DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ex art.5 D.P.R. 323/1998)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ex art.5 D.P.R. 323/1998)"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE G. Filangieri Cda Russo snc TREBISACCE (CS) C.F C.U.U. UFCASF posta elettronica: Tel Fax SETTORE ECONOMICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI TURISMO Corso serale: PROGETTO SIRIO - COMMERCIALE SETTORE TECNOLOGICO COSTRUZIONE, AMBIENTE E TERRITORIO GRAFICA E COMUNICAZIONE Corso serale: PROGETTO SIRIO - GEOMETRI CLASSE V SEZ. C INDIRIZZO A.F.M. ARTICOLAZIONE S.I.A. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ex art.5 D.P.R. 323/1998)

2 ANNO SCOLASTICO PROFILO PROFESSIONALE Il Perito in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze specifiche nel campo dei macro- fenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. E in grado di: partecipare al lavoro organizzato e di gruppo con responsabilità e contributo personale; operare con flessibilità in vari contesti affrontando il cambiamento; operare per obiettivi e per progetti; documentare opportunamente il proprio lavoro; individuare, selezionare e gestire le fonti di informazione; elaborare, interpretare e rappresentare dati con il ricorso a strumenti informatici; operare con una visione trasversale e sistemica; comunicare con linguaggi appropriati e con codici diversi; comunicare in due lingue straniere anche su argomenti tecnici. In particolare, è in grado di assumere ruoli e funzioni in relazione a: - rilevazione dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili; - trattamenti contabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; - adempimenti di natura fiscale (imposte dirette ed indirette, contributi); - trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; - lettura, redazione e interpretazione dei documenti contabili e finanziari aziendali; - controllo della gestione; - reporting di analisi e di sintesi; -utilizzo di tecnologie e programmi informatici dedicati alla gestione amministrativo/finanziaria. Nell articolazione Sistemi Informativi Aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi.

3 Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica.

4 A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento, di seguito specificati in termini di competenze. 1. Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. 2. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 3. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 4. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. 5. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. 6. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. 7. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. 8. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. 9. Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. 10. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. 11. Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, le competenze di cui sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del profilo di riferimento.

5 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE COGNOME NOME DATA DI NASCITA RESIDENZA 1 BARLETTA Dario Amendolara (Cs) 2 BELLINO Giuseppe Montegiordano (Cs) 3 BONGIOVANNI Santi A Trebisacce (Cs) 4 BORRELLI Giusy Altomonte (Cs) 5 CAPUTO Gerardo R. M Cassano allo Jonio (Cs) 6 CIRIGLIANO Antonio Trebisacce (Cs) 7 CROCCO Nicola F Amendolara (Cs) 8 DI FEDERICO Laura Cassano allo Jonio (Cs) 9 FANELLI Alessia Rocca Imperiale (Cs) 10 FITTIPALDI Anthony Amendolara (Cs) 11 GAETANI Gisella Cassano allo Jonio (Cs) 12 GIOIA Simone Cassano allo Jonio (Cs) 13 LIGUORI Giovanna Montegiordano (Cs) 14 MORTORO Rocco Pio Amendolara (Cs) 15 NARDELLI Giuseppe Rocca Imperiale (Cs) 16 PEPE Salvatore M Cassano allo Jonio (Cs) 17 ROMA Santino Amendolara (Cs) 18 SANTALUCIA Rocco Amendolara (Cs)

6 IL PROFILO DELLA CLASSE Descrizione dell evoluzione della classe e risultati conseguiti La classe si compone di 18 alunni (n. 5 ragazze e n. 13 ragazzi), i quali hanno seguito l intero percorso formativo nell Istituto, beneficiando nel triennio di una stabilità dei soli docenti di Lingua Inglese e Matematica. Nel corrente anno scolastico, sono stati riconfermati come docenti di Diritto, Economia Politica ed Economia Aziendale gli stessi docenti del terzo anno di corso. La frequenza è stata generalmente assidua, sia pure con le dovute eccezioni, ma spesso è mancato un atteggiamento partecipativo alla vita scolastica. Gli alunni che maggiormente incontravano difficoltà nell organizzazione del proprio lavoro hanno manifestato anche scarsa disponibilità all acquisizione di abilità e di competenze e richiesto un attenzione particolare e reiterati inviti ad una condotta adeguata. Si sono registrati, infatti, episodi che hanno fortemente rallentato la tempistica di somministrazione dei relativi contenuti disciplinari, per i quali si è resa necessaria la convocazione di consigli di classe straordinari, nel corrente anno scolastico, come nel precedente, peraltro non confortati da un adeguata partecipazione dei genitori interessati. Nello specifico, oltre ad un numero molto ristretto di alunni che, fortemente motivati e supportati da una solida preparazione di base, hanno conseguito ottimi risultati, la classe può essere divisa in due gruppi: il primo include coloro che, a fronte di un impegno e di una partecipazione al dialogo educativo non propriamente continui, sono comunque pervenuti ad una preparazione nel complesso sufficiente; il secondo gruppo annovera molti alunni che nel corso dell anno hanno palesato interesse poco convinto, inadeguata

7 applicazione, tendenza al disimpegno ed a sottrarsi alle verifiche, riportando in termini di profitto, nella valutazione trimestrale ed intermedia, diffuse insufficienze nelle varie discipline: tuttavia, ove dovessero impegnarsi a fondo ed esplicitare, per come tutti i docenti auspicano, una forte e robusta intensificazione degli sforzi applicativi in quest ultima parte dell anno, detti alunni sono ancora in condizione di conseguire un accettabile livello di preparazione finale. I rapporti umani all interno del gruppo, con i docenti e con l Istituzione Scolastica nel suo complesso, non sono stati sempre ottimali per tutti gli alunni, anche per la presenza di alcuni allievi connotati da spigolosità caratteriali e piuttosto restii al rispetto delle regole di ordinata convivenza, pur non essendo stati registrati fatti eclatanti sotto il profilo disciplinare. Il livello medio di preparazione, in rapporto alla partecipazione al dialogo educativo, all impegno e all applicazione, allo stato, non può considerarsi pienamente soddisfacente, in specie per la presenza di alcune situazioni individuali ancora non pervenute all acquisizione, quanto meno a livello minimo, degli obiettivi disciplinari prefissati. Sono state somministrate due simulazioni della terza prova scritta prevista per gli Esami di Stato. Caratteristiche socio culturali degli studenti e rapporti con le famiglie Per buona parte degli alunni, l ambiente socio-economico-culturale di provenienza non ha favorito la partecipazione fattiva e convinta alle attività scolastiche, e la stessa socializzazione non sempre è stata indirizzata in senso costruttivo sotto il profilo didattico. È da annotare, comunque, che gli alunni provengono nella quasi totalità dai paesi limitrofi, per cui sono stati sottoposti ai disagi del pendolarismo. La partecipazione della maggioranza delle famiglie è stata scarsa. Altre hanno risposto alle insistenti sollecitazioni. Il più delle volte il Coordinatore si è dovuto far carico di contattare

8 i genitori telefonicamente per metterli al corrente degli inadempimenti dei propri figli. I rappresentanti dei genitori eletti nel Consiglio di Classe hanno, invece, partecipato attivamente agli incontri programmati.

9 OBIETTIVI GENERALI Il Consiglio di classe ha perseguito e conseguito i seguenti obiettivi educativi: INDICATORI M S D B O Capacità di confronto con gli adulti Capacità di autovalutazione Responsabilizzazione Collaborazione tra studenti e docenti Motivazione allo studio delle discipline Potenziamento delle capacità di imparare ad apprendere Potenziamento delle capacità espressive Potenziamento dell'acquisizione degli strumenti di base in tutte le discipline Potenziamento delle competenze comunicative Capacità di analisi Capacità di sintesi Capacità di valutazione Accrescimento dell'autonomia nello studio individuale Capacità di lavorare in equipe Ampliamento culturale Potenziamento capacità comunicativo relazionale Conoscenza del lessico specifico delle discipline Utilizzo di capacità organizzativa Acquisizione di capacità di autonomia e di giudizio Organizzazione informazioni Conoscenze e competenze singole discipline Uso corretto di metodi e procedimenti Consapevolezza dei risultati raggiunti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X M Mediocre - S Sufficiente - D Discreto - B Buono O Ottimo OBIETTIVI DISCIPLINARI Gli obiettivi disciplinari raggiunti sono riportati nelle schede disciplinari dei docenti della classe, allegati al presente documento.

10 CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO DISCIPLINE III ANNO IV ANNO V ANNO Religione cattolica/ Materia alternativa SPEZZANO Salvatore CARLOMAGNO Teresa SPEZZANO Salvatore Scienze motorie e sportive GIOVAZZINO Peppino CATALDI Antonio CATALDI Antonio Lingua inglese COZZO Giuseppe COZZO Giuseppe COZZO Giuseppe Seconda lingua comunitaria- Francese PETRELLI Maria Maddalena Matematica LE VOCI Zoila LE VOCI Zoila LE VOCI Zoila Laboratorio di informatica gest.le IANNO Antonino MULÈ Maria Giulia MULÈ Maria Giulia Diritto DEL GAUDIO Matteo PELLE Maria Teresa DEL GAUDIO Matteo Economia Politica DEL GAUDIO Matteo PELLE Maria Teresa DEL GAUDIO Matteo Economia aziendale ABATE Francesco Antonio PINTO Domenico ABATE Francesco Antonio Storia CARLOMAGNO Dilla SANGINETO Maria SANGINETO Maria Lingua e letteratura italiana LA MOGLIE Salvatore SANGINETO Maria SANGINETO Maria Informatica SPINELLI Franco SPINELLI Franco CORDASCO Orazio Sam PERCORSO FORMATIVO Contenuti disciplinari I contenuti disciplinari scelti ed affrontati sono riportati nelle schede disciplinari dei docenti della classe, allegati al presente documento. Essi sono stati scelti in relazione agli apprendimenti dimostrati dalla classe nelle prove di ingresso, agli interessi dimostrati, alla disponibilità di sussidi didattici, alle dotazioni dei laboratori, ecc. I programmi, relativi alle varie discipline e conformi a quelle ministeriali, sono allegati al documento.

11 METODOLOGIE DIDATTICHE ADOTTATE MATERIE Lezione frontale Lavoro di gruppo ed intergruppo Insegnamento individualizzato Problem solving Note Religione cattolica o attività alternative X X X Lingua e letteratura X X X Storia X X X Lingua inglese X X X X Matematica X X X X Informatica X X X X Economia aziendale X X X X Diritto X X X X Economia Politica X X X X Scienze motorie e sportive X X X TEMPI La scansione della valutazione è stata suddivisa in un trimestre e un pentamestre con valutazione infraquadrimestrale.

12 CRITERI DI VALUTAZIONE Il Consiglio di Classe, sulla base degli obiettivi didattici, educativi e formativi, degli obiettivi minimi di conoscenze, competenze e capacità definiti per singole discipline, tenendo conto dei livelli di partenza di ciascun alunno, dei percorsi compiuti, dei progressi e dei livelli finali conseguiti; della sistematicità, continuità ed omogeneità dell'interesse dimostrato in classe, dell'impegno evidenziato nell'acquisizione, nell'autonoma elaborazione e nell'approfondimento di competenze, conoscenze e abilità; della eventuale partecipazione alle attività di recupero, intesa come interesse, impegno, rendimento e profitto conseguiti, del contesto della classe, inteso come profilo storicamente determinato, come clima didattico e come risultati medi; di ogni singolo alunno, valuterà: i risultati oggettivi, espressi attraverso i giudizi e le proposte di voto dei singoli docenti, conseguiti nelle singole discipline, considerate tutte di pari dignità in ordine alla valenza formativa, seppur con particolare attenzione alle materie caratterizzanti il corso di studio; le capacità personali e l'atteggiamento scolastico mostrato nel corso dell'anno scolastico e di quelli precedenti, nonché il metodo di studio, la capacità critica di analisi e di sintesi; la globalità delle competenze e delle conoscenze acquisite; le prospettive di crescita umana e culturale, in base anche alla storia scolastica personale.

13

14 STRUMENTI DI VERIFICA MATERIE Colloquio Interrogazione Prove Scritte tradizionali strutturato Test semistrutturato Prove pratiche o di laboratorio Religione cattolica o attività alternative X X X X Lingua e letteratura X X X X Storia X X X X X Lingua inglese X X X X X Matematica X X X X X Informatica X X X X X X Economia aziendale X X X X X X Diritto X X X X Economia Politica X X X X Scienze motorie e sportive X X X X

15 INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO DELLA SCUOLA CON ALTRI SOGGETTI OPERANTI NEL TERRITORIO Iniziative con Enti locali Iniziative con Associazioni culturali e ricreative, cooperative Partecipazione alla presentazione e promozione del progetto Policoro Il tuo futuro non è uno slogan Società Cooperativa ARTE VIVA Iniziative con aziende Iniziative con altre Scuole Iniziative con Università Seminario Docenti: Pasquale Corsonello e Arrigo Palumbo Comunicare con il pensiero, la bioelettronica e le Brain Computer Interfaces Unical (Cs) Alunni: Barletta Dario, Bongiovanni Santi Andrea, Borrelli Giusy, Cirigliano Antonio, Di Federico Laura, Fanelli Alessia, Gaetani Gisella, Mortoro Rocco Pio, Pepe Salvatore M.

16 ATTIVITA EXTRACURRICULARI Visite guidate Uscite didattiche Viaggi d istruzione Attività complementari di recupero ed integrative Stage 1) Corso Lingua Inglese Monte ore: 60 PON Obiettivo C Azione 1 Alunni: Antonio Cirigliano, Giusy Borrelli, Simone Gioia. 2) Stage aziendale Scuola Impresa: costruire l alternanza presso il Villaggio turistico Toccacielo Tra te e il mare - Alunni: Borrelli Giusy, Di Federico Laura, Gaetani Gisella, Gioia Simone. Tirocini aziendali Orientamento

17 Partecipazione alla seconda edizione di OrientaCalabria Lamezia Terme (Cs) Alunni: Barletta Dario, Borrelli Giusy, Caputo Gerardo R. M., Di Federico Laura, Fanelli Alessia, Fittipaldi Anthony, Gaetani Gisella, Gioia Simone, Mortoro Rocco Pio, Roma Santino, Santalucia Rocco. Progetti P.O.F. Olimpiadi di italiano Fase di Istituto Alunni: Cirigliano Antonio e Gioia Simone. Olimpiadi della matematica Fase di Istituto - Alunno: Cirigliano Antonio. Corso Cisco System Academy Tutti gli alunni eccetto Caputo Gerardo R. M. DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE Verbali del Consiglio di Classe Pagelle degli studenti Libretto degli stages Registri degli insegnanti della classe Programmi delle singole discipline P.O.F. Compiti, elaborati, test di ciascun alunno della classe Programmi, relazioni, valutazioni, attività extracurriculari Piano annuali dei docenti della classe Relazioni finali dei docenti della classe Certificazione dei crediti formativi di ciascun alunno della classe Elenco dei libri di testo Verbale degli esami di ammissione dei candidati esterni Eventuale lavoro di ricerca degli alunni della classe

18 Allegato SCHEDA DISCIPLINARE RELIGIONE CATTOLICA DOCENTE : Prof.re SALVATORE SPEZZANO Testo Adottato : TUTTI I COLORI DELLA VITA (EDIZIONE MISTA) Numero di ore settimanali : 1 OBIETTIVI RAGGIUNTI ( in termini di conoscenze, abilità e competenze) conoscenze Gli allievi hanno raggiunto una conoscenza oggettiva, dei contenuti essenziali del cattolicesimo e una conoscenza delle varie forme di linguaggio e consapevolezza dei principi e valori etico - morale. Linguaggio religioso e rivelazione. CRITERI DI SUFFICIENZA (in termini di conoscenze, abilità e competenze)

19 Competenze: Gli allievi hanno saputo analizzare espressioni e termini religiosi, esprimendo valutazioni personali ma non sempre adeguatamente motivate. Elaborazione di temi di carattere morale e religioso. Lettura religiosa. Abilità: Gli allievi sono stati capaci di riconoscere il ruolo del cristianesimo nella società civile italiana ed europea. Maturazione e capacità di confronto e di criticità nelle diverse attività cognitive, linguistiche, innovative e alternative

20 STRUMENTI, METODI E STRATEGIE DIDATTICHE E DI RECUPERO METODI ( lezione frontale-lavori di gruppo ricerche - dibattiti ) Brevissime lezioni frontali; letture di documenti. Risposte personali e di gruppo-domande scritte e orali MEZZI E STRUMENTI ( libro di testo- lavagna luminosa fotocopie - sussidi audiovisivi) Libro di testo-documento: IL Concilio Vaticano II ; Bibbia; Encicliche. VERIFICHE VERIFICHE ( prove d ' ingresso -frequenza e caratteristiche delle verifiche : orali e scritte - iniziative di sostegno e di approfondimento) Domande strutturate scritte-prove di ingresso CONTENUTI Moduli : monodisciplinari Argomento Unità didattiche Durata 1 Ebraismo 5 ore Il Lavoro e l'uomo 2 Islamismo 5 ore Il lavoro e l'uomo 3 Cristianesimo 6 ore L'impegno sociale Moduli Pluridisciplinari Argomento Durata Unità didattiche 1 Gli Ebrei:Riti e Tradizioni 5 ore Gli Ebrei 2 L'Islamismo: Riti e 5 ore Islamismo Tradizioni 3 Cristianesimo: Riti e Tradizioni 7 ore Cristianesimo

21 Ore previste 33 ore impiegate: 30 IL DOCENTE SCHEDA DISCIPLINARE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Allegato DOCENTE : Prof.ssa Maria Sangineto Testo Adottato: Letteratura +. Dall età del Positivismo alla letteratura contemporanea. Vol. 3, di M. Sambugar, G. Salà, La Nuova Italia editrice. Numero di ore settimanali: 4 OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, abilità e competenze) La VC S.I.A., classe formata da 18 alunni, 5 ragazze e 13 ragazzi, dal punto di vista disciplinare si è mostrata non ancora pienamente consapevole del valore delle regole di una corretta convivenza. Una parte dei ragazzi si è comportata, infatti, in modo scorretto, ha disatteso, in molte occasioni, tutte le regole che vigono all interno di una Istituzione scolastica e non sempre è riuscita ad interagire nel gruppo classe e con la docente in modo consapevole e rispettoso. In quest ultimo anno scolastico, una parte della classe è stata disattenta e incostante, mostrandosi priva di interesse nei confronti dei contenuti della disciplina; a questo si è aggiunto un lavoro a casa dispersivo e poco proficuo. In qualche occasione la docente si è sentita oggetto da parte di qualche allievo di atteggiamenti che rasentavano il bullismo. Tutto questo in aggiunta alla collocazione della metà delle lezioni nelle ultime ore; circostanza che ha reso ancora più difficoltoso il dialogo educativo e didattico. Pertanto, nonostante la continuità didattica negli insegnamenti di Letteratura italiana e Storia, garantita negli ultimi due anni e i numerosi approcci metodologici differenziati, utilizzati dalla docente, gli alunni di cui sopra non hanno raggiunto un grado di maturazione adeguato e gli obiettivi minimi relativi alle conoscenze, competenze ed abilità. Nonostante la situazione sopra descritta, un ristretto numero di discenti, pur con molte

22 difficoltà, ha migliorato la propria preparazione di base, ha acquisito adeguate capacità espositive, ottenendo, pertanto, risultati positivi, ed in pochissimi casi più che soddisfacenti. CRITERI DI SUFFICIENZA (in termini di conoscenze, abilità e competenze) I criteri di sufficienza adottati si sono basati sulla conoscenza da parte dell allievo delle linee generali del percorso letterario, degli autori, delle opere, delle correnti e delle poetiche dei periodi oggetto di studio, sulla capacità di saper svolgere una relazione orale sulla base di appunti e schemi forniti dal docente e sintesi preparate individualmente, sulla lettura e comprensione di testi in prosa e poesia, sulla produzione convincente di testi scritti nella varie tipologie di scrittura (A, B, C e D). La valutazione del colloquio orale si è adeguata alle fasce di livello individuate nella programmazione annuale del Dipartimento linguistico-espressivo; la valutazione delle prove scritte è stata fatta in conformità alla griglia di valutazione della prima prova dell Esame di Stato, approvata dal suddetto dipartimento, ed allegata alla programmazione individuale e al. STRUMENTI, METODI E STRATEGIE DIDATTICHE E DI RECUPERO Gli strumenti adottati per il raggiungimento delle finalità della disciplina sono stati i seguenti: libro di testo, mappe concettuali, fotocopie di approfondimento e/o sintesi tratte da altri testi, sintesi del docente. L attività didattica è stata articolata per moduli, le lezioni sono avvenute prevalentemente in modo frontale, ma si sono verificate numerose situazioni in cui

23 sono stati privilegiati il colloquio e la discussione partecipata su argomenti di particolare interesse per i discenti, le domande-stimolo, letture e approfondimenti al fine di favorire le capacità critiche dei ragazzi. Per alcuni argomenti la docente ha realizzato e/o si è servita di powerpoint proiettati in laboratorio o inviati ai discenti, al fine di fornire agli stessi ulteriori elementi di sintesi ragionate. Il recupero degli alunni che non raggiungevano gli obiettivi minimi di apprendimento è avvenuto principalmente attraverso la modalità del recupero in itinere. VERIFICHE La verifica delle conoscenze, competenze ed abilità è stata costante nel corso dell anno scolastico. E avvenuta attraverso il colloquio e l interrogazione, ma anche attraverso la verifica delle consegne pomeridiane, che consistevano in riassunti, commenti e analisi testuali di brani in prosa e poesia. Nel corso dell anno scolastico, sono state effettuate tutte le tipologie della prima prova scritta somministrate all Esame di Stato (tipologie A, B, C, D). CONTENUTI Modulo 1: Da Roma capitale al primo dopoguerra. U.U.D.D.: l età del Positivismo. Dal Romanticismo al Positivismo. Il Positivismo: i caratteri distintivi. Naturalismo e Verismo: genesi, similitudini e differenze. Giovanni Verga, la biografia, le opere, la poetica, le tecniche narrative; lettura e analisi di brani scelti da I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo. G. Carducci: biografia e opere. La Scapigliatura. la crisi del Positivismo e il Decadentismo. La crisi del modello razionalista. Il Decadentismo. Simbolismo ed Estetismo. Giovanni Pascoli, la biografia, le opere, la poetica. Lettura e analisi di brani scelti da Il fanciullino; lettura e analisi testuale di liriche da Myricae e Canti di Castelvecchio. la narrativa della crisi. Il romanzo della crisi ed i suoi principali autori. Italo Svevo, la biografia, le opere, il pensiero e la poetica. Lettura e analisi di brani scelti da La coscienza di Zeno. Luigi Pirandello, la biografia, le opere, il pensiero e la poetica. Lettura e analisi di Il treno ha fischiato da Novelle per un anno e brani scelti da Il fu Mattia Pascal. le riviste e i nuovi indirizzi della poesia: Le riviste letterarie del Novecento. Crepuscolarismo e Futurismo. L Ermetismo. Modulo 2: dal primo al secondo dopoguerra.

24 U.U.D.D.: Eugenio Montale e la poetica dell oggetto. La biografia, le raccolte poetiche, la poetica. Scelta di liriche. Il Neorealismo. La narrativa italiana fra le due guerre. Cesare Pavese, biografia e opere. Modulo 3: Il Paradiso. Il Paradiso e la struttura dei cieli. Canto I, sintesi, lettura, parafrasi e analisi di versi scelti (vv.1-63). Modulo 4: Tipologie di scrittura. Tipologia A, analisi testuale di brani in prosa e poesia; Tipologia B, testo argomentativo; tipologia C, tema di argomento storico; tipologia D, tema di argomento generale. Ore previste 99; ore impiegate: 68 (al ) Osservazioni: Viste le condizioni didattico-disciplinari della classe in oggetto, il programma presentato nella scheda ha subito una modifica nella quantità dei contenuti, rispetto alla programmazione presentata all inizio dell anno scolastico. La docente non esclude, inoltre, di dover ulteriormente sintetizzare i contenuti del modulo 2. IL DOCENTE

25 Allegato SCHEDA DISCIPLINARE STORIA DOCENTE : Prof.ssa Maria Sangineto Testo Adottato : Parlare di storia, di M. Fossati, G. Luppi, E. Zanette; Mondadori, vol. 3. Numero di ore settimanali : 2 OBIETTIVI RAGGIUNTI ( in termini di conoscenze, abilità e competenze) La VC S.I.A., classe formata da 18 alunni, 5 ragazze e 13 ragazzi, dal punto di vista disciplinare si è mostrata non ancora pienamente consapevole del valore delle regole di una corretta convivenza. Una parte dei ragazzi si è comportata, infatti, in modo scorretto; ha disatteso, in molte occasioni, alcune delle regole che vigono all interno di una Istituzione scolastica e non sempre è riuscita ad interagire nel gruppo classe e con la docente in modo consapevole e rispettoso. In quest ultimo anno scolastico, una parte della classe è stata disattenta e incostante, mostrandosi priva di interesse nei confronti dei contenuti della disciplina; a questo si è aggiunto un lavoro a casa dispersivo e poco proficuo. In qualche occasione la docente si è sentita oggetto da parte di qualche allievo di atteggiamenti che rasentavano il bullismo. Tutto questo in aggiunta alla collocazione della metà delle lezioni nelle ultime ore; circostanza che ha reso ancora più difficoltoso il dialogo educativo e didattico. Pertanto, nonostante la continuità didattica negli insegnamenti di Letteratura italiana e Storia, garantita negli ultimi due anni e i numerosi approcci metodologici differenziati, utilizzati dalla docente, gli alunni di cui sopra non hanno ancora raggiunto un grado di maturazione adeguato e gli obiettivi minimi relativi alle conoscenze, competenze ed abilità. Nonostante la situazione sopra descritta, un ristretto numero di discenti, pur con molte difficoltà, ha migliorato la propria preparazione di base, ha acquisito sufficienti capacità espositive, ottenendo, pertanto, risultati positivi, ed in pochissimi casi più che soddisfacenti.

26 CRITERI DI SUFFICIENZA (in termini di conoscenze, abilità e competenze) I criteri di sufficienza adottati si sono basati sulla conoscenza da parte dell allievo delle linee generali del percorso storico, degli avvenimenti, dei protagonisti più importanti della storia dei periodi oggetto di studio; sulla capacità di saper svolgere una relazione orale, anche di pochi minuti, sulla base di appunti e schemi forniti dal docente o sintesi preparate individualmente, sulla produzione, in maniera sufficiente, di testi scritti di tipologia C, sulla rielaborazione autonoma e critica delle conoscenze assimilate. La valutazione del colloquio orale si è adeguata alle fasce di livello individuate nella programmazione annuale del Dipartimento linguistico-espressivo e ha tenuto conto del livello di partenza, della partecipazione, dell impegno, dell interesse e del progresso dell allievo. STRUMENTI, METODI E STRATEGIE DIDATTICHE E DI RECUPERO Gli strumenti adottati per il raggiungimento delle finalità della disciplina sono stati i seguenti: libro di testo, mappe concettuali, fotocopie di approfondimento tratte da altri testi o riviste storiche, sintesi, attuate anche attraverso la visione di powerpoint. L attività didattica è stata articolata per moduli, le lezioni sono avvenute prevalentemente in modo frontale, ma si sono verificate numerose situazioni in cui sono stati privilegiati il colloquio e la discussione partecipata su argomenti di particolare interesse, letture e approfondimenti, al fine di favorire le capacità critiche degli allievi. Il recupero degli alunni che non raggiungevano gli obiettivi minimi di apprendimento è avvenuto principalmente attraverso la modalità di recupero in itinere. VERIFICHE

27 La verifica delle conoscenze, competenze ed abilità è stata costante nel corso dell anno scolastico. E avvenuta attraverso il colloquio e l interrogazione, ma anche attraverso domande-stimolo dal posto sugli argomenti trattati. Nel corso dell anno sono stati somministrati ai discenti dei test strutturati e semistrutturati per valutare i livelli di conoscenze raggiunti.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli