COME SI APRE UN BED & BREAKFAST

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME SI APRE UN BED & BREAKFAST"

Transcript

1 COME SI APRE UN BED & BREAKFAST di Walter LEZZI La legislazione in materia di Bed & Breakfast e i requisiti richiesti per l esercizio dell attività, con una breve sintesi della normativa in altri Paesi europei. Il turismo nasce come esigenza di evadere dalla realtà quotidiana, per ricercarne una nuova in cui possa realizzarsi un esperienza in grado di soddisfare i propri bisogni. Il desiderio di sentirsi come nella propria casa ha invertito, negli ultimi decenni, la tendenza verso la ricerca del diverso e l esperienza sconosciuta indirizzando la vacanza verso il ritorno al centro del proprio essere, della propria sicurezza e della quotidianità. Di conseguenza, partendo dai Paesi anglosassoni, si è sviluppata un idea antica ma elementare, di offrire al viaggiatore un letto per dormire e ristorarlo al suo risveglio per poi consentirgli di continuare il viaggio. Il turista pertanto, senza avere grandi pretese, è accolto da nuclei familiari in strutture domestiche e avverte un clima protettivo e confidenziale. Con la denominazione Bed & Breakfast, la cui traduzione letterale significa letto e colazione, si identifica l esercizio saltuario del servizio di ospitalità che consente a un privato, avvalendosi della normale organizzazione familiare, di offrire ospitalità, dietro il pagamento di un corrispettivo, nella propria abitazione di residenza/domicilio. La formula del Bed & Breakfast nasce per soddisfare una necessità, diffusa nei secoli scorsi, quando, sia per i pochi collegamenti sia per l assenza di mezzi di trasporto rapidi, i viaggiatori, mancando locande e strutture ricettive, chiedevano ospitalità presso case private. Sia il nome sia la formula derivano dal Regno Unito e dall Irlanda e si sono affermati in tutto il mondo, espandendosi in Europa e nelle nazioni anglofone come America e Canada. Per convertire la propria casa in Bed & Breakfast e avviare un attività di servizi ricettivi sono sufficienti una stanza e una colazione da preparare. Le motivazioni che possono spingere una famiglia a fare questa scelta sono: la disponibilità di una parte della casa non utilizzata; la necessità di arrotondare le entrate familiari; il desiderio di conoscere gente nuova. Il turista percepisce gli aspetti tipici dell ospitalità in famiglia, la semplicità e la genuinità dell offerta, l aria di casa. Egli può conoscere il luogo oggetto della visita in modo diretto e immediato, può avere dal proprietario informazioni per una conoscenza del territorio alternativa a quella diffusa dai canali tradizionali e, di conseguenza, più autentica. 1

2 LA RICETTIVITÀ IN ITALIA L ospitalità, la cultura, i capolavori artistici, la gastronomia, la moda e gli stupendi paesaggi italiani ben conosciuti in tutto il mondo hanno portato alla diffusione di strutture ricettive molto diverse e idonee a soddisfare le esigenze più varie dei turisti: dagli alberghi di lusso ai Bed & Breakfast, dai campeggi ai rifugi alpini. Le cifre ufficiali del 2012 parlano di una disponibilità di mercato, per le strutture ricettive, di circa esercizi e di quasi posti letto dei quali meno della metà è ubicata negli alberghi. La legge quadro per il turismo 17 maggio 1983, n. 217 conteneva una regolamentazione dettagliata delle strutture ricettive e rinviava alle Regioni l individuazione e la disciplina delle altre tipologie di ospitalità turistica. La legge di riforma della legislazione nazionale del turismo 29 marzo 2001, n. 135, invece, non si soffermava sulle tipologie dell attività ricettiva limitandosi alla semplificazione delle procedure per lo svolgimento dell attività dell impresa turistica, in particolare di quella ricettiva rinviando alle Regioni il compito di legiferare in materia. La legge di riforma individuava le attività ricettive tenendo distinte la ricettività convenzionale dalle attività di accoglienza non convenzionali. La ricettività convenzionale, a sua volta, era classificata in: ricettività imprenditoriale e ricettività gestita senza scopo di lucro. La determinazione delle tipologie fu demandata a un Regolamento di attuazione (d.p.c.m. 13 settembre 2002) che, viste le modifiche apportate dalla legge di riforma della Costituzione alle competenze in campo turistico assegnate allo Stato e alle Regioni, dettò norme solo programmatiche riconoscendo e valorizzando l autonomia legislativa delle Regioni. Il decreto precisò che le tipologie elencate potevano assumere denominazioni aggiuntive in relazione a specifici indirizzi regionali; che le Regioni potevano individuare attività ricettive speciali dirette a segmenti particolari della domanda e/o alla valorizzazione di specifiche caratteristiche o risorse economiche e/o naturali dell area e che le diverse tipologie di attività non convenzionali, ricettive e non ricettive, dovevano essere individuate dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e Bolzano tenendo conto della specificità del territorio. Il d.p.c.m., pertanto, si limitava ad affermazioni di principio molto generiche assegnando un ruolo preminente di individuazione delle diverse tipologie al legislatore regionale. Il legislatore regionale, pur in possesso di un potere molto ampio, ha conservato, almeno per le strutture ricettive tradizionali, le definizioni già consolidate nella legislazione precedente salvo qualche eccezione. Sulla base della normativa regionale esistente le strutture ricettive sono state classificate in: a) esercizi alberghieri; b) esercizi extralberghieri. All interno della categoria della ricettività alberghiera propriamente intesa (interamente svolta sotto forma d impresa) la dottrina ha individuato la categoria degli esercizi paralberghieri che comprende motel, alberghi diffusi, villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere caratterizzati o da peculiarità strutturali o dalla fornitura di servizi accessori diretti a una clientela particolare. Per gli esercizi extralberghieri (inizialmente riferiti al turismo sociale senza scopo di lucro) la legge n. 217/1983, recepita nella sostanza da tutte le legislazioni regionali, aveva provveduto a configurarli in prevalenza sotto forma di imprese salvo alcune tipologie prive di alcuni elementi che caratterizzano la definizione di imprenditore fornita dall art c.c. Questo complesso sistema era stato profondamente innovato dal Codice del turismo (d.lgs. n. 79/2011) ma la sentenza n. 80/2012 ha dichiarato incostituzionali le norme riguardanti la classificazione delle strutture ricettive facendo tornare pienamente efficaci le competenze regionali già esaminate. Allo stato attuale le tipologie di esercizi extralberghieri più diffuse sono: gli esercizi di affittacamere, le attività ricettive in esercizi di ristorazione, le attività ricettive a conduzione familiare (Bed & Breakfast), le unità abitative ammobiliate 2

3 a uso turistico (case e appartamenti per vacanze), le strutture ricettive-residence, le attività ricettive in residenze rurali o country house, le case per ferie, gli ostelli per la gioventù, le foresterie per turisti, le case religiose di ospitalità, i centri soggiorno studi, le residenze d epoca extralberghiere, i rifugi escursionistici, i rifugi alpini, i bivacchi fissi. I BED & BREAKFAST IN ITALIA In Italia il Bed & Breakfast nasce verso la metà degli anni Novanta, su impulso di operatori stranieri, ma riscuote un modesto successo. Nel 1997 la Regione Lazio, in vista dell avvicinarsi del Giubileo del 2000, disciplina il Bed & Breakfast definendolo come esercizio saltuario di alloggio e prima colazione. In tempi brevi l interesse si diffonde in tutto il territorio nazionale coinvolgendo proprietari di appartamenti, turisti, associazioni, amministrazioni pubbliche (interessate, queste ultime, alla creazione di opportunità di sviluppo sociale). Secondo i più recenti dati ufficiali pubblicati dall Istat, risalenti al 2009, il numero dei B&B in Italia ammonta a unità per un totale di posti letto superiore a Per quanto riguarda le tariffe praticate, il prezzo medio di una notte oscilla tra i 30 e 40 euro per persona. Le punte massime e minime sono differenti tra loro e sono dovute alla tipologia della struttura, al valore turistico dell area in cui è inserita, alla qualità e alla varietà dei servizi offerti e al periodo (stagionalità). I B&B italiani sono in prevalenza gestiti da donne (60%), dato ovvio, poiché l attività si svolge in casa, ma è indicativo il numero di uomini dedito alla gestione di un Bed & Breakfast. Considerando il livello di istruzione, si rileva che mediamente i proprietari hanno un istruzione medio-alta. Il 73% è diplomato o laureato: il 48% possiede un diploma di licenza media superiore e il 25% una laurea. Chi gestisce un Bed & Breakfast, quindi, ha una buona preparazione culturale che, probabilmente, è alla base di un atteggiamento positivo all incontro e al confronto con realtà diverse. Il livello culturale è confermato dalle lingue parlate: due proprietari su tre parlano l inglese, due su cinque il francese e quasi uno su cinque tedesco e spagnolo. Le categorie professionali più rappresentate sono quelle degli impiegati e degli insegnanti, seguiti dai pensionati e dalle casalinghe. La gestione di un B&B, quindi, non sembra legata a profili specifici: pare rilevante non solo la professione svolta o il livello di istruzione quanto la predisposizione personale e l atteggiamento nei confronti degli ospiti. Gli ospiti dei B&B italiani hanno un età compresa tra i 20 e i 40 anni con una percentuale che raggiunge il 75% delle presenze complessive. Nell 85% dei casi gli ospiti arrivano in coppia. Gli ospiti stranieri ammontano a circa il 30% del totale e provengono soprattutto dalla Germania, dalla Francia e dagli altri Paesi europei (risultano indicative le presenze di ospiti provenienti da Stati Uniti e Canada, Australia, Portogallo). La metà dei turisti resta nella struttura per 2 notti, più bassi i valori per chi si ferma 3 notti oppure 4 o più. Pochi restano a dormire una sola notte nella struttura: un dato interessante che dimostra come il Bed & Breakfast sia una formula particolarmente richiesta per i weekend. IL PRODOTTO BED & BREAKFAST Per il turista i punti di forza di questa formula ricettiva sono: lo stretto contatto con la cultura e gli usi locali, che comportano un approfondita e vera conoscenza del luogo e soddisfano maggiormente la sete di sapere del turista; 3

4 la guida fornita dal gestore nella visita della località; la calda accoglienza e l atmosfera familiare; i prezzi contenuti, almeno nella forma più classica di B&B; la qualità della sistemazione; la singolarità e tipicità dell esperienza turistica che ne deriva. APPROFONDIMENTI Il successo della formula Bed & Breakfast non è dovuto unicamente all economicità di questo modo di viaggiare, ma anche all atmosfera familiare di una vacanza che il turista può trascorrere a stretto contatto con chi lo ospita, con la vita e le abitudini del Paese, della città, del quartiere in cui ha deciso di recarsi. La scelta di pernottare in un B&B, in alternativa ad altre forme di ospitalità, risponde ad alcune esigenze fondamentali manifestate, sempre più negli ultimi anni, da chi viaggia per diletto o per lavoro: il desiderio di spendere poco, risparmiando qualcosa sull alloggio, per concedersi, magari, altri tipi di divertimento; il piacere di ritrovare una casa calda e accogliente come la propria, in cui fare rientro la sera; il desiderio di soggiornare in un ambiente affascinante per assaporarne meglio le tradizioni, gli usi e i costumi. IL PROFILO GIURIDICO DEL B&B Il d.lgs. n. 79/2011 aveva individuato due tipologie: i B&B organizzati in forma imprenditoriale (considerati strutture alberghiere) e quelli a conduzione familiare (inseriti nell ambito delle strutture extralberghiere). La sentenza n. 80/2012 della Corte Costituzionale ha dichiarato l incostituzionalità, fra gli altri, degli articoli del decreto che identificavano le strutture ricettive alberghiere e paralberghiere (art. 9) e le strutture ricettive extralberghiere (art. 12), perché si realizzava un accentramento di funzioni legislative spettanti in via ordinaria alle Regioni, in virtù della loro competenza legislativa residuale in materia di turismo alterando il riparto di competenze tra Stato e Regioni nella suddetta materia. Quasi tutte le Regioni hanno approvato norme sui Bed & Breakfast ad eccezione della Provincia autonoma di Bolzano e della Regione Toscana che, pur non ritenendo l attività attinente alla cultura e alla tradizione dell ospitalità locale, l hanno considerata come una particolare sottocategoria dell esercizio di affittacamere. Il nucleo dell attività, presente nella normativa delle diverse Regioni, è la seguente: l offerta di alloggio e di prima colazione; il carattere della saltuarietà; il numero limitato delle stanze e/o posti letto da adibire a Bed & Breakfast; il servizio di prima colazione che assume forme diversificate passando da cibi e bevande preconfezionati e non manipolabili a prodotti tipici della zona; l adozione o meno di un marchio distintivo; la possibilità o meno di estendere l attività anche a locali adiacenti all abitazione dell esercente. La Regione Puglia con la legge n. 111 del 9 agosto 2013 ha riproposto le due tipologie di B&B a conduzione familiare e in forma imprenditoriale sottoponendole, ovviamente, a discipline diverse e agendo da apripista a normative analoghe da parte di altre Regioni. Il B&B a conduzione familiare è di norma un attività ricettiva svolta in modo non continuativo e non imprenditoriale da un soggetto che, avvalendosi della normale organizzazione familiare, utilizza la casa di abitazione fornendo un numero limitato di stanze. 4

5 Il B&B in forma imprenditoriale invece è riferito a un attività svolta in modo continuativo e professionale da un soggetto presso il proprio domicilio avvalendosi della collaborazione di personale qualificato e, di norma, offrendo agli ospiti un numero maggiore di stanze/posti letto. In entrambi i casi il prodotto B&B fornisce un pacchetto di servizi, costituito da un servizio centrale cui si possono aggiungere dei servizi ausiliari. I servizi di base, quelli che fanno parte in modo vincolante del pacchetto Bed & Breakfast e ne costituiscono l aspetto caratterizzante e qualificante sono: l accoglienza, il pernottamento, la prima colazione e tutto quanto necessario alla loro prestazione (pulizia dei locali, fornitura e cambio della biancheria ecc.). I servizi ausiliari, che alcune leggi regionali vietano in relazione ai B&B a conduzione familiare, sono quelli che si aggiungono all offerta di base, arricchendola. La gamma di questo tipo di servizi è molto ampia, includendo tutti gli elementi che l azienda può offrire per aumentare il valore del proprio prodotto rispetto ai concorrenti: la sveglia al mattino e la disponibilità di una cassetta di sicurezza, la diffusione di informazioni sui fattori di attrattiva locali, il servizio prenotazione biglietti, l utilizzo di telefono, fax, computer e stampante, l organizzazione di mini corsi di cucina, di découpage, di ceramica, di essiccazione di fiori, di lingua italiana, di pittura su stoffa, di giardinaggio, di restauro di mobili antichi, di yoga, la programmazione di visite guidate, l organizzazione dei trasferimenti, la stipula di convenzioni con ristoranti, enoteche, negozi e impianti sportivi della zona, il noleggio di mountain bikes e di canoe, l assistenza degli animali al seguito dei clienti, il servizio di baby sitting, la prenotazione di un altro B&B o altra struttura ricettiva lungo l itinerario che i clienti desiderano percorrere, la disponibilità di un garage, l ideazione di veri e propri itinerari turistici (culturali, enogastronomici, naturalistici, musicali, sportivi, archeologici, di shopping). In molti Paesi esteri è prevista esplicitamente la possibilità di servire ai clienti, su richiesta e a pagamento, anche i pasti principali. In Italia le varie leggi che riconoscono il B&B, con questo nome o sotto la denominazione di esercizio saltuario di alloggio e prima colazione, al momento non prevedono la possibilità di somministrare pasti diversi dalla prima colazione. I servizi aggiuntivi rappresentano una fonte di differenziazione di un B&B dall altro e possono servire all operatore per destagionalizzare la propria attività, ovvero attirare clienti anche in periodi dell anno poco favorevoli sotto il profilo turistico. La differenziazione del prodotto mira a far percepire l offerta della struttura come distinta e migliore rispetto a quella dei concorrenti, e quindi ad assicurarsi un certo grado di discrezionalità nella determinazione del prezzo, perché il consumatore è disposto a corrispondere un prezzo superiore per ottenere un prodotto più prossimo al proprio ideale. LA PRIMA COLAZIONE Le leggi regionali disciplinano in modo diversificato il servizio di prima colazione. In prevalenza si prevede la sua somministrazione in uno spazio familiare condiviso con preferenza verso prodotti confezionati tipici e tradizionali, contraddistinti da marchi di tutela e di qualità per garantire la sicurezza igienica. Al fine di valorizzare le tradizioni del luogo si prevede la possibilità di offrire alimenti tipici locali elaborati con l attenzione domestica utilizzata di norma nella famiglia. In tal caso il gestore deve comunicare al cliente gli ingredienti impiegati nella preparazione e richiedere informazioni riguardo a eventuali intolleranze e allergie alimentari da parte degli ospiti. 5

6 Le Regioni che vietano la possibilità di somministrare una prima colazione con prodotti tipici locali rischiano di snaturare il desiderio di coinvolgimento del turista con la cultura del luogo, che caratterizza la domanda relativa alla ricettività B&B. Specialmente in alcune zone rurali del Sud, il B&B è svolto in assenza di una produzione locale confezionata di prodotti tipici, per cui un interpretazione limitativa della norma può costringere a somministrare al turista prodotti standardizzati e generici acquistati in un supermercato, a scapito della qualità percepita dal cliente rispetto alle aspettative. REQUISITI MINIMI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Di norma le leggi regionali richiedono la presenza di servizi e requisiti minimi obbligatori per svolgere l attività di B&B. Il servizio bagno deve essere autonomo rispetto alle esigenze della famiglia ospitante e deve garantire la disponibilità di almeno un bagno ogni due camere. In ogni caso è previsto un secondo bagno oltre a quello in uso per la famiglia. Le camere devono essere spaziose e consentire all ospite di potersi muovere agevolmente. Le camere che prevedono un posto letto devono avere una superficie minima uguale o superiore a otto metri quadrati. Per camere con due posti letto è prevista una superficie minima di dodici metri quadrati che aumentano di quattro metri quadrati per ogni posto letto aggiuntivo. Le norme regionali previste dalle leggi regionali a garanzia di una confortevole permanenza del cliente prevalgono in ogni modo sui regolamenti edilizi e d igiene comunale che dovessero prevedere superfici inferiori. Quotidianamente l esercente del B&B deve garantire, nel rispetto degli orari comunicati al cliente personalmente o da un suo incaricato, la pulizia dei locali. La biancheria, compresa quella da bagno, è fornita dal titolare del B&B che deve provvedere al suo cambio almeno due volte la settimana e ogni volta che arriva un nuovo ospite. È necessario, altresì, che le camere siano adeguatamente riscaldate, vengano fornite di energia elettrica e sia possibile usufruire di acqua calda e fredda. L esercizio dell attività di B&B, svolta nei limiti delle leggi regionali, non costituisce cambio della destinazione d uso residenziale già in atto nell unità immobiliare. L ESERCIZIO DEL B&B I B&B costituiti in forma imprenditoriale devono seguire quanto disposto dal Codice del turismo che detta alcune norme relative allo svolgimento dell impresa turistica, prevedendo l iscrizione nel registro delle imprese o nel repertorio delle notizie economiche e amministrative. La predetta iscrizione consente di usufruire delle agevolazioni, dei contributi, delle sovvenzioni, degli incentivi e dei benefici di qualsiasi genere riservati all impresa turistica. La legge n. 135/2001, abrogata dal Codice del turismo, prevedeva invece l iscrizione nel registro delle imprese come condizione necessaria per iniziare l attività turistica ed estendeva all impresa turistica le agevolazioni previste per le imprese industriali. Con la nuova disciplina l iscrizione nel registro delle imprese non è considerata condizione necessaria per l esercizio dell attività turistica ma solo per l ottenimento di benefici, agevolazioni e incentivi. 6

7 Permangono salvi nel Codice gli interventi di sostegno nazionali derivanti dall equiparazione delle imprese turistiche a quelle commerciali come i contributi, le agevolazioni, le sovvenzioni, gli incentivi e i benefici previsti per l industria, pur con i limiti previsti dalle norme comunitarie. Il registro delle imprese è tenuto dall Ufficio del registro delle imprese, istituito presso le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, sotto la vigilanza di un giudice delegato dal Presidente del Tribunale. Il registro è formato da una sezione ordinaria e da sezioni speciali. Alla sezione ordinaria devono iscriversi gli imprenditori commerciali; conseguentemente anche le imprese turistiche, compresi gli esercenti di B&B in forma imprenditoriale, devono iscriversi in questa sezione. L iscrizione ha efficacia dichiarativa e non costitutiva: infatti ogni fatto iscritto nel registro si presume conosciuto dai terzi e non è ammessa la prova contraria (pubblicità positiva). Per i fatti non iscritti nel registro si presume che i terzi non ne siano a conoscenza, ferma restando la possibilità per l imprenditore di fornire la prova in senso contrario. Il Repertorio economico e amministrativo (Rea) è una banca dati che raccoglie le notizie economiche e amministrative che integrano le informazioni del registro delle imprese. Contiene la descrizione dell attività esercitata dalle imprese, delle unità locali e i dati dei direttori tecnici, dei preposti ecc. Il soggetto interessato richiede l iscrizione al Repertorio economico e amministrativo nel momento in cui inizia l attività economica, indipendentemente dal momento in cui si costituisce. La denuncia può essere presentata sia con modello cartaceo sia con modalità telematica e deve avvenire depositando i seguenti documenti: modello prestampato con firma autografa e copia di un documento di riconoscimento del legale rappresentante; in caso di deposito telematico la firma del legale rappresentante può essere digitale o autografa su procura rilasciata a un soggetto abilitato alla trasmissione telematica; copia semplice dell atto costitutivo, statuto e copia del verbale di nomina del legale rappresentante in carica; per le società con sede principale all estero gli atti allegati devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana effettuata da periti del Tribunale o dalle ambasciate o consolati italiani del Paese estero in cui la società ha sede; eventuali allegati riguardo all attività denunciata (autorizzazioni, Segnalazione certificata di inizio attività ecc.). LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) L esercizio di B&B a conduzione familiare è soggetto alla normativa relativa alla Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) e non prevede, pertanto, l iscrizione presso il registro delle imprese o il Rea. Dal 31 luglio 2010 gli atti di autorizzazione, le licenze, le concessione non costitutive, i permessi o nulla osta comunque denominati, comprese le domande per le iscrizioni in albi o ruoli richieste per l esercizio di attività imprenditoriale, commerciale o artigianale il cui rilascio dipenda esclusivamente dall accertamento di requisiti e presupposti richiesti dalla legge o di atti amministrativi a contenuto generale, e non sia previsto alcun limite o contingente complessivo o specifici strumenti di programmazione settoriale per il rilascio degli atti stessi, sono sostituiti dalla presentazione di una Segnalazione certificata di inizio attività. La Scia dell apertura di un B&B deve contenere: le generalità complete del richiedente; la denominazione e l ubicazione del B&B; 7

8 l indicazione del titolo di disponibilità dell immobile; APPROFONDIMENTI la planimetria in scala dell immobile con l indicazione del numero delle camere, dei posti letto per ogni camera e dei servizi igienici con la segnalazione di quelli destinati all attività di B&B; il periodo di apertura e di chiusura dell esercizio; il possesso da parte dell immobile dei requisiti igienico-sanitari e di sicurezza richiesti dalla normativa vigente; l iscrizione nel registro delle imprese per i B&B a conduzione imprenditoriale; la sussistenza dei requisiti soggettivi previsti da t.u.l.p.s. n. 773/1931. Il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza impedisce l esercizio dell attività di B&B: ai soggetti condannati a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e che non hanno ottenuto la riabilitazione, a chi è sottoposto all ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza, a chi ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, o per violenza o resistenza all autorità e a chi non può provare la sua buona condotta. L esercizio dell attività deve essere revocato quando vengono a mancare, in tutto o in parte, le condizioni precedenti e quando sopraggiungono o vengono a risultare circostanze che avrebbero imposto il diniego dell esercizio; ai soggetti condannati per reati contro la moralità pubblica e il buon costume, o contro la sanità pubblica o per giochi d azzardo, o per delitti commessi in stato di ubriachezza o per contravvenzioni concernenti la prevenzione dell alcolismo, o per infrazioni alla legge sul lotto, o per abuso di sostanze stupefacenti. La Scia deve: essere presentata il giorno dell inizio dell attività economica (la data di inizio dell attività denunciata deve quindi corrispondere a quella di presentazione della Scia); essere allegata a un modello di comunicazione unica e di iscrizione/variazione al registro delle imprese (nei casi di esercizio dell attività di B&B in forma imprenditoriale); contenere le dichiarazioni sostitutive di certificazioni e dell atto di notorietà necessarie per documentare il possesso dei requisiti professionali, morali e personali previsti dalle normative. In caso di accertata mancanza dei requisiti necessari, entro il termine di 60 giorni dal ricevimento della Scia, l amministrazione competente adotta motivati provvedimenti con cui dispone il divieto di proseguire l attività e la rimozione degli eventuali effetti dannosi. L interessato può evitare tali provvedimenti conformando alla normativa vigente l attività e i suoi effetti entro un termine fissato dall amministrazione, in ogni caso non inferiore a 30 giorni. Ove il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, nelle dichiarazioni o attestazioni o asseverazioni che corredano la segnalazione di inizio attività, dichiara o attesta falsamente l esistenza dei requisiti o dei presupposti richiesti è punito con la reclusione da uno a tre anni. Sono esclusi dalla disciplina sulla Scia i casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e gli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all immigrazione, all asilo, alla cittadinanza, 8

9 all amministrazione della giustizia, all amministrazione delle finanze, ivi compresi gli atti concernenti le reti di acquisizione del gettito anche derivante dal gioco, e quelli imposti dalla normativa comunitaria. La comunicazione di inizio esercizio viene rinnovata annualmente mediante la presentazione di una semplice dichiarazione al Comune, salvo modifiche nelle caratteristiche della struttura ricettiva. In quest ultimo caso deve essere ripresentato al Comune il modello iniziale. Il Comune in seguito ad apposito sopralluogo rilascia una presa d atto. Da quel momento la struttura ritenuta idonea entra a far parte di un apposito elenco. LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (SUAP) Al fine di agevolare la costituzione delle imprese l Unione europea ha invitato gli Stati membri a creare lo Sportello unico per le attività produttive (Suap). Con il d.p.r. n. 160/2010 lo Sportello unico per le attività produttive è diventato in Italia l unico punto di accesso per le imprese in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti le attività produttive e fornisce una risposta unica e tempestiva alle esigenze dell imprenditore. Il Codice del turismo, sempre nell ottica di eliminare gravosi adempimenti burocratici a carico delle imprese turistiche, generalizza l utilizzo dello sportello unico al fine di garantire l applicazione dei principi di trasparenza, uniformità, celerità del procedimento ovvero la maggiore accessibilità al mercato. Il d.lgs. n. 79/2011 richiama tutte le norme in vigore facendo salve le forme di semplificazione più avanzate eventualmente previste dalle specifiche discipline regionali. Lo sportello unico è uno strumento di semplificazione amministrativa che utilizza a sua volta altri strumenti di semplificazione (conferenza di servizi, Scia, silenzio assenso, accordo tra amministrazione e privati ecc.) al fine di snellire i rapporti tra Pubblica amministrazione (Pa) e utenza. Le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni nonché gli elaborati tecnici e gli allegati devono essere presentati esclusivamente in modalità telematica. Sempre in via telematica lo sportello unico inoltra la documentazione alle altre Amministrazioni che intervengono nel procedimento. Il portale realizzato dal Ministero per lo Sviluppo economico ha la funzione di raccordo telematico e di interazione tra tutti i soggetti e gli enti interessati. È pertanto rimesso al portale il collegamento e il reindirizzo ai sistemi informativi e ai portali già realizzati, garantendo l interazione tra le Amministrazioni. Dal 29 marzo 2011 è possibile iniziare un attività imprenditoriale soggetta a Scia esclusivamente attraverso invio telematico allo Sportello unico per le attività produttive gestito dai Comuni o dalle Camere di commercio. GLI OBBLIGHI DELL ESERCENTE DELL ATTIVITÀ DI B&B L esercente dell attività di B&B deve osservare i seguenti adempimenti: esporre al pubblico i prezzi praticati, i periodi di attività, la capacità ricettiva, la copia della Scia e una dichiarazione di idoneità o meno della struttura ricettiva a offrire ospitalità alle persone diversamente abili; ottemperare agli obblighi di pubblica sicurezza; 9

10 comunicare agli organi competenti ai sensi delle legislazioni regionali i prezzi minimi e massimi da applicare nell anno successivo e i periodi di attività; comunicare agli organi competenti il movimento degli ospiti al fine delle rilevazioni statistiche; esporre all esterno l eventuale marchio regionale; al termine del soggiorno rilasciare al cliente un documento fiscalmente valido che provi l avvenuto pagamento dei servizi forniti; sottoscrivere una polizza assicurativa di responsabilità civile per il verificarsi di eventuali danni agli ospiti (obbligatoria per gli esercizi imprenditoriali, consigliata per quelli a conduzione familiare); per l attività di B&B in forma imprenditoriale esporre l iscrizione nel registro delle imprese. Le leggi regionali prevedono che in caso di sospensione temporanea, di solito per un periodo massimo di un anno, dell attività il gestore della struttura è tenuto a inviare una comunicazione al Comune di appartenenza. Superato il periodo massimo previsto dalle normative l attività di B&B si considera cessata e, se si tratta di attività svolta in forma imprenditoriale, occorre inviare la comunicazione di cessazione alla Camera di commercio competente. Al fine di regolare un settore frequentemente gestito con una certa approssimazione e per tutelare la clientela che tende ad aumentare costantemente, le Regioni hanno previsto misure sanzionatorie per comportamenti non conformi alle leggi. In caso di mancata segnalazione è prevista una sanzione amministrativa spesso accompagnata dalla chiusura dell attività. Altre sanzioni amministrative sono irrogate in caso di mancata esposizione al pubblico della Scia, delle tabelle dei prezzi, dei periodi di chiusura e apertura dell attività, di mancato rispetto di quanto pubblicizzato in tema di attrezzatura, dell applicazione di prezzi difformi da quelli comunicati, di dotazione di posti letto superiore rispetto a quella segnalata, dell accoglienza di un numero di persone maggiore rispetto alla capacità ricettiva della struttura, di mancato rispetto dell obbligo della dimora/domicilio. Il decreto 7 gennaio 2013 del Ministero dell Interno ha stabilito che i gestori delle strutture ricettive (compresi B&B, affittacamere anche non professionali, case vacanze ecc.) hanno l obbligo di trasmettere con mezzi informatici le generalità delle persone alloggiate entro le 24 ore successive al loro arrivo e comunque all arrivo stesso per soggiorni inferiori alle 24 ore. Le nuove procedure telematiche apportano significativi benefici sia in termini di tutela della privacy sia in termini di pubblica sicurezza. Le informazioni sensibili da fornire sono: generalità, estremi del documento di riconoscimento e numero dei giorni di permanenza. Per quindici giorni i dati possono essere consultati dai soli operatori incaricati per finalità di prevenzione, di accertamento e repressione dei reati oltre che di tutela dell ordine e della sicurezza pubblica. Decorso tale termine, le informazioni sulle persone ospitate potranno essere consultate esclusivamente dagli ufficiali di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza addetti ai servizi investigativi con profilo di accesso a livello nazionale. L operatore deve poi comunicare mensilmente il movimento degli ospiti alla Provincia su apposito modello Istat fornito dalla stessa, al fine di permettere le rilevazioni statistiche. I prezzi dei servizi dei Bed & Breakfast e più in generale di tutte le strutture turistico-ricettive sono liberamente determinati dai singoli operatori. OBBLIGHI FISCALI Il servizio di alloggio e prima colazione, se esercitato occasionalmente, non è assoggettato all Iva, come chiarito dal Ministero delle Finanze con la risoluzione 10

11 n. 155/2000. Infatti, il presupposto soggettivo di imponibilità all Iva, ai sensi del d.p.r. n. 633/1972, sussiste solo qualora le prestazioni di servizi siano non occasionali, cioè rientrino in un attività esercitata per professione abituale. Il carattere saltuario dell attività di fornitura di alloggio e prima colazione, che si identifica sostanzialmente con quello di occasionalità, ne consente in via generale l esclusione dal campo di applicazione dell Iva. Ciò sempreché, ovviamente, tale attività, anche se esercitata periodicamente, non sia svolta in modo sistematico, con carattere di stabilità, evidenziando un opportuna organizzazione di mezzi che è indice di professionalità dell esercizio dell attività stessa. L operatore di B&B a conduzione familiare è un semplice privato che, operando senza ricorrere alla partita Iva, è esonerato da tutta una serie di altri adempimenti strettamente legati alla natura imprenditoriale dell attività: tenuta della contabilità Iva, contribuzione Inps, iscrizione alla Camera di commercio, eventuale iscrizione all Inail e così via. Il Ministero non si è invece pronunciato circa il trattamento da riservare ai proventi conseguiti nell esercizio dell attività ai fini delle imposte sui redditi. Non trattandosi di redditi percepiti nell esercizio di un impresa, i proventi devono sicuramente essere inquadrati tra i redditi diversi di cui all art. 81 del d.p.r. n. 917/1986. Sorge tuttavia il problema di individuarne, nell ambito di tale articolo, l esatta collocazione: potrebbero essere considerati, infatti, come redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, ai sensi della lettera i), o, eventualmente, come redditi derivanti dalla sublocazione di beni immobili di cui alla lettera h). I redditi diversi di cui alle predette lettere i) e h) sono determinati come differenza tra l ammontare percepito nel periodo di imposta e le spese specificamente inerenti alla loro produzione, opportunamente documentate. La documentazione concernente le spese deve essere conservata per almeno 6 anni ed essere esibita all Amministrazione finanziaria in caso di controllo del reddito dichiarato. Ciò considerato potrebbe essere utile l istituzione di un registro che riepiloga gli incassi e le spese sostenute riguardo all attività, in modo da poter determinare il reddito soggetto a imposta ed eventualmente esibirlo al competente ufficio tributario. Al fine di documentare la riscossione delle somme, il gestore, non avendo partita Iva, deve rilasciare una ricevuta, non fiscale, redatta in duplice esemplare, sulla quale deve riportare la numerazione progressiva, la data di emissione, il numero di giorni di permanenza del cliente, il corrispettivo incassato. Una copia delle ricevute emesse sarà trattenuta dal titolare e costituirà la base per determinare l imponibile da indicare nella dichiarazione dei redditi al netto dei costi sostenuti specificamente inerenti all attività. LA QUALITÀ DEI SERVIZI DEL B&B Il successo di questa recente modalità ricettiva è legato alla qualità dei servizi che gli operatori saranno in grado di offrire agli ospiti. Le leggi regionali hanno prestato un relativo interesse al tema mentre le associazioni di categoria ed enti specializzati mostrano un interesse maggiore. L Istituto nazionale per le ricerche turistiche (Isnart) ha individuato i requisiti da soddisfare affinché i B&B possano acquisire il marchio Ospitalità Italiana che qualifica le strutture ricettive in relazione alla qualità dei servizi offerti. Gli aspetti oggetto di valutazione sono dieci e riguardano l accesso, la privacy, l accoglienza e le aree comuni, le camere, la colazione, il bagno, i servizi aggiuntivi, le informazioni, il rispetto delle normative nazionali e regionali e l approccio ecocompatibile. Un attenzione particolare è prestata alla disponibilità di un sito Internet dal quale il potenziale ospite può visionare la struttura, che deve essere presentata in modo veritiero, e trovare adeguate informazioni sul territorio. 11

12 L accoglienza deve essere a cura del titolare o di un suo familiare che sia in grado di parlare la lingua inglese o la lingua straniera della clientela principale e deve avvenire in spazi perfettamente puliti e con un atmosfera piacevole. La struttura deve seguire un approccio ecocompatibile evidenziando molta attenzione a determinate problematiche come la limitazione al consumo energetico e idrico, la raccolta differenziata dei rifiuti, la promozione di comportamenti e scelte per acquisti ecocompatibili, la sensibilizzazione del cliente sui temi ambientali. I B&B NEI PAESI STRANIERI Irlanda In Irlanda ogni anno tutte le sistemazioni sono ispezionate da un apposita società incaricata dall Irish Tourist Board, che verifica la loro conformità agli standard previsti dalla legge. Una volta certificata la corrispondenza agli standard, si concede un apposito marchio rappresentato dal trifoglio che viene esposto sulle insegne delle case a indicare che il B&B risponde agli standard qualitativi. Francia La legge francese prevede i requisiti materiali minimi per le camere e i bagni, nonché le categorie di classificazione. Tutte le stanze sono ispezionate e distinte in categorie identificate dal numero di spighe: 1 spiga (camere semplici e modeste); 2 spighe (camere abbastanza confortevoli, con almeno un lavandino o un wc privato); 3 spighe (camere molto confortevoli, con bagno privato completo); 4 spighe (camere di comfort eccellente, con bagno privato). La classificazione viene effettuata assegnando dei punti ai vari elementi presi in considerazione, alcuni essenziali e altri facoltativi. Germania In Germania le Privatzimmer (camere private) sono molto diffuse, il servizio è ben organizzato e offre una vasta gamma di sistemazioni, con innumerevoli opportunità sia nelle grandi città sia nelle piccole località turistiche. Lo Stato garantisce la qualità e la conformità alla legge delle strutture ricettive, esercitando una verifica degli standard richiesti per ognuna di esse attraverso gli enti preposti. Tutti i B&B sono ispezionati regolarmente dagli incaricati delle agenzie locali e classificati in tre categorie: categoria semplice (la stanza per gli ospiti è arredata semplicemente e il bagno è in comune con i proprietari); categoria superiore (la camera per gli ospiti è confortevole e, di regola, dispone di un bagno riservato); categoria lusso (la camera ha un arredamento particolarmente elegante e curato e ha sempre un bagno privato). Austria L Austria è suddivisa in nove Bundeslander e, per quanto riguarda l accoglienza extralberghiera, in ciascuna delle nove regioni è presente un associazione che raggruppa le Privatzimmer caratterizzata da uno statuto con proprie regole. In comune i circuiti austriaci hanno la caratteristica di rilasciare ai soci che ne hanno i requisiti un sigillo di qualità, con simboli differenti secondo il consorzio, che ne attesta il livello qualitativo. La conformità della singola struttura ricettiva agli standard qualitativi ufficiali è periodicamente soggetta a controlli da parte degli enti preposti; se un operatore desidera apportare dei miglioramenti alla propria dimora e quindi accedere a una categoria superiore potrà usufruire di contributi finanziari pubblici. 12

13 Inghilterra APPROFONDIMENTI In Inghilterra esiste uno schema di valutazione uniforme delle strutture ricettive basato su qualità e gamma dei servizi. La Serviced Accomodation si distingue in Hotels e Guest Accomodation (che comprende Bed & Breakfasts, guesthouses e farmhouses). In relazione a questa distinzione si hanno due diversi sistemi di rating: rispettivamente lo Star rating e il Diamond rating. I sistemi di rating sono volti a garantire il turista sul livello qualitativo della sistemazione scelta. La Guest Accomodation è valutata usando i diamanti, il Diamond rating mette in evidenza la qualità delle sistemazioni tenendo conto di fattori come la pulizia, il servizio e l ospitalità, la qualità dei bagni e delle camere da letto, così come quella del cibo. Le strutture sono ispezionate regolarmente per garantire che rispettino gli standard minimi. 13

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA'

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' MOD. COM 1 REGIONE PUGLIA Esercizi di Commercio al dettaglio di vicinato SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE IN STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli