Rapporto di Sostenibilità Responsabilità economica, ambientale e sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di Sostenibilità 2005. Responsabilità economica, ambientale e sociale"

Transcript

1

2 Rapporto di Sostenibilità 2005 Responsabilità economica, ambientale e sociale

3 Fiat S.p.A. Sede legale in Torino,Via Nizza, 250 Capitale Sociale versato euro Registro delle Imprese Ufficio di Torino C.F

4 Indice 4 Lettera agli stakeholder 6 Impegni per il futuro Identità Fiat 10 L anno della svolta 12 Consiglio di Amministrazione 14 Oltre un secolo di storia 18 Organizzazione 22 Corporate Governance Responsabilità Economica 28 Sintesi dei risultati 30 Azionisti 36 Finanziatori 39 Risorse umane 40 Clienti 58 Fornitori Responsabilità Ambientale 64 Governance dell Ambiente 74 Applicazione dei sistemi di gestione ambientale 79 Ricerca e Innovazione 85 Applicazione dei principi comunitari 87 Mobilità ecologica e sicura 93 Riconoscimenti all attività del Gruppo 94 Prestazioni Ambientali Responsabilità Sociale 118 Risorse umane 136 Comunità Appendici 158 Metodologia 160 Relazione della società di revisione 161 Principali indicatori di performance 164 Glossario 167 Questionario di valutazione

5 Lettera agli stakeholder Un anno fa decidemmo di realizzare il primo Rapporto di Sostenibilità del Gruppo. anno fa proprio su queste pagine, e in gran parte raggiunti. Anche in questo campo, infatti, abbiamo rispettato gli impegni presi. Era un modo di riconoscere l importanza che l Azienda attribuisce ai temi della trasparenza della gestione, del rispetto ambientale e della responsabilità sociale. Un modo di sottolineare che il dialogo con la società civile per la Fiat non è un fatto marginale, ma è invece parte integrante del suo modo di lavorare e di fare business. La pubblicazione del nostro primo Rapporto in quel momento era anche un atto di fiducia nel futuro, un modo per guardare oltre le preoccupazioni e le sfide che stavamo affrontando e darci appuntamento a quando quelle sfide sarebbero state vinte. È passato un anno e la Fiat ha stupito tutti gli osservatori ottenendo risultati inattesi. Sul piano commerciale c è stato il grande successo dei nuovi modelli, Grande Punto in testa. I conti hanno subito miglioramenti significativi, spesso passando dal segno meno a quello più, e il debito è stato ridotto di due terzi. Tutti i principali nodi strategici e finanziari sono stati risolti con successo e sono state gettate le basi per i futuri sviluppi dell attività, siglando numerosi e importanti accordi mirati con partner internazionali. Il Rapporto di Sostenibilità mette in evidenza che Fiat ha fatto parecchi passi avanti non solo sui fronti finanziario, industriale e del prodotto, ma anche nel campo della responsabilità d impresa. Il documento è diviso in tre parti, dedicate alla responsabilità economica, ambientale e sociale dell Azienda. Rispetto alla passata edizione, tuttavia, spiccano alcune novità, corrispondenti ai traguardi fissati un Viene così ribadito il duplice ruolo di questo documento, che da un lato traccia un bilancio dell attività svolta, dall altro fissa gli obiettivi per le azioni future. Così, emerge che Fiat ha raggiunto l obiettivo di aumentare il valore e la competitività dell Azienda e quello di verificare il rispetto del Codice di condotta all interno del Gruppo. Sono stati fatti significativi passi avanti per informare i nostri fornitori sui principi di comportamento Fiat. E stiamo monitorando i risultati. Infine, l ormai prossima conformità del nostro Sistema di Controllo Interno alla severa normativa Americana (Sarbanes-Oxley Act del 2002) accrescerà ulteriormente il tasso di affidabilità del Gruppo a livello internazionale. Altre novità compaiono nel capitolo relativo alla responsabilità ambientale. Nel 2005 è stata costituita la Funzione centrale Ricerca e Innovazione, che ha il compito di assicurare uno sviluppo tecnologico dei nostri prodotti orientato a minimizzarne l impatto ambientale. Sono aumentati gli stabilimenti con certificazione ISO14001, passando dagli 84 del 2004 agli 89 del È stato allargato ad un maggior numero di siti produttivi il Sistema di Gestione Ambientale e abbiamo ottenuto i primi risultati incoraggianti dall integrazione degli obiettivi di business con quelli di rispetto per l ambiente. Miglioramenti si sono avuti anche nell ambito della responsabilità sociale. A cominciare dalla maggiore completezza dei dati relativi alla sezione Risorse Umane, che in questo Rapporto si riferiscono a tutto il mondo. È stato mantenuto, inoltre, il sostegno ai grandi progetti destinati a combat- 4 Lettera agli stakeholder

6 tere il disagio sociale in Paesi come il Brasile e sono nate nuove iniziative in Europa e altrove. L attenzione per i soggetti svantaggiati, infine, si è concretizzata nel 2005 in un contributo attivo allo sviluppo e all organizzazione dei Giochi Paralimpici di Torino Globalmente, la misura dell impegno dell Azienda in campo sociale è data dal peso economico degli interventi, che nel 2005 sono ammontati a oltre 16 milioni di euro. In conclusione possiamo dire di essere soddisfatti dei passi avanti compiuti l anno scorso nel campo della sostenibilità. Proseguiremo su questa strada, rendendo l impegno di Fiat sempre più forte e la comunicazione in quest area sempre più trasparente e aperta. Lo riteniamo un dovere verso tutti i nostri stakeholder: azionisti, finanziatori, dipendenti, clienti, fornitori e comunità. Il Presidente Luca Cordero di Montezemolo L Amministratore Delegato Sergio Marchionne Lettera agli stakeholder 5

7 Impegni per il futuro Nella tabella che segue sono riportati gli impegni del Gruppo Fiat dichiarati nel Rapporto di Sostenibilità 2004 e i progressi conseguiti nel 2005, il cui dettaglio è illustrato nel presente Rapporto alla pagina indicata nell ultima colonna della tabella. Il Gruppo Fiat rinnova, pertanto gli impegni per il futuro dichiarati agli stakeholder con il primo Rapporto di Sostenibilità, sia per i traguardi parzialmente raggiunti, sia per quelli che il Gruppo considera raggiunti con successo nel IMPEGNI DICHIARATI NEL 2004 PROGRESSI CONSEGUITI NEL 2005 Pagina Integrare la Corporate Social Responsibility del Gruppo Fiat nelle strategie aziendali Aumentare il valore e la competitività dell Azienda Sviluppare le attività di verifica del rispetto del Codice di Condotta all interno del Gruppo ECONOMIA Il Gruppo Fiat ha posto le basi per lo sviluppo di un percorso di responsabilità sociale rispettoso delle esigenze di business ed in grado di coinvolgere il management a tutti i livelli dell organizzazione. I futuri passi saranno mossi verso il rafforzamento del sistema di rendicontazione anche al fine di dare voce alle iniziative socialmente responsabili delle realtà più periferiche del Gruppo. Il 2005 ha segnato, per la Fiat, un punto di svolta: il 2005 si è chiuso con un utile netto di oltre 1,4 miliardi di euro; Il debito industriale netto è stato ridotto di due terzi; è migliorato l outlook sul rating; i nuovi modelli di tutti i marchi sono stati molto apprezzati dal pubblico per 10, 28, creatività, stile, tecnologia e innovazione. 29, 37 Sono nati nuovi strumenti di monitoraggio del rispetto del Codice di Condotta: ad inizio 2005 è entrata in vigore nel Gruppo la Procedura Gestione Denunce che ha la finalità di disciplinare le segnalazioni di violazione del Codice di Condotta pervenute da qualsiasi soggetto interno o esterno all azienda; le violazioni al Codice di Condotta non conseguenti a denunce sono rilevate in occasione di attività di verifica dell Internal Audit o dei Compliance Officer dei Settori del Gruppo; Fiat Revi, società di internal Auditing del Gruppo, ha svolto Business Ethic Audit e verifiche sull integrità dell ambiente di controllo delle maggiori Società del Gruppo; ad inizio 2005 è stata implementata in alcune società campione una metodologia di analisi delle spese di trasferta con l obiettivo di individuare comportamenti aziendali non conformi alla relativa policy aziendale Estendere a tutti i fornitori Con modalità differenti da Settore a Settore e nel rispetto dell autonomia gestionale dei rapporti il sistema di monitoraggio con i rispettivi fornitori e partner è continuata l attività di informazione sull adozione da parte dei dell applicazione dei principi Settori del Gruppo del Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 e del Codice di Condotta. di comportamento previsti dal Codice di Condotta e dal Modello Organizzativo 60 Estendere ulteriormente l applicazione del Sistema di Gestione Ambientale AMBIENTE È proseguito l articolato programma di audit periodici, interni ed esterni, come parte integrante del Sistema di Gestione Ambientale applicato da tempo nei siti industriali. Negli stabilimenti della Fiat Auto è in uso un sistema informatico operante in ambiente Intranet, per lo sviluppo integrato dei sistemi di gestione ambientale (Cosene) Impegni per il futuro

8 Aumentare il numero dei siti Il numero degli impianti del Gruppo Fiat certificati ISO è salito a 89 (erano 84 nel 2004), produttivi certificati ISO14001 di cui 40 in Italia e 49 all estero. Sono attualmente in corso di certificazione altri 14 stabilimenti Valorizzare le attività di ricerca e di sviluppo tecnologico che assicurano il minore impatto ambientale dei prodotti Il Gruppo Fiat ha costituito attorno al Centro Ricerche Fiat e Elasis il nucleo guida per tutte le attività di sviluppo prodotto dei singoli settori, a beneficio della successiva industrializzazione. Nel corso del 2005 sono proseguite le attività di ricerca e sviluppo finalizzate alla realizzazione di motori sempre più compatibili con i fattori ambientali, anticipando l entrata in vigore dei futuri standard ecologici. CRF ed Elasis sono i centri di ricerca ad elevata specializzazione nel settore dell innovazione tecnologica, dello sviluppo completo di veicoli, della mobilità, del suo impatto sull ambiente e della sicurezza stradale Sviluppare i processi che La gestione ambientale è integrata in quella di ogni attività aziendale con la consapevolezza garantiscono l integrazione che benefici in questo campo producono anche vantaggi economici. degli obiettivi di business con il rispetto per l ambiente SOCIALE Rafforzare le relazioni e il Grande attenzione è stata riservata ai dipendenti. Molte le iniziative intraprese e i nuovi servizi coinvolgimento degli stakeholder offerti per migliorare la qualità della vita e l ambiente di lavoro sui temi socio-ambientali Il Rapporto di Sostenibilità 2004 è stato illustrato agli interlocutori sindacali, sia a livello nazionale che nel corso della riunione del Comitato aziendale europeo del Gruppo Fiat, con particolare riguardo ai temi della responsabilità sociale nei confronti dei dipendenti. Le opinioni degli stakeholder sono raccolte e analizzate attraverso i questionari di valutazione, disponibili sia in forma cartacea sia on line. La scelta grafica adottata nel presente Rapporto di Sostenibilità, le cui immagini ritraggono alcuni dipendenti del Gruppo, ha la finalità di portare le persone in primo piano e di avvicinare il documento alle risorse umane del Gruppo. 167 Focalizzare l impegno verso le comunità in cui il Gruppo Fiat opera su progetti a elevato impatto sociale Incrementare le attività di formazione a comportamenti socialmente responsabili Gli investimenti nelle comunità riguardano i programmi e i progetti di medio e lungo periodo, promossi con l obiettivo di contribuire a risolvere gravi problemi sociali, tutelare il territorio in cui si opera e promuovere importanti iniziative culturali o artistiche. In questo ambito, i progetti di maggiore rilevanza sociale sono stati indirizzati in alcune aree del Brasile, dove il Gruppo ha un importante presenza industriale Sono stati organizzati percorsi di formazione nei corsi istituzionali Fiat in Italia. Una testimonianza aziendale dedicata ai temi del Codice di Condotta, della Corporate Governance e del Controllo Interno è stata inserita nei corsi per neo laureati, professional e dirigenti. 22 Nell ambito del Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01, è stata avviata una rivisitazione del corso on line in autoformazione. Nell ambito dei sistemi di certificazione ambientale particolare attenzione è stata dedicata all attività di formazione Assicurare l impegno per le pari Costante è l impegno del Gruppo in materia di pari opportunità opportunità e nei confronti dei È proseguito l investimento nel programma Fiat Autonomy, per assicurare servizi e mezzi soggetti svantaggiati di trasporto individuali e collettivi ai disabili, che ha visto l apertura di un ulteriore centro di mobilità in Italia. La CNH ha avviato lo sviluppo di una gamma speciale di macchine agricole per garantire il pieno uso a disabili e persone anziane Impegni per il futuro 7

9

10 01 Identità Fiat 10 L anno della svolta 12 Consiglio di Amministrazione 14 Oltre un secolo di storia 18 Organizzazione 22 Corporate Governance 22 Applicazione del Codice di Condotta 24 Evoluzione del modello organizzativo 25 Individuazione e valutazione dei rischi Identità Fiat 9

11 01 Identità Fiat L anno della svolta Il 2005 ha segnato, per la Fiat, un punto di svolta. Sono stati rispettati gli impegni presi e sono stati raggiunti, in molti casi superati, tutti gli obiettivi. Si era promesso che il 2004 sarebbe stato per il Gruppo l ultimo anno con un risultato di segno negativo e il 2005 si è chiuso con un utile netto di oltre 1,4 miliardi di euro. L Azienda aveva puntato ad una drastica riduzione del debito industriale netto e questo è stato ridotto di due terzi. Si era stabilito di concentrare gli sforzi sul rilancio del Settore Automobili e nell ultimo trimestre dell anno Fiat Auto è tornata all utile della gestione ordinaria (+21 milioni di euro), dopo 17 trimestri consecutivi di perdite. Tutto ciò ha contribuito a restituire credibilità alla Fiat, non solo in Italia ma anche in campo internazionale. La reputazione dell Azienda ha tratto beneficio anche dal lancio di nuovi modelli di tutti i marchi, che sono stati apprezzati dal pubblico per creatività, stile, tecnologia e innovazione. PROSPETTIVE 2006 PER I PRINCIPALI SETTORI DEL GRUPPO Fiat Auto mercato Europa Occidentale stabile, moderata crescita in Brasile miglioramento volumi e mix di vendita sul mercato europeo redditività simile al 2005 in Brasile aggressiva strategia di riduzione dei costi in aree non essenziali efficienze negli acquisti per compensare l aumento del costo delle materie prime CNH forte domanda di macchine per le costruzioni, stabili i volumi delle macchine agricole mercato nordamericano migliore di quello europeo, debole la domanda in America Latina vantaggi derivanti dalla recente riorganizzazione dei marchi politica dei prezzi per riequilibrare gli aumenti del costo delle materie prime efficienze negli acquisti e nella struttura produttiva Iveco Questi e altri miglioramenti non si sarebbero conseguiti senza il fortissimo impegno di tutte le persone della Fiat, che hanno contribuito al rilancio del Gruppo con dedizione e capacità, facendosi partecipi anche di un profondo cambiamento di mentalità, che ha richiesto l assunzione e il riconoscimento di maggiori responsabilità e la determinazione nel raggiungimento degli obiettivi. Nel corso del 2005 è stata anche costruita una solida base per una più efficace e redditizia gestione del business in futuro. Molto è stato fatto nel 2005 per condurre il Gruppo ad una ripresa solida e duratura, tuttavia il processo non è ancora concluso, perché mercato Europa Occidentale stabile leggero aumento delle quote per veicoli pesanti e autobus aspettative di crescita nel resto del mondo, soprattutto per i bus efficienze industriali per compensare l aumento del costo del lavoro e dei servizi importanti aggiornamenti di prodotto 10 Identità Fiat L anno della svolta

12 molto resta da fare. La Fiat di oggi, però, è molto diversa dall Azienda di un anno fa. È una Fiat rinforzata nella struttura manageriale, più snella nell organizzazione, con una solida struttura finanziaria e meglio posizionata sul mercato grazie ai nuovi prodotti. Questa nuova Fiat può raggiungere nel 2006 nuovi impegnativi traguardi. Per il Gruppo, questi obiettivi sono un cash flow operativo positivo, un risultato della gestione ordinaria tra 1,6 e 1,8 miliardi di euro e un utile netto di circa 700 milioni di euro. Mentre i Settori, che dovranno confrontarsi con mercati sostanzialmente stabili, hanno l obiettivo di realizzare importanti margini di utile della gestione ordinaria rispetto ai ricavi: tra il 7 e il 7,5 per cento la CNH, tra il 5,5 e il 6 per cento l Iveco, fra il 3,5 e il 4 per cento i Componenti e Sistemi di Produzione. Anche per l Auto è prefissata una performance positiva, con un utile della gestione ordinaria pari allo 0,5-1 per cento del fatturato. Infine, continuerà a ricercare nuove opportunità in campo internazionale, proseguendo nella strategia delle cooperazioni mirate con partner importanti. La Fiat ha invertito la rotta rispetto al passato, rispettando tutti gli impegni presi con gli stakeholder. L obiettivo di tornare ad essere un Gruppo automotoristico competitivo è ora davvero a portata di mano. Risultato che sarà favorito da un anno di commercializzazione dei nuovi modelli già sul mercato. Altri se ne aggiungeranno nei prossimi mesi, secondo l aggressivo piano di rinnovamento della gamma già fissato, che prevede il lancio di 20 nuovi modelli e 23 aggiornamenti di quelli esistenti, nel quadriennio Nell anno in corso, l Azienda continuerà ad avere la massima attenzione per la riduzione dei costi nelle aree non essenziali e ad investire nell innovazione. Alla tecnologia avanzata di cui già dispone, si affiancheranno una migliore organizzazione commerciale e servizi più efficienti. Identità Fiat L anno della svolta 11

13 01 Identità Fiat Consiglio di Amministrazione Luca Cordero di Montezemolo 58 anni, Presidente Presidente della Confindustria Presidente e Amministratore Delegato della Ferrari S.p.A. Presidente della Fiera Internazionale di Bologna Presidente della Luiss Guido Carli Vice Presidente dell UNICE (Union des Industriels de la Communautée Européenne) Consigliere del CNEL (Consiglio Nazionale Economia e Lavoro) Consigliere di Amministrazione di: La Stampa; PPR (Pinault/ Printemps Redoute);Tod s; Indesit Company; Le Monde Membro dell International Advisory Board di Citigroup Inc. Cavaliere del lavoro Andrea Agnelli 31 anni, Consigliere Dopo quattro anni a Losanna in Philip Morris International (Marketing e Affari Societari), lavora oggi a Torino nell ambito del Corporate Development in IFIL Angelo Benessia 65 anni, Consigliere indipendente Vice Presidente Rcs Quotidiani S.p.A. Componente del Collegio Sindacale del Politecnico di Torino Consigliere di Amministrazione della Fondazione Istituto Piemontese di Scienze Economiche e Sociali Antonio Gramsci John Elkann 30 anni,vice Presidente Presidente della Itedi Vice Presidente di IFIL Investments S.p.A. Socio Accomandatario e Vice Presidente della Giovanni Agnelli e C. Sapaz Consigliere di Amministrazione di: Exor Group SA; IFI S.p.A.; Rcs MediaGroup Presidente della Fondazione Italia-Giappone e Vice Presidente della Fondazione Italia-Cina e della Fondazione Giovanni Agnelli Vice Presidente dell Italian Aspen Institute Consigliere della Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Sergio Marchionne 53 anni, Amministratore Delegato Amministratore Delegato di Fiat Auto Presidente della CNH Global Presidente della Banca Unione di Credito Presidente della SGS SA Presidente dell ACEA (European Automobile Manufacturers Association) Consigliere di Amministrazione della Serono SA e Presidente dell Audit Committee Membro permanente della Fondazione Giovanni Agnelli Membro del Consiglio Direttivo di Assonime (Associazione fra le Società Italiane per Azioni) Tiberto Brandolini d Adda 58 anni, Consigliere Socio accomandatario della Giovanni Agnelli e C. Sapaz Vice Presidente e Membro del Comitato Esecutivo IFIL Investments S.p.A. Presidente e Direttore Generale di Sequana Capital Vice Presidente e Amministratore Delegato di Exor Group Consigliere della Société Générale de Surveillance Holding Sa (SGS), di Vittoria Assicurazioni e di Espirito Santo Financial Group S.A. Flavio Cotti 67 anni, Consigliere indipendente Presidente dell Advisory Board di Credit Suisse Groupe Zurigo Membro del Consiglio di Amministrazione della Georg Fischer A.G., Sciaffusa e della Società Elettrica Sopracenerina, Locarno Membro del Consiglio della Jakobs Foundation Luca Garavoglia 37 anni, Consigliere indipendente Presidente della Davide Campari-Milano S.p.A. Vice Presidente di Federvini e Vice Presidente del Sindacato nazionale C della Federazione stessa Membro della Giunta e del Consiglio Direttivo di Assonime (Associazione fra le Società Italiane per Azioni) Vice Presidente di EALIC - European Association for Listed Companies 12 Identità Fiat Consiglio di Amministrazione

14 Presidente dell Italian Advisory Board di INSEAD di Fontainebleu Membro del Consiglio Direttivo di AIdAF - Associazione Italiana delle Aziende Familiari Membro del Consiglio della Fondazione del FAI - Fondo per l Ambiente Italiano Membro del Consiglio della Fondazione dell Istituto Europeo di Oncologia Gian Maria Gros-Pietro 64 anni, Consigliere indipendente Presidente di Autostrade S.p.A. Consigliere indipendente di Edison S.p.A. e Seat Pagine Gialle S.p.A. Presidente di Federtrasporto, Membro della Giunta di Confindustria, della Giunta e del Consiglio Direttivo di Assonime (Associazione fra le società italiane per azioni) e dell Unione Industriali di Roma Componente del CNEL (Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro) Vice Presidente dell Istituto Grandi Infrastrutture Membro del Comitato Esecutivo e del Consiglio Generale dell Aspen Institute Italia, dell International Business Council del World Economic Forum e del Supervisory Board di Sofipa Equity Fund e del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Rosselli Herman-Josef Lamberti 50 anni, Consigliere indipendente Membro del Board of Managing Directors della Deutsche Bank AG Chairman del Supervisory Board della Deutsche Bank Privat-und Geschäftskunden AG Membro del Supervisory Board di Carl Zeiss AG e Deutsche Börse AG Vittorio Mincato 70 anni, Consigliere indipendente Presidente di Poste Italiane S.p.A. Presidente di Assonime (Associazione fra le Società Italiane per Azioni) Membro del Consiglio Direttivo di Confindustria Vice Presidente dell Unione Industriali di Roma Membro del Consiglio di Amministrazione di Parmalat Membro del Consiglio di Amministrazione dell Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e dell Accademia Olimpica di Vicenza Cavaliere del lavoro Pasquale Pistorio 70 anni, Consigliere indipendente Presidente onorario della STMicroelectronics Vice Presidente di Confindustria per l Innovazione e la Ricerca e per l Europa Membro del Conseil Strategique pour l attractivité du pays aupres du Premier Ministre Français ; dell Internal Advisory Council del Governo di Singapore; dell International Business Council del World Economic Forum; del World Business Council per lo Sviluppo Sostenibile; del Conseil Strategique des Technologies de l Information e dell European round Table of Industrialists (ERT) Cavaliere del lavoro Daniel John Winteler 42 anni, Consigliere Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Alpitour Membro del Consiglio di Amministrazione delle Società: IFIL Investments S.p.A., Sequana Capital Virgilio Marrone 60 anni, Consigliere Direttore Generale dell IFI, Istituto Finanziario Industriale S.p.A. Membro del Consiglio di Amministrazione del Sanpaolo IMI S.p.A. e di Exor Group S.A. Mario Zibetti 66 anni, Consigliere indipendente Membro del Consiglio di Amministrazione delle Società: Ersel Finanziaria S.p.A., Comital-Cofresco S.p.A. (Gruppo Comital SAIAG), Fabio Perini S.p.A. (Gruppo Korber AG) Identità Fiat Consiglio di Amministrazione 13

15 01 Identità Fiat Oltre un secolo di storia La F.I.A.T. viene fondata l 11 luglio 1899 a Torino, in un periodo di vivace espansione industriale della città. Il primo stabilimento viene inaugurato nel 1900 in Corso Dante, vi lavorano 35 operai e vi si producono 24 autovetture all anno. Giovanni Agnelli, ex ufficiale di cavalleria, spicca nel Gruppo degli investitori per determinazione e visione strategica e nel 1902 diviene amministratore delegato. Promuove un giro d Italia in automobile a scopo pubblicitario, che ottiene successo e termina all Esposizione di Milano. Dal 1904 viene adottato il marchio ovale su fondo blu, disegnato da Carlo Biscaretti. La prima vettura a marchio Fiat è una 4 HP. Lo sviluppo dell azienda viene orientato su due direttrici: la diversificazione della produzione e l orientamento ai mercati più promettenti. Dal 1903 la Fiat viene quotata in borsa e sorgono nuove società con funzioni specifiche: Società Carrozzeria industriale, Fiat Brevetti, S.A. Garages Riuniti Fiat-Alberti-Storero. Gli stabilimenti Fiat, accanto alle auto per uso civile e per competizione, producono veicoli industriali, motori marini, autocarri, tram, taxi, cuscinetti a sfera. L azienda guarda al mercato con visione strategica e internazionale: nel 1908 sorge, negli Stati Uniti, la Fiat Automobile Co., per realizzare vetture Fiat su licenza e nel 1909 nasce nello stato di New York lo stabilimento di Poughkeepsie. Si sviluppano rapporti per l esportazione di autovetture in Francia, Austria, Regno Unito e Australia. Alla fine del primo decennio la Fiat ha un capitale sociale di di lire, dipendenti e una produzione di autovetture. Con lo scoppio della guerra, grande sviluppo ha la produzione di camion militari, di aerei, di autoambulanze e di motori per sommergibili. Ma la conversione alla produzione militare non muta i piani di Agnelli che pensa soprattutto a un grande futuro per la Fiat nel campo della produzione di auto. Dopo i viaggi negli Stati Uniti dello stesso Agnelli, di Bernardino Maraini e di Guido Fornaca si progetta un nuovo grande stabilimento, uso americano. Nel 1916 inizia dunque la costruzione dello stabilimento del Lingotto, in via Nizza, in un area ancora agricola o proto industriale e la direzione dei lavori è affidata a Giacomo Mattè Trucco. La fabbrica del Lingotto, la più grande d Europa, diventerà rapidamente il simbolo dell industria automobilistica italiana ed una delle immagini più note della stessa città di Torino. In quegli anni la Fiat amplia le proprie attività nel settore siderurgico e ferroviario, in quello elettrico e nel campo delle linee di trasporto pubblico, fornendo in esclusiva gli autobus alla società SITA di Firenze. Alla Grande guerra segue un decennio di estrema complessità e di profonde trasformazioni. Ne viene coinvolta anche la Fiat, le cui fabbriche vengono occupate dagli operai nel settembre Nel novembre dello stesso anno Giovanni Agnelli diviene presidente del consiglio di amministrazione e Guido Fornaca amministratore delegato. Dopo due anni di contenimento dei costi, con riduzione del personale e delle retribuzioni, nel 1923 entra in funzione il nuovo stabilimento del Lingotto e riprende la crescita. Esce il modello Fiat 501, vengono lanciati i modelli 505, 510, 519 e nel 1925 nasce la 509, vettura a quattro posti. Lo sviluppo dell azienda viene visto dalla direzione Fiat profondamente legato allo sviluppo della produzione industriale di massa in Italia: maggiore produzione avrebbe significato aumento del tenore di vita e sviluppo sociale e crescita dei consumi. Con questi obiettivi Fiat dà vita alla Sava, società di credito al consumo, con lo scopo di favorire la vendita rateale delle automobili. Nei manifesti, sui giornali e nelle pubblicazioni aziendali, anche le donne compaiono come destinatarie dei messaggi pubblicitari delle nuove auto. Le vittorie delle auto Fiat nelle gare sportive, la traversata del Sahara in automobile o i raid in America Latina diffondono più ampiamente l attrazione verso il moderno mezzo di trasporto. In quegli anni nascono i servizi di assistenza sanitaria Fiat per i dipendenti, la Scuola Centrale Allievi Fiat e molteplici organismi associativi dei dipendenti (il Gruppo Sportivo Fiat, le Colonie Alpine, l Associazione Impiegati) che, pur seguendo le trasformazioni sociali, costituiranno una costante nella vita aziendale fino ad oggi. Cresce la partecipazione a società italiane e straniere e nasce l IFI (Istituto Finanziario Industriale) per coordinarne la fitta rete. Nel 1924 incominciano ad operare gli impianti di Mosca per la costruzione di automobili e di camion su licenza Fiat, frutto di un progetto del La svolta autarchica di Mussolini costringe l azienda a ridimensionare i suoi piani di presenza internazionale per concentrarsi sul mercato 14 Identità Fiat Oltre un secolo di storia

16 interno. Negli anni trenta subiscono un notevole sviluppo tecnologico gli autocarri e i veicoli industriali, anche con motori diesel, crescono il settore aereo e quello ferroviario. Per conto delle Ferrovie dello Stato viene organizzata, per la prima volta al mondo, la costruzione in serie di automotrici elettriche e diesel. Nel 1928 Vittorio Valletta è nominato direttore generale della Fiat. Nel 1935 il senatore Giovanni Agnelli viene colpito dalla perdita del figlio Edoardo. Nel 1934 viene progettata una vettura di piccola cilindrata: la 508 chiamata Balilla e detta anche tariffa minima per il minimo consumo (otto litri per 100 chilometri). Ne saranno prodotte , con una versione sportiva (508 S) ed una a quattro marce ( unità). Nel 1936 esce la Fiat 500 Topolino, disegnata da Dante Giacosa. È la più piccola utilitaria al mondo, da quell anno al 1955 se ne produrranno A conferma dell orientamento verso la produzione di massa, nel 1937 iniziano a Torino i lavori per la costruzione dello stabilimento di Mirafiori, che introdurrà in Italia le più avanzate esperienze di organizzazione industriale. Inaugurato il 15 maggio 1939, ospita operai su due turni, una cifra considerevole se si pensa che i dipendenti Fiat in quegli anni sono circa All estero nascono centri di assistenza, officine e iniziative industriali specifiche in Spagna, Egitto, Polonia e Francia. La seconda guerra mondiale comporta una riduzione drastica della produzione di autovetture mentre si quintuplica il numero dei veicoli industriali. Nel corso del conflitto, bombardamenti a tappeto sugli stabilimenti Fiat producono gravi danni che tuttavia non paralizzano l attività produttiva. Nel corso della guerra e nell immediato dopoguerra i servizi Fiat per i dipendenti suppliscono alle carenti strutture pubbliche: l ufficio assistenza fornisce biancheria, scarpe, legna da ardere ai lavoratori, negli spacci alimentari Fiat si distribuiscono centomila minestre al giorno. Nel 1945 muore il senatore Giovanni Agnelli e nel luglio del 46 Vittorio Valletta assume la presidenza della Fiat. Occorre rimettere la Fiat al passo con la tecnologia americana e aprire la via italiana alla motorizzazione. I finanziamenti del piano Marshall nel 1948 consentono di completare la ricostruzione degli impianti. I dipendenti passano da a , gli utili, stazionari nel corso della guerra, azzerati dopo il 1943, e in perdita nel 1946, ricominceranno a crescere nel La ripresa produttiva postbellica vede l uscita della Fiat 500 B berlinetta e giardinetta, dei modelli 1100E e 1500E, e di una vettura a carrozzeria portante, del tutto nuova sia per lo stile che per la meccanica, la Fiat Sulla 500C viene per la prima volta installato di serie l impianto di riscaldamento e di areazione. Nel 1953 escono i primi modelli di vetture con motore diesel. Continua la ricerca nel campo dei motori marini e aerei, e nel 1951 è prodotto il primo velivolo militare italiano a reazione: il G 80. Si aprono nuove frontiere con la costruzione di un prototipo di vettura a turbina e con attività in campo nucleare. Nel 1956 il G 91 di Fiat vince il concorso Nato per la produzione di un caccia tattico. Nel 1955 è presentata la Fiat 600, utilitaria di cui saranno costruite oltre di unità. Per il suo lancio, un variopinto corteo di Fiat 600 per le vie di Torino annuncia l epoca della motorizzazione di massa in Italia. Segue due anni dopo, la Nuova 500 che raggiungerà i esemplari. Il numero complessivo dei dipendenti passa in questo decennio dai 70 agli , la produzione passa dalle autovetture del 1949 alle del Tra il 1956 e il 1958 si conclude il raddoppio degli stabilimenti di Mirafiori, che alla fine degli anni Sessanta arriverà a toccare la cifra di oltre 50 mila lavoratori. Si sviluppa la produzione di trattori agricoli e di macchine movimento terra. All estero nascono nuovi stabilimenti in Sudafrica, Turchia e Jugoslavia, Argentina e Messico. Le attività di impianti e costruzioni edili di Fiat coordinate dalla Impresit conoscono un forte sviluppo internazionale: l impianto elettrico di Kariba sullo Zambesi, la diga di Dez in Iran e quella di Roiseires sul Nilo blu in Sudan, il salvataggio dei templi egizi di Abu Simbel, la galleria autostradale del Gran San Bernardo. È il periodo del miracolo economico in Italia. Fra il 1958 e il 1963 il tasso di crescita annuo del prodotto interno lordo è del 6,3%; il settore automobilistico è il propulsore dell economia. Nel decennio compreso tra il 1959 e il 1968 la produzione Fiat passa da a autovetture, e il rapporto tra numero di abi- Identità Fiat Oltre un secolo di storia 15

17 01 Identità Fiat tanti e numero di autovetture passa da 96 a 28 abitanti per ogni auto. Anche le esportazioni conoscono una crescita molto forte: da autovetture a Aumentano inoltre la produzione di veicoli commerciali, da a , e quella di trattori, da a Il personale raddoppia: da dipendenti passa a , con un incremento più accentuato degli operai rispetto agli impiegati. Nel 1964 nasce la Fiat 850, nuova utilitaria di vasta diffusione cui seguono ben presto altri modelli di cilindrata superiore: la 124 e la 125 che assumeranno nel 1968 il marchio Fiat a rombi. Nel 1966 Giovanni Agnelli, nipote del fondatore, diviene presidente della Società. Nel 1969 viene deciso il potenziamento della presenza Fiat nel Sud, che già si era articolata attorno agli impianti di Reggio Calabria, Bari, Napoli. Si avvia così la realizzazione degli stabilimenti di Termini Imerese, Cassino e Termoli, per la produzione di autovetture, e di Sulmona, Lecce, Brindisi e Vasto, per lavorazioni speciali. Al boom economico fa seguito un lungo periodo di assestamenti sociali: il 1969 è l anno in cui la conflittualità aziendale raggiunge il culmine, con un totale di 15 milioni di ore di sciopero. L ondata di conflittualità ha pesanti ripercussioni sui livelli di redditività aziendale. Nasce nel 1971 la 127, la prima Fiat a trazione anteriore, decisamente innovativa per i tempi. La vettura incontra molto successo e alla fine del 1974 sarà prodotta la milionesima 127. Crisi petrolifera e innovazione tecnologica spingono verso una crescente automazione dei processi produttivi: già nel 1972 entrano in funzione a Mirafiori i primi 16 robot nella linea di produzione del modello 132, e nel 1974 quelli di Cassino. Nel 1978 nasce Robogate, il nuovo sistema robotizzato e flessibile di assemblaggio delle scocche, attivo negli stabilimenti di Rivalta e di Cassino, realizzato da Comau che diventerà ben presto leader mondiale del settore. Nel 1978 avviene la fusione per incorporazione della Lancia S.p.A. in Fiat S.p.A., rimane il marchio Lancia per la commercializzazione. Nel 1979, il settore Auto si costituisce in società autonoma di cui Giovanni Agnelli è presidente e comprende i marchi Fiat, Lancia, Autobianchi, Abarth e Ferrari. Il prestigioso marchio Ferrari era già stato acquisito nel 1969 al 50%, quota che salirà poi all 87%. Alla fine degli anni Settanta, Fiat si consolida in una struttura a holding. Le molteplici attività produttive, che nel lungo periodo di Valletta erano distribuite in sezioni, costituiscono società autonome che si ripartiscono in Settori.A fianco di Fiat Auto, Fiat Ferroviaria, Fiat Avio, Fiat Trattori, Fiat Veicoli industriali, che rappresentano le tradizionali attività di Fiat, acquistano autonomia altre società come Fiat Engineering, Comau, Teksid, Magneti Marelli, Telettra. Nel 1980, Cesare Romiti, entrato alla Fiat come direttore finanziario nel 1974, diviene amministratore delegato del Gruppo Fiat. Grandissimo sviluppo conoscono in questo periodo sia la Fiat Ferroviaria sia l Iveco. Fiat Ferroviaria progetta avanzate tecnologie con carrelli a ruote indipendenti e ad assetto variabile che porteranno alla produzione del Pendolino, treno ad alta velocità con cui si aggiudicherà importanti commesse in molte nazioni europee. Iveco diventa il marchio internazionale in cui confluiscono le attività di produzione dei veicoli industriali. Nato nel 1974, il marchio Iveco comprende i marchi Fiat, Om, Lancia, Magirus, Unic e lo spagnolo Pegaso dal Nel 1983 viene presentata a Cape Canaveral la macchina simbolo del rinnovamento di Fiat Auto: si tratta della Uno, che racchiude radicali innovazioni nell elettronica, nella scelta di materiali alternativi, nell adozione di un motore pulito, il Fire Ne saranno prodotte unità. L anno seguente la Fiat Auto S.p.A. acquisisce l Alfa Romeo S.p.A. e le sue consociate, mentre nel 1993 con il prestigioso marchio sportivo Maserati raggiunge l attuale composizione dei marchi auto. Continuano a crescere gli accordi internazionali per la produzione su licenza Fiat e le partecipazioni societarie, sviluppando in modo particolare le attività industriali nel campo delle telecomunicazioni e le attività industriali nella componentistica. In quest area, attraverso un programma di acquisizioni e scorpori, viene data attuazione ad un nuovo assetto organizzativo che porta Magneti Marelli ad assumere nel 1987 il ruolo di holding industriale con funzioni di governo e controllo di oltre 60 imprese in tutto il mondo. Con la diffusione dell elettronica, la componentistica viene ora a giocare un ruolo determinante nello sviluppo del mezzo di trasporto privato. Nel 1989 la Fiat Tipo conquista il titolo di Auto dell anno attribuito dalla stampa internazionale per le sue caratteristiche innovative. 16 Identità Fiat Oltre un secolo di storia

18 L atteggiamento nei confronti dell auto si sta misurando con nuovi valori: la società industriale matura comincia ad avvertire la rilevanza del problema ambientale. Fiat manifesta la propria sensibilità in campo ecologico avviando un progetto per il recupero e il riciclaggio totale delle vetture destinate alla demolizione. Nel 1991 inizia la costruzione di nuovi stabilimenti a Pratola Serra e a Melfi che, divenuti operativi nel 1994, rappresentano una nuova rivoluzionaria concezione del modo di produrre industriale. Il Gruppo Fiat affronta la crisi dei primi anni Novanta con l ampliamento della presenza internazionale, con un importante aumento di capitale e forti investimenti nell innovazione e con un rigoroso contenimento dei costi e severe ristrutturazioni interne. Il 28 febbraio 1996 l avvocato Giovanni Agnelli diventa Presidente d Onore del Gruppo Fiat e Cesare Romiti subentra come presidente, funzione che svolgerà fino al 1998, quando gli succederà Paolo Fresco. Paolo Cantarella viene nominato amministratore delegato. L auto innovativa di questi anni è la Fiat Punto, pensata come vettura europea: nel 1995 sarà designata Auto dell anno. Nel 1998 la Panda festeggia i diciotto anni di vita ed entra nella classifica delle auto più longeve. A partire dal settembre 1997 la Capogruppo lascia corso Marconi per trasferirsi nella Palazzina Fiat del Lingotto, nel comprensorio che nel frattempo si è trasformato in centro fieristico e congressuale. Alla fine degli anni Novanta la competizione industriale sui mercati occidentali si fa più serrata. L invasione in Europa dei prodotti del sud est asiatico viene bilanciata da Fiat con un ritorno alla strategia originaria di attenzione ai mercati emergenti. Gli stabilimenti in Brasile e in Argentina vengono ampliati, viene lanciata la Palio, una world car studiata per adattarsi a usi diversi e molteplici mercati. Ben presto Fiat diviene il maggior produttore in Brasile, Argentina, Polonia e Turchia. Con l acquisizione, nel 1991, delle attività trattoristiche ed agricole della Ford Motor Co, il settore delle macchine di movimento terra si internazionalizza assumendo il marchio New Holland. Nel 1993 si accorda con la Hitachi Co Machinery Ltd ed estende le joint venture esistenti, giungendo così ad essere uno dei principali produttori mondiali con circa il 20% della produzione globale. Iveco rinforza la propria posizione di leader in Europa, rinnova la propria gamma con l introduzione delle nuove serie EuroTech, EuroStar ed EuroCargo e stabilisce joint venture e attività produttive in India e in Cina per la produzione dei veicoli leggeri Daily. Nel 2000 la Fiat stringe un accordo con il colosso mondiale del settore automobilistico, la General Motors. Tre anni più tardi, il 24 gennaio 2003, scompare l Avvocato Giovanni Agnelli, che per quarant anni ha guidato l Azienda. Parallelamente, per fronteggiare la crisi che il Gruppo sta attraversando, la Fiat ridisegna il proprio perimetro industriale e si focalizza sulle attività automotoristiche, cedendo alcuni settori di attività non strategici, come l aviazione e le assicurazioni. Il 27 maggio 2004 muore Umberto Agnelli, che aveva assunto la Presidenza dell Azienda alla scomparsa del fratello. Ai vertici del Gruppo vengono nominati Presidente Luca Cordero di Montezemolo, Vice Presidente John Elkann e Amministratore Delegato Sergio Marchionne. La Fiat Panda è eletta Auto dell anno e la Ferrari conquista il sesto titolo costruttori e il quinto titolo piloti consecutivi. Grazie ad un rigoroso intervento di contenimento dei costi e di rilancio industriale, i conti del Gruppo rivedono il pareggio operativo nel 2004 e tornano in utile l anno successivo. Fa parte della storia recente anche la risoluzione del Master Agreement con la General Motors, che comporta lo scioglimento di tutte le joint venture. È il 13 febbraio del 2005 e la Fiat Auto ritorna completamente italiana. Identità Fiat Oltre un secolo di storia 17

19 01 Identità Fiat Organizzazione STRUTTURA DEL GRUPPO Fiat è un grande Gruppo industriale che da più di cent anni opera in campo automotoristico, progettando, costruendo e vendendo: automobili, camion, trattori, macchine agricole, macchine movimento terra, motori e componenti per autoveicoli, mezzi e sistemi di produzione. Il Gruppo svolge le attività industriali e di servizi finanziari in circa 190 Paesi. La struttura del Gruppo è il risultato della strategia di rifocalizzazione sui settori automotoristici iniziata nel corso del 2003 e proseguita nel A partire dal 2005 la rappresentazione dei settori operativi è stata ridefinita per aree di attività, in particolare: automobili (Fiat Auto, Maserati, Ferrari, Fiat Powertrain Technologies) macchine per l agricoltura e le costruzioni (CNH) veicoli industriali (Iveco) componenti e sistemi di produzione (Magneti Marelli,Teksid, Comau) altre attività (servizi - Business Solution, editoria e comunicazione - Itedi) FIAT AUTO Tra i pionieri dell industria automobilistica, Fiat ha costruito la sua prima vettura nel Da allora sono stati prodotti oltre 88 milioni di vetture e veicoli commerciali leggeri e molti dei suoi modelli hanno segnato tappe fondamentali nella storia dell automobile. Fiat Auto opera sui mercati internazionali con quattro marchi: Fiat, Alfa Romeo, Lancia e Fiat Veicoli Commerciali. Per completare la gamma di prodotti e servizi offerti, ha integrato nella sua attività il finanziamento delle vendite e ha sviluppato un ampia gamma di programmi di supporto ai clienti e alla rete di vendita. I modelli della Fiat Auto hanno conquistato undici volte il titolo di Auto dell anno, il più ambito riconoscimento attribuito all industria automobilistica nel mondo. Il premio è andato otto volte alla Fiat, due all Alfa Romeo e una alla Lancia. Il continuo, forte impulso al rinnovamento dei prodotti dei brand prevede il lancio di 29 veicoli, tra modelli inediti e restyling, nel triennio (*) Nel mese di marzo 2006, a seguito della conversione in ordinarie delle azioni privilegiate Serie A, la partecipazione di Fiat in CNH è salita dall 84% a circa il 90%. 18 Identità Fiat Organizzazione

20 MASERATI Le Maserati, marchio italiano con un glorioso passato sportivo, sono da sempre vetture di grande fascino ed esclusive: prodotte in piccola serie, si impongono per prestigio, innovazione tecnologica, stile e prestazioni. Fondata a Bologna nel 1914, nel 2004 la Maserati ha festeggiato i 90 anni di attività con l atteso rientro nelle competizioni, partecipando con la nuovissima MC12 al campionato internazionale GT FIA. Nel mese di aprile del 2005 la proprietà di Maserati è stata trasferita da Ferrari S.p.A. a Fiat Partecipazioni S.p.A. (holding detenuta direttamente da Fiat S.p.A.). Dal 1 aprile dello stesso anno opera pertanto una nuova entità, cui è stato conferito il complesso aziendale che produce e commercializza le vetture del marchio Maserati. FERRARI La prima vettura Ferrari è nata a Maranello nel 1947, nell azienda che Enzo Ferrari aveva trasferito da Modena cinque anni prima. La missione della Ferrari è rimasta la stessa: costruire automobili sportive uniche, destinate a rappresentare, in pista come sulle strade, l eccellenza dell automobile italiana. Lo confermano i risultati commerciali e il grande numero di appassionati che seguono le corse. Per garantire la massima qualità, la produzione annua viene autolimitata a circa cinquemila vetture. Di recente, gli impianti di Maranello e di Modena hanno subìto un importante lavoro di modernizzazione. Così, a fianco della Galleria del vento realizzata da Renzo Piano nel 1997, è sorta una delle più moderne fabbriche a misura d uomo. Identità Fiat Organizzazione 19

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Incontro con le Organizzazioni Sindacali

Incontro con le Organizzazioni Sindacali Incontro con le Organizzazioni Sindacali Torino - Mirafiori Motor Village - Il Gruppo Fiat nel 2005 Gruppo focalizzato sui settori automotoristici operante a livello internazionale ma ancora radicato in

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli