La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto) La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto) La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto)"

Transcript

1 La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto) La valutazione di un opera pubblica (valutazione economica d impatto) 2

2 La valutazione di un opera privata 3 La valutazione di un opera pubblica 4 2

3 Disponibilità a pagare (Willingness to pay) stima del valore monetario che gli individui sarebbero disposti a pagare per ottenere in cambio un certo bene o servizio Prezzo Curva di domanda Surplus del WTP consumatore Costo Quantità di bene o servizio domandati in funzione del prezzo 5 La valutazione di un opera pubblica IN SINTESI L'analisi costi-benefici (ABC) è uno strumento di calcolo che consiste nello scegliere, tra i diversi progetti alternativi, quello che rende massima la differenza tra benefici e costi, quello che dà cioè il beneficio netto complessivo più alto. 6 3

4 La valutazione di un opera pubblica Chi esegue l'analisi deve esprimere tutti gli effetti (sociali, ambientali, etc.) di un progetto, siano essi positivi o negativi, in un obiettivo globale, assumendo la moneta come unità di misura comune. La complessità del problema sta proprio nel riuscire a monetizzare quei beni che non hanno un mercato, e che quindi non hanno nemmeno un prezzo. Questa sorta di "monetizzazione forzata" risente tuttavia di forti approssimazioni. Se, per esempio, dovessimo decidere riguardo la realizzazione di un impianto industriale in una determinata zona attraverso un'analisi costi-benefici, un passo importante sarebbe quello di individuare una funzione che leghi l'eventuale inquinamento prodotto al suo costo sociale, sempre misurato in termini monetari. 7 La valutazione di un opera pubblica Più in dettaglio, l analisi costi-benefici è una tecnica usata per valutare la convenienza (e opportunità) di un investimento in funzione degli obiettivi che si vogliono raggiungere. L esecuzione del progetto può avvenire da parte di due grandi categorie di soggetti economici: l operatore privato e l operatore pubblico. L operatore privato tende a porre a confronto i costi e i ricavi che derivano dalla realizzazione del progetto: si pone cioè in un analisi, tipica delle scelte imprenditoriali, in cui l obiettivo è costituito dalla massimizzazione del profitto. L operatore pubblico considera, non solo aspetti finanziari legati alle spese sostenute per la realizzazione del progetto, ma anche una gamma di costi e di benefici collegati all obiettivo teorico delle scelte pubbliche: la massimizzazione del benessere sociale. 8 4

5 La valutazione di un opera pubblica Se l investimento è privato l ACB assume i caratteri di un analisi finanziaria: vengono cioè valutati i flussi monetari che nel corso degli anni sono causati dell investimento (positivi per quanto riguarda i ricavi; negativi per ciò che concerne i costi). Se la valutazione riguarda un investimento pubblico, allora si è soliti parlare di analisi economica: ciò sta a significare che non si valutano solo i flussi finanziari, ma i costi e i benefici in senso lato, relativi a tutta la collettività. Si valutano, in termini monetari, tutti gli svantaggi (costi) e tutti i vantaggi (benefici) che l investimento produce sulla alla popolazione interessata. 9 La valutazione di un opera pubblica L analisi economica è più articolata e difficile dell analisi finanziaria. Per l analisi finanziaria i valori monetari presi in considerazione di solito sono espliciti (per quanto riguarda i costi) o stimati (per quanto concerne i benefici) Per l analisi economica, occorrono giudizi di valore e stime per molti fattori che concorrono a formare i benefici ed i costi sopportati dalla collettività. Benefici e costi collegati ad elementi che sfuggono a qualsiasi criterio di misurazione oggettivo: la qualità del paesaggio, la salubrità dell ambiente l inquinamento acustico 5

6 La valutazione di un opera pubblica Nel suo significato più esteso l analisi costi benefici ABC, si riferisce quindi al tentativo di misurare, in modo empirico, perdite e guadagni associati ad ogni azione. Ne segue che ogni individuo o soggetto economico che si voglia comportare in maniera razionale dovrebbe, prima di prendere una decisione, compiere una ABC. La valutazione di un opera pubblica Le più frequenti applicazioni di una ABC riguardano i progetti pubblici d investimento, come la costruzione di una strada o di una diga o, al limite, anche progetti intangibili che implicano, solo l impiego personale di risorse correnti come, ad esempio, il cambiamento del piano degli studi per uno studente. Domanda Quali sono i motivi che inducono a considerare la profittabilità sociale e non solo quella di mercato di un determinato investimento? 2 6

7 La valutazione di un opera pubblica Un primo caso importante, in cui la profittabilità di mercato non è sufficiente, si ha quando non esistono prezzi per misurare costi e benefici per un ente sociale. Per definizione non esistono prezzi quando il progetto crea economie esterne: un sistema di trasporto urbano efficiente fa risparmiare tempo a tutti coloro che si recano a lavoro, ma non esiste un prezzo diretto relativo al valore di questo risparmio per la collettività. In altri casi i prezzi esistono ma sono fortemente distorti a causa di situazioni monopolistiche o per misure governative. 3 La valutazione di un opera pubblica Ricapitolando La situazione tipica, in cui si applica l ABC, è quella di un ente pubblico che ha a disposizione uno stanziamento limitato, all utilizzo del quale aspirano un certo numero di progetti concorrenti e alternativi fra loro, con costi e requisiti specifici prefissati. 4 7

8 La valutazione di un opera pubblica In questa fase, due sono le decisione che l ente deve prendere. La prima decisione è quella di ammissibilità. Ogni progetto merita o no di essere realizzato? La seconda decisione riguarda, invece, la preferibilità. Con quale ordine i progetti possono essere classificati? I principali criteri decisionali : il valore attuale netto; il tasso interno di rendimento; il rapporto benefici costi. 5 La valutazione di un opera pubblica La valutazione dei progetti richiede di porre a confronto valori che si riferiscono a tempi diversi: valori monetari riferiti a tempi diversi non sono equivalenti nessun individuo razionale è disposto a dare in prestito euro oggi per ottenere lo stesso importo fra 5 anni è quindi necessario trasformare valori futuri in valori attuali, cioè attualizzare importi futuri Quindi cominciamo a calcolare il valore futuro di una quantità di denaro investita al presente. 6 8

9 La valutazione di un opera pubblica Se io porto in banca euro e ricevo il % annuo di interesse, dopo un anno avrò in banca euro, euro iniziali più d interessi =(+,)* Se lascio il tutto ancora per un altr'anno avrò 2 euro. Infatti, data S la somma iniziale investita per t anni al tasso i, il valore finale, al termine del periodo, sarà: S t =S (+i) t Procediamo ora al calcolo inverso. Cerchiamo di calcolare il valore attuale di una somma futura, che si può anche definire come l ammontare equo che un individuo è disposto a pagare oggi per ottenere quella cifra in futuro. S t /(+i) t = S 7 La valutazione di un opera pubblica Se i èil%, quanto sono disposto a pagare oggi per ottenere fra un anno S =? La somma (S ) che moltiplicata per (+,) mi darà! S =S (+i) =S (+,) S =/(+,)=99,9 Un euro in futuro implica un valore inferiore al momento attuale Il valore economico futuro viene scontato al tasso d interesse i Il tasso di sconto i serve per attualizzare una somma futura Dato un tasso di interesse pari a i, il valore attuale della somma S t fra t anni è quindi S(+i) -t. 8 9

10 La valutazione di un opera pubblica Secondo il criterio del VAN o valore attuale netto, il progetto sconta attraverso un tasso di interesse che può essere quello osservato sul mercato (tasso di sconto privato) oppure un tasso che esprime la preferenza temporale della collettività (tasso sociale di sconto) il flusso dei benefici attesi durante il periodo di vita del progetto a cui si sottrae il flusso economico, sempre attualizzato, rappresentato dai costi. Secondo questo criterio dunque un progetto è considerato ammissibile se il suo valore attuale netto è superiore a zero, se cioè dà un beneficio netto positivo. Se vi sono alternative sarà preferito il progetto che ha il valore attuale maggiore. 9 Elementi di base del VAN. la stima del costo di ogni progetto: flussi in uscita 2. la stima dei flussi di cassa in entrata di ogni progetto: flusso di cassa della gestione corrente 3. la determinazione di un tasso di sconto appropriato, a partire dalla consapevolezza del peso del rischio dell investimento; 4. la determinazione dell orizzonte dell investimento, indispensabile per la correttezza dei calcoli N.B.: occorre attenzione alla variabile fiscale, nel caso l investitore sia un privato, mentre il tasso di attualizzazione da utilizzare è fonte di numerosi problemi soprattutto nel contesto pubblico 2

11 Elementi di base del VAN Per un azienda privata si deve partire dal costo delle risorse economiche impiegate in totale. Si utilizza pertanto un tasso pari al costo medio del capitale per un azienda privata mentre per una azienda pubblica questo non è possibile 2 Il costo medio del capitale I due elementi (oneri finanziari e utili da investimento) devono essere ponderati in base all incidenza percentuale rispettivamente dei finanziamenti bancari e del capitale di rischio sul totale del capitale investito finanziariamente (finanziamenti bancari + capitale di rischio) 3. Interessi passivi (%): 3. Finanziamenti ricevuti (6%) 2.5 Utili netti medi (2,5): 2. Capitale di rischio (4%) (3. /3.),6 + (25(-tax)/2.),4=, Supponendo tax= 22

12 Elementi di base del VAN Ricapitolando, con un progetto che ha cinque flussi di cassa in entrata ed uno solo in uscita, il costo iniziale dell investimento, che assimiliamo ad S, la formulazione del VAN diventa: VAN= - S + S (+i) - + S 2 (+i) -2 + S 3 (+i) -3 + S 4 (+i) -4 + S 5 (+i) -5 + VAN = S t ( + i) t t 23 Elementi di base del VAN 24 2

13 Elementi di base del VAN. Quando il VAN è nullo, si raggiunge unicamente il pareggio, senza altri vantaggi economici (per un azienda privata si ha il ritorno del capitale) 2. Quando il VAN è nullo l investitore è messo in grado di sapere che, per quella data, si registra il tempo di rientro del capitale investito a quel tasso di sconto 3. Il VAN consente di paragonare interventi con orizzonti temporali diversi, ma non con entità di capitale diverse. Quindi talvolta si usa VAN/INVESTIMENTO come metro di paragone tra investimenti differenti: in tal caso si premieranno anche investimenti minimi ma molto efficaci 25 La valutazione di un opera pubblica Il secondo criterio del tasso di rendimento interno consiste nel calcolare quel tasso di sconto che rende uguale a zero il valore attuale netto del progetto. Costituisce una stima della redditività del capitale investito. Il tasso interno di rendimento, in altre parole, rende uguali fra loro il valore attualizzato dei flussi di cassa in entrata e il valore attualizzato dei flussi in uscita, in base alle date in cui questi accadono. Risolvendo l equazione del VAN rispetto al tasso di attualizzazione, si ottiene appunto il tasso di rendimento interno, che è il tasso necessario a remunerare unicamente il capitale iniziale nell arco di tempo previsto. VAN = t t S ( + i) S = t 26 3

14 La valutazione di un opera pubblica Se il TIR supera il tasso di attualizzazione di riferimento, il progetto può essere ammesso. Nel caso di alternative di finanziamento si dovrebbe scegliere il progetto con il TIR più elevato Tuttavia, se il TIR è soddisfacente solo dopo un periodo di tempo eccessivamente lungo rispetto alla vita media economica dell investimento, il progetto non dovrebbe essere attuato. 27 La valutazione di un opera pubblica Il terzo criterio consiste semplicemente nel dividere i benefici per costi. In base ad esso, risulta ammissibile ogni progetto per il quale il rapporto è positivo ed è preferito quel progetto che dà il rapporto più elevato. Se A/B> l investimento A è preferibile all investimento B. Come abbiamo avuto modo di notare, la scelta del tasso di sconto assume un ruolo di fondamentale importanza nella misurazione della ammissibilità nonché della fattibilità dei progetti, ne deriva per cui che effettuarla significa risolvere un problema controverso. 28 4

15 La valutazione di un opera pubblica Negli anni sessanta si tentano varie strade per superare le difficoltà dell'analisi costi-benefici. Uno dei principali problemi è la presenza di alcuni aspetti della funzione obiettivo (VAN ad esempio) che non si riescono a monetizzare e quindi non si riesce a costruire il beneficio netto complessivo. L'analisi costi-efficacia è quindi una metodologia interpretabile come variante dell'analisi costi-benefici. Precisamente si tratta di una variante che elimina o almeno aggira le principali difficoltà operative del modello precedente. Il metodo proposto risolve il problema individuando gli aspetti che non si sanno monetizzare trasferendoli dalla funzione obiettivo ai vincoli. 29 La valutazione di un opera pubblica Ed esempio, l'analisi costi-efficacia elimina l'inquinamento dall'obiettivo e lo sposta in uno dei vincoli. Poniamo sia fissato uno standard ambientale, ovvero il livello massimo di concentrazione di inquinante che può essere ammesso in una determinata zona. Una volta posto il vincolo e verificatone il rispetto, si sceglie l'alternativa di progetto con migliore funzione obbiettivo; 3 5

16 La valutazione di un opera pubblica 3 La valutazione di un opera pubblica 32 6

17 La valutazione di un opera pubblica 33 La valutazione di un opera pubblica 34 7

18 La valutazione di un opera pubblica 35 Il valore economico dei beni senza mercato e le sue componenti La definizione del valore economico, alla base dell ABC, è necessaria per individuare, in modo socialmente efficiente, il livello di utilità del bene ambientale e quindi definire l entità delle transazioni necessarie per poterlo raggiungere. Si fa riferimento al valore economico di tali beni in quanto si considera solo il valore esprimibile in termini monetari. La moneta, infatti, costituisce una unità di misura che esprime il guadagno o la perdita di benessere (utilità) degli individui e quindi è espressione delle preferenze degli individui stessi. 36 8

19 Tassonomia dei valori economici dei beni ambientali Il valore economico totale (VET) di un bene risulta dalla sommatoria di diversi valori, dal valore d uso reale suddiviso in: ) valore di mercato, che trova espressione nel prezzo (es: legname). Esso tuttavia esprime soltanto parzialmente il valore della risorsa in esame e può essere considerato come parte del valore d'uso della risorsa 2) in secondo luogo le esternalità positive generate dal bene concorrono a formare il valore d'uso (es: possibilità di fruizione del bene ambientale). 37 Tassonomia dei valori economici dei beni ambientali Limitarsi a queste due voci che esprimono un valore d'uso tangibile" è insufficiente: la collettività potrebbe attribuire valore anche a beni che non utilizza immediatamente, ma di cui considera le potenzialità per possibili usi futuri. Si parla allora di: ) valore futuro per designare la disponibilità a pagare per assicurarsi la possibilità di usare la risorsa nei modi che, ad una certa data, si riterranno opportuni 2) e di valore di quasi-opzione nel caso i consumatori potenziali siano interessati alla fruizione della risorsa, ma preferiscano attendere che sia disponibile una corretta informazione riguardo ad essa. I consumatori possono cioè riservarsi la possibilità di un acquisto futuro del bene 38 9

20 Tassonomia dei valori economici dei beni ambientali Dovremo infine considerare la disponibilità a pagare di coloro che attribuiscono valore al bene, indipendentemente da una sua qualunque fruizione diretta. Si parlerà così di: ) valore d esistenza per indicare l'ammontare di risorse che la collettività è disposta a pagare perché quel tale bene esista al di là di ogni forma d'uso, sia essa potenziale o reale. 2) Valore di lascito, con cui si esprime la disponibiltà a pagare per lasciare il bene alle future generazioni. 39 Tassonomia dei valori economici dei beni ambientali RICAPITOLANDO CONSIDERIAMO UN PARCO PUBBLICO Valore d uso reale Valore di opzione Valore intrinseco il godimento effettivo del bene (es. valore di un parco allorché lo si visita) effetti (positivi) che quel bene produce indipendentemente da suo uso diretto (es.: riqualificazione urbana delle aree vicine al parco) soma che la collettività è disposta a pagare per riservarsi il diritto di acquistare il parco in futuro.. se i cittadini lo frequenteranno riconoscimento del valore intrinseco del bene anche da chi non ne usufruisce né ora né mai riconoscimento del valore intrinseco come eredità per le generazioni future 4 2

21 Tassonomia dei valori economici dei beni ambientali Come giungere alla determinazione del VET e delle sue componenti? Valore d uso reale Valore di opzione Valore d uso totale VET Valore intrinseco Valore intrinseco 4 Misura del Valore Economico Totale L dea di base è cercare di ottenere un espressione delle preferenze degli individui circa i beni senza mercato (nell insieme dei loro possibili valori) cioè il benessere-utilità che ne ricavano Se si vuole esprimere il valore economico di un bene in termini di preferenze degli individui, il modo più immediato è quello di richiedere la Disponibilità a Pagare (DaP; Willingness to Pay: WtP) per una data quantità del bene Il problema è tuttavia come misurare la Dap o WtP 42 2

22 Metodi per la misura del valore economico dei beni ambientali In sostanza, l idea di fondo è proprio quella di ricostruire in qualche modo una situazione di mercato per poter far esprimere un livello di domanda per quel bene. Esistono sostanzialmente due modi per ricollegare il bene ambientale ad un mercato. ricorrendo a mercati esistenti (mercati surrogati) 2. creando un mercato ipotetico Si parla perciò di:. METODI DI VALUTAZIONE INDIRETTI: il valore del bene si ottiene attraverso il valore di un secondo bene, collegato al primo, per cui esiste una valutazione di mercato 2. METODI DI VALUTAZIONE DIRETTI: il valore del bene ambientale si ottiene facendo esprime il potenziale consumatore costruendogli un mercato ipotetico della risorsa 43 Metodi indiretti e diretti METODO DELLE SPESE DIFENSIVE. METODI INDIRETTI METODO DEL PREZZO EDONICO METODO DEL COSTO DI VIAGGIO 2. METODI DIRETTI METODO DELLA VALUTAZIONE CONTINGENTE I metodi indiretti consentono di ricostruire solo il valore di mercato mentre i metodi diretti possono cogliere tutto il VET 44 22

23 Metodo delle spese difensive Il metodo delle spese difensive semplicemente identifica il valore del bene ambientale con le spese intraprese per ripristinarlo in seguito ad avvenuto danno 45 Metodo del Prezzo Edonico Si tratta di trovare un mercato reale di un bene il cui valore dipende, tra le altre cose, dal bene specifico oggetto di valutazione. Casi classici sono il prezzo degli immobili ed il salario di lavori in condizioni ambientali difficili. Vediamo il primo caso come esempio I prezzi delle case in un mercato immobiliare dipenderanno da un insieme di caratteristiche intrinseche (metri quadri, età, posizione), ma anche dalla qualità ambientale (per es. rumorosità). Questo ci permette di calcolare, per es., il valore del bene assenza di inquinamento acustico Il metodo procede in due fasi: stima della relazione tra prezzo di mercato e qualità ambientale derivazione della DaP aggregata In pratica, il prezzo del bene (non di mercato) è risultante da una funzione delle quantità delle varie caratteristiche, cosicché i coefficienti di queste caratteristiche (rumorosità in decibel o dicotoma) rappresentano i costi impliciti

24 Metodo del Costo di Viaggio Questo metodo serve soprattutto a valutare beni ambientali con fruizione di tipo turistico-ricreativo. Per es. Parchi Naturali, un isola tropicale, ecc. L ipotesi di fondo è che il numero Q delle visite effettuate ad una risorsa naturale sia funzione del costo di viaggio sostenuto C (compreso, per es., il biglietto), ovvero: Q = f (C). Questo costo, infatti, esplicita la DaP per fruire del bene. Il valore attribuito ad un determinato bene ambientale deriva da quanto i visitatori sono propensi a spendere per per visitarlo. Occore considerare che :. ogni singolo individuo compie tante più visite quanto più basso è il costo di viaggio. 2. il costo del viaggio dipende dalla distanza da coprire 47 Come si calcola? Esempio tratto dal prof. Iacopo Bernetti - Università di Firenze Fase : con questionario individuo le località da cui vengono i visitatori e la distanza del viaggio Esempio: tramite questionari si è rilevato che in un certo parco i visitatori provengono da 5 località: Zona Distanza Numero

25 Fase 2 Sulla base dei dati dei questionari e di altre informazioni disponibili si calcolano: Costo del viaggio Percentuale di visitatori in ciascuna area sul totale della popolazione Zona 2 3 Costo Distanza 5 5 Numero visitatori Popolazione totale 5 5 Visite per abitanti 5 % 4 % 3 % % % 49 Graficamente Costo Visite x abitanti 5 25

26 Fase 3 La curva che è stata calcolata viene impiegata per indagare come si comporterebbero i visitatori di ciascuna zona se si aumentasse progressivamente il costo del viaggio, p.e. simulando l esistenza di un biglietto da pagare. 5 Consideriamo i VISITATORI DELLA ZONA Costo Visite/ abitanti Per aumenti del costo di viaggio pari ad euro, il costo totale da 2 passa a 3 euro, con un tasso di visite corrispondente del 4 %. Il numero di visitatori a costo 3 per la zona diviene allora N(3) = 4% x 5= 2 Per aumenti del costo di viaggio di 2 euro, il tasso di visite diviene 3, e il numero totale di visite è: N(4) = 3% x 5= 5 Per un aumento di 3 euro N(5) = 2 % x 5= Per un aumento di 4 euro N(6) = % x 5= 5 Per aumenti di 5 euro non si hanno visitatori 52 26

27 Cominciamo a costruire una tabellina Aumenti Zona (5.) Zona 2 (.) Zona 3 (5.) Zona 4 (8.) Zona 5 (3.) Totale Costo Consideriamo i VISITATORI DELLA ZONA Visite/ abitanti Zona 2 Per aumenti del costo di viaggio pari ad euro, il costo totale diviene 4 euro, il tasso di visite (visite/ abitanti) diviene 3. Il numero di visitatori a costo 4 per la zona 2 diviene N(4) = 3 % x.= 3 Per aumenti del costo di viaggio di 2 euro, il tasso di visite diviene 2, il numero totale di visite è uguale a: N(5) = 2 % x.= 2 Per un aumento di 3 euro N(6) = % x. = Per un aumento di 4, cioè ad un costo di 7 euro, non si hanno visitatori 54 27

28 Continuiamo la tabellina Aumenti Zona (5.) Zona 2 (.) Zona 3 (5.) Zona 4 (8.) Zona 5 (3.) Totale Consideriamo i visitatori della zona 3 6 Costo Zona Visite/ abitanti 56 28

29 Continuiamo la tabellina Aumenti Zona (5.) Zona 2 (.) Zona 3 (5.) Zona 4 (8.) Zona 5 (3.) Totale Graficamente Incrementi di prezzo (biglietto) 4,5 4 3,5 3 2,5 2,5, Numero di visite 58 29

30 Il valore del servizio ricreativo Il valore del servizio ricreativo è l intero surplus del consumatore, cioè l area sottesa dalla curva di domanda per il servizio ricreativo. Può essere calcolata tramite un integrale analitico o per parti, per esempio tramite la formula dei trapezi. 59 Calcolo Aumenti Totale S (somma basi x altezza)/2 975 [(+) x (975-43)]/2 43 [(2+) x (43-85)]/ [(3+2) x (85-2)]/2 3 2 [(4+3)x(2-5)]/ [(5+4)x(5 - )]/2 valore annuale del parco Totale

31 Vantaggi e svantaggi Il metodo del costo di viaggio si può solo applicare al valore dei beni ambientali così come sono, non a interventi di miglioramento ipotetici non è possibile valutare beni ambientali, ad esempio, vicini a località balneari, che si prestano a viaggi verso località multiple non è possibile valutare beni ancora non esistenti 6 La valutazione contingente (CV) COSA RAPPRESENTA? attualmente è la metodologia più diffusa per la stima del valore economico di un bene senza mercato. Trova frequenti applicazioni nella valutazione dei beni ambientali e recentemente anche in altri ambiti come quello dei beni culturali e degli aspetti legati a sanità e sicurezza. Es: qual è la disponibilità pagare da parte dello Stato italiano (in relatà dovremmo dire da parte dei cittadini italiani) per prevenire l influenza suina? E abbastanza alta da giustificare l acquisto di enormi quantità di vaccino? Se non è così, ci penseranno le case farmaceutiche ad aumentarla (la mortalità suina è inferiore a quella dell influenza normale ) 62 3

32 La valutazione contingente (CV) COSA RAPPRESENTA? La valutazione contingente rappresenta una possibile procedura di stima; essa appartiene ad una grande famiglia che si fonda sul concetto della disponibilità a pagare ma rispetto alle altre tecniche dello stesso gruppo (prezzi edonici e costo di viaggio), presenta un vantaggio fondamentale che risiede nella possibilità di stimare anche i valori indipendenti dall'uso della risorsa (opzione e intrinseco), valori a cui le altre tecniche non possono pervenire. Altri aspetti rilevanti della valutazione contingente sono riconducibili al fatto che essa è spesso l'unica tecnica generalmente applicabile alla quasi totalità dei casi. 63 Metodo della Valutazione Contingente - Si applicano mediante intervista ad un campione della popolazione interessata al progetto Viene rilevata la disponibilità a pagare realizzare un progetto di miglioramento ambientale oppure la disponibilità ad accettare un risarcimento per una diminuzione della qualità ambientale derivante dalla realizzazione di un progetto Gli individui sono chiamati a dichiarare direttamente il valore da loro attribuito al bene ambientale all interno dell ambiente ipotetico creato con l intervista Agli intervistati va presentata una situazione il più realistica possibile (le scelte dovrebbero essere dettate da motivazioni che regolano il comportamento in un mercato reale) Trieste Venezia 64 32

33 Metodo della Valutazione Contingente - le scelte dovrebbero essere dettate da motivazioni che regolano il comportamento in un mercato reale ma In queste circostanze comunemente si verificano comportamenti strategici da parte del rispondente Supponiamo che la richiesta a pagare preveda un ipotetico prelievo tramite aumento delle tasse: se non le pago sarò portato ad accettare un valore elevato Se il prelievo fosse tramite biglietto, un evasore sarebbe portatato ad indicare un valore inferiore al vero, per mantenere un profilo riservato all interno del campione 65 Metodo della Valutazione Contingente La VC si applica largamente per i sui notevoli vantaggi: Facilità con cui si giunge a una stima monetaria dei beni ambientali E l unico metodo per quantificare il valore economico di un bene in tutte le sue accezioni (valore d uso, opzione, intrinseco) La qualità del metodo dipende dalle seguenti tappe:. Identificazione e descrizione del bene da valutare 2. Definizione del mercato ipotetico e degli strumenti di pagamento, 3. Modalità impiegate per indurre l intervistato a esprimere la propria disponibilità a pagare o ad accettare l indennizzo 4. Stesura del questionario in riferimento ai punti Individuare il piano di campionamento e il campione da intervistare

34 Metodo della Valutazione Contingente Vediamo meglio i punti seguenti : ) Identificare e descrivere il bene : DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE DEL BENE DESCRIZIONE DELLA MODIFICA IPOTIZZATA INDICAZIONE DELLE MODALITA FRUZIONE 2) Creare il mercato ipotetico MODALITA DI ACCESSO (libero, limitato ) COSTO DIRETTO (biglietto) COSTO INDIRETTO (tassa) CONTRIBUTO VOLONTARIO (opzionale) 3) Definire l espressione della DaP a) ESPRESSIONE DIRETTA. open ended question (valore libero) 2. payment card (scelta tra valori alternativi) 3. bidding game (scelta sulla base di un gioco di offerta intervistatore/intervistato) b) ELABORAZIONE STATISTICA (closed-ended question: si/no) SU SCELTA DICOTOMICA 67 Metodo della Valutazione Contingente Percorso ed errori di misura La scelta delle modalità di pagamento dipende dal tipo di intervista o questionario (postale, telefonico, diretto) dal tipo di bene (specifico, generale, poco noto ) dal livello di precisione delle stime che si vogliono ottenere Raccolte le risposte è necessario eliminare quelle anomale (outliers) dovute a: comportamenti strategici, risposte di protesta, mancata comprensione del mercato risposte non razionali, autocompiacimento... Aggregando i valori di DaP delle risposte non anomale si otterrà direttamente la stima valore del beneo eventualmente della modifica nel passaggio dalla situazione attuale a quella proposta nell intervista

35 PRINCIPALI errori di misura 69 Errori di misura Questionario: Item con impatti Positivi Quanto sarebbe disposto a pagare per contribuire a realizzare il progetto X (descrizione dettagliata del progetto positivo) di miglioramento ambientale? Quale risarcimento riterrebbe equo per rinunciare al progetto X (descrizione dettagliata del progetto positivo) di miglioramento ambientale? In questa formulazione ottimistica si sottintende l intenzione di muoversi verso il miglioramento. Anche nella seconda domanda, seppure peggiorativa, il progetto di miglioramento esiste comunque 7 35

36 Errori di misura Questionario: Item con impatti negativi Quanto sarebbe disposto a pagare per evitare i danni Y (descrizione degli impatti negativi) derivanti dalla situazione X (senza il miglioramento X)? Quale risarcimento riterrebbe equo per subire i danni Y (descrizione degli impatti negativi) derivanti dalla situazione X (senza il miglioramento X)? In questa formulazione pessimista in primo luogo c è il danno, non il miglioramento o la possibiltà di evitare il danno stesso. 7 Question Wording: Presenzazione Item con impatti Positivi/Negativi Miglioramenti (benefici) Peggioramenti (danni) Pagare per: avere il beneficio evitare i danni Essere pagati per: rinunciare al beneficio subire i danni 72 36

I metodi per la valutazione economica di beni e servizi ambientali

I metodi per la valutazione economica di beni e servizi ambientali I metodi per la valutazione economica di beni e servizi ambientali Letture: Perman et al., 2003 (capitolo 12) Valutazione economica dei servizi ambientali Analisi Costi-Benefici ambientale Il Valore Economico

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata ECONOMIA APPLICATA Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Federico Benvenuti benvenuti.federico@minambiente.it La valutazione economica

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO

LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO A cura di Roberto M. Brioli Collaboratore Mirko Bisulli La valutazione dei progetti dal punto di vista dell imprenditore privato e della pubblica amministrazione

Dettagli

Analisi Costi-Benefici

Analisi Costi-Benefici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Analisi Costi-Benefici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Scelta pubblica Intervento pubblico realizzazione di progetti esempi: infrastrutture,

Dettagli

Le principali evidenze empiriche

Le principali evidenze empiriche SINTESI Questo documento analizza e compara il costo di cittadinanza tra le 14 aree metropolitane individuate nel nostro paese. L obiettivo preliminare della ricerca è stato quello di dare una definizione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Basi per il confronto delle alternative

Basi per il confronto delle alternative Basi per il confronto delle alternative [Thuesen, Economia per ingegneri, capitoli 6 e 7] ANALISI ECONOMICA DELLE ALTERNATIVE Una base per il confronto è un indice che contiene informazioni dettagliate

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione Decisioni di lungo termine: la scelta degli investimenti 1 Che cosa è un investimento Un investimento è un impegno di risorse monetarie di lungo periodo a fronte del quale

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Premessa La valutazione economica del volontariato richiede una precisa definizione del fenomeno e una chiara identificazione dell unità di

Dettagli

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito Nota Metodologica IL QUESTIONARIO La stesura del questionario richiede una particolare attenzione nella scelta, nella compilazione e nella successione degli ITEMS che formano lo strumento d indagine. Per

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Analisi costi benefici

Analisi costi benefici Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Analisi costi benefici Stefania Tonin 27 maggio 2014 Analisi costi benefici Tecnica per definire e misurare i costi e i benefici sociali

Dettagli

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid Federico Perali Dipartimento di Scienze Economiche Università degli studi di Verona Scelte di Investimento

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di TRASPORTI E TERRITORIO prof. ing. Agostino Nuzzolo Il Project Financing nella realizzazione delle infrastrutture di trasporto 1 Il Project Financing Definizione Il Project Financing g( (o finanza

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI 10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI ECONOMICHE Questa valutazione economica può aiutarvi? 1 Esistono prove valide che gli interventi sono efficaci? 2 Di quale tipo di analisi economica si tratta? Studio costo-conseguenze

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI PROGETTI: SOSTENIBILITA FINANZIARIA ED ECONOMICA. Organizzazione della presentazione. 1. Tipologie di progetti

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI PROGETTI: SOSTENIBILITA FINANZIARIA ED ECONOMICA. Organizzazione della presentazione. 1. Tipologie di progetti CRITERI DI VALUTAZIONE DEI PROGETTI: SOSTENIBILITA FINANZIARIA ED ECONOMICA Davide Pettenella Dipart.Territorio e Sistemi Agro-forestali Università di Padova Organizzazione della presentazione 1. Tipologia

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Calcolo del Valore Attuale Netto (VAN)

Calcolo del Valore Attuale Netto (VAN) Calcolo del Valore Attuale Netto (VAN) Il calcolo del valore attuale netto (VAN) serve per determinare la redditività di un investimento. Si tratta di utilizzare un procedimento che può consentirci di

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008 Valutazione dei progetti d investimento i industriale i Università degli Studi di Firenze 1 Cos è un progetto d investimento? Un insieme di attività, produttive o finanziarie, in cui l'azienda impegna

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 LEZIONE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA PROF. CRISTIAN SIMONI Indice 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 1.1. Popolazione --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici

Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato B 3.6 Aspetti metodologici dell Analisi Costi Benefici Università degli Studi di Siena INDICE 1. Introduzione...3 2. Natura

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 LA PREVISIONE DELLA DOMANDA Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 MANUFACTURING PLANNING & CONTROL SYSTEM Resource planning Production planning Demand management Master production

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA L ANALISI FINANZIARIA Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG93U

STUDIO DI SETTORE UG93U A L L E G AT O 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG93U A T T I V I T À D E G L I S T U D I D I D E S I G N CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

INTRODUZIONE STATISTICA

INTRODUZIONE STATISTICA INTRODUZIONE STATISTICA (scienza dello stato): insieme dei principi e di metodi per la raccolta, elaborazione, utilizzazione e interpretazione di informazioni riguardanti fenomeni collettivi. In termini

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S L AMMORTAMENTO Gli ammortamenti sono un altra apllicazione delle rendite. Il prestito è un operazione finanziaria caratterizzata da un flusso di cassa positivo (mi prendo i soldi in prestito) seguito da

Dettagli

beni immobili. Metodo e procedimenti

beni immobili. Metodo e procedimenti La stima del valore di mercato dei beni immobili. Metodo e procedimenti 26.X.2009 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

Inferenza statistica. Inferenza statistica

Inferenza statistica. Inferenza statistica Spesso l informazione a disposizione deriva da un osservazione parziale del fenomeno studiato. In questo caso lo studio di un fenomeno mira solitamente a trarre, sulla base di ciò che si è osservato, considerazioni

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI APITOLO 1 L AALISI DI FATTIILITÀ PER GLI IMPIATI A FOTI RIOVAILI Analogamente a qualunque altra impresa industriale, la decisione di realizzare un impianto alimentato con fonti energetiche rinnovabili

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

CRITERI SEMPLICI CRITERI COMPLESSI CRITERI DI SELEZIONE

CRITERI SEMPLICI CRITERI COMPLESSI CRITERI DI SELEZIONE Firenze 8 Gennaio 2010 PROMO P.A. ANCE TOSCANA L offerta economicamente più vantaggiosa nei lavori pubblici Ing. Riccardo Gaddi 1 CRITERI DI SELEZIONE CRITERI SEMPLICI METODI DI DECISIONE MONOATTRIBUTO:

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

Le variabili casuali. Variabile statistica e variabile casuale. Distribuzione di probabilità della v.c X: X P(X) 0 ⅛ 1 ⅜ 3 ⅛

Le variabili casuali. Variabile statistica e variabile casuale. Distribuzione di probabilità della v.c X: X P(X) 0 ⅛ 1 ⅜ 3 ⅛ Università di Macerata Facoltà di Scienze Politiche - Anno accademico 009- Una variabile casuale è una variabile che assume determinati valori con determinate probabilità; Ad una variabile casuale è associata

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Consumi e condizioni economiche delle famiglie

Consumi e condizioni economiche delle famiglie Consumi e condizioni economiche delle famiglie La fonte informativa più rilevante per l analisi della spesa familiare per beni e servizi è l indagine sui consumi delle famiglie. L ampio dettaglio relativo

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

SCIENZA DELLE FINANZE Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Corso di Economia aziendale. Prof. MICHELE SABATINO PARTE IV

SCIENZA DELLE FINANZE Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Corso di Economia aziendale. Prof. MICHELE SABATINO PARTE IV SCIENZA DELLE FINANZE Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Corso di Economia aziendale Prof. MICHELE SABATINO PARTE IV L Analisi Costi- Benefici L analisi costi-benefici e l economia del benessere

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto I criteri di giudizio della convenienza

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA L analisi degli investimenti industriali Lezioni per il Corso di Diploma Universitario Economia e amministrazione delle imprese Anno Accademico 2000/2001 ASSI -

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Statistica descrittiva univariata

Statistica descrittiva univariata Statistica descrittiva univariata Elementi di statistica 2 1 Tavola di dati Una tavola (o tabella) di dati è l insieme dei caratteri osservati nel corso di un esperimento o di un rilievo. Solitamente si

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli