Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund. uno strumento innovativo per l impresa sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund. uno strumento innovativo per l impresa sociale"

Transcript

1 1 Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund uno strumento innovativo per l impresa sociale

2 2 Premessa: tra cooperazione e finanza Negli ultimi anni stiamo assistendo a una diffusa, pervasiva e prolungata crisi del modello economico di sviluppo consolidato, allo stesso tempo cresce la consapevolezza del bisogno di modelli alternativi che mettano al centro la questione ambientale e una più equa distribuzione delle risorse sia a livello internazionale sia all interno dei singoli paesi. In ambito finanziario emergono nuove iniziative che cercano di coniugare il profitto dell investimento con l impatto sociale e ambientale; contemporaneamente si sperimenta a livello planetario una forte riduzione delle risorse a fondo perduto elargite per alleviare i cronici problemi sociali a livello mondiale. Tutto questo ha fatto nascere, soprattutto nei paesi anglosassoni, ma il fenomeno è ormai mondiale, l idea che è possibile investire in nuove tipologie di imprese che hanno come obbiettivo quello di dare una risposta ai problemi irrisolti della nostra società. Sta nascendo di fatto un nuovo settore industriale chiamato impact investing cioè una finanza innovativa che fa da ponte tra gli investitori più responsabili e attenti all impatto delle proprie scelte di investimento, la filantropia lungimirante, il mondo dei mission related investments, e l imprenditoria sociale che valorizza le modalità di mercato per creare impatto sociale. Secondo un rapporto di J.P. Morgan e The Rockefeller Foundation l impact investing come industria potrebbe mobilitare dai 400 ai miliardi di dollari nell arco dei prossimi 10 anni 1. La popolazione alla Base della Piramide, l impresa sociale e l impact investing La popolazione alla Base della Piramide dei redditi ( Bop population in inglese) cioè quella che vive con meno di 3 $ al giorno ammonta a quasi 4 miliardi di persone; circa metà della popolazione del mondo non ha accesso ad adeguati beni e servizi basilari per la vita o, pur avendovi accesso, è soggetta al vincolo della poverty penalty, una dinamica multidimensionale per cui l accesso a tali beni e servizi, quando è disponibile, lo è solo a prezzi e modalità più penalizzanti 2. In paesi a rapida crescita, come l India e 1 J.P.Morgan, Impact Investments: An Emerging Asset Class, Global Research, 29 novembre La poverty penalty descrive il fenomeno che I poveri tendono a pagare di più per nutrirsi, comprare un qualsiasi bene o accedere a un prestito. Il termine è stato ampiamente utilizzato dopo l uso che ne ha fatto C.K.Prahalad nel libro The fortune at the base of the Pyramid, nel 2005 e nella recente riedizione; nello specifico Prahalad riporta il

3 3 alcuni paesi africani, si assiste al drammatico fallimento delle politiche di inclusione statali e alla non meno preoccupante inadeguatezza in termini di impatto sociale degli interventi di cooperazione classica. I bisogni essenziali di oltre la metà dell umanità sembrano non poter trovare risposta né attraverso il welfare statale né attraverso la filantropia e la cooperazione. Le imprese sociali, spontaneamente nate negli ultimi anni, stanno cercando faticosamente di fornire soluzioni sostenibili al problema dell accesso ai beni e servizi essenziali per una vita umana dignitosa superando la dicotomica distanza fra il donatore e il beneficiario, costruendo un rapporto nuovo tra i beneficiari e gli attori dello sviluppo che spesso vengono a coincidere. Sotto il nome di impresa sociale, di social business, di market based solutions si sta organizzando un mondo di imprenditori, operatori, cooperanti, professionisti che ha bisogno sempre più di investimenti in formazione e in trasferimento di competenze specifiche dell industria evoluta per poter rispondere alle esigenze di una così vasta moltitudine di persone che, nel processo di globalizzazione planetaria, rischia di passare dall economia di sussistenza, nella quale ha vissuto per secoli, alla miseria o emarginazione. La filantropia più avanzata, consapevole delle potenzialità dell approccio di mercato al welfare e allo sviluppo, lo sta promuovendo. Occorre lavorare sulla convergenza degli interventi e degli attori coinvolti e far sì che emerga anche una il carattere di questa nuova finanza che si pone l obbiettivo prioritario di migliorare le condizioni di vita delle popolazione Bop, anteponendo all alto ritorno economico la creazione di impatto sociale sui territori, e che lavora in stretta connessione con la filantropia più avanzata, che ha scelto di sostenere le imprese sociali di successo come strumenti privilegiati per creare inclusione sociale. Negli ultimi trent anni si è assistito all affermazione della microfinanza, finora l unica tipologia di impresa con alto impatto sociale che ha superato la dicotomia donatorebeneficiario; tale settore è cresciuto, ha visto la nascita e il consolidarsi di fondi di investimento dedicati e ha assunto le dimensioni di una vera e propria industria. C è chi ipotizza che sulla scia dell esperienza di successo della microfinanza la nascente industria dell impact investing si rafforzi sempre di più e sia sempre più in grado di premio di 53 volte che i poveri nello slum di Dharavi pagano per accedere al credito, di 37 volte per accedere all acqua, di dieci volte per accedere a un trattamento per curare la dissenteria

4 4 dare una risposta ai bisogni dei poveri e delle fasce più vulnerabili della popolazione Bop nel campo della salute, dell istruzione, dell accesso all energia e al cibo, dell educazione, della gestione dei rifiuti, dell agricoltura e dell acqua potabile. La sfida è ciclopica ma sicuramente qualcosa di nuovo è nato in questi anni. Urge però strutturare questo nuovo settore economico e di investimento; c è la necessità di sviluppare un nuovo linguaggio, nuove strutture giuridiche, nuovi paradigmi e anche una nuova metrica per misurare in primis l impatto sociale. Dall analisi dei portafogli degli impact funds esistenti emerge un profilo molto variegato e assai poco omogeneo delle imprese sociali target di investimento: alcune sono non profit altre invece sono società di capitali, coprono molteplici campi di intervento e hanno dimensioni molto diverse a seconda dei territori e delle attività. E un mondo in evoluzione, ricchissimo di idee e innovazione, dove si stanno definendo le strategie imprenditoriali, i modelli sostenibili e dove stanno emergendo i primi casi di successo. Ciò sta già richiamando l attenzione di importanti attori della finanza tradizionale che vedono la possibilità di replicare il miracolo della micro finanza : creare impatto sociale e avere buoni ritorni economici. Se questa è sicuramente la prospettiva, bisogna però ricordare che la microfinanza ha impiegato trent anni per diventare il settore maturo e industriale di oggi e, nei primi dieci-quindici anni, ha assorbito ingentissime quantità di denaro a fondo perduto per strutturare l ecosistema e rafforzare le prime organizzazioni (Monitor Inclusive Markets: From Blueprint to Scale, aprile 2012). Anche l impact investing avrà bisogno della creazione di un ecosistema favorevole e con questo obbiettivo le fondazioni più all avanguardia a livello mondiale (la Rockfeller Foundation in testa) si sono mobilitate e stanno finanziando studi, ricerche, casi pilota e i primi fondi dedicati come Acumen Fund (www.acumenfund.org) che ha investito oltre 75 milioni di dollari in 10 anni, e Lok capital in India, uno dei primi a incanalare risorse finanziarie verso imprese sociali ad alto potenziale di impatto.

5 5 Perché il Fondo no profit Opes Opes nasce, sulla base di esperienze pluriennali nel campo della cooperazione allo sviluppo, della microfinanza, delle marked based solutions e del commercio equo e solidale, e dallo studio e dalla condivisione dello scenario sopra descritto. Vuole essere uno strumento nuovo che possa servire per far crescere il settore dell impresa sociale al Nord come al Sud del Mondo. La scelta è stata quella di creare una Fondazione di diritto italiano, quindi una organizzazione no profit (addirittura una Onlus), che investe nelle imprese sociali sia direttamente sia per mezzo di veicoli ad hoc sui territori. E stato definito un veicolo no profit dopo aver analizzato i numerosi fondi esistenti (quasi tutti for profit) e rilevando che il bisogno più importante per le imprese sociali è quella dei capitali pazienti, cioè di investimenti a lungo termine che tenacemente ma con premura portano progressivamente le imprese a raggiungere la sostenibilità economica e sociale. Quindi una Fondazione Onlus che viene gestita come un Fondo con l obbiettivo di massimizzare l impatto sociale e di reinvestire il capitale che rientra in altre imprese sociali, in un circolo virtuoso di sviluppo. Opes privilegia le imprese sociali più che sulla valutazione della loro natura giuridica (profit o non profit) sulla base del reale impatto sociale atteso, ovvero la capacità di generare un tangibile miglioramento delle condizioni di vita della popolazione Bop, relativamente alle privazioni ed esclusioni 3. L impresa sociale che verrà sostenuta è: un impresa ad alto impatto sociale e elevato potenziale di crescita che persegue la sostenibilità economica, ambientale e sociale attraverso soluzioni market based innovative ai problemi più critici e persistenti della base della piramide. Importante è per Opes il posizionamento settoriale: là dove la criticità dei problemi assume maggiore rilevanza e l accesso alle soluzioni è inadeguato, l impresa sociale che da risposte di ampia inclusività diventa potenziale target d investimento di Opes. I settori prioritari di investimento per Opes sono pertanto la salute, l accesso all acqua, al 3 per il concetto di privazione si rimanda al significato di deprivation espresso da Amartya Sen nel 1981, in Poverty and Famines: An Essay on Entitlement and Deprivation (1981), dove l autore sostiene che le carestie hanno luogo non per la mancanza di cibo ma per le disuguaglianze insite nei meccanismi di distribuzione del cibo; per il significato di esclusione si rimanda invece all approccio sulle capabilities dello stesso autore nell articolo "Equality of What.", Dove Sen propone l esempio della capacità di votare, che in sé è un concetto vuoto, a meno che non incorpori delle funzioni, come l accesso all educazione, o specificatamente ai trasporti esistenti per andare alle urne.solo quando queste barriere sono rimosse si può dire che un cittadino abbia la capacità di esprimere una scelta

6 6 cibo, ai servizi igenici di base, all educazione, ma anche l agricoltura, la produzione sostenibile e il commercio equo quando creano impatto sociale misurabile sui territori. I promotori Istituzionali di Opes sono cinque, brevemente descritti qui di seguito: Fondazione ACRA-CCS Ong lombarda costituita nel 1968 e attiva prevalentemente in Africa e America Latina, specializzata nei settori della sicurezza alimentare, della gestione delle risorse naturali, dello sviluppo economico e dell educazione. Presente in 15 paesi e con un personale di circa 400 persone, una rete di partner e attori strategici nel settore dell impresa sociale a livello mondiale, ha un team dedicato che si occupa di micro finanza e impresa sociale. Associazione Fem S3 Onlus Fem S3 Soluzioni Sociali Sostenibili è attiva dal 2006 nei settori del social business e delle soluzioni di impresa per il cambiamento sociale. Lavora principalmente in India in rete con numerose organizzazioni locali e si avvale della collaborazione di partner tecnici per sviluppare, testare e diffondere modelli di business sostenibili e replicabili che possano offrire soluzioni di alta qualità a un prezzo ragionevole per la popolazione BOP. Ha una sede in India e una di rappresentanza a Londra. MicroVentures L iniziativa MicroVentures - nata nel 2006 in Italia come intermediario specializzato nell investimento in Istituzioni di MicroFinanza (IMF) è stata promossa da un gruppo di attori con specifica esperienza nei settori del venture capital sociale e della cooperazione economica con i Paesi Emergenti, sostenuti da un pool di istituzioni finanziarie, fondazioni private e investitori individuali. Oggi MicroVentures è un network internazionale di diverse entità, che complessivamente forniscono risorse finanziarie a circa 30 IMF, sia attraverso investimenti nel capitale di rischio (per i quali si sono

7 7 stanziati eur 33 Mln) che con l erogazione di finanziamenti (circa eur 22 Mln a giugno 2012). Consorzio Altromercato Il Consorzio Ctm Altromercato, nato nel 1998 per trasformazione della Cooperativa Ctm, è la più grande realtà Italiana di commercio equo e solidale e la seconda in Europa. E formato da 120 soci Botteghe del Mondo che operano su tutto il territorio nazionale distribuendo i prodotti del commercio equo e solidale e promuovendo la cultura ad esso collegata. Ha relazioni di partenariato e di cooperazione con oltre 150 gruppi di produttori in oltre 50 paesi del mondo (Italia inclusa). Sviluppa un fatturato complessivo di oltre 80 Mln di al dettaglio ed è presente come marchio nei principali canali della distribuzione organizzata. Attraverso i propri soci sul territorio rappresenta un movimento di oltre persone e più di 8000 volontari. Fondazione Maria Enrica La Fondazione Maria Enrica è una fondazione privata bresciana che da oltre quindici anni sostiene la cooperazione allo sviluppo nel Sud del Mondo e in modo particolare gli interventi volti all empowerment delle donne e il loro affrancamento dalle situazioni di dipendenza e marginalità attraverso la formazione e il trasferimento di competenze specifiche. Ha sostenuto, tra le altre, sin dall inzio i primi passi di Microventures e di Fem. Oltre ai Promotori Istituzionali nove Promotori individuali con diverse esperienze pregresse (sia di cooperazione che di industria e finanza) hanno lavorato insieme negli ultimi due anni nell ideazione e nel lancio di Opes. Essi sono: Brichetti Paolo, Casolari Elena, Fracassi Rodolfo, Freato Giovanni, Gerola Giovanni, Grigolli Paolo, Magnoni Stefano, Siccardo Giovanni.

8 8 Principi ispiratori del Fondo Opes Le caratteristiche principali del Fondo sono: Focus sull impresa sociale innovativa: Opes vuole promuovere imprese sociali innovative che si pongono l obbiettivo di creare impatto sociale con iniziative di mercato. Particolare attenzione sarà messa nella valutazione del reale coinvolgimento e impegno degli imprenditori nella mission sociale dell impresa, nella convinzione che la vera chiave di volta del successo di un impresa è la visione e la dedizione dell imprenditore. Forte relazione: I rapporti tra imprenditori sociali e Opes saranno stretti e permetteranno la definizione di modelli innovativi e modulabili di cambiamento sociali. Opes garantirà un coinvolgimento strategico e operativo nelle imprese oggetto di investimento al fine di contribuire in maniera sostanziale alla crescita e sviluppo dell impresa. Finanziamenti su misura : Utilizzo degli strumenti finanziari più idonei, differenziati e appropriati alla realtà locale. Il management di Opes sarà supportato dal Comitato Scientifico e dal Collegio dei Promotori; avrà così a disposizione elevate competenze di natura tecnico-finanziario e culturale per capire, identificare e utilizzare lo strumento più adatto e coerente alla singola situazione. Supporto pluriennale: L orizzonte temporale previsto andrà dai tre ai quattordici anni, con l obiettivo, al termine del periodo in cui sono erogati i finanziamenti, di aiutare l organizzazione ad essere finanziariamente auto sostenibile. Il comitato d investimento definirà le possibili via d uscita in fase preliminare. Obbiettivo prioritario dell investimento è l impatto sociale coniugato con il ritorno economico che ha il solo scopo di rendere sostenibile Opes. Supporto non finanziario: L obiettivo del fondo è diventare un punto di riferimento per le Imprese Sociali in cui vengono investiti i capitali. In questa ottica Opes, grazie alla rete dei partner strategici e alla composita struttura dei suoi promotori, fornirà sostegno per la pianificazione strategica, lo sviluppo di relazioni commerciali, e dell attività. Questo supporto, possibile data la natura dei Promotori istituzionali ha un ruolo fondamentale, dato che il mondo dell impresa sociale è ancora in una fase

9 9 embrionale del suo percorso di sviluppo e ha ancora bisogno di strutturare un proprio ecosistema. Supporto alla crescita: Opes avrà un focus specifico sulla capacità operativa e sulla sostenibilità di lungo periodo delle imprese sociali. Il team di Opes si occuperà del monitoraggio e valuterà costantemente l attività dell impresa in funzione dell impatto sociale prodotto. Uno degli elementi chiave che verranno considerati nel selezionare le imprese, sarà anche la capacità di replicare modelli simili e di crescere di scala sempre nell ottica di massimizzare l impatto sociale. Trasparenza verso i donatori e impatto sociale: Opes si impegnerà ad essere trasparente nelle proprie azioni e comunicazioni. Verrà messa a punto una periodica comunicazione dello stato degli investimenti e dei risultati in termini economici e di impatto sociale delle imprese investite. Saranno valutati partenariati con gli attori maggiormente attivi sulla misurazione dell impatto sociale, al fine di trovare metodologie semplici ma efficaci per misurare lo stesso. - Sobrietà: Opes gestirà la propria struttura nel modo più efficiente possibile, secondo un criterio di sobrietà, al fine di massimizzare la quantità di risorse da utilizzare direttamente per gli investimenti nelle imprese sociali. Strategia di Investimento La strategia di Opes è di investire su imprese sociali che propongono soluzioni ai problemi della Base della Piramide primariamente in settori critici quali la sanità, i servizi igienici di base, l energia, l agroalimentare, l accesso all acqua, e l educazione, il commercio equo e solidale. Le imprese sociali che sono eleggibili per gli investimenti di Opes possono configurarsi diversamente a livello di forma giuridica: da organizzazioni non-profit che cercano di ampliare il proprio impatto sociale assumendo una configurazione di impresa per le attività gestite, a piccole-medie imprese bisognose di capitale e ancora prive di accesso ai canali tradizionali di finanziamento. Sono state studiate le tre fasi di evoluzione delle imprese sociali : Start up: intese come imprese sociali non ancora operative, ma di cui è stato definito il progetto imprenditoriale ed il business plan.

10 10 Early stage: intese come imprese sociali il cui progetto imprenditoriale è stato posto sul mercato ma che necessita ancora di supporto per la validazione e lo sviluppo. Maturity : intese come imprese sociali con risultati consolidati sul mercato da più anni. Il posizionamento di Opes sarà principalmente sullo stadio early stage. Le imprese sociali su cui Opes investe, oltre ad avere un chiaro business plan, devono avere le seguenti caratteristiche: un elevato impatto sociale i prodotti e i servizi che le imprese forniscono devono generare un effettivo cambiamento nelle condizione di vita per la Base della Piramide un alto impegno sociale dell imprenditore, e un alta qualità del Consiglio di Amministrazione e della Direzione Operativa dell impresa modalità trasparenti di controllo di gestione e allocazione risorse un meccanismo di governance capace di garantire stabilità una potenzialità di crescita anche in termini di replicabilità e scalabilità. Inoltre verranno privilegiate quelle realtà di impresa che sposano dei criteri sociali anche nella gestione delle risorse umane, nell adozione di meccanismi di benefit sharing e impegno sul territorio, oltre a quello esplicitato nei fini istituzionali; ovvero quelle imprese sociali che sono di frontiera e innovative nel loro essere sociali. Opes allocherà le proprie risorse tra operazioni in capitale (equity/para equity) e prestiti con prevalenza (70-75%) in equity e con dimensione indicativa di ogni singolo investimento da 50,000 a 400,000. Proprio per sostenere lo sviluppo delle imprese sociali, con il ricorso a capitali pazienti, la durata media stimata per gli investimenti in equity varierà da 8 ai 14 anni mentre per i prestiti si prevedono grace periods fino a un anno e durata media in funzione dei bisogni delle imprese sociali (dai 3 ai 5 anni). I tassi di interesse applicati ai prestiti saranno inferiori ai tassi di mercato prevalenti. Il capitale sarà prestato in valuta locale (rischio di cambio per Opes). I paesi di intervento saranno modulati nel tempo: si partirà con i paesi dove le reti promotrici di Opes sono più radicate e quindi: l India, la Tanzania, l Uganda e il Kenya senza dimenticare il Nord Africa, l Italia stessa, l Ecuador, il Burkina, l Indonesia, la Cambogia e il Senegal. Interventi puntuali su imprese in altri paesi non prioritari saranno possibili anche da subito se accompagnate da reti e organizzazioni che hanno

11 11 radicamento in tali territori o a complemento di processi di incubazione già avviati (esempio 4 fondazione per l Africa, altri progetti paese, ecc) I pertenariati strategici (la rete) e il modus operandi innovativo Opes nella sua fase di costituzione ha già di fatto costituito un importante rete con soggetti attivi nell ecosistema dell impresa sociale. E proprio la scelta di operare con una rete di collaboratori individuali e collettivi che a vario titolo offrono informazioni, competenze e prestazioni professionali il cuore dell operatività di Opes; Opes si propone come un organizzazione apice di reti. In primis le reti dei promotori: Altromercato, Acra, FemS3 e Microventures che forniscono il radicamento nei territori e forniscono conoscenze e capacità di alto livello (altrimenti molto costose), in aggiunta i Partecipanti apriranno la collaborazione con altri soggetti italiani ed europei che vorranno entrare nell universo OPES. Sarà una struttura leggera che si appoggerà su altre strutture valorizzandone le competenze e i risultati.

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera

Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera Nella sua grandezza il genio disdegna le strade battute e cerca regioni ancora inesplorate (Abraham Lincoln) Lo strumento filantropico in breve Il

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale. Roma, 22 giugno 2016

Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale. Roma, 22 giugno 2016 Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale Roma, 22 giugno 2016 Introduzione Tradizionalmente gli investitori sono guidati dall obiettivo di massimizzare il rendimento dei capitali investiti,

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO 11 febbraio 2015, Senato della Repubblica Il contesto di riferimento Due principali criticità

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL UMANA MENTE SUMMER SCHOOL WEBINAIR Grautità e intermediazione filantropica Relatore: Bernardino Casadei Segretario Generale Assifero 11 SETTEMBRE 2012 L intermediazione filantropica Un ente, di norma una

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Chi siamo Associazione PerMicroLab Onlus non ha scopo di lucro finalità solidarietà sociale

Chi siamo Associazione PerMicroLab Onlus non ha scopo di lucro finalità solidarietà sociale Indice Chi siamo La nostra mission La nostra storia I soci Con chi collaboriamo Il programma Youth Business Italy Il Mentoring I Mentor volontari Contatti Chi siamo L Associazione PerMicroLab Onlus, già

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment

Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment Un investimento tre volte etico Fonditalia Ethical Investment è una nuova soluzione di investimento promossa da Sanpaolo Invest che coniuga

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon Supply demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment - ACT SOCIAL 23 giugno 2015 - Università degli Studi

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà CHI SIAMO SudgestAid è una Società consortile italiana, senza scopo di lucro, partecipata da Agenzie pubbliche, impegnata nel

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze Capitalizzare le esperienze DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 Nel 2007 quattro tra le principali Fondazioni di origine bancaria italiane, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo

Dettagli

L IMPRESA SOCIALE SI RACCONTA

L IMPRESA SOCIALE SI RACCONTA impact investing IN QUATTRO ATTI L IMPRESA SOCIALE SI RACCONTA Milano, martedì 10 giugno 2014 ore 17.00-19.30 Teatro Anteo Via Milazzo 9, Milano In collaborazione con impact investing IN QUATTRO ATTI L

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PROGRAMMA PROVVISIORIO

PROGRAMMA PROVVISIORIO PROGRAMMA PROVVISIORIO Cinque temi principali Social Enterprise World Forum 2015 Milano, 1-3 luglio 2015 1. L ecosistema per lo sviluppo delle imprese sociali Gli imprenditori sociali riconoscono le disfunzioni

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT DEI BENI MUSEALI

MASTER IN MANAGEMENT DEI BENI MUSEALI MASTER IN MANAGEMENT DEI BENI MUSEALI E SUCCESSIVA GESTIONE DEL MUSEO DI ARTE CONTEMPORANEA DI VILLA CROCE Un innovativo progetto di alta formazione manageriale dedicato ai giovani per l ideazione di nuovi

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori che condividono l esigenza

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

SII Task Force. In Italia

SII Task Force. In Italia In Italia Nel silenzio generale anche l Italia ha cominciato a occuparsi di Social Impact Investing, anche se con un processo dall alto, entrando a far parte della Task Force promossa dal Governo inglese

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

IMPACT INVESTING. Investire combinando rendimenti finanziari e sociali. Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di incertezza

IMPACT INVESTING. Investire combinando rendimenti finanziari e sociali. Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di incertezza Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di incertezza IMPACT INVESTING Investire combinando rendimenti finanziari e sociali Relatore: Rodolfo Fracassi 2 Impact Investing Investimenti con Socially

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Finanza Sociale e Comuni Il ruolo delle Fondazioni di Comunità. Prof. Davide Maggi Vice-Presidente FCN

Finanza Sociale e Comuni Il ruolo delle Fondazioni di Comunità. Prof. Davide Maggi Vice-Presidente FCN Finanza Sociale e Comuni Il ruolo delle Fondazioni di Comunità Prof. Davide Maggi Vice-Presidente FCN Fondazione di Comunità Una Fondazione di Comunità è un organizzazione nonprofit che ha a cuore una

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli