II. Il tasso d interesse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. Il tasso d interesse"

Transcript

1 II. Il tasso d interesse Alta e bassa preferenza temporale Nella lezione precedente abbiamo introdotto la categoria prasseologica della preferenza temporale, secondo la quale l attore economico, ceteris paribus, preferisce i beni presenti ai beni futuri. Definendola alternativamente, tale legge dice che un essere umano è disposto a posporre nel tempo il godimento di fini presenti solo se in cambio può raggiungere fini futuri di valore soggettivo superiore. Questa categoria si trova definita nella mente d ogni essere umano. Tuttavia, dal punto di vista soggettivo, l intensità con la quale si preferiscono, a parità di circostanze, beni presenti a beni futuri, cambia molto da persona a persona. Inoltre, nel mercato, questa differente valutazione soggettiva si verifica anche all interno di uno stesso essere umano in momenti diversi, in dipendenza delle sue circostanze personali. La presenza di queste differenti valutazioni fa sorgere nel processo di mercato molteplici occasioni di guadagno che possono essere scoperte imprenditorialmente e che permettono di concludere scambi monetari che risulteranno redditizi per entrambe le parti contraenti. Immaginiamo il proprietario di una piccola attività artigianale che si configura come una cooperativa, nella quale egli è al tempo stesso capitalista, imprenditore e unico lavoratore. Tale attore economico ha deciso di intraprendere un processo produttivo di un anno, al termine del quale valuta di poter vendere i beni prodotti per un totale di euro. Supponiamo che quest attore economico abbia un altissima preferenza temporale, vale a dire che ha una grande urgenza di conseguire fini prossimi nel tempo, in conseguenza della quale un fine futuro deve avere per lui un valore altissimo perché possa essere interessante. Secondo il suo tasso di valutazione soggettivo, i euro fra un anno valgono ad esempio l equivalente di 8000 d oggi (vale a dire un tasso del 25%). Diamo ora entrata ad un secondo attore economico che ha un tasso di valutazione soggettivo più contenuto, vale a dire una preferenza temporale più bassa, che lo porta a stimare il valore attualizzato ad oggi dell attività artigianale a 9000 euro (vale a dire un tasso dell 11%). Immediatamente sorge un opportunità di guadagno. Il secondo attore si rende conto che potrebbe proporsi per l acquisto dell attività per 9000 euro e il primo, valutando soggettivamente che il valore attualizzato ad oggi dell attività è 8000, reputerà conveniente alienare la sua cooperativa e trasformarsi in un dipendente dell impresa. A contratto firmato avranno guadagnato entrambi, ognuno in relazione alla preferenza temporale (alta il primo, bassa il secondo) che avevano al momento della stima. Il Tasso d interesse Il prezzo di beni presenti in relazione a beni futuri si determina come il prezzo di ogni altro bene che si scambia sul mercato, secondo la legge illustrata da Böhm-Bawerk 1. La presenza di differenti gradi di intensità psichica di preferenza temporale fa sorgere nel mercato occasioni di guadagno multiple che daranno luogo ad un processo di competenza bilaterale fra compratori e venditori, per la determinazione del prezzo a cui effettuare lo scambio 2. In concorrenza bilaterale, dove i tassi individuali di preferenza temporale di compratori e venditori s incontrano, il prezzo di mercato dei beni presenti in relazione ai beni futuri viene fissato dalle valutazioni soggettive della coppia marginale e viene denominato tasso d interesse. 1 Anche Rothbard, in Man, Economy and State, riproduce lo stesso schema di concorrenza bilaterale utilizzato da Böhm-Bawerk. 2 Legge basica per la determinazione del prezzo è stata magistralmente illustrata da Böhm-Bawerk, che individua quattro scenari distinti: scambio isolato, concorrenza unilaterale fra compratori (asta), concorrenza unilaterale fra venditori (reverse auction) e concorrenza bilaterale. Eugen von Böhm-Bawerk, Kapital und Kapitalzins, vol. II, libro III, parte B. Edizione inglese: Capital and Interest, Liberty Press, Prodotto da Liberanimus.org Pag. 1/6

2 In questo mercato del tempo, i venditori di beni presenti sono coloro che precedentemente avevano risparmiato e quindi possono offrire una parte del reddito non consumato. In poche parole, i venditori sono i risparmiatori, vale a dire i capitalisti, e rappresentano gli agenti con una bassa preferenza temporale. I compratori di beni presenti, invece, sono tutti coloro che domandano beni o servizi immediati (che di conseguenza hanno una alta preferenza temporale) e principalmente si materializzano nei lavoratori dipendenti. Nel mercato non si proibisce ad alcun lavoratore di trasformarsi in lavoratore autonomo, esponendosi così all incertezza di un reddito che riceveranno se condurranno correttamente le loro valutazioni imprenditoriali. Tuttavia l esperienza dimostra che la maggioranza dei lavoratori non è disposta a preferire fini futuri in cambio della soddisfazione di fini presenti, perciò preferiscono che gli sia anticipato il frutto del loro lavoro dall imprenditore, che a sua volta ha ricevuto i finanziamenti necessari del capitalista. Esistono, senza dubbio, persone che istituiscono una cooperativa, incorporandosi in questo modo allo stesso tempo come lavoratori, imprenditori e capitalisti, ma la maggior parte dei lavoratori preferisce il rapporto dipendente. Nella categoria dei venditori di beni presenti si situano anche i proprietari delle risorse naturali o proprietari di beni capitali. Il mercato del tempo non è costituito solamente dal mercato dei prestiti. Il mercato del tempo estremamente più importante per un economia di mercato è quello costituito da tutta la struttura produttiva della società, nella quale i risparmiatori continuamente rinunciano al consumo immediato e offrono beni presenti ai proprietari dei fattori originari di produzione (lavoratori e proprietari delle risorse naturali) in cambio di alienare la proprietà del prodotto finale. Dal punto di vista giuridico, il contratto di vendita di beni presenti per beni futuri si plasma in differenti forme: i. cooperativa: uno stesso agente economico si configura allo stesso tempo come capitalista e come lavoratore, assumendo la proprietà del processo di produzione e ottenendo la totalità del valore del prodotto finale. Come abbiamo detto, a nessun lavoratore, nel mercato, si proibisce di seguire tale corso d azione. ii. Lavoratore dipendente: la maggioranza dei lavoratori ha un alta preferenza temporale, perciò preferisce non essere soggetta all attesa della terminazione del processo produttivo e, di conseguenza, opta per accettare un anticipazione del valore del prodotto finale futuro. Si tratta certamente del tipo di contratto più importante, in termini di volume. iii. Contratto di credito o di prestito: il mercato dei prestiti a corto 3, medio 4 e lungo 5 rappresenta solo un sottoinsieme comparativamente molto più piccolo di un mercato più generale che è il mercato del tempo. L immensa maggioranza del mercato del tempo è costituito dalla struttura produttiva, nella quale milioni e milioni di risparmiatori anticipano continuamente ai lavoratori beni presenti, in cambio di ottenere la proprietà del prodotto finale di quello che producono. Esiste un tasso d interesse che si determina nel mercato della struttura produttiva, che si differenzia da quello che si stabilisce nei tre tipi di mercato dei prestiti che abbiamo menzionato. Di fatto, si potrebbe concepire una società senza il mercato dei prestiti, nella quale tutte le transazioni che contemplano beni presenti per beni futuri si effettuano direttamente nella struttura produttiva, tramite l autofianziamento delle imprese che reinvestono una parte dei loro utili. Componenti del tasso d interesse Il mercato del prestito è utile perché permette di identificare visivamente il tasso d interesse. La stessa cosa non succede nel mercato del tempo della struttura produttiva, nel quale il tasso d interesse non è direttamente osservabile, essendo indistinguibilmente mescolata con altri 3 Mercato monetario (money market): lettere di cambio, titoli a breve emessi da imprese, pagherò di imprese e o bancari, etc. 4 Da uno a tre anni: obbligazioni o titoli dello stato, prestiti di casse di risparmio, etc. 5 Mercato dei capitali: contempla prestiti fino a 20, 30 o 40 anni. Ad esempio l emissione di obbligazioni da parte di imprese, etc. Prodotto da Liberanimus.org Pag. 2/6

3 componenti. Gli unici tassi d interesse osservabili sono i tassi lordi del mercato creditizio e sono composti di tre componenti: 1. Tasso d interesse originario o tasso d interesse naturale Corrisponde al tasso sociale di preferenza temporale, tale come l abbiamo definito, e nel mercato viene stabilito delle valutazioni soggettive della coppia marginale. 2. Premio di rischio E importante non confondere la nozione di rischio con il concetto d incertezza. Il primo appartiene al mondo naturale mentre il secondo deriva dall azione umana e quindi si riferisce all atto imprenditoriale. Il rischio si riferisce ad una classe di fenomeni, all interno della quale ignoriamo totalmente il comportamento individuale degli elementi la compongono. Ad esempio, se lanciamo 1000 volte una moneta, otterremo più o meno 500 volte testa e 500 volte croce. In altre parole conosciamo il comportamento della classe, ma non possiamo assolutamente prevedere, all effettuare un solo tiro, il risultato che otterremo. La maniera con cui articoliamo quest incertezza è affermando che esiste una probabilità del 50% che esca testa e 50% che risulti croce. Altro esempio: sappiamo che il tasso di mortalità delle persone di 40 anni è di 3 ogni 1000, una classe di fenomeni che si compie, putroppo, con precisissima regolarità. Questo non significa che se consideriamo un insieme di 1000 quarantenni, saremo in grado di identificare esattamente quali di questi verranno a mancare. In sostanza, conosciamo il comportamento di una classe di fenomeni, ma non il comportamento dei suoi elementi individuali. La stessa cosa accade nel contratto di prestito. I prestatori sono imprenditori che in una determinata maniera possono discriminare il rischio relativo ai loro clienti determinando statisticamente la percentuale di questi che risulteranno morosi. Come dice Mises, il rischio definito in questa maniera è tecnicamente assicurabile, in questo modo i prestatori possono assicurarsi davanti a tale rischio diluendo su tutti i contratti di prestito che realizzano (dato che, ex ante, non possono conoscere l identità di chi non potrà fare fronte alle sue obbligazioni) una componente aggiuntiva che permette di farvi fronte. Il premio di rischio rappresenta appunto tale componente. 3. Premio per l inflazione (deflazione) attesa Nel mercato, possiamo interpretare ogni transazione che si realizza in concorrenza bilaterale nel modo contrario a quello convenzionalmente considerato. I venditori rappresentano compratori di denaro e il prezzo del denaro corrisponde al suo potere d acquisto. E possibile che, nel mercato del tempo, il valore della moneta oggi non corrisponda al valore della stessa quantità di moneta fra un anno. Basta pensare ad una società soggetta ad un processo inflazionario, dove aumenta continuamente la quantità di denaro in circolazione. All aumentare dell offerta di denaro, il suo potere d acquisto diminuisce. Nel caso d inflazione, si addiziona quindi una componente compensatoria positiva che tiene conto delle variazioni del potere d acquisto della moneta. Nel caso di società nelle quali si verifica un processo deflazionarlo, come ad esempio quella giapponese, il valore della moneta aumenta e quindi questa componente sarà negativa. Per articolare visivamente con un esempio, vediamo come potrebbe risultare il tasso d interesse lordo di mercato nei due casi: in presenza di inflazione e di deflazione: Inflazione (Europa) Deflazione (Giappone) 1. tasso d interesse originario 2% 2% 2. premio di rischio 1% 1% 3. premio per l inflazione (deflazione) 2% -0,5% Totale 5% 2,5% Prodotto da Liberanimus.org Pag. 3/6

4 Benefico contabile, beneficio imprenditoriale puro e tasso d interesse Il tasso d interesse lordo di mercato è una grandezza osservabile. Esiste solamente un altro elemento osservabile nel grande insieme del mercato dei beni: il beneficio contabile lordo che ottiene un impresa che opera nella struttura produttiva. L unica misura obbiettiva che possiamo ottenere deriva dall osservazione del Conto Profitti e Perdite (Net Income) di ogni impresa concreta corrispondente ad ogni tappa del processo di produzione. Il beneficio contabile è il risultato finale dell esercizio dell impresa ed è composto da due componenti: l interesse lordo di mercato più (o meno) il beneficio (o la perdita) imprenditoriale pura. La seconda sorge grazie all innata capacità creativa dell essere umano che, rendendosi conto di una opportunità di guadagno, ne approfitta. Esiste una tendenza nel mercato affinché benefici e perdite imprenditoriali puri si annullino. Se la società raggiungesse lo stato finale di risposo, dove tutte le opportunità di guadagno e gli squilibri sociali che esse sottendono sono stati risolti, tutti i benefici imprenditoriali scomparirebbero. All azzerarsi questa componente, il Conto Profitti e Perdite delle imprese andrebbe a coincidere con il tasso d interesse di mercato. Molti economisti parlano erroneamente di un presunto tasso di beneficio imprenditoriale, ma non esiste nulla del genere. Quello che abbiamo certamente è un tasso d interesse al quale i benefici contabili tenderebbero una volta che i benefici imprenditoriali puri fossero esauriti. Tuttavia i benefici contabili non coincideranno mai con il tasso d interesse, perché il processo imprenditoriale non si esaurisce mai. Non esiste uno stato in cui tutti gli squilibri sociali sono stati coordinati e le opportunità di guadagno esaurite, perché il processo imprenditoriale, quando coordina uno squilibrio sociale, genera simultaneamente nuova informazione che suggerisce ad altri attori nuovi corsi d azione e da luogo a nuovi squilibri, in un processo espansivo senza limite (big bang sociale). L equilibrio non si raggiunge mai, il processo imprenditoriale non si esaurisce mai, perciò i benefici imprenditoriali puri non sono nulli nel computo dei benefici contabili. Per questa ragione, l unica grandezza osservabile all interno del mercato del tempo costituito dalla struttura produttiva è il tasso d interesse lordo di mercato. Dobbiamo stare in guardia davanti a quelli economisti che parlano di un tasso di beneficio imprenditoriale che tende al tasso d interesse di mercato nel caso si raggiunga l equilibrio. Si tratta di un grande errore intellettuale perché tale tasso di beneficio imprenditoriale non è osservabile. In Profit, Interest and Investment, Hayek sviluppa la teoria del ciclo spiegando come il tasso di beneficio imprenditoriale tenda ad approssimarsi al tasso d interesse. Si sta riferendo al tasso d interesse del mercato creditizio manipolato dai governi e a come questo affetta il tasso di beneficio imprenditoriale nella struttura produttiva. Si tratta di un imprecisione, perché i benefici non si possono condensare in un tasso unico o nel tasso d interesse. Può accadere che un impresa mostri un beneficio contabile e allo stesso tempo stia incorrendo in gravi perdite imprenditoriali. Supponiamo che un impresa abbia investito un capitale di 1000 milioni di euro. Supponiamo inoltre che il tasso d interesse lordo di mercato sia il 5%, che vale a dire che se si fossero investiti quei 1000 milioni di euro nel mercato creditizio, si avrebbe ottenuto un beneficio di euro. Supponiamo infine che il beneficio contabile ottenuto dall impresa sia di Chiaramente, nonostante abbia conseguito un beneficio contabile positivo, l impresa sta incorrendo in una grave predita imprenditoriale. Più in generale, tutte le imprese il cui beneficio contabile sia inferiore al tasso d interesse lordo del mercato creditizio (relativo al particolare settore cui appartiene un impresa), stanno conseguendo perdite imprenditoriali, perché il beneficio contabile non raggiunge il compente implicito del tasso d interesse lordo di mercato applicato alle risorse investite dai capitalisti che hanno finanziato l impresa. L interesse come prezzo di mercato Contrariamente a ciò che s insegna nella maggioranza dei libri di testo, il prezzo non è la variabile indipendente, ma costituisce la variabile dipendente. A livello temporale, nel processo Prodotto da Liberanimus.org Pag. 4/6

5 sociale di compravendita, l azione umana, che imprenditorialmente scopre opportunità di guadagno, è quella che avvia il processo di mercato che si materializza, nella fase finale, nel prezzo di mercato. Gli economisti neoclassici inondano i libri di testo con una posizione diametralmente opposta. Adottando la posizione del piccolo commerciante inglese, homo economicus del secolo XIX, pensano che la viabile indipendente sia il prezzo e sostengono che se il prezzo sale, la domanda diminuisce e, viceversa, che se il prezzo diminuisce la domanda aumenta. Il piccolo commerciante inglese riduceva l asking price in modo da poter vendere di più, ma gli economisti moderni sanno benissimo che non esiste una relazione inversa fra prezzo e quantità domandata. La curva chiama domanda marshalliana è completamente falsa perché stabilisce una relazione inversa fra prezzo e quantità che non ha riscontro con la realtà. Noi non dobbiamo analizzare il processo sociale non dal punto di vista del piccolo commerciante inglese ma dal punto di un economista, che analizza dall alto il processo sociale. Nella relazione genetico causale fra prezzo e quantità, il prezzo è il risultato ultimo del processo di intercambio e per questo rappresenta la variabile dipendente e non quella indipendente. Se aumenta il desiderio soggettivo per un determinato bene, aumenta la domanda e di conseguenza il prezzo, a parità di circostanze, tenderà a salire. Di conseguenza la relazione non è inversa ma diretta. Inoltre, dal punto di vista economico, non c e differenza fra domanda e offerta perché rappresentano le due facce della stessa moneta. Dire domandiamo di più equivale a dire che offriamo meno. Ad un prezzo alto corrisponde una forte domanda o, guardando all altra faccia della moneta, un offerta modesta. Viceversa, un prezzo basso suggerisce la presenza di una bassa domanda, o di una offerta alta. Un prezzo basso non comporta una maggiore domanda, significa che esiste, a parità di circostanze, poca domanda. Con il tasso d interesse accade la stessa cosa. Quanto maggiore è il risparmio, vale a dire quanto maggiore è l offerta, il prezzo dei beni presenti in relazione con i beni futuri sarà più basso. Di conseguenza, in un mercato esente da intervenzione governativa, un tasso d interesse molto ridotto indica che esiste un alto tasso di risparmio. Al contrario, tassi d interesse molto alti indicano, a parità di circostanze, che si risparmia poco. Manipolazione del tasso d interesse Il tasso d interesse indica all imprenditore se è appropriato o meno intraprendere processi di produzione più lunghi. Abbiamo detto che un alto tasso di risparmio da luogo ad un basso tasso d interesse. Questo indica agli imprenditori che possono e devono allungare nel tempo la culminazione dei processi produttivi, che devono posporre ad un futuro più lontano la maturazione del processo produttivo. L imprenditore ha sempre in mente un numero di progetti d investimento tentativi, consistenti nell avviare tappe più lunghe del processo produttivo nell ipotesi che saranno più produttive 6. Ciò che li detiene dall intraprendere questi progetti è la valutazione comparativa che eseguono fra il beneficio imprenditoriale che essi permetterebbero di ottenere e il tasso d interesse dei finanziamenti necessari per avviarli. Se il tasso d interesse è al 5% e l imprenditore visualizza un progetto che gli renderà il 4%, evidentemente non lo avvierà perché questo comporterebbe una perdita imprenditoriale. Il tasso d interesse quindi è un prezzo di mercato chiave. Supponiamo ora che di colpo la gente decide di aumentare il risparmio. Di conseguenza il tasso d interesse scende (ad esempio al 3%) indicando a tutti quegli imprenditori che ora possono intraprendere quei progetti che prima non giudicavano profittevoli. Di conseguenza gli imprenditori si lanciano in nuovi progetti perché esiste risparmio reale nella società. Se, viceversa, la gente improvvisamente decide di risparmiare meno, allora il tasso d interesse aumenterà, cancellando la profittabilità di quei progetti che in precedenza apparivano produrre un beneficio imprenditoriale. Molti imprenditori saranno costretti a chiudere e liquidare i progetti che avevano avviato, perché non esistono risorse reali per mantenere tutti i lavoratori impegnati nell impresa, che ora si trova 6 Se così non fosse, in base alla preferenza temporale, non contemplerebbero l ipotesi di questi progetti. Prodotto da Liberanimus.org Pag. 5/6

6 lontana dalla fase del consumo. Avevamo visto lo stesso effetto illustrando la necessità di coordinamento intertemporale fra risparmio e investimenti. Il tasso d interesse di mercato è precisamente l elemento che consente questo coordinamento intertemporale. Il tasso d interesse è continuamente oggetto di una grande varietà di manipolazioni esterne, fino al punto che oggi non possiamo affermare quale sia il tasso d interesse di mercato. Questo produce conseguenze tragiche nella società di libero mercato. Le banche centrali, in particolare, decidono arbitrariamente il valore del tasso d interesse. Tanti piccoli ingegneri sociali pretendono risolvere i problemi di disoccupazione e di sottosviluppo forzando un aumento degli investimenti. Per questa ragione sollecitano una diminuzione del tasso d interesse affinché gli imprenditori investano. Come abbiamo detto, il tasso d interesse non è la variabile indipendente, è la variabile dipendente. Inoltre abbiamo visto nel capitolo 4 7 che la banca a riserva frazionaria, grazie ai privilegi che gli sono concessi dai governanti, è capace di aumentare il denaro in circolazione creandolo dal nulla (cioè senza la copertura di risparmio) attraverso un processo di espansione creditizia, vale a dire prestando a tasso d interesse più basso. Il sistema bancario è un sistema piramidale composto da banche private che godono di un privilegio concesso dal legislatore che altera il tasso d interesse. La conseguenza dell alterazione artificiale del tasso d interesse è la creazione di un gravissimo scoodinamento, nel quale gli imprenditori, seguendo questo segnale, si lanciano ad investire in maniera sfuocata mentre che gli altri agenti economici seguono consumando allo stesso ritmo di prima, senza aumentare il risparmio. Ad esempio, durante i felici anni 90, negli Stati Uniti, si registrava un tasso d investimenti del 10% e un tasso di risparmio dello 0%. Un processo di scoordinamento intertemporale gravissimo che si materializzò in una grande bolla speculativa finanziaria, poi in una crisi finanziaria che infine si trasmise all economia reale. Non è possibile manipolare il tasso d interesse per allungare il processo produttivo se non esiste previamente una quota di risparmio che possa giustificare, in forma sostenibile, la rimodulazione della struttura di produzione. 7 Jesus Huerta de Soto, Dinero, credito bancario y ciclos economicos, Union Editorial, Prodotto da Liberanimus.org Pag. 6/6

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli