Equal: idee, esperienze e strumenti nelle buone pratiche dei Partenariati di Sviluppo EQUAL. Unione europea Fondo sociale europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Equal: idee, esperienze e strumenti nelle buone pratiche dei Partenariati di Sviluppo EQUAL. Unione europea Fondo sociale europeo"

Transcript

1 Equal: idee, esperienze e strumenti nelle buone pratiche dei Partenariati di Sviluppo EQUAL Unione europea Fondo sociale europeo

2

3 Equal: idee, esperienze e strumenti nelle buone pratiche dei Partenariati di Sviluppo EQUAL Commissione europea Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. I contenuti della presente pubblicazione non rispecchiano necessariamente il parere e la posizione della Commissione europea.

4 STRUTTURA NAZIONALE DI SUPPORTO EQUAL ISFOL Via G.B. Morgagni 30/E ROMA Tel fax Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato da Lloyd s Register Quality Assurance Italy N.: LRC Coordinatrice nazionale SNS EQUAL ISFOL Antonella Attanasio Coordinamento redazionale Giovanna de Mottoni I TESTI SONO STATI ELABORATI DALLA SNS EQUAL Capitolo 1 - La metodologia per l individuazione delle buone pratiche Equal Lucia Chiurco, Giovanna de Mottoni Capitoli 2 e 3 - Le buone pratiche settoriali e geografiche Paola Andreani, Maria Luisa Aversa, Tiziana Cardinale, Sonia Cinti, Martina Cresci, Lucia Chiurco, Laura D Alessandro, Giovanna de Mottoni, Maria Di Saverio, Cristina Duranti, Gaetano Fasano, Paola Ferri, Maria Laura Marini, Valeria Meo, Camilla Micheletta, Simona Moretti, Stefano Morreale, Maurizio Mosca, Simona Testana Capitolo 4 - Per concludere... Gaetano Fasano Allegati Maurizio Mosca: Linee guida per l individuazione della buona pratica Equal Lucia Chiurco, Giovanna de Mottoni: Scheda di analisi della buona pratica Equal Cristina Duranti: Scheda descrittiva della buona pratica Equal Tabella riepilogativa delle buone pratiche descritte Revisione dei testi Giovanna de Mottoni, Maria Di Saverio, Cristina Duranti, Paola Ferri Si ringrazia Valentina Benni per il contributo alla stesura del capitolo La metodologia per l individuazione delle buone pratiche Equal La pubblicazione ha beneficiato del contributo finanziario dell Iniziativa comunitaria EQUAL

5 Negli ultimi decenni l intervento pubblico nell ambito delle misure del lavoro ha accentuato il ruolo delle politiche attive, rivolte soprattutto a sostenere le fasce di popolazione con maggiori difficoltà di inserimento occupazionale, ma anche ad attivare l offerta e a facilitare l incontro tra domanda ed offerta. L Unione europea, attraverso la Strategia Europea dell Occupazione (SEO) ha promosso l adozione di un approccio integrato alle politiche del lavoro tramite interventi differenziati rivolti sia alla domanda che all offerta, nel tentativo di prevenire il rischio di disoccupazione - soprattutto quella di lunga durata - dei gruppi di popolazione più svantaggiati e con maggiori difficoltà d accesso al mercato. Gli orientamenti espressi dalla SEO sono stati nel tempo rivisti in relazione ai cambiamenti intervenuti nel contesto socio-economico e nei mercati del lavoro e, soprattutto, alla complessità della dimensione di governance dei processi attuativi determinata dall allargamento. Sono stati quindi precisati alcuni orientamenti di fondo, tra cui un maggiore coinvolgimento del partenariato territoriale e sociale nella definizione e nella implementazione delle linee guida della strategia; tale orientamento è stato recepito, ad esempio, dall Iniziativa comunitaria Equal nella quale i partenariati di sviluppo progettano e realizzano interventi sperimentali che coniugano inclusione sociale e sviluppo locale. Quando gli interventi rappresentano esperienze di successo possono attivare processi di apprendimento istituzionale che, a sua volta, può generare nuovi indirizzi di programmazione e di progettazione, più efficaci nell affrontare e contribuire a risolvere i bisogni e i problemi di policy. Per questo motivo ogni programma prevede esplicitamente che siano individuate le buone pratiche realizzate e che tali esperienze vengano scambiate a livello nazionale e comunitario per evitare che si disperda il patrimonio di capacità e realizzazioni che si è creato nel tempo. In questo testo sono raccolte 73 schede relative ad altrettante buone pratiche sperimentate dai partenariati nel corso della prima fase di Equal. La Struttura Nazionale di Supporto dell ISFOL, su indicazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e delle Regioni e Province Autonome e in collaborazione con l Agenzia Nazionale Leonardo da Vinci e l Area Interventi comunitari dell ISFOL e con la società Ismeri Europa, ha messo a punto metodologia e strumenti per la loro identificazione e descrizione. Antonella Attanasio Coordinatrice nazionale SNS EQUAL ISFOL

6

7 Indice 1 La metodologia per l individuazione delle buone pratiche Equal Le buone pratiche nella letteratura ISFOL 9 Le buone pratiche nell Iniziativa comunitaria Equal 11 Le attività svolte a livello comunitario 11 Le attività svolte a livello nazionale: il Tavolo tecnico 13 per le buone pratiche 2 Le buone pratiche settoriali QUASAR - Qualità per i Sistemi a Rete 21 di imprese sociali Strada: recupero socio-lavorativo delle donne 23 oggetto di tratta Work Music 26 Esserci 29 S.UP.PORT. - Skills Upgrading in the Ports 31 M.O.A.F. - Modello di Occupazione A Filiera 34 Albergo in via dei Matti numero zero 36 RAEDES - A.CANT.O Architetti di Cantiere 38 per le Pari opportunità Coloured Media 42 Asylumisland 45 Inte.g.r.a. - Integrazione Richiedenti Asilo 47 5

8 3 Le buone pratiche geografiche Abruzzo Help Donna 50 Terra dei guerrieri 55 Rete Protezione Civile Abruzzo 57 POLIS - Patto per l Occupazione e il lavoro 59 nell impresa sociale Patto per le competenze 61 U2 Coach - Tutti verso l apprendimento 64 Basilicata Net Sociality 66 SVI.P.O. - Sviluppo Pari Opportunità 68 Bolzano (Provincia Autonoma) Gender Competency: nuove forme 71 di lavoro e di servizi Campania S.I.S.: Sviluppo Impresa Sociale 74 FIT - Percorsi non tradizionali per l inserimento 76 nelle industrie dell ITC Equal per APE, Compagnia dei Parchi 79 DOMIZIANA 81 Emilia Romagna A lungo. Strategia di territorio per 83 l accompagnamento al lavoro PORTICI - Per Ottimizzare la Rete Territoriale 85 Imprese, Cooperative, Istituzioni E.B.F. - Equal per il Basso Ferrarese 88 Friuli Venezia Giulia Maqram-Maqôr 90 Imprenditorialità estrema per una Vita Indipendente 93 Lazio Studio e sperimentazione di modelli integrati 95 di servizi socio-sanitari territoriali Organizzazione e Conciliazione 97 POINT - Possible Integration 99 Innovazione e sviluppo imprenditoriale 101 nella Piana di Fondi Liguria Equal - Itaca Hight Tech accelerated 103 competence adaptability 6

9 EFESTO 107 E.S.S.E.R.E. - Economia Sociale e Solidale 109 Economia Razionale contro l Esclusione Lombardia ASSIST-Strategie integrate per l accesso 111 qualificato al lavoro TESI - Tele Servizi integrati per l Impiego 114 Con-Tempo - Le città in rete per la conciliazione 117 dei tempi di vita e di lavoro Gli agricoltori, il loro ambiente ed il mondo rurale 120 nella Unione europea L E-QUALITÀ 123 Sostegno all imprenditorialità sociale - Agenzia 125 di cittadinanza Marche Patto per l economia sociale - L innovazione 128 nelle iniziative locali di sviluppo Percorsi delle donne immigrate nelle Marche 130 per l accesso alle Pari opportunità Piemonte CAR.Te.S.I.O. - Carcere e Territorio, Sistemi 133 Integrati Operativi SI.TRA.NE.T. - SImulation TRAining-NETworking 135 for Equal opportunities in Transport LI.FE - LIbertà FEmminile 137 S.O.N.A.R. 139 EXCALIBUR 142 TENERE IL TEMPO 144 S.PR.IN.G - Sistema di prevenzione integrata 146 dell esclusione sociale dei giovani Puglia SMP - Sistema Moda Puglia 149 Donne, Media e Telecomunicazioni - D.M.T. 153 Sistema Territoriale per la pari opportunità Enziteto 156 Nodi territoriali per la formazione manageriale 159 e sviluppo dell impresa sociale O.D.E.A. - Opportunità, Diritti, Eguaglianza, Abilità 161 Il Faro 164 Sardegna POSIDONIA 167 Innovazione e tradizione 169 PARIS 171 Economia sociale e nuova imprenditorialità 174 7

10 Toscana Prato: il laboratorio del tempo 176 Impresa Sociale Toscana Sud 178 Coast Revitalization 180 Trento PROMOCARE: la promozione delle donne 184 immigrate nei servizi di cura Umbria Rete per l adozione professionale degli immigrati 186 Emporio Lavoro 188 Valle d Aosta Intesa - Reti Locali per lo sviluppo 190 dell occupazione Veneto RI.Do Risorse Donne Venezia Gender 193 GLOCAL Immigrazione, competenze e sviluppo 196 nei sistemi Nautilus - Nuove rotte per l inserimento lavorativo 200 Intesa per lo sviluppo della cooperazione sociale 203 Age management Per concludere ALLEGATI 1. Linee guida per l individuazione della buona 215 pratica Equal 2. Scheda di analisi della buona pratica Equal Scheda descrittiva della buona pratica Equal Tabella riepilogativa delle buone pratiche 222 descritte 8

11 1 LA METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLE BUONE PRATICHE EQUAL Le buone pratiche nella letteratura ISFOL L identificazione delle esperienze di successo maturate nel primo triennio del Programma Equal ha preso avvio da una ricognizione delle accezioni più diffuse - a livello nazionale - del concetto di buona pratica, cui l ISFOL ha dedicato un filone di approfondimenti tematici, a partire dal precedente periodo di Programmazione. Negli studi ISFOL la buona pratica viene definita una modalità di sviluppo dell esperienza formativa che presenta elementi significativi in ordine a: le strategie adottate per raggiungere gli obiettivi di occupabilità, professionalizzazione, integrazione e costruzione di partenariati di reti e sistemi; la qualità del contenuto delle singole azioni sul piano delle metodologie, dell impiego e delle risorse interne ed esterne; la riproducibilità e la trasferibilità dell impianto progettuale. 1 La buona pratica inoltre riflette l idea che il miglioramento della qualità degli interventi sia possibile e che queste costituiscano un traguardo facilmente raggiungibile, attuabile e quindi condivisibile 2, un assunto che richiama una distinzione tra buone pratiche e casi eccellenti, identificabili come esperienze non replicabili in contesti e situazioni differenti da quelli di origine. Proprio per il carattere di condivisibilità, tali pratiche rimandano ad un processo di 1 Cfr. La metodologia comune, in ISFOL, Le buone pratiche nella formazione iniziale, Roma, Ibidem. 9

12 modellizzazione, per cui risultano efficaci solo se in grado di individuare modelli per l azione convenzionalmente ritenuti adatti dagli addetti ai lavori. 3 In una più recente analisi pubblicata dall Istituto, le buone pratiche vengono definite progetti innovativi, configurati come modelli di intervento praticati ed esportabili, che si connotano in base ad elementi standard spesso definiti come requisiti principali: l adeguatezza e la completezza del quadro logico progettuale e attuativo; l innovatività; la riproducibilità; la sostenibilità; il mainstreaming. 4 Le definizioni elaborate in ambito nazionale presentano denominatori comuni con quelle utilizzate da organismi internazionali ai fini della progettazione sociale. Ad esempio, secondo l Unesco, le buone pratiche sono innovative, se presentano soluzioni nuove e creative ai problemi di povertà ed esclusione sociale e producono un impatto positivo e tangibile nel migliorare le condizioni di vita degli individui, dei gruppi e delle comunità; se contribuiscono in termini di sostenibilità all eliminazione della povertà e dell esclusione sociale; se sono potenzialmente riproducibili, ossia forniscono modelli per promuovere politiche ed iniziative in ambiti differenti da quelli in cui sono state generate. Più precisamente, le buone pratiche hanno l obiettivo di: migliorare l efficacia delle politiche pubbliche; sviluppare la consapevolezza dei decisori politici e dell opinione pubblica sulle potenziali soluzioni a problemi di varia natura; condividere e trasferire il know-how attraverso strategie di apprendimento in rete. 5 3 Cfr. ISFOL, Ipotesi di buone pratiche nella formazione dei formatori, Quaderni di Formazione ISFOL, Roma, Cfr. ISFOL, La metodologia ISFOL per l individuazione e l analisi delle buone pratiche in ambito FSE, dattiloscritto, ISFOL, Il documento in oggetto fornisce il supporto metodologico volto a orientare il lavoro di individuazione delle esperienze realizzate nell ambito dei Programmi Operativi Nazionali e Regionali finanziati sull Obiettivo 1 e 3, dell Iniziativa Equal, del Programma Leonardo e delle azioni innovative a valere sull art. 6 del Regolamento Ce 1784/99. Tali esperienze saranno utilizzate per la realizzazione di un Catalogo delle Buone Pratiche, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - DGPOF - al fine di massimizzare i risultati conseguiti nel quadro dell attuale programmazione. Alcuni di questi criteri (riproducibilità e mainstreaming) sono stati inoltre utilizzati nell individuazione delle buone pratiche nell ambito dei progetti di Trasferimento delle Buone pratiche finanziati a valere rispettivamente sull Avviso n. 1/2001 (FSE PON Ob. 3 Azioni di sistema ) e sull Avviso n. 5/01 (FSE PON Ob. 1 Assistenza tecnica e Azioni di sistema ), Cfr. ISFOL,Trasferimento Buone pratiche: analisi dell attuazione, Roma, Cfr. 10

13 Le buone pratiche nell Iniziativa comunitaria Equal Nel panorama dei Programmi europei per l inclusione Equal è chiamato a promuovere prassi innovatrici per la creazione di un mercato del lavoro aperto a tutti e riserva quindi un attenzione specifica al tema delle buone pratiche, identificate come soluzioni innovative ad un problema reale riscontrato nel mercato e caratterizzate dalla capacità di essere diffuse e trasferite in altri contesti e sistemi a livello locale, nazionale e europeo. In quest ottica la buona pratica Equal assume una connotazione di trasferibilità specificamente orientata al mainstreaming, ossia alla sua acquisizione da parte di operatori e decisori politici. In ragione di ciò, l individuazione e la valorizzazione degli elementi di successo dei progetti realizzati è stata oggetto di un ampio confronto in ambito europeo e nazionale, con l obiettivo di creare sinergie tra i due livelli e di attivare un circolo virtuoso tra le esperienze condotte. Le attività svolte a livello comunitario A livello europeo la Commissione ha istituito un Gruppo di lavoro ad hoc (Mainstreaming Working Group) con un duplice obiettivo: individuare strategie efficaci per promuovere il mainstreaming dei risultati conseguiti nei singoli Stati membri; elaborare un framework operativo comune per i Gruppi Tematici Europei, finalizzati a valorizzare, rispetto a specifiche aree tematiche, le migliori esperienze realizzate. Il lavoro del Gruppo Mainstreaming si è in primo luogo focalizzato sulla definizione di good practice, che si configura come un insieme di azioni che: rispondono ai bisogni delle comunità in continua evoluzione; possono essere replicate in contesti nuovi e differenti da quelli di origine; possono e devono essere oggetto di un processo di mainstreaming 6. Sono quindi state indicate tre principali modalità di individuazione della buona pratica: top-down, in cui gli aspetti innovativi dei progetti vengono identificati dall alto, ossia dai beneficiari/fruitori/clienti cui sono rivolti; bottom-up, in cui è lo stesso intervento Equal ad identificare ciò che ritiene innovativo e a proporlo ai potenziali fruitori; peer review, in cui le azioni del progetto sono valutate da pari (altri progetti, valutatori esterni, SNS) e da policy maker, che, congiuntamente, ne propongono l utilizzo. 6 Cfr. Mainstreaming in theory, in CE, Networking for inclusion - Preparatory Documents, Barcelona,

14 Infine, si è provveduto a definire un set di requisiti identificativi della buona pratica, ossia: innovatività, con particolare riferimento alla qualità delle singole azioni realizzate dagli interventi, in termini di processi, metodi e strumenti; efficacia, rispetto alla strategia adottata dai progetti nel raggiungere obiettivi di occupabilità, integrazione e costruzione di network; efficienza, intesa come utilizzo adeguato delle risorse per raggiungere gli obiettivi prefissati; sostenibilità, intesa come capacità di produrre benefici duraturi sia per i beneficiari diretti, sia per la comunità nel suo insieme; riproducibilità, riferita alla potenzialità degli interventi di essere replicati in contesti analoghi; trasferibilità, riferita alla potenzialità degli interventi di essere replicati in contesti diversi; rilevanza politica, intesa come capacità dei progetti di offrire un contributo all implementazione delle priorità di azione del Piano Nazionale per l Occupazione e l Inclusione e di essere in linea con le priorità politiche locali, regionali e nazionali 7. Questi requisiti sono quindi stati inseriti in una check-list volta a fornire una base comune per l individuazione, a livello comunitario, delle buone pratiche Equal, a partire da tre ambiti di indagine: cosa è stato realizzato, ossia quali sono stati i risultati raggiunti, con particolare riferimento all innovatività e all efficacia degli interventi; come è stato realizzato, quindi se e come le esperienze progettuali hanno tenuto conto dei principi di Equal: l approccio di partnership, la partecipazione attiva, la transnazionalità; se i risultati possono essere utilizzati al di fuori dei progetti, con riferimento al processo di mainstreaming e alla loro riproducibilità e trasferibilità 8. Tale attività è stata condotta nell ambito dei Gruppi Tematici Europei, che, in relazione alle specifiche aree tematiche Occupabilità, Imprenditorialità, Adattabilità, Pari Opportunità e Richiedenti Asilo, hanno provveduto ad effettuare una mappatura delle esperienze più innovative realizzate negli Stati membri e quindi a coinvolgere i progetti in attività di scambio e trasferimento delle stesse. 7 Da tali requisiti sono stati desunti i criteri per la rilevazione delle buone pratiche nell attività di monitoraggio dei progetti Equal (rilevanza della strategia adottata, rilevanza politica, innovatività, sostenibilità, trasferibilità, riproducibilità). Cfr. Indicatori di buone prassi in SNS Equal-ISFOL, Progetto di monitoraggio qualitativo, Roma, Good practice Checklist, in CE, Networking for inclusion - Preparatory Documents, Barcelona,

15 Parallelamente, a fronte della difficoltà di individuare in itinere gli aspetti qualificanti delle sperimentazioni, la Commissione ha introdotto il concetto di promising practice, che focalizzal attenzione su: innovatività degli interventi in relazione al problema, al processo e alla tipologia di discriminazione rilevata; natura dei problemi affrontati; elementi di forza; aree di criticità; trasferibilità; Ciò ha consentito di individuare un primo repertorio di esperienze di rilievo, riunite nel Pink Book of Promising Practice, 9 pubblicato sul sito della Commissione ad uso degli attori del mondo Equal e non Equal. Significativo è il fatto che alcune di queste siano confluite nella Comunicazione che ha dato avvio alla seconda fase dell Iniziativa, quale esempio di nuovi mezzi per affrontare la discriminazione e la disuguaglianza 10, secondo quello che si configura come una forma di mainstreaming dei risultati tra prima e seconda fase. La conclusione delle attività di animazione ha infine consentito di pervenire ad un identificazione compiuta delle buone pratiche maturate in ambito europeo, che sono state tradotte in raccomandazioni strategiche diffuse ad un pubblico extra Equal. Nel corso del Policy Forum - Libera circolazione delle buone idee, svoltosi a Varsavia nel febbraio 2005 le raccomandazioni sono state presentate ai decisori politici dei Paesi dell Unione in una prospettiva di mainstreaming verticale volta a promuove l impatto dell Iniziativa sulle politiche e sui sistemi per l inclusione 11. Le attività svolte a livello nazionale: il Tavolo tecnico per le buone pratiche A livello nazionale è stato costituito un Tavolo tecnico, nel cui ambito la Struttura Nazionale di Supporto Equal dell ISFOL ha fornito un contributo metodologico per la rilevazione delle esperienze di successo realizzate durante la prima fase dell Iniziativa. Il Tavolo è stato istituito dal Ministero del Lavoro - Autorità di gestione dell Iniziativa - nel 2004, in una fase di maturazione delle attività progettuali che consentiva di 9 Cfr. Pink Book of Promising Practices, 10 Cfr. Comunicazione che stabilisce gli orientamenti per la II fase dell IC Equal, Bruxelles, COM (2003) 840 def. 11 Cfr. ISFOL, Equal - Raccomandazioni di Policy, Roma,

16 disporre di una massa critica di risultati tale da avviare un indagine sulla rilevanza degli stessi 12. In attuazione del principio di partenariato istituzionale che caratterizza la realizzazione dell Iniziativa in Italia, al Gruppo di lavoro hanno partecipato da un lato, gli attori coinvolti nella gestione del Programma: i rappresentanti di Regioni e Province Autonome, il Valutatore indipendente e l Assistenza tecnica per l Azione 3; dall altro, i soggetti operanti nell ambito di altre attività e Programmi cofinanziati dal FSE, come esperti dell Area sistemi formativi dell ISFOL e dell Agenzia nazionale Leonardo Da Vinci, in un ottica di sinergia e complementarità operativa. I lavori del Tavolo, condotti dalla SNS Equal tra il 2004 e il 2005, hanno preso avvio dalle riflessioni prodotte in ambito ISFOL e dalle indicazioni emerse a livello europeo e si sono articolati in un percorso di identificazione delle buone pratiche corredato da strumenti metodologici. Il Gruppo ha in primo luogo elaborato una definizione condivisa di buona pratica, concepita quale soluzione innovativa ad un problema reale riscontrato nel mercato del lavoro in un ottica di mainstreaming. Gli interventi Equal sono stati quindi interpretati come azioni dotate di coerenza interna (livello progettuale) e di portata esterna (livello metaprogettuale) e, per ciascun livello, sono stati individuati un set di criteri 13. Per l ambito progettuale, si è fatto riferimento a: impatto (inteso come l insieme dei benefici economici e sociali che l intervento apporta alla società e ai beneficiari nel lungo periodo in termini, ad esempio, di occupabilità o inclusione sociale); rilevanza (intesa come l insieme dei benefici sostenibili raggiunti dal progetto per il target di riferimento); efficacia (riferita agli output del progetto) ed efficienza nella gestione partenariale. Per l ambito esterno al progetto, sono stati adottati criteri di: innovatività; riproducibilità/trasferibilità; sostenibilità. 12 L indagine è stata supportata dalle informazioni desunte dal monitoraggio qualitativo effettuato dalla SNS tra il 2003 e il 2004 sull universo dei progetti ammessi a finanziamento. 13 Tale impostazione si basa sul metodo del Project Cycle Management (PCM), cui fanno riferimento tutte le elaborazioni del concetto di buona pratica sviluppate in ambito internazionale. 14

17 Sulla base di tali criteri la SNS ha predisposto un insieme di strumenti che sono stati oggetto di condivisione con gli altri membri del Tavolo e sono stati quindi utilizzati per leggere le sperimentazioni secondo un iter articolato in tre fasi: individuazione delle buone pratiche geografiche e settoriali; analisi e descrizione delle buone pratiche individuate; validazione delle buone pratiche. In ragione dei molteplici aspetti che concorrono al successo delle sperimentazioni, la buona pratica è stata rilevata in uno o più elementi afferenti la struttura partenariale o la qualità delle attività realizzate; per questo motivo l unità di analisi e di riferimento sono stati i singoli partenariati di sviluppo 14 cui corrispondono le schede descrittive riportate nel volume. La prima fase si è avvalsa di linee guida (cfr. Allegato 1) riconducibili al primo gruppo di criteri, utili da un lato, a rilevare i risultati più interessanti maturati dagli interventi in termini di impatto, ossia di capacità di produrre mutamenti significativi nel contesto socio-economico di riferimento - con un attenzione specifica agli aspetti di policy relevance e al miglioramento delle condizioni dei beneficiari coinvolti (rilevanza); dall altro, ad evidenziare casi di efficacia ed efficienza nella gestione partenariale, e, infine a considerarne la portata innovativa in relazione a prodotti, risultati e processi. Per tali criteri sono state strutturate una serie di domande corredate di esemplificazioni, che hanno orientato l individuazione delle buone pratiche geografiche e settoriali e dovevano soddisfare almeno due degli aspetti citati. La prima tipologia di pratiche è stata identificata dalle Regioni e Province Autonome, responsabili della valutazione e della gestione dei progetti a livello locale e quindi in grado di verificare la loro rispondenza alle linee di cui sopra; un analoga operazione è stata svolta dal Ministero e dalla SNS Equal per gli interventi settoriali. A fronte dell elevato numero di progetti geografici finanziati nella I fase (237) le Amministrazioni locali sono state inoltre invitate a segnalare non più del 30% del totale delle esperienze più rilevanti. Ciò ha consentito di pervenire ad un quadro di 73 buone pratiche, 62 geografiche e 11 settoriali, che la SNS ha descritto in maniera compiuta attraverso l analisi di 14 Tali partenariati, costituiti da enti pubblici, associazioni, imprese, ecc., sono i soggetti attuatori dell Iniziativa e sono denominati settoriali quando agiscono su un determinato settore economico o ambito tematico, o sulle cause di discriminazione di gruppi specifici dello svantaggio; geografici quando si compongono di attori che operano in un determinato territorio per rispondere ad un problema di discriminazione nel mercato del lavoro. 15

18 documenti quali: programmi di lavoro delle PS, rapporti delle visite di monitoraggio, relazioni di fine attività redatte dalle PS per il Valutatore indipendente e, ove disponibili, rapporti finali di valutazione elaborati dagli stessi progetti; in alcuni casi è stato inoltre fatto ricorso a studi condotti a livello regionale in materia di buone prassi. La lettura delle fonti si è basata su una scheda (cfr. Allegato 2) volta ad agevolare l analisi della valenza innovativa, dei risultati di mainstreaming e della sostenibilità egli interventi realizzati. Per ciascun criterio relativo all ambito esterno del progetto (innovatività, mainstreaming e sostenibilità) la scheda ha fornito profili esemplificativi di esperienze di successo, basati su casi concreti di attività realizzate dai progetti; in questo modo è stato possibile delineare un quadro di riferimento univoco per una descrizione puntuale degli aspetti qualificanti. In particolare, nell ottica di contestualizzare il contributo innovativo degli interventi, si è ritenuto opportuno declinare l innovatività rispetto a principi chiave dell Iniziativa quali partenariato, partecipazione attiva, transnazionalità, trasferibilità e mainstreaming con l obiettivo di verificare sia il comportamento delle PS nell attuazione dei principi (innovatività di processo), sia le attività e i risultati realizzati (innovatività di prodotto), intesi come l esito tangibile di tali processi. Gli output progettuali sono stati inoltre esaminati alla luce delle tipologie di azioni più ricorrenti - ad esempio, analisi e ricerche, azioni di sensibilizzazione, offerta di servizi per l inclusione - che caratterizzano trasversalmente i progetti. Particolare attenzione è stata riservata ai risultati delle azioni di mainstreaming a livello di territorio e di politiche. Per quanto riguarda la sostenibilità, criterio riconducibile ad un processo di mediolunga durata, si è provveduto a identificarne gli elementi caratterizzanti sottolineando gli aspetti sociali, economici e istituzionali che l hanno favorita. L analisi condotta dalla SNS Equal sulla base di tali criteri ha consentito di definire in maniera più compiuta le pratiche di successo, che, per ciascun Partenariato, sono state codificate secondo un formato condiviso di scheda descrittiva (Allegato 3). Le schede, oltre a fornire una breve descrizione del progetto ne evidenziano gli elementi qualificanti in termini di: innovatività, di processo e di prodotto; mainstreaming; sostenibilità. In particolare, per quanto concerne l innovatività di processo, sono stati approfon- 16

19 diti laddove possibile gli aspetti relativi alle caratteristiche della struttura organizzativa e alle modalità di gestione; le attività svolte dalla PS che hanno favorito la partecipazione attiva dei membri, degli stakeholder e dei beneficiari; le modalità di gestione delle attività transazionali; e le modalità di attuazione del mainstreaming, mettendo in evidenza le azioni intraprese dal progetto per il trasferimento e l acquisizione di modelli, servizi, ecc. (ad es. incontri, tavoli di concertazione, inclusione di nuovi partner, attività di lobby, etc.) e gli eventuali fattori esterni che hanno favorito o ostacolato tale trasferimento. In relazione all innovatività di prodotto, sono stati descritti i principali prodotti e servizi realizzati a livello locale, nazionale e transnazionale, indicando, laddove possibile, il collegamento a siti web da cui effettuare il download. Si segnala inoltre che alcuni prodotti sono rintracciabili sul catalogo on-line curato dalla SNS Equal (www.sns-equal.it/catalogo/public) che ne garantisce la reperibilità anche dopo la chiusura dei siti dei progetti. Per il mainstreaming l attenzione si è focalizzata non solo sul processo ma anche su modelli e strumenti oggetto del trasferimento, sui destinatari/acquirenti degli stessi e sui settori e contesti su cui si è rilevato l impatto. Infine, sono state rilevate le azioni condotte a favore della sostenibilità, indicando le attività realizzate ex post e le risorse umane e finanziarie impiegate. Il principio che ha orientato la redazione delle schede descrittive è stato quello di riportare e approfondire solo quegli aspetti o quei processi che si sono rilevati effettivamente qualificanti, dandone evidenza attraverso call out (richiami specifici) e, in alcuni casi, tramite citazioni degli attori coinvolti. Il percorso si è concluso con la validazione, da parte delle Regioni e Provincie Autonome e del Ministero del Lavoro, delle schede descrittive delle pratiche, che costituiscono il fulcro della presente pubblicazione. Per alcune esperienze particolarmente interessanti in termini di impatto e sostenibilità sono stati realizzati sei approfondimenti tematici, sulla base di interviste a testimoni privilegiati (beneficiari degli interventi, amministratori locali che hanno recepito le innovazioni, ecc.) e riprese video presso i territori delle sperimentazioni. Il filmato realizzato, che offre evidenza narrata e diretta dei benefici acquisiti, dei servizi realizzati e dei risultati maturati è allegato alla presente pubblicazione. 17

20

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

La partnership e il nucleo del team progettuale

La partnership e il nucleo del team progettuale PROGRAM DAPHNE III " Tripudium - WOMAN IN THE DANCE OF EUROPEAN CULTURE " ****** La partnership e il nucleo del team progettuale Il progetto prevede: Costruzione di una rete stabile e sinergica livello

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Report di ricerca Rapporto realizzato da Viale della Resistenza 23 87036

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE

DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE 2239 Identificativo Atto n. 163 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DETERMINAZIONI IN ORDINE AL RICONOSCIMENTO DI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI LOMBARDI E AL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione delle politiche internazionali delle regioni Caserta, 13 febbraio 2014 Brigida

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo Terapia Occupazionale La cultura della professione Milano, 23 maggio 2009 Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo T.O. Antonella Sartore A.O.U. Maggiore

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

L Associazione Nazionale DoMuS

L Associazione Nazionale DoMuS L L Associazione Nazionale di promozione sociale DoMus ha funzioni di rappresentanza politica-istituzionale, di assistenza sui servizi comuni, nonché di consulenza sui servizi innovativi all infanzia.

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

SETTIMO AGGIORNAMENTO MENSILE

SETTIMO AGGIORNAMENTO MENSILE ANALISI TRAMITE BANCA DATI DEI BANDI E DEGLI AVVISI PUBBLICI EMESSI DALLE AMMINISTRAZIONI TITOLARI DI P.O. FSE E DI ALTRI FONDI DELLA POLITICA REGIONALE NEL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 SETTIMO

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBEBÈ SALVAMAM ME

PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBEBÈ SALVAMAM ME PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBÈ SALVAMAMME RELAZIONE DI MONITOR AGGIO E VALUTAZIONE PERIODO: 1 QUADRIMES TRE Regione Lazio Assessorato Politiche Sociali e Sport Avviso pubblico approvato

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) nei percorsi formativi per l editoria elettronica OBIETTIVI DI RIFERIMENTO DEL PROGRAMMA

Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) nei percorsi formativi per l editoria elettronica OBIETTIVI DI RIFERIMENTO DEL PROGRAMMA Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) nei percorsi formativi per l editoria elettronica PPRROGEETT TTO ppi iloot taa OBIETTIVI DI RIFERIMENTO DEL PROGRAMMA a. sviluppare le abilità e

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TORNO SUBITO 2015. Il soggetto attuatore dell iniziativa è LAZIODISU Ente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio

TORNO SUBITO 2015. Il soggetto attuatore dell iniziativa è LAZIODISU Ente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio TORNO SUBITO 2015 Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università Lanciata in via sperimentale nel 2014 con fondi del POR FSE Nella cornice strategica

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli