DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO MARCO POLO Via Ugo La Malfa, P A L E R M O c.f c.m. PATN01000Q Tel. 091/ Fax. 091/ sito internet: CLASSE 5^ sez. C DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI STATO anno scolastico 2014/2015 1

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA DOCENTE FIRMA Religione Cattolica Adriana Sorci Lingua e Letteratura Italiana Giuseppa Brusca Storia Lingua Inglese Lingua Francese Lingua Tedesca Arte e Territorio Matematica Geografia del Turismo Discipline Turistiche e Aziendali Diritto e Legislazione Turistica Scienze Motorie e Sportive Giuseppa Brusca Maria Elena Follone Leontina Ragusa Olga Sacco Valeria Buccheri Anna Maria Cuccia Maria Angela Minafò Michele Lucido Francesco Nuccio Maria Gabriella Criscione Leonardo Sorbello 2

3 PROFILO DI INDIRIZZO Questo indirizzo di studi offre il titolo per un inserimento nel mondo del lavoro con prospettive professionali di: dirigente e quadro intermedio presso istituzioni ed enti pubblici e privati che operano nel settore della produzione, commercializzazione e realizzazione di servizi turistici; dirigente e quadro intermedio in Agenzie di Viaggio, Hotel, Villaggi Turistici, Compagnie di trasporto aereo, di navigazione marittima e di trasporto ferroviario; accompagnatore e guida turistica; addetto alla commercializzazione e marketing; organizzazione congressuale; hostess e steward; operatore del settore della conservazione dei beni culturali e della salvaguardia dell ambiente. Il perito per il turismo deve possedere una formazione culturale adeguata e una competenza linguistica e comunicativa che gli consentano di interagire efficacemente in qualsiasi ambito lavorativo. Attraverso le conoscenze e le capacità acquisite nei cinque anni di studio, sarà in grado di: operare all interno di una agenzia di viaggio con mansioni di tipo amministrativo-contabile e/o commerciale, di prenotazione e tariffazione dei servizi di trasporto e alberghieri, di organizzazione di viaggi, o con compiti di direzione e coordinamento delle attività gestionali; organizzare e gestire visite guidate, tour ed escursioni per turisti italiani e stranieri; operare all interno di una struttura ricettiva con mansioni di tipo amministrativo-contabile e/o commerciale o con compiti di direzione e coordinamento delle attività gestionali; operare nel settore dei beni culturali e ambientali. CONOSCENZE Il perito per il turismo deve: conoscere il percorso storico-politico, culturale e artistico del nostro paese; conoscere le lingue e le culture straniere anche riguardo al linguaggio specialistico dell ambito del turismo; conoscere gli aspetti fisici, antropici e turistici del territorio e la metodologia utile alla sua analisi e valutazione; conoscere i processi che caratterizzano la gestione e il funzionamento di una azienda turistica. CAPACITA' Il perito per il turismo deve essere in grado di: usare un linguaggio appropriato e specifico delle discipline; gestire il proprio lavoro in modo flessibile; lavorare in gruppo, mettendo a sistema strumenti, strutture, immagini e metodologie; ricercare, dedurre, elaborare informazioni, anche estemporanee, traducendole in modo efficace in linguaggio verbale, numerico, geografico, informatico, cartografico e promozionale. COMPETENZE Il perito per il turismo deve: essere in grado di formulare autonomamente opinioni e valutazioni; essere in grado di comunicare ed interagire nelle lingue straniere di indirizzo in relazione alle diverse situazioni dello specifico turistico; sapere analizzare un area territoriale nel suo complesso, identificandone i fondamentali elementi costitutivi fisici, antropici e turistici e le loro interdipendenze; saper costruire il profilo turistico di un territorio sulla base di conoscenze, schemi geografici, artistici, storici, tecnici, giuridici e linguistici acquisiti; saper interpretare e redigere itinerari turistici, elaborando programmi di interesse culturale, geografico ed artistico; sapere individuare obiettivi di mercato e strategie di marketing. 3

4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE N COGNOME NOME ELENCO ALUNNI 1 Catarinicchia Rosalia 2 Feo Francesco 3 Fontana Gabriele 4 Gentile Giulia Gaia 5 Giannosa Simona 6 Guarino Nicola 7 La Corte Manfredi 8 Lo Monaco Chiara 9 Lombardo Barbara 10 Marinello Marianna 11 Mazziotta Valentina 12 Pennino Francesca 13 Rao Rosa Rossella 14 Rubino Achoik 15 Sclafani Federica 16 Somma Stefania 17 Terzo Valeria 18 Vitale Letizia EVOLUZIONE DELLA CLASSE TERZA a.s.12/13 QUARTA a.s. 13/14 QUINTA a.s. 14/15 Maschi Femmine ISCRITTI Totale Ritirati Trasferiti 4 Promossi 8 9 Promossi con debito 5 8 Non promossi 3 Non scrutinati 7 3 La classe è composta da diciotto alunni. Uno degli iscritti non ha mai frequentato. Alcuni alunni hanno seguito un percorso scolastico coerente e produttivo raggiungendo un livello di 4

5 preparazione pienamente soddisfacente; altri non si sono impegnati sempre in maniera costante. Nel partecipare all attività educativa la classe ha dovuto affrontare difficoltà derivanti dalla discontinuità didattica in alcune discipline e dalla riduzione delle ore di insegnamento in quasi tutte le materie a seguito della riforma della scuola. Il comportamento degli alunni è stato sempre improntato al rispetto delle regole di convivenza civile sia all interno dell Istituto sia nell ambito delle varie attività extracurriculari. Attività curriculari ed extracurriculari svolte dalla classe come preparazione agli esami di stato Viaggio d istruzione Cracovia dal 27 al 31 marzo 2015 Stages tirocini 13,25,27 novembre e 2, 10 dicembre ,23,24,26,27,30,31 gennaio e 6 dicembre 2014 e 7 e 8 marzo 2015 Stage di un gruppo di alunni presso un agenzia di viaggi Stage di un gruppo di alunni presso un hotel Due alunni hanno partecipato ad un tirocinio di formazione ed orientamento con visite guidate ( Art.3, quinto comma D.M. 142/98 ), promosso dall Istituto e da Lions club di Messina Host. Visione di film, spettacoli teatrali 3 dicembre 2014 Visione del film Il giovane favoloso 18 dicembre 2014, 15 e Nell ambito del progetto Al cinema con i maestri gli alunni 29 gennaio 2015 assistono alle proiezioni dei film: Fango e gloria, Torneranno i prati, Uomini contro 4 febbraio 2015 Rappresentazione teatrale La coperta di Ruth Partecipazione a conferenze, congressi, seminari, altri eventi significativi 2 ottobre 2014 Incontro con rappresentanti delle Forze Armate 5 ottobre - 4 novembre 2014 Partecipazione di alcuni alunni ad un corso di Lingua Tedesca per la certificazione linguistica A2 a BERLINO (PON FSE C1) 21 novembre 2014 Corso di primo soccorso 4 dicembre 2014 Incontro di orientamento presso la facoltà di Ingegneria 12 gennaio 2015 Partecipazione ad una conferenza sulla normativa internazionale antimafia 30 gennaio 2015 Incontro con il presidente di una associazione di volontariato 5 febbraio 2015 Partecipazione ad un seminario sulla semplificazione amministrativa per l avvio e la gestione delle strutture turistico- ricettive aperte al pubblico presso la Camera di Commercio di Palermo 29 aprile 2015 Conferenza sulla Shoah del prof. Feltri 14 maggio 2015 Partecipazione ad attività di orientamento dell U.E.T. Italia Attività di recupero e/o potenziamento In itinere Simulazione delle prove d esame 5

6 nr. totale delle simulazioni eventualmente svolte 4_ prima prova scritta nr. delle simulazioni 2_ tipologia A,B,C,D seconda prova scritta nr. delle simulazioni _1 terza prova scritta nr. delle simulazioni 1 tipologia dei quesiti A ) trattazione sintetica di argomenti_un itinéraire touristique: comment se compose-t- il et quels éleménts contribuent à sa construction; L ambiente naturale costituisce una delle principali risorse turistiche del Canada. Descrivi brevemente i principali parchi nazionali istituiti nel paese; durata della prova 2:30 ore discipline coinvolte Lingua Francese, Geografia, Matematica, DTA colloquio nr. delle simulazioni _0_ discipline coinvolte 6

7 Candidato ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO "MARCO POLO" PALERMO - A.S. 2014/2015 GRIGLIA DI VALUTAZIONE - PRIMA PROVA SCRITTA (in quindicesimi) Tipologia A: analisi del testo PUNTEGGIO: PRESTAZIONE INDICATORI Nulla insufficiente mediocre sufficiente Discreta buona Ottima eccel.te 1.COMPRENSIONE ANALISI INTERPRETAZIONE E APPROFONDIMENTI 4.PROPRIETA' GRAMMATICALI E LESSICALI 5.EFFICACIA ARGOMENTATIVA TOTALE Voto finale Tipologia B: saggio breve/articolo di PUNTEGGIO:PRESTAZIONE giornale INDICATORI nulla insufficiente mediocre sufficiente Discreta buona Ottima eccel.te 1.ADERENZA ALLA TIPOLOGIA TESTUALE Voto finale 2. ANALISI,COMPRENSIONE E USO DELLA DOCUMENTAZIONE RIFERIMENTO A CONOSCENZE PERSONALI E/O ESPERIENZE DI STUDIO 4 CORRETTEZZA,PROPRIETA' LESSICALE E STRUTTURA DEL DISCORSO 5.CAPACITA' ARGOMENTATIVE ED ELABORAZIONE PERSONALE TOTALE Tipologia C e D: tema di argomento PUNTEGGIO: PRESTAZIONE storico e di ordine generale INDICATORI nulla insufficiente mediocre sufficiente Discreta buona Ottima eccel.te 1.PROPRIETA' GRAMMATICALI: PUNTEGGIATURA,ORTOGRAFIA E MORFOSINTASSI 2.PROPRIETÀ E VARIETÀ DEL LESSICO PERTINENZA, COMPLETEZZA ED APPROFONDIMENTI DEI CONTENUTI 4.COERENZA, COESIONE CAPACITA' LOGICO-CRITICHE TOTALE Voto finale N.B.: Eventuali punteggi decimali verranno arrotondati. Tenuto conto dei criteri di valutazione adottati per la correzione della prima prova scritta, la Commissione attribuisce al candidato il voto di /15 LA COMMISSIONE IL PRESIDENTE Disciplina Commissario Firma 7

8 I.T.T. MARCO POLO Esami di Stato a.s. 2014/2015 Commissione. Classe V.. Griglia di valutazione della seconda prova scritta Lingua Inglese Candidato: INDICATORI DI COMPETENZA Comprensione scritta Comprensione del testo Uso della lingua. Competenze grammaticali, lessicali e sintattiche TOTALE Produzione scritta Aderenza alla traccia Uso del linguaggio settoriale Efficacia comunicativa / espressiva TOTALE TOTALE su 30 TOTALE su 30 diviso 2 DESCRITTORI DEI LIVELLI DI PADRONANZA PUNTEGGIO Limitata 2 Approssimativa 4 Sufficiente 7 Piena 8 Approfondita 10 Scorretto 1 Incerto 2 Corretto 3 Discreto 4 Buono 5../15 limitata 1 Parziale 2 Sufficiente 3 Piena 4 Esaustiva 5 Improprio e poco corretto 1 Non sempre chiaro e corretto 2 Adeguato e suff. corretto 3,5 Corretto e appropriato 4 Fluido ed elaborato 5 Inadeguata 1 Parziale 2 Sufficiente 3,5 Discreta 4 Significativa 5../15./15./ /30./15 Tenuto conto dei criteri di valutazione adottati per la correzione della seconda prova scritta la Commissione attribuisce al candidato il voto di /15 La Commissione Il Presidente 8

9 Griglia di valutazione della terza prova ( utilizzata per Francese,Geografia e Discipline Turistiche ed Aziendali ) Il candidato. MATERIE PUNTI PUNTI PUNTI PARAMETRI E CRITERI CONOSCENZA E PERTINENZA ALLA TRACCIA INESISTENTE MOLTO SCARSA PARZIALE E TALVOLTA SCORRETTA SUPERFICIALE E TALVOLTA IMPRECISA COMPLETA MA NON SEMPRE APPROFONDITA O PRECISA COMPLETA E APPROFONDITA CAPACITA DI RIELABORAZIONE E DI SINTESI INESISTENTE MOLTO SCARSA MODESTA ACCETTABILE ADEGUATA PIENAMENTE ADEGUATA LESSICO MOLTO SCARNO SCARNO E SCORRETTO NON ADEGUATO SEMPLICE MA NON SEMPRE ADEGUATO APPROPRIATO MOLTO APPROPRIATO TOTALE / 15 Tenuto conto dei criteri di valutazione adottati per la correzione della seconda prova scritta la Commissione attribuisce al candidato il voto di /15 La Commissione Il Presidente 9

10 Quesito e Griglia di valutazione della simulazione della terza prova utilizzata per Matematica TIPOLOGIA A : TRATTAZIONE SINTETICA * (Rispondere in un massimo di 15 righe) SIMULAZIONE TERZA PROVA (durata 2 h 30 min.) MATERIA: MATEMATICA ALUNNO/A Dopo aver definito il campo di esistenza di una funzione e aver spiegato come determinarlo nel caso di una funzione algebrica irrazionale intera, trovare gli intervalli in cui è definita la seguente funzione: y = x 2 + 3x 4 È consentito l uso della calcolatrice. 10

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE (TIPOLOGIA A) Trattazione sintetica di Matematica CANDIDATO: CLASSE: INDICATORI DESCRITTORI LIVELLI PUNTI PUNTI ATTRIBUITI Inesistente 0 Molto scarsa 1 Conoscenza dell argomento Pertinenza alla traccia e ricchezza delle informazioni Parziale e talvolta scorretta Non del tutto inerente 2 3 Adeguata 4 Completa 5 Inesistente 0 Capacità logicoargomentativa Chiarezza,linearità, organicità del pensiero Scarsamente lineare e organica Modesta Accettabile Adeguata Buona Inesistente 0 Correttezza degli strumenti espressivi e operativi Uso dello specifico lessico disciplinare e degli strumenti operativi Gravi e diffusi errori e/o mancanze Parecchi errori e/o mancanze Qualche errore e/o mancanza non grave Appropriato 4 Assenza di errori 5 TOTALE /15 Tenuto conto dei criteri di valutazione adottati per la correzione della terza prova scritta, la Commissione attribuisce al candidato il voto di /15 La Commissione IL PRESIDENTE 11

12 SCHEDE PER SINGOLE MATERIE 12

13 MATERIA: ITALIANO DOCENTE: Brusca Giuseppa TESTO ADOTTATO G. Baldi- S. Giusso- M.Razetti- G. Zaccaria L attualità della letteratura vol. 3.1 e 3.2 Ed. Paravia ALTRI STRUMENTI DIDATTICI : fotocopie di altri libri di testo NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE: 4 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE: 75 (all 11 maggio) STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE in itinere CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI Le tendenze culturali dell 800 in Italia e in Europa Il linguaggio della poesia tra 800 e il primo 900 Il genere del romanzo verista ARGOMENTI Il Romanticismo Definizione e caratteri del Romanticismo Il Naturalismo francese Il Verismo italiano Il Decadentismo La situazione politica in Europa e in Italia Definizione e caratteri del Decadentismo Il Simbolismo(cenni) Giacomo Leopardi: vita, pensiero,poetica, da I Canti: L infinito Il sabato del villaggio Giovanni Pascoli : vita, pensiero, poetica da Myricae: X Agosto Novembre - L assiuolo Gabriele D Annunzio: vita, pensiero poetica da Alcyone: La pioggia nel pineto -I pastori da Il Piacere: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti Giovanni Verga: vita e pensiero da Vita dei campi: Rosso Malpelo 13

14 da I Malavoglia: cap. I: Il mondo arcaico e l irruzione della storia Cap. XV: L addio di Ntoni; da Mastro-don Gesualdo: La morte di Mastro-don Gesualdo La trasformazione del romanzo dall 800 al 900 Le avanguardie storiche in Europa La poesia del primo 900 e il dolore esistenziale Gabriele D Annunzio : vita, pensiero e poeticada Il piacere: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti Luigi Pirandello: vita e pensieropoetica Da Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna Il treno ha fischiato da Il fu Mattia Pascal: La costruzione della nuova identità e la sua crisi Italo Svevo: vita e pensiero - poeticada La coscienza di Zeno: Il fumo- La morte del padre Il futurismo (cenni) Filippo Tommaso Marinetti da Zang tumb tuuum Il bombardamento di Adrianopoli Aldo Palazzeschi da L incendiario E lasciatemi divertire! Giuseppe Ungaretti: vita e pensieropoetica da L Allegria: Veglia I fiumi- San Martino del Carso- Soldati da Il dolore: Non gridate più Eugenio Montale: vita e pensieropoetica da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato da Satura Ho sceso dandoti il braccio STRATEGIE DIDATTICHE 14

15 Per quanto concerne le strategie didattiche sono state effettuate: lezioni frontali, discussioni guidate, analisi guidata di testi letterari, esposizione orale degli argomenti studiati, esercitazioni scritte finalizzate alla preparazione della prima prova scritta, percorsi tematici trasversali, approfondimento di argomenti di attualità. TIPOLOGIA Orale Analisi testuale Scritto OBIETTIVI VERIFICHE Decodifica di un testo dal punto di vista strutturale stilistico e tematico Consapevole utilizzo della lingua scritta e parlata. Scrivere con chiarezza ortografica morfologica e sintattica sia pure con un periodare semplice; sapere interrogare un testo scritto e riuscire a dare un interpretazione critica personale e saperlo contestualizzare e attualizzare. 15

16 MATERIA: STORIA DOCENTE: Giuseppa Brusca TESTO ADOTTATO: P. Armocida A. G. Salassa STORIALINK- vol. 3 Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori NUMERO DI ORE SETTIMANALI: 2 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE: 66 (all 11 maggio) Strategie di recupero: in itinere CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI L età degli Stati-nazione L Italia postunitaria La nascita della società di massa L età di Giolitti La Prima guerra mondiale Le Rivoluzioni russe La situazione internazionale tra gli anni Venti e Trenta I Totalitarismi ARGOMENTI L Europa nell età dell unificazione tedesca La Destra e la Sinistra storica L età di Francesco Crispi La Seconda rivoluzione industriale La società di massa La crisi di fine secolo e l età liberale La politica interna di Giolitti Il decollo industriale italiano e i suoi limiti La politica estera di Giolitti La crisi dell egemonia giolittiana Le cause della Grande guerra Lo scoppio del conflitto L Italia dalla neutralità all intervento Le vicende militari del conflitto La svolta del 1917 e la conclusione della guerra La Rivoluzione del 1905 La Rivoluzione del 1917 La Rivoluzione d Ottobre Il primo dopoguerra La nascita del Fascismo in Italia L ascesa del Fascismo Il Fascismo al potere La crisi del 1929 e il New Deal Il Nazismo: dalla guerra alla Repubblica di Weimar L ascesa al potere di Hitler Il regime totalitario di Hitler 16

17 La Seconda guerra mondiale Il bipolarismo e la nascita dell Italia repubblicana L Italia fascista negli anni Trenta. Lo Stalinismo: l industrializzazione forzata e il terrore staliniano. Le relazioni internazionali fra le due guerre La guerra civile spagnola L espansionismo nazista Le prime fasi della guerra L intervento italiano L intervento americano La svolta del La caduta del Fascismo Resistenza e liberazione La fine della guerra CENNI SU L affermazione del bipolarismo La crisi di Berlino e la guerra di Corea L Europa nella guerra fredda Le elezioni in Italia nel 1946 OBIETTIVI Conoscenza dei contenuti Capacità di adoperare concetti e termini storici in rapporto agli specifici contesti storico-culturali Capacità di inquadrare, comparare, periodizzare i diversi fenomeni storico-sociali studiati Capacità di collegare gli elementi fondamentali dell epoca studiata e saperli interpretare criticamente Lezione frontale Discussioni guidate Analisi di documenti storici Ricerche Visione di film storici STRATEGIE DIDATTICHE VERIFICHE Interrogazioni individuali e collettive Questionari Tema storico Saggio breve di ambito storico-politico 17

18 MATERIA: Inglese DOCENTE: Maria Elena Follone TESTI ADOTTATI: Global Travellers (utilizzato come riferimento per esercitazioni tecniche) ALTRI STRUMENTI DIDATTICI: Materiale cartaceo fornito dall insegnante, Guide turistiche, Opuscoli illustrativi, Cartine geografiche, Riviste, Giornali, Internet NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE: 3 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE: 61 (al 11 maggio) STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE: recupero in itinere tramite revisione di argomenti, esercizi di pronuncia, esercizi strutturali linguistici, diversa presentazione di argomenti già trattati con nuovo materiale CONTENUTI Careers in Tourism BLOCCHI TEMATICI Target Tourism and special interest holidays How to promote How to plan Palermo its province and Sicily London and some possible tourist destinations in the U.K. ARGOMENTI Different Jobs, environments and prospects Tourist Guides Study Holidays Spas and Fitness centres Agriturismi and Farm stay Cruises Pilgrims Promoting holidays Promoting countries and cities Promoting events Sightseeing tours Excursion tours Itineraries Historic, Geographical, Artistic and Cultural elements of Palermo and other possible tourist destinations Main tourist destinations in Sicily: Syracuse, Agrigento, Catania, Taormina, Mount Etna, Ustica marine reserve Folklore and Gastronomy Historic, Geographical, Artistic and Cultural elements of London and other tourist destinations STRATEGIE DIDATTICHE Lezione frontale - Lavoro a coppie - Lavoro di gruppo- Ricerca ed uso di materiale autentico Prendere appunti Ascolto e comprensione Simulazione di seconda prova. VERIFICHE TIPOLOGIA Verifiche orali Comprensione di testi scritti Elaborazione scritta di promozioni turistiche Organizzazione scritta di itinerari OBIETTIVI Sostenere un dialogo nel settore turistico Riconoscere il testo, l'idea generale ed i particolari Presentare le caratteristiche di un prodotto turistico Tracciare un itinerario nelle sue varie parti 18

19 Griglia di valutazione della seconda prova scritta Lingua Inglese Alunno: INDICATORI DI COMPETENZA Comprensione scritta Comprensione del testo Uso della lingua. Competenze grammaticali, lessicali e sintattiche TOTALE Produzione scritta Aderenza alla traccia Uso del linguaggio settoriale Efficacia comunicativa / espressiva TOTALE TOTALE su 30 TOTALE su 30 diviso 2 DESCRITTORI DEI LIVELLI DI PADRONANZA PUNTEGGI O Limitata 2 Approssimativa 4 Sufficiente 7 Piena 8 Approfondita 10 Scorretto 1 Incerto 2 Corretto 3 Discreto 4 Buono 5../15 limitata 1 Parziale 2 Sufficiente 3 Piena 4 Esaustiva 5 Improprio e poco corretto 1 Non sempre chiaro e corretto 2 Adeguato e suff. corretto 3,5 Corretto e appropriato 4 Fluido ed elaborato 5 Inadeguata 1 Parziale 2 Sufficiente 3,5 Discreta 4 Significativa 5../15./15./ /3 0./15 19

20 MATERIA: Seconda Lingua Comunitaria Francese DOCENTE: LEONTINA RAGUSA TESTI ADOTTATI PARODI-VALLACCO «CARNETS DE VOYAGE» JUVENILIA ALTRI STRUMENTI DIDATTICI : FOTOCOPIE E DOCUMENTI SUGLI ARGOMENTI AFFRONTATI, INTERNET, GUIDE TURISTICHE, DEPLIANTS, VIDEOS, ECC. NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE : 3 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE : 50 (fino al 15 maggio 2015) STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE in orario curricolare e mirate allo sviluppo ed al rinforzo delle tecniche di studio e di apprendimento autonomo (uso del francese come lingua veicolare, tecnica di comprensione, di sintesi e di rielaborazione di un testo; uso appropriato della micro lingua in situazione). CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI Introduction au tourisme (révision, approfondissements et mise en situation) ARGOMENTI Le tourisme dans le monde : l économie du tourisme (pays émetteurs et récepteurs) Des formules de tourisme : le tourisme équitable (définition, buts et itinéraires) Les différentes catégories d hébergement touristique Le travail en agence de voyage et dans les structures de promotion touristique Sicile et Italie La communication orale et écrite, construire un itinéraire touristique dans un pays, une région, une ville ; les itinéraires thématiques Profession guide : présenter une ville, un monument, un site touristique Présenter et rédiger un itinéraire touristique en Sicile et en France Histoire de la Sicile, son économie et ses principales ressources touristiques (Palerme, Syracuse, Raguse et Ibla, Taormine et l Etna. Agrigente) Rome et Florence villes d art 20

21 APPROFONDIMENTI PARIS Histoire, géo et monuments principaux de Paris N.B. il contenuto dei moduli verrà dettagliato in maniera più approfondita nella scheda relativa al programma finale STRATEGIE DIDATTICHE Il metodo di lavoro ha avuto lo scopo di facilitare l acquisizione del lessico e della fraseologia della microlingua a livello consapevole, utilizzando l apprendimento dei contenuti in contesti di simulazione professionale: a tal fine si è fatto uso di documenti autentici e non da cui sono stati estrapolati testi di turismo al fine di approfondire le conoscenze specifiche del linguaggio specialistico francese e per ampliare le conoscenze lessicali. I metodi di insegnamento sono stati caratterizzati da un approccio comunicativo mentre l attività didattica si è svolta, di norma, nella lingua straniera e centrata sui bisogni dell allievo. E stata privilegiata l efficacia e la pertinenza della comunicazione. Si è quindi evitato di interrompere la fluenza del discorso per correggere errori formali riservandosi di intervenire in un secondo tempo. Si è data, tuttavia, rilevanza alla corretta pronunzia fonematica della lingua ed all adeguata intonazione. VERIFICHE La verifica ha avuto l obiettivo di avvicinare gli alunni alle prove finali degli esami di Stato. Sia quelle sommative che quelle formative hanno dato modo alla docente di valutare gli esiti in itinere del percorso formativo si è avvalsa di procedure sistematiche e continue e di momenti più formalizzati con prove di tipo prevalentemente soggettivo (questionari con domande aperte, riassunti, redazione di lettere turistico-commerciali, brevi componimenti scritti e orali su argomenti, già trattati, di civiltà o di turismo). La verifica orale è stata svolta sotto forma di dialogo con la classe attraverso interventi dal posto e approfondimenti sui contenuti. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI E SCRITTE : vedi griglia di valutazione allegata al documento 21

22 GRIGLIA DI VALUTAZIONE VOTO /10 CONOSCENZA COMPETENZA CAPACITA 1-3 Scarsa Commette molti e gravi errori Comunica in modo scorretto e inadeguato 4-5 Superficiale e frammentaria Commette errori anche nell esecuzione di compiti semplici Si esprime non sempre in modo appropriato e corretto, è in grado di effettuare solo analisi parziali 6 Essenziale Esegue compiti semplici e senza errori Comunica in modo semplice, ma corretto ed appropriato; è in grado di effettuare analisi complete ma non approfondite 7-8 Completa ed approfondita 9-10 Esaustiva, approfondita e in modo autonomo Esegue compiti complessi senza errori pur con qualche imprecisione Esegue compiti complessi in modo corretto, creativo ed autonomo Comunica in modo corretto, adeguato, articola il discorso in modo ordinato ed organico. E in grado di effettuare analisi e collegamenti più complessi Comunica in modo adeguato ed efficace, articolando il discorso organicamente con un linguaggio specifico, ricco e fluido. E in grado di organizzare in maniera autonoma e articolata le conoscenze e le competenze acquisite. Effettua valutazioni autonome e personali. 22

23 Materia: Terza Lingua Comunitaria: Lingua Tedesca Docenti: Prof.ssa Sacco Olga dal al Prof.ssa Buccheri Valeria dal alla fine dell a.s. 2014/2015 Testo adottato: A. Selmi, M.Kilb Reiseprogramm Altri supporti didattici: Fotocopie di materiale autentico (Depliant, Guide ecc.) e di approfondimento NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE: 3 NUMERO DI ORE ANNUALI PREVISTE: NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE: ( ) Attività di recupero durante le ore curriculari Strategie di recupero e integrazione adottate Contenuti BLOCCHI TEMATICI Reiseziel: Deutschland ARGOMENTI PRINCIPALI Deutschland (physikalisch): geographische Lage und natürliche Abgrenzungen. Berlin und historischer Überblick: " 1948 begann der Kalte Krieg", Das Versprechen" (eine Liebesgeschichte in der geteilten Stadt). Bock auf Berlin: Sehenswürdigkeiten; "Berliner Mauer heute : die East Side Gallery". BLOCCHI TEMATICI Reiseprogramme ARGOMENTI PRINCIPALI Wunderschönes Sizilien (Palermo, Segesta, Erice, Selinunt, Agrigent). Sizilien zum Kennenlernen (7 Tage ab Catania). BLOCCHI TEMATICI ARGOMENTI PRINCIPALI 23

24 Tourismus Aus einer Webseite über Rom Mit dem Schiff Mit dem Bus Tourismus Live: Im Hotel. An der Rezeption. Check - in Approfondimento delle seguenti strutture linguistiche: Die Deklination der Adjektive Die Relativsätze Das Passiv Strukturtafeln: wie kann man nach der Lage fragen. Metodologie adottate Per realizzare al meglio gli obiettivi descritti si e fatto uso del metodo situazionalecomunicativo stimolando la comprensione e la produzione in lingua sia scritta sia orale. Per l espressione orale autonoma ed immediata sono state usate immagini, tabelle, diagrammi. Al fine di ampliare ed approfondire la competenza linguistica sono stati decodificati, analizzati e rielaborati testi scritti autentici. Verifiche scritte Verifica formativa: interventi brevi domande e risposte TIPOLOGIA coinvolgimento nella conversazione e nelle attività comuni (abilità di comprensione e produzione orali) esercitazioni scritte ( abilità di comprensione e produzione scritte) Verifica sommativa: questionari test prove strutturate produzione di testi scritti e orali (redazione di programmi di viaggio) NUMERO frequenti Criteri di misurazione del profitto coerenza e organicità della comunicazione comprensione dei quesiti e pertinenza delle risposte applicazione delle strutture apprese e proprietà di linguaggio metodo di studio partecipazione e impegno 24

25 Materia: Storia dell'arte Docente: Anna Maria Cuccia Testi adottati: Cricco di Teodoro, itinerari nell'arte, volumi 2,3.ed Zanichelli Altri strumenti adottati: video, ricerche computerizzate. Numero di ore settimanali di lezione: 2 Numero di ore annuali svolte: ore 41(ancora 6 entro la fine a.s.) STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE: 1Recupero curriculare: all interno di ogni modulo sono stati effettuati frequenti momenti di revisione del percorso con il coinvolgimento degli alunni in difficoltà. BLOCCHI TEMATICI CONTENUTI ARGOMENTI 1 Il RINASCIMENTO Dalla codificazione della prospettiva alla crisi manierista:la grande stagione dell'arte italiana e gli apporti fiamminghi. 2 IL BAROCCO L'arte dello stupire:la magnificenza e la grandiosità dell'architettura,il tormento della pittura 3 L'EVOLUZIONE ARTISTICA. TRA IL'700 E l'800 4 DALLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE ALLE AVANGUARDIE STORICHE Le trasformazioni ideologiche,le idee illuministe e le conseguenze della rivoluzione francese. L'evoluzione urbanistica architettonica e sociale del tempo che ha portato alla pittura impressionista e all'arte della nova classe borghese. 5 Il TERRITORIO Approfondimenti salienti in ambito metropolitano APPROFONDIMENTI Nel corso dell anno sono stati effettuati interventi miranti a sviluppare le capacità critiche e di collegamento interdisciplinare. 25

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli