Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile"

Transcript

1 Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine per la deliberazione del bilancio di previsione sia stata prorogata da norme statali in un periodo successivo all inizio dell esercizio finanziario di riferimento, come ormai accade abitualmente. L esercizio provvisorio nel caso in questione non deve essere deliberato, ma si intende automaticamente autorizzato al verificarsi delle condizioni predette. Nella vacanza del nuovo bilancio si applicano le stesse modalità di gestione stabilite al comma 1 del suddetto articolo, prendendosi però a riferimento l ultimo bilancio definitivamente approvato; in particolare, gli enti locali possono effettuare, per ciascun intervento, spese in misura non superiore mensilmente ad un dodicesimo delle somme previste nell ultimo bilancio approvato, con esclusione delle spese tassativamente regolate dalla legge o non suscettibili di pagamento frazionato in dodicesimi. Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile 1. Il documento unico di programmazione (DUP) A) Termini di presentazione e struttura Il documento unico di programmazione (DUP), che la Giunta deve presentare al Consiglio entro il 31 luglio, è il principale strumento per la guida strategica e operativa degli enti locali e rappresenta, sia temporalmente che sostanzialmente, il presupposto necessario di tutti gli altri strumenti di programmazione previsti dall allegato 4/1 del D.Lgs. 118/2011. Si noti che anche in questo caso il legislatore (art. 170, comma 1, T.U.E.L., come modificato dal D.Lgs. 126/2014) ha previsto che nel 2015 gli enti locali che non hanno partecipato alla fase di sperimentazione non siano tenuti alla predisposizione del DUP, potendo ancora redigere il documento di programmazione previsto dalla precedente normativa (in pratica, la relazione previsionale e programmatica, cfr. Sezione I, 3). È inoltre previsto che gli enti locali con popolazione non superiore a abitanti predispongano una versione semplificata del DUP (allegato 4/1). Il DUP è composto da due sezioni (art. 151 T.U.E.L., come modificato dal D.Lgs. 126/2014): la Sezione Strategica (SeS), che ha un orizzonte temporale pari a quello del mandato amministrativo, e la Sezione Operativa (SeO), il cui orizzonte coincide con quello del bilancio di previsione. B) La Sezione Strategica (SeS) La SeS sviluppa e concretizza le linee programmatiche, presentate dal Sindaco al Consiglio all inizio del mandato e relative alle azioni e ai progetti che si intende realizzare nel corso del mandato stesso (art. 46, comma 3, T.U.E.L., cfr. Sezione I, 2), coerentemente con le linee di indirizzo della programmazione regionale e con gli obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale nel rispetto delle procedure e dei criteri stabiliti dall Unione europea.

2 112 Parte II: La contabilità Nel primo anno del mandato amministrativo, la SeS deve definire, per ogni missione di bilancio, gli obiettivi strategici da perseguire entro la fine del mandato. L individuazione di tali obiettivi è il risultato dell approfondita analisi strategica di una serie di condizioni esterne e interne all ente. Fra le condizioni esterne rientrano: gli obiettivi individuati dal Governo nazionale anche alla luce dei documenti di programmazione dell Ue; la situazione socio-economica, attuale e prospettica, del territorio di riferimento e la conseguente domanda di servizi pubblici locali; i parametri economici essenziali utilizzati per definire l evoluzione dei flussi finanziari ed economici dell ente. Fra le condizioni interne occorre considerare: la capacità di organizzare e gestire i servizi pubblici locali, tenendo conto dei fabbisogni e dei costi standard. In questa fase è fondamentale definire gli indirizzi generali, le funzioni e gli obiettivi di servizio degli organismi e degli enti strumentali, nonché delle società controllate e partecipate, tenendo conto della loro situazione economica e finanziaria e definendo le opportune procedure di controllo da parte dell ente; la disponibilità di risorse e la sostenibilità economico-finanziaria, approfondendo aspetti quali, ad esempio, gli investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche, i tributi, le tariffe dei servizi pubblici, la gestione del patrimonio, il livello di indebitamento e gli equilibri di bilancio; la disponibilità e la gestione delle risorse umane, con riferimento alla struttura organizzative dell ente in tutte le sue articolazioni; la coerenza con le disposizioni del patto di stabilità interno e con i vincoli di finanza pubblica. Ogni anno occorre verificare lo stato di attuazione degli obiettivi strategici che, se necessario e dandone adeguata motivazione, possono essere opportunamente riformulati. Al termine del mandato l amministrazione dovrà rendere conto del proprio operato attraverso la relazione di fine mandato (art. 4, D.Lgs. 149/2011), in cui si certificano le iniziative intraprese e i risultati conseguiti. C) La Sezione Operativa (SeO) La SeO è quella sezione del DUP in cui vengono definiti gli strumenti operativi che si intendono utilizzare per conseguire gli obiettivi strategici definiti nella SeS. In particolare, essa definisce, per ogni singola missione, i programmi da realizzare per conseguire gli obiettivi strategici della SeS, e per ogni singolo programma, gli obiettivi operativi annuali da rispettare. Come anticipato, la SeO copre un periodo pari a quello del bilancio di previsione ed è redatta per competenza, con riferimento all intero periodo considerato, e per cassa, con riferimento al primo esercizio. La SeO si suddivide in due parti: una Parte I, in cui sono descritte le motivazioni alla base delle scelte programmatiche effettuate (anche con riferimento all eventuale gruppo amministrazione pubblica) e sono definiti i singoli programmi da realizzare.

3 Capitolo 3: La programmazione 113 Per ogni programma devono essere definite le finalità e gli obiettivi annuali e pluriennali che si intendono perseguire, la motivazione delle scelte effettuate e le risorse finanziarie, umane e strumentali ad esso destinate. Gli obiettivi individuati per ogni programma rappresentano la declinazione annuale e pluriennale degli obiettivi strategici contenuti nella SeS e costituiscono indirizzo vincolante per i successivi atti di programmazione, in applicazione del principio della coerenza tra i documenti di programmazione (cfr. Cap 2, Sezione II). L individuazione delle finalità e la fissazione degli obiettivi per i programmi deve guidare, negli altri strumenti di programmazione, l individuazione dei progetti strumentali alla loro realizzazione e l affidamento di obiettivi e risorse ai responsabili dei servizi. Gli obiettivi dei programmi devono essere controllati annualmente al fine di verificarne il grado di raggiungimento e, laddove necessario, modificati, dandone adeguata giustificazione, per dare una rappresentazione veritiera e corretta dei futuri andamenti dell ente e del processo di formulazione dei programmi all interno delle missioni. I mezzi finanziari necessari alla realizzazione dei programmi all interno delle missioni devono essere accuratamente individuati, quantificati, descritti e misurati in termini di gettito finanziario. Contestualmente devono essere individuate le forme di finanziamento, valutando attentamente la capacità e il livello di indebitamento dell ente, alla luce dei vincoli di finanza pubblica. Il legislatore definisce prioritario il finanziamento delle spese correnti consolidate, riferite cioè ai servizi essenziali e strutturali e al mantenimento del patrimonio. La disponibilità di ulteriori risorse finanziarie può poi essere destinata al potenziamento quali-quantitativo di una certa attività o alla creazione di un nuovo servizio. Particolare attenzione va posta all analisi e alla valutazione degli impegni pluriennali di spesa già assunti a valere sugli anni a cui la SeO si riferisce; una Parte II, contenente la programmazione dettagliata dei lavori pubblici, del fabbisogno del personale e delle modalità di gestione e valorizzazione del patrimonio. La realizzazione dei lavori pubblici deve essere svolta sulla base di un programma triennale e dei suoi aggiornamenti annuali, indicati nella SeO. I lavori da realizzare nel primo anno sono compresi in un elenco annuale (cfr. Parte III, Cap. 4). Per ogni lavoro l ente deve analizzare, identificare e quantificare gli interventi e le risorse reperibili per il loro finanziamento, stimando i tempi per la realizzazione delle opere e del collaudo e i fabbisogni espressi in termini sia di competenza che di cassa. Il fabbisogno del personale deve essere definiti all interno di un documento denominato programma triennale del fabbisogno del personale (cfr. Sezione I, 7). Al fine di procedere al riordino, alla gestione e alla valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare, l ente individua, redigendo apposito elenco, i singoli immobili di proprietà. Tra questi devono essere individuati quelli non strumentali all esercizio delle proprie funzioni istituzionali e quelli suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Sulla base delle informazioni contenute in tale elenco, quindi, deve essere predisposto il piano delle alienazioni e valorizzazioni patrimoniali, quale parte integrante del DUP. 2. Il bilancio di previsione finanziario A) Definizione e funzioni L art. 162 del T.U.E.L., dopo le modifiche introdotte dal D.Lgs. 126/2014, stabilisce che gli enti locali deliberano annualmente il bilancio di previsione finanziario riferito ad almeno un triennio, comprendente le previsioni di competenza e di cassa del primo esercizio e le

4 114 Parte II: La contabilità previsioni di competenza degli esercizi successivi, nel rispetto dei principi contabili generali e applicati di cui al D.Lgs. 118/2011. Le previsioni riguardanti il primo esercizio costituiscono il bilancio di previsione finanziario annuale. L allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011 sottolinea che, per rispettare il principio contabile applicato dell annualità, è necessario adottare il metodo scorrevole nella redazione del bilancio di previsione finanziario, per cui ogni anno occorre aggiornarlo: con l inserimento delle previsioni relative ad un ulteriore esercizio; adeguando le previsioni relative a tutti gli esercizi finanziari, tenendo conto degli aggiornamenti del DUP e dei risultati presunti della gestione dell esercizio precedente; con l indicazione, per tutti i programmi di spesa relativi a ciascun esercizio di riferimento, degli impegni già assunti alla data di elaborazione del documento. Si tratta, dunque, del documento in cui vengono rappresentate contabilmente le previsioni di natura finanziaria riferite a ciascun esercizio compreso nell arco temporale considerato nel DUP; esso rappresenta, in sostanza, lo strumento attraverso il quale gli organi di governo dell ente definiscono la distribuzione delle risorse finanziarie tra i programmi e le attività che l amministrazione deve svolgere, secondo quanto previsto dal DUP stesso. Il nuovo comma 6 dell art. 162 T.U.E.L. sottolinea che il bilancio di previsione è deliberato in pareggio finanziario complessivo per la competenza, comprensivo dell utilizzo dell avanzo di amministrazione e del recupero del disavanzo di amministrazione e garantendo un fondo di cassa finale non negativo. Inoltre, le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative ai trasferimenti in c/ capitale, al saldo negativo delle partite finanziarie e alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e degli altri prestiti, con l esclusione dei rimborsi anticipati, non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell entrata, ai contribuiti destinati al rimborso dei prestiti e all utilizzo dell avanzo di competenza di parte corrente e non possono avere altra forma di finanziamento, salvo le eccezioni tassativamente indicate nel principio applicato alla contabilità finanziaria necessarie a garantire elementi di flessibilità degli equilibri di bilancio ai fini del rispetto del principio dell integrità. Secondo quanto previsto dal nuovo comma 2 dell art. 164 T.U.E.L., il bilancio di previsione ha carattere autorizzatorio, costituendo limite, per ciascuno degli esercizi considerati: agli accertamenti e agli incassi riguardanti le accensioni di prestiti; agli impegni e ai pagamenti di spesa (non comportano, tuttavia, limiti alla gestione le previsioni riguardanti i rimborsi delle anticipazioni di tesoreria e le partite di giro). B) La struttura Il bilancio di previsione è composto da due parti, relative rispettivamente all entrata e alla spesa, ed è redatto secondo lo schema previsto dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011, come modificato dal D.Lgs. 126/2014. Si rammenta che nel 2015 il bilancio di previsione redatto secondo lo schema previsto dall allegato 9 assume solo funzione conoscitiva e va allegato al corrispondente documento contabile predisposto in base alla normativa vigente nel 2014, che mantiene la sua funzione autorizzatoria. Le entrate sono classificate in (art. 165, comma 2, T.U.E.L. e art. 15 D.Lgs. 118/2011): titoli, definiti in funzione della fonte di provenienza delle entrate; tipologie, definite in basa alla natura delle entrate, nell ambito di ciascuna fonte di provenienza.

5 Capitolo 3: La programmazione 115 Titolo I: tipologia 101: tipologia 104: tipologia 301 tipologia 302 Titolo II: tipologia 101: tipologia 102: tipologia 103: tipologia 104: tipologia 105: Titolo III: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: tipologia 500: Titolo IV: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: tipologia 500: Titolo V: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: Titolo VI: tipologia 200: tipologia 300: tipologia 400: Titolo VII: Titolo IX: tipologia 200: TITOLI E TIPOLOGIE DI ENTRATA Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa Imposte, tasse e proventi assimiliati Compartecipazioni di tributi Fondi perequativi da Amministrazioni centrali Fondi perequativi dalla Regione o Provincia autonoma Trasferimenti correnti Trasferimenti correnti da Amministrazioni pubbliche Trasferimenti correnti da famiglie Trasferimenti correnti da imprese Trasferimenti correnti da Istituzioni sociali private Trasferimenti correnti dall Unione europea e dal Resto del mondo Entrate extratributarie Vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione di beni Proventi derivanti dall attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti Interessi attivi Altre entrate da redditi da capitale Rimborsi e altre entrate correnti Entrate in conto capitale Tributi in conto capitale Contributi agli investimenti Altri trasferimenti in conto capitale Entrate da alienazione di beni materiali e immateriali Altre entrate in conto capitale Entrate da riduzione di attività finanziarie Alienazione di attività finanziarie Riscossione crediti di breve termine Riscossione di crediti di medio-lungo termine Altre entrate per riduzione di attività finanziarie Accensione prestiti Emissione di titoli obbligazionari Accensione prestiti a breve termine Accensione mutui e altri finanziamenti a medio-lungo termine Altre forme di indebitamento Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere Entrate per conto terzi e partite di giro Entrate per partite di giro Entrate per conto terzi

6 116 Parte II: La contabilità Ai fini della gestione, nel piano esecutivo di gestione (cfr. 3) le tipologie sono a loro volta classificate in categorie, capitoli ed eventualmente articoli, secondo la natura dell oggetto. L elenco completo dei titoli, delle tipologie e delle categorie di entrata degli enti locali è contenuto nell allegato 13/2 al D.Lgs. 118/2011. Le spese sono classificate in (art. 165, comma 4, T.U.E.L. e art. 14 D.Lgs. 118/2011): missioni, che rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dall ente utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate; programmi, che rappresentano gli aggregati omogenei di attività volte a perseguire gli obiettivi definiti nell ambito delle missioni. I programmi sono ripartiti in titoli. MISSIONI DI SPESA Missione 1 Missione 2 Missione 3 Missione 4 Missione 5 Missione 6 Missione 7 Missione 8 Missione 9 Missione 10 Missione 11 Missione 12 Missione 13 Missione 14 Missione 15 Missione 16 Missione 17 Missione 18 Missione 19 Missione 20 Missione 50 Missione 60 Missione 99 Servizi istituzionali, generali e di gestione Giustizia Ordine pubblico e sicurezza Istruzione e diritto allo studio Tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali Politiche giovanili, sport e tempo libero Turismo Assetto del territorio ed edilizia abitativa Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell ambiente Trasporti e diritto alla mobilità Soccorso civile Diritti sociali, politiche sociali e famiglie Tutela della salute Sviluppo economico e competitività Politiche per il lavoro e la formazione professionale Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca Energia e diversificazione delle fonti energetiche Relazioni con le altre autonomie territoriali e locali Relazioni internazionali Fondi e accantonamenti Debito pubblico Anticipazioni finanziarie Servizi per conto terzi

7 Capitolo 3: La programmazione 117 Ai fini della gestione, nel piano esecutivo di gestione (cfr. 3) i programmi sono ripartiti in titoli, macroaggregati, capitoli ed eventualmente in articoli. L elenco completo delle missioni, dei programmi, dei titoli e dei macroaggregati di spesa degli enti locali è contenuto nell allegato 14 al D.Lgs. 118/2011. Il fondo pluriennale vincolato e il fondo crediti di dubbia esigibilità Come si vedrà meglio in seguito, l applicazione del principio contabile generale della competenza finanziaria determina delle sostanziali modifiche nelle modalità di accertamento delle entrate e di impegno delle spese. In particolare: per quanto riguarda l accertamento delle entrate, non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le entrate per le quali non sia venuto a scadere nello stesso esercizio finanziario il diritto di credito. Viene dunque esclusa categoricamente la possibilità di accertamento attuale di entrate future, in quanto ciò darebbe luogo ad un anticipazione di impieghi (ed ai relativi oneri) in attesa dell effettivo maturare della scadenza del titolo giuridico dell entrata futura, con la conseguenza di alterare gli equilibri finanziari dell esercizio finanziario; allo stesso modo, per ciò che concerne gli impegni di spesa, non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le spese per le quali non sia venuta a scadere nello stesso esercizio finanziario la relativa obbligazione giuridica. In particolare, per l attività di investimento che comporta impegni di spesa che vengono a scadenza in più esercizi finanziari deve essere dato specificamente atto, al momento dell attivazione del primo impegno, di aver predisposto la copertura finanziaria per l effettuazione della spesa complessiva dell investimento. La copertura finanziaria è costituita da risorse accertate esigibili nell esercizio in corso di gestione, dall utilizzo dell avanzo di amministrazione o di una legge di autorizzazione all indebitamento. Il nuovo criterio di imputazione delle spese richiede, quindi, una differente modalità di gestione degli investimenti che, come nel caso dei lavori pubblici, comportano normalmente impegni di spesa che vanno ben oltre l esercizio finanziario in cui vengono avviati. L obbligo di definire, sin dall attivazione del primo impegno, la copertura finanziaria per la spesa complessiva dell investimento determina, infatti, uno sfasamento temporale fra l acquisizione delle risorse e il loro effettivo impiego, sfasamento che va evidenziato attraverso l iscrizione in bilancio di un fondo pluriennale vincolato, costituito da risorse accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive giuridicamente perfezionate esigibili in esercizi successivi a quello in cui è accertata l entrata (si rinvia al Cap. 7 per un esempio pratico). Il fondo in questione è, quindi, un efficace strumento di rappresentazione della programmazione e previsione delle spese pubbliche degli enti territoriali, in quanto evidenzia in modo chiaro e attendibile il procedimento di impiego delle risorse acquisite dall ente che richiedono un periodo di tempo pluriennale per il loro effettivo utilizzo (si pensi, in particolare, alla programmazione delle opere pubbliche basata sul programma triennale e sull elenco annuale). Il principio della competenza finanziaria prevede, inoltre, che le entrate di dubbia o difficile esazione vengano accertate per l intero importo del credito anche se non è certa la loro riscossione integrale (è il caso, ad esempio, delle sanzioni amministrative al codice della strada). Tuttavia, per evitare che spese esigibili nel corso dell esercizio vengano coperte mediante questo tipo di entrate, l art. 167 del T.U.E.L., integralmente sostituito dal D.Lgs. 126/2014, dispone che nella missione di spesa 20, Fondi e accantonamenti, venga stanziato un accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità, il cui ammontare deve essere accuratamente valutato dall ente, in sede di predisposizione del bilancio di previsione, tenendo conto della dimensione e della natura dei crediti di dubbia o difficile esazione che si prevede si formeranno nell esercizio e della capacità di riscossione di tali crediti dimostrata dall ente nei cinque anni precedenti. Al fine di consentire un applicazione graduale dell obbligo di accantonamento al suddetto fondo, il legislatore (allegato 4/2 al D.Lgs. 118/2011, come modificato dalla L. 190/2014) ha stabilito che gli enti locali stanzino in bilancio una quota pari almeno al 36% dell importo dell accantonamento quantificato nel relativo prospetto allegato al bilancio di previsione nel 2015, al 55% nel 2016, al 70% nel 2017, all 85% nel 2018 e al 100% dal 2019.

8 118 Parte II: La contabilità In bilancio, prima di tutte le entrate e le spese, sono iscritti (art. 165, comma 7, T.U.E.L.): a) in entrata gli importi relativi al fondo pluriennale vincolato di parte corrente e al fondo pluriennale vincolato in c/capitale; b) in entrata del primo esercizio gli importi relativi all utilizzo dell avanzo di amministrazione presunto, nei casi individuati dall art. 187, commi 3 e 3bis, con l indicazione della quota vincolata del risultato di amministrazione utilizzata anticipatamente; c) in uscita l importo del disavanzo di amministrazione presunto al 31 dicembre dell esercizio precedente cui il bilancio si riferisce. Il disavanzo di amministrazione presunto può essere iscritto nella spesa degli esercizi successivi secondo le modalità previste dall art. 188; d) in entrata del primo esercizio il fondo di cassa presunto dell esercizio precedente. Il bilancio di previsione finanziario indica, per ciascuna unita di voto (art. 165, comma 6, T.U.E.L.): a) l ammontare presunto dei residui attivi o passivi alla chiusura dell esercizio precedente a quello cui il bilancio si riferisce; b) l ammontare delle previsioni di competenza e di cassa definitive dell anno precedente a quello cui si riferisce il bilancio; c) l ammontare degli accertamenti e degli impegni che si prevede di imputare in ciascuno degli esercizi cui il bilancio si riferisce, nel rispetto del principio della competenza finanziaria; d) l ammontare delle entrate che si prevede di riscuotere o delle spese di cui si autorizza il pagamento nel primo esercizio considerato nel bilancio, senza distinzioni fra riscossioni e pagamenti in conto competenza e in conto residui. Il documento di bilancio si conclude con più quadri riepilogativi, redatti secondo lo schema indicato dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011, tra i quali rilevano in modo particolare: il quadro generale riassuntivo, in cui vengono indicate le previsioni complessive del bilancio in termini di competenza e di cassa, classificate per titoli. Si tratta di un prospetto a sezioni contrapposte in cui sono indicate: per le entrate, il totale delle entrate finali (costituito dalla somma dei primi 5 titoli), il totale delle entrate (costituito dalla somma di tutti i titoli delle entrate) e il totale complessivo delle entrate. Il totale complessivo delle entrate di cassa è costituito dalla somma del totale delle entrate e del fondo di cassa, il totale complessivo delle entrate di competenza è pari alla somma del totale delle entrate, del fondo pluriennale vincolato e dell utilizzo del risultato di amministrazione; per le spese, gli importi di ciascun titolo di spesa, il totale delle spese finali (costituito dalla somma dei primi tre titoli delle spese), il totale delle spese (costituito dalla somma di tutti i titoli delle spese) e il totale complessivo delle spese. Il totale complessivo di cassa è sempre uguale al totale delle spese, mentre il totale complessivo di competenza è costituito dalla somma del totale di spesa e dell eventuale disavanzo di amministrazione riportato in bilancio per la copertura; il prospetto degli equilibri di bilancio, che consente di verificare la sussistenza degli equilibri interni al bilancio per ciascuno degli esercizi considerati. Infatti, oltre al pareg-

9 Capitolo 3: La programmazione 119 gio finanziario di competenza fra tutte le entrate e tutte le spese, il bilancio deve garantire: l equilibrio di parte corrente in termini di competenza finanziaria, cioè, in sostanza, tra le spese correnti e le entrate correnti; l equilibrio in conto capitale in termini di competenza finanziaria, vale a dire fra le spese di investimento e tutte le risorse acquisite per il loro finanziamento (entrate in conto capitale, accensione di prestiti, fondo pluriennale vincolato in conto capitale etc.). C) La procedura di approvazione e l esercizio provvisorio L allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011 prevede che: entro il 15 novembre di ogni anno la Giunta approva lo schema della delibera di approvazione del bilancio di previsione finanziario relativa almeno al triennio successivo, da sottoporre al Consiglio, cui trasmette contestualmente, a solo scopo conoscitivo, anche la proposta di articolazione delle tipologie di entrata in categorie e dei programmi di spesa in macroaggregati; entro il 31 dicembre il Consiglio approva il bilancio. Si noti che il suddetto termine può essere differito, in presenza di motivate esigenze, con decreto del Ministro dell interno, d intesa con il Ministro dell economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali. Il termine per la presentazione del bilancio di previsione 2015 è stato differito al 30 luglio 2015 dal D.M. 13 maggio Qualora il Consiglio non approvi il bilancio entro la suddetta data, il nuovo comma 1 dell art. 163 T.U.E.L. dispone che la gestione finanziaria dell ente si svolga nel rispetto dei principi applicati della contabilità finanziaria riguardanti l esercizio provvisorio o la gestione provvisoria (di cui all allegato 4/2 al D.Lgs. 118/2011). L esercizio provvisorio può essere autorizzato con legge o con il decreto del Ministro dell interno che, secondo quanto previsto dall art. 151 T.U.E.L., in presenza di motivate esigenze differisce il termine di approvazione del bilancio, d intesa con il Ministro dell economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città e autonomie locali (così il nuovo comma 3 dell art. 163 T.U.E.L.). Il suddetto comma precisa che nel corso dell esercizio provvisorio non è consentito il ricorso all indebitamento ed è possibile impegnare solo le spese correnti, le eventuali spese correlate riguardanti le partite di giro, i lavori pubblici o gli altri interventi di somma urgenza. Il comma 5 dispone che tali spese possano essere impegnate mensilmente per importi non superiori ad un dodicesimo degli stanziamenti del secondo esercizio del bilancio di previsione deliberato l anno precedente, ridotti delle somme già impegnate negli esercizi precedenti e dell importo accantonato al fondo pluriennale vincolato (con l esclusione delle spese tassativamente regolate dalla legge, di quelle non suscettibili di pagamento frazionato in dodicesimi e di quelle a carattere continuativo necessarie a mantenere il livello qualitativo e quantitativo dei servizi). Nel caso in cui il bilancio non sia stato approvato entro il 31 dicembre e, tuttavia, non sia stato autorizzato l esercizio provvisorio (o nel caso in cui l ente non abbia rispettato neanche il termine differito stabilito dal decreto ministeriale di cui sopra), è consentita esclusiva-

10 120 Parte II: La contabilità mente una gestione provvisoria nei limiti dei corrispondenti stanziamenti di spesa dell ultimo bilancio approvato per l esercizio cui si riferisce la gestione provvisoria (art. 163, comma 2, T.U.E.L.). Nel corso della gestione provvisoria l ente può: assumere solo obbligazioni derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi o tassativamente regolate dalla legge o, ancora, necessarie ad evitare all ente danni patrimoniali gravi e certi; disporre pagamenti solo per l assolvimento delle obbligazioni già assunte e di quelle derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi o da obblighi tassativamente regolati dalla legge, nonché per le spese di personale, di residui passivi, di rate di mutuo, di canoni, imposte e tasse e per quelle necessarie ad evitare all ente danni patrimoniali gravi e certi. D) I documenti da allegare Al bilancio di previsione vanno allegati i seguenti documenti (art. 11, comma 3, D.Lgs. 118/2011 e art. 172 T.U.E.L., come modificati dal D.Lgs. 126/2014), redatti secondo gli schemi previsti dall allegato 9 al D.Lgs. 118/2011: la tabella dimostrativa del presunto risultato di amministrazione. Si tratta di una tabella che evidenzia il risultato presunto della gestione dell esercizio precedente quello cui si riferisce il bilancio, sulla cui base elaborare previsioni coerenti ed attendibili per l esercizio di riferimento. Essa consente, inoltre, di verificare l esistenza di un eventuale disavanzo e di provvedere alla relativa copertura; il prospetto concernente la composizione, per missioni e programmi, del fondo pluriennale vincolato. Al bilancio di previsione vanno allegati almeno tre prospetti riguardanti la composizione del fondo pluriennale vincolato, relativi ad ognuno degli esercizi considerati nel bilancio stesso. Ciascuno di questi prospetti evidenzia: l articolazione per missioni e programmi del fondo iscritto in entrata del bilancio; la quota del fondo destinata a coprire gli impegni assunti negli esercizi precedenti e imputati all esercizio cui il prospetto si riferisce; la quota del fondo che si prevede di accantonare nel corso dell esercizio cui il prospetto si riferisce, rappresentata dall ammontare degli impegni imputati agli esercizi successivi che si prevede di assumere nel corso dell esercizio finanziati con risorse accertate nell esercizio; il prospetto relativo alla composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità. Anche in questo caso, al bilancio di previsione vanno allegati almeno tre prospetti riguardanti la composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità, relativi ad ognuno degli esercizi considerati nel bilancio stesso. Per garantire la confrontabilità dei bilanci, tali allegati indicano la composizione del fondo a livello di tipologie; il prospetto dimostrativo del rispetto dei vincoli di indebitamento. Si tratta di un prospetto in cui le entrate relative ai primi tre titoli (entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa, trasferimenti correnti, entrate extratributarie) vengono messe a confronto con la spesa annuale sostenuta per rate di mutui e obbligazioni al fine di verificare il rispetto dei liliti di indebitamento previsti dall art. 204 T.U.E.L.; il prospetto delle spese previste per l utilizzo di contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali; il prospetto delle spese previste per lo svolgimento di funzioni delegate dalle Regioni; la nota integrativa.

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i)

Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i) Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i) 1 Riepilogo entrate per Titoli 2 BILANCIO DI PREVISIONE RIEPILOGO GENERALE ENTRATE PER TITOLI TITOLO DENOMINAZIONE RESIDUI

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

D.U.P. 2016/2018 DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE

D.U.P. 2016/2018 DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE CONSORZIO TUTELA E PREVENZIONE RANDAGISMO SAN FRANCESCO Sede legale: c/o Palazzo Municipale Comune di Lizzano C.so Vitt. Emanuele 74020 Lizzano (TA) Canile: C.da Serro Lizzano (TA) DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018 Allegato sub A) alla proposta di deliberazione DCS2 n. 15/25 UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI FRA ALBIGNASEGO E CASALSERUGO (Provincia di Padova) BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 26-28 DL 23/11/21 n. 118 Quadro

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO - CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO SPESE CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Comune di Surbo Collegio dei Revisori Verbale

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO VAL DI PESA BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE

COMUNE DI SAN CASCIANO VAL DI PESA BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE 2014 2015 2016 1.121.992,88 Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0101 Tipologia 101: Imposte tasse e proventi

Dettagli

COMUNE DI CAVALLINO BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE

COMUNE DI CAVALLINO BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE 2015 2016 2017 124.437,51 31.01 31.01 457.528,74 Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 10101 Tipologia 101: Imposte

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA X LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 23 DICEMBRE, N. 15 BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 pdl 24

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE Comune di Villa Collemandina Esercizio: 2015 BILANCIO DI PREVISIONE - ENTRATA Data: 20-08-2015 Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Previsione di

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza quello PREVISIONI PREVISIONI (3) dell'anno 2015 dell'anno 2016 PREVISIONI dell'anno 2017 101.172,21 Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015 ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsioni di competenza 639.134,13 90.810,85 0,00 Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale

Dettagli

C.O.VE.VA.R. BILANCIO DI PREVISIONE (Anno 2015) ENTRATE PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO

C.O.VE.VA.R. BILANCIO DI PREVISIONE (Anno 2015) ENTRATE PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO ENTRATE DEFINITIVE Alegaton.9-Bilancio diprevisione ANNO 2015 DELL'ANNO 2016 DELL'ANNO 2017 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsioni di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Pagina di 7 DI PREVISIONE ENTRATE TIPOLOGIA DEFINITIVE 06 07 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsioni di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale Utilizzo avanzo

Dettagli

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio Giovanni Ravelli 1 Considerazioni preliminari Innanzitutto si attuano pienamente, nell ambito della rilevazione finanziaria, i principi

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO 1. Definizione La programmazione è il processo di analisi e valutazione che, comparando e ordinando coerentemente tra loro le politiche

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Allegato A/1 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

Allegato A/1 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO Allegato A/1 Allegato n. 4/1 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO 1. Definizione La programmazione è il processo di analisi e valutazione che, comparando

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015-2017

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsione di competenza 0,00 2.499.348,11 Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale previsione di competenza

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

Il nuovo bilancio, riclassificato in base ai principi contabili e al piano dei conti della nuova contabilità, è composto dai seguenti modelli:

Il nuovo bilancio, riclassificato in base ai principi contabili e al piano dei conti della nuova contabilità, è composto dai seguenti modelli: NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO 2016/2017 Dal 1 gennaio 2016 con l'entrata in vigore della nuova contabilità armonizzata è previsto che gli enti alleghino al bilancio di previsione una nota integrativa

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 Provincia di SALERNO BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO 2014 DEFINITIVE DELL'ANNO

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma l principio della previa dimostrazione analitica dei crediti e delle somme da riscuotere, iscrivibili

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 296 del 21 dicembre 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 21 dicembre 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 296 del 21 dicembre 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 21 dicembre 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 296 del 21 dicembre 25 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20b Legge 27--2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI VERIFICA DEGLI EQUILIBRI A. BILANCIO DI PREVISIONE 2005 1.Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo

Dettagli

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Una congrua gestione condotta secondo principi aziendali si fonda sull assunzione di decisioni razionali

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) previsione di competenza Utilizzo avanzo di Amministrazione previsione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI COROS

UNIONE DEI COMUNI COROS UNIONE DEI COMUNI COROS COMUNE DI CARGEGHE COMUNE DI CODRONGIANOS COMUNE DI FLORINAS COMUNE DI ITTIRI COMUNE DI MUROS COMUNE DI OLMEDO COMUNE DI OSSI COMUNE DI PUTIFIGARI COMUNE DI TISSI COMUNE DI URI

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE Regione Calabria ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE (Art. 11 e allegato 4/1 decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) CON FUNZIONE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI -2017 1 PREMESSE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione costituisce

Dettagli

I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali

I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali Introduzione NORMATIVA DI RIFERIMENTO E stata conferita delega al Governo finalizzata all armonizzazione dei citati sistemi contabili e schemi di

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 COMUNE DI AGRATE CONTURBIA Allegato c) - Fondo crediti di dubbia esigibilità COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 TIPOLOGIA DENOMINAZIONE

Dettagli

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio 1^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. Piersante Fabio EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO La disciplina dell armonizzazione dei sistemi contabili e deibilancidelleregioniedeglientilocalinelquadrodel

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT Città di Trani Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia BT NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 I. PREMESSA La presente nota integrativa viene

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI BILANCIO ARMONIZZATO L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI (aggiornato con il Dlgs 126/2014 correttivo del Dlgs. 118/2011 e relativi allegati) 2^ PARTE CREMONA 24 febbraio 2015 1 BILANCIO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

VERBALE del 18/11/2013

VERBALE del 18/11/2013 VERBALE del 18/11/2013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 E SUOI ALLEGATI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il COLLEGIO DEI REVISORI Premesso che l organo di revisione ha esaminato la proposta di bilancio

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI

L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI Gli schemi del bilancio «armonizzato». La Classificazione delle entrate e delle spese. Le variazioni.

Dettagli

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA Premessa Il presente lavoro ha lo scopo di supportare, a fini esclusivamente didattici, il seminario svolto in aula nei giorni 3 e 4 aprile 2014 e quindi di facilitare il percorso post formazione teso

Dettagli

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa Bilancio Preventivo per l esercizio finanziario 2015 RIEPILOGO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE SECONDO NOVO PIANO DEI CONTI INTEGRATO (art. 6 DPCM 22 settembre 2014) Istituto Superiore per la Protezione e

Dettagli

Comune di Riposto Entrate 2015 Dl 118

Comune di Riposto Entrate 2015 Dl 118 SezioneLivello Voce Competenza Cassa E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 10884969,76 10367165,73 E II Tributi 10884969,76 10367165,73 E III Imposte, tasse e proventi assimilati

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI RODENGO SAIANO

COMUNE DI RODENGO SAIANO COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE DUP 2014 2019 ALLEGATO AL BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 20152017 Redatto ai sensi del D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118,

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento della sanità tributi devoluti e regolati alle autonomie

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2006

BILANCIO DI PREVISIONE 2006 COMUNE DI MONTE SANT ANGELO Provincia di Foggia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Dott. Matteo Frattaruolo Dott. Rosario

Dettagli

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 L AVVIO DELLA RIFORMA CONTABILE DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 Fonti: www.rgs.mef.gov.it/versione-i/e-governme1/arconet/- IFEL - Fondazione Anci: L armonizzazione alla luce della proroga Civetta E. L armonizzazione

Dettagli

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost 4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost Le regole che governano i bilanci regionali sono interessati da importanti riforme connesse all operare congiunto

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.TE. REGOLAMENTO DI CONTABILITA Aggiornato in base ai principi del D.Lgs. n. 118/2011 (Approvato con deliberazione di Assemblea Consortile n. 35 del 30 novembre 2015 ) INDICE

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate - ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

I BILANCI 2015 DEI COMUNI

I BILANCI 2015 DEI COMUNI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 I BILANCI 2015 DEI COMUNI FIRENZE 13 FEBBRAIO 2015 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 LINGUAGGIO ESOTERICO O DEMENZIALE?!?!?! COMMA 13, LEGGE STABILITA 2015 (bonus 80 euro) «Ai fini

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Prof.ssa Anna Paris Dott. Marco Fossi Dott.

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI

LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI ELENA BRUNETTO DIRIGENTE SETTORE RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE COMUNE DI VENARIA REALE(TO) 1 D.Lgs.118/2011 modificato del D.Lgs.126/2014 - Il nuovo ordinamento

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Allegato "G" COMUNE DI PARABIAGO PROVINCIA DI MILANO PARABIAGO P.ZA VITTORIA, 7 01059460152 01059460152 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Bilancio di Previsione Armonizzato 2015-2017 (Allegati)

Dettagli

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Sommario Verifiche preliminari Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Verifica coerenza delle previsioni - Coerenza interna - Coerenza esterna

Dettagli