Geometria proiettiva differenziale. II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Geometria proiettiva differenziale. II"

Transcript

1 Geometria proiettiva differenziale. II [Obsah][Contents] In: Guido Fubini (author); Eduard Čech (author); Georges Tzitzeica (author); Alessandro Terracini (author); Enrico Bompiani (author): Geometria proiettiva differenziale. II. (Italian)., pp. [785] Persistent URL: Terms of use: Institute of Mathematics of the Academy of Sciences of the Czech Republic provides access to digitized documents strictly for personal use. Each copy of any part of this document must contain these Terms of use. This paper has been digitized, optimized for electronic delivery and stamped with digital signature within the project DML-CZ: The Czech Digital Mathematics Library

2 Prefazione pag. v INTRODUZIONE. 1. Coordinate, versi, orientazioni pag, 1 (Coordinate di punto, piano e retta. I simboli v? 2. Orientazioni di una retta. Orientazione di un fascio. Alcuno identita di matrici). 2. Gollini axioni > 8 (Preliminari. Collineazioni nello spazio rigato). 3. Contatto di curve e superficie» 11 (Contatto di curve. Contatto di superficie. Contatto di superficie in corrispondenza biunivoea). 4. Osserva'xioni varie» 16 (Curve razionali di terzo grado. Varieta di terzo grado. La retta principale del Togliatti. Una ulteriore generalizzazione. La divisione covariante). CAP. I. - LA TEORIA DELLE CURVE. 5. La teoria delle curve in geometria euclidea... pag. 23 (Gli invarianti íondamentali. Equazioni intrinseche di una curva. Nuova deduzione degli invarianti íondamentali). 6. Geometria proiettivo-differen%iale delle curve.» 2 6 (Preliminari analitici. Applicazione della teoria delle curve. Le curve come luogo ed inviluppo. Lo equazioni differeuziali fondamentali. Le curve di un complesso lineare. Signiíicato del segno cli oo = + 1. Le collineazioni a modulo qualsiasi. Coordinate normali). 7. Qli elementi geometrici fondamentali.... * 37 (Sistema nullo osculatore. II tetraedro principale. Altri elementi geometrici. Una osservazione). 8. L* curve piane» 4 6 (Una osservazione).

3 786 ÍNDICE CAP. II. - I FONDAMENTI BELLA TEORIA DELLE SUPERFICIE. 9. F or mole di caleolo assoluto pag. 49 (Differenziali controvarianti. Alcune definizioni. Le goodetiche. Derívate covarianti. Una generalizzazione. I simboli a quattro iodici e alcuqí parametri differenziali. Relazioni di apolarità). 10. Iîiassunto di alcuni teoremi metriei....» 56 (Triedri diretti e inversi. Le forme fondamentali di Gauss di una superficie. Raggi e linee di curvatura. Elemento lineare deir immagine sferica. Superficie applicabili). 11. Prime consideraxioni di geom. proiettiva...» 61 (Le direzioni asintotiche. Le direzioni di Darboux). 12. Le forme differenxiali fondamentali....» 64 (Primo método. Nuovo método per definiré le F 2, F :i. Le forme F t, F 3 nella geometria métrica. Una osservazione). 13. Prime applicaxioni» 73 (Superficio correlativo. Significato geométrico del fattore di proporzionalità delle ). 14. Le equaxioni differenxiali fondamentali e la terxa forma differenxialc» 78 (Formole fondamentali. La forma P II. Altre equazioni fondamentali. II teorema fondamentale). 15. Varii sistemi di coordínate x,» 83 (Un primo sistema di coordínate. Coordínate non omogenee. Superficie rigate. Coordínate normali. Rette normali. Métrica normale). 16. Il caso di linee coordínate asintotiche....» 8 9 (Le forme P } II, Q. Flecnodi. Osservazioni varíe. Condizioni di integrabilità. Caleolo di (x dx d 2 x d :i x). II cono di Segre. Confronto con le formole della Geom. métrica). 17. Applicax-ione agli invarianti di un sistema coniugato» 102 (Caleolo di tali invarianti. Sistemi coniugati ad invarianti uguali. Un' altra applicazione). 18. Nuovi studii in coordínate asintotiche u, v...» 109 (Coordínate non omogenee e di Lelieuvre. Asintotiche appartcnenti a complessi lineari. Superficio di cui tutte le asintotiche appartengono a complessi lineari). 19. Le rette tangenti» Applicabilità proiettiva» 118 (II teorema fondamentale. Una proprictà caratteristica di due superficie proiettivaniente applicabili. Un' altra proprietà caratteristica delle superficie proiettivamente applicabili).

4 INDICK 787 CAP. III. - GLI ELEMENTI GEOMETRICI FONDAMENTAL!. 21. La quadrica di Lie pag. 125 (Sua définizione. Interpretazioni geometriche della forma cp., e deir elemento lineare cp :{ : cp 2. Fascio delle quadriche di Darboux. La quadrica di Lie come iperboloide osculatore). 22. La corrispondenxa di Segre» Geodetiche, e analoghi sistemi di curve...» 133 (Primi teoremi. Terne apolari. Le coppie apolari e la cónica di Wilczynski. Interpretazione non euclidea della métrica proiettiva. Curve di un íascio ; l 1 asse della superficie). 24. Le pangeodetiche. II fascio canonico....» 14i 25. Congruente di rette» 144 (Sviluppabili e fuochi. Le direttrici di Wilczynski. Congruenze K coniugate e IC armoniche ad S, tra cu i si corrispondono le sviluppabili. Le superficie a curvatura 2. Le congruenze a sviluppabili indeterminate). 26. Lo spigolo (edge) di Green» Il fascio canonico» Le superficie per cui una retta canónica passa per un punto ftsso, e superficie duali» 160 (Caso delle normali proiottive. Formole generali. Il caso 1-4-/.' = 0 (per Tasse). II caso k = 0 delle direttrici. Le superficie di Tzitzeica-Wilczynski). 29. Le superficie di Cech a linee di Darboux piane..» Breve riassunto di altrc ricerchc >177 Cap. IV. SUPERFICIE RIGATE. 31. Applicaxione delle formole generali del Capitolo II al caso particolare di una superficie rig at a... pag Deduxione diretta dei risultati precedenti c prime applicazioni»187 (Nuova deduzione delle (11). Applicazione alia quadrica di Lie). 33. Orient alione delle generatrici; espressioni intrinsech e. Formole relative al cambiamento di vaviabili. > Linee asiniotichc, la forma bilineare intrínseca..» 198 (Lineo asintoticlie. La forma bilinoare fondamentale. Coiv gruenza ílecnodale). 35. Normalixxaxione delle coordinate delle generatrici per superficie rig ate a due curve flecnodali distinte..» 206 (Coordinate normali. Invarianti fondamontali d' una rigata a linee flecnodali distinte. Alcune applicazioni geometriclie). 36. Normalixxaxione delle coordinate delle generatrici per superficie rig ate a curve flecnodali coincidenti..» 216

5 788 ÍNDICE (Determinazíone di queste rigate per mezzo di invarianti. Aie une interpretazioni geometriche). 37. Il complesso lineare osculatore pag interiore studio di superficie rigate a curve flecnodali distinte, prive di retta direttrice....» La trasformaxione flecnodale.....» L'applieabilità proiettha di superficie rigate..» 238 Cap. V. - CONGRUENZE, CONGRUENZE IF E TRASFORMAZIONI PER CONGRUENZE TV. 41. Congruenxe di assegnata prima falda focale.. pag. 243 (Formolc fondamentali. Nuova interpretazione delle formoleprecedonti). 42. Formate fondamentali delta teoría delle congruenxe AY» Le congruenxe AV con N = cost» Confronto coi risultati classici délia geometría métrica» L' equaxione delle congruenxe^ in coordina,te di retta» Le congruenxe di Wilcxynski» Congruenxe W di cui una falda focale S è quadrica» 266 (Primi teoremi. Interpretazione nella geometría non euelidea. Inversione dei teoremi dati in A). 48. Conyruenxe W con le due falde rigate (non quadriche)» Superficie tras formate delle rigate con congruenxe "W > Composixione di Bianchi di due congruenxe AV.» Le trasformaxioni W di Fubini delle superficie isolermo-asintotichc » Le trasformaxioni di lonas per congruenxe W delle superficie R» Le trasformaxioni di lonas delle superficie di lonas.» Il teorema di Fubini per le trasformaxioni delle superficie R» 293 (Una osservazione sulla teoría delle congruenze JF). CAP. VI. INVARIANTI DELL' ELEMENTO LINEARE PROIETTIVO. 55. Alcune consideraxioni preliminari.... pag I differenxiali coniugati» La forma differenxiale F3.....» 300 (Definizione di F3. Alcune identità notevoli). 58. La forma differenxiale 24>i dui» 305 (Definizione delle c >/. Relázioni con le p r $ 59. Qli invarianti del primo ordine delv elemento lineare proiettivo > 307 (Definizione. Alcune identità nel caso «Ê^O. Altre identità. 11 caso <î> = 0, ^ + 0).

6 INDICK Invarianti del secondo ordine delv elemento lineare proiettivo pag. 315 (Defînizione. II caso «Ê^fcO. Il caso í> = 0. II caso delle e W costanti). 61. II primo problema delv applicabilité proiettiva..» 319 (Preliminari. Condizioni necessarie. Condizioni sufficienti. Nuova forma delle condizioni sufficienti). 62. Gontinuaxione. Elementi linear i proiettivi con un gruppo continuo di tras for maxioni in sé.....» 325 (Alcune formóle preliminari. Un lemma. II teorema fondamentale). CAP. VII. - CONDIZIONI D' INTEGRABILITÀ E SUPERFICIE PROIETTIVAMENTE APPLICABILI 63. Gondixioni d'integrabilità delle equaxioni fondamentali pag. 335 (Equazioni preliminari. Trasformazione delle (5). Calcolo delle h ). 64. Gontinuaxione» 340 (Condizioni d'integrabilità delle (1)M 3. Studio delle (1). Studio della (2). Esame delle condizioni d'integrabilità. Teorema riassuntivo). 65. Trasformaxione delle equaxioni tróvate per superficie non rigate. Caso di coordinate normali... > 345 (II caso J^O. Nuovo enunoiato per lo coordinate normali). 66. Nuova tras for maxione delle equaxioni tróvate per il caso di coordinate normali» 350 (Introduzione della funzione ausiliaria o. Studio delle (2)). 67. Deformaxione proiettiva» 353 (II problema fondamentale. Il sistema coniugato di deformazione proiettiva. Superficie R e R 0. Deformazione proiettiva di una superficie data). 68. Teoremi varii sulle superficie R e R 0....» 360 (Elemento lineare riferito alie asintotiche. Un teorema per le superficie R {) o R). 69. Le superficie proiettivámente deformabili in oc 3 modi» 364 (Preliminari. II caso K = 0. Continuazione. Formolo finali relative al caso K = 0. II caso K = cost. 4= 0. Le formóle finali nel caso K = cost. ^O. Teorema riassuntivo e osservazioni varie. Quadro finale delle forme fondamentali delle superficie con H = 0, K-=cost.). 70. Nuovo método per lo studio dei problemi precedenti. > 384 (Principio del método. Le superficie con p = 1 deformabili in oo 3 modi. Superficie con P = l, K^O, deformabili al più in CP 2 modi. Le superficie R deformabili in oo 3 modi).

7 790 ÍNDICE CAP. VIII. - SUPERFICIE NON RIGATE CHE AMMETTONO UN GRUPPO CONTINUO DI DEFOMAZIONI PROIETTIVE IN SÈ Superficie con zo2 deformaxioni proiettive (o collineaxioni) in se (Preliminari. Il primo caso 0. Il caso ÜL^O. Secondo caso K+2 = 0. Torzo caso IC {K -f 2) i 0. Quadro delle forme fondamentali delle superficie con oo2 deformazioni proiettive in sô). 72. Nuova deduxione dei precedenti risidtati... (Método di Fubini. Método di Lie per i gruppi di collineazioni). 73. Superficie con oo1 deformaxioni proiettive in sé. Specie A. (Loro determinazione. Altri metodi di calcolo). 74. Risoluxione di uri equaxione ausiliaria.... (Preliminari. Primo modo di soddisfare alia (5). Secondo modo di soddisfare alia (5). Non esistenza di ultcriori soluzioni di (E). Quadro di soluzioni dell'equazione) Superficie con cc1 deformaxioni proiettive in sé. Riduxione del problema alv equaxione studiata al precedente 7 6. Verifiche per le specie B, e B2 (Superficie della specie B t. Superficie della specie B 2 ) Verifiche per la specie B;{ 78. Verifiche per le specie B,, B-, B,: (Specie. B 4. Specie Z?5. Specie 2?(i). 71. pag. 389» 394» 398» 403»416»418» 423» 436 CAP. IX. QUADRICHE DI MOUTARD E CORRISPONDENZE S (C). 79. Trasformaxione delle equaxioni fondamentali II teorema di Moutard (Un lemma. Dimostrazionc del teorema di Moutard. Dimostrazione) Le corrispondenxc S (Loro definizione. La polarità di Lie. Corrispondenza di Segre. La Corrispondenza di Moutard. Proprieta delle corrispondenze S per le rigate. Proprieta delle corrispondenze S per superficie non rigate). 82. Le corrispondenxe S appartenenti ad una generatrice di una rig ata (Trasformazioni birazionali S (c) nello spazio. Curva omologa di un fascio di piani. Determinazione delle 2) Metriehe di Weyl e corrispondenxe S ^. pag. 457» 460» 470»481.» 490 (Metriche di AVoyl. Piani osculatori alie geodetiche di Weyl. Geodetiche formanti fascio) Le rette canonichc in coordinate generali...» 496

8 INDICK 791 CAP. X. INTORNO DI UN PUNTO DI UNA SUPERFICIE QUADRICIIE DI MOUTARI) E CONO DI SEO HE 85. Enuncíalo di alcuni teuremi per le quad riche di Moutard, 80. Rette polari rispetto ad una quadrica di Moutard (Rotto r 0, r" polari di una retta r rispetto alia quadrica di Lie e alie quadricke di Moutard relative a duo direzioni coniugate. Le rette I del regolo r 0 r r". I punti y,,, ed i piani y m ^. Dcterminazione dei punti o piani precedenti. Il punto m e il piano JI). 87. Costruxione del punto m e del piano ji (Caso di una superficie rigata. Superficie non rigato. Conidio G e coni T). 88. I fasci di coniche Ch 89. Significato geométrico degli invaria,7iti proiettivi più semplici di una superficie (Intorno del quarto ordinc di una superficie. Invarianti delle coniche G\ e G*. Alcune formule preliminari. Birapporti R i ed R ). 90. Quadricke di Moutard relative aile rigate asintotichc 91. Il cono di Segre (Formule preliminari. Nuovo calcolo di un determinante. Cono di Segre. Alcune applicazioni). 92. Superficie a pangeodetiche piane pag. 501» 504» 512» 517» 522» 529» 533 CAP. XI (F). - COMPLESSI E CONGRUENZE 1)1 RETTE 93. Formule preliminari pag. 541 (Rette e complessi lineari. Alcune idontità. Collineazioni e correlazioni. Equazioni di una retta). 94. La forma 9» I complessi di rette con A == 0» L'elemento lineare proiettivo di un cotuplcsso..» 548 (Il coinplesso n e la forma x- L' elemento lineare proiettivo. Curvature proiettive e coordinate normali;. 97. Le equaxioni differenxiali fondamentali nella teoria dei complessi» 556 (Equazioni /, II, III. Applicabilità proiettiva dei complessi). 98. Le congruence con A = 0» Gli elementi geometrici fondamentali di una congruenxa» 563 (Fasci centrali e focali. Tangenti focali. Asintotichc locali) La seconda forma fondamentale di una congruenxa» 568 (La forma <î>. Complessi bitangenti. Complessi satelliti. Complcsso osculatore di una congruenza IF. Fascio satellite e nuovi invarianti).

9 792 ÍNDICE 101. Le equaxioni differenxiali fondamcntali... pag U elemento lineare proiettivo d'una congruenxa.» 578 Aleune altre osservaxioni......» Applicabilité di complessi e di congruenxc..» 581 (Applicabilità del primo ordine di due complesi. Applicabilité proiettiva di duo congruenze (F). Studio delle falde focali di congruenze applicabili (del secondo ordine). Continuazione. Formule duali delle precedenti. Trasformazione delle precedenti condizioni. Il caso singolare di Cartan. Nuova trasformazione delle precedenti condizioni. Il caso singolare. Altra deduzione delle formule precedenti). CAP. XII. - INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA PROIETTIVO - DIFFERENZIALE NEGLI IPERSPAZI 104. Le forme fondamcntali delle ipersuperflcie... pag. 605 (Preliminari geometrici (F). Formole fondamcntali (F). Le equazioni difterenziali fondamentali. Alcune applicazioni dei risultati precedenti) La quadrica di Ceck» 615 (Polarità e quadrica di Cech. Teorema di Cecli. Continuazione e fine délia dimostrazione) Rette normali ; coordínate normali.... > U applicabilità proiettiva delle ipersuperficie (F)..» Alcune gencralixxaxioni > Le superficie V 2 non parabolichc in S 4 e ta loro prima forma fondamentale» La seconda forma fondamentale di una \ in S^.» 637 (La forma Significato geometrico délia F r ) Le equaxioni differenx,iali (F)» Superficie rigate appartenenti ad uno spaxio ad un numero impari di dimensioni (C)....» Superficie rigate appartenenti ad uno spaxio ad un numero pari di dimensioni (C)» 655 APPENDICE I a (Note de M. G. TZITZKICA) Sur la déformation de certaines surfaces tétraédralex, les surfaces S et les réseaux R pag. 663 Una osservaxione bibliográfica» 669 APPENDICE II» (Nota di E. BOMPIANI) 1 fondamenti geometrici délia teoria proiettiva delle curve e delle superficie pag. 671

10 INDICK 793 I. Curve piane pag. 674 (1. Invariante di Sogro. 2. Invariante assoluto di un'eijuazione di Laplace. 3. Invarianti di contatto fra curve piane. 4. Invarianti proiettivi di una curva piaña. 5. Singolarità : punti di flesso). II. Curve sghembe»679 (1. Invarianti di contatto. 2. Piano, retta e punto principali. 3. Invarianti proiettivi di una curva sghemba). III. Superficie. Le forme fondamentali....» 68 L (1. Invarianti infinitesimi di contatto fra superficie. 2. L'elemento lineare proiettivo di una superficie. 3. Le due prime forme normali di Fubini. 4. Le prime forme elementan cuni elementi geometrici). (1. Deíinizione dei sistemi assiali. 2. Un invariante fondamentale. Curve anarmoniche. 3. Le forme di Fubini. 4. Altre forme invarianti del 1 ordine). IV. Invarianti dette curve sopra una superficie...» 691 (1. Curvatura proiettiva. 2. Curvatura relativa di duo curve. 3. Le forme elementan e gli invarianti di curvatura. 4. Método générale per la costruzione di invarianti. Trasporto proiettivo 5. La torsiono proiettiva. Sezioni piane. 6. La terza forma fondamentale di Fubini). V. Invarianti proiettivi di una superficie.... > 698 (1. Osservazioni generali. 2. Invarianti delp elemento lineare proiettivo. 3. Le forme elementari e gli invarianti precedenti. 4. Invarianti per collineazioni). VI. La geometria dette superficie nello spaxio rigato. Método iperspaziale» 703 (1. Rappresentazione iperspaziale del complesso delle tangenti ad una superficie 2. Regoli di Lie. 3. Rigate asintotiche lungo le linee di Darboux e di Segrc. 4. Nuove quadriclie invarianti. 5. II fascio canonico. 6. Determinazione iperspaziale delle forme elementari. 7. Invarianti c classi di superficie invarianti. 8. Sistemi di curve invarianti). VII. Corrispondenze puntuali fra superficie....» 720 (1. Corrispondenza Cremoniana fra stelle di piani. 2. Corrispondenze proiettive fra stelle di rette. 3. Sistemi assiali corrispondenti). 1. (Le corrispondenze proiettivo-conformi e proiottivo-simili. 2. Le corrispondenze geodetico-proiettive. 3. Le corrispondenze asintotiche). APPENDICE 111. a (Nota di A. TERRACINI) Esposizione di alcuni risultati di geometria proiettiva-differendale negli iperspaxi pag / successivi intorni di un punto su una varietà.. > 731

11 794 ÍNDICE 2. Généralité, suite varieta rappresentanti sistemi di equaxioni lineari aile deriváte parxiali 3. Superficie rappresentanti equaxioni di Laplaee. 4. Varietà rappresentanti sistemi di equaxioni lineari alte deriváte parxiali aventi dimensione assai elevata. 5. Alcuni altri particolari sistemi di equaxioni di Laplace rappresentati da V h 6. La varieta degli spaxi tangenti ad un' altra varietà. 7. Comportamrnto degli spaxi osculatori a una varietà in relaxione con le sue sexioni iperpiane 8. Le linee quasi asintotiche di una varietà. 9. Altri notevoti sistemi di linee esistenti suite superficie 10. Varietà luoghi di spaxi 11. Luoghi di spaxi con carattere di sviluppabili 12. Un tipo particolare di luoghi di spaxi pag. 725» 736» 741» 743» 747» 750» 751» 753» 756» 760» 764 APPENDICE IV.* (Nota di A. TERRACINI) Suite superficie aventi un sistema, o entrambi, di asintotiche in complessi lineari 771

12 Finito di st ampare il giorno 28 Febbraio 1927 nella Tipografía del Seminario in Padora

Lezioni di geometria combinatoria

Lezioni di geometria combinatoria Quaderni dell'unione Matematica Italiana 48 Giuseppe Tallirli Lezioni di geometria combinatoria Pitagora Editrice Bologna 2005 Indice Prefazione v 1 Campi di Galois 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Automorfismi

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015 Geometria Superiore A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno Luca Vitagliano March 2, 2015 Programma Prerequisiti. Spazi affini. Anelli commutativi con unità. Ideali. Anelli quoziente.

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

FONDAMENTI MATEMATICI DELLA FISICA

FONDAMENTI MATEMATICI DELLA FISICA FONDAMENTI MATEMATICI DELLA FISICA MACROSCOPICA: UN PERCORSO GEOMETRICO C. LO SURDO 2 INDICE 0.0 PRESENTAZIONE 0.0.1 CONSIDERAZIONI GENERALI E PIANO DI LAVORO 0.0.2 I CONTENUTI CAPITOLO PER CAPITOLO: SINTESI

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

La Forma dello Spazio

La Forma dello Spazio Maurizio Cornalba La Forma dello Spazio Collegio Ghislieri, 15 maggio 2000 1. L algebrizzazione della geometria la geometria analitica (sec.xvii... ) dà (1) metodo generale (insieme al calcolo infinitesimale)

Dettagli

1 Le equazioni di Maxwell e le relazioni costitutive 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Richiami sugli operatori differenziali...... 4 1.2.1 Il gradiente di uno scalare... 4 1.2.2 La divergenza di un vettore...

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

Misura e integrazione Formulario

Misura e integrazione Formulario Misura e integrazione Formulario Integrale su rettangolo 1. 2. Teorema di riduzione per un rettangolo (Fubini) Per passare dal rettangolo ad un qualsiasi dominio si definisce una nuova funzione. Integrale

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto Registro delle lezioni di MECCANICA 1 Corso di Laurea in Matematica 8 CFU - A.A. 2014/2015 docente: Francesco Demontis ultimo aggiornamento: 21 maggio 2015 1. Lunedì 2/03/2015, 11 13. ore: 2(2) Presentazione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

6. Ordinamento degli istituti tecnici (1871) 1

6. Ordinamento degli istituti tecnici (1871) 1 6. Ordinamento degli istituti tecnici (1871) 1 MATEMATICHE ELEMENTARI E GEOMETRIA DESCRITTIVA Coll insegnamento delle Matematiche elementari si vogliono conseguire due fini distinti, entrambi di somma

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto DIPARTIMENTO di MATEMATICA,

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

7. Trasformata di Laplace

7. Trasformata di Laplace 7. Trasformata di Laplace Pierre-Simon de Laplace (1749-1827) Trasformata di Fourier e segnali causali In questa lezione ci occuperemo principalmente di segnali causali: Definizione 7.1 (Segnali causali)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 27 settembre

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

I quesiti di Matematica per le Classi di concorso A047 e A049

I quesiti di Matematica per le Classi di concorso A047 e A049 I quesiti di Matematica per le Classi di concorso A047 e A049 Prof. Luigi Verolino Università Federico II di Napoli Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell Informazione Via Claudio, 21 [80125]

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica "S" A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04)

Corso di Laurea in Infermieristica S A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) I^ Settimana 12 ottobre 16 ottobre II^ Settimana 19 ottobre 23 ottobre III^ Settimana 26 ottobre 30 ottobre IV^ Settimana 2 novembre 6 novembre V^ Settimana 9 novembre 13 novembre VI^ Settimana 16 novembre

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Nome... N. Matricola... Ancona, 29 marzo 2014 1. (7 punti) Studiare la funzione determinandone: f(x) = e x x il dominio;

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Itc I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: MONICA BIANCHI MATERIA DI INSEGNAMENTO: MATEMATICA

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA

PROGRAMMA DI MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S. 2014-2015 CLASSE IV SEZ. B INDIRIZZO SIA PROF. Orlando Rocco Carmelo ODULO MODULO ORD. ARGOMENT O 1 SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI FUNZIONI ARGOMENTO 1 TOMO E SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI

Dettagli

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI INDICE ix PARTE I - Definizioni e considerazioni generali Capitolo 1 1 Coordinate equatoriali e azimutali del Sole Relazioni fondamentali

Dettagli

ASSE MATEMATICO. Competenze Abilità Conoscenze

ASSE MATEMATICO. Competenze Abilità Conoscenze Competenze di base a conclusione del I Biennio Confrontare ed analizzare figure geometriche del piano e dello spazio individuando invarianti e relazioni. Analizzare, correlare e rappresentare dati. Valutare

Dettagli

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI)

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) 1 Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) Approssimazioni di Taylor BPS, Capitolo 5, pagine 256 268 Approssimazione lineare, il simbolo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14 Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA Professoressa LILIANA PIZZI Disciplina MATEMATICA Classe PRIMA sezione B Data: 12 Ottobre 2013 A. LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI OSSERVAZIONE

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

INDICE GENERALE. INTRODUZIONE di Fabio Acerbi

INDICE GENERALE. INTRODUZIONE di Fabio Acerbi INDICE GENERALE NOTA PRELIMINARE 9 INTRODUZIONE di Fabio Acerbi I. Cenni alla matematica pre-eudidea 1. Il problema delle fonti 16 2. Proclo e Filodemo 17 3. Talete 23 4. Enopide di Chio 26 5. Ippocrate

Dettagli

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j.

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j. LEZIONE 31 31.1. Domini di funzioni di più variabili. Sia ora U R n e consideriamo una funzione f: U R m. Una tale funzione associa a x = (x 1,..., x n ) U un elemento f(x 1,..., x n ) R m : tale elemento

Dettagli

MATEMATICHE ELEMENTARI. Algebra

MATEMATICHE ELEMENTARI. Algebra Programmi degli insegnamenti industriali e professionali per gli istituti tecnici e le scuole speciali dipendenti dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio approvati con regio decreto 14 agosto

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

XXV GEOMETRIA DESCRITTIVA. Geometria descrittiva teorica

XXV GEOMETRIA DESCRITTIVA. Geometria descrittiva teorica Programmi di esami di promozione e di licenza negli Istituti industriali e professionali approvati con regio decreto 18 ottobre 1865 n. 1712 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia,

Dettagli

DISEGNO E LABORATORIO CAD

DISEGNO E LABORATORIO CAD CORSO DI DISEGNO E LABORATORIO CAD CIVILI C.D.L. INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E EDILE A.A. 2014 2015 P R O G R A M M A DISEGNO E LABORATORIO CAD Docente: Ing. Marco NOCERA m.nocera@email.it Codocente:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME DIPARTIMENTO: PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - : 4AMM-4BME E Monte ore annuo 132 (99+33) Libro di Testo L. Sasso: Nuova Matematica a colori Edizione Verde, VOL.3-4 SETTEMBRE OTTOBRE

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI

Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI IL PIANO DELLE FASI La tecnica di analisi del piano delle fasi è un metodo grafico molto diffuso per lo studio dei sistemi non lineari del secondo ordine. L idea di base consiste nel risolvere graficamente

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli