A l l e g a t o I I. Quadro di riferimento ambientale. R a p p o r t o A m b i e n t a l e d i O r i e n t a m e n t o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A l l e g a t o I I. Quadro di riferimento ambientale. R a p p o r t o A m b i e n t a l e d i O r i e n t a m e n t o"

Transcript

1 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A Quadro di riferimento

2 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema La Regione Lombardia con la D.G.R 2 agosto 2007, n.5290 ha modificato la precedente zonizzazione approvata con D.G.R 6501/2001 e utilizzata per valutare il rispetto dei valori obiettivo e dei valori limite degli inquinanti in atmosfera. ulla base della nuova zonizzazione il territorio del comune di Iseo ricade in zona C1, ovvero area prealpina e appenninica, caratterizzata da: - concentrazioni di PM10 in generale più limitate, rilevate dalla Rete Regionale di Qualità dell Aria e confermate dalle simulazioni modellistiche; - minore densità di emissioni di PM10 primario, NOx, COV antropico e NH3; - importanti emissioni di COV biogeniche; - orografia montana; - situazione meteorologica più favorevole alla dispersione degli inquinanti; - bassa densità abitativa; - maggiore esposizione al trasporto di inquinanti provenienti dalla pianura, in particolare dei precursori dell ozono Relazione sullo stato A r i a Qualità della qualità dell aria di Brescia e provincia ARPA, 2006 : Web, sito ARPA Lombardia Il Comune di Iseo nella zonizzazione precedente ricadeva nella zona di mantenimento, corrispondente a quelle zone e agglomerati in cui i livelli degli inquinanti risultavano inferiori ai valori limite e tali da non comportare il rischio di superamento degli stessi e per i quali si prevedevano piani di mantenimento; tuttavia nel 2005, nelle zone di mantenimento le concentrazioni di PM10 e di ozono sono state superiori al livello di riferimento consentito per l anno considerato. Non sono disponibili dati puntuali di rilevazione della qualità dell aria relativi al comune di Iseo, tuttavia nell ambito di una campagna mobile eseguita nella primavera del 2002 a ultano, posizionando la centralina lungo la strada statale Val Camonica che risale la valle in prossimità del Lago d Iseo, si è osservato un frequente superamento dei livelli di attenzione per le polveri totali sospese registrando anche valori prossimi al livello di allarme. Pag. 1

3 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Nel territorio del comune di Iseo, secondo le stime INEMAR relative al 2005, i principali responsabili delle emissioni di inquinanti in atmosfera relativamente al comune di Iseo sono: - il trasporto su strada: principale produttore di NOx e CO (>50%) e di quasi metà del totale delle polveri e delle sostanze acidificanti nel loro complesso; - le combustioni non industriali, sostanzialmente quelle legate agli impianti di riscaldamento: responsabili per oltre la metà delle emissioni di anidride carbonica e per oltre il 40% di quelle di gas serra nel complesso, per oltre il 30% della produzione di polveri, e monossido di carbonio; - le combustioni industriali e non, responsabili complessivamente di più dell 80% della produzione di O2; - l agricoltura, produttrice di oltre l 80% dell ammoniaca emessa in atmosfera e di quasi il 50% del protossido di azoto. Prec.ozono ost.acidif. CO2 equiv. PM2,5 PT PM10 NH3 Emissioni P N2O CO2 CO Inventario Emissioni Aria INEMAR Regione Lombardia e ARPA CH4 COV NOx O2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Agricoltura Altre sorgenti e assorbimenti Altre sorgenti mobili e macchinari Combustione nell'industria Combustione non industriale Estrazione e distribuzione combustibili Processi produttivi Trasporto su strada Uso di solventi : INEMAR Rispetto al 2003 si osserva un calo del 14% nelle emissioni di O2 in linea con la tendenza regionale e nazionale, e un calo del 17% nelle emissioni di CO e del 16% in quelle di ammoniaca. A fronte di una sostanziale stabilità nella produzione degli altri inquinanti, si rileva un aumento nelle emissioni dei gas serra, in particolare del metano. Pag. 2

4 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Il principale corpo idrico superficiale del territorio comunale è il Lago di Iseo; lago di tipo naturale regolato, ampio 61 km 2, 9,38 dei quali ricadenti in comune di Iseo e corrispondenti al 36,5% del territorio comunale. Il lago ha una larghezza massima di 2,4 km e il volume dell invaso è di milioni di m 3. La qualità delle acque del Lago d Iseo è peggiorata negli ultimi anni; attualmente il lago si trova in una condizione di meso-eutrofia, mentre naturalmente esso sarebbe caratterizzato da uno stato di oligotrofia. Il degrado delle acque si riflette anche sulla comunità ittica, in particolare sulle specie di maggior pregio economico e valore naturalistico, riducendo sia il successo della riproduzione naturale sia la disponibilità di habitat idonei per i pesci. ulla base dei dati di monitoraggio del 2002 e del 2003 riportati all interno del PTUA emerge come lo stato delle acque del lago vari da sufficiente, a Castro-Pisogne e Monte Isola, a scadente a Predore. A c q u a Acq. superficiali L intero corpo idrico del Lago d Iseo è idoneo alla vita dei pesci (D.G.R. n del 21/12/1993): le acque sono salmoni cole. Il giudizio di conformità è formulato sulla base dei dati analitici relativi agli anni compresi tra il 1999 e il Nel 2003 oltre il 70% delle acque dei siti del lago sottoposti a monitoraggio risultavano idonei alla balneazione. Il lago di Iseo e il territorio compreso entro 300 m dalla linea della battigia è tutelato ai sensi del D.Lgs 42/2004. Il territorio comunale è attraversato dal Torrente Cortelo, appartenente al reticolo idrico principale. In località Bersaglio è presente una briglia selettiva, a valle della quale il torrente scorre all interno di un manufatto di calcestruzzo armato a sezione rettangolare che presenta numerosi salti di fondo. Al termine di tali strutture il torrente scorre entro il proprio conoide. Presso la trav.iv di via Bonomelli è presente una briglia di sbarramento tracimabile, con tubi di scarico sul fondo. A valle della trav.i di via Bonardi il torrente scorre e ntro due muri verticali o a debole scarpa fino al lago. Gli altri corsi d acqua presenti sul territorio costituiscono il reticolo idrico minore. i distinguono tre diversi ambiti territoriali all interno di ciascuno dei quali le caratteristiche delle aste idriche presenti sono più o meno omogenee: - parte orientale del territorio comunale compresa tra il confine con ulzano e le Torbiere, caratterizzata da andamento orografico bruscamente digradante verso il lago a da scoli montani molto incisi, con elevate pendenze tra cui: o rio Montanino o Vaglio; o scolo di via an Tommaso; o scolo di Montecolino; o torrente Covelo; o torrente Valzella; o rio Zigunale; o scolo di via Cavour; o scolidi via Zatti scolo Valle Gemella; - parte centrale del territorio comunale compresa tra gli abitati di Clusane e Iseo, pianeggiante e caratterizzata dalla presenza delle zone paludose delle Torbiere delle Polle presso via Risorgimento e da aste idriche con deboli pendenze e alvei poco incisi nel terreno con un tracciato sinuoso e ramificato tra cui: colatore Nedrini, colatore dell area dello stadio e colatore della strada del Groppanello; - parte occidentale del territorio comunale compresa tra le Torbiere e il confine con Paratico, caratterizzata come la parte orientale da andamento orografico bruscamente digradante verso il lago a da scoli montani molto incisi, con elevate pendenze tra cui: Relazione e documentazione cartografica relativa alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT TG3 est e ovest Carta idrogeologica e del sistema idrografico TG5 est e ovest Carta dei vincoli TAV.Ddp 9a e 9b Vincoli e limitazioni TAV.Ddp 10, 10a1 e 10b1 Beni costitutivi del paesaggio PTUA Regione Lombardia o rio della Valle del Tufo; o due scoli a ovest dell abitato di Clusane. Infine il rio Zuccone, che si origina nella parte occidentale del territorio comunale, attraversa la zona delle Polle e si biforca in due rami diretti al lago, con un tracciato con caratteristiche variabili: in un primo tratto presenta elevata pendenza e forte incisione nel terreno, poi scorre artificialmente in rilevato, quindi presenta un tracciato sinuoso con debole pendenza e infine un tratto ramificato sempre con debole pendenza fino all immissione nel lago. Il corso del Torrente Cortelo quello del Rio Antigà e Colatori Nedrini e di Iseo: dalla cascina pinelle nei pressi della stazione di Borgonato allo sfocio del lago d Iseo attraverso i Colatori Nedrini e d Iseo compresa la varice formata dalla Torbiera e il Torrente Curtelo: dallo sbocco alla biforcazione sotto. Martino d Iseo e l area compresa entro 150 m a margine delle loro sponde, sono tutelati ai sensi del D.Lgs 42/2004. Ai corsi d acqua del reticolo idrico secondario è associata la fascia di rispetto di 10m. Pag. 3

5 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Relazione e Acq. sotterranee Nel settore montuoso le aree caratterizzate da forme carsiche e dalla presenza di fatturazioni dell ammasso roccioso di origine tettonica sono caratterizzate da un levata vulnerabilità delle acque sotterranee, dal momento che consentono alle acque in superficie di infiltrarsi con facilità nel sottosuolo andando ad alimentare i corpi idrici sotterranei, col pericolo di contaminazione della falda e delle sorgenti. Il grado di vulnerabilità delle acque sotterranee nel settore morenico e perilacustre è stato valutato sulla base della profondità della falda, della ricarica della falda, del mezzo acquifero saturo, del tipo di suolo, dell inclinazione della superficie, del mezzo non saturo e della conducibilità idraulica. Per il territorio occupato dai depositi lacustri indice Drastic ottenuto corrisponde ad una vulnerabilità medio-alta degli acquiferi, e nel territorio occupato da depositi di conoide la vulnerabilità risulta alta, soprattutto per l alto grado di permeabilità dei depositi stessi. olo in corrispondenza dei cordoni morenici la vulnerabilità è risultata medio-bassa. documentazione cartografica relativa alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT TG2 est e ovest Carta geomorfologica L acquedotto comunale serve il 100% della popolazione residente, ed è alimentato dalla sorgente Bonomelli e dai pozzi Cremignane, Badaline, Ferrovia di via Mier, Pilzone (Monte colino). Nel Comune di Iseo, la rete acquedottistica è formata prevalentemente (52,93%) da tubazioni in acciaio. Piano d Ambito - AATO Prov.di Brescia Relazione e documentazione cartografica relativa alla componente geologica, Acquedotto : AATO Provincia di Brescia: Piano d Ambito idrogeologica e sismica del PGT Per il Comune di Iseo, il valore dell indice dell acqua non servita all utenza è pari al 46%, a fronte di un valore medio provinciale pari a 34% e ad un valore medio nazionale corrisponde al 39%, per un volume di acqua persa in distribuzione pari a m 3 all anno. Tutti i parametri chimici dei pozzi alimentanti l acquedotto dal 1999 al febbraio 2008 rientrano nei limiti di legge. Il chimismo delle acque del pozzo Badaline è tipico di falda profonda senza comunicazione diretta con le falde superficiali e i corsi d acqua, con valori molto bassi relativi ai nitrati concentrazioni relativamente alte di ferro e manganese. L acquifero captato dai pozzi Cremignane e via Mier al contrario risulta più vulnerabile, essendo caratterizzato da un chimismo che sembra risentire dell apporto delle falde superficiali. I pozzi, privati e utilizzati per l acquedotto comunale e le sorgenti che alimentano lo stesso acquedotto, nonché quelle captate da private o non captate sono punti particolarmente vulnerabili; intorno ai pozzi ad uso idropotabile, in particolare, insistono zone di tutela assoluta di 10m e zone di rispetto di 200m ai sensi dei punti 3 e 6 dell art.94 del D.Lgs 152/2006. TG3 est e ovest Carta idrogeologica e del sistema idrografico TG5 est e ovest Carta dei vincoli esistenti TAV.Ddp 9b Vincoli e limitazioni Rete fognaria P La rete fognaria nel Comune d Iseo è lunga complessivamente m ed è a reti separate: miste (38,1%), bianche (33,5%) e nere (28,5%). Nel Comune di Iseo, il 98% dei residenti è servito da fognatura, per un valore di circa 8500 unità, senza tener conto delle forti fluttuazioni stagionali. Piano d ambito AATO Prov.di Brescia Depurazione P Il comune di Iseo è inserito con altri nove comuni all interno dello schema depurativo D1Area ebino Franciacorta. L impianto di depurazione è quello di Paratico, con un carico nominale dell agglomerato pari a abitanti equivalenti. Piano d ambito AATO Prov.di Brescia Pag. 4

6 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Il comune di Iseo è un territorio turistico, pertanto la produzione di rifiuti è soggetta a forti fluttuazioni periodiche. La raccolta differenziata comprende un gran numero di frazioni raccolte (oltre 15). Quaderni R i f i u t i Produzione RU P Nel 2006 sono state complessivamente prodotte 7530 tonnellate di rifiuti all interno del comune. Nello stesso anno il contributo della raccolta differenziata al totale dei rifiuti prodotti è stato del 29,3%, valore al di sotto di quello previsto dal D.Lgs 152/2006 dell osservatorio rifiuti della Prov.di per il 2006 (35%), in crescita dell 11,3% rispetto all anno precedente ma in calo del 4,7% rispetto al 2004, anno in cui era stato superato il 30%. Brescia A partire dalle misure di rumore effettuate nel 2007 in occasione della revisione del Piano di zonizzazione acustica del territorio comunale, è possibile fare alcune considerazioni. Il superamento dei limiti causato dal traffico veicolare si è reso particolarmente evidente nelle postazioni di misura riportate nella tabella tratta dallo stesso documento: chede tecniche relative alle misure R u m o r e Inquinamento acustico P per la revisione del Piano di Zonizzazione acustica del territorio comunale per la formazione del PGT Le principali criticità sono state riscontrate: - nel tratto di via Bonomelli a causa dei notevoli volumi di traffico in direzione della nuova superstrada per Brescia, situazione aggravata dal semaforo all altezza di via Roma; - nella zona ospedaliera, disturbata in diversi periodi e spesso sino a tarda sera dal rumore prodotto dal traffico veicolare e da quello indotto dai vicini parcheggi; - in corrispondenza dell area del lungolago Marconi ed in generale del centro di Iseo, in particolare nel periodo estivo in cui i livelli elevati di rumorosità sono dovuti sia al traffico locale che dall affollamento dovuto all attrazione di locali pubblici o di svago. Negli altri casi, le misure di rumorosità hanno evidenziato la sostanziale compatibilità del clima acustico con la classificazione proposta. Pag. 5

7 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema I dissesti rilevati sul territorio comunale sono riconducibili essenzialmente a scivolamenti rotazionali e a crolli di blocchi rocciosi da pareti o tratti di versante molto ripidi. Le frane attive rilevate sono generalmente di dimensioni piuttosto ridotte, e la maggior parte di esse è concentrata nella valle del Torrente Cortelo. Relazione e Lungo l alveo sono frequenti gli scivolamenti di materiale di copertura, soprattutto in sponda sinistra. documentazione I dissesti attivi interessano specialmente vecchie frane ritenute quiescenti. cartografica relativa Lungo i versanti settentrionale e orientale del M.Alto, alle spalle di Clusane, non sono state evidenziate frane attive. olo due aree presentano al loro interno alla componente piccoli dissesti e fenomeni erosivi, la più estesa delle quali comprende l alta valle del Tufo. geologica, Il versante settentrionale e quello orientale alla dorsale M.Alto Corno Pendita presentano alcune frane di scivolamento considerate inattive. idrogeologica e ul territorio comunale sono presenti tre zone interessate da fenomeni di crollo significativi per dimensione e pericolosità : sismica del PGT - la porzione di versante che da Rocca an Giorgio scende verso la 510 e la frazione di Covelo - la porzione di versante compresa tra an Fermo e la frazione di Pilzone TG2 est e ovest Carta - la porzione di versante compresa tra il Monte del Crili, il Monte Cognolo e la frazione di Dangoli. geomorfologica ono segnalati occasionali cadute di piccoli blocchi di massi dalla scarpata non stabilizzata lungo la P48 che collega Iseo a Polaveno. Alcune località del territorio comunale sono interessate da fenomeni di erosione diffusa e incanalata di scarsa entità. TG6 est e ovest Carta R i s c h i Rischio idrogeologico La quasi totalità dei torrenti presenti sul territorio è caratterizzata da alvei con tendenza all approfondimento e al trasporto di materiale solido verso il fondovalle in occasione di eventi meteorici intensi. di sintesi Aree ad alta pericolosità di esondazione: TG5 est e ovest Carta - aree a monte e a valle del ponte di via Roma (T.Cortelo) dei vincoli esistenti - aree limitrofe al ponte canale sulla ferrovia (T.Cortelo) - aree limitrofe al ponte di via Pusterla (T.Cortelo) Analisi del dissesto - area presso lo sbocco del Torrente Cortelo al lago dei versanti a valle ul territorio comunale sono presenti conoidi con differente stato di attività. A valle di via Roma si rileva la porzione di conoide attiva attraversato nella parte delle località Rocca mediana dal Torrente Cortelo; la parte attiva del conoide del Torrente Vaglio ricade quasi interamente nel territorio di ulzano. an Giorgio, an Le aree interessate da scorrimenti con trasporto di materiale solido in occasione di eventi meteorici eccezionali sono localizzate allo sbocco della Valle del Tufo, Fermo e Monte Crili lungo le strade che collegano via del Risorgimento alla località Dossello, un tratto di via Zatti presso Ronco Zuccoli, il raccordo tra via Roma e la 510, alcune zone di via Bonomelli e due vie nell abitato di Pilzone. TAV.Ddp 9b Vincoli e Alcune aree sono soggette ad allagamenti lacuali, l ultimo dei quali ha avuto luogo nel limitazioni Le aree di frana, le aree a pericolosità di esondazione e dissesti morfologici di carattere torrentizio e le aree di conoide sono soggette a vincoli derivanti dalla pianificazione dell Autorità di Bacino del Po ai sensi della L.183/89. Pag. 6

8 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Rischio sismico Il comune ricade in zona sismica 3 a sismicità bassa, in base alla classificazione della OPCM n.3274 del 20 marzo 2003, recepita dalla Regione Lombardia con DGR n.7/14964 del 7 novembre ulla carta della pericolosità sismica locale sono riportate a scala di dettaglio per il comune di Iseo, le particolari condizioni litologiche e geomorfologiche che possono produrre effetti di amplificazione locale o effetti di instabilità in seguito a movimenti tellurici. Nel territorio potrebbero verificarsi fenomeni di amplificazione sismica locale rispetto ai seguenti scenari: - cedimenti e/o liquefazioni: aree con terreni torbosi; - amplificazioni litologiche: o aree con scadenti caratteristiche geotecniche per la presenza di terreni prevalentemente limoso-argillosi e con falda sub affiorante; o zone pedemontane di falda di detrito, conoide alluvionale e conoide deltizio-lacustre; Relazione e documentazione cartografica relativa alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT o zone moreniche con presenza di depositi granulari e/o coesivi; o zone su versanti con pendenze > 35% soggette ad amplificazione sismica dovuta a differente risposta tra substrato e copertura; - amplificazioni morfologiche: zone di ciglio con altezza > 10 metri e creste rocciose e cucuzzoli Inoltre i fenomeni franosi presenti sul territorio in caso di terremoto possono essere riattivati. TG4 est e ovest carta della pericolosità sismica locale La porzione sud-orientale del Comune di Iseo è interessata dalla presenza di due linee elettriche aeree di tensione pari a 130 kv di Enel distribuzione (Iseo- Villongo e Iseo-arezzo). (in rosso nella figura) C a m p i e l e t t r o - Elettrodotti P Regione Lombardia m a g n e t i c i Pag. 7

9 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Il territorio urbano del Comune è caratterizzato dalla presenza di: - aree antropizzate: sono le aree edificate o in cui si prevede edificazione e comprendono il nucleo storico di Iseo, la frazione di Clusane posta sulla costa occidentale e separato da Iseo dalle Torbiere, le frazioni Covelo e Pilzone poste sulla costa orientale lungo la via di comunicazione verso la valle Camonica e la frazione di Cremignane posta a ud-ovest, lungo la via di comunicazione verso Rovato e la pianura, le aree residenziali circostanti, più recenti, le zone produttive e le zone che ospitano infrastrutture di servizio, oltre agli insediamenti rurali e le case sparse; - giardini, orti, frutteti; Il territorio perturbano è caratterizzato dalla presenza di: - seminativi: nel comune di Iseo sono presenti colture di mais, loietto, barbabietola, orzo, frumento; tra i seminativi sono comprese le colture orticole in pieno campo e i terreni sottoposti a set-aside; - prati stabili; - prati arborati; - castagneti da frutto; - vigneti; - uliveti; - vivai; - specchi d'acqua artificiali originatisi da attività, estrattive dismesse localizzati nell area delle torbiere ed ad ovest delle stesse (zona denominata Polle di Iseo ); - incolti. Relazione del DdP: Quadro conoscitivo orientativo u o l o e s o t t o s u o l o Uso del suolo La superficie non urbanizzata, al netto del lago d Iseo, interessa circa il 55,3% del territorio. Le superfici interessate dalle diverse forme d uso attuale del suolo rilevate sono riportate nella tabella seguente: TAV.Ddp 9a Vincoli e limitazioni TAV.Ddp 10, 10a1 e 10b1 Beni costitutivi del paesaggio : Relazione del DdP: Quadro conoscitivo orientativo Le colture specializzate (vigneti, castagneti da frutto, uliveti e vivai) sono soggette a limitazioni paesistiche da parte del PTCP. Pag. 8

10 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema ul territorio comunale è in corso la bonifica di un sito contaminato ( Ex PV AGIP n 1714 P11 Iseo-Rovatoin comune di Iseo ex impianto di distribuzione Documentazione iti contaminati P localizzato in via Ciochet 9 )secondo un progetto presentato nel marzo 2007 da ENI pa e autorizzato nel gennaio 2008 dalla Conferenza dei ervizi del Comune di Iseo. ul sito son già stati effettuati interventi di messa in sicurezza. depositata presso il Comune Beni geologici E stata avanzata al Ministero dell Ambiente la richiesta di istituzione di Geosito per quanto concerne l area di affioramento del Conglomerato o Ceppo di Cremignane, una formazione di litotipi alpini prevalenti sulla quale l attività glaciale ha lasciato scanalature e solchi glaciali molto ben conservati. TAV.Ddp 9b Vincoli e limitazioni Nel comune di Iseo il PTCP rileva le seguenti componenti di interesse paesistico: - ambiti di elevato valore percettivo connotati dalla presenza di fattori fisico-ambientali e/o storico culturali che ne determinano la qualità d insieme, individuati in individuati in fasce che interessano la viabilità P a e s a g g i o Componenti di interesse paesistico stradale storica principale e secondaria, la ferrovia Iseo-Edolo; - contesti di rilevanza storico-testimoniale (ambiti della riconoscibilità di luoghi storici): tali contesti interessano il versante collinare ad est del lago ed in parte sovrastano il centro di Iseo in località Bosine e in località Invino e in parte sovrastano il centro di Pilzone in località. Fermo; - luoghi di rilevanza paesistica percettiva caratterizzati da beni storici puntuali: o la chiesa con il campanile posta sulla collina a Cremignane; o la santella in località Ronco Zuccoli; o il complesso di Bosine; o il complesso presso la chiesa di. Teresa; o la località Furche sulla strada che porta a Polaveno; o il santuario con il campanile di. Fermo; - visuali panoramiche: o lungo gli itinerari di navigazione del lago che consentono una panoramica degli abitati con il fondale delle colline moreniche; o lungo i percorsi a lago; o lungo la viabilità che costeggia il lago da Clusane a Iseo e da - punti panoramici: o sulla collina che sovrasta Clusane, o lungo la via Mirabella in località Catilina, o lungo la via Di Bernardo che da Zenighe di Corte Franca scende a Clusane, o dal porto di Iseo o dal lido dei platani, o a Pilzone da via. Tommaso a dal complesso di. Fermo, o sulla collina a confine con Polaveno, Punta dell Orto, o lungo la provinciale che porta a Polaveno vi è un punto panoramico che guarda verso sud e la o Franciacorta, o dalla località Forche e verso il lago e le Torbiere nella località del ristorante Ginepro, o lungo la provinciale che sovrasta il centro di Iseo, o a confine con Provaglio nei pressi del Monte Conche e in località Balotà del corèn ; - itinerari di navigazione sentieri CAI sentiero agro-turistico del lago d Iseo sentiero per il Monte Guglielmo. Relazione del DdP: Quadro conoscitivo orientativo TAV.Ddp 9a Vinoli e limitazioni TAV.Ddp 10,10a1,10a2,10b1,1 0b2,10c Beni costitutivi del paesaggio Iseo a Pilzone; o lungo la strada che da Corte Franca scende a Clusane; o lungo la strada campestre che attraversa la località Polle ; o lungo la ferrovia storica; o lungo la strada provinciale che sale a Polaveno; Pag. 9

11 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema ul territorio del comune di Iseo sono presenti alcuni ambiti assoggettati a tutela con specifico provvedimento ai sensi dell art. 136 del Dlgs n. 42 del 22 gennaio ono vincoli individuati con apposito decreto ministeriale e decreto del Presidente della Giunta Regionale quelli di seguito elencati: Iseo: - Casa Piazza Garibaldi civico D.M. 18/5/ Castello Oldofredi D.M. 12/8/ Chiesa di. Andrea D.M. 12/2/ Municipio D.M. 4/6/1959 Clusane - Chiesa. ilvestro (o dei Disciplini) - Mura della città - Nuova sede ferrovia (ferrovia nord) - Cappella del uffragio - Casa delle Madri Canossiane già Martinengo delle Palle - Chiesa. Francesco di ales e. Paolo Apostolo (presso Ospedale) - Chiesa. Giovanni Battista - antella.. Crocifisso al cimitero - antella e Ronco Zuccoli Relazione del DdP: Quadro conoscitivo Elementi soggetti a vincolo paesaggistico - Castello fabbricato adiacente D.M. 22/4/1995 Pilzone - Villa Mazzucchi con giardino e annessi D.M. 12/6/1999 Beni culturali oggetto della tutela ai sensi artt del Dlgs del 22 gennaio 2004 n. 42 Iseo: - Canonica - Oratorio. Giovanni Bosco - antuario B. Vergine della Neve - Cimiteri - Ospedale Civile via Martiri della Libertà - Palazzo Arsenale (ex carceri) via ambrico Bosine: Chiesa. Giuseppe Clusane: - Chiesa Cristo Re - Chiesa. Rocco - Chiesa. Gervasio e Protasio Cremignane: Chiesa. Pietro Invino: Chiesa. Teresa Montecolo: Torre Colombere Pilzone: - Chiesa. Tommaso - Chiesa Parrocchiale Madonna Assunta (.. Pietro e Paolo) - Chiesa. Fermo orientativo TAV.Ddp 9a Vincli e limitazioni TAV.Ddp 10, 10a2 e 10b2 Beni costitutivi del paesaggio - cuole via della Cerca - Area ex macello via per Rovato - Chiesa. Maria degli Oldofredi (o del Mercato) - Chiesa. Martino in Prada Tra gli ambiti tutelati da vincolo paesaggistico ai sensi dell art. 142 del Dlgs del 22 gennaio 2004 n.42, si ricordano le Torbiere di Iseo in quanto zone umide. Pag. 10

12 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Le componenti del paesaggio storico culturale sono caratterizzati dalla rete viaria storica principale e secondaria e dalla rete ferroviaria storica. Alcuni tracciati coincidono con percorsi di valore panoramico e determinano punti di vista privilegiati nel contesto naturale. Appartengono alla rete viaria storica principale: - la strada litoranea che da Iseo costeggia dall inizio del secolo scorso il lago provienendo da Paratico, Clusane, per giungere a Pilzone; Relazione del DdP: Quadro conoscitivo orientativo Rete viaria storica - la P XI che da Rovato attraversa da sud a nord la Franciacorta e raggiunge Iseo. La rete stradale storica secondaria è costituita da: - strada locale che da Nigoline di Corte Franca raggiunge Clusane; TAV.Ddp 9a Vinoli e limitazioni - P n. 48 che da Iseo sale a Polaveno per poi scendere in Valle Trompia. Fra le reti stradali storiche vi è l antica strada valeriana che percorre da sud a nord tutti i nuclei storici posti sulle pendici collinari che guardano da est il lago d Iseo. Tale strada oggi è individuabile a tratti lungo i percorsi di mezza costa che interessano il territorio comunale di Iseo. Taluni tratti del tracciato storico della ferrovia, inaugurata nel 1909 e dotata di numerose gallerie e ponti, conservano ancora oggi il rapporto visuale originario TAV.Ddp 10, 10a2 e 10b2 Beni costitutivi del paesaggio con l ambiente. Contributo partecipativo alla VA egnalazione di ambito di interesse paesistico Il nucleo storico- del Cavone, la cui piana si estende sul tracciato pianeggiante del torrente Curtel, è caratterizzato da alcuni elementi di interesse paesistico: - un impianto di architettura vernacolare riferito a due distinti nuclei edilizi di antica formazione - un tracciato che scende al lago seguendo la maglia ortogonale dell impianto poderale - l isolata emergenza in bianca roccia calcarea del monte Pelato per il PGT di Iseo: Relazione (All.A1) e documentazione fotografica e simulazione tridimensionale (All.A2) VRP CONULTANT.p.A. Pag. 11

13 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Nel territorio comunale è presente la Riserva Naturale Torbiere del ebino, individuato anche come sito Rete Natura 2000: IC/ZP IT Torbiere di Iseo. Il sito si presenta come un mosaico di specchi d'acqua alternati a vecchi camminamnenti su cui è presente una vegetazione naturale sia erbacea che arborea in parte alterata dall'ingresso di specie vegetali alloctone di origine nordamericana. Il resto dell'area è per gran parte occupato da ampie plaghe di vegetazione palustre, cariceti e magnocariceti, che caratterizzano marcatamente l'ambiente della Riserva. Gli specchi d'acqua, nelle parti meno profonde, sono occupate da un lamineto improntato essenzialmente a Nymphaea alba. Il sito risulta essere uno degli ultimi lembi di ambiente palustre nella Pianura bresciana. Riveste un importante ruolo per l'avifauna sia stanziale sia A r e e p r o t e t t e e R e t e N a t u r a Riserve e IC / ZP migratoria. È luogo preferenziale per la nidificazione di molte specie palustri. E' inoltre un ambiente idoneo alla riproduzione di anfibi e rettili. Le situazioni di rischio sono limitate alle attività agricole praticate sui terreni circostanti gli habitat che determinano un eccesso di nutrienti a carico delle Formulario standard (novembre 2003) Provincia di Brescia acque che percolano nelle vasche della torbiera. Una situazione più problematica è rappresentata dallo scolmatore che riversa, in caso di troppo pieno, le acque reflue di Provaglio d'iseo direttamente in Lama, in una zona adiacente il Monastero di an Pietro in Lamosa. i nota disturbo antropico a carico della vegetazione lungo i percorsi utilizzati per le visite. E' auspicabile il controllo dell'espansione di specie ittiche alloctone, come il siluro, mediante prelievi mirati per diminuire la pressione anomala (predazione) che questi esercitano in particolare sugli anfibi. Per una maggiore tutela di questi ultimi, si dovrebbero creare delle vasche deputate alla deposizione, bonificate dai predatori abituali, e lontane dal possibile disturbo dei visitatori. Per la tutela dell'ittiofauna oltre a garantire una buona qualità delle acque, è da mantenere la naturalità delle sponde, per garantire la possibilità di ovodeposizione. Pag. 12

14 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Gli habitat di interesse comunitario presenti nel sito sono valutati nel formulario standard aggiornato a giugno 2006, come da tabella seguente: Codice Rappresentatività Grado di Valutazione Conservazione globale 3130 B B B 3150 B B B 6410 C C C 6510 B B B 7210 B B C 7230 B B B 91E0 * C C B grado di rappresentatività del tipo di habitat naturale sul sito: - A: rappresentatività eccellente; - B: buona rappresentatività; - C: rappresentatività significativa; - D: presenza non significativa grado di conservazione della struttura e delle funzioni del tipo di habitat naturale in questione e possibilità di ripristino: - A: conservazione eccellente; - B: buona conservazione; - C: conservazione media o ridotta valutazione globale del valore del sito per la conservazione del tipo di habitat naturale in questione: - A: valore eccellente; - B: valore buono; - C: valore significativo. Complessivamente nel territorio del Comune di Iseo sono stati individuati i seguenti tipi forestali: Orno-ostrieto primitivo di rupe: nel territorio comunale si trova in corrispondenza dei versanti più ripidi con caratteristiche rupestri come, per esempio, il versante immediatamente a nord di an Fermo sopra l abitato di Pilzone. Orno-ostrieto tipico: lo si trova per esempio sulle pendici di Montecolo lungo il versante nord-ovest della Punta dell Orto ed il versante nord e nord-est del Monte Alto. Querceto di rovere-roverella dei substrati carbonatici: questa formazione è localizzata in corrispondenza del versante sud della Punta dell Orto e nelle zone a maggiore disponibilità idrica del Monte Alto. Castagneto da frutto - Castagneto dei substrati carbonatici: sul territorio di Iseo si possono incontrare ancora alcuni nuclei di castagno da frutto in attualità Relazione del DdP: Quadro conoscitivo orientativo N a t u r a e B i o d i v e r s i t à Vegetazione di coltura collocarti per lo più in posizioni di facile acceso, ossia limitrofi a nuclei urbani o prati-pascoli e, quindi, ben serviti da viabilità agro-silvopastorale. ul resto del territorio i castagneti si presentano con formazioni governate a ceduo per esempio a nord del Monte Cognolo e Corno dei Crili. Robinieto e Robinieto misto: larobinica, specie pioniera ed infestante, è diffusa in particolare in prossimità della viabilità principale laddove il suolo è stato sottoposto a rimaneggiamenti che hanno agevolato l ingresso della stessa, ad esempio alla fascia dei tornanti della strada che da Iseo porta a Polaveno o a quella che costeggia la linea ferroviaria. TAV.Ddp 9a Vincoli e limitazioni TAV.Ddp 10, 10a1 e 10b1 Beni costitutivi I boschi e le foreste sono sottoposti a vincolo paesaggistico ai sensi del Dlgs del 22 gennaio 2004 n.42 del paesaggio Il vincolo paesaggistico riguarda i territori coperti da foreste o da boschi (la definizione di bosco è dettata dalla normativa regionale vigente art. 3 L.R. 28/10/2004 n. 27). ul territorio comunale sono stati censiti complessivamente 15,4 km di vegetazione in formazioni lineari di siepi e filari, elementi importanti per la connettività ecologica, costituiti perla metà (46,9%) da ripe boscate omogenee e continue costituite da fasce di cespugli, arbusti e ceppaie e per il 27,5% da ripe boscate eterogeee, ovvero intervallate dalla presenza di essenze di alto fusto. i rileva che la densità di elementi lienari presenti sul territorio comunale pari a 0,7 Km/Km2, appare sotto la media, rispetto a quanto rilevato in altri comuni aventi analoghe caratteristiche territoriali. Pag. 13

15 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Alcune parti del territorio comunale, ricadono all interno di aree individuate come prioritarie per la biodiversità dal recente studio condotto dalla Regione Lombardia e dalla Fondazione Lombardia per l Ambiente per la redazione della Rete ecologica della pianura padana lombarda. La Regione Lombardia ha approvato gli elaborati relativi a tale studio con il Ddg n.3376 del 3 aprile Le aree che interessano il comune di Iseo sono: - AP 14: Torbiere di Iseo - AP 13: Monte Alto (B) - AP 15: Bassa Val Trompia Tali aree in particolare risultano importanti per: - conservazione di Biodiversità o comunità vegetali; o briofite e licheni (AP13, AP14); o miceti (AP14, AP15); o invertebrati (AP14); o cenosi acquatiche (AP14); o uccelli (AP14); o mammiferi; - processi ecologici che hanno luogo al loro interno. Aree prioritarie per la biodiversità (in rosso) Relazione di sintesi Rete ecologica della pianura padana lombarda fase 1: aree prioritarie per la Biodiversità Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l Ambiente, 2007 : da All.XII alla relazione di sintesi Rete ecologica della pianura padana lombarda fase 1: aree prioritarie per la Biodiversità Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l Ambiente (2007) Pag. 14

16 P. G. T. D E L C O M U N E D I I E O V. A.. V A L U T A Z I O N E A M B I E N T A L E T R A T E G I C A ottotema Le principali voci che costituiscono la rete ecologica nel Comune di Iseo, evidenziate nello schema direttore della rete provinciale sono: - Principali ambiti lacustri: i grandi laghi naturali, il Lago d Iseo in particolare, che rappresenta un capisaldo fondamentale del sistema ecologico del bacino padano; lo schema direttore della rete ecologica della Provincia di Brescia ne riconosce il ruolo fondante per l ecomosaico provinciale - Ambiti di specificità biogeografia (Torbiere d Iseo): non necessariamente l esistenza di.i.c. implica situazioni per le quali devono essere favorite maggiori connettività ecologiche; ad esempio ove vi siano elevati livelli di specificità biogeografia è piuttosto opportuno limitare flussi di materiali ed organismi teoricamente in grado di inquinare i patrimoni genetici esistenti. - Ambito della ricostruzione ecologica diffusa: la fascia dell alta pianura a contatto con i rilievi è caratterizzata da una forte presenza insediativa ed infrastrutturale che determinano una elevata criticità. tralcio dallo schema direttore della rete ecologica provinciale Legenda Rete ecologica PTCP della Provincia di Brescia : Quaderno 3 del PTCP Ambiti di interesse naturalistico IL PTCP vigente individua nelle grotte un ambito di interesse naturalistico. La presenza di cavità sotterranee di origine carsica contraddistingue gran parte del territorio del ebino. Nella frazione di Covalo, nel comune di Iseo, si trova l apertura del Büs del Quài sistema di grotte che si è costituito all interno dei calcari della Maiolica. La grotta, posta a quota 265 m slm ha uno sviluppo prevalentemente orizzontale; lo sviluppo accertato della grotta è di circa 1.500m. PTCP della Provincia di Brescia L e g e n d a F a t t o r e : [ ] : ensibilità [ P ] : Pressione Pag. 15

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA PIANO PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA PAESISTICA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ABUSIVI ESEGUITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli