Over. Quello che le nonne non dicono...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Over. Quello che le nonne non dicono..."

Transcript

1 Opera Parrocchiale Casa di Riposo S. Antonio FONZASO Over Quello che le nonne non dicono... Cronaca da Casa S. Antonio Dedicato alla Casa di Riposo Sommario Numero 3 luglio 2010 Cari amici, apriamo il terzo numero del giornalino con una bella notizia! Nei mesi scorsi la nostra Casa di Riposo ha ottenuto l accreditamento, importante documento con cui si attesta che l assistenza fornita dalla struttura risponde ai requisiti di qualità richiesti dalla Regione. Quest ultima, ritenendo che nei settori che operano in un campo particolarmente importante, come il prendersi cura delle persone, sia necessaria competenza e rispetto di standard elevati, promuove un processo di continuo miglioramento delle strutture e dei servizi sanitari, sociosanitari e sociali anche attraverso lo strumento Ghe n era na olta 2 dell accredita- Un po di ginnastica 4 mento al fine di garantire un assistenza di La Ricetta 4 La nonna racconta 4 qualità elevata tale da Co la valisa te le rispondere in maniera Cossi se godea appropriata ai reali bisogni non solo di salute, ma anche psicologi- Turisti per caso... La rubrica di Marsi ci e relazionali della Due versi in rima persona, considerata nella sua unicità e irripetibilità. La Direzione ringrazia tutti coloro che hanno collaborato al raggiungimento di questo obiettivo. Maria A. ricorda che un tempo una parte degli edifici della casa di riposo erano occupati da una stalla. La signora, che oggi è alloggiata a villa Rosa, mi porta sul terrazzino della sua camera e mi invita a godere del bel panorama, illustrandomi monti e località! Maria ha scritto questa bella poesia dedicata alla casa S. Antonio. Fonzaso, 21 giugno 2010 Dalle stalle delle vacche e dei porc è risorta la bella invenzion. Villa Rosa così chiamata al terzo piano si vede un immenso panorama. Si vede il Roncon e Col Perer le Vallorche e così via. I ricordi dei fondasini oggi gli anziani guardan dai finestrini di casa s. Antonio e San Michel e il campanil si vede così bel. Son qui anch io allegra e anziana vedo Fenadora e casa mia con grande nostalgia.

2 Ghe n era na olta la scuola col pennino e calamaio. Tutti noi conserviamo qualche ricordo di scuola: le aule, la maestra, qualche compagno, una poesia, una marachella Essa ci parla di noi, della nostra storia, delle nostre tradizioni e ci dice anche come sono cambiati i tempi. Com era la scuola di una volta? Parlando con gli ospiti della nostra Casa, scopriamo che le aule erano un po miserabili e fredde d inverno: ogni scolaro arrivava a scuola con il suo pezzo di legna (la stela ) sotto il braccio per alimentare la fiamma di una piccola stufa a mattoni che mandava fuori quel po di calore che poteva. Una signora racconta che se non si portava il pezzo di legna si veniva rimandati addirittura a casa! Piedi e mani, però, rimanevano freddi e queste ultime si riscaldavano talvolta solo grazie alla bacchetta della maestra. Ogni banco di legno ospitava due scolari e c era posto per riporre la boccetta di inchiostro per il pennino; le pareti erano spoglie e, a parte il crocifisso, raramente c era qualche cartina geografica o qualche immagine di Santi e della Madonna. In epoca fascista appeso in bella mostra c era il ritratto di Mussolini. La scuola di Angelo si trovava a due chilometri di distanza e bisognava andarci sia col bello che col brutto tempo. Se pioveva, ci si metteva una giacchetta in testa; non si aveva neanche l ombrello perché ce n era uno solo in una famiglia di 15 persone e ci si arrangiava alla meglio! La cartella a tracolla, o sacocia, era niente più che un pezzo di tela fatta magari con la traversa della mamma, ma era più che sufficiente per contenere il porta pennino, qualche colore, il libro di lettura, un quaderno a quadri e uno a righe che spesso bastavano per un anno intero poiché capitava che qualche scolaro dovesse saltare più di una lezione causa imprevisti familiari, come vedremo più avanti. Agli scolari più discoli, la maestra non risparmiava qualche bella punizione. Angelo racconta che una volta è stato castigato con altri tre compagni: la punizione consisteva nel rimanere in classe fino alla ripresa pomeridiana delle lezioni senza poter andare a casa a mangiare. Allora Angelo, per niente d accordo con il provvedimento, ebbe un idea: aprire la finestra, saltare su una delle piante di fronte all edificio (carpini neanche tanto grossi) scendere a terra e fuggire. Detto fatto! Anche i compagni, un po meno coraggiosi del nostro e perciò alquanto titubanti a seguirlo nell impresa, alla fine fecero lo stesso e si ritrovarono in men che non si dica tutti e quattro in strada. Angelo li invitò a casa sua dove, di nascosto dai familiari, fecero una gran scorpacciata di castagne crude! Nel pomeriggio rientrarono in classe come se nulla fosse accaduto e nemmeno la maestra fece parola del fatto, poiché, secondo Angelo, si era resa conto del pericolo fatto correre a quei quattro poveri bambini chiudendoli in classe. Vi pensate? Avrebbero potuto cadere dalla finestra o dalle piante mentre tentavano l ardita discesa di tre metri e in tal caso di chi sarebbe stata la responsabilità? Per fortuna tutto è bene quel che finisce bene. Con l arrivo della bella stagione capitava anche di saltare le lezioni non perché si volesse marinare la scuola, ma per cause di forza maggiore. Infatti anche i bambini erano impiegati nei lavori fuori casa: andare a far legna o a far fieno oppure portare le bestie al pascolo in montagna. Angelo non solo finiva prima degli altri la scuola, ma la cominciava anche dopo un mese, poiché era responsabile di sette otto bestie che doveva accudire in montagna. Numero 3 Pagina 2

3 Chi era particolarmente bravo nello studio e desideroso di poter proseguire, spesso doveva arrendersi di fronte all indigenza familiare e ben presto era costretto ad abbandonare i banchi di scuola per andare a lavorare e contribuire così al sostentamento di genitori anziani e fratelli piccoli. Talvolta non si avevano nemmeno i libri su cui studiare, eppure libri o no si imparava lo stesso. Dina e Mafalda ricordano ancora la poesia insegnata in classe: La vecchia madre mia di buona memoria conducendomi seco a lavorare spesso mi ripetea l antica storia delle sostanze altrui di non toccare e dicea: Figlio mio sii buono, sai, la roba d altri non toccar giammai!. Questa parola mi rimase in cuore a profondi caratteri scolpita, mi ritorna nella mente a tutte le ore, non si cancellerà che con la vita. Il materno immenso consiglio rispettai, la roba d altri non toccar giammai! O pomi che dagli alberi pendete, o pesche rosseggianti contro i muri, o prugne nate a spegnere la sete, o grappoli di liuliatica maturi, che giova ch io vi stia tanto a guardare? Voi siete roba altrui da non toccare! Ah! Quante volte a un ponte abbeverato e mai pasciuto di campereggia mensa vengon aperte le case e mai guardato il ben di Dio che l orticel dispensa! Celatamente entrar potrei, ma via! La roba d altri non è roba mia! O dolce madre mia che sulla terra mi lasciasti morendo orfano e solo, se pia che dopo la presente ultima guerra tu possa riveder questo figliuolo, dirti potrò: I tuoi detti ho rispettato, la roba d altri non ho mai toccato!. Anche la scuola, come del resto l intera comunità, era pervasa da un forte spirito religioso, tanto che sia all inizio sia alla fine delle lezioni si invocava il Signore. Sempre Dina e Mafalda ricordano una canzoncina che si cantava appena entrati in classe: Dio che vesti gli agneletti, Dio che passi gli augellin odi noi che ti invochiamo sul mattin. Fuor che l alma che ci hai dato, fuor che questo corpicel, nulla al mondo abbiam sognato, nulla è nostro sotto il ciel ma ci brilla sulla fronte lo splendor di tua beltà. e una preghiera che si recitava prima di uscire dall aula e che per questo veniva chiamata preghiera della sera Il Signore sia benedetto che dà fine alla giornata e raccoglie sotto il tetto la famiglia affaticata in quest ora di riposo e discende a noi pietoso Gabriele apre la via col saluto dell Ave Maria. Così terminavano le lezioni; al suono della campanella a mano gli scolari uscivano di corsa e non di rado capitava che sulla strada del ritorno, buttata la sacocia in mezzo all erba, si giocasse un po prima di salutarsi e di rientrare ognuno a casa propria. Numero 3 Pagina 3

4 Un po di ginnastica Continuiamo a prenderci cura, oltre che della nostra mente, anche del nostro corpo e soprattutto della schiena che tanti pesi ha sopportato. Partendo dalla posizione seduta, con la schiena dritta e le ginocchia non accavallate, portiamo entrambe le mani a contatto con il ginocchio destro e lentamente le facciamo scendere lungo la gamba fino ad arrivare a contatto con il piede, quindi torniamo su alla posizione di partenza. A questo punto portiamo entrambe le mani a contatto con il ginocchio sinistro, lentamente le facciamo scendere lungo la gamba fino al piede. Ripetiamo il tutto per dieci volte. Questo esercizio ci permette di mobilizzare la colonna vertebrale e di muovere in maniera contraria le spalle e le braccia rispetto alle gambe, oltre ad attivare la muscolatura che ci consente di tenere la schiene dritta! Buon lavoro. RICETTA Maria è una grande appassionata di cucina. Quando era giovane si dilettava non solo a fare da mangiare manicaretti per la sua famiglia, ma anche a riempire la dispensa con vasi di verdurine e frutta sciroppata che andavano bene per l inverno. Le abbiamo chiesto di svelarci qualche ricettina sfiziosa utilizzando le primizie di questa stagione. Involtini di cicoria Ingredienti: foglie di cicoria, alcune fette di speck, salvia, olio, burro, vino bianco. Preparazione: arrotolare le foglie di cicoria con all interno una fettina di speck ed una di salvia. Rosolare con olio e burro e sfumare con del vino bianco. Giardiniera agrodolce Ingredienti: 3 kg tra cipolline novelle, carote, sedano bianco, peperoni (rossi, verdi e gialli), 1 l di olio, 1 l di aceto di vino bianco, 1 bicchiere di zucchero, sale. Preparazione: mettere a bollire l aceto con l olio, lo zucchero ed il sale, aggiungere le carote e scottarle 5-6 minuti, quindi aggiungere le rimanenti verdure e farle bollire per altri 10 minuti. Raffreddare il tutto e riempire i vasi. Ciliegie sotto spirito Riempire dei vasi a chiusura ermetica con delle belle ciliegie, riempire con della grappa ed aggiustare di zucchero. La nonna racconta Oggi raccontiamo la storia di Alice, che è storia di gente di montagna, gente semplice ed umile, temprata dalle asprezze del territorio ed abituata a lavorare sodo. Alice nasce a Chioè, località di Lamon, 92 anni fa in una famiglia alquanto numerosa: sono 10 i fratelli, lei la più grande di quelli rimasti in vita. Molto precocemente Alice si trova ad esercitare il ruolo tutto femminile di accudimento dei piccoli. Sfamare tante bocche Numero 3 Pagina 4

5 per la famiglia Facen non era certo facile: vivevano di una tipica attività montana quella agro-pastorale. Alla casera di casa si saliva verso aprile o metà maggio: Alice ricorda che suo padre metteva alle mucche dei campanacci così grossi che quando passavano per andare all alpeggio la gente senza neanche guardare commentava: Guarda che passa Facen con le vacche!. La piccola Alice saliva assieme al papà ed ai fratelli più grandi mentre la mamma con i piccoli restava a casa. La casera l aveva costruita papà e si componeva di una larga stalla che ospitava venti vacche più un cavallo; sopra la stalla il fienile e di fianco lo spazio abitativo: c era la piccola cucina con il fogher di pietre attorno al quale giacevano grosse pentolone di rame, un tavolo e gli sgabelli; in cucina si faceva da mangiare e ci si scaldava dal freddo della sera. Oltre la cucina c era un altra stanza separata dove dormiva il papà. Tutti i fratelli alloggiavano invece in un altra casetta con il fienile che si trovava di fianco all abitazione principale. I loro letti erano costituiti da mucchi di fieno: ci si copriva con un sacco o delle coperte, e quando il freddo si faceva sentire ci si sprofondava nel fieno! La vita era dura in montagna: ci si svegliava alle 5, massimo alle 6; la colazione era povera costituita com era da una tazza di latte accompagnata da una polentina fatta ammollando della farina con l acqua bollente. Si mangiava un boccone e poi al lavoro! In stalla c era da sfamare anche le bestie mettendo il fieno nelle mangiatoie, poi la mungitura. Ci si divideva i compiti della giornata: Co la valisa te le man Dei nostri emigranti fonzasini alcuni decidevano di andare a cercare lavoro davvero c era da spaccare la legna, fare da mangiare, pulire la stalla e poi naturalmente i lavori caseari. Il latte appena munto veniva messo in un recipiente e si divideva dalla panna lasciandola affiorare e togliendola utilizzando un mestolo forato di paglia. E con la panna di faceva il burro utilizzando il burcio che era una sorta di grande centrifuga azionata a mano per mezz ora almeno, quando non era un ora intera! Il formaggio si otteneva aggiungendo il caglio al latte che veniva poi fatto riposare un oretta; in questo modo si otteneva una sorta di poltiglia, la tosella, che si depositava sul fondo e che veniva poi sollevata con un grosso telo per poi metterla a dimora nella forma: tre giorni di riposo poi la salatura rinnovata tutti i giorni. A mezzogiorno ci si fermava per il pranzo: polenta, formaggio salame e radici. Quanto alla cena, la sera si consumava un piatto di minestra e delle patate. Arrivato giugno era tempo di consegnare le bestie al pastore che le portava nei pascoli in alta montagna; loro tornavano a Chioè fino ad agosto. Anche lì c era da molto da fare: nuovo fieno (una parte veniva portato in montagna) e la legna per l inverno. Ad agosto le vacche tornavano ancora una volta in casera e lì consumavano una parte del fieno; il resto veniva conservato in fienile per la primavera seguente. Ed ecco ottobre: era il momento di desmontegàr ritornando a Chioè. La vita rallentava, ci si preparava ai primi freddi. Lungo sarebbe stato l inverno, attendendo una nuova bella stagione che avrebbe nuovamente diviso la famiglia. Anche questo imponeva la sopravvivenza delle nostre genti. lontano; varcavano l oceano e sbarcavano in un altro continente: L America. Così fu per Numero 3 Pagina 5

6 Giovanna (così la chiameremo), che in realtà si spostò per raggiungere la parsona amata! Il giovane fidanzato aveva trovato una buona occupazione nel settore edilizio. Quello che vi racconteremo è anche un piccolo romanzo d amore! Giovanna aveva 22 anni quando prese la grande decisione. In Canada, a Toronto, già si trovavano suo fratello ed i suoi cugini; la sorella più grande sarebbe rimasta a casa ad assistere la madre anziana ed in cattive condizioni di salute. Giovanna partì con la nave. Era la prima volta che navigava ma non fu proprio esaltante: soffrì di un tremendo mal di mare Si fece forza con il pensiero che dall altra parte la aspettava il fidanzato che sarebbe venuta a prenderla con la macchina! In Canada erano forse meno rigorosi che in altri paesi stranieri, ma comunque era previsto di presentarsi alla finanza per i controlli di rito. Giovanna avrebbe inizialmente alloggiato a casa dei cugini, una coppia che fu molto ospitale con lei. Ma era una ragazza un po bizzarra: una volta riabbracciato il suo amato si accorse che in realtà non le piaceva più così tanto! Gli chiese di rimandare il matrimonio e intanto si prese tempo Decise allora di trovarsi un occupazione e la trovò in una fabbrica di sartoria. Già sapeva un po d inglese e lì lo imparò velocemente, a differenza di molti altri che facevano una gran fatica: era una giovane intelligente! Nella fabbrica lavoravano molte altre ragazze, diverse italiane. La giornata lavorativa iniziava alle 7.30 e si continuava fino alle 17 con una pausa per il pranzo; andavano a mangiare da un tale che aveva imparato a cucinare italiano. Il sabato e la domenica era libera e allora decise di occupare fruttuosamente il suo tempo trovandosi un altro lavoretto Iniziò così a cucire per un privato. Quest ultimo lavoro era piuttosto redditizio, tanto che Giovanna decise di abbandonare l occupazione in fabbrica per dedicarsi interamente a questo. Intanto aveva trovato il coraggio per dichiarare al fidanzato il suo non amore: poverino, non la prese tanto bene! Giovanna rimase in Canada per 5 anni, fino a che fu richiamata dalla sorella e tornò in Italia. Cossì se se godea Angelo ricorda che quand era bambino si divertiva spesso giocando ad un gioco che ora ci racconta. Con uno stecchino si disegnavano per terra 7-8 quadratini di 20 centimetri di lato, collocati a distanze progressive. Ad ogni quadrato veniva assegnato un punteggio nella maniera seguente: i quadrati più lontani valevano di più di quelli vicini. Si tracciava anche una linea convenzionale ad una certa distanza dai quadrati. Lì si collocavano i vari giocatori che con una pietra in mano prendevano la mira e cercavano di centrare uno dei quadratini. Naturalmente tanto più lontano era il quadrato centrato, tanto più alto era il punteggio guadagnato. I nostri nonni noteranno una notevole somiglianza con una specialità olimpica da noi praticata: quella dl lancio del peso. Come vedete tutto sempre ritorna! Numero 3 Pagina 6

7 La rubrica di Marsi Come ogni anno con l affacciarsi della stagione estiva già pregustiamo le nostre ferie, pronti ad imbottigliarci nel traffico per ore ed ore pur di raggiungere la sospirata meta vacanziera. D altra parte dicono che si deve staccare la spina! Come sanno bene i nostri nonni, invece, un tempo la spina non si staccava mai anche perché a dirla tutta non c era neanche la corrente! E per quanto riguarda la villeggiatura? Si partiva per le ferie non già con una valigia stracolma per lo più di cose inutili, come accade oggi, bensì con el restél e la forca cargai su la schena!. La campagna richiedeva impegno e dedizione anche d estate: sarir e schiarire il sorgo che era troppo fisso; bisognava allora provvedere a togliere qualche piantina in modo che potesse crescere bello e grosso. Si springava le viti col solfato di rame, meglio conosciuto come verderame: ci si caricava la macchina da verderame sulle spalle e via tra un filare e l altro. Povera schiena! Per lei non c era mai pace!! Ma si era disposti a tutto pur di tener lontana la filossera o la pronospera che avrebbero mandato in fumo tanto lavoro e tanti sacrifici. Chi aveva bestie in casa aveva da fare tutto l anno: bisognava nutrirle ( guarnarle) e tenerle pulite. Ecco allora che si andava a far fén, a segar i prà con la falce anche sotto la remòta del sol. Che invidiabile abbronzatura! Anche i bambini avevano le loro responsabilità e ogni mattina, prima di andare a scuola, pulivano la stalla e portavano fuori il letame. Immaginatevi che scia profumata si lasciava quando si entrava in classe! Col letame si riempiva la gerla che, caricata sulle spalle, veniva svuotata nel campo: ottimo concime per il terreno. D estate si montegàva le bestie che potevano mangiare così l erba dei prati con un notevole risparmio di fieno. E poi con l erbetta fresca il latte era decisamente migliore!! Si lasciavano libere al pascolo, ma si doveva stare attenti affinché non sconfinassero nel terreno degli altri provocando baruffe e colorite discussioni. Così lavorando passava l estate senza mai ricordarsi di staccare la spina Turisti per caso a. San Romedio TN Rosina ricorda di una gita fatta tempo fa nella bella Val di Non dove, oltre ad immergerci nella splendida natura trentina, è possibile visitare il santuario dedicato alla figura di San Romedio. Romedio nacque in una ricca famiglia nobile vicino a Innsbruck, ma nel corso di un pellegrinaggio a Roma decise di donare tutti i suoi averi alla Chiesa e di ritirarsi in un luogo isolato per dedicare la sua vita a Dio. Trovò questo luogo di solitudine e preghiera proprio dove ora sorge il santuario a lui dedicato. Alla sua morte, venne scavata una tomba nella roccia che divenne meta di pellegrinaggio. I suoi fedeli e tutti coloro che in vita lo avevano amato costruirono intorno, all anno 1000, la prima chiesetta in cui sono conservate le sue reliquie, gettando le basi per quello che diventerà il santuario che oggi possiamo visitare. Esso si trova in cima ad un picco roccioso ed è formato da cinque chiesette sovrapposte collegate tra loro da una ripida scalina- Numero 3 Pagina 7

8 ta; si dice addirittura che gli scalini da salire siano ben 100! Su Romedio esistono varie leggende, la più nota è quella dell orso. Si racconta che il Santo, volendosi recare a Trento per un ultimo saluto al suo vescovo, chiese ad un suo discepolo di sellargli il cavallo. Il discepolo obbedì al Santo, ma tornò indietro tutto spaventato perché un orso stava sbranando il cavallo. Romedio, senza scomporsi, gli disse di sellargli l orso. Pur essendo poco convito ma fidandosi ciecamente di lui, il discepolo tornò indietro, avvicinò le briglie all animale il quale chinò il grosso capo e si fece sellare tranquillamente. Il Santo poté quindi raggiungere Trento a cavallo dell orso. San Romedio viene invocato in occasione di calamità, disgrazie, incidenti, malattie e pericoli (scampati) di varia natura. due versi in rima April di bei color riempie la via Maggio vive tra musiche d uccelli Giugno ha i frutti appesi ai ramoscelli... (continua ) Maggio risveglia i nidi maggio risveglia i cuori porta le ortiche e i fiori le serpi e gli usignoli. Fra colli, prati e monti di fior tutta una trama canta, germoglia e dona acqua alla terra il ciel. Redatto dallo staff tecnico della Casa di Riposo S.Antonio con la collaborazione degli Ospiti.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Tutto è bene quel che finisce bene

Tutto è bene quel che finisce bene Tutto è bene quel che finisce bene Ciao a tutti, mi chiamo Riccio Pasticcio, un nome un programma. Spesso e volentieri combino guai, per questo mi chiamano così, ma a volte faccio anche qualcosa di buono.

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia.

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. eka 1 L Etiopia è forse il più antico stato africano. E riuscito a restare indipendente durante tutto il periodo coloniale, fatta eccezione per l occupazione

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

I NOSTRI PICCOLI POETI

I NOSTRI PICCOLI POETI I NOSTRI PICCOLI POETI POESIE SULLA MAMMA Insegnante Fortunata Chiaro CLASSE IV D Anno scolastico 2009-2010 Mamma sei bella come una stella Oh! Mammina sei bellina Come una stellina. Sei dolcina Come una

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II

Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II Canto Guida: Questo pomeriggio siamo qui, davanti a Gesù e davanti

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Classi IV A e B Scuola primaria Don Milani a.s. 2007/08 1 Giuseppe Brollo è originario di un paesino vicino a Treviso. Regione Veneto 2 Nel lontano 1939, si trasferì a

Dettagli