FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO SUPERIORI A ,00 Foglio N. 1 Data aggiornamento : 06/10/2014 Data Decorrenza: 07/10/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO SUPERIORI A 75.000,00 Foglio N. 1 Data aggiornamento : 06/10/2014 Data Decorrenza: 07/10/2014"

Transcript

1 FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO SUPERIORI A ,00 Foglio N. 1 Data aggiornamento : 06/10/2014 Data Decorrenza: 07/10/2014 OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALL ACQUISTO DI UNITÀ DA DIPORTO (Le condizioni di seguito indicate non costituiscono offerta al pubblico di cui all art c.c.) 1. INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE CGL, Compagnie Générale de Location d'equipements - SA con capitale di EUR - SIREN RCS Lille Métropole Sede legale: 69 avenue de Flandre Marcq-en-Barœul (Francia), CGL S.A. opera in Italia l attività di finanziamento in regime di libera prestazione di servizi, senza stabilimento di una sede o succursale nel territorio dello Stato Italiano, a seguito di autorizzazione ricevuta dalla Banque de France e dalla Banca D Italia. 2. CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO Per contratto di finanziamento si intende l operazione di prestito di denaro, avente come schema giuridico e causa tipica, essenzialmente il contratto di mutuo, posta in essere da una banca o da un intermediario finanziario (in seguito, Banca ) a favore di un terzo, consumatore o professionista, (in seguito, Cliente ). Il contratto di finanziamento è solitamente concesso in relazione ad un contratto collegato (compravendita, locazione, appalto, somministrazione ecc) ed è finalizzato all immediato pagamento del corrispettivo del soggetto (in seguito, Venditore ), che vende il bene o rende il servizio al Cliente con conseguente trasferimento del rischio sulla Banca. La remunerazione o corrispettivo della Banca è costituita dall interesse applicato sulla somma concessa a titolo di finanziamento, che è commisurato a vari parametri fra cui il costo del denaro ed il rischio sopportato dalla Banca stessa, quest ultimo determinato, principalmente, dalla durata del finanziamento e dalle garanzie offerte dal Cliente. L operazione di finanziamento, è frequentemente accompagnata da obbligazioni accessorie ed aggiuntive volte a garantire, per quanto possibile, la soddisfazione del credito della Banca. Finanziamento a Tasso Fisso - Rimangono fissi per tutta la durata del finanziamento sia il tasso di interesse sia l importo delle singole rate. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato. Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate, e dell ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato. Rischi tipici I rischi attinenti il normale svolgimento del rapporto, sono quelli comuni ai contratti di finanziamento derivanti dall impegno irrevocabile del Cliente a corrispondere il rimborso del capitale oltre ad interessi ed oneri accessori, indipendentemente dal verificarsi di fatti quali, a titolo esemplificativo: - sopravvenute modifiche della normativa tributaria, civilistica o amministrativa, che deprimano o facciano venir meno la convenienza alla prosecuzione contratto, per il Cliente; - mancato avveramento di condizioni, diritti o aspettative relativamente all ammissione a gare pubbliche, o all accesso ad agevolazioni di qualsiasi natura; - rischio di cambio nel caso in cui il rimborso delle somme di cui al contratto di finanziamento sia espresso e/o indicizzato in valute diverse dall Euro; - rischio connesso all andamento crescente dei parametri d indicizzazione (es. Euribor), qualora il Cliente abbia scelto un tasso variabile; - rischio connesso al mancato beneficio derivante dall eventuale andamento decrescente dei parametri d indicizzazione (es: Euribor), qualora il Cliente abbia scelto parametri fissi per l intera durata contrattuale; Rischi connessi a particolari vicende I rischi che attengono alle vicende anomale del contratto di finanziamento sono, prevalentemente, quelli connessi ai casi d inadempimento, ritardo nell adempimento da parte del Cliente oppure a vicende relative alla vita dei beni acquistati, atteso che il ruolo meramente finanziario della Banca la esonera da qualsiasi responsabilità in tal senso, quali a titolo esemplificativo: - revoca della disponibilità da parte della Banca all erogazione di finanziamenti, in caso d inadempimento del Cliente; - revoca di eventuali finanziamenti in corso con obbligo di immediata restituzione, in caso d inadempimento del Cliente; - applicazione d interessi di mora in via automatica (cioè senza necessità di una specifica intimazione); - impossibilità di agire verso la Banca per vizi e difetti relativi al bene acquistato, ritardata, difforme od omessa consegna da parte del Venditore;

2 FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA SUPERIORI A ,00 Foglio N. 1 Data aggiornamento : 06/10/2014 Data Decorrenza: 07/10/2014 OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA RELATIVE ALL ACQUISTO DI UNITÀ DA DIPORTO (Le condizioni di seguito indicate non costituiscono offerta al pubblico di cui all art c.c.) 1. INFORMAZIONI SUL LOCATORE CGL, Compagnie Générale de Location d'equipements - SA con capitale di EUR - SIREN RCS Lille Métropole Sede legale: 69 avenue de Flandre Marcq-en-Barœul (Francia), CGL S.A. opera in Italia l attività di finanziamento in regime di libera prestazione di servizi, senza stabilimento di una sede o succursale nel territorio dello Stato Italiano, a seguito di autorizzazione ricevuta dalla Banque de France e dalla Banca D Italia. 2. CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELL OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Per contratto di Locazione Finanziaria si intende l operazione di locazione di beni mobili o immobili (in seguito anche bene o unità da diporto ), effettuata da una società di leasing (in seguito, Società di leasing o Locatore ) ad un terzo (in seguito Cliente o Conduttore ), che può perseguire una duplice finalità e può avere, conseguentemente, un duplice schema giuridico ed una duplice causa tipica. - c.d. Leasing Finanziario: in tal caso la Locazione Finanziaria persegue l acquisto della proprietà del bene e pertanto il contratto ha la causa tipica e lo schema giuridico del finanziamento, ovvero del contratto di mutuo. Il Locatore acquista un bene mobile o immobile da un terzo venditore designato dal Conduttore e lo cede a quest ultimo in Locazione Finanziaria. In tali fattispecie la durata del contratto si dipana in un arco temporale relativamente breve rispetto all effettiva vita utile del bene, prevede la facoltà di riscatto al termine del periodo d ammortamento dei canoni oltre il quale il bene, conserva un apprezzabile valore economico. Particolare rilevante del contratto di Leasing Finanziario, che lo rende simile alla vendita con riserva di proprietà, (1523 e ss. c.c.) consiste nel fatto che nonostante la proprietà passi solamente al momento in cui venga esercitato il diritto di riscatto, dal momento della consegna del bene, grava comunque sul Conduttore ogni rischio relativo alla sorte dei beni. - c.d. Leasing Operativo: in tale secondo caso la Locazione Finanziaria può avere ad oggetto il semplice godimento del bene per un periodo determinato ad un canone prefissato. Nel Leasing Operativo lo schema giuridico e la causa tipica corrispondono sostanzialmente a quelli della locazione di diritto comune. Normalmente il contratto si dipana su un arco temporale molto più lungo, l ammontare del canone è correlativamente più basso di quanto non accada nel caso de Leasing Finanziario e non è previsto il diritto di riscatto. In ogni caso la remunerazione del contratto o corrispettivo del Locatore è costituito dall interesse applicato sulle somme corrispondenti al canone della Locazione Finanziaria ed è commisurato a vari parametri fra cui il costo del denaro ed il rischio sopportato dal Locatore, quest ultimo determinato, principalmente, dalla durata del contratto e dalle garanzie offerte dal Conduttore. L operazione di Locazione Finanziaria è frequentemente accompagnata da obbligazioni accessorie ed aggiuntive volte a garantire, per quanto possibile, la soddisfazione del credito del Locatore. Il contratto di Locazione Finanziaria non fa eccezione in tal senso, ponendo a carico del Conduttore alcune obbligazioni accessorie ed aggiuntive rispetto al semplice rimborso del capitale, oltre gli interessi alle scadenze pattuite ed alcuni diritti in favore della Società di leasing quali: eventuale rilascio di fideiussione da parte del Conduttore; obbligo di custodia, manutenzione, assicurazione del bene oggetto del contratto. Il Conduttore ha l obbligo di stipulare una polizza assicurativa con primaria società d assicurazione, a copertura dell eventuale perimento, danneggiamento dei beni oggetto di Locazione Finanziaria. Rischi tipici I rischi attinenti al normale svolgimento del rapporto, sono quelli comuni ai contratti di Locazione Finanziaria derivanti dall impegno irrevocabile del Conduttore a corrispondere l importo del canone oltre ad interessi ed oneri accessori, indipendentemente dal verificarsi di fatti quali, a titolo esemplificativo: - sopravvenute modifiche della normativa tributaria, civilistica o amministrativa, che deprimano o facciano venir meno la convenienza alla prosecuzione contratto, per il Conduttore; - mancato avveramento di condizioni, diritti o aspettative relativamente all ammissione a gare pubbliche, o all accesso ad agevolazioni di qualsiasi natura; - verificarsi di ogni altro fatto che faccia venir meno l interesse, da parte del Conduttore, alla prosecuzione del rapporto o al bene per il quale è stata stipulata la Locazione Finanziaria; - nei casi in cui l ammontare dei canoni periodici sia espresso e/o indicizzato a parametri espressivi del costo corrente del denaro (quali ad esempio l Euribor), il cliente si assume il rischio che detti canoni possano aumentare in relazione all andamento crescente dei parametri; nel caso in cui abbia invece optato per un operazione a canoni fissi costanti per

3 l intera durata contrattuale, esso si assume il rischio di non beneficiare di eventuali andamenti decrescenti del costo del denaro. Analogamente nei contratti di locazione finanziaria a tassi misti i Vantaggi e svantaggi sono alternativamente quelli del tasso fisso o del tasso variabile. Rischi connessi a particolari vicende I rischi che attengono alle vicende anomale del contratto di Locazione Finanziaria sono, prevalentemente, quelli connessi ai casi d inadempimento, ritardo nell adempimento da parte del Conduttore oppure a vicende relative alla vita dei beni acquistati, atteso che il ruolo meramente finanziario del Locatore lo esonera da qualsiasi responsabilità in tal senso, quali a titolo esemplificativo: - risoluzione del contratto e riconsegna del bene oggetto di Locazione Finanziaria; - applicazione degli interessi di mora in via automatica (cioè senza necessità di una specifica intimazione); - impossibilità di agire verso il Locatore per vizi e difetti relativi al bene acquistato, ritardata, difforme od omessa consegna da parte del venditore; - responsabilità per distruzione, perimento, furto o danneggiamento del bene oggetto di finanziamento; - responsabilità dell obsolescenza di carattere tecnologico o normativo del bene oggetto di finanziamento; - verificarsi di ogni altro fatto relativo alla vita del bene oggetto di Locazione Finanziaria. 3. CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO E DELL OPERAZIONE QUANTO PUÒ COSTARE LA LOCAZIONE FINANZIARIA Il corrispettivo per l attività di Locazione Finanziaria è dato dalla somma del canone anticipato iniziale e dei canoni periodici il cui ammontare varia a seconda della struttura dell operazione finanziaria che tiene conto, tra l altro, del costo originario del bene, dell ammontare dell importo eventualmente versato a titolo di canone anticipato iniziale, della durata della locazione, della periodicità dei pagamenti, del prezzo per il diritto di riscatto e del tasso di leasing ecc. Costo del bene Superiore ad ,00 TAEG massimo applicato 9 % Di seguito si fornisce un esempio: Costo acquisto bene Durata locazione Spese istruttoria pratica Canone iniziale anticipato Frequenza canoni Prezzo opzione finale TAN Tasso di riferimento Importo canone periodico TAEG Modalità di pagamento Leasing a tasso fisso ,00 IVA incl 96 mesi 0,0897 % del PA IVA incl. 30 % del PA IVA incl. mensile 1% del PA IVA incl. 5,65% Tasso interno di rifinanziamento (TIR) 1,30% rilevato il 1 ottobre ,7985% del PA IVA incl. 5,84% Mandato per addebito diretto SEPA Si precisa che il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), rilevato ai sensi dell art. 2 della L. 7 marzo 1996, n. 108 e pubblicato dal Ministero dell Economia e delle Finanze sulla Gazzetta Ufficiale, rappresenta il tasso effettivo globale medio riscontrato sul sistema. Pertanto il tasso di leasing applicato sulla singola operazione potrà essere anche superiore al corrispondente TEGM, ma non potrà mai superare il tasso di usura di cui al comma 4, dell art. 2 della medesima L. 7 Marzo 1996, n. 108, che è determinato dal TEGM medesimo, aumentato di un quarto, a cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali ( Tassi Soglia ). La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali. I TEGM delle operazioni di locazione finanziaria oggetto di questo Foglio Informativo pubblicati dal Ministero dell Economia e delle Finanze (sempre consultabili sul cartello esposto nei locali aperti al pubblico ai sensi dell art. 2 comma 3 della L. 7 marzo 1996, n. 108) sono i seguenti: Costo in unità di Euro del bene locato (al netto IVA) Leasing autoveicoli e aeronavali Oltre Euro Leasing strumentale Oltre Euro TASSI MEDI 1 (su base annua) 7,20% 5,58% TASSI SOGLIA (su base annua) 13,0000% 10,9750% Periodo di applicazione dal 1 ottobre 2014 fino al 31 dicembre 2014, decreto ministeriale del 24 dicembre 2010 in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 1 Per i criteri di rilevazione dei dati e di compilazione della tabella si veda la nota metodologica allegata al Decreto Pagina 2 su 4

4 Ogni eventuale variazione del costo dell unità da diporto intervenuta, per qualsiasi causa (ivi compresa, ad esempio, in via esemplificativa e non esaustiva, oscillazione cambi, tasse, soprattasse, diritti doganali, oneri fiscali, disposizioni dell autorità, ecc.), comunque connessa con l operazione di cui al presente contratto, da facoltà al Locatore di adeguare automaticamente il corrispettivo della locazione finanziaria. Durata della locazione finanziaria: da 3 a 15 anni; Altre Condizioni economiche della Locazione Finanziaria Canone Anticipato iniziale: dal 20% al 40%, oltre a Iva ai sensi di legge; Periodicità dei canoni: mensile o trimestrale o semestrale o annuale; Prezzo di riscatto: da 0,01% al 5% oltre ad Iva ai sensi di legge; Deposito cauzionale: Richiesto /non Richiesto; Fideiussione: bancaria o personale: Richiesta/non Richiesta ; Tasso di interesse di mora: tasso legale ex art c.c.; Indennizzo per inadempimento: 10% delle rate arretrate non soddisfatte Penale per ritardata consegna dell unità da diporto: 1/90 dell ultimo canone annuale o 1/30 dell ultimo canone mensile di locazione finanziaria per ogni giorno di ritardo nella restituzione (salvo risarcimento per maggior danno) Spese tasse ed oneri accessori Spese istruttoria: 0,5% prezzo di acquisto al netto dell IVA (minimo 300) Registrazione contratto: Stesura perizie tecnico estimative sull imbarcazione: Spese notarili: Variazione domiciliare bancaria: Euro 18 Rilascio copia documenti (esclusa copia gratuita del contratto): Euro 16 Spese modificazione scadenziario contrattuale: Euro 100+ costi vivi Spese gestione subentro: Euro 600 Spese gestione trasferimento di proprietà Euro 500 a Eur 1000 Gestione contravvenzioni/sanzioni, pagamento imposte/tasse inevase: Euro 100 Gestione sinistri: Euro 100 Variazione indirrizzo seguito indirrizzo non identificato Euro 20 Variazione data di addebito Euro 18+ costi vivi Astenzione di un canone Euro 26 Spese di rapresentazione (insoluti) Euro 30 + costi vivi Spese di rateizzazione di un debito Euro 30 + costi vivi Indicizzazione dei canoni. Quando la data di consegna effettiva del bene, come registrata nel verbale di consegna-ricevimento, supera di oltre un mese la data di emissione della presente offerta, il coefficiente di calcolo dei canoni successivi al primo (che è invece soggetto alle condizioni particolari), viene rivisto al rialzo o al ribasso mediante applicazione della seguente formula: canone = Ä TX * K * W * (1+IVAA) Nuovo canone = canone previsto alla data dell offerta + canone Per le pratiche di durata pari o inferiore a 7 anni TX1 = (0,8466 * T5) + (0,3822 * E12) Per le pratiche di durata superiore a 7 anni TX1 = (0,3732 * T10) + (0,4585 * T5) + (0,2450 * E12) TX = TX1 / periodo (/1200 se mensile, /400 se trimestrale, /200 se semestrale, /100 se annuale) E12 = variazione dell'euribor 12 mesi tra l ultimo giorno del mese precedente all emissione della presente offerta e l ultimo giorno del mese precedente alla consegna del bene. T5 = variazione del TEC 5 tra l ultimo giorno del mese precedente alla presente offerta e l ultimo giorno del mese precedente alla consegna del bene. T10 = variazione del TEC 10 tra l ultimo giorno del mese precedente all emissione della presente offerta e l ultimo giorno del mese precedente alla consegna del bene. K = valore locativo iniziale IVA esclusa 2 (1) W = cumulo dei valori locativi IVA esclusa, calcolati in base alla periodicità dei canoni, dopo ogni canone scaduto, diviso per (valore locativo iniziale IVA esclusa * numero di canoni) 2 Ai fini dell interpretazione delle presenti condizioni generali, il valore locativo iniziale IVA esclusa corrisponde al prezzo di acquisto IVA esclusa del bene finanziato, deduzione fatta del 1 canone maggiorato, IVA esclusa, e del deposito cauzionale. Il valore locativo viene successivamente rivalutato dopo il pagamento di ciascun canone. Pagina 3 su 4

5 IVAA = IVA acquisto 4. PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI Recesso e tempi massimi di chiusura del rapporto: l Utilizzatore ha facoltà di recedere anticipatamente dal contratto solo se ha ottenuto il preventivo consenso del Locatore. Non appena l Utilizzatore ha adempiuto a tutti gli obblighi contrattuali maturati alla data del recesso e ha fornito tutta la documentazione richiesta dal Locatore, quest ultimo trasferirà all Utilizzatore la proprietà del bene entro trenta giorni previo pagamento dell indennizzo previsto allo specifico articolo contrattuale. Reclami e procedure di risoluzione stragiudiziale delle controversie - Mediazione: Il cliente prima di adire un organo di composizione stragiudiziale delle controversie può presentare, a mezzo lettera raccomandata A/R un reclamo a CGL - Servizio Clientela - 69 avenue de Flandre Marcq-en-Baroeul Cedex o per via telematica (indirizzando un messaggio di posta a Il reclamo va inviato con lettera raccomandata A/R o in via informatica. L Ufficio Reclami evade la richiesta entro il termine di 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo stesso. Se il Locatore dà ragione al Cliente, la stessa comunica i tempi tecnici entro i quali si impegna a provvedere. Il Cliente qualora sia rimasto insoddisfatto dal ricorso all Ufficio Reclami (perché non ha avuto risposta, perché la risposta è stata, in tutto o in parte, negativa, ovvero perché la decisione, sebbene positiva, non è stata eseguita dalla società) può rivolgersi a un mediatore indipendente di cui il Servizio Internazionale provvederà a fornirle le coordinate dietro semplice richiesta ovvero può richiedere al Locatore l indicazione dell organo di composizione stragiudiziale (partecipante alla rete Fin.Net promossa dalla Commissione Europea) al quale aderisce. Il cliente che abbia proposto un ricorso ad un mediatore indipendente deve darne tempestiva comunicazione, inviando all intermediario copia del ricorso con lettera raccomandata A/R o posta elettronica certificata, entro 30 giorni dalla proposizione. Resta ferma la facoltà del Cliente di ricorrere all autorità giudiziaria ovvero ad ogni altro mezzo previsto dall ordinamento per la tutela dei propri diritti e interessi. 5. LEGENDA Locatore: è l intermediario bancario o finanziario creditore che concede il bene in locazione finanziaria; Conduttore: è il cliente debitore che utilizza il bene ricevuto in locazione finanziaria; Venditore: è il soggetto che vende al Locatore l unità da diporto scelta dal Conduttore per la locazione; Consumatore: nel c.d. Leasing al consumo è il Cliente persona fisica che agisce per scopi estranei all attività professionale o imprenditoriale eventualmente svolta entro i limiti di importo previsti dalle normative vigenti; Tasso di Leasing: è il tasso interno di attualizzazione definito nella sezione 3; Diritto di riscatto: è la facoltà in forza della quale il Conduttore, alla fine del contratto, sempre che abbia adempiuto a tutte le proprie obbligazioni, può decidere di acquistare il bene al prezzo indicato; Valuta: è la data di addebito o di accredito di una somma di denaro dalla quale decorrono gli interessi attivi o passivi, rispettivamente per il beneficiario e per il pagatore; Corrispettivo (totale) della locazione finanziaria: è la somma del canone anticipato iniziale e dei canoni periodici Canone anticipato iniziale: è l importo del canone iniziale che il Conduttore deve corrispondere prima della decorrenza della locazione finanziaria e che solitamente è superiore ai canoni periodici; Canone (periodico): è l importo periodico del corrispettivo della locazione finanziaria; Parametro di indicizzazione: è un indice di riferimento del mercato monetario sul quale viene ancorata la variabilità del tasso contrattuale secondo le modalità all uopo indicate; Foro: è l Autorità Giudiziaria territorialmente competente a giudicare le controversie derivanti dal contratto anche in deroga alle disposizioni sulla competenza territoriale previste dal Codice di Procedura civile. Pagina 4 su 4

6 - responsabilità per distruzione, perimento, furto o danneggiamento del bene oggetto di finanziamento; - responsabilità dell obsolescenza di carattere tecnologico o normativo del bene oggetto di finanziamento; - verificarsi di ogni altro fatto relativo alla vita del bene oggetto di finanziamento. 3. CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO E DELL OPERAZIONE QUANTO PUÒ COSTARE IL FINANZIAMENTO Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) massimo 9% Tasso Annuo Nominale (TAN) massimo 8,5 % Il Tasso Nominale Annuo è il tasso che viene applicato al finanziamento per determinare l ammontare del suo corrispettivo ed è pari al rapporto percentuale, calcolato su base annua, tra l interesse (quale compenso del capitale prestato) ed il capitale prestato. Il TAEG indica il costo totale del finanziamento su base annua ed è espresso in percentuale sull ammontare del finanziamento concesso. Comprende il Tasso d Interesse e altre voci di spesa, ad esempio spese istruttoria della pratica e di riscossione della rata. Altre spese non sono comprese, per esempio quelle notarili. Oltre al Tasso Nominale Annuo e al TAEG vanno considerati altri costi quali le imposte e le spese di assicurazione del bene. Di seguito si forniscono i dati relativi all esempio: Importo finanziato Durata Spese istruttoria pratica Frequenza rata TAN Tasso di riferimento Importo rata TAEG Modalità di pagamento Finanziamento a tasso fisso ,00 + IVA 96 mesi 700 mensile 6% Tasso interno di rifinanziamento (TIR) 1,31% rilevato il 01 ottobre ,80 6,34% Mandato per addebito diretto SEPA Si precisa che il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), rilevato ai sensi dell art. 2 della L. 7 marzo 1996, n. 108 e pubblicato dal Ministero dell Economia e delle Finanze sulla Gazzetta Ufficiale, rappresenta il tasso effettivo globale medio riscontrato sul sistema. Pertanto il tasso di leasing applicato sulla singola operazione potrà essere anche superiore al corrispondente TEGM, ma non potrà mai superare il tasso di usura di cui al comma 4, dell art. 2 della medesima L. 7 Marzo 1996, n. 108, che è determinato dal TEGM medesimo, aumentato di un quarto, a cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali ( Tassi Soglia ). La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali. I TEGM delle operazioni di finanziamento oggetto di questo Foglio Informativo pubblicati dal Ministero dell Economia e delle Finanze (sempre consultabili sul cartello esposto nei locali aperti al pubblico ai sensi dell art. 2 comma 3 della L. 7 marzo 1996, n. 108) sono i seguenti: Ammontare del finanziamento erogato Credito finalizzato oltre Euro 5.000,00 Mutui a tasso fisso Altri finanziamenti alle famiglie e alle imprese TASSI MEDI 1 (su base annua) 9,68% 4,85% 10,69% TASSI SOGLIA (su base annua) 16,1000% 10,0625% 17,3625% Periodo di applicazione dal 1 ottobre 2014 fino al 30 dicembre 2014, decreto ministeriale del 24 dicembre 2010 in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 1 Per i criteri di rilevazione dei dati e di compilazione della tabella si veda la nota metodologica allegata al Decreto Pagina 2 su 4

7 Durata del finanziamento: da 3 a 15 anni ; Altre Condizioni economiche del Finanziamento Periodicità delle rate: mensile o trimestrale o semestrale o annuale; Deposito cauzionale: Richiesto /non Richiesto Fideiussione: bancaria o personale: Richiesta/non Richiesta; Indennizzo per inadempimento: 10% delle rate arretrate non soddisfatte Penale per estinzione anticipata: 6% delle somme dovute Tempi di Erogazione Durata dell istruttoria: massimo 10 giorni decorrenti dalla presentazione di tutta la documentazione sino alla stipula del contratto; Disponibilità dell importo: massimo 30 giorni decorrenti dalla data di consegna dell unità da diporto ovvero se la consegna è già avvenuta dalla stipula del contratto sino alla effettiva messa a disposizione della somma. Spese tasse ed oneri accessori Spese istruttoria: 0,5% del importo del finanziamento (minimo 300) Registrazione contratto: Stesura perizie tecnico estimative sull imbarcazione: Spese notarili: Variazione domiciliare bancaria: Euro 18 Rilascio copia documenti (esclusa copia gratuita del contratto): Euro 16 Spese modificazione scadenziario contrattuale: Euro 100+ costi vivi Gestione contravvenzioni/sanzioni, pagamento imposte/tasse inevase: Euro 100 Iscrizione o cancellazione di ipoteca: Oneri fiscali iscrizione di ipoteca (se dovuti): Gestione sinistri: Euro 100 Variazione indirrizzo seguito indirrizzo non identificato Euro 20 Variazione data di addebito Euro 18+ costi vivi Astenzione di un rate Euro 26 Spese di rapresentazione (insoluti) Euro 30 + costi vivi Spese di rateizzazione di un debito Euro 30 + costi vivi 4. PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI Estinzione anticipata: Il mutuatario ha la facoltà di estinguere anticipatamente il debito delle rimanenti somme dovute (capitale residuo dovuto maggiorato di un indennizzo del 6%) osservando un termine di preavviso di due mesi. Tale facoltà potrà essere esercitata nella misura in cui il finanziatore non possa valersi della decadenza dal beneficio del termine. Reclami e procedure di risoluzione stragiudiziale delle controversie - Mediazione: Il cliente prima di adire un organo di composizione stragiudiziale delle controversie può presentare, a mezzo lettera raccomandata A/R un reclamo a CGL - Servizio Clientela - 69 avenue de Flandre Marcq-en-Baroeul Cedex o per via telematica (indirizzando un messaggio di posta a Il reclamo va inviato con lettera raccomandata A/R o in via informatica. L Ufficio Reclami evade la richiesta entro il termine di 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo stesso. Se il Finanziatore dà ragione al Cliente, la stessa comunica i tempi tecnici entro i quali si impegna a provvedere. Il Cliente qualora sia rimasto insoddisfatto dal ricorso all Ufficio Reclami (perché non ha avuto risposta, perché la risposta è stata, in tutto o in parte, negativa, ovvero perché la decisione, sebbene positiva, non è stata eseguita dalla società) può rivolgersi a un mediatore indipendente di cui il servizio internazionale provvederà a fornirle le coordinate dietro semplice richiesta ovvero può richiedere al Finanziatore l indicazione dell organo di composizione stragiudiziale (partecipante alla rete Fin.Net promossa dalla Commissione Europea) al quale aderisce. Il cliente che abbia proposto un ricorso ad un mediatore indipendente deve darne tempestiva comunicazione, inviando all intermediario copia del ricorso con lettera raccomandata A/R o posta elettronica certificata, entro 30 giorni dalla proposizione. Resta ferma la facoltà del Cliente di ricorrere all autorità giudiziaria ovvero ad ogni altro mezzo previsto dall ordinamento per la tutela dei propri diritti e interessi. Pagina 3 su 4

8 Tempi massimi di chiusura del rapporto di finanziamento: massimo di 120 giorni dalla ricezione da parte del Concedente del saldo effettuato dal Distributore, di ogni suo debito, così come risultante alla data di effettivo pagamento. I suddetti tempi sono da intendersi salvo buon fine dei pagamenti. 5. LEGENDA Concedente: è l intermediario finanziario creditore che concede il finanziamento, erogando una somma di denaro; Cliente: è il soggetto debitore cui il concedente eroga il finanziamento; Terzo datore di ipoteca: è il soggetto, diverso dal cliente, proprietario del bene (nave o imbarcazione da diporto) oggetto della garanzia ipotecaria a favore del concedente; Consumatore: è il cliente persona fisica che agisce per scopi estranei all attività professionale o imprenditoriale eventualmente svolta; Piano di ammortamento: è l elaborato, prodotto dal sistema informativo del concedente, che riporta il piano delle rate di rimborso del finanziamento, le loro scadenze, la suddivisione delle stesse in quota capitale e quota interessi nonché il debito capitale pagato ed il debito capitale residuo ad ogni scadenza; Rata: è la frazione del corrispettivo del finanziamento che si paga ad ogni scadenza fissata; T.A.N.: è il tasso nominale annuo che viene applicato al finanziamento per determinare l ammontare del suo corrispettivo; Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale sull'ammontare del finanziamento concesso. comprende il tasso di interesse e altre voci di spesa, ad esempio spese di istruttoria della pratica e di riscossione della rata. alcune spese non sono comprese, per esempio quelle notarili. Valuta: è la data di addebito o di accredito di una somma di denaro dalla quale decorrono gli interessi attivi o passivi, rispettivamente, per il beneficiario e per il pagatore; Operazioni o servizi accessori: i servizi, anche non strettamente connessi con il finanziamento, prestati o commercializzati dal concedente congiuntamente al finanziamento stesso, ancorché su base obbligatoria; Quota capitale quota della rata costituita dall importo del finanziamento restituito. Quota interessi quota della rata costituita dagli interessi maturati. Rata costante la somma tra quota capitale e quota interessi rimane uguale per tutta la durata del mutuo. Capitale residuo: è la quota dell importo finanziato che il cliente deve ancora corrispondere e che corrisponde alla quota capitale delle rate a scadere; Debito residuo: quota del finanziamento che il cliente deve ancora restituire al concedente; Spread maggiorazione applicata ai parametri di riferimento o di indicizzazione. Interessi convenzionali di mora: sono gli interessi dovuti per il ritardato pagamento di una somma di denaro; Penale per estinzione anticipata: spetta al concedente in caso di rimborso anticipato del finanziamento ed è pari all importo che si ricava applicando, al debito residuo del piano di ammortamento, la percentuale indicata nelle condizioni particolari; Decadenza dal beneficio del termine: è la facoltà che il concedente ha di esigere immediatamente, nei casi previsti, il pagamento dell intero debito; Ipoteca: è una garanzia che attribuisce al concedente, in caso di insolvenza del debitore, il potere di far vendere il bene sul quale è iscritta l ipoteca di 1 grado e di essere pagata con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita dello stesso bene. Foro convenzionale: è l autorità giudiziaria territorialmente competente a giudicare le controversie derivanti dal contratto in deroga alle disposizioni sulla competenza Pagina 4 su 4

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli