UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA"

Transcript

1 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA COORDINATORE: Gian Franco Tantardini (Professore Ordinario di Chimica Fisica) COMPONENTI: Anna Bernardi (Professore Straordinario di Chimica Organica) Riccardo Destro (Professore Ordinario di Chimica Fisica) Angelo Gavezzotti (Professore Ordinario di Chimica Fisica) Angelo Sironi (Professore Ordinario di Chimica Generale ed Inorganica) Emanuele Ortoleva (Professore Associato di Chimica Fisica) Maurizio Sironi (Professore Associato di Chimica Fisica) Laura Belvisi (Ricercatore di Chimica Organica) Piero Macchi (Ricercatore di Chimica Generale ed Inorganica) Rocco Martinazzo (Ricercatore di Chimica Fisica) Giuliana Materzanini (Dottore di Ricerca in Scienze Chimiche) Ilaria Pino (Dottoranda in Scienze Chimiche XIX Ciclo) Simone Casolo (Laureando - Laurea Specialistica in Scienze Chimiche)

2 Elementary processes at surfaces Gian Franco Tantardini Rocco Martinazzo Giuliana Materzanini Ilaria Pino Dipartimento di Chimica Fisica ed Elettrochimica Università degli Studi di Milano Chemical Dynamics Theory university of milan > _

3 Langmuir-Hinshelwood of milan > lntroduction _

4 of milan > lntroduction _ Eley-Rideal

5 Hot-Atoms J. Harris and B. Kasemo,, Surf. Sci. 105 (1981) L281 of milan > lntroduction _

6 ER vs HA: H on H/Ni Ni(100) Rigid surface R. Martinazzo,, G. Marinoni,, S. Assoni and G. F. Tantardini, J. Chem. Phys. 120 (2004) 8761 of milan > Eley-Rideal vs Hot-Atoms _

7 ER vs HA: H on H/Ni Ni(100) Hot-Atoms T = 120 K of milan > Eley-Rideal vs Hot-Atoms _

8 H 2 formation and CID on graphite E col Eley-Rideal (ER) v t of milan > Hydrogen formation on graphite _

9 H 2 formation and CID on graphite C g + H + H E col Collision Induced Desorption (CID) 3.2 ev v t of milan > Hydrogen formation on graphite _

10 H 2 graphite system z 2.0 z 2.0 z x x x X. Sha and B. Jackson Surf. Sci. 496 (2002) 318 X. Sha,, B. Jackson and D. Lemoine,, J. Chem. Phys (2002) 7158 of milan > Hydrogen formation on graphite _

11 Quantum dynamics rigid, flat surface approximation M. Persson,, B. Jackson J. Chem. Phys. 102 (1995) 1078 D. Lemoine,, B. Jackson Comp. Phys.Comm Comm (2001) 415 z z i time-dependent wavepacket approach Z Split-operator scheme Pseudospectral strategy using FFT along cartesian coords Pseudospectral or DVR using DBT along r coord z t Product coordinates Reagent coordinates r time-energy mapped, projected flux analysis of milan > Hydrogen formation on graphite _

12 H-Chemisorbed of milan > H-Chemisorbed _ R. Martinazzo and G.F. Tantardini, J. Chem. Phys. (2006) in press (I)

13 of milan > H-Chemisorbed _ QCT comparison

14 Rotational distributions V t = 0 of milan > H-Chemisorbed _

15 Vibrational distributions vibrational selectivity V t = 0 of milan > H-Chemisorbed _

16 Selective population Quantum effects: product quantization of milan > H-Chemisorbed _ R. Martinazzo and G.F. Tantardini J. Phys.Chem Chem. A 109 (2005) 9379

17 H-Physisorbed of milan > H-Physisorbed _ R. Martinazzo and G.F. Tantardini, J. Chem. Phys. (2006) in press (II)

18 of milan > H-Physisorbed _ H-Physisorbed

19 Studio di meccanismi di reazione HΨ = U (R) Ψ H = 2 U ( R) R i R j E=33.65 kcal/mol E=21.98 kcal/mol Minimi e Selle di ordine 1 Linee di gradiente U (R) E=5.67 kcal/mol R coordinate atomiche ~ 100 E=0.00 kcal/mol E.Ortoleva -1

20 Analisi vibrazionale Possibili canali reattivi Confronto con dati spettroscopici E.Ortoleva -2

21 Analisi della densità elettronica L dr Ldrn Ψ( 2 r1, r2, Krn ) 2 ρ(r) 2 ρ(r) Struttura di legame E.Ortoleva -3

22 Dipartimento di Chimica Fisica ed Elettrochimica Sezione 4 :STATO SOLIDO, SUPERFICI, CRISTALLOCHIMICA Attività scientifica nel laboratorio raggi X Gruppo di ricerca: Riccardo Destro, professore Elisabetta Sartirana, dottoranda Laura Loconte, tecnico laureato Leonardo Lo Presti, assegnista Raffaella Soave, ricercatore ISTM CNR Pietro Colombo, tecnico qualificato ISTM CNR

23 Scopo del lavoro: densità elettronica dai dati di diffrazione di raggi X Condizioni di raccolta dei dati Natura e qualità del cristallo Modello multipolare di Stewart: ρ(r) al meglio del fitting dei F osservati Esperimento XRD r(r)=s plm [C plm B plm D p ] C plm : Coeff. popolazione elettronica B plm : Funzioni di base di ρ(r) D p : Fattore termico Topologia Partizionamento Proprietà elettrostatiche 2 [r(r)] q i F(r), m

24 Determinazione sperimentale della densità elettronica in cristalli molecolari, con metodi di diffrazione di raggi X da cristallo singolo a temperature < 30 K

25 Indagini di fenomeni termodinamici quali transizioni di fase ed equilibri tautomerici in solidi cristallini, nell'intervallo di temperatura K

26 Determinazione di proprietà elettrostatiche (potenziale elettrostatico f(r), gradiente di campo elettrico, momenti di dipolo m, energie di interazione intermolecolari) in solidi cristallini da dati di diffrazione di raggi X e metodi ab initio

27 N-(Me) 2 derivative of squaric acid a-glycine Push-pull ethylene LRB/081 DL-Alanine BDS dihydrate Austdiol Daubreelite Chloranil C 8 H 12 N 2 O 2 C 2 H 5 NO 2 C 14 H 24 N 2 O 2 H 2 O C 30 H 30 N 6 O 3 S C 3 H 7 NO 2 C 8 H 12 N 2 O 2 2H 2 O C 12 H 12 O 5 FeCr 2 S 4 C 6 O 2 Cl 4

28 Piero Macchi, Angelo Sironi Dipartimento di Chimica Strutturale e Stereochimica Inorganica Università di Milano accurate geometries implicit analysis of potential energy surfaces easy analysis of intermolecular interaction energy molecular geometries excited states reaction paths X-ray diffraction Electron density Molecular orbital wave functions bonding analysis molecular properties intermolecular interactions analysis of the molecular stereochemistry

29 Low / High Temperature Single crystal X-ray diffraction He stream N 2 stream Diamond anvil cell open-flow CCD detector

30 Structural phase transitions: a low temperature - high pressure conjecture LT HP Macchi, P.et al. Inorg. Chem., 1998, 37, 6263 PPh 3 PPh 3 Co Co PPh 3 Co Casati, N.; Macchi,P. Sironi, A. Angew Chem., 2005, 44, 7736 Co Co Co PPh 3 PPh 3 PPh 3 The elongation of Co-Co bond is observed (as theoretically predicted )

31 Molecular Potential Energy surface: low temperature / high temperature bond compression Fe-C (Å) Co-C (Å) T(K) close to gas-phase DFT prediction T(K) The multi-temperature experiment allows a scan of the molecular PES Co O C Fe d2 structural correlation analysis L n d2 M O C d1 M L n [FeCo(CO) 8 ][PPN] d1

32 Metamorphosis of the CO Ligand: structural correlation applied to electron density M-M or M-C bond? both? or just partially both? From pair density analysis, a substantial delocalisation is observed, governed by M-M, M---M, M-C and M---C interplay that may generate different molecular graphs (hence structures) Macchi, P. ; Sironi, A. Coord. Chem. Rev. 2003, , Macchi, P.; Garlaschelli, L.; Sironi, A. J. Am. Chem. Soc. 2002, 124, terminal semibridging bridging Co 2 (CO) 6 (AsPh 3 ) 2 [CoFe(CO) 8 ] - Co 4 (CO) 11 PPh 3

33 Conformations of bridging hydrides Open or Closed three-center bonding? a closed system implies some direct M-M bond ( observed by the rearrangement of the CrCO 5 units) an open system would imply an almost linear stereochemistry Macchi, P.; Donghi, D.; Sironi, A. J. Am. Chem. Soc., 2005, 127, Electron density analysis speaks for open three-centre-bonding in view of the small Cr---Cr bonding, and the low frequency associated to the Cr-H-Cr bending (revealed by DFT and structure correlation analysis). The Fermi-hole density shows instead the unexpected role of vicinal carbonyl, responsible of the Cr-H-Cr bending

34 COMPONENTI: Gruppo di ricerca del Prof. M. Sironi Dipartimento di Chimica Fisica ed Elettrochimica Dott.ssa Arianna Fornili (Assegnista ) Dott.. Stefano Pieraccini (Assegnista) Dott.. Alessandro Genoni (Dottorando) Dott.ssa Michela Ghitti (Dottoranda)

35 ORBITALI MOLECOLARI ESTREMAMENTE LOCALIZZATI (ELMOs)* Gli Orbitali Molecolari che si ottengono dalla risoluzione delle equazioni di Hartree-Fock sono completamente delocalizzati sull intero sistema studiato: -perdita dell interpretazione chimica -impossibilità di trasferire gli orbitali da una molecola all altra altra Il problema viene risolto grazie alla determinazione di Orbitali Molecolari Estremamente Localizzati : - orbitali più vicini all intuito chimico - orbitali facilmente trasferibili La non-ortogonalità degli ELMOs ha comportato lo sviluppo di un algoritmo complesso per la loro determinazione Il programma èstato recentementeinserito nelpacchettogamess-uk per calcoli ab initio *A. Genoni,, M. Ghitti, S.Pieraccini,, M. Sironi Chem.Phys.Lett. 2005, 415, 256 *A. Fornili,, Y. Moreau,, M. Sironi,, X. Assfeld, J. Comput. Chem. 2006, 27, 515

36 SVILUPPO E APPLICAZIONI DI METODI BASATI SUGLI ELMOs - Metodi QM / MM: Gli ELMOs sono utilizzati per descrivere le regioni di frontiera tra il sottosistema trattato quantisticamente e il sottosistema studiato mediante Meccanica Molecolare Regione MM Regione di frontiera Regione QM - Metodi Linear Scaling per il calcolo di proprietà monoelettroniche : Sta per essere ultimato un programma (DENPOL) che, sfruttando la trasferibilità degli Orbitali Molecolari Estremamente Localizzati, permette di determinare la densità elettronica e il potenziale elettrostatico di polipeptidi e proteine utilizzando un database di ELMOs precedentemente determinati sulle geometrie modello dei 20 amminoacidi Leu-encefalina encefalina: Potenziale Elettrostatico DENPOL Leu-encefalina encefalina: Potenziale Elettrostatico Hartree-Fock

37 Studio del meccanismo di azione di enzimi -La Subtilisina acila selettivamente diversi ossidrili su substrati enantiomerici* HO HO OAc O O OH (D) HO PrCOO 3 OAc O O OH (D)-3 (89 %) AcO O O HO (L) OH OH AcO O O PrCOO 2 (L)-2 (85 %) OH OH Si è dimostrato possibile prevedere la reattività e la selettività dell enzima enzima sviluppando un opportuno protocollo computazionale che prevede: -selezione tramite dinamica molecolare di opportune conformazioni enzima-substrato -confronto energetico delle conformazioni mediante calcoli QM/MM *S. Pieraccini,, M. Sironi,, G. Colombo, Chem. Phys. Lett.,2006, 418, 373

38 Utilizzo della dinamica molecolare per lo studio di biomolecole -L endostatina possiede proprietà antiangiogeniche,, condivise da alcuni suoi frammenti ottenuti per sintesi che possono essere utili per lo sviluppo di agenti antitumorali* Frammento Esempio di frammenti attivi Endostatina completa: 183 amminoacidi Le proprietà dinamiche dei frammenti in soluzione sono analizzate mediante dinamica classica e relazionate ai dati sperimentali disponibili. Il lavoro è svolto in collaborazione con il Prof. P. Manitto e la Prof. G. Speranza. Frammento *S. Pieraccini,, M. Sironi,, P. Francescato,, G. Speranza, L. M. Vicentini, P. Manitto Submitted

39 Anna Bernardi, Laura Belvisi UO di CHIMICA Università degli Studi di Milano Dipartimento di Chimica Organica e Industriale Centro Interdisciplinare Studi bio-molecolari e applicazioni Industriali (CISI) APPLICAZIONI DI MODELLISTICA COMPUTAZIONALE: MOLECOLE, BIOMOLECOLE E COMPLESSI Obbiettivi -ottenere, visualizzare e rendere utilizzabili informazioni strutturali e dinamiche di molecole -interpretare a livello molecolare l attività (funzione) di macromolecole biologiche e di loro effettori -ideare modificazioni delle biomolecole native e -progettare nuovi sistemi capaci di agire come analoghi strutturali e funzionali

40 A. Bernardi, L. Belvisi Università degli Studi di Milano UO di CHIMICA APPLICAZIONI DI MODELLISTICA COMPUTAZIONALE: MOLECOLE, BIOMOLECOLE E COMPLESSI Attività -determinazione delle strutture tridimensionali e simulazione del comportamento dinamico di sequenze peptidiche e pseudopeptidiche, e di oligosaccaridi complessi e glicoconiugati; -progettazione razionale di molecole individuali o librerie di composti a struttura 3D definita diretti verso target biologici noti (molecular design e virtual screening); -studio delle interazioni peptide-proteina e carboidrato-proteina

41 Modellistica computazionale di peptidomimetici e di loro complessi con proteine L. Belvisi, A. Bernardi, D. Potenza Gli argomenti di ricerca del gruppo in questa area comprendono lo sviluppo di analoghi di strutture secondarie peptidiche e il loro utilizzo nella costruzione di ligandi per diverse classi di recettori coinvolti in fenomeni di adesione cellulare, come le integrine. Progetti PRIN e FIRB, MIUR ( ) n N O COOH Coordinatore C. Scolastico Lattami biciclici come mimici di dipeptidi utilizzati per la progettazione e la sintesi di ligandi di integrine NH 2 n=1,2 Analisi conformazionale dei nuovi amminoacidi non naturali e dei ligandi -metodi computazionali (meccanica e dinamica molecolare) -tecniche spettroscopiche (1H-NMR) Docking di ligandi RGD nella struttura cristallografica dell integrina avb3 cyclo(arg-gly-asp-lattame) O n N n=1,2 O HN Asp Arg ligandi specifici ad alta affinità per l integrina alfav/beta3 -L. Belvisi, D. Potenza, C. Scolastico et al. Synlett 2004, 9, L. Belvisi, A. Bernardi, D. Potenza, et al. Bioorg.Med.Chem2006, 14, 169 -L. Belvisi, D. Potenza, C. Scolastico, et al. Mol. Cancer Ther. 2005, 1670

42 Computer-assisted modelling of carbohydrates and of their protein complexes A. Bernardi, D. Potenza, L. Raimondi, L. Belvisi The interaction of carbohydrates and proteins at the cell surface plays a fundamental role in cell recognition processes, from egg fertilization to bacterial adhesion L. Raimondi, A. Bernardi et al Methods in Enzymology , 242 Computational models supported by spectroscopic studies (NMR) yield useful insights on the 3D structure and dynamics of the oligosaccharide ligands and of their protein complexes. These models can also be used to design artificial inhibitors of the recognition Research topics of our group in this area include the inhibition of the cholera toxin [1] and of the dendritic cell receptor DC-SIGN [2] [2] L. Belvisi, C. Podlipnik unpublished [1] A. Bernardi, D. Potenza et al Chem. Eur. J. 2004, 10, 4395

43 Cholera toxin complex of psgm1 ligand

44 Interaction energiesbetweenorganicmolecules A.Gavezzotti A method based on direct numerical integration over the molecularelectron density Total energies and partitioninginto coulombic, polarization, dispersion and repulsion contributions The Pixel method Gavezzotti, A. J.Phys.Chem., 2003, B107, 2344; Gavezzotti, A. Cryst.Eng.Comm, 2003, 5, 429; Cryst.Eng.Comm, 2003, 5, 439; Gavezzotti, A. Z. Kristallogr. 2005, 220, 499; Gavezzotti, A. J.Chem.Theor.Comp. 2005, 1, 834; Gavezzotti, A.; Dunitz, J.D. Angew. Chem. Int. Ed. 2005, 44, 1766.

45 computing times on a good PC: full interaction curve benzene dimer 5 minutes results comparableto MP2 6-31G** ab initio with counterpoise lattice energy, 30-atom molecule 20 minutes

46 application to organiccrystals: lattice energies crystal structures Pixel lattice energy A experimental Hsubl

47 typical interaction energiesin kj/mol N,O,F moieties N,O,F moieties repulsive N,O,F moieties Cl, S, π 1-6 C-H N,O,Cl,S,π 2-17 aliphatic chain aliphatic chain 1.5 per C atom π-ring π-ring (stack) 3-16 π-ring hexafluorobenzene (stack) 20 (O,N)-H O,N,π H-bond A.Gavezzotti, Molecularaggregation, Oxford University Press (to appear in late2006)

48 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA AREE DI INTERESSE (1) * Prof. Gian Franco Tantardini Dott.. Rocco Martinazzo: - Studio teorico della catalisi molecolare (ricombinazione di idrogeno, adsorbimento di acqua e adsorbimento di ossigenosusuperfici metalliche); - Chimica interstellare (formazione dello ione CH + 2 attraverso associazione radiativa, chimica del Litio nell Universo Primordiale, formazione di idrogeno su superfici di grafite). * Prof.ssa Anna Bernardi Dott.ssa Laura Belvisi: - Chimica computazionale delle biomolecole (analisi strutturale e conformazionale di sequenze peptidiche e pseudopeptidiche per la previsione di elementi di struttura secondaria, determinazione della struttura tridimensionale di oligosaccaridi e glicoconiugati, studio delle interazioni peptide-proteina, carboidrato-proteina); - Progettazione razionale, sintesi peptidomimetiche e glicomimetiche. e determinazione dell attivit attività biologica di sostanze

49 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA AREE DI INTERESSE (2) * Prof. Riccardo Destro: - Determinazione di proprietà elettrostatiche (densità elettronica, potenziale elettrostatico, gradiente di campo elettrico, momenti elettrostatici, energie di interazione intermolecolari) in solidi cristallini a partire da misure di diffrazione di raggi X; - Studio della dipendenza dalla temperatura (nel campo K) di fenomeni dinamici in solidi cristallini (ad es. transizioni di fase e reazioni di trasferimento di protoni). * Prof. Angelo Gavezzotti: - Studio delle forze intermolecolari in cristalli organici (analisi dell impaccamento cristallino, calcoli di energia potenziale e previsione dellastrutturacristallina); - Sviluppo di software di interesse cristallografico.

50 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA * Prof. Angelo Sironi Dott. Piero Macchi: AREE DI INTERESSE (3) - Determinazione sperimentale e teorica della densità elettronica; - Studio delle transizioni di fase solido-solido solido; - Derterminazioni strutturali di cluster di metalli di transizione ad alta nuclearità e di materiali aventi proprietà ottiche non lineari; - Cristallografia teorica (fattori di scattering relativistici, funzioni d onda analitiche per l analisi di densità di carica); - Diffrazione a polveri ab initio; - Sviluppo di software di interesse cristallografico. * Prof. Emanuele Ortoleva: - Calcoli accurati di proprietà molecolari; - Analisi della densità elettronica di cristalli e molecole mediante la teoria QTAIM.

51 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA * Prof. Maurizio Sironi: AREE DI INTERESSE (4) - Sviluppo ed applicazione di metodi basati su orbitali non ortogonali (metodi basati su Orbitali Molecolari Estremamente Localizzati e metodi Valence Bond); - Sviluppo ed applicazione di metodi ibridi Quantum Mechanics/Molecular Mechanics per lo studio di molecole di interesse biologico; - Simulazione di sistemi di interesse biologico mediante tecniche di Dinamica Molecolare; - Applicazioni dei metodi della chimica computazionale per lo studio delle proprietà di molecole organiche e per lo studio dei meccanismi di reazione.

52 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA POSSIBILI RICHIESTE DI COLLABORAZIONE * Unità di Calcolo Scientifico e Modellistica Numerica: -sviluppo di algoritmi per il calcolo di proprietà e per la simulazione di sistemi di interesse chimico. * Unità di Biologia Strutturale: -determinazione di strutture tridimensionali di proteine e di altri sistemi biomolecolari; -studio di reazioni di interesse biologico catalizzate da enzimi e proteine; -studio del folding delle proteine. * Unità di Bioinformatica e Genomica Comparata: -sviluppo di algoritmi e software per lo studio di sistemi di interesse biologico. * Unità di Meccanica Statistica: -studio di transizioni di fase; -studio computazionale di stati eccitati; -studio computazionale di superfici, cluster e nanomateriali.

53 UNITÀ DI CHIMICA TEORICA, COMPUTAZIONALE E MODELLISTICA CHIMICA POSSIBILI OFFERTE DI COLLABORAZIONE * Calcoli accurati di proprietà molecolari; * Simulazioni di Dinamica Molecolare reattiva e non-reattiva reattiva; * Sviluppo di nuovi metodi computazionali per lo studio di sistemi di interesse chimico; * Determinazione sperimentale e teorica della densità elettronica di cristalli e molecole; * Determinazione strutturale di cristalli; * Studio di fenomeni dinamici in solidi cristallini; * Progettazione razionale di molecole di interesse biologico;

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (4) Modulo di esercitazioni I.a parte

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (4) Modulo di esercitazioni I.a parte Introduzione alla mulazione Quanto-Meccanica di Materiali Dalle molecole ai cristalli (4)! "#$ %& 1 Modulo di esercitazioni I.a parte 1) ttimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali

Dettagli

Chimica fisica dei materiali. Sergio Brutti

Chimica fisica dei materiali. Sergio Brutti Chimica fisica dei materiali Sergio Brutti Prerequisiti necessari 1. Elettrochimica di base (concetto di reazione Redox, definizione di cella galvanica e sistemi redox in soluzione, potenziali redox e

Dettagli

Labss CNR Edulabss: Didattica e

Labss CNR Edulabss: Didattica e EduLabss Responsabile contenuti/formazione Federico CECCONI EduLabss c/o LABSS ISTC Cnr Via Palestro 32 00185 Roma Tel +39.06.49936410 email: info@edulabss.com Labss CNR Edulabss: Didattica e divulgazione

Dettagli

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012 Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI andidato: Marcello Dolano 5 I Relatore: prof. Mauro Tonellato NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 7 La struttura delle proteine Concetti chiave: La struttura terziaria di una proteina descrive il ripiegamentodei suoi elementi

Dettagli

Le interazioni di non legame tra sistemi aromatici [1] giocano un

Le interazioni di non legame tra sistemi aromatici [1] giocano un CHIMICA & Andrea Mazzanti a, Franco Cozzi b a Dipartimento di Chimica Organica A. Mangini Università di Bologna andrea.mazzanti@unibo.it b Dipartimento di Chimica Università di Milano franco.cozzi@unimi.it

Dettagli

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi Le proteine Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi (D. Voet, J.G. Voet, Biochemistry, 3 ed., John Wiley & Sons, 2004) PROTEINE come ATTUATORI nella cellula Trasporto elettronico Trasporto di ioni e

Dettagli

A cosa serve il computer in Chimica?

A cosa serve il computer in Chimica? Il computer è uno strumento prezioso e viene ormai usato quotidianamente da milioni di persone. Per un chimico il computer è utile per eseguire operazioni ormai considerate normali come scrivere relazioni,

Dettagli

Spettroscopia 13 C NMR

Spettroscopia 13 C NMR L analisi degli spettri 13 C NMR non differisce molto da quella dell 1 H. La principale differenza risiede nella minore sensibilità osservata nella registrazione degli d spettri 13 C che pertanto richiedono

Dettagli

Indice. Dalla sequenza alla struttura. 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura delle proteine 2. 1.1 Gli amminoacidi 4

Indice. Dalla sequenza alla struttura. 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura delle proteine 2. 1.1 Gli amminoacidi 4 Indice Prefazione XIII Protein Data Bank: una nota degli autori XIV Nota all edizione italiana XV Ringraziamenti XVI CAPITOLO 1 Dalla sequenza alla struttura 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Difetti locali nei materiali cristallini Adattato dalle lezioni del prof. Cesare Pisani Dalle molecole ai cristalli Bartolomeo Civalleri/Lorenzo Maschio

Dettagli

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione?

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? 2006-2015: dieci anni di SPAIS 2015 Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce IX Edizione Il Sole. La nostra stella e/è

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA Filippo De Angelis, Simona Fantacci ed Antonio Sgamellotti Computational Laboratory for Hybrid and Organic (CLHyO) Photovoltaics, Istituto

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

CHIEDI ALLA POLVERE. cosa può dire la diffrazione di raggi X. Isabella Natali Sora

CHIEDI ALLA POLVERE. cosa può dire la diffrazione di raggi X. Isabella Natali Sora CHIEDI ALLA POLVERE cosa può dire la diffrazione di raggi X Isabella Natali Sora Le tecniche di diffrazione Le tecniche basate sulla diffrazione di raggi X non sono distruttive e sono ampiamente applicate

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA Titolo modulo formativo 03: Chimica dell ambiente e dei beni culturali Docenti: Proff. Fabrizio Ruggieri, Antonio Arcadi, Giorgio Cerichelli. Modalità di erogazione: 3 incontri pomeridiani (ora inizio

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Na N n a o n p o a p r a t r i t c i e c l e l l e l e d ' d o ' r o o r

Na N n a o n p o a p r a t r i t c i e c l e l l e l e d ' d o ' r o o r Nanoparticelle d'oro Un sentito ringraziamento all Ing. Franco Bonollo e al Dott. Alberto Fabrizi dell Università degli studi di Padova, sede di Vicenza. Introduzione Secondo la Royal Society & The Royal

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

Relazione struttura-funzione

Relazione struttura-funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione struttura-funzione Marco Nardini Dipartimento di Scienze

Dettagli

strutture di Proteine

strutture di Proteine Laboratorio di Bioinformatica I Database di strutture di Proteine Dott. Sergio Marin Vargas (2014 / 2015) Dal gene alla proteina La funzione della proteina è nella sua struttura 3D. Struttura delle proteine

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: STATISTICA MEDICA Docente: Prof. Marco FERRARIO Processo induttivo e deduttivo della conoscenza: definizione di popolazioni, campione e unità statistiche, nozioni di teoria del campionamento;

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile 2009. Materiali Nanostrutturati a base Carbonio

HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile 2009. Materiali Nanostrutturati a base Carbonio by Carbon Materials HYDROGEN STORAGE Chiara Cavallari Materiali Nanostrutturati a base Carbonio 30 aprile 2009 by Carbon Materials Sommario Idrogeno e le sue applicazioni dei Materiali a base di Carbonio

Dettagli

Gruppo di Spettroscopia Molecolare

Gruppo di Spettroscopia Molecolare Università Ca Foscari di Venezia Dipartimento di Chimica Fisica Gruppo di Spettroscopia Molecolare Docenti Ricercatori Baldacci Agostino De Lorenzi Alessandra Giorgianni Santi Pietropolli Charmet Andrea

Dettagli

Nanostrutture auto-organizzate:

Nanostrutture auto-organizzate: Nanostrutture auto-organizzate: entropia, monostrati e macchine molecolari Valentina De Renzi 8 novembre 2011 Perche nano? perche le proprieta della materia a questa scala sono speciali e interessanti

Dettagli

Predizione della struttura terziaria

Predizione della struttura terziaria Predizione della struttura terziaria Metodi di predizione La predizione della struttura tridimensionale è di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi

Dettagli

L azienda. La società è stata creata per realizzare e gestire il Parco Scientifico e Tecnologico, con il supporto di Fondi EU FESR 2081/93

L azienda. La società è stata creata per realizzare e gestire il Parco Scientifico e Tecnologico, con il supporto di Fondi EU FESR 2081/93 Tecnologie innovative per il settore biomedicale 23 maggio 2014 dr. Domenico D Angelo Senior Specialist SMART CITY 2014 L azienda Environment Park è una società privata con soci pubblici. Fondata a Torino

Dettagli

CRISTalli e oltre. Prof. Paolo Dapporto. CRIST inspires: Nuove Prospettive di Ricerca - 18 Febbraio 2011 - Sesto F.no (FI)

CRISTalli e oltre. Prof. Paolo Dapporto. CRIST inspires: Nuove Prospettive di Ricerca - 18 Febbraio 2011 - Sesto F.no (FI) CRISTalli e oltre. Prof. Paolo Dapporto CRIST, dal 1988 ad oggi.. 1988: Diffrattometro a cristallo singolo, Nonius CAD4; 1997: Diffrattometro a cristallo singolo, Siemens P4; 2001: Diffrattometro a cristallo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS

DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS Antonella Gervasini, Simona Bennici e Paolo Carniti Dipartimento di Chimica Fisica ed Elettrochimica, Università

Dettagli

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il Metalli in medicina L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il rame, per esempio, erano utilizzati nella Grecia antica. Già da secoli il Hg 2+ era utilizzato nel trattamento

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Continua. Peptidasi H 2 O

Continua. Peptidasi H 2 O Continua Peptidasi H 2 O Classificazione delle peptidasi 1. Meccanismo catalitico 2. Tipo di reazione catalizzata 3. Struttura molecolare e omologia 1. Meccanismo catalitico (mostrato per la chimotripsina)

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : 2.1 2.2-2.3 Stato dell arte Modelli di

Dettagli

Tecniche biofisiche basate su nanopori

Tecniche biofisiche basate su nanopori Tecniche biofisiche basate su nanopori -Pori di dimensione nanometrica -Attraverso membrane lipidiche o inorganiche -Di natura proteica o scavati con tecnologie top-down Possono essere impiegati per -Studiare

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie CHIMICA ACIDO-BASE DI COMPOSTI CARBONILICI Produzione di enolati: deprotonazione al carbonio in a ad un gruppo carbonilico (aldeidi, chetoni, esteri) L acidità del protone legato al carbonio in α compete

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

HN CH 3. Figura 1. Tra questi, uno dei più potenti è risultato il peptide DMP-728, 7

HN CH 3. Figura 1. Tra questi, uno dei più potenti è risultato il peptide DMP-728, 7 Programma di icerca: UVE METDLGIE PE LA ITEI I FAE LIDA DI -METIL AMMIACIDI DIVEAMETE PTETTI ULLA FUZIE α-ammiica Introduzione ella chimica moderna, gli amminoacidi ed i peptidi ricoprono un ruolo fondamentale

Dettagli

Paola Bonizzoni. Università degli Studi di Milano-Bicocca

Paola Bonizzoni. Università degli Studi di Milano-Bicocca Paola Bonizzoni Università degli Studi di Milano-Bicocca Biologia Bioinformatica: Ricostruzione evoluzione Analisi di sequenze Folding di Proteine Simulazione di processi biologici Informatica 2 In un

Dettagli

PAOLO DEFAZIO. Giugno 2004-Aprile 2006 Borsa di Post-Dottorato tn Chimica Teorica presso l'u niversità di Siena.

PAOLO DEFAZIO. Giugno 2004-Aprile 2006 Borsa di Post-Dottorato tn Chimica Teorica presso l'u niversità di Siena. PAOLO DEFAZIO ISTRUZIONE Ottobre 2000 Laureato in Chimica presso l'università di Siena VOTO: 110/110 Tesi di Laurea in Chimica Teorica (Relatore Prof. Carlo Pettongolo) A. A. 2000/2001 Professore a Contratto

Dettagli

REACh, QSAR, QSPR e Density Functional Theory (DFT) Scuola di dottorato in Scienze Molecolari Università di Padova dott.. Claudio Correzzola

REACh, QSAR, QSPR e Density Functional Theory (DFT) Scuola di dottorato in Scienze Molecolari Università di Padova dott.. Claudio Correzzola REACh, QSAR, QSPR e Density Functional Theory (DFT) Scuola di dottorato in Scienze Molecolari Università di Padova dott.. Il regolamento REACh (Registration Evaluation and Autorisation of Chemicals) )

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Figura 1. Rappresentazione della doppia elica di DNA e struttura delle differenti basi.

Figura 1. Rappresentazione della doppia elica di DNA e struttura delle differenti basi. Sommario La molecola di DNA è deputata a conservare le informazioni genetiche necessarie per lo sviluppo ed il funzionamento degli organismi viventi. Poiché contiene le istruzioni per la costruzione delle

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA Località Piacenza Doc. n. R 4.1/1 CONSORZIO LEAP Laboratorio Energia Ambiente Piacenza Progetto ECATE Rev. 0 Progetto E.C.A.T.E. Efficienza e Compatibilità Ambientale delle Tecnologie Energetiche > SVILUPPO

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Orario generale dei corsi chimici primo semestre a.a. 2015-2016

Orario generale dei corsi chimici primo semestre a.a. 2015-2016 Orario generale dei corsi chimici primo semestre a.a. 2015-2016 Ultimo aggiornamento: 11-10-2015 Dal 1 ottobre 2015 al 15 gennaio 2016 F5X - Laurea Triennale in Chimica: anno 1 Chimica Generale ed Inorganica

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (1) Orario del corso

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (1) Orario del corso Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica di Materiali Dalle molecole ai cristalli (1)! "#$ %& 1 Orario del corso Lezioni 14/01/08 lunedì: 11-13 16/01/08 mercoledì: 11-13 18/01/08 venerdì: 9-11 Esercitazioni

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO

Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO Il Dottorato è proposto congiuntamente dal Dipartimento di Chimica Giacomo Ciamician e dal Dipartimento di Chimica Industriale Toso Montanari, dei quali fanno parte

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Scoperto nel 1817. Considerato tossico a partire dal 1842 fino agli anni 50. Dagli anni 60. tossiche. (*)

Scoperto nel 1817. Considerato tossico a partire dal 1842 fino agli anni 50. Dagli anni 60. tossiche. (*) Antonio Tagarelli Scoperto nel 1817 Considerato tossico a partire dal 1842 fino agli anni 50 Dagli anni 60 in poi ne furono riconosciute le proprietà anticancerogene, (*) e il ruolo essenziale nelle funzioni

Dettagli

- CINETICA ENZIMATICA

- CINETICA ENZIMATICA - CINETICA ENZIMATICA ENZIMI: - CATALIZZATORI aumenta la V di una reazione chimica senza subire trasformazioni durante l intero processo - PROTEINE gli enzimi sono proteine di struttura 3 o talora 4 -

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Vittorio Rispoli. Curriculum Vitae. Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Matematica via Machiavelli, 35 44121 Ferrara (FE)

Vittorio Rispoli. Curriculum Vitae. Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Matematica via Machiavelli, 35 44121 Ferrara (FE) Vittorio Rispoli Curriculum Vitae Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Matematica via Machiavelli, 35 44121 Ferrara (FE) Dati anagrafici Posizione attuale Assegnista di ricerca presso il Dipartimento

Dettagli

Rappresentazione dei Dati Biologici

Rappresentazione dei Dati Biologici Rappresentazione dei Dati Biologici CORSO DI BIOINFORMATICA C.d.L. Ingegneria Informatica e Biomedica Outline Proteine ed Amminoacidi Rappresentazione di Amminoacidi Rappresentazione delle strutture Proteiche

Dettagli

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze Curriculum Vitae SARA GRAZIANO Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Data di nascita Sesso Settore professionale Graziano Sara sara.graziano1985@libero.it Italiana

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio»

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» Via I. Brass, 22 34170 Gorizia tel. 0481/535190 fax 0481/536601 ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani»

Dettagli

Proprietà Elettriche della Materia

Proprietà Elettriche della Materia Proprietà Elettriche della Materia Importanza delle proprietà elettriche della materia Momento di dipolo elettrico (µ) Polarizzabilità (α) Permittività elettrica (ε) Forze intermolecolari Attività ottica

Dettagli

ILABS. road map. ilabs STAGE FIVE. singularity summit

ILABS. road map. ilabs STAGE FIVE. singularity summit ilabs singularity summit 5 marzo 2011 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Via S. Vittore 21-20123 Milano ILABS STAGE FIVE computo ergo sum EVENT DATE: 20 GENNAIO 2011 EVENT VENUE: UNIVERSITà

Dettagli

Spettroscopia UV-visibile (parte 2) Bande di assorbimento. Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici

Spettroscopia UV-visibile (parte 2) Bande di assorbimento. Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici (parte 2) Bande di assorbimento Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici Bande d assorbimento Absorbance 1.0 legge di Lambert-Beer A(l)=e l cb 0.5 0.0 350 400 450 Bande d assorbimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di un biosensore a tecnologia QCM (Quartz Crystal Microbalance) Lucia Mosiello, Katia Spinella, Fabio Vitali Unita Tecnica Sviluppo

Dettagli

E il server più utilizzato, permette di tracciare tutte le operazioni che svolge e di impostare alcuni parametri importanti per il risultato finale.

E il server più utilizzato, permette di tracciare tutte le operazioni che svolge e di impostare alcuni parametri importanti per il risultato finale. Homology modelling L omology modeling delle proteine è il tipo di predizione di struttura terziaria più semplice ed affidabile. Viene richiesta soltanto una (o più) sequenze di riferimento su cui modellare

Dettagli

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2 Emoglobina (Hb): tetramero (le globine si associano formando due copie di dimeri αβ (α 1 β 1 e α 2 β 2 ) che si associano a formare un tetramero attraverso interazioni idrofobiche, legami H e ponti salini

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 ISTITUTO L.PIRELLI - ROMA EMISSIONE DI NEUTRONI LENTI DA PLASMA IN CELLA ELETTROLITICA DOMENICO CIRILLO PRESUPPOSTI IN QUESTA PRESENTAZIONE SI ILLUSTRANO EVIDENZE

Dettagli

SEMINARI Le applicazioni del plasma quale strumento di innovazione per le PMI piemontesi 27 maggio 2014 dr.ssa Elisa Aimo Boot INTRDUZNE SUL PLASMA E SULLE SRGENTI DEL PLASMA Cos è il plasma Energia Energia

Dettagli

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica EdiSES Istruzioni per l utilizzo dei modelli molecolari Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica allegati ai seguenti volumi: Chimica Organica - Paula Y. Bruice Elementi di Chimica

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Il ruolo dell idrogeno atomico nel Plasma Processing

Il ruolo dell idrogeno atomico nel Plasma Processing UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea di I Livello in Fisica Tesi di laurea in Fisica Il ruolo dell idrogeno atomico nel Plasma Processing Relatore: Chiar.mo Prof.

Dettagli

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE Lo studio delle relazioni tra struttura e funzione nelle biomolecole è uno degli aspetti più importanti per la comprensione del funzionamento dei processi biologici La

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GIANNOTTI LUCA LOC TOMBETO N.31 BORGO A MOZZANO (LU) Telefono 3463645228 0583888876 Codice Fiscale

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Parma 22 Maggio 2003 LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Dr. Asti Mattia Servizio di Medicina Nucleare Arcispedale Santa Maria Nuova RE LA MEDICINA NUCLEARE CHE COS E : branca specialistica che si avvale dell

Dettagli

BIOINFORMATICA PER LA BIOLOGIA STRUTTURALE

BIOINFORMATICA PER LA BIOLOGIA STRUTTURALE BIOINFORMATICA PER LA BIOLOGIA STRUTTURALE Predizione di struttura secondaria La predizione di struttura secondaria è trattata nel corso base "Informatica e Bioinformatica" per la laurea triennale di primo

Dettagli

Laboratorio di Fisica della Materia. Definizione: Trasduttori di una grandezza fisica in un segnale elettrico

Laboratorio di Fisica della Materia. Definizione: Trasduttori di una grandezza fisica in un segnale elettrico Tema: sensori Laboratorio di Fisica della Materia Definizione: Trasduttori di una grandezza fisica in un segnale elettrico Esempio tipico termocoppia, permette la misura della temperatura di un corpo mettendolo

Dettagli