II. Il tasso d interesse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. Il tasso d interesse"

Transcript

1 II. Il tasso d interesse Alta e bassa preferenza temporale Nella lezione precedente abbiamo introdotto la categoria prasseologica della preferenza temporale, secondo la quale l attore economico, ceteris paribus, preferisce i beni presenti ai beni futuri. Definendola alternativamente, tale legge dice che un essere umano è disposto a posporre nel tempo il godimento di fini presenti solo se in cambio può raggiungere fini futuri di valore soggettivo superiore. Questa categoria si trova definita nella mente d ogni essere umano. Tuttavia, dal punto di vista soggettivo, l intensità con la quale si preferiscono, a parità di circostanze, beni presenti a beni futuri, cambia molto da persona a persona. Inoltre, nel mercato, questa differente valutazione soggettiva si verifica anche all interno di uno stesso essere umano in momenti diversi, in dipendenza delle sue circostanze personali. La presenza di queste differenti valutazioni fa sorgere nel processo di mercato molteplici occasioni di guadagno che possono essere scoperte imprenditorialmente e che permettono di concludere scambi monetari che risulteranno redditizi per entrambe le parti contraenti. Immaginiamo il proprietario di una piccola attività artigianale che si configura come una cooperativa, nella quale egli è al tempo stesso capitalista, imprenditore e unico lavoratore. Tale attore economico ha deciso di intraprendere un processo produttivo di un anno, al termine del quale valuta di poter vendere i beni prodotti per un totale di euro. Supponiamo che quest attore economico abbia un altissima preferenza temporale, vale a dire che ha una grande urgenza di conseguire fini prossimi nel tempo, in conseguenza della quale un fine futuro deve avere per lui un valore altissimo perché possa essere interessante. Secondo il suo tasso di valutazione soggettivo, i euro fra un anno valgono ad esempio l equivalente di 8000 d oggi (vale a dire un tasso del 25%). Diamo ora entrata ad un secondo attore economico che ha un tasso di valutazione soggettivo più contenuto, vale a dire una preferenza temporale più bassa, che lo porta a stimare il valore attualizzato ad oggi dell attività artigianale a 9000 euro (vale a dire un tasso dell 11%). Immediatamente sorge un opportunità di guadagno. Il secondo attore si rende conto che potrebbe proporsi per l acquisto dell attività per 9000 euro e il primo, valutando soggettivamente che il valore attualizzato ad oggi dell attività è 8000, reputerà conveniente alienare la sua cooperativa e trasformarsi in un dipendente dell impresa. A contratto firmato avranno guadagnato entrambi, ognuno in relazione alla preferenza temporale (alta il primo, bassa il secondo) che avevano al momento della stima. Il Tasso d interesse Il prezzo di beni presenti in relazione a beni futuri si determina come il prezzo di ogni altro bene che si scambia sul mercato, secondo la legge illustrata da Böhm-Bawerk 1. La presenza di differenti gradi di intensità psichica di preferenza temporale fa sorgere nel mercato occasioni di guadagno multiple che daranno luogo ad un processo di competenza bilaterale fra compratori e venditori, per la determinazione del prezzo a cui effettuare lo scambio 2. In concorrenza bilaterale, dove i tassi individuali di preferenza temporale di compratori e venditori s incontrano, il prezzo di mercato dei beni presenti in relazione ai beni futuri viene fissato dalle valutazioni soggettive della coppia marginale e viene denominato tasso d interesse. 1 Anche Rothbard, in Man, Economy and State, riproduce lo stesso schema di concorrenza bilaterale utilizzato da Böhm-Bawerk. 2 Legge basica per la determinazione del prezzo è stata magistralmente illustrata da Böhm-Bawerk, che individua quattro scenari distinti: scambio isolato, concorrenza unilaterale fra compratori (asta), concorrenza unilaterale fra venditori (reverse auction) e concorrenza bilaterale. Eugen von Böhm-Bawerk, Kapital und Kapitalzins, vol. II, libro III, parte B. Edizione inglese: Capital and Interest, Liberty Press, Prodotto da Liberanimus.org Pag. 1/6

2 In questo mercato del tempo, i venditori di beni presenti sono coloro che precedentemente avevano risparmiato e quindi possono offrire una parte del reddito non consumato. In poche parole, i venditori sono i risparmiatori, vale a dire i capitalisti, e rappresentano gli agenti con una bassa preferenza temporale. I compratori di beni presenti, invece, sono tutti coloro che domandano beni o servizi immediati (che di conseguenza hanno una alta preferenza temporale) e principalmente si materializzano nei lavoratori dipendenti. Nel mercato non si proibisce ad alcun lavoratore di trasformarsi in lavoratore autonomo, esponendosi così all incertezza di un reddito che riceveranno se condurranno correttamente le loro valutazioni imprenditoriali. Tuttavia l esperienza dimostra che la maggioranza dei lavoratori non è disposta a preferire fini futuri in cambio della soddisfazione di fini presenti, perciò preferiscono che gli sia anticipato il frutto del loro lavoro dall imprenditore, che a sua volta ha ricevuto i finanziamenti necessari del capitalista. Esistono, senza dubbio, persone che istituiscono una cooperativa, incorporandosi in questo modo allo stesso tempo come lavoratori, imprenditori e capitalisti, ma la maggior parte dei lavoratori preferisce il rapporto dipendente. Nella categoria dei venditori di beni presenti si situano anche i proprietari delle risorse naturali o proprietari di beni capitali. Il mercato del tempo non è costituito solamente dal mercato dei prestiti. Il mercato del tempo estremamente più importante per un economia di mercato è quello costituito da tutta la struttura produttiva della società, nella quale i risparmiatori continuamente rinunciano al consumo immediato e offrono beni presenti ai proprietari dei fattori originari di produzione (lavoratori e proprietari delle risorse naturali) in cambio di alienare la proprietà del prodotto finale. Dal punto di vista giuridico, il contratto di vendita di beni presenti per beni futuri si plasma in differenti forme: i. cooperativa: uno stesso agente economico si configura allo stesso tempo come capitalista e come lavoratore, assumendo la proprietà del processo di produzione e ottenendo la totalità del valore del prodotto finale. Come abbiamo detto, a nessun lavoratore, nel mercato, si proibisce di seguire tale corso d azione. ii. Lavoratore dipendente: la maggioranza dei lavoratori ha un alta preferenza temporale, perciò preferisce non essere soggetta all attesa della terminazione del processo produttivo e, di conseguenza, opta per accettare un anticipazione del valore del prodotto finale futuro. Si tratta certamente del tipo di contratto più importante, in termini di volume. iii. Contratto di credito o di prestito: il mercato dei prestiti a corto 3, medio 4 e lungo 5 rappresenta solo un sottoinsieme comparativamente molto più piccolo di un mercato più generale che è il mercato del tempo. L immensa maggioranza del mercato del tempo è costituito dalla struttura produttiva, nella quale milioni e milioni di risparmiatori anticipano continuamente ai lavoratori beni presenti, in cambio di ottenere la proprietà del prodotto finale di quello che producono. Esiste un tasso d interesse che si determina nel mercato della struttura produttiva, che si differenzia da quello che si stabilisce nei tre tipi di mercato dei prestiti che abbiamo menzionato. Di fatto, si potrebbe concepire una società senza il mercato dei prestiti, nella quale tutte le transazioni che contemplano beni presenti per beni futuri si effettuano direttamente nella struttura produttiva, tramite l autofianziamento delle imprese che reinvestono una parte dei loro utili. Componenti del tasso d interesse Il mercato del prestito è utile perché permette di identificare visivamente il tasso d interesse. La stessa cosa non succede nel mercato del tempo della struttura produttiva, nel quale il tasso d interesse non è direttamente osservabile, essendo indistinguibilmente mescolata con altri 3 Mercato monetario (money market): lettere di cambio, titoli a breve emessi da imprese, pagherò di imprese e o bancari, etc. 4 Da uno a tre anni: obbligazioni o titoli dello stato, prestiti di casse di risparmio, etc. 5 Mercato dei capitali: contempla prestiti fino a 20, 30 o 40 anni. Ad esempio l emissione di obbligazioni da parte di imprese, etc. Prodotto da Liberanimus.org Pag. 2/6

3 componenti. Gli unici tassi d interesse osservabili sono i tassi lordi del mercato creditizio e sono composti di tre componenti: 1. Tasso d interesse originario o tasso d interesse naturale Corrisponde al tasso sociale di preferenza temporale, tale come l abbiamo definito, e nel mercato viene stabilito delle valutazioni soggettive della coppia marginale. 2. Premio di rischio E importante non confondere la nozione di rischio con il concetto d incertezza. Il primo appartiene al mondo naturale mentre il secondo deriva dall azione umana e quindi si riferisce all atto imprenditoriale. Il rischio si riferisce ad una classe di fenomeni, all interno della quale ignoriamo totalmente il comportamento individuale degli elementi la compongono. Ad esempio, se lanciamo 1000 volte una moneta, otterremo più o meno 500 volte testa e 500 volte croce. In altre parole conosciamo il comportamento della classe, ma non possiamo assolutamente prevedere, all effettuare un solo tiro, il risultato che otterremo. La maniera con cui articoliamo quest incertezza è affermando che esiste una probabilità del 50% che esca testa e 50% che risulti croce. Altro esempio: sappiamo che il tasso di mortalità delle persone di 40 anni è di 3 ogni 1000, una classe di fenomeni che si compie, putroppo, con precisissima regolarità. Questo non significa che se consideriamo un insieme di 1000 quarantenni, saremo in grado di identificare esattamente quali di questi verranno a mancare. In sostanza, conosciamo il comportamento di una classe di fenomeni, ma non il comportamento dei suoi elementi individuali. La stessa cosa accade nel contratto di prestito. I prestatori sono imprenditori che in una determinata maniera possono discriminare il rischio relativo ai loro clienti determinando statisticamente la percentuale di questi che risulteranno morosi. Come dice Mises, il rischio definito in questa maniera è tecnicamente assicurabile, in questo modo i prestatori possono assicurarsi davanti a tale rischio diluendo su tutti i contratti di prestito che realizzano (dato che, ex ante, non possono conoscere l identità di chi non potrà fare fronte alle sue obbligazioni) una componente aggiuntiva che permette di farvi fronte. Il premio di rischio rappresenta appunto tale componente. 3. Premio per l inflazione (deflazione) attesa Nel mercato, possiamo interpretare ogni transazione che si realizza in concorrenza bilaterale nel modo contrario a quello convenzionalmente considerato. I venditori rappresentano compratori di denaro e il prezzo del denaro corrisponde al suo potere d acquisto. E possibile che, nel mercato del tempo, il valore della moneta oggi non corrisponda al valore della stessa quantità di moneta fra un anno. Basta pensare ad una società soggetta ad un processo inflazionario, dove aumenta continuamente la quantità di denaro in circolazione. All aumentare dell offerta di denaro, il suo potere d acquisto diminuisce. Nel caso d inflazione, si addiziona quindi una componente compensatoria positiva che tiene conto delle variazioni del potere d acquisto della moneta. Nel caso di società nelle quali si verifica un processo deflazionarlo, come ad esempio quella giapponese, il valore della moneta aumenta e quindi questa componente sarà negativa. Per articolare visivamente con un esempio, vediamo come potrebbe risultare il tasso d interesse lordo di mercato nei due casi: in presenza di inflazione e di deflazione: Inflazione (Europa) Deflazione (Giappone) 1. tasso d interesse originario 2% 2% 2. premio di rischio 1% 1% 3. premio per l inflazione (deflazione) 2% -0,5% Totale 5% 2,5% Prodotto da Liberanimus.org Pag. 3/6

4 Benefico contabile, beneficio imprenditoriale puro e tasso d interesse Il tasso d interesse lordo di mercato è una grandezza osservabile. Esiste solamente un altro elemento osservabile nel grande insieme del mercato dei beni: il beneficio contabile lordo che ottiene un impresa che opera nella struttura produttiva. L unica misura obbiettiva che possiamo ottenere deriva dall osservazione del Conto Profitti e Perdite (Net Income) di ogni impresa concreta corrispondente ad ogni tappa del processo di produzione. Il beneficio contabile è il risultato finale dell esercizio dell impresa ed è composto da due componenti: l interesse lordo di mercato più (o meno) il beneficio (o la perdita) imprenditoriale pura. La seconda sorge grazie all innata capacità creativa dell essere umano che, rendendosi conto di una opportunità di guadagno, ne approfitta. Esiste una tendenza nel mercato affinché benefici e perdite imprenditoriali puri si annullino. Se la società raggiungesse lo stato finale di risposo, dove tutte le opportunità di guadagno e gli squilibri sociali che esse sottendono sono stati risolti, tutti i benefici imprenditoriali scomparirebbero. All azzerarsi questa componente, il Conto Profitti e Perdite delle imprese andrebbe a coincidere con il tasso d interesse di mercato. Molti economisti parlano erroneamente di un presunto tasso di beneficio imprenditoriale, ma non esiste nulla del genere. Quello che abbiamo certamente è un tasso d interesse al quale i benefici contabili tenderebbero una volta che i benefici imprenditoriali puri fossero esauriti. Tuttavia i benefici contabili non coincideranno mai con il tasso d interesse, perché il processo imprenditoriale non si esaurisce mai. Non esiste uno stato in cui tutti gli squilibri sociali sono stati coordinati e le opportunità di guadagno esaurite, perché il processo imprenditoriale, quando coordina uno squilibrio sociale, genera simultaneamente nuova informazione che suggerisce ad altri attori nuovi corsi d azione e da luogo a nuovi squilibri, in un processo espansivo senza limite (big bang sociale). L equilibrio non si raggiunge mai, il processo imprenditoriale non si esaurisce mai, perciò i benefici imprenditoriali puri non sono nulli nel computo dei benefici contabili. Per questa ragione, l unica grandezza osservabile all interno del mercato del tempo costituito dalla struttura produttiva è il tasso d interesse lordo di mercato. Dobbiamo stare in guardia davanti a quelli economisti che parlano di un tasso di beneficio imprenditoriale che tende al tasso d interesse di mercato nel caso si raggiunga l equilibrio. Si tratta di un grande errore intellettuale perché tale tasso di beneficio imprenditoriale non è osservabile. In Profit, Interest and Investment, Hayek sviluppa la teoria del ciclo spiegando come il tasso di beneficio imprenditoriale tenda ad approssimarsi al tasso d interesse. Si sta riferendo al tasso d interesse del mercato creditizio manipolato dai governi e a come questo affetta il tasso di beneficio imprenditoriale nella struttura produttiva. Si tratta di un imprecisione, perché i benefici non si possono condensare in un tasso unico o nel tasso d interesse. Può accadere che un impresa mostri un beneficio contabile e allo stesso tempo stia incorrendo in gravi perdite imprenditoriali. Supponiamo che un impresa abbia investito un capitale di 1000 milioni di euro. Supponiamo inoltre che il tasso d interesse lordo di mercato sia il 5%, che vale a dire che se si fossero investiti quei 1000 milioni di euro nel mercato creditizio, si avrebbe ottenuto un beneficio di euro. Supponiamo infine che il beneficio contabile ottenuto dall impresa sia di Chiaramente, nonostante abbia conseguito un beneficio contabile positivo, l impresa sta incorrendo in una grave predita imprenditoriale. Più in generale, tutte le imprese il cui beneficio contabile sia inferiore al tasso d interesse lordo del mercato creditizio (relativo al particolare settore cui appartiene un impresa), stanno conseguendo perdite imprenditoriali, perché il beneficio contabile non raggiunge il compente implicito del tasso d interesse lordo di mercato applicato alle risorse investite dai capitalisti che hanno finanziato l impresa. L interesse come prezzo di mercato Contrariamente a ciò che s insegna nella maggioranza dei libri di testo, il prezzo non è la variabile indipendente, ma costituisce la variabile dipendente. A livello temporale, nel processo Prodotto da Liberanimus.org Pag. 4/6

5 sociale di compravendita, l azione umana, che imprenditorialmente scopre opportunità di guadagno, è quella che avvia il processo di mercato che si materializza, nella fase finale, nel prezzo di mercato. Gli economisti neoclassici inondano i libri di testo con una posizione diametralmente opposta. Adottando la posizione del piccolo commerciante inglese, homo economicus del secolo XIX, pensano che la viabile indipendente sia il prezzo e sostengono che se il prezzo sale, la domanda diminuisce e, viceversa, che se il prezzo diminuisce la domanda aumenta. Il piccolo commerciante inglese riduceva l asking price in modo da poter vendere di più, ma gli economisti moderni sanno benissimo che non esiste una relazione inversa fra prezzo e quantità domandata. La curva chiama domanda marshalliana è completamente falsa perché stabilisce una relazione inversa fra prezzo e quantità che non ha riscontro con la realtà. Noi non dobbiamo analizzare il processo sociale non dal punto di vista del piccolo commerciante inglese ma dal punto di un economista, che analizza dall alto il processo sociale. Nella relazione genetico causale fra prezzo e quantità, il prezzo è il risultato ultimo del processo di intercambio e per questo rappresenta la variabile dipendente e non quella indipendente. Se aumenta il desiderio soggettivo per un determinato bene, aumenta la domanda e di conseguenza il prezzo, a parità di circostanze, tenderà a salire. Di conseguenza la relazione non è inversa ma diretta. Inoltre, dal punto di vista economico, non c e differenza fra domanda e offerta perché rappresentano le due facce della stessa moneta. Dire domandiamo di più equivale a dire che offriamo meno. Ad un prezzo alto corrisponde una forte domanda o, guardando all altra faccia della moneta, un offerta modesta. Viceversa, un prezzo basso suggerisce la presenza di una bassa domanda, o di una offerta alta. Un prezzo basso non comporta una maggiore domanda, significa che esiste, a parità di circostanze, poca domanda. Con il tasso d interesse accade la stessa cosa. Quanto maggiore è il risparmio, vale a dire quanto maggiore è l offerta, il prezzo dei beni presenti in relazione con i beni futuri sarà più basso. Di conseguenza, in un mercato esente da intervenzione governativa, un tasso d interesse molto ridotto indica che esiste un alto tasso di risparmio. Al contrario, tassi d interesse molto alti indicano, a parità di circostanze, che si risparmia poco. Manipolazione del tasso d interesse Il tasso d interesse indica all imprenditore se è appropriato o meno intraprendere processi di produzione più lunghi. Abbiamo detto che un alto tasso di risparmio da luogo ad un basso tasso d interesse. Questo indica agli imprenditori che possono e devono allungare nel tempo la culminazione dei processi produttivi, che devono posporre ad un futuro più lontano la maturazione del processo produttivo. L imprenditore ha sempre in mente un numero di progetti d investimento tentativi, consistenti nell avviare tappe più lunghe del processo produttivo nell ipotesi che saranno più produttive 6. Ciò che li detiene dall intraprendere questi progetti è la valutazione comparativa che eseguono fra il beneficio imprenditoriale che essi permetterebbero di ottenere e il tasso d interesse dei finanziamenti necessari per avviarli. Se il tasso d interesse è al 5% e l imprenditore visualizza un progetto che gli renderà il 4%, evidentemente non lo avvierà perché questo comporterebbe una perdita imprenditoriale. Il tasso d interesse quindi è un prezzo di mercato chiave. Supponiamo ora che di colpo la gente decide di aumentare il risparmio. Di conseguenza il tasso d interesse scende (ad esempio al 3%) indicando a tutti quegli imprenditori che ora possono intraprendere quei progetti che prima non giudicavano profittevoli. Di conseguenza gli imprenditori si lanciano in nuovi progetti perché esiste risparmio reale nella società. Se, viceversa, la gente improvvisamente decide di risparmiare meno, allora il tasso d interesse aumenterà, cancellando la profittabilità di quei progetti che in precedenza apparivano produrre un beneficio imprenditoriale. Molti imprenditori saranno costretti a chiudere e liquidare i progetti che avevano avviato, perché non esistono risorse reali per mantenere tutti i lavoratori impegnati nell impresa, che ora si trova 6 Se così non fosse, in base alla preferenza temporale, non contemplerebbero l ipotesi di questi progetti. Prodotto da Liberanimus.org Pag. 5/6

6 lontana dalla fase del consumo. Avevamo visto lo stesso effetto illustrando la necessità di coordinamento intertemporale fra risparmio e investimenti. Il tasso d interesse di mercato è precisamente l elemento che consente questo coordinamento intertemporale. Il tasso d interesse è continuamente oggetto di una grande varietà di manipolazioni esterne, fino al punto che oggi non possiamo affermare quale sia il tasso d interesse di mercato. Questo produce conseguenze tragiche nella società di libero mercato. Le banche centrali, in particolare, decidono arbitrariamente il valore del tasso d interesse. Tanti piccoli ingegneri sociali pretendono risolvere i problemi di disoccupazione e di sottosviluppo forzando un aumento degli investimenti. Per questa ragione sollecitano una diminuzione del tasso d interesse affinché gli imprenditori investano. Come abbiamo detto, il tasso d interesse non è la variabile indipendente, è la variabile dipendente. Inoltre abbiamo visto nel capitolo 4 7 che la banca a riserva frazionaria, grazie ai privilegi che gli sono concessi dai governanti, è capace di aumentare il denaro in circolazione creandolo dal nulla (cioè senza la copertura di risparmio) attraverso un processo di espansione creditizia, vale a dire prestando a tasso d interesse più basso. Il sistema bancario è un sistema piramidale composto da banche private che godono di un privilegio concesso dal legislatore che altera il tasso d interesse. La conseguenza dell alterazione artificiale del tasso d interesse è la creazione di un gravissimo scoodinamento, nel quale gli imprenditori, seguendo questo segnale, si lanciano ad investire in maniera sfuocata mentre che gli altri agenti economici seguono consumando allo stesso ritmo di prima, senza aumentare il risparmio. Ad esempio, durante i felici anni 90, negli Stati Uniti, si registrava un tasso d investimenti del 10% e un tasso di risparmio dello 0%. Un processo di scoordinamento intertemporale gravissimo che si materializzò in una grande bolla speculativa finanziaria, poi in una crisi finanziaria che infine si trasmise all economia reale. Non è possibile manipolare il tasso d interesse per allungare il processo produttivo se non esiste previamente una quota di risparmio che possa giustificare, in forma sostenibile, la rimodulazione della struttura di produzione. 7 Jesus Huerta de Soto, Dinero, credito bancario y ciclos economicos, Union Editorial, Prodotto da Liberanimus.org Pag. 6/6

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Analisi Costi-Benefici

Analisi Costi-Benefici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Analisi Costi-Benefici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Scelta pubblica Intervento pubblico realizzazione di progetti esempi: infrastrutture,

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ]

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 2 Del precedente esercizio calcolare il montante in regime di capitalizzazione composta.

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008 Valutazione dei progetti d investimento i industriale i Università degli Studi di Firenze 1 Cos è un progetto d investimento? Un insieme di attività, produttive o finanziarie, in cui l'azienda impegna

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Capitolo 13 Indice degli argomenti 1. Definizioni e modalità di classificazione

Dettagli

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Esercitazione TEMPO E RISCHIO Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Un capitale - spostato nel futuro si trasforma in montante (capitale iniziale più interessi), - spostato nel

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE V LE FORME DI MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 1.1. Le

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercizi: Utilità attesa (Cap.6) Problema 11 (pagina 203, libro) Supponete di avere 10 000 euro da investire in Junk Bonds oppure titoli

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli