?LK 4-68MN HJI DR TSU"T$'VT( ) *,+-.XWY:7Z :79 >[<5\]189 :^182X_189 <5139 :a`] ?LK 4-68MN HJI DR TSU"T$'VT( ) *,+-.XWY:7Z :79 >[<5\]189 :^182X_189 <5139 :a`]

Esame di Matematica I - 17 gennaio 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di Matematica I - 17 gennaio 2001"

Transcript

1 Œ K Esame di Matematica I - 17 gennai 2001! #"%$'&!( ) *,+-.0/ :;2=<5>?LK 4-68MN HJI DR TSU"T$'VT( ) *,+-.XWY:7Z :79 >[<5\]189 :^182X_189 <5139 :a`]<cbed f gh2ji 689 `]<5\]:a`]<X<5\]k]\X<=Z :7Ml<=>[6 mn:79peqs `]:-2=251 tvux\]w7<568\]: x N5 2=68{nN ^ U K Ml<=\RT K K bxn z ~ I! #"%$'ƒ!( ) *,+-. ]<518\]6T d f g :YˆN N K 2=68{ŠT #Œ Š N < / =189 : <2=<5>[<5ZŽ<18{82=<:-M Z 9 :7>[<`]:-2=2 i <=\XM <5:7>[: `X<`]:7kX\]<5w7<563\X: `X< ˆ 132_189 <5189 : `X<Š Bdf glœ N <5< ]<51T 8Œ ]Z u]`x<=189 : 2=1[`X:79 <5_13Z 1[mX9 <=>[1[`X< ˆ : `X<=Ml:7{8\]189 : <52{89 18k]476[`X< ĉœ N <=<5< WY:7Z :-9 >[<=\X139 : <52,\ u]>[:-9 6[`]<w7:-9 <,`X<nˆ 182_189 <=189 : `]<z d f gœ zn H Ž X Ž N X ŽœX Ž TV#"T$'&T() *,+-.] X<=1! f g qsf g 2ji 18m]mX2=<54718w7<568\]: zn X H š N X H 25<=\X:7189 : Ml6`X`]<5M tv1847:-\z : 2=: ZŽ9 : 4768\]`X<=w-<=68\]<1[2518Z 6#Œ zn X ŽX š N X Ž X Ž š žÿ- 8Œ WY<59 : mn: : 25: Z 9 : 4768\]`]<5w7<568\]<`]:-k]\]<5M 4-63\X6[4768>[m]25:7Z 18>[:7\ ZŽ: u]\ i ux\]<5471[18m]m]25<54718w7<568\]: 25<5\]:7189 : Œ žÿ- Œ ]4-9 <=_8:-9 : 251[>[18ZŽ9 <547: h18m M 6 47<513Z 1[1T ZŽ9 18>[<5Z : 251[ ]18M : 4718\]68\]<5471 Œ žÿ- Œ ]4-9 <=_8:-9 :Z uxzžz <n{825<n18u]z 6_ <,`]<Š z >[6825Z :7m]25<547<5Z 1L:YZŽuXZ ZŽ<,{325<n18uXZŽ6_8:7Z Z 689 <n:y`]<59 :YM :L «:Y`]<518{863\X182=<5w7 w718ẍ<=25:œ K K ³ K K #"s$'v ( )*+7.RWY13Z 1 2ji 18m]mX2=<54718w7<568\]: 25<=\X:7189 : x f g q±f g 18M M 6 47<518Z 1eZ 9 18>[<=Z :[25:[ ]18M <Š4-13\X68\]<54 X:L e>[18Z 9 <=4-:T²:[`]<5m :7\X`]:7\ Z :[`]182 m]189 18>[:7Z 9 6T d f g 8Œ0WY<59 : mn:79^ u]182=<z d f gl <52_8:7Z Z 639 : x N H H H 4768<5\]4-<=`X: 47682_8:7Z Z 639 : x N H H ŽX Œ / =189 : `]<5>%Nvf µ N x : `X<=>%N f > N x m :79^68{8\]<z d f gœ Œ0WY<59 : mn:79^ u]182=<z [<=2_8:7Z Z 639 : N H ŽX Ž 13mXm]189 Z <=:-\]: 1[f >²N x [ƒ#" $'&[( ) *,+-.8 :725256^M mx18w7<56^\]:-28 u]1825:^ :zm Z 13Z 6ak]M Ml18ZŽ6au]\ Ml<=MlZŽ:->[1^`X< `]<5\]18Z :z47189 ZŽ:-M <518\]:z689 Z 63{868\]1825< >[68\]68>[:7Z 9 <54 X: `]:-M Z Ml:[¹º#, Ml68\]6[`]18Z <,251[M tv:-9 1[`]<:7 ux18w7<=68\x: T ½ K ¾ T % H [: <52,mX<=18\X6eb%`X< :7 u]18w7<568\]:y K X Œ 8Œ0WY<59 :m : :2 i <5\ ZŽ:-9 M :7w-<=68\]:LZ 9 1 2=1 M t :79 1 :L<=2pm]<518\]6 b :Lu]\X1 47<=9 4-68\]tv:-9 :7\]w-1ÁÀ«:`X:7Z :79 >[<5\]189 \]: ^<5247:7\ Z 9 6 Âpà <52,9 18{8{8<56 ux\]1[9 18m]m]9 :-M :7\ Z 13w-<=68\X: Z :7M <518\]1 Œ Œ0Äz:79 <5k]47189 : 4~ ]: ¹NvX ŽX Ž : u]\tm]u]\ Z 6[`]<nÀ : M 479 <5_8:79 : 2=1[9 :-ZŽZ 1[Z 18\]{8:7\ ZŽ: 1À <5\E¹Œ «Å#" $ «( ) *,+-.WY:-ZŽ:-9 >[<=\X139 : Z uxzžz : 25: 9 18`]<547<4-63>[mX2=:-M M : `X:72m 6825<5\]68>[<=6U m]25<547<5z 1[: `]<5M :-{3\X189 2=: \]:72mX<=18\]6[`X<È9 {818\]`X ÉR18u]MlMŒ Æ ~Ç 251 2=689 6 >[682=Z :7

2 Ê Esame di Matematica I - 1 febbai 2001 K à x Œ! #"%$'&!( ) *,+-.0/ :Ë2=<5> Z nì Í!S«"U$'&«() *,+-.WY:7Z :79 >[<5\]189 : M : 251[t u]\]w-<=68\]:yˆn Š M <5\N 2563{ : `X:79 <5_13Ẍ<=25: \]:72m]uX\Z 6! #"%$'Å!( ) *,+-. ]<51 N ¾ K Š2568{nN ÍN 2568{nN Š N < / =189 : <2=<5>[<5ZŽ<18{82=<:-M Z 9 :7>[<`]:-2=2 i <=\XM <5:7>[: `X<`]:7kX\]<5w7<563\X:Œ N <5< WY<5M 47uXZ :79 : 251[>[68\]68Z 68\]<51[: `]:-ZŽ:-9 >[<=\X189 : M : :7M <5M Z 68\]6 >[18M M <5>[<: >[<5\]<5>[<9 :72518ZŽ<5_ <: 18M M 6825u]Z < Œ N <=<5< WY<5M 47uXZ :79 : 251[4768\ _8:7M M <5Z 1 Œ Nv<5_ WY<5M :7{8\X139 : <52,{89 18k]4-6[ ux182=<5z 13Z <5_86#Œ Kº¾ V "Î$'VÍ() *,+-. ]<51% Î f g qïf g 2 i 18m]m]25<54718w7<563\X:B25<=\X:7189 :B`X<=m :-\] Kº¾ `]:-\Z : `X1T d f g : 18M M 6 47<518ZŽ1[Z 9 18>[<5ZŽ: 251[ ]18M : 4-18\]68\]<5471[18252=1[>[18Z 9 <547:[ Œ ¾ Kº¾ K Ë K Ð :79a63{8\X<Š Bd0ÑÒ`]:-ZŽ:-9 >[<=\X189 : `]<5>%Nvf µ N x :ÁN M : :7M <5M Z : ux\]1[m ux1[ ]18M : Œ `]<5>%Nvf > N Ž x :ÁN M : :7Ml<=M Z : ux\]1[m ux1[ ]18M : Œ! #"%$'!( ) *,+-. ]<51 x 2 i 18m]m]25<54718w7<563\X: 25<5\]:7189 : `]:7kX\]<5ZŽ1[ [m]18{8<=\X1[m]9 :74-:7`]:7\ Z : : M <51T 3Œ WY<59 : m :79 4~ Ó :[² : `]<518{863\X182=<5w7w718Ẍ<=25: : `X:7Z :79 >[<5\]189 : u]\x1l>[18z 9 <=4-: <=\ _8:79 Z <5 ]<52=:[Ô : u]\x1l>[18z 9 <547: `]<518{868\]182=:[ÕÖZŽ1825< 4~ ]:[Ô Ô Õ Œ [ƒ#" $'&[( ) *,+-.8 :725256^M mx18w7<56^\]:-28 u]1825:^ :zm Z 13Z 6ak]M Ml18ZŽ6au]\ Ml<=MlZŽ:->[1^`X< `]<5\]18Z :z47189 ZŽ:-M <518\]:z689 Z 63{868\]1825< >[68\]68>[:7Z 9 <54 X: `]:-M Z M :[¹º# M 68\X6[`]18Z <,<Z 9 : m]u]\ Z <  N nôbn X Ž X n BN K H ŽX 8Œ0Äz:79 <5k]47189 : 4 X: <=2cZ 9 <518\]{8682=6 Â Ô Ö : <5M 68M 4-:72=: : Ml479 <=_8:-9 : ux\]1á9 13mXm]9 :7Ml:7\ ZŽ18w7<568\]: Z :7Ml<=18\]1Ám :792=1Á47< \] t :79 :7\]w-1À `]<4-:7\Z 9 6  : mx13mlm 18\Z : m :79 Ô : Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : u]\x1[9 18m]m]9 :-M :7\ ZŽ18w-<=68\]: Z :7M <518\]1[m :-9^2=1[9l:7Z ZŽ1[Z 18\]{8:7\ Z : 1À <5\!¹BŒ Å "e$ & ( )*+-.ØWY<59 :RM :R2=1Y>[18ZŽ9 <547:Y Z u]z Z <,{825<18u]Z 6_182=689 < Œ ga<5m 6825_8:79 : <5\½/Ý[2ji :7 u]18w7<568\]: Î^ Ù ÚjÛ ~Þ ^ ÍÙ aújû drü NŽ/ Ý :R`]<513{868\]1825<5w7w718 ]<525:R:0Ml479 <5_8:79 \]: l [`]<5M :7{8\X13\X`]68\]: 182=>[:-\]6[`]uX: M 6825u]w-<=68\]<\X:72m]<518\]6[`]<0ÉR18uXM MŒ 3Œ

3 b à à Œ ß Esame di Matematica I - 19 febbai 2001! #"%$'&!( ) *,+-. ]Z 18 ]<52=<59 : mn:79^ u]182=<_ <`]:7<m]189 18>[:7Z 9 <zà 7â 7ãzd f g²2=1[t u]\]w-<=68\x: 139l47Z 13\ N à- Ml: äí : 4768\Z <5\uX1[\]:7252 i 689 <5{8<=\X:Œ x N Š ~å K Ml: Ml: æí!s«"u$'v«() *,+-.0/ 182= : 2 i 689 `]<5\]: `X<<=\Xk]\]<5Z 6[m :79REqç èé`]<nˆn N Š! #"%$'ƒ!( ) *,+-. ]Z 18 ]<52=<59 : 182_189 <=189 : `]<z d f g u]18\z : M 682=uXw7<568\]<<=\½N H Yè U 2568{p ]ê Í M <5\ 18>[>[:7Z Z : 2 i :- ux13w-<=68\x: ÒV#"ë$'&Ò( ) *,+-.0 X63\X6%`]18ZŽ: 2=: >[18ZŽ9 <547<ì:% 1 K :725:7>[:-\Z <9 :71825<,`X<=mn:7\]`X:7\Z <`]182m]189 18>[:7Z 9 6Tà d f g à K K K à B à 8Œ Ð :79a63{8\X<zàYd f g²`]<59 : u]18\z : M 68\]6[25: >[18Z 9 <547<nTdRÜ N fg Z 1325<4 X:[ Ú Œ0 ]<51Tà K 8Œ ]4-9 <=_8:79 : Z u]z ZŽ: 25: >[18Z 9 <=4-< ZŽ1825<4 X:[ Új -Œ! #"%$!( ) *,+-., ]<51Tbed^/ ÝL<=2\uX>[:79 6Tb ¾í Û~P~î 9 <5M 6825_3:-9 : <=\½/ÝL25: M :-{3uX:7\ ZŽ<`]uX: :7 u]18w7<563\x<,<5\e `]<5M :-{3\X18\]`]68\]: m :79a47<513Ml47u]\X1[1325>[:7\X6[`]u]: M 6825u]w7<568\]<\]:-2m]<513\X6[`]<È9 {813\X`] ɺ13uXM M b P7 Þ!ƒ#"%$'&!( ) *,+-. 8Œ0WY<59 : mn:79^ u]182=<zà 7â 7ãÓdf g²:7m <5M Z : u]\i 18m]mX2=<54718w7<568\]: 2=<5\]:-139 : x f g qsf g M 6 `]`X<=Mltv1847:7\ Z : 25: u]18z Z 9 6[4768\]`]<5w7<568\]<1[2518ZŽ6 Œ Œ Ð :79a ux:7m Z <zà -~ -ãrm 4-9 <=_8:79 : 251[>[13Z 9 <547: 13MlM 6 47<513Z 1[1 x Z 9 18>[<=Z : 251[ ]18Ml: 4718\X63\X<=4-1#Œ Œ0WY<59 : Ml: x : Ml:7>[m]25<547:Œ x N H Ž X Ž x N H H Ž x N X Ž X Ž x N X ŽX N K H H NŽH N à 7â 7ã NvX ] [Å#" $'V[( ) *,+-.8 :725256^M mx18w7<56^\]:-28 u]1825:^ :zm Z 13Z 6ak]M Ml18ZŽ6au]\ Ml<=MlZŽ:->[1^`X< `]<5\]18Z :z47189 ZŽ:-M <518\]:z689 Z 63{868\]1825< >[68\]68>[:7Z 9 <54 X: `]:-M Z M :[¹º# M 68\X6[`]18Z : 25: Z 9 : 9 :-ZŽZ : M :7{8u]:-\Z < ¾ ^ % Hï K ï K ^ % Hï Á ½ 8Œ0WY<59 : mn:79, : 2=: Z 9 : 9 :7Z Z : t 689 >[13\X6[u]\TZŽ9 <518\]{868256# Ml479 <5_3:-9 \]: <,_8:79lZŽ<547<: `]<59 : m : :[ : 9 :-ZŽZ 18\]{868256#Œ Œ / =189 : 2=1[mX9 68<=:7w-<=68\X: M ux2=2 i <=mn63z :7\ u]ml1[`]:72_8:79 Z <547: 68mXm 68M Z 6#Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : u]\x1[9 18m]m]9 :-M :7\ ZŽ18w-<=68\]: Z :7M <518\]1[m :-9^2=1[4-<=9 4-68\]tv:-9 :7\]w-1À 47< M 4-9 <=Z Z 1[182,Z 9 <518\]{8682=6 Œ

4 D D D ò Œ Õ ð Esame di Matematica I - 11 giugn 2001! #"%$'!( ) *,+-. ]<51 u]\t<=\ Z :79 6[m 68M <5Z <=_86[: M <51 x N5?0M <5\R z 2563{YN K NvMl<=\R N < ]Z 18 ]<525<=9 : m :79a u]1825<_182=689 <`]< 251[tvuX\]w7<568\]: x : <5\]k]\X<=Z :7Ml<=>[1[m :-9REqs Œ N <5< Ð :79a<_ <`]< Z 9 6_18ZŽ<182m]uX\Z 6%N < Ml<`]:7Z :79 >[<5\]<2 i 639 `X<=\X: `X<,<5\]kX\]<5Z :7M <5>[6[`]< x m :79REqs Œ!S#"%$'ñ!( ) *,+-. ]<51ˆN K ¾ P7 z [ò N < [m]u]\ Z <=ô0/ : <2=<5>[<5Z <,`X<nˆ 18{82=<:7MlZŽ9l:7>[<`]:72Mlu]6[<5\]M <5:7>[: `]<`]:-k]\]<5w7<568\]:œ eó N <5< [m]u]\ Z <=ôwy:-z :79 >[<5\]189 : 2 i <=\XM <5:7>[: `X<`]:79 <5_18 ]<52=<5Z 1[`]<nˆ : =189 :Yˆ õ Œ eó N <=<5< [m]u]\ Z <=ôwy<5m 4-u]Z :79 : 2=1[>[68\]68Z 68\]<51[`]<nˆŒ eó Nv<5_ [m]u]\ Z <=ôwy:-z :79 >[<5\]189 : :7_8:-\Z u]1825<m]u]\ Z <,`X<:7M Z 9 :7>[6[9 :-2=18Z <5_36[:-ö86[13MlM 682=uXZ 6[`]<nˆŒ eó #" $'S () *+7.ŠWY:7Z :79 >[<5\]189 :[<=2Š>[6 `]u]256e:lux\ 189 {868>[:7\ ZŽ6em :-9 47<518M 47u]\X1e`]:72525:LM 6825u]w-<=68\]<Š4768>[mX2=:-M M : `]:-2=2 i :7 u]18w7<563\x:[ N ¾ %î í Û P ¾ : `]<5M :7{8\X139 25: Nv4-63\T18`]:7{8uX13Z : <=\X`]<54718w7<568\]< \X:72m]<518\]6[`X<Óɺ13uXM MŒ Ò!&#"%$'&!( ) *,+-. ]<518\]6TÍdRÜ N f g :[zdrü N f g >[18Z 9 <547<`]<5m :7\]`X:7\ ZŽ<`X1T d f g ø 8Œ Ð :79a63{8\X<z df g²`]:-zž:-9 >[<=\X189 : u]\tm <5M Z :7>[1[25<5\]:7189 : 9 <=`X63Z Z 6[:7 u]<5_182=:-\z : 182M <5M Z :7>[1T Új 7Œ Œ0WY<59 : u]18\ ZŽ: M 6825u]w7<568\]< ]1[<52M <5M Z :7>[1[: ùøú-ûýüþaÿ ú-œ Œ0ga<5M 6825_8:79 256%NvMl: m 68M Ml<=Ẍ<=25: m :-9 [: m :-9 8Œ x N H K H Ž N K H H Ž ½V#"!$'&½( ) *,+-. ]<51 x 3f g q f g 2 i 13mXm]25<=4-18 x N H H Ž NŽH ¾ w7<568\]: 2=<5\]:-139 : `]:-k]\]<5z 1[`]18252=: 4768\]`]<5w7<568\]<1[2518ZŽ6 x N H H Ž NvîX î] 8Œ0WY<59 :Ym : :Y25:YZ 9 :Y4768\X`]<5w7<563\X<,`]:7kX\]<5M 4768\]6LuX\i u]\]<5471 x 2=<5\]:-189 :Y:Y u]1825<,13uxzž6h_ <,:Y u]1825<n18u]z 6_8:7Z Z 689 <n`x< x M <m 68M Ml63\X6[`]:7`Xu]9 9 : `]182=25: 4768\]`]<5w7<568\]<`]18Z :Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : 251[>[18ZŽ9 <547: h18m M 6 47<513Z 1[1 x Z 9 18>[<=Z : 251[ ]18Ml: 4718\X63\X<=4-1#Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 :ux\]1l>[13z 9 <547:Y<5\_8:79 Z <5 ]<525:ÔÒ:Yu]\X1>[18Z 9 <=4-:`X<=18{868\]1825:LÕ ZŽ1825<n4~ ]:LÔ Ô N \]68\ M <n9 <54~ ]<5:7`]: < `X<RÔ Œ[N È^ZŽZ :7\Xw7<568\]: ºuXZŽ<525<=w-w718\]`X <5M mn63mlzž =1 `]68>[18\]`]1!8ŒM < mxu 6 :7_ <=Z 189 :< `]:-2m 682=<5\]68>[<56[ ZŽZ :79 <5M Z <5476[`X<Š Œ K! #"%$'V!( ) *,+-.WY18ZŽ<\X:7252=6[Mlm]18w7<56[<ZŽ9 : m]u]\ Z <z¹bn X ŽX Ž ^YN H H Ž [N X H Ž 8Œ0Äz:79 <5k]47189 : 4~ ]: <=2Z 9 <518\]{8682=6T ¹ : 9 :7Z Z 18\]{8682=6[<5\!YŒ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 :Yu]\X1L9 18m]m]9 :-M :7\ Z 13w-<=68\X:Y47189 Z :7Ml<=18\]1[m :79º251L47< \Xtv:79 :-\]w71bà `]<,47:-\Z 9 6e 18M M : ¹B m]18m M 18\ ZŽ: m :79 [Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : 251[9 :7Z Z 1[ZŽ18\]{8:-\Z : 1À <=\ LŒ

5 Œ! #"%$'ñ!( ) *,+-. ]<51 8Œ N < [mxu]\z <5ô0/ 182= :Ë2=<5> Esame di Matematica I - 4 lugli 2001 x N5 x N5 z : C 2563{,NŽ^ Œ N <5< [m]ux\z <5ô, XZ u]`]<5189 : 251[>[68\]68Z 63\X<=1 `]< x Œ ^ó Œ N <5<=< m]u]\ Z <=ôwy:7z :79l>[<=\X139 : :7_8:7\ Z u]182=<mxu]\ ZŽ<`X<,:-M Z 9 :7>[6[9 :72518Z <=_86[:7ö86[18M Ml6325u]Z 6[`X< x Œ ^ó x N ¾ Œ N <5_ [m]u]\ Z <=ô0/ : <52,mn6325<5\]68>[<56[`]< %413uX9 <5\e`]<Ml:74768\]`X6[{89 13`X6[`]< x Œ ^ó!s#"%$'!( ) *,+-. ]<51T d f g : M <51ˆ 251[tvu]\Xw7<568\]: `X:7k]\X<=Z 1[<5\«N K Yè `]18252=1[t 689 >Bu]251 ˆN Z 18\ Š ^ U T Í ]ê 8Œ N < [mxu]\z <5ôWY:7Z :79 >[<5\]189 : m :79^ u]1825<,_h <`]<z d f g ˆ : <5\]<5:7Z ZŽ<5_1[<5\«N K Yè ºó Œ N <5< [m]ux\z <5ô, XZ 13Ẍ<=25<59 : 182_139 <5189 : `X<z d f g <52,\ u]>[:-9 6[`]:7{825<w7:79 <`]<nˆœ ^ó ½ "½$ S ( )*+7.ga<5M 6825_8:79 : <5\ / Ý 2 i :7 ux18w7<563\x: N K K Û BM 479 <5_8:7\]`X6Á2=:BM 682=uXw7<563\X<<=\%tv689 >[1Á:7M m 68 \]:-\]w7<5182=: : `X<=Ml:7{8\]18\]`X682=: \]:72mX<=18\]6[`X<È9 {818\]`X ÉR18u]MlMŒ!&#"%$'&!( ) *,+-. ]68\X6 `]18Z : 25: >[18Z 9 <547< : B1 :-2=:->[:7\Z < 9 :71825<`]<5m :7\]`X:7\ ZŽ<`X132mX189 13>[:-ZŽ9 6Tà d f g 8Œ Ð :79a63{8\X<zàYdRÑÒ`]<59 : u]18\ ZŽ: M 68\]6[25: > 13Z 9 <547<nTdRÜ Œ Ð :79 à [M 4-9 <=_8:-9 : Z u]z Z : 25: >[18Z 9 <547<nō Z 1325<4 X:[ Ú X N f g -Œ ^ à à % à % à Í Xà à % Z 1325<4~ ]:[ Új!V#"%$'!( ) *,+-. ]<51 x f g qsf g `X:7k]\X<=Z 1[4768>[: x N p, - N T H U T K Š ] z 8Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : u]\x1[ ]18M : m :79^<52\uX4725:76[: u]\]1[m :-9^2 i <5>[>[18{8<=\X: `]< x Œ WY:7Z :-9 >[<=\X139 : u]\x1[ ]18M : `]<f g Z u]z Z 1[4768M Z <=Z ux<=z 1[`]1[18u]Z 6_8:7Z Z 689 <m :79 x Œ à Œ0WY:7kX\]<59 : ux\i 182=Z 9 1[18m]mX2=<54718w7<568\]: 2=<5\]:-139 :YˆT f g K qsf g Z 182=: 4 X: :79N ˆ f >²N x f >²N ˆ :79N x ˆ 18 ] ]<51[{825<,MlZ :7M M <18u]Z 6_ <,`X< x Œ Š z [ #" $' [( ) *,+-.8 :725256^M mx18w7<56^\]:-28 u]1825:^ :zm Z 13Z 6ak]M Ml18ZŽ6au]\ Ml<=MlZŽ:->[1^`X< `]<5\]18Z :z47189 ZŽ:-M <518\]:z689 Z 63{868\]1825< >[68\]68>[:7Z 9 <54 X: `]:-M Z M :[¹º# M <518\]6 T U ïó à : H `Xu]: 9 :7Z ZŽ: Œ Hï K 8Œ0WY<59 : mn:79^ u]182=: à d f g :M 68\]6[<5\]4-<=`X:7\Z <: `]:7Z :79 >[<5\]189 : <=2mX<=18\]6[4~ ]: 2=: 4768\ ZŽ<5:7\X:Œ Œ0 ]<51Tà #Œ W :7Z :79 >[<5\]189 : <m]ux\z <zô: Ô`]<>[<=\X<=>[1 `]<5M Z 13\Xw71[`]< :HŒ Œ0 ]:->[m]9 :^m :-9^à HM 4-9 <=_8:79 :^ux\]1 9 13mXm]9 :7Ml:7\ ZŽ18w7<568\]:^4-139 Z :7Ml<=18\X1 m :79z251 4-<=9 4-63\Xtv:79l:7\]w71YÀ `]<]18MlM : mx13mlm 18\Z : m :79a<=2mXu]\ ZŽ6TÔ: `]<59 : M : : Z 18\]{8:7\ Z : 1À <5\!ÔHŒ

6 ï ò Ú ò ï ï žÿ- žÿ- Esame di Matematica I - 17 settembe 2001! #"%$'&!( ) *,+-.0/ : 182_139 <5189 : `X<Ld f g 2 i 689 `]<5\X: `]<<5\]kX\]<5ZŽ:-M <5>[6[m :79REqs[`X:7252=1[t u]\]w-<=68\]: x N Š4768MHN8 K ŠÒ~!S«"U$' «() *,+-. ]<51Tà d f g : M <4768\]M <5`]:-9 <2=1[t u]\]w-<=68\x: 8Œ N < Œ N <5< 2=68{nN ^ à7 M : äí ˆN M : Š K 4-63MØ M <5\R M : æíxê X<`]:7Z :79 >[<5\]<m :-9^ u]182=<_ <,`X<zà df gl M : _8: \]: Ml68\]6 ˆ% : 4-63\ Z <=\ u]1[\x:7252ji 689 <5{3<5\]: Œ X<,`X:7Z :79 >[<5\]<m :79a ux1325<_182=689 <`]<zà d f g M : _8: \X: M 68\X6# ˆ : `]:-9 <=_18Ẍ<=25: \X:7252ji 689 <5{3<5\]: Œ! #"%$'!( ) *,+-.WY:7Z :79 >[<5\]189 : >[18MlM <5>[<,: >[<5\]<5>[<9 :72513Z <5_<:-ö36[18M Ml682=uXZŽ<`X:7252=1[t u]\]w-<=68\]: N K M <5\R z ev#"t$'&e( )*+7.]WY18Z 6Y<52]M <5M Z :7>[1 K à 25<=\X:7189 :º\]:72525:R<5\]4-63{8\]<5Z : N5p ý, 7 ï d f ga º182 _189 <5139 : `]<zà d f gœ à K à à K Xà 8Œ Ð :79T68{8\]<[à d f g `X<=9 :EMl: <52 M <5M Z :7>[1 : 9 <5`]68Z Z 6Í:E<5\Ò4-13Ml6Í4768\ ZŽ9 189 <56Í`X:7Z :79 >[<5\]189 :Eu]\ M <5M Z :7>[1Í9 <5`]68Z Z 6 :7 u]<5_1825:7\z : 132`X13Z 6 Œ Œ0WY<59 : m :79a68{3\X<zàYd f g²m : <52M <5M Z :7>[1[ X1[M 6825u]w7<568\]<: u]18\ ZŽ: Œ Œ Ð :79 à [: m :79 à [M 479 <5_8:79 : ZŽuXZŽZ : 2=: :7_8:7\ Z u]182=<ml6325u]w-<=68\x<,`x:72m <5M Z :7>[1 Œ #" $' ( )*+7.WY18Z 6Á<52\uX>[:79 6Á4768>[mX2=:-M M 6% {8\] [\]:72mX<=18\]6[`X<0ÉR18u]M MHŒ TV#"T$'&T() *,+-.] X<=1! f g qsf g 2ji 18m]mX2=<54718w7<568\]: 25<=\X:7189 : Ml6`X`]<5M tv1847:-\z : 2=: ZŽ9 : 4768\]`X<=w-<=68\]<1[2518Z 6#Œ 8Œ Œ NŽ^ UÛ PÙ N ^ % í Û P ¾ X`]:7Z :79 >[<5\]189 : zn H H Ž zn X K H zn X ŽX WY<59 : mn: : 25: Z 9 : 4768\]`]<5w7<568\]<`]:-k]\]<5M 4-63\X6[4768>[m]25:7Z 18>[:7\ ZŽ: u]\ i ux\]<5471[18m]m]25<54718w7<568\]: 25<5\]:7189 : Œ ]4-9 <=_8:-9 : 251[>[18ZŽ9 <547: h18m M 6 47<513Z 1[1T ZŽ9 18>[<5Z : 251[ ]18M : 4718\]68\]<5471 Œ XÈ9 {#Ný :B`]<5M :7 Nv X ] NvX K H NvX K X Ž žÿ- Œ ]4-9 <=_8:-9 :Z uxzžz <n{825<n18u]z 6_ <,`]<Š z >[6825Z :7m]25<547<5Z 1L:YZŽuXZ ZŽ<,{325<n18uXZŽ6_8:7Z Z 689 <n:y`]<59 :YM :L «:Y`]<518{863\X182=<5w7 w718ẍ<=25:œ K ^ Tï B Uï!ƒ#"%$'&!( ) *,+-. ]68\]6[`X13Z : 2=: `]u]: 9 :7Z Z : \X:7252=6[Mlm]18w7<56 ^ Hï 8Œ Ð 9 6_189 : 4~ ]: :M 68\]6[<5\X47<=`X:7\ ZŽ<: `]:7Z :79 >[<5\]189 : u]\ i :7 u]18w7<568\]: m :79^<52m]<518\]6[4~ ]: 2=: 4768\Z <5:7\]: Œ Œ0 ]4-9 <=_8:-9 : ux\]1 9 13mXm]9 :7Ml:7\ ZŽ18w7<568\]:B47189 Z :7Ml<=18\]1 m :79251Á47< \Xtv:79 :-\]w71 1_8:7\Z :B47:-\Z 9 6Á\X:72mXu]\ ZŽ6EN K H ŽX Ž : ZŽ18\]{8:-\Z : 13Œ `X<

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali a.a. 2011-2012 Introduzione alla Teoria delle Valutazioni Stefania Gabelli Testi di Riferimento M. F. Atiyah and I. G. Macdonald, Introduction to Commutative

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312 Polg 'Tay. 393 11 97 I T 312 con pto passante Sax 1600-1800-2100 - Tex 2300-2700 - Nico Pos. Codice Denominazione 1 0.312.3001.00 albero passante 2 07.0.069 paraolio

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Capitolo Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Funzioni olomorfe e Teorema di Cauchy Consideriamo il piano complesso C, con coordinata complessa z Vogliamo studiare le funzioni f : U C,

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Cosa sono gli esoneri?

Cosa sono gli esoneri? Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO "OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE"

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE , Z, Z ZZ H. 060548 " H Z " ' 1 19.07.81 18/07/2006 110 2 30.06.81.. 08/07/2006 110 3 Z 25.05.81 08/07/2006 110 4 23.08.69 07/03/2006 110 5 H 15.12.80 06/03/2006 110 6 31.07.81. '..H. 01/02/2006 110 7

Dettagli

Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee. Edizione 1.3 Novembre 2012

Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee. Edizione 1.3 Novembre 2012 Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee Edizione 1.3 Novembre 212 2 l bilancio totale è decisivo Sistemi completi di Nicotra Gebhardt n base alla Direttiva Er, a seconda del tipo di ventilatore,

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME planimetria profili 11 RELAZIONE TRA PLANIMETRIA E PROFILO La correlazione tra andamento planimetrico e altimetrico è molto stretta; variazioni del primo incidono subito sul

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

TEORIA DEL CONSUMATORE

TEORIA DEL CONSUMATORE TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata.

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Lezioni di Teoria dei Gruppi. Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino

Lezioni di Teoria dei Gruppi. Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino Lezioni di Teoria dei Gruppi Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino Maggio 2005 Questo lavoro è dedicato alla memoria di Lia Venanzangeli (1959 2004) amica e compagna. Gigni de nihilo

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Appunti al corso di Algebra Anno accademico 23-24 1 Prodotti diretti. Siano M e N due moduli sullo stesso anello A, non necessariamente

Dettagli

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici Interruttori di pressione oneywell Alta pressione: Series, E Series Impostazione in fabbrica da 150 psi a 4500 psi [da 10,34 bar a 310,26 bar] Bassa pressione: L Series, LE Series Impostazione in fabbrica

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI

STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI Relatore: Correlatore: Dott. DAVIDE CASSI Dott.ssa

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GRUPPI, DEGLI ANELLI E DEI CAMPI MA CHE QUALCUNO VI HA VOLUTO INSEGNARE LO STESSO CONTIENE 1. tutte le risposte alle

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Metodi alle differenze finite Prof. LAURA GORI Anno Accademico 1998-99 1. Generalità sulle equazioni alle derivate parziali Un equazione differenziale

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1 DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA A.A. 20/2 Francesco Rania Indice. Introduzione all Ottimizzazione.. Massimi e minimi di una funzione scalare reale 2.2. Definizione del Problema 2.3.

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

Regione Amministrativa Abruzzo - Ruolo Ispettori ABRUZZO 1 195330UF LGTEN. CIMMINO MICHELE LEGIONE CC "CAMPANIA" NAPOLI 581,76540 TRASFERITO LEGIONE CC "ABRUZZO" CHIETI ABRUZZO 2 195434HE M.A.SUPS MARTINELLI

Dettagli

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Valter Moretti Dipartimento di Matematica Università di Trento Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Corso di Fondamenti

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010

Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010 Università degli Studi di agliari Dipartimento di Matematica Prof. Sebastiano Seatzu Analisi omplessa 9 settembre Facoltà di Ingegneria orso di laurea in Ingegneria Elettronica 3 Indice ANALISI OMPLESSA

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

DECISIONE DEL CONSIGLIO

DECISIONE DEL CONSIGLIO L 282/50 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.10.2013 DECISIONI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 17 ottobre 2013 relativa alla posizione che dev essere adottata, a nome dell Unione europea, in sede di

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizione di uno schema Dato uno schema relazionale R={A1,A2, An} una sua decomposizione

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

Equazioni differenziali e alle differenze

Equazioni differenziali e alle differenze CAPITOLO 2 Equazioni differenziali e alle differenze Introduciamo le equazioni differenziali e alle differenze partendo da un semplice problema: quello di studiare la crescita di una popolazione. Indichiamo

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

0. Funzioni di variabile complessa

0. Funzioni di variabile complessa . Funzioni di variabile complessa In questo capitolo esporremo le linee essenziali della teoria delle funzioni di variabile complessa. Questa teoria è una tra le più compiutamente sviluppate da un puntodivista

Dettagli

Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione.

Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione. Capitolo 2 Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione. 2.1 Considerazioni preliminari Data una funzione f:ω R N R, con N un numero naturale sufficientemente grande, diremo equazione

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

TI-30X B e TI-30X S. Calcolatrici scientifiche. Immissioni precedenti # $ Ultima risposta %i. Ordine delle operazioni. Informazioni generali

TI-30X B e TI-30X S. Calcolatrici scientifiche. Immissioni precedenti # $ Ultima risposta %i. Ordine delle operazioni. Informazioni generali TI-30X B e TI-30X S Calcolatrici scientifiche Texas Instruments 7800 Banner Dr. Dallas, TX 75251 U.S.A. Texas Instruments Holland B.V. Rutherfordweg 102 3542 CG Utrecht - The Netherlands ¾ www.ti.com/calc

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 2 ELETTRIFICATORI PORTATILI 0615200 *0615200* FENCELINE B200 STD CON PICCHETTO MASSA, CONNESSIONE LINEA E TERRA 9V: 0,16J (12V: 0,21J) 0615202 *0615202*

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Letture progressive per la prima

Letture progressive per la prima Letture progressive per la prima Alunno/a ------------ Classe --- ORDINE DI PRESENTAZIONE DELLE LETTERE O I A U - E M R S L F P T - N B V - Z D CA CO CU Q CE CI GA GO GU GE GI H CHE CHI GHE GHI SCHE SCHI

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

GUIDA PER UTENTI ALTRE FUNZIONALITÀ SERVIZIO DI INTERNET BANKING PER AZIENDE

GUIDA PER UTENTI ALTRE FUNZIONALITÀ SERVIZIO DI INTERNET BANKING PER AZIENDE GUIDA PER UTENTI ALTRE FUNZIONALITÀ SERVIZIO DI INTERNET BANKING PER AZIENDE Zagreb, giugno 2012 INDICE: IL SERVIZIO OFFRE AI CLIENTI FUNZIONALITÀ ADDIZIONALI... 2 IMPOSTARE RUOLI UTENTE... 2 ATTIVAZIONE

Dettagli