TURISMO SOSTENIBILE: CRONISTORIA DI UN MOVIMENTO GLOBALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TURISMO SOSTENIBILE: CRONISTORIA DI UN MOVIMENTO GLOBALE"

Transcript

1 TURISMO SOSTENIBILE: CRONISTORIA DI UN MOVIMENTO GLOBALE (dal documento della Regione Toscana: linee guida per progetti di cooperazione nello sviluppo turistico sostenibile ) Il concetto di Turismo Sostenibile si sviluppa e si articola in parallelo a quello più ampio di Sviluppo Sostenibile, generato da un vasto e composito movimento culturale di matrice ambientalista che a partire dagli anni 70 si diffonde rapidamente nei paesi occidentali interessando l urbanistica, l economia, la politica e infine le istituzioni. Nel 1967, in occasione del I anno internazionale del turismo promosso dall' OMT (Organizzazione Mondiale del Turismo) si manifestano le prime osservazioni critiche, da parte di organizzazioni religiose, sull'impatto del turismo su popoli e nazioni. Nel corso degli anni 70 si moltiplicano le pubblicazioni che denunciano le ricadute negative del turismo di massa sui paesi poveri e cominciano a teorizzare un nuovo tipo di turismo attento all'impatto ambientale e socioculturale sui paesi di destinazione. Nel 1971 il WTO adotta la Carta di Vienna in cui si esplicitano in modo chiaro e ufficiale per la prima volta le valenze non soltanto economiche ma anche sociali e culturali dello sviluppo turistico; Nel settembre 1980 nella conferenza dell'omt a Manila viene ribadita l importanza del turismo per lo sviluppo economico ma si segnala anche la necessità di garantire la salvaguardia delle risorse naturali e culturali delle destinazioni; in quella occasione viene anche indetta la Conferenza Cristiana d'asia che denuncerà il ruolo delle multinazionali nel settore sollevando anche la questione del turismo sessuale. Nel 1984 in Thailandia si svolge la terza conferenza mondiale di quello che ormai è un movimento di protesta contro il turismo di massa, durante la quale, finalmente emerge la speranza e la volontà di costruire un turismo realmente diverso. Nel settembre 1985, in occasione della 60 assemblea annuale del WTO a Sofia, viene approvata la Carta del Turista in cui si enunciano i principi a cui devono attenersi i turisti e le comunità ospitanti, rimarcando la necessità di rispettare le risorse e le identità delle destinazioni turistiche; Dalla conferenza del 1986 in Germania, nella quale per la prima volta sono invitati i rappresentanti dei paesi più poveri, viene prodotto nel 1987 il rapporto BRUNTLAND in cui compare il concetto di Sostenibilità dello sviluppo; La Conferenza Interparlamentare sul Turismo organizzata dal WTO a Hague (Olanda) dal 10 al 14 aprile 1989, richiamando la Dichiarazione Universale del Diritti dell Uomo adottata dall Assemblea delle N.U. il e il rapporto Bruntland, afferma la necessità di rispettare le soglie di tolleranza naturali, fisiche e culturali delle destinazioni (Carryng Capacity) Nel 1992, durante la Conferenza sullo Sviluppo della Terra organizzata dall ONU a Rio de Janeiro, viene sottoscritta da 180 paesi, tra cui l Italia, la ormai famosa Agenda 21 - Obiettivi e Strategie per il 21 secolo - che dà un impulso potente alla formulazione di politiche globali e nazionali tese ad assicurare uno Sviluppo Sostenibile, espressione entrata da allora nel vocabolario quotidiano di Statisti, Governanti e Amministratori. Nel 1993, in occasione dell'incontro annuale di TEN in Olanda, nasce in Italia un centro di ricerca e la formazione di accompagnatori che conducano viaggi responsabili nei paesi del Sud del mondo. A Milano si tiene un primo seminario sull'argomento.

2 Il 27/28 aprile 1995 si svolge a Lanzarote - Isole Canarie (Spagna), la Prima Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile che, richiamando la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Conferenza delle Nazioni Unite su Turismo e Viaggi Internazionali del 1963, la Convenzione sulla Biodiversità, la Convenzione del Patrimonio Mondiale, la Dichiarazione di Rio su Ambiente e Sviluppo, le raccomandazioni dell'agenda 21, la dichiarazioni di Manila sul Turismo Mondiale, la Dichiarazione dell'aja e la Carta del Turismo, approva la celebre Carta per un Turismo Sostenibile, vera pietra miliare di questo processo, che definisce con chiarezza e passione quelli che rimarranno i contenuti chiave del concetto e delle strategie di Turismo Sostenibile.

3 Il 22 ottobre 1995 viene approvata dalla Conferenza WTO del Cairo la Dichiarazione contro lo sfruttamento sessuale nel turismo, particolarmente quello infantile, sovversivo dei valori fondanti del turismo stesso, chiamando governi e operatori ad applicare misure di prevenzione e controllo. Nel 1996 la conferenza del BITS (Bureau International du Tourisme Social) approva la Dichiarazione di Montreal che ribadisce la centralità dello sviluppo del turismo sociale (ri)definendone le caratteristiche, richiama l attenzione su forme inaccettabili di sfruttamento delle popolazioni locali, che vanno fino alla prostituzione infantile, chiarisce con fermezza che gli apporti del turismo devono andare a beneficio di tutta la comunità, devono contribuire allo sviluppo sociale ed economico delle regioni e delle popolazioni nel loro insieme. Il settore turistico deve produrre occupazione e garantire, nello stesso tempo, i diritti fondamentali delle persone che vi lavorano. Nel 1997, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite tiene una sessione speciale per valutare i progressi dei primi cinque anni dall'approvazione dell'agenda 21 (Rio+5). L'Assemblea riconosce il carattere di disparità del progresso, e ne identifica i tratti caratteristici, compresa la crescente globalizzazione, che ampliano le disparità di reddito e continuano il deterioramento dell'ambiente. Il 23 novembre 1997 a Verona undici associazioni impegnate a vario titolo sul fronte del turismo fondano l AITR (Associazione Italiana per il Turismo Responsabile) e sottoscrivono un documento intitolato "Turismo responsabile: Carta d'identità per viaggi Sostenibili". Sempre nel 1997 (11 dicembre) nella città giapponese di Kyoto viene firmato l omonimo Protocollo in occasione della Conferenza COP3 della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) ed il riscaldamento globale. È entrato in vigore il 16 febbraio 2005, dopo la ratifica da parte della Russia. Il trattato prevede l'obbligo in capo ai paesi industrializzati di operare una drastica riduzione delle emissioni di elementi inquinanti (biossido di carbonio e altri cinque gas serra, precisamente metano, ossido di azoto, idrofluorocarburi, perfluorocarburi ed esafluoro di zolfo) in una misura non inferiore al 5,2% rispetto alle emissioni rispettivamente registrate nel 1990 (considerato come anno base), nel periodo È anche previsto lo scambio (acquisto e vendita) di quote di emissione di questi gas. Perché il trattato potesse entrare nella pienezza di vigore si richiedeva che fosse ratificato da non meno di 55 nazioni firmatarie, e che le nazioni che lo avessero ratificato producessero almeno il 55% delle emissioni inquinanti; quest'ultima condizione è stata raggiunta solo nel novembre del 2004, quando anche la Russia ha perfezionato la sua adesione. Il 1 ottobre 1999, durante la Conferenza WTO a Santiago del Cile, viene adottato il Codice Mondiale di Etica del Turismo, che arricchisce, articola e sistematizza gli assunti e gli obiettivi del turismo sostenibile definiti alcuni anni prima a Lanzarote. Il 2002 viene dichiarato "Anno Internazionale dell'ecoturismo" dalle Nazioni Unite. Con il patrocinio di United Nations Environment Programme (UNEP) e di World Tourism Organization (WTO) si svolge a Quebec, in Canada, dal 19 al 22 maggio, il Vertice Mondiale dell Ecoturismo in preparazione della Conferenza di Johannesburg sullo Sviluppo Sostenibile che si terrà nel mese di settembre dello stesso anno. Nel corso del vertice vengono tracciati i confini e le peculiarità dell Ecoturismo rispetto al più generale concetto di turismo sostenibile. Al Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile (Earth Summit 2002) di Johannesburg viene confermato

4 l'impegno delle Nazioni Unite per il pieno adempimento di Agenda 21 approvandone il Piano di Esecuzione, insieme al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e ad altri accordi internazionali. Dal 9 all 11 aprile 2003 si svolge a Djerba, in Tunisia, la Prima Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Turismo, organizzata dal WTO, nella quale, facendo riferimento al protocollo di Kyoto, si richiama l attenzione di governi e operatori sull urgenza di nuove e più corrette metodologie di utilizzo delle risorse naturali nelle attività turistiche, particolarmente nei paesi più piccoli e poveri; In data 19 gennaio 2006, Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha approvato la cosiddetta Dichiarazione di Barcellona sul Turismo Sociale, in cui si affrontano le questioni legate alla più equa e diffusa fruizione del al turismo, riconosciuto come diritto pertinente a tutti i cittadini indipendente dalle condizioni economiche e sociali.

5 DEFINIZIONI DI TURISMO SOSTENIBILE Quella del turismo sostenibile è stata e rimane una categoria concettuale in evoluzione, le cui definizioni si sono precisate e sviluppate nel corso del tempo, parallelamente alla crescita della sensibilità sulle tematiche che ne sono alla base; su cui si sono innestate anche vecchie e nuove definizioni connotate da aree di valori e contenuti più specialistici e circoscritti, in particolare quelle di Turismo Sociale, Responsabile, Accessibile, e di Ecoturismo. La prima consapevole e sistematica definizione del Turismo Sostenibile è generalmente considerata quella contenuta nella Carta di Lanzarote (1995) che, già nelle premesse, stabilisce il quadro problematico di riferimento: riconoscendo che il turismo è un fenomeno ambivalente poiché può potenzialmente contribuire al raggiungimento di obiettivi socio-economici e culturali ma può anche, allo stesso tempo, essere causa del degrado ambientale e della perdita di identità locali, deve essere affrontato con un approccio globale; consapevoli che le risorse sulle quali è basato il turismo sono limitate e che c'è una richiesta crescente per una migliore qualità dell'ambiente. Per poi passare successivamente, in modo conciso ma estremamente efficace, all individuazione dei principi base del turismo sostenibile: (Stralci liberamente estratti) - Deve essere ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi delle comunità locali. - Il turismo dovrebbe assicurare un'evoluzione accettabile per quanto riguarda l'influenza delle attività sulle risorse naturali, sulla biodiversità e sulla capacità di assorbimento dell'impatto e dei residui prodotti. - Il turismo deve valutare i propri effetti sul patrimonio culturale e sugli elementi, le attività e le dinamiche tradizionali di ogni comunità locale. - Il contributo attivo del turismo a uno sviluppo sostenibile presuppone necessariamente solidarietà, rispetto reciproco e partecipazione da parte di tutti gli attori coinvolti nel processo, e in particolare degli autoctoni dei paesi coinvolti. - La conservazione, la protezione e la consapevolezza del valore delle nostre risorse naturali e culturali costituiscono un'area privilegiata per la cooperazione; - La protezione della qualità della destinazione turistica e la capacità di soddisfare i turisti devono essere determinate dalle comunità locali in consultazione con gli enti coinvolti e le parti interessate; - Per essere compatibile con lo sviluppo sostenibile, il turismo dovrebbe basarsi sulla diversità delle opportunità offerte dalle economie locali. Dovrebbe quindi essere completamente integrato con lo sviluppo economico locale e contribuire positivamente allo stesso. - Gli spazi ambientalmente e culturalmente vulnerabili, ora e in futuro, dovranno avere una priorità particolare nella cooperazione tecnica e negli aiuti finanziari per uno sviluppo del turismo sostenibile.

6 - Attenzione dovrebbe essere prestata al ruolo e agli effetti ambientali dei trasporti nel turismo e dovrebbero essere individuati e sviluppati strumenti economici per ridurre l'uso di energie non rinnovabili. La successiva adozione del Codice Mondiale di etica del Turismo, avvenuta a Santiago del Cile nel 1999, articola ulteriormente valori e comportamenti del turismo sostenibile: - I responsabili dello sviluppo turistico e i turisti stessi dovranno rispettare le tradizioni e le pratiche sociali e culturali di tutti i popoli, comprese quelle delle minoranze e delle popolazioni autoctone, e riconoscere il loro valore. - Le attività turistiche dovranno essere condotte in armonia con le specificità e le tradizioni delle regioni e dei paesi di accoglienza e nel rispetto delle loro leggi, usi e costumi. - Le comunità di accoglienza, da una parte, ed i professionisti del posto, dall altra, dovranno imparare a conoscere e rispettare i turisti che li visitano, ed informarsi sui loro stili di vita, gusti e aspettative; - Le attività turistiche dovranno rispettare l uguaglianza degli uomini e delle donne; dovranno promuovere i diritti umani e, soprattutto, i diritti particolari dei gruppi più vulnerabili, specialmente dei bambini, delle persone anziane o portatrici di handicap, delle minoranze etniche e delle popolazioni autoctone. - Lo sfruttamento degli esseri umani in qualsiasi forma, in modo particolare quello sessuale, e specialmente quando si riferisce ai bambini, si scontra con gli obiettivi fondamentali del turismo e costituisce la negazione dello stesso;

7 - Tutti i responsabili dello sviluppo turistico dovranno salvaguardare l ambiente e le risorse naturali, con la prospettiva di una crescita economica sana, continua e sostenibile, tale da soddisfare in modo equo le necessità e le aspirazioni delle generazioni future; - Tutte le forme di sviluppo turistico che permettono di economizzare le risorse naturali rare e preziose, in particolare l acqua e l energia, nonché di evitare per quanto possibile la produzione di rifiuti dovranno essere privilegiate ed incoraggiate dalle autorità pubbliche, nazionali, regionali e locali. - Lo scaglionamento sia in termini di tempo che spazio dei flussi di turisti e visitatori, specialmente quelli derivanti dai congedi retribuiti e dalle vacanze scolastiche, così come una distribuzione delle ferie più equilibrata, dovrebbero essere incoraggiati.. - Le infrastrutture turistiche dovranno essere concepite e le attività turistiche programmate in modo tale da tutelare il patrimonio naturale costituito dagli ecosistemi e dalla biodiversità e da preservare le specie minacciate della fauna e della flora selvatiche; - Il turismo nella natura e l ecoturismo sono riconosciuti come forme di particolare arricchimento e valorizzazione del turismo, a condizione che rispettino il patrimonio naturale e le popolazioni locali - Dovrà essere incoraggiato l accesso del pubblico ai beni ed ai monumenti culturali privati, così come agli edifici religiosi - L attività turistica dovrà essere concepita in modo tale da permettere ai prodotti culturali ed artigianali tradizionali ed al folklore di sopravvivere e prosperare piuttosto che causare un loro impoverimento e standardizzazione. - Le popolazioni locali dovranno prendere parte alle attività turistiche e condividere in modo equo i benefici economici, sociali e culturali che queste determinano, con particolare riferimento alla creazione dell occupazione diretta ed indiretta che ne consegue. - La concezione urbanistica ed architettonica e la gestione delle stazioni turistiche e delle strutture di accoglienza dovranno mirare ad una loro integrazione, nella misura possibile, nel tessuto economico e sociale locale; in caso di pari capacità, la priorità dovrà essere accordata alla manodopera locale. Il turismo responsabile Sebbene nei documenti del WTO i due termini siano usati spesso in modo intercambiabile, si è consolidata nel tempo l adozione del termine di Turismo Responsabile per indicare l insieme di valori e norme di comportamento da seguire da parte di chi fa turismo. Se il concetto di Turismo Sostenibile fa dunque riferimento alle politiche dei Governi nazionali e locali ed è quindi principalmente rivolto agli attori dell offerta turistica, il Turismo Responsabile ne è la speculare riproposizione a chi compone la domanda turistica e dunque principalmente agli operatori dell outgoing e agli stessi turisti; valori e prescrizioni sono dunque pensati per essere compresi e attuati da parte degli utenti finali del turismo, di coloro che viaggiano, che visitano paesi stranieri. Nel 1997 è nata AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), un'organizzazione che ha per scopo la diffusione dei principi contenuti nella Carta d'identità per viaggi sostenibili, sottoscritta all'atto della fondazione. Nell ottobre 2005, a Cervia, L AITR approva la seguente definizione di Turismo Responsabile: Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente

8 responsabile del proprio territorio. Opera favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori. Se per sostenibilità si intende un modo di operare che possa essere "sopportato" dall'ambiente in senso lato (naturale, umano) in modo da conservarne nel tempo la qualità e le caratteristiche essenziali, e per responsabilità la consapevolezza delle proprie azioni e l'impegno a farsi carico delle conseguenze, allora i due termini si completano l'un l'altro: infatti il turismo per poter essere sostenibile deve necessariamente perseguire la responsabilità, a tutti i livelli, e un turismo in cui tutti i soggetti coinvolti svolgano il proprio ruolo con responsabilità, nel rispetto reciproco, non può che essere sostenibile. Anche come turisti abbiamo la possibilità di fare qualcosa. Possiamo esercitare il nostro potere decisionale, indirizzando le nostre scelte verso soluzioni più rispettose dell'ambiente e della gente nei luoghi di destinazione. Questo implica in primo luogo la necessità di essere informati, di riflettere sui nostri reali bisogni e aspettative, per poter scegliere il tipo di vacanza e di destinazione più "adatti" a noi. Il passo successivo riguarda l'organizzazione del viaggio, la scelta del Tour Operator o delle sistemazioni e dei mezzi di trasporto, se siamo viaggiatori indipendenti. Infine, durante il viaggio, il modo in cui ci rapportiamo con la gente, quello che mangiamo, quello che acquistiamo, il modo in cui ci comportiamo, tutto può contribuire a fare di noi un viaggiatore responsabile. In Italia sono nate molte associazioni che organizzano viaggi e vacanze di turismo responsabile, spesso nell area della militanza cattolica e in quella ambientalista, portatrici di una forte carica etica, qualche volta contrassegnate anche da venature ideologiche anticonsumiste e anticapitalistiche; molto diverse da

9 Tour Operators commerciali come Nouvelle Frontiers o Avventure nel Mondo, queste associazioni, che organizzano anche campi di lavoro volontario, non hanno finalità commerciali ma solidaristiche, proponendosi come primario orizzonte ideale l aiuto ai paesi poveri del sud del mondo. A Firenze opera un sito internet patrocinato dal Comune che promuove questo tipo di turismo e le associazioni collegate, Sportello EcoEquo, che così definisce il Turismo Responsabile: Il turismo responsabile consiste in un nuovo modo di viaggiare la cui prima caratteristica è quella della consapevolezza delle proprie azioni e delle conseguenze che possono provocare in società così diverse dalle nostre e dalle realtà dei paesi di destinazione, sia a livello socio-culturale che ambientale ed economico. Esso si fonda su un codice etico e di comportamento che fa si che il viaggio risulti un percorso attentamente preparato e sia guidato da operatori che conoscono bene il luogo di destinazione, meglio se accompagnatori locali, che non guideranno il viaggiatore verso il solito circuito turistico ma verso la conoscenza di una realtà specifica e significativa in termini esistenziali e culturali. Il gruppo sceglierà quei servizi che potranno finanziare le piccole comunità di accoglienza evitando accuratamente servizi e strutture legate alla grande industria turistica. L ecoturismo Con questo termine il WTO definisce il turismo in aree naturali ma, diversamente da quanto ci si potrebbe aspettare, non solo e non tanto il turismo rispettoso delle risorse e degli equilibri naturali quanto una più generale modalità di fare turismo nel rispetto della sostenibilità delle comunità ospitanti, e in questo senso si avvicina molto al concetto di Turismo Responsabile prima descritto. La Dichiarazione di Quebec sull Ecoturismo (maggio 2002), prodotta dal World Ecotourism Summit in occasione dell Anno Internazionale dell Ecoturismo voluto da UNEP e WTO, affronta il tema in modo organico articolando una vera e propria carta dei principi e raccomandandone la discussione e l accoglimento al Successivo Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile che si svolgerà a Johannesburg nei mesi di Agosto e Settembre. Nella Dichiarazione si enunciano quei principi che distinguono l ecoturismo dal più largo concetto di Turismo Sostenibile : - Contribuisce attivamente alla conservazione del patrimonio naturale e culturale; - Coinvolge le comunità locali e indigene nella sua programmazione, sviluppo e attività, contribuendo al loro benessere; - Riesce a far comprendere ai visitatori il valore del patrimonio naturale e culturale della località ospitante; - Si rivolge preferibilmente a viaggiatori indipendenti, come pure a piccoli gruppi organizzati; La carta, come si vede, piuttosto che da preoccupazioni di tipo ecologico in senso stretto è ispirata a una visione generale del rispetto delle destinazioni, particolarmente dei fattori costituenti l identità culturale. I partecipanti al Forum: - Riconoscono la diversità culturale associate con molte aree naturali, in particolare per la presenza storica di comunità locali e indigene, alcune delle quali hanno mantenuto le loro conoscenze tradizionali, usi e costumi, molti dei quali hanno dimostrato di sopravvivere nei secoli; - Ribadiscono che è ormai dimostrato che i fondi destinati alla conservazione e valorizzazione di aree ricche di peculiarità naturali e culturali sono insufficienti in tutto il mondo; - Riconoscono inoltre che molte di queste aree sono spesso abitate da popolazioni in condizioni di povertà, a cui spesso manca assistenza medica, istruzione, sistemi di comunicazione e altre infrastrutture necessarie a reali opportunità di sviluppo;

10 - Evidenziano che ogni qualvolta il turismo nelle aree naturali non viene opportunamente pianificato, sviluppato e organizzato, contribuisce al deterioramento dei paesaggi naturali, minaccia la fauna selvatica e le biodiversità, genera inquinamento del mare e delle coste, cattiva qualità dell acqua, povertà, disorientamento delle comunità locali e indigene, erosione delle tradizioni culturali; - Riconoscono che lo sviluppo dell ecoturismo deve considerare e rispettare la terra e i diritti di proprietà, e, quando riconosciuto, il diritto all autodeterminazione e la sovranità culturale delle popolazioni locali e indigene, inclusi i loro siti di valore tradizionale e sacro, così come le loro conoscenze tradizionali; - Sottolineano che per conseguire benefici sociali, economici e ambientali dall ecoturismo e da atre forme di turismo in aree naturali e per ridurre al minimo o evitare un impatto potenzialmente negativo occorrono meccanismi di pianificazione partecipativa che permettano alle popolazioni locali, in modo trasparente, di definire e regolamentare l uso del loro territorio, incluso il diritto a rifiutare lo sviluppo turistico; - Prendono atto che piccole imprese con finalità sociali e ambientali sono partner chiave nell ecoturismo e si trovano ad operare in un ambiente che non prevede adeguate forme di supporto finanziario e commerciale all ecoturismo; - Riconoscono che per consentire la sopravvivenza di queste imprese occorre una maggiore comprensione del mercato dell ecoturismo tramite ricerche di mercato, strumenti di credito specializzato per imprese turistiche, incentivi per l adozione di energia rinnovabile e di soluzioni tecniche innovative, e uno sforzo per la formazione di esperti nei governi e nelle imprese

11

CARTA DI LANZAROTE. CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995

CARTA DI LANZAROTE. CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 CARTA DI LANZAROTE CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Noi, i partecipanti alla Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, riuniti

Dettagli

Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995

Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Noi, i partecipanti alla Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, riuniti a Lanzarote, Isole

Dettagli

Codice Mondiale di Etica del Turismo. Organizzazione Mondiale del Turismo

Codice Mondiale di Etica del Turismo. Organizzazione Mondiale del Turismo Codice Mondiale di Etica del Turismo Organizzazione Mondiale del Turismo PREAMBOLO Noi, Membri dell Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), rappresentanti dell industria turistica mondiale, delegati

Dettagli

Codice Mondiale di Etica del Turismo

Codice Mondiale di Etica del Turismo FORUM delle ASSOCIAZIONI di PROMOZIONE del TURISMO SOCIALE Codice Mondiale di Etica del Turismo Organizzazione mondiale del turismo 1 Preparativi per il nuovo millennio Il Codice Mondiale di Etica del

Dettagli

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA PREAMBOLO In sede di dichiarazione preliminare si esplicitano quelli che costituiscono i precisi riferimenti cui

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA (F.1.J) 1 1. Definizioni Le definizioni che seguono vanno così interpretate: Sistema Nazionale Borghi Autentici:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL TURISMO CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO UNITED NATIONS A/RES/56/212 Risoluzione adottata dall Assemblea

Dettagli

Turismo e Mondializzazione

Turismo e Mondializzazione Turismo e Mondializzazione Braudel 1. Economia Mondiale: l economia del mondo nel suo insieme 2. Economia-mondo: una parte del mondo che forma un insieme economico coerente, un sistema Oggi si assiste

Dettagli

PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL TURISMO SEGRETARIATO PERMANENTE DEL COMITATO MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO - ROMA

PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL TURISMO SEGRETARIATO PERMANENTE DEL COMITATO MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO - ROMA UNITED NATIONS Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL TURISMO SEGRETARIATO PERMANENTE DEL COMITATO MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO - ROMA A/RES/56/212 Risoluzione

Dettagli

Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli

Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali STAGE FORMATIVO Anno Scolastico 2012 2013 Il Turismo come fenomeno sociale: storia, caratteristiche, territorio,

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA Dal momento che il turismo: E la principale attività economica del globo Mobilita più di 5 miliardi di persone ogni anno Occupa milioni di

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Organizzazione Mondiale del Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO

Organizzazione Mondiale del Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO PREAMBOLO Organizzazione Mondiale del Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO Noi, Membri dell Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), rappresentanti dell industria turistica mondiale, delegati

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

MESSAGGIO IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL TURISMO 2010 (27 settembre)

MESSAGGIO IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL TURISMO 2010 (27 settembre) Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti MESSAGGIO IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL TURISMO 2010 (27 settembre) Tema: Turismo e biodiversità Con il tema Turismo e biodiversità,

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare

TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare Negli ultimi anni il turismo è diventato una pratica largamente diffusa presso strati diversi della popolazione, oltre ad essere un fenomeno economico dai vari

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con IL TURISMO RESPONSABILE 3 in collaborazione con COS È IL TURISMO RESPONSABILE? Tra gli ambiti in cui opera e si sviluppa, secondo la legge n. 19 del 2014 della Regione Emilia-Romagna, l economia solidale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO FORUM J O H A N N E S B U R G WORLD SUMMIT 2002 E LA RUSA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO Dal 26 agosto al 4 settembre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati a Johannesburg in occasione per l

Dettagli

Adottato dalla XIII Assemblea Generale. dell Organizzazione Mondiale del Turismo. Santiago, Cile, 1 ottobre 1999

Adottato dalla XIII Assemblea Generale. dell Organizzazione Mondiale del Turismo. Santiago, Cile, 1 ottobre 1999 Il codice etico del turismo* Il testo approvato dall'organizzazione Mondiale del Turismo Codice etico mondiale per il turismo Adottato dalla XIII Assemblea Generale dell Organizzazione Mondiale del Turismo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO 1 I. LE BASI DELL ENOTURISMO 1. Per enoturismo si intende designare lo sviluppo di ogni attività turistica e del «tempo libero», dedicate alla scoperta ed al godimento culturale

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sul Turismo Sostenibile

2 Conferenza Internazionale sul Turismo Sostenibile 2 Conferenza Internazionale sul Turismo Sostenibile Riviera di Rimini 27-29 Novembre 2008 Perché una Conferenza Internazionale sul Turismo Sostenibile? Secondo i principali osservatori economici internazionali

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco Premessa Le aziende del settore tessile e della moda tedesco professano la propria responsabilità com-merciale a prescindere del

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

L educazione ambientale

L educazione ambientale Ferdinando Pirro L educazione ambientale Dalla tutela della natura all educazione allo sviluppo sostenibile Provincia Autonoma di Bolzano Intendenza scolastica italiana - Ufficio processi educativi Le

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com Perchè lo facciamo? Progettare singoli parchi non è più sufficiente. Bisogna dare vita ad un continuum ambientale. Il nostro interesse è dimostrare un approccio di tutela ambientale attraverso la progettualità.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Dichiarazione di Montreal (1996)

Dichiarazione di Montreal (1996) Dichiarazione di Montreal (1996) Per una visione umanistica e sociale del turismo Addendum di Aubagne (2006) Verso un turismo di sviluppo e di solidarietà Bureau international du tourisme social La Dichiarazione

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali Direzione Generale per il Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali Direzione Generale per il Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO Ministero dei Beni e delle Attività Culturali Direzione Generale per il Turismo CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO A/RES/56/212 Risoluzione adottata dall'assemblea Generale 21 Dicembre 2001 Codice Mondiale

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile

I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile a cura di Paola Poggipollini Realizzazione dell ufficio pubblico ideale : un idea riusabile che parte dal Servizio Tributi del Comune di Ferrara Ferrara, 15 novembre

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Invito a Presentare Proposte: Congresso ENAT International Tourism for All. Organizzato dalla Fundación ONCE. Finanziato dalla Commissione Europea.

Invito a Presentare Proposte: Congresso ENAT International Tourism for All. Organizzato dalla Fundación ONCE. Finanziato dalla Commissione Europea. Invito a Presentare Proposte: Congresso ENAT International Tourism for All. Organizzato dalla Fundación ONCE. Finanziato dalla Commissione Europea. 21 23 Novembre, 2007 MARINA D OR Regione di Valencia,

Dettagli

CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili

CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili PAGE 1 La CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili è un documento degli Stati Membri, che è stato redatto con l ampia e trasparente partecipazione

Dettagli

Il DES Brescia si identifica con gli ideali e le caratteristiche dell economia solidale:

Il DES Brescia si identifica con gli ideali e le caratteristiche dell economia solidale: Il Des Brescia Il DES Brescia, Distretto di Economia Solidale del territorio cittadino, è un nuovo soggetto di promozione e di cooperazione che opera per proporre un nuovo modello economico più sostenibile

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Turismo sostenibile rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" LE CRITICITA' DI UNO SVILUPPO TURISTICO INSOSTENIBILE Le condizioni di

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini Scopo di questo documento Questo documento delinea la posizione di Save the Children sulla partecipazione dei bambini. Spiega perché la

Dettagli

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO Hanno promosso la redazione della carta i seguenti soggetti: CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO La gita, uno dei rituali scolastici più amati dagli studenti, si rivela spesso come momento di discrepanza

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche

Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche 1 Turismo sostenibile: offerta trentina e altre buone pratiche Sommario 2 Alcuni spunti teorici sul concetto di sostenibilità I tanti documenti programmatici sul turismo sostenibile Il contenuto del Report

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli