Miniguida alla scelta del corso di laurea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Miniguida alla scelta del corso di laurea"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Miniguida alla scelta del corso di laurea Anno Accademico 2007/2008

2 INDICE Presentazione della Facoltà pag. 3 Offerta Didattica 2007/2008 pag. 4 Corsi di Laurea Triennale e a Ciclo Unico pag Discipline Economiche e Sociali pag Economia pag Economia Aziendale pag Giurisprudenza (Laurea Megistrale 5 anni) pag Metodi Quantitativi per l Economia e la gestione delle Aziende pag Scienze Geo Topo Cartografiche, Estimative, Territoriali ed Edilizie (Corso Interfacoltà) pag Scienze Turistiche (Corso Interfacoltà) pag. 11 Corsi di Laurea Specialistica pag Discipline Economiche e Sociali per lo Sviluppo e la 2. Cooperazione pag Economia Applicata pag Economia Aziendale pag Giurisprudenza per l Economia e l Impresa pag Statistica ed Informatica per l Economia e la Finanza pag Valorizzazione dei Sistemi Turistico Culturali pag. 18 I Servizi pag. 20 Contatti utili pag. 28 2

3 PRESENTAZIONE DELLA FACOLTA La Facoltà di Economia rappresenta uno dei punti di forza dell Università della Calabria, essendo presente come offerta didattica sin dal 1972, anno di costituzione dell Ateneo di Arcavacata. La Facoltà ha avuto nel corso degli anni una rapida crescita sia per numero di studenti iscritti, sia per offerta formativa, con insegnamenti che spaziano dall economia teorica ed applicata, alla sociologia, al diritto, al management, all informatica, alla statistica ed alla demografia. Questa crescita, che è avvenuta in raccordo e in sintonia con la pressante domanda di istruzione universitaria proveniente dal territorio, ha comportato uno sforzo notevole di riorganizzazione dei servizi didattici, al fine di ottenere sempre standard di elevata qualità. Nella Facoltà sono attivi sei corsi di laurea di primo livello (lauree triennali): Discipline Economiche e Sociali, Economia, Economia Aziendale, Metodi quantitativi per l Economia e la Gestione delle Aziende, Scienze Turistiche (in collaborazione con la Facoltà di Lettere), Scienze Geo Topo Cartografiche Estimative Territoriali ed Edilizie (in collaborazione con la Facoltà di SMFN ed Ingegneria) e sei di secondo livello (lauree specialistiche): Giurisprudenza per l Economia e l Impresa, Discipline Economiche e Sociali per lo Sviluppo e la Cooperazione, Economia Applicata, Economia Aziendale, Statistica per l Economia e la Finanza, Valorizzazione dei Sistemi Turistico Culturali. Dall a.a. 2006/07 è stato istituita anche la Laurea Magistrale in Giurisprudenza (ciclo unico di 5 anni). La Facoltà di Economia dedica molta attenzione al tema dell internazionalizzazione sia nel campo della ricerca che della didattica attraverso lo scambio di studenti e docenti con altre università estere. Tra gli accordi si segnalano quelli con l università di Nizhni Novgorod (Russia), l università di Bochum (Germania), di Roskilde (Danimarca) e Brno (Slovacchia). Più di recente sono stati avviati rapporti con le università canadesi di North York, Toronto e Waterloo e con l università statunitense di Parkside (Wisconsin). Sono inoltre in corso contatti per la realizzazione di partnership con l università tunisina di Gafsa e con alcune Università cinesi. La Facoltà è dotata di una biblioteca moderna, la Biblioteca Interdipartimentale E. Tarantelli, di tipo self service, completamente automatizzata e con un notevole patrimonio librario; possiede un laboratorio statistico informatico, laboratori informatici per la didattica e un ufficio stage. La Facoltà è collegata in Internet attraverso il sito web: e dotata di un Portale degli studenti con lo scopo di favorire lo scambio di informazioni tra la comunità universitaria. Nel corso di questi ultimi anni la Facoltà ha istituito numerosi dottorati di ricerca, costituendo anche consorzi con altre università italiane. La Facoltà di Economia, per lo standard dei servizi offerti, per il favorevole rapporto studentidocenti, per l elevato numero di studenti laureati, per l alta qualità della ricerca, ha occupato sempre una posizione di preminenza nelle graduatorie dell offerta didattica in Italia che ogni anno il Censis pubblica in collaborazione con il quotidiano la Repubblica. Il PRESIDE Prof. Giuseppe De Bartolo 3

4 Facoltà di Economia OFFERTA DIDATTICA Anno Accademico CORSI DI LAUREA TRIENNALE E A CICLO UNICO DISCIPLINE ECONOMICHE E SOCIALI Classe di Laurea n.35 ECONOMIA Classe di Laurea n.17 ECONOMIA AZIENDALE Classe di Laurea n.17 GIURISPRUDENZA (LAUREA MAGISTRALE 5 ANNI) Classe di Laurea LGM 01 METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA E LA GESTIONE DELLE AZIENDE Classe di Laurea n.37 SCIENZE GEO TOPO CARTOGRAFICHE, ESTIMATIVE, TERRITORIALI ED EDILIZIE (corso Interfacoltà SMFN ECONOMIA INGEGNERIA) Classe di Laurea n.7 SCIENZE TURISTICHE (corso Interfacoltà ECONOMIA LETTERE E FILOSOFIA) Classe di Laurea n.39 CORSI DI LAUREA SPECIALISTICA DISCIPLINE ECONOMICHE E SOCIALI PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO Classe di Laurea Specialistica 88/S ECONOMIA APPLICATA Classe di Laurea Specialistica 64/S ECONOMIA AZIENDALE Classe di Laurea Specialistica 84/S GIURISPRUDENZA PER L ECONOMIA E L IMPRESA (AD ESAURIMENTO) Classe di Laurea Specialistica 22/S STATISTICA E INFORMATICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Classe di Laurea Specialistica 91/S VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO CULTURALI Classe di Laurea Specialistica 55/S 4

5 Facoltà di Economia CORSI DI LAUREA TRIENNALE E A CICLO UNICO DISCIPLINE ECONOMICHE E SOCIALI Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il Corso di Studio in Discipline Economiche e Sociali, Classe di laurea n. 35. Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace, si pone lʹobiettivo di formare un profilo culturale e professionale basato sulla conoscenza dei processi di mondializzazione dell economia; delle dinamiche interculturali e di genere; delle componenti storiche culturali economiche sociali e istituzionali dello sviluppo anche a livello locale; dei processi di mutamento ambientale e di sviluppo sostenibile. Il Corso di Studio mira a caratterizzare questo profilo attraverso le seguenti conoscenze ed abilità: - Conoscenze nell area delle discipline dello sviluppo e del mutamento sociale. - Conoscenza delle politiche di pari opportunità. - Utilizzo efficace, in forma scritta e orale, della lingua inglese e di un altra lingua dell Unione Europea, oltre all italiano, nell ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali. - Utilizzo efficace degli strumenti per la comunicazione e la gestione delle informazioni; - Capacità relazionali per svolgere attività di gruppo, per operare con alto grado di autonomia e per inserirsi attivamente negli ambienti di lavoro. La formazione offerta dal Corso di Laurea si propone di fornire le conoscenze e le competenze necessarie per operare efficacemente nellʹambito delle seguenti aree: - Pubblica amministrazione, con funzioni di operatore di programmazione e gestione di programmi di sviluppo economico e sociale; - Terzo settore, con funzioni di operatore di promozione e gestione di interventi nel campo della cooperazione sociale e culturale; - Organizzazioni internazionali, con funzioni di operatore di gestione, analisi e valutazione di programmi di cooperazione internazionale; - Istituzioni educative, con funzioni di formatore economico sociale e di ʺmediatore culturaleʺ. 5

6 La partecipazione al Corso richiede una preparazione di base che riguarda: - corretta capacità di espressione scritta nella lingua italiana; - conoscenze della storia moderna e contemporanea; - conoscenze della geografia politica ed economica mondiale. Al fine di rendere agevole il percorso formativo, in vista dellʹammissione al primo anno si provvederà allʹaccertamento delle eventuali carenze dello studente. Il corso di laurea si articola in due percorsi formativi: 1) Cooperazione 2) Sviluppo Locale ECONOMIA Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali I laureati del Corso di Laurea in Economia si caratterizzano per l affiancare ad un adeguata conoscenza delle materie aziendali solide competenze nelle discipline economiche. Più in particolare, obiettivo del Corso di Laurea è formare economisti prevalentemente destinati ad operare in aziende, pubbliche o private, e nella Pubblica Amministrazione. I laureati saranno in grado sia di valutare da un punto di vista economico le attività produttive (di beni o servizi) realizzate, che le implicazioni per queste di variazioni nel contesto socioeconomico, di mercato e delle politiche economiche in cui l azienda o l Amministrazione Pubblica opera. Proprio perché il focus del progetto formativo è costituito dai legami funzionali fra le attività delle unità di produzione di beni e servizi, da un lato, e l evoluzione del contesto socioeconomico, dei mercati e delle politiche economiche, dall altro, elemento caratterizzante del Corso di Laurea nell ambito della Classe di appartenenza è l acquisizione di solide conoscenze di base di teoria e politica economica. A partire da un nucleo di competenze comuni in micro economia, macro economia, economia aziendale, metodi di analisi quantitativa e diritto, che costituiscono gli strumenti di base indispensabili per il curriculum dello studente in Economia, sono possibili allʹinterno del Corso di Laurea percorsi formativi che consentono specializzazioni in grado di soddisfare domande di profili specifici da parte delle imprese o degli Enti pubblici, consentendo così un più facile inserimento dei laureati nel mondo del lavoro. Gli studenti possono privilegiare l approfondimento degli strumenti tipici dell ʺeconomista di impresaʺ o dare maggiore enfasi agli elementi della loro formazione di interesse per gli Enti Locali e, più in generale, della Pubblica Amministrazione. Un terzo profilo è quello definibile da quanti vogliono conseguire al termine degli studi una preparazione tale da consentire un agevole prosecuzione della formazione con lʹacquisizione di una Laurea Specialistica nellʹarea economica. 6

7 Tipicamente il laureato in Economia è destinato a trovare impiego come ʺeconomista d impresaʺ o come ʺeconomistaʺ all interno di un impresa pubblica o privata di mediograndi dimensioni, o in un Amministrazione Pubblica. La formazione comune a tutti i profili della Laurea in Economia è definita in maniera da garantire comunque a tutti i laureati il possesso delle conoscenze necessarie per intraprendere una libera professione nellʹarea economica ed economico aziendale. ECONOMIA AZIENDALE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il corso di laurea in Economia Aziendale si propone di fornire allo studente strumenti metodologici e scientifici tali da prepararlo alla professione nel mondo aziendale, in modo da renderlo in grado di interpretare e guidare correttamente il funzionamento dellʹazienda nelle sue diverse tipologie e aspetti. Lo studente, grazie al corso di studi intrapreso, potrà non solo avere la padronanza delle diverse funzioni aziendali e la conoscenza degli strumenti di supporto, di indirizzo e di analisi della gestione, ma acquisirà anche la capacità di cogliere le interazioni tra impresa e ambiente. A tal fine, si mirerà a far acquisire allo studente le necessarie competenze di base nelle discipline aziendali, economiche, giuridiche e quantitative, così da prepararlo ad entrare nel mondo del lavoro ed in particolare nelle aziende private, nella libera professione, nelle aziende pubbliche, nel campo della formazione. Il corso di laurea si articola in quattro percorsi formativi (curricula): 1) Banca e Finanza 2) Economia e Gestione delle Imprese 3) Imprese, Mercati e New Economy 4) Libera professione e Direzione Aziendale Il primo ed il secondo anno di studi prevedono una serie di contenuti comuni a tutti i percorsi: si tratta di insegnamenti ritenuti indispensabili per fornire agli studenti un background culturale idoneo ad affrontare con successo sia l anno di studio successivo sia le sfide che pongono il mondo del lavoro ed i percorsi di studio post lauream (lauree specialistiche, master, dottorati di ricerca). Vengono impartiti pertanto insegnamenti di economia, diritto, matematica, economia aziendale, statistica, gestione d impresa e management, lingua inglese e seconda lingua straniera, informatica. I percorsi formativi, o curricula (a partire dal terzo anno), hanno l obiettivo di rinforzare alcune competenze specifiche in funzione di un più efficace e immediato inserimento nel mondo del lavoro, già dopo il primo triennio di studi universitari. L offerta di percorsi, tuttavia, è stata progettata anche nella prospettiva di chi intende proseguire gli studi universitari al fine di conseguire una Laurea Specialistica o un Master. Per tutte queste ragioni, i curricula presentano una combinazione di corsi e di attività didattiche originali e interattive (esercitazioni pratiche, studi di casi aziendali in company, simulazioni, business game, stage e tirocini) idonee a consentire un immediato ed efficace ingresso nel mondo del 7

8 lavoro, come pure la prosecuzione degli studi per l ottenimento dei titoli post lauream sul medesimo percorso di specializzazione o su percorsi contigui (tutte le aree dell economia aziendale e della gestione; l area della gestione delle tecnologie e delle reti internet l area della giurisprudenza d impresa, e così via). La scelta di un percorso di studio non è vincolante rispetto agli sbocchi post lauream. Ai laureati in Economia Aziendale si aprono prospettive occupazionali nei seguenti ambiti: gestione delle aree funzionali (finanza, marketing, controllo di gestione, contabilità etc.) delle imprese, pubbliche e private; gestione delle aree funzionali delle banche e degli altri intermediari finanziari; libera professione; attività di studio e di ricerca. Con la laurea triennale ed il tirocinio previsto dalla legge si viene ammessi all esame di Stato per l iscrizione all albo dei Dottori Commercialisti nella sezione esperti contabili, indipendentemente dal percorso formativo scelto. Le lauree in Economia Aziendale e in Economia sono le sole, tra quelle attivate dalla Facoltà di Economia, che offrono la possibilità di sostenere lʹesame di Stato per lʹesercizio della libera professione. GIURISPRUDENZA (LAUREA MAGISTRALE 5 ANNI) Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali I laureati dei corsi della classe di laurea devono: aver conseguito elementi di approfondimento della cultura giuridica di base nazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie casistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione e alla valutazione di principi o istituti del diritto positivo; aver conseguito approfondimenti di conoscenze storiche che consentano di valutare gli istituti del diritto positivo anche nella prospettiva dell evoluzione storica degli stessi; possedere capacità di produrre testi giuridici (normativi e/o negoziali e/o processuali) chiari, pertinenti ed efficaci in rapporto ai contesti di impiego, ben argomentati, anche con l uso di strumenti informatici; possedere in modo approfondito le capacità interpretative, di analisi casistica, di qualificazione giuridica (rapportando fatti a fattispecie), di comprensione, di rappresentazione, di valutazione e di consapevolezza per affrontare problemi interpretativi ed applicativi del diritto; possedere in modo approfondito gli strumenti di base per l aggiornamento delle proprie competenze. I laureati dei corsi della classe, oltre ad indirizzarsi alle professioni legali ed alla magistratura, potranno svolgere attività ed essere impiegati, in riferimento a funzioni caratterizzate da elevata responsabilità, nei vari campi di attività sociale, socio economica e politica ovvero nelle istituzioni, nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese private, nei sindacati, nel settore del diritto dell informatica, nel settore del diritto comparato, internazionale e comunitario (giurista europeo), oltre che nelle organizzazione internazionali 8

9 in cui le capacità di analisi, di valutazione e di decisione del giurista si rivelano feconde anche al di fuori delle conoscenze contenutistiche settoriali. Il corso di laurea, oltre a garantire gli obiettivi propri della classe di laurea in Giurisprudenza, si pone lo scopo di offrire allo studente un buon livello di conoscenze negli studi economici, aziendalistici e statistici, che si ritengono ormai indispensabili per operare con professionalità e competenze nel mondo giuridico delle nostre società complesse. Su questa base di conoscenze, il corso di laurea consente di avere una preparazione giuridica completa ed integrata dagli strumenti conoscitivi e metodologici propri delle scienze economiche, capace di formare un giurista che operi, con competenze e senso critico, sia allʹinterno delle imprese o delle istituzioni pubbliche, sia quando si indirizzi verso le professioni legali di avvocato, magistrato e notaio. METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA E LA GESTIONE DELLE AZIENDE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il corso di laurea in Metodi Quantitativi per l Economia e la Gestione delle Aziende (Classe 37, Classe delle Lauree in Scienze Statistiche) si propone di formare laureati aventi un adeguata conoscenza di tipo metodologico e applicativo nel campo della statistica e dei metodi quantitativi, che possano operare con autonomia e competenza in vari ambiti dell economia e della gestione delle aziende. Una tale figura professionale potrà inserirsi in numerosi settori delle pubbliche amministrazioni e delle aziende private in cui è sempre più richiesta la presenza di personale qualificato capace di sviluppare analisi di dati ed utilizzare strumenti quantitativi al fine della gestione delle risorse, della programmazione delle attività e quindi, in definitiva, come supporto ai processi decisionali. Una precipua formazione che vede opportunamente integrate le discipline statistiche e quantitative con quelle informatiche ed economicoaziendali consente non solo di ricoprire ruoli tecnici, ma anche di operare con compiti manageriali e di elevata responsabilità in settori quali ad esempio: analisi e studio di modelli statistici di dati socio economici, progetto e gestione di basi di dati, analisi e progetto di prodotti finanziari e assicurativi, valutazione della qualità dei servizi pubblici e privati, rilevazioni statistiche e indagini di mercato. Per tali motivi, il progetto formativo prevede che nel corso dei suoi studi lo studente acquisisca oltre a solide conoscenze nelle discipline matematico statistiche anche delle conoscenze di natura informatica e di tipo economico aziendale in proporzione diversa in percorsi differenziati. Il corso di laurea si articola in tre percorsi formativi: 1) Finanza e assicurazioni 2) Statistica e applicazioni 3) Statistica e informatica per l azienda 9

10 SCIENZE GEO TOPO CARTOGRAFICHE, ESTIMATIVE, TERRITORIALI ED EDILIZIE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il Corso di Laurea in Scienze Geo Topo Cartografiche, Estimative, Territoriali ed Edilizie, come indicato già dal suo nome, certamente abbastanza complesso, si propone di creare non uno specialista (e anche questo rappresenta un innovazione), ma una persona dotata di visuale molto ampia nell osservazione dei problemi del territorio, di capacità di intervento molto variegate, di conoscenze tecniche aggiornate e di una visione moderna della gestione del territorio. Come richiesto al giorno d oggi dalla delicatezza e dalla complessità dei problemi trattati, le conoscenze tecniche che lo studente acquisirà sono distribuite su uno spettro tanto ampio che la caratteristica maggiormente distintiva del Corso di Laurea è proprio la multidisciplinarietà, testimoniata tra l altro anche dal numero delle Facoltà che concorrono alla sua realizzazione. I piani di studio infatti prevedono, dopo gli indispensabili elementi di base di matematica, fisica, chimica, ed informatica, l acquisizione da parte degli studenti degli strumenti culturali necessari alla conoscenza del territorio e dell ambiente ed alla loro descrizione, di quelli indispensabili per la loro utilizzazione e di quelli da impiegare loro nella gestione. In estrema sintesi e rispettando l ordine logico appena dato agli elementi formativi della personalità del laureato, si può affermare che la prima categoria di conoscenze sarà fornita dagli insegnamenti di tipo geodetico, topografico, cartografico, geologico, ecologico; per la seconda, provvederanno gli insegnamenti di tipo ingegneristico ed urbanistico che forniscono la capacità di programmare l uso del territorio e di produrre manufatti; per la terza, i piani di studio prevedono tutta una serie di insegnamenti di tipo legale ed economico. Un diverso dosaggio degli elementi descritti porta all articolazione del corso di studi in due curricula, detti rispettivamente geo topo cartografico ed eco ambientale: il primo è caratterizzato da una prevalenza degli aspetti fisici e descrittivi; il secondo da un maggior rilievo dato agli aspetti di programmazione dell uso del territorio dal punto di vista ecologico. La multidisciplinarietà del corso di laurea rappresenta un valido passaporto in diverse direzioni e, per i laureati che intendano proseguire ulteriormente gli studi universitari, i crediti acquisiti potranno essere riconosciuti, almeno in parte, in molti corsi di laurea specialistica. Per quanto riguarda invece l ingresso immediato (cioè con la laurea triennale) nel mondo del lavoro, non a caso la normativa in vigore consente a tutti i laureati della classe 7, e quindi anche ai laureati in Scienze Geo Topo Cartografiche, Estimative, Territoriali ed Edilizie, l accesso, previo superamento dell apposito esame di stato, a numerosi albi professionali. In particolare il corso comporta anche l espletamento del praticantato per la professione di geometra, per cui il conseguimento della laurea consente l accesso diretto agli esami di 10

11 stato per l esercizio della professione di geometra e la conseguente acquisizione del titolo di geometra laureato previsto dal DPR n. 328 del Inoltre, agli studenti di età fino a 35 anni che siano geometri iscritti all albo professionale di categoria o diplomati che si iscrivano contestualmente al corso di laurea ed al Registro dei Praticanti Geometri, la Cassa di Previdenza Geometri erogherà, con proprie modalità, un assegno dell importo di 800 euro. Il corso di laurea si articola in due percorsi formativi: 1) Eco ambientale 2) Geo topo cartografico SCIENZE TURISTICHE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali I laureati dovranno: Possedere un adeguata conoscenza delle discipline di base economico aziendali e storico artistiche, sociologiche, antropologiche e geografico territoriali, nonché nelle materie culturali e giuridiche attinenti alle interdipendenze settoriali del mercato turistico; Possedere una buona padronanza dei metodi della ricerca sociale ed economica e di parte almeno delle tecniche proprie dei diversi settori di applicazione, con competenze relative alla misura, al rilevamento e al trattamento dei dati pertinenti l analisi sociale; Possedere un adeguata conoscenza della cultura organizzativa dei contesti lavorativi, che assicuri una competenza applicativa e metta in condizione di operare in modo polivalente nelle imprese e nelle amministrazioni attive nel settore; Acquisire le metodiche disciplinari nelle tecniche di promozione e fruizione dei beni e delle attività culturali; Essere in grado di collocare le specifiche conoscenze acquisite nel più generale contesto culturale, economico e sociale, sia esso a livello locale, nazionale e sovranazionale; Essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno due lingue dellʹunione Europea, oltre lʹitaliano, nellʹambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali; Possedere adeguate competenze e strumenti idonei alla comunicazione e alla gestione dellʹinformazione. Ai fini indicati,le attività formative comprendono: in ogni caso attività finalizzate allʹacquisizione di conoscenze fondamentali nei vari campi della economia,della geografia e della sociologia del turismo e delle altre 11

12 discipline rilevanti,connettendo i vari saperi specialistici allʹinterno di un sistema coerente di conoscenze teoriche e abilità operative; attività finalizzate ad una solida conoscenza del patrimonio culturale ed alla acquisizione delle metodiche per la sua valorizzazione e fruizione nel contesto del turismo culturale; in ogni caso almeno una quota di attività formative orientate allʹapprendimento di capacità operative nel settore delle tecniche turistiche,dellʹanalisi di mercato e nella gestione delle aziende operanti nellʹindustria dellʹospitalità in cui si ricomprendono i servizi culturali e ambientali; prevedono,in relazione a obiettivi specifici,attività esterne,come tirocini formativi presso enti o istituti del settore,aziende e amministrazioni pubbliche,anche straniere,oltre a soggiorni di studio presso altre università italiane,estere,anche nel quadro di accordi internazionali. I laureati svolgeranno attività professionali in diversi ambiti, quali il turismo, l organizzazione di attività sociali compatibili con l ambiente, la comunicazione turistica per il mercato dellʹeditoria tradizionale, multimediale e negli uffici stampa di enti e di imprese del settore. Direttore tecnico agenzia viaggi. Controller imprese turistiche. Direttore turistico. Direttore di villaggi turistici e centri vacanze. Direttore presidi turistici. Ricercatore nel settore studi turistici. Pubblicista nellʹ editoria turistica tradizionale e multimediale. Responsabile o addetto ai servizi turistici pubblici comunali,provinciali,regionali,nazionali. Addetti ai servizi culturali di comuni, province, Comunità montane, Regione. Addetti culturali presso le Ambasciate, i Consolati e gli Istituti italiani di cultura allʹestero. Marketing turistico nel settore privato e pubblico. Progettista di modelli di sviluppo turistico, impatto sul territorio e comunità locali. Organizzatore di eventi culturali. Consulente franchising turistico. Ideatore o certificatore di pacchetti turistici culturali o eco compatibili per le imprese turistiche (ecolabel) e per i tour operators. (Integratore) Promotore di attività turistico culturali integrate. Progettista e ideatore di percorsi turistico culturali ad elevato contenuto storico artistico, archeologico, ambientale. 12

13 Facoltà di Economia CORSI DI LAUREA SPECIALISTICA DISCIPLINE ECONOMICHE E SOCIALI PER LO SVILUPPO E LA COOPERAZIONE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il corso di laurea specialistica in Discipline economiche e sociali per lo sviluppo e la cooperazione è finalizzato alla formazione di avanzate competenze per operare efficacemente nei campi dello sviluppo locale e della cooperazione allo sviluppo. Esso si pone pertanto gli obiettivi di fornire agli studenti: le conoscenze necessarie per lʹideazione, la redazione e lʹattuazione dei programmi e progetti di sviluppo e di cooperazione allo sviluppo nella specifica dimensione locale, con particolare attenzione alla valorizzazione delle risorse, alla lotta contro le disuguaglianze e le povertà, al rafforzamento istituzionale (diritti umani, democrazia, governi locali, burocrazie) ed al miglioramento delle condizioni insediative e ambientali; le conoscenze necessarie per analizzare ed interpretare le specifiche forme sociali, economiche ed istituzionali che possono fungere da vincolo o da promozione dello sviluppo sostenibile con attenzione ai rapporti di genere e all ambiente; la capacità di applicare le diverse metodologie per lʹelaborazione di programmi e progetti di sviluppo e di cooperazione allo sviluppo; le competenze necessarie per lʹideazione, la programmazione e il coordinamento di interventi per lʹintegrazione multietnica e multiculturale, nellʹambito di programmi di educazione allo sviluppo, di inserimento nei contesti sociali e nel mercato del lavoro e di reinserimento nei paesi dʹorigine; le competenze necessarie per applicare i metodi di monitoraggio e valutazione dei programmi e dei progetti di sviluppo e di cooperazione allo sviluppo; la capacità di utilizzare fluentemente, in forma scritta ed orale, la lingua inglese; il possesso di avanzate competenze e capacità di gestione di strumenti per la comunicazione e l informazione. I laureati specialisti nella classe potranno svolgere funzioni dirigenziali o di consulenza nella Pubblica Amministrazione a livello locale e nazionale, nelle organizzazioni di volontariato, nelle istituzioni educative, negli enti pubblici e privati, e nelle istituzioni sovranazionali e 13

14 internazionali che operano per lo sviluppo locale, per la cooperazione e per lʹaiuto ai paesi in via di sviluppo. A titolo esemplificativo si segnalano alcune posizioni professionali: Progettista e coordinatore degli interventi di sviluppo realizzati da organizzazioni pubbliche o private, regionali, nazionali, internazionali e sovranazionali; Quadro dirigente della pubblica amministrazione a livello locale per l allestimento di iniziative di integrazione multietnica e multiculturale e per l accesso ai servizi da parte degli immigrati; Quadro dirigente addetto alle attività di progettazione e coordinatore all interno di organizzazioni non governative e della cooperazione decentrata impegnate in assistenza allo sviluppo e di integrazione multiculturale. Il corso di laurea si articola in due percorsi formativi: 3) Cooperazione allo sviluppo 4) Sviluppo Locale ECONOMIA APPLICATA Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali La Laurea Specialistica in Economia Applicata si propone di fornire: un elevata padronanza delle tecniche quantitative per l analisi delle informazioni economiche rilevanti nell ambito delle attività di definizione ed implementazione delle politiche economiche, delle attività degli Enti locali e della gestione delle imprese; approfondite conoscenze nelle aree dell analisi economica e aziendale e della politica economica; capacità di utilizzo delle metodologie della scienza economica e di quella aziendale per analizzare le complessità dei fenomeni economici nella società contemporanea e per definire gli interventi appropriati da parte dei soggetti pubblici e di quelli privati; un adeguata padronanza dei principi e istituti dellʹordinamento giuridico regionale, nazionale e comunitario; capacità di utilizzare, in forma scritta e orale, due lingue dellʹunione Europea oltre lʹitaliano, con riferimento anche ai lessici disciplinari. Più in particolare, i laureati del Corso di Laurea Specialistica in Economia Applicata saranno in possesso di conoscenze (i) di teoria economica, (ii) dei metodi di analisi quantitativa delle informazioni e (iii) di una formazione complementare multi disciplinare che li metteranno in condizione di: analizzare il funzionamento dei sistemi economici; prevedere l andamento di variabili economiche; valutare l impatto atteso ed a posteriori delle politiche economiche (politiche 14

15 macroeconomiche, politiche economiche territoriali, politiche economiche settoriali); analizzare gli aspetti più propriamente economici del funzionamento delle imprese (tanto di quelle pubbliche che di quelle private), individuando, su questa base, azioni in grado di aumentarne l efficienza. I Laureati del Corso di Laurea Specialistica in Economia Applicata saranno in grado di assumere funzioni di elevata responsabilità in attività di studio e di ricerca economica in aziende pubbliche e private; istituti bancari; organizzazioni non profit; uffici studi di Regioni ed Enti locali sub regionali; altri Enti della Pubblica Amministrazione; Enti di ricerca. Potranno, inoltre, svolgere attività di consulenza ad organismi pubblici e ad imprese pubbliche e private in qualità di liberi professionisti nellʹarea dell analisi economica applicata. I Laureati del Corso di Laurea Specialistica in Economia Applicata, infine, saranno in grado, attraverso il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca, di proseguire gli studi puntando ad un approfondimento ancora maggiore della loro formazione nell area dell economia applicata e dell analisi economica. ECONOMIA AZIENDALE Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Il Corso di Laurea fornisce una preparazione orientata alle seguenti conoscenze: a) conoscenze sulla gestione del sistema d impresa, sia nell ottica delle relazioni con gli altri sistemi esterni (clienti, fornitori, concorrenti, istituzioni) sia nell ottica delle relazioni funzionali tra i sottosistemi componenti, con particolare attenzione al marketing, alla finanza, alla produzione, alla logistica ed all organizzazione del personale. I contenuti degli insegnamenti permetteranno quindi lʹacquisizione di competenze finalizzate al governo dell impresa, delle dinamiche di creazione e diffusione del valore, alla misurazione delle performance di sistema, allo studio di discipline tecnico funzionali di livello avanzato; b) conoscenze delle strutture e di processi aziendali, degli strumenti di rappresentazione e di comunicazione dellʹattività aziendale riferiti anche ad operazioni ed eventi straordinari e di rilievo internazionale, di alcune metodologie giuridiche applicate alla problematiche aziendali, soprattutto in ambito fiscale e commerciale. I contenuti degli insegnamenti permetteranno altresì lʹacquisizione di competenze in grado di inquadrare e affrontare i principali problemi di misurazione, sia a livello preventivo che consuntivo, delle performance aziendali; c) conoscenze finalizzate all utilizzo di tecniche di analisi finanziaria e di strumenti finanziari, per gestire il rapporto banca impresa sia dal punto di vista della banca che da quello dellʹimpresa; l orientamento verterà anche su una approfondita cultura tecnica riguardante i modelli di valutazione, con sicure competenze in campo economico, aziendale e giuridico; 15

16 d) conoscenze relative all analisi delle interrelazioni fra i comportamenti delle imprese e le caratteristiche dei mercati, dei concetti e delle strategie di cui le imprese hanno bisogno per imporsi con successo nell economia delle nuove tecnologie fornendo allo studente un nuovo insieme di principi e di applicazioni tecniche necessario per affrontare il legame esistente tra le imprese e la nuova economia; e) conoscenze che consentano la formazione di figure professionali aventi solide basi nell ambito dell economia e della statistica, con riferimento sia agli aspetti teoricometodologici sia agli aspetti applicativi. Una tale formazione integrata con le opportune conoscenze nell ambito delle scienze giuridiche e della gestione informatica dei dati, fornisce gli strumenti culturali e operativi necessari per: i) il management sia in settori aziendali che del pubblico impiego con particolare riferimento alla valutazione della qualità dei servizi erogati; ii) lo studio, l interpretazione e la previsione di fenomeni in settori di tipo economico produttivo, industriale o sociale. Il Corso di Laurea fornisce un bagaglio di conoscenze ed esperienze che permetteranno un qualificato inserimento nel mercato del lavoro, con particolare riferimento a: a) imprese, società di consulenza direzionale, aziende pubbliche, nel cui ambito si fanno sempre più pressanti le esigenze di efficacia, efficienza e materialità; si intende rispondere al sempre più diffuso fabbisogno di professionalità dotate di capacità di analisi delle dinamiche evolutive dell impresa, di abilità di governo della stessa nella direzione di processi decisionali in grado di individuare le soluzioni più efficaci, efficienti, flessibili alle problematiche gestionali dei sistemi imprenditoriali; b) attività di dottore commercialista, previo superamento del relativo esame dopo avere svolto il tirocinio previsto per legge. Inoltre, la preparazione acquisita permette un efficace inserimento allʹinterno del settore amministrativo delle imprese e delle pubbliche amministrazioni; c) imprese bancarie e assicurative, aziende, in qualità di esperti di analisi e gestione finanziaria, attività professionale nel campo della consulenza finanziaria e come operatori di mercati finanziari, in posizioni di elevato livello manageriale e professionale; d) imprese private e aziende pubbliche in posizioni di preminenza e responsabilità nelle strategie di determinazione dei prezzi all interno delle imprese o nelle attività di regolamentazione dei mercati da parte delle autorità pubbliche, oltre a posizioni di rilievo nella gestione dell information technology (Internet) e dei mercati internazionali; e) compiti di elevata responsabilità e di management in quei settori dell economia, dell industria e delle pubbliche amministrazioni che richiedono una padronanza degli strumenti quantitativi necessari per la gestione e la valutazione delle attività e dei servizi erogati. Un altro importante ambito occupazionale concerne l inserimento in centri di studio e di ricerca presso enti economici, organismi territoriali o pubbliche amministrazioni. Il corso di laurea si articola in cinque percorsi formativi: 1) Banca e Finanza 2) Economia e gestione delle imprese 3) Imprese, mercati e new economy 4) Libera professione e direzione aziendale 5) Metodologico 16

17 GIURISPRUDENZA PER L ECONOMIA E L IMPRESA Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali Nell anno accademico 2007/2008 verranno attivati ad esaurimento il Primo ed il Secondo Anno di corso. La naturale prosecuzione del corso Triennale in Diritto ed Economa è la Laurea Specialistica in GIURISPRUDENZA PER L ECONOMIA E L IMPRESA. I laureati nel Corso di laurea Specialistica in questione devono: acquisire la piena capacità di analisi e di combinazione delle norme giuridiche nonché la capacità di impostare in forma scritta ed orale le linee di ragionamento e di argomentazione adeguate per una corretta impostazione di questioni giuridiche generali e speciali di casi e di fattispecie; essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta ed orale, almeno una lingua dell Unione Europea. La Laurea specialistica in GIURISPRUDENZA PER L ECONOMIA E L IMPRESA, (classe 22/S) prevede un totale di 120 crediti formativi. Il corso di laurea specialistica si inserisce all interno di un percorso scientifico estremamente attraente e di grande ricaduta professionale quale quello di law and economics. A seconda delle inclinazioni ed ambizioni personali degli studenti è possibile definire argomenti di tesi e completare stage formativi presso importanti aziende di consulenza, amministrazioni pubbliche ed authorities, organismi internazionali, studi professionali, in virtù sia di collegamenti istituzionali (convenzioni ad hoc) sia di rapporti individuali diretti da parte dei docenti impegnati nel corso. Il conseguimento della laurea quinquennale (Diritto ed Economia classe 31 scienze giuridiche triennio di base più Giurisprudenza per l Economia e l Impresa classe 22/Sbiennio specialistico) consente l acceso alle professioni legali di Avvocatura, Notariato e Magistratura. I laureati trovano inoltre naturale collocazione: nelle imprese e nelle istituzioni economico finanziarie con funzioni di alta responsabilità nell analisi degli assetti societari, tributari, del lavoro e di gestione dei rapporti con le amministrazioni e le autorità di regolamentazione; nelle società di consulenza, di servizi e di ricerca, anche internazionali; nelle amministrazioni e nelle aziende pubbliche con funzioni di alta responsabilità nel disegno dell intervento pubblico e/o nella gestione; negli enti e nelle istituzioni non lucrative; nelle autorità di regolamentazione nazionali ed europee, negli organismi di rappresentanza e nelle organizzazioni internazionali (ONU, Commissione Europea, WTO, IMF, ecc.; negli studi professionali, soprattutto a vocazione internazionale e comunitaria. 17

18 STATISTICA ED INFORMATICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali La laurea specialistica in Statistica ed Informatica per l Economia e la Finanza intende formare laureati aventi una preparazione interdisciplinare nell ambito dei metodi quantitativi e delle discipline economiche ed aziendali. La laurea triennale in Statistica e, a partire dall anno accademico 2003/2004, la laurea in Metodi Quantitativi per l Economia e la Gestione delle Aziende che ne costituisce la prosecuzione (Classe di laurea specialistica 37 delle lauree in Scienze Statistiche) attivata presso la Facoltà di Economia dell Università della Calabria consente l accesso alla laurea specialistica con il riconoscimento di tutti i crediti formativi acquisiti. Per la specificità della loro formazione, i laureati nel corso di laurea specialistica in Statistica ed Informatica per l Economia e la Finanza potranno esercitare funzioni di elevata responsabilità in uffici studi e programmazione sia di imprese private che in unità della pubblica amministrazione e degli enti locali, riguardanti in particolare problemi di natura economica e finanziaria. Inoltre potranno inserirsi in uffici statistici di medio grandi imprese per l analisi e la gestione aziendale delle risorse umane, della produzione, della qualità, delle previsioni, delle ricerche di mercato. Potranno altresì svolgere funzioni di esperti consulenti per indagini ed analisi statistiche nel campo economico, finanziario, attuariale e previdenziale e per problemi di gestione delle imprese. Per tali motivi, il progetto formativo prevede che nel corso dei propri studi lo studente acquisisca oltre a solide conoscenze nelle discipline matematico statistiche anche delle conoscenze di natura informatica e di tipo economico aziendale in proporzione diversa in percorsi differenziati. Il corso di laurea si articola in due diversi percorsi formativi: 1) Assicurazioni e finanza 2) Statistica ed informatica per le strategie aziendali VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO CULTURALI Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali La laurea in Valorizzazione dei sistemi turistico culturali fornisce una preparazione orientata all acquisizione di capacità di: progettazione, promozione e gestione di prodotti e sistemi turistici complessi comprendenti ambiti territoriali di ampia dimensione e con particolare riferimento all area mediterranea progettazione di interventi strutturali (urbani e territoriali) necessari alla qualificazione dellʹofferta turistica, promuovendola attraverso lʹuso delle tecnologie tradizionali e multimediali. In particolare il laureato in Valorizzazione dei sistemi turistico culturali disporrà di: 18

19 avanzate competenze per operare all interno dei sistemi turistici caratterizzati dall offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche o dalla presenza diffusa di imprese turistiche abilità specifiche per la gestione dei flussi di comunicazione turisticoculturale competenze orientate all integrazione delle aziende ricettive con servizi culturali e ambientali; competenze nella promozione, commercializzazione e gestione di prodotti turistici complessi, anche con l ausilio delle nuove tecnologie multimediali; competenze linguistiche e specialistiche per rapportarsi ai processi di globalizzazione delle attività turistiche o degli eventi culturali a livello internazionale; avanzate competenze nel progettare e attuare interventi intersettoriali e infrastrutturali necessari alla qualificazione dell offerta turistica e alla riqualificazione urbana e territoriale delle località ad alta intensità di insediamenti turistico ricettivi, in particolare nelle località impegnate nella valorizzazione dei beni culturali e ambientali con la costituzione e promozione di nuovi prodotti turistici; capacità di definire, anche da un punto di vista socio antropologico, le peculiarità di siti e culture in funzione di una valorizzazione turistica non intrusiva; avanzate competenze nel progettare e attuare eventi culturali ed eventi congressuali ed espositivi; competenze tecniche e politiche necessarie per la programmazione dei progetti di intervento culturale delineati da amministrazioni pubbliche; un avanzata conoscenza, in forma scritta e orale, di almeno una lingua dellʹunione Europea oltre lʹitaliano, con riferimento anche ai lessici disciplinari. Gli ambiti occupazionali previsti per i laureati in valorizzazione sono: carriera direttiva in grandi aziende turistiche con compiti di supervisione di attività di progettazione e commercializzazione organizzatori di eventi culturali spettacolari ed espositivi presso enti e istituzioni pubbliche e private operanti nei settori del turismo, della cultura, dellʹambientali, della moda e della musica. funzioni di elevata responsabilità nell organizzazione di eventi culturali spettacolari ed espositivi; nella gestione dei servizi di accoglienza nei beni culturali ed ambientali; nelle istituzioni governative, centrali e decentrate, nei settori del turismo, della cultura, dei beni culturali e ambientali e dello sviluppo locale. attività di consulenti per gli enti locali e le nuove imprese dell industria dell ospitalità; di comunicatori della filiera turistico culturale. 19

20 Facoltà di Economia I SERVIZI La Biblioteca Interdipartimentale ʺEzio Tarantelliʺ La nuova sede della Biblioteca Tarantelli è situata presso il 3 BLOCCO della Nuova Biblioteca di Ateneo di Piazzale Chiodi. Orario di apertura al pubblico da Lunedì a Sabato dalle 8.30 alle Durante le vacanze accademiche (Natalizie, Pasquali, Estive) da Lunedì a Sabato dalle 8.30 alle Per altre informazioni sulla biblioteca: Telefonare allo sportello utenza: Consultare il sito: Il Settore Informatico Statistico (S.I.S.) Sede: Cubo 3B Piano terra Tel Responsabile: Dott. Orlando De Pietro e mail: Mediante software realizzato all interno del SIS gli studenti e i docenti della Facoltà di Economia possono usufruire dei seguenti servizi automatizzati: 20

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli