ALBANIA DATI MACROECONOMICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALBANIA DATI MACROECONOMICI"

Transcript

1 ALBANIA DATI MACROECONOMICI Reddito pro-capite euro Tasso di inflazione % 1,3 Tasso di disoccupazione % 17,4 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 2,1 Previsione di crescita del PIL per il 2015 % 3,3 Totale import Miliardi di euro 3,98 Totale export Miliardi di euro 1,82 Saldo bilancia commerciale Miliardi di euro -2,16 Totale importazioni dall Italia Miliardi di euro 1,27 Totale esportazioni verso l Italia Miliardi di euro 0,86 Saldo interscambio Italia Miliardi di euro -0,41 Investimenti esteri verso il paese Miliardi di euro 0,94 Investimenti del paese all estero Miliardi di euro 0,03 Investimenti italiani nel paese Miliardi di euro 0,33 Investimenti del paese in Italia Miliardi di euro -0,03 Fonti: Istituto di Statistica (www.instat.gov.al); Banca d Albania (www.bankofalbania.org); Ministero delle Finanze; UNCTAD; ISTAT. I dati relativi agli investimenti esteri si riferiscono all anno I dati relativi agli investimenti italiani nel Paese e del Paese in Italia sono aggiornati al 2012.

2 Business Atlas Europa Albania Tirana CARATTERISTICHE DEL PAESE Fuso orario: (rispetto all Italia) 0 Superficie: kmq Popolazione: Comunità italiana : (iscritti AIRE) Capitale: Tirana ( ) Città principali: Fier ( ); Elbasan ( ); Durazzo ( ); Korça ( ); Scutari ( ); Valona ( ). Moneta: Lek (ALL) Tasso di cambio 1 : 1 euro = 139,955 ALL Lingua: Albanese Religioni principali: Musulmani (84,4%); Ortodossi (8,7%); Cattolici (6,2%); altri 0,7% Ordinamento dello Stato: Repubblica Parlamentare in cui il potere legislativo è affidato al Parlamento unicamerale, composto da 140 membri eletti ogni 4 anni in base ad un sistema proporzionale. Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento, con un mandato di 5 anni, rinnovabile una sola volta. Suddivisione amministrativa: È stata approvata dal Parlamento albanese una nuova mappa amministrativo territoriale, in base alla quale verranno tenute anche le nuove elezioni del Potere Locale, previste per il 21 Giugno La nuova suddivisione prevede 12 circoscrizioni (Berat, Dibër, Durazzo, Elbasan, Fier, Gjirokastër, Korçë, Kukës, Lezha, Scutari, Tirana, Valona) suddivise in 61 Comuni. Le Unità del Governo Locale sono autonome e sono amministrate dai rispettivi consigli comunali, eletti direttamente dai cittadini. Il Governo albanese ha dato la massima priorità alla riforma territoriale, che contribuirà, negli obiettivi strategici del Governo, al miglioramento dei servizi offerti ai cittadini albanesi. 1 Tasso di cambio medio Fonte: Istituto di Statistica (www.instat.gov.al); Banca d Albania (www.bankofalbania.org); Ministero delle Finanze QUADRO DELL ECONOMIA Quadro macroeconomico 2 L Albania ha resistito relativamente bene alla crisi finanziaria globale degli ultimi anni. La recessione è stata evitata, tuttavia, i livelli della crescita economica reale si sono ridotti da una media del 6% nel 2008, ad un livello inferiore al 3% nel periodo tra il Nel 2013 la crescita economica era inferiore all 1%, mentre il 2014 ha segnato un andamento positivo con una crescita del 2,1%. Il mancato adattamento del livello delle spese a dispetto del rallentamento delle entrate pubbliche, ha causato un deficit nel bilancio pubblico maggiore rispetto a quanto previsto oltre ad un incremento del debito pubblico. Con tale situazione, il tetto massimo del 60% del rapporto deficit/pil è stato abolito dal Governo, per poter ottenere ulteriori finanziamenti pubblici, arrivando nel 2014 ad un livello superiore al 70%. Nel Progress Report dell Unione Europea per il 2014, è stato specificato che il Governo albanese continua a intraprendere riforme economiche per recuperare il ritmo di crescita economica e per stimolare la concorrenza. A tal proposito, è stato costituito anche il Consiglio Economico Nazionale (KEK) presieduto dal Primo Ministro che prevede la partecipazione e il contributo della comunità imprenditoriale, in modo da offrire suggerimenti e direttive coerenti con le riforme economiche. La stabilità economica del Paese è in continuo miglioramento anche grazie ad una politica monetaria stabile. L inflazione si attesta a livelli moderati. È stato, inoltre, stipulato un accordo di finanziamento tra il Governo albanese, il FMI e la Banca Mondiale, tramite cui è stata resa possibile l estinzione di gran parte degli obblighi arretrati dello Stato verso il settore privato, ereditati negli anni precedenti, nonché il proseguimento di una serie di importanti riforme, nel campo delle finanze pubbliche e del settore energetico. I consumi e gli investimenti privati stanno contribuendo alla crescita dell economia albanese. Nel primo trimestre del 2014, l attività economica nel Paese ha segnato un espansione dell 1,65% in termini annui e dello 0,2% in termini mensili. Salvo il settore edile, tutti i settori produttivi hanno contribuito positivamente alla crescita economica, che a sua volta favorisce un incremento nella domanda interna. Principali settori produttivi I principali settori produttivi in Albania attualmente sono: il settore agricolo; l industria (principalmente quella leggera guidata dal comparto moda); il commercio e i servizi. L Albania offre importanti opportunità nel settore agricolo,

3 Business Atlas Albania grazie al suo clima favorevole e al basso costo della forza lavoro rurale. Grazie all uso di metodi tradizionali, la frutta, le verdure, la carne e i prodotti caseari albanesi sono coltivati e prodotti con pochissimi additivi artificiali, prodotti chimici o pesticidi. L Albania è così in grado di diventare uno dei principali produttori mondiali ed esportatore di alimenti biologici di qualità, destinati ai mercati regionali ed europei. Con la ratifica nel 2009 dell Accordo di Stabilizzazione e Associazione sottoscritto il 12 Giugno 2006, l Albania sta ora applicando al settore agricolo le regole e gli standard europei. La produzione tessile e l abbigliamento sono la principale fonte di occupazione nel settore manifatturiero. Sulla base di una forte tradizione nella produzione di indumenti, dalle privatizzazioni degli anni 90 molte aziende locali hanno consolidato una solida reputazione, mentre le imprese straniere hanno notevolmente aumentato la loro quota di produzione nel settore, in particolare nell ambito della lavorazione per l esportazione. Molte aziende straniere operano in Albania da oltre un decennio e molte di loro continuano a vedere incrementato il proprio lavoro con conseguente aumento del numero di impiegati. In tale ambito, il Governo albanese ha approvato nel 2014 un nuovo pacchetto fiscale destinato al settore moda, in modo da poter attirare ulteriori investimenti nel settore. Gli elementi principali del pacchetto sono: la concessione di contratti da 1 euro per gli impianti di lavorazione attiva, il rimborso IVA entro 30 giorni per gli esportatori ed entro 60 giorni per tutti gli altri, il credito immediato dell IVA per il carburante senza la necessità di consegnare documenti o di ottenere il consenso della Direzione Regionale delle Tasse, il coinvolgimento delle ditte di abbigliamento nelle zone franche industriali come società dell industria di lavorazione attiva. Particolare attenzione è stata riservata all incremento del numero degli impiegati, puntando ad una crescita numerica fino a unità, dai che risultano attualmente, in un periodo di tre anni. Un altro settore in forte crescita è quello del turismo. Tale comparto è disciplinato dalla L.9734 del I primi incentivi nel settore sono stati introdotti già nel 1993 con la legge Per lo sviluppo delle zone turistiche. Tali incentivi sono determinati sulla base di uno status speciale creato per gli investitori, i quali sono tra l altro: (a) esentati da dazi doganali e accise sulle merci importate; (b) esentati da tasse sui profitti per 5 anni dal momento del completamento della fase di sviluppo degli investimenti; (c) beneficiari di una riduzione d imposta sui profitti fino al 40% a patto che gli utili siano reinvestiti in Albania. Le principali attività previste sono la costruzione, la ricostruzione, il miglioramento e l ampliamento delle strutture esistenti, nonché la gestione di alberghi, motel e villaggi turistici. Con la Legge n.76/2013 (che modifica parzialmente la Legge n.9734) è stato costituito l Ufficio per i Servizi Turistici, presso il Ministero del Turismo. 3 Fonte: UE (First five year review of Albanian National Transport Plan, Infrastructure Project Facility in the Western Balkans-Albanian Railway Network: infrastructure and signaling improvement Project);INSTAT. Infrastrutture e trasporti 3 La rete viaria del Paese è lunga circa km e risulta particolarmente obsoleta, a causa della scarsa manutenzione e dell aumento considerevole del traffico automobilistico registratosi negli ultimi anni. Solo il 32% della rete è pavimentata. In tale ottica, il Governo ha lanciato, e completato in parte, il programma National Highway Corridors, concentrando l attenzione soprattutto verso alcuni progetti prioritari: il collegamento Durazzo-Kukes (al confine con il Kosovo), ormai a disposizione dei cittadini e per il quale il Governo albanese ha deciso di applicare, a partire dal 2015, una tariffa ancora da definire, nonché i collegamenti nordsud (con eventuale collegamento alle infrastrutture del Corridoio pan-europeo V). La maggior parte del budget destinato alle infrastrutture è stato destinato a progetti già iniziati nel 2012 tra i quali l autostrada Tirana Elbasan, grazie ad un Accordo tra il Governo albanese e la saudita Banca di Sviluppo Islamica per la concessione di un prestito di mln/euro 156. Il prestito, della durata di 17 anni e con un tasso del 5%, coprirà una parte del costo del progetto, stimato in circa mln/euro 280, che prevede la realizzazione di una autostrada a quattro corsie lunga 31,7 km, con due tunnel rispettivamente di 2,3 e 2,1 km. L importante arteria (il cui progetto esecutivo era tra l altro stato effettuato dallo studio di Progettazione italiano Bonifica ) costituirà uno dei principali segmenti del Corridoio VIII e consentirà di ridurre drasticamente i tempi di collegamento tra la capitale e le zone meridionali ed orientali dell Albania. È prevista, inoltre, la costruzione di una strada tra Tirana e Diber (lunga 75 km) che migliorerà i collegamenti tra Tirana e Skopje. Il Governo albanese ha previsto azioni per lo sviluppo del settore portuale albanese, in funzione della grande distribuzione; il porto di Durazzo e tutta l area circostante sono da sempre considerati il punto di accesso, secondo quanto previsto dal Corridoio VIII, per i Paesi Balcanici, in particolare verso la direttrice Kukes/Morine/Pristina (Kosovo) e verso Skopje (Macedonia). L Italia si è impegnata, con un finanziamento a credito d aiuto di mln/euro 15 della Cooperazione, per la ristrutturazione del Porto di Valona. L Albania possiede una rete ferroviaria (447 km) di binario unico, che collega Tirana, Durazzo ed altre città albanesi. Le condizioni dei binari sono obsolete e si rendono necessari interventi di riqualificazione. Recenti studi di settore hanno evidenziato che il sistema ferroviario del Paese non dispone di sistemi di controllo e sicurezza ed i pochi segnali (già originariamente insufficienti) sono fuori uso da circa 20 anni; l intera linea non è elettrificata e le motrici sono tutte diesel con velocità massima di circa 50 km/h; il parco vetture, di diverse provenienze (FS, DB, etc.) è in condizioni di abbandono totale; i fabbricati predisposti per ospitare i viaggiatori sono vetusti ed in condizioni di potenziale pericolo per i fruitori del servizio a causa di numerose infiltrazioni e crepe strutturali; il numero di corse tra Tirana e Durazzo è limitato ad appena 6 A/R. Gli obiettivi a lungo termine del Ministero dei Lavori Pubblici e del Trasporto sono: a) l ammodernamento

4 Business Atlas Europa della linea esistente del Corridoio VIII, Durrës-Vlorë-Rrogozhinë-Pogradec (230 km); la costruzione di una nuova linea ferroviaria Lin-confine-Struga (Macedonia); l ammodernamento della linea esistente Tirane Bajze Confine con il Montenegro (140 km). In merito al trasporto aereo, nel 2004 il Governo albanese ha firmato il contratto di concessione per venti anni al Consorzio tedesco-americano (TIA) per la gestione dell aeroporto internazionale di Rinas. Inaugurato il nuovo aeroporto nel 2007, il consorzio ha da allora realizzato la costruzione di due nuovi terminal (merci e passeggeri). Più recentemente è stato inaugurato un nuovo terminal. Grazie alle nuove strutture l aeroporto ha registrato un incremento del numero dei passeggeri e merci. Non risultano progressi in merito alla costruzione di altri aeroporti minori nel Paese. Da segnalare che dal 2010 è in corso un twinning tra l Ente Nazionale per l Aviazione Civile (ENAC) e l Aviazione Civile albanese, finanziato sul programma IPA per l Albania del Il progetto, del valore di un milione di euro, prevede assistenza nell aggiornamento del quadro normativo albanese di riferimento per adeguarlo alla normativa UE in materia, oltre a formazione specialistica al personale dell Autorità dell Aviazione civile albanese attraverso corsi teorici e training on the job effettuati dal personale dell ENAC. Commercio estero Totale import: mld/euro 3,98 Totale export: mld/euro 1,82 Principali prodotti importati: (%) Alimentari, bevande, tabacco (17), minerali, combustibili, energia elettrica (16,3); materiali edili e metalli (13); attrezzature e pezzi di ricambio (19,2). Principali prodotti esportati: (%) Alimentari (6,5); minerali, combustibili, energia elettrica (33,6); tessile/calzature (33,6); materiale edile e metalli (14,5). Principali partner commerciali: Paesi Clienti: (%) Italia (52,1); Spagna (6,5); Turchia (3,9); Grecia (3,5); Germania (2,8); Cina (3,4); Malta (6,2). Paesi Fornitori: (%) Italia (29,1); Grecia (9,4); Cina (7,2); Germania (5,9); Turchia (7); Francia (2,7); Russia (2,1); Svizzera (3). Interscambio con l Italia 4 Saldo commerciale: mld/euro -0,41 Principali prodotti importati dall Italia: (mld/ euro) Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (0,34); coke e prodotti petroliferi raffinati (0,32); prodotti alimentari, bevande e tabacco (0,09). Principali prodotti esportati in Italia: (mld/euro) Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (0,48); prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere (0,13); metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (0,06). Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Italia, Grecia, Germania, Austria, Turchia, Regno Unito, USA. Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: quasi la metà degli investimenti sono concentrati nell industria mineraria (soprattutto petrolio ma anche altri minerali come il cromo) e nel settore bancario; segue l industria manifatturiera a cui l attuale Governo di centro sinistra ha dato maggiore priorità, visto come il comparto con più potenzialità per l incremento di nuovi posti di lavoro. Anche il settore dell energia, con particolare riguardo verso quella rinnovabile, raccoglie un interesse crescente da parte degli investitori esteri. ll settore meno attrattivo è quello agricolo che però è diventato parte delle strategie di sviluppo del Governo attuale. Italiani verso il Paese: presenti circa 400 aziende italiane, collocando l Italia al secondo posto dopo la Grecia, per valore degli investimenti. Oggi l economia albanese offre notevoli prospettive per le imprese italiane, soprattutto nel settore energetico (mld/euro 3 di investimenti italiani nel settore). L Albania è dotata, infatti, di un enorme potenziale idroelettrico, stimato in MW. Un ulteriore opportunità per le imprese italiane potrebbe derivare dalla realizzazione del tratto albanese del Trans Adriatic Pipeline (TAP), che prevede la costruzione di un gasdotto destinato al trasporto del gas azero del giacimento dello Shaz Deniz alle coste italiane attraverso la Grecia e, per l appunto, l Albania. Altri settori di interesse in un ottica di medio periodo sono l agricoltura, ancora molto rilevante in termini di occupazione e in fase di rilancio, ed il turismo, che presenta grandi potenzialità se verranno ben sfruttate le aree ancora non interessate dallo sfrenato sviluppo edilizio verificatosi negli ultimi anni sulle coste albanesi. Negli ultimi anni si nota un particolare interesse degli investitori italiani nel settore moda, principalmente nella produzione di abbigliamento e calzature, nonché nelle attività di call center, cresciute notevolmente negli ultimi due anni. ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI 5 Regolamentazione degli scambi Gli scambi sono regolamentati dal Codice Doganale Albanese. La Direzione Generale delle Dogane è l Istituzione preposta all attività doga nale. La legislazione albanese è in linea con la normativa europea in base alla quale la nomenclatura della merce cambia ogni anno secondo le richie ste della WTO e degli Accordi di Libero Scambio. Le Dogane albanesi utilizzano l Automatic System for Custom Data (ASYCUDA), un metodo che consente procedure più veloci e trasparenti. L Albania è inoltre membro della World Customs Organization dall agosto del 1992, della Con venzione di Johannesburg sul soste gno reciproco in materia doganale e della Convenzione di Nairobi sulla prevenzione delle violazioni delle regole doganali. L Albania fa parte inoltre dell Accordo di Libero Scambio dell Europa Centrale (CEFTA 2006) insieme a Macedonia, Montenegro, Kosovo, Moldavia, Croazia, Serbia e Bosnia Erzegovina. L accordo è perfettamente conforme alle norme e procedure della WTO e della UE. Nel 4 Fonte: ISTAT (gennaio-dicembre 2014) 5 Fonte: Direzione Generale delle Dogane

5 Business Atlas Albania dicembre 2009, l Albania ha firmato, inoltre, un accordo con l Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA) entrato in vigore per le parti il Dal è entrato in vigore il nuovo Codice Doganale, il quale si basa sulle direttive e i principi del Parlamento Europeo e del Consiglio Europeo. Alcune sezioni del nuovo Codice sono entrate in vigore a partire dal , mentre alcuni restanti articoli entreranno in vigore il Sdoganamento e documenti di importazione: il Paese gode di un accesso preferenziale al mercato UE, beneficiando di agevolazioni fiscali sulle esportazioni. In data , UE e Albania hanno firmato un accordo di stabilizzazione e associazione (ASA) ed un ulteriore Interim Agreement che consente la libera importazione delle merci dai Paesi UE. L Interim Agreement è entrato in vigore il ed in base alla nuova normativa l 83% dei prodotti industriali importati in Albania dai Paesi UE è esentato dalle tasse doganali. Per il restante 17% (idrocarburi, fertilizzanti, prodotti plastici, etc.) è prevista invece una graduale riduzione dei dazi in un periodo di cinque anni. Le tariffe doganali sono applicate su tutte le merci specificate nella nomenclatura basata sul Sistema Armonizzato e il loro valore va dallo 0% al 15%. L aliquota massima è applicata, a titolo esemplificativo e non esaustivo, su: tessuti, gioielli e alcuni prodotti alimentari. L aliquota più bassa (0%) viene applicata principalmente per aiuti umanitari e apparecchiature per lo smaltimento ed il trattamento dei rifiuti. Le tariffe doganali includono: a) tariffe e altri oneri normalmente applicati sulle merci inserite nel si stema armonizzato; b) misure della tariffa preferenziale contenute negli accordi bilaterali o multilaterali che contengono la clausola della tariffa presenziale; c) misure di riduzione o annullamento di dazi doganali per l importazione di determinate merci (Favorable Tariff Treatment); d) altre misure tariffarie previste nel l ambito della politica commerciale albanese. L IVA sulle importazioni è pagata nel momento in cui le merci entrano nel territorio albanese, ed è applicata nella misura del 20% sul valore dei prodotti più il trasporto e i pagamenti as sicurativi fatti fino al momento dell en trata nel territorio. Nel valore tassabile è incluso inoltre il pagamento di qualsiasi tassa di import-export effettuato fino a quel momento. Per i macchinari e gli equipaggiamenti importati per investimenti nella produzione, costruzione, trasporto, tele comunicazioni e le importazioni per la Corporazione albanese dell ener gia (KESH) si applica il differimento del pagamento dell IVA. Tale sistema prevede il pagamento dell IVA solo nel momento in cui viene presentata la dichiarazione IVA presso l Ufficio tasse dove è registrato l imprenditore, co munque non oltre i 12 mesi. Il Ministero delle Finanze può conce dere una ulteriore proroga, qualora la durata dell investimento superi i 12 mesi. Le esportazioni albanesi sono esenti da IVA. La dichiarazione di esportazione serve come prova dell avvenuta esportazione. Tale dichiarazione è concepita secondo il Documento Unico Ammi nistrativo (UAD) disponibile presso gli Uffici doganali per l esportazione. Gli esportatori possono beneficiare del credito IVA per gli acquisti fatti per le loro esportazioni. Inoltre, se il credito fiscale di un periodo è maggiore dell IVA applicata, gli operatori hanno il diritto di utilizzare tale credito fiscale per il periodo successivo. Per le procedure di importazione è necessario presentare presso le autorità doganali: la dichiarazione di esportazione (CMR), il certificato EUR 1 (se la merce è stata prodotta in Europa), la fattura che accompagna la merce, il codice fiscale dell importatore, l assicurazione della merce e del mezzo di trasporto, il certificato di trasporto, il certificato di qualità, ecc. Restrizione alle importazioni: ai sensi della L.10366/2010 e L.9981/2008 sull Approvazione dei Livelli della Tariffa Doganale, modificata, è vietata l importazione di rifiuti urbani, melma delle acque reflue e rifiuti clinici. Importazioni temporanee: sotto tale regime le merci non al banesi destinate alla riesportazione non possono essere commercializ zate poiché godono dell esenzione totale o parziale di ogni diritto do ganale se non soggette a nessuna variazione eccetto in caso di de prezzamento (periodo massimo di un anno). Il regime è consentito anche per: a) lavorazione attiva (regime a façon) di prodotti stranieri che subiscono trasformazioni nel territorio albanese senza essere sottoposti a tariffe doganali eccetto per alcuni oneri amministrativi pertinenti la dogana, a condizione che tali prodotti risultino riesportati; b) lavorazione sotto il controllo doganale che permette l importazione delle merci in Alba nia per operazio ni che modificano la loro natura o il loro stato, senza il pagamento di dazi di importazione o altre misu re di politica commerciale (i dazi saranno dovuti a prodot to finito e sdoganato); c) lavorazione passiva per merce albanese che può essere esportata temporaneamente per essere elaborata e successivamente reimportata con esenzione totale o parziale dei dazi doganali; d) regime di transito di merci e veicoli attraverso il territorio albanese, esente da qualsiasi dazio doganale, IVA e ac cise; e) regime di stoccaggio tempo raneo con cui i prodotti assumono status di stoccaggio temporaneo dal momento in cui entrano negli uffici doganali fino al momento della loro destinazione finale. Tali merci sono tenute in speciali aree autoriz zate dalle autorità doganali. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa sugli investimenti esteri: la L.10316/2010 ha modificato la L.7764/1993 sugli investimenti stranieri, e per la prima volta prevede e riconosce le società di diritto europeo. La Legge prevede un nuovo tipo di tutela per gli investitori e gli investimenti esteri, denominata protezione statale speciale; la legge definisce che: a) non è necessaria nessuna autoriz zazione preventiva in nessun settore per gli investimenti esteri; b) non vige nessuna limitazione sulla per centuale di capitale straniero (è possibile detenere il 100% della società); c) gli investimenti esteri non possono essere espropriati o nazionalizzati né direttamente, né indirettamente, ad eccezione di casi speciali di inte resse pubblico previsti dalla legge; d) gli investitori stranieri hanno il di ritto di trasferire dal territorio alba nese qualsiasi risorsa finanziaria collegata agli investimenti; e)

6 Business Atlas Europa è applicato il trattamento più favo revole previsto dagli accordi inter nazionali; f) è prevista parità di trattamento per investitori locali e stranieri sia per quanto riguarda le attività e le strutture legali, sia per l applicazione del siste ma fiscale. Tuttavia, sono previste delle eccezioni soprattutto per attività nel settore televisivo, servizi sanitari e legali. Ci sono anche delle limitazioni all acquisto dei beni immobili: i terreni agricoli non possono, di massima, essere acquistati da stranieri ma possono essere affittati per un periodo di 99 anni; le proprietà commerciali possono essere acquistate ma solo se l investimento proposto ha un valore di tre volte superiore al prezzo del terreno. Il sistema fiscale albanese non è in alcun modo discriminatorio nei confronti degli investitori stranieri. Allo stesso modo, la normativa concernente la disciplina degli appalti pubblici non fa alcuna distinzione tra società straniere e nazionali. Legislazione societaria: la L.9901/2008 sulle imprese e le società commerciali definisce che è possibile costituire vari tipi di entità legali includendo quelle commerciali, società in nome collettivo, società in accomandita, società a responsabilità limitata e per azioni. Inoltre, è possibile costituire una filiale di una società straniera. La forma societaria più diffusa in Albania è la società a responsabilità limitata (sh.p.k.). Per costituire una s.r.l. (sh.p.k.), l ammontare minimo del capitale sociale richiesto dalla legge è di ALL 100. Al fine di perseguire un modello di esemplificazione legislativo che concorra ad agevolare ed incentivare la costituzione di nuove imprese, nel 2007 è stato costituito Il Centro Nazionale di Registrazione (QKR). Il costo di registrazione della società commerciale presso il QKR è di ALL 100. La persona giuridica acquisisce esistenza per l ordinamento giuridico albanese all atto della registrazione presso il QKR. Legale rappresentante di una società albanese può essere anche un cittadino italiano. Anche tutto il capitale sociale può essere detenuto da un solo socio, sia esso italiano o albanese. Nell ambito dell ulteriore agevolazione delle procedure di registrazione di una nuova impresa, a partire dall anno 2014, l iscrizione presso il QKR comporta anche l iscrizione automatica del nuovo soggetto sia presso l Ufficio Tasse, che presso l Ufficio del Lavoro. A partire dal , è entrata in vigore la nuova legge 129/14 che modifica la legge 9901 del Sulle Società Commerciali. Brevetti e proprietà intellettuale La normativa sulla proprietà intellettuale nella Repubblica di Albania è disciplinata in particolare dalla Legge 9947 del Sulla proprietà industriale e dalla Legge 9380 del Sul diritto d autore e diritti connessi. l Albania, inoltre, ha aderito ad una serie di convenzioni e trattati internazionali istituiti sia per la tutela dei diritti d autore, che per la tutela dei diritti di proprietà industriale. Le autorità pubbliche responsabili della tutela dei diritti di proprietà intellettuale sono l Ufficio per i Diritti d Autore dello Stato Albanese (UDASA) e la Direzione Generale dei Brevetti e dei Marchi (DGMB). Nel 2003, il Governo albanese ha approvato una legge anti-pirateria, Legge 9124 del , che ha modificato la legge in vigore, Legge 8410 del Sulle Radio Televisioni pubbliche e private, ed ha imposto alle stazioni televisive di trasmettere solo i programmi che sono stati debitamente autorizzati a fini di radiodiffusione e trasmissione. La legge è riuscita a proibire la diffusione di film e programmi pirati; tuttavia, non si è espressa sulla programmazione televisiva via satellite o via cavo. Al fine di colmare la lacuna normativa e regolamentare adeguatamente anche la radiodiffusione digitale, il , il Parlamento ha approvato la Legge 9742 Sulle Trasmissioni Digitali. Per quanto riguarda, invece, gli sviluppi normativi, l Albania ha ratificato l Accordo dell AIA del 1960, il e ha ratificato nel 2000 l Atto di Ginevra del 1999, concernente la registrazione internazionale dei disegni e modelli industriali. Nel 2000 l Albania ha ratifica to l Accordo di Marrakesh ed è entrata a far parte del TRIPS. Il Paese ha, inoltre, aderito all Organizzazione Europea Brevetti e alla World Intellectual Patent Organization. Con la legge n. 10 del che ha modificato la legge n del Sulla Proprietà Industriale è stato disposto un inasprimento delle sanzioni per le violazioni in tale materia. L Albania è uno degli Stati firmatari dei seguenti accordi internazionali in materia di diritti di proprietà intellettuale: Convenzione sulla Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI); Convenzione dell Unione di Parigi per la protezione della proprietà industriale; Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche; Trattato di Cooperazione in Materia di Brevetti; Accordo di Madrid per la registrazione internazionale dei marchi; Convenzione di Roma per la protezione degli artisti interpreti o esecutori, dei produttori di fonogrammi e degli organismi di radiodiffusione; Trattato OMPI sulle interpretazioni ed esecuzioni e sui fonogrammi; Trattato OMPI sul diritto d autore; Protocollo di Madrid relativo all Accordo di Madrid per la registrazione internazionale dei marchi; Trattato di Budapest sul riconoscimento internazionale del deposito di microorganismi agli effetti della procedura brevettuale; Convenzione sulla protezione dei produttori di fonogrammi contro la riproduzione non autorizzata dei loro fonogrammi; Accordo di Nizza sulla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi ai fini della registrazione dei marchi. Sistema fiscale 6 Anno fiscale: 1 gennaio - 31 dicembre Il quadro normativo che regola il sistema fiscale in Albania è costituito principalmente dalle seguenti leggi e successive modifiche: L.8438/1998 L imposta sui redditi nella Repubblica d Albania modificata con la legge 156/2014 ed entrata in vigore a partire dal 1 Gennaio 2015; L.9920/2008 Le procedure tributarie nella Repubblica d Albania legge modificata con la legge 164/2014 ed entrata in vigore a partire dal 1 Gennaio 2015; L.9975/2008 sulle Tasse Nazionali modificata con la legge 157/2014 ed entrata in vigore a partire dal 1 Gennaio 2015; L.9632/2006, Il sistema tributario locale ; L.92/2014 del L imposta sul va- 6 La legislazione fiscale è affidata alla Direzione Generale delle Imposte. Informazioni più dettagliate sulla normativa delle imposte sono disponibili sul

7 Business Atlas Albania lore aggiunto ; L.8976/2002 Le accise ; inoltre, tramite la delibera 55 del , del Consiglio dei Ministri Sulle dichiarazioni telematiche obbligatorie riguardanti le tasse ed altri documenti relative alle tasse, è stata resa obbligatoria la modalità telematica per le dichiarazioni tributarie. Tassazione sulle attività d impresa: la legge definisce che tutte le imprese (albanesi o straniere) registrate a fini IVA sono soggette all imposta sul reddito aziendale. I soggetti residenti sono tassabili sull intero reddito, mentre i non residenti sono tassati sul reddito prodotto in Albania. Una persona giuridica è considerata come residente in Albania se ha una struttura permanente (sede principale) o una sede per la reale gestione degli affari nel Paese. A partire dal , l aliquota d imposta sul reddito per le grandi imprese è pari a 15%, mentre per il piccolo business è pari a 7,5%. La base imponibile è determinata dalle risultanze del bilancio annuale d esercizio e dalle scritture contabili ad esso annesse. Non sono soggetti a tassazione i dividendi distribuiti da società, consorzi o gruppi di società che abbiano sede legale o che gestiscano effettivamente la propria attività economica in Albania nel caso in cui esse siano soggetti passivi IVA e il soggetto beneficiante per quanto riguarda le società sia in possesso di non meno del 25% del pacchetto azionario o delle quote o del diritto di voto e, se consorzio, non meno del 25% del capitale sociale. Le autorità fiscali possono procedere ad una valutazione discrezionale ed alla ridefinizione dell imposta da corrispondere in anticipo, se ritengono che i profitti dell anno corrente siano superiori di almeno il 10% rispetto al periodo di riferimento. L evasione fiscale ed il falso in bilancio sono puniti con un ammenda pari al 100% della differenza tra l importo dovuto e quello dichiarato. A partire dal , sono entrate in vigore le seguenti modifiche alla legge sull imposta sul reddito: l aliquota della ritenuta alla fonte sui dividendi, sugli interessi, l affitto e la vendita di beni immobili è aumentata dal 10% al 15%. Il trasferimento dei diritti di proprietà su beni immobili e sui terreni viene tassato al 15% dell utile realizzato. I contributi volontari e le imposte sugli edifici non sono più considerate spese deducibili ai fini fiscali. I contributi versati per i fondi di pensione volontaria sono esenti dall imposta sul reddito. Qualsiasi soggetto che realizza un reddito annuo pari o inferiore a mln/all 8, è sottoposto all imposta semplificata sul reddito del piccolo business. Per le ditte che hanno un giro d affari annuo da mln/all 2 a mln/all 8, è prevista l aliquota sull imposta semplificata sul reddito del piccolo business pari a 7,5%, però non meno di ALL mila all anno. Per le piccole imprese con un giro d affari annuo da ALL 0 a mln/all 2, è previsto l ammontare di ALL annuo. La tassa dovrà essere corrisposta in quattro rate: all atto della registrazione o del rinnovo del certificato di registrazione, entro il 20 aprile, entro il 20 luglio, entro il 20 ottobre ed entro il 20 gennaio dell anno successivo. 7 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio ) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default 8 Per maggiori informazioni: Imposta sui redditi delle persone fisiche: tassazione progressiva sulla base delle seguenti aliquote per salari, stipendi e altre indennità annue derivanti da rapporti di lavoro: da ALL 0 a ALL l aliquota è dello 0%, da ALL a ALL l aliquota è pari al 13%, mentre per gli stipendi che superano i ALL , l aliquota è del 23%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): applicabile sulla vendita delle merci e dei servizi ad un tasso standard del 20% e 10% sulle medicine. La VAT non si applica sulle esportazioni ed i servizi internazionali come per esempio il trasporto di merci e passeggeri. Per richiedere il rimborso dell IVA il contribuente deve avere maturato un credito VAT per tre mesi consecutivi ed il rimborso totale deve eccedere ALL Nel Gennaio 2013, il Governo albanese ha abolito l IVA per circa 600 tipi di macchinari ed attrezzature destinate agli investimenti del business nel Paese. A partire dal è entrata in vigore la nuova legge n.92/2014 sull Imposta sul Valore Aggiunto. La legge n.7928 del e ogni direttiva o istruzione emanata per la sua attuazione è stata abolita. Ai sensi della nuova legge sull IVA, il Ministero delle Finanze ha emanato le rispettive direttive per l attuazione della stessa. NOTIZIE PER L OPERATORE Rischio Paese 7 : 6/7 Condizioni di assi curabilità SACE 8 : apertura senza condizioni Sistema bancario Ai sensi della Legge 9662/2006, le banche commerciali sono definite come società per azioni e possono essere costituite e fondate sia con capitale albanese che estero. Qualsiasi persona che intenda esercitare un attività bancaria deve ottenere preliminarmente la licenza dalla Banca d Albania. Sono soggette a tale obbligo, le banche autorizzate di diritto straniero, le quali possono aprire filiali, succursali, agenzie ed altri uffici in Albania. La Banca d Albania stabilisce i requisiti minimi di capitale, che attualmente sono di mld/all 1. Le banche commerciali sono tenute a mantenere sia un conto corrente, che un conto di riserva presso la Banca d Albania. L importo minimo del conto di riserva è determinato dalla Banca, che esamina i bilanci delle banche commerciali di volta in volta per confermare l adeguatezza delle riserve necessarie. La Banca d Albania è anche l unica autorità competente per la concessione della licenza ai soggetti finanziari non bancari per effettuare una od alcune delle attività definite dai regolamenti bancari, quali: (i) prestiti di qualsiasi tipo (ii) factoring, (iii) leasing, (iv) tutti i pagamenti ed i servizi di trasferimento di denaro, (v) garanzie e impegni, (vi) cambi, (vii) consulenza, intermediazione e altri servizi finanziari di tutte le attività di cui ai punti (i) - (vi) della presente; la concessione della licenza per le istituzioni finanziarie di microcredito; l autorizzazione agli agenti operanti in soggetti finanziari non bancari. Il mercato finanziario albanese è controllato per oltre il 50% dall austriaca Raiffeisen Bank. Per i primi sei mesi del 2014, l andamento del sistema

8 Business Atlas Europa bancario albanese e del sistema finanziario in generale si è presentato stabile. Il volume dell attività si è espanso e la performance finanziaria è migliorata. Gli indici della liquidità e della capitalizzazione del settore, per l anno 2014, hanno registrato un ottima performance, mentre la qualità del portafoglio dei crediti continua ad essere preoccupante, a prescindere dal fatto che i valori del rapporto sui crediti problematici si presentano stabilizzati. Secondo quanto afferma la Banca d Albania, il quadro macroeconomico si è presentato stabile durante il 2014, sostenendo anche il buon andamento del sistema finanziario. La scia positiva della crescita economica e la politica fiscale e monetaria adottata, hanno portato ad un buon funzionamento dei mercati finanziari e alla riduzione dei costi di finanziamento. TASSI BANCARI TIPOLOGIA VALORE Tasso Interesse Legale 2% deposito di 1 mese 0,6% deposito di 3 mesi 1,1% deposito di 6 mesi 1,35% deposito di 12 mesi 1,65% deposito di 24 mesi 2% Principali finanziamenti e linee di credito ATTIVITÀ SIMEST Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6/10/2008 n 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6/10/2008 n 133 Finanziamenti per la prima partecipazione a fiere/mostre Servizi di assistenza tecnica e consulenza professionale Ricerca partner/opportunità d investimento Per ulteriori informazioni si vedano le pagg Parchi industriali e zone franche I parchi industriali possono essere gestiti da società commerciali, istituite ai sensi della L.9789/2007. La creazione di un parco industriale si basa su un accordo di joint venture tra autorità pubbliche, operatori economici e/o altri partner interessati. I parchi industriali, scientifici e tecnologici sono esenti dall imposta sul reddito, nonché dalla tassa per il cambiamento d uso dei terreni e ricevono i servizi di supporto e altri meccanismi di finanziamento. Le zone franche sono beneficiarie di esenzione dal pagamento di dazi doganali e da IVA. Sono stati dichiarati parchi industriali: Koplik (superficie: 61 ha, investimento: mld/euro 18,5, costruttore: Zona Industriale e Commerciale di Koplik, attività: manifatturiera, industriale, agroalimentare, commercio, import-export); Shengin (superficie: 3,2 ha, investimento: mln/euro 17,05, costruttore: ATX International Tirana, occupazione: posti di lavoro, attività: manifatturiera, industriale, agroalimentare, commercio,import-export); Elbasan (superficie: 254,7 ha; costruttore: da definire, attività: industriale, commerciale, servizi); Valona (superficie di: 125 ha; investimento: mln/euro 20,82, occupazione: 18,586 posti di lavoro); Spitalle-Durazzo (superficie: 850 ha, attività: manifatturiera, industriale, agroalimentare, commercio, import-export); Lezha (superficie: 54.3 ha, attività: manifatturiera, industriale, agroalimentare, commercio, import-export e servizi); Scutari (superficie: 137 ha, costruttore: sono state presentate delle offerte, attività: manifatturiera, industriale, agroalimentare, commercio,import-export); Parco Industriale di Valona (8 km di strade interne, un sistema industriale ed ecologico di fornitura dell acqua, garantita la fornitura ininterrotta di energia elettrica, impianto industriale ed ecologico di trattamento delle acque reflue, saranno incluse anche aree dedicate allo shopping e alla ricreazione nel rispetto dell ambiente e della natura. All interno del parco si trova un business center, un centro fieristico, spazio uffici fisici e virtuali, banche, assicurazioni e finanziarie, agenzie logistiche per l import export, servizi ausiliari, ecc). I mezzi di trasporto, i prodotti e le altre merci sono ammessi nelle zone franche, senza restrizioni concernenti il paese d origine, o il paese di destinazione. L importazione di merci soggette a divieti in base alle leggi albanesi o ad accordi internazionali di cui l Albania è parte, è vietata. Accordi con l Italia Accordo di cooperazione economica e tecnica (1989); Accordo sulla promozione e protezione degli investimenti (1992); Accordo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica con Allegato firmato (1997); Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali (1994); Accordo di mutua assistenza amministrativa per la prevenzione, la ricerca e la repressione delle infrazioni doganali (1998); Accordo quadro di Cooperazione allo Sviluppo (2008); Accordo quadro di Cooperazione allo Sviluppo (2009); Accordo sulla partecipazione al Fondo Albanese di Garanzia in quadro al Programma di Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese promosso dalla Cooperazione Italiana per lo Sviluppo (2011); Accordo di cooperazione nella Lotta contro la Criminalità (2007); Accordo bilaterale sul riconoscimento reciproco in materia di conversione di patenti di guida (2008); Accordo bilaterale tra i Ministeri degli Affari Esteri sulla mutua Rappresentanza Diplomatica (2011); Accordo sulla Partecipazione al Fondo Albanese di Garanzia in quadro al Programma di Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese promosso dalla Cooperazione Italiana per lo Sviluppo (2011); Memorandum d Intesa tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali della Repubblica Italiana e il Ministero del Lavoro, Affari Sociali e Pari Opportunità della Repubblica di Albania inerente l implementazione dell accordo in materia di migrazioni per il lavoro (2008); Nuovo Protocollo bilaterale di Cooperazione allo Sviluppo ; Accordo sulla Conversione del Debito in materia di: prestiti, investimenti, regolamenti finanziari e patrimoniali (2011).

9 Costo dei fattori produttivi MANODOPERA (IN /MESE) 10 CATEGORIA DA A Operaio Impiegato Dirigente Business Atlas Albania Organizzazione sindacale Presenti Federazioni dei Sindacati degli Impiegati del settore: istruzione, industria, amministrazione statale, trasporto e telecomunicazioni, edilizia-legno, infrastruttura pubblica, tessile-confezioni-artigianato, agricoltura-alimentare-forestale e Ambiente; Federazione dei Sindacati della Sanità; Federazione dei Sindacati del servizio della Polizia; Federazione dei Sindacati dei Pensionati e dei Disoccupati, Federazione dei Sindacati del Trasporto Urbano. Il diritto dei lavoratori di costituire sindacati è espressamente previsto sia dal Codice del Lavoro, sia dalla Costituzione del 1998, che, tra l altro, garantisce il diritto allo sciopero. I membri del sindacato possono essere lavoratori dipendenti, pensionati e disoccupati. Devono essere almeno venti le persone interessate a formare un sindacato. I sindacati possono essere organizzati in federazioni e confederazioni. Lo statuto del sindacato deve essere depositato presso il Ministero del Lavoro, degli Affari Sociali e delle Pari Opportunità. ELETTRICITA AD USO INDUSTRIALE (in / Kw/h) 11 DA A Alta e media tensione 0,075 0,086 PRODOTTI PETROLIFERI (in /litro) 12 Valore medio Benzina 100 RON 1,2 Benzina 95 RON 1,21 Nafta diesel 1,2 LPG (gas liquido) 0,5 ACQUA (in /m 3 ) 13 DA A Ad uso industriale 0,96 1,21 IMMOBILI (affitto mensile in /m 2 ) 14 DA A Affitto locali uffici 8 22 INFORMAZIONI UTILI Indirizzi Utili NEL PAESE RETE DIPLOMATICO CONSOLARE 15 Ambasciata d Italia Rr. Papa Gjon Pali II 2 - Tirana tel fax Consolato Generale Rruga Ismet Cakerri 45, Valona tel /7 - fax ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Ufficio ICE 16 Rr. Ismail Qemali, Pallati Gener Tirana tel / fax Istituto Italiano di Cultura Sheshi Skenderbej, Pallati i Kultures, kati III, Tirana tel fax ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Intesa SanPaolo Bank Albania (Head Office) Rruga Ismail Quemali 27, PO Box 8319, Tirana Veneto Banca Bulevardi Dëshmorët e Kombit Kullat Binjake, Tirana - Albania tel fax IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata della Repubblica Albanese e Ufficio Commerciale Via Asmara, 3/ Roma tel fax CONSOLATI GENERALI Bari: via Calefati, tel / fax Milano: P.zza Duomo, tel / / Fonte: INSTAT per il settore pubblico e elaborazioni della Camera di Commercio Italiana in Albania per il privato. 11 Fonte: Ente Regolatore Nazionale dell Energia (www.ere.gov.al/) 12 Fonte: Associazione Nazionale dei prodotti petroliferi (www. energjia.al); (www.akbn.gov.al) 13 Fonte: Direzione Generale Acquedotti Fognatura (www.dpuk. gov.al); (www.ujesjellestirane.al) 14 Fonte: stime della Camera di Commercio Italiana in Albania su informazioni delle principali agenzie immobiliari del Paese (www. albaniaprestige.com; co.uk; www. leonardo2000.com) 15 Fonte: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (www.esteri.it). 16 Fonte: Agenzia ICE

10 Business Atlas Europa Formalità doganali e documenti di viaggio Necessario passaporto o carta d identità (validità superiore a tre mesi). Per i cittadini UE non è necessario il visto d ingresso, tuttavia per soggiorni superiori a 90 giorni nell arco di 6 mesi è necessario richiedere un permesso di soggiorno alle autorità competenti. Coloro che non ottemperano a tale obbligo rischiano di vedersi rifiutato il diritto di ingresso (o di essere espulsi dal Paese, con conseguente divieto di reingresso). Non è permesso uscire dal Paese portando con sé somme che eccedano i USD o il loro controvalore. Per l assicurazione dei veicoli non è valida la carta verde italiana; all ingresso nel Paese, direttamente alla frontiera terrestre o marittima, è necessario stipulare una assicurazione temporanea con una compagnia albanese il cui costo medio, per una autovettura per 15 giorni, è di circa 50 Euro. Corrente elettrica: 220 V Giorni lavorativi ed orari Uffici: da lun- ven Negozi: da lun dom Banche: da lun - Ven Festività 1-2 gennaio; 14 Marzo (Festa della Primavera), 22 Marzo (Giorno di Novruz), 5 Aprile (Pasqua Cattolica); 12 Aprile (Pasqua Ortodossa), 1 Maggio; 17 Luglio (Giorno del Grande Bajram); 24 Settembre (Giorno del Piccolo Bajram); 19 Ottobre (Giornata di Madre Teresa), 28 (Indipendenza), 29 (Liberazione) Novembre; 8 (Giornata della Gioventù), 25, 31 Dicembre. Assistenza medica Il numero del Pronto Soccorso operativo h24 è il 127, oppure Il sistema sanitario pubblico e privato offrono assistenza a tutti i cittadini, sia albanesi che stranieri (in questo caso, i costi variano a seconda del servizio offerto). Consigliata la stipula di un assicurazione privata. MEZZI DI TRASPORTO Compagnie che effettuano collegamenti con l Italia: Alitalia, Blue Panorama, Turkish Ailines, Lufthansa Trasferimenti da e per l aeroporto: con servizio taxi (circa euro 20); con autobus (ca. euro 2 solo andata). SITI DI INTERESSE Consiglio dei Ministri: Parlamento: Comune di Tirana: Il Ministero dello Sviluppo Economico: Il Ministero dell Energia e dell Industria: Il Ministero delle Finanze: Direzione Generale delle Imposte in Albania: Direzione Generale delle Dogane: Agenzia Nazione per la Promozione degli Investimenti Esteri: Camera di Commercio Italiana in Albania Tirana ANNO DI FONDAZIONE 1996 ANNO DI RICONOSCIMENTO 2011 PRESIDENTE Maurizio Zannier SEGRETARIO GENERALE: Alda Bakiri INDIRIZZO: Piazza Scanderbeg, Palazzo della Cultura, 1001 TELEFONO: FAX: WEB: ORARIO: lun-ven: NUMERO DEI SOCI: 72 QUOTA ASSOCIATIVA (annuale): quota base: euro 350; medie imprese: euro 500; grandi società: euro NEWSLETTER: Rassegna Stampa Albanese (giornaliera in lingua italiana); NewsLetter (mensile informativo in lingua italiana) PUBBLICAZIONI: Rivista Aggiornamenti Albanesi ACCORDI DI COLLABORAZIONE: Ministero degli Affari Esteri della Repubblica d Albania; Unione delle Camere di Commercio ed Industria in Albania; Associazione degli Industriali della Provincia di Lecce; FINEST S.p.A UFFICI DI RAPPRESENTANZA: Scutari, Valona

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli