Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco del Gargano. Pasquale Pazienza e Vincenzo Vecchione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco del Gargano. Pasquale Pazienza e Vincenzo Vecchione"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco del Gargano. Pasquale Pazienza e Vincenzo Vecchione Quaderno n. 19/2006 Esemplare fuori commercio per il deposito legale agli effetti della legge 15 aprile 2004 n. 106 Quaderno riprodotto al Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche nel mese di dicembre 2006 e depositato ai sensi di legge Authors only are responsible for the content of this preprint. Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche, Largo Papa Giovanni Paolo II, 1, Foggia (Italy), Phone , Fax

2 Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco del Gargano Pasquale PAZIENZA e Vincenzo VECCHIONE * 1. Introduzione. L esistenza di una stretta relazione tra il turismo e l ambiente, inteso nella sua accezione più ampia comprendente anche gli aspetti sociali ed economici oltre che quelli naturali, è un fatto ormai compiutamente dimostrato e generalmente ammesso. Infatti, le peculiari caratteristiche di un luogo, specificamente gli elementi distintivi e gli assetti dell ambiente naturale, costituiscono spesso uno dei principali fattori di attrazione dei flussi turistici in un determinato sito. Come pure i delicati equilibri dell ecosistema rappresentano uno dei punti di maggiore vulnerabilità di un territorio, se il fenomeno turistico non viene adeguatamente controllato e governato. In tal senso, esiste una vasta letteratura sul tema che individua le diverse tipologie di impatto che il turismo può generare nelle località di destinazione. In generale, in questi studi si evidenzia come la pressione dei flussi turistici, oltre che incidere sui processi di crescita economica e sul livello di ricchezza in termini finanziari, abbia anche conseguenze sul contesto sociale e ambientale non sempre di segno positivo. Pertanto, si avverte la necessità di effettuare un approfondita riflessione sui criteri di gestione del turismo nel tentativo di individuare nuove modalità di valutazione degli impatti da esso determinati sul sistema socioeconomico e ambientale maggiormente rispondenti ai principi e ai criteri che informano i concetti di sviluppo e di turismo sostenibile. L elaborazione di nuovi approcci analitici e l individuazione di modelli gestionali innovativi del fenomeno turistico è in larga parte facilitata dalla possibilità di usufruire, attraverso lo svolgimento di un attività di rilevazione, di una serie di indicatori già identificati in numerosi lavori di diverse organizzazioni internazionali. Infatti, adottando queste batterie di indicatori secondo criteri di scientificità e sistematicità, appare possibile realizzare il monitoraggio di tutti quegli aspetti caratterizzanti il fenomeno del turismo e la sua industria. In particolare, è da segnalare come, tra le varie organizzazioni internazionali che si interessano di turismo, la World Tourism Organization (W.T.O.) ormai già da alcuni anni propone agli enti preposti alla gestione territoriale delle destinazioni turistiche l adozione di una griglia di indicatori con cui procedere alla raccolta di specifiche informazioni, attraverso cui svolgere un opportuno monitoraggio sulle condizioni sociali, economiche e ambientali delle destinazioni turistiche. Tra i numerosissimi indicatori proposti, particolare rilievo assume quello della Capacità di Carico Turistica (CCT) delle destinazioni. Esso riveste un importanza cruciale nei processi di controllo e di programmazione turisticoterritoriale, sebbene venga quasi sempre trattato in termini teorici e con un significato unidimensionale. Sono davvero pochi, infatti, i lavori che propongono dei tentativi di una sua applicazione in una logica multidimensionale. In questa prospettiva, quindi, appare opportuno applicare la stessa logica e il medesimo approccio metodologico anche alle località turistiche insistenti nell ambito del Parco Nazionale del Gargano, dove la valorizzazione turistica dell area deve coniugarsi con l esigenza di tutela di un patrimonio ambientale di inestimabile valore. L obiettivo principale di questo lavoro è di presentare una metodologia di computazione multidimensionale dell indicatore di CCT. Essa si fonda sulla considerazione che la CCT non può essere intesa come il risultato di un semplice rapporto tra flussi turistici e superficie territoriale, ma come la sintesi di un sistema di * Il lavoro è frutto della riflessione e impostazione comune degli autori. Tuttavia, il paragrafo 1 è stato particolarmente curato da Vincenzo Vecchione e i paragrafi da 2 a 5 da Pasquale Pazienza. 1

3 informazioni rappresentativo, nel modo più ampio possibile, della complessità delle relazioni esistenti tra il sub-sistema del turismo e tutti gli altri sub-sistemi che direttamente o indirettamente entrano nella sua sfera di azione. Con riferimento ai comuni di Manfredonia e Vieste, entrambi ricadenti nell area del Parco Nazionale del Gargano, si procederà al calcolo empirico di questo indicatore e, conseguentemente, a valutare gli impatti socioeconomici e ambientali che i flussi turistici generano nei loro territori. 2. Le ragioni del turismo sostenibile. Il turismo, specie se si considerano le modalità con cui esso si manifesta a livello di massa e se si analizza come le attività a esso collegate si organizzano e si sviluppano, non rappresenta certamente una forma di produzione economica a basso impatto ambientale. E per questa ragione che oggi si guarda al turismo come a uno dei segmenti produttivi che più di altri deve confrontarsi con il problema della sostenibilità ambientale e che, pertanto, stimola fortemente a individuare e perseguire forme di sviluppo sostenibile già su scala locale. Tuttavia, esiste un enorme difficoltà nel conciliare le esigenze dello sviluppo sostenibile con quelle che sono invece le necessità dell esercizio delle attività del turismo (Lanza e Al., 2005). Com è noto, la definizione di sviluppo sostenibile elaborata dalla Commissione Brundtland stabilisce un principio di base in virtù del quale si ritiene che la generazione attuale debba soddisfare le proprie esigenze senza compromettere quelle delle generazioni future (WCED 1, 1987). Tuttavia, come è stato opportunamente evidenziato da qualche autore, l implementazione dell idea di sviluppo sostenibile nel comparto del turismo potrebbe produrre effetti drammatici (MacGregor, 1992). Infatti, l idea conservazionista espressa nel rapporto della WCED non sembra ben raccordarsi con le esigenze del settore turistico, poiché quest ultimo si basa sull uso diretto del territorio e delle risorse naturali in esso esistenti. Ci si potrebbe quindi interrogare su quali comportamenti e strategie adottare in campo turistico affinché il principio di equità intergenerazionale, invocato nel rapporto della Commissione Brundtland, possa essere rispettato. Proprio come una naturale conseguenza della vasta attenzione riscossa dal lavoro di quest ultima Commissione, l esigenza di ripensare alle strategie gestionali delle attività turistiche è stata particolarmente avvertita a partire dagli inizi degli anni Novanta. Nel marzo del 1990 ebbe luogo quello che oggi viene generalmente identificato come il primo tentativo internazionale di inglobare il concetto di sviluppo sostenibile in quello di turismo sostenibile. La Globe 90 Conference organizzata in Canada si concluse con un rapporto intitolato An Action Strategy for Sustainable Tourism Development, che propose sette principi per intraprendere un percorso di turismo sostenibile 2. Questo rapporto rappresenta l unico documento chiarificatore degli aspetti contenuti nel concetto di turismo sostenibile. Invero, in quegli anni furono numerosi i tentativi di produrre delle soddisfacenti definizioni di turismo sostenibile, con il risultato che esse rimanevano sempre e comunque molto distanti dal 1 World Commission on Environmental and Development. 2 Questi principi si riferiscono ai seguenti punti: a) limitare su scala globale e locale l impatto prodotto dalle attività umane sugli ecosistemi, rispettando le loro capacità di carico; b) conservare lo stock di risorse naturali presenti nell area; c) minimizzare lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili; d) promuovere uno sviluppo economico di lungo termine, che incrementi i benefici ricavabili da un dato stock di risorse; e) realizzare un equa distribuzione dei benefici e dei costi derivanti dalla gestione delle risorse naturali; f) realizzare una effettiva partecipazione delle comunità locali e dei gruppi di interesse nelle decisioni che li riguardano in modo diretto; g) promuovere quei valori che risultano di incoraggiamento per altri nel perseguimento dello sviluppo sostenibile. 2

4 senso indicato nella definizione di sviluppo sostenibile della WCED. La tabella sottostante riporta alcune delle più accettate definizioni di turismo sostenibile che si sono avute dal 1990 in poi. Tab. 1 Le principali definizioni di turismo sostenibile riscontrabili in letteratura Nel caso dell industria turistica, il concetto di sviluppo sostenibile ha un significato ben preciso: sviluppare la consistenza e la qualità dei prodotti turistici senza causare effetti negativi sugli ambienti fisico e umano, che rappresentano la ragion d essere dell industria turistica stessa (Cronin, 1990) Il turismo sostenibile può essere inteso come il soddisfacimento delle esigenze espresse dall attuale generazione di turisti, frequentante una determinata destinazione, senza compromettere le opportunità delle future generazioni di turisti di soddisfare quelle medesime esigenze [ ] e ciò è possibile perseguendo una gestione di tutte le risorse in modo tale da poter soddisfare pienamente le esigenze socio-economiche e ascetiche, conservando le integrità culturali, la biodiversità e i processi ecologici essenziali (Inskeep, 1991) Turismo sostenibile significa cercare una modalità relazionale più proficua e armoniosa tra i turisti, le comunità ospitanti e le aree di destinazione. In tal modo risulterebbe possibile perseguire il non selvaggio sfruttamento delle risorse naturali, dei turisti e delle popolazioni viventi nelle aree di destinazione (English Tourism Board, 1991) Per essere sostenibile l industria turistica dovrebbe considerare gli effetti economici di lungo termine come strettamente collegati alle risorse naturali e alle esigenze delle generazioni di turisti attuali e futuri (Curry e Morvaridi, 1992) Il turismo sostenibile dipende dai seguenti punti: a) soddisfacimento, nel breve e nel lungo termine, dell esigenza di miglioramento dello standard di vita delle comunità ospitanti; b) soddisfacimento degli aumenti nella domanda turistica; c) salvaguardare gli assetti ambientali per assicurare il perseguimento dei due punti precedenti (Cater e Goodall, 1992) Il turismo sostenibile è un approccio positivo, volto alla riduzione delle tensioni prodotte dalla complessa interazione esistente tra l industria turistica, i turisti, le comunità ospitanti e l ambiente naturale (Bramwell e Lane, 1993) Il concetto di sostenibilità è centrale rispetto alla rivalutazione del ruolo giocato dal turismo nelle società. Esso richiede una visione di lungo termine nella gestione di attività economiche, asserisce l imperativo della crescita economica sostenuta e garantisce che il consumo turistico non comprometta la capacità delle comunità ospitanti di soddisfare le esigenze di future generazioni di turisti (Archer e Cooper, 1994) Il turismo [ ] dipende da un dato stock di risorse naturali e da attributi socio-culturali [ ] per realizzare lo sviluppo sostenibile è necessario che queste risorse siano gestite in modo da permettere il soddisfacimento degli interessi economici dell industria e delle esigenze dei turisti conservando le integrità culturali, preservando e migliorando la biodiversità e conservando i sistemi di supporto alla vita (Hunter, 1995). Da questa loro breve analisi può notarsi come più che definizioni esse rappresentino una sorta di contenitori di principi, di indicazioni di politica, di suggerimenti gestionali finalizzati a perseguire ulteriori livelli di sviluppo turistico senza dimenticare la necessità di contenere il più possibile l impatto ambientale che ad esso inevitabilmente si accompagna. In queste definizioni vengono sicuramente richiamati i principali aspetti considerati nella definizione di sviluppo sostenibile della Commissione Brundtland (equità intra e intergenerazionale, efficienza, impatto sulle società e sugli ambienti naturali dell attività turistica), ma risulta comunque evidente il persistere e la dominanza di un paradigma turismo-centrico, che resta concettualmente ancora distante dalla nozione di sviluppo sostenibile della Commissione. E per questa ragione che, al di là delle definizioni che possono analizzarsi, si ritiene generalmente valido il contenuto delle indicazioni dettate nell ambito della conferenza canadese Global 90, in cui si giunse finanche all individuazione di possibili strumenti e metodi attraverso cui misurare la sostenibilità del turismo. L indicatore di Capacità di Carico Turistica (CCT) delle località di destinazione rappresenta sicuramente uno 3 Le definizioni di turismo sostenibile qui richiamate sono riportate in France (1997). 3

5 degli strumenti più adeguati e ad esso si dedica una particolare attenzione nelle pagine seguenti. 3. Il concetto e la misurazione della CCT. Il concetto di capacità di carico fu inizialmente sviluppato e applicato nell ambito delle scienze naturali. In questo contesto, esso indica il livello massimo di popolazione di una data specie animale che un habitat naturale può sostenere e, in altri termini, rappresenta un limite fisico o il punto di saturazione di un sistema abitativo naturale il cui raggiungimento determina delle condizioni di forte instabilità, tali da compromettere gli equilibri basilari su cui il sistema stesso si fonda, portandolo al collasso in modo più o meno repentino. L interesse più specifico ad applicare il concetto di capacità di carico all esercizio delle attività umane iniziò negli anni Settanta a seguito di una generale presa di coscienza ambientale. Da allora, il concetto è stato oggetto di numerose revisioni e modifiche. La letteratura evidenzia chiaramente come l applicazione del concetto di capacità di carico, con riferimento alla popolazione umana, implichi notevoli complicazioni dettate dalla necessità di considerare non solo il livello di popolazione, ma anche quello delle sue attività e, in particolare, di quelle economiche. Per questo motivo, un eventuale applicazione empirica di questo indicatore richiede necessariamente delle assunzioni esemplificative (Atkinson et Al., 1997). Si può agevolmente dedurre come il suo significato non sia unidirezionale, ma vari di volta in volta a seconda della situazione o dell obiettivo che si intende perseguire. Anche nel campo degli studi sul turismo, il concetto di capacità di carico è stato interpretato in vari modi, dando luogo a una lunga serie di definizioni che hanno indotto ad applicazioni spesso errate e a risultati equivoci. Ciononostante, le raccomandazioni derivanti dalle istituzioni internazionali e dalla World Tourism Organisation (WTO) hanno sempre sostenuto l importanza di implementare, a livello di destinazioni turistiche, dei criteri che permettano di individuare una misura della CCT locale. Essa può, infatti, rappresentare un indicazione chiave per programmare in modo efficiente la gestione delle infrastrutture e, più in generale, delle risorse locali a servizio del comparto turistico, oltre che della popolazione locale. Una delle prime definizioni di CCT si riferisce al numero massimo di visitatori ospitabili in un area, superando il quale è possibile verificare dei mutamenti irreversibili dell ambiente fisico locale in grado di ingenerare nel visitatore stesso una considerevole diminuzione del livello di soddisfazione. A tal proposito, alcuni autori pongono in evidenza l effettiva difficoltà di determinare il numero di visitatori dal momento che ciascun sub-sistema quello dell ambiente fisico, quello economico e quello sociale a servizio dell attività turistica è caratterizzato da differenti e separate capacità di carico (Mathieson e Wall, 1982; Seidl e Tisdell, 1999). Per questo, gran parte della recente letteratura lamenta la difficoltà di individuare modelli di analisi empirica in grado di sintetizzare le complessità che caratterizzano le destinazioni turistiche e attraverso i quali si possa procedere ad applicare il concetto di CCT. Il problema è per molti aspetti superabile ricorrendo a una modellistica capace di individuare un numero ottimale più che un numero massimo di visitatori ospitabili in una destinazione turistica calcolato sulla base di una serie di vincoli rappresentativi di ciascuna singola risorsa a servizio del settore turistico locale, dei loro parametri fisici di capacità di carico, dalle modalità d uso e/o di gestione, ovvero dalle aspettative e preferenze degli utilizzatori (Lindberg, McCool e Stankey, 1997; Boyd e Butler, 1996). In altri termini, la giustificazione a questo approccio applicativo della CCT risiede nel fatto che l individuazione di un limite numerico massimo di visitatori ospitabili in un area rappresenta un informazione poco significativa, a meno 4

6 che il numero non venga calcolato considerando l intero contesto degli obiettivi gestionali delle risorse. Un suggerimento applicativo molto interessante in questa direzione giunge da un lavoro di Canestrelli e Costa (1991) che, riferendosi alla ben nota definizione di capacità di carico di Fisher e Krutilla, sottolineano come a essa debba attribuirsi un significato derivante dagli assetti organizzativi dell ambiente locale giungendo a considerare finanche quello ecologico, oltre che economico. In questo contesto, il problema di individuare una misura di capacità di carico si traduce nel calcolo di un flusso finanziario generabile dal numero massimo di turisti potenzialmente ospitabili in una località di destinazione, individuato sulla base di un insieme di limiti o vincoli rappresentati dalla limitata capacità di contenimento delle infrastrutture a servizio dell area. Il criterio dettato da Fisher e Krutilla è dunque utile per determinare il livello di uso ottimale delle risorse presenti nella località di destinazione, che è in definitiva il risultato di un problema di massimizzazione rappresentabile in termini formali come segue: max π(q) = B(q) C(q) ( 1 ) C(q) = C d (q) + C k (q) + C m (q) ( 2 ) dove π rappresenta la somma dei benefici netti generati dall esercizio dell attività; B è l ammontare dei benefici lordi; q è il livello d uso della risorsa turistica; C è l ammontare dei costi generati dall attività. Più in particolare, quest ultima voce si sostanzia in varie figure di costo riconducibili a: C d, l ammontare dei costi ecologicoambientali derivanti dall esercizio dell attività; C m,l ammontare delle spese correnti; C k, l ammontare delle spese in conto capitale (per esempio quelle derivanti da costi di deprezzamento della risorsa). La soluzione al problema così impostato viene individuata differenziando rispetto a q la funzione obiettivo e uguagliando a zero il risultato ottenuto. Come rappresentato nella figura 1, il livello ottimale d uso della risorsa q* sarà individuato in corrispondenza del punto (Y), in cui la funzione dei benefici marginali (BM) e quella dei costi marginali (CM) si intersecano, ovvero nel punto in cui i benefici sono massimi mentre i costi sono minimi. Fig. 1 Uso ottimale di una risorsa turistica Costi, benefici BM CM Y 0 q* q π q max Livello di attività 5

7 Avendo formalizzato la questione in questi termini, il problema di individuare una soglia ottimale della capacità di carico può tranquillamente essere interpretato come un applicazione di programmazione matematica lineare, la cui determinazione è oggetto del prossimo paragrafo. 4. Un ipotesi metodologica di calcolo della CCT. In considerazione della premessa teorica appena svolta, si può ora procedere a concentrare l attenzione sull individuazione di un metodo che consenta di applicare empiricamente il concetto teorico della CCT, finalizzandolo all individuazione effettiva di una quantità di soglia, superando la quale il sistema non è in grado di assicurare efficientemente ulteriori margini di capacità ricettiva. Come è stato già anticipato, ciò è fatto impostando un problema di programmazione matematica lineare, per il quale a causa della limitatissima disponibilità di informazioni esistente su base locale si considerano solamente alcuni aspetti, che vengono qui di seguito descritti. In primo luogo, si considerano alcune infrastrutture ritenute indispensabili per soddisfare le necessità di base di una località di destinazione turistica e dei suoi visitatori. Esse sono: 1) le strutture alberghiere ed extralberghiere, che costituiscono l offerta turistica, ovvero la disponibilità di posti letto; 2) le discariche per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e di impianti di depurazione per il trattamento delle acque reflue generate dalla presenza dei turisti, oltre che dalla popolazione locale; 3) i posti di parcheggio per auto e bus. In secondo luogo, si considerano solamente due tipi di turisti/visitatori: 1) quelli che richiedono servizi al settore alberghiero (individuati con l abbreviazione HT, che sta per Hotel Tourists); 2) quelli che richiedono servizi al settore extralberghiero, ovvero ai villaggi turistici e aree camping (individuati con l abbreviazione NHT, che sta per Non Hotel Tourists). Da quanto esposto, la funzione obiettivo del problema di programmazione lineare può essere espressa nei seguenti termini: max HT, NHT π = (p HT c HT )HT + (p NHT c NHT )NHT ( 3 ) dove π rappresenta i benefici privati netti derivanti dal comparto turistico considerato nel suo insieme; p HT e p NHT definiscono rispettivamente i prezzi medi di pernottamento per turista nel settore alberghiero e in quello extralberghiero; c HT e c NHT rappresentano rispettivamente i costi medi giornalieri sostenuti per offrire il servizio a un turista nel settore alberghiero e in quello extralberghiero. Infine, HT e NHT sono le variabili da determinare con la soluzione del problema, ovvero il numero di turisti ospitabili rispettivamente nel settore alberghiero e in quello extralberghiero. La soluzione del problema è quindi assoggettata alla serie di vincoli già menzionata, che può essere così schematizzata: HB = totale dei posti letto disponibili nel settore alberghiero; NHB = totale dei posti letto disponibili nel settore extralberghiero; GD = capacità di smaltimento dei RSU (in kg/giorno); SD = capacità di depurazione delle acque reflue (in mc/giorno); PP = totale delle piazzole di parcheggio auto e bus. Sulla base delle considerazioni fin qui svolte, si può procedere alla calibratura del modello di calcolo della CCT in relazione a due tra le più importanti realtà comunali del Parco Nazionale del Gargano oggetto di studio: Manfredonia e Vieste. La scelta di questi due comuni si giustifica in virtù del fatto che, oltre a essere tra le 6

8 destinazioni turistiche più rappresentative dell area garganica, per esse si dispone grazie a delle analisi svolte in precedenza di adeguate informazioni sulla consistenza delle infrastrutture a servizio del comparto turistico. Infatti, nel condurre l analisi si è incontrata una notevole difficoltà nel recuperare informazioni più aggiornate e necessarie allo svolgimento di un lavoro riguardante anche le altre località turistiche del Parco. Pertanto, il calcolo della misura di CCT per ciascuno dei due comuni considerati si è basato su delle prove di calibratura del modello già svolte in passato, i cui risultati seppur fondati su dati al 2000 non risultano particolarmente remoti da inficiare la significatività dell analisi. Per entrambi i comuni considerati, dunque, le medie dei prezzi per posto letto nei due settori oggetto dell analisi (alberghiero ed extralberghiero) sono state calcolate in base alle informazioni ottenute dall APT di Foggia. Nel caso di Manfredonia esse risultano pari a e a lire 4 rispettivamente per il settore alberghiero e per quello extralberghiero. Nel caso di Vieste, invece, questi parametri sono risultati rispettivamente pari a e a lire. Le informazioni sui costi sostenuti per l organizzazione dei servizi di ospitalità per ogni singolo turista e in ciascuno dei due settori considerati sono state desunte da un campione casuale di interviste svolte con alcuni imprenditori locali del settore e confermate attraverso un ulteriore intervista con un rappresentante della UniopTurismo, che rappresenta una delle principali associazioni di operatori turistici presenti nell area garganica. Per quanto attiene alla realtà di Manfredonia, questi parametri sono stati individuati nella misura di lire per il settore alberghiero e di lire per quello extralberghiero. Per Vieste, invece, risultano lire per il settore alberghiero e per quello extralberghiero. Relativamente all offerta disponibile nel settore alberghiero, le statistiche fornite dall APT di Foggia riferiscono l esistenza di 992 posti letto nel Comune di Manfredonia e di posti letto nel Comune di Vieste. Tale dato è riferibile unicamente a quei turisti che richiedono servizi alberghieri. Pertanto, nel formulare il primo vincolo, a essi si attribuisce un coefficiente pari a 1, mente il valore 0 è assegnato alla categoria dei turisti extralberghieri che effettivamente non fa alcun uso delle infrastrutture alberghiere. Sempre in base alle informazioni ottenute dall APT di Foggia, il settore extralberghiero rende disponibili nel territorio di Manfredonia posti letto e in quello di Vieste. Contrariamente a quanto argomentato per il comparto alberghiero e al fine di formulare il secondo vincolo al nostro problema di massimizzazione, si assegna il coefficiente di pieno utilizzo 1 ai turisti extralberghieri e 0 a quelli alberghieri (Pazienza, 2001). Relativamente alla capacità di contenimento della discarica per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani che una volta soddisfatte le esigenze delle comunità locali può essere messa a disposizione delle attività turistico-ricettive (alberghiere ed extralberghiere) le stime individuano una misura di kg/giorno per il Comune di Manfredonia e una di kg/giorno per quello di Vieste (Pazienza, 2001). Inoltre, per la costruzione dei vincoli al problema di massimizzazione, e in modo simile a quanto proposto in altri studi, si assume che un turista alberghiero produca una quantità di rifiuti solidi pari a 2 kg/giorno, mentre un turista extralberghiero ne produce 1,5 kg/giorno (Canestrelli e Costa, 1991). Per quanto riguarda l attività di depurazione delle acque reflue, le stime svolte fanno rilevare come la capacità di carico residuale degli impianti, ovvero quella destinabile per altri scopi come per esempio lo svolgimento delle attività turisticoricettive dopo aver soddisfatto le esigenze delle comunità locali risulti nulla per 4 Si precisa che questi prezzi si riferiscono al 2000 (prima dell entrata in vigore dell euro) e sono da considerare come prezzi medi effettivamente praticati. 7

9 Manfredonia e pari a mc/giorno nel caso di Vieste. Per la formulazione dei vincoli, mentre si chiarisce che questo aspetto non è stato tenuto in conto nella calibratura del modello per Manfredonia, al fine di ottenere comunque una soluzione, si assume che un turista alberghiero e uno extralberghiero facciano registrare dei consumi idrici rispettivamente pari a 0,4 mc/giorno e 0,2 mc/giorno (Pazienza, 2001). Infine, per quanto attiene alle aree di parcheggio per auto e bus, le informazioni ottenute dagli uffici tecnici dei due comuni oggetto della nostra indagine riferiscono una disponibilità di 410 piazzole di sosta nel comune di Manfredonia e di in quello di Vieste. Al fine di formulare le funzioni di vincolo, si assume che per detta risorsa possano essere considerati plausibili dei livelli di uso pari al 20% per i turisti alberghieri e all 80% per quelli extralberghieri. Tale riflessione scaturisce dal fatto che sovente nelle aree comunali considerate le strutture ricettive di tipo extralberghiero sono ubicate a una certa distanza dal centro urbano e ciò impone ai fruitori dei loro servizi un ricorso all uso di mezzi per il trasporto privato sicuramente più frequente. Premesso ciò, è possibile procedere alla calibratura del modello di CCT, ovvero alla sua formulazione empirica definitiva, sia per il comune di Manfredonia, sia per quello di Vieste. Le tabelle 2 e 3 ne mostrano i contenuti formali. Le soluzioni dei problemi così calibrati sono invece riportate nelle tabelle 4 e 5. Per quanto attiene al Comune di Manfredonia, si rammenta che nell impostazione del problema è stato tralasciato il vincolo rappresentato dalla capacità di carico dell impianto di trattamento delle acque reflue 5. In base a quanto considerato, i risultati ottenuti evidenziano come il numero di turisti giornalmente ospitabile sia all incirca di 992 unità nel settore alberghiero (corrispondente alla sua offerta totale) e di 160 in quello extralberghiero (contro un offerta totale di posti letto). Inoltre, si evidenzia come il settore turistico di Manfredonia sia in grado di generare giornalmente un profitto pari a circa 32 milioni di vecchie lire. Va pure osservato che la profittabilità del settore potrebbe essere incrementata aumentando il numero dei posti letto nel settore alberghiero e la quantità dei posti di parcheggio per auto e bus, ovvero incrementando la dimensione di quelle infrastrutture in corrispondenza delle quali i valori del prezzo duale risultano positivi, evidenziando una condizione di scarsità. Tab. 2 Calibratura del modello per la determinazione della CCT nel comune di Manfredonia Funzione obiettivo Max Z = ( ) HT + ( ) NHT Soggetta a: 1. HB 1.0 HT NHB 1.0 NHT GD 2.0 HT NHT SD PP 0.3 HT NHT Ciò si è reso necessario per giungere comunque a una soluzione del problema. Invero, se si fosse considerato questo vincolo, il risultato sarebbe stato nullo e non avrebbe consentito di individuare alcun livello di CCT. 8

10 Tab. 3 Calibratura del modello per la determinazione della CCT nel comune di Vieste Objective function Subject to: Max Z = ( ) HT + ( ) NHT 1. HB 1.0 HT NHB 1.0 NHT GD 2.0 HT NHT SD 0.4 HT NHT PP 0.4 HT NHT 1820 Tab. 4 Determinazione della CCT per Manfredonia Objective Function Value Variable HT NHT Reduced Cost Row slack or surplus Dual Prices HB NHB GD PP Tab. 5 Determinazione della CCT per Vieste Objective Function Value Variable HT NHT Reduced Cost Row slack or surplus Dual Prices HB NHB GD SD PP

11 Relativamente al Comune di Vieste, si osserva come il numero massimo di turisti giornalmente ospitabile sia all incirca di unità nel settore alberghiero (che anche in questo caso risulta esattamente uguale all offerta totale di posti letto) e di 285 nel settore extralberghiero (contro un offerta totale di posti letto). Su tali basi, il settore turistico locale nel suo complesso può generare giornalmente profitti pari a circa 198 milioni di vecchie lire. Inoltre, anche in questo caso come per Manfredonia, è possibile osservare due vincoli stringenti rappresentati dal numero dei posti letto esistenti nel settore alberghiero e dalla disponibilità di aree di parcheggio. 5. Evidenze empiriche e considerazioni conclusive. L analisi fin qui svolta ha permesso di identificare dei valori di soglia di CCT per ciascuno dei due comuni garganici considerati, distinguendo tra il comparto alberghiero e quello extralberghiero. Un più compiuto e puntuale esame della sostenibilità dei flussi turistici nel corso dell anno avrebbe richiesto di incrociare i valori di CCT calcolati per ciascun comparto con i rispettivi flussi medi giornalieri e mensili di turisti. Non disponendo, però, di dati così disaggregati, si è stati costretti a sommare i valori di CCT individuati in ciascun settore per recuperare almeno una proxy complessiva. Comunque, al fine di avere una approssimativa idea della sostenibilità dei flussi turistici nel corso del periodo considerato, si è provveduto a incrociare il dato ottenuto con la media giornaliera della distribuzione mensile sia delle presenze turistiche ufficiali (PTU) sia di quelle effettive (PTE) già quantificate in altra parte di questo lavoro. La descrizione, riferita agli anni 2003 e 2004, ha consentito di osservare seppure con una certa approssimazione se, quando e di quanto la CCT di ciascuno dei due comuni è superata. Prima di procedere, è opportuno ricordare che in base ai risultati ottenuti, la CCT per il Comune di Manfredonia è stata calcolata in misura pari a turisti/viaggiatori giornalmente ospitabili. Questa grandezza, se si considerano i dati sulle PTU relative al 2003, appare leggermente superata nel periodo estivo. In particolare, si osserva (fig. 2) un picco che sovrasta di poco la linea della CCT (fissata a turisti/visitatori) in corrispondenza del mese di agosto, allorquando si individua una presenza media giornaliera di turisti/visitatori. Tale situazione, in realtà, risulterebbe molto più critica se si fosse tenuto conto del vincolo rappresentato dalla capacità dell impianto di depurazione delle acque reflue, che nella calibratura del modello di calcolo della CCT per Manfredonia non è stato forzatamente considerato. Infatti, se si fosse tenuto conto della depurazione (appena sufficiente a soddisfare le esigenze della popolazione locale), si sarebbe dovuto constatare la totale assenza di CCT in questo comune. Altrettanto critica appare la situazione se invece di considerare le PTU, si dovesse considerare il dato relativo alle PTE calcolate per l anno 2003 (fig. 3). In questo caso, infatti, la CCT risulta superata non solo nei mesi di luglio e agosto, ma pure in quelli di giugno e settembre in corrispondenza dei quali il superamento della CCT appare in tutta la sua evidenza. 10

12 Fig. 2 CCT e presenze turistiche ufficiali (PTU) nel Comune di Manfredonia n. di turisti Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTU p/mese) Fig. 3 CCT e presenze turistiche effettive (PTE) nel Comune di Manfredonia n. di turisti Gen. 106 Feb. 166 Mar. 132 Apr. 434 Mag. 363 Giu Lug. Ago. Set. 267 Ott Nov Dic. 38 CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTE p/mese) Una situazione non difforme è evidenziata dai dati relativi alle PTU e alle PTE per l anno Le figure 4 e 5 che seguono ne rendono una chiara e immediata descrizione. Fig. 4 CCT e presenze turistiche ufficiali (PTU) nel Comune di Manfredonia n. di turisti Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTU p/mese) 11

13 Fig. 5 CCT e presenze turistiche effettive (PTE) nel Comune di Manfredonia n. di turisti Gen. 52 Feb. 86 Mar. 124 Apr. 175 Mag Giu. Lug. Ago Set. Ott. 79 Nov Dic. 75 CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTE p/mese) Concentrando l attenzione sulla situazione relativa al Comune di Vieste, si ricorda che il calcolo della sua soglia di CCT ha prodotto un risultato pari a circa turisti/visitatori giornalmente ospitabili. Rispetto alla situazione di Manfredonia, il Comune di Vieste pur presentando una CCT ben più ampia si trova a sopportare un flusso turistico di gran lunga più consistente, che determina una situazione molto più critica. Infatti, già se si considerano solamente i dati sulle PTU al 2003, si osserva come la soglia di CCT resta superata per tutto il periodo estivo, ovvero nei mesi di giugno, luglio, agosto, e settembre, nei quali la presenza media giornaliera risulta rispettivamente di , , e turisti/visitatori rispetto ai tollerabili. Una situazione pressoché analoga si riscontra se si considera il dato della PTE osservato nello stesso anno. Invero, il trend resta molto simile, sebbene l entità del dato medio giornaliero aumenti in modo consistente facendo contare nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre rispettivamente un numero di , , , turisti/visitatoti. Fig. 6 CCT e presenze turistiche ufficiali (PTU) nel Comune di Vieste n. di touristi Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Sett. Ott. Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTU p/mese) 12

14 Fig. 7 CCT e presenze turistiche effettive (PTE) nel Comune di Vieste Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Sett. Ott. n. di touristi Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTE p/mese) I dati sulle presenze turistiche ufficiali (PTU) ed effettive (PTE) relativi al 2004 permetterebbero di svolgere analoghe considerazioni a quelle appena affrontate. Esse sono implicitamente accolte nelle rappresentazioni contenute nei grafici di seguito riportati. Fig. 8 CCT e presenze turistiche ufficiali (PTU) nel Comune di Vieste n. di touristi Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Sett. Ott. Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTU p/mese) Fig. 9 CCT e presenze turistiche effettive (PTE) nel Comune di Vieste n. di touristi Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Sett. Ott. Nov. Dic. CCT giornaliera (max n. di turisti) n. di turisti giornalmente presenti (media giornaliera delle PTE p/mese) 13

15 Riferimenti bibliografici Archer B. and Cooper C., 1994, The Positive and Negative Impact of Tourism, in Theobald W. (editor), Global Tourism. The Next Decade, Butterworth Heinemann, Oxford Atkinson G., Dubourg R., Hamilton K., Munasinghe M., Pearce D. and Young C., 1997, Measuring Sustainable Development: Macroeconomics and the Environment, Edward Elgar Publishing Ltd., Cheltenham, UK. Boyd S. W. and Butler R. W., 1996, Managing Ecotourism: An Opportunity Spectrum Approach, Tourism Management, Vol. 17, N.. 8, pp Bramwell B. and Lane B., 1993, Sustainable Tourism: An Evolving Global Approach, in Journal of Sustainable Tourism, Vol. 1, N. 1 Canestrelli E. and Costa P., 1991, Tourist Carrying Capacity. A Fuzzy Approach, Annals of Tourism Research, Vol. 18, pp Cater E. and Goodall B., 1992, Must Tourism Destroy its Resource Base?, in Bowlby S. R. and Mannion A. M., Environmental Issues in the 1990s, Wiley, Chichester, pp Cronin L. 1990, A Strategy of Tourism and Sustainable Development, in World Leisure and Tourism, Vol 32, N. 3 Curry S. and Morvaridi B., 1992, Sustainable Tourism: Illustrations from Kenya, Nepal and Jamaica, in Cooper C. and Lockwood (Editors), Tourism Recreation and Hospitality Management, London English Tourist Board, 1991, Tourism and Environment: Maintaining the Balance, ETB, London France L. (editor), 1997, The Earthscan Reader in Sustainable Tourism, Earthscan Publications Ltd., London. Hunter C., 1995, Sustainable Tourism as an Adaptive Paradigm, in Annals of Tourism, Vol 24, N. 1 Inskeep E., 1991, Tourism Planning: An Integrated and Sustainable Development Approach, Routledge, London Lanza A. and Al., 2005, The Economics of Tourism and Sustainable Development, Elgar Edward Publications, UK Lindberg K., McCool S., and Stankey G., 1997, Rethinking Carrying Capacity, Annals of Tourism Research, Vol. 24, Part II, pp

16 MacGregor J. R., 1992, Sustainable Tourism Development, in Van Noshad Reinhold Encyclopedia of Hospitality and Tourism. Mathieson A. and Wall G., 1982, Tourism. Economic, Physical and Social Impacts, Longman, London-New York. Pazienza P., 2001, Policies for Sustainable Tourism Development in the Gragano National Park, PhD Thesis carried out at the Environment Department., University of York (UK). Seidl I. and Tisdell C. A., 1999, Carrying Capacity Reconsidered: From Malthus Population Theory to Cultural Carrying Capacity, Ecological Economics, Vol. 31, pp World Commission on Environment and Development, 1987, Our Common Future, Oxford University Press, New York. 15

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO NELL ANNO 2008 ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA Lucia Maddalena

Dettagli

LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010

LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010 LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010 IL VALORE DI ARCUS S.p.A.: LE RICADUTE DEGLI INVESTIMENTI SUL SISTEMA PAESE Ettore Pietrabissa Direttore Generale di Arcus S.p.A. 1 GLI EFFETTI

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli

9. LE DINAMICHE DEL TURISMO

9. LE DINAMICHE DEL TURISMO 9. LE DINAMICHE DEL TURISMO 9.1 Scenario nazionale e internazionale A livello mondiale, dopo un 29 che con il suo -4% aveva arrestato il trend di crescita iniziato nel 22, il 21 chiude con un segno positivo:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica IV trimestre 2013 (ottobre-dicembre 2013)

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica IV trimestre 2013 (ottobre-dicembre 2013) 16 Gennaio 2014 COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica IV trimestre 2013 (ottobre-dicembre 2013) L Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica comunica la sintesi dei principali aggiornamenti

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL ( a cura di Paolo Bonelli) 1) La Legge Regionale 16 Aprile 2004, N 8, Norme per il turismo in Lombardia. La nuova

Dettagli

Esempi di sensitivity analisys

Esempi di sensitivity analisys Esempi di sensitivity analisys SELEZIONE DI INVESTIMENTI: Un modello multiperiodale Prendiamo ora in esame un esempio di problema di selezione di investimenti che ci permette di evidenziare alcune possibilità

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche

Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche 1 Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche Sommario 2 Alcuni spunti teorici sul concetto di sostenibilità I tanti documenti programmatici sul turismo sostenibile Il contenuto del Report

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

17-OTT-2014 da pag. 9. Lettori: 189.000 Diffusione: 24.779. Dir. Resp.: Pierangelo Giovanetti. art EVIDENZA 15

17-OTT-2014 da pag. 9. Lettori: 189.000 Diffusione: 24.779. Dir. Resp.: Pierangelo Giovanetti. art EVIDENZA 15 Lettori: 189.000 Diffusione: 24.779 Dir. Resp.: Pierangelo Giovanetti 17-OTT-2014 da pag. 9 EVIDENZA 15 Lettori: n.d. Diffusione: 1.328 Dir. Resp.: Dionisio Ciccarese 15-OTT-2014 da pag. 5 EVIDENZA 20

Dettagli

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna In generale, la valutazione di una rete di monitoraggio ambientale deve

Dettagli

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione Il numero di indicatori che si possono stimare per monitorare una destinazione è potenzialmente molto ampio perché molteplici sono gli aspetti che richiederebbero un controllo costante e sistematico. E

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO CIPE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dicembre 2006 Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi Roma, dicembre 2006 INDICE 1 Premessa...3 2 SdF F e alternative

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2007

Dettagli

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09 Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo Executive Summary 12/02/09 Piano di Progetto Analisi dei dati di mercato Analisi dei dati

Dettagli

Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco

Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco La Raccomandazione sulla tutela legale dei traduttori e della traduzione e gli strumenti pratici per migliorare la condizione dei traduttori è stata

Dettagli

2.3.1 Impatti ambientali

2.3.1 Impatti ambientali 2.3.1 Impatti ambientali La definizione di sviluppo sostenibile comprende il principio della conservazione e della tutela delle risorse naturali, molte delle quali, una volta depauperate, non sono più

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte Valentina Battiloro (ASVAPP Progetto Valutazione) Luca Mo Costabella (ASVAPP Progetto

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione Corso di ECONOMIA INDUTRIALE roff Gianmaria Martini, Giuliano Masiero UNIVERITÀ DEGLI TUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria Lezione 13: Effetti della spesa pubblicitaria Ve 19 Nov 2004 Introduzione er

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013. Cognome Nome Matr Firma

Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013. Cognome Nome Matr Firma Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013 I seguenti dati rappresentano i valori di mercato di 30 azioni scambiate sulla borsa di New York (in

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Gli infortuni mortali sul lavoro: Efficacia degli interventi 1 Introduzione L International Labour Office stima

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

PROGETTO FORAS I RISULTATI DELL ASSISTENZA TECNICA

PROGETTO FORAS I RISULTATI DELL ASSISTENZA TECNICA PROGETTO FORAS I RISULTATI DELL ASSISTENZA TECNICA Indice LE ATTIVITÀ REALIZZATE NEL CORSO DELLA FORMAZIONE... 3 LE ATTIVITÀ DI ASSISTENZA TECNICA... 5 I RISULTATI IN TERMINI DI COINVOLGIMENTO IMPRENDITORIALE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULL EQUILIBRIO TECNICO DI UN PORTAFOGLIO ASSICURATIVO. Ing. Paolo LOSA

ALCUNE RIFLESSIONI SULL EQUILIBRIO TECNICO DI UN PORTAFOGLIO ASSICURATIVO. Ing. Paolo LOSA ALCUNE RIFLESSIONI SULL EQUILIBRIO TECNICO DI UN PORTAFOGLIO ASSICURATIVO Ing. Paolo LOSA L indice di rischio di un portafoglio è tanto più ridotto quanto più è elevato il numero dei rischi assicurati,

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Rapporto di Pre Audit Energetico. HOTEL Milano Febbraio 2013

Rapporto di Pre Audit Energetico. HOTEL Milano Febbraio 2013 Rapporto di Pre Audit Energetico HOTEL Milano Febbraio 2013 Agenda Main data We ReFeel The World Location 4 Struttura 5 Analisi preliminare 6 Findings & Milestones Analisi del consumo di energia elettrica

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Phil, M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Macroeconomia Applicata Prof.ssa

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Dualitá: definizione, teoremi ed interpretazione economica Raffaele Pesenti 1 Dualità 1.1 Definizione e teoremi Definizione 1 Dato un problema di LP in forma canonica max x = ct

Dettagli

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008 Roma, 17 febbraio 2009 La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre BILANCIA DEI PAGAMENTI SINTETICA (milioni di euro) dicembre 2007 dicembre 12 mesi terminanti a 12 mesi terminanti a dicembre 2007

Dettagli

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA Nei Paesi dell OCSE il turismo è una grande industria e come tale contribuisce direttamente per il 4,7% del PIL, il 6% dell occupazione, il 21% delle esportazioni

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE. Premessa

PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE. Premessa PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE Premessa Il presente documento, redatto ai sensi dell art. 1, comma 612, L. 190/2014, illustra il piano di razionalizzazione delle

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ 190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ [Questo paragrafo non fa parte del programma di esame] Nei modelli reali le variabili (primali) possono rappresentare, ad esempio,

Dettagli

Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici

Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato B 3.6 Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici Università degli Studi di Siena INDICE 1. Introduzione...3 2. Natura

Dettagli

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT Lezione n. 2 - PREVISIONE 1 PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT AUTORI Paolo Desinano Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo di Assisi Riccardo Di Prima Proxima Service INTRODUZIONE

Dettagli

Stampa Preventivo. A.S. 2009-2010 Pagina 1 di 6

Stampa Preventivo. A.S. 2009-2010 Pagina 1 di 6 Stampa Preventivo A.S. 2009-2010 Pagina 1 di 6 Insegnante PALLAVICINI ALESSAN Classe 5AT Materia inglese preventivo consuntivo 99 0 titolo modulo A world and its problems Hotels and Travel Agencies Tours

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

La competitività delle imprese turistiche italiane: caratteristiche e dinamiche evolutive

La competitività delle imprese turistiche italiane: caratteristiche e dinamiche evolutive La competitività delle imprese turistiche italiane: caratteristiche e dinamiche evolutive Prof. Antonello Garzoni Preside Facoltà di Economia Università LUM Jean Monnet di Casamassima (Bari) Direttore

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON RESIDENZIALE Guida all individuazione di opportunità di investimento Criteri di selezione 1/2 Nell ambito

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore?

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore? L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L approccio del valore l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

L ascolto del turista

L ascolto del turista IL TURISMO NELLA PROVINCIA DI LECCE Indagine conoscitiva sulle motivazioni della domanda turistica nella Provincia di Lecce 1 Estate 2005 L ascolto del turista La Provincia di Lecce, su proposta dell Assessorato

Dettagli

Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo

Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo L obiettivo del laboratorio, come già detto in precedenza, è di descrivere e utilizzare degli strumenti che ci consentono di valutare il mercato

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Progetto LIFE Ambiente Strategie e Strumenti per un Turismo Sostenibile nelle Aree Costiere del Mediterraneo RIMINI

Progetto LIFE Ambiente Strategie e Strumenti per un Turismo Sostenibile nelle Aree Costiere del Mediterraneo RIMINI Progetto LIFE Ambiente Strategie e Strumenti per un Turismo Sostenibile nelle Aree Costiere del Mediterraneo 1 Carta d identità del Progetto Life Il progetto è gestito dalla Provincia di Rimini (Italia),

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

L Agenda 21 del Comune di Pianezza: insieme per un futuro sostenibile

L Agenda 21 del Comune di Pianezza: insieme per un futuro sostenibile L Agenda 21 del : insieme per un futuro sostenibile L Agenda 21 Locale, come sarà meglio descritto nei paragrafi successivi, è un processo partecipato il cui obiettivo prioritario è quello informare e

Dettagli

Aspetti metodologici della valutazione economica

Aspetti metodologici della valutazione economica Aspetti metodologici della valutazione economica La valutazione economica può essere definita come l analisi comparativa dei corsi di azione alternativi in termini sia di costi, sia di conseguenze (Drummond

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA PENSION SOLUTIONS 2013 HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA I prodotti finanziari menzionati nel presente documento sono strumenti finanziari derivati.

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo SEZIONE 2 LA PRODUZIONE TURISTICA ARGOMENTI 2.3 2.4 L impresa di trasporto 2.5 L impresa di gestione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Un imperativo indilazionabile: la sostenibilità. Prof.ssa Ernestina Giudici

Un imperativo indilazionabile: la sostenibilità. Prof.ssa Ernestina Giudici Un imperativo indilazionabile: la sostenibilità Prof.ssa Ernestina Giudici ! La sostenibilità è una nuova sfida per l Umanità! Dalla prima conferenza di Stoccolma del 1972, molta strada è stata percorsa

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo

La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo Daniel Franco Daniel Franco 2008, All Rights Reserved 1 Sviluppo sostenibile: le definizioni 1972 Dichiarazione di Stoccolma sull'ambiente

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli