COMUNE DI GIOVINAZZO Studio sul paesaggio e sui beni di interesse storico architettonico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GIOVINAZZO Studio sul paesaggio e sui beni di interesse storico architettonico"

Transcript

1 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CASINO ZURLO Indirizzo Strada Vicinale Zurlo Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Ente Urbano Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 0,8 km Accessibilità A piedi/ in macchina Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Urbana Illuminazione esterna Segnaletica informativa Non presente Attrezzature collettive limitrofe Presenti Orientamento dell'ingresso principale Nord Descrizione posizione edificio Compreso in un isolato Tipologia Complesso residenziale E' costituito da casa nobiliare, grosso ambiente adibito a trappeto o stalla e comprende una cappella. Al piano superiore dell'edificio Descrizione morfo - tipologica principale, che si sviluppa su due piani, sono presenti i gattoni che sostenevano una caditoia. A piano terra ci sono grossi archi a sesto ribassato, oggi in parte ciechi, e sulla chiave di volta di uno di essi è presente una decorazione. Scheda: N.79 CASINO ZURLO Pag 1 di 3

2 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Non nota Descrizione storica Antico complesso appartenente in passato alla nobile famiglia giovinazzese Zurlo di origine partenopea. Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Residenza nobiliare Condizione attuale Utilizzata Destinazione attuale Abitativa/ inglobata in un complesso artigianale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Persiane Materiali schermatura Alluminio Ottimo CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Alluminio Ottimo Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Ottimo COPERTURA Intradosso Finitura intradosso Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Pavimento Buono ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Decorazioni esterne, affreschi OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.79 CASINO ZURLO Pag 2 di 3

3 Scheda: N.79 CASINO ZURLO Pag 3 di 3

4 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CASINO MONTEDORO Indirizzo Contrada S. Margherita Località Montedoro Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 1,3 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Capella, attrezzature sportive Orientamento dell'ingresso principale Non rilevabile Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Masseria Masseria costruita su tre piani con il piano terra adibito a deposito agricolo e i piani superiori a stanze da alloggio. Al Descrizione morfo - tipologica primo piano si accede tramite una scala esterna, mentre a piano terra è presente una cappella. Il complesso è circondato da vasto giardino. Scheda: N.80 CASINO MONTEDORO Pag 1 di 3

5 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Descrizione storica Sec. XVI E' da considerare il buono stato di conservazione del complesso. Potrebbe risalire al XIV sec.. Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Masseria Condizione attuale Utilizzata Destinazione attuale Abitazione ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 3 Finitura superficiale Muratura a vista ed intonacata Opere provvisionali Opere di consolidamento Presenti SCHERMATURE Non rilevabile Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Non rilevabile Materiali telaio fisso e mobile Sistemi di apertura BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Non rilevabile STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Buono COPERTURA Intradosso Volta a stella Finitura intradosso Non rilevabile Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Non rilevabile Non rilevabile ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Stemmi, giardino gentilizio, vedette OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Non rilevabile Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Non rilevabile Scheda: N.80 CASINO MONTEDORO Pag 2 di 3

6 Scheda: N.80 CASINO MONTEDORO Pag 3 di 3

7 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CHIESA DI SANT EGIDIO Indirizzo Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 3,2 km Accessibilità A piedi Qualità della viabilità Campagna Area esterna di pertinenza Agricola, lama Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Nord Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Chiesa Della chiesetta sono rimasti solo dei resti costituiti da una parete di una chiesa su cui si notano delle arcate interne ed Descrizione morfo - tipologica esterne che probabilmente fungevano da ingressi; un'altra parete presenta una piccola porta che costituiva un ingresso ad un ambiente attiguo alla chiesa. Scheda: N.81 CHIESA DI SANT EGIDIO Pag 1 di 3

8 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione 1523 E' probabile che questa chiesa sia stata eretta tra i secoli XI e XII, in occasione della venuta dei Benedettini a Giovinazzo. Agli inizi del 1500, essa dovette crollare rovinosamente o essere abbattuta, per poi essere Descrizione storica ricostruita nel Divenne grancia della Badia di S. Maria di Pulsano. L'intera località di San Egidio, è nota per essere divenuta in passato zona di ricovero degli appestati. Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Fonte informativa Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Chiesa Condizione attuale Non utilizzata, Rudere Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 1 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Sistemi di apertura BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Rudere COPERTURA Intradosso Finitura intradosso Estradosso Finitura estradosso ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.81 CHIESA DI SANT EGIDIO Pag 2 di 3

9 Scheda: N.81 CHIESA DI SANT EGIDIO Pag 3 di 3

10 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE TORRE DON CICCIO Indirizzo SP 107 Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Ente Urbano Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 3,8 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Cappella Orientamento dell'ingresso principale Nord Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Torre Il complesso è formato da una Torre ad un piano e da una cappella. La torre, a piano terra, ha locali adibito ad uso Descrizione morfo - tipologica agricolo, con vasche sotto il porticato frontale. Il piano superiore, ha locali adibiti ad abitazione e sul terrazzo sono presenti i resti di una successione di archi a tutto sesto. Scheda: N.82 TORRE DON CICCIO Pag 1 di 3

11 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione 1200 Dovette sorgere dopo il '200 e fu costruita da un tedesco forse stabilitosi al tempo degli svevi, che il popolo chiamava don Ciccio, dall'originale nome Melciacca Alemanno. La costruzione fu completata in diverse Descrizione storica epoche e non si è certi se fu prima una casa Torre e successivamente adattata a casa di campagna signorile con annessa chiesa e giardino. Nella seconda guerra mondiale vi alloggiarono le truppe inglesi. Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Fonte informativa Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Torre Condizione attuale Non utilizzato Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Contrafforti Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Persiane Materiali schermatura Legno Buono CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Sistemi di apertura BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Cattivo COPERTURA Intradosso Finitura intradosso Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Cattivo ELEMENTI ARCHITETTONICI DI Modanature, decorazioni, loggiato PARTICOLARE INTERESSE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.82 TORRE DON CICCIO Pag 2 di 3

12 Scheda: N.82 TORRE DON CICCIO Pag 3 di 3

13 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE TORRE DEL TUONO O DEI SAGARRIGA Indirizzo Strada Torre del Tuono Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 5,8 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Cappella Orientamento dell'ingresso principale Sud-ovest Descrizione posizione edificio Complesso di edifici Tipologia Torre Complesso formato da tre palmeti e da una grossa costruzione abitativa nobiliare con annessa cappella. La Torre Descrizione morfo - tipologica è ad un piano e le coperture erano a una e a due falde; ci sono ampie balconate e arcate nell'atrio. Il complesso risulta parzialmente diroccato Scheda: N.83 TORRE DEL TUONO O DEI SAGARRIGA Pag 1 di 3

14 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Non nota La Torre, costruita dalla famiglia Sagarriga, è detta "del Descrizione storica Tuono", poiché fu abbattuta da un tuono duranteuna tempesta del 17 febbraio Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Torre Condizione attuale Non utilizzato Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Sistemi di apertura BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Cattivo COPERTURA Intradosso Volta a botte Finitura intradosso Muratura a vista Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Muratura a vista Mediocre ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Iscrizioni, campanile a vela, decorazione a cornice in stucco, contrafforti OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.83 TORRE DEL TUONO O DEI SAGARRIGA Pag 2 di 3

15 Scheda: N.83 TORRE DEL TUONO O DEI SAGARRIGA Pag 3 di 3

16 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CONVENTO E CHIESA DI SANT ANTONIO Indirizzo Contrada Sant Antonio Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 0,2 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Est Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Chiesa/Convento Dai ruderi sono visibili la chiesa dedicata a S. Maria De Jodice Maraldo con resti di decorazioni, volta gotica e a tre navate, il Descrizione morfo - tipologica refettorio dei frati, dove ci sono resti di affreschi e due epigrafi sepolcrali che riguardano la famiglia Chyurlia (datata 1583) e la famiglia Paglia (datata 1641). Scheda: N.84 - CONVENTO E CHIESA DI SANT ANTONIO Pag 1 di 3

17 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Sec. XVI Fu convento di frati cappuccini con chiesa annessa. Descrizione storica Dopo la sua soppressione avvenuta il 1807, il complesso fu acquistato nel 1816 dalla famiglia Sagarriga ed adibito ad abitazione rustica, a depositi e a stalla. Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Chiesa/Convento Condizione attuale Non utilizzato Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista e intonacata Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Legno Cattivo Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Cattivo COPERTURA Intradosso Volta a stella Finitura intradosso Pietra a vista Estradosso Piano non praticabile Finitura estradosso Cattivo ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Modanature OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.84 - CONVENTO E CHIESA DI SANT ANTONIO Pag 2 di 3

18 Scheda: N.84 - CONVENTO E CHIESA DI SANT ANTONIO Pag 3 di 3

19 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CASINO GIANMORULA Indirizzo Strada Provinciale Giovinazzo - Terlizzi Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Istituto Religioso Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno 7 58 Distanza dal centro abitato (km) 0,8 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Ovest Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Complesso abitativo Complesso abitativo che si presenta come un gruppo di costruzioni di cui una con il primo piano. Uno degli ambienti era adibito a Descrizione morfo - tipologica trappeto. Sull'arco d'ingresso al complesso era presente un bassorilievo di Madonna con bambino del 1550 che è stato trafugato ed è presente un altro di stemma nobiliare. Scheda: N.85 CASINO GIANMORULA Pag 1 di 3

20 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Fine XVII secolo Fu costruito sul finire del XVII secolo dal nobile Giovanni Morula, in seguito fu venduto alla famiglia Fenicia che lo cedette alle suore dell'istituto San Descrizione storica Giuseppe. Negli anni '30 e '40 del secolo scorso si radunavano i "Carbonari" giovinazzesi iscritti alla "vendita" locale. Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Fonte informativa Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Complesso abitativo Condizione attuale Utilizzato Destinazione attuale Ristorante ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Legno Ottimo Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura buono COPERTURA Intradosso Finitura intradosso Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Buono ELEMENTI ARCHITETTONICI DI Modanature PARTICOLARE INTERESSE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.85 CASINO GIANMORULA Pag 2 di 3

21 Scheda: N.85 CASINO GIANMORULA Pag 3 di 3

22 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CHIESA DI SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA Indirizzo Sp Giovinazzo Bitonto in prossimità cavalcavia SS16 Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno 7 A Distanza dal centro abitato (km) 1 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Est Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Chiesa Chiesa ad una navata, ha una copertura a due falde, sul lato Descrizione morfo - tipologica sinistro sporge un'abside, sul fronte è presente un campanile a vela a un fornice, una finestra circolare, due monofore poste ai lati, uno stemma episcopale e una iscrizione lapidaria. Scheda: N.86 CHIESA DI S. MARIA DELLA MISERICORDIA Pag 1 di 3

23 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione 1624 Fu eretta sulle rovine di un'antica cappella detta di Pantaleo, già distrutta nel 1529 dal Principe di Melfi, in fondo alla quale esisteva un affresco conosciuto come Descrizione storica Madonna dello Spasimo. Fu iniziata nel 1612 per volontà del vescovo Giulio Masi e fu terminata nel 1624, quando la consacrò solennemente col titolo di Maria Santissima della Misericordia. Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Chiesa Condizione attuale Utilizzata Destinazione attuale Chiesa ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 1 Finitura superficiale Intonacata Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Gronda del tetto Materiali schermatura Alluminio Ottimo CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Alluminio Mediocre Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Buona COPERTURA Intradosso Volta ogivale Finitura intradosso Estradosso A falde Finitura estradosso Tegole Buono ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Stemmi, iscrizioni, Modanature OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.86 CHIESA DI S. MARIA DELLA MISERICORDIA Pag 2 di 3

24 Scheda: N.86 CHIESA DI S. MARIA DELLA MISERICORDIA Pag 3 di 3

25 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CHIESA DI SANTA LUCIA Indirizzo Via Santa Lucia Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno 16 A Distanza dal centro abitato (km) 1,8 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Ovest Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Chiesa Descrizione morfo - tipologica La costruzione, oggi è formata da un unico grande ambiente rettangolare, che misura internamente m. 8,60 x 4,90. L'edificio è coperto con volte a botte e presenta un'altezza di 4 metri. Scheda: N.87 CHIESA DI SANTA LUCIA Pag 1 di 3

26 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione Sec. XI-XX E' una delle chiese più antiche edificata, secondo una tradizione, sulle rovine di un tempio gentilesco dedicato a Diana. Dal '600 fino al secolo scorso, fu detta "Santa Descrizione storica Lucia in Marasco o Marsico". Fino al secolo XV appartenne all'abbazia di Marsico in Abruzzo. Accanto alla chiesa ci fu un monastero di frati dell'ordine dei minori osservanti, formatosi verso il secolo XV. Fonte informativa Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Chiesa Condizione attuale Utilizzata Destinazione attuale Chiesa ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 1 Finitura superficiale Muratura a vista Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Alluminio Buono Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Non presenti Tipo di barriere architettoniche STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Buono COPERTURA Intradosso Volta a botte Finitura intradosso Intonacata Estradosso Piano praticabile Finitura estradosso Buono ELEMENTI ARCHITETTONICI DI PARTICOLARE INTERESSE Modanature, campanili OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.87 CHIESA DI SANTA LUCIA Pag 2 di 3

27 Scheda: N.87 CHIESA DI SANTA LUCIA Pag 3 di 3

28 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CASINO PAPPALETTERE Indirizzo Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno Distanza dal centro abitato (km) 4 km Accessibilità A piedi Qualità della viabilità Sterrata tratturo Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Orientamento dell'ingresso principale Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Torre e chiesa annessa Grande edificio a forma quasi di castello cui aderiscono i ruderi della chiesetta dedicata a S. Francesco da Paola. Il complesso costruito su due piani risale al secolo XVII. Sono Descrizione morfo - tipologica presenti altre costruzioni adibite a stalle o depositi. La chiesa presenta una facciata in stile neoclassico. Una scala esterna in pietra dà l'accesso al primo piano. Sul retro del complesso ci sono due costruzioni con tetto a due falde e copertura a chiancarelle. Il tutto, compreso il giardino, è recintato. Scheda: N.88 CASINO PAPPALETTERE Pag 1 di 3

29 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione XVII secolo La chiesa fu costruita verso la metà del seicento e forse destinata a convento dei frati minimi di S. Francesco da Paola. Il nome della località "Pappalettere", richiama uno Descrizione storica dei proprietari succedutosi nel tempo. Dall'iscrizione lapidaria si richiama che l'intera costruzione privata fu fatta erigere dal ricco giovinazzese Mariano de Cicco. Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Fonte informativa Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Villa Condizione attuale Non utilizzata Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista/ intonacata Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Sistemi di apertura BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Mediocre COPERTURA Intradosso Volta a botte Finitura intradosso Pietra a vista Estradosso Falde/ piano non praticabile Finitura estradosso Chiancarelle Mediocre ELEMENTI ARCHITETTONICI DI Affresco della chiesa, iscrizione, giardino PARTICOLARE INTERESSE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Non presente Rete fognaria Non presente Rete di distribuzione energia elettrica Non presente Rete di distribuzione gas Non presente Scheda: N.88 CASINO PAPPALETTERE Pag 2 di 3

30 Scheda: N.88 CASINO PAPPALETTERE Pag 3 di 3

31 IDENTIFICAZIONE EDIFICIO DENOMINAZIONE CASINO PEDESTONE Indirizzo Strada Vicinale Pedestone Soggetto a vincolo esplicito Sì No Decreto di vincolo Proprietà Privata Eventuale Ente gestore Coordinate geografiche (UTM 33N WGS84) 41, , Catasto Foglio Particella Subalterno 6 67 Distanza dal centro abitato (km) 1 km Accessibilità In macchina e a piedi Qualità della viabilità Strada asfaltata Area esterna di pertinenza Agricola (arboreo produttivo) Illuminazione esterna Segnaletica informativa Attrezzature collettive limitrofe Cappella Orientamento dell'ingresso principale Nord Descrizione posizione edificio Singolo Tipologia Complesso abitativo Complesso abitativo a due piani con annesso cappella ed Descrizione morfo - tipologica ampio giardino; il tutto è ornato da statue, da un campanile a vela ad un fornice e da vasi e pinnacoli sull'ampia balaustra a colonnine che corre lungo tutto il fronte principale Scheda: N.89 CASINO PEDESTONE Pag 1 di 3

32 CARATTERISTICHE EDIFICIO Epoca di costruzione 1800 Descrizione storica Balacco-Messere, Le civiltà rurali di Giovinazzo, Fonte informativa Ed.Mezzina Molfetta Destinazione originaria Residenziale Condizione attuale Non utilizzato Destinazione attuale ASPETTI DIMENSIONALI N piani fuoriterra 2 Finitura superficiale Muratura a vista e intonacata Opere provvisionali Opere di consolidamento SCHERMATURE Tipo di schermatura Materiali schermatura CHIUSURE TRASPARENTI Materiali telaio fisso e mobile Legno Cattivo Sistemi di apertura A battente BARRIERE ARCHITETTONICHE Tipo di barriere architettoniche Mancanza di accessi idonei STRUTTURA PORTANTE Tipo di struttura Muratura Cattivo COPERTURA Intradosso Finitura intradosso Estradosso A quattro falde Finitura estradosso Tegole Cattivo ELEMENTI ARCHITETTONICI DI Modanature, statue, balaustra a colonnine PARTICOLARE INTERESSE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Rete idrica Rete fognaria Rete di distribuzione energia elettrica Rete di distribuzione gas Scheda: N.89 CASINO PEDESTONE Pag 2 di 3

33 Scheda: N.89 CASINO PEDESTONE Pag 3 di 3

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Comune di Vigolzone Analisi dei fabbricati esterni al territorio urbanizzato

Comune di Vigolzone Analisi dei fabbricati esterni al territorio urbanizzato Pagina 1 RIF. STATO DI FATTO RILEVANZA PAESAGGISTICA PRESCRIZIONI DI PROGETTO 1 a 2 b a Architettura contadina TA1 c 2 b a Architettura contadina TA2 d 2 b a e 2 b a 2 2 b a 3 2 b a Rustici prefabbricati

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo L'Iva agevolata in edilizia Vademecum operativo novembre 2011 INDICE 1.0 - EDILIZIA ABITATIVA 1.1 - PRIMA CASA 1.1.1 - Aliquota iva 4%: cessione e prestazione di servizi dipendenti da contratti di appalto

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO EDILIZIO (Testo Unico dei Comuni della Bassa Val di Cecina) ANNO 2013 Bibbona, Gennaio 2013 Visto: Il Sindaco Fiorella Marini Il Responsabile Area Edilizia

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE N. Denominazione Livello di Progett Gen Set Cat Importo in migliaia di euro 1. Pavimentazione ed arredo urbano vie, piazze, centro storico, via Bixio, Cancellieri, Dei Mille, Esecutiva 1 1 1 959 VIA CAVOUR

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

ISEO. Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud

ISEO. Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud ISEO Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud sud-orientale orientale del lago d'iseo con poco più di 9.000 abitanti. Ad una ventina di chilometri a nord del capoluogo provinciale Brescia, il

Dettagli

COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO

COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO progettista ing. arch. Henry Zilio con arch. Michele Baggio geom. Ilaria Bettega VERSIONE AGGIORNATA

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli