L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane. Analisi dei casi francese e tedesco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane. Analisi dei casi francese e tedesco"

Transcript

1 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Analisi dei casi francese e tedesco

2 Colophon ASSESSORATO ARTIGIANATO, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, BILANCIO E FINANZE, PATRIMONIO, ATTUAZIONE DEL PIANO DI EDILIZIA SANITARIA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI DI CONCERTO CON L ASSESSORE ALLA SANITÀ, PERSONALE E SUA ORGANIZZAZIONE, CONTROLLO DI GESTIONE, COOPERAZIONE VICEPRESIDENTE GIUNTA REGIONALE: Paolo Peveraro DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE Direttore: Giuseppe Benedetto SETTORE SISTEMA INFORMATIVO OSSERVATORIO DELL ARTIGIANATO Responsabile: Giuseppe Fiorenza Via Pisano, Torino Telefono Fax Coordinamento operativo, editing testi e supporto metodologico: Clara Merlo, Osservatorio regionale dell Artigianato Testi e ricerca a cura di: Davide Azzolini e Marco Sartoni, Laboratorio di Politiche, Corep, Torino Coordinamento scientifico: Renato Lanzetti, IRES Piemonte Impaginazione e stampa: Arti Grafiche Giacone, Chieri (TO) Maggio

3 Indice INDICE INTRODUZIONE pag IL CASO FRANCESE pag Definizione e dimensioni del fenomeno pag Organizzazione e rappresentanza dell artigianato pag Altre organizzazioni pag L accesso al credito per le imprese artigiane pag Le politiche di promozione dell artigianato pag I programmi di finanziamento per le imprese artigiane pag Il sistema di garanzia pag I servizi di orientamento, informazione e consulenza finanziaria pag IL CASO TEDESCO pag Definizione e dimensioni del fenomeno pag Organizzazione e rappresentanza dell artigianato pag Altre organizzazioni pag L accesso al credito per le imprese artigiane pag Le politiche di promozione dell artigianato pag I programmi di finanziamento per le imprese artigiane pag Il sistema di garanzia pag I servizi di orientamento, informazione e consulenza finanziaria pag Best practices a livello regionale pag. 100 CONCLUSIONI pag. 107 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag. 123 RIFERIMENTI SITOGRAFICI pag. 129 ELECO DELLE PRINCIPALI SIGLE UTILIZZATE NEL TESTO pag. 135 APPENDICE pag. 141 Elenco delle professioni artigiane francesi pag. 143 Elenco delle professioni artigiane tedesche pag

4

5 Introduzione

6

7 Introduzione La promozione delle micro, piccole e medie imprese rappresenta un issue centrale nelle agende dei governi europei, a tutti livelli istituzionali. L Unione Europea, attraverso i suoi programmi finalizzati allo sviluppo regionale ed al rafforzamento della competitività, mette a disposizione delle PMI ingenti risorse finanziarie. Anche a livello nazionale e, in misura sempre crescente, a livello regionale l elaborazione e l attuazione di politiche pubbliche di promozione e sostegno alle imprese costituiscono obiettivi prioritari all interno delle linee programmatiche in tema di sviluppo economico territoriale. In questo quadro di politiche industriali trovano una certa rilevanza variabile, come vedremo, da paese a paese, per non dire da regione a regione le politiche in favore delle imprese artigiane. La presente ricerca si occupa di questo specifico settore delle politiche per le imprese e, più precisamente, delle politiche in tema di accesso al credito. L accesso al credito costituisce all interno dei sistemi produttivi europei un elemento cruciale per la sopravvivenza e lo sviluppo delle realtà imprenditoriali di più piccole dimensioni. Diverse indagini condotte a livello europeo dimostrano come il tema sia sentito, sia pur con diverse intensità, in tutti i Paesi europei (European Observatory for SMEs 2003). Nel contesto artigianale piemontese l accesso al credito e il rapporto con gli intermediari finanziari presenta alcuni elementi di criticità soprattutto per le imprese meno strutturate in riferimento al costo del credito ed alla difficoltà di offrire agli istituti bancari le garanzie richieste. La rilevanza che viene riconosciuta al tema è confermata dal fatto che l attuale dibattito sulla riforma della normativa regionale del settore in seguito anche al recente accordo internazionale Basilea 2 1 riguarda proprio l accesso al credito e gli strumenti di agevolazione e garanzia. L Osservatorio dell Artigianato della Regione Piemonte ha commissionato questa ricerca allo scopo di acquisire una conoscenza più approfondita sul tema dell accesso al credito per le imprese artigiane, così come esso si pone in altre realtà europee, e, in particolare, su come le autorità pubbliche dei diversi Paesi, a diversi livelli istituzionali, si sono attrezzate per affrontare il problema. Per una Regione come il Piemonte essere informata su come le altre Regioni, gli altri territori, si stiano muovendo nei vari ambiti dello sviluppo socio-economico è in un contesto europeo di apertura ed integrazione dei mercati una condizione sempre più necessaria, anche se ovviamente non sufficiente, per poter agire strategicamente. La competizione tra i territori si gioca, infatti, anche sulle capacità che i vari attori dimostrano nel saper produrre con continuità attività di analisi e confronto finalizzate a conoscere come problemi simili vengano trattati in altre realtà 1 L accordo di Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale (che sostituisce il primo accordo di Basilea) sui requisiti patrimoniali delle banche. L accordo stabilisce che le banche dei Paesi aderenti all accordo dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti, valutati attraverso lo strumento del rating. 7

8 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane e, quindi, a rintracciare buone pratiche, a intraprendere percorsi di apprendimento ed anche ad evitare di incorrere in errori facilmente eludibili. Questo vale anche per il tema oggetto della presente ricerca. La ricerca si svolge in continuità con un precedente studio commissionato dallo stesso Osservatorio 2 attraverso il quale veniva ricostruito il variegato quadro del fenomeno dell artigianato in Europa ed approfonditi i casi francese, tedesco e italiano. Attraverso quello studio si era messo in evidenza come il fenomeno dell artigianato a livello europeo sia un fenomeno difficilmente catturabile, in quanto assume, nei singoli Paesi, forme e dimensioni molto diverse. La presente ricerca contiene un ulteriore approfondimento dei casi francese e tedesco. Due casi che, come vedremo, presentano aspetti di similarità con il caso italiano, ma dal quale, allo stesso tempo, se ne discostano sensibilmente. La scelta di studiare i casi francese e tedesco è derivata in seguito ad un indagine esplorativa iniziale attraverso la quale è emerso che i due Paesi pur nelle differenze sono i Paesi europei in cui l artigianato presenta delle caratteristiche più assimilabili a quello italiano, e quindi possono essere ritenuti i casi più adatti per uno studio di tipo comparativo. LE DOMANDE DELLA RICERCA Questo lavoro è finalizzato a rispondere principalmente a due gruppi di domande: il primo è volto a definire il problema dell accesso al credito per l artigianato nei due Paesi; il secondo mira, invece, a descrivere le soluzioni che i due Paesi hanno messo in campo per superare tale problema. 1. Sul rapporto tra banche e imprese artigiane: Qual è la rilevanza del ruolo del sistema creditizio per l artigianato? Con quali banche si rapportano principalmente le imprese artigiane? Quali strumenti finanziari vengono utilizzati più frequentemente? Quali sono (se vi sono) gli elementi di maggiore criticità nell accesso al credito? Quali servizi non finanziari forniscono le banche alle imprese? 2. Sulla strutturazione delle politiche pubbliche per l artigianato: Esistono delle politiche specifiche per il settore? A che livello istituzionale si collocano? Quali tipi di strumenti di agevolazione esistono? Quali misure promozionali vengono offerte dal pubblico alle imprese artigiane? Esistono, e che peso hanno, programmi promozionali di tipo non finanziario? 8 2 Osservatorio dell Artigianato, Regione Piemonte (2003), L artigianato in Europa e in Italia, Torino

9 Introduzione I DUE STUDI DI CASO Effettuare studi comparativi a livello europeo in tema di artigianato è un operazione non priva di insidie. Questo perché l artigianato, nei vari Paesi, si è sviluppato secondo modelli talmente diversi tra loro che ad oggi risulta impossibile darne un unica definizione. Basandosi sulla tipologia proposta a livello europeo (Istituto Guglielmo Tagliacarne 2001) e ripresa anche nella già citata ricerca dell Osservatorio, in Europa attualmente sono ravvisabili tre distinti modelli di artigianato. Il primo modello, definito settoriale-dimensionale, è tale in considerazione della determinazione per via normativa delle dimensioni dell impresa e della meticolosa regolamentazione del settore (ad esempio, attraverso l imposizione di precise forme societarie alle imprese artigiane). I Paesi riferibili a questo modello sono Francia, Italia, i Paesi Bassi e il Portogallo. La delimitazione di una soglia massima di addetti (sia pure elastica e mutevole nel tempo e, come in Italia, tra i diversi settori di attività) costituisce il vincolo di base per la definizione dell impresa artigiana. Il secondo modello, il modello professionale, si è radicato in due Paesi germanofoni, Germania e Austria, e in Lussemburgo. Il modello professionale ha una natura essenzialmente diversa rispetto al modello precedente. In questi Paesi, la legislazione non definisce cosa siano le imprese artigiane, ma individua come oggetto della normativa la figura del mastro artigiano, titolo di studio che abilita all esercizio della professione. Un terzo modello è quello che considera unicamente l artigianato artistico. Tale modello è riscontrabile in Spagna e in ragione della sua ristretta definizione statistica ha un peso minimo sull insieme delle piccole e medie imprese nazionali. Vi è, infine, una categoria residuale, che corrisponde a quei Paesi in cui non esiste alcuna definizione legale di artigianato. Appartengono a tale categoria: Belgio, Finlandia, Irlanda, Grecia e Regno Unito. Considerando il fenomeno nelle sue dimensioni macro-quantitative, si rileva che Francia e Germania hanno uno stock complessivo di imprese artigiane molto simile: imprese in Francia contro le quasi tedesche. I dati considerati nascondono però due realtà estremamente diverse. Considerando la concentrazione di imprese per mille abitanti, si rileva come in Francia, rispetto alla popolazione, vi sia un numero di imprese artigiane decisamente più elevato: 14,2 per mille contro il 7,3 della Germania. Per quanto riguarda, invece, le dimensioni delle imprese, definite dal rapporto occupati/impresa e dalle stime sul fatturato, le imprese tedesche risultano essere mediamente circa il doppio più grandi di quelle italiane e francesi. Un impresa artigiana tedesca ha in media 5 occupati, contro i 2,6 francesi. Inoltre un impresa tedesca ha mediamente un giro di affari stimato in oltre annui, mentre un impresa francese registra un valore di poco superiore ai

10 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Tab. 1 - Alcuni dati a confronto tra Francia, Germania, Italia e Piemonte* Paese Modello N. imprese Concentrazione per mille abitanti Occupati Occupati/ impresa Francia Settoriale - dimensionale , ,6 Germania Professionale , ,1 Italia Piemonte Settoriale - dimensionale Settoriale - dimensionale , , , ,3 * Dati I CONTENUTI DEL TESTO Il testo si divide in due parti: la prima è dedicata al caso francese, la seconda al caso tedesco. Entrambe seguono la medesima struttura espositiva: ad una iniziale descrizione introduttiva del fenomeno, segue una ricostruzione del sistema organizzativo degli interessi e della rappresentanza dell artigianato, nonché una rassegna sui servizi da questa offerti alle imprese artigiane. Successivamente, viene riportato il tentativo di dare risposta alle due domande fondamentali della ricerca esposte sopra: dapprima analizzando le dimensioni di criticità nell accesso al credito delle imprese artigiane, nonché i caratteri essenziali del rapporto delle imprese con gli istituti di credito e con i diversi strumenti di finanziamento; in secondo luogo, studiando e descrivendo i programmi pubblici ed i servizi messi a disposizione delle imprese sul piano nazionale e su quello regionale, con particolare attenzione al tema dell accesso al credito. In sede conclusiva, sulla base degli elementi conoscitivi raccolti, vengono effettuate alcune comparazioni tra i due casi, e tra questi e il caso italiano, nel tentativo di fornire delle risposte solide e ragionate ai due interrogativi - chiave della ricerca e, quindi, di alimentare il dibattito piemontese sull artigianato con alcuni, nuovi, spunti di riflessione. METODOLOGIA 10 La ricerca è stata condotta ricorrendo alle seguenti fonti informative: ricerche e pubblicazioni di settore relative ai due Paesi considerati; siti internet di agenzie, enti di rappresentanza, enti istituzionali, enti di ricerca, istituti di credito, altre organizzazioni; interviste telefoniche e via mail ad osservatori privilegiati (camere dell artigianato, enti di rappresentanza e istituti di ricerca tedeschi e francesi).

11 1. Il caso francese

12

13 Il caso francese 1.1 DEFINIZIONE E DIMENSIONI DEL FENOMENO Come accade per l esperienza italiana e tedesca, l artigianato francese moderno nasce a metà degli anni 50: si tratta di un settore che presenta, in generale, caratteristiche simili all esperienza italiana con aziende che operano in diversi settori di attività (nell insieme, con un dimensionamento medio leggermente inferiore a quello italiano). Attualmente l artigianato è un settore di primaria importanza nell economia francese e gioca un ruolo sempre più importante nelle politiche nazionali e regionali di sviluppo del paese. L impresa artigiana viene considerata come la première entreprise de France : è depositaria di tradizioni antiche ma tutt altro che indifferente ai processi di innovazione, alle nuove tecnologie, ai nuovi mestieri. Il settore, ritenuto molto promettente in termini di vitalità, di dinamismo e di impiego è costituito da imprese di medie e piccole dimensioni: è diffusa l idea che pur senza poter beneficiare degli strumenti che sono oggi a disposizione delle grandi industrie (servizi di ricerca e sviluppo, risorse umane, marketing e comunicazione), queste imprese siano in grado di garantire una certa flessibilità ed una buona capacità di adattamento alle evoluzioni del mercato. Al I gennaio 2006 il numero di imprese artigiane presenti in Francia risultava essere di circa 873 mila unità 3 (31 % delle quali situate in comuni rurales, 41 % nei comuni con meno di 200 mila abitanti, 28 % in comuni con più di 200 mila abitanti). Il sistema delle imprese artigiane in Francia offriva in quell anno occupazione a poco più di 2.4 milioni di lavoratori 4 con un giro di affari di circa 270 miliardi di euro 5 all anno. Inoltre le imprese artigianali rivestono un ruolo tutto particolare nello sviluppo dei Dipartimenti di oltremare. Tab. 1 Imprese artigiane per numero, occupati e fatturato Imprese Occupati (in 1000) Fatturato (mld. ) Artigianato totale Il dato è fornito dall Insee (Istituto Nazionale di Studi e Statistiche) ed è aggiornato al I gennaio Il dato sul numero di occupati cambia a seconda della fonte. Mentre le Camere dei Mestieri e dell Artigianato parlano di oltre 3 milioni di actif e di 2.4 milioni di salariés al I gennaio 2006, l Insee con riferimento allo stesso periodo fornisce una cifra significativamente inferiore, pari a 1.7 milioni di occupati. 5 Il dato è fornito dall Insee e dalle Camere dei mestieri e dell artigianato e fa riferimento all anno Anche in questo caso, fonti diversi forniscono dati diversi. In alcuni casi di parla di un giro di affari significativamente inferiore, che nella Francia Metropolitana sarebbe stato (nel 2002) di circa 174 miliardi di euro (una cifra che è comunque superiore, di circa 20 miliardi di euro al giro di affari legato al mercato automobilistico e di circa 80 miliardi di euro rispetto al settore assicurativo). Dati del 2002 parlano inoltre di esportazioni per 7 miliardi di euro (2/3 delle quali verso paesi dell Unione Europea) e di 7.5 miliardi di euro in investimenti. 13

14 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane In base all inquadramento normativo in Francia l artigiano è un imprenditore che investe sul suo saper fare. Il suo profilo è inquadrato giuridicamente della legge n del 5 luglio 1996 relativa allo sviluppo ed alla promozione del commercio e dell artigianato: anche se l impianto è rimasto immutato, questa legge è stata modificata nel corso degli anni, in alcune sue parti, da una lunga lista di decreti. Secondo la legge del 5 luglio 1996 (art. 19) devono essere iscritte al Repertorio dei mestieri (una sorta di albo degli artigiani) le persone fisiche e le persone morali che, impiegando non più di dieci addetti, esercitano a titolo principale o secondario un attività professionale indipendente di produzione, di trasformazione, di riparazione o di prestazione di servizi figurant sur une liste établie par décret en Conseil d État. Si tratta appunto del decreto n del 2 aprile 1998 che contiene in allegato l elenco delle attività ammesse a far parte dell artigianato 6. Questo decreto ha riorganizzato l intero settore aggiornando il Repertorio dei mestieri: vengono individuate più precisamente più di 510 attività differenti suddivise in mestieri dell alimentazione, mestieri dell edilizia, mestieri della produzione e mestieri legati ai servizi. Nel lungo elenco compaiono quindi attività tradizionali, più moderne, compresi i servizi e l artigianato artistico. La legge del 1996 si è posta inoltre in continuità con un precedente decreto del 1995 che aveva innalzato la soglia, per le imprese artigiane, da 10 a 15 addetti; tale decreto aveva inoltre stabilito che a certe condizioni 7 tutte le imprese artigiane già iscritte al Repertorio dei mestieri che superavano la soglia individuata potevano rimanere iscritte a tempo indeterminato. Per alcune attività (fra cui: manutenzione e riparazione di veicoli e macchinari, costruzione di edifici, realizzazione di protesi dentarie) è inoltre necessario che il titolare dell impresa o la persona che la dirige sia titolare di un CAP ( Certificat d aptitute professionnelle ) o di un BEP ( Brevet d enseignement professionnel ) e che abbia avuto una esperienza professionale di almeno 3 anni come titolare di impresa o semplice addetto. Esistono, oltre a quelle citate, molte altre attività il cui esercizio è vincolato al fatto di essere in possesso di determinati requisiti: in alcuni casi è necessario, come abbiamo visto, aver frequentato corsi di formazione ed avere ottenuto un diploma professionale; in altri, avere effettuato una esperienza sul campo di un determinato numero di anni; in altri ancora è indispensabile essere in possesso di determinate autorizzazioni (ad esempio è necessario avere l autorizzazione della Prefettura per esercitare attività considerate pericolose o dannose per la salute pubblica). Al di là di questi aspetti, che condizionano la possibilità di esercitare talune attività di tipo artigianale, si può osservare che i criteri che definiscono l impresa artigiana 14 6 L elenco delle attività artigiane è molto esteso e dettagliato: è disponibile in appendice in forma semplificata. 7 In caso di impiego di più dieci addetti e salvo domanda di radiazione, l immatricolazione è mantenuta: a) senza limitazione di durata, per le persone che sono in possesso del titolo di artisan o di maître artisan, o che hanno ottenuto il brevet de maîtrise o di cui il coniuge collaboratore detiene il titolo di artisan o il titolo di maître artisan (per le società, questi titoli devono essere in capo al dirigente o al suo coniuge) ; b) se le condizioni esplicitate al punto a non sono soddisfatte, durante un periodo di tre anni non rinnovabile.

15 Il caso francese sono, se vogliamo, di due tipi: il criterio dell attività o meglio, della modalità attraverso cui l attività viene svolta (per cui sono artigiane quelle imprese che, in modo indipendente, svolgono un attività economica di produzione, di trasformazione o di prestazione di servizi, sotto forma di associazione stabile o ambulante) e quello della taglia ; o meglio, del numero di addetti (per cui sono artigiane quelle imprese che utilizzano meno di 10 addetti al momento della loro iscrizione al Repertorio dei mestieri). Come abbiamo visto, al di sopra di questa soglia, esiste comunque per le imprese la possibilità di restare iscritte, se il titolare beneficia della qualifica di artisan o di maître artisan, o se è in possesso del brevet de maîtrise. Si tratta quindi di una soglia elastica e mutevole nel tempo che legittima l esistenza di imprese artigiane che possono arrivare oggi a superare i 20 addetti. Il decreto n del 2 aprile 1998, relativo alla qualifica artigianale, precisa in proposito che il titolo di artisan è riconosciuto di diritto dalla rispettiva Camera dei mestieri e dell artigianato a coloro che sono in possesso di un Certificat d aptitute professionnelle, o di un Brevet d enseignement professionnel, o che risultano immatricolati al Repertorio dei mestieri da almeno sei anni. Tale qualifica viene riconosciuta secondo le stesse modalità anche ai congiunti collaboratori, ai congiunti associati ed agli associati che prendono parte personalmente e abitualmente all attività dell impresa, a condizione che siano anch essi in possesso di un certificato o di un diploma (CAP o BEP) o che siano anch essi iscritti al Repertorio dei mestieri da almeno sei anni. Per quanto riguarda invece il titolo di maitre artisan, questo è attribuito dalle camere alle persone fisiche immatricolate al Repertorio dei mestieri che sono titolari di un brevet de maîtrise, dopo due anni di praticantato. Il titolo di maitre artisan, oltre che dalla Camera dei mestieri e dell Artigianato può anche essere attribuito da un apposita Commissione regionale alle persone fisiche immatricolate al Repertorio dei mestieri titolari di un diploma almeno equiparabile al brevet de maîtrise, o che dimostrano, in mancanza di un diploma e dopo dieci anni dall iscrizione al Repertorio dei mestieri di avere acquisito determinate competenze ( savoir-faire ) o di aver partecipato ad attività di tipo formativo. Esiste infine la qualifica di artisan d art, riconosciuta di diritto dalla rispettiva Camera dei mestieri e dell artigianato a coloro che esercitano un attività artigianale fra quelle contenute in un elenco appositamente realizzato nel 2003, relativo all artigianato artistico. Valgono inoltre per l ottenimento del titolo di artisan d art, le medesime condizioni previste per l ottenimento del titolo di artisan. In base all ordinamento francese l artigiano deve infine generare l essenziale del suo reddito dalla vendita di prodotti e di servizi generati del suo stesso lavoro (e da quello dei suoi collaboratori). L accento è posto sul fatto che il processo di produzione, trasformazione, riparazione e prestazione di servizi deve principalmente svolgersi attraverso il lavoro manuale (più che tramite il ricorso a macchinari); il profitto dell impresa artigiana inoltre deve essenzialmente provenire dal lavoro di trasformazione delle materie prime piuttosto che dalla differenza fra il prezzo di acquisito e il prezzo di vendita delle merci: in un cero senso, per essere tale, l impresa artigiana non deve speculare sulla differenza fra il prezzo di acquisto ed il prezzo di vendita delle merci. Elementi, questi, che 15

16 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane caratterizzano la modalità dell esercizio dell attività più che la natura dell attività e che permettono di distinguere le imprese artigiane da quelle di tipo commerciale 8. Abbiamo quindi delineato il quadro normativo di riferimento e i principi a cui esso si ispira. Cerchiamo adesso, con l ausilio di dati e tabelle di quantificare il fenomeno dell artigianato francese. La figura n. 1 mostra l evoluzione dello stock di imprese artigiane dal 1998 al Fig. 1 Evoluzione dello stock di imprese artigiane in Francia ( ) Fonte: RIM (Répertoire informatique des métiers) al I gennaio di ogni anno Come si può osservare, la crescita è sempre stata costante, con un salto in avanti significativo fra il 2004 ed il Alcuni dati più recenti pubblicati sul portale dell artigianato francese a cura delle Camere dei mestieri e dell artigianato indicano inoltre che al 1 gennaio 2007 il numero di imprese avrebbe superato le 920 mila unità, confermando la crescita registrata fra il 2004 ed il Nel corso del 2006 le nuove immatricolazioni sono state più di 97 mila (fra queste, ben 67 mila hanno riguardato nuove creazioni di impresa): una cifra che se confrontata con il numero di cessazioni, produce un saldo positivo di circa 20 mila unità con una crescita annua del 2% circa. In sette anni l artigianato ha inoltre creato oltre 430 mila nuovi posti di lavoro (il 25% del totale dei posti di lavoro creati in Francia nello stesso periodo). La successiva tabella mostra che l artigianato francese è principalmente costituito da 16 8 La legislazione francese permette all impresa artigiana di scegliere fra diverse forme giuridiche e societarie e non esiste una distinzione netta fra impresa commerciale ed impresa artigiana.

17 Il caso francese imprese che non hanno addetti, cioè da imprese di piccole e piccolissime dimensioni. Le imprese artigiane che non impiegano nessun addetto sono quasi la metà (47%) e quelle che restano al di sotto dei 10 addetti sono la grande maggioranza (85%). Tab. 2 Totale imprese artigiane per numero di addetti al gennaio Numero di addetti Totale imprese 0 addetti addetto da 2 a 3 addetti da 4 a 5 addetti da 6 a 10 addetti da 11 a15 addetti da 16 a 19 addetti e oltre addetti Totale Fonte: Insee, REE (Sirene) Le forme giuridiche adottate sono molteplici e ricordano molto da vicino il caso italiano. Come si osserva nel successivo grafico le personnes physiques nel corso degli hanno lasciato il posto a forme di tipo societario. Nel 2006 queste imprese costituivano meno dei due terzi (57 %) del totale delle imprese artigiane: una percentuale ancora alta che tuttavia è andata calando nel corso del tempo. Non ci sono in proposito dati rispetto al 2007 ma è ragionevole ipotizzare che la tendenza sia stata confermata. Nel frattempo, in cinque anni, le sociétés par actions simplifiées sono decuplicate passando da unità nel 2001 a ben unità nel 2006 (rappresentano oggi circa il 2% del totale delle imprese artigiane). Tab. 3 Profilo giuridico delle imprese artigiane iscritte al Répertoire des métiers Personnes physiques 73,0 62,9 56,5 SARL 23,1 33,5 40,2 Société anonyme à conseil d administration 2,5 2,6 1,1 Société anonyme à directoire n. s. n. s. n. s. Société par actions simplifiées 0,0 0,2 1,5 Altre forme societarie 1,3 0,8 0,6 Totale 100,0 100,0 100,0 Fonte: Insee, REE (Sirene) 9 Il numero totale di imprese artigiane differisce dal totale riportato in figura 1 (837 mila unità contro 879 mila): si tratta infatti in questo secondo caso del numero totale di imprese artigiane appartenenti alla Francia Metropolitana. Non vengono calcolate le imprese artigiane dei territori di oltremare. 17

18 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane La personne physique è una impresa individuale che esercita direttamente l attività in nome proprio e che permette ad una persona fisica di creare una impresa senza capitale minimo e senza ingenti investimenti. Il titolare ha pieni poteri, è responsabile sia civilmente che penalmente e può assumere dei dipendenti. Il titolare è inoltre tenuto al pagamento dell imposta sul reddito dans la catégorie correspondant à l activité de l entreprise. Come abbiamo visto, è questa, in Francia, come in Italia, la forma più adatta alle piccole imprese senza prospettive di sviluppo importanti ed a spiccato carattere familiare. La SARL (società per azioni a responsabilità limitata) è una struttura di lancio di un progetto di impresa in ambito familiare che permette, a priori, di conciliare l attività di impresa e la protezione del patrimonio del titolare e dei suoi soci (che possono variare da un minimo di due ad un massimo di cento e che scelgono liberamente l ammontare del capitale sociale 10 ). Salvo alcune eccezioni, nelle SARL la responsabilità dei soci è limitata alla quota di capitale sociale posseduta. Una via di mezzo fra la l impresa individuale e la SARL è costituita dall EURL ( entreprise unipersonelle à responsabilité limitée ), caratterizzata dalla presenza di un solo socio (persona fisica o morale). Come si vede nel prospetto, esistono inoltre in Francia altre forme societarie. Fra queste, la SA (la società per azioni), che nella sua forma più comune prevede la presenza di un minimo di sette soci, fino ad un tetto massimo che la legge non stabilisce. Il capitale sociale minimo è stabilito nella somma di 37 mila euro. Come nel caso della SARL la responsabilità dei soci, salvo alcuni casi particolari, è limitata alla quota di capitale posseduta. La SA è diretta obbligatoriamente da un consiglio di amministrazione, costituito da un minimo di 3 fino ad un massimo di 18 membri, tutti azionisti; il presidente è designato dal consiglio di amministrazione, tra i suoi membri. Come è facile intuire, si tratta di forma societaria a cui raramente gli artigiani fanno ricorso: spesso infatti la situazione patrimoniale in cui essi si trovano non è tale da metterli in condizione di poter costituire una società per azioni. Vediamo adesso come l artigianato si distribuisce sul territorio. Così come in Germania, l artigianato si è sviluppato territorialmente in maniera molto eterogenea, come dimostra la figura n. 2 che riporta lo stock di imprese artigiane suddivise per le 22 Regioni della Francia Metropolitana. Le differenze sono significative e sono dovute principalmente alle diverse dimensioni delle Regioni ed alla loro collocazione geografica. La Regione che presenta il numero maggiore di imprese artigiane è l Ile de France (solo il Dipartimento di Parigi ne conta circa 27 mila). A seguire la Regione Rhônes-Alpes La legge per l iniziativa economica (LIE) del 1 agosto 2003 ha infatti soppresso l obbligo del capitale minimo che era di ; introducendo la possibilità di aprire una società con un capitale simbolico di 1 euro. Tuttavia il capitale sociale è un pegno di fiducia nei confronti delle banche e verso altri organismi di credito: quindi, se il capitale sociale è troppo basso, le possibilità di vedersi rifiutare un credito aumentano.

19 Il caso francese Fig. 2 Stock di imprese artigiane per Regioni, Francia Metropolitana (gennaio 2006) Bretagne Pays de la Loire Franche-Compté Alsace Lorraine Nord-P as -De-Calais B ourgogne Corse P rovence-alpes-cote d'azour Languedoc-R oussillon Auvergne R hônes-alpes Limousin Midi-P yrénées Aquitaine P oitou-charentes Basse-Normandie Centre Haute-Normandie Picardie C hampagne-ardenne Ile-de-F rance Fonte: Ministere des Petite et Moyennes Entreprises, du Commerce, de l Artisanat et des Professions liberales Considerando il numero delle imprese artigiane non in termini assoluti ma di concentrazione ogni mille abitanti, è possibile farsi un idea più chiara della rilevanza del fenomeno nelle singole Regioni (vedi fig. 3). 19

20 L accesso al credito e le politiche di promozione delle imprese artigiane Fig. 3 - Concentrazione delle imprese artigiane per mille abitanti, Francia Metropolitana (gennaio 2006) Francia Metropolitana Bretagne Pays de la Loire Franche-Compté Alsace Lorraine Nord-P as -De-Calais B ourgogne Corse P rovence-alpes-cote d'azour Languedoc-R oussillon Auvergne R hones-alpes Limousin Midi-P yrénées Aquitaine P oitou-charentes Basse-Normandie Centre Haute-Normandie Picardie C hampagne-ardenne Ile-de-F rance 8,60 14,20 14,70 13,20 14,50 11,30 11,60 14,00 18,70 20,40 16,30 16,60 17,80 18,10 16,50 15,50 14,50 13,50 11,10 10,90 12,20 11,70 26,00 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 Fonte: Ministere des Petite et Moyennes Entreprises, du Commerce, de l Artisanat et des Professions liberales Così come per il caso tedesco, anche in Francia esistono differenze nella presenza di imprese artigiane a seconda delle diverse Regioni. La densità di imprese cambia in particolare in maniera abbastanza spiccata (come si intuisce dalla fig. n. 4) fra le regioni del centro nord e quelle del centro sud. Le regioni che contano una maggiore concentrazione di imprese artigiane sono quelle del centro sud con un dato che oscilla fra 16 e 26 imprese ogni 1000 abitanti (contro una media di poco superiore alle 14 unità). La Regione che conta una maggior concentrazione è la Corsica, con poco più di 26 imprese artigiane ogni 1000 abitanti. Il dato si ribalta se adottiamo il punto di vista del numero di addetti: le imprese artigiane più piccole, con un minor numero di addetti sono infatti molto più presenti al nord. Da un altro punto di vista ancora, quello cioè della distribuzione delle imprese nei comuni rurali, nelle piccole e nelle grandi città, si registra un maggiore equilibrio: il 32% delle imprese sono localizzate nei comuni rurali, il 38% nelle città con meno di 200 mila abitanti, il 30% nelle città con più di 200 mila abitanti. 20

IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO. Lecco, 16 febbraio 2011

IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO. Lecco, 16 febbraio 2011 IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO Lecco, 16 febbraio 2011 Agenda Premessa e Obiettivi Il Sistema di Garanzia in Francia Origini e modelli operativi Struttura del

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 14 dicembre 2015 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Con il contributo di: INDICE Premessa pag. 1 1. CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE E SOMMARIO pag.

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in UNIONFIDI PIEMONTE - Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi, confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia del 23 giugno 2011 e cod. identificativo

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 18 gennaio 2016 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check. Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa

PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check. Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa 1 PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2012 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore d impresa di ComoNExT Premessa Per l anno 2012, la

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta Anni 2009, 2010, 2011 Studio a cura di Matteo Lazzarini con la collaborazione di Isabella Pellegrino Camera di Commercio Belgo-Italiana Avenue

Dettagli

Utilizzo Consente di tracciare un primo profilo dell impresa.

Utilizzo Consente di tracciare un primo profilo dell impresa. Ribes Report Ribes mette a disposizione delle Cna un offerta articolata di prodotti e servizi informativi su Persone ed Imprese, finalizzati a sostenere i loro clienti nella raccolta e nelle analisi di

Dettagli

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L.

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L. PASCOLI INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA FIN.COOP.RA S.R.L. Le PMI, fra cui la maggioranza delle Cooperative, rivestono un ruolo importante nell ambito delle economie europee ed il

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori.

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori. Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori Relazione finale Relatori: Consiglieri Umberto Ambrosoli e Lino Fossati

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Umbria Innovazione Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese ------- AVVISO Nell ambito

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Servizio / Progetto Finalità / Obiettivi Destinatari LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Il presente progetto ha due obiettivi generali: 1) Radicare nei giovani

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI. Silvio D Amico

Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI. Silvio D Amico Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI 24-25-26 settembre 2015 Quali prospettive tra innovazione, nuove opportunità e riforme strutturali Silvio D Amico Venerdì, 25 settembre

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli