Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT."

Transcript

1 Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT. Francesco Casino (Matera) Roma,

2 La dose dialitica nei pazienti critici Nei pazienti con Insufficienza Renale Acuta (IRA o AKI) sono correntemente utilizzati due differenti criteri per quantificare l efficienza dialitica, ovvero la dose di depurazione effettivamente somministrata: 1. Nella dialisi intermittente (ihd), la dose viene espressa dal Kt/V dell urea, come nei pazienti con IRC. 2. Nella dialisi continua (CRRT), la dose viene espressa dal flusso orario del dialisato o filtrato in uscita dal filtro (effluente) per Kg di peso del paz. (ml/kg/h).

3 Effluente (Qdo) e Clearance ureica (K) in CRRT. in CRRT, il flusso ematico (Qb) è molto più elevato di quello del dialisato (Qd): per es, Qb=150 e Qd 30 ml/min. Per Qd<2L/h, si verifica la saturazione del dialisato : la conc. dell urea nel dialisato in uscita (Cdo) raggiunge il valore massimo possibile, cioè diventa uguale alla concentrazione plasmatica all ingresso nel filtro (Cpi). Poiché, K = Qdo x Cdo/Cpi, se Cdo=Cpi, K = Qdo In altri termini, per calcolare K è sufficiente conoscere Qdo: per es, se Qdo = 1 L/h = 17 ml/min, K = 17 ml/min. Poiché anche in HF, K = Qf = Qdo, l effluente è quasi uguale a K in tutte le forme di CRRT.

4 Analogie tra Kt/V e Dose dialitica in CRRT Il flusso effluente corrisponde approssimativamente a K L effluente orario corrisponde a K x t L effluente orario diviso per il peso è simile a K x t diviso per il V dell urea, che corrisponde all acqua corporea e che è pari a circa 60% del peso.

5 Discrepanza tra dose di dialisi prescritta e dose effettivamente fornita Frequentemente si osserva una grande differenza tra dose prescritta e dose effettivamente fornita, per diversi motivi (stacco precoce per coagulazione del circuito, riduzione dei flussi effettivi per malfunzionamento del catetere, ipotensione, ricircolo, ecc ). Per es, Schiffl (NEJM, 2002 ), a fronte di un Kt/V prescritto pari a 1.2, ha osservato un Kt/V delivered di 0.92 (-23%) Conseguentemente, è importante misurare la quantità di dialisi effettivamente fornita al paziente e fare in modo che essa si avvicini il più possibile alla dose prescritta.

6 Prescrizione e Verifica della dose in CRRT Per raggiungere la dose (D) desiderata (Qd e/o Qs da prescrivere): 1. si sceglie la dose (D): per es, 20 o 35 ml/kg/h 2. si definisce il peso (W) del paz. e la perdita di peso (Qf) oraria 3. si calcola il volume orario di liquidi (Qds = Qd e/o Qs) richiesto: Qds = Qs+Qd = W x 20 (o 35) Qf (flussi orari)

7 Flusso del liquido di sostituzione (Qs) e/o di dialisi (Qd) richiesto per raggiungere i 2 livelli di effluente: 20 o 35 ml/kg/h Effluente (L/h) in funzione del peso del paziente e della dose Effluente (L/h) 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, Peso (kg) D20 D35 Per un paziente di 50 kg, D20 = 1 L/h e D35 = 1,75 L/h. Per un paziente di 100 kg, D20 = 2 L/h e D35 = 3,5 L/h.

8 Prescrizione e Verifica della dose in CRRT Per raggiungere la dose (D) desiderata (Qd e/o Qs da prescrivere): 1. si sceglie la dose (D): per es, 20 o 35 ml/kg/h 2. si definisce il peso (W) del paz. e la perdita di peso (Qf) oraria 3. si calcola il volume orario di liquidi (Qds = Qd e/o Qs) richiesto: Qds = Qs+Qd = W x 20 (o 35) Qf (flussi orari) 4. si sceglie la metodica (HD, HF o HDF), e si valuta se è possibile la reinfusione post o è invece necessario reinfondere pre-filtro, anche a costo di una riduzione dell efficienza dialitica.

9 Limitazione dell uso di QS elevati in CVVH post o in CVVHDF post Poiché l ultrafiltrazione precede la reinfusione, si verifica sempre un marcato aumento dell Ht all interno del filtro, che può causare coagulazione del circuito. L Ht in uscita (Hto) dipende da Ht in entrata (Hti), Qb in entrata (Qbi), Qf e Qs Hto = Hti x Qbi/(Qbi Qf Qs) Ht % in uscita dal filtro (Hto) in funzione di Qb (Hti=30%) e QS post Hto (%) ,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 QS (L/h) Qb 100 Qb150 Qb 200 Qb 250 Qb 300

10 Pre-diluizione e riduzione dell efficienza L infusione di un volume di liquido di sostituzione (Qs) prima del filtro determina una diluizione della C dell urea nell acqua plasmatica (Cpw) pari al rapporto tra volume dell acqua ematica (Qbw 87% di Qb) prima e dopo l aggiunta di Qs: Qbw/(Qbw+Qs). Pertanto, K = Qdo x (Qbw/(Qbw+Qs)) Con Qb tra 100 e 150 ml/min, la riduzione di K è relativamente bassa (10-15%) con Qs=1 L/h, è circa % con Qs =2L/h, e può arrivare a circa 30-40% con Qs=3-4 L/h.

11 Riduzione (%) di K in funzione del flusso di reinfusione pre filtro (L/h) e di Qb (ml/min) Riduzione di K (%) 50% 40% 30% 20% 10% 0% Qb (ml/min) 1 L/h 2 L/h 3 L/h 4 L/h

12 Come ridurre l inefficienza della pre-diluizione 1. Aumentando Qb (> 200 ml/min). 2. Eseguendo la CVVHDF si può sostituire parte di Qs con Qd, in tal modo si riduce l inefficienza collegata al Qs e si sfrutta anche la diffusione.

13 Prescrizione e Verifica della dose in CRRT Per raggiungere la dose (D) desiderata (Qd e/o Qs da prescrivere): 1. si sceglie la dose (D): per es, 20 o 35 ml/kg/h 2. si definisce il peso (W) del paz. e la perdita oraria (h) netta (Qf) 3. si calcola il volume orario di liquidi (Qds = Qd e/o Qs) richiesto: Qds = Qs+Qd = W x 20 (o 35) Qf (flussi orari) 4. si sceglie la metodica (HD, HF o HDF), e si valuta se è possibile la reinfusione post o è necessaria quella pre-filtro che, però, riduce l efficienza dialitica. Per verificare la dose fornita (Effluente medio/peso): 1. si leggono sul monitor i valori dei volumi totali dei liquidi (di dialisi, di reinfusione, e di UF netta) e della durata (T, ore) della seduta. 2. la somma dei volumi totali divisa per T = effluente orario medio. 3. si divide l effluente medio per il peso e si confronta con D prescr.

14 Problemi ed imprecisioni del metodo corrente per la quantificazione dialitica in area critica La dose viene definita in rapporto al peso del paziente prima della malattia (riferito dal paz. o dai parenti), che può essere anche molto differente dal peso attuale all inizio e nel corso del trattamento. Anche se normalmente l effluente coincide con la K dell urea, in caso di pre-diluizione bisogna calcolare la riduzione dell efficienza. Non sempre il trattamento è realmente continuo. La dose non tiene conto dell eventuale presenza della funzione renale residua (Kr). Pertanto, la dose in termini di effluente non è in grado di rappresentare la depurazione totale (dialitica+renale) media nell intero periodo di trattamento. La clearance equivalente potrebbe risolvere questi problemi

15 La clearance continua equivalente (EKR): un indice per quantificare la depurazione totale media per qualsiasi trattamento intermittente o continuo (Casino e Lopez, NDT 1996; Casino e Marshall, NDT 2004) C La clearance continua equivalente (EKRj) è la clearance che dovrebbe avere un trattamento continuo per poter eliminare la stessa quantità di urea effettivamente eliminata (Jtot) con un trattamento intermittente, a parità di concentrazione media (TAC), e nello stesso tempo. A B TAC TAC C t JTot t - EKRj può essere calcolata con la stessa formula usata per la ClCr: ClCr = Cr u (mg/24h) / (Cr p x 1440); EKRj = Jtot / (TAC x T) - EKRj corretto per V, per confrontare paz. con differenti dimensioni corporee: EKRjc = EKRj / V x JTot

16 Calcolo di EKRjc in un pz. con IRA che ha ricevuto 7 HD in 6 gg R.A. (m), 73 aa; Peso all ingresso 104 Kg, finale 94 Kg; ripresa funzionale Qb ml/min; Filtro F8 HPS, td medio 174 min: BUN (mg/dl) EKRjc = 27,7 ml/min Calcolo di EKRjc in un pz. con IRA in CVVHDF pre per 87 h C.M. (f), 65 aa; Peso all ingresso 76,7 Kg, finale 77,6 Kg Qb 130 ml/min; Qd 1000 ml/h, Qf 100 ml/h, Qs pre 1000, td = 5260 K = Qdo /(1+Qs/Qbw) = 28,3 ml/min, G = K x Css = 28,3 x 0,12 = 3,4 mg/min BUN (mg/dl) min EKRjc = 27 ml/min min

17 Input Sequenza di calcolo per quantificare EKRjc (Casino e Marshall, NDT 2004)

18 Calcolo rapido (non cinetico) di EKRjc in CRRT (Casino F, Morabito S, Pistolesi V et al, SIN 2010) Principali problemi associati alla quantificazione della Dose di dialisi basata sull effluente: 1. Prediluizione 2. Tempi morti intra-dialitici ed intervalli interdialitici 3. Variazioni di peso del paziente durante l intero periodo di trattamento.

19 Calcolo rapido (non cinetico) di EKRjc in CRRT (Casino F, Morabito S, Pistolesi V et al, SIN 2010) Soluzione proposta: 1. Si assume un valore realistico (per es, 65% del peso) (Marshall, 2005), per il V iniziale (V0) e si calcolano tutti i V pre, V post, e V medio (V m ), dalle variazioni del peso o del bilancio idrico. 2. Per ogni seduta si calcola prima Kd dall effluente (< 2L/h), tenendo conto della prediluizione, poi K=Kd+Kr (se Kr presente), e infine K x Td. 3. Per l intero periodo di trattamento (TT), dall inizio della prima seduta alla fine dell ultima, si calcolano a) la somma (Σ) dei prodotti K x Td b) la media ponderata (TAV) dei V m di ogni ciclo (dial + interd) c) TAK = Σ (K x Td) / TT = EKRj d) EKRjc = TAK/TAV x 40000

20 Frazione di tempo in dialisi rispetto al totale. (N=29, TDT/TT = 80 ± 19 %) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Casino FG, Morabito S, Pistolesi V, et al SIN 2010

21 Effluente medio in dialisi (ml/min) e TAK (ml/min). (N=29, EM = 39,5 ± 7,3, TAK = 29,3 ± 9,4) La dose media di effluente, calcolata solo in riferimento al tempo in dialisi (EM), in media sovrastimava di circa il 34% (39.5/29.3) la Clearance media (corretta per la prediluizione) e calcolata sull intero periodo (TAK) Casino FG, Morabito S, Pistolesi V, et al SIN 2010

22 Variazione del peso del paz. nel tempo totale (TT). (N=29, DV = 3,8 ± 6,1 L) Kg o L Casino FG, Morabito S, Pistolesi V, et al SIN 2010

23 EKRjc = TAK/Vm x 40 (ml/min) (N=29, M =22.5±9.3 ml/min ) Casino FG, Morabito S, Pistolesi V, et al SIN 2010

24 Conclusioni La quantificazione della dose con l effluente presenta diversi problemi (prediluizione, tempi morti, variazione di peso del paziente), che possono essere risolti misurando EKRjc. Poiché in CRRT la stima di V è problematica, abbiamo proposto di assumere un V iniziale e calcolare il V medio (TAV), dal peso o dal bilancio idrico. Inoltre, trasformando l effluente in Kd (ed aggiungendo Kr, se presente) si può calcolare la K media (TAK) di tutto il periodo di trattamento. Ciò permette di approssimare EKRjc con TAK/TAV x L indice proposto permette non solo di tenere conto di FRR e di irregolarità del trattamento, ma anche di confrontare la dose in CRRT con quella di altri trattamenti sostituitivi.

25 Vi ringrazio per l attenzione

Priming Avvio Mantenimento - Stop

Priming Avvio Mantenimento - Stop TERAPIA SOSTITUTIVA RENALE CONTINUA Priming Avvio Mantenimento - Stop N. Lanfranconi Terapia Intensiva OEI Genova Premessa Le tecniche di CRRT prevedono l utilizzo di circuiti ematici extracorporei e sotto

Dettagli

Quantificazione della dose dialitica: Kt/V

Quantificazione della dose dialitica: Kt/V Quantificazione della dose dialitica: Kt/V Gianmario Bosticardo gmbostic@alice.it reparto.dialisi@aslbi.piemonte.it Nefrologia e Dialisi ASL BI Biella IL DANNO RENALE ACUTO: ATTUALITA E PROSPETTIVE Spazio

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi

Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi NEFROLOGIA INTERVENTISTICA Seminario: complicanze accessi vascolari Roma 10 Maggio 2014 Matteo Baldinelli Efficienza dialitica Metodica HDB HDF

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Terapia sostitutiva extrarenale continua ( CRRT ): metodiche

Terapia sostitutiva extrarenale continua ( CRRT ): metodiche Terapia sostitutiva extrarenale continua ( CRRT ): metodiche V. Molene I Servizio di Anestesia e Rianimazione Ospedale Niguarda Cà Granda Milano Principi generali e modalità di rimozione dei soluti Circuito

Dettagli

Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate

Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate Presidenti: Francesco Casino e Antonio Santoro Direttore scientifico: Simeone Andrulli Comitato Scientifico: il Consiglio Direttivo

Dettagli

FARMACOCINETICA DEGLI ANTIBIOTICI NELLE TERAPIE SOSTITUTIVE RENALI CONTINUE (CRRT)

FARMACOCINETICA DEGLI ANTIBIOTICI NELLE TERAPIE SOSTITUTIVE RENALI CONTINUE (CRRT) G Ital Nefrol 2012; 29 (4): 425-444 RASSEGNA FARMACOCINETICA DEGLI ANTIBIOTICI NELLE TERAPIE SOSTITUTIVE RENALI CONTINUE (CRRT) GIN FAD Santo Morabito 1, Valentina Pistolesi 1, Umberto Maggiore 2, Enrico

Dettagli

Sistemi per acuti. Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali

Sistemi per acuti. Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali Sistemi per acuti Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali Il sistema multifiltrate: una sintesi Semplicità di gestione, flessibilità e affidabilità. L ideale per la terapia

Dettagli

DISEQUILIBRIO IDRO- ELETTROLITICO.

DISEQUILIBRIO IDRO- ELETTROLITICO. CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI COMPLETI PER EMODIALISI IN UNIONE D ACQUISTO FRA LE AZIENDE SANITARIE ASSOCIATE ALL AREA VASTA EMILIA NORD LOTTO 1 TRATTAMENTI DIALISI EXTRACORPOREA

Dettagli

APPENDICE 1 alla APPENDICE AL MANUALE DI UTILIZZO DEL CITRATO PER AQUARIUS CON MODULO CITRATO E SOFTWARE PLATINUM VERSIONE 6 ULTERIORI AVVERTENZE E AVVISI DI SICUREZZA AVVISO L'appendice 1 all'appendice

Dettagli

SPESA QUINQUENNALE PRESUNTA COMPRENSIVA DELL EVENTUALE INCREMENTO DEL 20% 9.958.578,00=IVA ESCLUSA

SPESA QUINQUENNALE PRESUNTA COMPRENSIVA DELL EVENTUALE INCREMENTO DEL 20% 9.958.578,00=IVA ESCLUSA CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI TRATTAMENTI DIALITICI PER SPESA QUINQUENNALE PRESUNTA COMPRENSIVA DELL EVENTUALE INCREMENTO DEL 20% 9.958.578,00=IVA ESCLUSA pg 1 LOTTO

Dettagli

NUOVE STRATEGIE DI TRATTAMENTO PER LE METODICHE DI CRRT

NUOVE STRATEGIE DI TRATTAMENTO PER LE METODICHE DI CRRT NUOVE STRATEGIE DI TRATTAMENTO PER LE METODICHE DI CRRT Marco POZZATO Responsabile Settore Dialisi per Acuti Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi (Direttore: Dr. F. Quarello) Ospedale S. Giovanni

Dettagli

La Nefrologia nel paziente critico: Esperienza di Lecce e Bologna a confronto

La Nefrologia nel paziente critico: Esperienza di Lecce e Bologna a confronto La Nefrologia nel paziente critico: Esperienza di Lecce e Bologna a confronto Luigi Alfonso U.O.S. di Dialisi, Direttore e Staff Medico ed Infermieristico U.O.C. di Nefrologia Dialisi e Trapianto, ASL

Dettagli

Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI

Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI *Sappiamo,infatti, che nei 2/3 dei casi l esordio di queste patologie è neonatale,molto precoce

Dettagli

Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico

Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze della Salute Sezione di Anestesiologia, Terapia Intensiva e Terapia del Dolore Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico Gianluca

Dettagli

DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE DIALISI PERITONEALE

DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE DIALISI PERITONEALE DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE 25 GENNAIO 214 - CUNEO LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE PRO DIALISI PERITONEALE LORIS NERI GIUSTO VIGLINO SOPRAVVIVENZA IN DIALISI

Dettagli

CRRT nel paziente ad alto rischio emorragico: ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato

CRRT nel paziente ad alto rischio emorragico: ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN! Scienze!Mediche!Specialistiche,! Progetto!Formativo!in!Scienze!Nefrologiche!ed!Uro;Andrologiche Ciclo XXIV Settore Concorsuale di afferenza:

Dettagli

Il nuovo 5008 CorDiax Oltre le Vostre aspettative

Il nuovo 5008 CorDiax Oltre le Vostre aspettative Emodialisi cardioprotettiva Il nuovo 5008 CorDiax Oltre le Vostre aspettative Emodialisi cardioprotettivasp T Parola d ordine: proteggere il paziente Emodialisi cardioprotettiva Una cardioprotezione ad

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

Ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco: le basi fisiopatologiche Dr Valentina Pellu

Ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco: le basi fisiopatologiche Dr Valentina Pellu Scompenso cardiaco tra ormoni e clinica Ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco: le basi fisiopatologiche Dr Valentina Pellu L entità del problema. I numeri negli USA: Prevalenza HF: 5000000 pz Incidenza

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Presidio Ospedaliero S. Maria del P. Incurabili S.C. Universitaria di Nefrologia e Dialisi DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

IDPN. Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto

IDPN. Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto IDPN Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto La malnutrizione Ä una condizione di alterazione funzionale, strutturale e di sviluppo dell organismo conseguente allo squilibrio tra fabbisogni, introiti

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro?

Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro? XXII Corso Nazionale di Aggiornamento Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro? Ugo Teatini HDF: perché? 2 EBPG :Strategie in dialisi Guideline 2.1 L uso delle membrane sintetiche high-flux

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO SIN TRATTAMENTI DEPURATIVI IN AREA CRITICA

GRUPPO DI STUDIO SIN TRATTAMENTI DEPURATIVI IN AREA CRITICA GRUPPO DI STUDIO SIN TRATTAMENTI DEPURATIVI IN AREA CRITICA Corso di Aggiornamento ACUTE KIDNEY INJURY (AKI): attualità e controversie Particolare de La Fontana dei 4 Fiumi di Bernini - Piazza Navona,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Servizio Provveditorato e R.M. Indice

CAPITOLATO SPECIALE. Servizio Provveditorato e R.M. Indice Servizio Provveditorato e R.M. CAPITOLATO SPECIALE Procedura di cottimo fiduciario per la fornitura in service di terapie continue sostitutive della funzione renale (CRRT) e di terapie di emodepurazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 8 DI CAGLIARI. Sede: via Piero Della Francesca, 1-09047 Selargius (CA) It. Codice Fiscale e/o Partita IVA: 02261430926

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 8 DI CAGLIARI. Sede: via Piero Della Francesca, 1-09047 Selargius (CA) It. Codice Fiscale e/o Partita IVA: 02261430926 AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 8 DI CAGLIARI Sede: via Piero Della Francesca, 1-09047 Selargius (CA) It Codice Fiscale e/o Partita IVA: 02261430926 Gara sistemi completi per emodialisi e trattamenti di dialisi

Dettagli

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Con affetto alle mie figlie Sofia e Beatrice FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA PER INFERMIERE Tesi di Laurea assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Laureanda Simonetta

Dettagli

Epidemiologia CKD: situazione attuale. Vincenzo Bellizzi

Epidemiologia CKD: situazione attuale. Vincenzo Bellizzi Epidemiologia CKD: situazione attuale Vincenzo Bellizzi Nuovi pazienti con IRC all anno anno La maggioranza relativa del Campione, il 43% del totale, riceve ogni anno all ambulatorio meno di 50 nuovi pazienti

Dettagli

Sistema di dialisi Artis Semplicità e avanguardia

Sistema di dialisi Artis Semplicità e avanguardia Sistema di dialisi Artis Semplicità e avanguardia Ridefinire i canoni dell emodialisi Semplificare tutte le attività del centro dialisi. Pioniere e leader nell innovazione delle terapie dialitiche, Gambro,

Dettagli

(Trattamenti dialitici)

(Trattamenti dialitici) ALLEGATO A Trattamenti dialitici Qualora le indicazioni riguardanti le caratteristiche descritte nelle presenti specifiche tecniche possano ricondurre ad una individuazione di un origine o produzione determinata

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

risultati preliminari

risultati preliminari ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Torino 27-28 settembre 2013 risultati preliminari Esami e procedure interventistiche richiedono spesso l utilizzo del MEZZO di CONTRASTO,

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia

La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia Introduzione I reni provvedono a mantenere il controllo dell omeostasi, della

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Italia-Selargius: Apparecchi per emodialisi 2013/S 191-329178. Bando di gara. Forniture

Italia-Selargius: Apparecchi per emodialisi 2013/S 191-329178. Bando di gara. Forniture 1/9 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:329178-2013:text:it:html Italia-Selargius: Apparecchi per emodialisi 2013/S 191-329178 Bando di gara Forniture Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI DI EMODIALISI della ULSS 5

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI DI EMODIALISI della ULSS 5 1 Introduzione: Il Servizio di Emodialisi dell Ospedale di Arzignano inizia l attività nel 1976, mentre il Servizio di Valdagno viene inaugurato nel 1986. Gli Utenti di questi Servizi sono pazienti affetti

Dettagli

Roberto Pioppo. Autore Roberto Pioppo

Roberto Pioppo. Autore Roberto Pioppo Roberto Pioppo CENNI INTRODUTTIVI In terapia intensiva la maggior parte dei pazienti si trovano ad avere un bilancio idro-elettrolitico spesso positivo, dove i liquidi introdotti sono maggiori di quelli

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE PER EMODIALISI E FORNITURA DEL RELATIVO MATERIALE DI CONSUMO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO 1. PREVEDERE LE CONCENTRAZIONI PLASMATICHE E TISSUTALI A SEGUITO DI QUALSIASI DOSAGGIO 2. CALCOLARE IL DOSAGGIO

Dettagli

Esperienze con la decapneizzazione venovenosa nell insufficienza respiratoria severa

Esperienze con la decapneizzazione venovenosa nell insufficienza respiratoria severa Sucre MJ, Donnarumma G, Vitelli G, Cirillo A, Coppola A, De Nicola A S. C. di Anestesia e Rianimazione Ospedale di Castellammare di Stabia (NA) Esperienze con la decapneizzazione venovenosa nell insufficienza

Dettagli

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Benedetto Maria Teresa Imola, 11/6/08 PERCORSI AMBULATORIO NEFROLOGICO AMBULATORIO DI PREDIALISI AMBULATORIO DIALISI:

Dettagli

Sicurezza del paziente: la scelta di Fresenius Medical Care L impostazione di nuovi termini di paragone

Sicurezza del paziente: la scelta di Fresenius Medical Care L impostazione di nuovi termini di paragone Emodialisi cardioprotettiva Sicurezza del paziente: la scelta di Fresenius Medical Care L impostazione di nuovi termini di paragone Emodialisi cardioprotettivasp T Parola d ordine: proteggere il paziente

Dettagli

TEST DI EQUILIBRAZIONE PERITONEALE: ATTUALITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

TEST DI EQUILIBRAZIONE PERITONEALE: ATTUALITÀ E PROSPETTIVE FUTURE p. 510-525 La Milia:Ravani 12-11-2007 14:34 Pagina 510 GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA / ANNO 24 N. 6, 2007 / PP. 510-525 REFRESH/Rassegna TEST DI EQUILIBRAZIONE PERITONEALE: ATTUALITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

Dettagli

* * * * Classificazione Consip Public

* * * * Classificazione Consip Public Procedura aperta per la conclusione di un Accordo Quadro con più operatori economici ex art. 59 commi 6 e 7 del D.Lgs. n. 163/2006 per la fornitura in "service" di trattamenti di dialisi extracorporea

Dettagli

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M.

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M. Servizio Sanitario Regionale NOTE INFORMATIVE SULLA SCELTA DEL TRATTAMENTO DIALITICO CONSENSO ALLA DIALISI Gentile Signore/a, a breve dovrà iniziare il trattamento dialitico, che comporterà significativi

Dettagli

1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1. 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221

1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1. 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221 IX Indice 1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1 2 Emodialisi 83 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221 4 Dialisi peritoneale 263 5 Assistenza infermieristica al paziente

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Allegato C) Al Direttore del Distretto di dell Azienda Sanitaria Locale PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Cognome

Dettagli

Strategie per ottimizzare l organizzazione di un centro dialisi

Strategie per ottimizzare l organizzazione di un centro dialisi Strategie per ottimizzare l organizzazione di un centro dialisi Maria Teresa Parisotto 1, Francesco Pelliccia 2 1 Fresenius Medical Care NephroCare Coordination, Director Nursing Care Management, Bad Homburg,

Dettagli

Introduzione Nefrologo in un Ospedale di tipo secondario infatti Nefrologo dell Ospedale terziario,.

Introduzione Nefrologo in un Ospedale di tipo secondario infatti Nefrologo dell Ospedale terziario,. IL TEAM DELL ACUZIE: L ESPERIENZA DI BOLOGNA Elena Mancini, Emanuele Mambelli, Antonio Santoro Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Antonio Santoro U.O.C. Nefrologia Dialisi Ipertensione Policlinico

Dettagli

A FAVORE DELLE CRRT: LE TERAPIE SOSTITUTIVE RENALI CONTINUE RIMARRANNO LE METODICHE PREVALENTI NELLE UNITÀ DI TERAPIA INTENSIVA

A FAVORE DELLE CRRT: LE TERAPIE SOSTITUTIVE RENALI CONTINUE RIMARRANNO LE METODICHE PREVALENTI NELLE UNITÀ DI TERAPIA INTENSIVA GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA / ANNO 26 N. 1, 2009 / PP. 13-21 PRO E CONTRO A FAVORE DELLE CRRT: LE CONTINUE RIMARRANNO LE METODICHE PREVALENTI NELLE UNITÀ DI TERAPIA INTENSIVA S. Morabito, V. Pistolesi,

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI AVIANO Dipartimento di Oncologia Radioterapica e di Diagnostica per immagini STRUTTURA OPERATIVA COMPLESSA DI RADIOLOGIA Direttore dr. Luca Balestreri S e g r e t e r i a T e l. 0 4 3 4 / 6 5 9 650 d a l l e

Dettagli

DIALISI: PASSATO, PRESENTE,FUTURO 9 febbraio 2012

DIALISI: PASSATO, PRESENTE,FUTURO 9 febbraio 2012 S.C.D.O. di Nefrologia e Dialisi A.O.U. Maggiore - Novara DIALISI: PASSATO, PRESENTE,FUTURO 9 febbraio 2012 Dr.ssa Doriana Chiarinotti Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? 1897 di Paul Gauguin ad

Dettagli

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g)

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) Oggetto: - Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Determinazione AIFA 06.06.2011 Modifica Nota 13 Promozione dell'appropriatezza diagnostica e terapeutica

Dettagli

LA QUANTIFICAZIONE PRATICA DELL'EFFICIENZA DIALITICA PER LE MEDIE MOLECOLE IN DIALISI E NELLE TECNICHE CONVETTIVE E MISTE

LA QUANTIFICAZIONE PRATICA DELL'EFFICIENZA DIALITICA PER LE MEDIE MOLECOLE IN DIALISI E NELLE TECNICHE CONVETTIVE E MISTE p. 066-075 Casino:Ravani 4-02-2008 15:00 Pagina 66 GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA / ANNO 25 N. 1, 2008 / PP. 66-75 RASSEGNA LA QUANTIFICAZIONE PRATICA DELL'EFFICIENZA DIALITICA PER LE MEDIE MOLECOLE IN

Dettagli

Pagina 1 ALLEGATO A SCO NTO % LISTI NO Q.TA' ANNU A AOSP FE TOT.LE PROD.(Q.TA' X PREZZO) CAM PION ATU DESCRIZIONE Q.TA' ANNU A USL FE PREZZ O LISTIN O

Pagina 1 ALLEGATO A SCO NTO % LISTI NO Q.TA' ANNU A AOSP FE TOT.LE PROD.(Q.TA' X PREZZO) CAM PION ATU DESCRIZIONE Q.TA' ANNU A USL FE PREZZ O LISTIN O LLEGT LT T PIN DESCRIZINE USL SP N SC NT N IT. NETT TT.LE PRD.( X ) TT.LE PRD.( X + ) CDICE PRDTT 1 a 1 b 1 c Separatore cellulare per autotrasfusione per uso intraoperatorio con le seguenti caratteristiche:

Dettagli

SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA

SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA Schemi Dialitici Alternativi : Perché SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA Umberto Buoncristiani Perugia L Emodialisi Extracorporea Tradizionale di 4-5 ore x 3 volte a settimana è il risultato

Dettagli

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 Ricerca epidemiologica Gli epidemiologi sono interessati a conoscere l incidenza delle malattie per prevedere i

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

AKI nel gatto: dialisi sì o dialisi no? Eleonora Atena Galli, DMV ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia

AKI nel gatto: dialisi sì o dialisi no? Eleonora Atena Galli, DMV ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia AKI nel gatto: dialisi sì o dialisi no? Eleonora Atena Galli, DMV ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia Articolo pubblicato ne La Settimana Veterinaria - N 880-25 giugno 2014 La terapia dipende molto

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA

FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DI DIRITTO PUBBLICO (D.M. 28/4/2006) 27100 PAVIA V.le Golgi, 19 Tel. 0382-503381 Cod. Fiscale n 00303490189 Partita

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

www.ausl4lanusei.it **************** ART. 1 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

www.ausl4lanusei.it **************** ART. 1 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO A.S.L. N.4 - Lanusei Servizio Sanitario Nazionale - REGIONE SARDEGNA www.ausl4lanusei.it Allegato C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA IN SERVICE DI ATTREZZATURE E MATERIALE DI CONSUMO PER

Dettagli

Adeguamento posologico dei farmaci. Dr Ugo Teatini

Adeguamento posologico dei farmaci. Dr Ugo Teatini Adeguamento posologico dei farmaci e insufficienza renale Dr Ugo Teatini Farmaci ed insufficienza renale L insufficienza renale influisce sulla concentrazione plasmatica dei farmaci per modificazioni farmacocinetiche

Dettagli

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT)

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT) Scheduling Introduzione Con scheduling si intende un insieme di tecniche e di meccanismi interni del sistema operativo che amministrano l ordine in cui il lavoro viene svolto. Lo Scheduler è il modulo

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

USO DEI FARMACI IN SOGGETTI OBESI

USO DEI FARMACI IN SOGGETTI OBESI USO DEI FARMACI IN SOGGETTI OBESI L eccesso di peso corporeo, che è di osservazione sempre più frequente nelle aree economicamente sviluppate ed in tutte le fasce di età, costituisce notoriamente un fattore

Dettagli

LOTTO N.1: AFB - HDB - HDF ON LINE (CIG 03792528A4)

LOTTO N.1: AFB - HDB - HDF ON LINE (CIG 03792528A4) ALLEGATO N.3 OFFERTA N. DEL DITTA SEDE LEGALE Tel. Fax SEDE AMMINISTRATIVA Tel. Fax CODICE FISCALE/PARTITA IVA LOTTO N.1: AFB - HDB - HDF ON LINE (CIG 03792528A4) Descrizione CANONE DI NOLEGGIO (FULL-RISK)

Dettagli

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA IPOGLICEMIA Bellini Elisa Azienda Ospedaliera Sant'Anna - Como Presidio Ospedaliero Cantù-Mariano Comense Struttura di Mariano Comense Direttore della scuola formatori OSDI COMO 14 15 GIUGNO 2013 HOTEL

Dettagli

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA Funzione renale ed età e stima della GFR Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi A.O. Ordine Mauriziano di Torino Piano della presentazione Variazioni della funzione

Dettagli

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola Sicurezza e Appropriatezza d uso dei farmaci nelle strutture tt residenziali i per anziani * Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola XXII Seminario Nazionale La valutazione dell uso e della

Dettagli

SVILUPPO, IMPLEMENTAZIONE E VALIDAZIONE DI UN MODELLO MATEMATICO PER L EMODIAFILTRAZIONE ON-LINE

SVILUPPO, IMPLEMENTAZIONE E VALIDAZIONE DI UN MODELLO MATEMATICO PER L EMODIAFILTRAZIONE ON-LINE POLITECNICO DI MILANO Scuola di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea Magistrale/Specialistica in Ingegneria Biomedica SVILUPPO, IMPLEMENTAZIONE E VALIDAZIONE DI UN MODELLO MATEMATICO PER L EMODIAFILTRAZIONE

Dettagli

PREDIAN PREvenzione e DIAgnosi precoce delle Nefropatie

PREDIAN PREvenzione e DIAgnosi precoce delle Nefropatie PREDIAN PREvenzione e DIAgnosi precoce delle Nefropatie D.A. Procaccini Direttore D.I.A.N. S.C. Nefrologia e Dialisi a direzione ospedaliera Azienda Ospedaliero-Universitaria OO.RR. Foggia Premessa DIAN

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

L esperienza degli Spedali Civili di Brescia

L esperienza degli Spedali Civili di Brescia NEFROLOGIA LOMBARDA: GLI ORIZZONTI SI ALLARGANO Venerdì 10 giugno 2016 Hotel Michelangelo, Milano I Centri lombardi con un alto tasso di immigrati in dialisi: diagnosi e accesso alla terapia sostitutiva.

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

Aferesi Terapeutica. Art e Art Universal. Conoscere le terapie extracorporee selettive

Aferesi Terapeutica. Art e Art Universal. Conoscere le terapie extracorporee selettive Aferesi Terapeutica Art e Art Universal Conoscere le terapie extracorporee selettive Art Trattamenti possibili Aferesi di sangue intero (DALI ) Plasmaferesi selettiva con singole colonne adsorbenti entrambe

Dettagli

PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA IN TRATTAMENTO DIALITICO PERITONEALE CON PROBLEMATICHE DEL CATETERE E SCARSE PERFORMANCE DI DRENAGGIO

PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA IN TRATTAMENTO DIALITICO PERITONEALE CON PROBLEMATICHE DEL CATETERE E SCARSE PERFORMANCE DI DRENAGGIO CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA QUINQUENNALE DI TRATTAMENTI DI DIALISI PERITONEALE PER PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA DESCRIZIONE DEI LOTTI ------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IHD: CRRT: Membrane scarsamente biocompatibili:

IHD: CRRT: Membrane scarsamente biocompatibili: La CRRT in pediatria Alessandro Amore, MD, PhD Roberto Bonaudo, MD Rosanna Coppo, MD SC Nefrologia Dialisi Trapianto Ospedale Regina Margherita alessandro.amore@unito.it IHD: Membrane scarsamente biocompatibili:

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Multifiltrate e MultiFiltratePRO efficienza, efficacia e semplicità a servizio delle CRRT

Multifiltrate e MultiFiltratePRO efficienza, efficacia e semplicità a servizio delle CRRT Multifiltrate e MultiFiltratePRO efficienza, efficacia e semplicità a servizio delle CRRT Francesco Crea Product & Sales Specialist ECCT Exposanità Sala Chopin Pad. 25 corsia C Caratteristiche dei trattamenti

Dettagli

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna.

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Si richiede la realizzazione, a completo carico della ditta aggiudicataria, di un sistema informatico

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Caratteristiche generali per tutti i lotti

Caratteristiche generali per tutti i lotti Capitolato Tecnico dei kit di materiale monouso per dialisi extracorporea e dialisi peritoneale, compresa fornitura delle attrezzature a noleggio per la durata di anni 5, necessari alle UU.OO. di Nefrologia

Dettagli