1. Il principio di non arbitraggio e prime applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Il principio di non arbitraggio e prime applicazioni"

Transcript

1 . Il rco o arbtraggo e rme alcazo. Itrouzoe. Il rco o arbtraggo è l rco u cu baao qua tutt moell valutazoe Faza Matematca. Oortutà arbtraggo è la obltà realzzare u guaago certo eza alcu mego fo. L'ea equlbro u mercato fazaro rcouce al cocetto mercato ove ao aet obltà arbtragg. Il rco aeza arbtraggo ce: Se ue trumet forcoo all'eoca fale t m =T lo teo rultato, qualuque a lo tato el moo ω che verfca, allora all'eoca zale τ evoo avere lo teo rezzo. L'ote u mercato equlbro el quale o oo obl arbtragg ha u ruolo eezale el rcg trumet fazar. Ifatt e eve rezzare uo ecfco trumeto e queto uò eere relcato utlzzao u ortafoglo comoto altr trumet l cu rezzo è oto, allora l rezzo el rmo eve cocere co l rezzo el ortafoglo che lo relca. I reeza ù mercat, a eemo u mercato a rot e uo ervato, l arbtraggo cote el bloccare u roftto rvo rcho, etrao multaeamete traazo che rguarao ue o ù mercat. I mercat geerale, e quell fazar artcolare, offroo obltà arbtraggo, ovvamete molto rcercate, e cottucoo l'attvtà rcale alcu oerator, ett auto arbtraggt. Soo loro tervet che, fluezao la omaa e l'offerta rootto fazar var, rortao rezz vero loro valor equlbro, corroeza e qual o v oo oortutà arbtraggo. Eemo - S coer ua gorata ( marzo 22) cu oervao eguet ta cambo u ver mercat: L'Euro camba a Mlao cotro.865 Dollar - Il Fraco Svzzero camba a Zurgo cotro.476 Euro - Il Fraco Svzzero camba a New York cotro.282 Dollar I queto cao uò realzzare u roftto arbtraggo.49 Euro, acqutao u Fraco Svzzero a Zurgo er.476 Euro, lo rveo a New York realzzao.282 Dollar, rveo quet Dollar a Mlao e cao.489 Euro. Ho realzzato coì u roftto arbtraggo =.49 Euro, corroete a u remeto effettvo el 3 er mlle crca. I geerale, effettuao egl camb crocat moete ove u'utà moeta A camba cotro x utà moeta B e cotro y moeta C, o v oo oortutà arbtraggo e x utà moeta B cambao cotro y utà moeta C (ell'eemo uò verfcare che queto vcolo o è rettato: fatt la cozoe equlbro arebbe:.865*.476=.2769) Naturalmete, ella realtà occorre teere coto e cot traazoe e el temo ecearo er chuere l cclo: l'ceza e cot è ovva, metre, er quato rguara l temo, tra l'aertura e la chuura ella ozoe cor otrebbero cambare e vafcare l roftto. Eemo -2 Coeramo u azoe quotata ulle bore New York e Lora. Suoamo che l rezzo a New York a $72, metre a Lora è. Il tao cambo ollaro/terla è.75. U arbtraggta otrebbe comrare azo a New York e veerle mmeatamete a Lora otteeo coì u roftto eza rcho: **.75-*72=$3..2 Arbtraggo e mercat a terme Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM

2 Coeramo l'eteza multaea u mercato a rot (ot) e u mercato a terme (forwar) er uo teo bee. Stulao u cotratto forwar, le ue art megao a cambar u bee, etto uorto, a caeza er u rezzo attuto al mometo ella ottocrzoe el cotratto teo. I effett, la coega el bee uò o avere luogo quato ella maggoraza e ca cotraet reoo ua ozoe oota aea rma ella caeza, blacao la receete, oa, come ce, chuoo la ozoe. S ch co t la ata correte, co T la caeza, co S t l rezzo (o coro) ot al temo t, co F t l rezzo forwar al temo t e co r l tao eroale eza rcho relatvo al eroo T-t. Coeramo ora u oeratore co aerta ua ozoe luga ( acquto) ul uorto e ua corta ( veta) ul mercato a terme. A caeza, el cao che eua elle ue ozo vega chua rma, l alo ell'oerazoe è G = S S T T t t T ove - S t è l'eboro t er acqutare l uorto, F t è l'cao attuto t e lquato T relatvamete alla veta a terme, S T è l'cao relatvo alla chuura ella ozoe ul uorto T (veta el bee) e -F T è l'eboro relatvo alla chuura ella ozoe a terme T (acquto el bee). A caeza l rezzo ot è uguale al forwar qu F T = S T e l alo ell'oerazoe veta G = F T t t Il alo a caeza è qu erfettamete oto al mometo cu are la ozoe (al temo t). L'oerazoe ha rcheto u vetmeto S t (fatt F t è oto ogg ma lo otterrà a caeza) e l uo remeto tra t e T è F S t S t t + F S F. Suoeo ua bae aua er l calcolo el remeto e chamao τ=t-t la frazoe ao corroete alla urata ella ozoe, l remeto ρ è Ft St ρτ = S che uò eere rcrtto come F t = S t (+ρτ). Per o avere oortutà arbtraggo eve valere ρ= r quato ache l remeto ρ è eza rcho e, e coì o foe, otrebbe fruttare tale obltà creao ua ozoe autofazata che rouca u reto. S uoga a eemo che a ρ>r: tal cao uò reere a retto la omma S t e revetrla mmeatamete ella ozoe ecrtta rma. I t o è rcheto alcu eboro metre l alo a caeza arà G T = F t - S t (+rτ), ove F t è l'cao alla veta a terme e S t (+rτ) è l rmboro el retto. Sottueo a F t l uo valore ottee G T = F t - S t (+rτ) = S t (+ρτ) - S t (+rτ) = S t τ(ρ- r) che è curamete otvo ell'ote ρ>r. S è uque realzzato u roftto certo eza alcu mego fo, ovvero è realzzato u roftto arbtraggo. L'oerazoe aea ecrtta chama cah a carry. Se foe ρ<r, l'oerazoe che ovrebbe attuare er otteere roftt arbtraggo chama revere cah a carry..3 Formalzzazoe u mercato fazaro U mercato co vere oortutà vetmeto attvtà fazare (ttol), o geercamete attvtà vere, arà comutamete ecrtto al vettore R e rezz t= egl ttol e agl t S uoe oltre, come ache el eguto, che l mercato o abba frzo, oa o coerao tae, cot traazoe, è oble reere a retto o retare allo teo tao e oo ermee vete allo coerto. Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 2

3 vettor R (=, 2,, ) che rareetao valor lquazoe (agamet) el ttolo -emo egl tat atura. I vettor ooo eere accotat e tal moo ottee ua matrce D M( ) ove le rghe rareetao gl tat atura e le coloe ttol; l geerco elemeto ca l agameto ello tato el ttolo : :... :... : D = :... :... : Geeralmete u mercato fazaro uoe ache l'eteza u ttolo, etto eza rcho, e efto come egue: Defzoe. U ttolo è etto eza rcho e acura alla ata termale u agameto uguale og tato atura. Se oltre uoe che l uo rezzo t= a, allora l uo valore a t=t arà +r ove r è efto come l tao eroale rvo rcho. Il vettore e agamet el ttolo eza rcho 2, rulta coì eere ove I è l vettore utaro R. [ + r r r ] T = ( + r ) I S ot che la matrce e agamet avrà ore (+) quato aggugerà ua coloa (l vettore I ) l cu ce arà = 3. Ovvamete u mercato fazaro og oeratore uò ceglere effettuare egl vetmet verfcat, ovvero cotture cò che comuemete chama u ortafoglo vetmet. Per rareetare tal oortutà, cotruce u vettore a + comoet θ R +, la cu geerca comoete θ rareeta la quattà ttolo acqutata. Coì faceo uò ermere l valore el ortafoglo t= come l rootto calare (,θ)= T θ= e la varable aleatora e obl valor lquazoe come l vettore θ R rultate al rootto θ =Dθ= = = = θ = : : ϑ ϑ ϑ 2 etfcato 'ora o co l'ce 3 Cò comorta che le ommatore u utlzzate el eguto (fatt uorrà che l tao eza rcho eta emre) ovrao eere el to = uttoto che =. Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 3

4 .4 Ttol cotget agl tat atura (o ttol ur Arrow Debreu) Defzoe. S coo ttol cotget agl tat atura, coocut ache come ttol ur Arrow - Debreu, tutt que ttol che acurao l agameto ua utà e realzza u artcolare eveto ω e tutt gl altr ca. Tal ttol ooo eere coerat come ua fuzoe catore ω egl evet elemetar {ω } (co =,2,,), e ooo eere rareetat a vettor ella bae caoca R. A eemo, l ttolo cotgete allo tato atura ω 3 arà etfcato al vettore foametale e (3) R, ovvero l vettore e (3) = [... ] T. Se tal ttol etoo, al fatto che cottucoo ua bae er R, cee che og altro vettore R uò eere ereo come combazoe leare e ttol cotget. I artcolare, og varable aleatora X, efta come ora, uò eere crtta come combazoe leare egl e () (,, ) el moo eguete ( ) X = θ e aveo oortuamete celto gl calar θ = x( ω ) ( vea l Eemo Aece ). L terretazoe ecoomca el vettore θ cote el coerarlo come la comozoe el ortafoglo el ecore: uoe coè acqutare ua ercetuale θ = x( ω ) og ttolo cotgete e () (,, )..5 Oortutà arbtraggo S formalzzerà qu la ozoe oortutà arbtraggo ella quale oo gà tat fort alcu eem; tale cocetto verrà collegato a rezz e ttol cotget al fe otteere u oortuo trumeto matematco valutazoe che rareeta la chave tutt moell valutazoe ella moera faza matematca. Defzoe. S ce che l mercato offre oortutà arbtraggo (OA) e è oble cotrure u ortafoglo a coto ullo (o egatvo) che garatce u remeto certo otvo (o o egatvo) a caeza; altre arole e, cozo certezza, è oble cotrure t= u ortafoglo che of ua elle eguet ue cozo:. a a coto ullo e che garatca u remeto otvo almeo uo tato atura e o egatvo er tutt gl altr 2. a a coto egatvo e che garatca u remeto o egatvo og tato atura. Queta efzoe uò eere rcrtta forma comatta, utlzzao le ozo crtte receeza, oa T θ R + θ > D ove D è la matrce e agamet efta receeza e ove l mbolo > ca che tutte le comoet el vettore rultate (a comoet) oo o egatve e almeo ua è otva 4. 4 Le uguaglaze tra vettor terretao el moo eguete: x ca l eme { x x } x> ca l eme { x x e x } x>> ca l eme { x x > } Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 4

5 La efzoe ata ce ue art, la cu ereoe corroe alle ue cozo alteratve ella efzoe:. ortafoglo che a a coto ullo e che garatca u remeto otvo almeo uo tato atura e o egatvo er tutt gl altr equvale a. (, ) e θ er og e er almeo u vale > θ 2. ortafoglo che a a coto egatvo e che garatca u remeto o egatvo og tato atura equvale a 2. (, ) < e θ er og Prma roceere co u foametale rultato collegato al cocetto OA, rulta utle trourre u mortate Teorema, oto letteratura come Lemma Farka, che ermetterà gucare ulla comatbltà etermat rezz co l aeza OA, ata la matrce e agamet a caeza. Lemma Farka. Sa D ua matrce (+). U vettore R + ofa la uguaglaza T θ er og θ R + tale che Dθ e e olo e ete R a comoet tutte otve tale che T = T D. Utlzzao l Lemma Farka, oché alcu altr Teorem 5, ervee al eguete foametale Teorema: Teorema Cozoe eceara e uffcete er l aeza OA è che eta u vettore R a comoet trettamete otve tale che T = T D Il vettore efce qu u fuzoale leare valutazoe a coeffcet otv ull eme e agamet e var ttol, ovvero efce ua fuzoe leare :R R che aoca al vettore e agamet futur (l omo) l rezzo correte (coomo), fatt uò crvere come: ( ) = = Ioltre ota agevolmete l collegameto co ttol ur e co l ttolo eza rcho, oervao che ( ) ( e ) =. Duque l vettore rareeta u vettore le cu comoet oo rezz e ttol cotget agl tat atura, a cu egue la efzoe rezz cotget. Ioltre ( ) ( e ) = = e ( ) = ( e ) = ( ) ( ) ovvero, alla efzoe ata, è l rezzo el ttolo eza rcho (fatt queto aga tutt gl tat atura, qu l uo vettore e agamet è ) e ofa la relazoe 5 Come l Teorema earazoe e cove Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 5

6 A queto uto uò efre u uovo vettore = = + r = q che ofa q > er og (co =, 2,, ) e q = ; queto vettore uò eere faclmete terretato come ua uova legge robabltà efta ello azo {Ω,I} otteeo, oo aver chamato Q la uova legge robabltà, lo azo robabltà {Ω,I,Q}. I queto uovo azo, teeo coto elle oervazo receet e el fatto che q = =, l rezzo u geerco ttolo uò eere crtto come = = = + r q ovvero S uò allora eucare l eguete Teorema E Q + r [ ] Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 6 =. Teorema 2. Cozoe eceara e uffcete aeza OA è l eteza ua mura robabltà tale che l rezzo ogg u ttolo è uguale al valore atteo attualzzato el rezzo futuro el ttolo teo..6 Comletezza el mercato e robabltà eutra al rcho Il roblema che a queto uto c oe è verfcare otto qual cozo, ata D, a oble garatr u qualvogla lvello rcchezza W t= attravero la cottuzoe u ortafoglo t=, l che equvale a garatre ua oluzoe θ al tema W=Dθ er og W. Se tale cozoe è ofatta, l mercato ce comleto. Dalle ozo algebra leare euce che l coomo ell alcazoe D eve eere tutto R, ovvero eve oter otteere qualuque vettore R come combazoe leare, co coeffcet θ, e vettor. Cò gfca che, u mercato comleto, l roflo e agamet u uovo ttolo o ervato (oto, future, ecc ) uò eere relcato meate u oortua combazoe leare e ttol etet; coegueza, alla efzoe tea aeza OA, l rezzo el uovo trumeto ovrà eere la tea combazoe leare e rezz egl + ttol orgar. Affché cò a oble, rcora che la meoe el coomo D eve eere uguale a, l che gfca che la matrce D eve avere rago (r(d)) uguale a, oa r(d)=, coè evoo etere vettor learmete eet. Ua cozoe eceara er la comletezza che erva a quete coerazo è che a +, oa ttol obl evoo eere almeo tat quat gl tat atura.

7 Ioltre, cooceo D e, alle coerazo fatte fora, euce che l vettore e coegueza l vettore q (o la legge robabltà Q) è uco e l mercato è comleto. Teccamete, e r(d)=, uò vertre la matrce D oo avere elmato le - coloe ovrabboat (quelle corroet a ttol che ooo eere relcat meate gl altr ) e otteere alla relazoe T D - = T Suoamo ora voler calcolare l valore atteo, ello azo ecrtto alla tera {Ω,I,Q}, el remeto aleatoro [ ~ ~ r... r... ~ r ] T ~ r = u geerco ttolo calcolato er l -emo tato atura come egue ~ r = e, otazoe comatta, ~ r = ( ) Utlzzao le relazo receet er calcolare l valore atteo, ottee E [ ~ Q r ] = EQ ( ) = EQ [ ] EQ [ ] = ( + r ) = = r Il gfcato queto rultato è mmeato: el moo efto alla tera {Ω,I,Q}, l valore atteo el remeto aleatoro u ttolo è uguale al remeto eza rcho, qu la eomazoe robabltà eutra al rcho co cu c rferce alla legge robabltà Q. Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 7

8 Bblografa Ceccaro G., Falbo P. (998), Elemet Faza Matematca, Dee el coro Matematca Alcata all Ecooma e alla Faza Uvertà egl Stu Breca Geroazzo L. (999), Itrouzoe al calcolo tocatco e alle ue alcazo Ecooma e Faza, Aut er l coro Moell matematc er mercat fazar - Uvertà egl Stu Freze Hull J.C. (997), Ozo, future e altr ervat, Il Sole 24 Ore, Mlao Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 8

9 Aece Iote, efzo e otazo L'certezza uoe ecrtta a uo azo robabltà etfcato alla tera {Ω,I,Π} ove otzza: car{ω}=, oa Ω è cottuto a u umero fto elemet I= (Ω), l'eme elle art Ω ω Ω, π(ω)> La rma ote, che gfca che l'eme elle obl realzzazo è fto, è utle er oter ermere le realzzazo ua varable aleatora X efta Ω er mezzo u vettore R, le cu comoet oo valor X er og tato atura. Qu crve [ x ω ), x( ω ),..., x( )] T ( 2 ω La ecoa ote mlca che tutt gl {ω } oo evet elemetar, cu è aegata ua robabltà [ ω ), π ( ω ),..., π ( ] T ( 2 ω ) π. La terza ote gfca che tereao olo gl evet co robabltà o ulla verfcar. Eemo. S coer u roretaro terrero la cu reta x u camo coltvato è roorzoale al valore el foo teo ecoo l'equazoe x ' =cx ove c è la cotate roorzoaltà. S uoga oltre che tale reta var a ecoa el temo urate l'ao: e l temo è bello,la rouzoe arà abboate e c alto, e l temo è brutto, la rouzoe arà cara e qu c bao. C trovamo u cao orzzote temorale u ao (alla ema al raccolto). S ha qu Ω={ω,ω 2 } {temo bello, temo brutto}, I={,Ω,ω,ω 2 }. Suoamo oltre er emlctà che gl evet ao equrobabl, oa ( ω T ) π ( ω 2 ) =.5. 5 π. Aocamo oltre valor c agl tat atura el moo eguete.2 e ω c =.5 e ω Π= [ ] [ ] T e otzzamo x()=. S evoo rolvere ue roblem Cauchy x' =.2x e ω x' =.5x e ω 2 e x() = x() = Le realzzazo ella varable aleatora X ooo eere raute al vettore T.2.5 X= [ ] [ ] T x( ω ) x( ω 2 ) = e e ove t=, eeo l'orzzote temorale lmtato a u ao. Il valore atteo el foo al temo arà uque x( ω ) = E(X)=Π T X= [ π ( ω ) π ( ω )] =.5 e +.5 e ( 2 ) x ω Il vettore che raume le realzzazoe ella varable aleatora X (l valore el foo a fe eroo) uò eere ereo come combazoe leare e ue vettor ella bae caoca R², e () e e (2), el moo eguete:.2 e.2. 5 X = = e + e.5 e 2 Farm 22_3 - Prof.a Slvaa Stefa - FINARM 9

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Il costo della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dopoguerra a oggi. Stime di prima generazione

Il costo della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dopoguerra a oggi. Stime di prima generazione INVITED POLICY PAPER Il coto della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dooguerra a oggi. Stime di rima geerazioe Nicola Amedola - Giovai Vecchi - Bilal Al Kiwai* Uiverità di Roma Tor Vergata A ditaza di

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII Captolo 8 CAPITOLO 8 8. Frae 8.. Fattor e cause de movmet fraos Per fraa s tede u rapdo spostameto d ua massa d rocca o d terra l cu cetro d gravtà s muove verso l basso e verso l estero. I prcpal fattor

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

LE FUNZIONI DI BENESSERE SOCIALE (FBS}

LE FUNZIONI DI BENESSERE SOCIALE (FBS} LE FUNZON D BENESSERE SOCALE (FBS} Una f"*flt tdazione tnchc" genemle di FB$ e lrasaîa 5rl "deboli"' seguénti n.e giucliri cli rrntr*re Fflle s dire *uiì1uali si ritiett* por*o e*eeri',ru uirtpn* acc*relc:

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF Corso Igegera Ssca - a.a. 9/ ott. g. Isaa Cleete ott. g. Chara Beo 4. RISPOSA SISICA DI SISEI DO Ottobre 9 v.. - Pag. 4. - Rsposta ssca sste DO 4. attore strttra Secoo le NC8 l fattore strttra q che tee

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli