CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE QUINTA SEZ. A. Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici. Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONELLO - MESSINA A.S 2010/2011 CLASSE QUINTA SEZ. A Indirizzo Tecnico dei Servizi Turistici Approvato con delibera n. 4 del 16 / 05 / 2011 SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 1/28

2 Il DIRIGENTE SCOLASTICO: prof.ssa Elvira D Orazio Il Consiglio di Classe Materia d insegnamento Docente Italiano e Storia Robusto Carla Matematica Mangano Maria Lingua francese Urdì Giuseppa Lingua inglese D Andrea Giovanna Educazione fisica De Francesco Giuseppe Economia turistica Bruschetta Maria Tecnica di comunicazione e di relazione Picciolo Daniela Geografia turistica Marasco Gabriella Storia dell arte Abate Giovanni Laboratorio di ricevimento Filippone Paolo Religione Rizzo Chiara PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Il tecnico dei Servizi turistici è preparato ad assolvere compiti nell ambito delle imprese turistiche e ricettive. Possiede spirito di iniziativa, senso critico, capacità di recepire i cambiamenti e adattarsi ad essi. È in grado di: utilizzare le tecnologie telematiche nelle imprese turistiche ed alberghiere, di applicare le tecniche di gestione economiche e finanziarie, di programmazione e controllo budgetario, di marketing e comunicazione nelle imprese turistiche ed alberghiere. Il profilo prevede il possesso di competenze polivalenti e flessibili, derivanti da interventi formativi finalizzati allo sviluppo di un ampia cultura di base e di abilità logico espressive, che consentano di gestire attivamente e consapevolmente le situazioni che si presentano nel corso del lavoro, individuando soluzioni e comunicando anche con strumenti informatici. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 2/28

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 17 allievi, alcuni di essi provengono dai paesi limitrofi e sono sottoposti al disagio del pendolarismo. Essa giunge all esame di stato, al termine di un percorso che ha visto crescere progressivamente: livello di conoscenze acquisite, maturità di giudizio, partecipazione e responsabilità. Sotto questo profilo, si può affermare che gli esiti stabiliti dal consiglio di classe sono stati, nel complesso raggiunti,pur con differenziazioni, riconducibili all impegno e alle attitudini di ciascun allievo. L ottimo clima collaborativo che si è instaurato all interno del gruppo classe ha permesso di raggiungere un profitto complessivamente discreto. Il comportamento è stato corretto,disciplinato e rispettoso nei confronti dei docenti. All interno della classe si distingue,per senso di responsabilità e serietà un gruppo di allieve che ha mostrato assiduità e impegno nello studio evidenziando il possesso di una buona preparazione contenutistica e un autonoma organizzazione delle conoscenze. Altri invece, dotati di sufficienti capacità e interessati alle attività proposte,hanno raggiunto risultati mediamente positivi. Mentre alcuni alunni, la cui preparazione risultava carente in alcune discipline l hanno progressivamente migliorata grazie ad una motivazione crescente che ha consentito il raggiungimento degli obiettivi programmati compatibilmente alle proprie possibilità. I docenti hanno aiutato tutti gli allievi a raggiungere complessivamente le competenze professionali previste dal profilo. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 3/28

4 LINEE GENERALI DELLA PROGRAMMAZIONE In riferimento alla programmazione elaborata dal Consiglio di classe, il raggiungimento delle competenze chiave di cittadinanza e delle competenze di base (Decreto 139 del 22 agosto 2007) ha presupposto comportamenti ed obiettivi intermedi e trasversali, realizzati in termini di sviluppo di conoscenze, competenze e capacità (performance/esiti formativi) con l attenzione rivolta sia ai bisogni cogntivi - operativi degli studenti sia misurata sui livelli emersi dall accertamento della situazione in ingresso. L elaborazione di modalità di organizzazione degli insegnamenti/apprendimenti, del loro monitoraggio e valutazione è coerente con il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. METODOLOGIE Sono state adottate metodologie e strategie didattico-educative finalizzate al raggiungimento di competenze trasversali a più discipline: Lezione frontale Simulazione di situazioni Insegnamento individualizzato Problem solving Attività di gruppo Ricerca/azione INTERVENTI DIDATTICI INTEGRATIVI Sono state effettuate strategie di recupero in classe sulle aree di carenza individuate coinvolgendo opportunamente l intera classe o svolgendo un lavoro differenziato per gruppi. Inoltre l Istituto ha attivato sportelli di recupero in orario pomeridiano per le seguenti discipline: 1) Italiano 2) Economia 3) Scienze degli Alimenti 4) Matematica 5) Lingua Inglese SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 4/28

5 INIZIATIVE COMPLEMENTARI/ INTEGRATIVE Viaggio di istruzione a Madrid Orientamento universitario e professionale Alternanza scuola-lavoro Seminario Mediazione Familiare (Progetto Open Space) Stage Incontro con l autrice Laura Boldrini Partecipazione alle celebrazioni per il 150 dell Unità di Italia presso il teatro Vittorio Emanuele Progetto P.O.N. C-5 Tour operating in the European countries Partecipazione ad attività di laboratorio e seminari previsti dalle az del progetto APQ Giovani Protagonisti di sé e del territorio dal titolo Idee innovative, azioni concrete (IdiAco) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze informatiche (ECDL) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze linguistiche (Trinity College London - livello A2/B1 QCER) Partecipazione al corso per la certificazione di competenze linguistiche (DELF livello A2/B1 QCER) ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Ai sensi dell art. 8, DPR 15/3/2010- regolamento sul riordino degli istituti professionalil alternanza scuola-lavoro, a partire dall anno scolastico , prevede la frequenza da un minimo di 66 ore ad un massimo di 132 ore di attività finalizzate a valorizzare stili di apprendimento induttivi, analisi e soluzione di problemi relativi al settore di riferimento, lavoro cooperativo per progetti ed uso delle tecnologie, secondo lo spirito della didattica laboratoriale. Nell ambito dell alternanza suola-lavoro, gli studenti hanno effettuato attività presso: -enti privati (Teatro Vittorio Emanuele di Messina) indirizzo tur. - azienda Antonello - indirizzo rist. -convenzioni tra aziende private e l Istituto (per tutti gli indirizzi). SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 5/28

6 ALUNNO/A CON DSA Particolare attenzione è stata rivolta all alunno/a con DSA (disturbi specifici dell apprendimento come la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia), secondo quanto regola la legge n 170 dell 8 ottobre 2010 pubblicata sulla G.U. n. 244 del 18 ottobre 2010, che sancisce le nuove norme in materia di DSA in ambito scolastico. In particolare l allievo/a, pur possedendo un range normale di intelligenza, presenta a tutt oggi problemi legati alla velocità di elaborazione delle informazioni, difficoltà di lettura e scrittura (limitata è l abilità ortografica) con conseguente calo dell autostima e scarsa concentrazione. Per questi motivi sono state adottate nel corso dell anno opportune strategie didattiche di supporto, quali verifiche orali programmate, durante le quali sono state evitate domande particolarmente articolate; consegna periodica di segmenti di programma, tempi più lunghi per le verifiche scritte, preventivamente chiarite. All interno di un testo, l allievo/a è stato guidato ad individuare le parole chiave e il loro significato. Sono infine state utilizzati, quali mediatori didattici, schemi, grafici e mappe concettuali. Per queste ragioni nelle verifiche scritte, se particolarmente lunghe come nel caso delle prove di simulazione degli Esami di Stato, sono state evidenziate le parti da svolgere con priorità e chiarite dal docente della disciplina. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 6/28

7 LIVELLI DELLE COMPETENZE La definizione per livelli di competenza è parametrata secondo una scala che si articola in tre livelli: base, intermedio, avanzato. Gli indicatori del livello di competenza sono riferiti alle performance/esiti formativi contenuti negli allegati piani di lavoro disciplinari. Livello delle competenze su scala decimale: Livello Base = (voto 6) Livello Intermedio (voti 7-8 ) Livello Avanzato (voti 9-10) Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma semplice Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma complessa Se soddisfa tutte le performance/esiti formativi delle singole competenze disciplinari in forma autonoma e originale STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche scritte, effettuate alla fine di ogni modulo e/o segmento, riportavano i seguenti dati misurabili: esito formativo da verificare; griglie di misurazione e valutazione (deliberate dal CdD) contenente il valore attribuito alla prova nel suo complesso e nelle sue varie parti; tempo di prestazione. TIPOLOGIA DELLE PROVE orali (colloqui e conversazioni guidate); scritte (prove strutturate e/o semistrutturate); pratiche (prove di laboratorio, simulazioni, esercitazioni); informali (effettuate sulla base di interventi estemporanei dei discenti). SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 7/28

8 ITER DELLE VERIFICHE ANNUALI TIPOLOGIA STRUMENTI CONTENUTI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE VERIFICA PRELIMINARE IN INGRESSO VERIFICA INTERMEDIA VERIFICA CONCLUSIVA Screening iniziale in ingresso Prove oggettive/semistrutturate Prove pratiche di laboratorio Colloqui Prove oggettive/semistrutturate Prove pratiche di laboratorio Colloqui Performance/esiti formativi pregressi Performance/esiti formativi oggetto della parte realizzata del percorso di apprendimento Performance/esiti formativi e/o competenze oggetto del percorso di apprendimento Registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi Restituzione agli allievi e registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi Restituzione agli allievi e registrazione dei livelli delle performance/esiti formativi e/o delle competenze. ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA ( In osservanza del Decreto Legge 1 settembre 2008, n. 137) Il comportamento degli studenti, valutato dal Consiglio di classe in sede di scrutinio finale, concorre alla valutazione complessiva degli stessi. Il voto di condotta viene attribuito in base ai seguenti indicatori : -rispetto del regolamento d Istituto; -frequenza e puntualità; -partecipazione alle lezioni; -impegno e costanza nel lavoro scolastico in classe, a casa e nelle attività di alternanza scuolalavoro; -profitto generale. CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI L attribuzione dei punteggi per il credito scolastico verrà realizzata sulla base di quanto contemplato dalla Tabella A prevista dal DM. N. 42 del Il credito scolastico verrà attribuito in ragione: - della media dei voti dell anno in corso; - dell assiduità della frequenza scolastica; - del rendimento conseguito all interno dell Alternanza Scuola-lavoro; - dell interesse e dell impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative; - degli eventuali crediti formativi. Per la valutazione dei crediti formativi il Consiglio di classe, in sede di scrutinio finale, si atterrà alle indicazioni del D.M n 49, articoli 1-2, e prenderà in considerazione qualificate esperienze, coerenti con gli obiettivi educativi e formativi del corso di studi e debitamente documentate con esplicito riferimento al tipo di attività svolta e alla sua durata. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 8/28

9 I crediti formativi saranno riconosciuti su richiesta scritta dello studente al Dirigente Scolastico, corredata dalla relativa documentazione rilasciata da enti, associazioni, istituzioni interessati presso cui lo studente si è formato o ha prestato la sua opera. SIMULAZIONE DELLE PROVE SCRITTE D ESAME E CRITERI DI VALUTAZIONE Sono state programmate simulazioni della prima, della seconda, della terza prova. La simulazione della terza prova è stata eseguita con Tipologia C (quesiti a risposta scelta multipla, tempo di prestazione: 60 minuti Le materie oggetto della prova sono state: Storia Francese - Tecnica delle comunicazioni e relazioni Geografia turistica - Matematica I quesiti proposti sono stati n. 8 ( otto) per ciascuna disciplina per un totale di n. 40 quesiti. SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 9/28

10 SCHEDE DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 10/28

11 Materia ITALIANO Docente Prof. ssa Carla Robusto Libro di testo Autore/i Monica Magri Valerio Vittorini Titolo Impronte - Storia e testi della letteratura - Il Novecento Volume 2 Casa editrice Paravia Competenze Produrre testi attinenti alla Tipologia A Produrre testi relativi alle Tipologie B-C-D Esporre con linguaggio pertinente Performance/esiti formativi -Coglie i caratteri specifici di un testo letterario -Utilizza le tecniche di analisi del testo -Contestualizza in modo adeguato -Sviluppa argomentazioni in modo coerente alla tesi proposta Opera scelte e formula giudizi coerenti alle tracce proposte. -Rielabora in modo personale CONTENUTI Modulo 1 L età dell imperialismo Linee generali della cultura europea e italiana - Decadentismo Giovanni Pascoli: la vita e la poetica Da Il Fanciullino E dentro di noi un fanciullino Da Myricae: Temporale. Il lampo, Lavandare, Novembre. X Agosto Da I canti di Castelvecchio: La mia sera, Il gelsomino notturno. Gabriele D Annunzio: la vita e la poetica Da Alcyone: La sera fiesolana. La pioggia nel pineto Modulo 2 La poesia delle avanguardie Modulo 3 Il romanzo nel 900 L..Pirandello Caratteri generali delle avanguardie europee e italiane I crepuscolari:g. Gozzano e S. Corazzini I Futuristi. F. T.Martinetti Il romanzo in Europa Il romanzo in Italia Italo Svevo, la vita e la poetica La coscienza di Zeno (passi scelti) Luigi Pirandello: la vita e la poetica Dall Umorismo : Il sentimento del contrario Dai romanzi: Il fu Mattia Pascal: Adriano Meis non esiste: crolla la finzione; Mattia Adriano un ombra d uomo Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 11/28

12 Modulo 4 L età dei totalitarismi e della guerra La poesia in Italia: Ermetismo Giuseppe Ungaretti: Da Il porto sepolto:veglia, Fratelli, Soldati, San Martino del Carso Da Il dolore: Non gridate più Salvatore Quasimodo: Da Acque e terre: Ed è subito sera Da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici Eugenio Montale: Da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato Da Le occasioni: La casa dei doganieri Da Satura.: Ho sceso dandoti il braccio Modulo 5 La narrativa dagli anni Venti agli Cinquanta Il romanzo neorealista ed il cinema Il neorealismo tra narrativa cronaca e memoria Primo Levi : da Se questo è un uomo:nell inferno di Auschwitz Fabrizia Ramondino: da Il viaggio :le esperienze di un autostoppista. Vasco Pratolini da : Metello: Ersilia SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 12/28

13 Materia STORIA Docente Prof. ssa Carla Robusto Libro di testo Autore/i Emilio Zanette Titolo Interrogare il passato- Il Novecento Volume 2 Casa editrice Edizioni scolastiche Bruno Mondadori Competenze Leggere, comprendere, interpretare eventi storici relativi al periodo preso in esame. Esporre con linguaggio specifico Performance / esiti formativi Modulo 1 La grande guerra come svolta storica -Coglie mutamenti nel tempo e nello spazio. -Mette in relazione fatti storici con eventi economici, sociali settoriali. -Ricava informazioni dalle fonti -Organizza l esposizione orale in modo corretto -Conosce e utilizza la terminologia specifica -Espone i contenuti in modo chiaro e sequenziale CONTENUTI L Europa agli inizi del 900 L Italia nell età giolittiana La prima guerra mondiale(sintesi) La rivoluzione russa L economia degli anni venti e la crisi del 29 Letture storiografiche: Perché l Italia entrò in guerra? Il Fordismo Modulo 2 L età dei totalitarismi Il fascismo Il nazismo Lo stalinismo Il new deal americano Modulo 3 La seconda guerra mondiale e il nuovo ordine internazionale L Europa verso la guerra La seconda guerra mondiale (sintesi) Bipolarismo e decolonizzazione Letture storiografiche: perché ricordare Auschwitz? Modulo 4 Il lungo dopoguerra Il crollo dell Urss Il crollo del muro e la fine del lungo dopoguerra Letture storiografiche: Femminismo. Qual è il significato del sessantotto SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 13/28

14 Modulo 5 L Italia repubblicana La scelta repubblicana e l età del centrismo (sintesi) Il miracolo economico e il centro sinistra (sintesi) Modulo 6 Settoriale Dal viaggio al turismo Il turismo nell epoca fascista Il turismo nel secondo dopoguerra Scambi e viaggi nel secondo dopoguerra SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 14/28

15 Materia MATEMATICA Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 Le funzioni reali di una variabile reale Modulo 2 Limite di una funzione Modulo 3 Derivata di una funzione Modulo 4 Studio di una funzione Prof.ssa Mangano Maria L.Tonolini- F.Tonolini- G.Tonolini- A.Manenti Calvi Approccio alla matematica- Settore Servizi G Minerva Italica Analizzare dati ed interpretarli Interpretare un grafico Definisce e riconosce una funzione Determina il dominio di funzioni razionali intere e fratte Determina i punti di intersezione della curva con gli assi cartesiani Determina gli intervalli di positività di una funzione razionale Calcola il limite di funzioni razionali intere e fratte Determina e rappresenta gli asintoti orizzontali e verticali di funzioni razionali Calcola le derivate di semplici funzioni razionali Calcola gli elementi fondamentali per la rappresentazione grafica di funzioni razionali CONTENUTI Funzioni reali di una variabile reale: definizione Classificazione delle funzioni Rappresentazione di una funzione Dominio di funzioni razionali intere e fratte Limiti: introduzione al concetto di limite di una funzione razionale Concetto intuitivo di limite Calcolo di semplici limiti di funzioni razionali intere e fratte Forme indeterminate 0/0 e / Applicazione dei limiti alla rappresentazione grafica delle funzioni razionali: asintoti orizzontali e verticali Derivate delle funzioni di una variabile: introduzione al concetto di derivata Derivata di una funzione in un punto Significato geometrico della derivata Regole di derivazione: derivata del prodotto di una costante per una funzione; derivata della somma algebrica di funzioni; derivata del prodotto di due funzioni; derivata del quoziente di due funzioni. Calcolo di semplici derivate di funzioni razionali Equazione della retta tangente ad una curva in un suo punto Applicazione del calcolo delle derivate Funzioni crescenti e decrescenti Max e min relativi di una funzione razionale Studio di una funzione con particolare riferimento alla funzione omografica SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 15/28

16 Materia Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice EDUCAZIONE FISICA Prof. Giuseppe De Francesco Cappellini Naldi - Nanni Corpo movimento sport Unico Markes Competenze Analizza le conoscenze anatomo-fisiologiche Comprende il valore di una sana alimentazione Adotta comportamenti finalizzati al benessere personale e alla tutela della salute Conferisce il giusto valore all attività fisica e sportiva Utilizza le coscienza sull etica sportiva e applica le capacità motorie acquisite nei giochi di squadra Applica, anche nella vita quotidiana, comportamenti responsabili, leali e collaborativi Performance/esiti foemativi Identifica chiaramente le funzioni e i sistemi del corpo umano Verifica le competenze tecniche e sportive acquisite Individua i benefici dello sport e dell attività in ambiente naturale Modulo 1 Potenziamento fisiologico CONTENUTI Miglioramento dell apparato cardio-respiratorio Ginnastica respiratoria Ginnastica posturale Modulo 2 Potenziamento muscolare Esercizi a corpo libero Esercizi a coppie Esercizi con piccoli attrezzi Esercizi in circuito Modulo 3 Rielaborazione di schemi motori di base Presa di coscienza del proprio corpo Coordinamento Equilibrio statico e dinamico Modulo 4 Consolidamento del carattere, sviluppo della socialità e del senso civico Attività a coppie Attività di gruppo Rispetto delle regole SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 16/28

17 Modulo 5 Conoscenza e pratica delle attività sportive Pallavolo Pallacanestro Calcetto Modulo 6 Informazioni fondamentali sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli infortuni Apparato Muscolo- Scheletrico Il doping e gli stupefacenti Igiene alimentare SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 17/28

18 Materia ECONOMIA E TECNICA DELL IMPRESA TURISTICA Docente Prof.ssa Maria Bruschetta Libro di testo Autore Batarra- Rizza- Sabatini Titolo Economia e Tecnica dell Impresa Turistica 3 Volume Vol. 3 Casa editrice Tramontana Competenze Redigere un bilancio di esercizio e trarre gli indici più significativi Progettare la costituzione di un impresa turistica Individuare le diverse forme di finanziamento Analizzare le principali attività del front-office e del back-office Performance/esiti formativi Modulo 1 La gestione economica e finanziaria delle imprese turistiche Comprende il rapporto tra Stato Patrimoniale e c/ Economico e l importanza dei principi di redazione; Comprende lo studio di fattibilità di un impresa ricettiva; Comprende la necessità del budget nelle imprese turistiche; Individua le caratteristiche della domanda e dell offerta dei servizi turistici e le strategie di marketing Comprende le problematiche legate ai finanziamenti delle aziende turistiche Compila i principali documenti relativi all attività delle imprese turistiche ed alberghiere CONTENUTI Le rilevazioni contabili Il bilancio d esercizio Le imposte Le fonti di finanziamento Il leasing e il factoring L intervento finanziario pubblico L analisi per indici SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 18/28

19 Modulo 2 La pianificazione e la programmazione aziendale La pianificazione e la programmazione aziendale La pianificazione di nuove imprese turistiche Il controllo budgetario Il budget negli alberghi e nelle imprese di viaggio. Modulo 3 Il marketing management e le tecniche di comunicazione Il marketing e il mercato turistico Le strategie di marketing Il ciclo di vita del prodotto e marketing mix Il piano di marketing Modulo 4 La gestione del front e del back office nelle imprese turistiche La gestione delle prenotazioni Le operazioni del front e del back office nelle imprese di viaggi Le operazioni di back office nelle imprese ricettive Modulo 5 Normativa per l esercizio delle imprese turistiche La legislazione turistica ed alberghiera SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 19/28

20 Materia Docente TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE Prof.ssa Daniela Picciolo Compresenza: prof. Paolo Filippone (Tecnica dei servizi e pratica operativa) Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 La comunicazione sociale Modulo 2 Teorie sulla comunicazione Modulo 3 Fattore umano e flussi di comunicazione in azienda Colli - Pietroni Le nuove pratiche comunicative unico Clitt - Comprendere, interpretare le modalità verbali, non verbali e paraverbali di comunicazione -Padroneggiare gli strumenti concettuali per orientarsi nei vari contesti comunicativi -Utilizzare diversi codici per i principali scopi comunicativi ed operativi -Produrre testi verbali e non verbali di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi -Riconosce l insieme delle informazioni presenti in diverse modalità comunicative e ne riconosce i presupposti psicologici -Utilizza gli elementi essenziali della comunicazione adeguandoli anche in contesti diversi dal proprio livello di esperienza -Individua e adopera le caratteristiche fondanti dei meccanismi comunicativi, ne riconosce la valenza sociale e il loro impianto -Utilizza consapevolmente strumenti e tecniche espressive in funzione dei vari contesti -Produce testi verbali e non verbali di vario tipo utilizzando gli elementi strutturali adeguati a contesti differenti CONTENUTI Comunicazione e strategie comunicative Dinamiche di gruppo Teorie interpretative della personalità Freud,Gestalt, Comportamentismo,Cognitivismo. Comunicazione e Marketing Conformismo e Stereotipo Persuasione e Propaganda Comunicazione Pubblicitaria: organizzazione della campagna pubblicitaria e teorie sulla sua efficacia Modulo 4 Il Marketing Marketing mix e promozione turistica Linguaggi, strategie ed efficacia della pubblicità turistica SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 20/28

21 Materia Insegnamento Religione Cattolica Docente Libro di testo Autore/i Titolo Volume Casa editrice Competenze Performance / esiti formativi Modulo 1 La persona umana tra libertà e valori Modulo 2 La vita come amore Modulo 3 Una società fondata sui valori Modulo 4 Una scienza per l uomo: Prof.ssa Chiara Rizzo Luigi Solinas Tutti i colori della vita Unico SEI Riconoscere che l ideologia, in quanto affermazione di una misura dell uomo sulla realtà, è la forma attuale di idolatria. Acquisire la consapevolezza che per essere morali occorre amare la verità più delle proprie opinioni. Considerare il cristianesimo come un fatto che entra dentro la storia dell uomo e non come una dottrina, un insieme di valori morali o di pratiche rituali. Motivare le scelte etiche nelle relazioni affettive, nella famiglia, nella vita dalla nascita al suo termine. Tracciare un bilancio, operando una concreta verifica, per il proprio progetto di vita. Acquisisce il valore della libertà come realizzazione della natura dell uomo e del destino per cui è stato creato. Distingue i diversi procedimenti della ragione: il metodo della certezza morale, usato per il raggiungimento di verità nel campo del comportamento umano, non può essere uguale in campo scientifico o logico. Riconosce le linee di fondo della dottrina sociale della Chiesa: l impegno per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato. Comprende che il laicismo, rendendo cultura dominante l affermazione Dio se c è non c entra, ha creato una distanza tra la religiosità e la vita. CONTENUTI La libertà responsabile La coscienza morale La dignità della persona I vari volti dell amore L amore come amicizia - L amore come eros L amore come agape L amore come carità Una politica per l uomo: la giustizia sociale, la globalizzazione,l immigrazione Un economia per l uomo: giustizia economica e sviluppo sostenibile Condividere per il bene comune: la solidarietà e il volontariato Destabilizzazione dell ordine sociale: mafie, terrorismo Quali diritti sulla vita: l inizio della vita Quali diritti sulla morte: eutanasia e testamento biologico - pena di morte La salute e il benessere psicofisico SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 21/28

22 la bioetica Un ambiente per l uomo: crisi ambientale, ecologia e sviluppo sostenibile Materia Docente Libro di testo Autore Titolo Volume Casa Editrice Competenze Performance/ Esiti Formativi Modulo 1 France et Tourisme Modulo 2 Profession Tourisme Modulo 3 Le Travail en Agence Modulo 4 Histoire et Culture Prof.ssa Giuseppa Urdì LINGUA FRANCESE Simonelli Becchetti Pristipino Atelier Tourisme UNICO SEI Leggere, comprendere, interpretare testi verbali e non verbali di vario tipo e riconoscere i differenti linguaggi Padroneggiare gli strumenti espressivi per comunicare in vari contesti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Produrre testi verbali e non verbali di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Ricava informazioni generali e specifiche da un messaggio/testo scritto di carattere generale e/o attinente al proprio settore professionale Comunica in vari contesti comunicativi usando gli strumenti espressivi Utilizza espressioni riferite all indirizzo specifico purché pronunciate chiaramente Chiede e fornisce informazioni generali e specifiche su argomenti di carattere generale e professionale Produce e traduce testi di carattere generale e professionale CONTENUTI L Histoire du Tourisme Les différents types de Tourisme «Dialogues en situation» Les professions du Tourisme «Dialogues en situation» Dépliants et brochures Préparation d un itinéraire Présentation d un itinéraire «Dialogues en situation» Textes choisis de civilisation française : Documents authentiques «Dialogues en situation» Les Jeunes et l Europe Les Français et les vacances SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 22/28

23 Materia GEOGRAFIA TURISTICA Docente Libro di testo Autore Titolo Volume Casa Editrice Competenze Performance/ Esiti Formativi Prof.ssa Gabriella Marasco CORRADI- MAZZONI Geotur terzo Markers Interpretare l origine e l evolversi del fenomeno turistico nelle principali aree di incoming e outgoing dei continenti extraeuropei in relazione al loro contesto fisico-antropico Comprendere che anche le attività turistiche sono influenzate dall evoluzione delle società e dal confronto tra aree tra aree geografiche e culturali diverse Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio Descrive gli aspetti fisici, storici, politici e sociali delle principali regioni extraeuropee e le loro conseguenze sul turismo Opera confronti tra Paesi e Regioni turistiche mondo Possiede un discreto bagaglio di conoscenze geografiche inerenti il patrimonio naturalistico, storico artistico e culturale dell Italia. Padroneggia gli strumenti per ricavare le informazioni geografiche (guide turistiche, siti, internet, atlanti) Raccoglie e organizza dati attraverso l osservazione diretta dei fenomeni naturali o antropici e/o la consultazione di testi, atlanti, media Modulo 0 Spagna paesaggio e turismo CONTENUTI Modulo 1 Area Mediterranea Extraeuropea Modulo 2 Nord America America Latina Modulo 4 Asia Modulo 5 Africa Australia Marocco: paesaggio e turismo Egitto: paesaggio e turismo Etiopia:paesaggio e turismo Israele: paesaggio e turismo Stati Uniti: paesaggio e turismo Canada: paesaggio e turismo Area Caraibica: Cuba Brasile: paesaggi e turismo Giappone: paesaggio e turismo Cina: paesaggio e turismo Kenya: paesaggio e turismo Australia: paesaggio e turismo SGQ-PRG-01 MOD 36 REV 02 PAG. 23/28

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli