Le macchine per la disinfezione e disinfestazione termica del terreno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le macchine per la disinfezione e disinfestazione termica del terreno"

Transcript

1 UN NUOVO SISTEMA DENOMINATO «BIOFLASH» Le macchine per la disinfezione e disinfestazione termica del terreno Il sistema, denominato «bioflash», utilizza vapore e sostanze a reazione esotermica. Un quinquennio di prove lo hanno ottimizzato e le macchine, una operatrice per pieno campo e una semovente con cingoli in gomma per serre o tunnel, saranno sul mercato entro il 2004 A. Peruzzi, M. Raffaelli, M. Ginanni, M. Mainardi, S. Toniolo, C. Marchi Nel settore ortofloricolo la tecnica di disinfezione e disinfestazione del terreno più impiegata per gli ottimi risultati fitoiatrici e produttivi e per la rilevante azione erbicida è sicuramente la fumigazione con bromuro di metile (Martino, 1997). Come è noto, in seguito al Protocollo di Montreal questo fumigante non potrà più essere impiegato a partire dal 2005 nei Paesi a economia sviluppata e dal 2015 nei Paesi in via di sviluppo, in quanto responsabile della riduzione della ozonosfera (Ferrari et al., 1988; Gullino, 1998; Gullino et al., 1999; Katan, 1999; Triolo e D Errico, 2002). In seguito a queste decisioni prese a livello internazionale, esiste una grande urgenza di definire strategie alternative per la realizzazione della disinfezione e della disinfestazione del terreno. In particolare, vista l assenza, almeno allo stato attuale, di principi attivi chimici caratterizzati da un azione biocida efficace come quella del bromuro di metile, una larga parte del mondo della ricerca ha rivolto la propria attenzione all individuazione di sistemi fisici a basso impatto ambientale (Triolo e D Errico, 2002; Triolo et al., 2003). Tra questi, la solarizzazione ha consentito di ottenere risultati fitoiatrici di tutto rispetto, ma la sua diffusione risulta comunque fortemente penalizzata dalla dipendenza dalle fluttuazioni climatiche e stagionali e dalla necessità di un interruzione prolungata nei normali cicli colturali (Katan, 1987; Katan, 1987; Materazzi et al., 1987; Triolo et al., 1991 e 2003). In questa ottica, un nuovo sistema per la disinfezione e la disinfestazione del suolo (denominato «bioflash») con vapore in associazione a sostanze a reazione esotermica, realizzato mediante specifiche macchine operatrici, è stato sviluppato dalla ditta Celli di Forlì in collaborazione con la Sezione meccanica agraria e meccanizzazione Foto 1 - Operatrice Ecostar T 1200 in fase di lavoro in pieno campo a S. Piero a Grado (Pisa) agricola del Dipartimento di agronomia e gestione dell agroecosistema dell Università di Pisa e successivamente con l Istituto sperimentale per la meccanizzazione agricola di Roma (Bozzoli et al., 2002; Colorio et al., 2002; Peruzzi et al., 2000, 2002a e 2002b; Raffaelli et al., 2002). Questa tecnica innovativa è stata sperimentata a partire dal 1999 in diverse condizioni ambientali, operative e produttive (sia in serra e tunnel che in pieno campo) e su differenti problematiche fitoiatriche. I risultati relativi al controllo sia di patologie fungine su lattuga e altre colture orticole, sia di nematodi fitoparassiti su zucchino, lattuga e patata, sia di semi di piante infestanti microterme e macroterme sono stati nel primo quinquennio di prova molto positivi e promettenti, evidenziando una significativa azione disinfettante e disinfestante del sistema «bioflash» (Barberi e Moonen, 2002; Curto et al., 2002; D Errico et al., 2002; Peruzzi et al., 2000; Stringari e Triolo, 2002; Triolo et al., 2003). Inoltre, la sperimentazione effettuata ha permesso di verificare i positivi effetti del sistema «bioflash» sulla produttività di alcune colture orticole e l assenza di alterazioni negative e permanenti sulle caratteristiche chimiche e microbiologiche del terreno (Gelsomino et al., 2002; Mazzoncini et al., 2002; Lenzi et al., 2002; Peruzzi et al., 2000). Relativamente a quest ultimo campo d indagine, i risultati hanno evidenziato come il sistema «bioflash» non produca nel suolo un effetto eradicante, ossia il così detto «vuoto biologico» (Gelsomino et al., 2002). Il sistema «bioflash» Questo sistema rappresenta una valida soluzione per la disinfezione e per la disinfestazione del terreno e viene attuato mediante l adozione di macchine semoventi o trainate capaci di realizzare un trattamento con vapore, ottimizzandone l efficienza e riducendone i consumi energetici e i costi. Il principale aspetto innovativo del sistema «bioflash» riguarda la distribuzione e l incorporazione nel terreno di sostanze, dotate di ridotto impatto ambientale e compatibili con le coltivazio- L INFORMATORE A GRARIO 46/

2 ni successive, in grado di reagire esotermicamente con il vapore (ad esempio KOH e CaO) rilasciando una quantità addizionale di energia termica. La reazione esotermica ha diversi effetti positivi nel rendere efficace il trattamento in quanto consente di raggiungere temperature più elevate rispetto all impiego del solo vapore, prolunga la durata del riscaldamento e ha un effetto diretto su parassiti e semi di specie infestanti. Le sostanze da impiegare sono state scelte sulla base del loro basso impatto ambientale e previa valutazione dei vantaggi conseguenti alla loro incorporazione nel terreno (correzione del ph, aumento della fertilità, ecc.). L adozione del metodo «bioflash» permette il trapianto o la semina immediatamente dopo il trattamento (Peruzzi et al., 2000, 2002a e 2002b) e questo sistema consente, inoltre, di intervenire in un solo passaggio mediante l impiego di attrezzature combinate come schematizzato nella figura 1. Molti esperimenti sulla messa a punto del sistema «bioflash» e delle macchine operatrici per la realizzazione della disinfezione e disinfestazione del terreno sono stati condotti presso il Centro interdipartimentale di ricerche agro-ambientali «E. Avanzi» dell Università di Pisa nel quinquennio Le macchine per la disinfezione e disinfestazione del suolo Le macchine per la disinfezione e disinfestazione del suolo mediante l applicazione del sistema «bioflash» sono in grado di provvedere: alla distribuzione per caduta di differenti quantità di sostanze a reazione esotermica (solitamente comprese tra e kg/ha) attraverso un dispositivo appropriato (costituito da una tramoggia oscillante dotata di un sistema di regolazione in continuo delle luci di efflusso e da un idoneo asse distributore a denti ricurvi); all incorporazione nel suolo delle stesse (ottenuta impiegando una zappatrice rotativa azionata da un motore idraulico); all immissione del vapore alla profondità voluta attraverso una barra forata (che può avere diverse conformazioni e disposizioni); alla successiva aiuolatura e pacciamatura del terreno (eventuale). Lo schema riportato nella figura 2 rappresenta la versione ingegnerizzata e ottimizzata del sistema per realizzare il trattamento secondo il metodo «bioflash», attualmente adottato sulle macchine operatrici sia trainate che semoventi cingolate. Tutte le macchine realizzate sono 52 L INFORMATORE A GRARIO 46/2003 Figura 1 - Schema del trattamento di disinfezione e disinfestazione del terreno con il sistema «bioflash» a = distribuzione della sostanza; b = incorporazione nel terreno per mezzo di zappatrice rotativa; c = iniezione del vapore; d = pacciamatura del terreno trattato. equipaggiate con: uno o più serbatoi per l acqua; una caldaia; una tramoggia contenente le sostanze a reazione esotermica, dotata di appropriato sistema di distribuzione; una zappatrice rotativa (operante con regime rotazionale compreso tra un minimo di giri/min e un massimo di giri/min) azionata da un Figura 2 - Schema del sistema ottimizzato per la realizzazione del trattamento «bioflash» 1 = tubo di mandata del vapore; 2 = bracci di collegamento; 3 = tramoggia contenente la sostanza a reazione esotermica; 4 = zappatrice rotativa per la incorporazione della sostanza nel suolo; 5 = regolazione profondità di lavoro; 6 = iniezione del vapore; 7 = bobina film plastico; 8 = rullo; 9 = aiuolatricepacciamatrice. Figura 3 - Schema delle possibili disposizioni della barra per l iniezione del vapore a = barra singola per distribuzione «concentrata»; b = barra doppia per distribuzione «diluita»; c = barra per iniezione nel carter della zappatrice rotativa. Foto 2 - Operatrice Ecostar SC 600 in fase di lavoro in pieno campo a Caserta motore idraulico; una barra forata a sezione triangolare per l iniezione del vapore, dotata di fori di uscita del diametro di 1,5 mm; un aiuolatrice-pacciamatrice. In particolare, per quanto riguarda la barra per la distribuzione del vapore possono essere utilizzate soluzioni diverse in base al tipo di riscaldamento del terreno che si intende produrre.

3 Figura 4 - Schema della macchina trainata Ecostar T 1200 realizzata recentemente per l effettuazione di trattamenti di pieno campo Figura 5 - Schema della macchina semovente cingolata Ecostar SC 600 recentemente ottimizzata per il trattamento del suolo in serra 1 = serbatoi acqua; 2 = generatore di vapore; 3 = ruote di sostegno; 4 = tramoggia sostanza a reazione esotermica; 5 = zappatrice rotativa; 6 = regolazione profondità di lavoro; 7 = tubo di mandata del vapore; 8 = barra distribuzione vapore; 9 = bobina film plastico; 10 = rullo; 11 = aiuolatrice-pacciamatrice. 1 = posto di guida; 2 = corpo macchina con motore endotermico, generatore di vapore, pompe idrauliche, serbatoi acqua e gasolio, ecc; 3 = cingoli in gomma; 4 = tramoggia sostanza a reazione esotermica; 5 = zappatrice rotativa; 6 = regolazione della profondità di lavoro; 7 = tubo di mandata del vapore; 8 = barra per la distribuzione del vapore; 9 = bobina film plastico; 10 = rullo; 11 = aiuolatricepacciamatrice. Tabella 1 - Caratteristiche principali delle macchine Caratteristiche Ecostar SC 600 Ecostar T 1200 Lunghezza (m) 3,80 4,70 Larghezza (m) 1,60 2,00 Altezza (m) 1,50 2,50 Massa (kg) Larghezza di lavoro (m) 1,60 2,00 Motore Cilindrata (cm 3 ) Potenza (kw) 44,00 Consumo massimo gasolio (kg/ora) 11,00 Organi di propulsione Tipologia cingoli gomma Lunghezza (m) 1,96 Larghezza (m) 0,32 Altezza (m) 0,52 Trasmissione idrostatica Range di velocità (m/ora) Capacità della tramoggia (m 3 ) 0,23 0,31 Serbatoi acqua (n.) 1,00 2,00 Capacità serbatoi acqua (m 3 ) 0,60 1,60 Generatore di vapore Portata (kg/ora) Potenza (MJ/ora) Consumo massimo gasolio (kg/ora) Pressione esercizio (MPa) 1,18 1,18 Potenza elettrica installata (kw) 2,50 4,20 Barra distribuzione vapore Lunghezza (m) 1,60 2,00 Sezione tubo interno (cm 2 ) 4,50 4,50 Fori (n.) Diametro fori (mm) 1,50 1,50 Foto 3 - Stesura della pacciamatura dopo il trattamento «bioflash» effettuato in pieno campo con l operatrice semovente Ecostar SC 600 Con una singola barra il riscaldamento del terreno è inizialmente più elevato in corrispondenza del punto di passaggio, mentre con una barra «doppia» (o con altre soluzioni quale quella proposta da Bozzoli e colleghi; Bozzoli et al., 2002) le temperature massime risultano più basse, ma più omogenee in tutto lo strato trattato. Infine, per ottenere un riscaldamento elevato e persistente, concentrato nei primi 5-7 cm del suolo, la soluzione ottimale sembra essere quella dell iniezione del vapore all interno del carter della zappatrice rotativa (figura 3). L attrezzatura trainata (figura 4) è stata progettata e realizzata per operare nelle condizioni di pieno campo, mentre quella semovente cingolata (che risulta decisamente più evoluta e innovativa) è indicata per trattamenti in tunnel e in serra (figura 5). Le principali caratteristiche delle ultime versioni delle macchine operatrici sia trainata (Ecostar T 1200) che semovente (Ecostar SC 600) sono riportate nella tabella 1. Entrambe le macchine sono il risultato di ricerche poliennali di messa a punto del sistema «bioflash» e debbono pertanto essere considerate molto evolute ed efficienti (sebbene esistano ancora ampie possibilità di miglioramento). In particolare l attrezzatura semovente appare estremamente innovativa relativamente a molti aspetti, i più importanti dei quali vengono così sinteticamente elencati. Dimensioni molto ridotte, con agevole possibilità di accesso e di manovra in spazi ristretti, quali quelli tipici di serre e tunnel. Propulsione mediante cingoli in gomma che consentono sia un facile ed efficiente dislocamento in tutte le condizioni di lavoro tipiche delle colture protette, sia un ottima trazione della macchina anche su substrato sciolto e comunque molto affinato, con ridotto calpestamento del terreno. Adozione di un generatore di vapore disposto orizzontalmente che consente di ridurre in modo drastico l ingombro in altezza della macchina e quindi di accedere anche in apprestamenti con luce di entrata molto bassa. Attacco della parte posteriore al corpo macchina regolabile in senso tra- L INFORMATORE A GRARIO 46/

4 Figura 6 - Schema della versione polivalente di Ecostar SC 600 utilizzabile come unità motrice equipaggiata con cassone per i trasporti, attacco a tre punti, pdp e prese idrauliche posteriori Foto 4 - Operatrice Ecostar SC 600 in fase di lavoro sotto tunnel a Francavilla (Chieti) sversale in modo da poter trattare tutta la superficie protetta e in particolare quella più prossima ai lati lunghi di tunnel e serre senza incontrare problemi con le strutture di copertura (che sono caratterizzate da altezza molto contenuta). Sistema di trasmissione e di gestione di tutte le funzioni della macchina completamente automatizzato, ergonomico e caratterizzato da notevole facilità di impiego; il dislocamento dell operatrice viene attuato per mezzo di un semplice joystick biassiale multifunzionale; la trasmissione (sia alle ruote motrici dei cingoli, sia agli organi lavoranti quali la zappatrice rotativa e il distributore delle sostanze a reazione esotermica) è elettroidraulica, gestita da un appropriata scheda elettronica e collegata a sistemi di azionamento e di controllo di facile utilizzo e comprensione; nel caso di eventuali problemi ai comandi presenti sulla macchina, può infine essere utilizzato un radiocomando per la movimentazione a distanza del veicolo. Possibilità d impiego della macchina come unità motrice separata dal gruppo per la disinfezione del terreno; l operatrice risulta a tale riguardo equipaggiata con un cassone di carico (che prende il posto del generatore di vapore e del serbatoio di contenimento dell acqua), con una presa di potenza, un attacco a tre punti, un gancio di traino e una serie di prese idrauliche disposte posteriormente; può quindi essere utilizzata in accoppiamento con tutte le comuni operatrici per l effettuazione di interventi colturali sia in serra e in tunnel che in pieno campo (figura 6). I pregi di questa particolarissima motoagricola cingolata sono enormi 54 L INFORMATORE A GRARIO 46/2003 in considerazione dei già citati ingombri ridottissimi, della grande maneggevolezza, delle possibilità di manovra in spazi ridotti, delle ottime prestazioni in trazione e dell elevata galleggiabilità. L impiego polivalente consente infine agli utenti un pieno sfruttamento della macchina, con positive ripercussioni sui costi di esercizio e quindi anche sul costo del trattamento di disinfezione e disinfestazione del terreno. È infine necessario puntualizzare che in entrambe le attrezzature la funzione della zappatrice rotativa è soltanto quella di incorporare la sostanza nello strato di suolo interessato dal trattamento. Prima dell intervento il terreno deve infatti essere adeguatamente affinato e preparato per il successivo impianto (semina o trapianto) delle colture, in quanto le macchine Ecostar della Celli sono state realizzate e messe a punto per effettuare unicamente la disinfezione e disinfestazione del terreno e non la lavorazione del medesimo. Aspetti operativi e analisi dei costi Prove sperimentali Le prestazioni meccaniche e le principali caratteristiche operative sono state verificate per mezzo di prove di pieno campo. Per brevità in questo lavoro verranno presentati soltanto i risultati ottenuti con l attrezzatura semovente cingolata Ecostar SC 600. La macchina è sempre stata valutata su terreno lavorato e con letto di semina o di trapianto già preparato. È stato pianificato di operare su terreni sabbiosi (90% sabbia, 5% argilla e 5% limo) e di medio impasto (45% sabbia, 40% limo e 15% argilla) irrigui, adatti a colture orticole, e di impiegare due sostanze a reazione esotermica: KOH e CaO. Le prove meccaniche sono state condotte per verificare la corretta operatività delle diverse parti dell attrezzatura e hanno consentito di documentare tutti i problemi, proporre soluzioni tecnicamente soddisfacenti ed efficienti e verificare la rispondenza delle modifiche di volta in volta apportate. La valutazione delle caratteristiche operative, svolta durante le prove di pieno campo, ha consentito di determinare i tempi di lavoro, i consumi di combustibile, la capacità operativa, ecc. I dati raccolti sono stati elaborati e riferiti a un campo ideale delle dimensioni di 1 ha attraverso l impiego di uno specifico software (Di Ciolo e Peruzzi, 1988). È stata condotta anche una valutazione dei costi di esercizio e di quelli del trattamento di disinfezione e disinfestazione del suolo. Il costo di esercizio è stato valutato impiegando la metodologia standard e considerando una vita media delle macchine di 10 anni e un utilizzo annuo di ore (Cera, 1976; Ribaudo, 1996; Sartori, 1998). Per il costo del trattamento sono state considerate due dosi (1.000 e kg/ha) di KOH e CaO (corrispondenti a quelle saggiate negli esperimenti biologici). Risultati ottenuti Nella tabella 2 sono riportate le prestazioni operative medie ottenute nel corso del quinquennio La velocità di avanzamento è stata mantenuta uguale a 0,15 km/ora (sebbene possa essere ulteriormente ri-

5 Tabella 2 - Prestazioni operative della macchina Ecostar SC 600 Velocità di avanzamento (m/ora) 150 Profondità di lavoro (m) 0,2 Larghezza di lavoro (m) 1,6 Tempo effettivo (ore/ha) 41,6 Tempi accessori (ore/ha) 10,9 Tempo operativo (ore/ha) 52,5 Rendimento operativo (%) 79 Capacità operativa (m 2 /ora) 190 Consumo combustibile macchina (kg/ha) 450 Consumo caldaia (kg/ha) Consumo totale di combustibile (kg/ha) Tabella 3 - Analisi dei costi della macchina Ecostar SC 600 e del trattamento «bioflash» Costo di acquisto (euro) Vita utile (anni) 10 Impiego annuo (ore) Costo orario (euro/ora) 70 Costo per ettaro (euro/ha) Costo del trattamento: Vapore kg/ha di KOH (euro/ha) Vapore kg/ha di CaO (euro/ha) Vapore kg/ha di KOH (euro/ha) Vapore kg/ha di CaO (euro/ha) Tabella 4 - Tempi di permanenza nel terreno di 4 diverse classi di temperatura (trattamenti effettuati a S. Piero a Grado) Classi Tempo di permanenza nel terreno (min) (*) di temperatura ( C) vapore KOH KOH CaO CaO a 0 b 0 b 0 b 0 b > 40 e b 180 a 178 a 177 a 130 c > 60 e 80 0 b 0 b 2 b 3 b 50 a > 80 0 a 0 a 0 a 0 a 0 a (*) Letture effettuate in 180 minuti a 8 cm di profondità per trattamenti con solo vapore e con vapore in associazione a due diverse dosi di CaO e di KOH alla profondità di 18 cm. Lettere diverse indicano differenze significative per p 0,05 (test di Duncan). I confronti devono essere effettuati soltanto sulle righe. dotta fino a un minimo di 0,06 km/ora). In considerazione della larghezza contenuta, la macchina è stata caratterizzata da elevati tempi di lavoro e da una bassa capacità operativa (inferiore a 200 m 2 /ora). Il consumo di carburante totale per ettaro è stato ragguardevole (pari a poco meno di kg/ha) e in gran parte (80% circa) imputabile al funzionamento della caldaia. L analisi dei costi di esercizio delle macchine e del trattamento è altresì riportata nella tabella 3. I valori devono essere considerati puramente indicativi, in quanto i costi sia della macchina che delle sostanze a reazione esotermica possono in futuro subire variazioni. In particolare il prezzo dell attrezzatura semovente Tabella 5 - Somme termiche e temperature nel terreno (trattamenti effettuati a S. Piero a Grado) Temperatura ( C) (*) vapore KOH KOH CaO CaO Somma termica d c b bc a T. max 46 c 50 c 57 b 57 b 72 a T. media 44 d 47 c 52 b 51 b 56 a T. finale 44 b 45 b 48 a 45 b 47 a (*) Letture effettuate in 180 minuti dopo il trattamento a 8 cm di profondità per trattamenti con solo vapore e con vapore in associazione a due diverse dosi di CaO e di KOH alla profondità di 18 cm. Lettere diverse indicano differenze significative per p 0,05 (test di Duncan). I confronti devono essere effettuati soltanto sulle righe. appare molto elevato e sicuramente destinato a scendere del 15-20% quando inizierà una produzione in serie. Il costo del trattamento risulta altresì fortemente influenzato dal tipo e dalla quantità di sostanza a reazione esotermica impiegata. Il costo medio del sistema «bioflash» (calcolato a partire dai valori relativi alle diverse sostanze e dosi impiegate) è pari a circa euro/ha ed è quindi decisamente competitivo nei confronti di quello relativo sia all applicazione del bromuro di metile e di altre sostanze chimiche di sintesi, sia all utilizzo di altri mezzi fisici. Analisi del riscaldamento del terreno Prove sperimentali Le prove sperimentali inerenti al riscaldamento del terreno prodotto dal sistema «bioflash» nel caso di impiego dell operatrice semovente cingolata hanno avuto luogo in tempi diversi e in differenti località. I risultati che saranno presentati e discussi in questo lavoro riguardano solo due degli esperimenti più recenti effettuati nel corso del 2003 a S. Piero a Grado (Pisa) e a Caserta. L operatrice è stata utilizzata in tutti i casi a velocità pari a circa 150 m/ora. I terreni trattati, sebbene non identici, sono abbastanza assimilabili e classificabili da un punto di vista meccanico come molto sciolti. Inoltre al momento dell effettuazione dei trattamenti i terreni si trovavano sempre in condizioni di affinamento spinto e di umidità molto contenuta (5% circa). I trattamenti sono stati effettuati con diverse modalità: utilizzando il solo vapore e vapore in associazione con KOH e CaO alle dosi di e kg/ha e in assenza di pacciamatura a S. Piero a Grado, mentre a Caserta il trattamento è stato effettuato con un unica dose di CaO (2.000 kg/ha), ma ponendo a confronto la presenza o meno della copertura con film plastico. Inoltre a S. Piero a Grado i dati sono stati rilevati a 10 cm di distanza dal punto di passaggio della barra distributrice del vapore, mentre a Caserta il rilievo ha avuto luogo proprio in corrispondenza del punto di passaggio della barra. La misura delle temperature è stata effettuata con un sistema appositamente realizzato che utilizza sensori bifilari con PT100 (PT grado B a norme IEC 751) muniti di una guaina in acciaio inox 304 lunga 50 mm e con diametro di 5 mm e data loggers realizzati dalla ditta Tesy di Pisa. La programmazione dei data loggers e il trasferimento dei dati per la successiva elaborazione avvengono tramite un personal computer munito di software appositamente realizzato. Nel caso specifico il tempo di campionamento prescelto è stato di 60 secondi. Le sonde sono state disposte verticalmente; la profondità e la posizione desiderate sono state mantenute per mezzo di supporti opportunamente realizzati in modo tale da non interferire con la misurazione. Il tempo di acquisizione è stato pari a 3 ore. I dati acquisiti con questa strumentazione sono stati raggruppati in quattro classi di temperature ( 40 C; > 40 e 60 C; < 60 e 80 C; > 80 C) per ciascuna delle quali è stata determinata la durata (espressa in minuti) registrata nel terreno trattato. Inoltre, sono state prese in considerazione le somme termiche, le temperature massime raggiunte, le temperature medie riferite all intervallo di tempo di 3 ore e le temperature «finali» presenti nel terreno. I dati così ottenuti sono stati elaborati statisticamente utilizzando il software CoStat (CoHort Software, 1998). Lo schema sperimentale adottato è stato un blocco randomizzato con 4 ripetizioni per ogni tesi (Gomez e Gomez, 1984). La temperatura media rilevata nel terreno non trattato (alla stessa profondità a cui sono state effettuate le misurazioni nel terreno trattato) è stata pari a circa 25 C a S. Piero a Grado e a circa 30 C a Caserta, e in entrambi i casi si è mantenuta pressoché costante durante tutto il periodo di svolgimento delle prove. Risultati ottenuti L effetto dell associazione al vapore di dosi crescenti delle due diverse sostanze a reazione esotermica sul riscaldamento del terreno è evidenziato nelle tabelle 4 e 5. L osservazione dei dati consente di rilevare come l impiego di entrambi i composti abbia determinato un riscaldamento significativamente L INFORMATORE A GRARIO 46/

6 più elevato e più persistente del terreno rispetto alla sola iniezione di vapore. Appare evidente anche che, per entrambe le sostanze, alle dosi maggiori hanno corrisposto significativi incrementi termici che si sono mantenuti più a lungo nel tempo. Infine, il CaO è apparso in grado di determinare un riscaldamento del terreno significativamente più elevato e più persistente rispetto a quello rilevato con il KOH utilizzato al medesimo dosaggio. L effetto della pacciamatura sulla entità e sulla durata del riscaldamento del terreno sottoposto al trattamento con il sistema «bioflash» è mostrato nelle tabelle 6 e 7. L osservazione dei risultati consente di realizzare come l impiego della copertura del terreno abbia determinato un riscaldamento maggiore e più prolungato rispetto a quanto rilevato su terreno non pacciamato. In particolare, i tempi di permanenza delle temperature nelle classi più elevate, così come i valori della somma termica, della temperatura media e finale, sono risultati significativamente maggiori in presenza di pacciamatura. Conclusioni Il sistema di disinfezione e disinfestazione del terreno con vapore e sostanze a reazione esotermica denominato «bioflash» è stato ottimizzato nel quinquennio di prova relativamente sia alla distribuzione e incorporazione dei reagenti, sia alla produzione e alla iniezione del vapore, sia alla gestione del terreno trattato (che risulta immediatamente disponibile per l impianto delle colture). Parallelamente la configurazione e l efficienza delle macchine operatrici sia di tipo semovente, sia di tipo trainato è stata progressivamente migliorata. In particolare, l ultimo modello di operatrice semovente, denominato Ecostar SC 600, risulta molto efficiente e affidabile. La macchina, che è equipaggiata con cingoli in gomma, dotata di trasmissione idrostatica e di uno specifico software di gestione computerizzata e caratterizzata da ingombri molto ridotti e dalla possibilità di dislocamento e di manovra anche in spazi molto ristretti, è stata infatti provata in contesti molto diversificati, garantendo sempre l effettuazione del trattamento «bioflash» in modo appropriato e soddisfacente, sebbene esistano ancora ampi margini di miglioramento. La possibilità di utilizzare questa attrezzatura come motrice polivalente, separandola dal gruppo per la disinfezione del terreno, risulta molto importante per garantirne il pieno impiego e quindi per contenerne i 56 L INFORMATORE A GRARIO 46/2003 Tabella 6 - Tempi di permanenza nel terreno di quattro diverse classi di temperatura (trattamenti effettuati a Caserta) Classi di temperature ( C) Tempo di permanenza nel terreno (min) (*) pacciamato non coperto 40 0 b 25 a > 40 e b 122 a > 60 e a 20 b > a 13 b (*) Letture effettuate in 180 minuti dopo il trattamento alla profondità di 16 cm per interventi con vapore in associazione a kg/ha di CaO. Lettere diverse indicano differenze significative per p 0,05 (test di Duncan). I confronti devono essere effettuati soltanto sulle righe. Foto 5 - Operatrice Ecostar SC 600 equipaggiata con il sistema di iniezione del vapore all interno del carter della zappatrice rotativa in fase di lavoro a S. Piero a Grado (Pisa) costi di gestione. A tale riguardo, comunque, le prestazioni e i costi di esercizio del sistema «bioflash» e delle macchine Ecostar della Celli appaiono del tutto accettabili, in considerazione del fatto che viene realizzato un trattamento di disinfezione e disinfestazione del terreno caratterizzato da un impatto ambientale molto ridotto e da ottime potenzialità, sia in termini di riscaldamento del terreno, sia relativamente alla capacità di controllo dei patogeni tellurici e della germinazione dei semi delle infestanti. In conclusione, sebbene i risultati di questo primo quinquennio di prova siano stati assolutamente positivi e abbiano permesso alla ditta Celli di prevedere un ingresso delle attrezzature sul mercato entro il 2004, permane la necessità di ottimizzare ancora le modalità di effettuazione del trattamento e l efficienza delle macchine operatrici. Al riguardo, un campo di studio di particolare interesse risulta essere quello dell individuazione e della sperimentazione con altri composti a reazione esotermica, caratterizzati magari anche dalla possibilità di impiego in Tabella 7 - Somme termiche e temperature nel terreno con e senza pacciamatura (trattamenti effettuati a Caserta) Temperature ( C) (*) pacciamato non coperto Somma termica a b Temperatura max 93 a 92 a Temperatura media 67 a 52 b Temperatura finale 49 a 37 b (*) Letture effettuate in 180 minuti dopo il trattamento alla profondità di 16 cm per interventi con vapore in associazione a kg/ha di CaO. Lettere diverse indicano differenze significative per p 0,05 (test di Duncan). I confronti devono essere effettuati soltanto sulle righe. Foto 6 - Operatrice Ecostar SC 600 separata dal gruppo per la disinfezione del terreno in fase di lavoro accoppiata con zappatrice rotativa a Forlì agricoltura biologica. Infine una migliore comprensione dei meccanismi di azione di questa tecnica innovativa potrà consentire una sempre più rigorosa definizione dei parametri operativi (profondità di lavoro, velocità di avanzamento, tipo e dosaggio delle sostanze a reazione esotermica) in relazione alle differenti tipologie di suolo, di patogeni e di colture. Andrea Peruzzi Michele Raffaelli Dipartimento di agronomia e gestione dell agroecosistema Sezione meccanica agraria e meccanizzazione agricola Università di Pisa Marco Ginanni Marco Mainardi Silvano Toniolo Claudio Marchi Centro interdipartimentale di ricerche agro-ambientali «E. Avanzi» Università di Pisa La bibliografia verrà pubblicata negli estratti.

7 BIBLIOGRAFIA Barberi P., Moonen C. (2002) - Effetto del vapore e di sostanze a reazione esotermica sul controllo della flora infestante reale e potenziale. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Bozzoli M., Colorio G., Pagano M., Petricca C., Tomasone R. (2002) - Tipologie di barre distributrici per ottimizzare l iniezione del vapore nel terreno: risultati preliminari. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: Cera M. (1976) - Meccanizzazione Agricola. Ed. Patron, Padova. Cohort Software (1998) - Costat manual revision Edition Cohort Software, P.O. Box 19272, Minneapolis, MN Usa. Colorio G., Tomasone R., Bozzoli M. (2002) - Strumenti, impianti e macchine utilizzate per il trattamento del terreno con vapore acqueo: stato dell arte ed evoluzione. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: Curto G., Moscheni E., Santi R., Mainardi M., Dallavalle E. (2002) - Controllo dei nematodi galligeni su lattuga mediante vapore e sostanze a reazione esotermica: risultati di un biennio di sperimentazione. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: D Errico F.P., Caprio E., Russo G. (2002) - Efficacia fitoiatrica del vapore e di sostanze a reazione esotermica sui nematodi. Risultati preliminari. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: Di Ciolo S., Peruzzi A. (1988) - Proposal for data processing standardization for tillage field test. Agricoltura Mediterranea, 3: Ferrari M., Marcon E., Mente A. (1988) - Fitopatologia, Entomologia Agraria e Biologia Applicata. 3 a ed., Edagricole, Bologna. Gelsomino A., Martelli G., Oliva S., Bolignano M.S., Cacco G. (2002) - Effetto del vapore e di sostanze a reazione esotermica su alcune caratteristiche microbiche del terreno: risultati preliminari. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: Gomez K.A., Gomez A.A. (1984) - Statistical procedures for agricultural research. 2 nd ed., J. Wiley & Sons, New York (Usa): Gullino M. (1998) - Anno 2005: addio al bromuro di metile. Terra e Vita, 7: Gullino M., Minuto A., Gasparrini G. (1999) - Bromuro di metile - La parola agli agricoltori. Colture Protette, 7: Katan J. (1987) - Soil solarization. In: «Innovative approaches to plant disease control», I Chet ed., John Wiley & Sons, New York (Usa). Katan J. (1999) - The methyl bromide issue: problems and potential solution. Journal of Plant Pathology, 81: Lenzi A., Lombardi P., Mainardi M., Tesi R. (2002) - Risposta di alcuni ortaggi alla disinfezione del terreno con vapore e sostanze a reazione esotermica. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì 30 ottobre: Martino B. (1997) - Il bromuro di metile in agricoltura. La difesa delle piante, 20: Materazzi A., Iandolo R., Triolo E., Vannacci G. (1987) - La solarizzazione del terreno. Un mezzo di lotta contro il «marciume del colletto» della lattuga. L Informatore Agrario, 43: Mazzoncini M., Risaliti R., Ginanni M., Mainardi M. (2002) - Effetto del vapore e di sostanze a reazione esotermica sulle principali caratteristiche chimiche del terreno: risultati di un quadriennio di sperimentazione. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Nederpel L. (1979) - Soil sterilization and pasteurization. In: «Soil disinfestations», D. Mulder ed., Elsevier Scientific Publishing Company, Amsterdam (Olanda). Peruzzi A., Raffaelli M., Di Ciolo S., Mazzoncini M., Ginanni M., Mainardi M., Risaliti R., Triolo E., Stringari S., Celli A. (2000) - Messa a punto di un prototipo di sterilizzatore del terreno per mezzo di vapore e di sostanze a reazione esotermica. Rivista di Ingegneria Agraria, 31: Peruzzi A., Raffaelli M., Ginanni M., Mainardi M. (2002a) - Development of innovative machines for soil disinfection by means of steam and substances in exothermic reaction. Proceedings of the 5 th Ewrs workshop «Physical and Cultural Weed Control», Pisa marzo: Peruzzi A., Raffaelli M., Ginanni M., Mainardi M., Risaliti R., Del Sarto R., Borelli M. (2002b) - Messa a punto del sistema «bioflash» ed evoluzione delle macchine operatrici per la disinfezione e disinfestazione del terreno: risultati di un quadriennio di sperimentazione. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Raffaelli M., Peruzzi A., Del Sarto R., Mainardi M., Pulga L., Pannocchia A. (2002) - Effetto del vapore e di sostanze a reazione esotermica sul riscaldamento del terreno: risultati di un quadriennio di sperimentazione. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Ribaudo F. (1996) - Costo di esercizio delle macchine agricole. Macchine & Motori Agricoli, 3: Sartori L. (1998) - Capitolo V: calcolo del costo di esercizio delle macchine. In: «Dispense di Meccanizzazione Agricola», Ed. Università degli Studi di Padova. Stringari S., Triolo E. (2002) - Vapore d acqua e reazioni esotermiche per il L INFORMATORE A GRARIO 46/2003 1

8 contenimento di patogeni tellurici: esperienze su Sclerotinia minor (Jagger) e Rhizoctonia solani (Kuhn). Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Triolo E., D Errico F.P. (2002) - Il vapore d acqua: un secolo di esperienza per un sistema fitoiatrico attuale. Atti del convegno «Vapor d acqua e sostanze a reazione esotermica: una combinazione a ridotto impatto ambientale per la disinfezione e disinfestazione del terreno», Forlì, 30 ottobre: Triolo E., Materazzi A., Luvisi A. (2003) - Prospettive per la lotta contro i funghi patogeni. Atti del convegno «Patogeni, fitofagi e piante infestanti delle colture agrarie: le prospettive senza il bromuro di metile», Capri, ottobre, in stampa. Triolo E., Materazzi A., Vannacci G. (1991) - Risultati di un decennio di ricerche in Italia. La solarizzazione: un terzo metodo di sterilizzazione parziale del terreno. Terra e Sole, 46: L INFORMATORE A GRARIO 46/2003

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO PASSIONE PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO TECNICA PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO MACCHINE INNESTATRICI NASTRI PER LA SELEZIONE E PARAFFINATURA MACCHINE STENDITELO E RACCOGLITELO STERRORACCOGLITORI

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel CITY26-35-52 HP diesel Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Disinfestatrici di Classe Superiore C I T I Z E N CITYPlus Ecology Macchina

Dettagli

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata.

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata. SERIE JX 72-95 CV Ambiente di lavoro sicuro e produttivo. Sedile di guida confortevole. Tecnologia funzionale sotto tutti i punti di vista. Disponibili nella versione con o senza cabina, questi trattori

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+ Dumperonstop Wacker euson Dumper con cabina A ribaltamento rotante DAT TE 10010 kg 3000 kg 6000 kg 9000 kg Peso proprio 2410/2550 kg 4120/4240 kg apacità cassone a raso 1500/1300 l 2400/2400 l 38 4000

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini PROTEZIONE CEREALI prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini ACCORGIMENTI CHE FANNO LA DIFFERENZA Per una corretta impostazione del progetto è importante INDIVIDUARE GLI INSETTI

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA 2020. Ci aspetta un grande obiettivo La direttiva Eco-design. 02 Nel 2005 l Unione Europea ha approvato la nuova direttiva

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli