IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI NELLA PROSPETTIVA DELL UME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI NELLA PROSPETTIVA DELL UME"

Transcript

1 IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI NELLA PROSPETTIVA DELL UME VINCENZO VISCO * Alla fine di maggio del 96 illustrai gli orientamenti di politica fiscale ai quali il governo appena formato si sarebbe attenuto alla Commissione Finanze della Camera dei Deputati. In quella sede istituzionale mi sembrò doveroso fare cenno all intenzione di affrontare, oltre ai numerosi altri problemi della fiscalità italiana, anche quello della tassazione dei redditi da capitale. Mentre stavo ancora parlando, quelle mie poche battute vennero riprese dalle agenzie internazionali e un agenzia inglese, traducendo in modo approssimativo il testo scritto del mio intervento, diramò dispacci che annunciavano la mia intenzione di reintrodurre la tassazione dei guadagni di capitale, che in Italia era stata sospesa dal In pochi minuti la Borsa ebbe una brusca caduta che venne recuperata solo dopo che feci diffondere comunicati tranquillizzanti in proposito. Questo episodio mi è tornato in mente quando, un anno più tardi, presentai al Parlamento il decreto delegato di riforma della tassazione dei redditi da capitale: in quel decreto era compresa, naturalmente, anche la reintroduzione della tassazione dei guadagni di Borsa. Ma la reazione dei mercati finanziari fu, in questo caso, positiva e numerosi osservatori attribuirono all annuncio di quella riforma parte dell origine dell impennata dei mercati borsistici che si ebbe in Italia nell estate del 97. Adesso che siamo alla vigilia dell entrata a regime della riforma, le aspettative dei mercati sono positive e si può riscontrare un generale favore verso il nuovo regime. Le uniche perplessità, infatti, riguardano alcuni settori del mondo bancario preoccupati della propria capacità di gestire tempestivamente dal punto di vista tecnico le nuove responsabilità che gli competono. Credo che due fattori siano alla base dell accoglienza positiva riservata ad una riforma che alcuni commentatori meno attenti avevano preconizzato come portatrice di gravi turbative sui mercati borsi- * Ministro delle Finanze. 11

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 stici e come potenziale deterrente capace di scoraggiare gli investimenti e stimolare la fuga dei capitali. In primo luogo un imposta semplice, razionalmente costruita e molto moderna come concezione appare preferibile ad una situazione in cui l imposizione può anche essere evitata ma il regime fiscale complessivo è disordinato, incerto, ambiguo: il costo degli arbitraggi fiscali non è infatti irrilevante, mentre i nuovi criteri di neutralità del prelievo rispetto alle tipologie di reddito (interessi, dividendi, plusvalenze) introducono, nei mercati, forti elementi di libertà nell allocazione degli impieghi. In secondo luogo un fattore di gradimento è certamente rappresentato dalle ampie possibilità di detrazione delle minusvalenze nei confronti di tutti i redditi da capitale, che per l Italia e non solo per essa, rappresenta una novità assoluta. Aggiungerei però anche un terzo elemento di rilievo: la forte spinta verso un mercato dei capitali ordinato rappresentata dalla più favorevole tassazione prevista per il risparmio gestito o amministrato. Su questi concetti tornerò più avanti per un maggiore approfondimento. Per ora è bene chiarire le ragioni che hanno determinato l urgenza di questa riforma, gli obiettivi che ci siamo prefissi e la loro convergenza con la politica fiscale che si sta cercando di affermare a livello europeo. Le principali finalità della riforma dell ordinamento italiano sono due: In primo luogo disegnare un sistema generale ed omogeneo di tassazione dei redditi finanziari, ivi comprese plusvalenze e proventi dei prodotti derivati, il più coerente possibile con la tassazione dei profitti societari nella consapevolezza che solo un sistema con queste caratteristiche può garantire l equità e l efficienza del prelievo e, in collegamento a ciò, può risultare capace di prevenire i diffusi fenomeni di elusione fiscale che alterano le condizioni di concorrenza sul mercato, hanno effetti distributivi non voluti e possono compromettere il gettito. In secondo luogo disegnare un sistema trasparente e comprensibile, e quindi semplice per il contribuente, riducendo al minimo gli adempimenti richiesti al contribuente stesso. Questa finalità è in particolare perseguita attraverso il mantenimento dell attuale sistema di prelievo sostitutivo sui redditi di capitale, anonimo e sufficientemente contenuto, anche ai fini di non incentivare la fuga di capitali verso altri paesi e il maggior coinvolgimento degli intermediari finanziari nell accertamento e nel prelievo dell imposta. Nella riforma viene quindi confermata ed accentuata la scelta di fondo, compiuta nel 1973 dal legislatore italiano, vale a dire assoggettare i proventi delle attività finanziarie ad un prelievo sostitutivo proporzionale, con ampio ricorso a ritenute alla fonte, piuttosto che al regime progressivo sui redditi personali. Nel tempo si erano andati 12

3 VINCENZO VISCO, IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI... stratificando numerosi interventi, quasi sempre suscitati dalla volontà politica di evitare il diffondersi di strumenti finanziari innovativi e quindi penalizzando di fatto le prospettive di evoluzione e ammodernamento dei mercati finanziari italiani. La situazione che si era creata, appariva pertanto caratterizzata: per quanto riguarda i redditi di capitale, e secondo un opinione ampiamente condivisa, da scarsa trasparenza, eccessiva complessità, iniquità e inefficienze, determinate dalla coesistenza di un insieme variegato di regimi, di aliquote ed esclusioni, non riconducibili ad un disegno razionale di prelievo; per quanto riguarda invece le plusvalenze, da una tassazione confinata al solo comparto dei titoli partecipativi e sospesa, da fine 92, per i titoli quotati. In sostanza, la situazione che si era creata conteneva il dato paradossale di rendere talune forme di reddito da capitale fortemente incentivate rispetto ai redditi d impresa, ma contemporaneamente si soffocava ogni possibilità di sviluppo e di crescita dei mercati finanziari. Si trattava, in tutta evidenza, di una situazione sulla quale era urgente intervenire anche per non vanificare i benefici effetti che la riforma fiscale si proponeva sul versante della tassazione dei redditi da impresa, incentivando la capitalizzazione delle aziende e riducendo fortemente il prelievo sugli utili. La necessità di un riordino di fronte a tale stratificazione era poi consigliata dal processo di internazionalizzazione degli scambi e all approssimarsi dell UME. A partire dal 1º luglio 1998 saranno colpiti dall imposta tutti i redditi derivanti dall impiego finanziario del risparmio: i «redditi di capitale», cioè interessi obbligazionari e/o da depositi ed i dividendi delle azioni, e i «redditi diversi», cioè i guadagni di capitale. Tra questi ultimi sono comprese tutte le plusvalenze, anche quelle sui titoli obbligazionari e/o pubblici, sulle valute, sull oro ed infine i proventi da operazioni sui derivati. La modifica del meccanismo del prelievo è articolata in modo tale da definire binari coerenti ed omogenei per la tassazione di tutte le tipologie di reddito finanziario così da permettere, attraverso un impianto normativo flessibile, un adeguamento alle possibili innovazioni provenienti dai mercati finanziari. È prevista dunque un articolazione con due sole aliquote di tassazione 12,5 e 27 per cento non riferite alla tipologia delle rendite finanziarie e prelevate alla fonte attraverso gli intermediari. Per quanto riguarda i «redditi di capitale» sui titoli pubblici, indipendentemente dalla loro scadenza, è confermato un prelievo del 12,5 per cento come previsto nella legge delega. Le aliquote relative alle altre attività finanziarie vengono invece differenziate in funzione sia della scadenza che della natura delle partecipazioni azionarie. In rela- 13

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 zione alla scadenza, sono soggetti al prelievo del 27 per cento i titoli a breve termine (sotto i 18 mesi), a quello del 12,5 le attività finanziarie a medio-lunga scadenza (oltre i 18 mesi). La tassazione dei «dividendi», invece, si articola secondo la natura della partecipazione: «qualificata» o «non qualificata». Per definire la natura «qualificata» delle partecipazioni le nuove regole seguono, rispetto al vecchio regime, criteri più ampi. Dal semplice riferimento alle percentuali di partecipazione al capitale della società (2, 5, 10 per cento, rispettivamente per Spa quotate, per Spa non quotate, per Srl e altre società) si passa a un doppio limite. Si tiene cioè conto del peso dei diritti di voto dell azionista (con soglie: del 2 per cento delle azioni con diritto di voto e/o 5 per cento del capitale, nel caso di società quotate; del 20 per cento delle azioni o quote con diritto di voto ovvero del 25 per cento del capitale, per le società non quotate e per le Srl e le altre società). Per le partecipazioni «non qualificate» è prevista la tassazione ordinaria: vale a dire l applicazione di una «cedolare secca» del 12,5 per cento. Anche i dividendi delle azioni non quotate oltre a quelli delle azioni quotate, delle azioni di risparmio e di quelle delle banche popolari saranno sottoposti al prelievo definitivo alla fonte. Il regime della «cedolare» sarà comunque lasciato alla scelta del risparmiatore il quale potrà scegliere l imposizione progressiva in dichiarazione annuale, senza prelievo alla fonte e con riconoscimento del «credito d imposta» per i tributi pagati a monte dalla società. In questo caso, il nome del risparmiatore sarà segnalato al Fisco. L imposizione personale progressiva riguarda, comunque, tutti i dividendi e gli altri utili derivanti da partecipazioni «qualificate». Con questi criteri si coniuga, del resto, anche la riforma della tassazione delle operazioni di ristrutturazioni aziendali (fusioni, acquisizioni e scissioni) e le norme volte a semplificare l imposizione sui dividendi degli investitori non residenti, particolarmente attente allo sviluppo della Borsa. Per queste ultime la misura del prelievo alla fonte viene ridotta dal 32,4 al 27 per cento; è altresì introdotta una procedura innovativa per consentire direttamente, attraverso la banca che corrisponde i dividendi, l applicazione della minore ritenuta prevista dai Trattati contro la doppia imposizione. Nel corso di un processo di privatizzazione e quotazione del sistema paese appare evidente il beneficio per la Borsa di un flusso fresco di capitali esteri che potrebbe derivare da dette misure. Per le plusvalenze (cioè su quelli che abbiamo definito «redditi diversi») viene applicata un aliquota del 27 per cento se la partecipazione societaria è «qualificata». Per le partecipazioni «non qualificate», l aliquota è al 12,5 per cento, alla stregua dei titoli di Stato e delle altre obbligazioni e attività finanziarie. Anche le procedure stabilite per gli adempimenti e per il versamento dell imposta rappresentano una rilevante novità. Esse favoriscono 14

5 VINCENZO VISCO, IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI... lo spostamento dell onere degli adempimenti dai contribuenti agli investitori istituzionali, banche e altri intermediari. Ai contribuenti è conferita la facoltà di scegliere fra tre diversi regimi per la tassazione delle plusvalenze: il regime della dichiarazione annuale dei redditi; quello del risparmio «amministrato» (nel caso in cui il risparmiatore abbia depositato in custodia presso la banca i propri titoli e questa curi l incasso delle cedole, il rimborso alla scadenza del titolo, il pagamento dei dividendi); quello del risparmio «gestito» (nel caso di un rapporto di gestione individuale, quando cioè il risparmiatore abbia affidato all intermediario l incarico di gestire il proprio patrimonio). L opzione fra l uno o l altro dei tre sistemi, tuttavia, non è consentita per le plusvalenze derivanti da cessioni di partecipazioni qualificate, per le quali il prelievo si effettua sempre in sede di dichiarazione annuale dei redditi nella misura proporzionale del 27 per cento: gli intermediari dovranno sempre segnalare il nominativo del percettore e il prezzo di vendita della partecipazione. In questi casi, l onere di calcolare e versare l imposta sulle plusvalenze ricade sempre sul singolo risparmiatore e il prelievo definitivo, proporzionale del 12,5 per cento, avviene in via definitiva e liberatoria nell anno successivo a quello in cui il guadagno è realizzato. Anche in questo caso, tuttavia, si potranno compensare le perdite subite e data l assenza di un prelievo alla fonte, l intermediario finanziario, di cui si avvalga il risparmiatore nelle operazioni, è tenuto in maniera sistematica ad effettuare una specifica segnalazione al Fisco. Diverso il caso in cui il risparmiatore si affidi ad un regime di «risparmio amministrato», o di «risparmio gestito». Se questa è la scelta, il contribuente si libera di ogni carico burocratico-amministrativo nell adempimento fiscale: il prelievo viene effettuato dall intermediario presso cui il deposito è in amministrazione o in gestione, senza alcun obbligo di segnalazione del contribuente che mantiene così l anonimato. Vi sono però due importanti differenze che vanno sottolineate fra i due regimi. La prima riguarda il momento del prelievo: per le gestioni patrimoniali il prelievo avviene al momento della mera maturazione; per i depositi amministrati avviene quando il guadagno è effettivamente realizzato. La seconda riguarda i diversi margini di compensazione fra perdite e guadagni. Da questo punto di vista, il regime del «risparmio gestito» appare più vantaggioso, in quanto è l unico che permette un approccio aggregato alla tassazione attraverso la deducibilità delle minusvalenze e delle altre perdite, non solo nei confronti delle plusvalenze, ma anche nei confronti di importanti categorie di redditi di capitali (quelli tassati al 12,5 per cento), interessi sulle principali tipologie di titoli 15

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 obbligazionari e dividendi. Tali redditi confluiscono infatti nel risultato di gestione, e ne costituiscono quindi una componente positiva, che può essere diminuita da componenti negative, rappresentate appunto dalle minusvalenze maturate o dalle perdite sui prodotti derivati. Anche per i fondi, come per le gestioni individuali, le perdite possono essere portate in deduzione su tutti i redditi conseguiti, senza distinzione tra interessi, dividendi, plusvalenze o altro genere di proventi. I risparmi collocati in diversi fondi, ma gestiti dalla stessa società, possono godere come ulteriore vantaggio di una innovativa forma di compensazione orizzontale. Il nuovo regime si applicherà ai guadagni che si configureranno a partire dal 1º luglio Per la determinazione delle plus/minusvalenze, il valore dovrà essere confrontato, in linea di principio, con il valore di mercato del titolo al 1º luglio 1998, secondo la media dei valori dell ultimo mese di giugno. Resta ferma, naturalmente, la possibilità per il contribuente di assumere, quale valore di riferimento, il costo effettivo d acquisto. Coerentemente con il riordino della tassazione delle attività finanziarie è stato varato un altro decreto che regola l imposizione indiretta sulle transazioni dei valori mobiliari: dal gennaio scorso la tassa sulle operazioni svolte sui mercati regolamentati è stata abolita eliminando le distorsioni che potevano favorire l attività degli intermediari esteri. A completamento ed integrazione del decreto di riforma il 3 giugno scorso il Governo ha approvato in via definitiva un ulteriore decreto. Con questo provvedimento viene introdotto il meccanismo del «silenzio-assenso» per permettere, in caso di mancato utilizzo dell opzione da parte del contribuente-risparmiatore, l automatica applicazione del regime di imposizione alla fonte, ribaltando in questo modo la precedente presunzione in favore dell intermediazione. Significativa inoltre è la norma integrativa che equipara in via generale i titoli dello Stato italiano a quelli emessi da organismi internazionali, tra cui la nuova Banca centrale europea. L avvento dell UME ha reso poi necessaria l introduzione di specifiche semplificazioni procedurali, nonché di un generale regime di esenzione dalla tassa sugli scambi per le operazioni di politica monetaria all interno del nuovo Sistema Europeo delle Banche centrali. Infine si sono semplificati gli adempimenti per la stima dei valori da assumere come costo iniziale di riferimento per il computo delle plus o minusvalenze e si è reso più agevole l assolvimento delle imposte sulle partecipazioni assoggettate al regime in vigore nel 1991, per le quali il risparmiatore desideri affrancare le plusvalenze maturate fino al 30 giugno. L intento principale del decreto correttivo è evidentemente quello di facilitare il più possibile l avvio del nuovo regime. 16

7 VINCENZO VISCO, IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI... L impianto così predisposto appare completo e le richieste di posporre la sua entrata a regime, anche alla luce di recenti incontri con operatori nazionali ed internazionali, appaiono ad una più attenta analisi infondate e velleitarie. A maggior ragione se si considera l entrata in vigore del suddetto decreto di rettifica nel quale, d altra parte, sono state accolte molte delle recenti osservazioni della Commissione dei Trenta come significativamente il differimento, in linea generale, delle procedure di prelievo e versamento dell imposta sostitutiva nel cosiddetto periodo transitorio con l evidente intento di agevolare l adattamento degli intermediari al nuovo sistema. Di fronte all accelerazione dei processi di globalizzazione dei mercati dei capitali, la tassazione delle attività finanziarie appare sempre più un elemento discriminante nella competizione fiscale per il risparmio ed induce a ridisegnare i sistemi tributari in modo da adattarli al mutato contesto finanziario. La liberalizzazione del mercato dei capitali e la loro accentuata mobilità impongono ai sistemi di tassazione di non penalizzare il capitale rispetto a quanto avviene negli altri paesi. Il contenimento della fuoriuscita di risorse e la correzione delle distorsioni fiscali possono e devono conseguirsi attraverso una più stretta convergenza dei sistemi tributari. In particolare, per ciò che riguarda la fiscalità del risparmio, il Governo italiano è in completa sintonia con la Commissione Europea sulla necessità di provvedere al più presto ad un coordinamento comunitario nella tassazione delle rendite finanziarie. Sembra infatti assodato che nella tassazione il fattore capitale sia privilegiato, grazie anche alla mobilità, caratteristica che gli è propria, a discapito di altri fattori di produzione ed in particolare del fattore lavoro, compromettendo come sembra evidente la competitività internazionale della Unione Europea nel suo complesso. Inoltre, l ormai certa realizzazione dell Unione Monetaria Europea accentuerà enormemente la caratteristica di mobilità e volatilità del capitale accentuando considerevolmente le distorsioni che provocano significative erosioni del gettito per alcuni paesi membri. A livello europeo, la direttiva sui proventi del risparmio, che combina l opzione della ritenuta alla fonte a quello dello scambio automatico delle informazioni, contribuisce al processo di armonizzazione tributaria e rappresenta un passo decisivo verso l applicazione del principio di residenza europea anche nella materia fiscale. Ciò nondimeno l adeguamento ad un maggiore e più efficace coordinamento fiscale ricade innanzitutto sugli ordinamenti nazionali dei paesi membri. La riforma varata in Italia muove anche da queste esigenze. Mira ad assicurare livelli dell imposizione compatibili con i vincoli posti dalla competizione fiscale e con quelli derivanti dal rigore che tuttora si impone nella finanza pubblica. Rispetto agli altri sistemi fiscali europei, la riforma italiana supera 17

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 l impostazione tradizionale che prevede (anche se spesso, almeno in parte, solo formalmente) la tassazione dei proventi finanziari in sede di imposizione personale progressiva e quella dei guadagni di capitale solo se realizzati con intento «speculativo», o in seguito a cessioni di partecipazioni azionarie «qualificate». Essa inoltre si caratterizza per una sostanziale omnicomprensività delle basi imponibili, tanto che il valore complessivo delle attività finanziarie delle famiglie inclusi i derivati soggette alla nuova disciplina si aggira intorno ai 2,5 milioni di miliardi. Alla maggiore estensione della base imponibile fa riscontro la ridotta incidenza del prelievo: 2 aliquote con una netta prevalenza dell aliquota del 12,5 per cento, rispetto a quella del 27 per cento il che evita ogni penalizzazione del mercato finanziario nazionale consentendo altresì un vantaggio di semplicità rispetto agli ordinamenti esteri tuttora caratterizzati da pluralità di aliquote, disomogeneità dei redditi tassabili, differenze nella modalità di applicazione delle imposte. Il nuovo sistema italiano, infine, è l unico in Europa che prevede la tassazione delle plusvalenze maturate e non solo realizzate e la corrispondente deducibilità delle minusvalenze maturate che possono essere compensate oltre che con le plusvalenze anche con interessi, dividendi, ecc. Il nuovo sistema determinerà effetti sull industria finanziaria italiana potenzialmente positivi. Canalizzerà gli investimenti verso le forme del risparmio gestito. In tal modo consentirà di conseguire i benefici offerti dalla professionalità degli intermediari nella gestione del portafoglio. Questi benefici supereranno, a detta degli stessi operatori, i maggiori costi amministrativi che ricadono nell immediato sugli intermediari. La funzionalità dei mercati sarà poi favorita anche dal superamento delle segmentazioni preesistenti. Vediamo ora quali sono le finalità principali dell intervento riformatore e la sua convergenza rispetto alle tendenze collegate all evoluzione del processo unitario europeo. Un sistema di tassazione dei redditi finanziari con aliquote non eccessivamente differenziate, al limite con un aliquota unica e contenuta, attenua gli effetti distorsivi dell imposizione sulle scelte dei risparmiatori. Le ragioni che al momento ostacolano il passaggio a un aliquota uniforme intermedia tra il 12,5 e il 27 per cento, attengono evidentemente alle esigenze di coordinamento in ambito europeo. Il grado di neutralità della fiscalità sul risparmio deve tenere conto anche del trattamento riservato al reddito di impresa. Se si considerano altri aspetti della riforma fiscale complessiva, come l introduzione dell IRAP o della DIT (dual income tax), appare evidente l intento di riavvicinamento delle aliquote sui redditi d impresa con quelle sulle rendite del capitale finanziario. Con l introduzione della DIT, l aliquota dell Irpeg viene a situarsi su valori compresi tra il 37 e il 27 per cento, in funzione della composizione del capitale dell impresa. Il reddito «normale» riconducibile agli incrementi di capitale e agli utili 18

9 VINCENZO VISCO, IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI... accantonati a riserva nell impresa è tassato a un aliquota ridotta del 19 per cento, in luogo dell aliquota ordinaria del 37. Per motivi di gettito, si è stabilito che l aliquota media gravante sul reddito complessivo delle imprese non possa comunque scendere al di sotto del 27 per cento. In assenza di tali vincoli, essa tenderebbe al 19 per cento e l eventuale maggiore carico fiscale graverebbe solamente sulla componente del profitto eccedente il rendimento «normale» del capitale proprio. A questo proposito una apposita Commissione di studio è stata già istituita al fine di predisporre ulteriori interventi che possano accelerare tale tendenza. Vista nel complesso la Riforma italiana opera un recupero consistente della neutralità fiscale nei confronti delle scelte di finanziamento delle imprese. In questo senso, la maggiore uniformità nel prelievo, conseguita con il riordino della tassazione delle rendite finanziarie, è coerente con le scelte compiute nel disegnare la riforma sulla tassazione dei redditi di impresa, ed in particolare con l introduzione della DIT. Come testimoniano i primi studi empirici sul tema, le due riforme, considerate congiuntamente, riducono enormemente, pur senza superarla integralmente, la discriminazione fiscale del preesistente regime nei confronti dei diversi canali di finanziamento delle imprese, che vedeva ampiamente favorito l indebitamento rispetto alle capitalizzazioni e quotazioni. La globalizzazione della finanza fa sì che la convergenza tra le aliquote di tassazione sui rendimenti del capitale reale e di quello finanziario tenda a realizzarsi su livelli contenuti rispetto a quelli gravanti sui redditi da lavoro. I motivi aderiscono principalmente alla diversa mobilità dei due fattori della produzione. Ad una elasticità elevata della mobilità del capitale ai differenziali tributari si contrappone, in Europa, un elasticità particolarmente bassa della mobilità del lavoro ai differenziali salariali e di disoccupazione tra aree. Nel contesto nazionale, come internazionale, le soluzioni dibattute e proposte comportano, alternativamente o congiuntamente, in primo luogo il ricorso all applicazione di ritenute alla fonte generali ed omogenee, in secondo luogo la trasmissione, da parte degli intermediari, di informazioni circa l identità e gli scambi effettuati dal beneficiario dei redditi corrisposti alle autorità fiscali del paese di residenza del beneficiario stesso. L applicazione di ritenute alla fonte o la gestione di altri prelievi sostitutivi, già previste nel nostro ordinamento, sono confermate con la riforma. A sua volta l utilizzo degli intermediari per trasmettere informazioni al Fisco, già ampiamente sperimentato nel nostro Paese (si pensi alla Legge 102/91 relativa ai capital gains e alla disciplina del monitoraggio) viene confermato ed ampliato. Sulla necessità di mantenere e di rafforzare queste caratteristiche nel sistema di imposizione sulle rendite finanziarie convergono anche le recenti proposte avanzate a livello comunitario sul trattamento 19

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 fiscale dei redditi di capitale percepiti da non residenti. Il dibattito sui problemi della competizione fiscale muove appunto verso il ricorso generalizzato a ritenute alla fonte omogenee operate dagli intermediari e la cooperazione nella trasmissione di informazioni tra le Autorità fiscali dei vari paesi. Su entrambi i fronti l Italia dispone oggi di strumenti forse più adeguati sotto il profilo normativo e amministrativo rispetto ad altri paesi. Si potrebbe addirittura affermare che l innovativo sistema di tassazione italiano delle attività finanziarie possa essere considerato un modello di riferimento negli ulteriori sviluppi del processo di armonizzazione comunitario nel campo della fiscalità del risparmio. In base a quanto stabilito nella riunione del Consiglio Ecofin dello scorso dicembre, la Commissione della UE ha presentato una proposta di Direttiva sulla tassazione dei proventi del risparmio di cui ci siamo occupati nella riunione di Lussemburgo del giugno scorso. La sottrazione alla tassazione degli interessi riconosciuti a non residenti, infatti, ormai divenuta prassi comune tra i paesi europei, genera distorsioni incompatibili con il mercato unico, provoca una perdita generale di gettito che mina la disciplina di bilancio voluta dagli accordi comunitari, rende, paradossalmente, i paesi della UE paradisi fiscali l uno nei confronti dell altro. La proposta di Direttiva prevede, pertanto, in base al principio della «coesistenza» un livello minimo di tassazione (pari al 20 per cento) da applicare da parte di ogni Stato membro sugli interessi versati a non residenti attraverso una ritenuta alla fonte operata dagli intermediari; in alternativa, impone all amministrazione finanziaria di rilasciare al Fisco del paese di residenza dell investitore le informazioni necessarie per gli accertamenti. Vediamo ora quali effetti benefici si aspettano sul mercato finanziario italiano dalla riforma. La riforma dell imposizione del risparmio elimina, dopo anni di attesa, le incertezze degli operatori istituzionali e degli stessi risparmiatori. Aumenta così la «stabilità regolamentare» della piazza finanziaria italiana. L accresciuta neutralità fiscale e la riduzione delle opportunità di comportamenti elusivi nelle scelte di portafoglio rafforzano l efficienza allocativa del mercato finanziario italiano. Con particolare riferimento al comparto obbligazionario vengono eliminate con la riforma alcune segmentazioni fiscali per categorie importanti di investitori (famiglie e fondi comuni). L abolizione per i fondi comuni dei prelievi alla fonte sui titoli obbligazionari rende più fluidi gli scambi; ne beneficia anche la gestione del debito pubblico. Il livello contenuto, anche nel confronto internazionale, dell aliquota base del 12,5 per cento limita l impatto che, l estensione del prelievo alle plusvalenze finanziarie di tali titoli potrebbe avere sul mercato dei capitali. Al contrario le modifiche apportate al sistema di tassazione dei dividendi dei soggetti non residenti, prima colpiti da 20

11 VINCENZO VISCO, IL RIORDINO DELLA TASSAZIONE DEI REDDITI FINANZIARI... un aliquota del 32,4 per cento, favoriranno la domanda di investitori esteri sul mercato azionario. Il nuovo sistema, che prevede un applicazione diretta per i non residenti delle minori aliquote convenzionali, in genere non superiori al 15 per cento, aumenta il grado di attrattività del mercato italiano. L abolizione della tassa sui contratti di Borsa per gli scambi sui mercati regolamentati e nelle transazioni degli intermediari, compresi i fondi, agevola gli scambi. Soprattutto, la riforma rafforza le tendenze al consolidamento nell industria del risparmio gestito. Dal lato della domanda, le famiglie saranno incentivate ad affidare i propri risparmi ai gestori professionali, per liberarsi del peso «amministrativo» della dichiarazione dei redditi e per il beneficio dell anonimato che le gestioni consentono. Dal lato dell offerta, è ragionevole ipotizzare che gli intermediari, nel medio termine, trovino conveniente concentrare l offerta su prodotti congruenti con uno solo dei due regimi fiscali previsti, al fine di contenere costi che altrimenti finirebbero col gravare sui risparmiatori. Il «risparmio amministrato» potrà essere infatti più costoso per gli intermediari, richiedendo per la determinazione dell imponibile la raccolta di dati dei quali gli intermediari non terrebbero traccia. Ulteriori difficoltà nel calcolo dell imposta potrebbero derivare dall applicazione degli equalizzatori. Il regime del «risparmio gestito» sembra avere la flessibilità per soddisfare anche le esigenze di quei risparmiatori che non intendono delegare completamente la gestione del proprio portafoglio all intermediario. Gli incentivi indotti dal nuovo regime fiscale si inscrivono nella tendenza delle famiglie a trasferire titoli dalla custodia alla gestione professionale. Nel la riduzione dei titoli di Stato a custodia presso le banche (per conto della clientela) è stata di miliardi. Nello stesso biennio la raccolta affluita ai gestori professionali (fondi comuni e gestioni patrimoniali) è stata imponente, pari a miliardi. Lo spostamento verso la gestione professionale del risparmio è destinato a proseguire. Alla fine dello scorso anno le attività finanziarie amministrate dai gestori professionali ammontavano a un milione di miliardi, il 50 per cento del PIL; la stessa percentuale è dell ordine del 110 per cento nella media dei paesi dell OCSE. Una maggiore incisività ed efficienza nella tassazione del capitale, in particolare dei proventi del risparmio, non appare più una posizione ideologica ma una necessità economica. L impianto complessivo è in linea con le raccomandazioni dell OCSE onde rispondere nella maniera più efficace alle forze che stimolano alle riforme di politica economica nella UE e mettono l Italia nell avanguardia dei paesi membri che affrontano questi fattori di modifica in un contesto globale. In conclusione si può affermare che l impianto predisposto con la riforma appare completo e tale da rispondere in pieno alle tendenze emergenti in sede comunitaria. La convergenza della tassazione dei 21

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/3 capitali applicata nei diversi paesi dell Unione Europea, del resto, appare improcrastinabile proprio per evitare quelle forme di concorrenza fiscale illecita che la Direttiva vuole combattere e che sono stimolate vieppiù dal processo di unificazione che rende impraticabili altre forme di concorrenza impropria come il regime dei tassi o quello del cambio. Noi siamo convinti non solo di aver operato per introdurre in Italia un primo robusto intervento di riequilibrio fiscale, ma anche di aver fornito all Europa un esempio di buona volontà su un versante che alcuni paesi ancora giudicano con forti resistenze. 22

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Università di Bologna a.a. 2011-12. finanziarie. Alberto Zanardi

Università di Bologna a.a. 2011-12. finanziarie. Alberto Zanardi Università di Bologna a.a. 2011-12 Economia pubblica CLEF Tassazione delle attività finanziarie Alberto Zanardi Problemi tradizionali nella tassazione delle attività finanziarie in Italia Difficoltà di

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Tassazione

Dettagli

Lettura 5: La tassazione delle attività finanziarie in Italia dopo la riforma Visco

Lettura 5: La tassazione delle attività finanziarie in Italia dopo la riforma Visco TASSAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE (Corso di Laurea in Economia e Società, curriculum Finanza e moneta e Corso di Laurea specialistica in Analisi, consulenza e gestione finanziaria, curriculum: Gestione

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Lettura 5: La tassazione delle attività finanziarie in Italia dopo la riforma Visco

Lettura 5: La tassazione delle attività finanziarie in Italia dopo la riforma Visco TASSAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE (Corso di Laurea in Economia e Società, curriculum Finanza e moneta e Corso di Laurea specialistica in Analisi, consulenza e gestione finanziaria, curriculum: Gestione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF. Economia pubblica a.a. 2013-14

Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF. Economia pubblica a.a. 2013-14 Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Tassazione delle attività finanziarie Alberto Zanardi

Dettagli

Tassazione delle attività finanziarie

Tassazione delle attività finanziarie Tassazione delle attività finanziarie Principali problematiche Vedi quanto detto detto su: Reddito consumo (è opportuno esentare le rendite finanziarie?) Reddito prodotto e Reddito entrata È opportuno

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Tassazione degli immobili: fiscalità locale, disciplina, effetti e confronti con ordinamenti stranieri

Tassazione degli immobili: fiscalità locale, disciplina, effetti e confronti con ordinamenti stranieri Tassazione degli immobili: fiscalità locale, disciplina, effetti e confronti con ordinamenti stranieri Alberto Zanardi Seminario presso l Associazione Stampa Parlamentare Roma, 23 novembre 2015 1 Sommario

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie

La tassazione delle attività finanziarie La tassazione delle attività finanziarie Integrazione al libro di testo Le attività finanziarie sono le diverse forme di impiego del capitale, come ad esempio: acquisto di azioni o quote di capitale di

Dettagli

ATTIVITÀ FINANZIARIE

ATTIVITÀ FINANZIARIE Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ATTIVITÀ FINANZIARIE Francesco Dal Santo ATTIVITÀ FINANZIARIE Ø Definizioni Ø Redditi di capitale Ø

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

Scienza delle finanze 30018 Cleam2

Scienza delle finanze 30018 Cleam2 1 Scienza delle finanze 30018 Cleam2 La tassazione delle rendite finanziarie (1) Tassazione delle attività finanziarie Quadro generale 1. Problemi tradizionali. 2. Problemi nati dalla crescente integrazione

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

7 lezione. Tassazione delle attività finanziarie (2)

7 lezione. Tassazione delle attività finanziarie (2) 7 lezione Tassazione delle attività finanziarie (2) Imposizione sui redditi in un contesto internazionale Problema: come tassare i redditi che i residenti conseguono all estero? come tassare i redditi

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161-bis) N. 252 30 luglio 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Tassazione Attivita Finanziarie e Tassazione Internazionale deia.a Redditi 2015-16 1 / 20

Tassazione Attivita Finanziarie e Tassazione Internazionale deia.a Redditi 2015-16 1 / 20 Tassazione Attivita Finanziarie e Tassazione Internazionale dei Redditi Prof Giuseppe Migali Universita Magna Graecia a.a 2015-16 Tassazione Attivita Finanziarie e Tassazione Internazionale deia.a Redditi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2833

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2833 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2833 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, GIAMBRONE, MASCITELLI, PEDICA, DE TONI, CARLINO, RUSSO, CAFORIO, SBARBATI, DI NARDO, MUSI e PETERLINI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE 1. Riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati 2. Sostegno

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI 27% Risparmio: Le novità fiscali 12,5% 20% Cosa sapere su investimenti e deposito titoli INDICE 1. Le imposte dirette Cosa cambia?

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Commissione di studio sulla tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Commissione di studio sulla tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Commissione di studio sulla tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria RELAZIONE FINALE Roma, 27 settembre 2006 La Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità

Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità Progetto di legge di iniziativa popolare: Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità Perché l Italia possa davvero ripartire è necessario

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento. Economia dei tributi_polin 1

Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento. Economia dei tributi_polin 1 Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento Economia dei tributi_polin 1 Decisioni di finanziamento L imposizione sulle società di capitali può risultare non neutrale

Dettagli

6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA

6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA 93 6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA Il problema della tassazione delle attività finanziarie nei Paesi dell Unione Europea è diventato più rilevante con la liberalizzazione dei movimenti

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

Ires La tassazione degli utili da partecipazione

Ires La tassazione degli utili da partecipazione Ires La tassazione degli utili da partecipazione Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Roma - Master SSEF Tassazione della società e dei soci Soggetti distinti dal punto di vista giuridico

Dettagli

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione.

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Intervento introduttivo Gli immobili in Italia 2015: Ricchezza, Redditi e Fiscalità Immobiliare Fabrizia Lapecorella Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Il progetto avviato nel

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali Circolare Informativa n. 29/2000 Alle Società consorziate Roma, 20 novembre 2000 Rif.: 600.15 Oggetto: DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali 1. Premessa Con riserva di un

Dettagli

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II Imposta personale sul reddito delle persone fisiche Capitolo 3, libro II Cosa intendere per imposte personali? (1) Imposte personali (ruolo capacità contributiva) - personalizzazione sulla base dell equità

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e- news 2014/4 REAL ESTATE LE NOVITÀ IN MATERIA DI SIIQ NEL DECRETO SBLOCCA ITALIA

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e- news 2014/4 REAL ESTATE LE NOVITÀ IN MATERIA DI SIIQ NEL DECRETO SBLOCCA ITALIA LE NOVITÀ IN MATERIA DI SIIQ NEL DECRETO SBLOCCA ITALIA Il D.L. 12 settembre 2014, n. 133, recante misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione

Dettagli

Riforma fiscale. Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu

Riforma fiscale. Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu Riforma fiscale Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu Camera di Commercio Italo-Germanica Via Borgogna 2 20122 Milano Tel. 02 7780711 E-mail: info.mi@hager-partners.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori

Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori Scissione di patrimoni netti contabili negativi: profili civilistici, contabili e fiscali in Rivista delle Operazioni Straordinarie

Dettagli

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali U.D. 2 Le forme aziendali: le società di persone Paragrafo 6 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 103 U.D. 3 Le società di capitali Paragrafo

Dettagli

Recenti disposizioni tributarie e regolamentari di interesse per le holding

Recenti disposizioni tributarie e regolamentari di interesse per le holding Milano, 20 Ottobre 2011 Prot. n. 293/11/ASH/nota 8 NOTA ASSOHOLDING Recenti disposizioni tributarie e regolamentari di interesse per le holding 1. Applicabilità alle holding delle nuove norme sulle società

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari Thomas Tassani Università degli Studi di Università degli Studi di Fiscalità Finanziaria Aspetti di criticità nella tassazione Dal lato attivo, alta

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

TRIBUTI. Commissione di studio La tassazione dei redditi di capitale e. dei redditi diversi di natura finanziaria. supplemento n.2

TRIBUTI. Commissione di studio La tassazione dei redditi di capitale e. dei redditi diversi di natura finanziaria. supplemento n.2 TRIBUTI Commissione di studio La tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria supplemento n.2 2008 SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE EZIO VANONI MINISTERO

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI «THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI Analisi del meccanismo antielusivo ex art. 98 del Tuir, atto a contrastare quei finanziamenti che aggirano le norme

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Ernesto Longobardi Il trattamento tributario delle imprese dipende dalla loro forma

Dettagli

Riferimenti Legge 27 dicembre 2013, n. 147; Agenzia delle entrate, Circolare del 4 giugno 2014, n. 14/E.

Riferimenti Legge 27 dicembre 2013, n. 147; Agenzia delle entrate, Circolare del 4 giugno 2014, n. 14/E. Rettifiche e riprese di valore dei crediti verso la clientela operate dalle banche: la disciplina IRAP del Dott. Roberto Baudino e del Dott. Roberto Munno L Approfondimento Dal 1 gennaio 2013 il sistema

Dettagli

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza.

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf)

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Il decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 ha apportato importanti modifiche al Testo Unico della Finanza

Dettagli