Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica"

Transcript

1 Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

2 Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per la salvaguardia - strategie per accrescere la compatibilità

3 Le esigenze della fauna ittica reofila - Ecologiche (chimico-fisiche, granulometriche, idrologiche) - Trofiche (drift, zone d ombra,.) - Riproduttive (letti di frega, onde di piena,..)

4 Il valore di un patrimonio straordinario nome specie Scazzone Cottus gobio Trota fario Salmo trutta macrostigma Barbo canino Barbus meridionalis Vairone status distribuzione Italia 25% del totale incerto Endemismo Leuciscus souffia Endemismo Barbo Barbus plebejus sub-endemismo - Italia 75% Lasca Chondrostoma genei Endemismo Ghiozzo padano Padogobius martensii sub-endemismo - Italia 75% Gobione Gobio gobio Italia 5% del totale Cobite Cobitis taenia Italia 5% del totale Rovella Rutilus rubilio Endemismo Anguilla Anguilla anguilla Gambero di fiume Austropotamobius pallipes Cavedano Leuciscus cephalus in Pericolo critico senza problemi Italia 25% del totale sub-endemismo - Italia 75%

5 Le esigenze dei produttori di energia - massimizzare la captazione - sfruttamento ottimale dei dislivelli - utilizzare il DMV per il passaggio dei pesci Gli effetti principali - riduzione portate - riduzione microhabitat - banalizzazione idrologica - accentuazione della frammentazione fluviale - riduzione potenziale ittiogenico

6 Le azioni attuali per la salvaguardia della fauna ittica - Deflusso Minimo Vitale - Passaggi per pesci Gli effetti principali - garanzia di portate minime - parziale recupero del continuum fluviale

7 Un pronunciamento recente e autorevole Il 17 gennaio 2011 i membri olandesi al Parlamento Europeo hanno formulato una interrogazione alla Commissione UE sull'impatto che gli impianti idroelettrici hanno sulla fauna ittica. La Commissione ha risposto il 28/2/2011 affermando tra l altro: "In termini di impatto ambientale, la Commissione ritiene migliore concentrare la produzione di energia idroelettrica in un minor numero di sedi in grandi impianti (generalmente su grandi fiumi) piuttosto che avere molti impianti idroelettrici di piccole dimensioni (generalmente su fiumi piccoli) con conseguente impatto ambientale in molte località in tutto il bacino. Ciò è anche parte dell'approccio alla gestione dei bacini fluviali nella Direttiva Acque"

8 Strategie per accrescere la compatibilità - contenimento del tratto sotteso tra punto di derivazione e di rilascio - sospensione delle derivazioni nei mesi estivi - definizione di una portata max derivabile - individuazione di zone vincolate a passaggi per pesci e altre subordinate a obblighi ittiogenici Gli effetti principali - garanzia delle portate di magra estive e di onde di piena - contenimento della lunghezza dei tratti esposti - semplificazione progettuale ed esecutiva

9 GRAZIE per l attenzione!

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE in vigore dal 01 gennaio 2016 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Ai sensi dell art. 16 della

Dettagli

I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore

I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore I LAGHI Carta delle vocazioni ittiche - Risultati LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE Latitudine ( N): 45 47 Longitudine ( E): 08 40 Altitudine (m s.l.m.) 193,8 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 4.633 Superficie

Dettagli

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9.1 - Fiume Esino 9.1.1 - Caratteristiche ambientali Codice Nuovo: AN06ESIN06 Bacino Coordinate Geografiche Località

Dettagli

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 Appendice La fauna ittica ALBORELLA NOME LATINO: Alburnus alburnus alborella (De Filippi 1844) FAMIGLIA: Cyprinidae ORDINE: Cypriniformes

Dettagli

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Foto: Borrini Il sito di progetto è il SIC IT 1343502 Parco della Magra Vara che coincide per gran parte con il territorio del Parco di Montemarcello-Magra

Dettagli

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria Alessandro Candiotto torrente Lemme Voltaggio L Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 "Anno Internazionale della Biodiversità"

Dettagli

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese LAGO DI VARESEARESE Latitudine ( N): 45 48 Longitudine ( E): 08 45 Altitudine (m s.l.m.) 238 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1226 Superficie lago (km 2 ) 14,8 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia INDAGINE SULL ITTIOFAUNA E SULLE BARRIERE FISICHE DEL BACINO DEL TORRENTE PESIO MAURO FISSORE Ente di gestione Parchi e Riserve Naturali Cuneesi Prelievi idrici (dighe, traverse, sbarramenti precari, precari,......))

Dettagli

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 PROVINCIA DI BRESCIA Settore Caccia e Pesca NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 per quanto non espressamente qui contenuto, valgono le disposizioni contenute nell

Dettagli

L analisi degli scostamenti da quella che è ritenuta una situazione normale o naturale delle comunità ittiche permetterà di pianificare e localizzare

L analisi degli scostamenti da quella che è ritenuta una situazione normale o naturale delle comunità ittiche permetterà di pianificare e localizzare 1 Introduzione Nelle acque interne italiane sono presenti 63 taxa indigeni di pesci, di cui 4 appartenenti alla classe dei Ciclostomi e ben 59 alla classe degli Osteitti o Pesci Ossei. Per quanto riguarda

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 OTTOBRE 2011 Sommario 1 Premessa...3 2 I popolamenti ittici delle acque

Dettagli

IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 -

IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 - IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 - Il Lago d Endine si trova nell alta Val Cavallina, dove si è formato nell era quaternaria in seguito ai fenomeni di escavazione dovuti al movimento

Dettagli

INDAGINE CHIMICO- FISICA

INDAGINE CHIMICO- FISICA Fiume: Biedano Stazione: Casalone Corpo idrico ricettore: Marta Comune interessato : Vetralla Codice: MA 06 La sesta stazione (F. Biedano) si trova in località Casalone (42 21 04 N, 11 56 33 E), in una

Dettagli

Schede specie ittiche

Schede specie ittiche Schede specie ittiche Teleostei Ordine ANGUILLIFORMI Famiglia ANGUILLIDI Anguilla (Anguilla anguilla) Di taglia media, questa specie è l'unico rappresentante per le nostre acque della famiglia degli Anguillidi.

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica dell 8 novembre 2000 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla

Dettagli

variabilità fra gli organismi viventi di ogni

variabilità fra gli organismi viventi di ogni Un approccio di gestione sostenibile per il mantenimento degli stock ittici autoctoni Fabio Borghesan Ittiologo, consulente Veneto Agricoltura Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI

Dettagli

LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO

LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO Provincia di Firenze Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca D.I.A.F. Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO Progetto di intervento per

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Risorse Faunistiche e Riserve Naturali

PROVINCIA DI SIENA Servizio Risorse Faunistiche e Riserve Naturali PROVINCIA DI SIENA Servizio Risorse Faunistiche e Riserve Naturali PIANO PROVINCIALE Per la pesca nelle acque interne 2008-2013 Sommario Introduzione 3 Il piano ittico della provincia di Siena...3 CAP.

Dettagli

VADEMECUM DEL PESCATORE

VADEMECUM DEL PESCATORE VADEMECUM DEL PESCATORE Per ottenere per la volta la licenza di pesca dilettantistica (Licenza di pesca di tipo B), ovvero per rinnovare la propria licenza di pesca scaduta (vale 365 giorni la data di

Dettagli

CARTA ITTICA della Provincia di Savona

CARTA ITTICA della Provincia di Savona PROVINCIA DI SAVONA Settore Difesa e Promozione Ambientale SERVIZIO ECOLOGIA CARTA ITTICA della Provincia di Savona UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIP.TE.RIS. DIPARTIMENTO PER LO STUDIO DEL TERRITORIO

Dettagli

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti ALLEGATO TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso A) Attrezzi consentiti 1. Nelle acque classificate come salmonicole è consentito soltanto l uso di una sola canna per

Dettagli

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi Provincia di Lodi CARTA ITTICA della provincia di lodi ALLEGATO B Schede delle Specie Ittiche Censite A cura di: Simone Rossi, Andrea Modesti, Sara Filippini 2009 Provincia di Lodi Coordinamento: Settore

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO

PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO LIBERAFIUMI 2010 PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO Lo scopo finale del WWF è fermare e far regredire il degrado dell ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire un futuro in

Dettagli

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 197-201 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 197 Nota breve - Short note Rilevamento e valutazione della fauna ittica dei laghi del Parco

Dettagli

Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino

Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino Dr. Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale - Università di Perugia 1 Recupero

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 30 agosto 2006 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla pesca

Dettagli

Zonazione ittica. Zona a ciprinidi reofili _ Tratto Collinare. Zona a ciprinidi limnofili _Tratto Planiziale

Zonazione ittica. Zona a ciprinidi reofili _ Tratto Collinare. Zona a ciprinidi limnofili _Tratto Planiziale Introduzione Nelle acque interne italiane sono presenti 63 taxa indigeni di pesci, di cui 4 appartenenti alla classe dei Ciclostomi e ben 59 alla classe degli Osteitti o Pesci Ossei. Per quanto riguarda

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative.

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Dott. Mario Richieri Dirigente Regionale Unità di Progetto Caccia e Pesca Dott. Luca Tenderini Responsabile Ufficio Pesca Villa Cordellina

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

MOLINO FIUMANA -RELAZIONE TECNICA DI CANTIERE - RELAZIONE ELETTRICA -USO, MANUTENZIONE -SPECIE ITTICHE PRESENTI

MOLINO FIUMANA -RELAZIONE TECNICA DI CANTIERE - RELAZIONE ELETTRICA -USO, MANUTENZIONE -SPECIE ITTICHE PRESENTI COMUNE DI MONGHIDORO PROVINCIA DI BOLOGNA MOLINO FIUMANA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO MICRO-IDROELETTRICO in via dei Mulini - potenza elettrica nominale pari a kwe 48.71 P.A.S. DL 387/03 art. 12 e successive

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA 2014 A cura di: Ufficio Pesca Provincia di Brescia Via Milano, 13-25126 BRESCIA Disegni: Enrichetta Descloux, (p. 11 e 29: Alberto Gadola) Cartografia: Graia

Dettagli

Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo

Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Indagine

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA MEMORANDUM PER I PESCATORI Tutti i cittadini italiani e stranieri in possesso della licenza, hanno uguale diritto ad esercitare la pesca nelle acque interne

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. Art. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento approvato dalle Province di Bergamo

Dettagli

Ricolonizzazione ittica su un tratto di fiume Piave periodicamente soggetto ad asciutte

Ricolonizzazione ittica su un tratto di fiume Piave periodicamente soggetto ad asciutte Biologia Ambientale - 2006, 20 (1): 211-215. Atti 10 Convegno Nazionale A.I.I.A.D., Montesilvano (PE), 2-3 aprile 2004. A.I.I.A.D. Ricolonizzazione ittica su un tratto di fiume Piave periodicamente soggetto

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA 2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA Il Naviglio Martesana è stato realizzato nel XV secolo con lo scopo principale di fornire acqua alle utenze agricole poste nella pianura a est di Milano. Nonostante la principale

Dettagli

Risultati della prima indagine ittiofaunistica nelle acque correnti della provincia di Crotone

Risultati della prima indagine ittiofaunistica nelle acque correnti della provincia di Crotone Studi Trent. Sci. Nat., Acta Biol., 80 (2003): 31-35 31 Studi Trent. Sci. Nat., Acta Biol., 80 (2003): 31-35 ISSN 0392-0542 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2004 Risultati della prima indagine

Dettagli

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale.

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale. NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA IN ACQUE LIBERE ORARI, PERIODI DI PESCA, MISURE E LIMITI DI CATTURA IMPORTANTE - Per le acque gestite da associazioni piscatorie valgono i divieti stabiliti dai relativi

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

Gli ecosistemi naturali del Tevere.

Gli ecosistemi naturali del Tevere. Gli ecosistemi naturali del Tevere. Il tratto Marconi Ostiense San Paolo Alessia Cerqua In questo tratto fluviale, caratterizzato dalla presenza di sponde naturali, la vegetazione ripariale presente appare

Dettagli

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI Claudio Comoglio Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie

Dettagli

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T Titolo Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento del territorio Ufficio della caccia e della pesca Consorzio D.R.I.F.T Alberto E. Conelli Oikos 2 Consulenza e ingegneria ambientale Sagl Monte Carasso (Ticino

Dettagli

In tutti i casi queste legislazioni sono focalizzate sulla esigenza di valutare lo stato d integrità biotica o ecologico dei sistemi al fine di

In tutti i casi queste legislazioni sono focalizzate sulla esigenza di valutare lo stato d integrità biotica o ecologico dei sistemi al fine di Negli ultimi decenni, tra i bioindicatori di nuova generazione, i pesci sono andati assumendo un crescente interesse per la valutazione della qualità ambientale in diversi ecosistemi acquatici continentali

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA

ENERGIA IDROELETTRICA partecipano ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Prospettive in riferimento alle novità legislative 2011-2012 Canoni e Rinnovi Concessioni Hydro Compatibilità Ambientali e Tecnologie di Settore CONVEGNO in

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli Euganei

Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli Euganei Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 89-95 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 89 Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli

Dettagli

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite 23. Panzarolo Knipowitschia punctatissima 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite Il panzarolo (o ghiozzetto punteggiato), specie endemica del distretto padano, è attualmente considerato in

Dettagli

Programma Ittico Annuale - 2015

Programma Ittico Annuale - 2015 PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA Servizio Agricoltura Spazio Rurale Flora e Fauna 47121 FORLI Piazza G.B. Morgagni 2 - tel. 0543/714572 - fax 447714 E-Mail: florfaun@provincia.forli-cesena.it PROGRAMMA ITTICO

Dettagli

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019 Servizio Caccia e Pesca LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019 Assessore alla Pesca e alla Polizia Provinciale: Giuseppe Canali Dirigente del Servizio Caccia e Pesca: Paolo Gabbi Responsabile

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro

Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro laghetto, e di fare quindi la verifica della sua tenuta, dovete avere già in mente quali piante e pesci

Dettagli

20 01 Le Specie Autoctone 21

20 01 Le Specie Autoctone 21 20 Le 21 22 Nessuna misura minima Alborella Alburnus alburnus alborella Alborella Nome comune: Alborella Nome scientifico: Alburnus alburnus alborella (De Filippi, 1844) Famiglia: Cyprinidae Nome dialettale:

Dettagli

I PESCI D ACQUA DOLCE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA

I PESCI D ACQUA DOLCE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA I PESCI D ACQUA DOLCE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA di Ivan Borroni 1 I pesci d acqua dolce e i corsi d acqua dell imperiese non erano mai stati studiati in maniera specifica prima delle indagini ittiologiche

Dettagli

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2013-2018

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2013-2018 Servizio Caccia e Pesca LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2013-2018 Assessore alla Pesca e alla Polizia Provinciale: Giuseppe Canali Dirigente del Servizio Caccia e Pesca: Paolo Gabbi Responsabile

Dettagli

IL DIRIGENTE RESPONSABILE VISTI

IL DIRIGENTE RESPONSABILE VISTI REGIONE PIEMONTE BU32 08/08/2013 Provincia Varese - Settore Ecologia ed energia Provvedimento n. 1872 del 07/06/2013: Concessione alla Società Enel Green Power Villoresi S.r.l. per utilizzare a scopo idroelettrico

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DELLA PISCICOLTURA AGRICOLA IN RISAIA (art.25, comma 6, Regolamento D.P.G.R. 21/04/2008, N. 6/R) ART.1 NORME GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Biota delle acque dolci

Biota delle acque dolci Dr. Alessandra Ippoliti 13 dicembre 2011 Biota delle acque dolci Le acque dolci continentali si distinguono in: ACQUE LOTICHE (fiumi, torrenti, canali) ACQUE LENTICHE (laghi, stagni, invasi) Ospitano un

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma 1, lettera c del Regolamento Regionale 22

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato a Pallanza nella seduta di Commissione del 5 giugno 1996 IN VIGORE DAL 1 SETTEMBRE 1996 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE

Dettagli

VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI PISA - RISULTATI

VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI PISA - RISULTATI Università degli Studi di Siena DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI Sezione di Ecologia Via Mattioli, 4, 53100 Siena, Italy Tel. + 39 0577 232832 Fax. + 39 0577 232930 VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) 923.01 del 24 novembre 1993 (Stato 16 gennaio 2001) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 a 6 e 21 della legge federale del 21

Dettagli

Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna. Francesco Zaccanti

Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna. Francesco Zaccanti Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna Francesco Zaccanti Simone Capostagno, Andrea De Paoli, Rosanna Falconi, Francesco Nigro, Giovanni Rossi, Gianluca Zuffi

Dettagli

Aldo Cosentino, Alessandro La Posta, Mario Spagnesi, Silvano Toso

Aldo Cosentino, Alessandro La Posta, Mario Spagnesi, Silvano Toso La collana Quaderni di Conservazione della Natura nasce dalla collaborazione instaurata tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, Direzione per la Protezione della Natura e l Istituto

Dettagli

DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO

DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO RIPRISTINO DELLA CONNETTIVITÀ DEL BACINO DEL FIUME PO Intervento di deframmentazione del nodo idraulico generato dalla Diga di Isola Serafini Dott. Cesare

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C)

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) 1 1. PREMESSA Attraverso studi ed indagini effettuati nel 2004 nell area del SIC IT1343502 Parco Magra- Vara

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Comune di BUJA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Pianif. Terr. Gabriele VELCICH V A R I AN T E 39 (Protezione civile) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA SU SIC 1 Premessa La valutazione d'incidenza

Dettagli

La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN.

La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN. Quaderni ETP 34 2006 Journal of Freshwater Biology La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN. The freshwater fish of Liguria (Northen Italy): check list

Dettagli

Obiettivi del progetto

Obiettivi del progetto Obiettivi del progetto Obiettivo generale del progetto è la conservazione della fauna ittica nativa del Fiume Po e del suo bacino, in particolare delle specie migratrici considerate prioritarie dalla Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE Art. 1 Obiettivi 1. Il presente Regolamento, in conformità con le leggi

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI:

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: STRUTTURA, BIOLOGIA, TUTELA Prof. Ettore Grimaldi Dott. Alessandra Ippoliti* * G.R.A.I.A. Srl Varano Borghi (VA) Como, Università dell Insubria Giugno 2003 Il popolamento ittico

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Viti perpetue a forza idraulica. Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica

Viti perpetue a forza idraulica. Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica Viti perpetue a forza idraulica Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica Acqua in movimento còclea idraulica trasmissione trogolo La nuova tipologia di produzione energetica La còclea

Dettagli

L.R. 02 Maggio 1995, n. 16

L.R. 02 Maggio 1995, n. 16 L.R. 02 Maggio 1995, n. 16 (Pubblicata nel BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LAZIO n 13 del 12 Maggio 1995) Norme per la tutela del patrimonio ittico e per la disciplina dell'esercizio della pesca nelle

Dettagli

CORSI D ACQUA NATURALI

CORSI D ACQUA NATURALI PROVINCIA DI CREMONA CORSI D ACQUA NATURALI Esemplare di siluro (Silurus glanis) pescato nel fiume Po a Spinadesco fotografia di Carlo Lombardi CORSI D ACQUA NATURALI CARTA DELLE VOCAZIONI ITTICHE PO Fiume

Dettagli

0.923.413. I. Campo d applicazione

0.923.413. I. Campo d applicazione Traduzione 1 Convenzione fra la Svizzera e il Paese del Baden-Württemberg concernente la pesca negli invasi del Reno presso l officina idroelettrica di Rheinau 0.923.413 Conchiusa a Rheinau il 1 novembre

Dettagli

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige?

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige? Lista dei quiz per l esame di pesca: Si premette che la prova scritta dell esame di pesca comprende anche il riconoscimento di specie ittiche da materiale fotografico e l indicazione per esse del relativo

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n.

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n. CACCIA E R.R. 22 maggio 2003, n. 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, n. 9 «Attuazione della L.R. 30 luglio 2001 n. 12 Norme per l incremento e la tutela del patrimonio ittico e l esercizio della pesca

Dettagli

Approvato con Delibera di Giunta Regionale n... del...

Approvato con Delibera di Giunta Regionale n... del... ALLEGATO B REGOLAMENTO DI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELLE VALLI DEL CEDRA E DEL PARMA E DEL SIC/ZPS IT4020020 - CRINALE DELL APPENNINO PARMENSE - ANNO 2016 Approvato con

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Il corridoio ecologico del Fiume Oglio, elemento connettivo della rete ecologica camuna

Il corridoio ecologico del Fiume Oglio, elemento connettivo della rete ecologica camuna RETE NATURA DI VALLE CAMONICA Aree protette di Valle Camonica: custodire la diversità della vita, consegnare al futuro l identità delle comunità alpine GIORNATA DI STUDI SUL SISTEMA DELLE AREE PROTETTE

Dettagli

LIFE14 NAT/IT/ River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem. Azione A3

LIFE14 NAT/IT/ River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem. Azione A3 BIOPROGRAMM S.C. LIFE14 NAT/IT/000809 River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem Azione A3 Indagini ittio-faunistiche sul fiume Sile LIFE14 NAT/IT/000809

Dettagli

Piano Regionale per la Pesca nelle Acque Interne

Piano Regionale per la Pesca nelle Acque Interne Regione Toscana Allegato A Piano Regionale per la Pesca nelle Acque Interne (l.r. 7/2005) anni 2007-2012 1 Piano Regionale per la Pesca nelle Acque Interne 2007-2012 INDICE 1. QUADRO ANALITICO 1.1 Caratteristiche

Dettagli

Convenzione fra la Svizzera e il Paese del Baden-Württemberg concernente la pesca negli invasi del Reno presso l officina idroelettrica di Rheinau

Convenzione fra la Svizzera e il Paese del Baden-Württemberg concernente la pesca negli invasi del Reno presso l officina idroelettrica di Rheinau Traduzione 1 Convenzione fra la Svizzera e il Paese del Baden-Württemberg concernente la pesca negli invasi del Reno presso l officina idroelettrica di Rheinau 0.923.413 Conchiusa a Rheinau il 1 novembre

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Comune di Garessio

REGIONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Comune di Garessio INDICE 1. ASPETTI INTRODUTTIVI...2 1.1 INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 1.2 PROVENIENZA DEI DATI DI INPUT...5 2. ITTIOFAUNA NEL TRATTO IN ESAME...6 2.1 POPOLAMENTO ITTICO...6 2.2 SPECIE TARGET DA FAVORIRE,

Dettagli

Alborella (Alburnus alburnus alborella)

Alborella (Alburnus alburnus alborella) Agone (Alosa fallax lacustris) L agone è una specie autoctona, appartenente alla famiglia dei Clupeidi, di taglia media che raramente raggiunge i 40 cm di lunghezza. Si tratta di una specie fortemente

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia.

Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia. Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia. MODALITA DI ACCESSO Nei tratti in concessione la pesca è consentita solo ai tesserati FIPSAS, in regola

Dettagli

Previsione della composizione della fauna ittica mediante reti neurali artificiali

Previsione della composizione della fauna ittica mediante reti neurali artificiali Biologia Ambientale, 18 (1): 25-31. Atti 9 Convegno Nazionale A.I.I.A.D., Acquapartita (FC), 11-13 giugno 2002. A.I.I.A.D., Università degli Studi di Parma Previsione della composizione della fauna ittica

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 Attuazione della l.r. 30 luglio 2001, n. 12 Norme per l'incremento e la tutela del patrimonio ittico e l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Lombardia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia REGIONE CALABRIA Dirigente - Servizio n.10, Sistema

Dettagli

Proposte di gestione per il fiume Adige

Proposte di gestione per il fiume Adige Allegato parte integrante Piano Adige 2012 Associazione pescatori dilettanti della Vallagarina Provincia Autonoma di Trento Servizio Foreste e Fauna Associazione pescatori dilettanti trentini Proposte

Dettagli