L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane. Analisi dei casi francese e tedesco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane. Analisi dei casi francese e tedesco"

Transcript

1 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Analisi dei casi francese e tedesco

2 Colophon ASSESSORATO ARTIGIANATO, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, BILANCIO E FINANZE, PATRIMONIO, ATTUAZIONE DEL PIANO DI EDILIZIA SANITARIA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI DI CONCERTO CON L ASSESSORE ALLA SANITÀ, PERSONALE E SUA ORGANIZZAZIONE, CONTROLLO DI GESTIONE, COOPERAZIONE VICEPRESIDENTE GIUNTA REGIONALE: Paolo Peveraro DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE Direttore: Giuseppe Benedetto SETTORE SISTEMA INFORMATIVO OSSERVATORIO DELL ARTIGIANATO Responsabile: Giuseppe Fiorenza Via Pisano, Torino Telefono Fax Coordinamento operativo, editing testi e supporto metodologico: Clara Merlo, Osservatorio regionale dell Artigianato Testi e ricerca a cura di: Davide Azzolini e Marco Sartoni, Laboratorio di Politiche, Corep, Torino Coordinamento scientifico: Renato Lanzetti, IRES Piemonte Impaginazione e stampa: Arti Grafiche Giacone, Chieri (TO) Maggio

3 Indice INDICE INTRODUZIONE pag IL CASO FRANCESE pag Definizione e dimensioni del fenomeno pag Organizzazione e rappresentanza dell artigianato pag Altre organizzazioni pag L accesso al credito per le imprese artigiane pag Le politiche di promozione dell artigianato pag I programmi di finanziamento per le imprese artigiane pag Il sistema di garanzia pag I servizi di orientamento, informazione e consulenza finanziaria pag IL CASO TEDESCO pag Definizione e dimensioni del fenomeno pag Organizzazione e rappresentanza dell artigianato pag Altre organizzazioni pag L accesso al credito per le imprese artigiane pag Le politiche di promozione dell artigianato pag I programmi di finanziamento per le imprese artigiane pag Il sistema di garanzia pag I servizi di orientamento, informazione e consulenza finanziaria pag Best practices a livello regionale pag. 100 CONCLUSIONI pag. 107 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag. 123 RIFERIMENTI SITOGRAFICI pag. 129 ELECO DELLE PRINCIPALI SIGLE UTILIZZATE NEL TESTO pag. 135 APPENDICE pag. 141 Elenco delle professioni artigiane francesi pag. 143 Elenco delle professioni artigiane tedesche pag

4

5 Introduzione

6

7 Introduzione La promozione delle micro, piccole e medie imprese rappresenta un issue centrale nelle agende dei governi europei, a tutti livelli istituzionali. L Unione Europea, attraverso i suoi programmi finalizzati allo sviluppo regionale ed al rafforzamento della competitività, mette a disposizione delle PMI ingenti risorse finanziarie. Anche a livello nazionale e, in misura sempre crescente, a livello regionale l elaborazione e l attuazione di politiche pubbliche di promozione e sostegno alle imprese costituiscono obiettivi prioritari all interno delle linee programmatiche in tema di sviluppo economico territoriale. In questo quadro di politiche industriali trovano una certa rilevanza variabile, come vedremo, da paese a paese, per non dire da regione a regione le politiche in favore delle imprese artigiane. La presente ricerca si occupa di questo specifico settore delle politiche per le imprese e, più precisamente, delle politiche in tema di accesso al credito. L accesso al credito costituisce all interno dei sistemi produttivi europei un elemento cruciale per la sopravvivenza e lo sviluppo delle realtà imprenditoriali di più piccole dimensioni. Diverse indagini condotte a livello europeo dimostrano come il tema sia sentito, sia pur con diverse intensità, in tutti i Paesi europei (European Observatory for SMEs 2003). Nel contesto artigianale piemontese l accesso al credito e il rapporto con gli intermediari finanziari presenta alcuni elementi di criticità soprattutto per le imprese meno strutturate in riferimento al costo del credito ed alla difficoltà di offrire agli istituti bancari le garanzie richieste. La rilevanza che viene riconosciuta al tema è confermata dal fatto che l attuale dibattito sulla riforma della normativa regionale del settore in seguito anche al recente accordo internazionale Basilea 2 1 riguarda proprio l accesso al credito e gli strumenti di agevolazione e garanzia. L Osservatorio dell Artigianato della Regione Piemonte ha commissionato questa ricerca allo scopo di acquisire una conoscenza più approfondita sul tema dell accesso al credito per le imprese artigiane, così come esso si pone in altre realtà europee, e, in particolare, su come le autorità pubbliche dei diversi Paesi, a diversi livelli istituzionali, si sono attrezzate per affrontare il problema. Per una Regione come il Piemonte essere informata su come le altre Regioni, gli altri territori, si stiano muovendo nei vari ambiti dello sviluppo socio-economico è in un contesto europeo di apertura ed integrazione dei mercati una condizione sempre più necessaria, anche se ovviamente non sufficiente, per poter agire strategicamente. La competizione tra i territori si gioca, infatti, anche sulle capacità che i vari attori dimostrano nel saper produrre con continuità attività di analisi e confronto finalizzate a conoscere come problemi simili vengano trattati in altre realtà 1 L accordo di Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale (che sostituisce il primo accordo di Basilea) sui requisiti patrimoniali delle banche. L accordo stabilisce che le banche dei Paesi aderenti all accordo dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti, valutati attraverso lo strumento del rating. 7

8 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane e, quindi, a rintracciare buone pratiche, a intraprendere percorsi di apprendimento ed anche ad evitare di incorrere in errori facilmente eludibili. Questo vale anche per il tema oggetto della presente ricerca. La ricerca si svolge in continuità con un precedente studio commissionato dallo stesso Osservatorio 2 attraverso il quale veniva ricostruito il variegato quadro del fenomeno dell artigianato in Europa ed approfonditi i casi francese, tedesco e italiano. Attraverso quello studio si era messo in evidenza come il fenomeno dell artigianato a livello europeo sia un fenomeno difficilmente catturabile, in quanto assume, nei singoli Paesi, forme e dimensioni molto diverse. La presente ricerca contiene un ulteriore approfondimento dei casi francese e tedesco. Due casi che, come vedremo, presentano aspetti di similarità con il caso italiano, ma dal quale, allo stesso tempo, se ne discostano sensibilmente. La scelta di studiare i casi francese e tedesco è derivata in seguito ad un indagine esplorativa iniziale attraverso la quale è emerso che i due Paesi pur nelle differenze sono i Paesi europei in cui l artigianato presenta delle caratteristiche più assimilabili a quello italiano, e quindi possono essere ritenuti i casi più adatti per uno studio di tipo comparativo. LE DOMANDE DELLA RICERCA Questo lavoro è finalizzato a rispondere principalmente a due gruppi di domande: il primo è volto a definire il problema dell accesso al credito per l artigianato nei due Paesi; il secondo mira, invece, a descrivere le soluzioni che i due Paesi hanno messo in campo per superare tale problema. 1. Sul rapporto tra banche e imprese artigiane: Qual è la rilevanza del ruolo del sistema creditizio per l artigianato? Con quali banche si rapportano principalmente le imprese artigiane? Quali strumenti finanziari vengono utilizzati più frequentemente? Quali sono (se vi sono) gli elementi di maggiore criticità nell accesso al credito? Quali servizi non finanziari forniscono le banche alle imprese? 2. Sulla strutturazione delle politiche pubbliche per l artigianato: Esistono delle politiche specifiche per il settore? A che livello istituzionale si collocano? Quali tipi di strumenti di agevolazione esistono? Quali misure promozionali vengono offerte dal pubblico alle imprese artigiane? Esistono, e che peso hanno, programmi promozionali di tipo non finanziario? 8 2 Osservatorio dell Artigianato, Regione Piemonte (2003), L artigianato in Europa e in Italia, Torino

9 Introduzione I DUE STUDI DI CASO Effettuare studi comparativi a livello europeo in tema di artigianato è un operazione non priva di insidie. Questo perché l artigianato, nei vari Paesi, si è sviluppato secondo modelli talmente diversi tra loro che ad oggi risulta impossibile darne un unica definizione. Basandosi sulla tipologia proposta a livello europeo (Istituto Guglielmo Tagliacarne 2001) e ripresa anche nella già citata ricerca dell Osservatorio, in Europa attualmente sono ravvisabili tre distinti modelli di artigianato. Il primo modello, definito settoriale-dimensionale, è tale in considerazione della determinazione per via normativa delle dimensioni dell impresa e della meticolosa regolamentazione del settore (ad esempio, attraverso l imposizione di precise forme societarie alle imprese artigiane). I Paesi riferibili a questo modello sono Francia, Italia, i Paesi Bassi e il Portogallo. La delimitazione di una soglia massima di addetti (sia pure elastica e mutevole nel tempo e, come in Italia, tra i diversi settori di attività) costituisce il vincolo di base per la definizione dell impresa artigiana. Il secondo modello, il modello professionale, si è radicato in due Paesi germanofoni, Germania e Austria, e in Lussemburgo. Il modello professionale ha una natura essenzialmente diversa rispetto al modello precedente. In questi Paesi, la legislazione non definisce cosa siano le imprese artigiane, ma individua come oggetto della normativa la figura del mastro artigiano, titolo di studio che abilita all esercizio della professione. Un terzo modello è quello che considera unicamente l artigianato artistico. Tale modello è riscontrabile in Spagna e in ragione della sua ristretta definizione statistica ha un peso minimo sull insieme delle piccole e medie imprese nazionali. Vi è, infine, una categoria residuale, che corrisponde a quei Paesi in cui non esiste alcuna definizione legale di artigianato. Appartengono a tale categoria: Belgio, Finlandia, Irlanda, Grecia e Regno Unito. Considerando il fenomeno nelle sue dimensioni macro-quantitative, si rileva che Francia e Germania hanno uno stock complessivo di imprese artigiane molto simile: imprese in Francia contro le quasi tedesche. I dati considerati nascondono però due realtà estremamente diverse. Considerando la concentrazione di imprese per mille abitanti, si rileva come in Francia, rispetto alla popolazione, vi sia un numero di imprese artigiane decisamente più elevato: 14,2 per mille contro il 7,3 della Germania. Per quanto riguarda, invece, le dimensioni delle imprese, definite dal rapporto occupati/impresa e dalle stime sul fatturato, le imprese tedesche risultano essere mediamente circa il doppio più grandi di quelle italiane e francesi. Un impresa artigiana tedesca ha in media 5 occupati, contro i 2,6 francesi. Inoltre un impresa tedesca ha mediamente un giro di affari stimato in oltre annui, mentre un impresa francese registra un valore di poco superiore ai

10 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Tab. 1 - Alcuni dati a confronto tra Francia, Germania, Italia e Piemonte* Paese Modello N. imprese Concentrazione per mille abitanti Occupati Occupati/ impresa Francia Settoriale - dimensionale , ,6 Germania Professionale , ,1 Italia Piemonte Settoriale - dimensionale Settoriale - dimensionale , , , ,3 * Dati I CONTENUTI DEL TESTO Il testo si divide in due parti: la prima è dedicata al caso francese, la seconda al caso tedesco. Entrambe seguono la medesima struttura espositiva: ad una iniziale descrizione introduttiva del fenomeno, segue una ricostruzione del sistema organizzativo degli interessi e della rappresentanza dell artigianato, nonché una rassegna sui servizi da questa offerti alle imprese artigiane. Successivamente, viene riportato il tentativo di dare risposta alle due domande fondamentali della ricerca esposte sopra: dapprima analizzando le dimensioni di criticità nell accesso al credito delle imprese artigiane, nonché i caratteri essenziali del rapporto delle imprese con gli istituti di credito e con i diversi strumenti di finanziamento; in secondo luogo, studiando e descrivendo i programmi pubblici ed i servizi messi a disposizione delle imprese sul piano nazionale e su quello regionale, con particolare attenzione al tema dell accesso al credito. In sede conclusiva, sulla base degli elementi conoscitivi raccolti, vengono effettuate alcune comparazioni tra i due casi, e tra questi e il caso italiano, nel tentativo di fornire delle risposte solide e ragionate ai due interrogativi - chiave della ricerca e, quindi, di alimentare il dibattito piemontese sull artigianato con alcuni, nuovi, spunti di riflessione. METODOLOGIA 10 La ricerca è stata condotta ricorrendo alle seguenti fonti informative: ricerche e pubblicazioni di settore relative ai due Paesi considerati; siti internet di agenzie, enti di rappresentanza, enti istituzionali, enti di ricerca, istituti di credito, altre organizzazioni; interviste telefoniche e via mail ad osservatori privilegiati (camere dell artigianato, enti di rappresentanza e istituti di ricerca tedeschi e francesi).

11 1. Il caso francese

12

13 Il caso francese 1.1 DEFINIZIONE E DIMENSIONI DEL FENOMENO Come accade per l esperienza italiana e tedesca, l artigianato francese moderno nasce a metà degli anni 50: si tratta di un settore che presenta, in generale, caratteristiche simili all esperienza italiana con aziende che operano in diversi settori di attività (nell insieme, con un dimensionamento medio leggermente inferiore a quello italiano). Attualmente l artigianato è un settore di primaria importanza nell economia francese e gioca un ruolo sempre più importante nelle politiche nazionali e regionali di sviluppo del paese. L impresa artigiana viene considerata come la première entreprise de France : è depositaria di tradizioni antiche ma tutt altro che indifferente ai processi di innovazione, alle nuove tecnologie, ai nuovi mestieri. Il settore, ritenuto molto promettente in termini di vitalità, di dinamismo e di impiego è costituito da imprese di medie e piccole dimensioni: è diffusa l idea che pur senza poter beneficiare degli strumenti che sono oggi a disposizione delle grandi industrie (servizi di ricerca e sviluppo, risorse umane, marketing e comunicazione), queste imprese siano in grado di garantire una certa flessibilità ed una buona capacità di adattamento alle evoluzioni del mercato. Al I gennaio 2006 il numero di imprese artigiane presenti in Francia risultava essere di circa 873 mila unità 3 (31 % delle quali situate in comuni rurales, 41 % nei comuni con meno di 200 mila abitanti, 28 % in comuni con più di 200 mila abitanti). Il sistema delle imprese artigiane in Francia offriva in quell anno occupazione a poco più di 2.4 milioni di lavoratori 4 con un giro di affari di circa 270 miliardi di euro 5 all anno. Inoltre le imprese artigianali rivestono un ruolo tutto particolare nello sviluppo dei Dipartimenti di oltremare. Tab. 1 Imprese artigiane per numero, occupati e fatturato Imprese Occupati (in 1000) Fatturato (mld. ) Artigianato totale Il dato è fornito dall Insee (Istituto Nazionale di Studi e Statistiche) ed è aggiornato al I gennaio Il dato sul numero di occupati cambia a seconda della fonte. Mentre le Camere dei Mestieri e dell Artigianato parlano di oltre 3 milioni di actif e di 2.4 milioni di salariés al I gennaio 2006, l Insee con riferimento allo stesso periodo fornisce una cifra significativamente inferiore, pari a 1.7 milioni di occupati. 5 Il dato è fornito dall Insee e dalle Camere dei mestieri e dell artigianato e fa riferimento all anno Anche in questo caso, fonti diversi forniscono dati diversi. In alcuni casi di parla di un giro di affari significativamente inferiore, che nella Francia Metropolitana sarebbe stato (nel 2002) di circa 174 miliardi di euro (una cifra che è comunque superiore, di circa 20 miliardi di euro al giro di affari legato al mercato automobilistico e di circa 80 miliardi di euro rispetto al settore assicurativo). Dati del 2002 parlano inoltre di esportazioni per 7 miliardi di euro (2/3 delle quali verso paesi dell Unione Europea) e di 7.5 miliardi di euro in investimenti. 13

14 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane In base all inquadramento normativo in Francia l artigiano è un imprenditore che investe sul suo saper fare. Il suo profilo è inquadrato giuridicamente della legge n del 5 luglio 1996 relativa allo sviluppo ed alla promozione del commercio e dell artigianato: anche se l impianto è rimasto immutato, questa legge è stata modificata nel corso degli anni, in alcune sue parti, da una lunga lista di decreti. Secondo la legge del 5 luglio 1996 (art. 19) devono essere iscritte al Repertorio dei mestieri (una sorta di albo degli artigiani) le persone fisiche e le persone morali che, impiegando non più di dieci addetti, esercitano a titolo principale o secondario un attività professionale indipendente di produzione, di trasformazione, di riparazione o di prestazione di servizi figurant sur une liste établie par décret en Conseil d État. Si tratta appunto del decreto n del 2 aprile 1998 che contiene in allegato l elenco delle attività ammesse a far parte dell artigianato 6. Questo decreto ha riorganizzato l intero settore aggiornando il Repertorio dei mestieri: vengono individuate più precisamente più di 510 attività differenti suddivise in mestieri dell alimentazione, mestieri dell edilizia, mestieri della produzione e mestieri legati ai servizi. Nel lungo elenco compaiono quindi attività tradizionali, più moderne, compresi i servizi e l artigianato artistico. La legge del 1996 si è posta inoltre in continuità con un precedente decreto del 1995 che aveva innalzato la soglia, per le imprese artigiane, da 10 a 15 addetti; tale decreto aveva inoltre stabilito che a certe condizioni 7 tutte le imprese artigiane già iscritte al Repertorio dei mestieri che superavano la soglia individuata potevano rimanere iscritte a tempo indeterminato. Per alcune attività (fra cui: manutenzione e riparazione di veicoli e macchinari, costruzione di edifici, realizzazione di protesi dentarie) è inoltre necessario che il titolare dell impresa o la persona che la dirige sia titolare di un CAP ( Certificat d aptitute professionnelle ) o di un BEP ( Brevet d enseignement professionnel ) e che abbia avuto una esperienza professionale di almeno 3 anni come titolare di impresa o semplice addetto. Esistono, oltre a quelle citate, molte altre attività il cui esercizio è vincolato al fatto di essere in possesso di determinati requisiti: in alcuni casi è necessario, come abbiamo visto, aver frequentato corsi di formazione ed avere ottenuto un diploma professionale; in altri, avere effettuato una esperienza sul campo di un determinato numero di anni; in altri ancora è indispensabile essere in possesso di determinate autorizzazioni (ad esempio è necessario avere l autorizzazione della Prefettura per esercitare attività considerate pericolose o dannose per la salute pubblica). Al di là di questi aspetti, che condizionano la possibilità di esercitare talune attività di tipo artigianale, si può osservare che i criteri che definiscono l impresa artigiana 14 6 L elenco delle attività artigiane è molto esteso e dettagliato: è disponibile in appendice in forma semplificata. 7 In caso di impiego di più dieci addetti e salvo domanda di radiazione, l immatricolazione è mantenuta: a) senza limitazione di durata, per le persone che sono in possesso del titolo di artisan o di maître artisan, o che hanno ottenuto il brevet de maîtrise o di cui il coniuge collaboratore detiene il titolo di artisan o il titolo di maître artisan (per le società, questi titoli devono essere in capo al dirigente o al suo coniuge) ; b) se le condizioni esplicitate al punto a non sono soddisfatte, durante un periodo di tre anni non rinnovabile.

15 Il caso francese sono, se vogliamo, di due tipi: il criterio dell attività o meglio, della modalità attraverso cui l attività viene svolta (per cui sono artigiane quelle imprese che, in modo indipendente, svolgono un attività economica di produzione, di trasformazione o di prestazione di servizi, sotto forma di associazione stabile o ambulante) e quello della taglia ; o meglio, del numero di addetti (per cui sono artigiane quelle imprese che utilizzano meno di 10 addetti al momento della loro iscrizione al Repertorio dei mestieri). Come abbiamo visto, al di sopra di questa soglia, esiste comunque per le imprese la possibilità di restare iscritte, se il titolare beneficia della qualifica di artisan o di maître artisan, o se è in possesso del brevet de maîtrise. Si tratta quindi di una soglia elastica e mutevole nel tempo che legittima l esistenza di imprese artigiane che possono arrivare oggi a superare i 20 addetti. Il decreto n del 2 aprile 1998, relativo alla qualifica artigianale, precisa in proposito che il titolo di artisan è riconosciuto di diritto dalla rispettiva Camera dei mestieri e dell artigianato a coloro che sono in possesso di un Certificat d aptitute professionnelle, o di un Brevet d enseignement professionnel, o che risultano immatricolati al Repertorio dei mestieri da almeno sei anni. Tale qualifica viene riconosciuta secondo le stesse modalità anche ai congiunti collaboratori, ai congiunti associati ed agli associati che prendono parte personalmente e abitualmente all attività dell impresa, a condizione che siano anch essi in possesso di un certificato o di un diploma (CAP o BEP) o che siano anch essi iscritti al Repertorio dei mestieri da almeno sei anni. Per quanto riguarda invece il titolo di maitre artisan, questo è attribuito dalle camere alle persone fisiche immatricolate al Repertorio dei mestieri che sono titolari di un brevet de maîtrise, dopo due anni di praticantato. Il titolo di maitre artisan, oltre che dalla Camera dei mestieri e dell Artigianato può anche essere attribuito da un apposita Commissione regionale alle persone fisiche immatricolate al Repertorio dei mestieri titolari di un diploma almeno equiparabile al brevet de maîtrise, o che dimostrano, in mancanza di un diploma e dopo dieci anni dall iscrizione al Repertorio dei mestieri di avere acquisito determinate competenze ( savoir-faire ) o di aver partecipato ad attività di tipo formativo. Esiste infine la qualifica di artisan d art, riconosciuta di diritto dalla rispettiva Camera dei mestieri e dell artigianato a coloro che esercitano un attività artigianale fra quelle contenute in un elenco appositamente realizzato nel 2003, relativo all artigianato artistico. Valgono inoltre per l ottenimento del titolo di artisan d art, le medesime condizioni previste per l ottenimento del titolo di artisan. In base all ordinamento francese l artigiano deve infine generare l essenziale del suo reddito dalla vendita di prodotti e di servizi generati del suo stesso lavoro (e da quello dei suoi collaboratori). L accento è posto sul fatto che il processo di produzione, trasformazione, riparazione e prestazione di servizi deve principalmente svolgersi attraverso il lavoro manuale (più che tramite il ricorso a macchinari); il profitto dell impresa artigiana inoltre deve essenzialmente provenire dal lavoro di trasformazione delle materie prime piuttosto che dalla differenza fra il prezzo di acquisito e il prezzo di vendita delle merci: in un cero senso, per essere tale, l impresa artigiana non deve speculare sulla differenza fra il prezzo di acquisto ed il prezzo di vendita delle merci. Elementi, questi, che 15

16 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane caratterizzano la modalità dell esercizio dell attività più che la natura dell attività e che permettono di distinguere le imprese artigiane da quelle di tipo commerciale 8. Abbiamo quindi delineato il quadro normativo di riferimento e i principi a cui esso si ispira. Cerchiamo adesso, con l ausilio di dati e tabelle di quantificare il fenomeno dell artigianato francese. La figura n. 1 mostra l evoluzione dello stock di imprese artigiane dal 1998 al Fig. 1 Evoluzione dello stock di imprese artigiane in Francia ( ) Fonte: RIM (Répertoire informatique des métiers) al I gennaio di ogni anno Come si può osservare, la crescita è sempre stata costante, con un salto in avanti significativo fra il 2004 ed il Alcuni dati più recenti pubblicati sul portale dell artigianato francese a cura delle Camere dei mestieri e dell artigianato indicano inoltre che al 1 gennaio 2007 il numero di imprese avrebbe superato le 920 mila unità, confermando la crescita registrata fra il 2004 ed il Nel corso del 2006 le nuove immatricolazioni sono state più di 97 mila (fra queste, ben 67 mila hanno riguardato nuove creazioni di impresa): una cifra che se confrontata con il numero di cessazioni, produce un saldo positivo di circa 20 mila unità con una crescita annua del 2% circa. In sette anni l artigianato ha inoltre creato oltre 430 mila nuovi posti di lavoro (il 25% del totale dei posti di lavoro creati in Francia nello stesso periodo). La successiva tabella mostra che l artigianato francese è principalmente costituito da 16 8 La legislazione francese permette all impresa artigiana di scegliere fra diverse forme giuridiche e societarie e non esiste una distinzione netta fra impresa commerciale ed impresa artigiana.

17 Il caso francese imprese che non hanno addetti, cioè da imprese di piccole e piccolissime dimensioni. Le imprese artigiane che non impiegano nessun addetto sono quasi la metà (47%) e quelle che restano al di sotto dei 10 addetti sono la grande maggioranza (85%). Tab. 2 Totale imprese artigiane per numero di addetti al gennaio Numero di addetti Totale imprese 0 addetti addetto da 2 a 3 addetti da 4 a 5 addetti da 6 a 10 addetti da 11 a15 addetti da 16 a 19 addetti e oltre addetti Totale Fonte: Insee, REE (Sirene) Le forme giuridiche adottate sono molteplici e ricordano molto da vicino il caso italiano. Come si osserva nel successivo grafico le personnes physiques nel corso degli hanno lasciato il posto a forme di tipo societario. Nel 2006 queste imprese costituivano meno dei due terzi (57 %) del totale delle imprese artigiane: una percentuale ancora alta che tuttavia è andata calando nel corso del tempo. Non ci sono in proposito dati rispetto al 2007 ma è ragionevole ipotizzare che la tendenza sia stata confermata. Nel frattempo, in cinque anni, le sociétés par actions simplifiées sono decuplicate passando da unità nel 2001 a ben unità nel 2006 (rappresentano oggi circa il 2% del totale delle imprese artigiane). Tab. 3 Profilo giuridico delle imprese artigiane iscritte al Répertoire des métiers Personnes physiques 73,0 62,9 56,5 SARL 23,1 33,5 40,2 Société anonyme à conseil d administration 2,5 2,6 1,1 Société anonyme à directoire n. s. n. s. n. s. Société par actions simplifiées 0,0 0,2 1,5 Altre forme societarie 1,3 0,8 0,6 Totale 100,0 100,0 100,0 Fonte: Insee, REE (Sirene) 9 Il numero totale di imprese artigiane differisce dal totale riportato in figura 1 (837 mila unità contro 879 mila): si tratta infatti in questo secondo caso del numero totale di imprese artigiane appartenenti alla Francia Metropolitana. Non vengono calcolate le imprese artigiane dei territori di oltremare. 17

18 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane La personne physique è una impresa individuale che esercita direttamente l attività in nome proprio e che permette ad una persona fisica di creare una impresa senza capitale minimo e senza ingenti investimenti. Il titolare ha pieni poteri, è responsabile sia civilmente che penalmente e può assumere dei dipendenti. Il titolare è inoltre tenuto al pagamento dell imposta sul reddito dans la catégorie correspondant à l activité de l entreprise. Come abbiamo visto, è questa, in Francia, come in Italia, la forma più adatta alle piccole imprese senza prospettive di sviluppo importanti ed a spiccato carattere familiare. La SARL (società per azioni a responsabilità limitata) è una struttura di lancio di un progetto di impresa in ambito familiare che permette, a priori, di conciliare l attività di impresa e la protezione del patrimonio del titolare e dei suoi soci (che possono variare da un minimo di due ad un massimo di cento e che scelgono liberamente l ammontare del capitale sociale 10 ). Salvo alcune eccezioni, nelle SARL la responsabilità dei soci è limitata alla quota di capitale sociale posseduta. Una via di mezzo fra la l impresa individuale e la SARL è costituita dall EURL ( entreprise unipersonelle à responsabilité limitée ), caratterizzata dalla presenza di un solo socio (persona fisica o morale). Come si vede nel prospetto, esistono inoltre in Francia altre forme societarie. Fra queste, la SA (la società per azioni), che nella sua forma più comune prevede la presenza di un minimo di sette soci, fino ad un tetto massimo che la legge non stabilisce. Il capitale sociale minimo è stabilito nella somma di 37 mila euro. Come nel caso della SARL la responsabilità dei soci, salvo alcuni casi particolari, è limitata alla quota di capitale posseduta. La SA è diretta obbligatoriamente da un consiglio di amministrazione, costituito da un minimo di 3 fino ad un massimo di 18 membri, tutti azionisti; il presidente è designato dal consiglio di amministrazione, tra i suoi membri. Come è facile intuire, si tratta di forma societaria a cui raramente gli artigiani fanno ricorso: spesso infatti la situazione patrimoniale in cui essi si trovano non è tale da metterli in condizione di poter costituire una società per azioni. Vediamo adesso come l artigianato si distribuisce sul territorio. Così come in Germania, l artigianato si è sviluppato territorialmente in maniera molto eterogenea, come dimostra la figura n. 2 che riporta lo stock di imprese artigiane suddivise per le 22 Regioni della Francia Metropolitana. Le differenze sono significative e sono dovute principalmente alle diverse dimensioni delle Regioni ed alla loro collocazione geografica. La Regione che presenta il numero maggiore di imprese artigiane è l Ile de France (solo il Dipartimento di Parigi ne conta circa 27 mila). A seguire la Regione Rhônes-Alpes La legge per l iniziativa economica (LIE) del 1 agosto 2003 ha infatti soppresso l obbligo del capitale minimo che era di ; introducendo la possibilità di aprire una società con un capitale simbolico di 1 euro. Tuttavia il capitale sociale è un pegno di fiducia nei confronti delle banche e verso altri organismi di credito: quindi, se il capitale sociale è troppo basso, le possibilità di vedersi rifiutare un credito aumentano.

19 Il caso francese Fig. 2 Stock di imprese artigiane per Regioni, Francia Metropolitana (gennaio 2006) Bretagne Pays de la Loire Franche-Compté Alsace Lorraine Nord-P as -De-Calais B ourgogne Corse P rovence-alpes-cote d'azour Languedoc-R oussillon Auvergne R hônes-alpes Limousin Midi-P yrénées Aquitaine P oitou-charentes Basse-Normandie Centre Haute-Normandie Picardie C hampagne-ardenne Ile-de-F rance Fonte: Ministere des Petite et Moyennes Entreprises, du Commerce, de l Artisanat et des Professions liberales Considerando il numero delle imprese artigiane non in termini assoluti ma di concentrazione ogni mille abitanti, è possibile farsi un idea più chiara della rilevanza del fenomeno nelle singole Regioni (vedi fig. 3). 19

20 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Fig. 3 - Concentrazione delle imprese artigiane per mille abitanti, Francia Metropolitana (gennaio 2006) Francia Metropolitana Bretagne Pays de la Loire Franche-Compté Alsace Lorraine Nord-P as -De-Calais B ourgogne Corse P rovence-alpes-cote d'azour Languedoc-R oussillon Auvergne R hones-alpes Limousin Midi-P yrénées Aquitaine P oitou-charentes Basse-Normandie Centre Haute-Normandie Picardie C hampagne-ardenne Ile-de-F rance 8,60 14,20 14,70 13,20 14,50 11,30 11,60 14,00 18,70 20,40 16,30 16,60 17,80 18,10 16,50 15,50 14,50 13,50 11,10 10,90 12,20 11,70 26,00 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 Fonte: Ministere des Petite et Moyennes Entreprises, du Commerce, de l Artisanat et des Professions liberales Così come per il caso tedesco, anche in Francia esistono differenze nella presenza di imprese artigiane a seconda delle diverse Regioni. La densità di imprese cambia in particolare in maniera abbastanza spiccata (come si intuisce dalla fig. n. 4) fra le regioni del centro nord e quelle del centro sud. Le regioni che contano una maggiore concentrazione di imprese artigiane sono quelle del centro sud con un dato che oscilla fra 16 e 26 imprese ogni 1000 abitanti (contro una media di poco superiore alle 14 unità). La Regione che conta una maggior concentrazione è la Corsica, con poco più di 26 imprese artigiane ogni 1000 abitanti. Il dato si ribalta se adottiamo il punto di vista del numero di addetti: le imprese artigiane più piccole, con un minor numero di addetti sono infatti molto più presenti al nord. Da un altro punto di vista ancora, quello cioè della distribuzione delle imprese nei comuni rurali, nelle piccole e nelle grandi città, si registra un maggiore equilibrio: il 32% delle imprese sono localizzate nei comuni rurali, il 38% nelle città con meno di 200 mila abitanti, il 30% nelle città con più di 200 mila abitanti. 20

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli