Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche"

Transcript

1 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche Parte teorica: Sistema di Qualità di un Officina farmaceutica: Assicurazione Qualità Tito Picotti Alfredo Trotta 29/03/2011

2 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche2 Indice dei contenuti 1. Current Good Manufacturing Practices (cgmp, NBF) 2. Plant Quality Assurance System 3. Procedure Operative Standard (SOP) 4. Formazione 5. Ispezioni Interne ed Esterne (Audits) 6. Batch Record Review (BRR) 7. Deviazioni e Reclami 8. Ritiri dal mercato 9. Qualifiche e Convalide 10.Change Control 11.Azioni Correttive e Preventive (CAPA) 12.Product Quality Review (PQR)

3 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche3 1. Current Good Manufacturing Practices (cgmp, NBF)

4 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche4 Riferimenti normativi D.Lgs. n. 219 del 24 aprile 2006 attuazione di: Direttiva 2001/83/CE, relativa ad un codice comunitario concernente i medicinali per uso umano Direttiva 2003/94/CE, che stabilisce i principi e le linee guida delle norme di buona fabbricazione relative ai medicinali per uso umano ed ai medicinali per uso umano in fase di sperimentazione Titolo IV: Produzione ed Importazione Capo II: Linee Guida sulle Norme di Buona Fabbricazione (articoli 58 72) EudraLex: The Rules Governing Medicinal Products in the European Union Volume 4: EU Guidelines to Good Manufacturing Practice Medicinal Products for Human and Veterinary Use (http://ec.europa.eu/health/documents/eudralex/vol- 4/index_en.htm)

5 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche5 Le GMP del farmaco Campo di applicazione 1. Progettazione 2. Sviluppo 3. Industrializzazione 4. Produzione 5. Conservazione 6. Controllo 7. Rilascio sul mercato 8. Distribuzione

6 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche6 Le GMP del farmaco I capitoli 1. Quality Management 2. Personnel 3. Premise and Equipment 4. Documentation 5. Production 6. Quality Control 7. Contract Manufacture and Analysis 8. Complaints and Product Recall 9. Self Inspection

7 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche7 Le GMP del farmaco Gli allegati 1. Manufacture of Sterile Medicinal Products 2. Manufacture of Biological Medicinal Products for Human Use 3. Manufacture of RadioPharmaceuticals 4. Manufacture of Veterinary Medicinal Products other than Immunological Veterinary Medicinal Products 5. Manufacture of Immunological Veterinary Medicinal Products 6. Manufacture of Medicinal Gases 7. Manufacture of Herbal Medicinal Products 8. Sampling of Starting and Packaging Materials 9. Manufacture of Liquids, Creams and Ointments 10. Manufacture of Pressurised Metered Dose Aerosol Preparations for Inhalation

8 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche8 11. Computerised Systems Le GMP del farmaco Gli Allegati 12. Use of Ionising Radiation in the Manufacture of Medicinal Products 13. Manufacture of Investigational Medicinal Products 14. Manufacture of Products derived from Human Blood or Human Plasma 15. Qualification and validation 16. Certification by a Qualified person and Batch Release 17. Parametric Release 18. Good manufacturing practice for active pharmaceutical ingredients (diventato Parte II) 19. Reference and Retention Samples 20. Quality Risk Management

9 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche9 1. Quality Management Quality Assurance Good Manufacturing Practice Quality Control Product Quality Review Quality Risk Management

10 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche10 1. Quality Management QUALITY ASSURANCE is a wide-ranging concept, which covers all matters, which individually or collectively influence the quality of a product. It is the sum total of the organised arrangements made with the objective of ensuring that medicinal products are of the quality required for their intended use. Quality Assurance incorporates Good Manufacturing Practice. QUALITY CONTROL is that part of Good Manufacturing Practice which is concerned with sampling, specifications and testing, and with the organisation, documentation and release procedures which ensure that the necessary and relevant tests are actually carried out and that materials are not released for use, nor products released for sale or supply, until their quality has been judged to be satisfactory. GOOD MANUFACTURING PRACTICE is that part of Quality Assurance which ensures that products are consistently produced and controlled to the quality standards appropriate to their intended use and as required by the Marketing Authorisation or product specification. Good Manufacturing Practice is concerned with both production and quality control.

11 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche11 2. Personale Organigrammi e Job Descriptions Responsabilità dei Ruoli Chiave Responsabile della Produzione Responsabile del Controllo Qualità Persona Qualificata Formazione Igiene Visite mediche periodiche Indumenti protettivi adeguati Divieto di fumo, di alimentazione, di medicinali nei locali produttivi Esenzioni dal lavoro per malattia Precauzioni nella produzione dei prodotti sterili

12 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche12 3. Locali ed apparecchiature I locali e le apparecchiature devono essere progettati e realizzati in modo da essere adeguati allo scopo ed evitare la contaminazione del prodotto Contaminazione crociata (cross-contamination) Frammischiamento (mix-up) Contaminazione microbiologica)

13 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche13 3. Locali ed apparecchiature Locali Layout razionali e flussi adeguati Air conditioning (temperatura, umidità, pressione, grado di filtrazione dell aria) Superfici facilmente pulibili e prive di recessi Illuminazione adeguata Locali dedicati a particolari prodotti (es. penicilline) Laboratori, officina, servizi igienici ed aree di ristoro separati dalla produzione Procedure di pulizia e programmi di manutenzione Procedure di derattizzazione e disinfestazione

14 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche14 3. Locali ed apparecchiature Apparecchiature Progettate per adeguatezza e facilità di uso, pulizia, manutenzione e taratura Superfici facilmente pulibili e prive di recessi, chimicamente non reattive, che non rilasciano o assorbono Procedure di uso e pulizia Programmi di manutenzione e taratura

15 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche15 5. Produzione Requisiti generali Operazioni eseguite in conformità a procedure o istruzioni scritte e registrate Deviazioni autorizzate Accesso alle aree di produzione ristretto al solo personale autorizzato Materiali correttamente identificati, controllati e conservati Verifica della resa e riconciliazione delle quantità Locali e contenitori identificati con prodotto lotto e fase di produzione Identificazione e segregazione materiali respinti Locali e macchine dedicate ai medicinali

16 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche16 5. Produzione Prevenzione della cross-contamination Evitare operazioni su prodotti diversi nello stesso locale Locali dedicati o produzione a campagne Adeguate condizioni ambientali (classi, ricambi d aria), espulsione totale o filtrazione dell aria di ricircolo Vestizione del personale Procedure di pulizia e sanificazione locali ed apparecchiature Identificazione dello stato di pulizia delle macchine Sistemi chiusi di produzione

17 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche17 5. Produzione Preparazione Controllo identità materiali Verifica rimozione materiali e documenti estranei dalla linea Controlli di processo ed ambientali Confezionamento Controllo identità materiali Verifica rimozione materiali e documenti estranei dalla linea Controlli di processo: funzionalità lettori di codice, identità prodotto, timbratura dati variabili, completezza confezioni Riconciliazione materiali stampati Distruzione prodotto timbrato col numero di lotto

18 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche18 7. Fabbricazione ed Analisi affidate a terzi Responsabilità del committente Qualificare il fornitore Fornire tutti i dati necessari Garantire la conformità del prodotto Responsabilità del fornitore Know how locali ed attrezzature adeguate Autorizzazione alla fabbricazione Conformità dei materiali usati in produzione Non affidamento a terzi delle attività salvo autorizzazione Le responsabilità del committente e del fornitore relativamente ai requisiti legati all AIC del prodotto ed al rispetto delle GMP devono essere riportate in un contratto scritto (Quality Agreement)

19 2. Plant Quality Assurance System 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche19

20 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche20 Quality Unit Controllo Qualità Assicurazione Qualità Batch Record Review Corrective And Preventive Actions Product Quality Review Internal and External Auditing Documentation & Change Control Training Deviations, Complaints & Recalls Validation

21 3. Procedure Operative Standard (SOP) 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche21

22 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche22 Documentazione Requisiti Conformità all autorizzazione a produrre ed all A.I.C. Contenuto chiaro e non ambiguo Copie chiare e leggibili. La riproduzione di documenti di lavoro da master non deve essere fonte di errori I documenti master non devono essere scritti a mano. Le registrazioni devono essere chiare, leggibili ed indelebili. Ogni correzione ad un dato registrato deve essere firmato e datato; la correzione deve permettere la lettura del dato originario; se opportuno, deve essere riportata la ragione della correzione. Le registrazioni devono essere in tempo reale. Le registrazioni devono essere mantenute per almeno un anno dopo la scadenza del prodotto finito.

23 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche23 Documentazione Quali documenti? Procedure gestionali ed operative Specifiche dei componenti, degli intermedi e dei prodotti finiti Formula di preparazione (distinta di base) Metodi di preparazione e confezionamento (Master Batch Records) e relative registrazioni (Batch Records) Metodi di campionamento ed analisi e relative registrazioni Log book delle attrezzature Cartaceo Elettronico Quale formato?

24 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche24 Livelli di documentazione I livello: II Livello: Dossier di registrazione Site Master File Validation Master Plan Procedure Gestionali III livello: IV livello: Procedure Operative Metodi di Lavorazione Metodi di analisi Protocolli di convalida Registrazioni

25 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche25 Requisiti di una SOP A quali domande deve rispondere una SOP? Perché? Chi? Cosa? Dove? Quando? Come? Regola delle 5W + H

26 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche26 Contenuto di una SOP Scopo Campo di applicazione Responsabilità Definizioni Modalità Operative Attività Frequenza Modalità di registrazione Criteri di accettazione Gestione delle anomalie

27 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche27 Formato di una SOP Titolo Numero di identificazione Numero di revisione (es.: Rev.00) Data di entrata in vigore Numero progressivo e numero totale delle pagine (es.: pag. 1 di 12) Firme di chi ha redatto, verificato ed approvato la procedura Storia delle revisioni Lista di distribuzione

28 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche28 Ciclo di vita di una SOP Redazione Revisione Approvazione Archiviazione originale Distribuzione controllata copie Formazione Entrata in vigore Annullamento o revisione Ritiro e distruzione copie obsolete

29 4. Formazione 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche29

30 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche30 Requisiti Formazione sulle norme GMP per tutto il personale che esegue attività GMP-critiche Sorgenti di formazione: Inserimento / Cambio mansione Piano di formazione specifico per mansione Aggiornamento Correttiva Tipi di formazione: Teorica su normative, linee guida, ecc Teorica sulle procedure Tecnico-operativa (addestramento) Piano annuale di formazione Registrazione della formazione: verbali Verifica dell efficacia della formazione Immediata Periodica

31 5. Ispezioni Interne ed Esterne (Audits) 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche31

32 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche32 Obiettivo delle ispezioni Verificare la conformità alle cgmp e definire azioni correttive in relazione alle non conformità riscontrate Le ispezioni esterne sono parte del flusso di qualifica e monitoraggio dei fornitori

33 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche33 Flusso delle ispezioni Preparazione Programma annuale Team di auditor qualificati Esecuzione (check-list) Redazione report Definizione AC Follow-up

34 6. Batch Record Review (BRR) 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche34

35 Flusso di Batch Record Review 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche35

36 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche36 Elementi da verificare VERIFICHE GENERALI Conformità delle registrazioni allo standard Conformità delle correzioni Corrispondenza numero e tipologia allegati Completezza firme Completezza della documentazione (n. totale pagine) Presenza di variazioni non autorizzate Eventuale presenza di Non Conformità Eventuale presenza di Change Control

37 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche37 Elementi da verificare VERIFICHE SPECIFICHE PER LOTTO Corrispondenza con i dati dell ordine di lavorazione Correttezza data di preparazione Corrispondenza data di scadenza (confezionamento) Corrispondenza pesate MP Controlli in process Conformità dati variabili (confezionamento) Conformità riconciliazione materiali (confezionamento) Corrispondenza quantità Prodotto Sfuso utilizzata (confezionamento) Corrispondenza quantità Prodotto Finito (confezionamento)

38 7. Deviazioni e Reclami 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche38

39 Definizioni Deviazione di prodotto: difetto relativo alle caratteristiche chimiche fisiche, l identità, la qualità, la purezza, la potenza, la robustezza, l affidabilità, la sicurezza, l efficacia, la validità, la funzionalità di un prodotto, riscontrata PRIMA del suo rilascio per la distribuzione. Deviazione di sistema: mancato soddisfacimento di un requisito dettato da norme, prescrizioni di legge e/o documentazione interna del Sistema Qualità. Reclamo: qualsiasi comunicazione scritta, in formato elettronico o cartaceo o anche da semplice telefonata o informazione verbale che segnala difetti relativi alle caratteristiche chimiche fisiche, l identità, la qualità, la purezza, la potenza, la robustezza, l affidabilità, la sicurezza, l efficacia, la validità, la funzionalità di un prodotto DOPO il suo rilascio per la distribuzione. Trattamento: il complesso delle azioni rivolte alla correzione del prodotto non conforme. In particolare il prodotto non conforme può essere: Cernito Rilavorato Respinto parzialmente Respinto interamente Ritirato dal mercato 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche39

40 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche40 Classificazione dei reclami Reclamo critico (o reclamo ad alto impatto) si intende un reclamo che può comportare un impatto sull utente finale in termini di sicurezza ed efficacia e che pertanto implica l applicazione della procedura di ritiro di prodotto dal mercato. Reclamo a medio impatto si intende un reclamo che riguarda difetti che possono causare un efficacia ridotta del prodotto senza rischi per la salute. Reclamo a basso impatto si intende un reclamo che riguarda difetti di fabbricazione senza impatto sull utilizzo o sulla funzionalità del prodotto. Reclamo giustificato è un reclamo le cui indagini ne hanno confermato l attendibilità. Reclamo non giustificato è un reclamo le cui indagine non ne hanno confermato l attendibilità. Reclamo medico è una segnalazione relativa a morte, serio danno alla salute, reazione avversa o malattia associata all uso di un prodotto ACRAF con implicazioni mediche.

41 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche41 Flusso delle Non Conformità Notifica NC Indagine estesa anche ad altri lotti potenzialmente coinvolti Valutazione della criticità Trattamento del lotto Analisi delle cause Gestione CAPA

42 8. Ritiri dal mercato 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche42

43 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche43 Cause e tipologie di ritiro Ci sono diverse cause che possono generare un ritiro: Difetto di qualità e problematiche di farmacovigilanza tali da compromettere l efficacia e la sicurezza del prodotto: in questo caso l input del ritiro proviene da un Reclamo. Motivi regolatori: quando le Autorità dispongono un ritiro a seguito di variazioni maggiori dell AIC come ad esempio quelle che comportano le variazioni di stampati. Motivi commerciali: quando si decide di non commercializzare più un determinato prodotto. I ritiri possono essere: URGENTI: sono ritiri non programmati imposti dalle Autorità competenti o decisi dall azienda, si riferiscono a problematiche produttive che hanno dimostrato criticità qualitative del prodotto. I destinatari merce devono essere informati entro 72 ore. NON URGENTI: sono sempre ritiri programmati imposti dalle Autorità competenti in genere per una modifica da apportare agli stampati. Sono quelle più comuni. I destinatari devono essere informati entro il giorno di fine commercializzazione. I ritiri possono essere volontari, cioè su decisione del Titolare dell AIC, o imposti da Autorità Competenti.

44 Classificazione dei ritiri (1/2) Classe 1 Richiamo in seguito a difettosità del prodotto che con una ragionevole probabilità può causare un grave rischio di salute o morte. Prodotto errato: etichette e contenuto non corrispondenti con conseguenze sulla salute pubblica non reversibili. Prodotto con dosaggio errato con serie conseguenze mediche Contaminazione microbiologica di prodotto sterile iniettabile od oftalmico che può causare danni irreversibili Mix Up tra prodotti differenti: principio attivo errato in prodotti multi-componenti con serie conseguenze mediche Il richiamo dei lotti coinvolti è molto urgente ed è esteso al paziente (es. tramite i mass-media ) oltre che ai destinatari dei lotti coinvolti, alle categorie professionali interessate (es. Banche Dati e Associazioni di Categoria). Classe 2: Richiamo in seguito a difettosità del prodotto che può causare un rischio temporaneo o reversibile alla salute, ma dove la probabilità di un serio danno alla salute del paziente è remota. Non di classe 1. Etichettatura non corretta: testi mancanti, non aggiornati o errati che può causare un potenziale rischio per la salute pubblica Contaminazione microbica di prodotto sterile non iniettabile e non oftalmico con conseguenti mediche 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche44

45 Classificazione dei ritiri (2/2) Contaminazione chimico-fisica (impurità significative, crosscontamination, particelle/corpi estranei) che può causare un potenziale rischio per la salute pubblica Mix Up tra prodotti e contenitori primari (contraffazione) Non conformità alle specifiche (titolo, stabilità, peso e contenuto) Chiusura non corretta e sicura con conseguenze mediche: contenitori di prodotti ad alta attività, citotossici, contenitori di difficile apertura a prova di bambino Il richiamo è urgente ed è esteso ai clienti destinatari dei lotti coinvolti (farmacie, grossisti, ecc.), alle Banche Dati e alle Associazioni di Categoria. Classe 3: Richiamo in seguito a difettosità del prodotto che potrebbe causare un danno minore (ovvero non permanente, ne temporaneo, ne grave) alla salute del paziente. Non di classe 1 e 2 Packaging difettoso: numero di lotto e data di scadenza errati, mancanza o mix up di elementi della confezione Chiusura difettosa non di classe 2 Contaminazione microbica di prodotti non sterili Contaminazione fisica non di classe 2 (residui di sporcizia, particelle e corpi estranei) Non c è richiamo ma solo blocco informatico delle eventuali giacenze di magazzino dei lotti coinvolti. 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche45

46 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche46 Flusso del ritiro dal mercato (1/2) QP e AQ definiscono il Team Leader Convocazione Team Recall Blocco partita Tracciabilità Destinatari Merce Definire il Metodo di Ritiro Definire il Trasportatore Definire il trattamento della merce Compilazione, approvazione ed INVIO lettera alle Autorità ed ai clienti

47 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche47 Flusso del ritiro dal mercato (2/2) MONITORAGGI PERIODICI (mensili) Riconciliazione Lettere Riconciliazione merce (per ogni cliente) Chiusura operazione ritiro Blocco autorizzazione resi Riconciliazione merce TOTALE Distruzione o Rilavorazione Eventuale informazione Autorità Archiviazione documentazione

48 9. Qualifiche e Convalide 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche48

49 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche49 Definizioni Convalida Evidenza documentata in grado di dimostrare con elevato grado di accuratezza che un processo (processo produttivo, procedura, metodo di analisi) funzionerà in modo riproducibile soddisfacendo le specifiche prefissate. Qualifica Evidenza documentata in grado di dimostrare con elevato grado di accuratezza che un sistema (strumento/ equipment/ impianto/ building/ sistema computerizzato), è stato installato, funziona e fornisce delle prestazioni in conformità a specifiche predefinite.

50 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche50 Vantaggi Più conoscenza Affidabilità dei processi Vengono gestite le variabili esterne Riduzione dei costi di gestione Riduzione dei costi della non qualità Incremento produttività Riduzione dei test (costi) di controllo finale Rapidità di investigazioni

51 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche51 Struttura della documentazione di convalida Autorizzazione Certif. Site Master File Validation Master Plan Protocollo di Convalida Rapporto di Convalida

52 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche52 Flusso generale delle attività QUALIFICA EQUIPMENT / IMPIANTI / SISTEMI COMPUTERIZZATI CONVALIDA METODI ANALITICI CONVALIDA PULIZIA SANIFICAZIONE Specifiche Utente Qualifica Prestazioni (PQ) Specifiche Funzionali Qualifica Operativa (OQ) PRODUZIONE INDUSTRIALE Specifiche Design di Qualifica Installazione (IQ) Design Qualification CONVALIDA PROCESSO

53 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche53 Valutazione del rischio di qualifica RISK ASSESSMENT SISTEMA CON IMPATTO SUL PRODOTTO? SI SISTEMA CON IMPATTO DIRETTO NO QUALIFICA SISTEMA CON NESSUN IMPATTO NO IL SISTEMA E CONNESSO AD UN SISTEMA AD IMPATTO DIRETTO? NO QUALIFICA SI SISTEMA CON IMPATTO INDIRETTO VALUTAZIONE NECESSITA QUALIFICA DELLE INTERFACCE CON I SISTEMI AD IMPATTO DIRETTO

54 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche54 E dopo aver convalidato? Mantenimento del sistema Periodic Review Cambiamenti del sistema Change control Riconvalida

55 10. Change Control 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche55

56 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche56 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura di change control è di garantire che, prima di implementare una modifica: 1. se ne valuti la criticità e si definiscano le azioni da intraprendere per ridurne il rischio 2. Si definisca l impatto sulla documentazione aziendale al fine di garantirne l aggiornamento La procedura di change control si applica a tutti i processi ed i sistemi che possono avere un impatto diretto o indiretto sulla qualità del prodotto

57 Flusso del Change Control Proposta di cambiamento Valutazione dell impatto regolatorio e GMP tramite analisi dei rischi Pianificazione attività Autorizzato? NO Fine Esecuzione attività Chiusura change 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche57 SI Implementazione del change

58 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche Azioni Correttive e Preventive (CAPA)

59 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche59 Definizioni Azione Correttiva Azione intrapresa per eliminare le cause di esistenti non conformità al fine di prevenire il loro ripetersi. Da non confondersi con le azioni di TRATTAMENTO, rivolte alla correzione del prodotto non conforme. Azione Preventiva Azione intrapresa per eliminare le cause di potenziali (cioè non ancora verificatesi) non conformità, al fine di prevenire il loro manifestarsi.

60 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche60 Sorgenti di CAPA Deviazioni Reclami / Ritiri Audit Interni / Esterni Convalide / Qualifiche Product Quality Review Management Review Monitoraggio continuo

61 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche61 Flusso del CAPA Definizione Pianificazione Attuazione NO Verifica attuazione Verifica efficacia OK? SI Fine

62 12. Product Quality Review (PQR) 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche62

63 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche63 Obiettivo Verificare la robustezza del processo esistente e l adeguatezza delle specifiche in vigore sia per i materiali che per il prodotto finito, al fine di evidenziare trend negativi ed identificare miglioramenti sul prodotto e sul processo.

64 29/03/2011 Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche64 Requisiti Il PQR dovrebbe essere emesso con frequenza annuale È possibile raggruppare I prodotti in famiglie omogenee Quando il Produttore non è anche Titolare dell A.I.C., le relative responsabilità devono essere definite nel Quality Agreement Il PQR deve includere, almeno, la revisione di: Materie prime e materiali di confezionamento Controlli di processo e controlli di rilascio critici Controlli di stabilità e trend avversi Lotti respinti Non conformità significative, relative investigazioni ed efficacia delle azioni correttive e preventive Resi, reclami e ritiri qualitativi, con investigazione Modifiche implementate Stato delle attività di qualifica Variazioni sottomesse, approvate, rifiutate; post-marketing commitments. Quality Agreements con clienti / fornitori Stato delle azioni correttive identificate nei precedenti PQR

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

Le Norme di Buona Fabbricazione

Le Norme di Buona Fabbricazione Farmaci Biologici i i e Biotecnologici: i i problematiche specifiche nella produzione GMP Anna Laura Salvati, CRIVIB QUALITÀ E SICUREZZA DEI FARMACI BIOLOGICI E DEI FARMACI PRODOTTI CON BIOTECNOLOGIE (BIOTECNOLOGICI)

Dettagli

Linee guida NBF parte III: GMP related documents

Linee guida NBF parte III: GMP related documents DIPARTIMENTO DELLA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Linee guida

Dettagli

Il Sistema Qualità in una Unità di Raccolta. a cura dello studio necstep

Il Sistema Qualità in una Unità di Raccolta. a cura dello studio necstep Il Sistema Qualità in una Unità di Raccolta a cura dello studio necstep MAPPA SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÁ Processo di indirizzo e pianificazione DOC Pianificazione prodotti-processi Piano Indicatori

Dettagli

Revisione dei capitoli delle GMP: stato dell arte

Revisione dei capitoli delle GMP: stato dell arte 9 INFODAY medicinali veterinari Revisione dei capitoli delle GMP: stato dell arte Anna Rita Villani Dirigente chimico, Ufficio 05 Roma, 21 maggio 2015 le EuGMP sono abbastanza «datate» Direttiva 91/412/CE

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-IO 053 Convalida connettore sterile

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-IO 053 Convalida connettore sterile 1 1 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ In riferimento a quanto definito dalle disposizioni normative vigenti, Lo scopo di questo Piano di convalida è garantire il corretto svolgimento delle attività da svolgere: ai

Dettagli

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere Consulting Line Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere le Persone, le Competenze e le Tecnologie più adatte si rivelerà sempre una decisione determinante. Scegliere fra le formule Body Rental

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica.

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Utilizziamo gli strumenti più idonei a mantenerci sul sentiero di Miglioramento Continuo grazie

Dettagli

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione Sartirana Marina On-Site Audit: step critico nell iter di approvazione Parte fondamentale dell iter approvativo di un supplier è quella relativa

Dettagli

Corsi di taglio basic su argomenti consolidati, frutto di un esperienza pluri-ventennale maturata sul campo in ambito GMP.

Corsi di taglio basic su argomenti consolidati, frutto di un esperienza pluri-ventennale maturata sul campo in ambito GMP. BASIC TRAINING 2014 La FORMAZIONE è l elemento su cui si basa la garanzia della QUALITÀ AZIENDALE e rappresenta il mezzo per poterne curare il CONTINUO AGGIORNAMENTO. BASIC TRAINING Corsi di taglio basic

Dettagli

Norme de buona fabbricazione

Norme de buona fabbricazione La disciplina relativa ai medicinali nell Unione europea Volume 4 Norme de buona fabbricazione Medicinali per uso umano e medicinali veterinari Edizione 1999 COMMISSIONE EUROPEA Direzzione generale III

Dettagli

Principali attività di Sviluppo Farmaceutico. Convergenze con l Università?

Principali attività di Sviluppo Farmaceutico. Convergenze con l Università? Principali attività di Sviluppo Farmaceutico Convergenze con l Università? La collaborazione è il cuore di SF ADME QA Corporate Produzione Tossicologia Discovery Pre- Formulaz. QA R&S Marketing Svil. Formulaz.

Dettagli

Allegato 6 Produzione di gas medicinali. Tratto dalle Norme di buona Fabbricazione (GMP)

Allegato 6 Produzione di gas medicinali. Tratto dalle Norme di buona Fabbricazione (GMP) Ufficio Autorizzazione Officine Allegato 6 Produzione di gas medicinali Tratto dalle Norme di buona Fabbricazione (GMP) Traduzione validata dall Ufficio Autorizzazione Officine - AIFA Trattasi di una traduzione

Dettagli

La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci

La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci A RTICOLO T ECNICO La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci Sul numero 1/2010 abbiamo parlato dell analisi del rischio e delle sue applicazioni nel settore farmaceutico. Sempre prendendo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SCOPO DEL DOCUMENTO

ALLEGATO TECNICO SCOPO DEL DOCUMENTO ALLEGATO TECNICO CAPITOLATO DESCRITTIVO DEI SERVIZI DI QUALIFICA E CONVALIDA DI UN LABORATORIO PER IL CONTROLLO DI FARMACI E PRODOTTI DA TERAPIE AVANZATE SECONDO IL SISTEMA GOOD MANUFACTURING PRACTICE

Dettagli

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Anna Piccolboni - Gianluigi Moroni ZAMBON GROUP S.p.A. Giorgio Civaroli CTP System The strength of innovation ZAMBON GROUP S.p.A. Fondata

Dettagli

GMP School. Involved Job Positions. Formazione in House. Learning by experience

GMP School. Involved Job Positions. Formazione in House. Learning by experience GMP School Involved Job Positions Learning by experience www.pec-courses.org Personale di produzione Quality Assurance Quality Control Personale Ingegneria Personale Manutenzione Formazione in House È

Dettagli

La gestione efficace degli Audit nella produzione di API e Specialità medicinali

La gestione efficace degli Audit nella produzione di API e Specialità medicinali FOCUSED COURSE La gestione efficace degli Audit nella produzione di API e Specialità medicinali 2-3 FEBBRAIO 2011 MILANO - AtaHotel Executive WWW.PEC-COURSES.ORG PERCHE' PARTECIPARE L Audit GMP, nel mondo

Dettagli

GMP nella produzione dei prodotti cosmetici

GMP nella produzione dei prodotti cosmetici CONVEGNO ROMA, 6 Giugno 2013 " IL REGOLAMENTO (CE) N. 1223/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 30 NOVEMBRE 2009 SUI PRODOTTI COSMETICI " GMP nella produzione dei prodotti cosmetici Cecilia

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche

Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche Laboratorio Tecnologie Farmaceutiche Parte teorica: Organizzazione di un Officina Farmaceutica Tito Picotti 16/03/2010 Indice dei contenuti 1. Esempio di organizzazione di Officina farmaceutica 2. Gestione

Dettagli

VI Info-day 1 dicembre 2011. Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato

VI Info-day 1 dicembre 2011. Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato VI Info-day 1 dicembre 2011 Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato Dr. Michele Liberti Persona Qualificata Intervet Productions MSD Animal Health Dr. Aldo Brusi Responsabile Assicurazione

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

La Convalida Slide 1

La Convalida Slide 1 La Convalida Slide 1 Definizione La Convalida viene definita come la prova documentata che assicura che uno specifico Sistema è conforme alle specifiche approvate e che la produzione del prodotto è conforme

Dettagli

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Congresso Nazionale GIQAR 2012 - Torino Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Romina Zanier Computerised System Validation Specialist SIGMA-TAU ecrf electronic Case Report Form

Dettagli

IV Corso di Formazione. Società Italiana Banche degli Occhi. Torino, 10 Ottobre 2009. Accademia di Medicina

IV Corso di Formazione. Società Italiana Banche degli Occhi. Torino, 10 Ottobre 2009. Accademia di Medicina IV Corso di Formazione Società Italiana Banche degli Occhi Torino, 10 Ottobre 2009 Accademia di Medicina il controllo microbiologico degli ambienti: tra le banche di tessuti e le GMP farmaceutiche Raffaela

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Gestione delle

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA: gli appuntamenti del 2015

L OFFERTA FORMATIVA: gli appuntamenti del 2015 L OFFERTA FORMATIVA: gli appuntamenti del 2015 La FORMAZIONE è l elemento su cui si basa la garanzia della QUALITÀ AZIENDALE e rappresenta il mezzo per poterne curare il CONTINUO AGGIORNAMENTO. GxP TRAINING

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Quality Risk

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 HEALTHCARE Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

G A M P 4. (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica

G A M P 4. (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica G A M P 4 (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica Pier Luigi Agazzi ADEODATA www.adeodata.it 1 INTRODUZIONE Le GAMP

Dettagli

XV CONGRESSO GIQAR QA GMP, QA GCP e QP. Ruoli E Responsabilità

XV CONGRESSO GIQAR QA GMP, QA GCP e QP. Ruoli E Responsabilità XV CONGRESSO GIQAR QA GMP, QA GCP e QP Ruoli E Responsabilità Luciano Gambini QA-GMP Nerviano Medical Sciences XV CONGRESSO GIQAR Obiettivo descrivere gli aspetti di interazione fra il produttore dei prodotti

Dettagli

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements Pagina: 1 di 5 Distribuzione controllata / Controlled Distribution Ciclo di Vita / Life cycle Redatto / Revisionato: Verificato: Approvato: M. Tozzi P.Trasciatti G. Sturniolo Indice Revisioni / Revision

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

Tecnologia Farmaceutiche E25

Tecnologia Farmaceutiche E25 Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Prof. Andrea Gazzaniga 16 OTTOBRE 2013 Persona Qualificata imo- Argomento della lezione: QUALIFICA E CONVALIDA MANUTENZIONE TARATURA nell! industria farmaceutica

Dettagli

Registrazione Partecipanti Introduzione al Corso 10.00 13.00 L azienda farmaceutica: organizzazione e funzioni G. Breghi

Registrazione Partecipanti Introduzione al Corso 10.00 13.00 L azienda farmaceutica: organizzazione e funzioni G. Breghi 06.02.15 9.00 9.30 9.30 10.00 Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia Master di II Livello in Tecnologie Farmaceutiche Industriali VIII Edizione A.A. 2014-2015

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

PO-EM-001 PIANIFICAZIONE DEL PIANO DI CONVALIDA DEL PROCESSO DI CONGELAMENTO DEL PLASMA

PO-EM-001 PIANIFICAZIONE DEL PIANO DI CONVALIDA DEL PROCESSO DI CONGELAMENTO DEL PLASMA Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM CQB SGQ SGA LAB CRIO CAR CR X X X X X X X X X X REDATTO Dott.ssa N. Ardizzone 06/06/2014 REVISIONATO Dott. F. Buscemi 12/06/2014 APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Anno Accademico 2001/2002 Manuale per la Qualità ABANA Biomedica In accordo alle norme UNI EN ISO 9001:2000 Ansaloni M. Bulgarelli A. Neri D. Popovac A.

Dettagli

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi La Medicina Trasfusionale verso l' Europa Crotone Sala Congressi Lido degli Scogli 9-10 Ottobre 2015 Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi Dr. A.Trimarchi Simt Reggio Cal 8 Corso

Dettagli

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090 Seminario Gestione del livello di qualità nella fabbricazione di strutture e componenti saldati Roma 16 Ottobre 2009 Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo

Dettagli

Good Practice Guide: Calibration Management

Good Practice Guide: Calibration Management Predictive Maintenance & Calibration Milano 14 dicembre 2005 GAMP Good Practice Guide: Calibration Management Giorgio Civaroli Le GAMP Good Practice Guides Calibration Management Validation of Process

Dettagli

WebBook PROBLEMATICHE DI SICUREZZA INFORMATICA NELL INDUSTRIA CHIMICO-FARMACEUTICA

WebBook PROBLEMATICHE DI SICUREZZA INFORMATICA NELL INDUSTRIA CHIMICO-FARMACEUTICA WebBook PROBLEMATICHE DI SICUREZZA INFORMATICA NELL INDUSTRIA CHIMICO-FARMACEUTICA Giuseppe Ruggirello Principal Consultant CTP Tecnologie di Processo (giuseppe.ruggirello@ctpsystem.com) Anna Lidia Vignoli

Dettagli

GMP annex 1 revision 2008

GMP annex 1 revision 2008 AFTI 18 febbraio 2010 GMP annex 1 revision 2008 Fabio Dotto Ispettorato Regionale Medicamenti Svizzera del Sud 1 113 2 PI 032-2 8 January 2010 GMP ANNEX 1 REVISION 2008, INTERPRETATION OF MOST IMPORTANT

Dettagli

REVISIONE GMP. VALIDA DAL 1 GIUGNO 1997 PARTE 820 - NORMATIVA SUL SISTEMA DI QUALITÀ

REVISIONE GMP. VALIDA DAL 1 GIUGNO 1997 PARTE 820 - NORMATIVA SUL SISTEMA DI QUALITÀ REVISIONE GMP. VALIDA DAL 1 GIUGNO 1997 PARTE 820 - NORMATIVA SUL SISTEMA DI QUALITÀ Sottoparte A - Disposizioni generali Sezione 820.1 Oggetto 820.3 Definizioni 820.5 Sistema di qualità Sottoparte B -

Dettagli

L Informatica per l Assicurazione della Qualità

L Informatica per l Assicurazione della Qualità Chi siamo Fondata nel 1986 Specialisti nell applicazione dell Informatica alla Qualità Trentennale esperienza di Assicurazione e Controllo della Qualità Consiglio Direttivo e Coordinatore Commissione Informatica

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano:

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano: Medicinali Omeopatici per uso umano: Modalità di presentazione delle domande di registrazione semplificata Art. 17, comma 2 del D. L. vo 219/06 PREMESSE Le informazioni riportate nel presente modello,

Dettagli

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR GCP Ruolo, interazioni e responsabilità Le Figure SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR Ruoli Sponsor: individuo o organizzazione che inizia, dirige e/o finanzia uno studio Monitor: persona designata dallo Sponsor,

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Il principio generale che governa qualunque sistema

Il principio generale che governa qualunque sistema Convalida QUALIFICA DI IMPIANTI FARMACEUTICI IN USO : APPROCCIO POSSIBILE ALLA LUCE DEL NUOVO ANNEX 15 ALLE EC GMP Paolo Curtò e Sergio Crescenzio Scopo dell articolo è quello di presentare, alla luce

Dettagli

La gestione della qualità nell ottica del miglioramento continuo

La gestione della qualità nell ottica del miglioramento continuo CAPITOLO 8 La gestione della qualità nell ottica del miglioramento continuo A. Sebastianelli, R. Rago U.O.S.D di Andrologia e Fisiopatologia della Riproduzione-Banca dei Gameti- Ospedale S.M. Goretti -

Dettagli

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006 Dai requisiti, alla convalida di software per la gestione della calibrazione e manutenzione Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough 1 Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano

Dettagli

CORSI ON DEMAND. Le nuove promozioni 2012

CORSI ON DEMAND. Le nuove promozioni 2012 CORSI ON DEMAND Le nuove promozioni 2012 I CORSI ON DEMAND, caratterizzati da una formula di estrema flessibilità, nascono per conciliare le continue necessità di aggiornamento aziendale con le urgenze

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Dott.ssa Maura

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy EMS-1318/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM OF È CONFORME ALLA NORMA IS IN COMPLIANCE WITH THE STANDARD ISO 14001:2004

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain

Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain Sonia Ricci Presidente di ISPE Italy Affiliate Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain Venerdì

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis Il trasporto, la conservazione e l etichettatura degli Emocomponenti Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis L ETICHETTATURA, IL CONFEZIONAMENTO, LA CONSERVAZIONE E IL TRASPORTO DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

Dettagli

Mauro Villa - Kraft Foods Italia Cremona, 28 Maggio 2008

Mauro Villa - Kraft Foods Italia Cremona, 28 Maggio 2008 LA GESTIONE DELLA QUALITÀ E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE LUNGO L INTERA CATENA DEL VALORE Mauro Villa - Italia Cremona, 28 Maggio 2008 Il mondo e il mercato di oggi Sempre più rapidi cambiamenti di stili

Dettagli

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono:

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono: GMP e HACCP Tramite un accurata selezione dei fornitori, con molti anni di esperienza sul mercato farmaceutico e cosmetico, tutti i prodotti ESSENS possono esporre il certificato d origine GMP riconosciuto

Dettagli

(Documento prodotto dall Istituto Superiore di Sanità in data 02-03-2008)

(Documento prodotto dall Istituto Superiore di Sanità in data 02-03-2008) Requisiti di Qualità farmaceutica per la produzione di prodotti per terapia cellulare somatica già consolidati nella pratica clinica approvati dall ISS ai sensi dell articolo 2, comma 1 lettera e) del

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

Conformità alle normative sulla sicurezza alimentare aumentando produttività e redditività

Conformità alle normative sulla sicurezza alimentare aumentando produttività e redditività Settore alimentare Conformità alle normative News 1 Conformità alle normative sulla sicurezza alimentare aumentando produttività e redditività Le questioni di sicurezza alimentare sono sufficienti a portare

Dettagli

e la distribuzione dei Prodotti Cosmetici.

e la distribuzione dei Prodotti Cosmetici. Sfide e opportunità della norma IISO 22716 per la produzione, il controllo, l immagazzinamento e la distribuzione dei Prodotti Cosmetici. WHITE PAPER È fortunatamente in crescita la consapevolezza e la

Dettagli

AFI 10-11-12 GIUGNO 2009

AFI 10-11-12 GIUGNO 2009 AFI 10-11-12 GIUGNO 2009 TERZIARIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE DEL FARMACO NEI PAESI EXTRA E.U. VANTAGGI E CRITICITA Presentazione: Andrea Capocchi 1 COUNTRY FOCUS - Esclusione dei Paesi: Usa Canada Australia

Dettagli

Le modifiche NON ESSENZIALI agli Stabilimenti di produzione

Le modifiche NON ESSENZIALI agli Stabilimenti di produzione ISPEZIONI di API: I PROBLEMI APERTI Le modifiche NON ESSENZIALI agli Stabilimenti di produzione Renato Massimi Capo Area Ispezioni e certificazioni Rimini 8 giugno 2011 Cosa abbiamo fatto? Tipologie di

Dettagli

Le attività di convalida, qualificazione e change control

Le attività di convalida, qualificazione e change control Le attività di convalida, qualificazione e change control (I parte) CRS Lazio, Roma, 12-13 giugno 2014 Relatrice: Ivana Menichini CONVALIDA DEI PROCESSI (O.3) Le procedure che influiscono sulla qualità

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

La saldatura delle strutture metalliche nel quadro della EN 1090

La saldatura delle strutture metalliche nel quadro della EN 1090 Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La saldatura delle strutture metalliche

Dettagli

INSTA INST LLAT ALLA ION TION QUALIFICAT QUALIFICA ION (I.Q.) TION (I.Q.)

INSTA INST LLAT ALLA ION TION QUALIFICAT QUALIFICA ION (I.Q.) TION (I.Q.) edition version 1.1 ServiceLine serie Attività di INSTALLATION QUALIFICATION (I.Q.) e OPERATIONAL QUALIFICATION (O.Q.) per apparecchiatura scientifica da laboratorio in accordo al validation master plan

Dettagli

La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate

La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate Livia Roseti Laboratorio di Manipolazione Cellulare Estensiva, PROMETEO Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna Qualified Person: Alessandra Bassi

Dettagli

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione 2015: una realtà. I nuovi requisiti minimi per l autorizzazione e l accreditamento

Dettagli

LINEA GUIDA PER L APPROVIGIONAMENTO DI GAS IN BULK DI QUALITA FU

LINEA GUIDA PER L APPROVIGIONAMENTO DI GAS IN BULK DI QUALITA FU LINEA GUIDA PER L APPROVIGIONAMENTO DI GAS IN BULK DI QUALITA FU Edizione I Gennaio 2004 Le Linea Guida è stata realizzata da un gruppo di lavoro comprendente: Guido Bechi (Air Liquide Italia) Giovanna

Dettagli

Management e certificazione: valori per le reti di impresa

Management e certificazione: valori per le reti di impresa ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ACCREDIA Management e certificazione: valori per le reti di impresa Roma, 9 maggio 2013 Documento sviluppato da: Accredia Via G. Saliceto, 7/9 00161 Roma Rif.

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO ALLE NORME DI RiFERIMENTO... 2 4.1 Referente per DNV GL...

Dettagli

Process Validation secondo Risk Based Approach: teoria e case studies

Process Validation secondo Risk Based Approach: teoria e case studies Process Validation secondo Risk Based Approach: teoria e case studies Focused Courses Firenze - StarHotel Michelangelo 26 Giugno 2014 Per iscrizioni entro il 26 Maggio sconto di 100 www.pec-courses.org

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) >

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) > Allegato 1: Facsimile di Certificato per s.a.c. 1+ < Logo dell Organismo di certificazione > > CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ In conformità alla Direttiva

Dettagli

NOVI Product Recall Cost Estimator

NOVI Product Recall Cost Estimator Benvenuti in NOVI lo strumento per la stima dei costi da ritiro prodotti. Per questa operazione occorreranno circa 30 minuti. Le chiediamo di avere a disposizione le seguenti informazioni che La aiuteranno

Dettagli

Applicazioni Pat in ambito farmaceutico

Applicazioni Pat in ambito farmaceutico Applicazioni Pat in ambito farmaceutico Marco Bellentani, Sandro De Caris L articolo si propone di descrivere gli aspetti metodologici che sono alla base della Pat (Process Analytical Technology) e come

Dettagli

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT PROGRAMMA DI ASSICURAZIONE QUALITÀ QUALITY ASSURANCE PROGRAMM PROCEDURA DI QUALITÀ PQ 008 QUALITY PROCEDURE Pag. 1 di 6 REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO GLI SCHEMI IFS - INTERNATIONAL FEATURED STANDARDS

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO GLI SCHEMI IFS - INTERNATIONAL FEATURED STANDARDS 1 SCOPO... 2 1.1 Autorizzazione alle verifiche IFS... 2 1.2 Campo di applicazione... 2 2 POLITICA... 3 2.1 Condizioni Generali... 3 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3.1 Requisiti IFS... 4 3.2 Riferimenti

Dettagli

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta Giornata di Studio: Il Ciclotrone per la Produzione di Radiofarmaci per uso clinico in Pet: Installazione, Impiego e Radioprotezione 25 MARZO 2010 CASTELFRANCO VENETO ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA

Dettagli