Casino di Fallistro - La storia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casino di Fallistro - La storia"

Transcript

1 Casino di Fallistro - La storia Il Casino di Fallistro risale almeno all inizio del XVII secolo, poiché alcuni atti notarili di compravendita ne testimoniano l esistenza già nel 1631 e nel Quando i Mollo l acquistarono insieme a continenze di terre aratorie, con pantana, erba da taglio, difesa da Don Giulio de Rogata di Trenta, possedevano altre terre, a Fallistro come in tutto il circondario, che vengono menzionate nei suddetti atti come terre confinanti 1. Nel 1721 la terra di Fallistro, proprietà Mollo, era di 350 tonnellate, coltivata con erba di taglio, grano germano e per tanta parte coperta di boschi. Mollo acquistò insieme ad altri noti proprietari della Sila (Campagna, Lupinacci, Baracco), alcune delle terre che Domenico Barbaja, un costruttore milanese, rivendette dopo averle avute, quale pagamento per aver ricostruito una parte del teatro San Carlo di Napoli distrutto da un incendio. Nel 1800 il Casino, insieme alla filanda, era circondato da altri caseggiati: due chiese, una serrà d acqua, un mulino, un altro fabbricato di tre stanze con bassi e soffitte chiamato cunette. Il fabbricato della filanda non sappiamo quando sia stato edificato o a quale uso fosse destinato precedentemente al 1800, ma certamente esso diventò filatoio di seta nella prima metà del secolo. Del mulino è conservata un enorme macina di granito nel casino. Almeno una delle chiese esisteva già nel 1752 quando Pietro Mollo in una rivela 2 pone tra le spese il suo impegno a far dir messa nella chiesa di Fallistro. Questa rivela risulta di un certo interesse anche perché include tra i componenti della famiglia il personale di servizio, tra cui un servitore di livrea, un armigero, una nutrice, una serva, un mulattiere, un garzone, un volante. Quest ultimo servitore crediamo fosse un addetto alla carrozza, che ne anticipava l arrivo. A Fallistro vi era dunque un complesso di costruzioni che garantivano la presenza dei proprietari, anche se non continua, di personale e maestranze che assicuravano il funzionamento di un azienda latifondistica efficiente e diversificata. D inverno nella difesa si presume che non rimanesse nessuno; allora le finestre del casino e delle altre case pertinenti venivano murate come raccomandava un ordinanza del capo della polizia, il sovrintendente della Calabria Citeriore del 1845, per evitare che si ricoverassero i briganti 3. Il Casino è una massiccia costruzione adagiata in mezzo ad un terreno ondulato da lievi pendii, appena discosto dalla strada che da Croce di Magara conduce tra i poderi sorti in seguito alla riforma agraria, proprio al limitare della straordinaria foresta dei Giganti della Sila. Allora, così come recita una perizia del , si trovava al centro della difesa di Fallistro, esposta a mezzogiorno, fatta di boschi, terreni irrigui e seminatori ed era attraversata da alcune strade, la via nuova e la via vecchia, la via Maestra che corre(va) verso li Casali 5. 1 Piccolo Trenta vendeva a Giovanni Pietro Mollo di Pedace Serra, per 100 ducati, un comprensorio di terre aratorie colte ed incolte con pantana casa e difesa, che si trovano della Sila di Cosenza e Casali in località Fallistro. Un altro atto notarile del 1632 asserisce che Mollo acquistò da Giovanni Battista Spina, che l aveva a suo tempo acquistata sempre da Don Giulio de Rogata, una continenza di terre con case di fabbrica, che fanno pensare a più di una costruzione, per il diritto dello iure congruo. Lo iure congruo è un privilegio che consiste nella preferenza data, a parità di condizioni, nella vendita di un immobile, a chi possiede la proprietà confinante (Grande Dizionario della Lingua Italiana- Utet, 1971); una sorta di diritto di prelazione. Il Casino di Fallistro, comunque, sia che fosse compreso nel primo o nel secondo apprezzamento di cui si tratta, nel 1600 esisteva già. 2 Archivio di Stato Napoli. 3 Si veda tra le immagini la fotocopia di tale ordinanza.

2 Aveva dodici stanze con altrettanti bassi e soffitte. I locali del piano terra, seppure ampi e con alte volte, vengono chiamati bassi perché non erano evidentemente ben fatti tanto da essere considerati stanze. I pavimenti, per esempio, erano in calce battuto, mentre quelli delle stanze erano in mattoni. Il Casino e tutta la difesa era un bene maggiorascale 6 che Pietro Mollo assegnò al nipote Reverendo Francesco Saverio Mollo nel L origine della famiglia è molto antica. Risale al 1278, quando Ugone Molli, cavaliere proveniente dalla città di Siena al seguito di Carlo D Angiò, arrivò in Calabria. Successivamente, alcuni membri della famiglia Mollo si stabilirono a Rossano, a Montalto, a Serrapedace. I Molli 8 di Montalto ottennero molti privilegi 9 ; nel XVI secolo avevano il Feudo e la Baronia di Pietrapaola 10. Pamphilo Mollo era uditore generale del re e da lui discesero illlustri giureconsulti, come testimonia uno scritto che padre Francesco Mollo.un frate minorita di Montalto Uffugo, stampò a Napoli nel I primi Mollo ad essere aggregati al Sedile di Cosenza furono Angelo e i suoi figli, Celso e Geronimo, nel Questo ramo si estinse sul finire del XVII secolo con Francesco Antonio, Barone di Acquaformosa. Nel 1795 i fratelli Saverio e Raffaele Mollo di Serrapedace, dimostrando l appartenenza alla stessa famiglia, ottennero la reintrega al Sedile 11. Della famiglia Mollo di Pedace Serra, l albero geneaologico che abbiamo consultato 12 risale al 1565, ad uno dei Giovanni Stefano, ed include numerosi nobili patrizi della provincia di Cosenza. 4 Nel 1891, il 15 Novembre, il perito Francesco Scola di Cosenza fa un inventario delle proprietà della Sila di Mollo per dividerle tra 4 eredi. È un interessante documento che si preoccupa di classificare e valutare non solo la terra e le fabbriche in generale, ma perfino le travi, le porte, i pavimenti. (Archivio Mollo). 5 È una delle indicazioni quasi chiare dei confini delle proprietà Mollo che, come la maggior parte delle terre della Sila, venivano racchiusi da limiti molto approssimati e che nel tempo potevano essere spostati, alterati facilmente. 6 Alcuni atti dell Archivio Mollo, uno redatto il 2 giugno del 1721 dal notaio Terracina, un altro del 7 giugno dello stesso anno del notaio Cava, descrivono molto bene le attività della difesa di Fallistro in quegli anni. Il secondo di questi atti è una dichiarazione che Don Stefano Mollo fu tenuto a fare al Presidente della Regia Camera, D. Giuseppe Mercader, che venne in Sila per una transazione. In questo stesso documento viene attestato che Fallistro era un bene maggiorascale e perciò trasmesso ai primogeniti dei Mollo. 7 Nei numerosi atti consultati, da quelli di acquisto alle rivele, si parla di emancipazione. Nei tempi di cui parliamo, rigidamente patriarcali, nessuno dei figli poteva acquistare, vendere, decidere alcunché, se non si era affrancato della patria potestà, che poteva durare anche tutta la vita. Era necessario un atto pubblico redatto da un notaio ed il consenso del padre, affinché si realizzasse l emancipazione. 8 Negli atti consultati, nei documenti storici, nelle pergamene, i personaggi della famiglia vengono indicati a seconda del sesso e del numero come Mollo, Molli, Molla, Molle, declinando alla maniera latina il cognome, secondo l uso di quei tempi. 9 Archivio Geneale di Simancas, in Spagna. 10 Archivio di Stato di Palermo, Commenda della Maggione, Processo Gerosolimitano di Sigismondo Pilo. 11 Archivio di Stato di Cosenza, notaio Trocini. 12 Scorrendo nell albero genealogico di Mollo, intorno al 600 si incontrano personaggi notissimi di Cosenza e della Presila, che hanno segnato la storia dei casali e della Sila.

3 Nella seconda metà del 700 Saverio Mollo sposa Maria Vittoria Brunetti, baronessa di Brunetto 13, che nel 1798 con atto notarile dona al figlio primogenito Vincenzo Maria il titolo e il feudo di Brunetto con tutte le sue prerogative 14. Vincenzo Maria Mollo è stato sicuramente il personaggio della prima metà del 1800 più noto ed in vista di Cosenza, di cui fu più volte sindaco. Di lui parla Alexandre Dumas 15, che fu suo ospite, e Michel Tenore, un botanico viaggiatore che nel 1826, a capo di una spedizione scientifica lo conobbe ed apprezzò 16. Egli operò come sagace amministratore e presidente di molti enti, provvedendo alla costruzione di opere di pubblica utilità. Tra esse, testimonia anche Tenore, ci fu il Teatro Real Ferdinando, uno dei più bei teatri della provincia, alla cui costruzione contribuì Vincenzo Maria Mollo con le proprie finanze. Alcuni suoi interventi mirarono anche alla valorizzazione dell altopiano Silano, che comprendeva numerose e floride masserie, tra le quali quella di Fallistro. Nella masseria di Fallistro si praticava l avvicendamento delle terre sulle quali veniva coltivato il foraggio per gli animali da soma, che servivano al trasporto dello stesso, il quale ammontava nel 1721 a 120 some, del grano germano prodotto e di tutto ciò che occorreva ai coloni e ai foresi 17. Altre terre erano adibite a pascolo per i buoi e per un gregge di ben 1200 pecore. La serra d acqua utilizzava le acque del Neto, che dovevano essere più abbondanti di quanto lo siano attualmente, per produrre tavole. Non sempre però funzionava. Anzi, si precisa nei documenti già citati nelle note, che una parte delle terre di Fallistro in alcune annate non veniva affittata proprio perché serviva ai buoi della serra che, evidentemente, trasportavano i tronchi, le tavole ed erano utili anche ai comodi degli operai addetti alla serra stessa. Le tavole ricavate dalla serra, munita di regolare licenza, venivano imbarcate nella marina di Corigliano. A Fallistro l acqua era abbondandissima per la presenza del fiume Neto, del fiume Garopato e di numerose sorgenti e fontane, quella Della Pietra, Delle 7 Acque, Della Tromba 18. Si operò nel 600 e nel 700 il taglio di moltissimi alberi in tutta la Sila, soprattutto per ricavarne tavole e legna, per guadagnare terre da coltivare. 13 Quello di Brunetto era un feudo rustico, di cui ve ne era soltanto un altro in Calabria, quello di Ricciulli di Rogliano. Il Feudo di Brunetto si estendeva dalla zona di Dipignano e costituiva una parte delle vaste proprietà di Vincenzo Maria Mollo, che comprendevano Flaviano con uliveti e frutteti nella zona di Falconara e le terre delle Sila, i palazzi di Cosenza e proprietà viciniori, alcune delle quali acquisite dalla vendita dei beni ecclesiastici. Un libro di Pellicano Castagna (Le ultime intestazioni feudali in Italia, Editore Effemme, Chiaravalle Centrale, 1978) racconta proprio di questi fatti. 14 Atto per notaio T. M. Adami, Nell atto di donazione Vittoria Brunetto stabilisce tra l altro sopra li suddetti beni in perpetuo maiorascato primo geniale a favore di esso Don Vincenzo, ed il di lui figlio primogenito e cossì del primogenito di quello in perpetuum, ed infinitum sempre riserbata alli primogeniti pro tempore, o a chi ne farà la figura la proprietà, e l amministrazione de beni accennati colli suddetti pesi a favore de secondogeniti. (Archivio Mollo) 15 Si tratta del grande scrittore Alexandre Dumas, che, viaggiatore del Gran Tour, venne nella nostra regione e scrisse il suo Viaggio in Calabria. In un altro suo libro Le capitaine Arena ne fa un brillante encomio. 16 Michele Tenore, un botanico che ideò e promosse la realizzazione dell orto Botanico di Napoli, compì un viaggio nella Calabria per arricchire l erbario Napoletano e scrisse un diario di quel viaggio. A Cosenza conobbe Vincenzo Maria Mollo e ne fu ospite. Si veda diffusamente Vittorio Cappelli, 1998, Sguardi, Edizioni Rubbettino. 17 Lavoratori forestieri. 18 Archivio Mollo, Pianta topografica delle difese denominate A. Neto, B. Fallistre.

4 Numerosi provvedimenti vennero emessi dal governo di Napoli per limitare tale distruzione, certo non per spirito eco-naturalistico, ma per avere a disposizione il legname necessario per la costruzione di vascelli per la marina. Nell Archivio di Mollo esiste un banno del Preside Vincenzo Dentice del 1789, che da Cosenza ordinava di non ardire di tagliare nessun albero della Sila Regia e Badia di San Giovanni in Fiore. Gli stessi alberi di boschi fittissimi a Fallistro venivano utilizzati per l estrazione della pece, bianca o nigra e per le nevi. La foresta vicino al Casino, però, venne mantenuta intatta per secoli, protetta fino agli anni più recenti dai Mollo, i quali promossero perfino le ultime decisioni che portarono all istituzione della riserva naturale biogenetica I Giganti della Sila. Un interessante articolo di un fuzionario forestale testimonia l impegno della famiglia Mollo per il destino di quest ultima barriera del bosco contro le ingiurie del tempo e dell uomo. E così la foresta con i suoi pini, colonnato di un antico tempio, si erge ancora 19! Le terre di Fallistro servivano anche alla transumanza delle mandrie di pecore possedute dai Mollo. Durante la stagione estiva esse stazionavano nelle terre della Sila e poi si spostavano verso la marina ionica su terre di Cropalati, Cariati, Calopezzati 20, dove veniva anche venduta una parte del bestiame È interessante osservare come la transumanza avvenisse tra la Sila e la marina ionica, probabilmente su terre in affitto, e non verso le terre del versante tirrenico, in prossimità di Falconara, su cui i Mollo avevano il possedimento di Flaviano, perché le mandrie per spostarsi dalla Sila al Tirreno avrebbero dovuto attraversare due montagne con notevoli disagi e diverse perdite che, probabilmente, compensavano la spesa d affitto dei pascoli Un attività importante del latifondo Mollo e di Fallistro in particolare, è stata quella della Filanda della seta, che funzionò a pieno ritmo fino all Unità d Italia. La materia prima giungeva a Fallistro dai gelsi e dalle digatterie di Dipignano. Poi la seta, confezionata in balle di fieno grezzo, veniva inviata a Napoli, e da lì smistata nei mercati esteri più vantaggiosi, Marsiglia, Londra, Lione. Un carteggio costituito da una fitta corrispondenza tra i baroni Mollo, Vincenzo Maria fino al 1849 e a suo figlio Stefano dal 1850 in poi, e i signori D. Carlo Forquet e L. Giusso di Napoli, documenta l attività della filanda di seta con tutte le operazioni connesse alla sua spedizione e commercializzazione 21. Si parla delle terre adibite alla coltivazione del gelso, del raccolto più o meno abbondante a seconda delle annate, degli ammodernamenti della fabbrica, della produzione di nuovi tipi di seta come l organzina, la seta molle, il setone. In queste lettere si leggono espressioni di cortesiae formule commerciali oltre che conteggi e prezzi del prodotto-seta. Si legge ancora che 19 L Italia Forestale e Montana, marzo-aprile Anno L, n. I L articolo richiamato dice che nel 1987, con il dec. N 426 del 21 luglio, venne istituita la riserva biogenetica I Giganti di Fallistro per mezzo dell interessamento della baronessa Paola Mollo e dell Amministratore delle Foreste Demaniali in Sila, Mario Ciolli. L O.V.S. in seguito all esproprio delle terre della Sila, concesse questo lembo di terra ad un coltivatore diretto e le piante rischiarono la rovina fino a che l attenzione del C.N.R., dell Università della Calabria, della Direzione generale delle Foreste Demaniali, i Ministeri preposti non si interessarono ai pini larici e aceri montani di Fallistro. Il prof. Orazio Ciancio ne fece uno studio approfondito, dal quale emerse che le 56 piante, di oltre 1000 metri cubi, avevano 5 secoli di età. 20 Archivio Mollo. 21 Archivio Mollo.

5 si trasformerà il filato da quattro in cinque (fili), con scrupolosità, cercando di incrementare il lavoro, stante i buoni prezzi di mercato, del doppio e forse del triplo (apportando) espedienti opportuni all oggetto, incoraggiati dalle notizie sui buoni prezzi di mercato per la vendita della seta all estero. Le navi, vapori che imbarcavano la seta corredata di regolare polizza di carico nella rada di Paola in genere il sedici di ogni mese, si chiamavano Maria Antonietta o Duca di Calabria. Una delle tante casse di seta imbarcate era composta di mazzi 417, matasse 2502 e veniva classificata in organzina, seta, molle, setone. La filanda, testiomoniano alcune lettere, funzionava con 24 formelle avendola provveduta di scelte maestre e di un buon direttore ed ancora di portafili di cristallo, comprati a Napoli per tramite dei signori Forquet e Giusso ed avuti attraverso il barone Collice. Traspaiono da queste lettere l orgoglio del barone di produrre in modo preciso la seta della più fine e bella qualità che qui si fabbricano, e la sua onestà, tanto da avvertire sulla quantità e sulle differenze di prodotto spedito. Nel mezzo di essa cassa si dice in una delle lettere ai signori di Napoli troverete posta divisa dall altra picciola quantità di seta di colore un poco più oscuro di quella, ma perfettamente simile nella filatura e tutt altro. La filanda di Fallistro, tuttora un grosso fabbricato rettangolare, era una moderna fabbrica con un locomobile a vapore di marca francese 22, che serviva a muovere i manganelli, una caldaia per riscaldare le bacinelle ed un camino che consentiva di riscaldare fino a gradi, l ambiente. Una vasca enorme alimentava all esterno la filanda. Vi lavoravano maestre, sbattitrici, scarnatrici, discepole. Gli uomini erano pochissimi, il macchinista, il fuochista, il sorvegliante. La fabbrica funzionava anche di notte per 75 giorni di seguito, con turni di 12/16 ore. Le lavoranti erano tutte di fuori e guadagnavano pochissimo (Petrusewicz, 1990) 23. Le simpatie borboniche dei Mollo non giovarono certo alle loro attività che, dopo il 1860, furono colpite da una grave crisi che investì soprattutto la filanda la quale fu anche al centro di alcune controversie che ne accelerarono la rovina. Ritroviamo la filanda trasformata in albergo nel 1913, quando i costruttori Emilio Vigna e Giovanni Parise vi ricavarono otto appartamenti, che vennero occupati nello stesso anno, sulla scia della valorizzazione della Sila luogo di Villeggiatura, iniziata proprio in quegli anni. L attività della Pensione Fallistro, interrotta nel periodo della guerra, fu ripresa nel Negli anni 50 la Riforma agraria determinò, come per gli altri grandi proprietari silani, la riduzione e l esproprio di tante terre dei Mollo. La filanda negli anni intorno al 1960 fu concessa da Eduardo Mollo, nonno degli attuali proprietari, a suor Elena Aiello, la Monaca Santa nota e tanto benvoluta a Cosenza per la sua carità, che vi portò per molti anni le sue ragazze ad estivare. Il casino da allora viene usato saltuariamente dai Mollo che hanno in animo il suo restauro. 22 I proprietari conservano le ruote della locomobile. 23 La filanda fu al centro di una controversia con un altro proprietario della Sila. Nel 1879 ritornò nel possesso dei Mollo.

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

Traduzione di e adattamento di Guido Aprea

Traduzione di e adattamento di Guido Aprea Traduzione di e adattamento di Guido Aprea Versione 1.0 gennaioo 2004 http://www.gamesbusters.com e-mail: info@gamesbusters.com NOTA. La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 17 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 2 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico uniformata locale

Dettagli

Il 30 novembre 1943 il Ministro degli Interni dispose - con l'ordinanza di polizia n. 5 - l'arresto e l'internamento degli ebrei, nonché il sequestro

Il 30 novembre 1943 il Ministro degli Interni dispose - con l'ordinanza di polizia n. 5 - l'arresto e l'internamento degli ebrei, nonché il sequestro Il 30 novembre 1943 il Ministro degli Interni dispose - con l'ordinanza di polizia n. 5 - l'arresto e l'internamento degli ebrei, nonché il sequestro dei loro beni. In Provincia di Vicenza, i primi giorni

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano. DATI TECNICI: MATERIALE Gesso MISURE Cm 65 x 75 x 45 CONSERVAZIONE DELL OPERA

UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano. DATI TECNICI: MATERIALE Gesso MISURE Cm 65 x 75 x 45 CONSERVAZIONE DELL OPERA AUTORE Giuseppe Albano (Putignano 1899-1967) TITOLO Cesare Contegiacomo N. inventario 91 G30 LOCALIZZAZIONE: STATO Italia PROVINCIA Bari COMUNE Putignano UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano PROVENIENZA

Dettagli

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo.

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo. Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005 C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo Nome e cognome Museo Storico Etnografico Sampeyre Percorsi didattici estate 2005

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA

CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA Rif 600 - DIMORA STORICA CORTONA EUR 3.500.000,00 CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA Tuoro sul Trasimeno - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/600 Superficie: 1800 mq Terreno: 13 ettari Camere:

Dettagli

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a CON LE PICCOLE GUIDE A SPASSO PER LA CITTA In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a A e 4 a

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE.

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DEI TERMINI IMMOBILIARI SEZIONE I: FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI SEZIONE II: TERRENI AGRICOLI SEZIONE III: COLTURE

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Vincenzo Zito Gli Zito di Andria

Vincenzo Zito Gli Zito di Andria Vincenzo Zito Gli Zito di Andria Vincenzo Zito GLI ZITO DI ANDRIA Note su di una famiglia contadina originaria di Conversano EDIZIONE DELL AUTORE In copertina: stralcio dalla carta della Locazione di

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie PRIMO CENSIMENTO GENERALE del neonato Regno d Italia nel 1861 dal testo: Scienza delle Finanze di Francesco Saverio Nitti, economista e statista, Presidente

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

Rif. ACS165 205.000 APPARTAMENTO AMBASCISTORE

Rif. ACS165 205.000 APPARTAMENTO AMBASCISTORE Rif. ACS165 205.000 APPARTAMENTO AMBASCISTORE La seguente Offerta Immobiliare tratta la vendita in una porzione di fabbricato sita in un Borgo completamente ristrutturato ubicato all'interno delle dolci

Dettagli

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba VILLA ANGELICA (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba La villa Angelica, utilizzata da lord Hamilton per le sue escursioni sul Vesuvio, si trova tra Torre del Greco e Torre Annunziata, al numero civico

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

Le arance. della Cooperativa

Le arance. della Cooperativa Kit didattico : Pensa al Clima! // l incredibile viaggio di 4 prodotti Le arance della Cooperativa Quale storia nascosta può avere una semplice arancia? Cosa vuol dire creare una rete di acquisto e scegliere

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE. DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di : Lorella Pambianchi

SCHEDA DI PRESENTAZIONE. DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di : Lorella Pambianchi SCHEDA DI PRESENTAZIONE UNITA DI LAVORO: L UOMO E L AMBIENTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO: - raggruppare luoghi secondo elementi comuni - riconoscere le modificazioni apportate dall uomo nei vari ambienti

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus I Genitori... Per i loro figli desiderano una vita ordinata, vissuta nel rispetto delle regole; vorrebbero una scuola impegnata con docenti di livello e che non cambino continuamente, con istruttori capaci

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Nave da carico. Nave da guerra

Nave da carico. Nave da guerra I Fenici I commerci fenici L'espansione fenicia trasse origine dai commerci, che i Fenici praticavano su tutte le coste mediterranee. Si erano mossi sulle rotte aperte dai Micenei alla ricerca di metalli

Dettagli

con la collaborazione di Alessandro Depaoli

con la collaborazione di Alessandro Depaoli 2 A cura di Mauro Silvio Ainardi con la collaborazione di Alessandro Depaoli 3 XVII SECOLO La Carta della Montagna di Torino, redatta dall ingegnere-topografo La Marchia, rileva il territorio di Torino

Dettagli

Il chicco di caffè. Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005. Ins. Monica Bellin A.S. 2004/2005.

Il chicco di caffè. Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005. Ins. Monica Bellin A.S. 2004/2005. Il chicco di caffè Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005 Ins. Silvia e Martina ci parlano del caffè Noi acquistiamo il caffè al supermercato: lo troviamo sotto forma di confezioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO COMUNE DI VIGOLO VATTARO (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29.12.1999 Modificato con delibera

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY"

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO GIRLS' DAY Desirée Lucido 2A USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY" Il 14 Aprile 2015, con una ragazza della II F e una della IIG di S. Lorenzo, sono andata in un negozio di fiori, cioè un Laboratorio botanico

Dettagli

RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono

RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono dall'innominato per le nozze di Lucia e si reca dalla

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

ARCHIVIO DI STATO DI FIRENZE

ARCHIVIO DI STATO DI FIRENZE Documento storico!!! L'inventario del "Podere di Castellonchio", datato 1764, eseguito dallo Spedale di S.Maria Nuova (Firenze), all'epoca proprietario di questo e di altri poderi della zona. In questo

Dettagli

(Reggio Calabria) (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. Documento conservato presso:

(Reggio Calabria) (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. Documento conservato presso: ATTO NOTARILE DI RICONOSCIMENTO - Benificio di S. Antonio Abate - Montebello Ionico (Reggio Calabria) 15 settembre 1730 (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. COPIA TRASCRITTA

Dettagli

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento a cura di Patrizia Ferrario In occasione della giornata di studi Lettere di liberta'.costanza Arconati Trotti Bentivoglio (biblioteca A. Manzoni, Trezzo sull'adda

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore. residenziale e commerciale

Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore. residenziale e commerciale Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore residenziale e commerciale Nel pieno centro di Salsomaggiore, di fianco alle Terme Berzieri, fu prima convento dei Frati Serviti e poi Grande Albergo residenziale

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 173 Intervento dal titolo Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore A cura di Dott. Stefano Bonotto F2 S.r.l. 175 Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 1) IL RELATORE

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella Rif 0351 Villa di lusso a Biella www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella 1.500.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Pralungo Biella Piemonte Italia Superficie Immobile:

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

FATTORIA DI CALCINAIA

FATTORIA DI CALCINAIA FATTORIA DI CALCINAIA Il nome e l orgoglio di una famiglia nella storia del vino toscano: tra antiche vigne e innovazione 1 FATTORIA DI CALCINAIA L area in cui è situata la tenuta è quella del comune di

Dettagli

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese CONOSCERE PER ABITARE: IO PARTECIPO ALLA CITTÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO 25 Maggio 2012 San Mauro Torinese Classe IV B Scuola primaria Giorgio Catti CONOSCERE

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

UN MISTERO PER LA 127 ROSSA?

UN MISTERO PER LA 127 ROSSA? UN MISTERO PER LA 127 ROSSA? di Maurizio Barozzi Sarebbe interessante e importante se la nuova Commissione Moro potesse rispondere ad alcune domande riguardo l enigma di una 127 rossa. Abbiamo realizzato

Dettagli

Radio, radioamatori e caffè

Radio, radioamatori e caffè Radio, radioamatori e caffè Di Roberto IZ0KLI Quale sarà mai la relazione che lega noi radioamatori con la bevanda più consumata nel mondo ed eccellente rappresentanza del made in Italy? La risposta è

Dettagli

LA RIFORMA FONDIARIA 1

LA RIFORMA FONDIARIA 1 II LA RIFORMA FONDIARIA 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Il quinquennio di lotte contadine del secondo dopoguerra spronò le forze politiche, soprattutto della maggioranza, alla ricerca di una soluzione per

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V E-F, SCUOLA PRIMARIA e SEZ A-B-C SCUOLA MATERNA Settembre

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda).

Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda). Titolo: La Fattoria Olistica Relatrice Angelina Scarano Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda). Oltre che capire il mondo degli

Dettagli

La casa colonica della mia Scuola

La casa colonica della mia Scuola La casa colonica della mia Scuola Viola Elisa, Rodella Michael, Maniezzo Marco La nostra scuola, Istituto Tecnico Agrario (ITAS)si trova a Sant Apollinare, piccola frazione in provincia di Rovigo, nella

Dettagli

SCUOLA DI COOPERAZIONE. ANALISI DEL CASO STUDIO: VILLA ZANARDELLI Verona, 10 dicembre 2012 Sociologia del Terzo Settore

SCUOLA DI COOPERAZIONE. ANALISI DEL CASO STUDIO: VILLA ZANARDELLI Verona, 10 dicembre 2012 Sociologia del Terzo Settore SCUOLA DI COOPERAZIONE ANALISI DEL CASO STUDIO: VILLA ZANARDELLI Verona, 10 dicembre 2012 Sociologia del Terzo Settore VILLA ZANARDELLI OCCASIONE DI SVILUPPO DI PROGETTI COMUNITARI VILLA ZANARDELLI E un

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

!! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" +

!!    # $ ! %& ' (  # ))' * * * +! + !! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" + , $ "!$ " " - )." $ -! $-$ ) / / " )/ 0 1 +, %" " --!/ + 2 /!" "-! - " ".!! $ # 3 # ""!"! % 4 + - " " 5 6 6 7 8& - $ -)" 9! %+! " #! $ % 4 + : ;, < = > 0 " )"

Dettagli

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI Figura n. 1 Serva di Dio M. Giuseppa dei SS. Cuori. UNA MONACA ADORATRICE MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIANNA FORTUNATA CHERUBINI La Monaca Adoratrice amata dalla Napoli

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli MOTIVAZIONE E PERCORSO SEGUITO Il nostro lavoro parte dalla domanda sul rapporto che c è tra la nascita della nostra scuola e l unità d Italia. Le origini

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com I FUNARI del Vesuvio 1 Parte seconda Di Aniello Langella La storia dei funari è sicuramente una storia comune a tanti luoghi di mare. Ma certamente le vicende che legano questo antico mestiere all uomo

Dettagli

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale.

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale. Umbria Domus Agenzia Immobiliare Il Castello sul Lago 430 mq 8 8 Tipologia: Contratto: Superficie: Castello di origine medievale Vendita circa 430 mq Piani: 3 Terreno: Piscina: Stato: 65.068 mq no Abitabile

Dettagli

Ripulite le stanze e dato qualche tocco di pittura si era messa su una piccola infermeria dove la suora faceva visite mediche e piccole operazioni.

Ripulite le stanze e dato qualche tocco di pittura si era messa su una piccola infermeria dove la suora faceva visite mediche e piccole operazioni. ARQUIDIOCESE DE MAPUTO Paróquia Nossa Senhora da Assunção Liberdade- matola Carissimi Carissimi amici L avventura del centro di salute di Liberdade é incominciata nell anno 2008 e non sarebbe andata avanti

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA.

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA. CELI 3 2 fascicolo UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA (Punteggio della prova: 20 punti) Tempo: 45 minuti Cognome

Dettagli

LE AZIENDE AGRICOLE DI ENTI PUBBLICI GUIDA PER LA LORO RILEVAZIONE

LE AZIENDE AGRICOLE DI ENTI PUBBLICI GUIDA PER LA LORO RILEVAZIONE LE AZIENDE AGRICOLE DI ENTI PUBBLICI GUIDA PER LA LORO RILEVAZIONE 1. DEFINIZIONE DI ENTE PUBBLICO Gli Enti pubblici sono degli organismi dotati di personalità giuridica propria (persona giuridica e non

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

Fascicoli 1 2 3 4 5 Italiano Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014

Fascicoli 1 2 3 4 5 Italiano Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014 Griglia di correzione DOMANDE APERTE Fascicoli 1 2 3 4 5 Italiano Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014 Si ricorda che i dati di tutte le classi (campione e non campione) devono essere

Dettagli

IL MIO QUADERNO INVALSI

IL MIO QUADERNO INVALSI GABRIELLA PORINO LIBRO MISTO PROGETTO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO INFORMATIVO DI ARGOMENTO GEOGRAFICO GABRIELLA PORINO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO

Dettagli

Immagini dell autore.

Immagini dell autore. Sfida con la morte Immagini dell autore. Oscar Davila Toro SFIDA CON LA MORTE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato ai miei genitori, che

Dettagli

VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del..

VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del.. VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del.. PARROCCHIA Comune Parroco: anno di nomina 1. Consiglio Parrocchiale Affari Economici Istituito il Composto da:

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli