Ground Improvement Techniques

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ground Improvement Techniques"

Transcript

1 Opere di sostegno del fronte di scavo per il nuovo Casino Municipale in Campione d Italia IIng.. P.. Cancellii Sttudi io Canccel llii Assssocci iatto Milano Prroff.. Drr.. H..F.. Scchwei igerr IInsstti ittutte fforr Soill Mecchani iccss and FFoundatti ion Enggi ineerri ingg Tecchni iccal l Univverrssi ittyy Grrazz (( Aussttrri ia )) Dotttt.. Geol.. M.. Vidotttto Dirrettttorre Teccni icco Kellerr FFondazzi ionii S..rr..l.. Verrona Presented by Keller Fondazioni S.r.l. Verona - Sede centrale Via della Siderurgia, 10 I Verona Tel. (045) Fax (045) Regione Nord-Ovest Via Lombardia, 11 I Borgaro Torinese (TO) Tel. (011) Fax (011) Alto Adige / Südtirol Löwecenter Via Isarco, 1 / Eisackstraße, 1 I Varna / Bressanone (BZ) I Vahrn / Brixen (BZ) Tel. (0472) Fax (0472) XX11 Coonnggrreessssoo AGII L Aqquui ilaa Teecchhnni iccaal l ppaappeerr I 1

2 SOMMARIO La memoria illustra le principali fasi di progetto, di calcolo e di realizzazione delle opere di sostegno del fronte di scavo necessarie per la costruzione del nuovo Casino Municipale di Campione d Italia (CO). Il progetto interessava il centro urbano di Campione e prevedeva la realizzazione di uno scavo profondo fino a circa 30m. Nel corso delle attività di progetto sono state considerate diverse alternative per il contenimento delle pareti di scavo: per ragioni tecniche, economiche e di affidabilità realizzativa, sono state successivamente scartate tutte le soluzioni tradizionali, privilegiandosi la realizzazione di una cortina di colonne in jet grouting, non armate, multitirantate. Le notevoli incertezze connesse al dimensionamento dell opera sono state risolte mediante un consistente numero di analisi numeriche agli Elementi Finiti. Vengono quindi presentati gli elementi caratterizzanti l impostazione delle analisi, unitamente ai principali risultati in termini di dimensionamento e di verifica locale e generale. Al termine della memoria vengono confrontati i valori previsti dalle analisi numeriche con i risultati delle attività di monitoraggio. 1 INTRODUZIONE La memoria illustra le principali fasi di progetto, di calcolo e di realizzazione delle opere di sostegno del fronte di scavo necessarie per la costruzione del nuovo Casino Municipale di Campione d Italia (CO). Il progetto architettonico, affidato all arch. Mario Botta di Lugano, interessava il centro urbano di Campione, occupando un area di circa 110m per 75m, e prevedeva la realizzazione di uno scavo profondo fino a circa 30m (vd. Fig. 1). La presenza nelle immediate vicinanze dell area di cantiere di edifici e strade ha suggerito fin dalle prime fasi di studio l adozione di particolari cautele in merito alla limitazione delle interazioni tra scavo e strutture circostanti. D altra parte si è dovuto riconoscere come, a causa delle specifiche caratteristiche del sito, dei terreni, e delle opere in progetto, l applicazione di tecnologie di sostegno di tipo tradizionale (paratie, diaframmi, berlinesi di pali e micropali) non offrisse le necessarie garanzie in termini di fattibilità tecnica, realizzativa ed economica. Si è scelto pertanto di ricorrere ad una cortina di colonne di jet grouting multi-tirantate e non armate, di utilizzare cioè una tecnologia alquanto innovativa che, per quanto risulta agli scriventi, non era ancora stata applicata a profondità di scavo di 30m. A 100 m B m C m m A B C 80 m N Soilcrete wall Tunnel Figura 1. Planimetria dell area di cantiere con indicazione delle quote di fondo scavo. 2

3 2 CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA DEL SITO 2.1 Struttura geologica del sottosuolo Nelle sue linee essenziali, la struttura geologica del versante oggetto dell intervento è quella tipica di una conoide deltizia, formatasi allo sbocco in lago del Torrente Cottima (in parte coalescente con quella formata, più a sud, dal Torrente Giarone). Il substrato roccioso, costituito essenzialmente da porfiriti, non affiora su tutta l estensione dell area di cantiere. La conoide è costituita da depositi alluvionali da mediamente a molto grossolani, formati da elementi poligenici scarsamente arrotondati, da debolmente a mediamente alterati, immersi in una abbondante matrice sabbiosa; nettamente subordinata è la presenza di orizzonti limoso-argillosi, la cui frequenza appare sensibile soltanto verso le porzioni marginali della conoide. Questi caratteri risultano progressivamente più accentuati con l'aumento della profondità del deposito, cosicché nei livelli inferiori si rinvengono anche clasti monogenici (di natura porfiritica) fortemente spigolosi. Tali caratteristiche sembrano rivelatrici di un meccanismo di deposizione decisamente rapido, tipico di fenomeni di piena rovinosa con notevole trasporto di materiali. Intercalati ai materiali più grossolani si sono rinvenuti sottili livelli (lenticolari) sabbioso-limosi dello spessore di uno o più decimetri, con inclinazione prossima a quella del substrato roccioso. 2.2 Campagna di indagini Lo spessore dei depositi e l andamento del substrato roccioso (formato da porfiriti di colore rosso-vinaceo o grigiastro, leggermente alterate) sono stati determinati grazie alla disponibilità dei risultati di differenti campagne d'indagine mediante sondaggi, eseguiti in date diverse (1971, 1973, 1986 e 1990), nonché di alcune stratigrafie di pozzi dell'acquedotto comunale. A tale documentazione si sono aggiunti i risultati di due ulteriori sondaggi (1998), mediante i quali è stato possibile completare il quadro delle informazioni (vd. Fig. 2). E stato così possibile suddividere l area di cantiere in tre fasce a differente profondità dal fondo scavo (A: profondità minori di 15 20m, B: profondità variabili da 20 a 40m e C: profondità maggiori di 40m). E importante aggiungere che l andamento del substrato ha dimostrato da subito caratteristiche di rilevante irregolarità morfologica. In particolare nel settore centrale del margine orientale (coincidente peraltro con la zona a massima profondità di scavo) successive perforazioni hanno mostrato variazioni di profondità dell ordine di una decina di metri a distanze di pochi metri. Per questa ragione è stato necessario eseguire analisi numeriche in condizioni di substrato a profondità differenti (a seconda che interagisse o meno con le condizioni di stabilità generale dell opera). Al contrario, la definizione delle condizioni piezometriche ha portato a escludere interferenze tra livello di falda e fondo scavo. 15m 20m >25m 20m >35m >70m 50m >40m Fig. 2 Zonazione schematica della profondità del substrato roccioso, riferita a quota 274 m (massima profondità di fondo scavo secondo il progetto originario). 3

4 3 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA Complessivamente sono stati sottoposti ad analisi di laboratorio 20 campioni di materiale prelevato dalle perforazioni. Tutti i campioni sono stati sottoposti ad analisi granulometrica per setacciatura. Inoltre, per i 5 campioni contenenti una significativa frazione limoso-argillosa la curva granulometrica completa è stata determinata con un analisi per sedimentazione, mentre sulla frazione passante al setaccio ASTM n. 40 (luce = 0.42 mm) sono state determinate anche le caratteristiche di plasticità (limite di liquidità, limite di plasticità, indice di plasticità), ai fini della classificazione geotecnica dei terreni. A motivo dell assenza lungo la colonna stratigrafica di intercalazioni limoso-argillose di spessore significativo e del conseguente mancato prelievo di campioni indisturbati, non è stato possibile eseguire prove di laboratorio specificamente finalizzate alla determinazione delle proprietà meccaniche La caratterizzazione geotecnica dei terreni è stata pertanto effettuata a partire dai risultati delle prove penetrometriche (SPT) in foro e da quelli delle prove di laboratorio. In fig. 3 è stato riportato il confronto fra le analisi granulometriche eseguite a date diverse. Se dal confronto si escludono il fuso rappresentante i campioni dichiarati dilavati (b) e quello delle intercalazioni limose (c), in sintesi risulta quanto segue: nei depositi indagati le frazioni fini (limo più argilla) sono contenute in proporzioni non trascurabili (da poche unità percentuali fino a circa il 30 %; quanto alla sola frazione argillosa CF (<2m), essa è contenuta in quantità variabili da zero fino ad un massimo del 18%; il diametro efficace D10 (significativo agli effetti della conducibilità idraulica k) varia entro margini assai ampi, da oltre 1 mm fino a meno di 0.01 mm; d altra parte, il coefficiente di uniformità CU = D60/D10 risulta sempre assi elevato (da valori minimi intorno a 20 fino ad oltre 1000), il che rende del tutto inapplicabili le correlazioni empiriche di comune impiego per valutare la conducibilità idraulica. Inoltre, sui campioni presentanti un contenuto in frazione passante al setaccio di luce 0.42 mm superiore al 7 % sono stati determinati anche i limiti di Atterberg WL variabile da 19 fino a 34 %; PI variabile da zero fino a 13 %; con riferimento alla carta di Casagrande, i punti rappresentanti la frazione fine ricadono nei campi dei limi inorganici (e, in minor misura, delle argille) a bassa plasticità (ML, CL). In conclusione, tenendo conto della composizione granulometrica e delle caratteristiche di plasticità, questi depositi sono risultati classificabili, secondo la classificazione USCS, in parte nei gruppi GM, GC, SM, SC ( ghiaie e sabbie limose e argillose ) ed in parte nei gruppi GW, SW ( ghiaie e sabbie ben gradate ). Per ciò che concerne il comportamento meccanico si è fatto uso dei risultati ottenuti con le prove SPT eseguite nei fori di sondaggio di più campagne d indagine (1986, 1990 e1998). Dall'insieme dei dati sono emersi due gruppi di valori sperimentali: un primo e più consistente gruppo di valori compresi tra 40 e 78 colpi/piede, (attribuibili ai litotipi prevalentemente ghiaiosi, GW, GM, GC); un assai meno numeroso gruppo di valori compresi tra 5 e 24 colpi/piede (attribuibili alle lenti prevalentemente sabbiose, SW, SM, SC). 4

5 % C M S G mm a) b) c) d) e) Fig. 3. Confronto tra le analisi granulometriche eseguite nelle campagne di indagine: a) fuso granulometrico dei campioni rappresentativi di tutte le frazioni ; b) idem per i campioni dichiarati dilavati ; c) intercalazioni limose; d) campioni prelevati nella campagna 1990 e) campioni prelevati nella campagna L'interpretazione dei risultati delle prove SPT secondo il criterio proposto da De Mello condurrebbe a valutare angoli di resistenza al taglio ϕ' intorno a 30 per le lenti sabbiose e variabile da 35 fino a oltre 45 per i prevalenti litotipi ghiaiosi. Questi ultimi valori sono particolarmente elevati e sono sembrati troppo ottimistici. Adottando criteri di interpretazione più cautelativi, quali ad esempio quelli suggeriti da Bazaraa che tengono conto della pressione geostatica v, è stato possibile valutare la densità relativa del terreno D r. La maggior parte dei valori sperimentali, corrispondenti ai litotipi più ghiaiosi (GW, GM, GC), ha consentito di valutare un campo di variazione di D r compreso tra 50 e 80 %; i valori inferiori (D r = %) sono stati attribuiti alla presenza nella colonna litologica di lenti o intercalazioni maggiormente sabbiose o sabbioso-limose (SW, SM, SC). A tali valori di densità relativa D r corrispondono, secondo le correlazioni empiriche di comune impiego in campo geotecnico, angoli di resistenza al taglio ϕ' nell'ordine, rispettivamente, di e di Per quanto riguarda i parametri di deformabilità, tenendo conto del tipo di problema e dell'insieme delle resistenze penetrometriche è stato possibile ipotizzare un campo di variazione del modulo elastico E' dell ordine di MPa. 4 TECNOLOGIE COSTRUTTIVE 4.1 Criteri di scelta Nel corso delle attività di progetto sono state considerate diverse alternative per il contenimento delle pareti di scavo. In particolare, sono state analizzate e scartate, già nella prima fase, sia una paratia armata da eseguirsi con benna mordente, sia un diaframma in pali trivellati. In effetti, la presenza di trovanti fino a oltre 3 m 3, la dimensione delle attrezzature necessarie, non compatibili con il contesto di cantiere e con l esiguità di spazio di lavoro, portarono a ritenere tecnicamente e logisticamente non fattibili tale procedimenti. La scelta si orientò quindi su una berlinese in micropali (diametro 220 mm), disposti ad interasse di 40 cm e lunghi 40 m. Erano comunque ben presenti a livello progettuale le difficoltà tecniche per una perforazione di tale profondità in terreni in grado di deviare sensibilmente la batteria di perforazione. Date le consistenti deviazioni di verticalità attese, vi sarebbero inoltre stati problemi pratici per mettere in opera correttamente le travi di ripartizione dei tiranti e per mantenere i tempi esecutivi previsti. L eliminazione delle alternative tradizionali ha infine portato a preferire un opera di contenimento in 5

6 299.0 m m 2.0 m m rock surface 2.5 Fig. 4 Schema dell opera di sostegno in corrispondenza della massima profondità di scavo (sezione BB in fig.1). terreno consolidato con tecnologia Soilcrete - Jet Grouting non armato pluritirantato (vd. Fig. 4); soluzione quest ultima che presentava inoltre migliori caratteristiche, sia in termini di flessibilità operativa, sia in termini di costi. 4.2 Descrizione dell opera I lavori vennero iniziati sul lato Est (vd. fig. 1), nella zona a maggiore profondità di scavo. Venne dapprima eseguito il consolidamento Soilcrete - Jet Grouting (bifluido) con colonne di diametro 1,8 m e di una lunghezza di 15 m ad interasse di 1,4m. Fig. 5 Esecuzione della fase di scavo n 10 (su 12 totali). 6

7 Fig. 6 Vista del fronte Nord. Dopo l esecuzione di una prima fase di consolidamento (sviluppo in pianta ca. 140 m) e la sottomurazione di un edificio in adiacenza, sempre con tecnologia Soilcrete bifluido (vd. Fig. 6), vennero avviati i lavori di scavo (vd. Fig. 5) a sezioni continue di altezza variabile fra 2 e 3,4 m per raggiungere la quota del successivo ordine dei tiranti. Il fronte scavato veniva rivestito con Spritzbeton armato con rete elettrosaldata. Durante l esecuzione della prima fase la Committente decise di aumentare la profondità massima di scavo di oltre 4 m, tanto che da una parete con 9 ordini di tiranti permanenti, si passò a una da 11 ordini. Si stabilì quindi un ringrosso al piede della sezione consolidata fino ad uno spessore di 2,5 m ed un incastro dato da un blocco massivo di terreno consolidato avente oltre a questa, anche la funzione di riduttore del cedimento per una delle due pile di altezza complessiva di oltre 60 m. Il ringrosso di sezione venne ottenuto mettendo in opera, dalla quota 284,0 m tre colonne Soilcrete per ogni sezione con lunghezza massima di ca. 19,50 m. Particolare attenzione è stata posta nella definizione del sistema di tirantatura definitiva (vd. Fig. 7): costituito da tiranti a trefolo, ritesabili, con doppia protezione. Fig. 7 Esecuzione dei tiranti. In particolare, per i primi tre ordini, a partire dall alto, sono stati utilizzati tiranti con carico limite pari a 1099 kn e pretensionamento fino a 580 kn. Gli ordini di tiranti a partire dal 4 in poi hanno invece avuto carichi limite di 1318 kn con bloccaggio a 750 kn. I tiranti, caratterizzati da lunghezza libera fino a 22m, sono stati disposti con spaziatura orizzontale pari a 2,8m. Per garantire un ottimale ripartizione dei carichi di tesatura sono state utilizzate travi di ripartizione gettate in opera in calcestruzzo armato di 40 cm di larghezza e 80 cm di altezza. 7

8 5 DIMENSIONAMENTO 5.1 Filosofia di progetto Il dimensionamento dell opera è stato verificato sia mediante metodi all Equilibrio Limite, sia mediante analisi numerica agli Elementi Finiti. In effetti, se da un lato è sempre possibile verificare la stabilità del sostegno di un fronte di scavo mediante analisi convenzionali all Equilibrio Limite, è altresì vero che alcuni aspetti caratteristici del problema hanno richiesto uno sforzo di calcolo aggiuntivo, imponendo la realizzazione di un analisi agli spostamenti. In primis, la realizzazione di uno scavo profondo in ambito urbano comporta la necessità di stimare i cedimenti indotti sulle strutture circostanti allo scopo di valutarne l entità degli effetti di interazione. Inoltre il fatto che l opera in progetto fosse pressoché interamente sprovvista di elementi di armatura ha inevitabilmente richiesto un accurata previsione delle azioni interne. Da un punto di vista concettuale infatti, il ricorso ad una soluzione quale quella in esame non comporterebbe la necessità di un approccio sostanzialmente diverso da quello normalmente utilizzato per opere tradizionali. Da un punto di vista più operativo, invece, la scelta di un opera non armata porta alla necessità di un controllo assoluto delle condizioni tensio-deformative dell opera, da realizzarsi mediante un accurato processo di ottimizzazione del sistema di tirantatura. Più in dettaglio, è possibile ricapitolare i principali elementi chiave del progetto, come esposto nel seguito. Numero dei tiranti e loro spaziatura verticale: naturalmente una maggior fittezza dei tiranti influisce positivamente sull entità delle azioni flettenti (controllo degli sforzi di trazione) all interno della struttura. Livello di pretensionamento dei tiranti: in questo caso si tratta di raggiungere il miglior compromesso tra l esigenza di minimizzare i cedimenti (elevati valori di tesatura) e contenere le sollecitazioni sulla struttura (bassi valori di tesatura). Inclinazione dei tiranti: da definirsi sulla base di un compromesso fra bassi valori di inclinazione (massimizzazione delle azioni di sostegno orizzontale) e alti valori di inclinazione (una maggior componente verticale delle azioni interne alla struttura comporta una migliore centratura della distribuzione degli sforzi in sezione, diminuendosi quindi la componente di trazione). La definizione del layout di progetto è stata effettuata mediante analisi agli Elementi Finiti (Plaxis Brinkgreve R.B.J. e Vermeer P.A., 1998), che da una lato ne ha permesso l ottimizzazione, e contestualmente la stima dei cedimenti attesi in corrispondenza di ogni fase costruttiva. 5.2 Analisi agli Elementi Finiti Per la modellazione degli elementi di terreno è stato utilizzato un modello costitutivo elasto-plastico noto in letteratura come modello Hardening Soil. Tale modello, derivato dal modello di Duncan e Chang è caratterizzato da un legame sforzi-deformazioni iperbolico, ed è stato modificato per l implementazione in campo plastico. In estrema sintesi il modello esprime la dipendenza della rigidezza dal livello di sforzo secondo una legge esponenziale (esponente m), opera una distinzione tra il comportamento sotto carico in condizioni vergini (E 50 ref : modulo di Young vergine alla pressione di riferimento p ref ), e di scarico-ricarico (E ur ref : modulo di Young di scarico-ricarico alla pressione di riferimento p ref ) e prevede un criterio di rottura di tipo Mohr- Coulomb. Inoltre, oltre a prevedere l incrudimento per taglio, il modello Hardening Soil tiene conto dell incrudimento per compressione, divenendo quindi applicabile sia a terreni addensati (valori di m prossimi a 0.5), sia a terreni sciolti o compressibili (valori di m prossimi a 1). La scelta dei parametri di deformabilità (vd. Tab. 1) e di resistenza (vd. Tab. 2) del terreno è stata effettuata a partire dalle risultanze della campagna di indagini geotecniche, previa validazione con valori ottenuti da precedenti esperienze per casi analoghi (von Soos 1995). 8

9 Tabella 1. Parametri di deformabilità del terreno Unità E 50 ref E oed ref E ur ref ur p ref m Litostrat. kn/m² kn/m² kn/m² - kn/m² - Ghiaia Tabella 2. Parametri di resistenza del terreno Unità c ref R f Litostrat. kn/m² - Ghiaia Per quanto attiene alla modellazione del terreno consolidato con jet grouting (Soilcrete), si è scelto di utilizzare un modello indefinitamente elastico lineare, con modulo di Young E = 9.5E6 kn/m 2 e rapporto di Poisson ν=0.2. Tali valori sono stati determinati sperimentalmente da prove di compressione uniassiale su campioni carotati dalle colonne; inoltre, per indagare il comportamento del materiale in condizioni di trazione, sono state eseguite diverse prove di trazione indiretta ( Brasiliana ). A A Fig. 8 Particolare del reticolo di calcolo (da Kummerer C. et al., 2001). Non avendo però definito a priori un criterio di rottura, è stato necessario verificare a posteriori l ammissibilità degli sforzi calcolati in corrispondenza di sezioni critiche. La modellazione della parte libera dei tiranti è stata effettuata mediante elementi lineari tipo biella, caratterizzati cioè dalla sola rigidezza elastica assiale, mentre per la fondazione si è optato per elementi tipo geosintetico, vale a dire membrane interagenti con il terreno circostante secondo un comportamento puramente attritivo. A questo proposito è opportuno evidenziare i limiti della rappresentazione utilizzata. In effetti, se da un lato diventa così possibile modellare il pretensionamento dei tiranti, collegandoli al terreno, d altra parte si modella un elemento tridimensionale mediante una rappresentazione bidimensionale. Per questa ragione tale metodologia non consente la stima del carico ultimo di sfilamento della fondazione (il dimensionamento dell ancoraggio è stato effettuato mediante esecuzione di tiranti di prova). Gli effetti sul terreno delle modalità realizzative del Soilcrete non sono stati considerati. Le analisi, condotte in condizioni drenate e per stato piano nelle deformazioni, sono state articolate secondo i seguenti passi di carico: 9

10 del stato di sforzo iniziale determinato per condizioni K 0 =1-senϕ (data la modesta inclinazione media versante); applicazione di un sovraccarico distribuito (15 kn/m 2 ) sulla sezione stradale ubicata subito a monte dello scavo; attivazione della metà superiore del sostegno di Soilcrete; esecuzione dei passi di scavo da 1 a 4, attivazione dei tiranti ubicati 0.5m al di sopra di ogni livello di scavo e loro pretensionamento; attivazione della metà inferiore del sostegno di Soilcrete; esecuzione dei passi di scavo da 5 a 12, attivazione dei tiranti ubicati 0.5m al di sopra di ogni livello di scavo e loro pretensionamento; L attivazione dei due blocchi di Soilcrete al piede dello scavo è stata modellata rispettivamente al raggiungimento delle quote di fondo scavo m e m (in analogia a quanto previsto e successivamente realizzato). 5.3 Risultati A causa dell elevata irregolarità dell andamento del substrato roccioso, le analisi numeriche sono state realizzate in condizioni di substrato a profondità differenti. In entrambi i casi le analisi hanno consentito di stimare spostamenti di entità estremamente limitata. In particolare si sono calcolati spostamenti orizzontali massimi di poco più di 1 cm per le condizioni di substrato profondo e di meno di 1 cm per il caso di substrato poco profondo (condizioni di fig. 4). In Fig. 9 è riportato l andamento degli spostamenti orizzontali calcolati per alcuni punti del muro al procedere dei passi di scavo (per il caso di substrato profondo). Dall esame dei risultati riportati è possibile formulare delle prime considerazioni anche in merito all aspetto della deformata. In effetti, considerando che tra due ordini di tiranti consecutivi è mediamente presente una distanza di circa m (mai meno di 2m), è possibile riconoscere una deformata molto regolare, come si evince dalla modesta entità degli spostamenti orizzontali differenziali in punti a differente quota della struttura excavation step top of wall anchor head 1 anchor head 3 anchor head 5 anchor head displacement [mm] Fig. 9 Spostamenti orizzontali calcolati lungo il muro al procedere delle operazioni di scavo (da Kummerer C. et al., 2001). 10

11 τ [MN/m²] 1.0 ϕ= σ [MN/m²] Fig. 10 Stato di sforzo nel muro (da Kummerer C. et al., 2001). Tali valutazioni sono state pienamente confermate dall esame puntuale dello stato di sforzo sulle sezioni più sollecitate. A titolo di esempio si riporta in fig. 10 la verifica sul piano di Mohr per una delle sezioni critiche, effettuata nell ipotesi di modellare il Soilcrete come un materiale rispondente ad una legge tipo Mohr-Coulomb: in questo caso caratterizzata da c = 1MPa e ϕ = 50. La verifica delle condizioni di stabilità generale è stata effettuata mediante la cosiddetta procedura di riduzione c - tanϕ (vd. fig. 11). Sostanzialmente tale procedura consiste nella riduzione progressiva dei parametri di resistenza del terreno, c e tanϕ, fino al collasso del sistema. In pratica il Fattore di Sicurezza globale viene a coincidere con il coefficiente riduttivo della resistenza a collasso. Di fatto tale definizione è equivalente a quella classica della Meccanica delle Terre, per cui il Fattore di Sicurezza è dato dal rapporto tra la resistenza disponibile e quella mobilizzata. Dall esame della figura 11 è possibile pertanto stimare un Fattore di Sicurezza maggiore di 2. E però necessario sottolineare come la validità della procedura utilizzata possa cadere in difetto nell impossibilità di verificare la resistenza dei tiranti. Infatti gli ancoraggi, per come sono stati modellati, non possono essere verificati a rottura: le condizioni di stabilità così definite possono allora ritenersi valide a meno di superfici che coinvolgano la fondazione dei tiranti. D altro canto è opportuno ricordare che gli ancoraggi sono stati dimensionati, in accordo con le Raccomandazioni AICAP sui tiranti, mediante prove di 2,5 2,0 Sum Msf 1,5 1,0 0,5 0, Calculation Step Fig. 11 Riduzione c-tanϕ. Il collasso è riconoscibile in prossimità dello step 110 (da Kummerer C. et al., 2001). sfilamento e applicando quindi un Fattore di Sicurezza alla fondazione pari a 2,5 (tiranti permanenti). In figura 12 viene rappresentata la distribuzione a curve di livello delle deformazioni per taglio in condizioni di rottura (in assenza di substrato roccioso). Dalla figura risultano in maniera evidente gli effetti stabilizzanti dei tiranti (che allontanano la superficie di scivolamento) e del blocco di Soilcrete al piede (che mobilita un consistente cuneo passivo). 11

12 Fig. 12 Distribuzione delle deformazioni per taglio a rottura (da Kummerer C. et al., 2001). 6 MONITORAGGIO DELL OPERA Le attività di monitoraggio dell opera, di grande importanza per ogni opera di sostegno in ambito urbano, assumono carattere di imprescindibilità per un problema, quale quello in esame, in cui la sicurezza dell opera dipende così strettamente dal funzionamento di tutti gli ancoraggi. Per questa ragione sono stati eseguiti approfonditi controlli mediante mire ottiche, letture inclinometriche e letture di celle di carico poste nelle teste di alcuni tiranti. Per quanto attiene al monitoraggio topografico, i movimenti rilevati sono ricaduti nel margine di errore dello strumento. E bene puntualizzare che ciò dipende dall esiguità degli spostamenti avvenuti (inferiori al centimetro), e che qualora tali spostamenti fossero divenuti più rilevanti, sarebbe stato lecito attendersi un valido contributo anche dal monitoraggio topografico. Di particolare interesse si sono rivelate invece le letture inclinometriche, effettuate su due verticali ubicate rispettivamente tra le sezioni AA e BB e tra le sezioni BB e CC evidenziate in fig. 1. In fig. 13 sono stati diagrammati gli spostamenti assoluti misurati in alcune fasi significative lungo il tubo inclinometrico T4 (verticale ubicata tra la sezione BB e la sezione CC). Sul grafico sono state inoltre sovrapposte le deformate calcolate in corrispondenza delle medesime fasi, che per semplicità di lettura sono state limitate alle n 2, 5, 9 e 12. Limitatamente ai valori misurati, è stata inoltre rappresentata la lettura di lungo termine, ove con tale definizione si intende una lettura effettuata a distanza di quasi un anno dal termine dell ultima fase di lavoro, e di diversi mesi dal definitivo completamento delle operazioni di scavo su tutto il fronte (in legenda: Termine operazioni di scavo ). E chiaro quindi che in tali condizioni si vengono a sommare gli effetti di almeno due differenti fenomeni: lo sviluppo di deformazioni differite, di natura prevalentemente viscosa, dell insieme terreno-tiranti, ma anche l interazione delle operazioni di scavo sulle sezioni adiacenti (diminuisce così il sostegno dovuto all effetto tridimensionale). 12

13 0 Spostamenti (mm) Profondità (metri) Fase 2: spostamenti misurati Fase 5: spostamenti misurati Fase 9: spostamenti misurati Fase 12: spostamenti misurati Termine operazioni di scavo Fase 2: spostamenti calcolati Fase 5: spostamenti calcolati Fase 9: spostamenti calcolati Fase 12: spostamenti calcolati Figura 13. Confronto fra l evoluzione degli spostamenti misurati sul tubo T4 e quelli previsti nelle analisi numeriche. Dall esame della figura 13 è possibile formulare alcune considerazioni, utili sia per valutare l affidabilità delle analisi numeriche, sia per definire a posteriori l efficienza tecnica della soluzione prescelta. Le analisi numeriche hanno consentito di individuare l entità dei cedimenti finali con approssimazione più che buona ove si consideri la rilevante altezza del fronte di scavo: in particolare si ritiene opportuno confrontare le deformazioni calcolate al termine della fase 12 con quelle misurate al termine delle operazioni di scavo (lungo termine). In effetti le analisi sono state effettuate sempre in condizioni bidimensionali (piane nelle deformazioni), mentre gli spostamenti relativi alle varie fasi di scavo si sono sviluppati in condizioni marcatamente tridimensionali, e pertanto rappresentano solo un aliquota di quelli corrispondenti alle condizioni di calcolo. La deformata prevista si presenta invece alquanto più flessibile di quella misurata, soprattutto con riferimento alle prime fasi di scavo, in cui sembra risentire in modo molto sensibile del pretensionamento dei primi tiranti. Gli spostamenti misurati testimoniano invece lo sviluppo di deformazioni più rigide, con prevalenza di un meccanismo di tipo rotazionale: tale circostanza sembra quindi offrire migliori garanzie circa lo stato tensiodeformativo della struttura. Tuttavia è bene sottolineare come l errore intrinseco delle letture sia dell ordine dei 2 3mm, quindi tale da impedire di cogliere l andamento reale della deformata, che lungo i primi 20m di profondità presenta differenze di spostamento contenute appunto nei 2 3mm. Di estremo interesse sono risultate anche le letture delle celle di carico posizionate sulla testa dei tiranti. Il controllo della tensione nei tiranti ha consentito di riscontrare cadute di tensione decisamente modeste se valutate rispetto all entità del pretensionamento iniziale (meno del 10%). Ma soprattutto, anche in questo caso i valori misurati sono risultati in ottimo accordo con le previsioni di calcolo (vd. tab. 3). 13

14 Tabella 3. Forze nei tiranti: valori misurati e calcolati. Ordine forza calcolata forza misurata tiranti kn kn CONCLUSIONI La necessità di valutare una soluzione alternativa alle quelle tradizionali ha portato alla realizzazione di un opera di sostegno costituita da colonne di jet grouting, non armate, multitirantate. La significativa profondità dello scavo di fondazione e la presenza di strade ed edifici nell immediata adiacenza, hanno reso il problema particolarmente delicato sia dal punto di vista progettuale, sia da quello realizzativo. D altra parte, la realizzazione di una cospicua mole di analisi numeriche agli spostamenti ha consentito di definire nei dettagli una soluzione che si è poi rivelata sicura, veloce ed economica. Le attività di monitoraggio hanno infine consentito di riscontrare la buona affidabilità delle previsioni effettuate nel corso delle simulazioni numeriche, benché sia necessario concludere che ulteriori sforzi dovranno in futuro essere indirizzati ad una migliore modellazione del materiale Soilcrete sia nei riguardi della deformabilità, sia nei riguardi di un idoneo criterio di rottura. RINGRAZIAMENTI Gli autori desiderano ringraziare l Ing. Robotti della società A.G.I.S.Co. s.r.l. per la fattiva collaborazione prestata nella riaggregazione dei dati di monitoraggio. BIBLIOGRAFIA Brinkgreve, R.B.J., Vermeer, P.A., 1998, Finite Elements Code for Soil and Rock Analysis, Version 7. Balkema Rotterdam, Kummerer C., Schweiger H.F., Falk E., 2001, Finite Elements Analysis of a deep excavation employing Jet Grouting techniques: Results from a case study, Proc. Computer Methods and Advances in Geomechanics, Desai et al. (eds.) 2001, pp Soos, P. von 1995, Eigenschaften von Boden und Fels; ihre Ermittlung im Labor. Grundbautaschenbuch, Band 1, Berlin: Ernst & Sohn. ABSTRACT The problem of retaining a deep excavation with an advanced jet grouting technique is hereby presented. The excavation pit, up to 30 meters deep, had to be realized in the urban area of Campione d Italia, in order to build the new Casino. The area, located in Italy on the eastern shore of Lugano lake, could be geologically described by a 40m to 80m thick alluvium fan lying over a steep bedrock. The soil layer consisted of a sandy, seldom silty, gravel which showed a Relative Density usually ranging from 50% to 80%. For these reasons the subsoil was assessed having good jet grouting characteristics. Since different problems were expected with conventional techniques, such as diaphragm walls and bored pile walls, due to drilling deviations and presence of large boulders, an unreinforced, multi-anchored jet grouting wall has been chosen. The choice of an unreinforced structure brought to the need of reliable geotechnical analyses in order to assess either expected settlements and internal stresses in the wall. Therefore comprehensive finite elements analyses were performed. In this way it has been possible to optimize the layout of prestressed anchors and at the same time to assess wall stability and deformations. The main results were compared with measured data (geodetic survey, inclinometer and anchor force measurements), allowing to observe a good accordance between predicted and observed settlements though further investigations on suitable constitutive models for Soilcrete material should be executed. 14

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

ELEMENTI COMPRESSI CON TECNOLOGIA TFEG: dalla ricerca alla progettazione. Milano, 19 Dicembre 2008 PhD Ing. Giancarlo MIGLIARO. WORKSHOP ROCKSOIL SpA

ELEMENTI COMPRESSI CON TECNOLOGIA TFEG: dalla ricerca alla progettazione. Milano, 19 Dicembre 2008 PhD Ing. Giancarlo MIGLIARO. WORKSHOP ROCKSOIL SpA ELEMENTI COMPRESSI CON TECNOLOGIA TFEG: dalla ricerca alla progettazione Milano, 19 Dicembre 2008 WORKSHOP ROCKSOIL SpA 1 LA TECNOLOGIA TFEG THRIVING FRICTION by EXTRUDING GEAR Trasferimento di Forze ad

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag.

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. INDICE 1) L OPERA. pag. 2 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. 3 3) LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE.. pag. 5 4) LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... pag. 7 5) IL PROFILO STRATIGRAFICO. pag. 8 6) LA FALDA... pag. 14

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG Tiranti Attivi attrezzati con Sistema Sommario Il sistema è un applicazione meccanica che consente di migliorare le caratteristiche di trasferimento del carico da pali di fondazione, di piccolo, medio

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE DI CALCOLO VR010A - Relazione di calcolo.doc

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S.460 LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLE FONDAZIONI SCALZATE ED ALLARGAMENTO DELLA SEDE STRADALE DEL PONTE DI CUORGNE' AL KM 30+300 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GEOTECNICA FONDAZIONI

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

Ground Improvement Techniques

Ground Improvement Techniques Ground Improvement Techniques L utilizzo della metodologia Jet-Grouting per l ampliamento e la ristrutturazione di edifici esistenti (in ambito urbano) IIng.. E.. Nannii Amminissttrrattorre Delegatto Kellerr

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Interpretazione delle prove in laboratorio

Interpretazione delle prove in laboratorio Interpretazione delle prove in laboratorio Condizioni al contorno controllate dallo sperimentatore Tensioni e deformazioni ( parametri) imposte o misurabili σ a σ v ε a ε v ε r =0 σ r ε v / u Prova edometrica

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL.

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. AREA VIABILITA' SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITA' II EX S.S. N 31 BIS DEL MONFERRATO. COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. PROGETTO DEFINITIVO Revisione n 01 Descrizione

Dettagli

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2 Pagina2 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DATI GENERALI DELL INTERVENTO... 4 3. ANALISI DEI PARAMETRI SISMICI D.M. 14.01.2008... 5 4. INDAGINI GEOGNOSTICHE E GEOTECNICHE... 6 5. ANALISI GEOTECNICA DEL SOTTOFONDO

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

FONDAZIONI SU SU PALI

FONDAZIONI SU SU PALI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo (Commissione Geotecnica) Università degli studi di Bergamo (Facoltà di Ingegneria) Corso Corso di di aggiornamento aggiornamento NUOVE NUOVE NORME NORME

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza)

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza) COMUNE DI VIGGIANO (Provincia di Potenza) PALESTRA COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI 1 RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI Dalla relazione geologica redatta dallo

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI Paolo Simonini Università degli Studi di Padova Dipartimento IMAGE PALI A TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO IN TERRENI GRANULARI PROGETTO DI

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli

Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 D.M. 14 gennaio 2008

Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 D.M. 14 gennaio 2008 LA PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI GEOTECNICHE Paola Monaco Università dell'aquila Dipartimento Ingegneria Strutture Acque e Terreno paola.monaco@univaq.it Convegno Associazione Geotecnica Italiana Programmazione

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI D E N U N C I A D I L A V O R I P E R A U T O R I Z Z A Z I O N E S I S M I C A (art. 2 L.R. 7/1/83 n. 9 s.m.i., artt. 93 e 65 D.P.R. 6/6/2001 n.

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI pag. 1 / 12 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. STRATIGRAFIA E PARAMETRI GEOTECNICI ADOTTATI... 3 4. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI... 5

Dettagli

S ottof on daz ion i. VITTORIO VENETO (TreViso - ITALia) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. www.pacchiosi.com

S ottof on daz ion i. VITTORIO VENETO (TreViso - ITALia) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS VITTORIO VENETO (TreViso - ITALia) S ottof on daz ion i www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS NOVE DI VITTORIO VENETO (TREVISO - ITA- LIA) PROGETTO:

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE FONDAZIONI PROFONDE - G. Porco *, G. Zaccaria***, D Romano**, M. Condino** - * FACOLTÀ DI INGEGNERIA, UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA, ARCAVACATA

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande...

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... INDICE 1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4-1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... - 4-1.2 Indagini sulle murature... - 5-1.2.1 Martinetto piatto

Dettagli

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS)

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS) Anno 2008-2009 Importo Lavori 2 500 000,00 euro Categoria Opere IX c Consulente Prof. Ing. F.Colleselli DESCRIZIONE: Committente: Impresa Monti Attività Svolte CONSULENZA E PROGETTAZIONE GEOTECNICA Collaboratori

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e mail: g.mitaritonna@poliba.it 1 Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

Consolidamento fondazionale per un edificio alto

Consolidamento fondazionale per un edificio alto Consolidamento fondazionale per un edificio alto L. Mancinelli, M. Gatti, L. Bellardo Per la costruzione del Nuovo Palazzo della Regione Lombardia a Milano, un edificio di 161.3 m e 39 piani, è stato proposto

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (FG) PROGETTO DI INDAGINE PRELIMINARE PER LA DEFINIZIONE DELLO STATO AMBIENTALE DEI SITI DI LOCALITÀ LA VERITÀ E VIGNALI PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI NR art. descrizione

Dettagli

Prove Penetrometriche Statiche CPT

Prove Penetrometriche Statiche CPT Prove Penetrometriche Statiche CPT Committente : Comune di Dicomano Località: Dicomano - FI Data: 24/11/2009 N totale di prove: 1 Cartella: Dicomano091124ComuneDicomano Penetrometro Ditta produttice: PAGANI

Dettagli

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo.

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. UNA STORIA COMINCIATAIL GRUPPO 50 ANNI FA Da oltre 50 anni, il GRUPPO TREVI è universalmente riconosciuto leader di riferimento nel settore dell

Dettagli

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIO SCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

' ) -.. 'v 1 c("t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI

' ) -.. 'v 1 c(t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI ' ) -.. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione 'v 1 c("t, _ (. ) r H E V E L I U S ED IZIONI Indice 1. Requisiti generali di progetto l.l. Premessa l.2. Requisiti di progello l.3. Normative e raccomandazioni

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L Elaborato SR4 Scala CONSULENZA Codice 2270C02_0 Data 0 Sett. 2011 1 2 3 Rev Titolo elaborato:

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli