RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO"

Transcript

1 Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione estiva che er quella invernale di edifici residenziali e del settore terziario situati in climi differenti. Piergiorgio Cesaratto, Michele De Carli Reort RdS/2010/

2 STUDIO COMPARATIVO TRA FABBISOGNI ENERGETICI NETTI, LATO EDIFICIO, SIA PER LA CLIMATIZZAZIONE ESTIVA CHE PER QUELLA INVERNALE DI EDIFICI RESIDENZIALI E DEL SETTORE TERZIARIO SITUATI IN CLIMI DIFFERENTI rof. ing. Piergiorgio Cesaratto, Michele De Carli Settembre 2010 Reort Ricerca di Sistema Elettrico Accordo di Programma Ministero dello Sviluo Economico - ENEA Area: Usi finali Tema: Determinazione dei fabbisogni e dei consumi energetici dei sistemi edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro razionalizzazione. Interazione condizionamento e illuminazione Resonsabile Tema: Gaetano Fasano- ENEA

3 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 4 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro SOMMARIO 1 Introduzione Descrizione del software e aroccio alle simulazioni Il software TRNSYS Dati climatici Il Caso di un edificio del settore terziario Descrizione dell edificio tio Descrizione del rocedimento Risultati nel caso di edifici del settore terziario l Il caso di un edificio del settore residenziale Descrizione dell edificio tio Descrizione del rocedimento Risultati nel caso di edifici residenziali Conclusioni Bibliografia... 34

4 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 5 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro 1 INTRODUZIONE In Italia l aumento dei consumi energetici negli ultimi anni ha riguardato sorattutto il settore residenziale e terziario, sia er quanto riguarda i consumi di gas er il riscaldamento che er quanto concerne i consumi elettrici er la climatizzazione estiva come si vede in Fig. 1.1; a tal fine ertanto occorre revedere strategie er ridurre tali consumi. 50 Consumi Energia [Mte Industria Trasorti Terziario e Residenziale Anno Fig. 1.1: consumo di energia er settori di uso finale (da Enea, Raorto Energia e Ambiente ) Nel resente lavoro si è mirato ad uno studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione estiva che er quella invernale di edifici residenziali e del settore terziario situati in climi differenti. Per ciascuna tiologia edilizia si è considerato un edificio tio, con ottime caratteristiche di isolamento termico degli elementi d involucro. L analisi è stata eseguita con il codice di calcolo dinamico TRNSYS 15, attraverso simulazioni orarie: in tal modo sono stati resi in considerazione tutti i rinciali elementi che concorrono alla definizione del fabbisogno energetico netto dell'edificio. In articolare, si sono variate le caratteristiche legate alla gestione degli imianti di climatizzazione:

5 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 6 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro er quanto riguarda la ventilazione sono stati considerati indici di ricambi orari differenti (costanti e variabili, secondo rofili diversi); inoltre è stata considerata l eventuale resenza del recueratore di calore; er quanto concerne il raggiungimento e mantenimento di temerature di set-oint all interno degli ambienti attraverso i terminali d imianto, sono stati imosti due diversi rofili di temeratura (set-oint fisso e set-oint variabile). Gli aorti dovuti alla resenza di carichi interni (ovvero occuanti aarecchiature ed illuminazione) sono stati assunti secondo quanto revisto da normativa italiana [1 ed adattando lo studio alle differenti utenze. Gli edifici sono stati collocati all interno di tre climi differenti, Milano, Roma e Palermo, a arità di orientazione, ma variando le caratteristiche di isolamento dell edificio stesso (in conformità a quanto revisto dal quadro legislativo italiano [2-5) attraverso l imlementazione dei file climatici del codice Energy Plus [9. Ciò ha reso ossibile il confronto tra condizioni al contorno, secialmente er quanto riguarda la radiazione solare, molto differenti e gradualmente iù gravose er la climatizzazione estiva. In tal modo si sono ricavati i fabbisogni netti dell'edificio er ciascuna tiologia edilizia e di gestione degli imianti di climatizzazione, distinguendo er la climatizzazione invernale, tra fabbisogno di riscaldamento e raffrescamento laddove necessario, e er quella estiva tra fabbisogno di calore sensibile e latente. Nomenclatura Q Risc fabbisogno di energia netta dell'edificio er riscaldamento [kwh/m 2 Q Raffr fabbisogno di energia netta dell'edificio er raffrescamento [kwh/m 2 Q Sens fabbisogno di energia netta dell'edificio er raffrescamento quota arte di calore sensibile [kwh/m 2 Q Lat fabbisogno di energia netta dell'edificio er raffrescamento quota arte di calore latente [kwh/m 2 Q h,w fabbisogno di energia termica utile er acqua calda sanitaria [kwh/m 2 W illuminazione fabbisogno di energia elettrica er illuminazione [kwh/m 2 W aarecchiature fabbisogno di energia elettrica er aarecchiature [kwh/m 2 MAD tiologia di utente oculato simulazioni di edificio nel settore terziario PM tiologia di utente non oculato simulazioni di edificio nel settore terziario

6 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 7 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro 2 DESCRIZIONE DEL SOFTWARE E APPROCCIO ALLE SIMULAZIONI 2.1. IL SOFTWARE TRNSYS 15 TRNSYS-15 [7 è una iattaforma comleta e flessibile er la simulazione dinamica di vari sistemi, inclusi edifici multizona; è usato er verificare la validità teorica di nuove concezioni energetiche, da semlici sistemi domestici er la roduzione di acqua calda sanitaria al rogetto e alla simulazione di edifici e dei loro imianti, comrese le strategie di regolazione, il benessere degli abitanti, oltre a diversi sistemi ad energie alternative (eolica, solare, fotovoltaica, sistemi ad idrogeno), ecc. Tale software ha una struttura modulare ed un codice di rogrammazione oen source, ovvero, disonibile agli utenti che ossono modificare i modelli esistenti o crearne di nuovi in base alle rorie esigenze mediante i iù comuni linguaggi di rogrammazione (C, C++, PASCAL, FORTRAN, ecc.). Il software utilizzato è comosto da una suite di rogrammi integrati tra loro: - l interfaccia grafica che ermette di connettere i diversi sistemi (IISIbat); - il motore di simulazione TRNDll.dll e il suo eseguibile (TRNExe.exe); - l interfaccia grafica che ermette di inserire i dati di inut dell edificio (Prebid.exe); - l Editor usato er creare rogrammi e subroutine (TRNEdit.exe). La modellizzazione dell involucro edilizio è stata realizzata con l utilizzo di PREBID, un rogramma che guida l utente alla creazione del modello attraverso una sequenza di semlici oerazioni e definizioni di dati. Il rimo asso di ogni rogetto è la definizione di un certo numero di suerfici associate all edificio e definite in base all orientazione saziale risetto agli assi cardinali e all inclinazione risetto ad un iano orizzontale di riferimento. Il secondo asso è stata la definizione delle zone termiche dell edificio, come riortato in Fig Per ogni zona termica si sono imostati il volume, i valori iniziali di temeratura e umidità relativa e i dati necessari a valutare le variabili del sistema, quali arametri del sistema di riscaldamento, carichi interni, aorti di umidità, arametri degli imianti di ventilazione e raffrescamento. I arametri di rogetto dell imianto sono stati forniti in diversi modi; mediante un valore costante di

7 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 8 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro set-oint o mediante una schedule rogrammabile giornalmente er valori orari o settimanalmente er valori giornalieri, infine mediante file di inut esterni in formato testo. Una volta definite le zone termiche si sono descritte le strutture murarie che le delimitano e i comonenti finestrati in essi resenti, definendo le rorietà di ciascuno strato comonente l elemento di involucro. Si è roceduto, in tal modo, a costruire tutte la areti esterne ed interne dell edificio, i solai e la falda del tetto. Ogni suerficie è stata oi allocata nello sazio dell edificio, distinguendo tra arete esterna, ovvero di searazione tra la zona termica e l ambiente esterno, adiacente, cioè di searazione tra zone termiche differenti dell edificio stesso ed infine, boundary, ovvero a contatto con un ambiente le cui caratteristiche sono imostate dall utente (come accade, ad esemio, nel caso di iano interrato, le cui areti erimetrali confinano con il terreno a rofilo di temeratura variabile). Per quanto riguarda i comonenti finestrati si sono definiti la suerficie dell elemento trasarente e quella del telaio, le caratteristiche di trasmittanza termica e il fattore solare. Comletata la creazione del modello dell involucro edilizio si sono introdotte le condizioni er avviare la simulazione, ovvero: - condizioni iniziali di temeratura e umidità relativa della zona - condizioni al contorno di: o temerature e umidità relative delle zone termiche adiacenti; o temeratura e umidità relativa dell ambiente esterno; o aorto di calore dovuto alla radiazione solare incidente sulle suerfici esterne. - arametri di rogetto e d imianto che influenzano le condizioni termo igrometriche della zona: o sistema di riscaldamento in condizioni invernali; o sistema di raffrescamento in condizioni estive; o carichi interni di calore sensibile e latente dovuti alla resenza di ersone o all utilizzo di elettrodomestici/macchinari; o tasso di ricambio orario n er la ventilazione.

8 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 9 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Fig. 2.1: schermata rinciale di PREBID, finestre di rogetto, zone termiche e iano terra 2.2 Dati climatici I dati climatici sono stati reeriti tramite il software di analisi energetica EnergyPlus [9: essi contengono una comleta definizione delle condizioni ambientali er la località considerata. Tra i dati riortati vi sono la temeratura dell aria a bulbo secco e a bulbo bagnato, l umidità relativa, la radiazione solare sull orizzontale diretta, diffusa e globale. I climi considerati sono quelli di Milano, zona climatica E (2404 GG), Roma, zona D (1415 GG), e Palermo, zona B (751 GG) risettivamente.

9 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 10 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Fig. 2.2: maa climatica dell Italia; in evidenza le tre località Milano, Roma e Palermo 3 IL CASO DI UN EDIFICIO DEL SETTORE TERZIARIO 3.1 Descrizione dell edificio tio L edificio tio considerato è sviluato su tre iani e resenta er ogni iano dieci unità-ufficio, ciascuna ideata er quattro occuanti, due vani scale, due bagni e un corridoio. Tutti i vani sono

10 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 11 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro stati considerati riscaldati, le suerfici finestrate sono equamente riartite sui lati esosti ad Est ed Ovest. Le caratteristiche dell edificio sono riassunte in Tab Tab. 3.1: Caratteristiche dell edificio simulato Suerficie Riscaldata Totale Lorda [m Suerficie Riscaldata Totale Netta [m Volume Totale Lordo [m Volume Totale Netto [m Suerficie Uffici Totale Lorda [m Suerficie Uffici Totale Netta [m Suerficie Servizi/Scale Totale Lorda [m Suerficie Servizi/Scale Totale Netta [m Suerficie Corridoio Totale Lorda [m Suerficie Corridoio Totale Netta [m 2 91 Suerficie Finestrata Totale [m Suerficie del Telaio [m 2 24 Raorto Suerficie Finestrata Totale/Suerficie Netta Riscaldata 1/6 In Fig. 3.1 sono riortate le iante del iano-tio e dell unità ufficio tio.

11 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 12 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro (A) (B) Fig. 3.1: ianta del iano tio (quote in cm) (A), e modello dell unità ufficio-tio (non quotato) (B) Per le analisi sono state utilizzate strutture ad elevate restazioni di isolamento termico, con valori di trasmittanza termica inferiori allo standard edilizio italiano imosti dai recenti decreti [2-5. Al variare della zona climatica, dalla E alla B, si sono variate le strutture, mediante riduzione

12 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 13 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro rogressiva dello sessore di isolante, utilizzando anche elementi finestrati con differenti restazioni energetiche. Tali strutture sono riassunte nelle Tab. da 3.2 a 3.7. Tab. 3.2: Strutture oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Milano Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Laterizio Porizzato Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante CLS Allegg interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante Intonaco Divisorio interno [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Intonaco Laterizio

13 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 14 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro orizzato forato Intonaco Tab. 3.3: Strutture trasarenti utilizzate er l edificio tio nel clima di Milano U [W m -2 K -1 g Suerficie vetrata (vetro telaio) Tab. 3.4: Strutture oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Roma Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Laterizio orizzato Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante CLS Allegg interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante Divisorio interno

14 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 15 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro λ [W m -1 K -1 ρ [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Intonaco Laterizio orizzato forato Intonaco Tab. 3.5: Strutture trasarenti utilizzate er l edificio tio nel clima di Roma U [W m -2 K -1 g Suerficie vetrata (vetro telaio) Tab. 3.6: Strutture oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Palermo Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Laterizio orizzato Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante CLS Allegg interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante c

15 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 16 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Divisorio interno [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Intonaco Laterizio orizzato forato Intonaco Tab. 3.7: Strutture trasarenti utilizzate er l edificio tio nel clima di Palermo Suerficie vetrata (vetro + telaio) U [W m -2 K -1 g Descrizione del rocedimento Sono state ricreate tre diverse situazioni di occuazione degli edifici, denominate A, B e C. Esse differiscono tra loro er i diversi rofili di temerature di set-oint e umidità relative (RH) imoste, la gestione della ventilazione (con e senza recuero di calore), i rofili di carichi interni legati alla resenza di occuanti, carichi di illuminazione, aarecchiature quali PC. Per generare tali rofili si è utilizzato il software DAYSIM [8, mediante il quale si sono ottenuti gli andamenti di resenza di occuanti e accensione delle aarecchiature all interno dell ambiente. In articolare si è distinto tra due differenti tiologie di occuanti: un utente iù oculato, denominato MAD, il quale gestisce sia la regolazione della veneziana che i carichi di illuminazione in funzione della resenza di radiazione solare o meno, ed un utente meno attento, denominato PM, che non utilizza la veneziana (semre lasciata a schermare la radiazione solare) e non regola i carichi di illuminazione a seconda della resenza o meno di radiazione solare incidente. Nel caso di imostazione di temeratura di set-oint costante si è seguito l aroccio della UNI/TS [1 er valutazioni di rogetto o standard. Le soluzioni imlementate sono riortate in Tab Tab. 3.8: condizioni di temeratura, umidità relativa, carichi interni e ventilazione er il caso A Profilo di temerature di setoint 21 C da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00 invernali 18 C da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e nel week-end Profilo di temerature di set- 25 C, RH=50% da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00

16 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 17 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro oint e umidità relativa estive 30 C, RH=80% da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e week end Carichi interni 30 unità uffici da 4 occuanti ciascuno, equivalenti alla resenza di 120 ersone di icco. Il rofilo di occuazione è generato dal software DAYSIM, ad ogni ersona corrisondono 75 W di carico sensibile e 75 W di carico latente (secondo ISO 7730, light work ); a ciascuna ersona è associato un PC corrisondente ad un carico di 140 W. Il carico di illuminazione è generato dal software DAYSIM e revede un carico massimo di 15 W/m 2 in riferimento alla suerficie netta. I carichi sono differenziati tra configurazione utente MAD e PM. Ventilazione 40 m 3 /h di aria di rinnovo er ersona, cui corrisonde un icco di tasso di rinnovo ari a 1.45 h -1, da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00; Imianto non attivo da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e nel weekend Tab. 3.9: condizioni di temeratura, umidità relativa, carichi interni e ventilazione er il caso B Profilo di temerature di setoint invernali Profilo di temerature di setoint e umidità relativa estive Carichi interni Ventilazione 21 C da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00 18 C da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e nel week-end 25 C, RH=50% da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00 30 C, RH=80% da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e week-end 30 unità uffici da 4 occuanti ciascuno, equivalenti alla resenza di 120 ersone di icco. Il rofilo di occuazione è generato dal software DAYSIM, ad ogni ersona corrisondono 75 W di carico sensibile e 75 W di carico latente (secondo ISO 7730, light work ); a ciascuna ersona è associato un PC corrisondente ad un carico di 140 W. Il carico di illuminazione è generato dal software DAYSIM e revede un carico massimo di 15 W/m 2 in riferimento alla suerficie netta. I carichi sono differenziati tra configurazione utente MAD e PM. 40 m 3 /h di aria di rinnovo er ersona cui corrisonde un icco di tasso di rinnovo ari a 1.45 h -1, con recueratore ad efficienza ε ari a 75%, da lunedì a venerdì h. 07:00-17:00 Imianto non attivo da lunedì a venerdì h. 17:00-07:00 e nel weekend Tab. 3.10: condizioni di temeratura, umidità relativa, carichi interni e ventilazione er il caso C Profilo di temerature di setoint invernali 20.5 C costante Profilo di temerature di set C costante, deumidificazione assente

17 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 18 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro oint e umidità relativa estive Carichi interni Ventilazione 30 unità uffici da 4 occuanti ciascuno, equivalenti alla resenza di 120 ersone di icco. Il rofilo di occuazione è generato dal software DAYSIM, ad ogni ersona corrisondono 75 W di carico sensibile e 75 W di carico latente (secondo ISO 7730, light work ); a ciascuna ersona è associato un PC corrisondente ad un carico di 140 W. Il carico di illuminazione è generato dal software DAYSIM e revede un carico massimo di 15 W/m 2 in riferimento alla suerficie netta. I carichi sono differenziati tra configurazione utente MAD e PM. tasso di rinnovo ari a 0.3 h -1 costante Per quanto riguarda la climatizzazione invernale la stagione considerata è stata quella definita dalla legge italiana italiana [2-5, ovvero dal 15 ottobre al 15 arile er Milano (zona E), dall 1 arile al 15 novembre er Roma (zona D), e dall 1 dicembre al 31 marzo er Palermo (zona B). Per quanto riguarda la climatizzazione estiva si sono considerate tutte le ore dell anno non facenti arte della stagione di riscaldamento soraccitata er ciascuna località. I carichi di illuminazione e il fabbisogno di energia elettrica er le aarecchiature elettriche er le tiologie di utente MAD e PM sono riassunti in Tab Tab. 3.11: Riassunto dei fabbisogni di energia elettrica er le varie tiologie di utente Fabbisogno er aarecchiature Fabbisogno illuminazione Fabbisogno totale [kwhe/m 2 [kwhe/m 2 [kwhe/m 2 Tiologia utente W aarecchiature W illuminazione W Totale MAD PM Risultati nel caso di edifici del settore terziario Di seguito si riortano i risultati delle simulazioni er il caso di edifici settore terziario, con la distinzione tra utente oculato, MAD, e meno oculato, PM. Tab. 3.12: Risultati delle simulazioni er il clima di Milano

18 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 19 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Fabbisogno invernale Fabbisogno estivo Fabbisogno totale climatizzazione [kwh/m 2 [kwh/m 2 [kwh/m 2 Soluzioni Q Risc Q Raffr Q Totale Q Sens Q Lat Q Totale Q Totale A, MAD A, PM B, MAD B, PM C, MAD C, PM Tab. 3.13: Risultati delle simulazioni er il clima di Roma Fabbisogno totale Fabbisogno invernale Fabbisogno estivo climatizzazione [kwh/m 2 [kwh/m 2 [kwh/m 2 Soluzioni Q Risc Q Raffr Q Totale Q Sens Q Lat Q Totale Q Totale A, MAD A, PM B, MAD B, PM C, MAD C, PM Tab. 3.14: Risultati delle simulazioni er il clima di Palermo Fabbisogno totale Fabbisogno invernale Fabbisogno estivo climatizzazione [kwh/m 2 [kwh/m 2 [kwh/m 2 Soluzioni Q Risc Q Raffr Q Totale Q Sens Q Lat Q Totale Q Totale A, MAD A, PM B, MAD B, PM C, MAD C, PM

19 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 20 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro 4 IL CASO DI UN EDIFICIO DEL SETTORE RESIDENZIALE 4.1 Descrizione dell edificio tio L edificio tio modellato er il caso residenziale si svilua su tre iani, con altezza interiano di tre metri, con quattro unità abitative di suerficie calestabile ari a circa 94 m 2. Nell edificio si distinguono due zone: la zona 1, riscaldata e corrisondente alla suerficie occuata dagli aartamenti, e la zona 2, non riscaldata, che corrisonde al vano scala in comune. In Fig. 4.1 è riortata la ianta di un iano tio. Tab. 4.1: Caratteristiche dell edificio simulato Suerficie Totale Lorda [m Suerficie Totale Netta [m Volume Totale Lordo [m Volume Totale Netto [m Suerficie Riscaldata Totale Lorda [m Suerficie Riscaldata Totale Netta [m Suerficie Non Riscaldata Totale Lorda [m 2 75 Suerficie Non Riscaldata Totale Netta [m 2 64 Suerficie Finestrata Totale [m Suerficie del Telaio [m Raorto Suerficie Finestrata Totale/Suerficie Netta Riscaldata 1/8

20 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 21 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Fig. 4.1: ianta del iano tio realizzato nell'edificio in analisi (quote in cm) Le strutture utilizzate sono di due tii differenti, uno massivo in laterizio ed uno iù leggero in legno: entrambe le tiologie resentano elevate restazioni di isolamento termico con valori di trasmittanza termica inferiori allo standard edilizio minimo richiesto dalle attuali leggi vigenti in Italia [2-5. Il confronto è stato eseguito a arità di trasmittanza delle strutture stesse. Al variare della zona climatica, dalla E alla B, si sono fatte variare le strutture mediante riduzione rogressiva dello sessore di isolante, combinando l'utilizzo di elementi finestrati a restazioni energetiche decrescenti. Tali strutture sono riortate nelle Tabelle da 4.2 a 4.10.

21 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 22 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Tab. 4.2: Strutture massive oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Milano Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Laterizio Porizzato Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante CLS Allegg interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante Divisorio interno [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Laterizio forato Divisorio verso ambiente non riscaldato

22 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 23 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro λ [W m -1 K -1 ρ [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Intonaco Tab. 4.3: Strutture leggere oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Milano Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Fibra di legno A Fibra di legno B Legno massiccio Cartongesso Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Fibra di legno B Fibra di legno C Perline interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Fibra di legno B Ghiaia Fibra di legno B controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Fibra di legno B Ghiaia Fibra di legno B Divisorio interno [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Cartongesso Divisorio verso ambiente non riscaldato [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 c

23 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 24 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Cartongesso Fibra di legno B Cartongesso Tab. 4.4: Strutture trasarenti utilizzate er l edificio tio nel clima di Milano U [W m -2 K -1 g Suerficie vetrata (vetro + telaio) Tab. 4.5: Strutture massive oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Roma Parete esterna [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Laterizio Porizzato Tetto [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante CLS Allegg interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Isolante

24 Accordo di Programma MSE-ENEA ag. 25 di 34 edificio-imianto, in articolare nella stagione estiva e er uso terziario e abitativo e loro Divisorio interno [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Laterizio Divisorio verso ambiente non riscaldato [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Isolante Intonaco Tab. 4.6: Strutture leggere oache utilizzate er l edificio tio nel clima di Roma Parete esterna [kg/m 3 s [m U [W m -2 K -1 [kj/(kg K) Fibra di legno A Fibra di legno B Legno massiccio Cartongesso Tetto λ [W m -1 K -1 ρ [kg/m 3 c [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Fibra di legno B Fibra di legno C Perline interiano [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Fibra di legno B Ghiaia Fibra di legno B controterra [kg/m 3 [kj/(kg K) s [m U [W m -2 K -1 Piastrella Massetto Fibra di legno B

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici

Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

Studio sull efficienza degli edifici

Studio sull efficienza degli edifici Studio sull efficienza degli edifici Effetti dei comandi di luce e schermature antisolari sul consumo energetico di un complesso di uffici Gennaio 2012 I rilevamenti in tempo reale confermano che il risparmio

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici SOMMARIO Pagina 1. Introduzione 2 2. Utilizzo dell energia terrestre superficiale e sostenuta dal sole 2 per risparmiare energia in edifici 3. Indagine geotecnica

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici.

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici. Corso di laurea specialistica in architettura per la sostenibilità. AA 2003/04 LABORATORIO INTEGRATO 3. PRIMO SEMESTRE DEL SECONDO ANNO Corso di TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE Prof. Antonio Carbonari

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

benessere Calore fuori, benessere dentro. Protezione dal calore in estate isolare meglio, naturalmente

benessere Calore fuori, benessere dentro. Protezione dal calore in estate isolare meglio, naturalmente Protezione dal calore in estate Prodotti edili ecologici da materie prime rinnovabili benessere Calore fuori, benessere dentro. Ecco come godersi la propria abitazione anche in giornate di intenso calore

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE 2011 AiCARR via M. Gioia, 168-20125 Milano Tel. 02.67479270 - Fax 02.67479262 www.aicarr.org Prima edizione 2011

Dettagli

Diffusione dell aria nei musei

Diffusione dell aria nei musei L AggiornamentoMonografico diffusione aria Diffusione dell aria nei musei I più recenti progetti internazionali in campo museale, firmati dalle gradi star dell architettura, vedono l impiego di due soluzioni

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

per gli edifici esistenti

per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti a cura dell Arch. Michelantonio Rizzi (CFR associati) www.provincia.udine.it Servizio Risorse Energetiche Servizi Risorsis Energjetichis a cura di Arch.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO DECRETO N 14006 Identificativo Atto n. 474 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO Oggetto PRECISAZIONI IN MERITO ALL'APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli