LA CERTIFICAZIONE NELLE STRUTTURE TURISTICHE - Prodotti tipici: il caso olio-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CERTIFICAZIONE NELLE STRUTTURE TURISTICHE - Prodotti tipici: il caso olio-"

Transcript

1 LA CERTIFICAZIONE NELLE STRUTTURE TURISTICHE - : il caso olio-

2 I PUNTI DELL INTERVENTO Il caso olio Facoltà di Economia-Polo di Terracina VALORTUR

3 Il concetto di qualità è relativo ed è legato sia al prodotto (corrispondenza alle specifiche: conformità) che all utilizzazione (adeguatezza all uso); in altre parole la qualità è il complesso di una molteplicità di aspetti rivolti a definire e ad assicurare la rispondenza all uso riscontrata dal consumatore, in relazione alle esigenze che hanno motivato l acquisto l del prodotto. Facoltà di Economia-Polo di Terracina VALORTUR

4 "qualità merceologica : valutazione dell insieme delle determinazioni qualitative, quantitative ed organolettiche che caratterizzano il prodotto inoltre devono essere conformi alle disposizioni di legge, per la categoria in esame. la qualità merceologica è determinata dalla conformità delle caratteristiche del prodotto in esame a quelle standard per la sua categoria di riferimento Facoltà di Economia-Polo di Terracina VALORTUR

5 L approccio della qualita Miglioramento continuo del SGQ Cliente Responsabilità della Direzione Cliente Gestione delle risorse Misurazioni, analisi, miglioramento Soddisfazione Requisiti Elementi in entrata Realizzazione del prodotto/servizio Prodotto Elementi in uscita

6 I soggetti della qualità

7 La regolamentazione della qualità Regolamenti obbligatori QUALITA Regolamenti volontari Regole tecniche o regolamenti Norme tecniche Facoltà di Economia-Polo di Terracina VALORTUR

8 La Volontaria L organizzazione sceglie liberamente e volontariamente di adeguare prodotti, processi o sistemi a definiti standard nazionali o internazionali e di sottoporre gli stessi a verifica da parte di Enti Terzi indipendenti, al fine di ottenere la certificazione di conformità allo standard adottato

9 Il ruolo della certificazione 1. La certificazione è in grado di migliorare la competitività delle aziende italiane e la valorizzazione del loro prodotto con un incremento della qualità 2. Il controllo indipendente è in grado di rafforzare la confidenza dei consumatori nei confronti del prodotto turistico, rafforzando i consumi

10 FATTORI CHIAVE di SCELTA DELLA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Necessità di migliorare l organizzazione l interna Clienti Mercato Obblighi di legge Facoltà di Economia Polo di Facoltà Terracina di Economia Polo di Terracina prof. Patrizia Papetti

11

12

13

14 LA CERTIFICAZIONE RAPPRESENTA PER IL PRODUTTORE Un eccezionale strumento di marketing perché il messaggio giunge direttamente al consumatore PER IL CONSUMATORE Un importante mezzo da utilizzare per fare le proprie scelte sulla base di chiare ed esplicite informazioni

15 Settore Turistico Certificazioni dei sistemi di gestione della qualità (SGQ) ambientale europea Certificazioni dei sistemi di gestione ambientale (SGA) Norme quadro della serie ISO 9000 EMAS Norme quadro della serie ISO 14000

16 Uni (ente nazionale italiano di unificazione) Linee guida per il settore alberghiero Comitato tecnico ISO/TC 228 Tourism and related services Sviluppo di norme tecniche internazionali per tutti i settori della filiera turistica(importanza della consapevolezza delle scelte)

17 Attestazione diverse da quelle provenienti dagli organismi di certificazione che applicano norme internazionalmente riconosciute Marchi di qualità e di area MARCHI DI QUALITA : - Decalogo dell accoglienza (settore vitivinicolo - Movim. Turismo vino) - Agriturismo di qualità (l , n.96; l.r. Sicilia ,n.25) - Marchi per alberghi,agriturismi e ristoranti promossi dalle C.C.I.A.A. - Marchi promossi da telefono blu ( valigia blu,tenda blu,vela blu, forchetta blu,quadrifoglio blu,ali blu,stabilimenti balneari di qualità,villaggi di qualità)

18 Marchi di qualità La Bandiera Blu è un riconoscimento conferito dalla Foundation for Environmental Education alle località costiere europee che soddisfano criteri di qualità relativi a parametri delle acque di balneazione e al servizio offerto, tenendo in considerazione ad esempio la pulizia delle spiagge e gli approdi turistici. Istituita nel 1987, anno europeo per l'ambiente, la campagna è curata in tutti gli stati europei dagli organi locali della FEE che, attraverso un Comitato nazionale di Giuria, effettuano delle visite di controllo delle cittadine candidate per poi proporre alla FEE Internazionale le candidature della nazione. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno a spiagge in più di trenta paesi del mondo in Europa, Sudafrica, Nuova Zelanda, Canada e nei Caraibi secondo i criteri scelti dalla FEE.

19

20

21 IL BOOM ENOGASTRONOMICO L'importanza di questo specifico segmento del turismo viene alla ribalta in un momento di flessione del turismo straniero in Italia, di cui viene visto come un potenziale elemento di cambio di tendenza, insieme al turismo del territorio Uno studio condotto dall'osservatorio Internazionale del Turismo Enogastronomico evidenzia che il 68% dei turisti stranieri sceglie le destinazioni italiane in base alle specialità culinarie che possono assaggiare e considera lo shopping del gusto tra i fattori di motivazione del viaggio Facoltà di Economia-Polo di Terracina

22 Tipicità e localismo Tipicità è divenuta un espressione qualificante delle offerte delle imprese e dei territori che viene ampiamente utilizzata dai mezzi di comunicazione di massa e che ricorre nel mondo dei consumi italiani, con particolare riferimento ai prodotti agroalimentari o enogastronomici. In questo contesto, da qualche anno, il contributo del marketing alla valorizzazione dei prodotti così detti tipici è divenuto centrale per le aziende produttrici e per i sistemi territoriali che perseguono il traguardo di valorizzare e/o riqualificare le proprie specificità territoriali. Facoltà di Economia-Polo di Terracina

23

24 agronomica tecnologica Target qualità-prezzo sensoriale Prodotto tipico Localizzazione Sicurezza Radicamento socio-culturale culturale

25 2009

26 Facoltà di Economia-Polo di Terracina

27 Il territorio è Facoltà di Economia-Polo di Terracina

28 Facoltà di Economia-Polo di Terracina

29 Valorizzazione dei prodotti tipici L elemento che rende fattibile l impresa non è l esercizio di un attività marginale per le persone svantaggiate, ma tutte quelle attività normali del settore agro-alimentare (e non solo), nelle quali la concorrenza con le grandi industrie del settore possa essere gestita puntando a: prodotto di nicchia; territorialità; elevata qualità certificata del prodotto (anche etica e ambientale); sensibilità di un mercato attento alla valenza sociale ed ambientale del prodotto; Valorizzazione della struttura produttiva, piccola e flessibile ma competente, anche per campagne di sperimentazione di nuovi prodotti all interno di una rete di innovazione e di strutture di ricerca applicata. Facoltà di Economia-Polo di Terracina

30 Facoltà di Economia-Polo di Terracina

31 Facoltà di Economia-Polo di Terracina

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41 10 maggio 2009 Facoltà S. Elia di Fiumerapido Economia Polo di Terracina La qualità dell olio

42 Facoltà 10 maggio di Economia Polo 2009 di Terracina S. Elia prof. Fiumerapido Patrizia Papetti

43

44 Provenienza

45 PAISES OLIVAREROS PAISES OLIVAREROS OTROS 19% ESPAÑA 21% GRECIA 8% TURQUIA 8% PORTUGAL 11% TÚNEZ 14% ITALIA 19%

46 Facoltà di Economia-Polo di Terracina VALORTUR

47 DISTRIBUCIÓN DEL CULTIVO DEL OLIVO EN ESPAÑA ARAGÓN OTROS 2% 3% VALENCIA 4% CATALUÑA 5% EXTREMADURA 11% ANDALUCÍA 62% C LA MANCHA 13%

48 Les cultures en France France

49

50 Les principales appelations "A.O.C. huile d'olive" Aix en Provence Corse Nyons Nîmes Haute Provence Nice Vallée des Baux de Provence Au sein de la communauté européenne on utilise l' AOP (appelation d'origine protégée) et l' IGP (Indication géographique protégée) la France compte 7 AOP (ci dessus), la Grèce compte 11 AOP et 10 IGP, l'espagne 7 AOP, l'italie 22 AOP et 1 IGP le Portugal 5 AOP.

51

52

53

54

55 La qualità dell olio d olivad Gli aspetti principali che caratterizzano la qualità dell olio di oliva sono i caratteri organolettici, la stabilità all ossidazione, l assenza di contaminanti (fitofarmaci, solventi) e, naturalmente, le caratteristiche nutrizionali espresse in termini di acidi grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi, presenza di fitosteroli, vitamine ed antiossidanti naturali Come per ogni prodotto di trasformazione agroalimentare, il pregio dell olio consiste, quindi, nel mantenimento e nell esaltazione delle caratteristiche proprie della materia prima di origine, ossia delle olive. È impossibile produrre un olio buono partendo da una materia prima scadente, nemmeno utilizzando i più sofisticati procedimenti di estrazione

56 Valutazione della qualità È da notare che a tutt oggi non esiste uno strumento che, basandosi su parametri chimico-fisici, sia in grado di valutare ogni singolo componente che partecipi a formare le infinite tonalità aromatiche di un extravergine; per questo motivo è fondamentale affidarsi all analisi sensoriale. Le caratteristiche organolettiche ci permettono, infatti, di distinguere prodotti che le determinazioni analitiche possono identificare come identici La qualità riconosciuta agli oli extravergini è infatti la risultante di due diversi ordini di indagine: da una parte, le analisi chimicofisiche, per accertare la reale composizione in termini di materia grassa e grado di acidità; dall altra, l esame organolettico, che giudica l olio dal punto di vista delle sue caratteristiche visive, olfattive e di gusto

57 La caratterizzazione degli oli di oliva in termini di cultivar, di provenienza geografica, di genuinità e di qualità è un problema attuale molto dibattuto. Le caratteristiche peculiari di un olio e la qualità sono il risultato di diversi fattori quali il fattore tecnologico (gramolatura, tipo di estrazione), il fattore agronomico (tipologia di impianto, pratiche colturali: irrigazione, concimazione), il fattore genetico (cultivar di provenienza), il fattore pedoclimatico (suoli e clima), il fattore ecologico (altimetria, luce esposizione) e l annata di produzione. La determinazione dell origine geografica degli oli extra vergini di oliva è un problema di grande interesse specialmente in Italia dove l olivicoltura è molto estesa.

58

59

60

61

62

63

64

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Disciplinare Ristoranti Italiani nel Mondo Pagina 1/7 INDICE PREMESSA COS E IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL

Dettagli

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico 2010-2011) 9 Modulo Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di

Dettagli

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Settembre 2011 1 Premessa La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre protagonista di significativi

Dettagli

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento Le cose da dire sull olio sono tante, durante i miei corsi di degustazione le persone rimangono affascinate nel conoscere

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. M ATTEOTTI 5 6 1 2 4 - P i s a Sede Centrale: via Garibaldi, 194 - tel. 05094101 - fax 050941031 Succursali:

Dettagli

Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di marketing

Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di marketing UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING TESI DI LAUREA IN MARKETING AGROALIMENTARE Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di

Dettagli

Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità

Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità www.azzurro-prodottitipici.it Le informazioni contenute nel presente documento costituiscono materiale riservato e confidenziale; ne è

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

LA PIANTA DI PERANZANA

LA PIANTA DI PERANZANA www.itrescudi.it Nella zona dell alto tavoliere delle Puglie, più precisamente nella ristretta area dei tre paesini Torremaggiore, San Paolo Civitate e San Severo, abbiamo scoperto dei prodotti di alta

Dettagli

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Legnago, 04/12/2015 dr.ssa Alessandra Scudeller Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 La POLITICA EUROPEA dei PRODOTTI DI QUALITÀ, fa

Dettagli

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile.

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. Carta di Valorizzazione del Territorio DNV Certification La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. DNV e la Carta di Valorizzazione del Territorio. MANAGING RISK Valorizzare il Territorio:

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 BREVE VADEMECUM Documento di Lavoro Versione 1.0 Il presente elaborato documentale non ha valore di testo di legge e/o normativa, ma vuole essere

Dettagli

TECNOLOGIE DI ESTRAZIONE E QUALITA DEGLI OLI EXTRA-VERGINI DI OLIVA ANTONIO PIGA

TECNOLOGIE DI ESTRAZIONE E QUALITA DEGLI OLI EXTRA-VERGINI DI OLIVA ANTONIO PIGA TECNOLOGIE DI ESTRAZIONE E QUALITA DEGLI OLI EXTRA-VERGINI DI OLIVA ANTONIO PIGA Università degli Studi di Sassari, Dipartimento di Scienze Ambientali Agrarie e Biotecnologie Agro-Alimentari, Viale Italia

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO 02 Certificazione vini DOC 02 Certificazione olio DOP Sabina e olio DOP Soratte 03 Certificazione formaggio Caciofiore

Dettagli

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO Frantoio di Riva del Garda CATALOGO AGRARIA RIVA del GARDA -Frantoio di Riva Loc. S. Nazzaro, 4-38066 Riva del Garda (Tn) ITALIA Agraria Riva del Garda e Olio Extravergine DOP Garda Trentino Cosa significa

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

ORO DEL MEDITERRANEO L'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

ORO DEL MEDITERRANEO L'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 15-5-2001 - N. 44 3 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI REGOLAMENTO REGIONALE 10 maggio 2001, n. 2 Istituzione delle Strade del vino e di altri prodotti

Dettagli

MA.VE.CO. Consulting & I.F.E. (Italian Food Export)

MA.VE.CO. Consulting & I.F.E. (Italian Food Export) THE GREAT TASTES OF THE RIETI PROVINCE MA.VE.CO. Consulting & I.F.E. (Italian Food Export) la partnership per far conoscere nel mondo i tesori gastronomi ci di un territorio incantevole nel centro dell

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z REGIONE PUGLIA Assessorato alle Risorse Agroalimentari COMUNE DI OSTUNI Assessorato alle Attività Produttive Turismolio: dall Olivo all Olio L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z L Oleificio Cooperativo

Dettagli

5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare

5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare 5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 20 (c) (ii) e art. 32 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 22 e punto 5.3.1.3.2.

Dettagli

Prot. n 684/XVIII - 8 Locorotondo, 04 febbraio 2009

Prot. n 684/XVIII - 8 Locorotondo, 04 febbraio 2009 Unione Europea Ministero della Pubblica Istruzione PIANO DI INTERVENTO CIPE IFTS/RICERCA L istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della Ricerca nel Mezzogiorno (Delibere Cipe n. 83/2003

Dettagli

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA Report Agenda I presupposti del progetto Approccio metodologico Analisi di benchmarking di casi di studio di interesse Censimento

Dettagli

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno AL PARLAMENTO ITALIANO CAMERA DEI DEPUTATI - SENATORI AL MINISTRO DELL ISTRUZIONE Oggetto: Petizione - Riforma professionali IPSSAR secondo biennio e quinto scolastico proposta di modifica e integrazione.

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Corso Internazionale per la Formazione di Panel Leader di Analisi Sensoriale di Oli Vergini di Oliva

Corso Internazionale per la Formazione di Panel Leader di Analisi Sensoriale di Oli Vergini di Oliva Corso Internazionale per la Formazione di Panel Leader di Analisi Sensoriale di Oli Vergini di Oliva Date delle lezioni: 21-22-23-24-25 gennaio 2008 Sede del Corso: Sala conferenze Comitato Italiano per

Dettagli

WINEBRAND il valore parte da qui

WINEBRAND il valore parte da qui BUILDING & ARCHITECTURE CONSULTANTS WINEBRAND il valore parte da qui TM Architettura / Branding / Contaminazione Ogni cantina ha una storia da raccontare, ogni vino ha un carattere unico da trasmettere

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Programma Il programma sarà articolato in 5 giornate, per un totale di 36 ore, così come previsto dal Decreto MIPAAF.

Programma Il programma sarà articolato in 5 giornate, per un totale di 36 ore, così come previsto dal Decreto MIPAAF. Programma Il programma sarà articolato in 5 giornate, per un totale di 36 ore, così come previsto dal Decreto MIPAAF. Regole per la partecipazione al corso Il numero massimo di ammessi al corso sarà di

Dettagli

Le buone prassi per l Olio Extravergine di Oliva

Le buone prassi per l Olio Extravergine di Oliva Le buone prassi per l Olio Extravergine di Oliva COME PRODURRE UN OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA DI QUALITÀ I testi sono tratti con adattamenti dagli opuscoli realizzati nell ambito dei progetti: Concorso

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE 1-Partire dal quadri di Risultati di apprendimento in uscita indicati per la propria disciplina 2-Individuare quale/quali risultati possono essere

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Paoloni Silvana Indirizzo Telefono Ufficio +39 0718063788 Fax Ufficio +39 0718063049 E-mail silvana.paoloni@regione.marche.it Nazionalità

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera Bari, 23 maggio 2008 LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE CLAUDIO CIPOLLINI Direttore Generale Retecamere LA PUGLIA IERI 2 LA

Dettagli

PREMIO ADI COMPASSO D ORO INTERNAZIONALE I Edizione

PREMIO ADI COMPASSO D ORO INTERNAZIONALE I Edizione PREMIO ADI COMPASSO D ORO INTERNAZIONALE I Edizione Premessa Istituito nel 1954 e nato da un idea di Gio Ponti per mettere in evidenza il valore e la qualità dei prodotti del disegno industriale, il premio

Dettagli

La filiera prodotti-turismo. Evoluzione di un sistema 2001-2012

La filiera prodotti-turismo. Evoluzione di un sistema 2001-2012 La filiera prodotti-turismo Evoluzione di un sistema 2001-2012 Premessa La partecipazione attiva di tutti gli attori è il presupposto fondamentale per l avvio di un progetto di marketing territoriale..

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

CORSO PER ASPIRANTI ASSAGGIATORI DI OLIO DI OLIVA

CORSO PER ASPIRANTI ASSAGGIATORI DI OLIO DI OLIVA Enti organizzatori: DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI UNIVERSITA DI BOLOGNA SER.IN.AR. In collaborazione con O.L.E.A. (Organizzazione Laboratorio Esperti Assaggiatori) CORSO PER ASPIRANTI ASSAGGIATORI

Dettagli

"Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna

Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna "Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna Dati ARPO 2003-Agecontrol 2005: superficie agricola olivetata 0,33% della SAU totale della regione 3500 ha circa 700000

Dettagli

Indice. 1. La Qualità alimentare. 2. La certificazione di sistema e di prodotto

Indice. 1. La Qualità alimentare. 2. La certificazione di sistema e di prodotto Indice 1. La Qualità alimentare 1.1 L importanza della qualità... 1 1.2 Definizioni della qualità: caratteristiche, prestazioni e requisiti... 2 1.3 Un modello analitico della qualità alimentare... 6 1.3.1

Dettagli

Sostegno alla creazione di modelli di governance. CDR 5 - Studi, formazione, informazione e promozione economica.

Sostegno alla creazione di modelli di governance. CDR 5 - Studi, formazione, informazione e promozione economica. MISSIONE COMPETITIVITA' E SVILUPPO DELLE IMPRESE PROGRAMMA DI SPESA Regolamentazione, incentivazione dei settori imprenditoriali, riassetti industriali, sperimentazione tecnologica, lotta alla contraffazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E.

REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E. REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE: Il presente Regolamento disciplina il sistema di Certificazione adottato da DEKRA Testing and Certification per l attività

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S.

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo nel vostro futuro Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Università di Foggia Il progetto

Dettagli

V MASTER IN OLIVICOLTURA ED ELAIOTECNICA Umbria ITALIA Settembre 2011. www.agr.unipg.it/masterolivicoltura

V MASTER IN OLIVICOLTURA ED ELAIOTECNICA Umbria ITALIA Settembre 2011. www.agr.unipg.it/masterolivicoltura V MASTER IN OLIVICOLTURA ED ELAIOTECNICA Umbria ITALIA Settembre 2011 www.agr.unipg.it/masterolivicoltura Introduzione L'olivicoltura di qualità e quella intensiva, a livello mondiale, risultano in grande

Dettagli

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare 20 anni al servizio delle imprese alimentari consulenti e comunicatori della qualità alimentare i numeri di TQF 150.000 le norme alimentari monitorate, interpretate e aggiornate nel mondo 147 5.000 i servizi

Dettagli

L olio protagonista del turismo enogastronomico: olio DOP Nocellara del Belice e olio DOP Cartoceto

L olio protagonista del turismo enogastronomico: olio DOP Nocellara del Belice e olio DOP Cartoceto Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le Aziende Marketing delle Imprese Agroalimentari L olio protagonista del turismo enogastronomico: olio DOP Nocellara del Belice e olio DOP Cartoceto

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

LA QUALITÀ NUTRIZIONALE E L IMPATTO DEGLI ALIMENTI SULLA SALUTE NHACCP

LA QUALITÀ NUTRIZIONALE E L IMPATTO DEGLI ALIMENTI SULLA SALUTE NHACCP LA QUALITÀ NUTRIZIONALE E L IMPATTO DEGLI ALIMENTI SULLA SALUTE Sorveglianza di sostanze di uso agricolo e zootecnico e di contaminanti negli alimenti Prodotto nazionale sicuro Attività coordinata di filiera

Dettagli

agro-alimentari EMAA 08/09 X / 1

agro-alimentari EMAA 08/09 X / 1 La qualità nei mercati agro-alimentari cos è la qualità? la qualità conviene (sempre)? qualità dei prodotti, asimmetria informativa e ruolo delle regolamentazioni i I esempio: la politica della qualità

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2009 n.114 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 5 della Legge 29 ottobre 1992 n.85; Vista la deliberazione del

Dettagli

SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26)

SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA CORSO DI LAUREA INTERATENEO ed INTERFACOLTÀ' IN SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26) TRIENNIO 1 ANNO 1 SEMESTRE SSD insegnamento CFU tot Attività MAT 01-09 Matematica e

Dettagli

Le fasi per l estrazione dell olio. Le diverse tecnologie per l estrazione dell olio. Dott. Lorenzo Cerretani

Le fasi per l estrazione dell olio. Le diverse tecnologie per l estrazione dell olio. Dott. Lorenzo Cerretani Le fasi per l estrazione dell olio. Le diverse tecnologie per l estrazione dell olio. Dott. Lorenzo Cerretani Limiti della distribuzione delle piante di olivo allo stato selvatico (4000 A.C.) e allo stato

Dettagli

L OLIVICOLTURA BIOLOGICA

L OLIVICOLTURA BIOLOGICA L OLIVICOLTURA BIOLOGICA Viterbo, sabato 20 marzo 2004 sala conferenze della Camera di Commercio di Viterbo organizzato dall APROV Dr. Marco Camilli Presidente ANAGRIBIOS Associazione Nazionale dell Agricoltura

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert,

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, "per l'ottenimento di prodotti agricoli vegetali ed

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

Schede Prodotto Gamma Sagra

Schede Prodotto Gamma Sagra Scaricato da www.largoconsumo.info Schede Prodotto Gamma Sagra Sagra è ormai da anni un marchio conosciuto e apprezzato dai consumatori italiani per la qualità dei suoi oli grazie ad una selezione accurata

Dettagli

La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce

La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce www.associazioneseraf.it La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce ABD del Vino dell Associazione SER.A.F. Illustrazione dell Associazione SER.A.F. Sintesi del processo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s.

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. Malavolta Consulting S.A.S. del Dott. Roberto Malavolta & C. 63016 Campofilone (AP) Via Borgo San Patrizio, 112 tel 0734 937058 - fax 0734 935084

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Elisabetta Toti Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) e-mail: toti@inran.it La disciplina sulla

Dettagli

LARGO FILIPPO GENOVESE,2, 84013 CAVA DE' TIRRENI (Italia) +393299012988 v.derosa@politicheagricole.gov.it

LARGO FILIPPO GENOVESE,2, 84013 CAVA DE' TIRRENI (Italia) +393299012988 v.derosa@politicheagricole.gov.it INFORMAZIONI PERSONALI DE ROSA VITTORIO LARGO FILIPPO GENOVESE,2, 84013 CAVA DE' TIRRENI (Italia) +393299012988 v.derosa@politicheagricole.gov.it 1982 Tecnico agronomo COMUNE CAVA DE' TIRRENI, CAVA DE'

Dettagli

SNAIPO Sindacato Nazionale Insegnanti di Pratica Operativa e altro Personale della Scuola e della Pubblica Amministrazione

SNAIPO Sindacato Nazionale Insegnanti di Pratica Operativa e altro Personale della Scuola e della Pubblica Amministrazione Bozze dei Programmi di concorso a cattedra - ALLEGATO A (gennaio 2016) 1. Avvertenze generali I candidati ai concorsi per posti di insegnamento nella scuola dell infanzia, primaria, e per gli istituti

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI?

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? PRODOTTO ITALIA: I TREND DELLA DOMANDA ESTERA DATI DELL OSSERVATORIO MERCATI ESTERI TTG ITALIA A cura di Paola Tournour-Viron per

Dettagli

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE Articolazione: Accoglienza Turistica - V ANNO Discipline: Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Storia Riferimenti:. LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. 2. ATTI CONVEGNO

Dettagli

Caratteristiche dei prodotti alimentari del bolognese: tradizione ed evoluzioni

Caratteristiche dei prodotti alimentari del bolognese: tradizione ed evoluzioni Caratteristiche dei prodotti alimentari del bolognese: tradizione ed evoluzioni www.eciparbologna.it Caratteristiche dei prodotti alimentari del bolognese: tradizione ed evoluzioni Progetto 1 Operazione

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA Comune di Ragalna Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 28.03.2012. Pagina 1 Art. 1 1. È istituita l Enoteca locale della Strada del

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO ALLEGATO A) al PROTOCOLLO GENERALE per l uso dei prodotti agroalimentari del territorio nel servizio somministrazione, vendita ed esposizione. REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. Premessa e ambito di applicazione.

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA e Ser.In.Ar. in collaborazione con O.L.E.A. (Organizzazione Laboratorio Esperti Assaggiatori) O R G A N I Z Z ANO CORSO

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione settembre 2011 1 Introduzione Unioncamere, con lo scopo di valorizzare i ristoranti italiani

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO

L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO A cura di : Alessandro Mersi - www.olivolio.net - info@olivolio.net Consulente Tecnico in Olivicoltura, Tecniche e Sistemi

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

FIG. 2.14 FIG. 2.15 7LSRORJLDGLROLRGLROLYD HVSRUWDWRGDOO,WDOLD LPSRUWDWRGDOO,WDOLD 9ROXPH W 9DORUH

FIG. 2.14 FIG. 2.15 7LSRORJLDGLROLRGLROLYD HVSRUWDWRGDOO,WDOLD LPSRUWDWRGDOO,WDOLD 9ROXPH W 9DORUH &$5$77(5,67,&+('(//,17(56&$0%,2,7$/,$12 E interessante osservare, a questo punto, verso quali paesi l Italia realizza la sua attività commerciale, per porre un confronto con quelli diretti concorrenti.

Dettagli

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE Metodo per la valutazione organolettica dell olio di oliva vergine (COI/T20/Doc. 15/Rev.2/2007) Maria Teresa Frangipane VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE I sensi sono delle specie di strumenti

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli