LINEE GUIDA DEGLI INTERVENTI DI POLITICA ATTIVA LOCALE PER FAVORIRE L IMPRENDITORIALITA SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA DEGLI INTERVENTI DI POLITICA ATTIVA LOCALE PER FAVORIRE L IMPRENDITORIALITA SOCIALE"

Transcript

1 LINEE GUIDA DEGLI INTERVENTI DI POLITICA ATTIVA LOCALE PER FAVORIRE L IMPRENDITORIALITA SOCIALE Progetto Iniziativa Comunitaria Equal Incubatori di impresa sociale IT-S2-MDL-351 A CURA DI ROBERTO LEONARDI E STEFANO MONELLINI IMPRESA A RETE SOC. COOP.SOC.ONLUS

2 INDICE PRESENTAZIONE 3 CAPITOLO 1 L ESCLUSIONE SOCIALE IN EUROPA NEL QUADRO DELLA STRATEGIA EUROPEA DELL OCCUPAZIONE 1.1 L esclusione sociale in Italia tra definizione di disabilità e di fasce 6 deboli 1.2 Il libro bianco di Jacques Delors La Strategia Europea per l Occupazione (SEO): elementi distintivi 12 CAPITOLO 2 LE POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO IN ITALIA IN UN QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE IN MUTAMENTO 2.1 Premessa La legge 68/ Gli strumenti per l inserimento lavorativo ed il ruolo dell economia 23 sociale 2.4 Il decreto n 276, attuativo della legge 14 febbraio 2003, n (Legge Biagi) CAPITOLO 3 LE POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO IN ITALIA NEL QUADRO DEI SISTEMI NAZIONALI E LOCALI DI LOTTA ALL ESCLUSIONE SOCALE 3.1 Le politiche attive del lavoro all interno del sistema delle politiche 42 sociali e del lavoro in Italia 3.2 L economia sociale come ambito privilegiato di sperimentazione delle 44 politiche attive per il lavoro 3.3 Politiche attive per il lavoro, sistemi locali e nuovi sistemi di welfare Il sistema profit e la lotta all esclusione sociale L economia sociale italiana ed i sistemi internazionali 63 CAPITOLO 4 UNA PROPOSTA OPERATIVA: L AGENZIA DI SVILUPPO LOCALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER L INCLUSIONE LAVORATIVA 4.1 Finalità ed obiettivi Modello organizzativo 70 CONCLUSIONI 73 BIBLIOGRAFIA

3 PRESENTAZIONE La presente pubblicazione rappresenta uno dei contributi previsti all interno del progetto Equal Incubatori di impresa sociale, promosso dalla FICT, Federazione Italiana delle Comunità Terapeutiche, uno dei più grandi gruppi nazionali che si occupa di lotta alle tossicodipendenze. Il progetto si pone l obiettivo generale, per l appunto, di promuovere l elaborazione e la sperimentazione di incubatori di impresa sociale, che contribuiscano allo sviluppo di bacini occupazionali congrui e praticabili dalle fasce deboli (con particolare riferimento ai target tossicodipendenti, adolescenti a rischio, portatori di handicap fisico e psichico, senza fissa dimora, donne svantaggiate, ecc). La pubblicazione intende delineare delle linee guida, in relazione agli strumenti di politica attiva finalizzati allo sviluppo dell imprenditorialità sociale. Si tratta di una documentazione che trova spazio all interno della macrofase III del progetto, che prevede la Strutturazione di un network a supporto delle future imprese. Il lavoro si situa in uno spazio intermedio tra la macrofase di ricerca (che ha previsto la pubblicazione delle Linee guida per un nuovo sviluppo della cooperazione sociale in Italia, che Impresa a Rete ha articolato in collaborazione con l Università della Tuscia ) e la vera e propria fase di incubazione d impresa, che rappresenta l obiettivo finale del progetto.

4 Inoltre, esso si accompagna, dal punto di vista della sua coerenza logica, ad un altra pubblicazione, a cura di Impresa a Rete, la cui presentazione ed uscita avverrà contestualmente alla presente, ovvero le linee guida per l individuazione delle metodologie di inserimento lavorativo, con particolare riferimento alla valutazione/validazione delle competenze pregresse dei soggetti svantaggiati. La citazione di questi due ultimi lavori sembra necessaria, perché focalizza il percorso all interno del quale troverà spazio il presente lavoro, di taglio più espressamente politico; tale percorso può essere così descritto: dalla individuazione dei settori innovativi in ambito di economia sociale, agli strumenti politici ed imprenditoriali per realizzarli, all analisi delle metodologie coerenti con l obiettivo di realizzare un economia sociale al tempo stesso inclusiva ed efficiente. Il percorso svolto all interno della presente pubblicazione parte dall individuazione delle fasce deboli, al cui servizio, essenzialmente, si pone l impresa sociale e dal processo storico che, in ambito europeo, ha portato ad una ridefinizione delle politiche, degli ambiti e delle strategie di intervento, per poi offrire una panoramica sui principali interventi normativi nazionali italiani ad esse finalizzati. Successivamente si proverà a delineare gli scenari politico-sociali ed economici che rappresentano, attualmente, un opportunità ed un rischio per lo sviluppo dell economia sociale a livello locale, nazionale ed internazionale. Chiuderà il lavoro un ipotesi di proposta operativa che si è definita Agenzia di sviluppo dell economia sociale per l inclusione lavorativa,

5 di cui si intende, a partire dalla presente pubblicazione nell ambito del progetto Equal Incubatori di impresa sociale, promuovere la nascita ed il consolidamento a livello locale. Le linee guida hanno tratto un particolare beneficio da un testo, Valutare il lavoro-gli inserimenti lavorativi dei soggetti in stato di dipendenza in Italia, edito da Guerini e associati, Milano, nel 2004, a cura di Valerio Belotti, realizzato nel quadro di un finanziamento da parte del Fondo Nazionale d intervento per la lotta alla droga, gestito dal CNCA ( Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza ), in partenariato con Impresa a Rete. Impresa a Rete desidera ringraziare sentitamente: - i partners del progetto Equal Incubatori di impresa sociale e le comunità FICT, per l opportunità offerta ad Impresa a Rete di realizzare il presente progetto di studio e ricerca; - tutti gli autori (citati in bibliografia) che, attraverso i loro contributi, hanno arricchito la pubblicazione. Si augura a tutti una buona lettura. Gli autori

6 CAPITOLO 1 L ESCLUSIONE SOCIALE IN EUROPA NEL QUADRO DELLA STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE 1.1 L esclusione sociale tra definizione di disabilità e di fasce deboli L ISTAT stima che in Italia la presenza media di cittadini disabili è del 48,5 per mille 1. Il numero di persone disabili in età da lavoro, cioè nella classe d età compresa fra i 15 e i 64 anni, ammontava nel 2001, a unità. In realtà, accanto a questo gruppo, comparirebbero ben persone che, pur denunciando un problema di salute od un handicap, che dura da più di sei mesi o che pensano possa durare per più di sei mesi, non sperimentano difficoltà oppure solo difficoltà saltuarie nelle attività di tutti i giorni. La disabilità è una condizione che ognuno, anche temporaneamente, può sperimentare nella propria vita (dunque, non è più un problema di un gruppo minoritario di popolazione): una delle conseguenze della mutazione di approccio al tema è rappresentata dal fatto che la parola handicap è stata eliminata. 1 ISTAT Le condizioni di salute della popolazione. Indagine Multiscopo sulle famiglie Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari. Anni , ISTAT, Roma, 2001.

7 L Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato, nel 2001, la Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute ( ICF), che 191 Paesi, tra cui l Italia, riconoscono come la nuova norma per classificare salute e disabilità: L ICF misura e classifica la salute e gli stati ad essa correlati ponendo al centro la qualità della vita delle persone affette da patologia, permettendo l evidenziazione di come convivono con la loro condizione e di come sia possibile migliorarla. Si hanno, secondo tale impostazione, due criteri di classificazione delle fasce deboli, e precisamente: A. Fasce deboli tradizionali a. per ragioni legate a fattori fisici congeniti o consequenziali; b. per ragioni legate a patologie psichiatriche: molte di queste patologie sono condizionate dai processi strettamente legati al contesto sociale post-industriale, patologie borderline, doppia o triplice diagnosi); c. per ragioni legate a fattori di contesto familiare pluriproblematico; d. per ragioni legate a fattori legati a scelte di vita alternative. B. Nuove fasce deboli Occorre in questa sede fare riferimento al cosiddetto disagio della normalità, in cui, a seguito dei fenomeni legati ai processi economici e sociali tipici della società occidentale a capitalismo avanzato, possono essere incluse, tendenzialmente, tutte le fasce di popolazione, dal

8 momento che esso non si caratterizza per il vedere applicata ai soggetti che ne soffrono l etichetta di persona in difficoltà. Piuttosto, esso riguarda forme di malessere non necessariamente conclamate e tradizionali (come, ad esempio, l essere tossicodipendenti, malati cronici, in stato di forte deprivazione materiale, detenuti, ecc.), che possono colpire soggetti, appunto, normali 2. Se si prova a definire le dimensioni in cui si può scomporre il concetto, o comunque ad individuarne i fattori che ne sono alla base, potremmo dire che il disagio della normalità può riguardare, tra gli altri, i seguenti aspetti: - un gravoso carico derivato dal lavoro di cura, che aumenta, nelle famiglie, per effetto della prolungata permanenza dei figli a casa e per la presenza di anziani e grandi anziani non in buona salute; - la mancanza di lavoro (sia per coloro che sono in cerca di prima occupazione, sia per quelli che l hanno persa) o la qualità del lavoro (in termini di ritmi elevati, precarietà, lavoro nero, pendolarismo, ecc.); - un basso livello di benessere psico-fisico, derivante da uno stato di salute non soddisfacente o da difficoltà di ordine psicologico; - una situazione economica che rende gli individui e le famiglie insicuri sul futuro e sul poter contare su risorse economiche certe; - una condizione abitativa non soddisfacente, per effetto di problemi che si registrano nell abitazione o nella zona in cui si vive; 2 Montesperelli P., Carlone U.; Primo Rapporto sull infanzia, l adolescenza e le famiglie in Umbria, Regione dell Umbria, Perugia, 2004

9 - un senso di insicurezza, dovuto a problemi di ordine pubblico e di criminalità più o meno diffusa; - relazioni insoddisfacenti, sia intra-familiari (tra coniugi/conviventi, tra genitori e figli) che sociali (rapporti con amici, soddisfazione nel tempo libero, ecc.); - difficoltà derivanti dai passaggi nei corsi di vita, come, ad esempio, dalla pre-adolescenza all adolescenza, dall adolescenza alla vita adulta dall età lavorativa a quella pensionabile; - un senso di incertezza, in termini di assenza o carenza di punti di riferimento che può provocare disorientamento e necessità di aggiornare le proprie mappe cognitive Il libro bianco di Jacques Delors L interesse per la questione dell occupazione e per una strategia comune per le politiche del lavoro ha una precisa collocazione nell ambito dell attività dell Unione Europea: si tratta dell uscita del Libro bianco su crescita, competitività e occupazione dell allora Presidente della Commissione Jacques Delors (1993): il documento nasceva dal tentativo di spiegare un ingente emorragia occupazionale in apparente contraddizione con una crescita della ricchezza prodotta dalla Comunità. Per fronteggiare tale crisi il libro bianco presentava una serie di scelte strategiche integrate che puntavano sul 3 idem

10 rafforzamento dei sistemi di istruzione e formazione e su forme di flessibilità regolata del mercato del lavoro, ma soprattutto sottolineava il ruolo rilevante delle politiche attive per l occupazione e la loro integrazione con quelle macroeconomiche per coniugare in maniera più coerente sviluppo economico e coesione sociale all interno delle varie politiche nazionali 4. Accanto alle indicazioni (che si potrebbe definire, linee guida (a livello embrionale, per lo sviluppo dei politiche attive per il lavoro in ambito europeo) per un approccio strategico e sistemico nei confronti del fenomeno dell esclusione sociale in Europa (linee che saranno poi riprese ed approfondite nei successivi documenti dell Unione Europea, con particolare riferimento alla Strategia Europea dell Occupazione, di cui si avrà modo di parlare in seguito), nel "libro bianco" di J. Delors vengono indicati, tra l altro, alcuni "bacini d'impiego", che coinvolgono in maniera diretta l economia sociale, sia rispetto ai servizi tradizionalmente da essa svolti, sia rispetto a nuovi segmenti imprenditoriali, come pure (ma forse sarebbe meglio dire soprattutto) formule innovative di intervento su entrambi i fronti. Delors individuava infatti: A. I servizi zonali di assistenza, ovvero assistenza domiciliare agli anziani e ai disabili, assistenza sanitaria, preparazione di pasti e i lavori domestici; custodia dei bambini che non hanno ancora raggiunto l'età scolare e, fuori dell'orario scolastico, degli scolari, compresi gli 4 Karuc C.; Lo stato attuale della riforma dei Servizi per l impiego in Belotti V. (a cura di); Valutare il lavoro-gli inserimenti lavorativi dei soggetti in stato di dipendenza in Italia, Guerini e associati, Milano,2004

11 spostamenti tra casa e scuola; assistenza ai giovani in difficoltà, attraverso il sostegno a livello scolastico, offerta di attività ricreative (soprattutto sportive), inquadramento per i più svantaggiati; sicurezza di immobili destinati ad abitazione; piccoli negozi mantenuti in aree rurali ma anche nei quartieri decentrati; B. L'audiovisivo; C. Le attività ricreative e culturali; D. Il miglioramento della qualità della vita, ovvero il rinnovamento dei vecchi quartieri e dei vecchi habitat per migliorare il comfort e garantire meglio la sicurezza, sviluppo dei trasporti pubblici locali, resi più confortevoli, frequenti, accessibili (in particolare ai disabili) e sicuri, e offerta di nuovi servizi quali i taxi collettivi nelle aree rurali; E. la protezione dell'ambiente, ovvero conservazione delle zone naturali e degli spazi pubblici (riciclaggio locale dei rifiuti); trattamento delle acque e risanamento delle zone inquinate; controllo delle norme di qualità; dispositivi per risparmio energetico, segnatamente per le abitazioni. In effetti, Delors, nell indicare strategie e bacini di intervento, mostrava di cogliere, in modo chiaro, che per combattere l esclusione sociale occorreva, da una parte, ridefinire (come si è tentato di esplicitare in precedenza) le fasce di popolazione da ricomprendere nelle strategie di contrasto ai fenomeni descritti, e, dall altro, il ruolo che può essere ricoperto da una programmazione economica inclusiva (di cui l economia sociale può essere definita la punta emergente ), in termini di un suo coinvolgimento diretto all interno

12 delle politiche sociali e del lavoro, in modo tale da poter consentire una maggior efficacia di intervento. 1.3 La Strategia Europea per l Occupazione (SEO): elementi distintivi E a partire dal 1997 che si avvia il processo finalizzato alla costruzione della Strategia Europea dell Occupazione (SEO): in base ad essa, e secondo l approccio centrato sulla presa in carico globale delle problematiche delle fasce deboli rispetto all inclusione lavorativa e sociale, le politiche del lavoro vengono definite una questione di interesse comune. I principi fondamentali della SEO sono: a. la necessità di dotarsi di una strategia coordinata per le rispettive politiche nazionali; b. l istituzione di un meccanismo di sorveglianza multilaterale ; c. la definizione delle 4 linee strategiche di lotta all esclusione sociale: - occupabilità; - imprenditorialità; - adattabilità; - pari opportunità; d. l articolazione di ciascuna linea strategica in specifiche linee direttrici di intervento.

13 Successivamente, all interno dei Consigli europei di Lisbona, di Nizza e di Stoccolma (2000), si punta su un impostazione integrata delle politiche e dei modelli di intervento in tema di esclusione sociale. Le politiche del lavoro sono passate, così, da una prevalente azione passiva di protezione del reddito (o l indennizzazione del soggetto svantaggiato) ad una stimolazione diretta alla partecipazione dei soggetti nel mercato del lavoro (quelle che, almeno in via provvisoria si potrebbe qualificare come politiche attive del lavoro ). In particolare, esse cercano di rispondere ai seguenti requisiti: a. mirare a promuovere capacità e non ad assegnare beni e risorse; b. sviluppare capacità, sia specifiche che aspecifiche (o trasversali); c. analizzare le condizioni soggettive dello svantaggio; d. implementare politiche del corso della vita; e. integrazione tra le politiche del lavoro e le politiche sociali. La SEO rappresenta una struttura comune per i piani d azione nazionali finalizzati a promuovere ed implementare una strategia coordinata per l occupazione all interno degli Stati membri ( ): tra gli elementi essenziali di tale strategia vi è l impegno ad agire in favore di una politica attiva per l occupazione; la necessità riconosciuta di conferire una dimensione locale più accentuata alla politica per il lavoro; l esigenza di sviluppare, modernizzare ed adeguare i Servizi Pubblici per l Impiego (Public Employment Services - PES -); l affermazione dell importanza che rivestono la formazione e il

14 miglioramento delle competenze; l invito ad un maggiore coinvolgimento delle parti sociali 5. E in tale nuovo assetto, preconizzato a livello europeo, che si individua una nuova funzione e responsabilità per le amministrazioni nazionali e locali: in tale sistema, il ruolo strategico è giocato proprio dai Servizi pubblici per l impiego, quali strumenti istituzionali di base del mercato del lavoro con il ruolo specifico di strumenti di attuazione degli orientamenti comunitari, con funzioni rilevanti di diagnostica territoriale e professionale, di monitoraggio della domanda e dell offerta e, soprattutto, con l erogazione di servizi avanzati all utente, sia esso cittadino o impresa. Se pensiamo alle tradizionali strutture operative del collocamento, abbiamo certo ben presente quale sia stato lo sforzo nel doversi adeguare alla nuova filosofia e quindi modernizzare la propria offerta. Per molti di questi, soprattutto nel nostro Paese, il problema è stato passare dal timbro, ovvero dall assoluzione dei semplici procedimenti amministrativi, all erogazione di servizi avanzati d informazione e orientamento di gestione dell incontro di domanda offerta, di promozione dell occupabilità, di creazione di reti territoriale di innovazione dei propri sistemi informativi e di monitoraggio. Per far questo, in Italia, il processo fondamentale è passato 5 L. Incagli e S. Porcari; Strategia Europea per l Occupazione: analisi comparata dei Piani Nazionali d Azione, in M. Giovine (a cura di) Monografie sul mercato del lavoro e le politiche per l impiego, n 6/1999, ISFOL

15 necessariamente attraverso un innovazione istituzionale che ha visto il passaggio delle competenze dal centro alla periferia 6. 6 Karuc C.; op. cit. in Belotti V. (a cura di); Milano,2004

16 CAPITOLO 2 LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO IN ITALIA IN UN QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE IN MUTAMENTO 2.1 Premessa Nel nostro Paese, il mercato del lavoro si connota secondo caratteristiche che rendono la sfida connessa a politiche del lavoro inclusive particolarmente complessa: ciò è dovuto alle seguenti specificità, che, in forme e volumi differenti, si manifestano in modo piuttosto articolato in tutto il territorio nazionale, e precisamente: - la diffusione del mercato del lavoro sommerso locale; - la parcellizzazione delle funzioni istituzionali, tra soggetti con responsabilità differenziate con scarsa capacità di comunicazione; - i modelli e le metodologie di intervento con forte tendenza alla burocratizzazione, e con carenza di competenze professionali specifiche; - gli interventi indifferenziati nei confronti della generalità della popolazione in cerca di occupazione, con scarsa, se non nulla attenzione alle specificità dell utenza (in particolare, inevitabilmente, i soggetti con disabilità ed/o svantaggio); - la scarsa rilevanza delle reti locali attraverso le quali si dovrebbe comporre il sistema lavoro.

17 Come si è visto in precedenza, le politiche del lavoro si sono trasformate, attraverso il complesso passaggio che, dall Unione Europea, si è trasferito ai sistemi nazionali e locali, da un azione passiva di protezione del reddito alla partecipazione attiva dei soggetti nel mercato del lavoro. Le politiche attive per il lavoro (cui spesso si fa riferimento anche con l acronimo ALMP, Active Labor Market Policies) fanno riferimento a tutti quei provvedimenti volti a rendere più efficiente il funzionamento del mercato del lavoro, adeguando le caratteristiche professionali dell offerta alle richieste della domanda: esse rappresentano, dunque, uno strumento privilegiato attraverso il quale migliorare le possibilità di accesso all occupazione per le categorie più svantaggiate. L Eurostat, attraverso il Modulo LMP (Labour Market Policies) 7, propone uno schema analitico di classificazione di tali strumenti che si struttura in sette tipologie di interventi, che hanno come obiettivo proprio una maggior efficacia delle metodologie di inserimento lavorativo ed inclusione sociale da parte delle persone con skills limitati od in condizione di debolezza rispetto al mercato del lavoro. Esse sono così individuate: 1) supporto e orientamento personalizzati a favore di chi cerca lavoro da parte dei servizi pubblici dell impiego, 2) formazione e addestramento, 7 Cfr. European Commission and Eurostat (2000), Labour Market Policy. Database, Methodology, Luxembourg, April. Cfr. anche European Commission and Eurostat (2003), European Social Statistics Labour Market Policy, expenditure and participants, data 2001, Luxembourg

18 3) schemi di suddivisione del lavoro (job sharing), 4) incentivi all occupazione, 5) politiche di inserimento lavorativo dei disabili, 6) creazione diretta, nel settore pubblico in senso lato, di posti di lavoro, 7) incentivi alle nuove attività di impresa. In Italia, la realizzazione del processo descritto si è sviluppato attraverso le seguenti azioni 8 : 1) promozione dell incontro tra domanda e offerta di lavoro; 2) l informazione e l orientamento professionale, con l obiettivo di migliorare le capacità di scelta autonome degli individui, la loro informazione circa le caratteristiche del mercato e la loro consapevolezza relativamente alle loro capacità e possibilità; 3) sostegno dell inserimento lavorativo dei disoccupati, dei lavoratori cassaintegrati od in mobilità e degli inoccupati di lunga durata; 4) i lavori socialmente utili; 5) la promozione dell occupazione femminile; 6) l inserimento dei soggetti svantaggiati attraverso schemi premiali e promozionali più che come semplice obbligo a carico delle aziende. In Italia, le risorse investite nelle politiche del lavoro sono state dirette a finanziare prevalentemente attività con finalità formative (circa il 51% concernono gli incentivi lavorativi, che hanno finanziato la formazione professionale, soprattutto destinata ai lavoratori svantaggiati) ed ai contratti cosiddetti di causa mista ovvero 8 Fonte CNEL (2000)

19 l apprendistato e la formazione-lavoro, che per molti aspetti sono misure d incentivazione all occupazione. Tuttavia come modalità di erogazione prevalente delle politiche attive rimane, in Italia, quello dello sgravio contributivo per le imprese che assumono i lavoratori svantaggiati od il credito d imposta per le nuove attività di impresa. Si tratta di interventi diversi tra loro che vanno dalle work experiences (tirocini formativi, piani di inserimento professionale e borse di lavoro) all educazione degli adulti (centri territoriali e scuole serali) sostenuta dai progetti del ministero della Pubblica Istruzione, alla formazione professionale regionale. Gli interventi di politica attiva si differenziano anche a seconda della fascia di età a cui appartengono gli interessati. Fino ai 20 anni di fatto l unico intervento attuato è quello dell apprendistato, le politiche che si rivolgono agli adulti invece (dai 45 anni in poi) sono solo il 6% del totale degli interventi, nonostante questa classe rappresenti circa il 14% di coloro in cerca di un lavoro. Il ruolo predominante è occupato dai lavori socialmente utili (il 25,8% di questi incentivi è diretto agli ultra 45enni). Per concludere possiamo dire che gli interventi di politica attiva in Italia si rivolgono soprattutto ai giovani, nel Mezzogiorno troviamo qualche eccezione, qui sono prevalenti gli interventi a favore dei lavoratori più adulti, interessati sia da incentivi all occupazione sia da schemi di creazione diretta di posti di lavoro nel settore pubblico 9. 9 ibidem

20 2.2 La legge 68/ 99 Ma come si incrocia l approccio all esclusione sociale fondato sulle politiche del lavoro con l individuazione di strumenti per realizzare reali progetti di inclusione socio-lavorativa per soggetti disabili e, con essa, il ruolo dell economia sociale di inserimento lavorativo? Innanzitutto, vi è da registrare un passaggio legislativo fondamentale per arrivare a sancire il principio della disabilità non come attributo di un individuo, quanto piuttosto come complessa interazione di condizioni, molte delle quali determinate dall'ambiente, largamente influenzate dagli atteggiamenti e dai comportamenti sociali e condizionate dalle limitazioni create dal contesto umano. L'orizzonte di riferimento diventa, dunque il soggetto disabile ed il contesto lavorativo. Si tratta della l. 12 marzo 1999 n. 68. La l. 68 afferma che il lavoro rappresenta per ogni essere umano il significato della propria vita sociale e relazionale. È, quindi, necessario che l'elemento fondamentale di tutte le normative statuali moderne sia la tutela e la promozione del lavoro, in linea con gli altri basilari principi di tutela, di promozione e di rispetto della persona. Le diverse forme di tutela hanno, comunque, un loro comune denominatore: assicurare ai soggetti con disabilità condizioni di vita dignitose, educazione e - laddove sia possibile - inserimento lavorativo. La Legge n. 68 del 1999 ha esteso su tutto il territorio nazionale la metodologia del "collocamento mirato": questo nuovo approccio,

21 attorno al quale ruota ogni disposizione della legge, parte dalla consapevolezza che ad uno svantaggio fisico, psichico ed/o sensoriale non corrisponde sempre e comunque una riduzione delle capacità lavorative. Infatti, attraverso una "serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto di lavoro adatto, attraverso analisi dei posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzione di problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione" (art. 2) è possibile inserire la persona disabile giusta al posto di lavoro adatto. Il concetto fondamentale della l.68 risiede nel principio del collocamento mirato, che implica, in sintesi: - il coinvolgimento ex lege dell economia sociale; - una gestione pubblica non burocratica dell avviamento al lavoro dei disabili; - la finalizzazione non tanto alla sistemazione del soggetto portatore di uno svantaggio (non tanto, cioè, a trovare un lavoro, tout-court), ma ad ottenere un inserimento a pieno titolo (il rispetto del principio dell inclusione socio-lavorativa) nel mondo del lavoro ed, attraverso di questo, una sua piena integrazione sociale. E possibile individuare le linee caratterizzanti della l.68 in tre principi fondamentali: a. la progressiva omogeneizzazione dei circuiti ordinari e speciali di collocamento; f.la liberalizzazione del matching tra domanda ed offerta di lavoro;

22 g. il riassetto politico-organizzativo della presenza pubblica nel mercato del lavoro, mediante il decentramento di funzioni e compiti dello Stato, secondo i criteri di sussidiarietà e d integrazione. Accanto a tali punti di forza, però, è possibile individuare anche alcune criticità, ed esattamente: a. le categorie di cui all articolo 1 della legge non esauriscono le fasce deboli potenzialmente includibili (alcuni esempi, tra gli altri, sono i tossicodipendenti, od i detenuti), nonché le persone non facilmente censibili (ad esempio le persone il cui disagio può essere connesso ai fenomeni legati alle nuove povertà, come pure i senza fissa dimora, le ragazze madri, ecc.); b. l inevitabile difficoltà con cui si opera in funzione dell inclusione di soggetti i cui skills professionali non corrispondono alle richieste ed alle necessità del mercato (i cosiddetti incollocabili ); c. Il matching, esclusivamente realizzato dall ente pubblico o da sue emanazioni (come sono i Centri per l impiego) comporta il rischio di una gestione burocratico-amministrativa del disabile, che contrasta con un reale lavoro di presa in carico complessiva del soggetto svantaggiato.

23 2.3 Gli strumenti per l inclusione sociale ed il ruolo dell economia sociale La legge 68/99 10 prevede, dunque, l'istituzione, a livello regionale e provinciale, dei servizi per l'inserimento lavorativo dei lavoratori disabili, che provvedono, in raccordo con i servizi sociali, sanitari, educativi e formativi del territorio, secondo le specifiche competenze loro attribuite, alla programmazione, all'attuazione, alla verifica degli interventi volti a favorire l'inserimento lavorativo dei soggetti beneficiari della legge 68/99. Ai sensi dell art.12 della l. 68, gli uffici provinciali per l'inserimento lavorativo dei lavoratori disabili possono stipulare una convenzione con i datori di lavoro privati soggetti all'obbligo di assunzione e con le cooperative sociali (CS), di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381, e con i disabili liberi professionisti, anche se operanti con ditta individuale. Tali convenzioni sono finalizzate all'inserimento temporaneo dei lavoratori disabili presso le CS stesse, oppure presso liberi professionisti, ai quali i datori di lavoro si impegnano ad affidare commesse di lavoro. Questa convenzione viene attivata solo in presenza di un accertata difficoltà ad inserire il lavoratore disabile direttamente in azienda, 10 Cfr. Cau A.; Il diritto al lavoro delle persone svantaggiate, in Università degli Studi della Tuscia ed Impresa a Rete soc. coop. Soc. onlus; Linee guida per un nuovo sviluppo della cooperazione sociale in Italia, 2006.

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO.

IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO. IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO. Dalla Legge 78 del 2014 allo Jobs Act. Politiche attive: razionalizzazione incentivi esistenti. Il Disegno di Legge Delega di Riforma del Lavoro, approvato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia:

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: EUROPA 2020 ED ENTI LOCALI: POLITICHE INTEGRATE DI WELFARE CONTRO LA POVERTA E LO SVANTAGGIO SOCIALE. 10 OTTOBRE 2014 GORIZIA Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli