Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile"

Transcript

1 Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine per la deliberazione del bilancio di previsione sia stata prorogata da norme statali in un periodo successivo all inizio dell esercizio finanziario di riferimento, come ormai accade abitualmente. L esercizio provvisorio nel caso in questione non deve essere deliberato, ma si intende automaticamente autorizzato al verificarsi delle condizioni predette. Nella vacanza del nuovo bilancio si applicano le stesse modalità di gestione stabilite al comma 1 del suddetto articolo, prendendosi però a riferimento l ultimo bilancio definitivamente approvato; in particolare, gli enti locali possono effettuare, per ciascun intervento, spese in misura non superiore mensilmente ad un dodicesimo delle somme previste nell ultimo bilancio approvato, con esclusione delle spese tassativamente regolate dalla legge o non suscettibili di pagamento frazionato in dodicesimi. Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile 1. Il documento unico di programmazione (DUP) A) Termini di presentazione e struttura Il documento unico di programmazione (DUP), che la Giunta deve presentare al Consiglio entro il 31 luglio, è il principale strumento per la guida strategica e operativa degli enti locali e rappresenta, sia temporalmente che sostanzialmente, il presupposto necessario di tutti gli altri strumenti di programmazione previsti dall allegato 4/1 del D.Lgs. 118/2011. Si noti che anche in questo caso il legislatore (art. 170, comma 1, T.U.E.L., come modificato dal D.Lgs. 126/2014) ha previsto che nel 2015 gli enti locali che non hanno partecipato alla fase di sperimentazione non siano tenuti alla predisposizione del DUP, potendo ancora redigere il documento di programmazione previsto dalla precedente normativa (in pratica, la relazione previsionale e programmatica, cfr. Sezione I, 3). È inoltre previsto che gli enti locali con popolazione non superiore a abitanti predispongano una versione semplificata del DUP (allegato 4/1). Il DUP è composto da due sezioni (art. 151 T.U.E.L., come modificato dal D.Lgs. 126/2014): la Sezione Strategica (SeS), che ha un orizzonte temporale pari a quello del mandato amministrativo, e la Sezione Operativa (SeO), il cui orizzonte coincide con quello del bilancio di previsione. B) La Sezione Strategica (SeS) La SeS sviluppa e concretizza le linee programmatiche, presentate dal Sindaco al Consiglio all inizio del mandato e relative alle azioni e ai progetti che si intende realizzare nel corso del mandato stesso (art. 46, comma 3, T.U.E.L., cfr. Sezione I, 2), coerentemente con le linee di indirizzo della programmazione regionale e con gli obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale nel rispetto delle procedure e dei criteri stabiliti dall Unione europea.

2 112 Parte II: La contabilità Nel primo anno del mandato amministrativo, la SeS deve definire, per ogni missione di bilancio, gli obiettivi strategici da perseguire entro la fine del mandato. L individuazione di tali obiettivi è il risultato dell approfondita analisi strategica di una serie di condizioni esterne e interne all ente. Fra le condizioni esterne rientrano: gli obiettivi individuati dal Governo nazionale anche alla luce dei documenti di programmazione dell Ue; la situazione socio-economica, attuale e prospettica, del territorio di riferimento e la conseguente domanda di servizi pubblici locali; i parametri economici essenziali utilizzati per definire l evoluzione dei flussi finanziari ed economici dell ente. Fra le condizioni interne occorre considerare: la capacità di organizzare e gestire i servizi pubblici locali, tenendo conto dei fabbisogni e dei costi standard. In questa fase è fondamentale definire gli indirizzi generali, le funzioni e gli obiettivi di servizio degli organismi e degli enti strumentali, nonché delle società controllate e partecipate, tenendo conto della loro situazione economica e finanziaria e definendo le opportune procedure di controllo da parte dell ente; la disponibilità di risorse e la sostenibilità economico-finanziaria, approfondendo aspetti quali, ad esempio, gli investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche, i tributi, le tariffe dei servizi pubblici, la gestione del patrimonio, il livello di indebitamento e gli equilibri di bilancio; la disponibilità e la gestione delle risorse umane, con riferimento alla struttura organizzative dell ente in tutte le sue articolazioni; la coerenza con le disposizioni del patto di stabilità interno e con i vincoli di finanza pubblica. Ogni anno occorre verificare lo stato di attuazione degli obiettivi strategici che, se necessario e dandone adeguata motivazione, possono essere opportunamente riformulati. Al termine del mandato l amministrazione dovrà rendere conto del proprio operato attraverso la relazione di fine mandato (art. 4, D.Lgs. 149/2011), in cui si certificano le iniziative intraprese e i risultati conseguiti. C) La Sezione Operativa (SeO) La SeO è quella sezione del DUP in cui vengono definiti gli strumenti operativi che si intendono utilizzare per conseguire gli obiettivi strategici definiti nella SeS. In particolare, essa definisce, per ogni singola missione, i programmi da realizzare per conseguire gli obiettivi strategici della SeS, e per ogni singolo programma, gli obiettivi operativi annuali da rispettare. Come anticipato, la SeO copre un periodo pari a quello del bilancio di previsione ed è redatta per competenza, con riferimento all intero periodo considerato, e per cassa, con riferimento al primo esercizio. La SeO si suddivide in due parti: una Parte I, in cui sono descritte le motivazioni alla base delle scelte programmatiche effettuate (anche con riferimento all eventuale gruppo amministrazione pubblica) e sono definiti i singoli programmi da realizzare.

3 Capitolo 3: La programmazione 113 Per ogni programma devono essere definite le finalità e gli obiettivi annuali e pluriennali che si intendono perseguire, la motivazione delle scelte effettuate e le risorse finanziarie, umane e strumentali ad esso destinate. Gli obiettivi individuati per ogni programma rappresentano la declinazione annuale e pluriennale degli obiettivi strategici contenuti nella SeS e costituiscono indirizzo vincolante per i successivi atti di programmazione, in applicazione del principio della coerenza tra i documenti di programmazione (cfr. Cap 2, Sezione II). L individuazione delle finalità e la fissazione degli obiettivi per i programmi deve guidare, negli altri strumenti di programmazione, l individuazione dei progetti strumentali alla loro realizzazione e l affidamento di obiettivi e risorse ai responsabili dei servizi. Gli obiettivi dei programmi devono essere controllati annualmente al fine di verificarne il grado di raggiungimento e, laddove necessario, modificati, dandone adeguata giustificazione, per dare una rappresentazione veritiera e corretta dei futuri andamenti dell ente e del processo di formulazione dei programmi all interno delle missioni. I mezzi finanziari necessari alla realizzazione dei programmi all interno delle missioni devono essere accuratamente individuati, quantificati, descritti e misurati in termini di gettito finanziario. Contestualmente devono essere individuate le forme di finanziamento, valutando attentamente la capacità e il livello di indebitamento dell ente, alla luce dei vincoli di finanza pubblica. Il legislatore definisce prioritario il finanziamento delle spese correnti consolidate, riferite cioè ai servizi essenziali e strutturali e al mantenimento del patrimonio. La disponibilità di ulteriori risorse finanziarie può poi essere destinata al potenziamento quali-quantitativo di una certa attività o alla creazione di un nuovo servizio. Particolare attenzione va posta all analisi e alla valutazione degli impegni pluriennali di spesa già assunti a valere sugli anni a cui la SeO si riferisce; una Parte II, contenente la programmazione dettagliata dei lavori pubblici, del fabbisogno del personale e delle modalità di gestione e valorizzazione del patrimonio. La realizzazione dei lavori pubblici deve essere svolta sulla base di un programma triennale e dei suoi aggiornamenti annuali, indicati nella SeO. I lavori da realizzare nel primo anno sono compresi in un elenco annuale (cfr. Parte III, Cap. 4). Per ogni lavoro l ente deve analizzare, identificare e quantificare gli interventi e le risorse reperibili per il loro finanziamento, stimando i tempi per la realizzazione delle opere e del collaudo e i fabbisogni espressi in termini sia di competenza che di cassa. Il fabbisogno del personale deve essere definiti all interno di un documento denominato programma triennale del fabbisogno del personale (cfr. Sezione I, 7). Al fine di procedere al riordino, alla gestione e alla valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare, l ente individua, redigendo apposito elenco, i singoli immobili di proprietà. Tra questi devono essere individuati quelli non strumentali all esercizio delle proprie funzioni istituzionali e quelli suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Sulla base delle informazioni contenute in tale elenco, quindi, deve essere predisposto il piano delle alienazioni e valorizzazioni patrimoniali, quale parte integrante del DUP. 2. Il bilancio di previsione finanziario A) Definizione e funzioni L art. 162 del T.U.E.L., dopo le modifiche introdotte dal D.Lgs. 126/2014, stabilisce che gli enti locali deliberano annualmente il bilancio di previsione finanziario riferito ad almeno un triennio, comprendente le previsioni di competenza e di cassa del primo esercizio e le

4 114 Parte II: La contabilità previsioni di competenza degli esercizi successivi, nel rispetto dei principi contabili generali e applicati di cui al D.Lgs. 118/2011. Le previsioni riguardanti il primo esercizio costituiscono il bilancio di previsione finanziario annuale. L allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011 sottolinea che, per rispettare il principio contabile applicato dell annualità, è necessario adottare il metodo scorrevole nella redazione del bilancio di previsione finanziario, per cui ogni anno occorre aggiornarlo: con l inserimento delle previsioni relative ad un ulteriore esercizio; adeguando le previsioni relative a tutti gli esercizi finanziari, tenendo conto degli aggiornamenti del DUP e dei risultati presunti della gestione dell esercizio precedente; con l indicazione, per tutti i programmi di spesa relativi a ciascun esercizio di riferimento, degli impegni già assunti alla data di elaborazione del documento. Si tratta, dunque, del documento in cui vengono rappresentate contabilmente le previsioni di natura finanziaria riferite a ciascun esercizio compreso nell arco temporale considerato nel DUP; esso rappresenta, in sostanza, lo strumento attraverso il quale gli organi di governo dell ente definiscono la distribuzione delle risorse finanziarie tra i programmi e le attività che l amministrazione deve svolgere, secondo quanto previsto dal DUP stesso. Il nuovo comma 6 dell art. 162 T.U.E.L. sottolinea che il bilancio di previsione è deliberato in pareggio finanziario complessivo per la competenza, comprensivo dell utilizzo dell avanzo di amministrazione e del recupero del disavanzo di amministrazione e garantendo un fondo di cassa finale non negativo. Inoltre, le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative ai trasferimenti in c/ capitale, al saldo negativo delle partite finanziarie e alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e degli altri prestiti, con l esclusione dei rimborsi anticipati, non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell entrata, ai contribuiti destinati al rimborso dei prestiti e all utilizzo dell avanzo di competenza di parte corrente e non possono avere altra forma di finanziamento, salvo le eccezioni tassativamente indicate nel principio applicato alla contabilità finanziaria necessarie a garantire elementi di flessibilità degli equilibri di bilancio ai fini del rispetto del principio dell integrità. Secondo quanto previsto dal nuovo comma 2 dell art. 164 T.U.E.L., il bilancio di previsione ha carattere autorizzatorio, costituendo limite, per ciascuno degli esercizi considerati: agli accertamenti e agli incassi riguardanti le accensioni di prestiti; agli impegni e ai pagamenti di spesa (non comportano, tuttavia, limiti alla gestione le previsioni riguardanti i rimborsi delle anticipazioni di tesoreria e le partite di giro). B) La struttura Il bilancio di previsione è composto da due parti, relative rispettivamente all entrata e alla spesa, ed è redatto secondo lo schema previsto dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011, come modificato dal D.Lgs. 126/2014. Si rammenta che nel 2015 il bilancio di previsione redatto secondo lo schema previsto dall allegato 9 assume solo funzione conoscitiva e va allegato al corrispondente documento contabile predisposto in base alla normativa vigente nel 2014, che mantiene la sua funzione autorizzatoria. Le entrate sono classificate in (art. 165, comma 2, T.U.E.L. e art. 15 D.Lgs. 118/2011): titoli, definiti in funzione della fonte di provenienza delle entrate; tipologie, definite in basa alla natura delle entrate, nell ambito di ciascuna fonte di provenienza.

5 Capitolo 3: La programmazione 115 Titolo I: tipologia 101: tipologia 104: tipologia 301 tipologia 302 Titolo II: tipologia 101: tipologia 102: tipologia 103: tipologia 104: tipologia 105: Titolo III: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: tipologia 500: Titolo IV: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: tipologia 500: Titolo V: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: Titolo VI: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: Titolo VII: Titolo IX: tipologia 200: TITOLI E TIPOLOGIE DI ENTRATA Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa Imposte, tasse e proventi assimiliati Compartecipazioni di tributi Fondi perequativi da Amministrazioni centrali Fondi perequativi dalla Regione o Provincia autonoma Trasferimenti correnti Trasferimenti correnti da Amministrazioni pubbliche Trasferimenti correnti da famiglie Trasferimenti correnti da imprese Trasferimenti correnti da Istituzioni sociali private Trasferimenti correnti dall Unione europea e dal Resto del mondo Entrate extratributarie Vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione di beni Proventi derivanti dall attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti Interessi attivi Altre entrate da redditi da capitale Rimborsi e altre entrate correnti Entrate in conto capitale Tributi in conto capitale Contributi agli investimenti Altri trasferimenti in conto capitale Entrate da alienazione di beni materiali e immateriali Altre entrate in conto capitale Entrate da riduzione di attività finanziarie Alienazione di attività finanziarie Riscossione crediti di breve termine Riscossione di crediti di medio-lungo termine Altre entrate per riduzione di attività finanziarie Accensione prestiti Emissione di titoli obbligazionari Accensione prestiti a breve termine Accensione mutui e altri finanziamenti a medio-lungo termine Altre forme di indebitamento Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere Entrate per conto terzi e partite di giro Entrate per partite di giro Entrate per conto terzi

6 116 Parte II: La contabilità Ai fini della gestione, nel piano esecutivo di gestione (cfr. 3) le tipologie sono a loro volta classificate in categorie, capitoli ed eventualmente articoli, secondo la natura dell oggetto. L elenco completo dei titoli, delle tipologie e delle categorie di entrata degli enti locali è contenuto nell allegato 13/2 al D.Lgs. 118/2011. Le spese sono classificate in (art. 165, comma 4, T.U.E.L. e art. 14 D.Lgs. 118/2011): missioni, che rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dall ente utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate; programmi, che rappresentano gli aggregati omogenei di attività volte a perseguire gli obiettivi definiti nell ambito delle missioni. I programmi sono ripartiti in titoli. MISSIONI DI SPESA Missione 1 Missione 2 Missione 3 Missione 4 Missione 5 Missione 6 Missione 7 Missione 8 Missione 9 Missione 10 Missione 11 Missione 12 Missione 13 Missione 14 Missione 15 Missione 16 Missione 17 Missione 18 Missione 19 Missione 20 Missione 50 Missione 60 Missione 99 Servizi istituzionali, generali e di gestione Giustizia Ordine pubblico e sicurezza Istruzione e diritto allo studio Tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali Politiche giovanili, sport e tempo libero Turismo Assetto del territorio ed edilizia abitativa Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell ambiente Trasporti e diritto alla mobilità Soccorso civile Diritti sociali, politiche sociali e famiglie Tutela della salute Sviluppo economico e competitività Politiche per il lavoro e la formazione professionale Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca Energia e diversificazione delle fonti energetiche Relazioni con le altre autonomie territoriali e locali Relazioni internazionali Fondi e accantonamenti Debito pubblico Anticipazioni finanziarie Servizi per conto terzi

7 Capitolo 3: La programmazione 117 Ai fini della gestione, nel piano esecutivo di gestione (cfr. 3) i programmi sono ripartiti in titoli, macroaggregati, capitoli ed eventualmente in articoli. L elenco completo delle missioni, dei programmi, dei titoli e dei macroaggregati di spesa degli enti locali è contenuto nell allegato 14 al D.Lgs. 118/2011. Il fondo pluriennale vincolato e il fondo crediti di dubbia esigibilità Come si vedrà meglio in seguito, l applicazione del principio contabile generale della competenza finanziaria determina delle sostanziali modifiche nelle modalità di accertamento delle entrate e di impegno delle spese. In particolare: per quanto riguarda l accertamento delle entrate, non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le entrate per le quali non sia venuto a scadere nello stesso esercizio finanziario il diritto di credito. Viene dunque esclusa categoricamente la possibilità di accertamento attuale di entrate future, in quanto ciò darebbe luogo ad un anticipazione di impieghi (ed ai relativi oneri) in attesa dell effettivo maturare della scadenza del titolo giuridico dell entrata futura, con la conseguenza di alterare gli equilibri finanziari dell esercizio finanziario; allo stesso modo, per ciò che concerne gli impegni di spesa, non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le spese per le quali non sia venuta a scadere nello stesso esercizio finanziario la relativa obbligazione giuridica. In particolare, per l attività di investimento che comporta impegni di spesa che vengono a scadenza in più esercizi finanziari deve essere dato specificamente atto, al momento dell attivazione del primo impegno, di aver predisposto la copertura finanziaria per l effettuazione della spesa complessiva dell investimento. La copertura finanziaria è costituita da risorse accertate esigibili nell esercizio in corso di gestione, dall utilizzo dell avanzo di amministrazione o di una legge di autorizzazione all indebitamento. Il nuovo criterio di imputazione delle spese richiede, quindi, una differente modalità di gestione degli investimenti che, come nel caso dei lavori pubblici, comportano normalmente impegni di spesa che vanno ben oltre l esercizio finanziario in cui vengono avviati. L obbligo di definire, sin dall attivazione del primo impegno, la copertura finanziaria per la spesa complessiva dell investimento determina, infatti, uno sfasamento temporale fra l acquisizione delle risorse e il loro effettivo impiego, sfasamento che va evidenziato attraverso l iscrizione in bilancio di un fondo pluriennale vincolato, costituito da risorse accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive giuridicamente perfezionate esigibili in esercizi successivi a quello in cui è accertata l entrata (si rinvia al Cap. 7 per un esempio pratico). Il fondo in questione è, quindi, un efficace strumento di rappresentazione della programmazione e previsione delle spese pubbliche degli enti territoriali, in quanto evidenzia in modo chiaro e attendibile il procedimento di impiego delle risorse acquisite dall ente che richiedono un periodo di tempo pluriennale per il loro effettivo utilizzo (si pensi, in particolare, alla programmazione delle opere pubbliche basata sul programma triennale e sull elenco annuale). Il principio della competenza finanziaria prevede, inoltre, che le entrate di dubbia o difficile esazione vengano accertate per l intero importo del credito anche se non è certa la loro riscossione integrale (è il caso, ad esempio, delle sanzioni amministrative al codice della strada). Tuttavia, per evitare che spese esigibili nel corso dell esercizio vengano coperte mediante questo tipo di entrate, l art. 167 del T.U.E.L., integralmente sostituito dal D.Lgs. 126/2014, dispone che nella missione di spesa 20, Fondi e accantonamenti, venga stanziato un accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità, il cui ammontare deve essere accuratamente valutato dall ente, in sede di predisposizione del bilancio di previsione, tenendo conto della dimensione e della natura dei crediti di dubbia o difficile esazione che si prevede si formeranno nell esercizio e della capacità di riscossione di tali crediti dimostrata dall ente nei cinque anni precedenti. Al fine di consentire un applicazione graduale dell obbligo di accantonamento al suddetto fondo, il legislatore (allegato 4/2 al D.Lgs. 118/2011, come modificato dalla L. 190/2014) ha stabilito che gli enti locali stanzino in bilancio una quota pari almeno al 36% dell importo dell accantonamento quantificato nel relativo prospetto allegato al bilancio di previsione nel 2015, al 55% nel 2016, al 70% nel 2017, all 85% nel 2018 e al 100% dal 2019.

8 118 Parte II: La contabilità In bilancio, prima di tutte le entrate e le spese, sono iscritti (art. 165, comma 7, T.U.E.L.): a) in entrata gli importi relativi al fondo pluriennale vincolato di parte corrente e al fondo pluriennale vincolato in c/capitale; b) in entrata del primo esercizio gli importi relativi all utilizzo dell avanzo di amministrazione presunto, nei casi individuati dall art. 187, commi 3 e 3bis, con l indicazione della quota vincolata del risultato di amministrazione utilizzata anticipatamente; c) in uscita l importo del disavanzo di amministrazione presunto al 31 dicembre dell esercizio precedente cui il bilancio si riferisce. Il disavanzo di amministrazione presunto può essere iscritto nella spesa degli esercizi successivi secondo le modalità previste dall art. 188; d) in entrata del primo esercizio il fondo di cassa presunto dell esercizio precedente. Il bilancio di previsione finanziario indica, per ciascuna unita di voto (art. 165, comma 6, T.U.E.L.): a) l ammontare presunto dei residui attivi o passivi alla chiusura dell esercizio precedente a quello cui il bilancio si riferisce; b) l ammontare delle previsioni di competenza e di cassa definitive dell anno precedente a quello cui si riferisce il bilancio; c) l ammontare degli accertamenti e degli impegni che si prevede di imputare in ciascuno degli esercizi cui il bilancio si riferisce, nel rispetto del principio della competenza finanziaria; d) l ammontare delle entrate che si prevede di riscuotere o delle spese di cui si autorizza il pagamento nel primo esercizio considerato nel bilancio, senza distinzioni fra riscossioni e pagamenti in conto competenza e in conto residui. Il documento di bilancio si conclude con più quadri riepilogativi, redatti secondo lo schema indicato dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011, tra i quali rilevano in modo particolare: il quadro generale riassuntivo, in cui vengono indicate le previsioni complessive del bilancio in termini di competenza e di cassa, classificate per titoli. Si tratta di un prospetto a sezioni contrapposte in cui sono indicate: per le entrate, il totale delle entrate finali (costituito dalla somma dei primi 5 titoli), il totale delle entrate (costituito dalla somma di tutti i titoli delle entrate) e il totale complessivo delle entrate. Il totale complessivo delle entrate di cassa è costituito dalla somma del totale delle entrate e del fondo di cassa, il totale complessivo delle entrate di competenza è pari alla somma del totale delle entrate, del fondo pluriennale vincolato e dell utilizzo del risultato di amministrazione; per le spese, gli importi di ciascun titolo di spesa, il totale delle spese finali (costituito dalla somma dei primi tre titoli delle spese), il totale delle spese (costituito dalla somma di tutti i titoli delle spese) e il totale complessivo delle spese. Il totale complessivo di cassa è sempre uguale al totale delle spese, mentre il totale complessivo di competenza è costituito dalla somma del totale di spesa e dell eventuale disavanzo di amministrazione riportato in bilancio per la copertura; il prospetto degli equilibri di bilancio, che consente di verificare la sussistenza degli equilibri interni al bilancio per ciascuno degli esercizi considerati. Infatti, oltre al pareg-

9 Capitolo 3: La programmazione 119 gio finanziario di competenza fra tutte le entrate e tutte le spese, il bilancio deve garantire: l equilibrio di parte corrente in termini di competenza finanziaria, cioè, in sostanza, tra le spese correnti e le entrate correnti; l equilibrio in conto capitale in termini di competenza finanziaria, vale a dire fra le spese di investimento e tutte le risorse acquisite per il loro finanziamento (entrate in conto capitale, accensione di prestiti, fondo pluriennale vincolato in conto capitale etc.). C) La procedura di approvazione e l esercizio provvisorio L allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011 prevede che: entro il 15 novembre di ogni anno la Giunta approva lo schema della delibera di approvazione del bilancio di previsione finanziario relativa almeno al triennio successivo, da sottoporre al Consiglio, cui trasmette contestualmente, a solo scopo conoscitivo, anche la proposta di articolazione delle tipologie di entrata in categorie e dei programmi di spesa in macroaggregati; entro il 31 dicembre il Consiglio approva il bilancio. Si noti che il suddetto termine può essere differito, in presenza di motivate esigenze, con decreto del Ministro dell interno, d intesa con il Ministro dell economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali. Il termine per la presentazione del bilancio di previsione 2015 è stato differito al 30 luglio 2015 dal D.M. 13 maggio Qualora il Consiglio non approvi il bilancio entro la suddetta data, il nuovo comma 1 dell art. 163 T.U.E.L. dispone che la gestione finanziaria dell ente si svolga nel rispetto dei principi applicati della contabilità finanziaria riguardanti l esercizio provvisorio o la gestione provvisoria (di cui all allegato 4/2 al D.Lgs. 118/2011). L esercizio provvisorio può essere autorizzato con legge o con il decreto del Ministro dell interno che, secondo quanto previsto dall art. 151 T.U.E.L., in presenza di motivate esigenze differisce il termine di approvazione del bilancio, d intesa con il Ministro dell economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città e autonomie locali (così il nuovo comma 3 dell art. 163 T.U.E.L.). Il suddetto comma precisa che nel corso dell esercizio provvisorio non è consentito il ricorso all indebitamento ed è possibile impegnare solo le spese correnti, le eventuali spese correlate riguardanti le partite di giro, i lavori pubblici o gli altri interventi di somma urgenza. Il comma 5 dispone che tali spese possano essere impegnate mensilmente per importi non superiori ad un dodicesimo degli stanziamenti del secondo esercizio del bilancio di previsione deliberato l anno precedente, ridotti delle somme già impegnate negli esercizi precedenti e dell importo accantonato al fondo pluriennale vincolato (con l esclusione delle spese tassativamente regolate dalla legge, di quelle non suscettibili di pagamento frazionato in dodicesimi e di quelle a carattere continuativo necessarie a mantenere il livello qualitativo e quantitativo dei servizi). Nel caso in cui il bilancio non sia stato approvato entro il 31 dicembre e, tuttavia, non sia stato autorizzato l esercizio provvisorio (o nel caso in cui l ente non abbia rispettato neanche il termine differito stabilito dal decreto ministeriale di cui sopra), è consentita esclusiva-

10 120 Parte II: La contabilità mente una gestione provvisoria nei limiti dei corrispondenti stanziamenti di spesa dell ultimo bilancio approvato per l esercizio cui si riferisce la gestione provvisoria (art. 163, comma 2, T.U.E.L.). Nel corso della gestione provvisoria l ente può: assumere solo obbligazioni derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi o tassativamente regolate dalla legge o, ancora, necessarie ad evitare all ente danni patrimoniali gravi e certi; disporre pagamenti solo per l assolvimento delle obbligazioni già assunte e di quelle derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi o da obblighi tassativamente regolati dalla legge, nonché per le spese di personale, di residui passivi, di rate di mutuo, di canoni, imposte e tasse e per quelle necessarie ad evitare all ente danni patrimoniali gravi e certi. D) I documenti da allegare Al bilancio di previsione vanno allegati i seguenti documenti (art. 11, comma 3, D.Lgs. 118/2011 e art. 172 T.U.E.L., come modificati dal D.Lgs. 126/2014), redatti secondo gli schemi previsti dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011: la tabella dimostrativa del presunto risultato di amministrazione. Si tratta di una tabella che evidenzia il risultato presunto della gestione dell esercizio precedente quello cui si riferisce il bilancio, sulla cui base elaborare previsioni coerenti ed attendibili per l esercizio di riferimento. Essa consente, inoltre, di verificare l esistenza di un eventuale disavanzo e di provvedere alla relativa copertura; il prospetto concernente la composizione, per missioni e programmi, del fondo pluriennale vincolato. Al bilancio di previsione vanno allegati almeno tre prospetti riguardanti la composizione del fondo pluriennale vincolato, relativi ad ognuno degli esercizi considerati nel bilancio stesso. Ciascuno di questi prospetti evidenzia: l articolazione per missioni e programmi del fondo iscritto in entrata del bilancio; la quota del fondo destinata a coprire gli impegni assunti negli esercizi precedenti e imputati all esercizio cui il prospetto si riferisce; la quota del fondo che si prevede di accantonare nel corso dell esercizio cui il prospetto si riferisce, rappresentata dall ammontare degli impegni imputati agli esercizi successivi che si prevede di assumere nel corso dell esercizio finanziati con risorse accertate nell esercizio; il prospetto relativo alla composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità. Anche in questo caso, al bilancio di previsione vanno allegati almeno tre prospetti riguardanti la composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità, relativi ad ognuno degli esercizi considerati nel bilancio stesso. Per garantire la confrontabilità dei bilanci, tali allegati indicano la composizione del fondo a livello di tipologie; il prospetto dimostrativo del rispetto dei vincoli di indebitamento. Si tratta di un prospetto in cui le entrate relative ai primi tre titoli (entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa, trasferimenti correnti, entrate extratributarie) vengono messe a confronto con la spesa annuale sostenuta per rate di mutui e obbligazioni al fine di verificare il rispetto dei liliti di indebitamento previsti dall art. 204 T.U.E.L.; il prospetto delle spese previste per l utilizzo di contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali; il prospetto delle spese previste per lo svolgimento di funzioni delegate dalle Regioni; la nota integrativa.

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli