Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund. uno strumento innovativo per l impresa sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund. uno strumento innovativo per l impresa sociale"

Transcript

1 1 Fondazione Opes Onlus Opes Impact Fund uno strumento innovativo per l impresa sociale

2 2 Premessa: tra cooperazione e finanza Negli ultimi anni stiamo assistendo a una diffusa, pervasiva e prolungata crisi del modello economico di sviluppo consolidato, allo stesso tempo cresce la consapevolezza del bisogno di modelli alternativi che mettano al centro la questione ambientale e una più equa distribuzione delle risorse sia a livello internazionale sia all interno dei singoli paesi. In ambito finanziario emergono nuove iniziative che cercano di coniugare il profitto dell investimento con l impatto sociale e ambientale; contemporaneamente si sperimenta a livello planetario una forte riduzione delle risorse a fondo perduto elargite per alleviare i cronici problemi sociali a livello mondiale. Tutto questo ha fatto nascere, soprattutto nei paesi anglosassoni, ma il fenomeno è ormai mondiale, l idea che è possibile investire in nuove tipologie di imprese che hanno come obbiettivo quello di dare una risposta ai problemi irrisolti della nostra società. Sta nascendo di fatto un nuovo settore industriale chiamato impact investing cioè una finanza innovativa che fa da ponte tra gli investitori più responsabili e attenti all impatto delle proprie scelte di investimento, la filantropia lungimirante, il mondo dei mission related investments, e l imprenditoria sociale che valorizza le modalità di mercato per creare impatto sociale. Secondo un rapporto di J.P. Morgan e The Rockefeller Foundation l impact investing come industria potrebbe mobilitare dai 400 ai miliardi di dollari nell arco dei prossimi 10 anni 1. La popolazione alla Base della Piramide, l impresa sociale e l impact investing La popolazione alla Base della Piramide dei redditi ( Bop population in inglese) cioè quella che vive con meno di 3 $ al giorno ammonta a quasi 4 miliardi di persone; circa metà della popolazione del mondo non ha accesso ad adeguati beni e servizi basilari per la vita o, pur avendovi accesso, è soggetta al vincolo della poverty penalty, una dinamica multidimensionale per cui l accesso a tali beni e servizi, quando è disponibile, lo è solo a prezzi e modalità più penalizzanti 2. In paesi a rapida crescita, come l India e 1 J.P.Morgan, Impact Investments: An Emerging Asset Class, Global Research, 29 novembre La poverty penalty descrive il fenomeno che I poveri tendono a pagare di più per nutrirsi, comprare un qualsiasi bene o accedere a un prestito. Il termine è stato ampiamente utilizzato dopo l uso che ne ha fatto C.K.Prahalad nel libro The fortune at the base of the Pyramid, nel 2005 e nella recente riedizione; nello specifico Prahalad riporta il

3 3 alcuni paesi africani, si assiste al drammatico fallimento delle politiche di inclusione statali e alla non meno preoccupante inadeguatezza in termini di impatto sociale degli interventi di cooperazione classica. I bisogni essenziali di oltre la metà dell umanità sembrano non poter trovare risposta né attraverso il welfare statale né attraverso la filantropia e la cooperazione. Le imprese sociali, spontaneamente nate negli ultimi anni, stanno cercando faticosamente di fornire soluzioni sostenibili al problema dell accesso ai beni e servizi essenziali per una vita umana dignitosa superando la dicotomica distanza fra il donatore e il beneficiario, costruendo un rapporto nuovo tra i beneficiari e gli attori dello sviluppo che spesso vengono a coincidere. Sotto il nome di impresa sociale, di social business, di market based solutions si sta organizzando un mondo di imprenditori, operatori, cooperanti, professionisti che ha bisogno sempre più di investimenti in formazione e in trasferimento di competenze specifiche dell industria evoluta per poter rispondere alle esigenze di una così vasta moltitudine di persone che, nel processo di globalizzazione planetaria, rischia di passare dall economia di sussistenza, nella quale ha vissuto per secoli, alla miseria o emarginazione. La filantropia più avanzata, consapevole delle potenzialità dell approccio di mercato al welfare e allo sviluppo, lo sta promuovendo. Occorre lavorare sulla convergenza degli interventi e degli attori coinvolti e far sì che emerga anche una il carattere di questa nuova finanza che si pone l obbiettivo prioritario di migliorare le condizioni di vita delle popolazione Bop, anteponendo all alto ritorno economico la creazione di impatto sociale sui territori, e che lavora in stretta connessione con la filantropia più avanzata, che ha scelto di sostenere le imprese sociali di successo come strumenti privilegiati per creare inclusione sociale. Negli ultimi trent anni si è assistito all affermazione della microfinanza, finora l unica tipologia di impresa con alto impatto sociale che ha superato la dicotomia donatorebeneficiario; tale settore è cresciuto, ha visto la nascita e il consolidarsi di fondi di investimento dedicati e ha assunto le dimensioni di una vera e propria industria. C è chi ipotizza che sulla scia dell esperienza di successo della microfinanza la nascente industria dell impact investing si rafforzi sempre di più e sia sempre più in grado di premio di 53 volte che i poveri nello slum di Dharavi pagano per accedere al credito, di 37 volte per accedere all acqua, di dieci volte per accedere a un trattamento per curare la dissenteria

4 4 dare una risposta ai bisogni dei poveri e delle fasce più vulnerabili della popolazione Bop nel campo della salute, dell istruzione, dell accesso all energia e al cibo, dell educazione, della gestione dei rifiuti, dell agricoltura e dell acqua potabile. La sfida è ciclopica ma sicuramente qualcosa di nuovo è nato in questi anni. Urge però strutturare questo nuovo settore economico e di investimento; c è la necessità di sviluppare un nuovo linguaggio, nuove strutture giuridiche, nuovi paradigmi e anche una nuova metrica per misurare in primis l impatto sociale. Dall analisi dei portafogli degli impact funds esistenti emerge un profilo molto variegato e assai poco omogeneo delle imprese sociali target di investimento: alcune sono non profit altre invece sono società di capitali, coprono molteplici campi di intervento e hanno dimensioni molto diverse a seconda dei territori e delle attività. E un mondo in evoluzione, ricchissimo di idee e innovazione, dove si stanno definendo le strategie imprenditoriali, i modelli sostenibili e dove stanno emergendo i primi casi di successo. Ciò sta già richiamando l attenzione di importanti attori della finanza tradizionale che vedono la possibilità di replicare il miracolo della micro finanza : creare impatto sociale e avere buoni ritorni economici. Se questa è sicuramente la prospettiva, bisogna però ricordare che la microfinanza ha impiegato trent anni per diventare il settore maturo e industriale di oggi e, nei primi dieci-quindici anni, ha assorbito ingentissime quantità di denaro a fondo perduto per strutturare l ecosistema e rafforzare le prime organizzazioni (Monitor Inclusive Markets: From Blueprint to Scale, aprile 2012). Anche l impact investing avrà bisogno della creazione di un ecosistema favorevole e con questo obbiettivo le fondazioni più all avanguardia a livello mondiale (la Rockfeller Foundation in testa) si sono mobilitate e stanno finanziando studi, ricerche, casi pilota e i primi fondi dedicati come Acumen Fund (www.acumenfund.org) che ha investito oltre 75 milioni di dollari in 10 anni, e Lok capital in India, uno dei primi a incanalare risorse finanziarie verso imprese sociali ad alto potenziale di impatto.

5 5 Perché il Fondo no profit Opes Opes nasce, sulla base di esperienze pluriennali nel campo della cooperazione allo sviluppo, della microfinanza, delle marked based solutions e del commercio equo e solidale, e dallo studio e dalla condivisione dello scenario sopra descritto. Vuole essere uno strumento nuovo che possa servire per far crescere il settore dell impresa sociale al Nord come al Sud del Mondo. La scelta è stata quella di creare una Fondazione di diritto italiano, quindi una organizzazione no profit (addirittura una Onlus), che investe nelle imprese sociali sia direttamente sia per mezzo di veicoli ad hoc sui territori. E stato definito un veicolo no profit dopo aver analizzato i numerosi fondi esistenti (quasi tutti for profit) e rilevando che il bisogno più importante per le imprese sociali è quella dei capitali pazienti, cioè di investimenti a lungo termine che tenacemente ma con premura portano progressivamente le imprese a raggiungere la sostenibilità economica e sociale. Quindi una Fondazione Onlus che viene gestita come un Fondo con l obbiettivo di massimizzare l impatto sociale e di reinvestire il capitale che rientra in altre imprese sociali, in un circolo virtuoso di sviluppo. Opes privilegia le imprese sociali più che sulla valutazione della loro natura giuridica (profit o non profit) sulla base del reale impatto sociale atteso, ovvero la capacità di generare un tangibile miglioramento delle condizioni di vita della popolazione Bop, relativamente alle privazioni ed esclusioni 3. L impresa sociale che verrà sostenuta è: un impresa ad alto impatto sociale e elevato potenziale di crescita che persegue la sostenibilità economica, ambientale e sociale attraverso soluzioni market based innovative ai problemi più critici e persistenti della base della piramide. Importante è per Opes il posizionamento settoriale: là dove la criticità dei problemi assume maggiore rilevanza e l accesso alle soluzioni è inadeguato, l impresa sociale che da risposte di ampia inclusività diventa potenziale target d investimento di Opes. I settori prioritari di investimento per Opes sono pertanto la salute, l accesso all acqua, al 3 per il concetto di privazione si rimanda al significato di deprivation espresso da Amartya Sen nel 1981, in Poverty and Famines: An Essay on Entitlement and Deprivation (1981), dove l autore sostiene che le carestie hanno luogo non per la mancanza di cibo ma per le disuguaglianze insite nei meccanismi di distribuzione del cibo; per il significato di esclusione si rimanda invece all approccio sulle capabilities dello stesso autore nell articolo "Equality of What.", Dove Sen propone l esempio della capacità di votare, che in sé è un concetto vuoto, a meno che non incorpori delle funzioni, come l accesso all educazione, o specificatamente ai trasporti esistenti per andare alle urne.solo quando queste barriere sono rimosse si può dire che un cittadino abbia la capacità di esprimere una scelta

6 6 cibo, ai servizi igenici di base, all educazione, ma anche l agricoltura, la produzione sostenibile e il commercio equo quando creano impatto sociale misurabile sui territori. I promotori Istituzionali di Opes sono cinque, brevemente descritti qui di seguito: Fondazione ACRA-CCS Ong lombarda costituita nel 1968 e attiva prevalentemente in Africa e America Latina, specializzata nei settori della sicurezza alimentare, della gestione delle risorse naturali, dello sviluppo economico e dell educazione. Presente in 15 paesi e con un personale di circa 400 persone, una rete di partner e attori strategici nel settore dell impresa sociale a livello mondiale, ha un team dedicato che si occupa di micro finanza e impresa sociale. Associazione Fem S3 Onlus Fem S3 Soluzioni Sociali Sostenibili è attiva dal 2006 nei settori del social business e delle soluzioni di impresa per il cambiamento sociale. Lavora principalmente in India in rete con numerose organizzazioni locali e si avvale della collaborazione di partner tecnici per sviluppare, testare e diffondere modelli di business sostenibili e replicabili che possano offrire soluzioni di alta qualità a un prezzo ragionevole per la popolazione BOP. Ha una sede in India e una di rappresentanza a Londra. MicroVentures L iniziativa MicroVentures - nata nel 2006 in Italia come intermediario specializzato nell investimento in Istituzioni di MicroFinanza (IMF) è stata promossa da un gruppo di attori con specifica esperienza nei settori del venture capital sociale e della cooperazione economica con i Paesi Emergenti, sostenuti da un pool di istituzioni finanziarie, fondazioni private e investitori individuali. Oggi MicroVentures è un network internazionale di diverse entità, che complessivamente forniscono risorse finanziarie a circa 30 IMF, sia attraverso investimenti nel capitale di rischio (per i quali si sono

7 7 stanziati eur 33 Mln) che con l erogazione di finanziamenti (circa eur 22 Mln a giugno 2012). Consorzio Altromercato Il Consorzio Ctm Altromercato, nato nel 1998 per trasformazione della Cooperativa Ctm, è la più grande realtà Italiana di commercio equo e solidale e la seconda in Europa. E formato da 120 soci Botteghe del Mondo che operano su tutto il territorio nazionale distribuendo i prodotti del commercio equo e solidale e promuovendo la cultura ad esso collegata. Ha relazioni di partenariato e di cooperazione con oltre 150 gruppi di produttori in oltre 50 paesi del mondo (Italia inclusa). Sviluppa un fatturato complessivo di oltre 80 Mln di al dettaglio ed è presente come marchio nei principali canali della distribuzione organizzata. Attraverso i propri soci sul territorio rappresenta un movimento di oltre persone e più di 8000 volontari. Fondazione Maria Enrica La Fondazione Maria Enrica è una fondazione privata bresciana che da oltre quindici anni sostiene la cooperazione allo sviluppo nel Sud del Mondo e in modo particolare gli interventi volti all empowerment delle donne e il loro affrancamento dalle situazioni di dipendenza e marginalità attraverso la formazione e il trasferimento di competenze specifiche. Ha sostenuto, tra le altre, sin dall inzio i primi passi di Microventures e di Fem. Oltre ai Promotori Istituzionali nove Promotori individuali con diverse esperienze pregresse (sia di cooperazione che di industria e finanza) hanno lavorato insieme negli ultimi due anni nell ideazione e nel lancio di Opes. Essi sono: Brichetti Paolo, Casolari Elena, Fracassi Rodolfo, Freato Giovanni, Gerola Giovanni, Grigolli Paolo, Magnoni Stefano, Siccardo Giovanni.

8 8 Principi ispiratori del Fondo Opes Le caratteristiche principali del Fondo sono: Focus sull impresa sociale innovativa: Opes vuole promuovere imprese sociali innovative che si pongono l obbiettivo di creare impatto sociale con iniziative di mercato. Particolare attenzione sarà messa nella valutazione del reale coinvolgimento e impegno degli imprenditori nella mission sociale dell impresa, nella convinzione che la vera chiave di volta del successo di un impresa è la visione e la dedizione dell imprenditore. Forte relazione: I rapporti tra imprenditori sociali e Opes saranno stretti e permetteranno la definizione di modelli innovativi e modulabili di cambiamento sociali. Opes garantirà un coinvolgimento strategico e operativo nelle imprese oggetto di investimento al fine di contribuire in maniera sostanziale alla crescita e sviluppo dell impresa. Finanziamenti su misura : Utilizzo degli strumenti finanziari più idonei, differenziati e appropriati alla realtà locale. Il management di Opes sarà supportato dal Comitato Scientifico e dal Collegio dei Promotori; avrà così a disposizione elevate competenze di natura tecnico-finanziario e culturale per capire, identificare e utilizzare lo strumento più adatto e coerente alla singola situazione. Supporto pluriennale: L orizzonte temporale previsto andrà dai tre ai quattordici anni, con l obiettivo, al termine del periodo in cui sono erogati i finanziamenti, di aiutare l organizzazione ad essere finanziariamente auto sostenibile. Il comitato d investimento definirà le possibili via d uscita in fase preliminare. Obbiettivo prioritario dell investimento è l impatto sociale coniugato con il ritorno economico che ha il solo scopo di rendere sostenibile Opes. Supporto non finanziario: L obiettivo del fondo è diventare un punto di riferimento per le Imprese Sociali in cui vengono investiti i capitali. In questa ottica Opes, grazie alla rete dei partner strategici e alla composita struttura dei suoi promotori, fornirà sostegno per la pianificazione strategica, lo sviluppo di relazioni commerciali, e dell attività. Questo supporto, possibile data la natura dei Promotori istituzionali ha un ruolo fondamentale, dato che il mondo dell impresa sociale è ancora in una fase

9 9 embrionale del suo percorso di sviluppo e ha ancora bisogno di strutturare un proprio ecosistema. Supporto alla crescita: Opes avrà un focus specifico sulla capacità operativa e sulla sostenibilità di lungo periodo delle imprese sociali. Il team di Opes si occuperà del monitoraggio e valuterà costantemente l attività dell impresa in funzione dell impatto sociale prodotto. Uno degli elementi chiave che verranno considerati nel selezionare le imprese, sarà anche la capacità di replicare modelli simili e di crescere di scala sempre nell ottica di massimizzare l impatto sociale. Trasparenza verso i donatori e impatto sociale: Opes si impegnerà ad essere trasparente nelle proprie azioni e comunicazioni. Verrà messa a punto una periodica comunicazione dello stato degli investimenti e dei risultati in termini economici e di impatto sociale delle imprese investite. Saranno valutati partenariati con gli attori maggiormente attivi sulla misurazione dell impatto sociale, al fine di trovare metodologie semplici ma efficaci per misurare lo stesso. - Sobrietà: Opes gestirà la propria struttura nel modo più efficiente possibile, secondo un criterio di sobrietà, al fine di massimizzare la quantità di risorse da utilizzare direttamente per gli investimenti nelle imprese sociali. Strategia di Investimento La strategia di Opes è di investire su imprese sociali che propongono soluzioni ai problemi della Base della Piramide primariamente in settori critici quali la sanità, i servizi igienici di base, l energia, l agroalimentare, l accesso all acqua, e l educazione, il commercio equo e solidale. Le imprese sociali che sono eleggibili per gli investimenti di Opes possono configurarsi diversamente a livello di forma giuridica: da organizzazioni non-profit che cercano di ampliare il proprio impatto sociale assumendo una configurazione di impresa per le attività gestite, a piccole-medie imprese bisognose di capitale e ancora prive di accesso ai canali tradizionali di finanziamento. Sono state studiate le tre fasi di evoluzione delle imprese sociali : Start up: intese come imprese sociali non ancora operative, ma di cui è stato definito il progetto imprenditoriale ed il business plan.

10 10 Early stage: intese come imprese sociali il cui progetto imprenditoriale è stato posto sul mercato ma che necessita ancora di supporto per la validazione e lo sviluppo. Maturity : intese come imprese sociali con risultati consolidati sul mercato da più anni. Il posizionamento di Opes sarà principalmente sullo stadio early stage. Le imprese sociali su cui Opes investe, oltre ad avere un chiaro business plan, devono avere le seguenti caratteristiche: un elevato impatto sociale i prodotti e i servizi che le imprese forniscono devono generare un effettivo cambiamento nelle condizione di vita per la Base della Piramide un alto impegno sociale dell imprenditore, e un alta qualità del Consiglio di Amministrazione e della Direzione Operativa dell impresa modalità trasparenti di controllo di gestione e allocazione risorse un meccanismo di governance capace di garantire stabilità una potenzialità di crescita anche in termini di replicabilità e scalabilità. Inoltre verranno privilegiate quelle realtà di impresa che sposano dei criteri sociali anche nella gestione delle risorse umane, nell adozione di meccanismi di benefit sharing e impegno sul territorio, oltre a quello esplicitato nei fini istituzionali; ovvero quelle imprese sociali che sono di frontiera e innovative nel loro essere sociali. Opes allocherà le proprie risorse tra operazioni in capitale (equity/para equity) e prestiti con prevalenza (70-75%) in equity e con dimensione indicativa di ogni singolo investimento da 50,000 a 400,000. Proprio per sostenere lo sviluppo delle imprese sociali, con il ricorso a capitali pazienti, la durata media stimata per gli investimenti in equity varierà da 8 ai 14 anni mentre per i prestiti si prevedono grace periods fino a un anno e durata media in funzione dei bisogni delle imprese sociali (dai 3 ai 5 anni). I tassi di interesse applicati ai prestiti saranno inferiori ai tassi di mercato prevalenti. Il capitale sarà prestato in valuta locale (rischio di cambio per Opes). I paesi di intervento saranno modulati nel tempo: si partirà con i paesi dove le reti promotrici di Opes sono più radicate e quindi: l India, la Tanzania, l Uganda e il Kenya senza dimenticare il Nord Africa, l Italia stessa, l Ecuador, il Burkina, l Indonesia, la Cambogia e il Senegal. Interventi puntuali su imprese in altri paesi non prioritari saranno possibili anche da subito se accompagnate da reti e organizzazioni che hanno

11 11 radicamento in tali territori o a complemento di processi di incubazione già avviati (esempio 4 fondazione per l Africa, altri progetti paese, ecc) I pertenariati strategici (la rete) e il modus operandi innovativo Opes nella sua fase di costituzione ha già di fatto costituito un importante rete con soggetti attivi nell ecosistema dell impresa sociale. E proprio la scelta di operare con una rete di collaboratori individuali e collettivi che a vario titolo offrono informazioni, competenze e prestazioni professionali il cuore dell operatività di Opes; Opes si propone come un organizzazione apice di reti. In primis le reti dei promotori: Altromercato, Acra, FemS3 e Microventures che forniscono il radicamento nei territori e forniscono conoscenze e capacità di alto livello (altrimenti molto costose), in aggiunta i Partecipanti apriranno la collaborazione con altri soggetti italiani ed europei che vorranno entrare nell universo OPES. Sarà una struttura leggera che si appoggerà su altre strutture valorizzandone le competenze e i risultati.

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO XX EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO Diventa manager del sociale IN BREVE DESTINATARI neo-laureati in lauree triennali, specialistiche

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La missione dell energia. Terna per il progetto Kami in Bolivia

La missione dell energia. Terna per il progetto Kami in Bolivia La missione dell energia Terna per il progetto Kami in Bolivia Una centrale idroelettrica non basta per tradurre in realtà il progetto di Padre Serafino: serve una linea che trasmetta l energia elettrica.

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli