indebolire l'organizzazione sindacale ricorrendo segnatamente a misure di pressione sui suoi iscritti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "indebolire l'organizzazione sindacale ricorrendo segnatamente a misure di pressione sui suoi iscritti"

Transcript

1 Doc. informativi

2 Segretariato Cantonale Vra 5 Baiestrz l9 Cf-l-690 I Lugano oîgantzaztone cristiano-sociale trctnese icl 09192i iax A ?, 65 ccp segretanato can www,ocst corn Consiglio di Amministrazione Casino Lugano SA Via Stauffacher 1 co Lugano Ns. rif. MR meinrado. Vs. rif. Lugano, 7 luglio 2011 Rapporti di collaborazione Egregio Signor Presidente, Egregi Signori Membri del Consiglio di amministrazione, in occasione dell'incontro del 24 maggio u.s, avevamo sollevato e commentato i temi principali, che sono fonte di controversia e di attrito tra il Casino e le ot ganizzazio n i s ind a ca I i. All'impegno da voi assunto di approfondire le considerazioni e le proposte da noi formulate avete dato seguito dedicandovi la seduta del Vostro Consiglio del 17 giugno u.s., le cui conclusioni ci sono state comunicate con una lettera datata 30 giugno e giuntaci ieri. Dal suo esame non rileviamo purtroppo nessun segnale tangibile che indichi la volontà di regolare gli aspetti da noi evidenziati e di ripristinare rapporti di autentica collaborazione. Eccettuato qualche leggero scostamento, la vostra presa di posizione si limita essenzialmente ad avvalorare la linea e le scelte finora operate dal Casino. Anche alcune vicende recenti vengono a confermare l'intendimento indebolire l'organizzazione sindacale ricorrendo segnatamente a misure di pressione sui suoi iscritti Spiacenti per l'assenza di un prospettabile spazio di dialogo efiettivo, non oossiamo che considerare concluso il tentativo di riavvicinamento, agevolato dalla mediazione iniziale del lod.le Municipio di Lugano. Segretariati Regionali: Bellinzona - Biasca Chiasso Gt cnc Lamone - Locarnc - Luqano if endrisir:

3 Per qualsiasi richiesta o vertenza, seguiremo in futuro la via contrattuale o legale, senza escludere I'impiego di misure sindacali, Con il rammarico di non avere potuto riannodare relazioni di collaboraztone, porgiamo i piu distinti saluti. OCST ir JI Segretariati Regionali: Bel[nzcna Biasca - Chiasso - Grcno - Lamone - ocarno Lugano - lfencjristo

4 IcnstNoLUcANo Spett.le OCST e SIC Ticino Via Balestra Lugano Lugano, 30 giugno 2011 CdAJMb Egregi Signori Robbiani, Ceruso e D'Heureuse, La riunione del24 maggio u.s. è stata voluta dalla casino Lugano sa e dai sindacati per verificare la possibilità di trovare ún modo di collaborazione teso al rispetto dei ruolie dei compiti all'interno dell'azienda. I sindacalisti presenti hanno potuto presentare sei temi di discussione e alla fine della riunione le parti si sono iasciate con il pioposito, da parte di Casino Lugano SA, di rispondere ai quesiti sollevati che elenchi"ro p"rcomodita e che, nel corso della sua seduta del 17 giugno c.m., il Consiglio di Amministrazione della Casino Lugano SA ha esaminato' Di seg"uito i sei temi e la presa di posizione del CdA della Casino Lugano SA' Temi sollevati dai sindacalisti Questione legata al tronc nispocta del CdA della Casino Misure concrete da Prendere ll CdA della Casino ha La formazion e in corso. organizzato una formazione del personale per Permettere di Per il 2012 ci si riserva di acquisire maggiore competenze in effettuare una valutazione questo settore. inerente l'andamento 2011 ed eventualmentestendere ll CdA sta valutando di versare un anche per il Prossimo anno lo bonus a partire dal2012 Per tutti stesso tipo di concetto. collaboratori che ParteciPano al programma mance, se gli obiettivi Si ricorda comunque che la stabiliti (da definire, per es. soglia decisbne di sciogliere la rete di minima di tronc), saranno protezione di ridurre la raggiunti. percentuale di ripartizione stata presa di comune accordo tra Sindacati e Casino Lugano SA, Casinò Lugano 5A ' VrJ 5ldtr[ld.hel

5 Per le tre Persone licenziate (Herzi, F ugazza, Zambuto) dare una buona uscita di Fr. 50'000'- ll CdA non ritiene di dare segulto a ouesta richiesta Perché i licenziamenti sono stati Per vta ordinaria e dati secondo CCL. Per una signora (Zambuto) il CdA sta esaminando la possibilità di un contributo di solidarietà straordinario, senza creare un Precedente. Lrcenziamenti dalla Casino Lugano SAJ 130 Persone In tre annt Dalle nostre verifiche risulta che le Le persone licenziate nel 2009 persone licenziate nei 2010 e nel (27 ordinari + 3 straordinari) 2011 sono: fanno parte di un Piano 2010: 11 ordinari e 11 straordinari 2011'.4 ordinari e '1 elaborato dalta Direzione con i straordinarto Sindacatie approvato dal CdA. Politica di assunztone Dopo una seria veriftc" ;- dichiara di non aver riscontrato anomalie Per quanto riguarca la politica di assunzione. Verrà formalizzata una orocedura Per definire i criteri di ammissione/dimissione del oersonale all'interno dell'azienda. I dati verranno presentati a ogni riunione al CdA oer una condivisione delle strategie della Direzione in materia di assunzioneidimissione del personale. Problema delfumo La Casino Lugano SA ha fatto redigere una Perizia Per sapere i livelli di tolleranza delfumo vengo rispettati. La Perizia ha dato esito Positivo. Da tempo sono già in vigore delle turnazioni atte a ridurre al minimo indispensabile (tenuto conto delle esigenze organizzative di sicurezza) la permanenza del Personale dentro le aree fumatori. Questo modello viene costantemente monitorato. Nel contempo si stanno effettuando le verifiche del caso per valutare i margini di manovra concessi dall'attuale legislazione in materia di protezione della salute dei lavoratori. Qualora suddette norme dovessero rivelarsi Più restrittive di quelle attuali, è fortemente Probabile che dovremo Prendere in considerazione le dovute misure correttive che avranno certamente un impatto sul piano degli investimenti e dell'organico.

6 Delegati sindacali e Se la trattativa con i sindacati va a Designazione di una commissione del Personalebuon fine, nulla vieta la Commissione del personafe costituzione di una Commissione (CdP)seguendo le norme del oersonale secondo CCL. Se dell'art. 41 CCL e del invece la trattativa non Porta al Regolamento Interno sulla risultati attesi, il CdA sceglierà la CdP (allegato 4 del CCL). formula di un Regolamento del Invece non ci sarà piu la personale autonomo dai partner funzione del"delegato sindacali sindacale". Siamo inoltre spiacenti di constatare che la tregua concordata il24 maggio u.s. non è stata rispettata dai Sindacati: il signorceruso, in data ha rilasciato un'intervista al Caffè affermando delle falsità sulla gestione del Ristorante e in data 2'l giugno ha accusato la Casino Lugano SA di manipolazione dei dati sulla soddisíazione del personale' per quando concerne il CdA della Casino Lugano SA, l'accettazione da parte dei Sindacati delle risposte ai sei quesiti permette di riprendere, in un clima costruttivo, la collaborazione con i partner sindacali nel rispetto dei ruoli e delle funzioni all'interno dell'azienda. ln caso di non accettazione delle risposte soprattutto della non volontà a una collaborazione nel rispetto dei ruoli e delle funzioni, il CdA si riserva di prendere altre misure Nella spera nza che questo scritto, frutto di un lavoro importante del CdA della Casino Lugano SA, possa essere interpretato come passo i nostri migliori saluti 3o1itìvo,.presentiamo \ castnc/ócano sa \,,.,',/, o, V\/ll : CU' t//l Hubertus Thonhauser Amministratore Delegato CEO

7 Írciìl't:i,ìì rr;:íi) i:;jr'ril)lì3ll ''ir.i l.i, 3,rh::r:.1'í' i9 i-l ì.(jîi-l: i lit;:rìaj {rrganid.ìzicrne.i cflfilairo-sdcraia tícinese tqrl íl;, i)i ìl l"i i;i-,: :ll:r I ir.r Ì1i.íi. i:r.::: {ì-.1 ''i.r':: : :;rìrlirì1,;f l:.îìt.ì-:l;jí: ;.í,1:ìt:(1ilifi j.-j : ; ljf I?r','.ií.-,:j i:ìì,'ir:r'-, Consiglio di Am ministrazione Casino Lugano SA Via Stauffacher 1 cp Lugano Ns. rif. MR meinrado com Vs. rif. Lugano, 21 febbraio 2011 Relazioni reciproche Egregio Signor Presidente, Egregi Signori Membri del Consiglio diamministrazione, in relazione alla lettera trasmessaci in data 11 febbraio 2011, è nostro desiderio evidenziare i seguenti aspetti: 1. Da ormai numerosi mesi giace insoluto un nutrito ventaglio di problemi temoestivamente sollevati dal sindacato. Emblematica e la carente protezione contro il fumo passivo, che espone parte del personale a dannose minacce per la salute, Una sorte analoga è toccata ad altri argomenti quali segnatamente: licenziamenti ingiustificati, pianificazione del lavoro e rispetto dei turni programmati, modalità di assunzione e valorizzazione del personale già impiegato, applicazione rigorosa delle procedure. 2. Malgrado l'insoddisfazione per il reiterato temporeggiamento nell'esame dt questi aspetti, le relazioni tra il Casino e la nostra Organizzazione si sono mantenute su un binario di relativa pacalezza fino alla metà dello scorso anno quando è inaspettatamente e incomprensibilmente stata adottata una linea di contrapposizione al sindacato, alla quale sono stati associati quadri intermedi dell'azienda. Sono nel contempo state intensificate le pressioni sui delegati sindacali e su persone considerate vicine ali'ocst, successivamente sfociate nel licenziamento di un collaboratore per evidenti motivi di vicinanzal sindacato. 3. ln ouesto contesto di accresciuta tensione, itoni si sono inevitabilmente acuiti ed hanno anche ottenuto un riverbero mediatico, le cui radici sono da ricercare nella mancata soluzione dei problemi e nell'indirizzo di contrapposizione al sindacato. Su questo tema, si fa d'altronde rilevare che i:lr-'.<):: i t-,r'.it/:1(l : ii;ilr+!/el.:ti'1ta

8 anche da parte di responsabili del Casino e più tardi del suo presidente non sono mancati interventi aggressivi verso il sindacato suoi rappresentanti h La situazione è stata d'altronde aggravata dall'apparizione di ultertori problerni peraltro riconosciuti dagli stessi rappresentanti del Casino. Nell'arco di un paio d'anni il personale è stato ridotto nella misura di un centinaio di unità, in ampia parte attraverso licenziamenti. Nel contempo l'azienda non ha pero mancato di assumere un numero significativo di collaboratori a carattere awentizio. Vi si aggiunga la consistente perdita subita in particolare dal personale che gode di retribuzioni modeste a seguito del drastico calo delle mance ridistribuite a fine anno. Diversamente dal passato, quando il suo contributo di collaborazione era stato riconosciuto e apprczzato dall'intera dirigenza aziendale, il nostro collaboratore che si occupa del Casino ha assunto una posizione di îermezza che puo anche avere irritato la controparte ma che è stata abbondantemen al imentata dale caren ze già evidenziate. ll successivo tentativo di avvicinamento delle parti, che ha coinvolto le presidenze del Casino e della nostra Organizzazione, ha del resto mostrato e confermato le carenze che ostacolano le relazioni tra le parti. Malgrado ripetuti incontri non è stato possibile avanzare su nessun fronte. Persino gli accordi concordati sono stati disattesi dal Casino, Non è nemmeno stata fornita una risposta formale alla lettera nella quale si chiede una compensazione delle mancate mance. Emerge purtroppo l'assenza di un interlocutore con il quale confrontarsi con tempestività, chiarezza e attendibilità. Se si intende superare l'odiema tensione non si tratta perciò di sostituire gli interlocutori ma di modificare le modalità di approfondimento dei problemi, rafforzando la capacità di portarli a soluzione. Gli sviluppi delle ultime settimane non lasciano purtroppo spazio a ottimismo, Qualora il Casino intenda agevolare un clima di dialogo e collaborazione, rimaniamo disponibili ad un confronto, In assenza di una precisa espressione dimostrazione volontà in tal senso, siamo spiacenti di dovere registrare il fallimento -non certo per nostra responsabilità- del tentativo di riavvicinamento tra le parti. Ci riteniamo percio liberi di adottare sin d'ora i passi considerati più opportunt. Con i piu distinti saluti. OCST Seg retariato Cantonale Meinrado Robbiani 9<fi'erlrrìa(i lì,,:gbrt{i: }?'ìi':;rr'

9 OrEanizzazrone CrisÚano-Sociale Trcinese Seg retariato Cantonale '1 Via Balestra 9 CH-6901 Lugano Tel 091 I Fax com Conto corr' Post slc Raccomandata Lodevole MuniciPio di Lugano Palazzo Civico piazza Riforma 6900 Lugano - Ticino N rif NC V. rif. Lugano, 8 novembre 2010 Lugano SA ci I delta direzione della Società Casino dei problemi ore Municipio' affinché prenda visione rndosi' :re il massimo impegno, per contrastare gli orvianti orcnestrate in chiave anti sindacale :renuamente dalla direzione' per distogliere nie erano notificati alla direzione :i fu messo in atto perché i rappresentati nare nello svolgimento dei loro doveri' ma al /ano con deteririnazione le gravi irregolarità r della casa da gioco' le prese di poéizione ufficialinoltrate dalle 'sso Cda vi dessero seguito si tratta di fattr gravi sfociati nel licenztamento di alcuni dirigenti quali' pur essendo stati allontanati dall'azienda continuarono a influenzarne la condúzione fino a farla scadere nei fatti crrminosi tuttora oggetto di procedure giudiziarie' davanti alla procura Pubblica Dopo un perrodoi proficuo paftenanato sociale' nell'ambito del quale ì sindacati sono stati spesso chiamaii ad assume,"" 'oìó i"tpont'oilità' per risolvere delicati problemi ses reta riati re gi onar i l;,*li?li;?i1i:i j! :xt,"^,î'í;;,î,"'.

10 Crganizzaz,tone Cristiano-Sociale Trcinese aziendali, spiace doversi ritrovare ai piedi della scala per le imprudenti strategie anti sindacali messe in atto dalla direztone Da qualche tempo, ogni qualvolta sono affrontati problemi di carattere sindacale e contrattuare fanno,eguìto reazioni scomposte perché i.responsabiri, guidati dalle persone di riferimento dell'aziónista di minoranza, si sentono "usurpati" e messi in discussione poiche non conoscono ie piu elementari norme del diritto del lavoro' cio ha fatto sr che una serie di problemi e disfunzioni tecniche - organizzative, che hanno ricadute negatrve,rl purrontte, piu volte segnalati dai rappresentanti sindacali rimane in ;;;t;r",""n=, che la direzrone dimostri la dovuta attenzione disponibilità risolverli UI IU. ti e delegate sindacali, disfunzioni tecniche e mi elettronicí e di cassa nel settore slot, ;to da oltre un anno il personale, malsana climatizzaztone di alcuni ambienti di lavc pianificazione del lavoro non conforme ai dis nei servizi di supporlo professionale al professionalità e l'anzianità di servizio,.discrim intiàati a personare rocare per ragioni di età, poritiche d'assunzione (clientelari e d'amicizia) che discriminano la manodopera locale' Altri aspetti che destano non poche preoccupazioni.. sono il crollo del fatturato,,i.àutt'uàrente dell'introito delle mance, registratosi negli ultimi due anni a seguito del disinteresse imprenditoriale dimostraio verso il settore tavoli, che ha determinato la.onr"gr"nte perdita di clientimportanti passati alla concorrcnza del Casino di Lugano' I problemr su esposti, che languono!a ternpo, sono all'origine del malessere diffuso in un,ampia fascia del personale é delle frizioni con i paftner sindacali. si ha la percezione che per eludere le responsabiliià che concernono la direzione si sta inventato un farso probrema d,ingerenza sindacare neila gestione dell'azienda, col fine di scaricare responsabilità, dare addosso alle organizzazioni sindacali distogliendo l'attenzione dai reali problemi aziendali' mancanze decisionali che possono avere inducono a interpellare codesto Lodevole morenditoriali e anti sindacali messe in atto za a finanziamento e con finalità d'interesse pubblico. chiediamo pertanto che codesto Lodevole Municipio sifaccia promotore di: A) fare esperire una perizia generale sulla siruttura e I'assetto aziendale, sui profili manageriali, la gestione e gli indirizzi futuri della società; B) imporre il rispetto del concorso pubblico per.l'assunzione del personale ai vari livelli, così come previsto per le aziende le cui finalita sono d'interesse Pubblico' OCST - Segretariato -) Segretariati regionali Belilnzona, Biasca, Chlasso, Faido, Grono, Lamone, Locarno, Lugano, Mendrisio

11 Sanvido Paolo Jelmini Angelo Perucchi Borsa Simonetta Consiglieri Comunali (PPD) Lugano, 5 febbraio 2008 Lodevole Municipio di Lugano Palazzo Civico 6901 Lugano Onorevole signor Sindaco, Onorevoli signorl MuniciPali, INTERPELLANZA CASINO LUGANO E CESSIONE DEL PACCHETTO AZIONARIO; I GRANDI GIOCHI sono GIÀ FATTI ANCORA PRIMA DI CHIUDERE L,ASTA DI SAN VALENTINO? Un vecchio adagio diceva: "Si stava meglio quando si stava peggio"' I luganesi riconoscono che Casinò Lugano SA nell'era caratterizzata dalla partenza di Bara-nzelli e prima dell'arrivo di Casinò Austria (Suisse Zugo) abbia confermato una crescita ed un successo che in gran parte deve essere riconosciuto allo staff dirigenziale locale guidato ad interim dal presidente di Casino Lugano SA' Nella primavera del 2007 Casino Austria (Suisse) AG, con domicilio fiscale a Zugo, ha acquistato in piena autonomia con una mossa a sorpresa dagli azionisti privati 2'876 azioni delia Casinò Lugano SA. Il Municipio messo di fronte all'atto compiuto confermo con comunicato stampa che "/a questione sarà oggetto di discussione nel corso di una prossima seduta, non escludendo di conseguenza ulteriori trattative con altri partner, per il conseguimento di soluzioni ottimali per la gestione del casino di Lugano"' A inizio estate 2007 il Municipio rispondendo ad una interpellanza PPD informa che ha inviato una lettera ad alcune società di gestione di casinò, con la quale chiedeva il loro interesse alla gestione della casa da giuoco luganese e la conseguente presentazione di un,offerta in relazione a tre possibili scenari. il termine di chiusura dell'offerta scade il 14 febbraio 2008, giorno di San Valentino. Il Municipio a più riprese rispondendo a vari quesiti sollevatin Consiglio Comunale dal PPD ha confermato che nessuna corsia preferenziale sarebbe stata riservata a Casinò Austria (Suisse Zugo) nella procedur avviata inlesa a ricercare un'acquirent e/o un gestore per le azioni di màggioranza detenute dal comune per conto del cittadini di Lugano' A sorpresa dei luganesi nell'autunno 2007 Casino Austria (Suisse Zugo) entra nel Consiglio di Amministrazione di Casinò Lugano e il suo rappresentante assume un ruolo dirigenziale primario all,interno det collegio di direzione della casa da giuoco cittadina. È stato già piu volte ribadito che permettere a priori ad un rappresentante di Casino Austria (Suisse Zugo) di entrare nel Consiglio di Amministrazione è chiaramente una turbativa nel processo in corso di scelta del partner per gestire Casino Lugano. Senza dimenticare che sedendo in CdA è facilitata I'acquisizione privilegiata di informazioni riservate e di strateqia aziendale

12 che recano un slcuro vantaggio nella formulazione di qualsiasi offerta da parte di Casino Austria (Suisse Zugo) Senza far troppo rumore sembra che Casino Austria (Suisse Zugo) stia procedendo a sostituire con personale di sua fiducia le figure chiave all'interno di Casino Lugano (responsabile della sicurezza, responsabile tecnico, e prossima sostituzione del direttore finanziario? ecc...). preoccupato per il deterioramento del ruolo di responsabilità sociale che il vecchio CdA aveva con attenzione e coerenza portato avanti fino a quel momento; il sindacato OCST a inizio gennaio ha indetto una conferenza stampa nel tentativo di richiamare l'attenzione dei lugane"sl in difesa di questa apparente deriva dalle influenze austriache, In particolare in quella presa di posizione e stata data notizia per la prima volta di una convenzione firmata con l'azionista di minoranza che dovrebbe riconoscere a Casino Austria (Suisse Zugo) un ristorno sottoforma di consulenze non meglio specificate in proporzione a quanto il Càsinò Lugano spende per sponsorizzazioni a favore dell'indotto turistlco, sociale e sportivo cittadino, Avvalendoci della facoltà concessa dalla LOC e dal Regolamento Comunale chiediamo: 1. Il Municipio ha considerato e verificato con isuoi rappresentanti che siedono nel CdA di Casino Lugano le preoccupazioni di responsabilità sociale pubblicamente espresse dall'ocst? Z, Corrisponde al vero che il rappresentante di Casino Austria (Suisse Zvgo) abbia "de facto,'assunto un ruolo di primaria importanza nella gestione di Casino Lugano e nella scelta del Personale chiave? 3. Il Municipio condivide questa preoccupazionespressa dall'ocst rispetto a questa Dresunta deriva austriaca? 4. Esiste un accordo firmato con Casino Austria (Suisse Zugo) per consulenze? Se no, perché l,esecutivo non ha smentito le dichiarazioni fatte in conferenza stampa dali'ocst? 5, Se si, qual è la valutazione dell'esecutivo rispetto a queste consulenze che fino ad ora non erano mai state necessarie per ottenere isuccessi di crescita aziendale registrati dalla casa da gtuoco luganese nell'era dopo Baranzelli e prima dell'arrivo di Casino Austria (Suisse Zugo)? 6. Se queste consulenze non sono fiscalmente riconosciute (distribuzione dissimulata di utile) Casinò Lugano oltre al rischio dl ripresa fiscale incorre anche in una possibile sensazione da parte della commissione Federale delle Case da giuoco? Con ogni ossequio, i Consiglieri Comunali PPD Paolo Sanvido Angelo Jelmini Simonetta Perucchi-Borsa

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli