Approvata la riforma delle Comunità montane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvata la riforma delle Comunità montane"

Transcript

1 ULTIM'ORA SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati La Consulta dell'emigrazione convocata il 21 ottobre ANNO XXXVII / SETTEMBRE 2005 N. 9 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge 662/96 Filiale di Cagliari (tassa riscossa - taxe perçue) Poste italiane tariffa pagata DCO/D.E./3139/02 del Il Cagliari caccia Tesser e riprende Arrigoni pag. 30 POLITICA REGIONALE Approvata la riforma delle Comunità montane ECONOMIA Segnali contrastanti dalla stagione turistica Tra tre mesi verranno soppressi gli attuali 25 Enti montani - Prevale il criterio dell'altitudine sul livello del mare La Sardegna ha conquistato la palma del mare più pulito - L'isola scelta dal Presidente della Repubblica - I prezzi troppo alti hanno messo in crisi il mercato delle seconde case SPECIALE EMIGRAZIONE pagina 6 A Guasila la IX Giornata regionale delle migrazioni Al centro del dibattito organizzato dal Craies il problema della mobilità umana - Le sofferenze e i sacrifici di chi lasciò l'isola nel secolo scorso pagina 5 Il Vescovo di Nuoro in America Latina tra missionari e emigrati Visita di mons. Pietro Meloni in Brasile e Argentina pagina 16 pagina 17

2 2 SETTEMBRE 2005 Circoli Questi gli indirizzi ai quali i lettori potranno rivolgersi per avere ulteriori chiarimenti ITALIA (0039) PIEMONTE-VALLE D AOSTA Circolo Su Nuraghe - via Sardegna, ALESSANDRIA - tel. 0131/ fax 0131/ Circolo Su Nuraghe - via Galilei, BIELLA - tel. e fax Circolo Sa Rundine - Cascina Pezzata BOLLENGO (TO) - tel Circolo Sa Rundine - corso Casale VERCELLI Circ. cult. sardo E. D Arborea - via Pessina, CASTELLETTO SOPRA TICINO (NO) tel. e fax 0331/ Circolo sardo Cuncordu - corso Valsesia, GATTINARA (VC) - tel. 0163/ Ass. sardi res. Novara e prov GIONZANA (NO) - via della Chiesa, 20 tel. e fax 0321/ Circolo Gennargentu - via 1º Maggio, NICHELINO (TO) - tel fax Circ. cult. Quattro Mori - frazione Beaume, OULX (TO) - tel. e fax Circ. Grazia Deledda - via S. Giuseppe, PINEROLO (TO) - tel. e fax Circ. Su Nuraghe - piazza S. Giacomo, PIOSSASCO (TO) - tel./fax 011/ Circ. cult. ricr. Quattro Mori - via Macario, RIVOLI (TO) - tel fax Circ. Ass. Sardi Kinthales - via Musinè 5/ TORINO - tel fax Circ. Sant Efisio - via degli Abeti, TORINO - tel. e fax 011/ LOMBARDIA Ass. Amici della Sardegna - via Veneto, CARDANO AL CAMPO (VA) Ass. cult. Amedeo Nazzari - via Madonna Pellegrina, 64/c BAREGGIO (MI) tel. e fax cell Circolo Maria Carta - via Moroni, BERGAMO - tel Circ. cult. Sardo - via Berardo Maggi, 47/C BRESCIA - tel.-fax Circ. cult. Raimondo Piras - via Marconi, CARNATE (MI) - tel. e fax Circ. dei sardi Domo Nostra - via Kuliscioff CESANO BOSCONE (MI) - tel.-fax A.M.I.S.-Emilio Lussu - via Cornaggia, CINISELLO BALSAMO (MI) tel fax Circolo Sardegna - via Isonzo, COMO - tel. e fax 031/ Circolo Sardegna - via Massironi, CONCOREZZO (MI) - tel.-fax Circolo Sa Domu Sarda - via Nazario Sauro, 16A CREMONA - tel. e fax Ass. Sebastiano Satta - via Pascoli, GALLARATE (VA) tel fax Ass. cult. Amsicora - via B. Buozzi, LECCO - tel fax Circ. cult. Grazia Deledda - via Oberdan, 7/A MAGENTA (MI) - tel.-fax Circ. Giommaria Angioy - piazza Borasio, MARCHIROLO (VA) - tel.-fax Centro soc. cult. dei Sardi - via Foscolo, MILANO - tel fax Circolo Sardegna - via Arosio MONZA - tel Circolo Su Nuraghe - via Augusto Righi, PARABIAGO (MI) - tel. e fax Circolo Logudoro - via Santo Spirito, 4a PAVIA - tel. 0382/ fax Circolo Nuova Sardegna - via don Sturzo PESCHIERA BORROMEO (MI) tel fax Circolo Su Foghile - Strada Anulare S. Felice S. FELICE DI SEGRATE (MI) tel fax Circolo Grazia Deledda - via Roma, SARONNO (VA) - tel fax Circ. cult. S Emigradu - via dei Mille, VIGEVANO (PV) - tel.-fax Circolo Sardegna - via Murri, VIMERCATE (MI) - tel fax Centro soc. culturale sardo La Quercia - via Fiume, VIMODRONE (MI) - tel fax LIGURIA Circolo Sarda Tellus - via N. Daste 5r/f GENOVA - tel.-fax Circ. culturale sardo Grazia Deledda - stradone D Oria, LA SPEZIA tel Circolo Il Nuraghe - via Nino Oxilia, SAVONA - tel fax Circ. culturale Grazia Deledda - via Hanbury, 6/f VENTIMIGLIA - tel.-fax EMILIA ROMAGNA Circolo Sardegna - via Stalingrado, 81 - parco Nord BOLOGNA - tel fax Circolo Nuraghe - via Gramsci, FIORANO (MO) - tel. e fax 0536/ Circolo Grazia Deledda - via Baganzola, PARMA - tel fax Gremio Sardo Efisio Tola - via Guastrafredda, PIACENZA tel. 0523/ VENETO Circ. Sardi nel Bellunese - via San Francesco, BELLUNO - tel. e fax e.mail: Circolo cult. Sardo G. Becciu - via Felice Cavallotti, CHIOGGIA (VE) - tel.-fax Circolo cult. Sardo Ichnusa - via Bellini, 8/ MESTRE (VE) - tel.-fax Circ. Eleonora D Arborea - via Cernaia, 1bis PADOVA - tel.-fax Circolo Sardegna Nostra - via Marchi, ROMANO D EZZELINO (VI) - tel Ass. Amicizia sarda nella marca trevigiana TREVISO - via Bernardi, 14 tel.-fax Ass. Sebastiano Satta - vicolo Campo Fiore, 2/A VERONA - tel fax Ass. Culturale Sarda Grazia Deledda - Via Roi, CAVAZZALE (VI) - tel.-fax TRENTINO-ALTO ADIGE Circolo Giuseppe Dessì - via De Gasperi, TRENTO - tel fax Circolo Eleonora d Arborea - via Palermo, BOLZANO - tel. e fax Circolo culturale Maria Carta - via Perosi, 2b ROVERETO FRIULI VENEZIA GIULIA Ass. reg. dei sardi in Friuli Ven. Giulia PORDENONE - Riviera del Pordenone, 14 tel.-fax Ass. sardi in Friuli Ven. Giulia - corso Verdi, GORIZIA - tel.-fax Ass. sardi Friuli Ven. Giulia - via Ermacora, TOLMEZZO (UD) - tel.-fax Ass. region. sardi Friuli Ven. Giulia - via di Torrebianca, TRIESTE - tel.-fax Ass. sardi Friuli Ven. Giulia UDINE - via delle Scuole, 13 - tel.-fax TOSCANA Circ. Ass. Sardi in Toscana - p.za S. Croce, FIRENZE - tel fax Circ. cult. Sandalia - Bastione Cavallerizza GROSSETO - tel.-fax Ass. cult. sarda Quattro Mori LIVORNO - via Borgo Cappuccini, 275 tel.-fax Ass. cult. sarda G. Deledda - piazza San Francesco, PISA tel Circolo Peppino Mereu - via Stalloreggio, SIENA tel.-fax LAZIO Ass. Sarda Domus - via N. Bixio, CIVITAVECCHIA - tel.-fax Circ. Quattro Mori - via Delle Baleari, LIDO DI OSTIA (RM) - tel.-fax A.C.R.A.S.E. - via Rivisondoli, ROMA - tel.-fax Circ. Il Gremio - via S. Claudio, ROMA - tel fax UMBRIA Circolo Sardegna - via Bologna, PONTE VALLECEPPI (PG) ABRUZZO Circolo sardi d'abruzzo Shardana - via da Denominare 392, PESCARA - tel fax BELGIO (0032) Gremiu sardu Martinu Mastinu El-Tano 1040 BRUXELLES - 68, Avenue de Auderghem bt.24-3 p. tel./fax Associazione Sardi del Borinage 7301 BOUSSU HORNU - Rue André Demot, 101 tel. -fax Circolo Quattro Mori - Rue des Charbonnages, CHATELINEAU- CHARLEROI tel fax Ass. Sardi di Mons - Su Nuraghe - Av. du Champ de Bataille, FLÉNU-MONS - tel fax Circolo Grazia Deledda - Vennestraat, GENK - tel fax Circolo Eleonora d Arborea - Rue Bellevue, LA LOUVIÈRE - tel fax Associazione La Sardegna all estero - Quai Godefroid Kurth, LIEGI - tel fax GERMANIA (0049) C. S. Quattro Mori - Mauerberg Str., AUGSBURG - tel fax C.S. di Berlino - Zillestr BERLINO tel. - fax C.S. Maria Carta Rhein-Main e V FRANKFURT/M - Hartmannweiler, Str. 67 tel /2 - fax C. S. Su Nuraghe - Streseman Str., HAMBURG tel fax C. S. Su Gennargentu - Austr HEILBRONN - tel.-fax C. S. Sa Domu Sarda - Garten Str., KARLSRUHE - tel fax C. S. Speranza sarda - Mainau Str., KÖLN - tel fax C. S. Nuova Rinascita - Philipp Str., KÖLN - tel fax C. S. I Nuraghi - Halberg Str., LUDWIGSHAFEN tel fax C. S. Eleonora D Arborea - Dorfbroicherstrasse, MÖNCHENGLANDBACH tel fax Centro culturale ricreativo Sard Europa MOERS - Bismarck Str., 18 tel fax C. S. Su Gennargentu - Fürstenrieder Str., MÜNCHEN - tel fax C. S. S unidade Sarda - Klingenhofstr. 50A NÜRNBERG - tel fax C. S. Rinascita - Mülheimer Str., OBERHAUSEN - tel fax C. S. Su Nuraghe - Wiesbadener Str., STUTTGART - tel fax C. S. Grazia Deledda - Diesel Str., WOLFSBURG - tel fax C. S. I Quattro Mori - Ritter Str., KREFELD INGHILTERRA (0044) Associazione Sardegna 2000 Southbank House - Black Prince Road LONDON SE1 7SJ - tel / SVIZZERA (0041) Circolo Sardo Amsicora Oberdorfstrasse BIRR AG - tel.-fax Circolo Sardo Forza Paris - Kagiswilerstrasse SARNEN (LUCERNA) tel fax Circolo Eleonora d Arborea - Clarastrasse, BASILEA tel fax Circolo culturale sardo Coghinas - via San Gottardo 6743 BODIO (TI) - tel.-fax Ass. Reg. Sarda - Circolo Ginevra - Rue Pictet De Bock, GINEVRA - tel fax Circolo Sebastiano Satta - Sulzstrasse, GOLDACH - tel fax Circolo Su Nuraghe - Avenue De Morges, LAUSANNE - tel fax Circ. sardo Sa Berrita - p.zza Molino Nuovo, LUGANO - tel fax Circolo Efisio Racis - Badenerstrasse, ZURIGO - tel fax FRANCIA (0033) Circolo Su Nuraghe - 7, Rue Comte Bacciochi AJACCIO - tel fax Circolo Su Nuraghe - Ecole Chateaubriand, B.P BEHREN-LES-FORBACH - tel.-fax Circolo Sardo Su Tirsu - 94, Rue de Belfort BESANÇON - tel fax Ass. Cult. Famiglie Sarde di Douai - Av. des Potiers DOUAI - tel fax Circolo Sardo Grazia Deledda - 1, Rue de Touraine FAMECK - tel fax Circolo Sardo Su Nuraghe - 15, Rue Molière FARÉBERSVILLER tel fax Circolo Gennargentu - 15/17, Rue Lamartine FOLSCHVILLER BP 18 - tel Ass. regionale sarda Sardinia - 4, Avenue de Beauvert GRENOBLE - tel fax Circolo Ortobene - 94, Rue Marechel Foch LE CREUSOT - tel. fax ( ) Circolo Sardo Grazia Deledda - 46, Rue de la Madelaine LIONE - tel fax Circolo Città di Cagliari - 5, Rue des Ponts MONDELANGE - tel fax Circolo Domosarda - 168, Rue Raymond Losserand PARIS - tel fax Circolo Culturale Città di Nora - 12, Rue du Rivage SEDAN - tel fax Circolo Sardi in Europa - Maison des Associations 1 a, Place des Orphelins - Tel e fax STRASBOURG Circ. Emigr. Sardi Gennargentu - 3bis/A, Rue Du Jura VILLE-LA-GRAND tel fax OLANDA (0031) Circ. Sardo Amici Mediterranei - Wichard van Pontlaan, GM ARNHEM - tel fax Circolo Sardo S Argiola - Zoutmansstraat, 23 R 2518 GL DEN HAAG - tel fax Circolo Eleonora d Arborea - Dennenweg, WL ENSCHEDE - tel fax Circolo Sardo Gennargentu - Rabenhaupstraat CD GRONINGEN - tel.-fax 050/ Circolo Sardegna - Prof. Mullerstraat, BE MAASTRICHT tel. 043/ fax 043/ Circolo Su Gennargentu - Beersdalweg, 110/a 6401 SC HEERLEN - tel. 045/ Circolo Sardo Su Nuraghe - Bachstraat, RX SITTARD - tel fax SPAGNA (0034) Associaz. dei Sardi in Spagna S. Salvador d Horta Calle Muntanya 50 - tel. 093/ fax 093/ BARCELONA - Circolo Sardo Ichnusa - Ap.do De Correos MADRID - tel BULGARIA (00359) Circolo Sardo Sardica 113 Evlogi Georgiev Blvd SOFIA AUSTRALIA (0061) Circ. Sardinian Cultural Association c/o Assisi Centre 2nd Floor 230 Rosanna Road VIC 3084 ROSANNA (MELBOURNE) tel. 03/ fax Ass. Cult. Soc. Sarda Inc. NSW - Unit 2, 4 Centre Place WETHERILL PARK - NSW tel.-fax Queensland Sardinian Culture Club U. Usai 23 Foster St. Newmarket - P.O. Box 131 QLD 4032 Chermside - BRISBANE - tel. e fax Associazione Sarda del Queensland Inc. 48 b Ainsdale Str. P.O. Box 2252 QLD 4032 CHERMSIDE WEST - BRISBANE tel. e fax ARGENTINA (0054) Associaz. Italiana Sardi Uniti - Mendez de Andes, BUENOS AIRES - tel fax Circ. Sardi Uniti Grazia Deledda - Calle España, MAR DEL PLATA - tel.-fax e mail: Asociacion Circulo Sardo del Nord Ovest Argentina 4000 S. M. DE TUCUMAN - Crisostomo Alvarez, 1236 tel fax Asociacion Italiana Sardegna via Francisco Piovano, Ciudad de MORENO - tel. e fax Circ. A. Segni - Calle 33, LA PLATA (BUENOS AIRES) - tel. e fax Centro Unione Regionale Sarda - Avenida 26, n CITA DI MIRAMAR (BUENOS AIRES) tel fax Associazione Famiglia Sarda -via Rodriguez, ROSARIO (SANTA FE ) tel.-fax Ass. Sarda di Cordoba - Suipacha CORDOBA - Barrio Pueyrredón tel fax 0351/ Circolo Radici Sarde - Haedo SAN ISIDRO (BUENOS AIRES) tel fax BRASILE (0055) Circ. Em. Sardi Su Nuraghe - Rua Marechal Deodoro, SÂO CAETANO DO SUL (SAO PAULO) tel. e fax Circolo Gennargentu - Avenida Herval 668, 1º andar MARINGÀ PARANÀ - tel.-fax Circ. Deledda - Av. Nossa S.ra de Copacabana, 928/ RIO DE JANEIRO - tel. e fax Circ. Giuseppe Dessì SP - Av. Sâo Luiz, 50 Edificio Italia 2º piano - Cep SAN PAOLO - S.P. tel fax Circolo sardo Gramsci SP Rua de Faria, 192 ed. Sao Lourenco 192 Apt RIO VERMELHO - SALVADOR BAHIA CANADA (001) Associaz. Sardi Quebec Boulevard St Lauren. QUE- H2S 3E2 MONTREAL QUEBEC tel.-fax 0514/ Club Sardegna del Niagara - 17, Gale Crescent L2R 3K8 St. Catharines, ONTARIO tel fax Sardegna Unita Edgeley Blvd. - unit. 19 L4K4B5 TORONTO, ONTARIO - tel. e fax Circolo Sardegna Vancouver E. 5 Avenue tel V5M 1N7 VANCOUVER B.C. - PERÙ (00511) Asociación Sarda del Perù Ulisse Usai, Jr. Chiclayo 452 Of. H - MIRAFLORES (LIMA) tel. - fax USA (001) Circolo Shardana - 13, 68th Street n GUTTENBERG, NJ Great Lakes Sardinian Club , Elmite HARRISON TOWNSHIP (MICHIGAN) tel FEDERAZIONI ITALIA - Via Daverio, MILANO - tel.-fax 02/ BELGIO - 68, Avenue de Auderghem bt.24-3 p BRUXELLES - tel./fax 02/ FRANCIA - 7, Rue Comte Bacciochi AJACCIO - tel. 0033/495/ fax 0033/495/ GERMANIA - Mülheimer Str OBERHAUSEN - tel fax OLANDA - Wichard van Pontlaan, GM ARNHEM - tel. 0031/26/ fax 0031/26/ SVIZZERA - Badenerstrasse ZURIGO - tel / fax ++01/ ARGENTINA - Mendez de Andes, BUENOS AIRES - tel.-fax 00541/ ASSOCIAZIONI TUTELA Federazione Associazioni Emigrati Sardegna F.A.E.S CAGLIARI - via Ariosto, 24 tel fax A.C.L.I. - Viale Marconi, 4 tel fax CAGLIARI - C.R.A.I.E.S. - U.N.A.I.E. - Via S. Giovanni, CAGLIARI - tel.-fax A.I.T.E.F. - Via XX Settembre, CAGLIARI - tel fax A.T.M. Emilio Lussu - Via Cavaro, 5 - tel CAGLIARI - fax Associazione di tutela A.N.F.E. - Via Roma, CAGLIARI - tel fax Associazione di tutela F.I.L.E.F. - Via dei Colombi, CAGLIARI - tel fax Istituto Autonomo Sardo Fernando Santi - Via Ariosto CAGLIARI - tel fax

3 Lettere al Giornale SETTEMBRE Ricerca sull'emigrazione sarda Queste le condizioni della continuità territoriale COSTO PER NATI E RESIDENTI IN SARDEGNA COSTO NON RESIDENTI TRATTA COMPAGNIA (tasse comprese) (tasse comprese) Cagliari-Roma Alitalia 55,00 125,04 Air One 55,03 125,03 Meridiana 55,04 125,04 Cagliari-Milano Alitalia 60,00 145,04 Air One 65,03 153,03 Meridiana 65,04 105,04 Alghero-Roma Air One 55,73 125,73 Alghero-Milano Air One 65,75 153,73 Olbia-Roma Meridiana 55,76 113,64 Olbia-Milano Meridiana 65,76 153,76 Meridiana estende l agevolazione della tariffa nati e residenti anche ai coniugi ed ai figli dei nati in Sardegna ma emigrati. Caro Messaggero, con grande sorpresa noto che il giornale arriva in Svizzera in tempi sempre più ragionevoli. Complimenti, anche se, con la possibilità di leggere il giornale in rete, i tempi postali sono ormai superati. Ho nominato la Svizzera, perché vivo in questo Paese e seguo da vicino molte questioni che riguardano la collettività italiana e marginalmente anche i Sardi. Tra l altro, sarei molto interessato a sapere quanti sono i Sardi qui residenti o almeno quanti ne risultano all AIRE. (La distribuzione per Provincia e Comune sarebbe estremamente gradita). Nel servizio sull insediamento della Consulta, l assessore Salerno ha accennato alla necessità di costruire un anagrafe degli emigrati, un censimento che non si limiti soltanto a dire chi sono e dove stanno, ma che indaghi sui bisogni, sulle esigenze e sulle potenzialità dei Sardi nel Mondo. Trovo l idea molto interessante (anche se forse arriva in ritardo), ma più che pensare a un censimento mi parrebbe più opportuno e di più facile attuazione avviare in tempi brevi una ricerca tematica sull emigrazione sarda comprendente da un lato testimonianze significative di emigrati (realizzate ad esempio su forma di sintesi d interviste) e dall altro brevi analisi ad opera di ricercatori e specialisti. Ricerche di questo genere sono state realizzate con successo da altre Regioni ed organizzazioni italiane. Si potrebbe cominciare dagli emigrati sardi in Svizzera. Una tale ricerca potrebbe/dovrebbe servire non solo a rendere testimonianza di un grande fenomeno che ha inciso profondamente sulla storia e sullo sviluppo della Sardegna, ma anche ad evidenziare il contributo esemplare che molti sardi hanno dato al Paese ospite col loro lavoro, la loro intelligenza, la loro riuscita professionale e sociale. Infine, un tale studio potrebbe essere utile a quanti devono gestire oggi in Sardegna l importante trasformazione da terra d emigrazione a terra d immigrazione (di cui in altro servizio del Messaggero di giugno). È fattibile? Chi dovrebbe prendere l iniziativa e la responsabilità? Giovanni Longu Berna Caro Longu, crediamo che ormai da anni il Messaggero arriva tempestivamente in Svizzera e in tutti gli altri Paesi (oltre 70) in cui ci sono emigrati sardi. Per quanto riguarda gli iscritti all AIRE dovrebbe rivolgersi al Consolato Italiano, noi non disponiamo di tali dati. La sua proposta di una ricerca tematica è interessante ma non esclude l avvio di un indagine conoscitiva più articolata per realizzare una vera anagrafe dei Sardi nel Mondo. Il tema è all ordine del giorno da molti anni, Il Messaggero lo ha spesso riproposto, ma ci rendiamo conto che ci sono difficoltà e costi da affrontare. A proposito di nostalgia Caro Messaggero Sardo, Appena rientrata dall Irlanda, dove ho accompagnato un gruppo di studenti in vacanza-studio, ho letto la lettera di Gabriella Suella al vostro giornale e mi sento in dovere di risponderle. La nostalgia, come recita Oli- Devoto, è uno stato d animo corrispondente al desiderio puntuale o al rimpianto malinconico di quanto trascorso o lontano e tale stato d animo, a mio avviso, non distorce né limita o condiziona la percezione della realtà, in questo caso quello della Sardegna. E molto semplice sentenziare con atteggiamento paternalistico La Sardegna è tanto vicina non opprimiamola con la nostalgia, quando si vive, lontani dalla propria terra, ma con tutti i propri cari vicini. In questa situazione la nostalgia non ha ragione di esistere. Io non opprimo niente e nessuno, il mio sentimento è giusto e legittimo. E il rimpianto di non aver potuto partecipare alla festa di laurea della mia sorellina a causa della distanza e del lavoro, quello di non esserci stata quando sono nati i miei nipoti, è il rimpianto di non essere potuta stare vicino al mio babbo nei momenti dolorosi della sua malattia; questa è la mia nostalgia e non permetto che mi si dica che con essa opprimo la mia terra, non così vicina. Sono perfettamente cosciente e consapevole della dura realtà sarda, della mancanza di lavoro e di tutte le problematiche connesse alla situazione dell isola. Torno in Sardegna ogniqualvolta ne ho la possibilità dal lavoro perché là vivono mia madre, le mie due sorelle, i miei nipoti, i cugini, gli zii, ecc.. Vivo a Spoleto da circa 26 anni, adoro questa regione ricca di arte, cultura e natura. Ho diversi amici a livello professionale e personale, non sono consigliere comunale, né sono presidente di alcun ente pubblico, svolgo il mio lavoro di insegnante da 20 anni con entusiasmo, professionalità e serietà. Sono apprezzata da studenti, genitori, presidi e colleghi anche per le mie caratteristiche sarde di generosità, onestà e solarità. Anche a Spoleto ci sono molti sardi coi quali ci incontriamo spesso e anche loro, ahimè!, soffrono di nostalgia. Che orrore! Questi sardi non si sono fatti onore, non sono ambasciatori della nostra cultura, non hanno autostima, coraggio e intraprendenza, non hanno menti aperte che possano domare il pregiudizio atavico dell isolamento isolano! Come si fa poi a pensare di poter vivere stabilmente in Sardegna? Al massimo si può consigliare due o tre settimane di vacanze estive a qualche migliaio di persone! E questo il contributo che noi emigrati dovremmo dare all isola? In questo modo assecondiamo la secolare tendenza a considerarla una colonia, una terra da sfruttare. Il turismo è una risorsa fondamentale e vitale, ma sappiamo bene che i posti di lavoro che si creano si limitano a mansioni di camerieri, cuochi e guardamacchine nei villaggi turistici e alberghi gestiti da grosse società del nord che hanno il monopolio delle costruzioni e delle gestioni. Non sarebbe forse meglio incrementare, favorire e potenziare l imprenditoria sarda limitando i monopoli delle grosse società del nord promuovendo finalmente un economia sarda a tutti gli effetti? Anna Lisa Siddi Via Adige S.N.C S. Martino in Trignano - Spoleto ( PG) Cara Siddi, le abbiamo concesso il giusto diritto di replica pubblicando per intero la sua lettera. Come avrà capito il mondo dell emigrazione è articolato e complesso anche nelle sfumature delle reazioni e dei sentimenti. Ricerca un amico a Londra Caro Messaggero, chiedo aiuto ai cari emigrati che come me hanno dovuto abbandonare la loro terra santa e benedetta per lavoro o per amore: non riesco a trovare un amico, si chiama Luciano Lai, che ha aperto un ristorante a Londra che si dovrebbe chiamare il mirto. Se qualcuno lo conoscesse e mi facesse avere o la e- mail o il numero di telefono gliene sarei veramente grato. Colgo l occasione per chiedere alla redazione di spedirmi il giornale all indirizzo nuovo e per farle i complimenti per la dedizione alla nostra terra. Un saluto a tutti i foghesini. Antonio Anibaldi via Piero Gobetti 36 Belluno Caro Anibaldi, speriamo che la sua ricerca vada a buon fine. Le origini dei cognomi Per poter rispondere alle domande degli emigrati sull origine dei loro cognomi, tra le altre fonti, attingiamo anche dal prezioso volume del prof. Massimo Pittau I Cognomi della Sardegna - significato e origine di cognomi (Carlo Delfino Editore, Sassari 1990). Per chi fosse interessato questo è l indirizzo della casa editrice: Carlo Delfino editore, Via Caniga 29/b, Sassari - Tel MACCIONI Caro Messaggero, sono figlia di emigrati in Australia nel lontano 1922 ed attualmente abito in provincia di Venezia, vorrei conoscere l origine dei cognomi del mio cognome e di quello di mia madre Nieddu. Maccioni Francesca Via Barcon Annone Veneto (VE) Cara Maccioni, diamo cavallerescamente la precedenza alle notizie sul cognome della madre. Nieddu corrisponde all aggettivo nieddu, a, nero, bruno di carnagione, originario dal sardo antico nigellus (DES II 166) a sua volta originario dal latino nigellus diminutivo di niger. Descritto nel Condaghe di Salvennor come Nigellu, Niguellu e nel Condaghe di Bonarcado e nelle Carte Volgari AAC come Niellu; documentato anche nel Codice di Sorres come Niedu. Ricordiamo anche che una località dello stesso nome esisteva nella Curia del Meilogu, Giudicato di Torres. Un casato Nieddu, con ramificazioni in Oristano, Nuoro, Buddusò, Ozieri e Cagliari, appartenne alla nobiltà isolana nel 1700/1800 e fu particolarmente benemerito. Maccioni può corrispondere al campidanese maccioni = ghiozzo, pesce, a sua volta di dibattuta discendenza che potrebbe essere dal catalano maxon o dal napoletano mazzone. Potrebbe derivare anche dal sassarese maccioni = grossa macchia o cespuglio o considerata una variante del cognome galluresi mazzone = volpe. Si riscontra in antichi scritti come de Macioni, e si ritrova nel 1600 in Iglesias con la grafia Macaoni, alla spagnola. Riscontrabile nel 1700 anche Maccione. CADEDDU Caro Messaggero, mi piacerebbe conoscere l origine del mio cognome, e ne approfitterei per salutare tutti i compaesani di Montresta, da dove provengo. Cadeddu Giovanni Str. Aeroporto nr Caselle Torinese (TO) Caro Cadeddu, l origine del suo cognome potrebbe essere lo svolgimento regolare del latino catellus cagnolino, che compare come cognome Catellu nel Condaghe di Bonarcado 65 (DES I 320) e come Cadello nel CDS II 43, 44 per l anno 1410; in subordine potrebbe corrispondere al cognome Cadinu catino, vaso di legno a doghe, cestone dal latino cadinus, con cambio del suffisso. Cognome che compare delle famiglie che nel periodo erano autorizzate ad esercitare traffico nel territorio della Repubblica di Genova. MUSCAS Caro Messaggero, è la prima volta che scrivo perché vorrei avere notizie riguardanti il mio cognome. Muscas Mauro Via Piave, Gavirate (VA) Caro Muscas, il suo cognome, caratterizzato dalla s finale, appartiene come tanti cognomi sardi ad un plurale di famiglia che in questo caso è Musca. Musca che deriverebbe dallo stesso sostantivo originario dal latino musca (DES II 143) ed è documentato nel Condaghe di Bonarcado. Potrebbe anche essere cognome propriamente italiano, ad origine calabrese o sicula, di significato ed origine uguali (De Felice I).

4 4 SETTEMBRE 2005 Editoriale Un'estate come tante con i soliti incendi e vip in vacanza Quella che si è appena conclusa è stata un estate come tante altre. Era cominciata con una botta di calore che aveva fatto paventare il ripetersi della terribile stagione del 2003,quando il termometro aveva superato i 40 gradi per lunghi periodi di tempo provocando morti in tutta Europa. Gli esperti erano stati categorici: sarà un altra estate calda. E invece le bizze del tempo hanno smentito tutti. In buona parte della penisola il mese d agosto è stato pessimo. Sulla riviera romagnola i turisti hanno avuto più pioggia che sole. In Sardegna, tutto sommato, non è andata male. Il tempo, come si dice, ha tenuto. Dopo un mese di giugno che faceva temere il peggio, a luglio l Isola è stata sferzata dal maestrale che ha spazzato via calura e umidità ma ha alimentato gli incendi. La zona più colpita è stata la Gallura. Attorno ad Olbia in una settimana si sono contati oltre 60 roghi. Le fiamme hanno lambito la periferia della città e numerosi insediamenti turistici. In qualche caso per i bagnanti è stato necessario rifugiarsi sul bagnasciuga per non correre rischi. L apparato antincendio regionale che di anno in anno si potenzia ha funzionato bene anche se non sono mancate polemiche e scambi di accuse per i ritardi di alcuni interventi. Ad appiccare le fiamme, come al solito, sono stati incendiari senza scrupoli, ma anche turisti incoscienti. In più di un caso gli incendi sono stati provocati dalla rete elettrica dell Enel. Le segnalazioni di problemi lungo la linea non sono stati sempre recepiti con la dovuta sensibilità, come possono testimoniare gli abitanti dell Alta Gallura che hanno visto le loro aziende andare in fumo distrutte da un incendio sviluppatosi dalle scintille di una cabina elettrica. Anche il mese d agosto è stato caratterizzato da giornate ventose che però non hanno scoraggiato il flusso turistico. Fare il bilancio della stagione è quanto meno azzardato. I segnali sono contrastanti. I dati degli arrivi nei porti e negli aeroporti grazie anche all apporto dato dalle compagnie lowcost - sono più che positivi. Quelli dell occupazione degli alberghi invece pur con i dovuti distinguo non sono per niente soddisfacenti. La Sardegna, forse, non ha saputo attrarre i flussi turistici che hanno lasciato l Egitto e il Mar Rosso dopo l ondata di attentati. Una più oculata politica dei prezzi (sta diventando un luogo comune che la Sardegna è cara, e alla lunga questo fatto avrà ripercussioni negative) avrebbe consentito di riempire molte delle stanze d albergo rimaste vuote. Sono andati decisamente bene gli agriturismo. Il richiamo della natura abbinato a un costo più contenuto ha dato buoni risultati. Il settore è in espansione come si può constatare girando per la Sardegna. Dall Oristanese al Sarrabus, dalla Nurra alla Gallura, dal Nuorese all Ogliastra, ovunque sono state aperte strutture ricettive che consentono di arrotondare il reddito del lavoro nella campagna. Ma per non sperperare un patrimonio che può ancora crescere e svilupparsi è necessario che ci sia un adeguata vigilanza sul rispetto delle regole e delle promesse. Questo tipo di turismo si sviluppa principalmente con il passaparola. Un cliente soddisfatto è uno straordinario veicolo di promozione, ma uno deluso o, peggio, raggirato è un devastante potenziale distruttivo. La Sardegna, anche quest anno si è confermata la meta preferita dagli italiani. Al fascino del suo mare che è stato giudicato il più pulito d Italia non hanno resistito né il presidente della Repubblica (che è ritornato a fare i bagni alla Maddalena), né quello del Consiglio che si è stabilito alla Certosa. Ma è praticamente impossibile fare l elenco dei ministri, magnati, imprenditori, personalità dello sport e dello spettacolo che hanno trascorso le vacanze sulle spiagge sarde. Navi e aerei, come detto, hanno viaggiato a pieno carico ma anche quest estate come ci hanno segnalato molti lettori - non sono mancati disagi e disservizi. Anche l attività politica regionale è andata avanti fino agli inizi di agosto. Sono stati affrontati argomenti importanti. E stata varata la riforma delle Comunità montane. Saranno ridotte di numero comprenderanno territori di comuni montani e, cosa che non guasta, avranno organismi dirigenti più snelli e meno costosi. Uno degli argomenti affrontati prima delle ferie estive è stato quello della continuità territoriale. Dopo un dibattito molto acceso è stato approvato un documento dalla sola maggioranza. E un vero peccato che su temi come questo non si riesca a superare gli steccati e a trovare la necessaria unità per essere più forti e compatti nelle rivendicazione verso il governo centrale nell interesse di tutti i sardi, di destra, di sinistra e di centro, di quelli che vivono nell Isola e di quelli che sono stati costretti a emigrare ma che in Sardegna mantengono affetti e radici. Per il resto l estate è stata ricca di spettacoli e di manifestazioni culturali. Un po ovunque si sono ripetute o rinverdite anche grazie all impulso dato dagli emigrati che rientrano per le vacanze -antiche sagre. Per la ricorrenza del cinquecentesimo anniversario del voto all Assunta a Sassari si è ripetuta la faradda dei candelieri. La manifestazione oltre a esercitare un richiamo magico per i sassaresi rappresenta ormai un evento che affascina turisti e visitatori. Quest anno è stato stimato che alla discesa dei ceri abbiano assistito oltre centomila persone in un clima di festa e di allegria. Infine non è mancata la ciliegina sportiva. Il Cagliari orfano di Zola è balzato all onore della cronaca sportiva ma anche di costume per l ennesimo capriccio del suo proprietario che nonostante il volontario esilio in Florida, e il passaggio del bastone di comando a un nuovo presidente, ha esonerato l allenatore dopo una sola partita di campionato e ha riassunto quello della passata stagione con cui si era lasciato in malo modo tra dispetti e ripicche. Il povero Tesser, assunto quando la squadra era già in ritiro, è stato cacciato dopo una sconfitta in trasferta, e praticamente non ha mai messo piede nell Isola. Alle luce di atteggiamenti simili, che danneggiano l immagine della società e dello sponsor (la Regione Sardegna), non è censurabile la decisione della Giunta di destinare meno risorse alle società professionistiche e più a quelle dilettantistiche. IL MESSAGGERO SARDO viene inviato gratuitamente dalla Regione Sardegna a tutti gli emigrati, in Italia e all'estero e alle loro famiglie in Sardegna. Richiedetelo a questo indirizzo: MESSAGGERO SARDO Via Barcellona, CAGLIARI - tel fax sito web: IL MESSAGGERO SARDO. Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati e le loro famiglie Edito dalla Cooperativa «Messaggero Sardo» s.r.l. Presidente Gianni De Candia Comitato di Direzione Gianni Massa (responsabile), Marco Aresu, Gianni De Candia, Ezio Pirastu, Luigi Coppola Redazione e Amministrazione Via Barcellona, Cagliari Tel. 070/ Fax 070/ Registrazione del Tribunale di Cagliari n dell' Iscritto al Registro Stampa n. 217 Fotocomposizione, impaginazione, fotolito PRESTAMPA - Via Nenni 133, tel. 070/ Quartu S. Elena (CA) Stampa Officine Grafiche SOCIETÀ POLIGRAFICA SARDA di Ettore Gasperini Editore - Cagliari - Via della Pineta, 24/36 - Tel. 070/ EDITORIALE Un'estate come tante con i soliti incendi 4 ed i vip in vacanza ATTUALITA' Segnali contrastanti sull'andamento 5 della stagione turistica di Gino Zasso Alluvione nel Nuorese e in Ogliastra:ripartizione fondi 8 a 13 Comuni Un sardo su cinque costretto 10 a vivere con l'assegno sociale di Alessandro Atzeri La Comochi di Sanluri fiore all'occhiello 11 dell'industria sarda di Marcello Atzeni Agli enti locali la promozione 12 dello sport Una nuova procedura consente all'inps di definire le pensioni in tre giorni di Giuseppe Foti POLITICA & ECONOMIA Approvata la legge di riforma 6 delle Comunità Montane di Michele Mascia Soddisfazione di Spissu per l'attività svolta 8 dal Consiglio regionale di Fabrizio Serra PRIMO PIANO La Sardegna flagellata 7 dagli incendi di Luigi Coppola POLITICA In Consiglio regionale dibattito sui beni minerari 9 e continuità territoriale di Gherardo Gherardini SPECIALE EMIGRAZIONE Possibile una collaborazione tra la Sardegna e la regione 14 dello Champagne Documento della FAES sull'elezione dell'ufficio 15 di presidenza della Consulta La rappresentante della Spagna: è stata una elezione democratica A Guasila in festa la IX giornata 16 regionale delle migrazioni di Antonello De Candia Il vescovo di Nuoro in America 17 Latina tra missionari e emigrati di Paolo Sanna SOMMARIO CULTURA Presentata la guida letteraria della provincia di Pavia 18 realizzata da Paolo Pulina Dalla cava di pietre agli uomini di banca il mondo 19 di Bachisio Zizi di Natalino Piras MUSEI Visita ai musei della Sardegna: 20 Il Basso Sulcis di Gianfranco Leccis PAESI DI SARDEGNA Orotelli: il nome del paese forse deriva da un 21 latifondista romano di Massimo Pittau Perfugas: trovate le tracce della prima presenza umana nell'isola di Franco Fresi PARLIAMO DELLA SARDEGNA La leggenda di Redenta Tiria di Salvatore Niffoi avvenimento 21 letterario dell'anno di Giovanni Mameli La corale Luigi Canepa e il coro di Usini insieme per un esperimento riuscito di Eugenia Da Bove PARLANDO IN POESIA 23 Di qua e di la del mare a cura di Salvatore Tola SPORT Avvio tormentato 30 per il Cagliari di Andrea Frigo Rivoluzione tecnica e societaria alla Torres di Giampiero Marras Quattro giorni di atletica 31 spettacolo di Andrea Porcu SAGRE & FESTE Il Candeliere d'oro a un sardo che vive in Australia da 50 anni 32 di Giovanni Puggioni RUBRICHE 24 SARDEGNA NOTIZIE 25 EMIGRAZIONE

5 Attualità SETTEMBRE Segnali contrastanti sull andamento della stagione turistica L Isola scelta dal presidente della Repubblica, da Berlusconi e da divi del calcio, della televisione e dello spettacolo - La Sardegna conquista la palma del mare più pulito - I prezzi troppo alti hanno frenato l afflusso di vacanzieri che affittano le seconde case di Gino Zasso Come tutti gli stati civili, l Italia possiede ambasciate e consolati pressoché in ogni paese del mondo, anche in quelli più esotici. Quale di queste postazioni diplomatiche non sarebbe lieta di ospitare, per una vacanza, il capo del nostro stato? Ciampi non avrebbe che l imbarazzo della scelta, e invece, con ricorrente puntualità, sceglie la Sardegna. Lo fa con l entusiasmo di un adolescente, tanto che al suo arrivo, il pomeriggio del 2 agosto, passando davanti agli isolotti dei Mortori, ha pregato il comandante del piccolo panfilo che lo trasportava da Olbia al Comando Marina della Maddalena, dov è stato ospite, di fermare i motori. Non ha resistito alla tentazione di tuffarsi immediatamente in quel mare color smeraldo, e di fare una nuotata assieme alla signora Franca. E le foto dell illustre coppia, in mare, l uno vicino all altra come due fidanzatini, hanno fatto il giro del mondo. Non solo, quando, dopo 18 giorni di vacanza intensa e rigenerante, ha lasciato la Sardegna, davanti a telecamere, inviati e corrispondenti, ha voluto affettuosamente salutare La Maddalena come «il posto più bello del mondo». Un saluto che potrebbe avere una ricaduta di gran lunga superiore a quella di migliaia di depliant o di altrettante pagine pubblicitarie sui più importanti magazine. E non è stato, quello del Capo dello stato, l unico riconoscimento alla bellezza della Sardegna: a conclusione dell annuale tour di Goletta verde lungo tutte le coste italiane, Legambiente ha tributato all isola il primato della limpidezza del mare. Nella speciale classifica delle regioni, le acque della nostra isola sono infatti risultate al primo posto, davanti a quelle della Basilicata, della Toscana, del Friuli-Venezia Giulia e via via tutte le altre. E allora vien logico chiedersi grazie a questi prestigiosi riconoscimenti, il 2005 è stato l anno-boom del turismo? Non è proprio così. La crisi legata all euro e la conseguente scarsa disponibilità finanziaria delle famiglie italiane (come sempre il 70 per cento del flusso turistico proviene da oltre Tirreno, soprattutto dalla Lombardia) ha gravato in maniera determinante sulla capacità di spendita. E lo ha fatto sicuramente in misura maggiore di quanto abbia fatto la paura di volare dovuta alle recenti tragedie sullo scacchiere internazionale, ché, anzi, ha convogliato in Sardegna comitive che avevano programmato il loro viaggio magari a Londra o a Sharm el Sceik. È ipocrita negarlo: la villeggiatura nell isola costa troppo, cari i costi dei mezzi di trasporto, cari gli alberghi, cari i ristoranti. Di questo risente soprattutto il ceto medio, costretto a tagliare se non vuol rinunciare al soggiorno nell isola dei suoi sogni, dove, tuttavia, il mare è gratis, a differenza di quanto avviene in altre regioni italiane (sulla Costiera amalfitana, per esempio, bisogna pagare soltanto per vederlo!). Succede, comunque, che il soggiorno necessariamente si accorcia. Certo è che le migliaia di esibizioni, spettacoli, concerti, sagre paesane, che hanno permeato tutti i centri e i rioni dell isola non Da Cagliari un farmaco per combattere alcolismo e fumo Un farmaco finalmente capace di guarire dall alcolismo e con effetti positivi per fronteggiare anche il vizio del fumo e gli eccessi di appetito. È l ultimo filone di una ricerca che vede protagonisti due noti ricercatori dell Università e del Cnr di Cagliari (Gian Luigi Gessa e Giancarlo Colombo) e la Indena di Milano, industria leader mondiale nel settore dei principi attivi di natura vegetale. Ne ha dato notizia a Firenze il direttore scientifico di Indena, Paolo Morazzoni, a margine del Congresso mondiale della Society for medicinal plant research, dove è stata presentata una relazione sugli studi più recenti. Stiamo perfezionando è stato precisato ai giornalisti - la sperimentazione su una particolare sostanza, da noi brevettata, estratta dalla radice di una pianta cinese, la Salvia Miltiorrhiza. Su fumo e appetito la ricerca è agli inizi, ma per quanto riguarda l alcol abbiamo già attraversato con successo la fase preclinica e sono in corso adesso, anche in collaborazione con l Istituto Vilar di Mosca, studi clinici di cosiddetta fase 1-2 per testare tollerabilità ed efficacia del prodotto, definirne il dosaggio e arrivare così alla messa a punto del primo farmaco specifico contro l alcolismo. La novità più interessante dell estratto è che sembra agire sul sistema nervoso centrale, annulla cioè il desiderio di bere agendo sui meccanismi di controllo dell assuefazione. In altre parole induce un rifiuto volontario. Ciò vale per l alcol, ma si suppone anche per altri sistemi di assuefazione come fumo e appetito. hanno richiamato nessun turista. Fanno eccezione le manifestazioni di consolidata, secolare tradizione (I candelieri di Sassari, per esempio, o La corsa degli scalzi di Cabras) o quelli di più recente genesi, ma già affermate per professionalità e valore dei protagonisti (Le serate di Berchidda volute da Paolo Fresu, il Rocce rosse e blues di Arbatax, Musica sulle bocche di Santa Teresa di Gallura). Tutto il resto è ciarpame, che al più interessa soltanto i residenti, affidato com è molto spesso a star sul viale del tramonto, che comunque costano care: forse sarebbe più producente investire quei fondi nella pulizia e nella manutenzione delle spiagge, lamentela ricorrente di villeggianti e indigeni, e a rendere più accoglienti i siti di maggior richiamo. Dati definitivi sulla stagione si avranno, come sempre, soltanto nel mese di ottobre, ma anche adesso, quando l estate si avvia al termine, è possibile fare considerazioni molto vicino al vero. Discreto l andamento in giugno, quando i costi di permanenza sono più contenuti, ma luglio, un mese di punta sul quale gli operatori del settore fanno grosso affidamento, ha avuto un andamento anomalo. Quasi un disastro le prime due settimane, quando anche gli esclusivi alberghi della Costa smeralda, riservati come sono a una categoria di persone che se ne infischia dell effetto-euro (a stagione inoltrata la suite presidenziale del Cala di Volpe ventimila euro a notte! non è rimasta libera un solo minuto), hanno fatto segnare un numero di presenze inferiori dell 8 per cento rispetto allo scorso anno. Il parametro Porto Cervo si adatta alla perfezione anche alle altre località di villeggiatura, dove gli alberghi sono rimasti pressoché semivuoti e i ristoranti molto spesso deserti. Per contro, soprattutto dopo la prima quindicina di luglio, porti e aeroporti hanno lavorato a pieno ritmo, facendo registrare un notevole incremento nel numero degli arrivi rispetto all anno precedente che, comunque, aveva vissuto una stagione molto felice. Il villeggiante è diventato molto oculato: non solo programma tempi brevi di vacanza, ma è sempre attentissimo alle spese, centellinando gli euro e scegliendo quelle strutture ricettive che garantiscano il miglior rapporto tra qualità e prezzo. Perciò, in molti casi, niente albergo (in Sardegna ce ne sono 712, con circa ottomila posti letto), ma ricerca di strutture più a buon mercato. Perché bisogna assolutamente ammortizzare il costo del trasporto, incredibilmente esoso. Da Milano a Alghero, in aereo, una famiglia di tre persone spende 750mila euro, tanto quanto basterebbe per una vacanza di una settimana sul Mar Rosso o in Croazia. E altrettanto costa un viaggio via mare con auto al seguito. Di qui il boom non solo dei campeggi, ma soprattutto dei bed & breakfast (camera con prima colazione), adesso numerosi un po dovunque. È la vacanza, in sostanza, del mordi e fuggi, che, economicamente paga poco. Anche perché molte delle seconde case (quelle che spesso affittano in nero ) sono rimaste desolatamente vuote. In sostanza l estate 2005 è stata caratterizzata dall equazione più turisti meno soldi. Responsabilità degli albergatori e delle tariffe praticate? Le accuse sono respinte con sdegno: «La Sardegna è una delle isole più belle del mondo e non la si può svendere sostengono Per questo abbattere i prezzi, già di per sé non proibitivi, sarebbe controproducente». L assessore del turismo Luisanna Depau conferma e sostiene che non si tratta, comunque, di una stagione da buttar via. «Bisogna aspettare la chiusura ha recentemente dichiarato all Unione sarda ma a fine agosto e a settembre c è comunque un movimento in crescita. Certo non avremo il boom: la crisi c è e l avverte soprattutto il ceto medio, quello che prima poteva permettersi la Sardegna e ora deve rinunciare a venirci o venire per meno giorni e spendere con molta attenzione. Non è casuale che le maggiori difficoltà si avverano nel settore alberghiero. In Costa smeralda va benissimo e così anche nei bed & breakfast o negli agriturismo, che sono aumentati di gran numero, facendo crescere la ricettività. Dal canto nostro puntiamo soprattutto sull incremento dei voli, soprattutto quelli low cost, che sono già aumentati, portando benefici ad Alghero, alla Gallura, al Cagliaritano. Adesso si può arrivare senza dissanguarsi per un biglietto aereo. Oggi è possibile usufruire di questo sistema di trasporto soprattutto per chi giunge dall estero: bisogna fare in modo che lo sia anche per i voli nazionali». E il successo delle strutture ricettive a basso costo interessa molto la Regione, decisa a allentare l eccessiva pressione antropica sulle zone costiere, valorizzando dal punto di vista turistico parecchie costruzioni abbandonate nei centri abitati dell interno che si vanno spopolando.e nel giorno in cui cinquanta sindaci di altrettanti paesi si son dati appuntamento a Stintino per cercare le cure più idonee per rilanciare un comparto che langue, l assessore dell Urbanistica Gianvalerio Sanna annuncia la disponibilità di ben 85 milioni di euro (i fondi Por per la cosiddetta premialità ): «Siamo pronti a mettere a correre questo denaro se gli amministratori dei piccoli comuni capiranno e apprezzeranno l importanza di un progetto culturale che consenta la rivitalizzazione dei centri storici delle nostre comunità per esaltarne l identità, le tradizioni, le gastronomie», ha detto. Che, a distanza di decenni dal suo lancio, stia per prendere corpo l inascoltato slogan Sardegna, non solo mare?

6 6 SETTEMBRE 2005 POLITICA Politica & Economia Approvata la legge di riforma delle Comunità montane Tra tre mesi verranno soppresse le attuali 25 comunità montane - La Giunta ha sei mesi per predisporre un piano di riordino degli ambiti territoriali ottimali in base alle indicazioni storiche, culturali ed economiche che ogni consiglio comunale fornirà entro la fine dell anno all Assessorato regionale degli Enti locali - Prevale il criterio dell altitudine sul livello del mare, 400 metri la media stabilita Con l entrata in vigore della nuova legge di riforma delle Comunità montane, approvata il 2 agosto dal Consiglio regionale, è cominciato il periodo transitorio che progressivamente porterà all attuazione di quanto la norma dispone. Il dibattito in Aula non aveva modificato l obiettivo principale dell intero provvedimento: la riduzione delle comunità perché diventate degli inutili doppioni dopo la nascita delle province dell Ogliastra, del Sulcis, del Medio Campidano e della Gallura o perché non dotate dei requisiti, oggi più rigidi, per garantire un efficace valorizzazione dei territori montani della Sardegna. Prevale il criterio dell altitudine sul livello del mare, 400 metri la media stabilita, che è rispettato da poco più di 110 dei 377 comuni sardi. Sono rimasti inalterati anche gli altri due temi generali inseriti nella legge: le regole per favorire le altre unioni di Comuni, oltre le Comunità montane, per l esercizio associato di funzioni e servizi; gli incentivi ai piccoli Comuni, con meno di tremila abitanti, per favorire lo sviluppo produttivo e attenuare il fenomeno dello spopolamento. Rispetto alla proposta iniziale approvata in prima Commissione (e illustrata nel precedente numero del Messaggero Sardo) le modifiche sono state di tipo tecnico. Innanzitutto la diminuzione da 14 a 6 dei mesi necessari alla Giunta per predisporre un piano di riordino degli ambiti territoriali ottimali in base alle indicazioni storiche, culturali ed economiche che ogni consiglio comunale fornirà entro la fine dell anno all Assessorato regionale degli enti locali. Non appena il governo isolano approverà il piano, dopo aver ottenuto i pareri della Commissione Autonomia del Consiglio e del Consiglio delle autonomie locali, le attuali 25 comunità montane avranno ancora tre mesi di vita dopodichè saranno soppresse. Si può quindi ipotizzare chè ciò avverra a giugno del prossimo anno. Per i futuri enti montani, che dovranno avere una popolazione non inferiore ai abitanti, è stato disposto un limite massimo, salvo deroghe, di persone. In più, oltre ai capoluoghi di provincia, non ne potranno far parte anche le città con almeno residenti. Per quanto riguarda gli organi delle comunità montane, la legge riduce ulteriormente, dai sei proposti a quattro, il numero degli assessori (che non potranno più essere consiglieri comunali, ma solo sindaci e assessori dei paesi aderenti) e stabilisce i compensi massimi ai quali hanno diritto loro e il presidente scelto tra i sindaci. Per i territori dei Comuni che, invece, non aderiranno alle nuove comunità montane, il ruolo di valorizzazione viene affidato alle province le quali, sulla falsariga di quanto ammesso per i comuni, potranno gestire insieme funzioni di loro competenza. di Michele Mascia Il presidente della Regione, Renato Soru, aveva ricordato che la riforma parte dai presupposti di risparmiare sui costi - facendo sparire 300 posti di assessore di comunità montana - e ECONOMIA Le linee guida per i sistemi turistici locali La Giunta regionale ha approvato le linee guida per il riconoscimento dei Sistemi turistici locali (Stl), associazioni fra soggetti pubblici e privati, attivi a livello provinciale o sovraprovinciale in grado di programmare e valorizzare l offerta turistica. Gli Stl non sono nuovi enti pubblici nè organismi intermedi, ma figure di organizzazione previste dalla legge nazionale del 2001 e finanziate dallo Stato fin dal Per il loro avvio alla Regione sono stati trasferiti euro e ogni Sistema non potrà averne più di due e mezzo nell arco di una programmazione triennale. Secondo le direttive proposte dall assessore al Turismo, Luisanna Depau, e recepite nella delibera, gli Stl non potranno essere più di otto. Saranno riconosciuti e finanziati dopo una selezione di candidature che potranno essere presentate dall ottobre prossimo. Una commissione ad hoc ne valuterà le caratteristiche. A promuovere gli Stl potranno essere enti locali, associazioni di categoria o consorzi di imprenditori turistici. Potranno aderirvi Comuni (singoli o associati), comunità montane, Province, consorzi turistici pubblici o privati, Camere di commercio, associazioni di categoria e soggetti pubblici o privati concorrenti alla formazione dell offerta turistica. Fra gli obiettivi degli Stl, l espansione del turismo nelle zone interne e la destagionalizzazione delle presenze. Il loro riconoscimento potrà essere revocato in caso di inadempienze e irregolarità accertate. di dare dei servizi ai cittadini con l obiettivo di applicare il principio della semplificazione della pubblica amministrazione e non di creare una moltiplicazione di posti (di potere). Per l assessore regionale agli enti locali, Gianvalerio Sanna, il riordino del sistema delle comunità montane dopo 25 anni è un punto rilevante e importantissimo nell itinerario ancora da completare del più generale processo di riforma delle autonomie locali. La riduzione degli sprechi, la maggiore trasparenza, il rispetto del principio dell autodeterminazione dei Comuni, la garanzia di una gestione associata dei più importanti servizi, per Sanna sono le caratteristiche di un processo che intende migliorare e rendere omogenei i diritti e le opportunità di tutti i cittadini sardi. Aspetti positivi che l assessore ha preferito evidenziare affinchè non venissero messi in secondo piano da presunti conflitti ed incomprensioni nella maggioranza di centrosinistra. I contrasti o interferenze ai quali si fa riferimento erano legati ad una differenza di vedute tra Giunta e Commissione riforme emersa già ad aprile, durante il dibattito sulla manovra finanziaria 2005, sempre in relazione al futuro delle comunità montane che inizialmente il governo isolano avrebbe voluto abolire definitivamente (accogliendo in pratica una vecchia proposta dell attuale opposizione di centrodestra). Il dibattito sulla riforma non aveva poi neanche consentito di arrivare ad un accordo tra maggioranza e opposizione. Per quanto riguarda lo schieramento che sostiene la Giunta Soru, Stefano Pinna di Progetto Sardegna, aveva ricordato la libertà lasciata ai Comuni di aderire alle unioni, spontanee e non imposte, e le iniziative a sostegno dei piccoli paesi altrimenti destinati a scomparire con il loro patrimonio di cultura e tradizione. Secondo Antonio Biancu della Margherita, le comunità montane ora avranno più precise responsabilità e i Comuni otterranno vantaggi nell associarsi: Non limiterà la loro autonomia ma li aiuterà a crescere. E resteranno un baluardo per i territori di maggiore disagio socio economico aveva precisato Luciano Uras di Rifondazione Comunista perché possono produrre azioni di governo più consone alle esigenze locali. Per il socialista Peppino Balia, la legge è buona e ha riscosso consensi da parte dei sindaci. Equilibrata e di buon senso, aveva aggiunto il diessino Siro Marrocu sottolineando che l importante è non creare delle scatole vuote. Dure le critiche degli esponenti di minoranza che avevano denunciato di insensibilità le forze del centrosinistra per aver prima richiesto la trattativa senza poi neanche considerare le loro proposte migliorative. Una situazione che aveva indotto i gruppi di Udc e Fortza Paris a protestare disertando l ultima giornata dei lavori consiliari. Il capogruppo dell Udc, Giorgio Oppi, aveva esplicitamente parlato di mancanza di correttezza e di lealtà, stimolando la replica di Balia (SDI): Chi rinuncia al confronto si mette automaticamente dalla parte del torto. Mario Diana di Alleanza nazionale aveva spiegato che non è stato sventato, attraverso le unioni di Comuni, il rischio di riproporre un esercito di presidenti, assessori, segretari generali e funzionari. Sulla stessa linea Fedele Sanciu di Forza Italia per il quale la riforma è farraginosa e complessa nella speranza che i nuovi enti non comportino altri costi o apparati faraonici. Per Silvestro Ladu di Fortza Paris la legge è una farsa perché dalle 25 comunità montane si passerà a enti sovracomunali e ciò comporterà un ulteriore aggravio della spesa pubblica. Secondo Attilio Dedoni dei Riformatori, l assenza di un confronto ha messo in evidenza l aziendalismo più assoluto esistente in Consiglio regionale.

7 Primo Piano SETTEMBRE AMBIENTE La Sardegna flagellata dagli incendi Nel periodo gennaio-agosto è stata la regione con più alta superficie bruciata dal fuoco - Il coordinatore nazionale della campagna antincendi ha detto che dopo la diminuzione positiva dello scorso anno, nel 2005 è ripreso a salire il numero degli incendi e degli ettari colpiti dai roghi - Luglio terribile a Olbia, con incendi frequenti che si levavano nelle campagne, minacciando spesso abitazioni oppure a ridosso di spiagge affollate - L apparato regionale ha operato con efficacia contenendo il numero di ettari bruciati - Allo studio nuove misure per sconfiggere gli incendiari di Luigi Coppola La Sardegna è la regione con più alta superficie bruciata dagli incendi: ettari, con incendi, con un incremento percentuale del 275 per cento. I dati si riferiscono al periodo 1º gennaio-21 agosto 2005 e sono stati forniti dal corpo forestale dello stato. In tutto il territorio nazionale gli ettari distrutti dal fuoco sono stati , con incendi, con un aumento percentuale, rispetto al 2004, dell 81 per cento. In classifica, si fa per dire, la Sardegna è seguita dalla Calabria, con ettari e dalla Sicilia, con ettari. Riccardo Consales, coordinatore nazionale della campagna antincendi, ha sottolineato che dopo la diminuzione positiva dello scorso anno, nel 2005 è ripreso a salire il numero degli incendi e degli ettari colpiti dai roghi. I motivi sono diversi, dalle condizioni meteo molto variabili, grandi punte di caldo, frequenza maggiore di venti come il maestrale. Le cause principali, comunque, sono sempre di natura dolosa. Basti pensare al terribile luglio di Olbia, con incendi frequenti che, ad ogni alito di vento, si levavano nelle campagne alla periferia, minacciando spesso abitazioni, oppure a ridosso di spiagge affollate. La presenza dell aereo russo Beriev, di stanza all aeroporto Costa Smeralda, capace di trasportare ben 12 mila litri d acqua e intervenire con celerità, sembrava avere offerto maggiore sicurezza in avvio di campagna antincendi. La Regione aveva messo a disposizione mezzi ben superiori a quelli dello scorso anno. Forestali, vigili del fuoco, barracelli e volontari come riconosce l assessore regionale Tonino Dessì hanno lavorato alla grande. Ma allora perché i piromani hanno avuto modo di distruggere più che in passato? Ci sono stati momenti di polemica e Guido Bertolaso, capo della protezione civile, in due successive conferenze stampa ad Olbia e a Tempio, aveva sottolineato la rapidità degli interventi dei mezzi antincendio, parlando di una media di 36 minuti di tempo tra l accertamento dell incendio e l arrivo del primo mezzo aereo. L assessore Dessì non vuole entrare nelle polemiche, tiene anzi a precisare che non condivide il disfattismo che emerge dai dati sopraelencati. Sui primi due terzi della campagna antincendi non voglio usare toni trionfalistici, ma certo sono soddisfatto. Cerchiamo di capire meglio, allora, perché nonostante i milioni di euro investiti dalla Regione in uomini e mezzi, nonostante una efficace opera investigativa che ha portato alla denuncia e all arresto di diversi piromani, in varie zone dell isola, nonostante la possibilità di utilizzare mezzi aerei più rapidi e capaci, il risultato, in ettari bruciati, è così alto rispetto alle aspettative. Pur tenendo conto che il numero di giornate interessate da forte vento è stato superiore, forse, a quello dello stesso periodo dello scorso anno. Intanto è necessario precisare che, sul fronte degli incendi, la competenza è della Regione, e per essa del corpo forestale, che LAVORO Ricambio generazionale dei dipendenti della Regione con l assunzione di laureati Oltre 140 assunzioni di giovani laureati inquadrati nella categoria dei funzionari in poco più di un anno e 239 pensionamenti di dipendenti che hanno raggiunto i 65 anni o beneficiato dell esodo incentivato in base ai provvedimenti previsti nella finanziaria regionale. Sono i numeri di quello che l assessore agli Affari regionali Massimo Dadea definisce consistente ricambio generazionale dei dipendenti della Regione. Sono 142 i laureati assunti dal luglio 2004 attingendo dalle graduatorie dei concorsi pubblici regionali. Laureati in ha a disposizione 13 elicotteri dislocati nelle diverse basi dell isola. Gli elicotteri, però, hanno la capacità di trasportare meno di mille litri d acqua ciascuno, mentre i mezzi della protezione civile (Canadair, Elitanker e il Beriev russo) hanno una capacità di 6 mila litri d acqua, i primi due, e, come detto, 12 mila l aereo russo. I mezzi della protezione civile, pur di stanza in Sardegna, per levarsi in volo debbono essere autorizzati non dal centro operativo regionale ma da quello, nazionale, della protezione civile. Probabilmente, il meccanismo è da verificare (da qui sono sorte polemiche da parte di sindaci, in particolare della Gallura, per tutti il sindaco di Arzachena, nei confronti della protezione civile), la macchina antincendi è stata appesantita da iter burocratici. L esempio viene proprio da un incendio, prima di ferragosto, a Monti Canaglia, nel comune di Arzachena, a ridosso della Costa Smeralda. L incendio viene segnalato al 1515 (il numero antincendi) materie giuridiche ed economiche, ingegneri, architetti, biologi, veterinari, bibliotecari, che hanno consentito sottolinea Dadea di colmare carenze in importanti settori dell amministrazione regionale: controllo della gestione dei fondi europei, pianificazione territoriale e paesaggistica, programmazione finanziaria e bilancio e gestione dei beni culturali. In questi giorni sono stati pubblicati bandi di concorso per un totale di 100 nuove assunzioni di figure professionali specialistiche e innovative in cinque aree: servizi informatici e informazione (gestione di reti, web poco prima delle 13. Secondo dati forniti dall ufficio stampa della stessa protezione civile, l accertamento dell incendio (la constatazione, cioè, che l incendio è effettivamente pericoloso) è delle 13 e 42. Partono gli elicotteri della forestale. Il centro operativo regionale di Cagliari chiama il centro operativo aereo unificato di Roma, alle 14,07. Sei minuti dopo alla sala operativa di Tempio giunge il fax con l assegnazione dell aereo che deve intervenire. Alle 14,45, finalmente, il Canadair, decollato da Olbia, è operativo a Monte Canaglia. Basta osservare una carta geografica. Monte Canaglia dista da Olbia una ventina di chilometri, in linea d aria anche meno. Non è possibile che siano passati 105 minuti dalla segnalazione dell incendio all intervento dell aereo. Dando atto del massimo impegno a tutti gli uomini impegnati nella lotta al fuoco, è un fatto che qualcosa è da rivedere nei meccanismi e nelle competenze. È vero che la protezione civile ha competenza su tutto il territorio nazionale e master, office automation), politiche comunitarie (diritto dell Ue e internazionale), economico-finanziaria e sviluppo del territorio, beni culturali e patrimonio storico, artistico e archeologico, politiche ambientali e delle infrastrutture. Sono infine in corso le prove del concorso per l assunzione di 104 guardie forestali. Hanno presentato domande ben giovani. Dei 239 dipendenti andati in pensione in base alle norme della finanziaria 150 hanno usufruito dei benefici previsti dal meccanismo dell esodo incentivato. le segnalazioni di incendi sono giunte, spesso quasi in contemporanea, dalla Liguria e dalla Calabria o dalla Campania e dalla Sicilia. È altresì vero che la Sardegna, e i dati lo dimostrano, è tra le regioni quella con il più alto rischio di incendi. Cosa fare? È del tutto scontato che la lotta agli incendi si prepara tutto l anno, curando meglio le periferie delle città, le zone d accesso alle spiagge, intasate dalle auto, e che d estate rischiano d essere trappole, le zone boschive. È un fatto di cultura nuova ma anche di organizzazione diversa. Quindi non soltanto un raccordo più rapido tra centro regionale antincendi e centro nazionale in funzione dell utilizzo dei mezzi aerei più capaci, ma anche un ruolo diverso degli enti locali. La Giunta regionale e per essa l assessore alla difesa dell ambiente,tonino Dessì, ha allo studio diversi provvedimenti. Tra gli altri contributipremio ai comuni che si distinguono per avere, nel loro territorio, meno incendi. Un alta percentuale di incendi si sono avuti nelle zone prossime alle città o ai paesi, a testimonianza che molte aree non coltivate non sono state pulite. Ma l assessore Dessì pensa ad un modello che funziona, e funziona molto bene: quello del Trentino Alto Adige. Lì sono i comuni che coordinano, nel territorio di competenza, l attività di varie associazioni in grado di intervenire rapidamente a domare le fiamme. In Trentino gli interventi aerei in funzione antincendi sono molto rari. Ma questo comporta anche una capillare opera di educazione e di rispetto dell ambiente, rivolta a tutti. Dall automobilista maleducato e irresponsabile, che getta il mozzicone della sigaretta fuori dal finestrino, al contadino che non sa valutare l intensità del vento e brucia le erbacce, al turista che, senza esperienza e conoscenza del luogo, decide di accendere il fuoco per l arrosto. Poi ci sono i delinquenti, autentici, o i maniaci attratti dal fuoco. La battaglia sarà ancora lunga ma la Regione è più che mai intenzionata a vincerla.

8 8 SETTEMBRE 2005 Legge elettorale, riforma dello Statuto, riorganizzazione della Giunta. Temi importanti che il Consiglio regionale dovrà affrontare nei prossimi. Più che importanti, fondamentali. Priorità, le ha definite il Presidente dell Assemblea sarda Giacomo Spissu, incontrando i giornalisti per la versione Isolana della cosiddetta cerimonia del Ventaglio. Spissu si è detto soddisfatto di quanto fatto fino ad oggi dal Consiglio regionale, sottolineando l impegno degli esponenti come un attività rilevante, ma che può essere ulteriormente migliorata. Un anno di lavoro, quindi, che ha visto i rappresentanti regionali del popolo sardo riuniti in 114 sedute, con 520 ore trascorse nell Aula di Via Roma, per 20 provvedimenti approvati. L aggettivo scelto dal Presidente per definire il lavoro assembleare è stato consistente. Ma la soddisfazione per il lavoro assembleare non mitiga la contrarietà per il pressing effettuato dall opinione pubblica nel rapporto con la Giunta. Il Consiglio regionale ha affermato non è nè nelle mani, ne tantomeno ostaggio del Governatore. Elabora e approva le leggi, mentre il Presidente Soru e la giunta da lui scelta come previsto dalla Legge governano. Rispondendo alle domande dei giornalisti, ad un anno dall insediamento del massimo organo legislativo regionale ha quindi definito positivo il bilancio dell attività parlamentare svolta fino ad oggi, e, con convinzione, ha difeso il ruolo di garante dell Assemblea contro chi, come diverse parti dell opposizione, ha più volte sollevato un problema di confusione di ruolo tra potere legislativo ed esecutivo. Personalmente ha detto Spissu non mi convince l espressione che Soru tenga in ostaggio il Consiglio. È paradossale per me accettare che l Assemblea che presiedo sia ostaggio di qualcuno. Ci sono due poteri diversi in campo, ma non prevalgono l uno sull altro. Il maggioritario e il Politica & Economia Soddisfazione di Spissu per l attività svolta dal Consiglio regionale Il presidente dell assemblea ha fatto un bilancio del primo anno dall avvio della legislatura - Tra le priorità ha indicato la legge elettorale e la riforma dello Statuto Attività del Consiglio regionale dal luglio 2004 (inizio XII legisl.) al 05/08/2005 Sedute del Consiglio: 114. PROGETTI DI LEGGE: Presentati: 162; Disegni di Legge: 38; Proposte di Legge: 124; Approvati: 20 PROPOSTE DI LEGGE NAZIO- NALE: Presentate: 1; Discusse: 0. INTERROGAZIONI: Presentate: 297; Risposte Scritte: 107. INTERPELLANZE: Presentate: 110; Svolte in Aula: 9. MOZIONI: Presentate: 43; Svolte: 19; Approvate: 5. ORDINI DEL GIORNO: Approvati: 18. PROGRAMMI E DOCUMENTI: Presentati: 6; Approvati: 3. REGOLAMENTI: Presentati: 1; Approvati: 0. nuovo sistema elettorale hanno modificato lo schema del passato. Prima il Consiglio regionale aveva un potere fortissimo, quello di eleggere il Presidente della Giunta, di condizionarne attività e di provocarne le dimissioni. Questo ha portato negli ultimi 10 anni ad avere nove esecutivi differenti. Oggi l unico potere che ha perso è quello di nomina del Governatore, in capo al popolo. di Fabrizio Serra In poco meno di un ora il Presidente del Consiglio ha snocciolato i numeri sul lavoro svolto in Aula e nelle Commissioni, ma pressato dalle domande dei giornalisti ha voluto insistere sul ruolo differente dell Assemblea rispetto al passato. La nuova legge elettorale, con l elezione diretta (per la prima volta nella storia dell Autonomia della Sardegna) del Governatore ha tolto al Consiglio quello che un tempo era un potere enorme: eleggere il capo dell esecutivo e farlo cadere. Gli esempi più recenti? I molteplici governi-palomba due legislature fa e il passaggio di testimone a Villa Devoto da Mario Floris a Mauro Pili, per terminare con Italo Masala quando al timone della Sardegna c era il centrodestra nello scorso quinquennio. Oggi, come del resto avviene nei Comuni e nelle Province, questa possibilità ha sottolineato non esiste più, ma non per questo il potere di legiferare viene intaccato. Per l ex sindaco di Sassari, quindi, non esiste il pericolo che i consiglieri si sentano ricattati da parte del Presidente Renato Soru che se si dimettesse manderebbe tutti a casa. All insegna dello slogan lavorare e meglio ha, quindi, illustrato le cifre dei primi 365 giorni della XIII Legislatura dell Assemblea sarda, che nelle 114 sedute ha approvato i 20 provvedimenti legislativi, tra i quali la cosiddetta legge salva-coste (discussa per 108 ore) e la manovra finanziaria (per quasi 166 ore).sono stati presentati 162 progetti di legge, dei quali 38 dalla Giunta e 124 dal Consiglio. La Giunta per il regolamento ha inoltre effettuato un grande lavoro approvando all unanimità (un solo astenuto ndr) il documento che arriverà in Aula nelle prossime settimane. Uno scoglio, quello della modifica di un regolamento assembleare oramai vetusto (datato 1988), che potrà essere superato senza grossi traumi proprio grazie all ampia convergenza delle forze politiche bipartisan del testo elaborato. Abbiamo introdotto sostanziali modifiche ad un regolamento datato e che, grazie alla disponibilità di tutte le forze politiche, servirà a cambiare il modo di lavorare dell Assemblea eliminando le lungaggini e accrescendo la produttività. Tra le novità, ad esempio, spiccano per importanza il contingentamento dei tempi e la calendarizzazione dei lavori ( in modo da tutelare le opposizioni, ma senza che diventi ostruzionismo ha precisato), ma soprattutto la questione relativa alle norme intruse, esplosa durante l ultima manovra finanziaria. All interno del documento economico, quindi non potranno trovare collazione provvedimenti che non siano attinenti alla materia finanziaria. Con il varo del nuovo regolamento ha detto sarà difficile inserire all interno di leggi le norme intruse che ne hanno caratterizzato la stesura nel passato. Non ci saranno provvedimenti che riguardano il personale all interno della finanziaria, così come non ci saranno quelli in materia sanitaria e che dovranno costituire oggetto di apposite leggi. Il tutto perché, nel nuovo regolamento, sarà il Presidente a valutare l entità delle norme intruse, espungendo le parti non coerenti con il documento in esame. Niente da fare, infine, per la questione relativa alla modifica della formazione dei gruppi consiliari, che quindi giungerà in Aula ancora con un accordo da trovare tra le parti: il problema ha sottolineato l ex capogruppo dei Ds nella scorsa legislatura una questione politica più che regolamentare. Se oggi il gruppo misto è formato da 15 consiglieri, eterogeneo per i partiti che lo compongono, è un problema che non può essere risolto solo dalle regole. Tornando ai numeri indicati da Spissu sull attività assembleare dell anno trascorso, da sottolineare la partecipazione al dibattito sulle dichiarazioni programmatiche di Renato Soru, particolarmente nutrito di interventi, al punto che ci sono volute ben cinque sedute prima di arrivare al voto finale. Per quanto riguarda le otto Commissioni Consiliari, le sedute sono state 369, le ore di lavoro 697. La più efficiente (156 ore e 63 sedute) è stata la Commissione Bilancio, mentre fanalino di coda è risultata quella competente in materia di Cultura, Sport e Spettacolo. ATTUALITÀ Alluvione nel Nuorese e in Ogliastra: ripartizione fondi a 13 Comuni Tredici Comuni del Nuorese e dell Ogliastra colpiti dall alluvione del 6-7 dicembre scorso beneficeranno di finanziamenti per un totale di circa 11 milioni di euro. L ha deliberato la Giunta regionale riconoscendo la validità dei risultati dell istruttoria delle domande di privati e aziende danneggiati. Effettuata dai Comuni. Non sono state presentate richieste nelle amministrazioni di Gairo e Osini, che pure figuravano nell elenco dei centri colpiti. Negli altri 13 Comuni sono risultate ammissibili 635 domande, per un valore complessivo di euro, mentre quelle non ammesse al contributo sono state 112. I fondi serviranno ai privati per ripristinare le case danneggiate o trovare alternative, oltrechè a titolo di risarcimento danni, e alle aziende per riavviare l attività. Per fronteggiare l emergenza il Consiglio dei ministri aveva stanziato il 10 dicembre scorso 10 milioni di euro e nominato commissario governativo ad hoc il presidente della Regione, Renato Soru. Una successiva legge approvata dal Consiglio regionale aveva poi fissato uno stanziamento di 40 milioni di euro a titolo di anticipazione o integrazione dei fondi statali. Finora il Comune di Villagrande Strisaili, il piu colpito dall alluvione, ha ricevuto tre milioni di euro, mentre quello di Galtellì, due milioni. I contributi verranno erogati, in base agli elenchi degli aventi diritto trasmessi dai Comuni, dall assessorato agli Enti locali. Per Arzana, Jerzu, Talana, Urzulei e Villagrande Strisaili la competenza sarà del servizio Enti locali dell assessorato, mentre il servizio territoriale Enti locali di Nuoro si occuperà di Dorgali, Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai, Orosei, Posada e Torpè. Ecco i 13 Comuni beneficiari dei contributi: Arzana euro, Dorgali , Galtellì, , Jerzu euro, Irgoli , Loculi , Onifai , Orosei , Posada 2.050, Talana , Torpè , Urzulei , Villagrande Strisaili 6.l euro. SANITÀ Iniziative della Giunta regionale per ridurre i tempi delle liste di attesa nei ricoveri e negli esami diagnostici negli ospedali e per l assistenza ai detenuti con disturbi mentali. Due delibere, presentate dall assessore alla Sanità Nerina Dirindin, sono state approvate dalla Giunta. Il primo provvedimento fa rientrare nei fondi per la ricerca, per la prima volta, progetti di modelli organizzativi in grado di migliorare l assistenza sanitaria, in particolare che consentano di abbattere le liste d attesa negli ospedali e garantire un più facile accesso alle cure. Nel complesso verranno stanziati 450 milioni di euro per la ricerca in quattro aree, riguardanti tumori, malattie cardiovascolari, quelle specifiche ad alta incidenza in Sardegna (come il diabete mellito, patologie rare e la sclerosi multipla) e la sanità animale. La seconda delibera approvata è uno schema di convenzione per l assistenza ai detenuti sardi con disturbi mentali, ovvero il 40% del Iniziativa della Giunta per ridurre i tempi delle liste d attesa totale. Il testo è stato elaborato dall assessorato alla Sanità d intesa con il provveditorato regionale dell amministrazione penitenziaria e con il tribunale di sorveglianza. Per sostenere il progetto per quest anno è previsto un finanziamento di euro. Nella delibera sulla ricerca, la Giunta fa presente che quella clinica di base viene finanziata con un stanziamento specifico da 22 milioni di euro predisposto di recente dal Centro regionale di programmazione. A valutare i progetti presentati sarà una commissione tecnica presieduta dal direttore generale dell assessorato alla Sanità e composta da quattro esperti delle aree individuate. Sarà poi stilata una graduatoria con gli ammessi e gli esclusi. Eventuali progetti pluriennali già beneficiari di fondi nelle due annualità precedenti potranno presentare domanda purchè prevedano, per quanto possibile, una revisione del progetto in base ai criteri fissati dalla Giunta e alleghino alla domanda una relazione scientifica sui risultati già conseguiti. Riguardo alla convenzione sulla salute mentale dei detenuti, il testo prevede che i Servizi di salute mentale della Asl competenti per territorio possano promuovere interventi più efficaci con una presa in carico globale del recluso, che sarà costantemente seguito attraverso visite e terapie specialistiche, colloqui di sostegno, programmi riabilitativi dentro e fuori dal carcere, e contatti con la famiglia per evitare il più possibile la detenzione in un ospedale psichiatrico giudiziario. Il servizio di tutela della salute mentale potrà essere attivato su indicazione del medico del carcere ma anche su richiesta del singolo detenuto. Con la firma della convenzione ogni istituto penitenziario s impegna ad applicare le indicazioni terapeutiche e a concordare con gli operatori del centro di salute mentale tempi e modi della presa in carico di ogni paziente.

9 Politica In Consiglio regionale dibattito sui beni minerari e continuità territoriale L Assemblea di via Roma ha dedicato un ampia discussione alla mozione sulla continuità territoriale, firmata da tutti i componenti della Commissione trasporti, una firma bipartisan che faceva sperare in una votazione unitaria - In aula sono riafforate le divisioni e sono fioccate le accuse reciproche su chi avesse la colpa dei gravi problemi che hanno afflitto il settore nell ultimo anno: il governo nazionale (secondo il centrosinistra), la giunta regionale (secondo il centrodestra) - Infuocato dibattito sulla mozione per la dismissione dei beni minerari per un giro del presidente Soru su un elicottero dei carabinieri, che ha sorvolato parte delle miniere dismesse del Sulcis di Gherardo Gherardini Le ultime sedute del Consiglio regionale, tenutesi il 3 agosto, prima della pausa estiva, sono state caratterizzate da due importanti ed intensi dibattiti. L Assemblea di via Roma ha dedicato l intera riunione mattutina e parte di quella pomeridiana alla discussione della mozione sulla continuità territoriale, firmata da tutti i componenti della Commissione trasporti. Una firma bipartisan che faceva sperare in una votazione unitaria, come auspicato dal presidente della Commissione, Giuseppe Pirisi (Ds), in sede di illustrazione del documento, nella precedente seduta di fine luglio. Nella circostanza, il consigliere diessino aveva parlato di mozione di grande valore, un segnale forte che il Consiglio deve dare in difesa del diritto dei Sardi di potersi muovere, agevolmente ed a costi contenuti, come tutti gli altri cittadini italiani. Il documento, infatti, conteneva un impegno per la Giunta ad assumere tutte le iniziative nei confronti del governo perché si adottino tempestivamente le misure necessarie per la prosecuzione degli interventi per la continuità territoriale per la Sardegna, a cominciare dall impedire che i fondi, destinati nella Finanziaria nazionale a garantire la continuità territoriale, vengano utilizzati ad altri scopi. Malgrado le iniziali buone intenzioni, la discussione in aula ha fatto riaffiorare le divisioni e sono fioccate le accuse reciproche, soprattutto su chi avesse la colpa dei gravi problemi che hanno afflitto il settore nell ultimo anno: il governo nazionale (secondo il centrosinistra), la giunta regionale (secondo il centrodestra). In apertura di seduta, il capogruppo diessino Siro Marrocu ha proposto una sospensione del dibattito: La situazione denunciata nella mozione è stata superata dal recente incontro romano ha osservato nel corso del quale il governo ha garantito nuovi fondi per la continuità. Ma l opposizione non ha accolto la proposta, sottolineando che il problema non poteva ritenersi risolto e che comunque era opportuno discuterne in Consiglio. Si è così aperto il dibattito, subito vivacizzato dall intervento al vetriolo di Mauro Pili (FI). L ex presidente della Regione ha accusato l esecutivo guidato da Soru di dilettantismo, pressappochismo e superficialità ed ha chiesto le dimissioni dell assessore dei trasporti, Broccia, incapace di organizzare una conferenza di servizi per stabilire i nuove oneri di servizio pubblico. Dello stesso tenore l intervento di un altro ex capo della giunta regionale, Mario Floris, leader dell Uds: Sono stupefatto ed allibito ha detto. Come è possibile che un presidente come Soru, che si vuole occupare in prima persona di tutte le questioni, non si occupi della continuità? La colpa di questa situazione è della giunta, che non ha il coraggio di andare a Roma per informarsi di come stanno veramente le cose. Adesso Soru ha proseguito ha promesso un cofinanziamento da parte della Regione, ma queste cose le deve decidere il Consiglio. Esecutivo ed assessore anche nel mirino del sardista Giuseppe Atzeri, secondo il quale la politica di Broccia è balbettante e sudaticcia. Atzeri ha censurato anche la conferma di Massimo Deiana, docente di diritto della navigazione, nell incarico di consulente dell assessorato dei trasporti nonostante i pessimi risultati raggiunti ed un danno di 80 miliardi di lire causato all erario per aver sballato i calcoli. Diversi altri oratori dell opposizione sono intervenuti nel dibattito, con toni critici. Per Nicolò Rassu è gravissimo che l Enac abbia dirottato i fondi destinati alla continuità agli aeroporti di Fiumicino e Caselle ed è altrettanto grave che su questo episodio i Sardi siano tenuti all oscuro, mentre per Pierpaolo Vargiu (Riformatori) la mozione è un autogol, che mette in luce la confusione politica che ha caratterizzato la gestione della materia da un anno a questa parte. Polemico nei confronti delle scelte della giunta, ma anche per l assenza dal dibattito del presidente Soru, l ex assessore dei trasporti Tore Amadu (Udc): La verità ha detto è che questa giunta è priva di una reale politica nel settore dei trasporti, incapace di garantire il sacrosanto diritto dei Sardi di muoversi rapidamente ed a costi contenuti. Anche Silvestro Ladu (Fortza Paris) ha giudicato le proposte della giunta inaccettabili per la loro superficialità, per la loro inadeguatezza, perché assolutamente improduttive. Di tutt altro tenore, ovviamente, gli interventi degli esponenti della maggioranza. A cominciare da Luciano Uras (Prc) e Chicco Porcu (Ps), che hanno difeso l operato della giunta e sottolineato che senza la certezza delle risorse finanziarie è impossibile rendere un servizio che risponda alle esigenze dei Sardi. Occorre puntare su una modello aperto di continuità, con una pluralità di destinazioni, valido sia per i vettori che per i passeggeri. Per un modello più moderno di continuità, che tenga conto anche del trasporto merci, si è espresso anche Alberto Sanna (Ds), mentre Giomaria Uggias (Margherita) ha sostenuto che l attuale è un modello di continuità che funziona, anche se sarà necessario apportare qualche correttivo per migliorare il sistema. Al termine del dibattito, è intervenuto l assessore dei trasporti, Sandro Broccia, che ha confermato l impegno dell esecutivo per difendere il diritto dei Sardi ad una mobilità adeguata alle loro esigenze ed ha evidenziato la necessità di migliorare il servizio, tenendo però sempre ben presente che esiste un unica certezza: la completa assenza di risorse finanziarie da parte del governo centrale. Tracciando un bilancio di quanto fatto nell ultimo anno, Broccia ha affermato che, in ogni caso, si viaggia meglio, i prezzi praticati sono uguali a quelli del 2002, i voli sono aumentati ed esiste una reale concorrenza, perché sulle tratte da e per Roma e Milano si può scegliere fra tre diverse compagnie. La mozione è stata infine approvata a maggioranza (40 voti a favore, 20 contrari e 6 astenuti), mentre in precedenza era stato approvato, praticamente all unanimità, un ordine del giorno Caligaris-Petrini sul rispetto della Carta dei diritti del passeggero (vedi riquadro a parte). La seduta del 3 agosto è proseguita con un altra infuocata discussione: quella della mozione sulla dismissione dei beni minerari. Va raccontato l antefatto: un giro del presidente Soru su un elicottero dei Carabinieri, che ha sorvolato parte delle miniere dismesse del Sulcis. Un fatto che, se di per sé ha fatto discutere, è diventato oggetto di feroci polemiche quando si è appreso che, sull elicottero, hanno viaggiato non solo l assessore regionale dell urbanistica, Gianvalerio Sanna, ma anche tre imprenditori (tra cui Carlo Puri Negri, genero di Leopoldo Pirelli ed amministratore delegato di Pirelli & C. Real Estate, una costola del gruppo guidato da Tronchetti Provera, che si occupa di compravendita e valutazione di patrimoni immobiliari ad uso terziario e residenziale). Da qui le accuse, ribadite dall opposizione in aula, di aver privilegiato alcuni imprenditori a scapito di altri. Illustrando la mozione, il capogruppo di Forza Italia, Giorgio La Spisa, ha chiesto che la giunta si impegni a procedere, nell eventuale alienazione delle aree minerarie, attraverso il modello della gara ad evidenza pubblica, ai sensi delle leggi e dei regolamenti in vigore, nonché a riferire preventivamente al Consiglio sul modello di sviluppo e le implicazioni urbanistiche. La Spisa, dopo aver ripercorso la storia del patrimonio minerario ormai dismesso, ha sottolineato la necessità che tutto si svolga nella massima trasparenza e che la maggioranza affronti il problema politico di un presidente della giunta che confonde la sfera pubblica con quella privata e che non partecipa al dibattito disertando il Consiglio. A rincarare la dose è intervenuto Mauro Pili (FI), secondo il quale esiste una vera e propria emergenza di trasparenza nel governo della Regione. Quel volo ha detto è servito solo per mostrare a degli immobiliaristi alcune aree appetibili, attualmente bloccate dalla legge salvacoste e perciò di minor valore. Valore destinato però a salire se, con il definitivo piano paesaggistico regionale, attualmente allo studio, i vincoli diventassero meno severi. Più o meno dello stesso tenore gli interventi degli altri esponenti del centrodestra: Giorgio Oppi (Udc), se le cose si svolgeranno in maniera trasparente, noi saremo dalla parte di chi vuole lo sviluppo. Ben vengano gli imprenditori seri, che devono però essere messi tutti nella stessa condizione ; Pierpaolo Vargiu (Riformatori), il presidente Soru deve venire in aula a spiegare cosa sta facendo, quali sono gli obiettivi di riconversione e le tipologie di sviluppo per quei territori ; Mario Diana (An), prima di volteggiare, Soru doveva venire in Consiglio ed illustrare i suoi progetti su quei territori. La maggioranza, per bocca di Siro Marroccu (Ds), ha denunciato un equivoco di fondo che rende la mozione superflua ed inutile, nonché offensiva. Chiedendo che tutto venga fatto ai sensi delle leggi ha osservato si suppone che la giunta voglia operare illegalmente, il che è falso. I diessini Giambattista Orrù ed Antonio Calledda, assieme a Francesco Sanna, della SETTEMBRE Margherita, hanno sottolineato l importanza di dare ad un terreno abbandonato uno sbocco e di farlo subito, superando le lentezze del passato e privilegiando progetti di sviluppo. Luciano Uras (Rif. Com.) si è espresso molto chiaramente: Noi comunisti non trarremo alcun beneficio personale dalla battaglia per la tutela delle coste. Non faremo sconti a nessuno, perché questo non è un problema di equilibri politici, ma di adesione ad una maggioranza. Il dibattito è stato chiuso dall assessore dell urbanistica. Gianvalerio Sanna (Margherita), che ha spiegato che esiste una discussione interna alla giunta tra chi punta ad una cartolarizzazione (vendita del patrimonio con anticipo finanziario da parte di istituti di credito) dei singoli terreni ed immobili da dismettere, da un lato; e chi, dall altro lato, mira invece a progetti integrati sul territorio, che necessitano del coinvolgimento di sistemi di impresa. Il tutto ha detto con l obiettivo di realizzare un concorso di idee e successiva vendita ad evidenza pubblica su progetti che garantiscano uno sviluppo dell area e non solo un rientro economico per le casse regionali. Sanna ha concluso escludendo che ci saranno regali di volumetrie o deroghe urbanistiche. Prima del voto finale, diversi consiglieri hanno preso la parola per dichiarazione di voto sulla mozione del centrodestra: Roberto Capelli (Udc), Mauro Pili (FI), Pierpaolo Vargiu (Riformatori), Mario Diana (An), Giorgio La Spisa (FI), tutti favorevoli; Luciano Uras (Prc), Siro Marrocu (Ds), Giambattista Orrù (Ds), contrari. La mozione è stata infine respinta con 17 voti a favore, 27 contrari e l astensione, come da prassi, del presidente Giacomo Spissu. Ordine del giorno Caligaris-Petrini Nel corso del dibattito sulla continuità territoriale, il Consiglio ha approvato un ordine del giorno, presentato da Maria Grazia Caligaris (Sdi), alla quale si è successivamente associato nella firma Onorio Petrini (FI), in favore dei passeggeri disabili. Nella circostanza, si è verificata una significativa convergenza, perché almeno sulla tutela dei più deboli e meno fortunati nessuno ha avuto il coraggio di dissentire o prendere le distanze. L ordine del giorno è infatti passato con cinquantatre voti favorevoli e cinque astensioni, senza alcun voto contrario. Partendo dai recenti episodi in cui cittadini malati o portatori di handicap hanno denunciato trattamenti scorretti da parte delle compagnie aeree, l ordine del giorno impegna la giunta regionale ad assumere tutte le iniziative nei confronti dei vettori per il rispetto della Carta dei diritti del passeggero e per garantire ai disabili ed alle persone in difficoltà, anche per l età avanzata, l assistenza indispensabile a terra e durante il volo. Inoltre, le modalità per usufruire dell assistenza dovranno essere divulgate il più possibile, anche attraverso apposite campagne promozionali di pubblicità progresso. Sia Caligaris che Petrini sono intervenuti nel dibattito, sottolineando che le compagnie aeree decidono di far volare le persone con accompagnatore solo in alcune fasce orarie e non più di due portatori di handicap per aereo. Una situazione insostenibile ha detto l oratrice che chiede giustizia. Petrini ha anche sottolineato gli ostacoli insuperabili che si presentano alle squadre di disabili che partecipano ai campionati sportivi nazionali, in occasione delle trasferte.

10 10 SETTEMBRE 2005 Attualità Un sardo su cinque costretto a vivere con l'assegno sociale di Alessandro Atzeri Preoccupante risultato di un'indagine del Sole 24 ore - In Sardegna vive un popolo di pensionati: 358 ogni mille abitanti - In aumento la fascia delle persone che vivono al di sotto della soglia di sopravvivenza Un popolo di pensionati. E di poveri. Secondo un indagine del Sole 24 ore, infatti, sono gli assegni che gli enti previdenziali pagano in Sardegna, 358,2 ogni mille abitanti. Se questo dato di per sé potrebbe anche non preoccupare (visto che l Isola è al quindicesimo posto della classifica nazionale), ce ne è però un altro che fa sobbalzare. Le persone con assegno sociale sono , che corrispondo a 78,5 sardi ogni mille abitanti, circa il 18% della popolazione totale. Numeri che preoccupano, anche perché significa che aumenta la fascia di persone che vivono al di sotto della soglia di sopravvivenza. L assegno sociale, infatti, viene dato alle persone che hanno superato i 65 anni: se si tratta di singoli, il reddito non deve essere superiore ai euro, se coniugati invece non deve oltrepassare i Nel caso degli invalidi civili (che possono avere anche meno di 65 anni), il reddito non deve superare gli euro. E le persone che vivono con l assegno come unico introito familiare sono in aumento. «Si tratta di un dato allarmante», ammette Stefano Ghisaura, responsabile regionale di Inas-Cisl, «che testimonia come in Sardegna ci sia una fascia molto alta di persone che vivono sotto il limite di sussistenza. Buona parte di queste persone non hanno avuto protezione previdenziale e non possiedono i contributi sufficienti per arrivare alla pensione. Per la Sardegna è un problema sociale, perché l età in cui i giovani iniziano a lavorare si sta innalzando e il dato sugli assegni sociali è destinato inevitabilmente ad aumentare». Al di là del dramma quotidiano che costringe ogni giorno molte famiglie a chiedersi cosa mangiare, servono interventi anche perché il fatto costituisce un vero e proprio problema sociale. «Per noi», dice Valter Pischedda, presidente regionale del patronato Acli, «non è una sorpresa, perché conferma l esistenza di un dramma. Ci sono molti giovani che vivono in famiglia grazie all assegno sociale dei genitori: poi che fanno? Si finanziano master, ma ci sono ragazzi che non possono neppure laurearsi. Persone di cui nessuno si sta occupando». È necessario dunque intervenire per risolvere un problema che interessa molte famiglie sarde. La povertà è in aumento e bisogna contrastare il fenomeno. «Da anni», aggiunge Pischedda, «denunciamo l esistenza di una povertà strutturale. A noi spetta la denuncia, non trovare le soluzioni. Come Acli facciamo parte dell Osservatorio regionale sulla povertà, un organismo che, dopo l insediamento, non si è più riunito». La povertà sembra essere stato l argomento più dibattuto ad agosto visto che se ne sono occupati i giornali. «I poveri non vanno in ferie e non possono concedersi il lusso di una vacanza», ha commentato il segretario generale della Cisl sarda Mario Medde, che ha chiesto interventi da parte dell esecutivo regionale. Secondo il rapporto sulla povertà, pubblicato lo scorso anno dal sindacato, i poveri in Sardegna sarebbero non meno di 260 mila persone, quasi un terzo della popolazione. Secondo la Cisl sarebbe necessaria «l adozione di politiche sociali e di strumenti in grado di contrastare le diverse caratteristiche della povertà derivante non solo da reddito, ma anche da condizioni di esclusione. Strumenti che riguardano politiche del lavoro e dello sviluppo, ma anche l esigenza di un reddito di cittadinanza che riesca a sopperire al mai attivato reddito di ultima istanza (strumento nazionale), sul quale pesa, però, la sentenza della Corte Costituzionale che ne ha deliberato l illegittimità perché la norma non lo configura come livello essenziale». Servono, insomma, interventi strutturali, perché il dato sulle pensioni sociali dimostra l esistenza di un fenomeno, spesso taciuto per pudore. I numeri però sono lì, come i poveri, che aumentano. E aspettano. SANITA' Influenza aviaria: in Sardegna rischio quasi nullo Lo hanno stabilito gli esperti del Centro di referenza nazionale e dell'istituto della Fauna Il rischio influenza aviaria in Sardegna è praticamente nullo. L hanno evidenziato gli esperti del Centro di referenza nazionale e dell istituto nazionale della Fauna selvatica durante un incontro, a Roma, convocato dal ministero della Salute, e al quale hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni e degli Istituti Zooprofilattici per discutere ed esaminare il rischio sanitario connesso al possibile arrivo di ceppi di influenza aviaria ad alta patogenicità dai paesi del sud est asiatico interessati dalla malattia. L isola - informa l assessorato regionale alla Sanità - non è interessata dalle rotte migratorie degli uccelli acquatici provenienti dall Asia. A questo punto, dopo le rassicurazioni del ministero sarebbe opportuno non alimentare più l allarmismo sul rischio influenza aviaria in Sardegna. Le Asl, a tutela dei cittadini proseguiranno nei loro consueti e rigorosi controlli, mantenendo alta la vigilanza su tutte le situazioni che verranno ritenute meritevoli di attenzione sul fronte dell igiene pubblica. Non esiste nemmeno un reale rischio per i cittadini nel consumo di carni avicole cotte nei ristoranti. Il virus è distrutto da temperature superiori ai 70 gradi. Inoltre, sono vietate le importazioni di volatili vivi e di carni avicole dai paesi infetti. In ogni caso, sono stati intensificati i controlli alle frontiere. A Cagliari sono stati sequestrati 20 chili di carne di pollo, arrivate senza le necessarie autorizzazioni, in un negozio cinese chiuso due giorni fa per gravi carenze igienico-sanitarie, confermate dalla presenza di blatte e larve di insetti negli alimenti in vendita. Nell incontro di Roma è stata presentata la bozza di ordinanza ministeriale con le misure di salvaguardia. Il documento specifica le misure di quarantena per l introduzione di volatili negli allevamenti, e definisce le modalità di etichettatura delle carni avicole, in modo tale da mettere in condizione il consumatore di verificare la provenienza delle carni acquistate. CULTURA Magliette con slogan per parlare in limba Una maglietta per promuovere l uso della lingua sarda. È l iniziativa lanciata da So tziu Limba Sarda, associazione specializzata negli interventi sulla politica linguistica con sede a Cagliari, ma con un centinaio di soci in tutta la Sardegna. Nelle scorse settimane alcune centinaia di t-shirt sportive colorate, con la scritta Agiuda sa limba, chistiona su sardu (Aiuta la lingua sarda, parlala), sono state distribuite dall associazione, con l obiettivo di sensibilizzare soprattutto i giovani all uso del sardo in tutte le sue varianti. Finora ha spiegato Daniela Sanna, responsabile del progetto magliette l applicazione concreta delle leggi regionale e statale è stata deludente rispetto alla divulgazione de sa limba nella società sarda. L associazione ha denunciato l assenza di una politica linguistica efficace, e ha giudicato episodica la presenza della lingua a scuola, inesistente nella pubblica amministrazione, marginale nei mass media, simbolica all università. Le attività dell associazione sono pubblicizzate sul sito internet SERVITU' MILITARI Il porto di Cagliari off limits per le navi nucleari Lo ha assicurato il comandante marittimo della Sardegna a due consiglieri regionali Il porto di Cagliari è off limits per le unità navali nucleari. È quanto ha ribadito il comandante militare marittimo della Sardegna, ammiraglio Roberto Baggiani in un incontro con i consiglieri regionali Maria Grazia Caligaris (Sdi-Su) e Luciano Uras (Prc). Durante il colloquio protrattosi per circa un ora, è emerso che le unità militari a propulsione nucleare non possono essere accolte nel porto del capoluogo sardo per l assenza in loco di strutture adeguate agli interventi di supporto. L ammiraglio Baggiani ha quindi assicurato che la programmazione operativa della Marina anche per il 2006 esclude il porto di Cagliari dalle mete delle unità navali nucleari. Per quanto riguarda il pacchetto sicurezza nell eventualità di incidenti durante la navigazione al largo delle coste meridionali dell isola è pronto il piano di emergenza che sarà presto inviato al prefetto di Cagliari che dovrà predisporre gli interventi di protezione civile. Sono previste anche esercitazioni che coinvolgeranno le unità operative di soccorso oltre a un ampia informazione per i cittadini. In ogni caso il luogo di sosta dell eventuale unità è stato individuato in un area marittima distante non solo dal porto ma anche dalle rotte commerciali dei traghetti e delle petroliere dirette e in partenza dalla raffineria di Sarroch. Positive, al termine dell incontro, le valutazioni dei consiglieri regionali. Per la prima volta - hanno sottolineato - un comandante militare della Sardegna si è reso disponibile con tempestività per dare risposte alle preoccupazioni dei rappresentanti dei cittadini. È un segno di grande rispetto per la popolazione e le istituzioni democratiche frutto anche dell impegno di questa maggioranza a percorrere tutte le strade utili per denuclearizzare l isola e ridurre il demanio e le servitù militari. A questo proposito l ammiraglio Baggioni ha assicurato che non è previsto, per quanto concerne la Marina, alcun ampliamento dell attuale presenza.

11 Attualità La Comochi di Sanluri fiore all occhiello dell industria sarda La Comochi di Sanluri, attualmente, è un industria chimica conosciuta in tutta l isola e oltre. Ottantaquattro dipendenti, la maggior parte dei quali orgogliosamente di Sanluri e Marmilla, Pauli Arbarei e Nureci, tanto per fare qualche esempio, con tentacoli a Oristano, Alghero, Olbia, Sassari e via dicendo. Cosa si produce? Di tutto, dalla candeggina all alcool, dagli sgrassatori per stoviglie ai prodotti per i capi delicati: decine di preparati a difesa dell ambiente con i nuovi prodotti biologici naturali. Come recita la scritta pubblicitaria sopra il fiore dell igiene, logo che caratterizza l industria di Sanluri. Sono circa 150 i prodotti che la Comochi, sforna per se stessa etichettandoli come tali e per molte altre aziende. Tutti i marchi sono rigorosamente registrati per paura che qualche spia industriale possa carpire il segreto del successo, cioè la formula chimica e riproporre sul mercato, con un altro logo, lo stesso sgrassatore o lo stesso disinfettante. E bisogna davvero essere abbottonati quando in gioco c è il futuro dell azienda. Così, dopo oltre dieci anni di intense e però soddisfacenti ricerche, i laboratori Comochi hanno partorito la madre di tutti gli antibatterici. Il prodotto, nuovo di zecca, ha il nome commerciale di Phymeklor, un disinfettante potente in grado di neutralizzare la carica batterica ad esempio quella dei fiumi o degli CULTURA Contributi per progetti editoriali in limba alle testate on line Anche le testate on line potranno ricevere contri buti regionali per la produzione e diffusione di progetti editoriali in lingua sarda, come avviene per quotidiani, periodici, emittenti radiofoniche e televisive. Lo prevede il Piano triennale per gli interventi di promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna, approvato dalla Giunta regionale in via definitiva. L ammissibilità ai finanziamenti dei periodici in formato web per progetti culturali attraverso i mezzi di comunicazione di massa è stata riconosciuta accogliendo la segnalazione della commissione Cultura del Consiglio regionale. La diffusione anche su internet di programmi di informa- di Marcello Atzeni Specializzata nella produzione di prodotti per l'igiene specchi d acqua. A testare il Phymeklor ci hanno pensato i biologi Luigi Aschieri, Raimondo Fanari e Marcello Stara, che sono partiti, qualche mese fa, in un area fortemente inquinata: l Irak, terra che nasce tra due fiumi (l antica Mesopotamia) ormai moribondi il Tigri e l Eufrate. I risultati sono stati prodigiosi, e se il nuovo preparato avesse avuto il nulla osta(arrivato l otto di marzo) da parte del Ministero della Salute, che ha eseguito dei test per tre lunghi anni, avrebbe sicuramente trovato largo uso nel sud-est asiatico, come si ricorderà colpito dallo tsunami il 26 dicembre dello scorso anno. Il Phymeklor è il primo presidio medico-chirurgico nato in Sardegna. Si tratta di un disinfettante-detergente per uso ambientale. Ogni pastiglia di questo intruglio chimico è composta da dicloroisocianurato sodico,acido adipico, il resto è del comune bicarbonato di sodio. Cinque compresse effervescenti, sciolte in 10 litri d acqua, nel giro di un quarto d ora, neutralizzano la carica batterica e quella funginea. Il nuovo prodotto assicura Pinuccio Melis, amministratore unico dell industria chimica sanlurese- garantisce l igiene in tutti gli ambienti: scuole, ospedali, piscine, ristoranti, aziende agro-alimentari e anche per la pulizia di attrezzature e macchinari che si usano negli allevamenti zootecnici. L acqua insomma con qualche pastiglia effervescente di cloro risulta pulita, in casi estremi, vedi popolo iracheno, viene anche bevuta.la rivoluzione consiste anche nel fatto, che prima i disinfettanti erano liquidi e difficilmente trasportabili e maneggiabili. Si usavano le taniche da trenta-quaranta litri, mentre oggi un chilo di Phymeklor, 400 pastiglie, trova spazio in un barattolo di plastica di piccole dimensioni. Ne sono sicuro - spiega ancora l amministratore - il futuro è la pasticca. Un domani, tutti i detergenti saranno così. Oggi in America è un innovazione utilizzata al cinquanta per cento, in Francia al 20 per cento, mentre da noi in Italia, si utilizzano pastiglie per la pulizia tout-court solo per lo 0,5 per cento.una colonizzazione totale è prevista nel giro di una ventina d anni. Allora i detersivi liquidi non esisteranno più, con risparmio di spazio, denaro e con più semplicità, sveltezza e miglior risultato finale. Tornando al Phymeklor, può disinfettare anche le grandi cisterne, quindi anche degli invasi in caso di attentati chimico-batteriologici. La pasticca miracolosa non è ancora in vendita, lo sarà tra breve, e quindi non si conosce ancora il suo prezzo, che comunque dovrebbe essere contenuto. La produzione avverrà totalmente a Sanluri, si ipotizza dunque la nascita e la crescita di un mega-stabilimento industriale che darà lavoro ai tanti disoccupati della Marmilla. zione e approfondimento in lingua sarda spiega una nota della giunta - è giudicata un elemento di forza per una valorizzazione senza confini del patrimonio culturale della Sardegna, capace di rafforzare i rapporti con le comunità sarde all Estero e di interessare maggiormente i piu giovani, tra i maggiori fruitori di informazioni sul web. Il Piano triennale per cultura e lingua sarda prevede un finanziamento complessivo di 800 mila euro per i progetti culturali su mezzi di comunicazione di massa. Sono stati individuati tre ambiti di intervento. Un itinerario per l infanzia che prevede la realizzazione di progetti originali di narrativa (possono essere riproposti anche brani e novelle della fiabistica sarda) utilizzando anche il fumetto o i cartoni animati. È dato spazio anche ai temi sull ambiente. È previsto un secondo itinerario storico-culturale che proponga un viaggio tra i protagonisti della storia e delle vicende politiche e culturali della Sardegna. Il terzo intervento è riservato al mondo dell istruzione con progetti originali per studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, che affrontino temi riguardanti il rapporto scuola-società, scuolaambiente, scuola-territorio, scuola-lavoro. Tutti i progetti potranno prevedere anche l uso della lingua catalana di Alghero, del tabarchino delle isole del Sulcis, dei dialetti sassarese, gallurese. SETTEMBRE INTERNET la Sardegna nel Web a cura di Andrea Mameli Una nuova rubrica dedicata alle informazioni sull'isola reperibili in Internet Limba sarda online L'Acadèmia campidanesa on line Nata nel 2003 con lo scopo di tutelare e diffondere la lingua e la cultura sarde nel mondo, ACALISA (Acadèmia Campidanesa de sa Lìngua Sarda) è un associazione culturale impegnata nella diffusione della Limba in tutti gli strati della società e in tutti i campi del sapere. Le attività proposte, in italiano, sardo e tedesco, attraverso il sito web - sono numerose: verifica della qualità linguistica di opere editoriali, sviluppo di dizionari moderni nelle tre varietà del sardo, corsi di Limba dal livello per principianti a quello specialistico-settoriale, convegni, seminari di studio, corsi intensivi per non sardofoni, attività di animazione per bambini. ACALISA segue con particolare cura gli insegnanti impegnati nell uso del sardo nelle attività didattiche e intende contribuire a rafforzare nei sardi residenti al di fuori della Sardegna i legami culturali e spirituali con l Isola. Particolarmente interessante la proposta di ortografia Sardu de Totus: e l elenco di siti dedicati all argomento: Comitau Studiantis po sa Lìngua Sarda Il sito del Comitato Operatori di Bilinguismo offre un corso di sardo online e un dizionario campidanese-italiano, un lungo elenco di neologismi e altri documenti in sardo e sul sardo. Nel sito viene proposto anche il nuovo dizionario estonesardo e sardo-estone, realizzato da Pietro Perra e Mari-Liis Tuvi nell ambito del programma internazionale di scambi culturali Erasmus. La Bibbia in sardo Un intero sito dedicato alla traduzione in sardo della Bibbia, realizzato dall Istituto di Scienze Religiose di Oristano con la collaborazione di alcuni docenti della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna. Mostra le traduzioni dal greco in campidanese e in logudorese (con accanto le proposte di successive modifiche e correzioni) e alcune riflessioni sull uso della Limba nella liturgia:www.sufueddu.org Cuncordu nel Piemonte settentrionale Quotidiano sardo via L Associazione Cuncordu, fondata a Gattinara (Vercelli) il 26 Luglio 2000, e attualmente presieduta da Maurizio Sechi, fa del proprio sito web una vetrina per le attività e una raccolta di informazioni interessanti. Informazioni sugli appuntamenti e gli eventi, articoli sul circolo, ricette e fotografie: Il Giornale di Sardegna ha reso disponibile un nuovo servizio: l invio gratuito del quotidiano in formato Pdf del peso di circa 5 Mb a un indirizzo di posta elettronica. Il Giornale di Sardegna garantisce che l indirizzo verrà usato solo per la spedizione del quotidiano e non per scopi pubblicitari. Il servizio potrà essere disdetto in qualsiasi momento. L iscrizione si effettua direttamente attraverso il sito:

12 12 SETTEMBRE 2005 POLITICA REGIONALE Agli Enti Locali la promozione dello sport Approvata dalla Giunta una delibera che stanzia 7 milioni di euro per lo sviluppo dell attività sportiva La Giunta regionale, con l approvazione del programma annuale 2005 per lo sviluppo dello Sport ha indicato i principi generali e stabilito le priorità della politica di promozione e diffusione della pratica sportiva nell Isola. Lo stanziamento è di euro. La delibera sarà inviata alla Commissione consiliare competente per il parere obbligatorio ma non vincolante. L Esecutivo ha stabilito che gran parte delle funzioni della legge quadro sullo sport, in attesa di una nuova normativa di riforma, venga conferita agli enti locali e che la Regione mantenga competenze su programmazione degli impianti sportivi di interesse regionale, sostegno agli atleti di riconosciuto talento e alle manifestazioni che hanno particolare importanza in ambito regionale nazionale e internazionale. Nel capitolo che riguarda le attività sportive la Regione ha delegato alle Province la gestione dei contributi per il funzionamento degli impianti sportivi con un finanziamento di 900 mila euro. All attività sportiva giovanile a carattere dilettantistico sono stati destinati 600 mila euro, mentre per quella sportiva scolastica il contributo è di 325 mila euro. L assessore proporrà nel bilancio 2006 un ulteriore incremento per quest intervento giudicato essenziale, soprattutto in un numero di realtà dell Isola dove non ci sono impianti sportivi e strutture adeguate. La Regione sostiene poi con borse di studio gli atleti isolani di elevate doti tecnico-agonistiche e, nella predisposizione del nuovo Piano triennale dello sport, punterà a incrementare i contributi. Per il 2005 lo stanziamento complessivo e di 75 mila euro e alle società verrà assegnato un minimo di euro per atleta. Il contributo a sostegno dell attività degli enti di promozione e delle federazioni sportive è di 480 mila euro, cosi suddiviso: 336 mila euro a favore degli enti con tesserati e 144 mila euro per le federazioni sportive nazionali con tesserati. Per le manifestazioni sportive sono stati stanziati 2 milioni di euro (una quota massima del 25% è in favore delle manifestazioni a carattere straordinario), mentre i contributi per la partecipazione ai campionati nazionali e a singole trasferte che rientrano nel loro svolgimento sono pari a euro. Nel capitolo dell impiantistica sportiva, vengono assegnati per l associazionismo sportivo 3 contributi di 20 mila euro alle società Tiro a Volo Stintino per il completamento degli impianti; Greenfields Cagliari per impianto polivalente all aperto e Rari Nantes Cagliari per lavori di ristrutturazione e completamento della piscina. L esecutivo sostiene anche le azioni di tutela sanitaria con un finanziamento di euro. Per l attività di ricerca a favore dello sport lo stanziamento complessivo è di euro. Il programma è stato presentato per un parere consultivo al Comitato regionale dello sport. L assessore Elisabetta Pilia ha ricordato che il Piano triennale dello sport è in scadenza e, per avviare la nuova programmazione, nel 2006 si terrà la conferenza regionale dello sport, che servirà a valutare anche eventuali modifiche della legge di settore. La Giunta ha individuato nuovi obiettivi per la programmazione. I destinatari privilegiati di parte degli interventi sono i giovani. L esecutivo intende stimolare l avviamento allo sport e sviluppare le potenzialità delle attività sportive come traino per il turismo, con il coinvolgimento di cooperative giovanili o sodalizi sportivi. E ancora mira a potenziare le esperienze avviate con il Coni, Censis Servizi e Federculture per valutare la qualità delle azioni svolte e la loro ricaduta sui praticanti e sul territorio e rafforzare il ruolo educativo e formativo di Coni, enti di promozione, federazioni sportive e università, riservandosi un ruolo di coordinamento e indirizzo. Attualità PREVIDENZA Una nuova procedura consente all Inps di definire le pensioni in tre giorni Dal 1º agosto è iniziato l esperimento in nove regioni fra le quali la Sardegna - Nel progetto non rientra la trattazione delle domande in regime di convenzione internazionale Il consiglio di amministrazione dell Inps, con la delibera n. 67 del 15 marzo 2005, ha varato una nuova metodologia di lavoro definita lavorare in tempo reale. Il progetto, operativo dal primo agosto di quest anno, nasce essenzialmente dall esigenza, avvertita dai cittadini e dalle imprese, di una maggiore qualità dei servizi (velocità di risposta, flessibilità operativa e semplicità nelle modalità di relazione ed in pratica viene attuato grazie a nuove condizioni normative, tecnologiche ed organizzative decisamente favorevoli. Il progetto, che investe tutte le attività dell istituto, non poteva ovviamente essere da subito operativo sull intero territorio nazionale. Ecco perché il progetto speciale si attua dal primo di agosto in via sperimentale solo nelle sedi di Treviso per il Veneto, Terni e Perugia per l Umbria; Pesaro per le Marche; Roma Eur, Roma Centro, Roma Tiburtino e Roma Casilino per il Lazio; Palermo, Palermo Sud e Catania per la Sicilia; Firenze per la Toscana; Mantova e Varese per la Lombardia; Vercelli per il Piemonte. Per la Sardegna sono state individuate, anche su precisa indicazione della sede regionale per la Sardegna, la sede provinciale di Cagliari con 7 agenzie e la più recente e moderna agenzia operante ad Olbia. La nuova metodologia richiede una modalità di lavoro senza interruzioni dell attività, dal momento dell invio (presentazione della domanda) fino al termine del processo lavorativo (definizione della pratica e provvedimento amministrativo). Con il nuovo modo di lavorare, in pratica, si tende ad abbattere il passaggio che spesso determina sensibili ritardi dal front office (lo sportello) al back office (l ufficio dove in genere viene definita la pratica). Francesco Severino, direttore della L ANGOLO DELLA POSTA Il governo italiano, se le mie notizie sono esatte, aveva garantito una pensione di un importo minimo di un milione delle vecchie lire. Io, emigrato in Inghilterra da tanti anni, ho finalmente riscosso la pensione di anzianità con la principesca somma di 146 sterline e 80 pence ogni sei mesi, che in pratica corrispondono a lire l anno. Ogni altra considerazione mi sembra inutile. Sono queste le promesse fatte ai lavoratori italiani fra i quali esistono tantissimi emigrati come il sottoscritto? N.P.10 East Close - Rainham - Essex Le osservazioni del lettore sono senz altro condivisibili ma purtroppo per lui non sono pertinenti al settore previdenziale italiano in regime di convenzioni internazionali. Su questa stessa rubrica ho già rimarcato il fatto che la pensione di anzianità è un tipo di pensione esclusivamente italiana, nel senso che nessun altro parse europeo e non, la riconosce. Il fatto determina che mentre l Inps ai fini del raggiungimento dei requisiti (almeno 35 anni di requisiti) chiede gli estratti contributivi agli altri paesi in cui ha lavorato lo stesso lavoratore emigrato per unificarli a quelli italiani ai fini del raggiungimento del diritto, no altrettanto avviene ai fini del calcolo dell importo pensionistico. In altre parole il di Giuseppe Foti sede provinciale inps di Cagliari non esita a manifestare il proprio ottimismo. È un nuovo modo di lavorare ed è destinato a diffondersi in tutte le realtà operative delle strutture inps. L inps ha già iniziato ad utilizzare moderni canali di comunicazione, efficaci, riducendo i costi attuali necessari per la comunicazione. A Cagliari, e nelle sedi interessate alla nuova procedura, sono stati e continueranno ad essere incrementati i rapporti con enti di patronato, consulenti del lavoro, commercialisti ed associazioni di categoria con il chiaro scopo di stimolare con essi una maggiore collaborazione soprattutto TEMPO REALE INPS Sedi della sperimentazione: Treviso per il Veneto - Terni e Perugia per l Umbria - Pesaro per le Marche - Roma Eur, Centro, Tiburtino e Casilino per il Lazio - Palermo e Catania per la Sicilia - Firenze per la Toscana - Mantova e Varese per la Lombardia - Vercelli per il Piemonte - Cagliari e Olbia per la Sardegna. Settori di lavoro interessati: Area Assicurato Pensionato - Area Lavoratori Autonomi, Domestici e Parasubordinati - Area Prestazioni a sostegno del reddito - Area Aziende con dipendenti Tempi di definizione della pratica completa della documentazione: pensioni: 3 giorni; lavoratori autonomi: a seconda del tipo dell adempimento i tempi tecnici di definizione variano da 7 a 30 giorni. Area aziende con dipendenti: da 24 ore per iscrizioni o variazioni aziende a 60 giorni per l invio dell avviso bonario LA PENSIONE DI ANZIANITÀ ALL ESTERO NON È RICONOSCIUTA invitando loro a far sì che le varie richieste siano corredate dalla necessaria documentazione. Se così sarà una domanda di pensione potrà essere sicuramente definita entro tre giorni dalla data della sua presentazione. Ovviamente il nuovo sistema non permetterà sicuramente di rispettare il termine per le domande in regime di convenzione. Sarà possibile però far diminuire ancor più i tempi di definizione divenuti comunque negli ultimi anni decisamente più accettabili. La lavorazione in tempo reale, come detto, interesserà le principali aree di lavoro indicate dall inps in quattro processi: assicurato pensionato che comprende la pensione di vecchiaia, la pensione di anzianità, la pensione di reversibilità, le ricostituzioni contributive, documentali e da supplemento; la certificazione di diritto al bonus ed infine l estratto conto certificativo. Tutte queste richieste di prestazioni, se corredate dalla indispensabile documentazione, verranno opportunamente evidenziate e definite entro tre giorni dalla data di presentazione dell istanza; autonomi e domestici che comprende la gestione degli F24, i ricicli, le dilazioni, e gli sgravi per artigiani e commercianti, l iscrizione dei lavoratori domestici e parasubordinati; processo prestazioni a sostegno del reddito: che comprende le indennità di disoccupazione ordinaria, con requisiti ridotti e quella agricola, l indennità di mobilità e le prestazioni antitubercolari. Il quarto ed ultimo processo di lavoro riguarda le aziende. In particolare comprende l iscrizione all Inps, le variazioni anagrafiche, contributive, e le cessazioni delle stesse aziende, le rateazioni contributive, il flusso di denunce mensili, le scoperture contributive e la cassa integrazione ordinaria. nostro emigrato che risiede ora in Inghilterra verosimilmente ha lavorato per pochi anni in Sardegna o comunque in Italia, versando invece molti contributi in Inghilterra. Questi ultimi non sono stati conteggiati per ila calcolo della pensione né dall Italia né tanto meno dall Istituto di previdenza inglese che non riconosce questo tipo di pensione anticipata. L Inps quindi ha messo in pagamento la pensione calcolata sui soli contributi versati in Italia né ha provveduto adf assicurare il trattamento minimo di legge in quanto il richiedente risiede all estero. Le promesse del governo italiano in materia di previdenza? È questo un discorso lungo e complicato che, obbiettivamente, non può essere circoscritto all ultima legislatura ma che coinvolge anche governi passati e... futuri. È vero che l economia italiana ed europea è veramente disastrata, è vero che il parlamento europeo invita non solo l Italia ma in genere la maggior parte dei paesi dell Unione Europea a fare rientrare il disavanzo che è pressoché presente in tutte le gestioni previdenziali; è altrettanto vero però che mentre gli altri stati europei possono contare su provvidenze che di sicuro aiutano gli ex lavoratori pensionati ad affrontare adeguatamente il costo della vita, non altrettanto avviene per l Italia.

13 Attualità San Vito paese di emigrati punta sul turismo e scommette sull'albergo diffuso Cerca di farsi spazio utilizzando le sue risorse ambientali e naturalistiche. San Vito, il paese del Monte Lora, è l unico Comune del Sarrabus senza mare. Neppure un metro di spiaggia. Ma non si ha alcuna intenzione di fare da comprimario nello sviluppo turistico del Sarrabus. Il sindaco ne ha parlato anche alla recente Bit di Milano. Castiadas e Muravera sono una realtà. Villaputzu cerca spazi a Porto Corallo e Porto Tramatzu. A San Vito non rimane che un ruolo diverso ma non per questo meno importante. L obiettivo della Giunta capeggiata dal sindaco Patrizio Buccelli è quello di realizzare in paese le strutture di appoggio al mare. Fra i programmi, l albergo diffuso che già muove i primi passi. Un bed and breakfast è stato già aperto nel vecchio palazzo della farmacia. Decine di abitazioni la scorsa estate, sono state affittate ai turisti. La notte a dormire in paese, la giornata a con- di Raffaele Serreli È l'unico paese del Sarrabus che non ha sbocchi a mare - Un piano per recuperare le antiche case tatto col mare e con l entroterra. È questa la formula magica per il Comune di San Vito anche perché con questa offerta si dà la possibilità all ospite di trovare alloggi a costi accessibili. In paese spiega il sindaco sono centinaia le case che potrebbero essere trasformate a fini ricettivi. Una ricchezza inestimabile. Case come queste offrono sicuramente grossi vantaggi rispetto all albergo e al campeggio. Un tetto, una cucina, un caminetto, un cortile è quanto di meglio si può offrire al turista che intende soggiornare nel Sarrabus. Una scommessa che per essere vinta deve ovviamente trovare l appoggio dei proprietari delle abitazioni. Molti di loro sono emigrati. Per la loro ristrut- turazione ci sono le agevolazioni regionali. Soltanto nel centro storico sono almeno quaranta le case che possono recitare un ruolo nel cosiddetto albergo-diffuso. Ma al di là di questo, l amministrazione comunale intende intervenire proprio per il recupero del centro storico. C è un progetto da due milioni e mezzo di euro, presentato alla Regione per il finanziamento. Ma oltre che recuperare le antiche case, si vuole pure restituire alla parte vecchia del paese, il suo aspetto originale: non più bitume ma carreggiate ricostruite in pietra e granito. Lo sviluppo turistico di San Vito ribadisce il sindaco passa anche attraverso il recupero del centro storico. Dallo scorso giugno è funzionante anche l ostello della gioventù: una struttura ed una gestione che ha riscosso un buon successo. Ma ovviamente, il futuro del territorio è legato in gran parte al Piano urbanistico comunale. L amministrazione ha deciso di rivederlo anche in chiave turistica proprio per favorire la nascita delle strutture di appoggio al mare. Dallo sviluppo del territorio dipende ovviamente anche il futuro dell economia locale. Col turismo interno, si punta anche sulla piccola e media industria. Il Piano per gli insediamenti produttivi è ubicato su un area alla periferia dell abitato, ai margini della statale 387. Un tassello importante nel mosaico, difficile da costruire in un Comune come San Vito che in trent anni ha perso quasi duemila abitanti. Una emorragia iniziata negli anni Cinquanta. Si può dire che non c è una parte del mondo senza un sanvitese. SETTEMBRE ECONOMIA Il Consorzio Sinergia Nuoro ha erogato kw Il Consorzio Sinergia Nuoro, che fornisce energia elettrica e servizi energetici a imprese ed enti pubblici ha superato nel 2005 i Kilowatt di potenza prelevata dalle imprese ed enti consorziati, una quantità in grado di alimentare per un anno una città come Nuoro. Dalle analisi dei consumi - diffusa dal Consorzio - emerge che oltre la metà dell energia elettrica è prelevata di notte, soprattutto dai consorziati con cicli di produzione di 24 ore (in particolare industrie tessili e di lavorazione di minerali) oppure da impianti di sollevamento acque, e refrigerazione. Fra i consorziati c è l Asl 3, con esigenze di illuminazione e climatizzazione costanti di giorno e di notte. Oggi il Consorzio Sinergia raggruppa 36 aziende con 175 punti di consumo di energia elettrica e i risparmi del 9% ottenuti nel 2005 si posizionano nella fascia alta del mercato (dati su raffronto con tariffe di altri fornitori). In 5 anni di attività i consumi dei consorziati hanno superato i 250 milioni di kwh, consentendo risparmi per circa 1,5 milioni di Euro sulla bolletta. CULTURA Contributi della Regione agli enti socio-culturali per studio e ricerca Sono 46 gli Enti che beneficeranno dei contributi decisi dalla Giunta CULTURA Nuovi criteri per i contributi all'editoria libraria Approvati dall'esecutivo regionale Sono 46 gli enti socio-culturali che beneficeranno di contributi della Regione destinati ad attività di studio, ricerca e documentazione. Secondo la delibera approvata dalla Giunta, sono stati ammessi al finanziamento programmi da realizzarsi nel territorio regionale, in cui siano compresi anche seminari, stage formativi e manifestazioni pubbliche di divulgazione delle iniziative e dei loro risultati. Il contributo copre fino a un massimo del 90% delle spese e va impiegato per almeno 2/3 per le spese di attuazione. Delle 92 domande presentate, l istruttoria ne ha ammesse 46, classificate in quattro ambiti: ambientale-paesaggistico - la cui ripartizione prevede non piu di euro a progetto - sociale, storico e artistico, per i quali si prevede un tetto di euro. L assessore alla Cultura Elisabetta Pilia ha proposto, inoltre, una premialità del 23% per gli enti che hanno concluso e documentato il lavoro sostenuto con i contributi assegnati del Per gli organismi di nuovo inserimento, la delibera approvata dalla Giunta limita il contributo a euro, in mancanza di elementi sufficienti a valutarne l attività. Ecco l elenco degli organismi beneficiari in base all area di appartenenza: - AMBIENTALE: Legambiente Assemini (Circolo Il Fenicottero), gruppo d Intervento giuridico, Associazione per il Parco di Molentargius-Saline- Poetto, Associazione culturale Scripta manent, Istituto nazionale di Urbanistica (sezione Sardegna), associazione culturale Marco Polo, Amici di Sardegna Onlus, Centro servizi volontariato ambiente Sardegna, Club modellismo storico Cagliari, Legambiente Arzachena (circolo Gallura), Fondazione Imc-Centro marino internazionale di Oristano, Società astronomica turritana, - ARTISTICO: Associazione culturale Ouroboros, Associazione culturale Labor, Casa Falconieri, associazione culturale La Cagliari Radice, Associazione Ticonzero, Ibimus-Istituto di bibliografia musicale comitato regionale sardo, Centro sardo studi e ricerche, Tersicorea- Centro formazione di danza e teatro, SpazioMusica ricerca, associazione culturale Studio del Poggio, Archivi del Sud, associazione Darwin. - SOCIALE: Acli provinciale di Cagliari, Iares, Italia-Inghilterra, Aree, Ifold, Apsara, Centro studi danza, Sezione sarda fondazione Ignazio Silone, Tascusi, Acli Oristano, Associazione Babele, Consorzio Sis. - STORICO: Centro studi sociali Carlo Carretto, Istituto Gramsci, Associazione Imago Mundi, Fondazione Sardinia, Ufficio studi Angioy, Associazione culturale Mediterranea, Centro Studi Guiso, Associazione Happening, Circolo culturale archeologico Aristeo, Convento dei frati minori conventuali Santa Maria in Sassari, associazione culturale Paulis. Approvati dalla giunta regionale, con alcune variazioni, i criteri di selezione per i contributi all editoria libraria. Dopo aver raccolto il parere favorevole della Commissione consiliare, l esecutivo ha dato il via libera definitivo al provvedimento. Raccogliendo le osservazioni dell organismo consiliare, l assessore della Pubblica Istruzione Elisabetta Pilia, ha proposto di estendere la valutazione dei riconoscimenti ottenuti in premi letterari anche alle opere di saggistica. Per l assegnazione dei punteggi - spiega una nota - saranno presi in considerazione soltanto i premi con una consolidata tradizione, di almeno 5 anni, a livello regionale, nazionale e internazionale. Per l applicazione del criterio di selezione relativo alla diffusione delle pubblicazioni, invece, è stato stabilito di assegnare il massimo punteggio di 25 punti a quelle distribuite in oltre 120 librerie e punti vendita, mentre 10 punti saranno assegnati alle pubblicazioni diffuse in 80 punti vendita e 5 a quelle che ne hanno raggiunto 50. Riguardo il criterio che prende in considerazione capacità imprenditoriale e progettualità dell editore, l assessore ha precisato che il rapporto tra copie stampate e acquistate dall assessorato della Pubblica Istruzione è riferito non alla singola opera, ma al totale delle copie stampate e di quelle acquistate nell ultimo triennio. Elisabetta Pilia ha ribadito l importanza e la necessità di poter disporre di strumenti di selezione per l assegnazione dei contributi, indispensabili per garantire il sostegno all editoria di qualità e provvedere alla valutazione dei risultati raggiunti. La definizione dei criteri - ha precisato l assessore - è il primo passo che porterà in tempi brevi alla presentazione da parte della Giunta di un disegno di legge di modifica dell attuale normativa, giudicata inadeguata. Il testo di legge sarà definito, per poter essere applicato fin dal 2006, con la partecipazione di tutti i soggetti che operano nel mondo dell editoria e della cultura sarda.

14 14 SETTEMBRE 2005 Speciale Emigrazione FRANCIA Possibile una collaborazione turistica tra la Sardegna e la regione dello Champagne PAVIA Due sarde si fanno onore con libri per ragazzi Per non dimenticare i militari sardi internati nei lager nazisti Le basi di una futura collaborazione tra la Sardegna e la regione Champagne-Ardenne sono state gettate lunedì 25 luglio nel corso di un importante incontro tra l assessore al turismo Depau e il presidente della importante regione francese Jean Paul Bachy. Il vertice è stato voluto da Fausto Soru presidente del circolo di Sedan e dal presidente della Federazione dei circoli sardi in Francia Francesco Laconi che hanno accompagnato l ospite straniero. Jean Paul Bachy oltre a essere presidente della Champagne- Ardenne è stato deputato europeo e deputato al parlamento francese. Fausto Soru presentando l importante ospite all assessore ha spiegato che Bachy é stato per diversi anni sindaco di Sedan e col tempo la loro relazione si è trasformata in amicizia. Il presidente della regione Champagne-Ardenne a fine luglio ha trascorso alcuni giorni in vacanza a Pula. La regione Champagne-Ardenne ha un territorio di kmq e abitanti. È una regione importante in Francia, ha spiegato il presidente, per esempio è al 5 posto nella produzione tessile, al primo per la produzione dell acciaio, al secondo come regione agro-alimentare grazie alla produzione dello champagne conosciuto in tutto il mondo e al terzo posto nella metallurgia. Oltre il 60% del territorio è consacrato all agricoltura, ettari di vigna con 300 milioni di bottiglie vendute di champagne all anno. La regione vanta ettari di foresta il 26% della Francia e ci lavorano imprese. Le città più conosciute sono Reims con la sua cattedrale iscritta patrimonio mondiale Unesco Troyes con il museo dell arte moderna, e Charleville-Mezieres per il museo dell Ardenne, e Chalons che ospita il consiglio regionale. L incontro con l assessore Depau ci segnala Francesco laconi è da considerarsi positivo. Sono state prese alcune decisioni ed è stato fissato un appuntamento con la direzione dei due aeroporti principali di Sardegna Champagne-Ardenne e in modo da facilitare gli scambi turistici e economici. Si è parlato anche di scambi culturali con le scuole e le università. I rappresentanti della Federazione dei circoli sardi in Francia hanno espresso soddisfazione per aver contribuito a questo primo contatto tra le due regioni. La Fondazione Archivio Nazionale Ricordo e Progresso (ANRP) di Roma, ente morale istituito nel 1949 dall Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall Internamento e dalla Guerra di Liberazione, in occasione del 60 anniversario della liberazione dal nazifascismo, intende ricordare i IMI, Internati Militari Italiani nei lager nazisti. Peraltro, i deportati militari e politici italiani nei campi nazisti dovrebbero essere commemorati, secondo la legge nazionale n. 211 del 20 luglio 2000, che ha istituito nel 27 gennaio di ogni anno la Giornata della Memoria, insieme a coloro che sono stati vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico. L ANRP ha elaborato il progetto Prigionieri senza tutela: con occhi di figli racconti di padri internati per dar vita, in tutte le province in cui è possibile, a un volume commemorativo che presenti due sezioni comuni: a) la cronologia degli avvenimenti dal 1943 al 1945; b) una ricerca condotta, d intesa con la Facoltà di Sociologia dell Università La Sapienza, sui figli degli IMI, attraverso interviste che facciano riaffiorare i ricordi e diano conto delle ripercussioni familiari causate dalla tragedia vissuta dai padri; e una terza sezione differenziata provincia per provincia con l elenco degli IMI aderenti alle locali sezioni dell ANRP. Ovviamente l interesse dell ANRP è rivolto innanzitutto ai superstiti fra i IMI internati nei lager nazisti. Questa terza parte del volume, a mio avviso, potrebbe utilmente essere allargata a comprendere, provincia per provincia (o quantomeno regione per regione), una breve scheda bibliografica relativa alle opere che raccolgono le testimonianze degli IMI. Per la Sardegna mi vengono in mente tre libri. Il primo è il diario di Pietro Tola (nato a Thiesi nel 1905, arruolato nella guardia di finanza, sorpreso in servizio in Francia dall armistizio dell 8 settembre 1943) pubblicato postumo col titolo Il lager nel bosco ( Cagliari, CUEC, 2001), a cura dei figli Salvatore e Giovanni Tola. Il secondo è il racconto del professor Diego Are (nato a Santu Lussurgiu nel 1914, che ha vissuto un esperienza simile e coeva a quella di Pietro Tola ) intitolato Nebbie e girasoli. Nei campi di concentramento tedeschi. Settembre 1943-settembre 1945 (seconda edizione presso Insula di Nuoro, 1998). Il terzo è il diario di Guglielmo Pispisa (nato a Villasimius nel 1906) scoperto e pubblicato, a cura del figlio Benito e con la collaborazione di Anna Maria Ortu, col titolo Memoriale. Aufstehen! Internato 55563, in piedi, dalle edizioni Cocco di Cagliari, nel Mi risulta però che sono in corso di stampa altri volumi che raccontano le traversie degli IMI sardi e che a tali ricerche ha dato un impulso fondamentale l Istituto Sardo per la Storia della Resistenza e dell Autonomia (ISSRA), impegnato in generale a recuperare la memoria storica dei Sardi protagonisti della lotta antifascista. Se le associazioni di ex deportati e gli istituti storici uniscono i loro sforzi non sarà difficile raggiungere il meritorio risultato di costituire anche per la nostra regione un elenco esaustivo degli IMI, anch essi appartenenti al novero di coloro che un insigne storico tedesco ha definito uomini traditi, disprezzati e dimenticati e che, come si esprime l ANRP, sono stati anche beffati da una recente serie di azioni condotte dalla Germania, nell indifferenza dell Italia. (P.P.) È sempre un piacere occuparsi dei meriti dei propri compaesani e, ancor di più, se si tratta di propri omonimi. Ho a lungo sperato di poter vantare qualche impresa nazionale del dotato ciclista di Ploaghe Ivan Pulina, mio compaesano e anche mio omonimo, ma non parente. Ma, in ogni caso, è stato proprio un mio saggio sui ciclisti pavesi tra storia e letteratura, pubblicato in occasione dell arrivo di tappa a Stradella del Giro d Italia 1994, a richiamare l attenzione dello scrittore Benito Mazzi, che vive e lavora a Santa Maria Maggiore, in provincia di Novara, ma che è anche abituato a trascorrere qualche week end in Oltrepò pavese. Fu così che ricevetti copia di un periodico da lui diretto, in cui veniva citato qualche passo del mio saggio, e una lettera di accompagnamento con cui mi informava che era stato attirato dal mio scritto perché colpito dal mio cognome, lo stesso della moglie, anche lei di origine sarda. L insegnante di disegno Marcella Pulina, originaria di Alghero, è anche una brava illustratrice di libri per ragazzi: naturalmente ha collaborato con la sua arte di disegnatrice a diverse pubblicazioni del marito. Il quale ha raccontato, in gustose pagine del suo volume di ricordi La formica rossa (Priuli & Verlucca, 2003), come ebbe a conoscerla e come si rivolse a lui il suocero, un vero sardo all antica, alla cerimonia del matrimonio: «Ti consegno mia figlia, mi aveva detto in chiesa il padre di Marcella, un sardo pulito e schietto come il mare della sua Alghero. A lei ora dovrai pensare tu. Trattamela bene. Siate felici. E mi aveva stretto forte la mano». Poco tempo fa mi è arrivato un libro per ragazzi intitolato Petulia Tempesta e le lunghe estati che non tornano più (primo volume della collana I papassini di Angelica editore di Tissi, in provincia di Sassari; telef. 079/ ; illustrazioni e immagine di copertina di Rosalba Suelzu; progetto grafico di Massimo Caria). È stata una piacevole sorpresa scoprire che anche l autrice è sarda e che è la mia omonima Annamaria Pulina, nata nel 1963 a Roma ma di padre ploaghese (ingegnere laureato e sposato a Roma, ma stabilitosi poco tempo dopo a Sassari), peraltro anche mio cugino primo. Scrive Annamaria, laureata in lingue straniere, che oggi vive e lavora a Pisa dopo molti anni passati in Sardegna: Questo mio primo libro nasce dalle storie che ho sempre inventato per le mie figlie (attualmente di 13 e 7 anni), che sono state le mie prime fan e sostenitrici. La protagonista Petulia, fra un pentolone di cioccolata e una piramide di frittelle, racconta le sue avvincenti storie ad un gruppo di coraggiosi bambini (Anastasia, Alacrimonio, Nannarello) entrati di soppiatto nella sua abitazione, la misteriosa Villa Ventosa, spuntata un bel giorno dal nulla. Quella prima notte d estate dura quanto tutta la stagione: ecco la ragione del titolo. Qui finisce il mio compito, che era solo quello di informare sulle imprese artistiche e letterarie delle signore sarde Marcella e Annamaria Pulina. Le quali, chissà, potrebbero prendere spunto da questa segnalazione per conoscersi tra di loro e magari per progettare e creare un libro per ragazzi in cui mettere a frutto insieme le loro capacità di essere autrici una di testi, l altra di disegni. Per intanto, per non essere accusato di parzialità parentale, ho affidato il compito di valutare il libro di Annamaria a due bibliotecarie pavesi (Lorenza Borghi ed Elisabetta Cremonesi), esperte di letteratura per ragazzi. Ecco la loro scheda critica: Le storie contenute nel libro hanno un originale impianto narrativo. Ciascun racconto non è fine a se stesso, ma in modo delicato sottende una morale. La lettura è scorrevole, alterna un senso di mistero a toni rassicuranti in un ambiente un po da sogno. Il testo coinvolge grandi e piccini perché offre una lettura a più livelli. I personaggi sono presentati con umorismo, ben caratterizzati già a partire dai loro nomi. Petulia Tempesta incuriosisce per come si presenta e per come vive: di fatto è un personaggio rassicurante e positivo che fa sognare i bambini con le sue storie. L autrice ha saputo ricreare l ambientazione tipica del racconto orale intorno al focolare, dove il tempo sembra arrestarsi. Da sottolineare perché questo fatto non è secondario l accuratezza della realizzazione editoriale. Paolo Pulina

15 Pubblichiamo il documento della Federazione delle Associazioni di Tutela (FAES) sull'elezione dell'ufficio di Presidenza della Consulta. Abbiamo volutamente atteso prima di intervenire per commentare il documento della FASI. Questo lasso di tempo trascorso è stato salutare e ci ha permesso di fare una riflessione più profonda sullo stato delle cose, ma soprattutto ha evitato una spontanea immediata reazione che probabilmente avrebbe soltanto segnato una evidente frattura con alcuni esponenti della Federazione italiana. Dal documento in questione si evince uno stato di malessere generale che attraversa la Federazione italiana, soprattutto quando dalla stessa o dai suoi rappresentanti viene ritenuto che vi sia stato uno sgarbo nei loro confronti se non addirittura un complotto. Ci riferiamo a quanto successo in sede di Consulta e, nel particolare, ai risultati delle votazioni per l elezione dell Ufficio di Presidenza della stessa. Vogliamo sottolineare che sarebbe opportuno che tutti fossero informati sul lavoro svolto dagli altri, in modo che chi intende intervenire sulle questioni possa parlare con una adeguata conoscenza dei fatti e non intervenire a sproposito. Le Associazioni di Tutela da sempre portano avanti unitariamente al loro interno un ampio e costante dibattito sui meccanismi Speciale Emigrazione Documento della FAES sull elezione dell Ufficio di presidenza della Consulta Dare giuste risposte ai problemi dei sardi nel mondo di crescita del sistema emigrazione ed in tutti gli ambiti ufficiali hanno sempre assunto un rigoroso atteggiamento costruttivo sui problemi che di volta in volta si pongono all attenzione nostra e dell opinione pubblica, cercando sempre di contribuire a quel processo di crescita a cui tutti da tempo fanno riferimento. Il tutto è avvalorato anche da attente analisi che sono in corso per una verifica delle esperienze fin qui fatte e delle nuove dinamiche riguardanti il futuro. Non è mai mancato in noi la consapevolezza che vi sia una necessità di rinnovamento e adeguamento dei sistemi di tutela dell emigrazione sarda nel Mondo. Ma non è mancata anche la consapevolezza delle nostre capacità di poter intervenire per favorire un corretto raggiungimento di comuni obiettivi. Proprio con questa consapevolezza che in più occasioni siamo intervenuti per sollecitare a tutti una autentica collaborazione, a salvaguardia dell enorme patrimonio che tutta l organizzazione dell emigrazione sarda diffusa nel mondo, nessuno escluso, piccole e grandi organizzazioni, hanno saputo creare per mantenere fede ad un impegno morale e culturale di essere sardi all Estero. Ciascuno ha svolto il proprio ruolo, e nessuno è mai mancato ai propri doveri nei confronti di chicchessia o di qualsivoglia situazione. Sulle elezioni dell Ufficio di Presidenza della Consulta, le Associazioni di Tutela in tempi non sospetti ed in modo aperto e franco, hanno sempre dichiarato l intento di votare uniti per un loro rappresentante nella persona del Presidente della Federazione sia per la carica di vicepresidente e in subordine per la carica di semplice membro dell Ufficio di Presidenza. Questo è stato deciso e questo è stato fatto, salvo l aver constatato la personale defezione del consultore Eligio Simula. Le votazioni hanno favorito la nomina del Presidente della federazione delle Associazioni di Tutela quale vice presidente vicario della Consulta, con nove voti sui cinque che le Associazioni avevano disponibili. Vi era la possibilità di determinare ben altre maggioranze, con ben altri risultati rispetto a quelli verificatisi e di cui tutti siete a conoscenza. Purtroppo, non sempre i giochi che alcuni in queste occasioni mettono in atto vanno a buon fine. Vogliamo sorvolare sui metodi attuati per ottenere a tutti i costi quel consenso che poi nei fatti dimostrano di non avere. Vogliamo dimenticare le meschinità che vengono messe in gioco per sottrarsi all esito di una democratica espressione di voto. Vogliamo ignorare gli insulti che sono stati rivolti nei confronti di alcuni e solo ed esclusivamente per difendere un diritto che qualcuno pensa di aver acquisito come dato permanente. Il sale della democrazia sta nelle scelte liberamente espresse nelle sedi istituzionalmente riconosciute: il resto è misera cosa che lascia indifferenti chiunque abbia un minimo di intelligenza. SETTEMBRE Necessita precisare che l elezione di Eligio Simbula quale membro dell Ufficio di Presidenza, che ha fatto scattare la seconda rappresentanza delle Associazioni di Tutela, è avvenuta senza i voti delle Associazioni stesse, ma con l esclusivo sostegno ed in modo palese (per alzata di mano) di dieci rappresentanti dell emigrazione, compresi quelli di Tonino Mulas, Presidente della F.A.S.I, e dell altro rappresentante della federazione italiana, favorendo così l elezione di Simbula a discapito del rappresentante dell Australia, Schirru. La decisione dell avvocato Eligio Simbula, di lasciare l incarico di Presidente del CRAIES risolve il problema: il rappresentante dell Australia, come primo dei non eletti e con lo stesso numero di voti ricevuti da Simbula, potrà far parte dell Ufficio di Presidenza della Consulta. Fin qui il passato, il futuro ci riserva un ulteriore momento di riflessione e collaborazione: trovare la giusta soluzione ai problemi. Ci attende un importante lavoro: predisporre tutto quanto serve per l approvazione di un buon piano triennale ed annuale. Le commissioni costituitesi in sede di Consulta devono assolutamente dare riscontro a tutte le questioni secondo i loro compiti istituzionali. Recuperare e trovare così una presenza attiva tra Assessore, uffici e l associazionismo nelle sue diverse espressioni culturali e organizzative. La rappresentante della Spagna: è stata una elezione democratica La mancata elezione di un esponente della Fasi non è un fatto preoccupante Rivedere ruoli e funzioni dei diversi organismi La riflessione di un ex consultore Il rappresentante degli emigrati sardi in Spagna in seno alla Consulta regionale dell emigrazione, Lucia Cumpostu, ha reso nota la lettera inviata al presidente della FASI, Tonino Mulas, in risposta al documento approvato dall Esecutivo FASI il 18 giugno scorso dopo la riunione della Consulta. Seppure con notevole ritardo ha scritto Cumpostu - ho ricevuto il documento in oggetto al quale, in qualità di Rappresentante presso la Consulta Regionale dell Emigrazione per la Penisola Iberica, sento di dover rispondere avendo personalmente assistito alla riunione del 10 giugno ed essendo dunque parte in causa nell elezione del nuovo ufficio di Presidenza della Consulta. Il fatto che non sia stato eletto un rappresentante dei 68 circoli sardi presenti in Italia prosegue la lettera - non costituisce di per sé un elemento di preoccupazione. A mio avviso, è nient altro che il risultato di un elezione democratica dove a tutti è stata data la possibilità di manifestare la propria preferenza e di indicare la persona ritenuta più qualificata per ricoprire la carica di vice presidente. Il fatto di riportare dati numerici riguardanti i circoli e le federazioni sarde presenti in un determinato territorio secondo Lucia Cumpostu - non può costituire presupposto su cui fondare la credibilità di un rappresentante piuttosto che di un altro. La questione importante è che quel qualcuno è chiamato a svolgere un ruolo nel settore dell emigrazione sarda a livello mondiale. Qualsiasi emigrato o esponente delle Associazioni di Tutela può validamente rappresentare le esigenze del mondo dell emigrazione adempiendo correttamente ai compiti che tale funzione comporta. Il lavoro della FASI è stato ed è tuttora proficuo per i Sardi residenti in territorio nazionale e per la Sardegna stessa. Ma l elezione di un rappresentante nel nuovo ufficio di presidenza della Consulta esula dalle considerazioni sulle iniziative più genuinamente culturali e sociali realizzate. Mi colpisce che il presidente Mulas parli di un network di relazioni di Sardi nel Mondo e che i rappresentanti eletti non siano ritenuti in grado di costruirlo nel rispetto di ogni circolo, federazione o finanche gruppo spontaneo di sardi nel mondo! È fondamentale sottolinea Lucia Cumpostu - stabilire all interno della Consulta una relazione di fiducia reciproca e superare le diffidenze. Devo, d altro canto, prendere atto delle considerazioni del presidente Mulas riguardo alle Associazioni di Tutela, definite dall art.8 della LR n.7 e le cui responsabilità sono meglio specificate nel comma 1, art. 9 della predetta legge: contribuire a promuovere la crescita umana, culturale e professionale dei lavoratori sardi emigrati e dei loro familiari. Dal momento che le Associazioni di Tutela hanno canalizzato i loro interventi in favore di aree con maggiori difficoltà economiche (e cito solamente Argentina e Brasile), in cui figli di prima, seconda e anche terza generazione di Sardi versavano e spesso versano ancora in difficili condizioni di vita, dissento in modo profondo dalle opinioni del presidente Mulas riguardo alla validità di tali Associazioni nel momento attuale dell emigrazione sarda nel Mondo. Ci sono aspetti di vita che bisogna guardare con i propri occhi per crederci! Quando proposi la mia candidatura per la commissione dei Garanti per l Informazione (per la cui nomina ringrazio ancora una volta coloro che con il loro voto mi hanno supportato) dimenticai di dire che nei miei innumerevoli viaggi ho avuto modo di conoscere tanti nostri connazionali agognare un ritorno in patria, esseri sperduti nella distanza fra altri continenti e l Italia. I Sardi, ovunque nel mondo conclude la lettera - sono riusciti a custodire l ancestrale senso della solidarietà e a plasmarlo nei circoli e le federazioni, delegando i rappresentanti alla Consulta a mantenere vivo e profondo il vincolo con la nostra Isola. Ecco perché anche chi non ritorna continua a sentirsi sardo. È questo ciò che importa, è questo ciò che la Consulta è chiamata a fare: rappresentare ogni sardo e averne cura, possedere la sensibilità di andare oltre ogni frontiera, la coscienza di portare avanti il bene individuale e quello della nostra intera collettività nel Mondo. Il richiamo all unità che l estensione dell articolo apparso sul numero 7 del Messaggero di luglio 2005 rivolge ai componenti della Consulta Regionale dell Emigrazione penso sia saggio e opportuno, ma insufficiente per ridare slancio a una seria e convincente politica verso e con i sardi non residenti. Credo che si è giunti ad un bivio importante con molto ritardo, ma meglio tardi che mai, dove bisogna riflettere con impegno e responsabilità, per superare e recuperare un rapporto ampio e positivo con le nostre collettività emigrate, rapporto che ha subito un eccessivo e progressivo sgretolamento in questi ultimi anni. Il lamentarsi del funzionamento della Consulta, della mancanza dei giovani o dell impegno delle donne, come di una certa scarsa partecipazione più o meno generalizzata con poche eccezioni nei Circoli e nelle Associazioni evidenziano problemi con cause molto più gravi non affrontati in tempi utili. La crisi evidenziata in Consulta in questo periodo è conseguente di quanto non si è fatto o non si è voluto fare dal 1991 a oggi e soprattutto nell ultimo decennio. Bisogna ripensare la Legge, bisogna rivedere i ruoli e le funzioni dei diversi organismi che rappresentano o pretendono rappresentare i Sardi non residenti. L inflazione del numero delle cosiddette Associazioni di Tutela, anche se è vero che alcune di loro hanno avuto ruoli e funzioni necessari e determinanti in passato ma il tempo che passa ha cambiato la situazione, suscita perplessità, ed oggi diventa doveroso porsi le domande Le Associazioni a cosa servono? Qual è la loro utilità? È necessario che siano così numerose? Le associazioni e le federazioni non hanno saputo o potuto rinnovarsi e adeguarsi ai tempi, questo è loro diritto e fa parte della loro autonomia e libertà di scelta. Quello che invece non è accettabile è che questi limiti già da troppo tempo influiscano negativamente sull operato della Consulta emigrazione e di conseguenza anche sulla globalità della politica verso e con i Sardi non residenti. Da un esame sereno dell andamento generale in questi ultimi anni sull efficienza dei vari strumenti e Istituzioni legati all emigrazione sono evidenti e agli occhi di tutti i limiti dell operato della Consulta, delle Associazioni, delle diverse Federazioni dei Circoli: si salvano per fortuna numerosi Circoli con la lodevole eccezione di numerosi circolo per l operosità dei soci, malgrado l aggravarsi delle difficoltà e del Messaggero Sardo rimasto l unico legame con la Sardegna per la maggior parte dei corregionali. Bisognerà dunque riequilibrare le funzioni e i ruoli delle diverse organizzazioni, rafforzando e consolidando soprattutto i Circoli che funzionano Le mie riflessioni su alcuni strumenti od organismi dell emigrazione non possono essere e non sono condanne di esclusione: sono forse riflessioni ingenue e provocatorie che forse potranno contribuire o stimolare altri ad affrontare un serio confronto in materia. Mario Pusceddu ex Presidente Federazione Circoli Belgio

16 16 SETTEMBRE 2005 Èdiventato un appuntamento davvero importante quello che il CRAIES organizza con puntualità annualmente alla fine dell estate per discutere sui problemi dell emigrazione in generale e di quella sarda in particolare. La Giornata Regionale delle Migrazioni è diventato infatti un momento di analisi e di riflessione, con uno sguardo al passato ma proiettato al futuro. Perché il problema della mobilità umana caratterizzerà sempre di più il futuro del mondo in una rinnovata fusione di popoli, sia che si emigri ancora per necessità in cerca di un lavoro e per un pezzo di pane (come sta avvenendo dai continenti poveri dell Africa e dell Asia verso l Europa, o da quelli dell America latina verso gli Stati Uniti) sia che si lasci il proprio Paese per motivi economici, di carriera o di ricerca scientifica o quant altro. La realtà quotidiana ci offre questo spaccato contraddittorio. La IX Giornata Regionale delle Migrazioni quest anno era stata programmata per il 6 agosto a Pula come ha spiegato il Presidente regionale, l avvocato Eligio Simbula quando maggiore è la presenza nell Isola dei nostri emigrati che tornano con le loro famiglie per le vacanze estive, ma purtroppo è slittato a fine mese per motivi logistici. La scelta è allora ricaduta su Guasila, che peraltro aveva già ospitato la manifestazione 4 anni fa, una Guasila in festa per la celebrazione del Carnevale estivo, che ha colto l occasione con grande piacere, e che ha dato il sostegno della Pro Loco e del Comune - come ha detto il sindaco, Giorgio Melas, portando il saluto della comunità alla folta rappresentanza di emigrati e autorità presenti - per rinsaldare i legami con il mondo dell emigrazione. Un legame forte, perché il grosso centro della Trexenta l emigrazione l ha sofferta in particolare a partire dai primi anni del 900. E lo stesso sindaco ha fatto una breve cronistoria di questo triste fenomeno. Dopo le carestie di quei primi anni del secolo i guasilesi hanno cominciato a lasciare la Sardegna nel 1912, andando a cercare fortuna chi nel napoletano, chi in Liguria e chi oltralpe in Francia. Una seconda ondata di emigrazione ci fu nel 1924 e questa volta verso Paesi ancora più lontani, come l Argentina, da dove molti non sono più tornati. Ma la emigrazione più consistente è stata quella degli anni 50 e 60, quanto intere famiglie, centinaia di famiglie ha ricordato il sindaco Melas lasciarono Guasila per andare a cercare lavoro in Piemonte e in Lombardia, o all Estero in Germania e in Olanda. E oggi ha concluso con una punta di amarezza purtroppo lasciano il paese i giovani migliori, diplomati e laureati che non riescono a trovare un occupazione nel nostro territorio. È questo che ci preoccupa e deve farci riflettere tutti. Dalla valigia di cartone alla valigetta 24 ore L Emigrazione che cambia, dalla valigia di cartone legata a spago alla valigetta 24 ore, è sicuramente motivo di preoccupazione, ed è un problema reale che va affrontato con la dovuta attenzione per evitare che, come in passato abbiamo perso le braccia che hanno fatto crescere e arricchire altri popoli, altri paesi, oggi non si lascino andare via dall Isola i cervelli in grado di programmare e gestire lo sviluppo di una Regione che ha grandi potenzialità, ma che non ha avuto evidentemente una classe dirigente all altezza di saper costruire un futuro per la sua gente. Speciale Emigrazione A Guasila in festa la IX giornata regionale delle migrazioni dall'inviato Antonello De Candia L'appuntamento annuale con gli emigrati sardi organizzato dal C.r.a.i.e.s. - Al centro del dibattito il problema della mobilità umana che caratterizzerà il futuro del mondo - Nella relazione del prof. Lussorio Monne ricordate le sofferenze e i sacrifici di chi nel secolo scorso ha lasciato l'isola per cercare lavoro - La messa celebrata dall'arcivescovo di Cagliari mons. Mani Probabilmente se ci fossimo accontentati di mangiare pane e cipolle anziché esportare braccia ha detto nel suo intervento Giovanni Marras oggi avremmo una Sardegna migliore e più ricca. Il dramma dell emigrazione italiana ( e anche sarda), a partire dalla fine dell 800, segnata da sofferenze indicibili e da lutti, è stato messo a fuoco in una circostanziata relazione, ricca di episodi e di dati, dal prof. Lussorio Monne, dirigente regionale del Craies e responsabile per la Provincia di Nuoro. È stata la tragedia di un popolo che l ha ignorata e presto rimossa. In quegli anni sono partiti dall Italia milioni di emigrati, trattati come merce, come bestie, da trafficanti di uomini, senza scrupoli, nell indifferenza dello Stato, senza assistenza alcuna. Sono morti a migliaia per andare a guadagnarsi un tozzo di pane, e come è nella logica dei fatti, a subire di più sono stati i più deboli, donne e bambini. Una strage!. Anche molti sardi hanno lasciato l Isola nei primi del 900, ma la nostra emigrazione è stata più contenuta, non perché le condizioni di vita dei contadini e dei pastori fossero diverse da altre regioni, ma semplicemente perché i sardi,per istinto naturale, essendo isolani e isolati anche culturalmente, tendevano a rimanere nella loro terra. I dati forniti dal prof. Monne sono significativi e a sentirli si accappona la pelle : nel 1901 emigrarono 17 mila persone; tra il 1905 e il 1909 furono oltre 33 mila a lasciare la Sardegna; oltre 40 mila ne emigrarono tra il 1910 e il 1914 ( in quello stesso periodo emigrarono dall Italia per l Estero 8 milioni e mezzo di italiani, su una popolazione di 35 milioni! ). I grandi flussi di emigrazione dalla Sardegna risalgono comunque agli anni 50 : tra il 51 e il 60 emigrarono circa 80 mila persone (il 6,1% della popolazione); tra il 1961 e il 70 furono circa 142 mila ( pari al 9,4% della popolazione) e tra il 1971 e il 1980 emigrarono in 245 mila (pari al 16% della popolazione residente). In altre parole, interi paesi che si spopolano, famiglie disgregate, disagi e sacrifici enormi per chi si trova a vivere in paesi spesso inospitali, a dormire nelle baracche, sotto la neve, in condizioni di vita disumane. A partire dagli anni 80 l emigrazione sarda si è stabilizzata e molti sono stati i rientri. Dati precisi su quanti sardi (e loro discendenti) siano oggi sparsi nel mondo non se ne hanno. Solo in Europa si calcola che ci siano oltre 250 mila sardi che con la loro esperienza, la loro integrazione, professionalità e dignità acquisita negli anni ha detto il prof. Monne sono oggi un elemento preziosissimo e insostituibile per realizzare una Europa dei popoli, così come all inizio, con le loro braccia hanno costruito l Europa economica. E intanto anche la Sardegna (come l Italia e l Europa), è diventata terra di immigrazione, con tutte le implicanze che comporta. Secondo dati della Caritas Migrantes elaborati fino al 2003, in Sardegna ci sarebbero 15 mila soggiornanti regolari. Ma è un dato in costante crescita. Questa presenza ha concluso il prof. Monne - costituisce un sfida straordinaria in termini culturali e di convivenza civile, ed anche sotto il profilo istituzionale con l elaborazione di adeguate politiche regionali di accoglienza non ancora pensate e dibattute e tanto meno condivise. Prima del dibattito il Presidente Eligio Simbula ha rivolto un affettuoso saluto alla signora Maria Falchi, giunta da Parigi, vedova del compianto Giovanni Massidda, di cui ha ricordato l opera svolta per il mondo dell emigrazione sarda a Parigi e in Francia e non solo un padre ha detto l avvocato Simbula uno che aveva sempre una parola di conforto e di consolazione per tutti. Il Presidente del CRAIES ha ringraziato tutti gli emigrati presenti e i rappresentanti delle varie Associazioni (Pino Dessì, delle Acli; Pietro Deiana e Sergio Cocco, del Craies; Giovanni Marras della FAES; il presidente regionale delle Acli Walter Piscedda; e l ex assessore del Lavoro Luigi Cogodi) e quindi ha letto i messaggi inviati dai Presidenti della Federazione Svizzera (Domenico Scala), di quella Francese( Francesco Laconi), Olandese ( Mario Agus), dall Australia ( Ausilia Anna Palmas) e dai sardi del Queensland, sempre in Australia, e da Mons Piero Monni, fondatore del Craies e di altri. È intervenuto quindi don Antonio Desogus, missionario da 40 anni in Germania,a Friburgo che ha concelebrato la santa Messa nella bellissima chiesa del santuario della Beata Vergine Assunta di Guasila, assieme all arcivescovo di Cagliari, mons. Giuseppe Mani e al parroco di Guasila, don Roberto Atzori. Il missionario cagliaritano ha ringraziato il CRAIES per l opera svolta in tutti questi anni per aiutare gli emigrati e le loro famiglie in difficoltà e per il sostegno dato alle Missioni. Ricordando i primi difficili periodi, don Desogus non ha avuto difficoltà a dire di aver dormito per terra per diversi mesi, e dopo aver denunciato l intolleranza verso le Missioni ( quattro chiese sono state chiuse ) ha invitato tutti a lottare perché vengano rispettati i diritti umani fondamentali. Giovanni Puddu, ex emigrato in Germania, 30 anni a Colonia, dove ha ricoperto importanti incarichi nel Circolo e in Lega, si è chiesto perché si continua a parlare di emigrazione e si è dato una risposta cruda: l emigrazione c è perché non c è pane, nei secoli è sempre stato così. E oggi, quei pochi che sono tornati, che hanno fatto studiare e laureare i figli, li vedono ripartire perché non c è lavoro. Prima i padri incolti, oggi i figli laureati. Perché non siamo in grado di cambiare questo stato di cose, capisco che è difficile, ma facciamo qualcosa ha esortato -: signori politici trovate strumenti, trovate soluzioni!. Ricco di spunti polemici e di proposte l intervento di Luigi Cogodi, ex assessore del Lavoro, profondo conoscitore del mondo dell emigrazione. Oggi non si vuole parlare di emigrazione in Italia esordisce - rimuovono il concetto e parlano di Italiani nel mondo, Sardi nel Mondo ; ma un professionista o un diplomatico non sono emigrati dice Cogodi emigrato è quello che è andato in cerca di un pezzo di pane, che sarebbe voluto tornare e non lo ha potuto fare. Il fenomeno oggi è lo stesso di sempre, quelli che vengono dall Africa, dai paesi lontani vengono per un pezzo di pane. Bisogna accoglierli con umanità, non con timbri e fogli di carta, i centri di accoglienza sono prigioni. Perché credete che vengano, perché sono felici? Quello che noi avvertiamo sulla nostra pelle è uguale a quello di ogni altro popolo. Gli immigrati meritano la nostra comprensione, dobbiamo loro dignità e rispetto. Cogodi ha quindi sottolineato come la Sardegna sia la regione a più alto tasso di solidarietà sul volontariato ( siamo tra i primi per adozioni a distanza ) ed ha annunciato l inaugurazione di un centro sui diritti umani che nasce da diverse associazioni e che sorgerà a Tresnuraghes e sarà intestato ai due desaparecidos Martino Mastinu e Mario Bonarino Marras. Il presidente onorario sarà il premio Nobel, Adolfo Peres Esquivel. Va bene la solidarietà verso gli immigrati, ma ci devono essere regole da rispettare, altrimenti è anarchia ha controbattuto Luigi Murgia, emigrato in Germania Noi abbiamo dormito in baracche, al freddo e al gelo, siamo stati nei centri di smistamento e in Germania ci hanno controllato, oggi pretendono subito di avere la casa, pretendono il voto; io ho votato in Germania dopo38 anni. Anche i nostri giovani che emigrano oggi hanno bisogno dell aiuto di familiari e parenti. In Germania ci sono 5 milioni di disoccupati e tra questi anche molti sardi e la Caritas, le Acli, i Circoli stanno cercando di aiutare i bisognosi. Il neo Presidente regionale delle ACLI, Walter Piscedda, che l emigrazione l ha conosciuta essendo figlio di emigrati in Svizzera ( per fortuna sono nato in Sardegna, perché sono nato in Agosto durante le ferie) ha assicurato l impegno delle Acli e ha dato la sua disponibilità per iniziative concrete Prendo atto con rammarico, però, che a questo importante appuntamento non c è nessuno della Regione, la casa madre, ma vedo anche pochi sindaci e questo non è un segnale positivo. Per dovere di cronaca va detto che nessun esponente politico della Regione ha partecipato ai lavori. La giornata si è poi conclusa con canti e balli in Piazza e con la sfilata in maschera del Carnevale estivo di Guasila che ha richiamato numerosi turisti da tutto il circondario.

17 Speciale Emigrazione SETTEMBRE Il vescovo di Nuoro in America Latina tra missionari e emigrati di Paolo Sanna Mons. Pietro Meloni ha visitato i missionari del Brasile e dell'argentina e si è incontrato con le comunità sarde che gli hanno riservato una calorosa accoglienza Da sempre fede e cultura costituiscono parte piuttosto importante del libro della storia. Dando vita puntualmente, in modo particolare quando s incontrano, ad uno straordinario mix che va a tutto vantaggio dell uomo e della sua armonica crescita umana e spirituale. E Monsignor Pietro Melani, col suo passato di autorevole docente universitario e coi suo presente di apprezzato Vescovo della diocesi di Nuoro, ne è stato fin qui uno degli interpreti più esemplari: da laico, da sacerdote, da Pastore della Chiesa di Ampurias e Tempio, prima, e di quella nuorese, poi. Ben lo sanno tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerlo, compresi i nostri emigrati e i missionari sardi (e non) dell America Latina. Perché anche in terra di missione Monsignor Melani non porta soltanto il conforto della fede e la concreta solidarietà cristiana, ma anche la forza dirompente della conoscenza e della cultura. È stato così due anni fa in occasione del suo primo faticosissinio viaggio missionario all Estero come Vescovo, che lo vide macinare decine di migliaia di chilometri attraverso Argentina, Uruguay e Cile fino ai confini con Bolivia e Paraguay. E stato così anche tra il luglio e l agosto di quest anno, visitando Brasile, Bolivia, Argentina, Uruguay e totalizzando ancora più chilometri (circa cinquantamila) percorsi ancora una volta con ogni possibile mezzo di trasporto, su strade frequentemente tali soltanto di nome e affidandosi spesso alla buona sorte o Provvidenza che dir si voglia. Piuttosto lungo l elenco delle città, dei paesi e dei villaggi visitati da Mons. Meloni nei tormentati Paesi latinoarnericani; unanime il gradimento per la sua presenza: lo hanno manifestato a chiare lettere, sopratutto nei luoghi più sperduti e disagiati, tanto i laici e i religiosi nuoresi e sardi in genere (ma anche di altre parti d italia e del mondo) operanti in terra di missione, quanto le popolazioni e le autorità indigene che non hanno certo fatto mancare al Vescovo di Nuoro e ai suoi accompagnatori (fra cui il direttore dell Ufficio missionario diocesano, don Ruggero Bettarellì) attestati di simpatia e di riconoscenza. Con un ricorrente, sincero e accorato arrivederci presto. Particolarmente intensi e calorosi, pur nella loro estrema brevità, gli incontri di Monsignor Meloni con i nostri emigrati e con quelli di altre regioni italiane (primi fra tutti i calabresi) guidati in Brasile da Natalino Demontis e in Argentina da Cosimo Tavera, Iris Madau, Cesare Meridda, Palma Papa e Paolo Pira. A San Isidro, splendida cittadina a una cinquantina di chilometri da Buenos Aires, e nella sempre affascinante (ma anche problematica) Rio de Janeiro si è parlato di Sardegna, di emigrazione, di attualità, di cultura (e di poesia in particolare), di problemi spirituali e sociali, del grande impegno profuso in America Latina dai missionari sardi. Senza rinunciare alla Santa Messa e senza neppure farsi mancare festosi momenti conviviali. Con grande, sentita partecipazione di tutti, compresi gli ospitali rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni culturali locali. Lo scambio di doni, poi, ha reso ancora più evidenti e palpabili la grande simpatia cd il riconoscente affetto con cui emigrati ed indigeni hanno salutato il passaggio in America Latina del Vescovo di Nuoro e dei suoi accompagnatori, il cui ritorno è stato auspicato da più parti e non è escluso che possa esserci. Anche perché, stando tra i nostri conterranei e le genti che li ospitano, si matura facilmente prima l indescrivibile sensazione, e poi la ferma convinzione che, per quanto si faccia (e nell occasione la Chiesa nuorese ed il suo Pastore missionario itinerante hanno fatto davvero tanto), è sempre molto di più quel che si ha modo di ricevere di ciò che pur generosamente si riesce a dare. Per chi l ha vissuta e l ha assaporata fino in fondo (magari più volte) decisamente un esperienza che segna e, in quanto tale, assolutamente impossibile da dimenticare. Provare per credere. A Rio de Janeiro e a San Isidro conferenza di mons. Meloni sulla poesia di Paolo Sanna rie di premi nazionali ed internazionali, il più recente dei quali il prestigioso Sulmona alla carriera. Dalla Sardegna all Universo: viaggio nella poesia di Paolo Sanna : questo il tema trattato da Mon signor Meloni, con tutta la competenza che gli deriva, oltreché dalla conoscenza diretta del percorso giornalistico e letterario di Sanna, dall essere stato autorevole docente e studioso di chiara fama presso la Facoltà di Lettere e Filosofia delle Università di Cagliari e Sassari. Piuttosto dettagliata quanto estremamente positiva l analisi del Vescovo di Nuoro sul fare poesia e sulle caratteristiche della scrittura poetica dell autore sassarese, con un ampio corredo di letture di versi scelti che hanno ben supportato e reso oltremodo convincenti i giudizi critici espressi dal Presule. «Paolo Sanna è decisamente Dunque, c è stato spazio anche per la cultura negli incontri che il Vescovo di Nuoro, Monsignor Pietro Meloni, ha avuto con gli emigrati sardi e con quelli di altre regioni italiane che lavorano e vivono in America Latina. Soprattutto a San Isidro, in Argentina, e a Rio de Janeiro, in Brasile, il Presule si è intrattenuto, con tanto di partecipato dibattito finale, sulla Poesia e sull arte del poetare, con particolare riferimento a quella del noto giornalista e scrittore sassarese Paolo Sanna, già caposervizio e inviato speciale della RAI- TV ed ora, oltreché docente di Scrittura giornalistica all Università di Sassari (corso di Laurea in Teoria e Tecniche dell informazione), apprezzato autore dì saggi, racconti, sillogi poetiche e testi teatrali che gli lianno procurato lusinghieri consensi e una lunga sepoeta nato - ha affermato tra l altro Monsignor Meloni - e i suoi versi tanto rapidi, chiari ed incisivi quanto straordinariamente profondi ed espressivi rappresentano senza dubbio alcuno quanto di più universale la poesia vera porti con sé. Soprattutto se, come nel caso di Sanna, la si accompagna con una non comune capacità di comunicare». Citai a tale proposito (e distribuiti ai presenti) libri quali Palpiti, Canti e incanti, Fogghi e inni (quest ultimo in vernacolo sassarese), pubblicati con successo da Paolo Sanna insieme a Cesare Pavese: da Brancaleone al canto del cigno, L altro Pavese, Sud: il segno e il viaggio, Duetti: cantu e contra, Fermenti (volume antologico) e, a cura di, Arcipelago Tedesco, Quell uomo di Lèccari, Un angelo chiamato Kiri, Per strade e sentieri.

18 18 SETTEMBRE 2005 Nel corso dell Open day delle biblioteche lombarde, si è tenuta, nella Biblioteca Civica Ricottiana di Voghera, la presentazione del libro Per una guida letteraria della provincia di Pavia, scritto da Paolo Pulina, giornalista pubblicista sardo-pavese, funzionario dell Assessorato alla Cultura della Provincia di Pavia, vicepresidente del Circolo culturale sardo Logudoro di Pavia e responsabile Informazione della Federazione delle Associazioni Sarde in Italia (FASI). Il libro, che reca una premessa di Angelo Stella, ordinario di Storia della lingua italiana nell Università degli Studi di Pavia, è stato pubblicato in elegante veste editoriale da Guardamagna di Varzi. Durante l incontro, patrocinato dal Sistema bibliotecario integrato dell Oltrepò Pavese e dal Comune di Voghera, sono intervenuti Paolo Paoletti, direttore della Biblioteca Ricottiana di Voghera, il prof. Stella e Pulina. Tracce lasciate dai grandi stranieri e italiani nella guida letteraria della provincia di Pavia La pubblicazione, realizzata con rigore storico ed efficace sintesi di vicende e personaggi, sviluppa il percorso attraverso i turisti del pensiero e i passaggi intellettuali che hanno significativamente contribuito alla vitalità e importanza complessiva di Pavia e della sua provincia. VOGHERA Cultura Presentata la guida letteraria della provincia di Pavia realizzata da Paolo Pulina Gli articoli, concepiti con scrittura inimitabile, risultano essere dei veri e propri saggi: illuminanti per capire la situazio- ne ambientale, nei secoli, della Bassa lombarda e dell Oltrepò; territorio capace di accogliere persone, fermenti sociali e assimilarne saggiamente arricchimento anche da rapidissimi passaggi. Pulina, nella complessità della sua documentata ricerca, rivela rapporti e presenze ancora poco studiate e definite, permettendo di ricostruire interessanti e unici percorsi creativi, e coglie l acume critico e le appassionate estimazioni per i centri urbani e per il territorio che caratterizzano le manifestazioni epistolari dei vari viaggiatori. La guida è libro da leggere in libertà, a seconda dell interesse per le tracce e testimonianze letterarie rappresentate nelle varie sezioni, e che Pulina alimenta di puntuali interpretazioni e riflessioni sul ruolo-ripercussione delle personalità straniere e dei grandi italiani sull interezza della provincia pavese; viaggiatori mossi e animati, in ogni tempo, dal senso della scoperta e dall obiettivo di creare e cercare punti d incontro geografici-culturali anche attraverso la grandezza monumentale, frutto del potere illuminato dei sovrani e della Chiesa e delle sapienti mani del popolo artigiano, come nel determinante richiamo esercitato dalla Certosa di Pavia o dalla basilica di San Pietro in Ciel d Oro con la tomba di Sant Agostino. Nel territorio pavese ricorrono, tra gli altri, i noti nomi di Montaigne, Goya, Jefferson, Napoleone, Stendhal, Hesse, Einstein, Faulkner ed Hemingway per gli stranieri. Tra gli italiani il sommo poeta Dante, Petrarca, Leonardo, Goldoni, Parini, Volta, Foscolo, Manzoni, Cattaneo, Salvatore Satta, Sassu: un elenco infinito che la lettura delle oltre trecento pagine alimenta con note biografiche, scritti d interesse letterario, riferimenti di convegni, studi e parchi letterari. La sezione conclusiva del volume è dedicata al ciclismo pavese tra storia e letteratura; tradizione iniziata cronologicamente con Giovanni Rossignoli (nato a Borgo Ticino il 3 dicembre 1882) e descritta nel tempo dalla prosa letteraria dei vari Buzzati, Gatto, Pratolini e dell indimenticato Gianni Brera. Il messaggio pratico dell autore, che si desume da questo rilevante lavoro, è legato anche alla sua attività professionale di funzionario Biblioteche e Sistemi Integrati dell Assessorato alla Cultura della Provincia di Pavia, e quindi interessato, come scrive nella premessa Angelo Stella, nel guidare a questo paesaggio il turismo contemporaneo, che dopo la storia incontri l economia, la gastronomia, la natura. Il libro, finito di stampare il 5 gennaio 2005 giorno di Sant Amelia da Corrado e Luigi Guardamagna tipografi in Varzi, è curato con passione meticolosa come la tradizione e lo spirito del lavoro artigianale sanno eseguire. Cristoforo Puddu Paolo Pulina Per una guida letteraria della provincia di Pavia premessa di Angelo Stella, Varzi (Via Maretti 3), Guardamagna 2005, pp. 308, euro 15,00 La tradizione sarda della poesia estemporanea La poesia in Sardegna ha grandi tradizioni e, specie quella in limba, ebbe già un periodo felice per diffusione e produzione nel Settecento (vincolata e legata agli schemi dell Arcadia) e nell Ottocento con una caratterizzazione più autonoma. Grande affetto popolare è stato sempre riservato e riconosciuto ai poeti improvvisatori, custodi di una cultura orale che ha tenuto vivo - con prezioso e costante contributo - un immenso patrimonio di lingua e cultura. L opera degli estemporanei è varia nell espressione, nei contenuti e nelle forme; una produzione (lirica, satirica, epico-narrativa, umoristica, religiosa, politica e sociale) che fiorisce spontanea come alimentata da sorgenti misteriose e ancestrali. Con oltre cento gare pubbliche all anno, localizzate principalmente in centri dell area rurale e interna dell Isola, è s otada logudoresa ( versi endecasillabi, di cui i sei iniziali a rima alternata e i due finali a rima baciata) a focalizzare interesse e passione per una tradizione poetica che si richiama ad Omero e forse direttamente a Tigellio, cantore e poeta sardo stimato nell antica Roma Imperiale, ricordato più volte negli scritti di Cicerone e Orazio. Il decano degli improvvisatori è il poeta di Bonorva Tziu Peppe Sozu (tra i grandi della tradizione logudorese non si può non ricordare Gavinu Contini, Antoni Cubeddu e Remundu Piras), a cui fanno corona e risaltano, per attività e consensi, i nomi di Brunu Agus (Gairo), Zuannantoni Carta (Illorai), Mariu Masala (Silanus), Antoni Pazzola (Sennori) e Bernardu Zizi (Onifai). Nel ventennio fascista gli estemporanei de s otada subirono una pesante censura per il carattere di coscienza critica e di denuncia che potevano rappresentare e manifestare. Segue il modulo canoro improvvisato campidanese a mutetus, diffuso nell area meridionale, e che ha avuto in Efis Loni di Monserrato ( ) il più rappresentativo dei cantadoris del Novecento; mentre su mutu, forma diffusa complessivamente in tutta l Isola e interpretata secondo vari moduli nei canti di numerosi gruppi tradizionali, gode d interesse ed estimatori nella Barbagia e Barigadu. A Ortueri con Costantinu Casula e a Nurallao con Deliu Onnis le figure più note, in attività, di questa struttura poetica compositiva. Altra tradizione estemporanea è sa repentina, formula strofica che si compone di un alto numero di versi, per lo più settenari, improvvisati in modo concatenato e strutturati secondo schemi metrici differenti ; coltivata nell Alto Campidano, Marmilla, Trexenta è ora rappresentata dalle voci di Efis Caddeo di Furtei e Remu Orrù di Sanluri. Forme creative che testimoniano la ricchezza orale e di sentimenti di un popolo; segni indelebili della cultura agro-pastorale che bisognerebbe coltivare e attualizzare come alta espressione del nostro recente passato. C.P. La leggenda dei santi pescatori di Daniele Atzeni premiato al festival Arcipelago di Roma Il documentario La leggenda dei santi pescatori, di Daniele Atzeni, ha ricevuto una Menzione Speciale della Giuria al Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini Arcipelago di Roma. Per la forza e la semplicità di un racconto antico ma fortemente presente attraverso gli occhi del regista, è detto nella motivazione. La leggenda dei santi pescatori racconta, esclusivamente attraverso immagini accompagnate da sonoro in presa diretta, una giornata di lavoro dei pescatori di tonno nella tonnara di Cala Vinagra, nell isola di San Pietro, dove tale pesca è praticata da centinaia d anni attraverso gesti rimasti immutati nel corso del tempo. Dopo diverse ore di preparazione la pesca culmina nel drammatico rituale della mattanza, attraverso il quale i tonni vengono intrappolati e catturati nella cosiddetta camera della morte. Daniele Atzeni, nato a Iglesias, nel 1973, si è diplomato in regia nella Nuova Università del Cinema e della Televisione di Roma, all interno della quale ha realizzato i suoi primi cortometraggi di fiction per poi dedicarsi ai documentari. Il suo precedente documentario Racconti dal sottosuolo è stato selezionato in diversi festival nazionali. Attualmente Atzeni vive in Sardegna e lavora come regista, operatore e montatore. La leggenda dei santi pescatori, totalmente autoprodotta, è stata presentata nella categoria Concorto (Concorso Nazionale Cortometraggi), che comprendeva i migliori cortometraggi italiani ancora inediti nel territorio nazionale. Il cortometraggio è stato presentato per la prima volta nel maggio scorso al Festival Internazionale del Documentario Documenta Madrid Sono già programmate proiezioni nel mese di luglio nella Sala Oberdan di Milano all interno di una rassegna di cortometraggi organizzata dalla Cineteca Italiana e al Festival Internazionale di Montecatini.

19 Bachisio Zizi, 80 anni, orunese, scrittore. È poi un mistero come un bancario - arrivò ad essere direttore centrale del Banco di Napoli - possa percorrere i sentieri delle poetiche. Difficili, aspri, popolati di gente spietata, presa dal proprio io. Bisognava saper camminare, tanta la strada, dalla cava di pietre di Cocorrovile, vicino a Sant Efisio, a 7 chilometri da Orune, tutti i giorni a piedi, andata e ritorno. Sino alla Banca come luogo del fare e come centro di osservazione del mondo. A Cocorrovile, Bachisio Zizi iniziò ad andare che aveva 10 anni, nel tempo libero dalla scuola. Era un bambino-pikaprederi, tagliapietre, primogenito dei sette figli di Antoniedda e Luiseddu Zizi. Bakis e non più Bachiseddu: così lo svegliava il padre all alba, per farlo sentire più grande. Prima della partenza assonnato sedevo su una lastra di granito e guardavo il mare da casa mia, nel vicinato di Arjolas Cudinathas. Dopo Cocorrovile, a 13 anni, Bakis-Bachiseddu andò a cavare pietre a Carbonia, con gli stessi compagni della cava: Pinnone, alto e curvo, Bavale e Puzonedda. Specie quest ultimo era astioso con Bakis, non sopportava che un ragazzo sapesse muoversi e fare cose da grande. Lo maltrattava. E Bakis a vagliare, a osservare, timido di quelli che però non si fanno mettere i piedi addosso. Travagliare doveva. Era l unico sostentamento della famiglia dopo che il padre ritornò dalla guerra civile spagnola, mandatovi dal fascismo trionfante in quanto Luiseddu era un valoroso, medaglia d argento nel Dalla Spagna ritornò con una nuova croce al valore e il corpo pieno di schegge. Una gli aveva trinciato il dito medio. Non poteva chiudere la mano. Grande tragedia per un pikaprederi. Gli scalpellini hanno una loro geometria, da un masso devi ricavare i calcoli, le nove dita di mio padre non facevano tornare i conti. Così racconta, Bachisio Zizi: in una stanza luminosa, un appartamento al sesto piano di un bel palazzo, al numero 1 di via Bacaredda affacciata su piazza Garibaldi, a Cagliari. Dopo che è morta la moglie, Bakis sta da solo, circondato da libri, i suoi e quelli degli altri: enciclopedie, dizionari, intere collane di narrativa nelle edizioni più prestigiose. Il senso del racconto, per raggomitolazioni che poi si sciolgono, lo dà rispondendo in maniera diretta alle domande del cronista e, nelle fasi più salienti, attingendo dai suoi capolavori: Il ponte di Marreri, Erthole, Santi di creta, Cantore in malas, La figlia della taliana che è poi quest ultimo il libro della moglie, Maria Baldessari, da Bakis pubblicato postumo, l anno scorso. Un bel libro e un grande atto d amore. Come Lettere da Orune, il paese dell anima e dei ritorni. Lettere di spietato realismo e ancora di infinito amore, espressione della carità di cui è capace un poeta e un vero scrittore: uno che sa indagare sia sui sogni e sui progetti Cultura Dalla cava di pietre agli uomini di banca il mondo di Bachisio Zizi Lo scrittore orunese diventato direttore centrale del Banco di Napoli - Divoratore di libri e sensibile narratore di storie di personaggi Il tragico e il comico della gente di Orvile La gente di Orvine-Orune forma tutta una tipologia di personaggi nel raccontare di Bakis Zizi. Il tono è serio, asciutto, austero, illuminato a tratti dal comico che irrompe nel tragico. Nella logica che sottende l intera opera di Zizi, quella della morte che, dice il proverbio, iscoperit bida. Tziu Piperone, pikaprederi, lo chiamavano così perché prendeva subito fuoco. Tutti hanno soprannome in paese. In una divagazione del discorso compare a un certo punto anche uno che chiamavano Ocros de pira. E una Tziculana. Ciascuno porta sempre con sé il proprio nome-destino, tanto più i cavatori di pietra, offesi con il mondo. A Puzonedda, da ubriaco, i peperoni glieli mettevano nel sedere. Gli umiliati diventavano a loro volta aggressivi con i più deboli. Nel narrare di Zizi dal pianto scaturisce riso agro. Come quando il figlio dell impiccato si appartava e andava a piangere sotto l albero. Poi filosofava e sentenziava che un fiammifero buttato nelle nostre campagne arrivava sino in Germania. E il ragazzo Bakis: Ma c è il mare di mezzo. Per quella stroncatura il tagliapietre-filosofo non lo ha mai perdonato. Lui invece, lo scrittore, ha saputo perdonare i torti di Puzonedda ma anche di tziu Frantziscu-Piperone. Era il mio eroe. La capacità di raccontare storie riscattava la mancanza di solidarietà che Bakis conobbe nelle cave di Cocorrovile e di Carbonia. La cava di pietre fu il suo romanzo di formazione poi innestato in quell altro della Banca e della finanza, pane quotidiano per Zizi. Quando Bakis istruiva a Nuoro pratiche di fido, una volta venne da lui uno, a chiedere un prestito, dopo che tutte le altre banche glielo avevano negato. Non offriva garanzie di restituzione. Il richiedente disse a Bakis di darlo all uomo, il prestito. E Bakis gli concesse il fido. di capitani d industria, gente del fare, disillusa e abbattuta dai propri soci e fidi prima che dal fascismo e da Mussolini: come Giulio Dolcetta che fondò Arborea, Darvo nel romanzo Il cammino spezzato poi rieditato dalla Nuova con il titolo Il brusìo dei frangivento. Oppure tutto il popolo di Orvine, che è una maniera di dire letterariamente Orune, che dal Filo della pietra a tanti altri libri ancora da scrivere affolla i precordi e sos sentidos di Bakis Zizi. Il discorso ritorna alla cava. Ho perdonato Puzonedda fa lo scrittore e lo dice con intensa pietas. L ho assolto, lui e tutti gli altri. Cocorrovile, le sue 12 ore di lavoro per grandi e bambini, era un mondo. Gente con le mani buone e no. I Zizi, sos de Poddone, Borroscone, Pasqualinu- Zesu Gristu. Tutti discepoli di tziu Nannedu, un saggio, maestro di scalpello e poeta che pure cantava: Porcu t as presu in domo ma non tzirriat como, a tempus de pakare at a tzirriare. di Natalino Piras Per i tagliapietre tutto dipendeva dal gregge. Se le annate erano buone si costruivano case, se no non si lavorava. Allora mio padre era costretto ad andare a cercare lavoro altrove. A Orune c era molta concorrenza. Nelle annate magre andavano a contrattare a baratto. Per quanto riguarda su porcu più o meno così era la formula: Tu mi dai un maiale, io tanto in pietre. Un anno, continua il racconto di Bakis, prendemmo il maiale. A pagherò, che poi del maiale non si perde niente, una specie di salvadanaio. Venne un inverno con lo scirocco come quello di oggi. Mia madre, ottima donna di casa che riusciva a programmare le entrate con le uscite, va a controllare la cassa dove c era il maiale conservato. Tutto muffito. Le piccole cose, commenta il narratore, hanno echi devastanti. Piccole nel mondo piccolo di Orvine dove chi sapeva invece programmare in grande erano le donne dei pastori. Dopo Carbonia ancora alla cava di La religione della sofferenza Sa die, la giornata di Bakis Zizi, è fatta di letture e scritture. Ma va spesso al cimitero, a trovare la moglie Maria. Sono diventato un esperto di fiori, dice Bakis. Li cura e quando non lo fa lui è la vicina di tomba che mette un po d acqua. Non parlo con mia moglie, continua lo scrittore. Non prego,non credo nel Dio delle chiese, anche se mi affascina la figura di Cristo, non credo nell aldilà, non ci credeva neanche mia moglie.bakis rivela un profondo spirito religioso, basato sulla sofferenza, una esperienza che acumina sos sentidos, la compostezza del saggio. Pure privato di parole dirette, lo spirito religioso lo fa stare ancora con la moglie. Si conobbero nella sofferenza e affrontarono prove difficili. Maria sosteneva Bakis scisso tra il mondo dei miei pastori e gli alti palazzi della finanza.c è poi per Bakis una religione della memoria intragnata di povertà e di esclusioni, anche questi segni identificanti il popolo di Orvine-Orune. Quando devo aggrapparmi a qualche valore è lì che mi rivolgo sostiene Zizi. Parla di radici e di abbandoni. Lo sradicamento non è di uno che va da luogo a luogo. Lo sradicamento non è tanto un ragionamento geografico quanto esistenziale. Comporta lacerazioni. Un uomo di ottant anni guarda indietro e vede gli abissi, rinnega e non rinnega il passato.è allora che ritorna la moglie, nella religione del ricordo, a ricomporre le scissioni. Bakis assistette Maria nella malattia. Veniva dializzata in clinica, andavo ad assisterla tre volte al giorno, sapevo che aveva scritto, per tenerla su le leggevo il montaggio. Lievitava il romanzo autobiografico. Questa donna dal suo letto tremendo volava alla sua Baselga, al suo Trentino. Così elabora il lutto lo scrittore Bakis Zizi, stabilendo distacco con la sofferenza. Cocorrovile, con tziu Piperone, compagno di mio padre. Poi, assorbite altre brutte vicende, i Zizi si trasferirono a Nuoro, in via Chironi. Dai 14 ai 16 anni Bakis lavorò al mulino Gallisay, imballadore di spaghetti in casse che poi si doveva caricare in spalla, male difeso da uno straccio che chiamavano sa bastina. Le casse pesavano 60 chili l una. 12 ore di fatica. Nomi e volti e corpi si affollano nel racconto, i salvati e i morti da lavoro: Giuseppe, Franceschiello, il lavagranista Tonneddu, il capopastaio Sindona, napoletano. Umanità e disumanità si alternavano. Come nella Banca che il ragazzo Bakis avrebbe iniziato a scoprire di lì a poco, dopo essere stato fattorino nella federazione dei fasci di combattimento, allora comandata da Gatti che finì fucilato a Dongo, dai partigiani. Erano da poco passati i 20 anni quando Bakis si diplomò ragioniere al Chironi. Iniziò da privatista dopo che il federale SETTEMBRE cagliaritano Onnis, succeduto a Gatti, gli aveva regalato i primi libri. Si era accorto del ragazzo, della sua voglia di sapere, Bakis a cui ritornava sempre in testa l avvertenza del padre: Leghe donzi canticheddu de papiru chi ti càpitata. Bakis leggeva le agenzie Stefani, le circolari. Poi vennero i libri donatigli da Onnis. Dalla povertà di Orune mi trovavo adesso nella ricchezza del vocabolario Cerreti-Restagno. Cercare parole era un emozione. La difficoltà era che io pensavo in sardo. Per poter comunicare doveva tradurre. Lo affascinava il concetto di democrazia, il concetto del riscatto degli umili. Finita la guerra prese a frequentare a Nuoro la casa di Raffaello Marchi e Angela Maccioni. Un altra fortuna. Ci si riuniva con il poeta Tonino Mura, con Josetto Manconi e Salvatore Nioi. Marchi aveva un metodo ineguagliabile: il dialogo e l ascolto. Riusciva a farti parlare.un metodo che servirà nel cammino di Bakis. Si iscrive all università di Genova, in economia. Già lavorava in banca. Sono entrato per concorso, nel 1949, a Nuoro,concorso difficilissimo, ma riuscii a superarlo. I quarantanovisti siamo una specie di club. È da quel concorso che il Banco di Napoli ha allevato la propria classe dirigente. A Nuoro istruiva pratiche di fido. Bisognava saper vagliare. La banca opera programmando il futuro riflette lo scrittore. Ma io molte volte ho scommesso sulla capacità dell uomo. Come un credito a lungo termine. Bakis si laureò nel 1956, già padre di un bambino di 6 mesi. Poi vennero altre due figlie gemelle. La moglie Maria Baldessari faceva l insegnante, Bakis ancora e sempre la Banca. Nuoro, Cagliari, Napoli, Roma. Istruiva pratiche e osservava il mondo della finanza comparandolo con quello della cava e del mulino. Quando stavo alla direzione generale, la mia fortuna era che io dovevo dialogare con gli uomini del fare, che sono costruttori e narratori straordinari, una umanità impensabile. Pensava a come raccontarli, Bakis, che iniziò a Nuoro l arte del narratore, scrittore alla macchia lo definì Michelangelo Pira. Divorava libri e scriveva. Si vergognava ma continuava a scrivere. Di greggi d ira e di morituri, così nel gergo bancario quelli a cui si ritira il credito. Metteva in pagina Zuacchinu e Perversi, fanatico capo area. I vinti del tempo di Orvine e quegli altri della scrivania e del computer. Mi sentivo un uomo scisso. Ma continuava:a salire e a scrivere, che è come un scendere nelle abissalità. Mai stato spietato? è una delle domande finali. I miei no erano motivati. Mai rovinato qualcuno? Mai. Bakis ha perdonato le offese. Per avere scritto è stato pure processato e condannato. Non riesco a odiare nessuno sostiene il grande ottuagenario che non smette l arte del racconto. Scrivere per continuare a vivere. E poi, nel fare scrittura, uno non resta mai solo.

20 20 SETTEMBRE 2005 Musei VISITA AI MUSEI DELLA SARDEGNA La Regione di Sud Ovest - 2 Il patrimonio del Basso Sulcis Da Teulada a Santadi, a Carbonia la zona è tra le più belle e spettacolari dell Isola ricca di tesori dell archeologia e della natura - Dalle grotte di Is Zuddas alla necropoli neolitica di Montessu, alla fortezza fenicio-punica di Monte Sirai, è un susseguirsi di scoperte e emozioni di Gianfranco Leccis Il Basso Sulcis comprende sia la zona costiera già vista che quella interna e comprende soprattutto la regione montuosa, che in effetti tanto bassa non è. La SP 71 che passa per la Costa del Sud è considerata una delle più belle d Italia: si possono ammirare stupende vedute panoramiche, tra cui quella dell intero tratto costiero visibile all uscita dalla zona di Chia, e poi Capo Spartivento con varie piccole baie e più avanti la splendida spiaggia e l isolotto di Tuerreda. La costa prosegue con Capo Malfatano e la spiaggia di Piscinnì, tante altre calette, spiagge e scogliere. Ha caratteristiche simili a quelle della più nota costa gallurese, in qualche momento più spettacolari: bellissima la vista dall alto dei fondali marini, dell Isola Rossa e di Capo Teulada. La strada arriva al porto di Teulada, dove sorgeva l antica Tegula, e poi rientra sulla SS 195 per raggiungere dopo 3 km Teulada, paese noto per la produzione artigianale di tovaglie ricamate con il punto di Teulada. Da quindici anni in settembre si svolge un Simposio Incontri Internazionali di scultura al quale partecipano vari artisti sardi e forestieri che realizzano le loro opere sul posto, davanti a tutti: è, in effetti, una scuola all aperto dove s insegna l arte a chiunque lo desideri. Le sculture realizzate restano ad arricchire ed abbellire, sparse per le vie e le piazze, il paese che, di fatto, è diventato un Museo diffuso. Recentemente è stato realizzato, nel palazzetto baronale che era della famiglia Sanjust di Teulada, il Museo civico Petra : nei tre piani e nel parco sono stati esposti le opere più belle e una collezione di ossidiane, coltelli, statue votive, amuleti, ecc. Visite su appuntamento, ingresso gratuito, tel. 070/ (Enrico Cambedda). Presso la chiesa parrocchiale del Carmine si trova un Museo d arte sacra, con paramenti, arredi, e opere d arte. Per la visita rivolgersi al Parroco tel. 070/ Da Teulada si prosegue con la SP 70 per Santadi: qui comincia la nuova provincia del Sulcis Iglesiente. Dopo pochi chilometri si arriva nel calcare cambrico di Monte Meana dove si possono visitare le bellissime grotte di Is Zuddas, ricche di stalattiti e stalagmiti che in qualche caso formano delle colonne: magnifiche la sala dell organo, con una colonna stalatto-stalagmitica che ricorda un organo a canne, con le pareti ricoperte da cristalli di bianche aragoniti aghiformi, il salone del teatro, enorme, e la sala delle eccentriche, con la volta ricca di aragoniti sviluppatesi in ogni direzione senza essere influenzate dalla forza di gravità. Coop. Monte Meana tel. 0781/ visite guidate: orario da maggio a settembre tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19; da ottobre ad aprile tutti i giorni visite ore 9 e 16; sabato e festività dalle 9,30 alle 12 e dalle 14 alle 17; ingresso a pagamento. Nelle vicinanze, nelle colline di Su Benatzu, c è un tempio ipogeico all interno della grotta Pirosu, dove sono stati rinvenuti numerosi reperti fittili e oggetti metallici (rame, bronzo, oro), armi, votivi, ornamentali, utensili, attestanti una frequenza del luogo durata per millenni (non aperta al pubblico). A Santadi si trova un Museo Archeologico Comunale che conserva una raccolta di reperti rinvenuti nella zona di un periodo storico di 6 millenni, dal prenuragico al fenicio-punico al romano. Esiste anche la Casa Museo Sa Domu antìga (la casa antica) con arredamento tipico della tradizione locale. Museo tel. 0781/ orario invernale 9-13/15-18 estivo 9-13/ chiuso lunedì, ingresso a pagamento. E gestito dalla Coop. Fillirèa, tel. 0781/955983, che si occupa anche di Sa Domu Antiga e fornisce informazioni e assistenza per escursioni di tipo naturalistico e archeologico e per visite enogastronomiche nella Cantina e nel Caseificio. Nelle vicinanze si trovano alcune importanti zone archeologiche Pani Loriga, una fortezza feniciopunica, come Monte Sirai, risalente al VII sec. a.c. (non aperta al pubblico). Tali fortezze erano state edificate per proteggere le località costiere dagli abitanti nuragici di cui non si conosce il centro costiero di riferimento. Un altra, in comune di Villaperuccio, è Montessu, una necropoli neolitica, con le tombe, le domus de janas, disposte a semicerchio in una sorte di anfiteatro naturale; la cultura prevalente è quella di San Michele testimoniata dalla presenza nelle tombe degli attributi della Dea Madre e del Dio Toro. Nel territorio di Nuxis si trova il pozzo sacro di Tattinu e, vicino la Chiesa di Sant Elia, tardo bizantina del sec. X-XI, una delle poche non rimaneggiate. Nei pressi di Narcao si trova, nella frazione di Terraseo, il santuario di Demetra frequentato dall epoca nuragica a quella romana, che denota la consistenza del culto dell acqua sorgiva simboleggiata da questa divinità sia in età punica sia romana. Il santuario è articolato in due settori dove si trovano, tra l altro, un pozzo sacro ed un saccello. Si segnala che nel territorio di Narcao si trova la Miniera di Rosas, che sfruttava un giacimento di minerali di piombo, zinco e rame, avviata nel 1855 e chiusa alla fine degli anni 70. E stata sistemata per visite turistiche ma questa attività non è ancora iniziata. Per la visita di questi posti è consigliabile rivolgersi ad esperti locali: Ecoturismo Letizia Nuxis via San Pietro 16, tel/fax 0781/ (Elio Fanutza 349/ ) e.mail Internet - Club degli Itinerari tel. 0781/ Pro Loco Narcao tel. 0781/ Carbonia ( ab.), è la settima città della Sardegna per numero di abitanti ed è il centro principale del Sulcis. Con la nuova Provincia spartirà con Iglesias il ruolo di capoluogo. E stata realizzata dal regime fascista nell ambito del progetto autarchico di valorizzazione del bacino carbonifero sulcitano ed inaugurata solennemente il 18/ 12/1938. Nel primo periodo arrivò ad avere circa abitanti. E un tipico esempio di città pianificata, con impianto simmetrico, edifici pubblici verso il centro e residenziali verso la periferia. Notevole il caratteristico centro nel tipico stile dell epoca, la piazza Roma, recentemente risistemata con l inserimento dell ultima scultura dell architetto Giò Pomodoro: vi si trovano vari edifici il palazzo del municipio, la torre civica, già torre del littorio, quadrata, alta m 27,5, la Chiesa di San Ponziano, moderna in stile romanico, in pietre di granito e trachite con all interno una pregevole via crucis dello scultore Tilocca, e altre opere d arte sacra di vari artisti sardi e di Ortisei. Il campanile riproduce quello di Aquileia di cui però è meno alto (m 46 contro m 73). In prossimità della piazza, in via Napoli, la dimora del Presidente della Carbosarda, l azienda che in passato si occupava dell estrazione del carbone, è stata trasformata nel Museo civico Archeologico villa Sulcis dove sono conservati reperti provenienti dalla zona ed in particolare da Monte Sirai, riferiti ad epoca nuragica e precedente ed ai periodi fenicio-punico, romano e alto-medievale con un ottima esposizione di pannelli illustrativi. La Coop. Mediterranea gestisce i Musei di Carbonia e le zone archeologiche di Montessu e Monte Sirai - tel. 0781/ (Maria Teresa Diana 328/ ). E- mail Internet meditinera.it. La cooperativa può organizzare visite guidate nel territorio, di tipo archeologico o di tipo ambientale, miniere, grotte, ecc.museo di Villa Sulcis tel. 0781/ orario invernale 9-13/15-19 estivo 9-13/16-20 tutti i giorni chiuso lunedì; ingresso a pagamento. A breve distanza, si trova il Museo Paleontologico-Speleologico E. A. Martel dove sono conservati oltre 700 fossili, numerosi esemplari fauna cavernicola, fotografie e rilievi topografici delle grotte del Sulcis (tel. 0781/ orario invernale 9-13/15-19 estivo 9-13/ tutti i giorni chiuso lunedì; ingresso a pagamento). In città vi sono due importanti necropoli: all interno dell abitato, tra il corso Iglesias e la via Alghero, Cannas di Sotto, riferita alla cultura di Ozieri e periodo seguente a.c., è in corso di sistemazione per visite; l altra è Monte Crobu a circa km 2 dalla città, riferita alla cultura di Ozieri a.c. Per le visite rivolgersi al 0781/ /64040 Fuori della città, sulla SS 126 Iglesias - Sant Antioco, una diramazione conduce ad un pianoro di origine vulcanica, dell altezza di m 194, dove si trova la zona archeologica di Monte Sirai. Era un centro fortificato realizzato dai Fenici su un precedente insediamento nuragico del sec. VII a.c., per proteggere la città di Sulci dagli attacchi degli indigeni e abbandonato intorno al 110 a.c. L area è divisa in tre parti: l abitato con quattro quartieri attraversato da tre strade, tra le abitazioni la casa del lucernario di talco e la casa di Fantar ; a nord, oltre le mura, la necropoli sia quella fenicia (VII-VI sec. a.c.) con oltre 170 tombe e la punica (V-IV sec. a.c.) con numerose tombe a camera. Oltre la necropoli il tophet, dedicato alla sepoltura dei bambini, con un tempietto con le urne cinerarie e stele votive. Sono in corso scavi che recentemente hanno riportato alla luce reperti di particolare pregio. E in una posizione da cui si può ammirare un magnifico panorama della zona e delle isole suscitane. Particolarmente suggestive nel periodo estivo le visite notturne (tel. 0781/ orario estivo 9-13 / 16-20, visite notturne guidate alle 20,30 e alle 22, negli altri periodi dalle 9 al tramonto - ingresso a pagamento). Ai piedi del pianoro si trova il nuraghe Sirai, costruito tra il Bronzo medio ed il Bronzo recente (XV-XIV sec. a.c.), composto da quattro torri periferiche, orientate secondo i punti cardinali, una centrale ed un villaggio. Nelle immediate vicinanze sono stati rinvenuti i resti di un insediamento fortificato fenicio della fine del VII sec. a.c., dove sono state ritrovate ceramiche nuragiche e fenicie che inducono a pensare ad una convivenza delle due popolazioni. A Serbariu, un rione sorto da un raggruppamento di furriadroxius, si trova una miniera di carbone, scoperta nel 1936 ed utilizzata fino al Ora è in corso di realizzazione una Cittadella della scienza e della memoria che comprenderà un Museo ed un Centro ricerche sulle tecnologie e sulla scienza applicata della miniera di carbone, nell ambito del Parco Geominerario della Sardegna, riconosciuto dall UNE- SCO. E stata già restaurata la Lapisteria, il padiglione dove i minatori ricevano casco e lampada, che insieme ad altri edifici ospiterà Il centro italiano della cultura del carbone. Nel vicino incrocio tra le strade che portano a Sant Antioco, a Iglesias, a Porto Scuso ed a Cagliari si trova nel ristorante Tanit un Museo privato archeologico ed etnografico. Nelle vicinanze a Nuraxi Figus, frazione di Gonnesa, dove si trova una miniera di carbone ancora attiva, è in programma la realizzazione di un Museo etnografico in un antica casa padronale. Nel territorio si trova il villaggio nuragico di Serucci, uno dei maggiori dell Isola, circa cinque ettari, con un centinaio di capanne di varia forma e dimensione, di cui finora ne sono state scavate cinque di cui una con un tramezzo interno (raro nell architettura nuragica) ed una con undici ambienti. Le capanne sono riunite in quartieri con strette stradine che portano ad una piazza centrale dove sorge la capanna del capo, con nicchie sulle pareti e alla base grossi blocchi di trachite che formano un sedile. Come in altri complessi nuragici, le capanne erano prevalentemente circolari, formate dai soli muri perimetrali e coperte con rami e frasche: quelle del capo erano più grandi in quanto vi si tenevano le riunioni ed avevano lungo i muri un sedile. Nella zona vi sono anche tre tombe di giganti (al momento non è attrezzato per le visite).

I Circoli dei Sardi nel mondo

I Circoli dei Sardi nel mondo http://sardiniatravel.net/docs/circolisardi.html ASSOCIAZIONE TUTELA I Circoli dei Sardi nel mondo Federazione Associazioni di tutela degli emigrati sardi Via Tasso, 31-09128 Cagliari - Tel. 070/42233

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Via libera del Consiglio alla manovra finanziaria. Una vetrina per l'isola in Spagna. Festa negli Usa per la comunità Sarda

Via libera del Consiglio alla manovra finanziaria. Una vetrina per l'isola in Spagna. Festa negli Usa per la comunità Sarda TURISMO SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati La Sardegna alla Bit di Milano ANNO XXXVIII / MARZO 2006 N. 3 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge 662/96 Filiale

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Il rilancio de La Maddalena affidato alla Louis Vuitton Trophy. Erminio Costa il cagliaritano padre delle neuro-scienze.

Il rilancio de La Maddalena affidato alla Louis Vuitton Trophy. Erminio Costa il cagliaritano padre delle neuro-scienze. ECONOMIA Via libera dall Europa per il rilancio dell Alcoa a pagina 6 ENERGIA TURISMO PERSONAGGI CULTURA SPORT In Consiglio regionale scontro sui parchi eolici a pagina 8 Il rilancio de La Maddalena affidato

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

L isola delle vacanze

L isola delle vacanze ATTUALITÀ CALCIO Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati Il Candeliere d oro a un emigrato in Francia pag. 13 ANNO XXXVIII / SETTEMBRE 2006 N. 9 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

ORGANIZZAZIONI DEGLI EMIGRATI (Riconosciuti dalla Regione)

ORGANIZZAZIONI DEGLI EMIGRATI (Riconosciuti dalla Regione) ORGANIZZAZIONI DEGLI EMIGRATI (Riconosciuti dalla Regione) CIRCOLI ARGENTINA 1. ASSOCIACION ITALIANA SARDI UNITI DE BUENOS AIRES Mendez de Andes, 884 C1405CVJ BUENOS AIRES PREF.- 0054-11 TEL. - 44331412

Dettagli

Design e cultura a Parigi per presentare l'identità sarda

Design e cultura a Parigi per presentare l'identità sarda EMIGRAZIONE SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati A Ghilarza la Giornata delle migrazioni ANNO XXXVI / SETTEMBRE 2004 N. 9 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI SODDISFAZIONE DEL TURISTA STAGIONE 2012 QUESTIONARI ELABORATI N. 724.

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI SODDISFAZIONE DEL TURISTA STAGIONE 2012 QUESTIONARI ELABORATI N. 724. ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI SODDISFAZIONE DEL TURISTA STAGIONE 2012 QUESTIONARI ELABORATI N. 724. CON CHI E' IN VACANZA? famiglia 296 solo 22 118 14 coppia 280 amici 118 Np 14 280 22 296 famiglia solo

Dettagli

Restituiti alla Regione immobili dismessi per un valore di 200 milioni di euro

Restituiti alla Regione immobili dismessi per un valore di 200 milioni di euro EMIGRAZIONE EDILIZIA SERVITÙ MILITARI CULTURA INCHIESTE SPORT A Cagliari la Conferenza dei Sardi nel Mondo a pagina 3 Contributi regionali per l acquisto della prima casa a pagina 8 Restituiti alla Regione

Dettagli

Via libera dell Europa alla nuova proposta di continuità territoriale pagina 5

Via libera dell Europa alla nuova proposta di continuità territoriale pagina 5 AMBIENTE SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati Stop di Soru a un nuovo carcere all Asinara ANNO XXXVI / NOVEMBRE 2004 N. 11 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 4 bollettino mensile Aprile 2009 Maggio 2009 A cura di Storia

Dettagli

Pigliaru si dimette non condivide il progetto di riforma della Giunta

Pigliaru si dimette non condivide il progetto di riforma della Giunta LUTTI SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati La scomparsa del cardinale Pompedda pag. 18 ANNO XXXVIII / NOVEMBRE 2006 N. 11 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati

Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati di Salvatore Tola Nel pomeriggio di lunedì 4 aprile 2016, nella Sala Transatlantico

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Indice dei prezzi delle case in affitto

Indice dei prezzi delle case in affitto Indice delle case in affitto Primo trimestre 2016 Sinossi Tornano a salire i prezzi medi delle locazioni in Italia dopo i mesi invernali, con un incremento dell 1,2% che fissa il valore medio al metro

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Bilancio positivo per la Consulta pagine 8-9

Bilancio positivo per la Consulta pagine 8-9 CULTURA POLITICA Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati Atlantide: opinioni a confronto pag. 21 ANNO XXXVI / MAGGIO 2004 N. 5 Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO TRA ACCONTI E SALDI SI PAGHERANNO 97 EURO MEDI CON PUNTE DI 139

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1-2 bollettino mensile Gennaio Febbraio 2009 Marzo 2009 A cura

Dettagli

Renato Soru guida una Giunta al femminile

Renato Soru guida una Giunta al femminile SPORT SPORT Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati Da Sydney un sorbetto al carciofo ANNO XXXVI / LUGLIO 2004 N. 7 Amsicora regina dell'hockey pagg. 16-17 Spedizione in abbonamento postale - 45%

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DEL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE CIVILE E PER LE RISORSE STRUMENTALI E FINANZIARIE DIREZIONE CENTRALE PER LA DOCUMENTAZIONE E LA STATISTICA TOSSICODIPENDENTI

Dettagli

Rivendicato il riconoscimento nello Statuto dell Autonomia dell appartenenza a un unico Popolo Sardo

Rivendicato il riconoscimento nello Statuto dell Autonomia dell appartenenza a un unico Popolo Sardo EMIGRAZIONE EMIGRAZIONE EMIGRAZIONE LUTTI CULTURA SPORT Dalla Conferenza il rilancio di un rapporto con i Sardi nel mondo Una legge più snella per rispondere alle esigenze delle nuove generazioni Rivendicato

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 5 bollettino mensile Maggio 2009 Giugno 2009 A cura di Storia

Dettagli

CAPITAL COMMUNICATION SRL. UFFICIO DI VIAREGGIO - Via Don Tazzoli, 1-55049 Tel. 0584 564791 info@capitalcommunication.it www.capitalcommunication.

CAPITAL COMMUNICATION SRL. UFFICIO DI VIAREGGIO - Via Don Tazzoli, 1-55049 Tel. 0584 564791 info@capitalcommunication.it www.capitalcommunication. CAPITAL COMMUNICATION SRL UFFICIO DI VIAREGGIO - Via Don Tazzoli, 1-55049 Tel. 0584 564791 info@capitalcommunication.it www.capitalcommunication.it OUTDOOR - AFFISSIONI 6x3 PIEMONTE TORINO VERCELLI ASTI

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

L'ORGOGLIO DELL'APPARTENENZA SENTIMENTO DIFFUSO TRA I SARDI D'ARGENTINA. Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati

L'ORGOGLIO DELL'APPARTENENZA SENTIMENTO DIFFUSO TRA I SARDI D'ARGENTINA. Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati ANNO XXXIV / N. 6 / / SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 45% - ART. 2 COMMA 20/b LEGGE 662/96 - FILIALE DI CAGLIARI (TASSA RISCOSSA - TAXE PERÇUE) POSTE ITALIANE TARIFFA PAGATA DCO/DCCentrale/D.E./3139/02

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Quotidiano Data Pagina Foglio 18-12-2014 43 1 Codice abbonamento: 102219 Pag. 2 Data Pagina Foglio 18-12-2014 1 / 2 Notizie Video Cerca in archivio TV NOTIZIE VIDEO VIGNETTE Prima pagina l Tutte l Sardegna

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. Report Sociale. dell Associazione Nazionale ciofs-fp

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. Report Sociale. dell Associazione Nazionale ciofs-fp Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale Report Sociale dell Associazione Nazionale ciofs-fp EDIZIONE 213 1 CIOFS-FP UNA STORIA CHE HA DEI NUMERI Attualmente il CIOFS-FP è presente

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo, 27 aprile 2015 Lettera Aperta ai Presidenti delle Banche di Credito Cooperativo, alle Autorità di Vigilanza ed alla politica italiana Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Dettagli

Autore Data email. Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare)

Autore Data email. Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare) Autore Data email Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare) Nr. Dom anda Testo della domanda Risposte Note sulle risposte

Dettagli

Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati

Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati Aggiornato al 20/05/2016 Regione Negozio Tipo Centro Indirizzo N. Tel. Indirizzo e-mail Abruzzo Otofon s.a.s. di

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione

Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione Ai sensi degli articoli 4 e 16 della legge 3.2.1963 n. 69 e degli articoli 5 e 16 del Regolamento di esecuzione, i giornalisti professionisti

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

I percorsi di viaggio

I percorsi di viaggio I percorsi di viaggio L Italia ed il turismo internazionale nel 2005 Venezia 11 Aprile 2006 Paolo Sergardi Pragma Carla Natali TNS Infratest CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto di analisi è costituito

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

tour febbraio-aprile terza edizione

tour febbraio-aprile terza edizione tour 2014 febbraio-aprile terza edizione 60 città 141 ordini e collegi provinciali patrocinanti edizione 2013 93.280 12% 12% 17% 29% 30% ALCUNI NUMERI contatti autorevole comitato scientifico enti e aziende

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

Trasportavano. un cuore

Trasportavano. un cuore Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati Il Consiglio Regionale chiede le dimissioni del ministro Martino In difesa del prestigio dell'assemblea sarda. Serrenti e Masala si appellano a Berlusconi

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Pagina 1 di 5 salta al contenuto Ministero Ministro Sottosegretari Uffici di diretta collaborazione Dipartimenti Ufficio stampa Siti collegati Vai Ministero della Giustizia CERCA Vai Mappa del sito Indice

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

QUANDO E DOVE SI VOTA

QUANDO E DOVE SI VOTA QUANDO E DOVE SI VOTA Le votazioni si svolgono in prima convocazione nei seguenti giorni del mese di marzo 2009: lunedì 9, martedì 10, mercoledì 11, giovedì 12, venerdì 13, sabato 14 e domenica 15. È possibile

Dettagli