INDAGINE E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLE ATTIVITA REALIZZATE CON IL FSE (PLACEMENT) NEL TRIENNIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLE ATTIVITA REALIZZATE CON IL FSE (PLACEMENT) NEL TRIENNIO 2001-2003"

Transcript

1 REGIONE MARCHE INDAGINE E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLE ATTIVITA REALIZZATE CON IL FSE (PLACEMENT) NEL TRIENNIO RAPPORTO FINALE Roma, marzo 2005 R.T.I. CLES S.r.l./GRANDI NUMERI S.r.l.

2 INDICE INTRODUZIONE CONSIDERAZIONI DI SINTESI Esiti occupazionali degli interventi formativi Rapporto tra tassi di occupazione e variabili socio anagrafiche dei formati Rapporto tra tassi di occupazione e contenitori programmatici Descrittori della condizione lavorativa e professionale a 6 e 12 mesi dalla chiusura delle attività formative e sull utilità degli interventi Analisi sugli esiti della concessione di aiuti alle assunzioni L applicazione di alcuni indicatori di valutazione Le coerenze interne ed esterne al sistema regionale I possibili impatti sul sistema ELEMENTI DI CONTESTO E DELLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI SOTTOPOSTI A VERIFICA DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI Principali e più recenti dinamiche del mercato del lavoro regionale La struttura demografica della Regione: alcuni elementi Un confronto analitico tra le variabili del lavoro regionali, ripartizionali e nazionali nella transizione del mercato del lavoro verso la flessibilità Le caratteristiche e le tendenze del mercato del lavoro regionale L economia sommersa e informale Elementi di sintesi Ricostruzione delle azioni programmate e costruzione di uno schema di riferimento per l analisi del quadro attuativo regionale...32

3 3. IL CAMPIONE E LA METODOLOGIA DI INDAGINE Il quadro di riferimento Costruzione degli universi e dei campioni di indagine Le interviste ed il questionario: descrizione degli strumenti e modalità di rilevazione I PERCORSI FORMATIVI ED I DESTINTARI OGGETTO DI INDAGINE Caratteristiche degli interventi formativi corsuali e individualizzati (work experience) a cui appartiene il campione di destinatari sottoposti all indagine Attività corsuali Analisi dei percorsi individuali (work experience) Il profilo socio-anagrafico dei partecipanti alle attività Caratteristiche socio-anagrafiche dei partecipanti alle attività formative Alcuni indicatori di valutazione RISULTATI DELL INDAGINE SUGLI ESITI OCCUPAZIONALI CON RIFERIMENTO AL CONTENITORE PROGRAMMATICO Risultati degli esiti occupazionali per Misura Risultati per tipologia di azione Una lettura per singola tipologia di azione tipologie di azione Alta formazione Obbligo Formativo Post Obbligo Formativo e post Diploma Istruzione e Formazione Tecnico Superiore (IFTS) Percorsi integrati per la creazione di impresa Percorsi integrati per inserimento lavorativo Work experience - borse di lavoro Work experience - tirocini...93

4 6. IL CONTRIBUTO DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ALLA MODIFICA DELLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI PARTECIPANTI E ALLA TRANSIZIONE AL LAVORO Esiti occupazionali a sei mesi dalla conclusione dell intervento Percorso ed esito formativo a sei mesi Esiti occupazionali a dodici mesi dalla conclusione dell intervento Evoluzione della condizione occupazionale nell arco temporale intercorso tra i 6 e i 12 mesi dalla conclusione della formazione Persone sempre occupate Occupati a sei mesi non occupati a 12 mesi Non occupati a sei mesi occupati a 12 mesi Sempre disoccupati e sempre inattivi Lavoro informale ESITI DELL INDAGINE SUGLI INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI Principali caratteristiche dei posti di lavoro creati e dei neoassunti Analisi dello spaccato di incentivi all occupazione presi a riferimento per l indagine I neo-assunti: caratteristiche e distribuzioni Le differenze territoriali La percezione e il ruolo attribuito agli incentivi Trasformazioni e passaggi: da un lavoro all altro e attraverso il lavoro incentivato Dal vecchio al nuovo lavoro Cambiamenti nel lavoro incentivato Insuccesso o trampolino di lancio? I posti di lavoro perduti I RISULTATI DELL INDAGINE ALLA LUCE DEI PRINCIPALI INDICATORI DI VALUTAZIONE Indicazioni generali

5 8.2. Verifica dei risultati conseguiti alla luce dei principali indicatori di valutazione Tasso di copertura Tasso di successo Tasso di dispersione Tasso di coerenza del lavoro svolto Tasso di conversione delle work experience in contratti di lavoro Tasso di permanenza nel lavoro incentivato ANALISI IMPATTI NETTI Il gruppo di controllo Motivazione della mancata partecipazione alle attività formative Condizione di coloro che non hanno partecipato alle attivitià formative a 12 mesi dal periodo di iscrizione Condizione lavorativa Condizione professionale degli occupati Le aspettative nei confronti della formazione al momento di iscrizione al corso Motivazioni della prosecuzione negli studi Tassi di inserimento lavorativo netto APPENDICE STATISTICA AL CAPITOLO APPENDICE STATISTICA AL CAPITOLO APPENDICE STATISTICA AL CAPITOLO

6 1 INTRODUZIONE Per l avvio di efficaci politiche per lo sviluppo locale, la formazione di capitale umano, la costruzione di capitale sociale e il governo del mercato del lavoro costituiscono ambiti di intervento strategico, unitamente alla capacità di anticipare i cambiamenti e quindi di favorire i processi di crescita improntati all innovazione e alla competitività. A questo proposito, valutare gli esiti delle attività formative misurando quantitativamente l impatto occupazionale, e soprattutto analizzando la qualità dell occupazione creata, rappresenta un elemento fondamentale per conoscere il cambiamento, fronteggiarlo, interpretarlo e renderlo produttivo. La verifica degli esiti occupazionali delle attività formative permette, infatti, di disporre di un sistema che valuta l impatto prodotto sul territorio in termini di contributo allo sviluppo socioeconomico. Soddisfa, inoltre, coerentemente con le indicazioni comunitarie, e le priorità individuate dal POR, l esigenza di rafforzare ed adeguare gli strumenti di monitoraggio delle politiche e degli interventi formativi. La finalità è, quindi, di contribuire a valutare il cambiamento prodotto dalla formazione in termini di crescita professionale individuale, ma anche di impatto economico sul territorio marchigiano. Più nel dettaglio, obiettivo dell attività di valutazione degli esiti occupazionali è anche quello di offrire valore aggiunto in termini di informazioni qualitative che sostengano l azione dell Amministrazione nel qualificare ed innovare l offerta formativa nel suo complesso e promuovere strategie di sviluppo da intendersi come punto di confluenza di diversi livelli: il processo di programmazione definito dalle leggi e dai programmi regionali e provinciali; il complesso delle politiche settoriali (della formazione e del lavoro) e generali che, a vario titolo, determinano gli obiettivi e il contenuto specifico dell azione del FSE in ambito regionale/provinciale.

7 2 Il presente lavoro ha come oggetto, quindi, i risultati dell indagine retrospettiva finalizzata alla valutazione degli esiti occupazionali delle attività formative unitamente alle caratteristiche dei posti di lavoro creati attraverso l erogazione alle imprese di contributi all assunzione realizzati tramite il finanziamento del Fondo Sociale Europeo, per il triennio 2001/2003 nella Regione Marche 1. Per ciò che concerne le attività formative, l indagine si è proposta di rilevare le informazioni sulla condizione occupazionale, a 6 e 12 mesi dalla fine dell intervento, dei destinatari delle tipologie di azioni formative maggiormente finalizzate all inserimento occupazionale degli allievi. L universo di riferimento dell indagine retrospettiva rivolta ai destinatari delle azioni formative è composto dai destinatari effettivi o rendicontabili 2 delle azioni concluse nel periodo ; nello specifico gli intervistati sono sia coloro che hanno concluso l intervento con il conseguimento dell eventuale titolo o attestato previsto, sia coloro che hanno concluso l intervento anche se non hanno conseguito il titolo o attestato previsto, e coloro che si sono ritirati durante lo svolgimento dell intervento formativo. Attraverso una lettura integrata delle parti dedicate, viene offerta una valutazione della rilevanza della formazione professionale come strumento di politica attiva del lavoro, effettivamente strategico rispetto alla valorizzazione del capitale umano, alle caratteristiche dello sviluppo del territorio, così come indicato dagli orientamenti comunitari fissati negli ultimi anni dalla Strategia Europea per l Occupazione (SEO). L efficacia delle politiche formative dal punto di vista della capacità di incrementare le opportunità di inserimento lavorativo è stata valutata sia in relazione all obiettivo specifico dell impatto occupazionale che agli di continuità come la crescita individuale e professionale. Per ciò che concerne, invece, gli aiuti alle imprese per la creazione di nuovi posti di lavoro, l indagine ha avuto come target le persone assunte - grazie agli incentivi erogati dalla Regione, a valere sul POR tra il 1 In questa sezione del rapporto di valutazione con il termine Regione si intende l insieme delle Amministrazioni regionale e provinciali. 2 Coloro che essendo effettivamente iscritti al corso si sono ritirati durante lo svolgimento dell intervento ma che hanno svolto una parte del percorso formativo.

8 3 1 Gennaio 2000 ed il 30 Giugno L attività 3 si configura come un approfondimento degli aspetti qualitativi dei nuovi posti di lavoro creati ma anche come verifica del rispetto dei vincoli posti dalla Regione in fase di concessione dei contributi alle imprese. Considerate, quindi, le nuove e diverse finalità conoscitive e con l obiettivo di garantire la debita correttezza metodologica, è stato utilizzato uno strumento di rilevazione costruito ad hoc, che potrà essere eventualmente utilizzato dall Amministrazione in eventuali repliche della valutazione. In sintesi vengono pertanto forniti, da un lato un identikit delle professionalità e dei rapporti di lavoro nati a seguito della partecipazione ai corsi, dall altro, il grado di rispondenza e coerenza degli interventi implementati anche in un confronto tra tipologie di intervento alle esigenze dei partecipanti, in modo da valutare l impatto delle politiche rivolte alle risorse umane sul mercato del lavoro e per comprendere il ruolo che gioca la Regione nello sviluppo del suo territorio e nella crescita di competitività e della vocazione internazionale della sua economia. L indagine è stata strutturata in più aree di approfondimento, ed esposta secondo una logica dal generale al particolare, al cui interno sono state ricondotte le principali risultanze dell eleborazione delle informazioni raccolte direttamente presso un campione di partecipanti agli interventi giunti a conclusione. Si tratta, nel dettaglio, di: considerazioni di sintesi (capitolo 1), la cui finalità è quella di dare conto dei tratti salienti desunti dall indagine con riferimento a tre livelli di osservazione quali il contributo della valutazione degli esiti occupazionali in termini di Misure e le tipologie di azioni maggiormente performanti e con risultati duraturi; un rapido confronto in termini di coerenza con le tendenze del mercato del lavoro regionale; un confronto con i risultati conseguiti delle Regioni Obiettivo 3 riportati nella valutazione del QCS; indicazioni per il miglioramento del sistema regionale dell offerta formativa (ricomprendendo amministrazioni e soggetti gestori); analisi di contesto (capitolo 2). Risulta propedeutica, da un lato, all inquadramento generale dei dati di placement rispetto alle dinamiche del 3 L indagine sugli aiuti alla creazione di nuovi posti di lavoro nasce come forma compensativa dell indagine sul placement, in assenza di un numero sufficiente di destinatari delle azioni formative tale da consentire i raggiungimento del tetto di interviste richieste attraverso il bando di gara. La sua realizzazione ha richiesto la definizione di una apposita metodologia e la predisposizione di uno strumento di rilevazione ad hoc e - dati i tempi ristretti previsti per la realizzazione dell indagine completa - per questo ha rappresentato un interessante banco di prova della capacità dell Amministrazione regionale di attivare azioni di verifica sulle proprie attività in modo tempestivo e adeguato rispetto agli oggetti.

9 4 mercato del lavoro, dall altro, alla valutazione del funzionamento del sistema nel suo complesso, con particolare riferimento agli aspetti della cosiddetta capacità programmatoria; descrizione delle procedure di campionamento e della metodologia di indagine (capitolo 3). Questa parte del rapporto fornisce indicazioni sugli aspetti tecnico procedurali che hanno caratterizzato la realizzazione dell indagine; ricostruzione delle caratteristiche dei progetti conclusi, dai quali sono stati estratti i formati sottoposti all indagine e del profilo socioanagrafico dei partecipanti ad attività formative (capitolo 4). In questa area si è proceduto: sul primo versante, alla definizione dei principali descrittori dei corsi (anno di conclusione delle attività, tipologia di azione, risorse impegnate, tipologia di attestazione rilasciata, incrociate con variabili chiave come la misura di riferimento, il territorio e i soggetti gestori, degli intervistati appartenenti al campione dal punto di vista del sesso, età e titolo di studio) e delle work experience; sul secondo, alla descrizione delle principali caratteristiche socio-anagrafiche come età, sesso, titolo di studio degli intervistati; valutazione complessiva del contributo degli interventi formativi alla modifica della condizione occupazionale dei partecipanti e alla transizione al lavoro (capitolo 5). In questa area si colloca il cuore dell indagine, ovvero si forniscono elementi sugli effetti della formazione sui discenti - sia essa realizzata attraverso attività corsuali ovvero in modo individualizzato - in termini di incremento dei requisiti e delle opportunità per un inserimento nel mondo del lavoro rapido e rispondente alle aspettative e al profilo professionale in ingresso della persona in cerca di occupazione. La scelta è stata quella di offrire una lettura, in termini di benchmark, della capacità dei singoli strumenti adottati (work experience, progetti integrati, ecc.) e dei contenitori programmatici all interno dei quali sono stati individuati (misure del programma) di fornire risposte mirate all effettivo match tra domanda e offerta. Questo tipo di analisi ha affrontato la lettura degli esiti occupazionali anche in chiave di genere, per verificare l eventuale presenza di fattori discriminanti nelle performance tra uomini e donne e - sempre eventualmente - di elementi esplicativi di tali comportamenti; valutazione di dettaglio degli impatti della formazione sul percorso lavorativo e professionale dei formati (capitolo 6). Questa parte della valutazione, pertanto, offre una misura dell impatto della formazione - a sei e dodici mesi dalla conclusione delle attività, a prescindere dalla tipologia di interventi specifica - accanto ad un approfondimento sugli elementi chiave (adeguatezza, coerenza, ecc.) che fanno dei momenti di

10 5 rafforzamento delle conoscenze e competenze possedute un reale fattore strategico a fini occupazionali; valutazione di dettaglio sugli incentivi alle assunzioni (capitolo 7). Si tratta di una parte della trattazione che ricomprende tutte le indicazioni inerenti il dispositivo degli aiuti alle imprese, includendo sia la descrizione generale dei partecipanti che gli esiti conseguiti in termini di qualità e stabilità dell occupazione trovata. L obiettivo conoscitivo di partenza per l analisi è reso particolarmente ambizioso dalle condizioni di contesto già brevemente riepilogate e che qualificano la Regione Marche come un territorio a piena occupazione, in cui l incrocio domanda e offerta di lavoro si gioca su un sistema economico fortemente strutturato e con marcate vocazioni produttive all interno del quale collocare soprattutto - seppure piccoli - segmenti di popolazione molto qualificati e ad elevato profilo formativo.

11 6 1. CONSIDERAZIONI DI SINTESI Il presente capitolo ha l intento di fornire una visione d insieme delle analisi che hanno caratterizzato l indagine sugli esiti delle attività a più forte finalizzazione occupazionale realizzate con il FSE nel triennio e che, più dettagliatamente, saranno presentate nei capitoli successivi. Si tratta, nello specifico: dei risultati relativi agli esiti occupazionali delle attività formative presentati alla luce delle variabili socio anagrafiche dei formati, dei contenitori programmatici e attraverso i descrittori della condizione lavorativa e professionale a 6 e a 12 mesi dalla conclusione degli interventi; di quanto l analisi ha messo in luce relativamente agli incentivi alle assunzioni erogati alle imprese. A corredo dei dati sui singoli item osservati, vengono inoltre esaminati i risultati dell applicazione di specifici indicatori di risultato con lo scopo di meglio qualificare gli effetti prodotti dalle attività di formazione. Si presenta, inoltre, una interpretazione dei risultati in relazione alla loro coerenza con le indicazioni della SEO, con quelle della programmazione regionale e del mercato del lavoro e con le previsioni delle imprese, secondo quanto evidenziato dall Unioncamere, nonché un breve riferimento ai loro possibili impatti sul sistema. 1.1 Esiti occupazionali degli interventi formativi I risultati dell indagine sugli esiti occupazionali degli interventi formativi vengono sinteticamente presentati in relazione al rapporto tra tassi di occupazione e variabili socio anagrafiche dei formati, al rapporto tra tassi di occupazione e contenitori programmatici, ai descrittori della condizione lavorativa e professionale a 6 e a 12 mesi dalla chiusura delle attività formative e all utilità degli interventi Rapporto tra tassi di occupazione e variabili socio anagrafiche dei formati In complesso, i tratti che hanno caratterizzato coloro che sono risultati occupati dopo la conclusione degli interventi formativi sono i seguenti: - le azioni promosse hanno inciso in misura più consistente sulla condizione occupazionale della componente maschile (71,3%) anche se i differenziali tra le performance dei due sessi risultano decisamente meno marcati di

12 7 quanto non accada all interno del mercato del lavoro regionale (-4,7%). Ciò induce a considerare il passaggio nei percorsi formativi come una fase di riallineamento e compensazione delle disparità che si operano spontaneamente al momento in cui ci si affaccia nel mondo del lavoro; - il titolo di studio posseduto in ingresso dai formati sembra rappresentare un fattore dirimente nei confronti del successo lavorativo: gli esiti occupazionali crescono al suo progressivo innalzamento. Si tratta di un dato in controtendenza rispetto agli andamenti del mercato del lavoro regionale (i disoccupati con alto titolo di studio sono nel 2003 il 4,9% rispetto al dato medio del 3,8%) che può trovare spiegazione sia nel fatto che, proprio a titoli di studio più elevati, si accompagna un numero minore di formati, tale da risentire in misura inferiore di altre categorie di formati della capacità del tessuto delle imprese regionali di assorbire nuova occupazione; sia nel fatto che un titolo di studio elevato associato ad un corso di formazione professionalizzante o comunque integrativo delle elevate conoscenze possedute può costituire un elemento di successo ai fini dell inserimento occupazionale; - circa le fasce di età più performanti, si conferma la maggiore difficoltà degli adulti a trovare un collocazione lavorativa. Infatti, per la classe di 45 anni e oltre il tasso di inserimento risulta a sei mesi pari al 48,1% per passare al 61,5% a dodici mesi, in entrambi i casi, ben al di sotto del valore medio complessivo per i due periodi. Per converso, si riafferma la maggiore propensione delle imprese a puntare sulle classi centrali dei formati, in particolare su quella dei giovani adulti anni. Alcune indicazioni, infine, sul territorio. Si manifesta una sorta di dualismo intra-regionale che vede, da un lato, le due Province di Ascoli Piceno e Macerata conseguire tassi di inserimento più contenuti attestati intorno al 60-65%, dall altro le restanti Province con risultati tra il 72 e il 75%. Tali valori vanno letti più approfonditamente rispetto a tre ambiti: le caratteristiche dei soggetti che entrano informazione (evidentemente relativi a gruppi meno appetibili per le imprese); gli andamenti congiunturali dell economia locale; le tipologie di azione messe in campo. Le cause esplicative specifiche esogene ai percorsi formativi in senso stretto, tuttavia, non escludono comunque una riflessione sulla programmazione degli interventi e probabilmente sulla qualità dell offerta formativa e del sistema degli attuatori.

13 Rapporto tra tassi di occupazione e contenitori programmatici 8 Nel periodo , a dodici mesi dalla conclusione degli interventi, le Misure che evidenziano una maggiore capacità di generare occupazione sono quelle relative ai percorsi integrati volti alla creazione di impresa (D3) e al miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e sviluppo tecnologico (D4). Fanno seguito quelle rivolte ai soggetti svantaggiati (B1), alla formazione post secondaria (C3), a combattere la disoccupazione di breve e lungo periodo. Quest ultime - nonostante raggiungano risultati apprezzabili - determinano tra i formati un tasso di occupazione inferiore. In relazione alle varie tipologie di azione, gli esiti osservati permettono di individuare differenziazioni tra impatti dei dispositivi tali da consentire la valutazione sulle modalità e sui casi di migliore impiego. In particolare, ciò si verifica per l alta formazione - che, a dodici mesi, rappresenta l attività con maggiore capacità di creare occupazione con l 86,5% dei casi di successo a cui si associa una bassa percentuale di disoccupati (11,9%) - e per i percorsi volti alla creazione di impresa (82,9%), seguiti dagli IFTS (78,6%), dalle borse di lavoro (77,8%) e dai tirocini (71,3%). Si conferma, dunque, la maggiore valenza occupazionale dell approccio che negli ultimi anni, con l introduzione dell integrazione tra sistemi, ha modificato significativamente la struttura dei processi formativi mettendo direttamente a contatto allievi ed imprese con varie modalità. Un successo più contenuto registrano le attività di formazione nell ambito dell Obbligo formativo e Post obbligo formativo e post diploma, ovvero le attività maggiormente promosse e con il maggior numero di allievi formati. Probabilmente i corsi Post obbligo formativo e post diploma conseguono risultati meno positivi perché impartiscono contenuti non spendibili dal punto di vista delle conoscenze tecniche. Alla luce del fatto che l indagine ha evidenziato come più spendibili nei contesti lavorativi le competenze di cultura generale e sulle capacità relazionali, è necessario effettuare un grosso investimento di miglioramento della qualità dei percorsi affinché i contenuti erogati incidano sull occupabilità più di quanto non accada attualmente, anche adeguando e recependo strumenti e contenuti dai modelli formativi più forti.

14 Descrittori della condizione lavorativa e professionale a 6 e 12 mesi dalla chiusura delle attività formative e sull utilità degli interventi. La rilevazione degli esiti occupazionali a 6 mesi dalla conclusione dell intervento evidenzia un tasso di occupazione pari al 60,4% che nella rilevazione a 12 mesi sale al 67,9%. In corrispondenza, per quanto riguarda la componente dei disoccupati, è stato registrato un sensibile calo pari al 5% su un dato iniziale a sei mesi del 27,1%. E interessante evidenziare anche i dati relativi ai soggetti inattivi, al cui interno sono inclusi gli studenti, che a 6 mesi rappresentano il 12% dei formati, a 12 mesi il 10%. Questo gruppo di soggetti è composto in maggioranza da donne (58% a 6 mesi e 61% a 12 mesi), giovani tra i 20 e i 29 anni (64% a 6 mesi e 69,7% a 12 mesi) e diplomati (70,6% a 6 mesi e 79% a 12 mesi). Si constata dunque un buon risultato di partenza, affermato dagli esiti occupazionali misurati a breve distanza dalla conclusione delle azioni formative che tende a migliorare con il trascorrere del tempo, tratteggiando una positiva durabilità, ovvero una buona capacità di incidere sui processi di inserimento lavorativo dei formati in intervalli temporali superiori a sei mesi. Il grafico seguente illustra la situazione occupazionale a 6, a 12 mesi e nell arco temporale compreso tra i 6 e i 12 mesi dalla conclusione dell intervento. A 6 mesi dalla conclusione A 12 mesi dalla conclusione Arco temporale 6-12 mesi 27,1 11,1 1,4 1,9 8,1 22,1 6,1 13,6 25,9 60,5 67,9 54,3 inattivi studenti disoccupati occupati inattivi studenti disoccupati occupati occupati a 6 e non a 12 non occ. a 6 e occ. a 12 sempre inattivi sempre occupati

15 10 I dettagli sulle situazioni che si sono venute a creare a valle degli interventi promossi dalla regione Marche e dalle Province attraverso il FSE vengono di seguito riepilogati, distinguendo le fasi temporali scandite nella rilevazione del placement Occupati a 6 mesi dalla conclusione dell intervento Per coloro che risultano occupati a 6 mesi la condizione lavorativa e professionale e il giudizio sull utilità del percorso di formazione è la seguente: - tipologie contrattuali prevalenti: un tratto significativo dei nuovi occupati è che la maggioranza dei soggetti (65,5%) svolge un lavoro dipendente, 16,0% ha contratti di co.co.co. e 97 sono lavoratori autonomi (con o senza partita IVA). Fra i lavoratori dipendenti il 38,1% ha un contratto a tempo indeterminato mentre il contratto a tempo determinato coinvolge il 36,1% degli occupati; il17,7% sono occupati con contratto di apprendistato, con CFL, con PIP e con tirocinio professionale. Una parte degli occupati ha dichiarato di svolgere la propria attività sulla base di un accordo informale senza contratto modalità che si attesta sulle 64 unità pari al 7,7%, se calcolato sulla somma di coloro che hanno dichiarato di svolgere un lavoro alle dipendenze o di essere lavoratori in cooperative di cui erano sia soci che dipendenti, e al 5,2% se calcolato sul totale degli occupati (1.240). La maggioranza dei rispondenti ha un lavoro a tempo pieno (806 unità, pari al 65%). L orario di lavoro ha una durata media e di circa 33 ore settimanali; - durata dei contratti di lavoro: prevalenza dei contratti di mediobreve estensione. In circa il 61,8% dei casi si tratta di contratti che arrivano massimo a un anno; - reddito percepito: la maggioranza degli occupati a sei mesi percepisce un reddito che non supera i In particolare il 27,4% degli occupati si colloca nella fascia di reddito tra i 650 e gli 850 ; - settori: maggiormente rilevante in termini di inserimento occupazionali è l industria manifatturiera nella quale è impiegato il 19,2% degli occupati totali; a seguire si trova il settore dei servizi pubblico-sociali ed alla persona (17,7%), quindi il settore commerciale (15,2%) ed il settore immobiliare e dell informatica con il 12,8%; - dimensioni delle imprese: la maggioranza degli occupati è impiegata in piccole e medie imprese che vedono da 6 a 25 addetti (30,5%) ed in imprese con un numero compreso tra 2 e 5 addetti (26,9%). - momento dell inserimento lavorativo: tendenzialmente, la maggioranza degli occupati ha trovato lavoro nel primo semestre dell anno (60,9%);

16 11 - canale di accesso: il canale di accesso più diffuso è la segnalazione diretta ai futuri datori di lavoro tramite parenti, amici e familiari (il 29,4%), seguito dall invio di domande ai datori di lavoro (il 22%), a conferma delle comuni prassi di ricerca del lavoro. Coloro che hanno trovato lavoro presso l'azienda in cui hanno svolto lo stage/tirocinio sono l 11,7%, a testimonianza di come questo tipo di percorsi - che mette a diretto contatto con le imprese - possa incidere favorevolmente per l inserimento in un contesto lavorativo. Il 44,3% ritiene che i contatti stabiliti durante il corso siano stati per niente utili, ma, allo stesso tempo, una percentuale di poco superiore (il 45,7%) esprime un giudizio positivo circa l utilità dei contatti stabili. - giudizi sull utilità del percorso: per quanto concerne le competenze specialistiche, la netta maggioranza dei formati esprime un giudizio positivo (68,3%); in relazione alle capacità relazionali, il giudizio è positivo per l 81,2%; l 81,2% utilizza conoscenze di cultura generale apprese durante il corso di formazione nello svolgimento del proprio lavoro; relativamente all acquisizione di competenze informatiche spendibili sul lavoro il 61,9% le ritiene utili per lo svolgimento del proprio lavoro. - coerenza tra il titolo di studio o l attestato di formazione con le mansioni svolte: la maggioranza degli intervistati (il 71,5%) trova il titolo di studio o l attestato di formazione posseduto adeguato rispetto alle mansioni svolte; il 15,2% lo giudica eccessivo, il 13,3% insufficiente Situazione occupazionale a 12 mesi dalla conclusione dell intervento A 12 mesi dalla conclusione dell intervento i formati possono trovarsi in una di queste situazioni verificatesi nell intervallo di tempo oggetto delle due rilevazioni: hanno trovato lavoro; sono sempre occupati ma possono aver cambiato posizione professionale e lavoro; possono aver perduto il lavoro trovato a 6 mesi dalla conclusione dell intervento; sono sempre disoccupati e sempre inattivi. Questi i principali elementi descrittivi: - Non occupati a 6 e occupati a 12 mesi. Si tratta di 279 individui in maggioranza donne (oltre il 60%) occupati prevalentemente con contratto di lavoro dipendente (solo il 24,4% hanno contratti cosiddetti atipici e il 6,5% sono autonomi). I rapporti di lavoro si configurano attraverso contratti a breve durata ((il 67,3% inferiore ad un anno) e si caratterizzano anche, per, una percentuale significativa come rapporto di lavoro a tempo parziale (per il 39,8%). Il livello di inquadramento è medio basso (sono per lo più di impiegati ed operai) a cui corrisponde un livello di retribuzione anch esso di basso importo. Sono posizionati soprattutto in imprese di piccole e piccolissime dimensioni nel settore dell industria, seguita dall artigianato

17 12 del legno, del tessile abbigliamento e della fabbricazione di prodotti in cuoio e pelle. L orario medio svolto è di 32,2 ore alla settimana. Una quota molto rilevante di occupati ritiene poco utili o per niente utili (complessivamente il 76,5%) i contatti stabiliti durante la frequenza dell attività formativa. Il rapporto diretto (invio di domanda di assunzione, 19,4%) o indiretto (segnalazione da parte di familiari al datore di lavoro, 41,2%) con i titolari delle imprese sono i canali di inserimento occupazionale più efficaci. Il giudizio sull utilità della formazione nel contesto lavorativo è articolato nel modo seguente: le competenze specialistiche acquisite sono risultate rilevanti per oltre la metà degli intervistati; quelle relazionali hanno avuto un effetto positivo maggiore (77,4%); decisamente elevato l utilità riconosciuta alle competenze generale (92%); le conoscenze acquisite sull uso delle tecnologie informatiche sono state considerate positive dal 62% degli occupati. In relazione al lavoro svolto dagli occupati il titolo di studio o la qualifica professionale posseduti risultano adeguati nel 64,5% dei casi. - Cambiamento della condizione lavorativa: sono complessivamente 48, di questi il 70,8% sono donne. Relativamente all età, si tratta soprattutto dei più giovani (da 20 a 34 anni). Coloro che hanno cambiato posizione professionale hanno nella maggioranza dei casi il diploma di maturità o qualifica post diploma. Rispetto alla tipologia di contratto, nel 77% dei casi si tratta di dipendenti, nel 12,5% di lavoratori autonomi. In relazione al rapporto di lavoro, si nota come quello più diffuso sia il contratto a tempo indeterminato (il 63,2%), cui fa seguito quello a tempo determinato (il 28,9%). La maggioranza dei contratti ha una durata compresa tra i 4 mesi e l anno (10 unità su 18); solo un lavoratore ha contratto di durata inferiore al mese. Fra coloro che cambiano posizione professionale, dichiarano di svolgere lavoro a tempo pieno l 81,3% e percepiscono un reddito compreso fra gli 850 ed i (47,9%) e fra i 650 e gli 850 (20,8%). Sensibile anche la percentuale di coloro che hanno una retribuzione compresa fra i e i (il 18,8%). - Cambiamento del lavoro: si tratta complessivamente di 156 individui, dei quali il 67,9% donne. Coloro che hanno cambiato occupazione sono per lo più lavoratori dipendenti (69,5%) cui fanno seguito chi svolge forme di lavoro atipico, in particolare con contratti di collaborazione coordinata e continuativa (il 16,9%). I contratti di lavoro di questo gruppo sono a tempo indeterminato nel 31,7% dei casi e a tempo determinato nel 40,2%, spesso di durata non superiore all anno (68,3% dei casi). Una consistente quota dei contratti è a tempo pieno (il 72,9%). L orario medio settimanale delle imprese in cui sono inseriti è per tutto il territorio regionale di 35,3 ore lavorative; i redditi percepiti medio bassi. Relativamente ai settori in cui sono impiegati coloro che hanno cambiato lavoro, si evidenzia

18 13 una contrazione degli occupati prevalentemente nel settore dei servizi domestici (-80%) e immobiliare (-36%) e un loro aumento principalmente nel settore dell agricoltura, dove si registra l occupazione di 4 addetti contro nessuno a 6 mesi dall intervento, della pubblica amministrazione (+250%) e dell industria manifatturiera (+25%). Le imprese in cui i partecipanti alle attività formative sono occupati sono prevalentemente aziende di piccole dimensioni (67,7%) delle quali il 9,5% è costituito da ditte individuali. Relativamente ai canali più utilizzati per trovare lavoro, si tratta dell invio di domande ai datori di lavoro (26,3%) e la segnalazione agli stessi da parte di familiari (42,3%). In relazione all utilità delle competenze specialistiche, relazionali, di cultura generale o inerenti l uso di tecnologie informatiche per lo svolgimento dell occupazione, l analisi mette in evidenza che fra coloro che cambiano lavoro il 74,4% giudica abbastanza o molto utili le competenze volte alla capacità di rapportarsi con gli altri, il 71,2% ritiene abbastanza o molto utili le conoscenze di cultura generale. Riguardo le competenze specialistiche e quelle relative all utilizzo di tecnologie informatiche, invece, i giudizi positivi sono più contenuti: per le prime la percentuale è pari al 54,5%, per le seconde al 56,4%. Il titolo di studio o l attestato di formazione è nella maggioranza dei casi giudicato adeguato alla mansione svolta (67,9%). - Occupati a 6 mesi non occupati a 12 mesi. Costituiscono il 6,1% del totale dei formati (126 individui). Si tratta in prevalenza di donne (il 61,1%), di disoccupati in cerca di nuova occupazione (82,5%) mentre meno cospicua è la quota degli studenti (11,9%) e di coloro che sono in cerca della prima occupazione o sono inattivi (entrambi lo 0,8%). Gli studenti si sono orientati prevalentemente verso un corso universitario (il 66,7%) e, in secondo luogo, verso un corso di studi post-obbligo o post universitario (entrambi il 13,3%). Fra le motivazioni al proseguo degli studi emerge in primo luogo la volontà di accrescere il patrimonio culturale (33,3%), ancor più che la volontà di inserirsi nel mondo del lavoro e di aggiornarsi professionalmente (20,0%). Il 68,6% ricerca attivamente lavoro e fra coloro che non cercano attivamente lavoro una consistente percentuale (il 73,7%) non era subito disponibile ad inserirsi in un contesto lavorativo. - Sempre disoccupati e sempre inattivi. Si tratta in totale di 531 soggetti (25,9% del campione), in prevalenza donne (65,0%), di età tra i 25 e i 29 anni (25,8%), con il diploma di maturità o una qualifica post-diploma che costituisce il titolo di studio più diffuso (61,8%). Coloro che si trovano in posizione indicano tra i motivi per cui hanno deciso di studiare in percentuale più consistente l esigenza di crescita culturale (42,4%) e di inserimento occupazionale (30,5%). La maggioranza ha comunque cercato attivamente lavoro (60,5%) a testimonianza della volontà di inserirsi nel contesto lavorativo. Fra coloro che dichiarano di non averlo cercato solo il

19 14 38,6% era disposto ad inserirsi immediatamente in un contesto lavorativo alla fine dell attività formativa Analisi sugli esiti della concessione di aiuti alle assunzioni L indagine sugli esiti dell erogazione di incentivi alle assunzioni alle imprese marchigiane, costituisce un tassello portante dell azione di autovalutazione attivata dalla Regione Marche a maggiore finalizzazione occupazionale ed ha evidenziato quanto segue: - caratteristiche delle imprese destinatarie degli incentivi. L 87% delle assunzioni incentivate hanno avuto luogo in imprese di piccoli dimensioni appartenenti all industria (con una netta prevalenza del comparto manifatturiero tessile e conciario) e al terziario, principalmente nel commercio e nei servizi a carattere sociale e personale; - caratteristiche dei neo-assunti. I neo-assunti sono in maggioranza disoccupati in senso stretto, hanno già avuto una precedente esperienza professionale, sono in prevalenza donne, hanno (nel 60% circa dei casi) fra i 35 e i 44 anni e posseggono per lo più un diploma di maturità (49,3%); - caratteristiche in relazione al territorio. Il numero più consistente di nuovi impieghi è relativo alla Provincia di Ascoli Piceno (con il 40% sul totale), seguita, in ordine decrescente e a notevole distanza, da Macerata, Ancona e Pesaro e Urbino. Diverse le priorità nella creazione di lavoro: Macerata e Ascoli Piceno hanno puntato soprattutto al contrasto della disoccupazione di breve e di lunga durata, mentre Pesaro e Urbino ed Ancona hanno richiamato, nei loro interventi, soprattutto l esigenza di riequilibrare la presenza di donne e uomini in ambito occupazionale; - permanenza nel lavoro incentivato. A due anni dall assunzione risulta in servizio più dell 83% di lavoratrici e l 80,6% dei lavoratori uomini (complessivamente l 82%). In generale, il settore più interessato da fenomeni di interruzione dei contratti incentivati è il terziario e a lasciare il lavoro sono prevalentemente gli uomini e i soggetti con scarsi livelli di istruzione. A motivare l interruzione del rapporto sono meno spesso le crisi aziendali e l insoddisfazione dei lavoratori. Il più delle volte, infatti, il movente è costituito dall insorgere di nuove opportunità di lavoro (per quasi il 30% dei soggetti che hanno lasciato il lavoro incentivato) oppure da problemi di carattere familiare o personale (soprattutto per le donne); - percezione e ruolo attribuito agli incentivi. Solo un lavoratore su tre è a conoscenza degli incentivi che hanno favorito la sua assunzione con le donne e i più giovani che sembrano essere più consapevoli. Una parte

20 15 non irrilevante di intervistati (il 12%) non è in grado di valutare gli effetti che queste misure possono produrre. Poco meno del 40% dei neo-assunti esprime, invece, un giudizio moderatamente positivo riguardo all importanza degli incentivi economici nella creazione di lavoro aggiuntivo, mentre quanti forniscono un parere parzialmente o radicalmente negativo rappresentano il 30% del totale. Ad esprimere pareri più favorevoli sono le donne e i più giovani e i senior L applicazione di alcuni indicatori di valutazione In estrema sintesi, si riportano i valori assunti dagli indicatori di risultato applicati ai dati dell indagine: - il tasso di copertura evidenzia che complessivamente le attività corsuali coinvolgono il 35,8% dei disoccupati della Regione per il triennio di riferimento; in particolare, l azione che offre un maggior tasso di copertura per l intero triennio è la formazione post-obbligo formativo e post diploma (12,4%); - segue il tasso di successo, dato dalla somma del tasso di inserimento occupazionale lordo e del tasso di inserimento nell istruzione, pari al 76%; - ulteriore indicatore di performance considerato è il tasso di dispersione dal quale emerge che, complessivamente, l abbandono dei corsi è circoscritto al 9,9% dei partecipanti; - il tasso di coerenza complessivo raggiunge il 71,5%, mostrando l elevata capacità programmatoria nei confronti delle esigenze del sistema del mercato del lavoro locale, in particolar modo per le work experience; - il tasso di conversione delle w.e. in contratto di lavoro è molto elevato per il triennio in esame, risultando infatti pari al 79,4% dei tirocinanti e borsisti; - infine, il tasso di permanenza nel lavoro incentivato, che permette di valutare la quota degli lavoratori che a due anni di distanza sono ancora inseriti nell impresa che li ha assunti, è risultato elevato e pari all 82,0% (la quasi totalità delle interruzioni dei rapporti di lavoro è avvenuta per scelta del lavoratore).

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni SEZIONE I Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 42 del 18.10.2006 con la quale il Consiglio ha approvato un atto d indirizzo sull informativa di cui trattasi; 3 CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI

ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI PONTEDERA FEBBRAIO 2013 0 0. INDICE PREMESSA pag. 02 L ANDAMENTO DEMOGRAFICO TOSCANO pag. 04 L ECONOMIA PROVINCIALE

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO Regione Marche SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO Approfondimento tematico nell ambito dell attività di valutazione in itinere del POR-FSE Regione Marche 2007-2013 Dicembre 2010 ATI Fondazione Giacomo Brodolini

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli