STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI"

Transcript

1 STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per quanto eventualmente in contrasto con i Regolamenti stessi, le Norme della Guida Pratica integrano tutte le fattispecie non ancora modificate e/o aggiornate nei Regolamenti Federali in attesa dell adeguamento dei Regolamenti stessi. Per quanto non esplicitamente contemplato nella presente Guida Pratica, valgono integralmente le norme previste dai Regolamenti Federali. CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A I

2 Indice INDICE... II NORME SPECIFICHE PER I CAMPIONATI DI SERIE A1 E A2 2012/ Riforma Campionati Serie A1 e A2 Maschile... 1 Limitazione Tesseramento e Utilizzo Atleti Stranieri Under 23/M e Under 22/F nei Campionati di Serie A1 e A OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DI ATLETI/E ITALIANI/E NEI CAMPIONATI DI SERIE A (Coppa Italia compresa)... 2 ATLETI UNDER 23 o ATLETE UNDER 21 CON CAMBI ILLIMITATI nei Campionati di Serie A1 e A PROGETTO GIOVANI - LIMITAZIONE DI ISCRITTI A REFERTO DEGLI ATLETI/E OVER NEI CAMPIONATI E COPPA ITALIA DI SERIE A PROGETTO GIOVANI - INCENTIVI PER UTILIZZO ATLETI/E UNDER PROGETTO GIOVANI - INCENTIVI PER LE SOCIETA DI SERIE A2 CHE SVOLGONO ATTIVITA GIOVANILE... 5 Mancati versamenti da parte delle società blocco procedura Riaffiliazione... 5 MODALITA' DI VERSAMENTO CONTRIBUTI GARA... 6 REFERTO ELETTRONICO PER I CAMPIONATI DI SERIE A1 e A2 (escoresheet FIPAV)... 7 SEGNAPUNTI REFERTO CARTACEO PER I CAMPIONATI DI SERIE A CAMPO DI GARA... 9 REQUISITI e MODALITA' PER L'OMOLOGA DEI CAMPI DI GIOCO RECUPERI O RIPETIZIONI DELLE GARE COMPORTAMENTO DEL PUBBLICO nelle gare di Serie A1 e A SQUALIFICA DEL CAMPO DI GARA COMMUTAZIONE SQUALIFICA DI CAMPO E SQUALIFICA ATLETA e ALLENATORE IN SANZIONE PECUNIARIA DIVISE DA GIOCO CAMPIONATI A1 e A2 Femminile DIVISE DA GIOCO CAMPIONATI A1 e A2 Maschile PALLONI DI GIOCO OBBLIGHI DELLE SOCIETA' SERVIZIO DI PRIMO SOCCORSO OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA ALTRI OBBLIGHI CALENDARI SERIE A1 e A2 Maschile SPOSTAMENTI DI ORARIO e CAMPO PER LE SERIE A1 e A2 Maschile CALENDARI SERIE A1 e A2 Femminile CALENDARI - SPOSTAMENTI DI ORARIO e CAMPO PER LE SERIE A1 e A2 Femminile SERVIZIO RISULTATI REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI CAMPIONATO DI SERIE A1 E A2 MASCHILE 2012/ REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI CAMPIONATO DI SERIE A1 E A2 FEMMINILE 2012/ CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A1 MASCHILE 2012/ II

3 CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A1 FEMMINILE 2012/ CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A2 MASCHILE 2012/ CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A2 FEMMINILE 2012/ PLAY OFF SCUDETTO MASCHILE 2012/ PLAY OFF SCUDETTO FEMMINILE 2012/ PLAY OFF A2 MASCHILE PROMOZIONE 2012/ PLAY OFF A2 FEMMINILE PROMOZIONE 2012/ SUPERCOPPA ITALIANA MASCHILE SUPERCOPPA ITALIANA FEMMINILE COPPA ITALIA MASCHILE 2012/ COPPA ITALIA SERIE A2 MASCHILE 2012/ COPPA ITALIA FEMMINILE 2012/ COPPA ITALIA SERIE A2 FEMMINILE 2012/ III

4 NORME SPECIFICHE PER I CAMPIONATI DI SERIE A1 e A2 2012/2013 Riforma Campionati Serie A1 e A2 Maschile La Federazione Italiana Pallavolo recependo quanto proposto dalla Lega Pallavolo Serie A e dopo approfondite analisi, intende avere una visione strategica globale di ampio respiro, che coinvolga tutte le aree del settore maschile, attraverso la realizzazione di un progetto condiviso di qualificazione e valorizzazione dei giovani che viene denominato Progetto giovani. La FIPAV ha individuato nella serie A2 il campionato nel quale realizzare tale piano. Piano di intervento BLOCCO DELLE RETROCESSIONI PER DUE ANNI DALLA SERIE A1 ALLA SERIE A2 E CONSEGUENTE DIMINUZIONE DA QUATTRO A DUE TRA SERIE A2 E SERIE B1. VERIFICA DICEMBRE 2012 / GENNAIO 2013 Tra dicembre 2012 e gennaio 2013, verranno effettuate delle verifiche da parte del C.d.A. e dell Assemblea della Lega Pallavolo Serie A tese a verificare l efficacia del progetto. In particolare si dovrà valutare: 1. l impatto sul pubblico, inteso come presenza negli impianti ed abbonamenti, al netto di una eventuale situazione contingente; 2. Il costo complessivo del salario, rapportato alla qualità tecnica della rosa dei giocatori; 3. le reazioni degli sponsor e dei media. Se le verifiche porteranno a considerare inefficace l impatto della manovra, la Lega formulerà immediatamente (entro pertanto 30/45 giorni) una proposta affinché il campionato 2013/2014 di Serie A1, pur iniziando potenzialmente con16 (o14) squadre venga riportato a 14 (o a 12) in una o due stagioni. Le medesime conseguenze saranno previste anche per la Serie A2. Qualora invece l esame della situazione fosse positivo, il progetto proseguirà, con il blocco delle retrocessioni per un altra stagione e dalla 2014/2015 inizierà un percorso di riduzione delle squadre: Si conferma esclusivamente le volontà di riportare la Serie A1 a 12/14 squadre dalla stagione 2015/16, mentre per la Serie A2 la proposta è di mantenere l attuale numero di 16 squadre, fatta salva la riduzione delle promozioni dalla B1 da quattro a tre squadre. In tale caso è possibile frequentare l ipotesi di ridurre a 14 il numero delle squadre aventi diritto all iscrizione al Campionato di Serie A2. Non è esclusa la possibilità dal 2014/2015 di un organico della serie A2 a 2 gironi. 1

5 Inoltre dalla stagione 2014/2015 il numero delle promozioni dalla Serie B1 alla serie A2 dovrà essere attentamente valutato in funzione del tipo di riforma del campionato di serie B1 e quindi potranno essere 3 o 4. Limitazione Tesseramento e Utilizzo Atleti Stranieri Under 23/M e Under 22/F nei Campionati di Serie A1 e A2 Modalità tesseramento: vedi Norme Tesseramento 2012/2013 atleti/e stranieri/e. Campionati A1 e A2 Maschile Utilizzo atleti stranieri Under 23/M Fermo restando le 30 licenze per atleti Over 20 / Under 23 (nati negli anni ) stranieri che la Lega provvederà a distribuire tra le società di A1 e A2, non c è alcuna limitazione sull utilizzo di atleti stranieri Under 23. Campionati A1 e A2 Femminile Utilizzo atlete straniere Under 22/F Fermo restando le 30 licenze per atleti Over 19 / Under 22 (nate negli anni ) straniere che la Lega provvederà a distribuire tra le società di A1 e A2, non c è alcuna limitazione sull utilizzo di atlete straniere Under 22. OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DI ATLETI/E ITALIANI/E NEI CAMPIONATI DI SERIE A (Coppa Italia compresa) Per la stagione 2012/2013 l'obbligo è così definito: A1M Almeno 3 italiani sempre in campo su 7 (sestetto+libero (*)) (**) A2M Almeno 5 italiani sempre in campo su 7 (sestetto+libero (*)) A1F (**) Almeno 6 italiane a referto delle quali almeno 3 sempre in campo su 7 (sestetto + libero (*)) A2F Almeno 5 italiane sempre in campo su 7 (sestetto+libero (*)) (*) qualora il libero non sia presente a referto, l'obbligo degli atleti/e sempre in campo diventa di 2 italiani su 6 per la serie A1/M, 4 italiani su 6 per la serie A2/M, 2 italiane su 6 per la serie A1/F e 4 italiane su 6 per la serie A2/F; inoltre nel caso in cui ambedue i Liberi sono italiani/e o che la società iscriva a referto un solo Libero di nazionalità italiano/a, ai fini del conteggio degli italiani/e in campo, la figura del Libero verrà considerato come italiano/a mentre nel caso in cui i due Liberi sono stranieri/e o anche uno solo è straniero/a, ai fini del conteggio degli italiani/e in campo, la figura del Libero verrà considerato come straniero/a. (**) - dalla stagione 2014/2015 nei campionati di Serie A1 Maschile e Femminile, gli/le atleti/e italiani/e dovranno essere almeno 4 sempre in campo su 7 (sestetto + libero). 2

6 Sanzioni e casistiche previste Il controllo del rispetto degli obblighi su riportati spetterà al Delegato Tecnico, che dovrà intervenire presso il 2 arbitro per far interrompere il gioco e segnalare l irregolarità riscontrata; a questo punto gli arbitri dell incontro dovranno ripristinare la situazione regolare. Tutte le casistiche e le sanzioni da applicare saranno dettagliate prima dell inizio del campionato, tramite apposita circolare che sarà emanata dal Settore Ufficiali di Gara FIPAV, sentite le Leghe Nazionali Pallavolo. SANZIONI PREVISTE PER LE ATLETE ISCRITTE A REFERTO In caso di mancanza del numero richiesto delle atlete italiane iscritte a referto in serie A1/F e relativa Coppa Italia, la società verrà sanzionata con una multa di 1.000,00 che verrà applicata per ogni atleta mancante e per ogni gara. ATLETI UNDER 23 o ATLETE UNDER 21 CON CAMBI ILLIMITATI nei Campionati di Serie A1 e A2 Viene mantenuto l istituto degli ATLETI UNDER 23 (nati 1990 e successivi) e ATLETE UNDER 21 (nate 1992 e successive) CON CAMBI ILLIMITATI nei Campionati di Serie A1 e A2. Si riporta la normativa così come definita: Le squadre partecipanti ai Campionati di Serie A possono iscrivere a referto due atleti Under 23 per la serie A1/M e A2/M e Under 21 per la serie A1/F e A2/F, purché eleggibili per la nazionale italiana, che possono essere cambiati tra loro un numero illimitato di volte. In nessun caso uno dei due potrà ricoprire il ruolo di 1 o 2 Libero. Maggiori dettagli regolamentari e organizzativi saranno forniti in tempo utile prima dell inizio dei Campionati da parte del CQN - Settore Arbitri. Sanzioni e casistiche previste Il controllo del rispetto degli obblighi su riportati spetterà al Delegato Tecnico, che dovrà intervenire presso il 2 arbitro per far interrompere il gioco e segnalare l irregolarità riscontrata; a questo punto gli arbitri dell incontro dovranno ripristinare la situazione regolare. Tutte le casistiche e le sanzioni da applicare saranno dettagliate prima dell inizio del campionato, tramite apposita circolare che sarà emanata dal Settore Ufficiali di Gara FIPAV, sentite le Leghe Nazionali Pallavolo. PROGETTO GIOVANI - LIMITAZIONE DI ISCRITTI A REFERTO DEGLI ATLETI/E OVER NEI CAMPIONATI E COPPA ITALIA DI SERIE A2 Viene introdotto l obbligo della Limitazione degli atleti OVER da elencare nei CAMP3 delle gare del Campionato di Serie A2, comprese le gare di Coppa Italia, come sotto riportato: 3

7 Serie A2 Maschile Stagione 2012/2013 MAX quattro atleti (italiani o stranieri) nati negli anni 1981 (compreso) e precedenti; Stagione 2013/2014 MAX tre atleti (italiani o stranieri) nati negli anni 1982 (compreso) e precedenti. Serie A2 Femminile Stagione 2012/2013 MAX quattro atlete (italiane o straniere) nate negli anni 1983 (compreso) e precedenti; Stagione 2013/2014 MAX tre atlete (italiane o straniere) nate negli anni 1984 (compreso) e precedenti. Questa Limitazione essendo intesa come OBBLIGO non prevede la possibilità di poter essere derogata pagando una sanzione, ma dovrà essere rispettata da tutte le società e nel caso di mancato rispetto la sanzione sarà la perdita della gara. Gli arbitri dovranno far rispettare la norma e pertanto dovranno controllare prima dell inizio della gara il numero degli atleti/e OVER iscritti sul CAMP3; nel caso una squadra iscriva più di 4 atleti/e OVER, l arbitro dovrà segnalarlo alla squadra con l invito a depennare gli atleti/e OVER in eccesso, pena la non disputa della gara; successivamente in sede di omologa la squadra in difetto subirà la perdita della gara con il punteggio più sfavorevole. Anche nel caso la gara venga comunque disputata a seguito di errato controllo da parte degli arbitri, in sede di omologa la squadra in difetto subirà la perdita della gara con il punteggio più sfavorevole. PROGETTO GIOVANI - INCENTIVI PER UTILIZZO ATLETI/E UNDER 23 Campionato Serie A2 Maschile Le società che disputeranno il campionato di Serie A2/M 2012/2013 con tutti atleti Under 23 (nati negli anni 1990 e successivi) a parte i 4 atleti OVER iscrivibili sul CAMP3, avranno diritto di ripescaggio al campionato di A2 2013/2014 rispetto alle altre società retrocesse che hanno disputato la serie A2 nella stagione 2012/2013, fermo restando che nel caso più società abbiano rispettato tale limitazione per la graduatoria varrà la classifica dei ripescaggi; il diritto di ripescaggio vale anche per quelle società che siano già state ripescate la stagione precedente e per quelle ultime classificate. Sarà inoltre previsto come ulteriore incentivo un montepremi di 100mila euro (equamente diviso tra Federazione e Lega) da destinare ai Club che utilizzano solo atleti italiani Under 23 (nati negli anni 1990 e successivi), con massimo 4 atleti sempre italiani Over 23 (nati negli anni 1989 e precedenti). Campionato Serie A2 Femminile Le società che disputeranno il campionato di Serie A2/F 2012/2013 con tutte atlete Under 23 (nate negli anni 1990 e successivi) a parte le 4 atlete OVER iscrivibili sul CAMP3, avranno diritto di ripescaggio al campionato di A2 4

8 2013/2014 rispetto alle altre società retrocesse che hanno disputato la serie A2 nella stagione 2012/2013, fermo restando che nel caso più società abbiano rispettato tale limitazione per la graduatoria varrà la classifica dei ripescaggi; il diritto di ripescaggio vale anche per quelle società che siano già state ripescate la stagione precedente e per quelle ultime classificate; le squadre ripescate in base a questa normativa non potranno usufruire di tale opportunità per più di due stagioni consecutive. PROGETTO GIOVANI - INCENTIVI PER LE SOCIETA DI SERIE A2 CHE SVOLGONO ATTIVITA GIOVANILE Il Consiglio Federale ha deliberato di incentivare quelle società del Campionato di Serie A2 che porgono attenzione all attività giovanile, attraverso premi economici e di classifica dal campionato di serie A2 2013/2014 in base all attività svolta nella stagione 2012/2013. A tal fine è allo studio un sistema di valutazione che convertirà in punteggio i seguenti dati: numero di campionati di serie nazionale, regionale e provinciale disputati; numero di campionati di categoria disputati; Titoli provinciali, regionali e nazionali ottenuti nei campionati di categoria; Numero di atleti convocati nelle Nazionali giovanili; Valorizzazione nuovi giovani talenti. Verrà stilata una classifica e alle società posizionate ai primi 3 posti sono previsti i seguenti incentivi: 1^-2^ e 3^ classificata: contributo (10.00,000/ 6.000,00/4.000,00 + premio Lega) e bonus di (3,2,1) punti nella classifica iniziale del campionato di serie A2 2013/2014; nel caso la società nella stagione successiva fosse promossa in A1 o acquisisca il titolo di A1 non usufruirebbe del bonus dei punti in classifica. N.B.: la valutazione dei titoli sarà elaborata da una commissione congiunta Fipav/Lega Mancati versamenti da parte delle società blocco procedura Riaffiliazione Le società che non hanno provveduto a corrispondere alla FIPAV e/o ai Comitati Regionali- Comitati Provinciali FIPAV gli importi delle tasse dovute per la stagione sportiva , non possono rinnovare l affiliazione per la stagione sportiva Per procedere al rinnovo dell affiliazione è necessario che le società corrispondano quanto dovuto a FIPAV con carta di credito on line, ai Comitati Regionali/Comitati Provinciali FIPAV direttamente con versamento sui rispettivi conti correnti 5

9 provvedendo ad inviare copia della ricevuta del pagamento effettuato al Comitato Regionale/Comitato Provinciale FIPAV competente per territorio. Al termine delle verifiche contabili, se non sarà riscontrato alcun saldo passivo del sodalizio nei confronti di FIPAV e/o dei Comitati Regionali-Comitati Provinciali FIPAV si provvederà a rimuovere il blocco al tesseramento on-line per permettere alle società di procedere on-line al rinnovo dell affiliazione. MODALITA' DI VERSAMENTO CONTRIBUTI GARA I contributi gara per ogni incontro dei Campionati Nazionali di Serie A1 - A2 - B1 e B2 (play off compresi) e rispettive Coppa Italia 2012/2013, vanno versate soltanto on line tramite Carta di Credito. Inoltre si ricorda che dal 1 gennaio 2013 i contributi gara subiranno un aumento (vedi documento Norme 2012/2013 contributi ) si può utilizzare Carta di Credito del circuito CARTA SI (Visa e Mastercard); le società una volta entrate nella propria Home Page del Tesseramento on-line devono scegliere la funzione "Pagamenti carta credito" e riempire tutti i campi richiesti; si prega di fare particolarmente attenzione nello spazio "causale aggiuntiva" dove vanno riportati i dati della gara (Serie - numero - data) a cui fa riferimento il pagamento e nel caso di versamento per più gare si devono riportare i dati di tutte le gare; dopo aver effettuato il versamento, alla società arriverà una mail di conferma che riporta tutti i dati del versamento caricati compresi i dati della gara; le società che effettueranno il pagamento dei contributi gara tramite questo sistema dovranno esibire agli arbitri la mail di conferma ricevuta o la ricevuta che è possibile stampare; gli arbitri non dovranno far altro che riportare sul rapporto di gara, nell'apposito spazio, versamento effettuato on-line. IMPORTANTE Nel caso la società non abbia effettuato il versamento con la carta di credito potrà effettuare il pagamento con il conto corrente postale tramite i bollettini postali (causale 26) preintestati, oppure il dirigente della società potrà consegnare all arbitro un assegno bancario intestato FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO e per una cifra pari all importo del contributo gara; in ambedue i casi, in sede di omologa, il Giudice Unico Federale sanzionerà la società con una multa pari al doppio del contributo gara. Per le gare di Play Off e di Coppa Italia di serie A ciascuna squadra è tenuta al versamento di un importo corrispondente a quello della serie di appartenenza. L importo deve essere versato per tutte le gare, tranne per quelle dove il regolamento non lo preveda espressamente. Ogni altro tipo di versamento non è ammesso. 6

10 REFERTO ELETTRONICO PER I CAMPIONATI DI SERIE A1 e A2 (escoresheet FIPAV) Da questa stagione agonistica nei Campionati di A1M e A1F il referto cartaceo viene sostituito dal REFERTO ELETTRONICO (escoresheet FIPAV) che diventerà il Documento Ufficiale di Gara per i Campionati di Serie A1. Da questa stagione agonistica nei Campionati di A2M e A2F, accanto al tradizionale Segnapunti addetto al referto cartaceo, che è bene ricordare continuerà ad essere per i campionati di Serie A2 il Documento Ufficiale di Gara, opererà un altro Segnapunti addetto al Referto Elettronico (escoresheet FIPAV), le cui designazioni saranno a cura del Commissario Regionale degli Ufficiali di Gara. Pertanto sul campo opererà il segnapunti addetto al Referto Elettronico, le cui designazioni saranno a cura del Commissario Regionale degli Ufficiali di Gara. I Comitati provvederanno a liquidare le spettanze anche dei Segnapunti addetti al Referto elettronico, secondo le medesime tariffe del Segnapunti addetto al Referto cartaceo e trasmetteranno successivamente i relativi importi alle società di A1 e A2 ospitanti che dovranno, a loro volta, provvedere a rimborsare i Comitati stessi. LINEE GUIDA del escoresheet FIPAV Materiale a carico della Società sportiva N 2 computer equipaggiati con sistema operativo Windows Xp, Vista o 7: configurazione minima NetBook 1024x600 10, consigliato Notebook x768 o superiore. N 1 penna USB (10 MB liberi) per il salvataggio dei dati di backup. N 1 stampante A4, con fogli e cartuccia di riserva. Connessione internet. LiteScore opzionale: per maggiori info La stampante, la penna USB e l eventuale LiteScore dovranno essere installati su entrambi i computer. Primo arbitro L arbitro deve accertarsi che su i due computer sia installato escoresheet e che la chiave di backup USB sia riconosciuta da entrambi i portatili. A fine partita deve inserire la sua password ( matricola ) per firmare e chiudere il referto digitalmente. La password potrà essere personalizzata grazie ad apposita interfaccia web (in via di definizione). 7

11 Secondo arbitro Durante la gara è fondamentale che il Secondo arbitro prima di fischiare per riprendere il gioco, attenda che il segnapunti gli faccia un cenno di essere pronto a seguire la prossima azione. Segnapunti Se non ancora fatto, scaricare ed installare escoresheet su entrambi i computer dall indirizzo Avviare il programma con l icona escoresheet presente sul desktop. Ad ogni avvio il programma rileva automaticamente la presenza di nuovi aggiornamenti software; se la procedura di download dovesse andare in errore, è possibile aggiornare il programma usando il link sopra citato. Si consiglia di avviare il programma prima della gara (es. la mattina) in presenza di una buona connessione Internet in modo da effettuare un eventuale aggiornamento del programma senza difficoltà e pressione. Collegare la chiave USB di backup. Dal menu principale scegliere Nuova Partita ed inserire i dati di login forniti dalla società di casa; nella fase iniziale le credenziali saranno uguali per tutte le società: A1 Maschile - User: A1M2012, Password: A1M2012 A2 Maschile - User: A2M2012, Password: A2M2012 A1 Femminile - User: A1F2012, Password: A1F2012 A2 Femminile - User: A2F2012, Password: A2F2012 Dopo aver loggato, si sceglierà dalla lista proposta la partita da disputare. Il programma caricherà tutte le informazioni inserite nel CAMP3. Eventuali dati mancanti o sbagliati potranno essere modificati in qualsiasi momento. Nel caso non sia disponibile una connessione internet, il programma permetterà di creare un incontro scegliendo la modalità manuale, dove si potrà selezionare la squadra di casa e ospite ed inserire tutti i dati necessari. Prestare attenzione alla lista giocatori. Infatti, nel caso il programma non fosse stato in grado di leggere il CAMP3 della gara, il che verrà comunque segnalato, saranno proposte le liste complete dei giocatori di cui andrà specificato uno per uno se presente e il relativo numero di maglia. Se dovesse mancare un giocatore, usare il bottone per aggiungerlo nella lista. Dopo aver inserito i sestetti iniziali si va ad incominciare. EMERGENZA: nel caso il computer smettesse di funzionare per un qualsiasi motivo, occorrerà accendere il computer di riserva. Dopo aver lanciato il programma escoresheet, scollegare la chiave di backup USB dal computer principale e collegarla a quello di riserva. Dal menu principale del programma scegliere il bottone Ripristina incontro. Quindi selezionare l unità e poi il bottone Ripristina. La gara verrà ripresa esattamente dal punto in cui è stata interrotta. Al termine della partita, il programma richiederà la password del primo arbitro, cosi da poter chiudere digitalmente il referto di gara. Stampare il Referto ed il report del Libero. 8

12 A questo punto, tramite apposita funzione, occorrerà spedire il referto al database centrale FIPAV. (file Referto.ref, Referto.pdf, Libero.pdf). Nel caso ci sia un problema di connettività internet all interno del palasport, il segnapunti potrà spedire successivamente la gara finalizzata dall arbitro utilizzando un altra connessione, per esempio da casa, comunque nel modo più celere possibile. SEGNAPUNTI REFERTO CARTACEO PER I CAMPIONATI DI SERIE A2 La designazione dei segnapunti del referto cartaceo per i campionati di serie A2 maschile e femminile (play off e Coppa Italia compresi) saranno predisposte dalle Commissioni Provinciali degli Ufficiali di Gara d intesa con il Commissario Regionale degli Ufficiali di Gara competenti per territorio, utilizzando arbitri dei ruoli B1-B2 e regionali. I Comitati evaderanno le richieste di rimborso presentate dagli arbitri impiegati, secondo le tariffe provinciali in vigore; successivamente trasmetteranno alle società di A1 e A2 ospitanti i relativi importi che provvederanno a rimborsare ai Comitati stessi. CAMPO DI GARA Art. 14 del Regolamento Gare Come previsto dall art. 14 del Regolamento Gare, le società hanno l obbligo di disputare le gare in un campo nell ambito della provincia di appartenenza o, per comprovata carenza di impianti, in comuni limitrofi di altra provincia previa autorizzazione dell organismo competente all organizzazione del Campionato interessato. Nei Campionati di A1/F e A2/F in caso di sola disponibilità di idoneo impianto nella provincia di appartenenza ad una distanza superiore a 25 km dalla sede, potrà essere concesso di giocare in altra provincia a condizione che la distanza tra la sede ed il campo fuori provincia non sia superiore al 50% della distanza tra la sede ed il primo campo di gioco idoneo presente nella provincia di appartenenza. (le distanze si intendono stradali). Invece nel caso di società che vogliano disputare le gare di un determinato Campionato in un comune della provincia contigua a quella di appartenenza non per carenza di impianti ma per loro scelta, dovranno allegare alla relativa richiesta il parere dell organo competente all organizzazione del Campionato interessato, dei due Comitati Provinciali interessati e del proprio Comitato Regionale o dei due Comitati Regionali interessati nel caso la provincia contigua appartenga ad altra Regione. Nel caso di parere negativo anche di uno solo dei soggetti suddetti, la decisione finale spetta al Consiglio Federale. 9

13 REQUISITI e MODALITA' PER L'OMOLOGA DEI CAMPI DI GIOCO Art. 14 del Regolamento Gare Si prega di fare attenzione all art. 14 del Regolamento Gare ed in particolar modo ai comma 1, 10, 11 e 15. SERIE CAPIENZA MINIMA ZONE DI RISPETTO LATERALI FONDO CAMPO ALTEZZA SOFFITTO 3 mt 5 mt 9 mt A1/M (1) A2/M (2) 3 mt 5 mt 9 mt (5) A1/F mt 5 mt 8 mt (3) A2/F (4) 3 mt 5 mt 8 mt (1) - La capienza di 3500 posti è richiesta per le gare di semifinale e la finale del play off scudetto; la capienza di 2000 posti è richiesta per tutte le gare della regular season degli ottavi e dei quarti di finale del play off scudetto. (2) - La Lega può concedere deroghe per giocare in un impianto di almeno 600 posti certificati, purché l'impianto abbia tutti i requisiti previsti dal regolamento emanato dalla Lega Pallavolo A/M. (3) - La capienza di 3000 posti è richiesta per le gare di semifinale e la finale del play off scudetto; potrà essere autorizzato l utilizzo di un impianto con capienza inferiore, fino ad una tolleranza massima del 20% del limite minimo, a condizione che nello stesso comune non sia presente un alternativo ed idoneo impianto di gioco. La capienza di 1500 posti è richiesta per tutte le gare della regular season ed ottavi e quarti di finale del play off scudetto. (4) Per le gare di semifinale e finale del play off di A2, la capienza dovrà essere di posti; potrà essere autorizzato l utilizzo di un impianto con capienza inferiore, fino ad una tolleranza massima del 20% del limite minimo, a condizione che nello stesso comune non sia presente un alternativo ed idoneo impianto di gioco. La capienza di 500 posti è richiesta per tutte le gare della regular season, quarti di finale del play off di A2 (se previsti). (5) - La Lega Pallavolo A/M può concedere deroghe purché l altezza del soffitto non sia inferiore a mt. 8. Le zone di rispetto devono essere obbligatoriamente transennate simmetricamente; negli altri campionati le zone di rispetto devono comunque essere simmetriche. In tutti i campionati le zone di rispetto laterali possono essere al massimo di mt.5 e le zone di rispetto a fondo campo al massimo di mt.8. La capienza deve essere certificata della documentazione prevista dalle vigenti Leggi sulla capienza dei locali destinati ai pubblici spettacoli, al quale sono soggetti tutti gli impianti aperti al pubblico con capienza superiore a 100 spettatori. 10

14 Per i campionati di A1, A2 è obbligatorio allegare al verbale di omologa, la copia fotostatica dell'atto di concessione dell'agibilità dell'impianto rilasciata dal sindaco (D.P.R. 24/7/77 n. 616 e successive modifiche) completa della documentazione prevista dalle vigenti Leggi sulla agibilità dei locali destinati ai pubblici spettacoli, fatto salvo quanto previsto dai regolamenti emanati dalle rispettive Leghe A/M e A/F e ratificati dal Consiglio Federale. L'intera zona libera, così come definita dalle Regole di Gioco, dovrà essere delimitata per l'intero perimetro, da transennature fisse e continue in caso di presenza di pubblico. Nei Campionati Nazionali non è ammessa la presenza dell'impianto di Basket fisso. Le omologhe dei campi per i campionati di A1 e A2 sono di competenza delle Leghe, e per quanto non contemplato, si rimanda ai regolamenti emanati dalle rispettive Leghe A/M e A/F e ratificati dal Consiglio Federale. Nel caso in cui più squadre della stessa società utilizzino lo stesso impianto, l'omologa viene rilasciata dall'organismo omologante competente relativo al campionato di serie maggiore. Nel caso di impianti utilizzati da più sodalizi, ognuno di questi deve versare il previsto diritto di segreteria per l'omologazione. Dopo l avvenuta omologa ad ogni società sarà fornita da parte della Lega Nazionale Pallavolo copia del verbale di omologazione campo, che dovrà essere esibita agli arbitri prima di ogni gara insieme alla copia del relativo contributo. Il contributo relativo ai diritti di segreteria per l'omologazione dei campi, deve essere versato alla FIPAV tramite ccp causale 33. RECUPERI O RIPETIZIONI DELLE GARE Eventuali gare da recuperare o da ripetere verranno fissate di ufficio dall'organo competente. La presentazione o la pendenza di un qualsiasi gravame avverso la decisione suddetta non ha effetto sospensivo. COMPORTAMENTO DEL PUBBLICO nelle gare di Serie A1 e A2 Al pubblico è vietato l utilizzo di qualsiasi strumento atto al disturbo dell atleta impegnato/a al turno di battuta, soprattutto quando le tribune siano particolarmente vicine al campo di gioco. Tale divieto è perentorio ed il 1 Arbitro, anche con l ausilio del Delegato Tecnico, deve intervenire nei confronti del Capitano della squadra il cui pubblico utilizza in modo improprio tali strumenti con un avvertimento verbale, avvalendosi successivamente anche della collaborazione dello speaker della partita. Nel caso di recidiva nel corso della medesima partita il 1 Arbitro può anche momentaneamente sospendere la gara sino a quando non sia terminato l utilizzo di tali strumenti da parte del pubblico; successivamente la società in questione sarà 11

15 sanzionata dal Giudice Unico Federale in sede di omologa in base a quanto previsto dal Regolamento Giurisdizionale. Anche la Lega in caso di recidiva potrà deferire la società al Giudice di Lega per i provvedimenti del caso. SQUALIFICA DEL CAMPO DI GARA Articolo 15 comma 3 del Regolamento Gare Per i campionati di serie A1 e A2 può essere applicata la sanzione della squalifica del campo. Pertanto le società che devono disputare gare di campionato e play off in campo neutro, devono reperire idoneo impianto di gioco in provincia diversa dalla propria, distante almeno 70 KM. dalla sede dell'impianto squalificato; non è ammesso disputare la gara in casa della squadra ospite. Tale segnalazione deve pervenire, via fax, alla Lega Nazionale Pallavolo ed all Ufficio Campionati FIPAV almeno 4 giorni prima della data della disputa della gara interessata, anche se la società intende impugnare il provvedimento in seconda istanza. Verificata l'idoneità del campo segnalato, sia dal punto di vista logistico che funzionale, la competente commissione comunica lo spostamento di campo per la gara prevista. COMMUTAZIONE SQUALIFICA DI CAMPO E SQUALIFICA ATLETA e ALLENATORE IN SANZIONE PECUNIARIA Articolo 63 del Regolamento Giurisdizionale Per i soli campionati di serie A1 e A2 e Coppa Italia è possibile commutare la sanzione di "1 giornata di squalifica del campo", di "1 giornata di squalifica per un atleta o per un allenatore" in una sanzione pecuniaria secondo la seguente tabella: 1 giornata di squalifica di campo 1 giornata di squalifica atleta o allenat. Serie A1/M Serie A1/F Serie A2/M Serie A2/F , , , , , , ,00 520,00 Tale procedura non è applicabile se al campo, all'atleta o all'allenatore è stato comminato un provvedimento di 2 o più giornate. Il sodalizio può usufruire di tale possibilità in qualsiasi momento del campionato, compresi i play off, e comunque non si può applicare più di una volta alla stessa società (per la squalifica del campo) o allo stesso atleta od allenatore (per la squalifica); identica procedura per la Coppa Italia. 12

16 Le società interessate dovranno farne richiesta, tramite fax, entro le ore del secondo giorno antecedente alla data di svolgimento della gara interessata; insieme alla richiesta deve essere inviata, sempre via fax, la ricevuta del versamento effettuato tramite carta di credito on line - causale 27, della sanzione pecuniaria prevista per la commutazione del provvedimento secondo la tabella su riportata. Il Giudice Unico, pervenuta la richiesta completa della documentazione, provvede ad informare il sodalizio interessato e la Lega Nazionale Pallavolo dell'avvenuta commutazione del provvedimento. La società che intende avvalersi della commutazione non può impugnare il provvedimento in seconda istanza e, viceversa, una società che impugna il provvedimento non può, in caso di rigetto, richiedere la commutazione del provvedimento in sanzione pecuniaria. Non può essere richiesta la commutazione del provvedimento in sanzione pecuniaria nemmeno in caso di riduzione (per esempio da due a una giornata) a seguito di impugnazione. Nota: la commutazione del provvedimento non fa perdere la recidività del sodalizio - dell'atleta o dell'allenatore per un eventuale successivo provvedimento. La commutazione può essere effettuata anche per sanzioni pendenti dalla stagione precedente, purché rientrino fra le sanzioni commutabili (1 giornata); questa commutazione può essere effettuata entro le ore del secondo giorno antecedente l'inizio del Campionato o della Coppa Italia, con le stesse modalità previste; in questo caso la somma da pagare e quella relativa alla serie del campionato a cui partecipa il tesserato nella stagione 2012/2013. E' ovvio che la società che si avvale di questa commutazione non può per questa stagione, usufruire nuovamente di tale possibilità per la stessa società o tesserato. DIVISE DA GIOCO CAMPIONATI A1 e A2 Femminile La squadra di casa ha l obbligo di indossare la maglia ufficiale; la maglia deve essere dichiarata ad inizio stagione e la squadra ospite si deve adeguare per ottenere il contrasto cromatico delle mute di gioco. La segreteria della Lega provvederà a darne comunicazione a tutte le società. Inoltre i colori delle mute non devono creare riflessi in occasione di riprese televisive. Le divise da gioco devono essere munite del logo ufficiale della Lega, da questa fornito, che deve essere apposto nella posizione stabilita dalla Lega stessa e comunicata alla società. DIVISE DA GIOCO CAMPIONATI A1 e A2 Maschile Regolamento per le mute da gioco, approvato dalla Lega. Art. 1 - Ogni associata, almeno 15 giorni prima della prima gara ufficiale di ogni stagione agonistica, dovrà inviare alla Lega una divisa completa della propria muta di gioco principale, di quella di riserva e del giocatore libero o una loro fotografia a colori L Ufficio Campionati della Lega, esaminate le mute pervenute, provvederà a 13

17 dare comunicazione a tutte le Associate del calendario definitivo degli incontri di ciascuna società mediante pubblicazione sul sito internet della Lega, assegnando per ogni incontro la combinazione di mute prescelta. Art. 2 - Verrà tendenzialmente assegnata la muta principale alle squadre che giocano in casa e quella di riserva per le squadre in trasferta tuttavia ove ciò non fosse possibile, verrà assegnata una combinazione diversa, che le Società sono comunque obbligate e rispettare. Nel caso in cui, per straordinari motivi, una delle Associate non sia in grado di rispettare quanto previsto dalla sequenza assegnatole, dovrà comunicare, entro 7 giorni dallo svolgimento dell incontro previsto, il cambiamento della muta indicata, previa autorizzazione della Lega I Delegati Tecnici presenti sui campi di gioco saranno tenuti al controllo delle mute assegnate e comunicate, secondo quanto previsto dal manuale del Delegato Tecnico o di quanto eventualmente interverrà in materia. Art. 3 - In occasione degli incontri di Coppa Italia Serie A1-A2, dei play-off scudetto, play-off promozione Serie A2 e dei maggiori eventi di Lega, l Ufficio Campionati sarà autorizzato a comunicare le mute prescelte per ciascun incontro in calendario, con particolare riferimento agli incontri soggetti a ripresa televisiva. Art. 4 - Per il giocatore Libero, si rimanda a quanto previsto all Art. 20.2, capitolo VI delle Regole di Gioco FIPAV. Art. 5 - L ingiustificato rispetto di quanto indicato nel presente Regolamento, anche su segnalazione del Delegato Tecnico, costituirà infrazione disciplinare punibile ai sensi del relativo Regolamento di Lega. PALLONI DI GIOCO Articolo 31 del Regolamento Gare E' prevista la disputa del Campionato e della Coppa Italia con il pallone ufficiale. OBBLIGHI DELLE SOCIETA' - disponibilità del campo di gioco almeno un ora prima dell inizio della gara; - disponibilità dell impianto di gioco per poter effettuare una seduta di allenamento, secondo le norme previste dalla Lega Pallavolo Serie A (A1/M e A2/M); - utilizzazione della superficie di gioco bicolore omologata FIVB per tutte le gare dei Campionati di Serie A1/M A1/F e A2/M, comprese le rispettive gare di Coppa Italia; - utilizzazione delle palette numerate per l'effettuazione dei cambi degli atleti durante gli incontri, secondo quanto previsto dalla Regola 11 delle Regole di Gioco; - utilizzazione di tre palloni durante gli incontri (sei addetti); - apposito servizio per l'asciugatura del terreno di gioco (otto addetti); - avere a disposizione rete ed asticelle di riserva; - zona di riscaldamento come previsto dall'art.6.5 delle Regole di Gioco; - avvisatore visivo ed acustico per le richieste dei tempi di riposo e delle sostituzioni; - mettere a disposizione degli arbitri un manometro, su loro richiesta; - idoneo locale dove svolgere le operazioni del controllo antidoping; 14

18 - connessione internet e linea telefonica sul campo di gara dedicata per servizio risultati e statistiche; - sala stampa; - sala per le interviste (A1M e A2M); - fotocopiatrice sul campo o in sala stampa; - posto riservato ai rilevatori statistici della squadra ospite; - inserimento del marchio della ditta o ente patrocinatore del campionato su pannelli pubblicitari, rete di gioco e supporti cartacei secondo le disposizioni emanate dalla Lega Nazionale Pallavolo; - eventuali adesivi pubblicitari sul terreno di gioco dovranno essere disposti come da normativa emanata dalla Lega Nazionale Pallavolo; - nelle gare di A1 e A2 la società ospitante ha l'obbligo di far riprendere le gare da TV e radio in ambito locale, fatti salvi i vincoli imposti dai contratti tra la Lega Nazionale Pallavolo e le reti radiotelevisive nazionali e secondo quanto previsto dal regolamento del pool radiotelevisivo della Lega Nazionale Pallavolo. Il Giudice Unico Federale e il Giudice di Lega, per quanto di loro competenza, sono autorizzati a sanzionare con multa le società che non ottemperano ai suddetti obblighi. Inoltre, per quanto di competenza, si rimanda al Regolamento della Lega Nazionale Pallavolo. SERVIZIO DI PRIMO SOCCORSO Fatte salve eventuali decisioni degli organi ministeriali competenti, di seguito si riportano gli obblighi a cui le società ospitanti dei campionati nazionali dovranno attenersi: Stagione agonistica 2012/2013 Campionati Serie A1 e A2 E' obbligatoria la presenza di un ambulanza, provvista di defibrillatore, e del relativo personale di servizio; in mancanza sarà applicata una pesante sanzione pecuniaria da parte del Giudice di Lega. Il Dirigente addetto agli arbitri della Società ospitante ha l obbligo di far riconoscere dagli arbitri, almeno 30 minuti prima dell inizio della gara, il coordinatore degli operatori sanitari responsabile dell ambulanza e delle operazioni sanitarie durante tutto lo svolgimento della partita. La Società ospitante è comunque responsabile di eventuali comportamenti non regolamentari posti in essere dagli operatori sanitari. E obbligatoria la presenza di un Medico di servizio durante lo svolgimento delle gare che potrà essere anche il medico iscritto a referto; nel caso di mancanza alla società sarà applicata una sanzione pecuniaria da parte del Giudice Unico Federale. 15

19 Stagione agonistica 2013/2014 Campionati Serie A1-A2 Sarà obbligatoria la presenza di un ambulanza, provvista di defibrillatore, e del relativo personale di servizio; in mancanza sarà applicata una pesante sanzione pecuniaria da parte del Giudice di Lega. Il Dirigente addetto agli arbitri della Società ospitante ha l obbligo di far riconoscere dagli arbitri, almeno 30 minuti prima dell inizio della gara, il coordinatore degli operatori sanitari responsabile dell ambulanza e delle operazioni sanitarie durante tutto lo svolgimento della partita. La Società ospitante è comunque responsabile di eventuali comportamenti non regolamentari posti in essere dagli operatori sanitari. Sarà obbligatoria la presenza di un Medico di servizio durante lo svolgimento delle gare che potrà essere anche il medico iscritto a referto e in caso di assenza la gara non potrà essere disputata e la squadra ospitante in sede di omologa sarà sanzionata dal Giudice Unico Federale con la perdita dell incontro con il punteggio più sfavorevole. Nel caso di ritardato arrivo del Medico di servizio, la società ospitante sarà sanzionata con una multa per il ritardato inizio della gara. La Società ospitante ha l obbligo di far riconoscere dagli arbitri, il medico di servizio che sarà responsabile dell assistenza sanitaria durante tutto lo svolgimento della partita. Note Importanti Il riconoscimento del medico di servizio avverrà mediante l esibizione del tesserino di appartenenza all Ordine dei Medici o il tesseramento per la Società in qualità di medico sociale. Durante la gara il medico di servizio potrà sedere sulla panchina della Società ospitante soltanto se tesserato a favore della medesima con la qualifica di medico sociale. In caso contrario dovrà posizionarsi all interno dell area di gioco in un posto che ne faciliti un immediato intervento di soccorso. La Società ospitante sarà comunque responsabile di eventuali comportamenti non regolamentari posti in essere dal medico di servizio. In caso di allontanamento dal campo di gioco prima del termine della gara saranno applicate dal GUF pesanti sanzioni alla società ospitante che potranno arrivare anche alla perdita dell incontro con il punteggio più sfavorevole. La FIPAV si farà carico di definire convenzioni con ditte del settore per agevolare le società nell acquisto dei defibrillatori e nella abilitazione degli operatori. 16

20 OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA IMPORTANTE PER TUTTE LE SOCIETA Le società che stipulano convenzioni con società di serie A1 o A2 per l assolvimento degli obblighi di queste ultime, con la stessa squadra non assolvono eventuali obblighi previsti per la propria società derivanti dalla serie che disputano. In pratica i campionati di categoria in convenzione non possono assolvere a due obblighi. E ovvio che se una società, per esempio, disputa un campionato Under 17 in convenzione per una società di serie A1 o A2, può partecipare con un altra squadra, ovviamente formata da atleti diversi, nella stessa categoria per assolvere ad eventuali propri obblighi. SERIE A1 e A2 MASCHILE Le società partecipanti ai campionati di Serie A1 e A2 maschile devono prendere parte ai seguenti campionati di categoria indetti dalla FIPAV nella corrispondente sezione maschile: UNDER 17 -UNDER 15 - UNDER 14 e UNDER 13. La partecipazione al campionato Under 19 è facoltativa. Lo svolgimento e la partecipazione alla Junior League è subordinata alla decisione della Lega Pallavolo Serie A. Convenzioni: Le società di serie A1 e A2 possono disputare in convenzione i campionati Under17 e Under 15. Le società di serie A dovranno versare la somma di 1.000,00 per ogni Campionato disputato in Convenzione. Sanzioni Il mancato assolvimento degli obblighi suddetti comporteranno le seguenti sanzioni: la prima rinuncia ad una gara di un Campionato di categoria: multa di 1.000,00; seconda rinuncia ad una gara del medesimo Campionato: multa di 1.000,00 ed esclusione dal Campionato con conseguente ulteriore multa di ,00 (per la serie A2) e ,00 (per la serie A1) e 3 punti di penalizzazione nella classifica del Campionato di serie A. In caso di rinunce commesse da una società che partecipa in funzione della convenzione con una società di Serie A, sarà quest ultima a subire le sanzioni suddette. 17

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 2009-2010

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 2009-2010 FIPAV Federazione Italiana Pallavolo CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 2009-2010 Per quanto non contemplato nelle presenti circolari, valgono integralmente le norme previste dai Regolamenti

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 A tutte le Società di MonzaBrianza Loro sedi Agrate B.za 14-07-2011 Prot. 2/CPG e p.c. C.R. Lombardo FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006.

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006. Roma, 22 giugno 2005 A Tutte le società dei Campionati Nazionali Ai Comitati Regionali FIPAV Ai Comitati Provinciali FIPAV Alle Leghe Nazionali Pallavolo TRASMISSIONE VIA FAX ed E-MAIL Oggetto: Norme amministrative

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2011/2012 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2011/2012 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2011/2012 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI INDIZIONE CAMPIONATO di SECONDA DIVISIONE FEMMINILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare di Torino organizza il campionato di Prima Divisione Femminile.

Dettagli

LE PRINCIPALI NORME DELLA STAGIONE 2015/2016

LE PRINCIPALI NORME DELLA STAGIONE 2015/2016 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

LE PRINCIPALI NORME DELLA STAGIONE 2013/2014

LE PRINCIPALI NORME DELLA STAGIONE 2013/2014 STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

VADEMECUM PROVINCIALE. DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo. www.fipav.re.it. segreteria@fipav.re.it

VADEMECUM PROVINCIALE. DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo. www.fipav.re.it. segreteria@fipav.re.it VADEMECUM PROVINCIALE DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo Stag. Sport. 2014-2015 www.fipav.re.it segreteria@fipav.re.it Commissione Provinciale Gare FIPAV Reggio Emilia INDICE PUNTO

Dettagli

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Massa Carrara Prot.n. 121/10 Carrara, 17 luglio 2010 Spett. Società FIPAV interessate e p.c. Comm. Naz. Gare FIPAV Segreteria Generale Roma Egregi

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 NORME GENERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 NORME GENERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 NORME GENERALI GESTIONE DEI CAMPIONATI INTERREGIONALI TRAMITE IL PROGRAMMA FIPAVONLINE In allegato si invia una guida con le spiegazioni per gestire il programma Fipavonline.

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

Gli importi sono comprensivi della tassa di iscrizione, del contributo per il concorso spese generali e del contributo per il servizio risultati.

Gli importi sono comprensivi della tassa di iscrizione, del contributo per il concorso spese generali e del contributo per il servizio risultati. Campionati di categoria SETTORE MASCHILE 2015/2016 Per la gestione on-line di iscrizioni, designazioni, calendari, spostamenti gara, versamenti, risultati e classifiche le società troveranno un settore

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2013/2014 Formula di svolgimento: fase di qualificazione, fase ad orologio più Play-off e eventuali

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale [C.O.G.P.] organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile;

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015 INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile; l

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT e AL/Bl/NO/VC/VCO.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT. [Art. 1 e 2, comma

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 1. INDIZIONE Il C. R. Liguria indice e la COGR organizza la Fase Regionale del Campionato

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 CU 5 del 2/10/2014 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Lecco c/o CONI CASA DELLO SPORT Via allo Zucco 6-23900 Lecco tel 0341/251587 - fax 0341/258436 e-mail: lecco@federvolley.it sito internet: www.lecco.federvolley.it

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 CU 4 del 10/10/2013 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 31 / 07 / 2014 FIPAV Lombardia

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Pagina 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI stagione sportiva 2007 2008 Delibera n. 37 Consiglio Regionale n. 22 del 29/05/2007 PER

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 SERIE A Specialità RAFFA Anno Sportivo 2015 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito

Dettagli

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE B1 - B2 2015-2016

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE B1 - B2 2015-2016 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F. Anno Sportivo 2014/2015. Serie C Regionale

DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F. Anno Sportivo 2014/2015. Serie C Regionale DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F Under e Over nei Campionati Seniores Regionali Maschili Minimo 3 Under Massimo 3 Over Attenzione!! Serie C Regionale Anno Sportivo 2014/2015 Serie D 2 nati 1994

Dettagli

REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI SERIE C E D M/F 2015/2016

REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI SERIE C E D M/F 2015/2016 Via Ippolito D Aste 3/6 sc.sx 16121 Genova Tel. 0108370372 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net Genova, 01 luglio 2015 Prot. n.127/cogr REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 27 / 07 / 2015 FIPAV Lombardia

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 SERIE A Specialità RAFFA Pagina 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto

Dettagli

Egregi Signori Presidenti,

Egregi Signori Presidenti, 1 Prot. n 103/15 Firenze, 25 giugno 2015 Spett.li Società FIPAV interessate Ai Presidenti Comitati FIPAV Toscana Ai Consiglieri C.R. Al Centro Qualificazione della Toscana Al Commissario Arbitri Regionale

Dettagli

36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI

36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI 36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI La società A.S.D. Appio Roma Pallavolo in collaborazione con la A.S.D. Roma Centro e con i patrocini del Comitato Regionale Fipav Lazio e del Comitato Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2014/2015 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO E possibile effettuare tutti i versamenti dovuti alla FIPAV Nazionale (tutti quelli che hanno la causale

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE

COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE CIRCOLARE INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE, DI CATEGORIA E PROMOZIONALE U12 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Brescia, Luglio 2015 Il presente

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie A potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO

STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO Da questa Stagione 2015/2016 tutte le Società di ogni Serie e Categoria e tutti i Tecnici di ogni ruolo e grado, saranno obbligati all utilizzo

Dettagli

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2013-2014

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2013-2014 T E Disposizioni Organizzative Annuali Anno Sportivo 2013-2014 S S E approvate dal Consiglio Federale nella riunione del 20 aprile 2013 delibera n. 489 R A M E N T O Sommario Titolo I Regole Generali...

Dettagli

Norme per il tesseramento degli atleti

Norme per il tesseramento degli atleti FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Norme per il tesseramento degli atleti Il presente documento costituisce una guida sulle norme per l'affiliazione, il tesseramento. Attualmente gli articoli relativi

Dettagli

Norme per il tesseramento degli atleti

Norme per il tesseramento degli atleti FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Norme per il tesseramento degli atleti Il presente documento costituisce una guida sulle norme per l'affiliazione, il tesseramento. Attualmente gli articoli relativi

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

CAPITOLO IV - Gare. Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto

CAPITOLO IV - Gare. Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto CAMPIONATO Obbligo Under Limite Over Limite Prestiti Serie A2 Gold e Silver 3 nati 93e seg. vedi circolare(2) Non previsto Non previsto Serie B 3

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE COMMISSIONE TECNICA FEDERALE Prot. 10 Mantova, 09/02/2015 Alle Società di serie A e B Alla Commissione Tecnica Arbitrale Al Giudice Unico E p.c. Ai Comitati Provinciali Ai Comitati Regionali All Ufficio

Dettagli

Disposizioni Organizzative Annuali Comitato Regionale Sardegna. Anno Sportivo 2015-2016

Disposizioni Organizzative Annuali Comitato Regionale Sardegna. Anno Sportivo 2015-2016 Disposizioni Organizzative Annuali Comitato Regionale Sardegna Anno Sportivo 2015-2016 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE SARDEGNA Sede: Via Rockefeller 24 09126 Cagliari CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola"

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale Sport in regola Csi Varese Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola" Anno sportivo 2014/2015 CARTA DEL FAIR PLAY PRINCIPI DELLA CORRETTEZZA Qualunque sia il ruolo che svolgo nello sport, anche

Dettagli

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 - B1 - B2 2004-2005

CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 - B1 - B2 2004-2005 FIPAV Federazione Italiana Pallavolo CIRCOLARI INDIZIONE CAMPIONATI NAZIONALI SERIE A1 - A2 - B1 - B2 2004-2005 Per quanto non contemplato nelle presenti circolari, valgono integralmente le norme previste

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2015-2016

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2015-2016 T E Disposizioni Organizzative Annuali Anno Sportivo 2015-2016 S S E approvate dal Consiglio Federale nella riunione del 28 marzo 2015 delibera n.373 R A M E N T O Sommario Titolo I Regole Generali...

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2014-2015

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2014-2015 T E Disposizioni Organizzative Annuali Anno Sportivo 2014-2015 S S E approvate dal Consiglio Federale nella riunione del 10 maggio 2014 delibera n. 439 R A M E N T O Sommario Titolo I Regole Generali...

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI P a g i n a 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Stagione Sportiva 2013-2014 Delibera n. 44 - Consiglio Regionale n. 6 del 18/06/2013

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

NORMATIVE FEDERALI PER LA STAGIONE 2015-16

NORMATIVE FEDERALI PER LA STAGIONE 2015-16 NORMATIVE FEDERALI PER LA STAGIONE 2015-16 Fermo restando quanto previsto dalla GUIDA PRATICA 2015-16, il presente documento fornisce, oltre ad un estratto dei suoi principali contenuti, ulteriori indicazioni

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello CIRCOLARE di INDIZIONE CAMPIONATI - Stagione Sportiva 2014/2015 Il Comitato Regionale FIPAV del Friuli Venezia Giulia indice ed organizza, tramite la Commissione Organizzativa Gare Regionale, i Campionati

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

Circolare di Indizione dei Campionati Regionali 2014/2015 Ver. 1.0 del 25/06/2014 17:06 Pag. 1 di 33

Circolare di Indizione dei Campionati Regionali 2014/2015 Ver. 1.0 del 25/06/2014 17:06 Pag. 1 di 33 INDIZIONE DEI CAMPIONATI REGIONALI 2014/2015 Circolare di Indizione dei Campionati Regionali 2014/2015 Ver. 1.0 del 25/06/2014 17:06 Pag. 1 di 33 La Federazione Italiana Pallavolo indice ed il Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S.

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S. A.B.I.S Ravenna ENDAS EMILIA ROMAGNA ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Sede - Via Salita, 2-48018 Faenza (RA) Sede operativa di Fusignano Tel.-Segr.-Fax 0545.288059 C.F. e P.IVA 02028560395 e-mail:

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441-346 0825520-346 4133777 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.calabria.fip.it

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO PRIMO CAMPIONATO DILETTANTI 2011-2012 O CAMPIONATO DI SVILUPPO STRALCIO DEL COMUNICATO UFFICIALE n.498 del 24 gennaio 2011 Consiglio Federale n.4 - Roma, 21 e 22 gennaio

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola"

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale Sport in regola Csi Varese Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola" Anno sportivo 2015/2016 CARTA DEL FAIR PLAY PRINCIPI DELLA CORRETTEZZA Qualunque sia il ruolo che svolgo nello sport, anche

Dettagli

DALLA COMMISIONE ORGANIZZATIVA GARE INDIRIZZI E COMUNICAZIONI

DALLA COMMISIONE ORGANIZZATIVA GARE INDIRIZZI E COMUNICAZIONI COMUNICATO UFFICIALE N 01 01 AGOSTO 2015 STAGIONE AGONISTICA 2014 2015 1 INDICE - Indirizzi e comunicazioni pag. 3 - Mancati versamenti, blocco affiliazioni pag. 4 - Tasse iscrizioni, contributi gara e

Dettagli

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2014-2015

T E S S E R A M E N T O. Disposizioni Organizzative Annuali. Anno Sportivo 2014-2015 T E Disposizioni Organizzative Annuali Anno Sportivo 2014-2015 S S E approvate dal Consiglio Federale nella riunione del 10 maggio 2014 delibera n. 439 R A M E N T O Sommario Titolo I Regole Generali...

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013 CAMPIONATO UNDER 14 FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2012/2013 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA Su esplicita richiesta del Responsabile Tecnico Territoriale della categoria, in occasione della

Dettagli

EDIZIONE AGGIORNATA. CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007

EDIZIONE AGGIORNATA. CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007 CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007 Sono ammesse a partecipare al Campionato di Serie A1 femminile, edizione 2006-2007 le seguenti Società: GEYMONAT ORIZZONTE CATANIA GIFA CITTA

Dettagli

Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016

Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016 Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016 Circolare di Indizione dei Campionati Regionali e Provinciali 2015/2016 Pagina 1 di 60 SOMMARIO Norme Generali... pag.

Dettagli

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015.

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015. VOLLEY MISTA SPORT CAAM SARDEGNA 2015 TROFEO NAZIONALE/REGIONALE A.S.C. ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015 Costi

Dettagli

LEGA CALCIO UISP SIENA NORME DI PARTECIPAZIONE Stagione Sportiva 2012-2013

LEGA CALCIO UISP SIENA NORME DI PARTECIPAZIONE Stagione Sportiva 2012-2013 LEGA CALCIO UISP SIENA ZONA VALDICHIANA Comunicato 01 PROMOZIONE Gir. B Si comunica a tutte le società partecipanti al campionato di Promozione il programma della prima giornata: 1ª Giornata Girone B A.S.D.

Dettagli

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO SERIE A1 MASCHILE Alla serie A1 maschile prendono parte 16 squadre divise in quattro gironi da quattro squadre, con

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale

CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale Indice/ Art. 01 - Partecipanti pag. 02 Art. 02 - Documenti di riconoscimento pag. 03 Art. 03 - Periodo di svolgimento. pag. 03 Art. 04 - Formula di

Dettagli

Finali Nazionali A.S.C. Calcio

Finali Nazionali A.S.C. Calcio Finali Nazionali A.S.C. Calcio Finali Regionali 15/22 & 27/28 Giugno 2015 070/485038 cell. 3804533335-4 mail: asccagliari@virgilio.it sito www.ascsardegna.it - Aggiornato 20 Gennaio 2015 Meglio Sapere

Dettagli

Ufficio Gare Firenze

Ufficio Gare Firenze CAMPIONATO SERIE C FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2010/2011 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA PRIMA FASE Due gironi di 7/8 squadre con formula del girone all italiana con gare di andata e ritorno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

CAMPIONATO DI SERIE C Maschile e Femminile

CAMPIONATO DI SERIE C Maschile e Femminile ( Comitato Regionale Emilia Romagna Bologna, 27 giugno 2011 Alle Società di Serie C e D m./f. Ai Consiglieri Regionali Fipav Ai Comitati Provinciali Fipav Alle Commissioni Regionali Alla Commissione Naz.

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

Sito internet: www.italialeaguecalcio.it E-mail: info@italialeaguecalcio.it REGOLAMENT0 GENERALE. Aggiornato al Sabato 23 Giugno 2012

Sito internet: www.italialeaguecalcio.it E-mail: info@italialeaguecalcio.it REGOLAMENT0 GENERALE. Aggiornato al Sabato 23 Giugno 2012 ITALIA LEAGUE CALCIO WWW.ITALIALEAGUECALCIO.IT Campionato Provinciale Bergamo calcio a 5 2012-13 Il primo Campionato Amatoriale che si svolge in 20 Province contemporaneamente Ad ogni squadra un kit di

Dettagli