Scuola Media in lingua tedesca Josef Wenter di Merano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola Media in lingua tedesca Josef Wenter di Merano"

Transcript

1 Scuola Media in lingua tedesca Josef Wenter di Merano Anno scolastico: 1997/98 Progetto: Diario: Io e il mio amico Matteo Osservazione e raccolta dati su Matteo, alunno con temperamento della 1A. Inizio: 20 settembre 1997 Termine: 24 giugno 1998 Durata: Mesi 9 Ore impiegate: Stesura delle osservazioni, note sul campo, appunti, impressioni, sensazioni ore 30 Riordino e messa a fuoco dei dati raccolti ore 35 Lettura e interpretazione dei dati, riflessione successiva alle attivitá in classe e non ore 60 Programmazione di interventi (varie attivitá coinvolgenti il ragazzo) mirati e analisi postevento ore 20 Correzioni, limature e stesura del diario. ore 40 Persone coinvolte e contattate: Consulente scientifico dott.ssa G. Pozzo Consulente pedagogica dott.ssa S. Caon Genitori di Matteo Preside dell istituto Sc.m. J.Wenter Merano Preside dell istituto Sc.m. L.Negrelli Merano Docenti della classe 1A Sc.m. J.Wenter Merano Docenti della classe 1B Sc.m. L.Negrelli Merano L insegnante per il sostegno Assistente sociale sign.a. E. Darugna Personale non docente della scuola Josef Wenter Educatore Comunitá Lanz di Merano sign. S. Cosentino

2 Raccolta dati tratti da: lavori scritti dall alunno, esercizi e libere composizioni, colloqui, discussioni, attivitá in classe, schede di lavoro, consigli di classe, incontri con genitori, assistenti sociali, educatore Comunità Lanz Tecnica di ricognizione e controllo della ricerca- azione: Quaderno- diario personale. (Per osservazioni sistematiche, impressioni dirette, sensazioni, reazioni, interpretazioni, riflessioni, ipotesi per interventi correttivi, analisi post evento). Motivazione alla ricerca- azione: Una scommessa con me stesso: Esistono gli alunni cattivi? - Non volevo credere che il ragazzo Matteo fosse veramente un ragazzo cattivo. Mi sono proposto di seguirlo, perché il modo in cui era stato bocciato ancor m offende. Infatti il tempo passato l anno prima a scuola é stato piú in portineria che in classe. E se fosse invece un ragazzo, come altri, che soffre di disagio...?...che ha difficoltá di relazione coi compagni e maestri...? Il progetto all inizio prevedeva solo osservazioni In seguito quando i dati venivano letti, interpretati, gli interventi sul ragazzo diventavano sempre piú sistematici, mirati; le ipotesi aspettavano di essere confermate o smentite non piú a tentoni ma, in base ad una certa sistematicità ad un certo procedimento sempre meno artificioso e piú ordinato. Mi sono accorto che con la lettura dei dati ero portato sempre piú ad ascoltare il ragazzo sí con le orecchie, ad osservarlo sí con gli occhi, ma mettendoci sempre piú affetto e calore. Risorse: Tutte le persone contattate e menzionate prima. Marco Piaia Io e il mio amico Matteo Matteo (nome fittizio) è un ragazzo di 13 anni. Frequenta la 1 media. Si vergogna del cognome perchè i ragazzi lo prendevano in giro. (In effetti un cognome così, con una vocale finale che ricorda un insetto, spesso veniva e viene messo alla berlina), Lo chiamo per nome (chiamo sempre i ragazzi per nome, anche all appello) e lui apprezza. Ha ripetuto la seconda elementare e la prima media. In quinta elementare, secondo la

3 madre, è stato promosso perchè così non lo vedono più. Dopo la prima bocciatura l hanno messo in una classe tutta femminile, vicino a casa sua. A disagio, ha chiesto e ottenuto di cambiare classe, ma lontano da dove abitava. Il suo destino pare sia quello di cambiare classe e compagni. Mi sono proposto di seguirlo, perchè il modo in cui è stato bocciato ancor m offende. Infatti il tempo passato l anno prima a scuola è stato più in portineria che in classe. Per la verità c è anche una specie di feeling fra me e lui per via che siamo tutti e due tifosi milanisti. (Nel corso dell anno questa peculiarità sarà d aiuto al nostro rapporto). Gli ho promesso di portarlo una volta a Milano a vedere il Milan. Primo impatto: Non porta i compiti, arriva in ritardo (anche 20'). Una mattina alla mia domanda del perchè di questo ritardo, mi dà questa risposta: "Un casino! Non ho trovato il biglietto, l'autobus é partito senza di me!" Un altra volta mi dice che si è addormentato! Dopo vari tentativi di convincerlo a presentarsi puntuale in classe il mercoledì 22 ottobre gli faccio questa proposta: Matteo, tu ogni mercoledì e venerdì alla prima ora (ci sono io in classe) porti i compagni in classe e fai l appello! Sei d accordo? Mi guarda un pò titubante e poi accetta. Il venerdì 24. Non c è tutta la mattina. Sabato alla ricreazione durante la sorveglianza lo incontro in cortile e gli faccio:" Matteo, perché non sei venuto a scuola ieri?" Lui: "Avevo 37 e 1/2". Io: "37 e 1/2 di cosa?" Lui: "Di febbre." Io: "Raccontalo a tuo nonno, dimmi la veritá!" Lui: "Ero in ritardo e dovevo fare l'appello. Non volevo fare una figura di mer...!" Due settimane dopo: É una meraviglia! Matteo non arriva piú in ritardo, non solo, ma acquista anche fiducia, importanza (senso del ruolo, incarico) e da ció é scaturita la seguente scoperta: Matteo deve acquistare fiducia nelle istituzioni!!! (perché non ho pensato prima?) L'anno precedente infatti vegetava tutto l'anno espulso come un corpo estraneo!!!!, "in der Loge", in portineria! Comincia ad essere CONSIDERATO! Svolge determinati ruoli che contemplano considerazione, stima etc. Fa fatica anche la collega, insegnante di classe (poveretta, é disperata, perché non ha solo Matteo, ma una classe "scassata" da "Io, speriamo che me la cavo", praticamente analfabeti sul piano della madre lingua "tedesca") Gita scolastica: Adesso ho capito: In questa classe ci sono almeno sei ragazzi che riuscirebbero ad annegare in un deserto di sabbia!!! Riescono a trovare il PERICOLO dove non c'é - RIESCONO ad infettarsi anche in una SALA ANTISETTICA!!

4 Non sanno gestirsi! Fanno giochi (per modo di dire) tipici di chi é "scazzato" tanto per usare i loro termini - disturbano gli altri, o meglio le altre, fanno dispetti, si appartano a fumare etc. NON HANNO STIMOLI! RIFLESSIONE: cosa fare? Idea: Li minaccio di camminare per le due ore restanti alla partenza per il ritorno, se non giocano a calcetto (3 contro 3) Uno spasso! Tutti giocano e si aggregano altri a fare il tifo. Matteo é stato uno dei piú bravi! (calcisticamente) Anche la seconda classe si aggrega,(alla gita partecipa anche la seconda classe: in pratica siamo due classi, due insegnanti per il sostegno ed io) facciamo un torneo (mini) ad eliminazione. Tutti sono coinvolti. Alla fermata dell'autobus (in paese per il ritorno) io dico: Che nessuno vada al bar! - Matteo vieni qua! E lui:"no,ca... Matteo! Lei mi chiama per nome (non vuole che lo chiami per cognome, perché si vergogna e apprezza che io lo rispetto), ma non mi lascia andare a prendere le ciunghe al bar. Perché le ragazze sono andate e io no? [Non lo sapevo, le mie colleghe l'hanno permesso senza avvisarmi. È mancanza di affiatamento! É una pecca, me lo devo ricordare. È pericoloso improvvisare - tutto deve essere programmato, minuto per minuto]. Arriva Carlo a dire che le ragazze sono andate con le due colleghe, mentre "NOI RAGAZZI NO!" Chiamo Matteo, lo redarguisco per il suo precedente comportamento poco ortodosso, gli faccio sapere che io non ero a conoscenza...e quindi può andare. In un baleno sparisce. Al ritorno gli chiedo se, anche senza volerlo, gli ho mai fatto torti o ingiustizie. Lui ci pensa e sbotta: No! Dopo un po', però, ritorna e dice:" Sí, oggi lei ha costretto noi maschi a giocare a calcio, minacciandoci nel caso contrario di marciare per due ore mentre le ragazze erano libere di..." Inutile spiegare che loro se ne stavano tranquille e impegnate!

5 AUTOSTIMA! La maggioranza dei maschi non ce l'ha! Anzi! - Matteo compreso. Quando stiliamo un regolamento interno di classe, la parola che corre sovente é "castigo per chi sbaglia", "copiare tot volte la regola...", "sedersi sul banco degli asini con le orecchie lunghe..." Fra i sostenitori accaniti anche Matteo. Alla mia domanda:"ma non vi sembra un po' deprimente, umiliante? Matteo sottolinea:"no, anzi, cosí chi sbaglia si ricorda della brutta figura e forse rimedia." Mi motiva il "forse" (alla mia domanda perché forse") con il fatto che é cosciente che tanti non sono proprio diligenti. Come ovviare che tipi come Matteo, Claudio, Carlo copino anche 30, 40 volte una regola? Mi arrovello per una settimana. Soluzione: "Buoni sconto" = un'altra mattina di discussione e precisazione: Avviso che quando a qualcuno dico buono sono 3 buoni sconti; ottimo 5 buoni sconti; e super sono 10 buoni sconti. Un ragazzo scrive i Buoni per le femmine e una ragazza per i maschi. Quando uno deve scrivere 10 volte la regola o copiare qualcosa 20 o 30 volte puó usare i buoni sconti! (le pene" sono state scelte da loro quando hanno stilato il regolamento con relativi castighi - io li ho rispettati frenandoli peró quando la pena risultava eccessiva). Problema: Devo concentrarmi moltissimo perché tutti arrivino ad una notevole scorta di buoni sconti. - Volano i super, gli ottimi...! É una settimana gratificante. La classe comincia a prendere coscienza delle proprie capacitá...matteo non crede ai propri occhi nel constatare il suo monte "buoni sconti"= ben 110! Ho trovato anche una chiave per risolvere alcuni contrasti=castighi!! (naturalmente inerenti alle regole) Per loro usare i buoni sconti é toccarli nei loro INTERESSI!!! FUNZIONA COME INCENTIVAZIONE - MOTIVAZIONE DETERRENTE - MINACCIA! Lavoro da un po'di tempo su come recuperare il ragazzo e nello stesso tempo fargli capire che deve attenersi anche lui alle regole...(é abituato ad agire come uno "scugnizzo"!) Problema: Come convincerlo al rispetto del lavoro, delle regole ecc. senza ferirlo nel fargli presente che sta sbagliando? 5.11.: Matteo: "Professore, che "casino" che c'é in classe" (atmosfera allegra che non prelude alla imminente tempesta.) Io:"Matteo, non si dice "casino", é una parolaccia! Si dice confusione, trambusto, caos,

6 rumore... Lui risentito sostiene invece che é giusto perchè tutti lo usano! Lui scoppia come un pazzo e con uno sguardo allucinato corre alla porta, dá una tremenda mazzata col pugno alla stessa (quasi con la bava alla bocca dall'ira), l'apre e se ne va! Lo lascio andare, chiamo la bidella ; lei si rifiuta di andare a prenderlo, perché dice papale, papale, "ho paura di lui!" Allora vado dal preside e lo informo del fatto. Ritorno in classe (spiego brevemente la situazione, ma chiedo comprensione) e dopo 10 minuti bussano alla porta, un'altra bidella dice "C'é qualcuno che vorrebbe entrare in classe, puo'?" É Matteo con il vocabolario tedesco - italiano. Lo lascio parlare, farfuglia qualcosa, ma capisco che lui vuole dire che "casino" significa rumore. Con calma prendo il vocabolario e gli faccio vedere che quest'ultimo significato si trova al quarto posto, dopo altre spiegazioni - lo mando in biblioteca a prendere il vocabolario monolingue (italiano) - Gli faccio notare che anche qui "casino - caos" é in quinta posizione, prima ci sono altre spiegazioni perché... Ascolta e annuisce - io peró non posso fargliela passare liscia (la scenata) e nello stesso tempo non devo ferirlo! Mi rivolgo alla classe e dico che "casino", brutta e volgare parolaccia, vuol dire caos, perché nell uso comune ha subito vari cambiamenti fino a diventare sinonimo di "caos", - "confusione", - "baldoria", - "cacciara" etc. Poi rivolto a Matteo lo invito a portare i vocabolari in biblioteca dopo aver fatto riflettere la classe che non sempre essere convinti e sicuri di una cosa é sinonimo di saggezza!! Bisogna anche essere pronti a modificare eventuali posizioni,.essere piú flessibili e pronti a correggersi quorum ego. Quando arriva alla porta lo fermo con la mia voce stentorea e decisa e gli dico: "Matteo, pensaci bene, quando torni in classe devi chiedere scusa a tutti del tuo comportamento poco consono e anche se sei un ragazzo carino e abbastanza bravo, perché hai fatto enormi progressi quest'anno, non puoi permetterti il lusso di certe reazioni... nemmeno io!!! Aspetto un po' tremebondo, i minuti non passano mai; prego l'anima di mio padre, tutti i santi; forse sono stato un po' troppo deciso, impulsivo. Finalmente bussano alla porta. Matteo un po' impacciato grida:"stop!" (é la parola che usa la classe quando uno ha bisogno di chiedere ATTENZIONE per la richiesta di una spiegazione, di un consiglio...) e sussurra: "Scusate"! Capito! "Deo Gratias" Ne approffitto per ricavare riflessioni positive da questa esperienza: Gli alunni devono avere fiducia nelle persone adulte, negli insegnanti e come nel caso specifico "cosa ci sto a fare se non posso spiegare, aiutare... gli scolari? "Io non sono il piú intelligente, o piú intelligente di voi, ma uno che ha studiato prima di voi e ho piú esperienza di voi come il papá o la mamma...etc." MESSAGGIO RICEVUTO!

7 COMPITI Dopo essermi arrovellato e dopo averle pensate tutte per convincere Matteo a portare regolarmente i compiti una mattina per caso arriva la soluzione! A tutta la classe il , faccio leggere alcune barzellette del "Tocca a Te" col compito di recitarle. (a coppie, singoli o anche in gruppi). Matteo legge da solo! (Lui é un tipo piúttosto anarchico). Lo osservo con la mia griglia. Fa una fatica tremenda e legge quasi ad alta voce. Alla fine ride, PERCHÉ HA CAPITO la barzelletta! EUREKA! E se avesse difficoltà anche nello scrivere? Provo a dargli esercizi ridotti al minimo, poche frasi da scrivere e per di piú brevi. 2-3 righe al massimo da copiare (riesce a fare anche 20 errori di ortografia in 7/8 righe!) Incredibile! Matteo mi fa i compiti regolarmente e anche con piacere! Addiritura la settimana dopo (l'ho studiato per tre settimane) non avendo controllato, mi viene vicino e mi fa vedere i compiti...!!! Che gioia da parte mia e che gratificazione da parte sua quando scrive quei maledetti "SUPER"! Naturalmente lo correggo (l'esercizio) subito e gli do la valutazione. In 4 righe mi fa solo 3 errori!!! Questo mi fa riflettere molto. Dopo un mese di studio mi accorgo che quando scrive veloce, o non é pronto sull'argomento, o si sente insicuro aumenta in modo impressionante l'incidenza degli errori: ciede, chasco, conosche, ciccone, ecc. e altri errori dovuti all'inferenza con L1. Matteo non faceva i compiti regolarmente anche perché faceva fatica a scrivere (troppi errori), aveva paura di essere deriso...ecco PERCHÉ PRIMA NON ANDAVA ALLA LAVAGNA COME GLI ALTRI A SCRIVERE LE PAROLE!!! É un po' riluttante a scrivere, ma é comprensibile. Comunque é convinto della bontá del saper scrivere, quando in disparte un giorno gli ho chiesto: "Preferisci chiedere l'intervento del tuo piú fidato amico quando devi scrivere alla tua ragazza e quindi lui sa tutto di voi due o preferisci sbrigartela da te stesso?" Ovvia la risposta...anzi, a volte (io penso, quando si ricorda!) mi fa degli esercizi in piú, o quando mi dimentico di controllare il suo diario (per vedere se ha scritto giusto i compiti) mi fa i compiti,ma secondo i suoi gusti. Per ora mi basta cosí!! Problema gestione della cartella: Ha tutto e non ha niente - fogli svolazzanti, foto di squadre di calcio, musicassette varie - i libri li lascia nell'armadio in classe. Le fotocopie sotto il banco!! Ho parlato con i colleghi. C'é poca considerazione del problema. Ci si comporta con lui da "adulti con adulto", si dà tutto per scontato. Non c'é strategia, pianificazione sul piano educativo (e sí che ne ha fatta di strada in materia... il ragazzo!)

8 NON C`É PREVENZIONE - AZIONE - EDUCAZIONE, MA SOLO: divieti, punizioni, note nel registro. Si opera sul piano del "Leistung=profitto" e non FORMATIVO!!! Decidiamo comunque di seguirlo per due settimane. Come compito, ogni giorno lui deve avere la cartella a posto (solo le cose necessarie). La prima ora l insegnante lo controllerà e scriverà nell apposito spazio del registro di classe eventuali note positive o negative. Matteo viene seguito dall insegnante per il sostegno solo ufficiosamente (grazie alla bontà della collega aggregata a due ragazzi aventi diritto) in quanto avendo fatto i test solo in agosto, ha diritto dell insegnante solamente nell anno scolastico 1998/99 perchè, burocraticamente, gli organici per l anno in corso erano già stati fatti. Potenza della BURO- CRAZIA!! L insegnante di classe approffitta dell assenza di Matteo per parlare con i ragazzi - affronta il problema Matteo! Emerge una situazione poco edificante, per certi versi poco gratificanti per me e la collega. I RAGAZZI SI CONFESSANO: Matteo fa il bullo - li minaccia, li ricatta: "O mi dai il panino, la banana, le ciunghe ecc. o io ti meno - ti picchio in modo diciamo quasi da professionista! Gli insegnanti gli permettono tutto (questa é la loro convinzione), sono troppo comprensivi e accondiscendenti. Solo con lei e me Matteo si comporta in modo corretto, perché (questa volta lo pensano) ha rispetto, soggezione...perché "noi due" lo aiutiamo molto, ma siamo anche coerenti, cioé fermi e decisi, non gli permettiamo tutto... Gli altri insegnanti si comportano come se avessero PAURA DI LUI (delle sue REAZIONI FOCOSE) Si intensificano i contatti con i miei colleghi. Ci chiediamo perché permangono in lui decisi atteggiamenti bulleschi! (si dice cosí?) Ha un comportamento dicotomico: (da una parte prevale un barlume di etica professionale, come se fosse un sentimento di riconoscimento, con alcuni insegnanti che lo "considerano, dall altra riemerge l'istinto anarchico, prepotente, refrattario alle norme di comportamento con altri colleghi che non gli dimostrano particolare attenzione, feeling, pur dimostrandosi questi ultimi a lui graditi rispetto ai colleghi dell'anno precedente (me l'ha detto lui nei rituali colloqui settimanali alla domanda mia "come ti trovi quest'anno nella sezione A, e come sono i nuovi insegnanti?" ha risposto "non c'é male, anche se i preferiti sono lei, l'insegnante di classe e quella per il sostegno.) ABBIAMO ORA UN PUNTO CERTO DI PARTENZA: Matteo sta acquistando coscienza di sé, dei suoi doveri, dei limiti - confini - sul piano della convivenza - la classe é una comunitá con norme e regole, diritti e doveri uguali per tutti anche per lui! MANCA PER ORA LA CONTINUITÀ!! Ci siamo chiesti perché! Abbiamo appurato che quando finisce la scuola ritorna a casa e vive una realtá completamente diversa, dispersiva, in balia di se stesso. Non c'é nessuno. La madre lavora in un magazzino di frutta (fa i turni). Il padre é muratore in proprio. Con Matteo a casa rimane la sorella di dieci anni. Devono essere autosufficienti. I genitori lo

9 considerano autosufficiente. Si fidano ciecamente di lui. Quello che dice non ha bisogno di riscontri, o controllo..."hai compiti oggi?" "No, non ne ho..." Ci credono!! Praticamente tutto il lavoro prestato in mattinata a scuola, svanisce il pomeriggio a casa. Fissiamo un appuntamento, un colloquio con i genitori La situazione che emerge é, a dir poco, desolante. La collega di classe fa presente che spesso Matteo "tenderebbe" ad addormentarsi in classe e alla domanda a che ora va a dormire, la madre risponde "Andiamo a letto tutti alle 21, poi noi ci addormentiamo e NON POSSIAMO SAPERE COSA LUI FA; SE EF- FETTIVAMENTE DORME O COS`ALTRO!!!" DISARMANTE!!! Emerge in noi la sensazione di trovarci di fronte (uso un eufemismo) a dei genitori un po' DISINVOLTI. (troppo!) Matteo TREDICENNE VIENE TRATTATO E RESPONSABILIZZATO COME UN ADULTO: Facciamo presente che Matteo é pur sempre un ragazzo; va controllato, seguito, accudito, CURATO! Noi insegnanti non possiamo fare miracoli se a casa non c'é un "PROSEGUIO". Devono perlomeno controllare se nel diario risultano compiti da fare. Ci lasciamo con la promessa che noi insegnanti ci accertiamo tutti i giorni che il ragazzo scriva bene i compiti nel diario. Loro facciano la loro parte! Le difficoltà di Matteo possono scaturire anche dalla difficoltà della conoscenza della lingua? È in grado di capire appieno ricorrendo alla L1? Matteo é bilingue? NO, NON LO É, o meglio lo é nel senso che pensa e parla in italiano e in dialetto tedesco: NON SA IL TEDESCO. Ci mettiamo d accordo con l'insegnante di L 1, io e l'insegnante per il sostegno per seguirlo nei due codici linguistici e raccogliere i dati (l'insegnante per il sostegno lo segue in privato e sempre piú ricorrendo alla L2 per storia, geografia ) la collega di tedesco in L1, io lo sottometto a veri e propri tours des forces nel riassumere brevi testi in italiano (articoli da riviste aventi come personaggi animali - gli altri compagni devono rispondere a domande di comprensione). Risultato: Da me riespone in modo disarmante e con una "certa facilità" ("certa" dovuta al fatto che non legge in modo diciamo disinvolto) il contenuto, sia pur privo di molti particolari... Per la collega di L1 il risultato è "ANALFABETA" non riesce a seguire neanche in un ritmo lentissimo. Per la collega per il sostegno i risultati sono incoraggianti. Ricorrendo alla L2 Matteo recepisce e riferisce abbastanza. Parlando con i colleghi del consigli di classe, si viene a sapere che Matteo ha difficoltà in matematica, scienze, educazione tecnica, - anche se sul piano della disciplina il ragazzo è sulla via del recupero (eccome!) Problema:

10 1) Non è meglio trasferirlo nella scuola in lingua italiana? Come convincere i genitori?? (I colleghi dell'anno precedente riferiscono che avevano consigliato i genitori a trasferirlo alla scuola in lingua italiana, ma si sono rempre rifiutati CATEGORICAMENTE.) C'è in Alto Adige una specie di "FISSAZIONE" da parte dei genitori nel voler a tutti i costi i figli bilingui - c'è una corsa quindi a mandate i figli nelle scuole in lingua tedesca, forti dell'opinione che "il tedesco è una lingua difficile da possedere", mentre l'italiano (che è facile da apprendere") lo possono imparare con amici, giochi o con altro". Io penso che nel caso di Matteo, come nel caso di mio figlio, siano stati accettati all'asilo tedesco in quanto capivano e parlavano il dialetto tedesco - che tutto sommato è un'altra cosa dal sapere e possedere la lingua tedesca Convochiamo i genitori e gli presentiamo i nostri risultati. Si convincono presto della nostra conclusione, l'accettano ciecamente anche perchè (sono parole loro) hanno constatato che il ragazzo non è mai stato bene come quest'anno, sereno, allegro, meno aggressivo, sempre voglioso di andare a scuola e capiscono che questa nostra proposta è solo per il bene di Matteo. Contattiamo il preside della scuola italiana, gli facciamo presente che non abbiamo intenzione di scaricarlo, anzi, siamo disposti a seguire il ragazzo tutto l'anno, tutti i pomeriggi (una specie di doposcuola) e aggiungiamo che Matteo ha diritto all'insegnamento di sostegno, ma purtroppo dall'anno 1998/99 in quanto è stato "testato" solo in luglio; chiediamo anche la possibilità di parlare con i colleghi per renderli edotti. Tutto procede per il meglio. Accompagno il padre a iscrivere il figlio (me l ha chiesto lui questo favore). La mattina di giovedì alle ore 10 abbiamo l appuntamento con alcuni futuri insegnanti (precisamente con quello di classe, di matematica e per il sostegno). Parliamo e rispondiamo, ci scambiamo notizie, informazioni dettagliate in un clima favorevole beneaugurante per Matteo con quello di matematica e quello per il sostegno. Più tardi arriva l'insegnante di classe e la situazione si capovolge di 360. Parla solo lui; dice che come Matteo ne ha una decina, ha sette o otto figli di zingari, deve ricorrere al traduttore (non so se esagera, oppure...). Non è entusiasta della situazione, non parla bene dei ragazzi (vedo, o sento nelle sue parole un tono quasi schifato!). Io e la collega ci rendiamo subito conto che non è il caso di insistere. Diciamo che a questo punto ci teniamo il ragazzo! Salutiamo e ce ne andiamo! Avviso il padre di ritirare l'iscrizione del figlio e di ritrasferirlo alla nostra scuola, dopo aver spiegato per filo e per segno le ultime vicende. Intanto la famiglia durante le vacanze si trasferisce in un altro paese e quindi la sua scuola nuova dovrebbe essere un'altra. C'è in tutti noi la tentazione di trasferirlo nella nuova sede. Io e la collega però, ci opponiamo. Vogliamo vincere la scommessa e finire l'anno scolastico con Matteo. GENNAIO. Finite le vacanze. Matteo non è lo stesso! Ha dimenticato quasi tutto quello che aveva recuperato. A scuola ricomincia a "scalpitare", non è sereno, non è continuo. Tutti si lamentano che non fa niente; tutti lavorano e lui è abulico, estraneo, non si inter-

11 essa non rende. Gli chiedo: Senti Matteo, come va? Non risponde, abbassa la testa e tende a piagnucolare. (lo fa ogni volta in cui si rende conto di essere in "fallo"!) Io: "Ho sentito che non partecipi in classe. Ascolta, facciamo così, rufianati un pò gli insegnanti. Devi andare da loro e chiedere cosa devi fare se non hai capito le consegne. Non stare con le mani in mano. Sai, se tu aiuti gli insegnanti anche loro possono aiutare te, anzi loro pensano "Ma guarda un pò Matteo come si dà da fare, come si interessa." I suoi occhi si illuminano, capisce il messaggio o meglio ho la sensazione che lui abbia capito. Entro in classe e do le consegne per una comprensione scritta. Matteo non ascolta, guarda la rivista per ragazzi. Io lo richiamo - niente. Non sforzo, per vedere come reagisce a quello che gli ho detto prima della lezione. Gli altri lavorano e lui continua col suo giornalino... Disarmante. Morale: Ha già dimenticato tutto! Lo lascio fare per 20 minuti. Niente da fare. Incrocio i suoi occhi - nessuna reazione. Che se ne disinteressi? Lo chiamo in disparte e lo redarguisco (bonariamente!) Riprende coi compagni e finisce veloce il suo lavoro. Finita la lezione ne parlo con due colleghi e rileviamo che insieme lo dobbiamo educare a lavorare. Non è abituato ad essere interessato. Cerchiamo di far leva sul suo orgoglio (ce l'ha) sulla sua volontà (anche se a parole) di agire per essere promosso. Intanto la collega di classe contatta l'assistente sociale. Promette il suo interessamento. Riferiamo le nostre perplessità per quanto riguarda i pomeriggi del ragazzo. È solo! (La mamma fa i turni al magazzino delle mele in un paese vicino. Il padre è muratore.) Ho la conferma una mattina: Io: "Matteo cosa hai fatto ieri pomeriggio? Lui: "Ho guardato la TV" Io:" "e poi?" Lui ci pensa e risponde "...e poi è venuta mia madre e abbiamo fatto i compiti!!!" Io so che lui ha telefonato ad un suo compagno di classe per sapere dei compiti. (Me l'ha riferito mia figlia che è in classe al liceo linguistico con la sorella del compagno di Matteo.) Allora io gli chiedo: "A che ora è arrivata tua madre?" Lui: verso le 9!!!" Matteo è stato di nuovo tutto il pomeriggio da solo e ha fatto i compiti la sera tardi! Non c è più tempo da perdere. È ora che entri in azione l assistente sociale. Contatta la famiglia, ma riscontra una certa resistenza. La madre non la prende bene. Addiritura si mostra acida nei nostri confronti (pare avesse detto che era meglio se

12 lasciavamo suo figlio alla scuola in lingua italiana quando l'avevamo iscritto in dicembre! ). Il abbiamo un incontro (il consiglio di classe) coll'assistente sociale e i genitori. Il colloquio è lungo e proficuo. Viene fuori tutto quello che serve a Matteo! Osservazioni da parte degli insegnanti, il suo profilo psicosociale - come si comporta, come agisce in classe (interazioni coi compagni e insegnanti), quello che non fa o non vuole: per es. la classe deve andare nell'aula video durante educazione tecnica per la visione di un documentario e lui non vuole, non ci va! Io confermo aggiungendo che l'ho tenuto io in classe (ero libero) e l'ho costretto a fare altro (compiti). Ne approffitto per raccontare l'ultimo "anedotto" di Matteo in classe: Il durante educazione tecnica ha menato Ilenia ed è scappato dalla classe. Poi è rientrato con l'apporto del preside o segretaria. Sono intervenuto anch'io e gli ho chiesto (lui ancora preso dal "raptus") cosa fosse successo!. E lui: "La colpa non è mia, ma di quella pu... di Ilenia, io non ho fatto un c...".ilenia gli aveva solo detto di andare al posto e gli aveva accennato una spinta. Confesso inoltre che una mattina dopo aver invitato Matteo a desistere dal masticare la ciunga non c è l ho più fatta l ho letteralmente sbattuto dal preside per una romanzina. Il padre mi chiede il perchè e io gli faccio notare che l ordinamento scolastico lo vieta espressamente e io quella mattina alla quarta volta mi ero sentito preso in giro davanti a tutta la classe; aggiungo anche che ero pure nervoso per fatti miei. Concordiamo che il padre ogni sabato alla fine dell'ultima ora viene a prendere il figlio e io e la collega di classe gli facciamo vedere il registro di classe dove viene annotato, nell'apposito spazio, tutto il suo rendimento sia positivo che negativo della settimana (ogni insegnante si è impegnato a redigere brevi note). Il padre è veramente interessato. Ogni sabato all ultima ora, puntuale, si presenta per l aggiornamento settimanale. Il rendimento del figlio è piuttosto differenziato (unterschiedlich), ondulato, ma va... Il abbiamo la riunione del consiglio di classe con la presenza del padre. Matteo con l aiuto dell assistente frequenta una comunità Lanz tutti i pomeriggi, dopo la scuola fino alle 18. Qui viene aiutato al rispetto, osservanza delle regole, e riceve un robusto sostegno nello svolgimento dei compiti. Alla fine dell anno si deciderà in base ai risultati, se mandarlo alla scuola in lingua italiana Mi porta un esercizio con un solo errore! Lo lodo ufficialmente ed enfatizzo l'impresa davanti ai ragazzi. Ne approffitto per puntualizzare che chi lavora, sistematicamente raggiunge risultati positivi Matteo ha menato Philip! Decido di non andare a fondo e considerare un incidente di

13 percorso, un fatto fisiologico tra due ragazzi un pò forti dal punto di vista caratteriale Di nuovo! Andiamo tutti e tre dal preside (previo accordo con lo stesso) per un chiarimento e per dare una certa solennità all'intervento... dall'alto! Matteo ha menato Philip perchè lo riteneva la causa del compito dato da me a tutta la classe. (Improvvidamente avevo dato un compito a tutta la classe, dopo aver rimproverato Philip per non essere stato attento ad un lavoro a coppie - Matteo aveva collegato le due azioni!) Chiarito l equivoco rientriamo in classe, e spiego che l'incidente è dipeso anche da me, per mia colpa in quanto non ero stato chiaro e trasparente nelle consegne. Dopo aver richiamato Matteo davanti a tutti per la sua reazione prepotente, lo invito a chiedere scusa a Philip e a fare la pace.- Prima però chiedo scusa io a Matteo per non essere stato chiaro! Matteo non ha nessuna difficoltà ad andare "a Canossa"! Sono convinto che il mio atteggiamento corretto l'abbia facilitato. È un periodo poco felice per Matteo sul piano del comportamento. Forse incomincia la fase di rigetto alla comunità. Vengo a sapere che non può sgarrare più di tanto sul piano disciplinare, anzi... con sonseguenti riflessi, ripercussioni negative a scuola. Infatti: Matteo ha dato della str... all'assistente... Gli dico di chiederle scusa in quanto deve imparare che c'è un limite a tutto per tutti (ci sono delle regole per tutti anche come linguaggio!) Rifiuta categoricamente. Gli dico allora che sono costretto a fargli una nota sul registro. Con conseguenze disciplinari in quanto ci sono "le regole della scuola..." Prima di congedarmi gli dico che so che lui è un ragazzo corretto e tutto sommato "bravo" che quando vuole lo sa fare. Aggiungo anche che tutto ciò mi addolora. Dopo due ore incontro l'assistente e mi dice che Matteo le ha chiesto scusa, ma senza trasporto. Io non riesco a nascondere la mia gioia e le grido:"fantastico, a me basta anche così, è anche troppo!" Lei mi guarda perplessa e poco convinta. Corro in classe da lui e gli faccio i complimenti. Aggiungo che non è facile riconoscere i propri errori - lui ci è riuscito! Lui con un sorriso impacciato annuisce. Un altro piccolo passo è stato fatto Dopo Pasqua È l unico che ha saputo raccontare per filo e per segno la leggenda delle pizze pasquali... e a posto coi compiti Arriviamo intanto ad un altro incontro con l'assistente sociale e il padre. Il consiglio di classe si trova un po' disorientato, parte di esso concorda con l'assistente sul fatto che per Matteo importante é farlo arrivare alla terza media lasciando in sospeso momentaneamente la pretesa del profitto! Obiettivo primario é quello di recuperarlo sul piano sociale, sul comportamento... rispetto delle regole...un'altra parte insiste invece sul recupero anche sul piano del profitto (Leistung) e su questo la scuola "italiana" lo faciliterebbe. Ci lasciamo con la promessa di vederci alla fine dell'anno.

14 Finalmente é arrivata la partita Milan - Napoli. - Posso mantenere la promessa fatta all'inizio dell'anno, di portarlo a Milano! Tutto é andato liscio, (con lui c'era anche un ragazzino di quinta elementare con il padre). Non ha fatto fatica a legare con l'eccezionale compagno di viaggio...anzi! Del viaggio a Milano serbo un bellissimo ricordo: A Cavalcaselle presso Peschiera ad una pizzeria al taglio, ad un tratto ho chiesto a Matteo:"Dimmi gli ingredienti della pizza (avevo fatto una lezione sulle ricette di alcuni piatti semplici italiani, una decina di giorni prima). Mentre addentava la pizza al taglio, senza una minima esitazione ha snocciolato "farina, acqua, lievito di birra, sale". Non lo dimenticheró mai! Bravo! Per un ragazzo ritenuto analfabeta...!!! Matteo procede "senza infamia e senza lode..." a volte collabora a volte rompe. Religione ed educazione tecnica sono le discipline in cui lui dá prova di insofferenza" Fioccano le note nel registro di classe! Purtroppo viene meno anche da parte di noi insegnanti l'impegno giornaliero di mettere in rilievo sul registro le cose positive e negative nei suoi riguardi per la relazione di fine settimana.. La collega di religione non ne puó piú. Matteo stesso non é piú carico (o motivato?), fa fatica a mantenere i suoi propositi, le sue buone intenzioni e relative promesse in merito alla disciplina. Si arriva quindi al fatidico giorno in cui Matteo viene sospeso dalla classe, perché ha raggiunto le 4 note sul registro. Sic! Il si decide nella riunione del consiglio di classe di allontanarlo dalla classe, ma non dalla scuola. Il sabato lui si troverá nella biblioteca e fará i compiti (io propongo che faccia - recuperi, nelle materie in cui lui non ha seguito - reso molto). Io mi offro per le prime due ore (sorveglianza) altri colleghi coprono le restanti ore. Mi assumo l'onere e l onore di comunicarlo a Matteo. Lui ci rimane male, al primo momento non capisce, sostiene che é un'ingiustizia..."anche Carlo ha tante note sul registro, perché lui no?" Intanto trovo confortante che lui considera le note sul registro e polemizza sui giorni di sospensione (l anno scorso non gliene importava affatto!), vuol dire che incomincia a integrarsi in classe. Cerco in modo pacato di spiegargli che Carlo ne ha solo tre...non solo, ma che Matteo quella mattina deve fare soprattutto religione e applicazioni tecniche, in quanto cosí prevede l'ordinamento scolastico; aggiungo che nelle prime due ore, ci saró io a fargli compagnia e assistenza e, nel caso, sono disposto ad aiutarlo! Lui sorride, e in qualche modo viene addolcita la pillola (o almeno cosí ho la presunzione di percepire) L assistente sociale comunica che è disponibile per l incontro finale con gli insegnanti il giorno in quanto rientra dalle ferie solo il Parte di noi insegnanti non la prende bene. Tutti noi volevamo l incontro un pò prima della fine dell anno scolastico. Contatto l assistente: mi spiega il perchè del ritardo: era impegnata con Matteo che aveva difficoltà (io dico fase di rigetto ) di ambientamento nella comunità Lanz. Non voleva più andare perchè c erano troppe regole, orari da rispettare, a volte era noioso ecc. Inoltre il comportamento dei genitori non era abbastanza deciso con il figlio. Non era

15 molto di aiuto costringendo l assistente ad intervenire presso di loro e metterli alle strette: dovevano finalmente fare una scelta... o in comunità, ma con il loro aiuto, partecipazione o Matteo sarebbe stato abbandonato, ma a casa con tutte le conseguenze!! Come d incanto i genitori si sono dimostrati decisi, perentori verso il figlio (Ne ho avuta testimonianza diretta, quando Matteo non voleva partecipare alla gita di maggio, perchè la località dove dovevano andare già la conosceva. Ho telefonato ai genitori spiegando la situazione. Risultato? Matteo è andato in gita! Come? La mamma è stata categorica!).tempo addietro un intervento da parte della madre così responsabile era a dire poco insperato Influenzati anche da questa atmosfera poco gaia, parte la decisione di spedire una lettera in cui si consiglia la famiglia di trasferire Matteo nella scuola italiana il prossimo anno scolastico; in pratica, alla luce dei fatti, si ribadisce la difficoltà del ragazzo a seguire le lezioni in lingua tedesca, pur riscontrando progressi sul piano del comportamento. Vengo chiamato in presidenza per porre anche la mia firma in calce vicino a quella dei colleghi. Firmo spiegando che sono d accordo sulle difficoltà del ragazzo nel seguire le lezioni nella L1 e quindi il suo profitto risulterà senz altro più proficuo frequentando la scuola in L2, preciso però che il problema di Matteo non è solo di risultati scolastici - Leistung, ma sociale, pedagogico. Il suo recupero dipende da tanti fattori. Spostarlo in un altra scuola significa solo rimandare il problema, passare la palla ad altri e ricominciare da capo! Aggiungo anche un triviale chissenefrega se Matteo non imparerà tante nozioni o non raggiungerà il livello degli altri Matteo non c'é! I compagni l'hanno peró visto davanti alla scuola. Telefono a casa e mi confermano che il figlio é andato a scuola. Ha marinato Sabato... porto Matteo in biblioteca. Gli chiedo di brutto perché ha marinato (la mia confidenza con lui me lo permette). Lui un po' teso mi risponde che proprio non ne aveva voglia. Lascio cadere volutamente il discorso e gli do le consegne per il lavoro in religione. (Avevo pregato la collega di fornirmi tutto il materiale necessario.) Tutto procede bene. lo vedo concentrato, occupato. Ad un tratto entra la collega di classe e gli chiede la giustificazione dell'assenza del giorno precedente. Lui risponde (per la verità in modo un pò bullesco e risentito), perchè avrebbe dovuto portarla se tutti (genitori compresi) sanno che lui ha marinato la scuola? Io sorrido e non gli do torto, la mia collega però ne ha a male! Secondo il codice di comportamento di Matteo, ben s intende, e il suo ragionamento (me lo precisa più tardi quando gli osservo che è stato un pò brusco nella risposta data alla collega) la giustificazione la si porta per assicurare gli insegnanti che i genitori sanno dell assenza. Gli spiego che comunque, secondo il regolamento scolastico, lui è tenuto a portare la giustificazione da parte dei genitori, come noi insegnanti dobbiamo portare la giustificazione del medico o altri, quando siamo assenti. Oggi all ultima ora il padre non si presenta all appuntamento settimanale! Qualcosa sig-

16 nifica! Arriviamo alla fine della scuola con Matteo, che fatica. È stufo, è stanco. Il bello è che anche una gran parte degli insegnanti è stufa e stanca! C è l incontro fatidico con l assistente sociale. Non è una bella atmosfera, mancano tre colleghi. C è una certa resistenza da parte di alcuni insegnanti e secondo la collega di classe non c è solo Matteo, ma anche altri 16 alunni e dalle indagini fatte e dalle risposte avute dai ragazzi emerge una situazione piuttosto problematica: il ragazzo continuerebbe a ricattare, molestare, taglieggiare i suoi compagni. Inoltre i genitori della classe non sono ben disposti, si lamentano. Insomma ho la sensazione che si preferisca salvaguardare la classe, scaricando un elemento perturbatore. Io ricordo che Matteo in fin dei conti è stato più con l insegnante per il sostegno che con la classe e quindi ci vuole tempo perchè si integri meglio e socializzi. L insegnante di educazione artistica riporta il concetto che spostare Matteo in un altra scuola è solo rinviare il problema, ricominciare da capo con altri insegnanti. Assicura che il ragazzo rispetto all anno precedente (l ha avuto in un altra sezione) sul piano sociale ha fatto non buoni progressi, ma strabilianti. Io rimarco il fatto che anche quando è stato espulso per somma di note si è comportato in modo disciplinato e ha fatto religione ed educazione tecnica con buoni risultati (avevo controllato io quella volta in bibilioteca, visto che non avevo sentito più niente dalle colleghe. La risposta disarmante di una collega è non ho controllato i lavori!!! Constatando però una certa fermezza da parte di troppi nel sostenere la necessità che Matteo cambi scuola (naturalmente per il bene suo!) ricordando anche il tenore della lettera ai genitori che non dà adito a ripensamenti si accomiata da noi ringraziandoci per quello che Matteo è veramente riuscito a recuperare rispetto all anno precedente, ma si rammarica per quello che potrebbe veramente conseguire in futuro se potesse continuare da noi questa esperienza. P.S. Matteo è stato promosso e iscritto alla seconda media di una scuola di lingua italiana. Continua l esperienza alla comunità Lanz anche in estate. Io continuo ad avere contatti con lui e sa già che sono pronti gli abbonamenti per altre partite di calcio del Milan a Milano se continuerà a comportarsi bene. Inoltre potrà contare sulla futura disponibilità mia e della collega di classe in tutti i momenti in cui riterrà di avere bisogno. L anno passato con Matteo ha lasciato un segno anche a me. Osservandolo tre volte la settima in classe, rileggendo le note redatte sul campo, gli appunti presi con una certa frequenza, dopo colloqui e conversazioni, all atto della stesura delle pagine di diario mi accorgevo che anche in me qualcosa stava cambiando. M metteva in crisi, mi metteva in una situazione conflittuale, mi aiutava a mettermi in discussione, (lo so è un espressione inflazionata, ma posso assicurare che è stata la chiave per risolvere parecchie situazioni problematiche;), mi toglieva certezze: è più importante che lui sappia gli aggettivi a 4

17 desinenze o che lui arrivi a integrarsi con gli altri, a rispettare le regole? Mi ha messo in condizione di rimanere turbato di fronte ad un asserzione di un insegnante, ma come possiamo promuovere uno che non sa neanche fare la divisione a tre cifre? (Le parole non sono proprio queste, ma il contenuto e il messaggio si.) Si addolcivano i miei modi scontrosi e bruschi da burbero sia pur benefico e aumentavano i miei momenti intrisi di bontà e gentilezza d animo. Come lo so? Una mattina di aprile Matteo mi ha chiesto in modo esplicito perchè gli volevo bene. Mi aveva colto di sorpresa e spiazzato. Io ho farfugliato ma io voglio bene a tutti i ragazzi, a te forse un pò di più..., la mia timidezza mi aveva impedito di ammettere o di dichiarare in modo chiaro e inequivocabile che gli volevo veramente bene! In fin dei conti cosa avevo fatto di straordinario, di trascendentale? Niente! Avevo solo cercato di ascoltarlo con le orecchie e osservarlo con gli occhi, ma mettendoci affetto e calore. PAGE 2 PAGE 1

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI INTRODUZIONE Come sapete, il 29 aprile, ci recheremo in visita alle saline di Cervia. La nostra classe svolgerà un percorso

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli