NEWS DAL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWS DAL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI"

Transcript

1 Ciao a tutti! Dopo un anno di silenzio il giornalino del CCR è ritornato E alla grande!!! Superate le prime difficoltà, noi consiglieri ci siamo divisi in gruppi e, grazie agli articoli di molti ragazzi delle scuole elementari e medie, abbiamo realizzato questo spazio nel quale poterci esprimere, protestare, ma, soprattutto, comunicare le nostre idee. Ah! Il titolo del giornalino è stato cambiato. Non che non ci piacesse quello precedente, ma le idee a questo proposito erano svariate e variegate. Così, dopo opportune votazioni, è stato proclamato vincitore Amici d inchiostro. NEWS DAL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Quest anno quasi l intero Consiglio Comunale dei Ragazzi è stato coinvolto in un unico grande progetto dal titolo Cantiere di solidarietà. L idea del Cantiere ha cominciato a prendere forma nel corso dello scorso anno scolastico, a seguito di due incontri con i volontari di Emergency (sezione scuola) che si sono tenuti in occasione dell Anniversario della Convenzione Internazionale dell infanzia. Il progetto è partito nel mese di novembre e il 25 maggio ci sarà una grande manifestazione finale al Teatro Nuovo Giovanni da Udine in cui ogni classe potrà mostrare il proprio percorso. Le due quinte della scuola S.Domenico hanno, invece, aderito al progetto Moby-Doc (Mobilità sicura in città) e le classi prima e terza A/F della scuola media ex Fermi hanno proseguito i lavori della Mediateca IncontriAMOci. La Redazione del Giornalino Anche quest anno l Amministrazione Comunale, grazie ai suoi animatori, Claudia, Francesco e Claudia ha saputo proporre e realizzare un progetto di grande valenza educativa: il CANTIERE DI SOLIDARIETA, che ha coinvolto anche la 2^D della scuola media via Petrarca. Il percorso, come lascia intuire il titolo, ha consentito di realizzare un cantiere, ha permesso, cioè, di trasformare una parola (troppe volte) astratta in azioni concrete, da attivare insieme, in cui è fondamentale l impegno di ciascuno. In questo progetto ho individuato non solo un valido strumento per concretizzare il programma di Educazione alla Cittadinanza, con l acquisizione di conoscenze ad essa relative, ma anche un contributo per l apprendimento di competenze procedurali e relazionali: gli alunni della 2^D hanno mostrato, strada facendo, di riuscire ad ascoltare un po di più, ad esprimere il proprio punto di vista, a guardarsi intorno, a confrontarsi con altre realtà ed a partecipare ad un progetto di crescita personale e di gruppo. L augurio è che l esperienza del CCR continui riuscendo a coinvolgere sempre più giovani consiglieri. Continua all interno a pag. 11

2 SOMMARIO Pag. 1 MONDO ANIMALE Pag. 5 LA PAGINA DELLO SPORT Pag. 8 DIRITTI DELL INFANZIA Pag. 18 EDUCAZIONE ALLA PACE Pag. 22 SOLIDARIETA, ECOLOGIA E DINTORNI Pag. 23 CRONACA Pag. 24 SICUREZZA STRADALE Pag. 25 TURISTI PER CASO Pag. 27 L ANGOLO DELLA CULTURA Pag. 29 LIBRI E CINEMA Pag. 32 TEST, BARZELLETTE E SPIZZICHERIE Pag. 39 GIOCHIAMO? Pag. 40 ULTIMISSIME DAL CONSIGLIO INFORMAZIONI: CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI ED EDUCATIVE SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI E SPORTIVI UFFICIO ANIMAZIONE V.LE UNGHERIA, 25 tel fax e mail

3 PAGINA 1 MONDO ANIMALE NOME: lipote DIFFUSIONE: Cina HABITAT: fiumi con fondo melmoso TAGLIA: 2-2,4 m Questa specie è protetta dal 1975, ma sebbene non si conosca la cifra esatta, sembra che la consistenza numerica sia bassa. Il lipote ha rostro (la parte anteriore, il muso) allungato con punta leggermente rivolta all insù; possiede denti. Ha vista scarsa o nulla, si serve quindi dell ecolocazione per scoprire le prede, soprattutto pesci; può anche sondare il fango con il rostro per cercare gamberetti. Quando cerca il cibo, il lipote si sposta in gruppi di 2-6 individui, talvolta anche in numero maggiore. D estate nella stagione delle piogge, risale i piccoli corsi d acqua per riprodursi; nulla ancora si sa sulla sua riproduzione. Molto importante è la capacità di ecolocazione che consente loro di "vedere" per mezzo del suono. L'organo di ecolocazione si trova all'interno della testa. L'animale emette rumori simili a schiocchi a bassa frequenza (localizzano oggetti che non si possono vedere) ed alta frequenza (localizzano oggetti a distanza ravvicinata).. Le vibrazioni degli schiocchi si trasmettono in acqua e rimbalzano contro gli oggetti in modo che un eco ritorni verso l'animale. Il grasso depositato nella mascella inferiore invia le vibrazioni dell'eco all'orecchio medio prima ed al cervello poi, così che l'animale possa orientarsi pur non utilizzando il senso della vista e muoversi di conseguenza al buio. NOME COMUNE: foca monaca NOME SCIENTIFICO: monachus monachus DIFFUSIONE: Atlantico occidentale, costa turca del Mar Nero HABITAT: si riproduce su isolette rocciose e falesie TAGLIA: 2,3-2,7 metri Questa foca è diventata sempre più rara da quando le rive che frequenta sono diventate accessibili all uomo sia con mezzi a motore, sia con attrezzature subacquee; spesso cadono anche nelle reti da pesca. La presenza dell uomo sconvolge questi teneri animali, soprattutto le femmine gravide che spesso hanno aborti spontanei. Le nascite hanno luogo da maggio a novembre. I piccoli sono allattati per 6 mesi. La lontra gigante è simile nell aspetto alla specie Luntra, ma è più grande e con la coda più appiattita, munita su entrambi i lati di un evidente carena che le conferisce la forma di una lama affilata. Diurna, si sposta generalmente in gruppo e si nutre di pesci, uova, mammiferi acquatici e uccelli. Si ripara in buche sulle sponde di un fiume o tra le radici di un albero e partorisce una volta all anno 1-2 piccoli. Specie minacciata, la lontra è ora protetta in alcuni paesi, ma l applicazione delle norme nelle vaste aree disabitate in cui vive l animale è estremamente difficile e il suo numero continua a diminuire. A cura di Davide Garzona scuola Valussi

4 PAGINA 2 MONDO ANIMALE Le sue impronte sono stranissime: hanno una forma a tre dita, anche se le zampe anteriori ne posseggono quattro. Gli occhi sono obliqui e piccoli, ma particolarmente importanti per un animale che si muove di notte. Il buffo naso è la parte caratteristica del tapiro: con l estremità della corta proboscide, fornita di peli sensibilissimi, può perlustrare il terreno, afferrare rami, foglie e frutti. Non si avvicina quasi mai alle zone abitate e cerca sempre di stare in luoghi umidi o pieni di fanghiglia. Ha un carattere mansueto e pacifico. Abita in America meridionale, quasi solo in Brasile e Ecuador. Il tapiro è così tanto simpatico che è stato adottato dal programma Striscia la notizia per il suo muso lungo (il naso), che lo fa sembrare imbronciato. NOME COMUNE: Tapiro NOME SCIENTIFICO: Tapirus indicus CLASSE: Mammiferi FAMIGLIA: Tapiroidei PESO: tra i 225 e i 300 kg Ecco una tabella con le particolarità del tapiro: Come si procura il cibo in natura: i tapiri sono strettamente vegetariani, si nutrono di erba, piante acquatiche, foglie e frutti. Come nasce: dopo una gestazione di circa 13 mesi, nasce generalmente un solo cucciolo. I cuccioli presentano una colorazione striata che gli consente di mimetizzarsi meglio. Cucciolo di tapiro Principali habitat -foreste -pianure umide tropicali e subtropicali A cura di Davide Garzona & Antonio Pellino scuola Valussi ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari La formica e il tapiro Il tapiro e la formica si incontrano nella foresta, in riva al fiume. -Dove te ne vai piccoletta?- domandò il tapiro -Perché mi chiami piccoletta? replicò la formica Io sono l animale più forte della foresta- -Ma sono io l animale più forte della foresta!- disse il tapiro. -Bene, allora vieni qui domani alla stessa ora e faremo la lotta, così vedremo chi è il più forte!- -Ma come potrei lottare con te? osservò il tapiro quasi non ti si vede!- -Non importa- disse la formica- faremo una gara di tiro alla fune- Poi la formica andò verso il fiume e disse al coccodrillo: - Coccodrillo ti ho preparato un pranzetto con i fiocchi. Vieni domattina a quest ora sulla riva del fiume e troverai un oca legata a una fune.- - E molto gentile da parte tua- disse il coccodrillo grazie mille davvero. Il mattino dopo la formica andò incontro al tapiro e gli porse un capo della corda. Legati questa fune alle zampe disse la formica- ed io mi legnerò all altro capo. Quando ti griderò che sono pronta, tira, e vedremo allora chi è più forte-. Il tapiro si legò ad un capo della fune e la formica corse via con l altro capo, verso la riva del fiume. Qui l attendeva il coccodrillo, dietro un rialzo. La formica gli legò la fune alla corda dicendogli:- Tira adesso, ma sta attento a non fare rumore, altrimenti l oca volerà via. Il coccodrillo e il tapiro cominciarono a tirare. Non avrei mai creduto che una formica avesse tanta forza, pensava il tapiro, e tirava quanto più poteva, ma senza riuscire a guadagnare neppure un centimetro. E incredibile ch io non riesca a tirare quest oca nel fiume borbottava intanto il coccodrillo e anche lui tirava invano con tutta la sua forza. Tutti e due davano potenti strattoni alla fune, e tiravano come dannati, ma inutilmente. In quel momento alcuni cacciatori passavano su una barca per il fiume, videro il tapiro e il coccodrillo legati uno all altro, si avvicinarono, tagliarono la coda al coccodrillo e si mangiarono il tapiro. Scuola Valussi

5 PAGINA 3 MONDO ANIMALE NOME COMUNE: Suricato Nome scientifico: suricata suricata Diffusione: Africa (dall Angola al Sudafrica) Habitat: zone aperte, savana e boscaglia Taglia: corpo 25x31 cm coda 19x24 cm Il suricato ha il corpo allungato e le zampe corte come la gran parte delle mangoste. Il mantello va dal grigio-bruno al grigio-chiaro, con bande trasversali scure. Scuri sono anche il naso e le orecchie, invece il capo e la coda sono chiari. La cosa straordinaria di questo animale, è che riesce a regolare la sua temperatura corporea grazie al pelo: per alzare la temperatura, si sdraia al sole o su di una roccia calda, per abbassarla, invece, si sdraia a pancia in giù in una cavità scura e fresca. I suricati vivono in gruppi, formati anche da 30 individui. Mangiano insetti, ragni, scorpioni, lumache, piccoli mammiferi, radici. insomma hanno una dieta molto varia. I suricati hanno un udito e un olfatto molto sviluppati, come la vista che serve per avvistare i loro principali nemici: gli uccelli. In caso di pericolo si nascondono immediatamente. A cura di Davide Marzona & Antonio Pellino Scuola Valussi Hakuna matata è una locuzione swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'africa meridionale e orientale (in particolare nella zona di Kenya e Tanzania). Significa letteralmente "qui non ci sono problemi". Gli insetti stecco sono chiamati così perché si mimetizzano con gli stecchi. Per essere più simile alle foglie tra le quali vive, il camaleonte cambia colore e quando si sposta lo fa piano piano. Immobile come una spina, un emittero passa tutto il giorno sul gambo di una rosa. Quando i caribù si muovono tutti insieme, dal Canada all Alaska e viceversa, trema anche la terra. I pinguini maschi di Adélie dell Antartide per farsi notare costruiscono i nidi con dei sassolini. Il cane vede in bianco e nero e anche un po sfuocato. Il gatto, invece, vede in verdolino e blu, ma di notte vede molto meglio di noi. Ciò che finisce al centro dello sguardo dell aquila risulta più ampio, quasi raddoppia. Ogni anno 2 milioni di gnu percorrono 800 km in Africa alla ricerca di acqua ed erba. Ogni primavera le rondini ritrovano in Europa lo stesso nido lasciato l anno prima. Serena Callegari 4^A S.Domenico

6 PAGINA 4 MONDO ANIMALE Sono bella, ma velenosa. Chi sono? Sono una DENDROBATES LEUCOMELAS!!! Noi sì che non passiamo inosservate: andiamo in giro vestite di giallo, blu e verde Non siamo vanitose, è un segnale per i predatori: sono velenosa, non provare a mangiarmi!. Viviamo nelle foreste del Sud America: sudiamo veleno dalla pelle, gli indios ci usavano per avvelenare le punte delle frecce. La più velenosa è la PHYLLOBATES TERRIBILIS o rana dorata È terribile davvero: basta toccarla per farsi male! IO MI NASCONDO! Molte altre, più modeste, preferiscono invece non farsi notare e si mimetizzano: alcune assomigliano a foglie (come la rana cornuta asiatica, è marrone e dall alto pare una foglia secca), altre sembrano muschio, e ci sono perfino quelle trasparenti. Non ci credi? Eccomi qui, sono io, la rana con la pelle trasparente: se guardate la mia pancia vedrete il cuore, il fegato, l intestino per questo mi chiamano rana di vetro. Una ranocchia classe 4^ The Mills La tigre (Panthera tigris) è uno dei più grandi e affascinanti predatori terrestri. Dispone di alcune importantissime "armi" naturali. Il mantello, dotato di striature ben marcate, garantisce al felino ottime possibilità di mimetizzarsi in mezzo all'erba alta, soprattutto nell'ora del crepuscolo, quando il sole calante e le ombre lunghe lo rendono più difficile da scorgere. Gli occhi, che le consentono di osservare anche il più piccolo movimento della preda prescelta, sono strutturati secondo le esigenze di un predatore notturno; grazie alla loro particolare conformazione, la tigre è in condizione di sfruttare i più tenui raggi di luce e di muoversi con disinvoltura nelle tenebre notturne. La tigre ha compiuto probabilmente la sua evoluzione nelle fredde foreste settentrionali della Siberia e poi si è diffusa in Asia circa 2 milioni di anni fa, durante il Quaternario. La sua ascendenza può essere collegata a un animale lungo 2 metri, vissuto sulla Terra 40 milioni di anni fa, che è considerato l'antenato degli attuali felini, compresi i gatti domestici. Questo predatore, conosciuto come Dinictis, aveva un corpo lungo e affusolato e denti aguzzi classificabili come canini. La più grande fra le sottospecie di tigri è la siberiana, che è fortemente minacciata di estinzione; si ritiene che non ne sopravvivano più di 200 esemplari allo stato libero. La tigre del Caspio, la tigre di Giava e la tigre di Bali sono estinte. La tigre reale o del Bengala o indiana sopravvive in poco più di 4000 esemplari ed è di gran lunga la sottospecie più consistente. Carlantonio Paparella 5^B Lea D Orlandi La tigre della Cina meridionale oggi è avvistabile soltanto nella provincia dell'hunan. Il numero dei suoi esemplari allo stato libero è stato valutato in non più di 80 unità. La tigre indocinese conta poco più di un migliaio di esemplari. Malgrado le misure di tutela, tutte le sottospecie della tigre sono oggi in pericolo di estinzione!

7 PAGINA 5 LA PAGINA DELLO SPORT Vorrei parlare dello sport che pratico: il Rugby. Non è uno sport molto popolare in Italia, ma per fortuna con i recenti successi della nazionale italiana proprio ieri l Italia ha riportato una vittoria storica sulla Scozia, ne ha persino parlato il telegiornale! si comincia a parlare anche di questo sport che per me è bellissimo. Quando si pensa al rugby, la prima immagine che viene in mente è quella di uomini grossi, muscolosi e rudi che si prendono a cazzotti rotolandosi nel fango, il tutto per la conquista di una palla ovale. In realtà, il rugby è sì uno sport duro, ma non violento o pericoloso e ha delle origini nobilissime. La leggenda, o forse è storia, dice che questo sport è nato nel 1823 quando uno studente, William Webb Ellis, nella cittadina di Rugby in Inghilterra, durante una partita di calcio, trasgredendo alle regole, prese la palla in mano e cominciò a correre fino ad appoggiarla nella linea di fondo avversaria. Venne così deciso di sperimentare un nuovo gioco che, piano piano, si modificò, fino ad arrivare al rugby moderno. Le regole principali del rugby sono semplici. L obiettivo è segnare la meta, cioè portare e alla fine schiacciare la palla nell area di meta avversaria. Quando un giocatore è a terra non può trattenere la palla e durante il gioco la palla può solo essere passata all indietro. Io gioco nella Leonorso Rugby Udine ormai da cinque anni e non cambierei questo sport con nessun altro. La società udinese è nata nel I colori delle maglie sono quelli tradizionali: bianco e nero. La squadra udinese Hafro rugby è attualmente in serie A, anche se la popolarità non è la stessa dell Udinese Calcio Il rugby giovanile (ma anche quello degli adulti) è uno sport di emozioni e collaborazione. Quello che conta e che viene ricordato non è chi ha raggiunto la meta, ma la squadra che l ha segnata e l intera azione che ha dato modo di realizzarla. In una squadra di rugby c è posto per tutti, secondo il loro fisico e le loro abilità. Il rugby è uno sport di contatto e un po di combattimento, ma non ci si fa male perché, fin da subito, a noi giocatori viene insegnata l importanza della lealtà, della disciplina e del rispetto delle regole. Mi pare che di questi tempi questi insegnamenti siano molto istruttivi per noi ragazzi! Potrei parlare ancora di questo sport per farvi capire quanto mi piace. Per esempio, quando piove, durante l allenamento, mi piace essere libero di sporcarmi e rotolarmi nel fango con i miei compagni Ma, davvero, non piace solo a me! Il rugby è lo sport giocato in paradiso (Proverbio gallese) Il rugby è uno sport per gentiluomini di tutte le classi sociali, ma non lo è per un cattivo sportivo, a qualsiasi classe sociale appartenga (motto del Barbarians) Nel rugby la vittoria passa sempre per le mani di un compagno Tutto ciò che la vita esige dall uomo lo trovi in una squadra di rugby (K.Haedens) Carlo Selan 5^B scuola S.Domenico

8 PAGINA 6 LA PAGINA DELLO SPORT Nelle scuole elementari non si fa abbastanza motoria. Secondo me, per esempio, nella scuola elementare P. Zorutti l ora di educazione fisica è un po trascurata dalle insegnanti, cioè è considerata di importanza minore rispetto alle altre materie. Le insegnanti, in un certo senso, hanno ragione perché le altre materie come italiano, matematica, inglese, sono effettivamente molto importanti, anche se per alcuni bambini l ora di motoria è l unica opportunità per fare un po di attività fisica e giocare insieme ai compagni. Durante le ore di insegnamento, per esempio, se la classe si comporta male e fa rumore, le maestre di solito minacciano di saltare l ora di ginnastica o la ricreazione, questo fatto vuol dire che l ora di ginnastica è importante come la ricreazione e non come le altre materie. A volte l ora di motoria si salta anche perché hanno programmato qualche gita oppure perché bisogna recuperare le ore di qualche materia saltata. Io penso che le ore di educazione fisica dovrebbero essere valorizzate di più, perché si impara a stare insieme facendo giochi di squadra, ma anche a praticare vari sport. Francesca Fiore 4^B P.Zorutti La ginnastica ritmica è lo sport che io pratico, non è molto conosciuto e non è per tutti facile. Questi sono gli attrezzi della ritmica: palla, nastro, cerchio, fune e clavette. Il maneggio degli attrezzi non è facile e richiede molto allenamento. Io lo pratico da 3 anni presso la società Artemide. I miei attrezzi preferiti sono cerchio e palla, la mia allenatrice si chiama Francesca che con me e con tutta la squadra ha molta pazienza, riesce infatti a correggerci tutti gli errori ed a darci coraggio se non riusciamo ad eseguire un esercizio. Consiglio a tutti i ragazzi di praticare uno sport perché ti aiuta a conoscere nuovi amici ed a crescere rispettando gli altri. Maria Laura della Rossa 4^A Lea D Orlandi Un po di tempo fa sono andata a fare un balletto al Palamostre. A casa ero molto agitata mentre mia madre mi pettinava. Il balletto iniziava di sera e durava circa 5 minuti. Appena arrivata al Palamostre mi misi il tutù rosso e le mie amiche mi aiutarono a truccarmi la faccia con i brillantini. Beatrice 5^A S.Domenico Sabato ho fatto una partita di basket a Cavalicco: prima di andare ero molto emozionato. Durante l allenamento, prima della partita, il mio allenatore non c era, allora è venuto un altro. Era incominciata la partita e non giocavo. Finì il primo quarto eravamo 9-7, infine la partita finì con la loro vittoria di 10 punti Io ho fatto 8 punti, cioè 4 canestri. E stata una giornata molto bella, mi è dispiaciuto solo che abbiamo perso. Nicola 5^A San Domenico

9 PAGINA 7 LA PAGINA DELLO SPORT Il calcio è uno sport meraviglioso, consente di incontrare facilmente altri ragazzi, puoi giocarlo ovunque, a qualunque età ed è sicuramente uno degli argomenti più discussi da tutti. Questo sport, così come è conosciuto oggi, ha una storia abbastanza recente. Nacque infatti intorno al 1930 e nel 1934, diventato uno sport popolare, si pensò di proporre un torneo mondiale e, pur con tutti i problemi logistici, la turbolenta situazione militare e la mancanza di soldi, grazie alla spettacolarità di questo sport, il torneo mondiale divenne una attesissima manifestazione. Dopo il 1950 si affermò il professionismo, nacquero i grandi team, Brasile, Italia e Germania divennero le squadre da battere e Pelé, Garrinchia e Di Stefano i funamboli che le facevano vincere. Nel 1970 arriva anche l Argentina e finalmente nel 1982 l Italia vince un altro mondiale. Del calcio si possono dire molte cose, potrei forse anche parlare delle regole, ma credo che con tutte le trasmissioni, le moviole, i giornali se ne sappia abbastanza. Vorrei invece focalizzare l attenzione su altri aspetti che riguardano l educazione allo sport e la violenza negli stadi. Io sono innamorata del calcio e giocarlo è meraviglioso. Faccio parte di una squadra femminile e, come per quasi tutti gli sportivi italiani, anche la mia società è gestita principalmente da volontari, che devono arrovellarsi per far quadrare i conti, mentre in serie A di soldi se ne sprecano tantissimi. Peccato che anche in Italia non si affidi alla scuola lo sviluppo dello sport e ci si debba rivolgere forzatamente alle associazioni sportive. Infatti lo sport è educazione alla vita sociale ed il calcio forse più di altri proprio perché mette insieme tante persone in poco tempo e con pochi mezzi: quattro scarpe per segnare le porte, un pallone e tanta voglia di correre. Gli interessi economici che ruotano intorno al calcio lo rendono sempre meno bello. Basta guardare una trasmissione: si parla di tutto, meno che della partita. Bisogna però riconoscere che, grazie a questi capitali, ci sono stadi bellissimi, dove gli appassionati possono gustare il meglio di questa atletica giocata anche se, a volte, si scatenano violenze che non hanno niente a che vedere con lo sport. Difficile commentare gli eventi in cui muore qualcuno, come il poliziotto Raciti. Penso, però, che la nostra società ci educhi in modo strano. Non gioco da molto, così passo abbastanza tempo in panchina e ascolto quello che grida il pubblico, i nostri genitori: Passagli sopra!, Bastardo!, Ci vediamo fuori. Ma, a fare che? A mangiare un gelato? Così pensi che il successo sia essere duri, che per avere qualcosa dalla vita devi essere violento o furbo. Molti genitori insultano duramente anche i loro figli, perché si sono fatti passare da un avversario: Ma noi siamo esordienti, mica in serie A!!!. Ti cresce la rabbia, perché invece di essere lì a divertirti devi sempre dimostrare qualcosa a qualcuno. A me è piaciuto molto quello che ha detto Totti al Ministero della Pubblica Istruzione: Gli stadi a porte chiuse? Una sconfitta per tutti, sia per i giocatori che per il pubblico. Ora vogliamo solo riportare le famiglie sugli spalti e vedere bambini e ragazzi felici che si divertono guardandoci. In quella stessa occasione, i ragazzi invitati avevano una maglietta con scritto: Raciti, sei sempre con noi. I commenti sugli stadi più sicuri, sull influenza psicologica, ecc., li lascio ai grandi, ma mi chiedo perché sia così difficile divertirsi e basta. Allegra Palù 2^H Manzoni Il 13 e il 14 gennaio si sono disputate le eliminatorie di nuoto della categoria esordienti a S.Vito al Tagliamento e a Pordenone dove hanno partecipato le squadre agonistiche del Friuli. Come sempre, l Unione Nuoto Friuli di Udine non ha deluso le aspettative dell allenatore, ma non sono mancati anche superamenti o imprevisti. ESORDIENTI A2: tra le femmine a vincere tutte le gare in cui ha partecipato è stata Panero Sabrina. Hanno dimostrato di essere all altezza di Sabrina anche Amato Silvia, Gobitto Chiara e Pegoraro Martina che, pur non avendo gareggiato in prima batteria, hanno migliorato il loro record personale Tra i maschi si è distinto Turello Massimiliano. Lo hanno seguito Restivo Matteo, Sguazzero Andrea e Gallina Gianalberto. ESORDIENTI A1: non hanno deluso nel settore femminile Mannarà Sara e Donati Chiara, Montich Benedetta e Terrin Sara. Tra i maschi si è distinto Muschittiello Davide, Lesa Federico e Tuttino Leonardo. Da non dimenticare Morandini Nicola, Ferrari Nazareno, D Odorico Marco, Anello Cristian che si sono classificati dalla seconda batteria in poi. Sara Mannarà 5^A S.Domenico

10 PAGINA 8 DIRITTI DELL INFANZIA Francesca 5^B Quest anno il Comune di Udine ha promosso un importante progetto, il Cantiere di Solidarietà. Abbiamo riflettuto sui bisogni e sui diritti dei bambini di tutto il mondo. Tutto questo era legato alla storia di Dimen, una bambina di 11 anni che viveva in Kurdistan e che ha raccontato ai volontari di Emergency la sua vita in Kurdistan e la fuga dalla guerra. Poi il 9 febbraio, nella sala più grande del cinema Visionario, le quinte elementari hanno visto il film La ragazza delle balene e ne hanno discusso assieme a Giulia e a Claudia. Per finire, in maggio, tutte le classi che hanno partecipato a Ippolito Nievo questo progetto andranno al teatro Giovanni da Udine per vedere e mostrare ciò che è stato realizzato durante questi incontri. IL VIAGGIO DI DIMEN, PROFUGA DI GUERRA Avevamo provato a cercare papà per un anno intero insieme agli zii, ma non eravamo riuscite a trovarlo. Il nonno pensava che presto sarebbero venuti a prendere anche noi e che forse ci avrebbero ucciso; vedevo che la mamma aveva paura che facessero del male a me e a Dilan e Geilan. Siamo partite che era notte fonda. Un amico ci ha accompagnato con la macchina fino al confine con la Turchia; da qui abbiamo dovuto proseguire a piedi per attraversare le montagne che separano l Iraq dalla Turchia. Abbiamo camminato per quattro giorni e quattro notti su quelle montagne che avevo visto tante volte dalla finestra della mia camera. Come previsto, non avevamo portato niente con noi, solo i soldi e i vestiti che avevamo addosso. Non c era una vera strada e dovevamo camminare tra gli alberi e spesso i miei vestiti si impigliavano tra i rami... faceva freddo e, di notte, non si vedeva quasi niente. Non c era un letto per dormire e così, quando eravamo stanchi, ci sedevamo per terra e provavamo a riposare... non avevamo portato molto da mangiare e quel poco che avevamo è bastato solo per il primo giorno, ma io per fortuna non avevo tanta fame come mia sorella Dilan. Io ero solo stanca, ero stanca e soprattutto avevo davvero molta sete... pensavo: Quando arrivo in Turchia, mi bevo tutta l acqua del mare!. Passate le montagne, abbiamo trovato ospitalità da alcuni conoscenti che però ci hanno detto che non potevamo restare a lungo perché anche lì era molto pericoloso. Per i curdi che vivono in Turchia, la vita è ancora più difficile che in Iraq: per esempio in Iraq non è proibito parlare il curdo, ne stampare libri in questa lingua, anche se gli scrittori subiscono spesso la censura; invece in Turchia non esistono scuole curde ed è proibito sia parlare che insegnare il curdo... Così abbiamo pagato un signore che ci ha fatto salire tutti su un camion per il trasporto di arance e noi ci siamo dovute nascondere tra le cassette non c era molto spazio, giusto l aria per respirare, e appena sono state chiuse le porte siamo rimaste avvolte nell oscurità. Dopo questo bellissimo film le strade delle varie scuole si sono divise: Infatti le insegnanti potevano scegliere tra tre possibilità: Modidi, Teatro e Cinema. Le insegnanti delle due quinte della Nievo hanno scelto il cinema. Così, per tre mercoledì ci recheremo nella sala adatta alle proiezioni del Deganutti dove un tecnico del CEC ci mostrerà dei film sui diritti dei bambini, su cosa piace loro fare, Il rumore del motore conciliava il sonno e io devo aver dormito un bel po di tempo, non so quanto poi si sono aperte le porte, siamo uscite all aria aperta e Dilan e Geilan hanno cominciato a correre e a saltare dopo tanto tempo passato da ferme, non ci sembrava vero di poter muovere le gambe. Eravamo arrivati al porto e qui la mamma è andata a comprare i biglietti e siamo saliti su una grande nave; era una nave comoda e spaziosa. Sulla nave non faceva freddo perché c era il riscaldamento e comunque anche sul letto c erano tante coperte... se avevamo fame potevamo andare nella sala da pranzo dove c era sempre un tavolo imbandito con il pane, i succhi di frutta e tante verdure. Ripensando alla fame e alla sete che avevo avuto sulle montagne, non mi sembrava vero di avere lo stomaco pieno e anche Dilan non sembrava mai sazia. Questa nave era davvero bellissima! Sarebbe stato bello se le cose fossero davvero andate in questo modo. Abbiamo davvero attraversato le montagne e ci siamo davvero nascosti sopra un camion di arance, ma la verità è che da quel camion non siamo mai scesi ed è stato il camion stesso ad essere imbarcato sulla nave, con noi dentro... sempre nascosti. Alla stazione di Roma, gli altri hanno proseguito per la Germania, ma noi non avevamo più soldi e nessuno ad attenderci là e così siamo rimaste in Italia, anche se non sapevamo nemmeno dove fosse l Italia. Non capivamo niente di quello che la gente diceva, ma per fortuna abbiamo incontrato altri curdi, profughi come noi, che ci hanno indicato un posto dove potevamo chiedere aiuto. La notte abbiamo dormito in un posto che somigliava a una chiesa e la mattina dopo la mamma è andata in questura e ha fatto domanda di asilo. Siamo rimaste lì per sei mesi e poi ci hanno detto che c era un posto per noi a Monticello di Brianza e così abbiamo raccolto le nostre cose e siamo partite un altra volta.

11 PAGINA 9 DIRITTI DELL INFANZIA Avere una casa Avere cibo, acqua, vestiario Avere assistenza sanitaria Avere i documenti in regola Avere un lavoro per la mamma Andare a scuola Imparare la lingua italiana Praticare le proprie tradizioni e religione Essere accolta con amore Farsi degli amici Giocare STARE BENE! Offrire una prima ospitalità nei centri di accoglienza Aiutare la mamma a trovare un lavoro e una casa Offrire assistenza sanitaria gratuita Aiutare la mamma nelle pratiche Iscrivere Dimen a scuola e offrirle un insegnante di supporto per imparare la lingua italiana Permetterle di praticare la propria religione le proprie tradizioni Fare raccolte di cibo e vestiario Accoglienza 5^C Ada Negri La storia di Dimen, anche se ha avuto un lieto fine, è molto triste perché spiega il dolore di un popolo perseguitato e costretto a rinunciare alla propria terra pur di salvare la vita. 5^A Ippolito Nievo Disegno 5^A Ippolito NIevo Sto finendo di leggere il diario di Anna Frank. Mi fa riflettere sugli orrori della shoah e, contemporaneamente, penso che ancora oggi nel mondo ci sono troppi paesi in guerra. Il pensiero corre lontano e Mi vedo adulto, a dire il vero già grande, con la barba e sono a pranzo da mio figlio. Sto sentendo al telegiornale che la guerra è finita e che i capi di Stato hanno fatto pace. Tutto va bene nel mondo! Allora mio figlio mi domanda: Com era il mondo quando eri bambino? Io gli rispondo che era un mondo incivile dove i ragazzi a scuola si picchiavano e accadevano altre cose che io non voglio neppure spiegare, perché mi sembrano troppo difficili da capire. Ma oggi la cosa è totalmente cambiata! Le città non sono inquinate perché le macchine funzionano a elettricità; in ogni luogo c è tantissimo verde e anche per questo l aria è pulita. I bambini non muoiono più per la fame; i ricchi condividono con i poveri i loro beni. In questo mondo regna la serenità: questo è un mondo adatto a mio figlio! Qui il sogno finisce e mi ritrovo a casa con la mamma, contento per il sogno che spero si avveri. Oscar Degano 5^C Ada Negri

12 PAGINA 10 DIRITTI DELL INFANZIA IL GIORNO DELLA MEMORIA 27 gennaio: un giorno da ricordare, un giorno importante per tutti, un giorno per provare a immaginare quello che capitò agli ebrei nei campi di concentramento o nei campi di sterminio. Bambini, genitori, signori, signore e anziani venivano portati lì con treni blindati, senza finestre e senza via di fuga, rinchiusi in quei treni, immaginandosi già quello che sarebbe loro capitato. Soprattutto i bambini si immaginavano il loro futuro e la loro vita cambiata, come se un tornado avesse loro portato via il passato riservandogli una vita diversa da quella che si aspettavano. Con grande fede ringraziavano il Signore di essere vivi il giorno dopo, e quello seguente! Era Hitler il capo ingegnere di tutto questo, chiamato anche il furher. Era una persona che non ragionava, senza cuore e senza scrupoli per aver fatto quello che ha fatto. Questi campi erano stati creati per mantenere la razza pura, chiamata da lui razza ariana (cioè le persone che avevano i capelli biondi e gli occhi azzurri), e tutti gli altri venivano sterminati. Anche chi si opponeva a Hitler faceva la stessa fine: morivano nelle camere a gas e poi bruciati nei forni crematori. Una fine orribile, crudele e allo stesso tempo spaventosa. Secondo me è importante ricordare questi avvenimenti che sono successi e che non dovevano succedere. Perché non succedano più e non li sogniamo nemmeno per caso. Chiara scuola media Valussi La canna e il vento Non era mai accaduto. Nel boschetto gli alberi erano tutti innamorati di una canna una cannuccia sottile che amava invece il vento il vento che porta la pioggia. Così il boschetto l aveva ripudiata. La canna innamorata rispose: Per me, questo va bene. voi, state pure tutti da una parte, chè dall altra c è il vento della pioggia. Così vuole il mio cuore. Il boschetto, offeso, sentenziò la morte per quell innamorata dagli occhi di rugiada. Chiamò il picchio dal becco forte, e il picchio colpì nel cuore tre, quattro, cinque volte nel cuore della piccola canna. Da quel giorno la canna innamorata divenne un flauto e da quel giorno le ferite degli amanti parlano con le dita del vento e cantano, ovunque nel mondo, da quel giorno. da Canti d amore e di libertà del popolo curdo Si sente spesso parlare di solidarietà, ma ci siamo mai chiesti cosa significhi veramente? A mio parere, questo termine viene utilizzato banalmente, con tono scontato, senza essere stato soppesato attentamente prima di essere pronunciato. Viviamo in una società dove tutti sembrano buoni, disponibili e sempre pronti a mettere da parte l'interesse personale a vantaggio della comunità. Viviamo in una società dove tutti, se venisse loro posta la domanda: "Se potessi rivoluzionare il mondo, che cosa cambieresti?", risponderebbero: "Be'.. senza dubbio sospenderei tutte le guerre in atto e tenterei di risolvere i problemi della fame e della povertà nel mondo." Ma io, in realtà, penso che siano solo parole e che, in questi casi, il detto: "Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare" sia veramente appropriato. Nel mondo persistono tutt'ora centinaia e centinaia di guerre e, nel XXI secolo, c'è chi ancora muore di fame. Sono state condotte delle indagini, ed è risultato che, per permettere agli abitanti dei Paesi più poveri di condurre una vita dignitosa e per assicurare loro l'alimentazione quotidiana, sarebbe sufficiente la cifra che la popolazione statunitense e quella europea spendono annualmente in.. PROFUMI!! Sono cose che fanno veramente pensare, soprattutto quando i leader degli Stati più ricchi al mondo annunciano pubblicamente di aver intrapreso numerose iniziative umanitarie e di beneficienza. Certo, non voglio assolutamente inglobare in questa mia riflessione tutte le forme di solidarietà: ci sono migliaia e migliaia di Associazioni umanitarie senza scopo di lucro, che operano solidamente e portano aiuti concreti ai più bisognosi.. Sono le piccole fondazioni, alle quali interessa la "self-publicity" solamente a scopo benefico, e certamente non per prestigio personale. Sia chiaro: io sono tra le prime che affermano che, se potessero, cambierebbero il mondo, ma sono solo un'adolescente che sogna un futuro migliore e più umano. Da adolescente, da "nuova generazione", spero solo che l'ipocrisia dei vertici mondiali abbia termine, che i Capi di Stato promettano obiettivi più realizzabili e meno utopici, e non illudano la gente con la prospettiva di un "mondo migliore", quando non si è certamente disposti a sacrificarsi per il prossimo e per coloro che necessitano di assoluta assistenza economica. Elena Cavucli 3^C Valussi

13 PAGINA 11 DIRITTI DELL INFANZIA Anche quest anno l Amministrazione Comunale, grazie ai suoi animatori, Claudia, Francesco e Claudia ha saputo proporre e realizzare un progetto di grande valenza educativa: il CANTIERE DI SOLIDARIETA, che ha coinvolto anche la 2^D della scuola media via Petrarca. Il percorso, come lascia intuire il titolo, ha consentito di realizzare un cantiere, ha permesso, cioè, di trasformare una parola (troppe volte) astratta in azioni concrete, da attivare insieme, in cui è fondamentale l impegno di ciascuno. Il primo grande impatto emotivo è stato suscitato dall incontro del CCR con Emergency, avvenuto il 20 novembre 2006, durante il quale i ragazzi hanno da subito mostrato curiosità e crescente interesse di fronte alle STORIE DI BAMBINI, vittime più numerose delle guerre. A scuola, l esperienza è continuata: la 2^D, con l aiuto di Claudia e Claudia, attraverso le tecniche di brain-storming e di role-play hanno individuato i diritti fondamentali ed hanno condiviso la conclusione che il diritto imprescindibile è quello alla vita. Nell auditorium della scuola, inoltre, sono state portate da Teresa Sarti, presidentessa di Emergency, ulteriori testimonianze, ascoltate con grande interesse dai giovani spettatori. Alla fine, la classe ha accolto le proposte di riflessione sui conflitti, con le terribili conseguenze sulla popolazione civile ed in particolare sui bambini, sui diritti violati, sull importanza dell educazione alla pace, ma ha anche manifestato la voglia di conoscere i Paesi, le culture, il vissuto quotidiano di chi è diverso, lontano o vicino, per imparare a capirlo e a dargli una mano. La problematica è stata approfondita anche attraverso il linguaggio cinematografico, a cura degli esperti del CEC, Giulia Cane e Benedetto Parise, con proiezioni di filmati e di film, tra cui: La ragazza delle balene, L isola in via degli uccelli e Machuca, la cui visione ha coinvolto tutti. L attività di cineforum, sapientemente condotta dagli esperti, ha suscitato commenti, riflessioni, dubbi, emozioni, che sono state registrate con l obiettivo di farne la colonna sonora del documentario sull attività. In questo progetto ho individuato non solo un valido strumento per concretizzare il programma di Educazione alla Cittadinanza, con l acquisizione di conoscenze ad essa relative, ma anche un contributo per l apprendimento di competenze procedurali (metodo di studio) e relazionali: gli alunni della 2^D hanno mostrato, strada facendo, di riuscire ad ascoltare un po di più, ad esprimere il proprio punto di vista, a guardarsi intorno, a confrontarsi con altre realtà ed a partecipare ad un progetto di crescita personale e di gruppo. L augurio è che l esperienza del CCR continui riuscendo a coinvolgere sempre più giovani consiglieri. Gabriella Sartor

14 PAGINA 12 DIRITTI DELL INFANZIA Nel film La ragazza delle balene viene evidenziata una certa discriminazione tra maschi e femmine che poi, alla fine della vicenda, verrà risolta. Per questo motivo il film mi ha molto incuriosito. La storia parla di una tribù Maori che crede in usanze e tradizioni molto antiche e diverse dalle nostre. Tutto cominciò con la nascita di Paikea. La sua mamma, dopo il parto gemellare morì ed anche uno dei neonati: il figlio maschio. Il padre, sconvolto per la perdita subita, scappò e Paikea fu affidata ai nonni. Paikea era il nome del primo capo Maori, colui che, secondo la leggenda, aveva condotto questo popolo nell isola cavalcando una balena. Il nonno avrebbe voluto che lei fosse morta al posto del fratello, perché questi, in qualità di primogenito maschio, avrebbe potuto diventare il capo che da tempo i Maori stavano aspettando. Appena furono partiti, Pai diede un ultima occhiata allo splendido mare che si estendeva davanti a lei, ma sentì o forse credette di sentire, la voce delle balene, il simbolo della sua civiltà. Così comprese che lei apparteneva alla sua terra, alla sua gente e al suo oceano e che quindi doveva ritornare a casa. Scese di corsa dalla macchina e andò dal nonno il quale non la accolse con gioia, anzi le rispose male e la ignorò. Un bel giorno il nonno decise di aprire una scuola per i soli primogeniti maschi del villaggio: li avrebbe istruiti e uno di loro sarebbe sicuramente diventato il nuovo capo. Anche Pai voleva partecipare a questa scuola, perché era capace e intelligente, ma il nonno era contrario perché solo i maschi potevano praticare le arti sacre. Il nonno fece fare loro diverse prove e l ultima, la più importante, consisteva nel riuscire a recuperare dal fondo del mare la collana con il dente di balena. Nessun bambino riuscì nell impresa, ma Pai sì. Il giorno dopo sulla spiaggia si arenarono diverse balene. Gli isolani cercarono con un trattore di spostare in acqua la balena più grande, cosicchè le altre potessero seguirla, ma non ce la fecero. Quando gli isolani, scoraggiati, se ne andarono, arrivò Pai che salì in groppa alla Disegno 5^B Ippolito Nievo balena e, dandole un piccolo calcio, la portò al largo, salvando così tutte le balene e dimostrando di avere le qualità di un vero capo per il rispetto che aveva verso la natura e verso le tradizioni della sua gente. Passarono gli anni e il nonno si affezionò sempre più a Pai, accompagnandola e andandola a prendere a scuola. Quando il padre di Pai ritornò a casa le chiese di partire con lui per l Europa e lei decise con malinconia di seguirlo. Il significato del film è raccontare il difficile cammino di crescita di un ragazzo o di una ragazza che devono superare le difficoltà, le diffidenze, le preoccupazioni ed imparare a superare i problemi attraverso l impegno e la costanza senza mai scoraggiarsi per diventare adulti, amati e stimati dalla propria famiglia e dalla società. Disegno 5^B Ippolito Nievo Dario Costantini, Lara Bergamasco 2^D Valussi e Luca Gasparotto, 5^A S.Domenico

15 PAGINA 13 DIRITTI DELL INFANZIA Pai è molto alta e magra, con la pelle un po scura come tutti i Maori. Ha il viso affilato, con due grandi occhi neri e vivaci, ma qualche volta un po tristi. I capelli sono ondulati e neri. Nella vita quotidiana indossa abiti sportivi e moderni, mentre, durante gli spettacoli scolastici, veste costumi tradizionali Maori e anche si trucca. Jacopo Frizzi 5^B S.Domenico Pai è molto sensibile, ad esempio, quando recita a scuola la storia dei Maori e si commuove. Vuole imparare tutte le attività tradizionali, cambiando però alcune idee maschiliste. Perciò ha un comportamento ribelle verso il nonno. E testarda e lo dimostra quando si oppone agli ordini del nonno che le vieta di fare cose che, secondo la tradizione, sono riservate ai maschi. Ha un carattere molto coraggioso e lo dimostra quando, sapendo che nel mare aperto ci sono onde pericolse ed alte, cavalca il dorso di una balena guidandola al largo. I Maori sono un popolo polinesiano, diffuso principalmente nel nord della Nuova Zelanca. Sono generalmente alti, con la pelle di color bruno chiaro. SI ritiene che oggi la popolazione dei Maori si aggiri intorno alle unità. Benchè essi parlino tutti inglese, la loro lingua originale è detta Maori. I primi villaggi dei Maori erano abitazioni in legno decorate e intagliate. La pratica del tatuaggio del volto e del corpo rappresenta una delle tradizioni più importanti e resistenti di questo popolo. Tipica è anche la danza della Haka, resa celebre in occidente dagli All Blacks, la nazionale di rugby neozelandese, che prima di ogni match intona la Ka Mate, una delle due versioni di Haka (l altra, la meno famosa, è la Peruperu, una danza di guerra). I Maori furono storicamente in forte opposizione rispetto ai coloni inglesi, che non riuscendo a sottometterli, stipularono con loro un trattato (il Trattato di Waitangi). Anche dopo la nascita dello stato indipendente della Nuova Zelanda, i Maori non hanno mai cercato l integrazione con le etnie del paese, pur essendo da tempo convertiti al cristianesimo. IL governo neozelandese, negli ultimi anni, ha dato inizio a un programma per facilitare l integrazione dei Maori nella società, proteggendone, al tempo stesso, il bagaglio culturale. Classe 5^B Ippolito Nievo Classe 5^A Ippolito Nievo Un bambino ebreo di 11 anni vive nel ghetto di Varsavia, durante la 2^ guerra mondiale, in piena persecuzione nazista. Alex riesce a sfuggire alla cattura dei soldati tedeschi nascondendosi tra le macerie del ghetto. Vive lì, da solo, per 60 giorni in fiduciosa attesa del ritorno del padre. Gli fanno compagnia un topolino bianco e il libro di Robinson Crusoe che gli suggerisce come sopravvivere. Alla fine, la guerra ha termine e il padre ritorna in tempo per salvare Ale che è allo stremo delle forze. Il film tratta i diritti alla libertà, allo studio, al gioco, alle cure mediche, alla pace e, specialmente, alla protezione da ogni forma di razzismo.

16 PAGINA 14 DIRITTI DELL INFANZIA ADULTI A proposito della Convenzione Internazionale dei diritti dell infanzia, e nell ambito del progetto Cantiere di solidarietà, un signore molto simpatico [Benedetto Parisi del Cec, NdR] ci ha mostrato alcuni spezzoni tratti dal film I 400 colpi, ambientato nel 1959, in cui si narra di un ragazzino che vive con i genitori, ma che è del tutto abbandonato a sé stesso. Un giorno va a rubare & RAGAZZI Disegno classe 5^B scuola Nievo una macchina da scrivere nell ufficio del padre, ma poi la riporta indietro perché non è riuscito a venderla. E qui che viene scoperto e suo padre lo porta alla polizia affinchè venga affidato ad un istituto di correzione. Il ragazzino scoprirà che non è veramente figlio dell uomo che ha sempre ritenuto suo padre e sarà odiato dai suoi genitori. Alla fine riesce a scappare e, con una lunghissima, interminabile corsa, raggiunge il mare che non aveva mai visto prima e che rappresenta per lui la libertà. E stato abbastanza triste vedere i genitori che portano il ragazzo alla polizia come un vero delinquente, invece di discutere con lui e spiegargli il reato che ha commesso. Fatima Badaoui, 2^D Valussi ti scrivo per raccontarti dell esperienza vissuta il 6 dicembre, una giornata alquanto emozionante! In classe abbiamo parlato della Convenzione Internazionale dei diritti dell infanzia che fu approvata nel 1989 dall ONU; in essa vi sono molte riflessioni sulle condizioni di vita di tutti i bambini del mondo. Abbiamo analizzato, parola per parola, il titolo di questo documento. Venne chiarita, innanzi tutto, la parola infanzia che indica un bambino, un ragazzo o un adolescente di età compresa tra 0 e 18 anni; poi la parola diritti che significa bisogni fondamentali il cui mancato soddisfacimento non permette a nessun bambino, ragazzo o adolescente di vivere bene; infine la parola convenzione che significa documento approvato da tutti i partecipanti all assemblea e internazionale che significa con la partecipazione dei rappresentanti di molti stati del mondo. Poi, ci è stato spiegato chi è il tutore dei minori: un garante dei diritti dei bambini a livello regionale; questa persona controlla che i minori abbiano diritti, cioè possano vivere sereni, sicuri e rispettati dagli adulti e dalla società. Abbiamo scritto su dei bigliettini gialli quali sono per noi i bisogni fondamentali, dai quali, poi, ricavare il diritto corrispondente. Io ho scritto: il bisogno di mangiare, di dormire, di studiare e di giocare. Uno dei diritti che più emerge dalla visione di questo film è il diritto ad avere una famiglia e ad essere protetti. Ogni bambino, infatti, ha bisogno di amore e comprensione. Sono proprio queste le cose che mancano ad Antoine che, pur avendo una famiglia, non si sente abbastanza amato e ciò lo spinge a commettere diversi reati. Un altro diritto che emerge dal film è quello di non essere emarginati dalla società. Antoine è recluso a casa, già a partire dalla stanza in cui dorme ricavata dall ingresso dell appartamento; a scuola, perché è messo dietro la lavagna; in carcere, quando all amico René è impedito di entrare per andare a fargli visita. Come la famiglia, anche la scuola e il riformatorio assumono il ruolo di istituzioni che non sono in grado di aiutare Antoine, perché scelgono di punire invece di comprendere e piuttosto che integrare, determinano ancora di più emarginazione. Classe 5^B Ippolito Nievo

17 PAGINA 15 DIRITTI DELL INFANZIA NON UNO DI MENO E un film ambientato in Cina in un paesino di campagna nella provincia di Helei non lontanissimo dalla città di Pechino. Il film parla di una ragazzina di nome Wei Minzih di 13 anni che, nella storia, fa la supplente per ricevere un compenso di 50 yuan. Il film ha alcune parti poetiche come quando Wei si reca in città in cerca dell alunno Zhang andato in cerca di lavoro per pagare i debiti della propria famiglia; oppure quando la ragazza cerca in tutti i modi di ritrovarlo fino a lanciare un appello in TV. Quest ultima è una delle scene più commoventi e belle del film. Il film mostra anche l amore che provano i compagni per il ragazzo che è scappato, tanto che in una scena si vede che aiutano Wei a spostare i mattoni in una fabbrica per guadagnare dei soldi. Il film è un elogio a una ragazza cocciuta e impertinente che, con queste caratteristiche, riesce a conquistare milioni di cuori attraverso la TV. Il regista Zhang Yimou, per rendere più verosimile il film, ha voluto attori non professionisti a interpretare loro stessi. Sean Filipin 1^media The Mills LA GUERRA DEI FIORI ROSSI Il film è ambientato in Giappone nel dopoguerra (1949) in un collegio per bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni. Il protagonista è un bambino che piangeva spesso perché voleva tornare a casa. Di lui si occupava principalmente la direttrice, una persona che trattava i bambini come fossero un mucchio di insetti. Lo scopo di queste maestre era educare nel minor tempo possibile i bambini. Per fare ciò utilizzavano dei fiorellini : il fiorellino veniva dato al bambino quando si comportava bene e tolto quando non sapeva vestirsi o faceva la pipì a letto o altre cose che, secondo loro, non avrebbero dovuto fare. I bambini non erano contenti perché venivano spesso sgridati in modi molto bruschi. La struttura era vecchia e i muri freddi e la sera i bambini andavano a dormire nudi. Il protagonista, essendo evitato ed escluso dai compagni, pensa che, diventando più manesco e arrogante, gli altri avrebbero iniziato ad amarlo di più. (Come capita a qualcuno di noi!). Niente da fare! L unica persona che gli dava retta era una bambina. Un pomeriggio, mentre stavano facendo il gioco del mimo, la direttrice provò a fare l imitazione dell ippopotamo, ma gli alunni si spaventarono. Da quel momento tutti i piccoli allievi cominciarono a pensare che la direttrice fosse, in realtà, un mostro con la coda e una sera cercarono di legarla, ma, nel momento in cui stavano per agire, lei si svegliò e si arrabbiò molto con tutti. Il protagonista tenta diverse volte di scappare e il film termina proprio con l immagine di lui che fugge e, in sottofondo, le urla della maestra che lo richiamava. Francesca Marzinotto 2^D Valussi

18 PAGINA 16 DIRITTI DELL INFANZIA ti racconto di un esperienza di drammatizzazione che ho fatto a scuola per riflettere su che cosa significhi ascoltare e partecipare. Ci siamo divisi in due gruppi: il primo doveva interpretare una scena e l altro gruppo aveva il compito di osservare ogni interprete per scoprirne il ruolo. La cosa sembrava interessante! Gli attori sono entrati in scena, Anna ha detto: Ragazzi, dobbiamo fissare il giorno per la gita! ; Francesca poi ha ribattuto che andava in gita perché le interessava imparare cose nuove, ma Corrado l ha interrotta, dicendo che gli interessava andare in gita solo per divertirsi e non fare scuola. Francesca ha fissato una data, ma Lara non era d accordo perché, in quel giorno, c erano i tornei sportivi; Francesca non sembrava, però, ascoltare l obiezione di Laura e continuava ad insistere sulla data scelta. James l ha interrotta nuovamente, ripetendo Francesca ha chiesto il parere di Maria, che non le ha risposto Daniele Zarbo e a Daniele Casco stavano facendo i fatti loro Noi osservatori abbiamo visto nella rappresentazione molte interruzioni, molta confusione e, soprattutto, molta incapacità a dialogare. Ho capito che molte persone non ascoltano il parere dell altro e parlano quasi solo a se stesse: secondo me, questo è il motivo della confusione. Spesso è difficile creare un dialogo tra persone, nella vita quotidiana; troppe volte la capacità di dialogare, cioè parlare, ascoltare, comprendere e mettere insieme le idee non è facile e, il più delle volte, nemmeno io ci riesco; a volte anche io interrompo e non ascolto. E stata veramente importante e divertente questa esperienza; per me, l unico con cui sono capace di dialogare sei tu, caro diario, che mi ascolti in qualsiasi circostanza, non mi interrompi, ma forse con te è un po troppo facile: tu sei Me! Dario 2^D Valussi Ciao! Mi chiamo Camilla Chiarandini e voglio raccontarvi alcuni nostri diritti. Tanti bambini dicono di no agli schiaffi, no ai genitori che ci prendono in giro, no ai genitori che ci proibiscono di giocare, no ai genitori che decidono come mi devo vestire! Adesso vi dirò delle cose che hanno scritto i bambini: Ho il diritto di sposarmi? Sì, mi piacciono le bionde! Possono leggere il mio diario? No, ci sono dei segreti segretissimi. Ho il diritto di cambiare religione? No, mio cugino mi strozza, è un prete! Possono darmi uno schiaffo? No, capisco anche con le parole.

19 PAGINA 17 DIRITTI DELL INFANZIA Oggi cercheremo di individuare quali possono essere le cause del bullismo, cioè i motivi che producono i comportamenti da bulli. Secondo noi le cause di questo fenomeno sono tante. Una di queste è la TV che trasmette film, cartoni animati, pubblicità e spettacoli violenti. Per noi bambini che trascorriamo parecchie ore davanti alla televisione, le cose che trasmettono diventano spesso esempi di modi di vivere. Ogni bambino può rimanere facilmente impressionato da alcuni atteggiamenti e personaggi che li manifestano e, qualche volta, cercherà di imitarli e di diventare come loro. Un altra causa è l uso ormai molto diffuso dei videogiochi. Abbiamo considerato i vari tipi di videogiochi che conosciamo e, descrivendoli, ci siamo resi conto che la maggior parte propone azioni violente come rubare, picchiare, uccidere, andare contro le regole del mondo civile. Perciò riteniamo che trascorrere molto tempo in compagnia di videogiochi violenti, educhi i bambini ad assumere atteggiamenti altrettanto violenti. Anche alcuni genitori possono, con i loro comportamenti, essere causa del bullismo dei propri figli. Nelle cronache dei telegiornali si sente che ci sono genitori che picchiano, che dicono parolacce, che litigano in modo esagerato e per questo possono diventare per i figli un modello da imitare. Anche quando i nostri genitori discutono, a noi dà molto fastidio, ma ci tranquillizziamo subito, quando fanno la pace. I papà sono più furbi: fanno i regali alle mamme per farsi perdonare 4^A e 4^B S.Domenico

20 PAGINA 18 EDUCAZIONE ALLA PACE oggi a scuola abbiamo incontrato Teresa Sarti, la presidentessa di Emergency, un Associazione creata nel 1994 da Gino Strada, un medico di Milano. Emergency interviene nei Paesi in guerra erigendo ospedali per curare i feriti e promuovere una cultura della pace, cioè creare pace nello Stato. Teresa Sarti ci ha spiegato che nelle guerre moderne muoiono più civili che soldati e che questo fenomeno accade, purtroppo, anche in Europa, per esempio, nella guerra che ha portato la ex Jugoslavia alla creazione di Stati indipendenti. Dopo il fascismo, in Italia, venne promulgata la Costituzione la quale, all articolo 11, afferma che occorre ripudiare la guerra e non usarla per devastare i territori degli altri Stati, nè per risolvere questioni tra le nazioni. Molte persone nei paesi più poveri sono profughe, molte sono vedove o orfani, ma non sono solo le persone che ci rimettono, bensì anche l ambiente perché il flagello della guerra depreda l ambiente privandolo di alcune sue risorse fondamentali. Inoltre l America, la Russia e la Cina sono i produttori di mine posizionate negli Stati più poveri: esse sono causa di mutilazioni. Per Emergency sono importanti la NEUTRALITA, la PROFESSIONALITA e la GRATUITA delle cure mediche. Questa associazione provvede anche alle cure sanitarie e alla diffusione di una cultura della pace nelle carceri. Secondo me, la guerra non garantisce a tutte le persone il diritto alla vita e alla salute. Caro diario, come dice Einstein, sono convinto che la guerra non può essere umanizzata, può solo essere abolita. SECONDO NOI, I MOTIVI CHE FANNO SCATENARE LE GUERRE SONO: Appropriarsi delle ricchezze altrui Alimentare il mercato delle armi Conquistare altri territori su cui affermare la propria supremazia Motivi economici Tentare di fermare altre guerre Diversità di religione e cultura Cattiveria, odio, ricatto, vendetta Motivi politici SECONDO NOI, DEI RIMEDI PER EVITARLE SONO: Dividere equamente i beni attraverso gli accordi Sospendere la produzione e il mercato delle armi Fare una legge internazionale per proteggere gli Stati esistenti Pagare i debiti sotto altra forma Aiutare a risolvere le guerre in modo pacifico; perdonare Insegnare il rispetto reciproco, la pace, la tolleranza Spingere verso accordi politici 5^C Ada Negri

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA Giovedì 5 marzo noi alunni di I B siamo andati, insieme alla classe 1E, in visita al Museo Africano di Verona. Siamo partiti con l autobus di linea e siamo arrivati nel cortile

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano I.C. Giovanni Falcone Mappano Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone Classe II A Prof. Bombonati Massimiliano IL MIO FUTURO Il mio futuro lo vorrei così, come il sole che splende e la pioggia

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE SCUOLE PRIMARIE DI BREONIO, FUMANE, MARANO,S.ANNA D ALFAEDO,VALGATARA a.s.2014-15 Nelle scuole dell Infanzia e nelle scuole primarie dell Istituto Comprensivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli