in termini di effort sullo sviluppo (ROI) -25% sui tempi di sviluppo -50% sui tempi di test di non regressione 55

56 56

57 Caso d uso 57

58 Contesto Realizzazione di un infrastruttura di interoperabilità tecnica all interno di ESTAV CENTRO e con le altre ESTAV Gli ESTAV sono Enti del Servizio Sanitario regionale, dotati di personalità giuridica pubblica e di autonomia amministrativa, organizzativa, contabile, gestionale e tecnica ESTAV CENTRO: AUSL 3 di Pistoia, AUSL 4 di Prato, ASL Firenze, AUSL 11 di Empoli, Azienda Ospedaliero- Universitarie Careggi e Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer ESTAV NORD OVEST: AUSL 1 Massa e Carrara,AUSL 2 Lucca, AUSL 5 Pisa, AUSL 6 Livorno, AUSL 12 Versilia, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa ESTAV SUD EST: AUSL 7 Siena, AUSL 8 Arezzo, AUSL 9 Grosseto, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Siena 58

59 Obiettivi Una infrastruttura per rendere interoperanti gli applicativi presenti negli enti ASL, AO e ESTAV di Regione Toscana Gestione dell instradamento degli eventi sanitari tra gli applicativi interni, tra le Aziende Sanitarie Locali, tra gli ESTAV, in una rete di proxy applicativi Gestione del monitoraggio degli eventi sanitari, attraverso il salvataggio dei dati all interno di una base dati Gestione della validazione dell evento sanitario (RFC 98) Gestione del broadcast degli eventi sanitari (RFC 98) Gestione del retry dei messaggi in caso di non raggiungibilità degli ESB che gestiscono gli eventi sanitari (proxy98) 59

60 Obiettivi Realizzazione di un infrastruttura di interoperabilità tecnica all interno di ESTAV CENTRO e con le altre ESTAV 60

61 Perché Jboss Fuse E ideale per un utilizzo in area vasta in ottica di architettura cloud (Fabric) RedHat JBoss Fuse è senza dubbio lo strumento più affidabile, scalabile e facilmente utilizzabile presente sul mercato La qualità del monitoraggio offerto consente di fornire informazioni che vanno al di là dello stato del singolo ESB (proxy98), offrendo una visione più ampia dello stato dell intero parco applicativo oggetto di integrazione Integration Point: metodologia del calcolo della complessità dello sviluppo di integrazioni semplice e costituisce un modo formale e condiviso per il calcolo dei costi 61

62 Caso d uso 62

63 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV proxy98 proxy98 proxy98 CUP CC CC 63

64 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV 1 Inoltra Busta Sanitaria contenente Analisi CUP Busta Sanitaria proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing 64

65 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP Busta Sanitaria proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing 2 Riceve Busta sanitaria e inoltrare Evento Accettazione/Non Accettazione 65

66 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP Busta Sanitaria CC Busta Sanitaria proxy98 3 Inoltra Busta Sanitaria al destinatario principale Tabella Indirizzi Tabella Routing 66

67 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV 4 Riceve Busta Sanitaria e inoltra Evento Accettazione/Non Accettazione CUP Busta Sanitaria CC Busta Sanitaria proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing 67

68 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP Busta Sanitaria CC Busta Sanitaria proxy98 proxy98 Busta sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing 5 Inoltra Busta Sanitaria al sottoscrittore Tabella Indirizzi Tabella Routing 68

69 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV 6 Riceve Busta Sanitaria e inoltra Evento Accettazione/Non Accettazione CUP Busta Sanitaria CC Busta Sanitaria proxy98 proxy98 Busta Sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing Tabella Indirizzi Tabella Routing 69

70 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV 7 Inoltra Busta Sanitaria al proxy98 Asl 11 Empoli CUP CC proxy98 Busta Sanitaria Busta Sanitaria Busta Sanitaria proxy98 Busta Sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing Tabella Indirizzi Tabella Routing 70

71 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP Busta Sanitaria CC Busta Sanitaria proxy98 Busta Sanitaria 8 Riceve Busta Sanitaria e inoltrare Evento Accettazione/Non Accettazione proxy98 Busta Sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing Tabella Indirizzi Tabella Routing 71

72 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP CC proxy98 CC Busta Sanitaria Busta Sanitaria Busta Sanitaria Busta Sanitaria proxy98 Busta Sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing proxy98 9 Inoltra Busta Sanitaria al sottoscrittore Tabella Indirizzi Tabella Routing Tabella Indirizzi Tabella Routing 72

73 Caso d uso Un esempio: Comunicazione asincrona tra applicativi appartenenti a domini locali diversi, all interno di uno stesso ESTAV CUP CC proxy98 10 Riceve Busta Sanitaria e inoltra Evento Accettazione/Non Accettazione CC Busta Sanitaria Busta Sanitaria Busta Sanitaria Busta Sanitaria proxy98 Busta Sanitaria Tabella Indirizzi Tabella Routing proxy98 Tabella Indirizzi Tabella Routing Tabella Indirizzi Tabella Routing 73

74 Calcolo IP 74

75 Calcolo IP Funzioni 9 IP 75

76 Calcolo IP Funzioni Connettori 9 IP 2 verso il DB 1 verso il WS 76

77 Calcolo IP Funzioni Connettori Messaggi 9 IP 2 verso il DB 3 messaggi 1 verso il WS 77

78 Vantaggi riscontrati Semplicità nelle integrazioni Supporto nativo modello publish/subscribe Gestione nativa HL7, supporto nativo XSLT e eliminazione di connettori custom Gestione messaggi SOAP estremamente semplificata Gestione della transazionalità Realizzazione di proxy trasparenti Sistema di monitoraggio avanzato Approccio trasparente per il costo delle integrazioni (Integration Point) 78

79 Vantaggi riscontrati Semplicità nelle integrazioni Supporto nativo modello publish/subscribe Gestione nativa HL7, supporto nativo XSLT e eliminazione di connettori custom Gestione messaggi SOAP estremamente semplificata Gestione della transazionalità Realizzazione di proxy trasparenti Sistema di monitoraggio avanzato Approccio trasparente per il costo delle integrazioni (Integration Point) Vantaggi riscontrati dal cliente Costo ridotto delle interfacce con gli applicativi (che hanno mantenuto le loro interfacce native) Facilità di implementazione di orchestrazioni anche complesse Efficacia e tempestività del monitoraggio proattivo degli errori Modularità delle soluzioni 79

80 80

81 Presentation title here Grazie! Subtitle here <Nome Pasquale relatore> Ida <Carica aziendale> Pontedera, 27 Giugno 2014 Roma, 5 Novembre 2013

Fare sistema in Sanità è oggi un imperativo: il CAST. Giancarlo Galardi Coordinamento Innovazione in Sanità, Regione Toscana. Roma, 6 novembre 2014

Fare sistema in Sanità è oggi un imperativo: il CAST. Giancarlo Galardi Coordinamento Innovazione in Sanità, Regione Toscana. Roma, 6 novembre 2014 Fare sistema in Sanità è oggi un imperativo: il CAST. Giancarlo Galardi Coordinamento Innovazione in Sanità, Regione Toscana. Roma, 6 novembre 2014 Coordinamento Innovazione in Sanità: «Il valore di lavorare

Dettagli

Framework Rich Client Application

Framework Rich Client Application Framework Rich Client Application RELATORE: Paolo Giardiello Savona, 30 settembre 2010 Agenda La Sogei Le applicazioni client Sogei Le caratteristiche Le soluzioni possibili Java Web Start Eclipse La scelta:

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo 20, via Cortesa, 38091, Valdaone, Trento, Italia. Telefono 3472443934 E-mail alberto.bugna@gmail.com Cittadinanza Italiana Data

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO

SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO DIS-DYNAMICS INSURANCE SYSTEM DIS-DYNAMICS INSURANCE SYSTEM è una soluzione completa per le Compagnie ed i Gruppi assicurativi italiani ed internazionali. Grazie alla gestione

Dettagli

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Luca Cabibbo Architetture Software Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Dispensa ASW 430 ottobre 2014 Una specifica d interfaccia di buona qualità deve essere semplice, non ambigua,

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Soluzioni Infrastrutturali Open Source per il Sistema Pubblico di Cooperazione Applicativa

Soluzioni Infrastrutturali Open Source per il Sistema Pubblico di Cooperazione Applicativa Soluzioni Infrastrutturali Open Source per il Sistema Pubblico di Cooperazione Applicativa Giansalvatore Mecca Alessandro Pappalardo Salvatore Raunich Il Gruppo di Sviluppo ICAR 1 Dipartimento di Matematica

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi Autori: Dott.ssa Domenica Nardelli (P.O.C. Area Applicativa Ufficio SIR) Data di creazione: 03 Ottobre 2005 Ultimo aggiornamento: 03 Ottobre

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PROFILE 2015 GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PA GROUP> Leader nel settore IT. Dal 1998 fornisce prodotti e soluzioni best in class nei diversi settori di competenza: Finanza, Industria, PA,

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

Sistemi Informativi Architetture. BPM Monitoring. Architettura di progetto 27 febbraio 2012 filippo magnani

Sistemi Informativi Architetture. BPM Monitoring. Architettura di progetto 27 febbraio 2012 filippo magnani Sistemi Informativi Architetture BPM Monitoring Architettura di progetto 27 febbraio 2012 filippo magnani Versione documento Versione Data Sommario modifiche 1.0 10/02/2012 Stesura Documento Accettazione

Dettagli

Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in distributed systems Anno Accademico 2009-2010

Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in distributed systems Anno Accademico 2009-2010 tesi di laurea Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in Anno Accademico 2009-2010 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Ch.mo prof. Marcello Cinque correlatore Ch.mo Ing. Antonio

Dettagli

Pieces of Technology at your service VIRTUALIZE

Pieces of Technology at your service VIRTUALIZE Pieces of Technology at your service VIRTUALIZE DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Il nostro mondo interconnesso dipende oramai dal software che sta diventando sempre più complesso da sviluppare

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

LSF. lab solution LOG SYSTEM FRAMEWORK. Pagina 1 di 14

LSF. lab solution LOG SYSTEM FRAMEWORK. Pagina 1 di 14 LOG SYSTEM FRAMEWORK Pagina 1 di 14 Introduzione Il logging è una componente importante del ciclo di sviluppo del codice. Log System Framework fornisce precise informazioni circa il contesto di esecuzione

Dettagli

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Incontro fornitori terze parti Potenza, 30 giugno 2011 Consorzio Integra e Centro Servizi Basilicata Regione Basilicata

Dettagli

ACG Vision4 Service Bus V 1.3.0

ACG Vision4 Service Bus V 1.3.0 ACG Offering Team 16 settembre 2010 ACG Vision4 Service Bus V 1.3.0 ACGV4SVB 06 L evoluzione ACG: linee guida Punti fondamentali Strategia di evoluzione del prodotto ACG con particolare attenzione alla

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Sistemi di BPM su Cloud per la flessibilità delle PMI

Sistemi di BPM su Cloud per la flessibilità delle PMI Sistemi di BPM su Cloud per la flessibilità delle PMI Marco Brambilla, WebRatio e Politecnico di Milano ComoNEXT Lomazzo, 14 Novembre 2012 Dall esigenza Flessibilità del business Risposta immediata ai

Dettagli

E O System Italia THE INTEGRATION EXPERTS. Un Team di esperti in integrazione aziendale al servizio dell impresa. www.e-integra.it

E O System Italia THE INTEGRATION EXPERTS. Un Team di esperti in integrazione aziendale al servizio dell impresa. www.e-integra.it THE INTEGRATION EXPERTS X E O System Italia Un Team di esperti in integrazione aziendale al servizio dell impresa Ing. Marco Orlandi senior consultant marco.orlandi@exosystem.it EXO O system Italia Background

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema informativo dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi

Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema informativo dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi 1/12 Libera il tuo computer con il software libero Linux day a Firenze 23 ottobre 2010 coordina Paolo Campigli - Consiglio Q4 - Firenze Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Living IT Architectures Open Source per la realizzazione del modello XaaS www.spagoworld.org/openevents Engineering Engineering Group: Group: nuovo nuovo approccio approccio per per progetti progetti di

Dettagli

Amministrazione Patrimonio Fondi

Amministrazione Patrimonio Fondi Amministrazione Patrimonio Fondi Un esperienza progettuale italiana in ottica europea Funds management back office. An Italian approach in the European context Salvatore Casolaro, Responsabile Sistemi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012. Monitoring e Billing in OCP

Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012. Monitoring e Billing in OCP Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Monitoring e Billing in OCP Monitoring - introduzione Introduzione: Il tema del monitoraggio è di fondamentale

Dettagli

E n g i n e e r i n g S o l u t i o n s C e n t r o d i E c c e l l e n z a e C o m p e t e n z a J A V A

E n g i n e e r i n g S o l u t i o n s C e n t r o d i E c c e l l e n z a e C o m p e t e n z a J A V A E n g i n e e r i n g S o l u t i o n s C e n t r o d i E c c e l l e n z a e C o m p e t e n z a J A V A Chi siamo CASTGroup nasce nel 1988 e si occupa sin dall inizio di sviluppo software. Nel corso

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

REGIONE TOSCANA GERTIC. Documentazione di progetto. Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574.

REGIONE TOSCANA GERTIC. Documentazione di progetto. Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574. REGIONE TOSCANA GERTIC Documentazione di progetto Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574.551195 www.netstudio.it INFORMAZIONI DOCUMENTO PROGETTO GeRTIC Gestione

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2014 Link.it srl iii Indice 1 Novità di OpenSPCoop-v2 rispetto ad OpenSPCoop 1 1.1 Protocollo di Cooperazione personalizzabile tramite plugin.............................

Dettagli

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l.

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. 2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011 Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. Il progetto 2G è il nome della piattaforma che consentirà l evoluzione tecnologica

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Applicazione: Ente Web Sign Università di Pisa (EWS- Unipi) Sistema per la gestione dell Ordinativo Informatico

Applicazione: Ente Web Sign Università di Pisa (EWS- Unipi) Sistema per la gestione dell Ordinativo Informatico Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: Ente Web Sign Università di Pisa (EWS- Unipi) Sistema per la gestione dell Ordinativo Informatico Amministrazione:

Dettagli

Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e

Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e logistica: esperienze a confronto L esperienza della Regione Toscana F. Rossi Verona,

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

Il Progetto SITR. L architettura applicativa

Il Progetto SITR. L architettura applicativa Il Progetto SITR Il progetto prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale e di una Infrastruttura dei Dati Territoriali unica, scalabile e federata (SITR IDT) costituiti da risorse tecnologiche

Dettagli

Coordinatore GdL Siti Web per ESTAR. Docente corsi di programmazione componenti JoomlaHost.it e Joomla.it

Coordinatore GdL Siti Web per ESTAR. Docente corsi di programmazione componenti JoomlaHost.it e Joomla.it Coordinatore GdL Siti Web per ESTAR Docente corsi di programmazione componenti JoomlaHost.it e Joomla.it mail: info@davidfrassi.it sito: http://www.davidfrassi.it twitter: https://twitter.com/davidfrassi

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 UFFICIO S. I. R. S. Standard Tecnologici ver. 2.1 ultimo agg.: 06/06/2012 CONTROLLO DEL DOCUMENTO Data APPROVAZIONI Autore Redatto da: 27/05/2012 Dott.

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO PER LA GESTIONE

Dettagli

BLU CRM Srl - Via Piave, 26 20016 Pero (MI) Blu.Energy Suite Sistema Distribuzione Gas

BLU CRM Srl - Via Piave, 26 20016 Pero (MI) Blu.Energy Suite Sistema Distribuzione Gas Blu.Energy Suite Sistema Distribuzione Gas Suite distribuzione Gas Sistema informativo per la gestione di attività inerenti alla gestione del servizio di distribuzione del Gas Letture Contatori Contratti

Dettagli

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA REGI ONE BASI UFFICIO S. I. LICA R. S. TA Standard Tecnologici Pagina i di 11 Controllo del documento Identificazione documento Titolo Tipo Identificatore Nome file

Dettagli

Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard. Setup Srl Information Technologies

Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard. Setup Srl Information Technologies Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard Setup Srl Information Technologies 1 Introduzione INTRODUZIONE In seguito a diverse richieste, Setup ha deciso di sviluppare un modulo denominato

Dettagli

comunicazione a tutto campo

comunicazione a tutto campo comunicazione a tutto campo Software GESTIONALE PBX Asterisk Introduzione Rubrica Telefonica Condivisa Il crescente bisogno di velocità e snellezza in tutte le operazioni aziendali, compreso l'ambito della

Dettagli

ALLEGATO 1.1 PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 1.1 PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI BASATI SU TECNOLOGIE JAVA E PHP CIG. 56017538CE

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

C.Box: gestione dei processi documentali

C.Box: gestione dei processi documentali C.Box: gestione dei processi documentali Descrizione C.Box è la soluzione Delta per la gestione dei processi documentali che copre tutte le fasi del processo di gestione dei documenti: dalla smaterializzazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1 Gestione documentale Con ARXivar è possibile gestire tutta la documentazione e le informazioni aziendali, i documenti e le note, i log, gli allegati, le associazioni, i fascicoli, i promemoria, i protocolli,

Dettagli

La SOA e i servizi Web: il paradosso delle prestazioni

La SOA e i servizi Web: il paradosso delle prestazioni LIBRO BIANCO La SOA e i servizi Web: il paradosso delle prestazioni CA, division Wily Technology www.wilytech.com info@wilytech.com 2006 CA. Tutti i diritti riservati. All trademarks, trade names, service

Dettagli

Confronto con Offnet Febbraio 2013. Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati.

Confronto con Offnet Febbraio 2013. Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati. Confronto con Offnet Febbraio 2013 Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati. Siav garantisce che alla data di pubblicazione le informazioni contenute in questo documento sono corrette ed accurate.

Dettagli

Ph@ses 3003. Sistema informativo di fabbrica 1/12

Ph@ses 3003. Sistema informativo di fabbrica 1/12 Ph@ses 3003 Sistema informativo di fabbrica 1/12 1 Indice 1 Indice...2 2 Introduzione...3 3 Il prodotto: Ph@ses 3003...3 4 Tecnologia...3 5 Schema logico generale di produzione...4 5.1 Layuot logico di

Dettagli

MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007

MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007 MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007 SOA e MES Un white paper - 2006-2007 Santin e Associati http://www.santineassociati.com 2 MES E SOA SOA (Services Oriented Architecture)

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI A. Modalità di erogazione del servizio 1. Oggetto Gli ordinativi informatici dovranno essere sottoscritti con Firma Digitale dai

Dettagli

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools )

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) SCOPO : Ambiente per lo sviluppo di applicazioni WEB multimediali basate su Data Base Relazionale e strutturate secondo il modello a tre livelli: Presentazione

Dettagli

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica

OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica OpenPEC: La soluzione open source per la Posta Elettronica Descrizione della soluzione Autore EXEntrica srl Versione 1.3 Data 27. Jun. 2007 Pagina 1 di 11 Glossario Open Source MTA LDAP SMTP SMTP/S POP

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES Aggiornare e semplificare le modalità di integrazione tra le diverse piattaforme

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

Organizzazione del 118 Toscana

Organizzazione del 118 Toscana Organizzazione del 118 Toscana Sistema 118 in Toscana Sistema complesso ed integrato d.p.r. 27 marzo 1992 la creazione di un sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria strutturato: Fase di Allarme e prima

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI (Allegato 5.3)

PROFILI PROFESSIONALI (Allegato 5.3) PROCEDURA DI SELEZIONE PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE CORRENTE, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL PORTALE E DELLA INTRANET DELLA CCIAA DI MILANO E DEL PORTALE DI INNOVHUB SSI_CIG 6519618EF5 PROFILI PROFESSIONALI

Dettagli

BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti

BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti Il vantaggio competitivo derivante da una scelta tecnologicamente avanzata Tecnologia e Servizi gestiti Sommario ü Obiettivi del documento ü Caratteristiche tecniche

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS Soluzioni e consulenza per la comunità finanziaria. vwd group Italia

TECHNOLOGY SOLUTIONS Soluzioni e consulenza per la comunità finanziaria. vwd group Italia TECHNOLOGY SOLUTIONS Soluzioni e consulenza per la comunità finanziaria vwd group Italia Soluzioni tecnologiche Clienti Services & consulting Feed Handler Trading Applications FINANCE INNOVATION 2 Lavorare

Dettagli

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche Franco Lenzi Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche 7 e 8 maggio 2010, Venezia, Hotel Hilton Molino Stucky 1 La strategia tecnologica Gli obiettivi espressi dalle scelta di strategia e

Dettagli