CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONELLO - MESSINA A.S 2010/2011 CLASSE QUINTA SEZ. A Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011 SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 1/28

2 Il DIRIGENTE SCOLASTICO: prof.ssa Elvira D Orazio Il Consiglio di Classe Materia d insegnamento Docente Italiano e Storia Robusto Carla Matematica Mangano Maria Lingua francese Urdì Giuseppa Lingua inglese D Andrea Giovanna Educazione fisica De Francesco Giuseppe Economia turistica Bruschetta Maria Tecnica di comunicazione e di relazione Picciolo Daniela Geografia turistica Marasco Gabriella Storia dell arte Abate Giovanni Laboratorio di ricevimento Filippone Paolo Religione Rizzo Chiara PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Il tecnico dei Servizi turistici è preparato ad assolvere compiti nell ambito delle imprese turistiche e ricettive. Possiede spirito di iniziativa, senso critico, capacità di recepire i cambiamenti e adattarsi ad essi. È in grado di: utilizzare le tecnologie telematiche nelle imprese turistiche ed alberghiere, di applicare le tecniche di gestione economiche e finanziarie, di programmazione e controllo budgetario, di marketing e comunicazione nelle imprese turistiche ed alberghiere. Il profilo prevede il possesso di competenze polivalenti e flessibili, derivanti da interventi formativi finalizzati allo sviluppo di un ampia cultura di base e di abilità logico espressive, che consentano di gestire attivamente e consapevolmente le situazioni che si presentano nel corso del lavoro, individuando soluzioni e comunicando anche con strumenti informatici. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 2/28

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 17 allievi, alcuni di essi provengono dai paesi limitrofi e sono sottoposti al disagio del pendolarismo. Essa giunge all esame di stato, al termine di un percorso che ha visto crescere progressivamente: livello di conoscenze acquisite, maturità di giudizio, partecipazione e responsabilità. Sotto questo profilo, si può affermare che gli esiti stabiliti dal consiglio di classe sono stati, nel complesso raggiunti,pur con differenziazioni, riconducibili all impegno e alle attitudini di ciascun allievo. L ottimo clima collaborativo che si è instaurato all interno del gruppo classe ha permesso di raggiungere un profitto complessivamente discreto. Il comportamento è stato corretto,disciplinato e rispettoso nei confronti dei docenti. All interno della classe si distingue,per senso di responsabilità e serietà un gruppo di allieve che ha mostrato assiduità e impegno nello studio evidenziando il possesso di una buona preparazione contenutistica e un autonoma organizzazione delle conoscenze. Altri invece, dotati di sufficienti capacità e interessati alle attività proposte,hanno raggiunto risultati mediamente positivi. Mentre alcuni alunni, la cui preparazione risultava carente in alcune discipline l hanno progressivamente migliorata grazie ad una motivazione crescente che ha consentito il raggiungimento degli obiettivi programmati compatibilmente alle proprie possibilità. I docenti hanno aiutato tutti gli allievi a raggiungere complessivamente le competenze professionali previste dal profilo. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 3/28

4 LINEE GENERALI DELLA PROGRAMMAZIONE In riferimento alla programmazione elaborata dal Consiglio di classe, il raggiungimento delle competenze chiave di cittadinanza e delle competenze di base (Decreto 139 del 22 agosto 2007) ha presupposto comportamenti ed obiettivi intermedi e trasversali, realizzati in termini di sviluppo di conoscenze, competenze e capacità (performance/esiti formativi) con l attenzione rivolta sia ai bisogni cogntivi - operativi degli studenti sia misurata sui livelli emersi dall accertamento della situazione in ingresso. L elaborazione di modalità di organizzazione degli insegnamenti/apprendimenti, del loro monitoraggio e valutazione è coerente con il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. METODOLOGIE Sono state adottate metodologie e strategie didattico-educative finalizzate al raggiungimento di competenze trasversali a più discipline: Lezione frontale Simulazione di situazioni Insegnamento individualizzato Problem solving Attività di gruppo Ricerca/azione INTERVENTI DIDATTICI INTEGRATIVI Sono state effettuate strategie di recupero in classe sulle aree di carenza individuate coinvolgendo opportunamente l intera classe o svolgendo un lavoro differenziato per gruppi. Inoltre l Istituto ha attivato sportelli di recupero in orario pomeridiano per le seguenti discipline: 1) Italiano 2) Economia 3) Scienze degli Alimenti 4) Matematica 5) Lingua Inglese SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 4/28

5 INIZIATIVE COMPLEMENTARI/ INTEGRATIVE Viaggio di istruzione a Madrid Orientamento universitario e professionale Alternanza scuola-lavoro Seminario Mediazione Familiare (Progetto Open Space) Stage Incontro con l autrice Laura Boldrini Partecipazione alle celebrazioni per il 150 dell Unità di Italia presso il teatro Vittorio Emanuele Progetto P.O.N. C-5 Tour operating in the European countries Partecipazione ad attività di laboratorio e seminari previsti dalle az del progetto APQ Giovani Protagonisti di sé e del territorio dal titolo Idee innovative, azioni concrete (IdiAco) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze informatiche (ECDL) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze linguistiche (Trinity College London - livello A2/B1 QCER) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze linguistiche (DELF livello A2/B1 QCER) ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Ai sensi dell art. 8, DPR 15/3/2010- regolamento sul riordino degli istituti professionalil alternanza scuola-lavoro, a partire dall anno scolastico , prevede la frequenza da un minimo di 66 ore ad un massimo di 132 ore di attività finalizzate a valorizzare stili di apprendimento induttivi, analisi e soluzione di problemi relativi al settore di riferimento, lavoro cooperativo per progetti ed uso delle tecnologie, secondo lo spirito della didattica laboratoriale. Nell ambito dell alternanza suola-lavoro, gli studenti hanno effettuato attività presso: -enti privati (Teatro Vittorio Emanuele di Messina) indirizzo tur. - azienda Antonello - indirizzo rist. -convenzioni tra aziende private e l Istituto (per tutti gli indirizzi). SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 5/28

6 ALUNNO/A CON DSA Particolare attenzione è stata rivolta all alunno/a con DSA (disturbi specifici dell apprendimento come la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia), secondo quanto regola la legge n 170 dell 8 ottobre 2010 pubblicata sulla G.U. n. 244 del 18 ottobre 2010, che sancisce le nuove norme in materia di DSA in ambito scolastico. In particolare l allievo/a, pur possedendo un range normale di intelligenza, presenta a tutt oggi problemi legati alla velocità di elaborazione delle informazioni, difficoltà di lettura e scrittura (limitata è l abilità ortografica) con conseguente calo dell autostima e scarsa concentrazione. Per questi motivi sono state adottate nel corso dell anno opportune strategie didattiche di supporto, quali verifiche orali programmate, durante le quali sono state evitate domande particolarmente articolate; consegna periodica di segmenti di programma, tempi più lunghi per le verifiche scritte, preventivamente chiarite. All interno di un testo, l allievo/a è stato guidato ad individuare le parole chiave e il loro significato. Sono infine state utilizzati, quali mediatori didattici, schemi, grafici e mappe concettuali. Per queste ragioni nelle verifiche scritte, se particolarmente lunghe come nel caso delle prove di simulazione degli Esami di Stato, sono state evidenziate le parti da svolgere con priorità e chiarite dal docente della disciplina. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 6/28

7 LIVELLI DELLE COMPETENZE La definizione per livelli di competenza è parametrata secondo una scala che si articola in tre livelli: base, intermedio, avanzato. Gli indicatori del livello di competenza sono riferiti alle performance/esiti formativi contenuti negli allegati piani di lavoro disciplinari. Livello delle competenze su scala decimale: Livello Base = (voto 6) Livello Intermedio (voti 7-8 ) Livello Avanzato (voti 9-10) Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma semplice Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma complessa Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma autonoma e originale STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche scritte, effettuate alla fine di ogni modulo e/o segmento, riportavano i seguenti dati misurabili: esito formativo da verificare; griglie di misurazione e valutazione (deliberate dal CdD) contenente il valore attribuito alla prova nel suo complesso e nelle sue varie parti; tempo di prestazione. TIPOLOGIA DELLE PROVE orali (colloqui e conversazioni guidate); scritte (prove strutturate e/o semistrutturate); pratiche (prove di laboratorio, simulazioni, esercitazioni); informali (effettuate sulla base di interventi estemporanei dei discenti). SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 7/28

8 ITER DELLE VERIFICHE ANNUALI TIPOLOGIA STRUMENTI CONTENUTI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE VERIFICA PRELIMINARE IN INGRESSO VERIFICA INTERMEDIA VERIFICA CONCLUSIVA Screening iniziale in ingresso Prove oggettive/semistrutturate Prove pratiche di laboratorio Colloqui Prove oggettive/semistrutturate Prove pratiche di laboratorio Colloqui Performance/esiti formativi pregressi Performance/esiti formativi oggetto della parte realizzata del percorso di apprendimento Performance/esiti formativi e/o competenze oggetto del percorso di apprendimento Registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi Restituzione agli allievi e registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi Restituzione agli allievi e registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi e/o delle competenze. ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA ( In osservanza del Decreto Legge 1 settembre 2008, n. 137) Il comportamento degli studenti, valutato dal Consiglio di classe in sede di scrutinio finale, concorre alla valutazione complessiva degli stessi. Il voto di condotta viene attribuito in base ai seguenti indicatori : -rispetto del regolamento d Istituto; -frequenza e puntualità; -partecipazione alle lezioni; -impegno e costanza nel lavoro scolastico in classe, a casa e nelle attività di alternanza scuolalavoro; -profitto generale. CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI L attribuzione dei punteggi per il credito scolastico verrà realizzata sulla base di quanto contemplato dalla Tabella A prevista dal DM. N. 42 del Il credito scolastico verrà attribuito in ragione: - della media dei voti dell anno in corso; - dell assiduità della frequenza scolastica; - del rendimento conseguito all interno dell Alternanza Scuola-lavoro; - dell interesse e dell impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative; - degli eventuali crediti formativi. Per la valutazione dei crediti formativi il Consiglio di classe, in sede di scrutinio finale, si atterrà alle indicazioni del D.M n 49, articoli 1-2, e prenderà in considerazione qualificate esperienze, coerenti con gli obiettivi educativi e formativi del corso di studi e debitamente documentate con esplicito riferimento al tipo di attività svolta e alla sua durata. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 8/28

9 I crediti formativi saranno riconosciuti su richiesta scritta dello studente al Dirigente Scolastico, corredata dalla relativa documentazione rilasciata da enti, associazioni, istituzioni interessati presso cui lo studente si è formato o ha prestato la sua opera. SIMULAZIONE DELLE PROVE SCRITTE D ESAME E CRITERI DI VALUTAZIONE Sono state programmate simulazioni della prima, della seconda, della terza prova. La simulazione della terza prova è stata eseguita con Tipologia C (quesiti a risposta scelta multipla, tempo di prestazione: 60 minuti Le materie oggetto della prova sono state: Storia Francese - Tecnica delle comunicazioni e relazioni Geografia turistica - Matematica I quesiti proposti sono stati n. 8 ( otto) per ciascuna disciplina per un totale di n. 40 quesiti. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 9/28

10 SCHEDE DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 10/28

11 Materia ITALIANO Docente Prof. ssa Carla Robusto Libro di testo Autore/i Monica Magri Valerio Vittorini Titolo Impronte - Storia e testi della letteratura - Il Novecento Volume 2 Casa editrice Paravia Competenze Produrre testi attinenti alla Tipologia A Produrre testi relativi alle Tipologie B-C-D Esporre con linguaggio pertinente Performance/esiti formativi -Coglie i caratteri specifici di un testo letterario -Utilizza le tecniche di analisi del testo -Contestualizza in modo adeguato -Sviluppa argomentazioni in modo coerente alla tesi proposta Opera scelte e formula giudizi coerenti alle tracce proposte. -Rielabora in modo personale CONTENUTI Modulo 1 L età dell imperialismo Linee generali della cultura europea e italiana - Decadentismo Giovanni Pascoli: la vita e la poetica Da Il Fanciullino E dentro di noi un fanciullino Da Myricae: Temporale. Il lampo, Lavandare, Novembre. X Agosto Da I canti di Castelvecchio: La mia sera, Il gelsomino notturno. Gabriele D Annunzio: la vita e la poetica Da Alcyone: La sera fiesolana. La pioggia nel pineto Modulo 2 La poesia delle avanguardie Modulo 3 Il romanzo nel 900 L..Pirandello Caratteri generali delle avanguardie europee e italiane I crepuscolari:g. Gozzano e S. Corazzini I Futuristi. F. T.Martinetti Il romanzo in Europa Il romanzo in Italia Italo Svevo, la vita e la poetica La coscienza di Zeno (passi scelti) Luigi Pirandello: la vita e la poetica Dall Umorismo : Il sentimento del contrario Dai romanzi: Il fu Mattia Pascal: Adriano Meis non esiste: crolla la finzione; Mattia Adriano un ombra d uomo Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 11/28

12 Modulo 4 L età dei totalitarismi e della guerra La poesia in Italia: Ermetismo Giuseppe Ungaretti: Da Il porto sepolto:veglia, Fratelli, Soldati, San Martino del Carso Da Il dolore: Non gridate più Salvatore Quasimodo: Da Acque e terre: Ed è subito sera Da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici Eugenio Montale: Da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato Da Le occasioni: La casa dei doganieri Da Satura.: Ho sceso dandoti il braccio Modulo 5 La narrativa dagli anni Venti agli Cinquanta Il romanzo neorealista ed il cinema Il neorealismo tra narrativa cronaca e memoria Primo Levi : da Se questo è un uomo:nell inferno di Auschwitz Fabrizia Ramondino: da Il viaggio :le esperienze di un autostoppista. Vasco Pratolini da : Metello: Ersilia SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 12/28

13 Materia STORIA Docente Prof. ssa Carla Robusto Libro di testo Autore/i Emilio Zanette Titolo Interrogare il passato- Il Novecento Volume 2 Casa editrice Edizioni scolastiche Bruno Mondadori Competenze Leggere, comprendere, interpretare eventi storici relativi al periodo preso in esame. Esporre con linguaggio specifico Performance / esiti formativi Modulo 1 La grande guerra come svolta storica -Coglie mutamenti nel tempo e nello spazio. -Mette in relazione fatti storici con eventi economici, sociali settoriali. -Ricava informazioni dalle fonti -Organizza l esposizione orale in modo corretto -Conosce e utilizza la terminologia specifica -Espone i contenuti in modo chiaro e sequenziale CONTENUTI L Europa agli inizi del 900 L Italia nell età giolittiana La prima guerra mondiale(sintesi) La rivoluzione russa L economia degli anni venti e la crisi del 29 Letture storiografiche: Perché l Italia entrò in guerra? Il Fordismo Modulo 2 L età dei totalitarismi Il fascismo Il nazismo Lo stalinismo Il new deal americano Modulo 3 La seconda guerra mondiale e il nuovo ordine internazionale L Europa verso la guerra La seconda guerra mondiale (sintesi) Bipolarismo e decolonizzazione Letture storiografiche: perché ricordare Auschwitz? Modulo 4 Il lungo dopoguerra Il crollo dell Urss Il crollo del muro e la fine del lungo dopoguerra Letture storiografiche: Femminismo. Qual è il significato del sessantotto SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 13/28

14 Modulo 5 L Italia repubblicana La scelta repubblicana e l età del centrismo (sintesi) Il miracolo economico e il centro sinistra (sintesi) Modulo 6 Settoriale Dal viaggio al turismo Il turismo nell epoca fascista Il turismo nel secondo dopoguerra Scambi e viaggi nel secondo dopoguerra SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 14/28

15 Materia MATEMATICA Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 Le funzioni reali di una variabile reale Modulo 2 Limite di una funzione Modulo 3 Derivata di una funzione Modulo 4 Studio di una funzione Prof.ssa Mangano Maria L.Tonolini- F.Tonolini- G.Tonolini- A.Manenti Calvi Approccio alla matematica- Settore Servizi G Minerva Italica Analizzare dati ed interpretarli Interpretare un grafico Definisce e riconosce una funzione Determina il dominio di funzioni razionali intere e fratte Determina i punti di intersezione della curva con gli assi cartesiani Determina gli intervalli di positività di una funzione razionale Calcola il limite di funzioni razionali intere e fratte Determina e rappresenta gli asintoti orizzontali e verticali di funzioni razionali Calcola le derivate di semplici funzioni razionali Calcola gli elementi fondamentali per la rappresentazione grafica di funzioni razionali CONTENUTI Funzioni reali di una variabile reale: definizione Classificazione delle funzioni Rappresentazione di una funzione Dominio di funzioni razionali intere e fratte Limiti: introduzione al concetto di limite di una funzione razionale Concetto intuitivo di limite Calcolo di semplici limiti di funzioni razionali intere e fratte Forme indeterminate 0/0 e / Applicazione dei limiti alla rappresentazione grafica delle funzioni razionali: asintoti orizzontali e verticali Derivate delle funzioni di una variabile: introduzione al concetto di derivata Derivata di una funzione in un punto Significato geometrico della derivata Regole di derivazione: derivata del prodotto di una costante per una funzione; derivata della somma algebrica di funzioni; derivata del prodotto di due funzioni; derivata del quoziente di due funzioni. Calcolo di semplici derivate di funzioni razionali Equazione della retta tangente ad una curva in un suo punto Applicazione del calcolo delle derivate Funzioni crescenti e decrescenti Max e min relativi di una funzione razionale Studio di una funzione con particolare riferimento alla funzione omografica SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 15/28

16 Materia Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice EDUCAZIONE FISICA Prof. Giuseppe De Francesco Cappellini Naldi - Nanni Corpo movimento sport Unico Markes Competenze Analizza le conoscenze anatomo-fisiologiche Comprende il valore di una sana alimentazione Adotta comportamenti finalizzati al benessere personale e alla tutela della salute Conferisce il giusto valore all attività fisica e sportiva Utilizza le coscienza sull etica sportiva e applica le capacità motorie acquisite nei giochi di squadra Applica, anche nella vita quotidiana, comportamenti responsabili, leali e collaborativi Performance/esiti foemativi Identifica chiaramente le funzioni e i sistemi del corpo umano Verifica le competenze tecniche e sportive acquisite Individua i benefici dello sport e dell attività in ambiente naturale Modulo 1 Potenziamento fisiologico CONTENUTI Miglioramento dell apparato cardio-respiratorio Ginnastica respiratoria Ginnastica posturale Modulo 2 Potenziamento muscolare Esercizi a corpo libero Esercizi a coppie Esercizi con piccoli attrezzi Esercizi in circuito Modulo 3 Rielaborazione di schemi motori di base Presa di coscienza del proprio corpo Coordinamento Equilibrio statico e dinamico Modulo 4 Consolidamento del carattere, sviluppo della socialità e del senso civico Attività a coppie Attività di gruppo Rispetto delle regole SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 16/28

17 Modulo 5 Conoscenza e pratica delle attività sportive Pallavolo Pallacanestro Calcetto Modulo 6 Informazioni fondamentali sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli infortuni Apparato Muscolo- Scheletrico Il doping e gli stupefacenti Igiene alimentare SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 17/28

18 Materia ECONOMIA E TECNICA DELL IMPRESA TURISTICA Docente Prof.ssa Maria Bruschetta Libro di testo Autore Batarra- Rizza- Sabatini Titolo Economia e Tecnica dell Impresa Turistica 3 Volume Vol. 3 Casa editrice Tramontana Competenze Redigere un bilancio di esercizio e trarre gli indici più significativi Progettare la costituzione di un impresa turistica Individuare le diverse forme di finanziamento Analizzare le principali attività del front-office e del back-office Performance/esiti formativi Modulo 1 La gestione economica e finanziaria delle imprese turistiche Comprende il rapporto tra Stato Patrimoniale e c/ Economico e l importanza dei principi di redazione; Comprende lo studio di fattibilità di un impresa ricettiva; Comprende la necessità del budget nelle imprese turistiche; Individua le caratteristiche della domanda e dell offerta dei servizi turistici e le strategie di marketing Comprende le problematiche legate ai finanziamenti delle aziende turistiche Compila i principali documenti relativi all attività delle imprese turistiche ed alberghiere CONTENUTI Le rilevazioni contabili Il bilancio d esercizio Le imposte Le fonti di finanziamento Il leasing e il factoring L intervento finanziario pubblico L analisi per indici SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 18/28

19 Modulo 2 La pianificazione e la programmazione aziendale La pianificazione e la programmazione aziendale La pianificazione di nuove imprese turistiche Il controllo budgetario Il budget negli alberghi e nelle imprese di viaggio. Modulo 3 Il marketing management e le tecniche di comunicazione Il marketing e il mercato turistico Le strategie di marketing Il ciclo di vita del prodotto e marketing mix Il piano di marketing Modulo 4 La gestione del front e del back office nelle imprese turistiche La gestione delle prenotazioni Le operazioni del front e del back office nelle imprese di viaggi Le operazioni di back office nelle imprese ricettive Modulo 5 Normativa per l esercizio delle imprese turistiche La legislazione turistica ed alberghiera SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 19/28

20 Materia Docente TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE Prof.ssa Daniela Picciolo Compresenza: prof. Paolo Filippone (Tecnica dei servizi e pratica operativa) Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 La comunicazione sociale Modulo 2 Teorie sulla comunicazione Modulo 3 Fattore umano e flussi di comunicazione in azienda Colli - Pietroni Le nuove pratiche comunicative unico Clitt - Comprendere, interpretare le modalità verbali, non verbali e paraverbali di comunicazione -Padroneggiare gli strumenti concettuali per orientarsi nei vari contesti comunicativi -Utilizzare diversi codici per i principali scopi comunicativi ed operativi -Produrre testi verbali e non verbali di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi -Riconosce l insieme delle informazioni presenti in diverse modalità comunicative e ne riconosce i presupposti psicologici -Utilizza gli elementi essenziali della comunicazione adeguandoli anche in contesti diversi dal proprio livello di esperienza -Individua e adopera le caratteristiche fondanti dei meccanismi comunicativi, ne riconosce la valenza sociale e il loro impianto -Utilizza consapevolmente strumenti e tecniche espressive in funzione dei vari contesti -Produce testi verbali e non verbali di vario tipo utilizzando gli elementi strutturali adeguati a contesti differenti CONTENUTI Comunicazione e strategie comunicative Dinamiche di gruppo Teorie interpretative della personalità Freud,Gestalt, Comportamentismo,Cognitivismo. Comunicazione e Marketing Conformismo e Stereotipo Persuasione e Propaganda Comunicazione Pubblicitaria: organizzazione della campagna pubblicitaria e teorie sulla sua efficacia Modulo 4 Il Marketing Marketing mix e promozione turistica Linguaggi, strategie ed efficacia della pubblicità turistica SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 20/28

21 Materia Insegnamento Religione Cattolica Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 La persona umana tra libertà e valori Modulo 2 La vita come amore Modulo 3 Una società fondata sui valori Modulo 4 Una scienza per l uomo: Prof.ssa Chiara Rizzo Luigi Solinas Tutti i colori della vita Unico SEI Riconoscere che l ideologia, in quanto affermazione di una misura dell uomo sulla realtà, è la forma attuale di idolatria. Acquisire la consapevolezza che per essere morali occorre amare la verità più delle proprie opinioni. Considerare il cristianesimo come un fatto che entra dentro la storia dell uomo e non come una dottrina, un insieme di valori morali o di pratiche rituali. Motivare le scelte etiche nelle relazioni affettive, nella famiglia, nella vita dalla nascita al suo termine. Tracciare un bilancio, operando una concreta verifica, per il proprio progetto di vita. Acquisisce il valore della libertà come realizzazione della natura dell uomo e del destino per cui è stato creato. Distingue i diversi procedimenti della ragione: il metodo della certezza morale, usato per il raggiungimento di verità nel campo del comportamento umano, non può essere uguale in campo scientifico o logico. Riconosce le linee di fondo della dottrina sociale della Chiesa: l impegno per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato. Comprende che il laicismo, rendendo cultura dominante l affermazione Dio se c è non c entra, ha creato una distanza tra la religiosità e la vita. CONTENUTI La libertà responsabile La coscienza morale La dignità della persona I vari volti dell amore L amore come amicizia - L amore come eros L amore come agape L amore come carità Una politica per l uomo: la giustizia sociale, la globalizzazione,l immigrazione Un economia per l uomo: giustizia economica e sviluppo sostenibile Condividere per il bene comune: la solidarietà e il volontariato Destabilizzazione dell ordine sociale: mafie, terrorismo Quali diritti sulla vita: l inizio della vita Quali diritti sulla morte: eutanasia e testamento biologico - pena di morte La salute e il benessere psicofisico SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 21/28

22 la bioetica Un ambiente per l uomo: crisi ambientale, ecologia e sviluppo sostenibile Materia Docente Libro di testo Autore Titolo Volume Casa Editrice Competenze Performance/ Esiti Formativi Modulo 1 France et Tourisme Modulo 2 Profession Tourisme Modulo 3 Le Travail en Agence Modulo 4 Histoire et Culture Prof.ssa Giuseppa Urdì LINGUA FRANCESE Simonelli Becchetti Pristipino Atelier Tourisme UNICO SEI Leggere, comprendere, interpretare testi verbali e non verbali di vario tipo e riconoscere i differenti linguaggi Padroneggiare gli strumenti espressivi per comunicare in vari contesti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Produrre testi verbali e non verbali di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Ricava informazioni generali e specifiche da un messaggio/testo scritto di carattere generale e/o attinente al proprio settore professionale Comunica in vari contesti comunicativi usando gli strumenti espressivi Utilizza espressioni riferite all indirizzo specifico purché pronunciate chiaramente Chiede e fornisce informazioni generali e specifiche su argomenti di carattere generale e professionale Produce e traduce testi di carattere generale e professionale CONTENUTI L Histoire du Tourisme Les différents types de Tourisme «Dialogues en situation» Les professions du Tourisme «Dialogues en situation» Dépliants et brochures Préparation d un itinéraire Présentation d un itinéraire «Dialogues en situation» Textes choisis de civilisation française : Documents authentiques «Dialogues en situation» Les Jeunes et l Europe Les Français et les vacances SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 22/28

23 Materia GEOGRAFIA TURISTICA Docente Libro di testo Autore Titolo Volume Casa Editrice Competenze Performance/ Esiti Formativi Prof.ssa Gabriella Marasco CORRADI- MAZZONI Geotur terzo Markers Interpretare l origine e l evolversi del fenomeno turistico nelle principali aree di incoming e outgoing dei continenti extraeuropei in relazione al loro contesto fisico-antropico Comprendere che anche le attività turistiche sono influenzate dall evoluzione delle società e dal confronto tra aree tra aree geografiche e culturali diverse Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio Descrive gli aspetti fisici, storici, politici e sociali delle principali regioni extraeuropee e le loro conseguenze sul turismo Opera confronti tra Paesi e Regioni turistiche mondo Possiede un discreto bagaglio di conoscenze geografiche inerenti il patrimonio naturalistico, storico artistico e culturale dell Italia. Padroneggia gli strumenti per ricavare le informazioni geografiche (guide turistiche, siti, internet, atlanti) Raccoglie e organizza dati attraverso l osservazione diretta dei fenomeni naturali o antropici e/o la consultazione di testi, atlanti, media Modulo 0 Spagna paesaggio e turismo CONTENUTI Modulo 1 Area Mediterranea Extraeuropea Modulo 2 Nord America America Latina Modulo 4 Asia Modulo 5 Africa Australia Marocco: paesaggio e turismo Egitto: paesaggio e turismo Etiopia:paesaggio e turismo Israele: paesaggio e turismo Stati Uniti: paesaggio e turismo Canada: paesaggio e turismo Area Caraibica: Cuba Brasile: paesaggi e turismo Giappone: paesaggio e turismo Cina: paesaggio e turismo Kenya: paesaggio e turismo Australia: paesaggio e turismo SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 23/28

CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico della Gestione Aziendale. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011

CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico della Gestione Aziendale. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONELLO - MESSINA A.S 2010/2011 CLASSE QUINTA SEZ. A Indirizzo Tecnico della Gestione Aziendale Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011 Il DIRIGENTE SCOLASTICO:

Dettagli

PROGETTO CLASSE QUARTE

PROGETTO CLASSE QUARTE PROGETTO CLASSE QUARTE PROFESSIONALE- TURISTICO A.S. 2010/11 ELENCO UNITÀ DI APPRENDIMENTO N. Titolo Periodo 1 Viaggi e Viaggiatori d Europa Primo Trimestre 2 Viaggiare in Europa con una nuova sensibilità

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

CLASSE QUINTA SEZ. C. Indirizzo: TURISTICO. Approvato con delibera n. 4 del 16 maggio 2011

CLASSE QUINTA SEZ. C. Indirizzo: TURISTICO. Approvato con delibera n. 4 del 16 maggio 2011 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONELLO - MESSINA A.S. 2010/2011 CLASSE QUINTA SEZ. C Indirizzo: TURISTICO Approvato con delibera n. 4 del 16 maggio 2011 Il DIRIGENTE SCOLASTICO: prof.ssa Elvira D Orazio

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 OBIETTIVI E CONTENUTI Disciplina:STORIA Nucleo fondante:uso DELLE FONTI Obiettivi di apprendimento

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE PER GEOMETRI E PROGRAMMATORI MICHELE AMARI 00043 CIAMPINO (Roma) Via Romana, 11 13 Tel. 7960023 Fax 7961653 Distretto Scolastico n 40 Codice Fiscale 80203970589 Programmazione

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari:

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari: Indirizzo: TURISMO Classe: QUARTA AT BT Disciplina: ARTE E TERRITORIO prof. ssa DANIELA GERONI Competenze disciplinari: COMPETENZE 1. Individuare i rapporti intercorrenti tra uomo, ambiente, economia nazionale

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE CLASSE 5 A LSU Docente: Miragoli Cristina Ore settimanali: 2 Ore annuali (previste in data 8-6-16) : 55 FINALITA' E OBIETTIVI FINALITA Acquisire

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE)

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI GEOGRAFIA secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Gli strumenti del geografo per la scoperta

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Sommario. Liceo Linguistico, Socio-Psico-Pedagogico e delle Scienze Sociali G. Pascoli (ordinamento pre-riforma)

Sommario. Liceo Linguistico, Socio-Psico-Pedagogico e delle Scienze Sociali G. Pascoli (ordinamento pre-riforma) Sommario Liceo Linguistico e Liceo delle Scienze Umane Giovanni Pascoli Liceo Linguistico Inglese Francese Tedesco e Spagnolo (5 anni) Liceo delle Scienze Umane Corso Ordinario (5 anni) Corso Opzione Economico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI E CONTENUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTE CLASSE 3 SEZ. G A.S. 2015/2016 SITUAZIONE INIZIALE DELLA CLASSE N. ALUNNI 19 MASCHI 9 FEMMINE 10 N. ALUNNI RIPETENTI N. ALUNNI NUOVI ISCRITTI 1 OBIETTIVI E CONTENUTI

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali Classe I sez. AL indirizzo: Linguistico Docente: Prof.ssa Carla

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO. CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale

TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO. CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale ATERNO-MANTHONÈ St. TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale Via Tiburtina, 0-6519 PESCARA Tel. 085 408-085 418880 petd07000x@istruzione.it

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

CLASSI PIANO DI LAVORO PER L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA INSEGNANTI. Proff.: Silvana Giacchè, Francesca Canestrari, Francesca Cecchini,.

CLASSI PIANO DI LAVORO PER L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA INSEGNANTI. Proff.: Silvana Giacchè, Francesca Canestrari, Francesca Cecchini,. PIANO DI LAVORO PER L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 4 e INSEGNANTI Proff.: Silvana Giacchè, Francesca Canestrari, Francesca Cecchini,. FINALITÀ GENERALI DELL I.R.C. Anno scolastico 2012/13

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli