Documento del 15 Maggio. Istituto Tecnico per il Turismo Progetto ITER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 Maggio. Istituto Tecnico per il Turismo Progetto ITER"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE «Bernardino Lotti» MASSA MARITTIMA- GROSSETO Agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana Via della Manganella 3/5 tel Istituto Tecnico per il Turismo Progetto ITER Documento del 15 Maggio Consiglio di Classe 5 F a.s

2 INDICE GENERALE Indice pag. 1 Presentazione del Consiglio di Classe pag. 2 Presentazione della Classe pag. 3 Elenco delle alunne pag. 3 Relazione finale del Consiglio di classe pag. 4 Profilo dell indirizzo professionale pag. 5 Obiettivi del Consiglio di classe pag. 5 Coordinamento interdisciplinare pag. 6 Contenuti disciplinari svolti - attività integrative curriculari ed extracurriculari pag. 6 Mezzi, strumenti e tempi di lavoro pag. 8 Metodologie e strategie adottate pag. 8 Modalità di lavoro del Consiglio di classe pag. 9 Strumenti di verifica utilizzati dal Consiglio di classe pag. 10 Criteri di misurazione del profitto e di valutazione pag. 11 Criteri di valutazione del voto di condotta pag. 11 Criteri di attribuzione del credito scolastico e del credito formativo pag. 11 Tabella dei criteri di attribuzione del credito scolastico pag. 12 Indicazioni per la terza prova pag. 12 Elenco dei libri di testo pag. 13 Elenco degli allegati pag. 13 Firme pag. 14 Allegato A: Contenuti programmatici per ogni singola disciplina Allegato B: Griglie di valutazione approvate dal Collegio dei Docenti Allegato C: Esempi di simulazioni di prima, seconda e terza prova svolte durante l anno Allegato D: Relazioni finali dei docenti - 1

3 PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Disciplina Nome del Docente Continuità didattica dalla IV alla V Italiano Ciaffone Anna No Storia Follino Giuseppe No Lingua e Civiltà Inglese Zanaboni Elena Si Convers. in lingua straniera: inglese Donna Stiles No Lingua e Civiltà Francese Fabianelli Debora No Convers. in lingua straniera: francese Gonnelli Silvana Sì Lingua e Civiltà Tedesca Lorenzoni Stefania Sì Convers. in lingua straniera: tedesco Sibylle Lauber Sì Matematica e Informatica Pentucci Claudette No Discipline Turistiche e Aziendali Masini Susanna No Geografia Turistica Pareschi Sauro No Arte e Territorio Lescai Irene No Diritto e Legislazione Turistica Simoncelli Maria Elena No Educazione fisica Rovai Giancarlo No Religione Pampana Marco Si - 2

4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Numero delle studentesse 8 Maschi 2 Femmine 6 Età media 19 Provenienza: stessa scuola 8 altra scuola 0 Promozione dalla classe precedente 8 ripetenti 0 Abbandoni o ritiri durante l anno scolastico: 1 Elenco delle alunne della classe 5 F Istituto Tecnico per il Turismo - Progetto Iter Bartolozzi Bellini Bellosi Biagioni Fei Lattuca Mosca Minucci Agnese Martina Cecilia Simone Sara Francesca Nicole Franco - 3

5 RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE La classe è composta da 8 alunni, un alunna non ha mai frequentato e si è ritirata durante l anno scolastico. Ha avuto un percorso scolastico piuttosto travagliato: originariamente il gruppo classe era molto più numeroso, alcuni alunni hanno cambiato indirizzo di studio, o si sono ritirati, altri sono stati respinti. Inoltre ciò che sicuramente ha caratterizzato il percorso di studio di questa classe, è stata la mancanza di continuità didattica in numerosi insegnamenti ( in alcune discipline sono cambiati docenti ogni anno scolastico) : questo ha comportato difficoltà da parte degli alunni nell affrontare lo studio delle varie materie ed ha sicuramente inciso negativamente sulla preparazione globale, anche negli alunni con maggiori potenzialità. Si presenta come un gruppo formato da individualità molto diverse tra loro per carattere, interessi ed inclinazioni personali e ha mantenuto nel corso dell anno un comportamento corretto. La partecipazione, anche se a fasi alterne, si è dimostrata sostanzialmente attiva; talora sono state necessarie sollecitazioni e stimoli da parte dei docenti, specie per un gruppo di alunni della classe che tendeva ad una certa passività. A tal riguardo ha inciso sicuramente positivamente il progetto di Alternanza Scuola- Lavoro sullo sviluppo del Turismo nel comune di Massa Marittima che ha impegnato gli alunni nella realizzazione della pagina Facebook dell Ostello Sant Anna di Massa Marittima, di due pacchetti turistici tematici legati all enogastronomia ( sia in lingua tedesca che inglese) e nella organizzazione di un Convegno sul turismo. In questa attività gli alunni hanno dimostrato responsabilità e correttezza negli impegni assunti. Per quanto riguarda il livello medio di preparazione, la classe può essere suddivisa in due gruppi: un primo gruppo, grazie all impegno e studio costante e a capacità di rielaborazione personale, ha raggiunto una preparazione che si attesta tra il più che sufficiente, buono. Un secondo gruppo si attesta su livelli di sufficienza : all interno di questo ci sono alunni che si sono impegnati, ma lo studio è risultato mnemonico e superficiale, ed altri che hanno dimostrato uno studio non sempre adeguato, ma che nell ultima parte dell anno hanno evidenziato miglioramenti rispetto ai livelli di partenza, anche grazie ad un impegno più intenso. Per il rapporto con i genitori tutti i docenti hanno messo a disposizione un ora di ricevimento con cadenza quindicinale e sono stati inoltre fatti due incontri collegiali (uno a dicembre e l altro ad aprile). A metà del 2 periodo (Semestre) sono state inviate alle famiglie delle note infrasemestrali di profitto con osservazioni sulla frequenza, l impegno, l interesse e la partecipazione. Sono state effettuate simulazioni delle prove scritte d esame di Italiano, Discipline Turistiche (la disciplina oggetto nel corrente anno scolastico di seconda prova) e di terza prova. In appendice al Documento vengono allegati, a titolo d esempio, i testi relativi alle simulazioni rispettivamente di prima, seconda e terza prova somministrate nel corso del presente anno scolastico. - 4

6 PROFILO PROFESSIONALE Il Tecnico per il Turismo, oltre a poter accedere all Università, può svolgere attività nei seguenti campi fondamentali: analisi del territorio e delle risorse ambientali e culturali, attività connesse alla progettazione, al coordinamento, alla pubblicizzazione e alla gestione di iniziative turistiche, relative alle aziende ricettive, ai trasporti, alla ristorazione, agli aspetti ricreativi e culturali, sia in ambito pubblico che privato o nella libera professione. Le competenze e le capacità professionali del Tecnico per il Turismo nei campi del marketing, della progettazione, della consulenza, delle pubbliche relazioni, della comunicazione e della documentazione ne fanno una figura professionale moderna, versatile e poliedrica. Il progetto sperimentale ITER tende a formare operatori di livello intermedio con forti capacità relazionali, creative e progettuali volte alla valorizzazione e al potenziamento dei servizi soprattutto turistici. L obiettivo del corso, pertanto, è l acquisizione di competenze linguistico-comunicative e giuridico-economiche abbinate ad un ampia cultura storico-artistica, così da permettere la gestione informatizzata di realtà aziendali nel settore turistico. Gli sbocchi professionali sono l inserimento diretto nel mondo del lavoro (impiego in agenzie, enti turistici, commerciali, di trasporto, hostess di terra e di volo), oppure la specializzazione in particolari settori, grazie alla frequenza di corsi postdiploma (operatore congressuale, direttore d agenzia, accompagnatore e guida turistica). 1) Generali e trasversali Formativi comportamentali: OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Cognitivi: I seguenti obiettivi sono stati conseguiti in misura differenziata rispetto ai singoli candidati: potenziamento delle capacità logiche. comprensione dei contenuti disciplinari. comprensione dei testi e loro uso. acquisizione di strumenti logico-espressivi (proprietà e uso differenziato del linguaggio). correttezza espositiva, sia scritta che orale. capacità di ascolto, d interpretazione e di rielaborazione personale dei contenuti. acquisizione di un metodo di studio. competenze e capacità professionali, tali da consentire un buon inserimento nel mondo del lavoro. 2) Obiettivi specifici del corso di studi: Sia in un contesto di lavoro autonomo che in un contesto di servizio presso enti pubblici o privati, gli alunni sono in grado di: In termini di conoscenza: Conoscere gli aspetti fondamentali della cultura storico-artistica e dei beni culturali sia locali che nazionali; accettabile conoscenza di tre lingue straniere comunitarie oltre alla lingua madre; cognizione delle normative europee e delle leggi nazionali inerenti il turismo e gli aspetti ad esso collegati. In termini di competenza: - Descrivere e documentare progetti di accoglienza e di servizi per il turismo in genere, tracciare itinerari e proporre iniziative di marketing - Consultare manuali d uso, documenti tecnici, economici e gestionali. Orientarsi nelle fasi di booking, nell organizzazione di manifestazioni di diverso genere e soluzione delle problematiche - 5

7 dell ospitalità e della partecipazione. In termini di capacità: - Ha discrete capacità relazionali, sa usare gli strumenti della comunicazione, conosce approssimativamente le potenzialità del territorio in cui opera, le offerte turistiche, le manifestazioni culturali e le mostre permanenti e temporanee. - Ha esperienza diretta, acquisita in stage, del lavoro di agenzia, delle strutture turistiche in genere, delle fiere e delle strutture alberghiere o dell ospitalità. COORDINAMENTO INTERDISCIPLINARE La programmazione è stata inizialmente concordata sulla base di una consultazione tra i docenti per aree disciplinari. In particolare il coordinamento è risultato utile ed efficace tra i docenti delle discipline professionali e delle lingue e tra queste e italiano. Ciò ha consentito, in un ottica di flessibilità, di definire meglio i contenuti, evitando sovrapposizioni e ottimizzando i tempi di svolgimento e le verifiche. Per informazioni più dettagliate su contenuti e metodi specifici delle varie discipline si rinvia alle relazioni e ai programmi svolti dai docenti di seguito riportati. CONTENUTI DISCIPLINARI SVOLTI - ATTIVITÀ INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Per quanto riguarda i contenuti disciplinari svolti nelle singole materie si rimanda alle relazioni dei docenti che sono unite al presente documento nell allegato B. Al fine di incentivare l interesse delle alunne e permettere loro di approfondire le conoscenze o di affrontare nuovi argomenti sono state effettuate le seguenti visite guidate: Luogo visitato Tematiche Discipline coinvolte Pisa Follonica Massa Marittima Massa Marittima Mostra Andy Warhol Museo del Magma Ostello Sant Anna Pian de Mucini Geografia, Arte e territorio Inglese, Arte e territorio Lingua e civiltà Tedesca diritto Lingua e civiltà Tedesca diritto Docente accompagnatore Lescai Irene Elena Zanaboni Irene Lescai Stefania Lorenzoni M.Elena Simoncelli Stefania Lorenzoni M.Elena Simoncelli - 6

8 Per l area di eccellenza Attività / progetto / corso Discipline coinvolte Numero studenti Giochi di Archimede matematica 8 Concorso Rotary Cultura generale 8 Certificazione PET B1 inglese 1 Descrizione progetto tiro a volo In collaborazione con la federazione italiana tiro a volo, come da collaborazione pluriennale ormai consolidata negli anni, il nostro istituto si avvale della possibilità di far conoscere questa disciplina olimpica ai nostri studenti, viste anche le professionalità interne al nostro istituto. Quest anno gli alunni hanno partecipato al progetto coordinato dall insegnante di Educazione Fisica in due fasi: una prima parte di teoria in classe in cui il prof Bracalini, delegato della Federazione Tiro a Volo, ha illustrato le caratteristiche delle specialità ed una lezione pratica presso il poligono di tiro di Follonica, per mettere in pratica le nozioni apprese in classe. Alternanza scuola-lavoro La classe è stata coinvolta nel progetto di alternanza scuola lavoro che ha avuto un alta valenza formativa professionalizzante e che ha portato alla realizzazione dei seguenti obiettivi : creazione e cura della pagina Facebook dell Ostello Sant Anna in tre lingue inglese, tedesco e francese: il fine è quello di far conoscere attraverso il social web la struttura a tutti i gruppi di carattere sportivo, religioso, sociale. creazione di mini pacchetti turistici tematici in forma digitale Creazione di un opuscolo Il Turismo Sportivo e il Turismo Tematico da distribuire sul territorio e da pubblicizzare in rete Realizzazione di un convegno dal titolo Turismo locale, opportunità e sviluppo: i giovani ci mettono la faccia Materie coinvolte : lingua e civiltà tedesca, lingua e civiltà inglese, lingua e civiltà francese, arte e territorio, diritto e legislazione turistica. Descrizione esperienza di stage aziendale 1- Bartolozzi Agnese - dal 12/02/2012 al 18/03/2012 Progetto Leonardo 5 settimane a Bordeaux così articolato Le prime 2 settimane, corso di lingua francese le ultime 3 settimane dal 27/02 al 17/03 stage in un hotel. - Stage presso Hotel "Golfo del Sole" Follonica 2/07/ /07/ Stage presso agenzia viaggi " I viaggi di Chiara e Marzia" Massa Marittima 2/07/ /07/2013-7

9 2 Bellini Martina - Stage presso Agenzia di viaggi "Il Pippolo" - Stage presso Village Palace " Corte dei Tusci". 3 - Fei Sara - Progetto Leonardo 5 settimane a Bordeaux così articolato Le prime 2 settimane, corso di lingua francese le ultime 3 settimane dal 27/02 al 17/03 stage presso Etap Hotel di Bordeaux - stage presso il Borgo Etrusco, Zavorrano. - stage presso la Porta del Parco, a Monterotondo Marittimo 4 Lattuca Francesca - Stage presso Borgo Etrusco c.v.a. ( casa e appartamenti per vacanze). - Stage presso Corte dei Tusci. 5 Mosca Nicole - stage presso Il Golfo del sole a Follonica - stage presso agenzia di viaggi Farolito a Follonica Partecipazione al viaggio d istruzione Destinazione Studenti partecipanti Docente accompagnatore Dublino 7 Zanaboni Elena Attività di orientamento universitario Nell anno in corso si sono svolte visite individuali e organizzate dalla scuola nelle sedi universitarie di Siena, Pisa e Firenze, nei giorni indicati e/o concordati dagli stessi atenei. MEZZI, STRUMENTI E TEMPI DI LAVORO E stata conferita la massima trasparenza alla attività educativa e didattica, definendo chiaramente le abilità richieste e i criteri di valutazione adottati. Durante il processo educativo sono state attentamente considerate le difficoltà incontrate degli alunni, le loro richieste e le loro proposte, cercando di creare in classe un clima di dialogo e di collaborazione. Il momento della verifica è stato generalmente valorizzato senza drammatizzarlo e senza svilirne in alcun modo la serietà e l importanza. Sono stati stimolati il ragionamento, l osservazione critica e la rielaborazione personale. I docenti hanno utilizzato tutti la lezione frontale. In quasi tutte le discipline sono state svolte lezioni multimediali, lavori di gruppo, simulazioni, problem solving e lezioni con esperti. I tempi di lavoro previsti nella programmazione didattica modulare annuale sono stati quasi sempre pienamente rispettati salvo quando è stato necessario riprendere parti di programma dei precedenti anni per colmare lacune o fare ripassi. - 8

10 METODOLOGIE E STRATEGIE ADOTTATE Le metodologie adottate sono state essenzialmente incentrate su lezioni frontali alternate a lezioni interattive e gli strumenti utilizzati sono stati sia quelli tradizionali (lavagna, fotocopie ad integrazione del testo), computer, strumenti multimediali, Lim. Si ribadisce che si è sempre cercato di uniformare il linguaggio tecnico delle materie di indirizzo, curandone gli aspetti di interdisciplinarietà. Modalità di sostegno e di recupero Le attività di sostegno e recupero sono state svolte in itinere. Modalità di verifica: La verifica è stata fatta con prove scritte, interrogazioni orali frontali, test a risposta multipla, a risposta aperta, esercizi di vario genere, esercitazioni sulle tipologie proposte dall Esame di Stato. MODALITÀ DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITÀ Italiano Storia Matematica e Informatica Inglese Francese Tedesco Diritto Discipl. Turistiche Arte e Territorio Geografia Turistica Ed. Fisica Religione Lezione frontale X X X X X X X X X X X X Lezione con esperti X X X X Lezione multimediale X X X X X X X X X X X Lezione pratica X X X X X X X Problem solving X X X X X X X Esercitazioni X X X X X X X X X X X X Lavoro di gruppo X X X X X X X X Discussione guidata X X - 9

11 STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITÀ Italiano Storia Matematica e Informatica Inglese Francese Tedesco Diritto Discipl. Turistiche Arte e Territorio Geografia Turistica Ed.Fisica Religione Colloquio X X X X X X X X X X X Elaborati scritti Prova di Lab. / multimediale X X X X X X X X X X X X X X Prova pratica X Risoluzione di casi/problemi Prova strutturata/ semistrutturata X X X X X X X X X X X X Relazione X X X Esercizi X X X X X X Altro X CRITERI DI MISURAZIONE DEL PROFITTO E DI VALUTAZIONE Si fa riferimento alla griglia di misurazione del profitto e di valutazione approvata dal Collegio docenti e allegata al presente documento. Verranno in particolar modo considerati i seguenti elementi: Assiduità nella frequenza scolastica e costanza nello studio a casa Miglioramenti mostrati in itinere rispetto ai livelli di partenza Superamento dei debiti formativi Interesse ed impegno nella partecipazione al dialogo educativo Interesse ed impegno nella partecipazione alle attività complementari ed integrative offerte dalla scuola. - 10

12 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA Si fa riferimento alla griglia di misurazione del voto di condotta approvata dal Collegio Docenti e allegata al presente documento. CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E DEL CREDITO FORMATIVO Elementi che concorrono alla determinazione del credito scolastico: - Profitto (Vedi tabella A art. 15 comma 3, Reg. D.P.R. 323/98 e successivo D.M. 42 del 22 Maggio 2007) -Assiduità nella frequenza scolastica -Interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo -Interesse e impegno nella partecipazione alle attività complementari e integrative offerte dalla scuola -Certificazione europea sulla conoscenza della lingua straniera -Patente europea del computer -Miglioramento rispetto ai livelli di partenza Credito formativo: Elementi da valutare riguardano il riconoscimento di esperienze che danno luogo all acquisizione di crediti formativi che, secondo il D.M , riconosciuti per attività esterne alla scuola e certificati quali: -Esperienze di lavoro significative e pertinenti agli ambiti disciplinari -ECDL -Esperienze di volontariato non occasionali -Educazione musicale significativa -Certificazione delle lingue straniere -Attività agonistiche almeno a livello regionale La documentazione relativa al credito formativo deve consistere in un attestazione proveniente dall Ente, Associazione od Istituzione presso il quale il candidato ha realizzato l esperienza e contenente una sintetica descrizione dell esperienza stessa. Tale documentazione deve pervenire all Istituto entro il 31 Maggio 2013 per consentirne l esame e la valutazione da parte degli organi competenti. Le certificazioni comprovanti attività lavorative devono indicare l ente a cui sono stati versati i contributi di assistenza e previdenza ovvero le disposizioni normative che escludano l obbligo dell adempimento contributivo. Per l attribuzione del credito formativo si fa riferimento inoltre ai criteri stabiliti dal Collegio Docenti d Istituto. Nella valutazione del credito formativo si terrà conto dell andamento scolastico dello studente. Criteri di attribuzione del credito scolastico Gli elementi che concorrono alla determinazione del credito scolastico sono indicati dalla tabella di legge: - 11

13 PROFITTO Credito scolastico per candidati interni (punti) Media dei voti 3 anno 4 anno 5 anno M= <M <M <M <M Nell ambito della banda di oscillazione il punteggio è attribuito sulla base della media dei voti riportati, dell impegno, dell assiduità alla frequenza, dell interesse dimostrato, dei progressi compiuti rispetto ai livelli di partenza e di eventuali crediti formativi. INDICAZIONI PER LA 3 PROVA Nel corso dell anno scolastico sono state svolte n 3 simulazioni della 3 prova d esame per: 1- Materie: Lingua e civiltà Inglese, Diritto e legislazione turistica, matematica, geografia turistica TIPOLOGIA B (2 domande a risposta breve aperta) e C (4 domande a risposta multipla) per ogni materia. Tempo a disposizione 120 minuti 2 - Materie: Lingua e civiltà tedesca, arte e territorio, storia, lingua e civiltà francese TIPOLOGIA B (2 domande a risposta breve aperta) e C (4 domande a risposta multipla) per ogni materia Tempo a disposizione 90 minuti 3 - Materie : diritto e legislazione turistica, arte e territorio, lingua e civiltà tedesca, lingua e civiltà inglese TIPOLOGIA B (2 domande a risposta breve aperta) e C (4 domande a risposta multipla) per ogni materia Tempo a disposizione 90 minuti Per quanto riguarda i criteri di valutazione si fa riferimento alle griglie approvate dal Collegio Docenti. Considerato il gradimento espresso dalle alunne, risulta evidente una certa predisposizione allo svolgimento di una prova con quesiti misti: a risposta multipla ed a risposta aperta (B + C). In allegato si riportano i test proposti. - 12

14 ELENCO LIBRI DI TESTO DISCIPLINA Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Lingua e Civiltà Francese Lingua e Civiltà Tedesca Matematica e Informatica Discipline Turistiche e Aziendali Arte e Territorio Geografia Turistica Diritto e Legislazione Turistica Ed. Fisica Religione LIBRI DI TESTO Di Sacco Le basi della letteratura Vol. A - B Ed. Mondadori Dante Alighieri Divina Commedia: Paradiso De Luna, Meriggi, Albertoni La storia al presente vol III Il Mondo Contemporaneo Ed. Paravia Bernardi-Fici, Brownlees Rosco Travel pass Ed. Valmartina Ponzi, Visintainer, Rousseau Décrytiez le tourisme Ed. Lang Brigliano, Buora, Doni, Marino Reisen neu, Deutschkurs für Tourismus Ed. Hoepli Maraschini, Palma, Olivieri Multi format n 31 - Matematica finanziaria e attuariale Ed. Paravia Castoldi Nuovo Turismo - I Prodotti Ed. Hoepli Dorsles, Dettesi Storia dell Arte 900 e oltre Ed. Atlas Bianchi, Kohler, Moroni Passaporto per il mondo Ed. De Agostini Martignago, Mistroni, Balacco, Fusco Conoscere e applicare la legislazione turistica Ed. Scuola e Azienda Nista, Tasselli In perfetto equilibrio D Anna Solinas Tutti i colori della vita Ed. SEI ALLEGATI A. Contenuti programmatici per ogni singola disciplina B. Griglie di valutazione approvate dal Collegio dei Docenti C. Esempi di simulazioni di prima, seconda e terza prova svolte durante l anno D. Relazioni finali dei docenti. - 13

15 Il presente documento è stato redatto, letto e approvato all unanimità nella seduta del Consiglio di Classe del 15 Maggio 2013 alla presenza dei sottoscritti docenti: Disciplina Nome del Docente firma Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Conversazione in lingua: inglese Lingua e Civiltà Tedesca Conversazione in lingua: Tedesco Lingua e Civiltà Francese Conversazione in lingua: francese Matematica e Informatica Discipline Turistiche e Aziendali Arte e Territorio Geografia Turistica Diritto e Legislazione Turistica Educazione Fisica Religione Ciaffone Anna Follino Giuseppe Zanaboni Elena Donna Stiles Lorenzoni Stefania Sibylle Lauber Fabianelli Debora Gonnelli Silvana Pentucci Claudette Masini Susanna Lescai Irene Pareschi Sauro Simoncelli Maria Elena Rovai Filippo Pampana Marco Dirigente Scolastico Presidente del Consiglio di Classe Dott.ssa Anna De Santis - 14

16 Istituto di Istruzione Superiore B. Lotti Via della Manganella 3/ Massa Marittima Tel fax ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ALLEGATO A PROGRAMMI Classe 5 F IT per il Turismo Progetto ITER a.s. 2013/

17 Allegato A INDICE Indice pag. 1 Programma di Italiano pag. 2 Programma di Storia pag. 5 Programma di Lingua e Civiltà Inglese pag. 7 Programma di Lingua e Civiltà Francese pag. 9 Programma di Lingua e Civiltà Tedesca pag. 12 Programma di Matematica e Informatica pag. 14 Programma di Discipline Turistiche e Aziendali pag. 15 Programma di Geografia Turistica pag. 17 Programma di Arte e Territorio pag. 18 Programma di Diritto e Legislazione Turistica pag. 20 Programma di Educazione Fisica pag. 22 Programma di Religione pag. 24 1

18 Allegato A Materia : ITALIANO Docente : Prof.ssa Anna Ciaffone Libri di testo : Di Sacco Le basi della letteratura Vol. A B Ed. Mondadori Dante Alighieri Divina Commedia: Paradiso Modulo 1 produzione scritta Laboratori di scrittura secondo le varie tipologie Modulo 2 conoscenze storico letterarie DALLA SCAPIGLIATURA AL VERISMO La scapigliatura Tra ottocento e novecento Contesto storico letterario Le avanguardie: futurismo, espressionismo, dadaismo, surrealismo Il naturalismo francese Gli scrittori veristi Giovanni Verga vita e opere Lettura di Nedda prefazione all Amante di Gramigna Fantasticheria La famiglia Toscano Libertà Mastro Don Gesualdo e Diodata La morte di Gesualdo Giosuè Carducci vita e opere Lettura di Pianto antico Traversando la maremma toscana Il comune rustico Nevicata La scapigliatura Lettura di Emilio Praga Preludio I simbolisti. Il mondo decadente Lettura di Baudelaire Spleen Gabriele d Annunzio vita e opere Lettura di Ritratto di esteta Il programma del superuomo La sera fiesolana La pioggia nel pineto I pastori Imparo un' arte nuova Giovanni Pascoli vita e opere Lettura di 2

19 Allegato A Il fanciullino non è un poeta né un oratore Arano Novembre Lavandare Tuono X agosto L assiuolo La mia sera Il gelsomino notturno Aldo Palazzeschi Lettura di E lasciatemi divertire Guido Gozzano Lettura di Totò Merumeni Italo Svevo vita e opere Lettura di Una vita : Gabbiani e pesci Senilità : un pranzo, una passeggiata la metamorfosi di Angiolina Il fumo Il funerale mancato La psicanalisi Luigi Pirandello vita e opere Lettura di L arte umoristica scompone Il treno ha fischiato Adriano Meis Io sono il fu Mattia Pascal La vita non conclude L ingresso di sei personaggi Nel retrobottega di Madama Pace L ETA CONTEMPORANEA Contesto storico culturale Giuseppe Ungaretti vita e opere Lettura di I fiumi San Martino del Carso Veglia Fratelli Soldati Mattina Umberto Saba vita e opere Lettura di la capra Città vecchia Goal Ulisse Salvatore Quasimodo vita e opere 3

20 Allegato A Lettura di Ed è subito sera Alle fronde dei salici Eugenio Montale vita e opere Lettura di i limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere Cigola la carrucola Non recidere forbice Il neorealismo Italo Calvino vita e opere Lettura di la pistola DIVINA COMMEDIA lettura e analisi 1, , , 1-36; 55-63; , 1-12; : 17, 18-36; 46-99; , 1-69 L insegnante Alunni 4

21 Allegato A Materia : STORIA Docente : Prof. Giuseppe Follino Libri di testo : G. De Luna, M. Meriggi, G. Albertoni La storia al presente vol. 3 Paravia L età degli stati-nazione 1 Modulo Dai processi di integrazione nazionale e le costruzioni sovranazionali alla rottura dell equilibrio europeo: Questioni politiche e istituzionali nella formazione dello Stato unitario in Italia Protezionismo, militarismo e stato interventista; i caratteri della seconda rivoluzione industriale Imperialismo e colonialismi Il Novecento 2 Modulo La dissoluzione dell ordine europeo: I segni precursori dell instabilità: competizioni interstatali e imperialismi, conflitti regionali, ideologie nazionaliste La prima guerra mondiale Le due rivoluzioni russe e il comunismo di guerra. I movimenti di massa in Europa e il fallimento della rivoluzione in occidente, La crisi dello stato liberale in Italia I trattati di pace e la nuova mappa geopolitica mondiale; i movimenti di liberazione nel Terzo mondo e il nodo del Medio oriente; le relazioni internazionali e la Società delle Nazioni La fabbrica del consenso (la radio, il cinema e i nuovi modelli della vita privata) 3 Modulo Dalla guerra alla guerra: strategie e tentativi di controllo della crisi: Scenari e attori internazionali della crisi; la frammentazione del mercato mondiale L emergenza totalitaria (lo stato fascista in Italia, l ascesa del nazismo in Germania, la diffusione dei regimi autoritari in Asia e in America latina) La sfida dell Unione Sovietica e il socialismo in un paese solo (l industrializzazione forzata e le basi sociali dello stalinismo, il partito-stato e il mosaico delle nazionalità) Crisi economica e risposte delle democrazie occidentali (gli Stati Uniti e il New Deal, le politiche economiche keynesiane in Francia e Gran Bretagna) L insicurezza collettiva e l erosione della pace (i fronti popolari, la guerra civile spagnola, l espansionismo hitleriano, il riarmo e il fallimento delle diplomazie) La seconda guerra mondiale come conflitto totale e le conseguenze politiche ed economiche 4 Modulo Il mondo bipolare: L ordine delle superpotenze (la conferenza di Yalta e la divisione del pianeta in sfere d influenza; gli accordi di Bretton Woods e il sistema economico internazionale, la nascita dell ONU, la fine della grande alleanza e la guerra fredda, il potere atomico e l equilibrio del terrore) L Italia repubblicana (istituzioni, sviluppo economico, lotta politica, squilibri sociali)* 5

22 Allegato A L esplosione della periferia (inflazione demografica e decolonizzazioni del Terzo Mondo, India e Cina due rivoluzioni a confronto, la crisi del sud-est asiatico, questione palestinese e conflitti arabo-israeliani, l emancipazione dell Africa, dipendenza economica e dittature militari in America latina)* *Questo argomento sarà trattato nel mese di maggio L insegnante Alunni 6

23 Allegato A Materia: LINGUA E CIVILTA' INGLESE Docente: Prof. ssa Elena Zanaboni Travel Pass,G. Bernardi Fici-N. Brownlees-S. Burns-A.M. Rosco, ed. Valmartina 1 modulo: DESTINATION ITALY Incoming Tourism Florence pag. 178 An itinerary in Tuscany pag. 182 Rome pag. 186 Approfondimento su Il nostro territorio: Massa Marittima con lavoro su power point prodotto dalla classe. Approfondimento sul concetto di turismo responsabile e target su libro Responsible tourism pag. 278 Target tourism modulo: DESTINATION UK and USA Destination UK About London pag. 208 London Landmarks pag. 215 Ireland pag. 228 Approfondimento pag. 342 del libro Dublin s most famous author: James Joyce Destination USA About New York pag. 232 The Top Ten sights in New York pag modulo: WORKING IN TOURISM Jobs in tourism Perspectives of work in tourism da pag. 294 a pag. 302 compresa (pag. 296, 297, 298 cenni) Looking for a job Getting ready for work pag. 306 Where to look for jobs pag. 308 Writing a CV pag. 312 Going for an interview pag. 315 Letter of application pag

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli